Raccolta Documenti Ufficiali ITB ITALIA 20 Giugno 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Raccolta Documenti Ufficiali ITB ITALIA 20 Giugno 2012"

Transcript

1 Raccolta Documenti Ufficiali ITB ITALIA 20 Giugno 2012 Giuseppe Ricci Presidente Nazionale ITB ITALIA Per Contatti: Sede Legale: Via Venezia Giulia n 4, San Benedetto del Tronto (AP) Tel/fax Cell Sede di Via Pomezia n 6, San Benedetto del Tronto (AP) Tel/fax Cell

2 Bruxelles, 4 maggio 2012 Ill.mo Signor Ministro per gli Affari regionali, il Turismo e lo Sport dott. Piero Gnudi Ill.mo Signor Ministro per gli Affari europei avv. Enzo Moavero Milanesi LORO SEDI Egregi Signori Ministri, a seguito dell'incontro del 4 aprile u.s. vi inviamo, come da accordi, un riepilogo orientativo delle proposte emerse al tavolo di lavoro, al fine di individuare in tempi rapidi una positiva risoluzione della vertenza balneari. L obiettivo è di individuare proposte negoziabili con la CE per una soluzione legislativa che permetta, in ragione degli elementi di specificità richiamati dalla Servizi, di derogare "de facto" all'obbligo dell'evidenza pubblica, per lo meno sulle concessioni in essere.

3 Pur non chiamandola "deroga" per evitare di indisporre la CE, si tratterebbe comunque di una deroga sostanziale. A sostegno di tale ipotesi, il par. 56 della relazione sul Turismo approvata dal PE il 27/09/11 chiede un'indagine da parte della CE su eventuali conseguenze negative di un'attuazione stringente della Servizi. Questo pronunciamento a larghissima maggioranza del PE può essere usato a supporto della rivendicazione italiana. Riteniamo inoltre debba essere valutata la compatibilità del quadro con la tempistica prevista per l'esercizio della delega governativa, laddove potrebbe rendersi necessario concordare con la CE un'ulteriore proroga rispetto al dicembre 2015, se ciò dovesse essere utile al fine di meglio definire il quadro normativo nazionale. Ciò detto, occorre trovare una strada che porti gli attuali concessionari ad ottenere un diritto reale sui manufatti che hanno costruito e implementato in questi anni favorendone di fatto la continuità d'impresa e gli investimenti, e nel contempo assicuri allo Stato un giusto introito, maggiore rispetto a quello garantito dagli attuali canoni concessori. E' quindi di tutta evidenza che, a nostro avviso, l'ipotesi dei bandi tout-court, per quanto si possano prevedere gli opportuni punteggi premiali a vantaggio degli attuali concessionari, sia un'eventualità da scongiurare. Nello specifico, riterremmo opportuno conoscere l'opinione del Governo su tre ipotesi alternative formulate dalle associazioni di categoria: 1) SDEMANIALIZZAZIONE Modifica alla legislazione italiana che preveda la suddivisione in tre fasce dell'area oggi concessa: - la battigia, bene indisponibile e destinato al pubblico uso e alla balneazione; - la spiaggia; - l'arenile, su cui insistono i manufatti.

4 L'arenile viene declassificato (con legge ordinaria) da bene demaniale a bene patrimoniale disponibile, attribuito a Regioni/Enti Locali in base al federalismo demaniale, e assegnato in locazione con diritto di opzione o in diritto di superficie agli attuali concessionari. La spiaggia (quindi la parte più direttamente connessa e finalizzata ai servizi di balneazione) potrebbe essere assegnata come superficie pertinenziale oppure messa a bando sottoponendola a un nuovo regime concessorio in linea con Ue. E' presumibile che gli attuali concessionari, o consorzi tra essi, sarebbero in tal caso i soggetti maggiormente interessati alle eventuali gare. 2) PASSAGGIO DALLA CONCESSIONE ALL'AUTORIZZAZIONE Modifica alla legislazione italiana che preveda la suddivisione in tre fasce dell'area oggi concessa: - la battigia, bene indisponibile e destinato al pubblico uso e alla balneazione; - la spiaggia; - l'arenile, su cui insistono i manufatti. L'arenile viene declassificato (con legge ordinaria) da bene demaniale a bene patrimoniale disponibile, attribuito a Regioni/Enti Locali in base al federalismo demaniale.le Regioni/Enti Locali si fanno carico di una rigorosa pianificazione degli usi del mare e della spiaggia, tale da rendere l'arenile assoggettabile a un regime di autorizzazione. In queste prime due ipotesi, oltre alla spiaggia attualmente concessa, si potrà valutare d'intesa con le Regioni, la possibilità di procedere all'evidenza pubblica per quei tratti di arenile e di spiaggia attualmente non concessi, compatibilmente con i vincoli paesaggistico-ambientali. Perseguendo tali soluzioni: - la CE potrebbe essere soddisfatta: il principio dell'evidenza pubblica verrebbe salvaguardato per le spiagge attualmente concesse e per spiagge e arenili di eventuale nuova concessione; - lo Stato si assicurerebbe somme considerevoli e garantirebbe la pace sociale; - gli attuali concessionari si vedrebbero assicurato un diritto reale e riprenderebbero a investire, aumentando la qualità dell'offerta turistica. 3) DIRITTO DI SUPERFICIE PLURIENNALE

5 E' la soluzione di tremontiana memoria che ben conosciamo, naturalmente opportunamente rivista. Nel perseguire tutte queste ipotesi andrebbe tenuta in considerazione anche la fattispecie di quelle aree demaniali, spesso retroportuali e quindi senza accesso diretto alla spiaggia, oggi concesse a cantieri navali o a bar e ristoranti, attività anch'esse da salvaguardare. Queste ipotesi di lavoro, già sottopostevi in diverse varianti dalle categorie, necessitano di un'adeguata analisi tecnico-giuridica al fine di metterci al riparo da ricorsi e sentenze che rischierebbero di farci ripiombare nel caos. Immaginiamo che, per questa ragione, siano state valutate dai Vostri tecnici e quindi riterremmo utile conoscere quanto prima il responso di queste valutazioni. Ci auguriamo altresì che le considerazioni sopra esposte possano essere di utilità al fine di giungere quanto prima a una proposta del Governo in materia. Cordiali saluti. On. Carlo Fidanza On. Roberta Angelilli On. Erminia Mazzoni

6 PREMESSA Gli stabilimenti balneari italiani e anche tutte le aziende esistenti su terreni demaniali, costituiscono una realtà fondamentale per il sistema economico nazionale. Ora, la Direttiva Servizi 123/2006/CE, la cosiddetta Direttiva Bolkestein, così come formulata, se attuata, rischia di creare un forte squilibrio,sociale ed economico; non solo agli stabilimenti balneari ma anche a tutte quelle attività che operano in regime concessorio e che insistono sulle aree demaniali. Tale Direttiva, contro i dettami della stessa Comunità Europea, finirebbe con lo stravolgere la tutela del diritto di garantire la salute e il benessere proprio e della sua famiglia e il lavoro fino ad ora svolto dagli imprenditori italiani i quali hanno sempre investito molto nella loro attività sia in termini di opere realizzate, che in termini di professionalità, che in termini economici,contribuendo a far crescere, anche in un momento di forte recessione, l economia del paese. Non si deve dimenticare poi, che a seguito di Leggi dello Stato che garantivano la Certezza degli investimenti nel tempo, gli imprenditori, per poter concretizzare gli interventi sulle proprie strutture, sono stati costretti a rivolgersi al mercato creditizio, contraendo, così, mutui, iscrivendo ipoteche,rilasciando fideiussioni, garanzie chirografarie, chiedendo prestiti,che hanno tempi di restituzione molto lunghi. Analisi della delega al Governo per il riordino della materia La legge comunitaria per il 2010 disciplina all art. 11, la materia delle concessioni demaniali marittime a fini turistico-ricreativi, che sono state oggetto di procedura di infrazione comunitaria e prorogate fino al 2015 in attesa di un riordino. L art. 11 stabilisce che il Governo e' delegato ad adottare, entro quindici mesi dalla data di entrata in vigore della legge, un decreto legislativo avente ad oggetto la revisione e il riordino della legislazione relativa alle concessioni demaniali marittime secondo principi e criteri direttivi, fra i quali: - stabilire limiti minimi e massimi di durata delle concessioni, entro i quali le regioni fissano la durata delle stesse in modo da assicurare un uso rispondente all'interesse pubblico nonche' proporzionato all'entita' degli investimenti; - prevedere criteri e modalita' di affidamento nel rispetto dei principi di concorrenza, di liberta' di stabilimento, di garanzia dell'esercizio, dello sviluppo, della valorizzazione delle attivita' imprenditoriali e di tutela degli investimenti; - fermo restando, in assoluto, il diritto libero e gratuito di accesso e di fruizione della battigia, anche ai fini di balneazione, disciplinare le ipotesi di costituzione del titolo di uso o di utilizzo delle aree del demanio marittimo; - prevedere criteri per l'equo indennizzo del concessionario nei casi di revoca della concessione demaniale; - stabilire criteri per l'eventuale dichiarazione di decadenza delle concessioni, nonche' criteri e modalita' per il subingresso in caso di vendita o di affitto delle aziende. -

7 NUOVA INTERPRETAZIONE DELL ART 11 LEGGE 217/2011 Per consuetudine come ci ricorda la stessa Corte Costituzionale, l interpretazione delle leggi con interpretazione autentica arrecherebbe ritardi all esercizio dello svolgimento della natura legale di ogni processo, tuttavia si ritiene legalmente esaustiva una interpretazione che benché non autentica sia di fatto ragionevolmente chiarificatrice inserita in una lettura che abbia come contesto un tutto a se legato nello sviluppo che genera un senso compiuto. Al tal fine il ricondotto termine di interpretazione dell art 11 della legge 217/2011 è ampiamente condivisibile nella lettura che le attuali concessioni demaniali di beni marittimi turistico ricreativi debbano essere garantite nel loro esercizio,del loro sviluppo al fine di valorizzare l attività imprenditoriale e la tutela degli investimenti realizzati e da sviluppare. Per disciplinare le ipotesi di costituzione del titolo di uso o di utilizzo delle aree del Demanio Marittimo si enunciano al tal sicuro indirizzo le cinque modalità di esclusione dalla Direttiva 2006/123/CE e le due proposte per disciplinare in trasformazione del titolo concessorio la costituzione del nuovo titolo di uso ed utilizzo delle aree del Demanio Marittimo in diritto di superficie con opzione di acquisto o diritto di proprietà attraverso la sdemanializzazione dei Comuni con la chiara impossibilità di applicare l art 49 del Codice Della Navigazione dovendo Questi seguire i dettami della Legge 311/04 Legge Finanziaria 2005 art 1 commi 434 e 435 garantendo agli attuali concessionari il diritto di prelazione e riscatto ed il mantenimento dello status quo. INTRODUZIONE ALLA PROPOSTA DI EMENDAMENTO ALLA LEGGE COMUNITARIA (.. Quindi è ufficiale, noi quando siamo sulla sabbia, non stiamo su un bene del Pianeta Terra, sa quello che gira nell' Universo, ma sopra un servizio, si chiama servizio della sabbia, del terreno, degli scogli, delle rive del Mare, dei fiumi, dei laghi, quindi il Pianeta Terra è un servizio, la proprietà privata un servizio, quindi tutto all'asta, ovvio, mica vuole che qualcuno usi ancora il cervello per dire : " ma pensavo che stessi camminando su un bene terrestre.. invece che sul Pianeta Servizio ) Preso atto dei rapporti che legano lo Stato Italiano alle Norme Europee,riconoscendo il valore dei Trattati Comunitari,tuttavia considerando che la natura degli atti amministrativi rilasciati in Italia, per l'uso turistico del demanio marittimo, lacuale e fluviale, non può e non deve essere considerata attinente ai «servizi» ed agli «appalti di lavoro», bensì alla «concessione di beni» e quindi è tale da poter legittimare una esclusione dalla cosiddetta direttiva servizi,e considerato che i Concessionari di Beni Demaniali turistico ricreativo

8 trattandosi di attività connesse con l'esercizio di pubblici poteri, considerato che le stesse implicano una partecipazione diretta e specifica all'esercizio del potere pubblico e alle funzioni che hanno per oggetto la salvaguardia degli interessi generali dello Stato e delle altre collettività pubbliche,sono ancora più legittimati per una esclusione dalla Direttiva 2006/123/CE. Queste definizioni sono state espresse nella Legislatura 16º - Aula - Resoconto stenografico della seduta n. 540 del 13/04/2011 che racchiude l esaustiva procedura di pensiero e scienza giuridica che portò il Governo Berlusconi a disporre nel Decreto per lo Sviluppo ( testo approvato in CDM il 5 Maggio 2011) il diritto di superficie per le Concessioni Demaniali Italiane per risolvere l intrigata matassa del regime delle Concessioni di Beni Demaniali non riconosciute dall Europa. Si richiama a tali definizioni di non attinenza alla Direttiva 2006/123/CE delle Concessioni di Beni Demaniali Italiani, la Legge 23 Luglio 2009 n.99 dove vengono richiamati i titoli autorizzatori o concessori o dei concessionari di servizi e non viene specificata la differenza che esiste in dottrina tra Autorizzazione e Concessione,due Istituti del Nostro Diritto Italiano profondamente diversi,pecularietà non riconosciuta nelle Norme Europee e per l effetto dell incidenza del Diritto Comunitario, le Concessioni aventi ad oggetto Servizi e Lavori sono state ricondotte nell alveo dei contratti pubblici e come tali, sottoposte alle regole dell evidenza pubblica, non ravvisando la differenza tra Concessione di Beni da quelle di Servizio e Lavoro (art 3 del D.Lgs. n. 163 del 2006). Il Decreto Legislativo 12 Aprile 2006 n.163 Codice dei contratti pubblici relativi a lavori,servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE ricorda all art 3. I contratti o i contratti pubblici sono i contratti di appalto o di concessione aventi per oggetto l acquisizione di servizi,o di forniture,ovvero l esecuzione di opere o lavori,posti in essere dalle stazioni appaltanti,dagli enti aggiudicatori,dai soggetti aggiudicatori. Nell Allegato II al Decreto Legislativo 12 Aprile 2006 n.163 dove si specificano i servizi, non sono in elenco e quindi si ribadisce non attinenti alla Direttiva Servizi 2006/123/CE i servizi di spiaggia. Tuttavia nel gennaio 2009 la Commissione Europea ha trasmesso al Governo Italiano una nota di messa in mora nell ambito della procedura di infrazione n. 2008/4908 volta a verificare la compatibilità dell art. 37 del Codice della Navigazione con i principi di cui all art. 43 Trattato Ce e dell art.12 di cui alla direttiva servizi n. 2006/123/CE. Con successiva nota dell agosto 2009, la Commissione Europea ha chiesto anche la verifica della compatibilità della normativa di cui all art. 1, c. 2, d.l. 400/1993, conv. L. 494/1994, e successivamente modificato dall art. 10 L. 88/2001. Ambedue le note sono illegittime in quanto richiamano come fonte la Direttiva Servizi 2006/123/CE che riguarda titoli concessori di servizi,di lavori e di titoli autorizzativi, non di concessioni demaniali di Beni,inoltre si ribadisce che per il Diritto Italiano concessioni e autorizzazioni sono due Istituti diversi,quindi: le Concessioni di Beni Demaniali marittimi con finalità turistico ricreative, sono escluse de facto dalla Direttiva 2006/123/CE.

9 Se poi si volesse intraprendere una discussione di alta raffinatezza giuridica potremmo prendere due linee tematiche diverse,diciamo parallele. Dunque cosa ha fatto l Europa e l Italia? Si sono sbagliate,ovvero vengono regolamentate concessioni di servizio e di lavori,quindi l Europa vede il diritto di insistenza ex art 37 secondo comma,seconda parte, come limitativo per la concorrenza e l Italia lo abroga,poi vede il rinnovo automatico ex legge 88/2001 art 10 e non lo riconosce perchè paragona semplicemente l istituto della concessione alle autorizzazioni,le quali se limitate non possono essere rinnovate automaticamente e l Italia abroga l art 10 legge 88/2001 ovvero il rinnovo automatico. Tuttavia essendo le Concessioni Demaniali Turistico Ricreative, Concessioni di BENI viene a palesarsi una situazione di errore,ovvero il Diritto di Insistenza e il rinnovo automatico non potevano essere oggetto di abrogazione in Italia ne tanto meno di richiamo di infrazione da parte dell Europa,perché posti come due Piani vicini, e qui l errore,ma differenti. Tanta la confusione che la stessa Europa sta velocemente valutando di fare una nuova Direttiva chiamata sulle Concessioni per riempire delle lacune,ma intanto nella vacatio legis, ai titolari di Concessioni di Beni Demaniali ed a tutto l indotto, hanno creato un danno patrimoniale e di salute molto grave,e per la Salute ricordiamo che il Trattato di Lisbona riconosce il Diritto alla Salute Propria e della Famiglia,che la Costituzione Italiana all articolo 32 prevede che La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana, invece allo stato dei fatti, i titolari di Concessioni di Beni Demaniali e tutto l indotto,è sottoposto a Stress quotidiano ormai da anni,e quindi ricordiamo dallo studio medico realizzato dall Associazione Consumatori che: Il 70% degli Italiani muore per malattie causate da stress, che gli esseri umani possono tollerare solo un certo grado di stress, cioe' quello che consente di sopravvivere anche in circostanze eccezionali e che viene definito "stress buono". Esiste pero' lo stress cronico, che deriva dal persistere nel tempo di piu' stressori che fanno superare la cosiddetta soglia critica oltre la quale l'organismo non riesce piu' a difendersi e la naturale capacita' di adattarsi viene a mancare. Di conseguenza il sistema immunitario si indebolisce, l'organismo diventa piu' vulnerabile alle infezioni, alle malattie e allo sviluppo di patologie autoimmuni.si Evince che per i titolari di Concessioni di Beni Demaniali italiani il Diritto alla salute Proprio e della Famiglia è un Diritto totalmente disatteso. La gravità della confusione Normativa creatasi tra Italia e Europa ha portato al non inserimento nelle esclusioni, dei Concessionari di Beni Demaniali nel DLGS 59/2010 Attuazione della direttiva 2006/123/CE. Tale esclusione contrasta con la Costituzione Italiana,che dispone all Art. 3 Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. Quindi i titolari delle Concessioni di Beni Demaniali andavano, in ossequio alla Costituzione Italiana, esclusi art 2 e art 6 del DLGS 59/2010, come tutte le altre figure professionali o attività dalla Direttiva 2006/123/CE.

10 Alla luce di queste argomentazioni Decade quindi ogni abrogazione normativa fatta per le Concessioni su Beni Demaniali Italiani, con finalità turistico ricreative,turistico,lacuale e fluviale e si ribadisce l eclatante spinta contro Diritto subita e si richiede per le concessioni turistico ricreative il ripristino ex tunc immediato del diritto di insistenza art 37 Codice Della Navigazione, secondo comma, seconda parte e dell art 10 legge sul rinnovo automatico l.88/2001 e per le altre concessioni le stesse tutele art 37 Codice della Navigazione,Norme da più anni asseverate,che non contrastano con la possibilità di esperire nuove assegnazioni dei tratti della costa Italiana liberi per nuovi insediamenti seguendo e rispettando i piani regolatori delle amministrazioni,seguendo solo queste ultime assegnazioni dettami di ossequio alle Norme Europee di aggiudicazione,fatti quindi salvi i Diritti di Legittimo Affidamento,Durata Dei Contratti nel Tempo,i Principi del Pacta Sunt Servanda,la Certezza del Diritto,insieme di Diritti già acquisiti dai Concessionari in essere. In seguito al fine di regolamentare in modo definitivo e produttivo la posizione dei Concessionari di Beni Demaniali attuali,delle Concessioni Turistico Ricreative,Turistico,Lacuali e Fluviali aventi già titolo riconosciuto, si propone, per migliorare l economia dello Stato Italiano,di riconoscere un diritto di superficie sul terreno Demaniale sul quale opera l impresa,dove insistono i manufatti stabili, le pertinenze fisse ed amovibili, opere fisse e opere mobili costituenti volumetrie autorizzate,di 99 anni per ammortizzare i costi,con opzione di riscatto, seguendo in via interpretativa i valori della tabella 3 della Legge 311/04 con incremento comma 434 e chiusura delle liti pendenti comma 435. Per le Concessioni di Beni Demaniali Marittimi turistico ricreative il diritto di superficie sul terreno demaniale avrà come limite della sua estensione l area destinata alla posa degli ombrelloni. Tale area sarà quindi definita spiaggia. La spiaggia definita come Area destinata alla sola posa ombrelloni è riconosciuta come pertinenza diretta del bene in Diritto di Superficie, essendo parte del demanio necessario,ossia parte del Territorio Nazionale che non può essere venduta.. EMENDAMENTO ALLA LEGGE COMUNITARIA Al fine di salvaguardare gli attuali Concessionari di Beni Demaniali Marittimi Italiani, in ossequio all articolo 3 della Costituzione Italiana, si escludono dall applicazione della Direttiva 2006/123/CE, inserendo all art 2 del DLGS 59/2010 le Concessioni Di Beni Demaniali Marittimi turistico ricreative, trattandosi di attività connesse con l'esercizio di pubblici poteri, considerato che le stesse implicano una partecipazione diretta e specifica all'esercizio del potere pubblico e alle funzioni che hanno per oggetto la salvaguardia degli interessi generali dello Stato e delle altre collettività pubbliche; inserendo all art 6 del suddetto DGLS le Concessioni di Beni Demaniali turistiche,lacuali e fluviali.

11 Si riconosce, con effetto immediato agli attuali Concessionari di Beni Demaniali Italiani ed ai conduttori delle strutture incamerate divenute pertinenze di proprietà dello Stato, in trasformazione del regime Concessorio, il diritto di superficie sul terreno demaniale sul quale opera l impresa,con opzione di riscatto in 99 anni. Il Diritto di Superficie sarà riconosciuto dove insistono i manufatti stabili, le pertinenze fisse ed amovibili, opere fisse e opere mobili costituenti volumetrie autorizzate. Il limite temporale dei 99 anni è giustificato inoltre per i conduttori di Beni incamerati che dovranno riscattare le strutture divenute pertinenze dello Stato con le valutazioni e modalità dell incameramento. Il riscatto del terreno demaniale a favore degli attuali Concessionari è valutato per quanto stabilito dall allegato tabellare 3 della Legge Finanziaria 2005 richiamando come normazione applicabile in via interpretativa la Legge 311/04 art. 1 commi 434 e 435 con gli stessi effetti di incremento del comma 434 e la chiusura delle liti pendenti comma 435. Per le Concessioni di Beni Demaniali Marittimi turistico ricreative il diritto di superficie sul terreno demaniale avrà come limite della sua estensione l area destinata alla posa degli ombrelloni. Tale area sarà quindi definita spiaggia. La spiaggia definita come Area destinata alla sola posa ombrelloni è riconosciuta come pertinenza diretta del bene in Diritto di Superficie, essendo parte del demanio necessario,ossia parte del Territorio Nazionale che non può essere venduta.

12 PREAMBOLO ALLA PRIMA PROPOSTA ( Dal messaggio del capo provvisorio dello Stato Enrico De Nicola seduta del 15 Luglio 1946 ) La Costituzione della Repubblica Italiana sarà certamente degna delle nostre gloriose tradizioni giuridiche,assicurerà alle generazioni future un regime di sana e forte Democrazia,nel quale i Diritti dei Cittadini e i poteri dello Stato siano egualmente garantiti,consacrerà per i rapporti economico-sociali i Principi Fondamentali,che la legislazione ordinaria attribuendo al lavoro il posto che gli spetta nella produzione e nella distribuzione della ricchezza Nazionale- dovrà in seguito svolgere e disciplinare ( Tratto dal discorso Il patto che ci lega, intervento del Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano,nella seduta comune del Parlamento in occasione della celebrazione del 60 anniversario della Costituzione. Camera dei Deputati-23 gennaio 2008 ) L Italia vive,insieme con l Europa,tutte le incognite,le sfide e le tensioni del mondo che ci circonda,con le sue molteplici,incalzanti trasformazioni. E mia convinzione che non manchino al nostro paese le forze per superare le prove di questa fase storica e di questo cruciale momento. E però necessario porre mano a quel rinnovamento della vita istituzionale,politica e civile,in assenza del quale la comunità nazionale,in tutte le sue parti,sarebbe esposta a crisi gravi. La condizione del successo è in un concorso di volontà,che non può,non deve mancare. Un concorso di volontà più forte di tutte le ragioni di divisione,pur nello svolgimento di una libera dialettica politica e sociale. Ci unisce e ci incoraggia in questo sforzo la grande,vitale risorsa della Costituzione Repubblicana. Non c è terreno comune migliore di quello di un autentico profondo,operante patriottismo costituzionale. E questa,la nuova,moderna forma di patriottismo,nella quale far vivere il patto che ci lega: il nostro patto di unità nazionale nella libertà e nella democrazia

13 PRIMA PROPOSTA DOCUMENTO DI ESCLUSIONI E DIRITTO DI SUPERFICIE PROPOSTA PER L OTTENIMENTO DEL DIRITTO DI SUPERFICIE PER LE CONCESSIONI DEL DEMANIO MARITTIMO PER L USO TURISTICO,LACUALE E FLUVIALE NUOVE FONTI DI INTROITO PER L ERARIO ITALIANO Le Cinque Esclusioni 1) Una volta che lo Stato Italiano nelle more del tempo stabilito dalla legge comunitaria 2010 ( art.11 legge 217/2011) avrà riconosciuto le concessioni demaniali marittime con finalità turistico ricreative,lacuali e fluviali come concessioni di beni quindi non rientranti nella disciplina della direttiva servizi 2006/123/CE,ristabilendo l art 37 secondo comma,secondo periodo,e l art 10 Legge 88/ ) oppure : considerando con la diligenza del buon padre di famiglia che la politica non riesca per ragioni di rapporti internazionali a risolvere la problematica delle concessioni demaniali marittime turistico ricreative,lacuali e fluviali in tempi cosi drammaticamente brevi si chiede di essere inseriti come le altre figure professionali nel Decreto Legislativo 26 marzo 2010, n.59 "Attuazione della direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno" pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 94 del 23 aprile Suppl. Ordinario n. 75 tra le esclusioni (art 2 e seguenti regimi di esclusioni ) Al fine di salvaguardare gli attuali Concessionari di Beni Demaniali Marittimi Italiani,si escludono dall applicazione della Direttiva 2006/123/CE, inserendo all art 2 del DLGS 59/2010 le Concessioni Di Beni Demaniali Marittimi turistico ricreative, trattandosi di attività connesse con l'esercizio di pubblici poteri, considerato che le stesse implicano una partecipazione diretta e specifica all'esercizio del potere pubblico e alle funzioni che hanno per oggetto la salvaguardia degli interessi generali dello Stato e delle altre collettività pubbliche 3) Oppure : Istituiti come Regimi Autorizzatori ( Art 14 DGSL 59/2010) Richiamando L Art 9. Art 11 e Art 12 Della Direttiva 2006/123/CE; stante la realtà peninsulare della nostra Nazione,con vaste porzioni di essa libere per nuovi insediamenti produttivi. Tale realtà non giustifica la demanialità come bene limitato ma disponibile, la domanda e di molto inferiore all offerta potenziale del bene. Inoltre tale realtà geomorfologica dell Italia non ricade nel dettato dell art 16 del Decreto Legislativo 26 marzo 2010, n.59 : Nelle ipotesi in cui il numero di titoli autorizzatori disponibili per una determinata attività di servizi sia limitato per ragioni correlate alla

14 scarsità delle risorse naturali o delle capacità tecniche disponibili, le autorità competenti applicano una procedura di selezione tra i candidati potenziali ed assicurano la predeterminazione e la pubblicazione, nelle forme previste dai propri ordinamenti, dei criteri e delle modalità atti ad assicurarne l'imparzialità, cui le stesse devono attenersi. 4) oppure: richiamando lo schema delle liberalizzazioni si auspica che seguendo quanto fatto per l ambito delle farmacie vengano creati nuovi posti di lavoro consentendo l apertura di nuovi stabilimenti balneari e attività lacuali e fluviali seguendo e rispettando i piani regolatori delle amministrazioni, lungo la costa italiana e non la sostituzione degli attuali concessionari con altre figure che sostituendosi de facto non creano nuovi posti di lavoro e non favoriscono la concorrenza, la difesa delle aziende, delle pmi e micro pmi e del made in italy 5) oppure: per la risoluzione dei vincoli delle aree demaniali alla direttiva 123/2006/CE, si potrebbe con specifica nuova normazione collegata, seguire l iter amministrativo percorso gia dal Comune di Termoli e sintetizzato nella recente delibera di giunta comunale n.110 del 3 aprile 2012 che si allega per esteso, in sintesi utilizzando la legge 311/04 i Comuni possono acquistare le aree del demanio sulle quali insistano opere edili che hanno cambiato l aspetto morfologico dell ambiente. successivamente con atto di convenzione e realizzabile da parte dei Comuni attribuire i terreni acquistati agli attuali concessionari con il diritto di riscatto, mantenendo lo status quo. Fatti salvi gli attuali Concessionari, per tutti gli altri tratti del Demanio Marittimo Nazionale attualmente liberi e disponibili si potrà procedere alla loro assegnazione in linea con la Direttiva 2006/123/CE, nel rispetto dei piani regolatori delle Amministrazioni, garantendo così il diritto di concorrenza,di libertà di stabilimento, la libertà di prestazione di servizi nell UE, rafforzare i diritti del destinatario dei servizi in quanto utenti di tali servizi, promuovere la qualità dei servizi, stabilire una cooperazione amministrativa effettiva tra gli Stati membri. Tuttavia considerando quanto suggerisce il Governo e lo stesso Presidente della Repubblica per partecipare al risanamento dei conti pubblici italiani Si richiede quanto segue: Onde non ricadere in una nuova fase di confusione normativa chiediamo che venga riconosciuto in nome del rinnovamento della vita istituzionale,politica e civile Italiana come nuovo titolo ai concessionari attuali quello di superficitario. Riconoscendo il diritto di superficie sul terreno demaniale dove insistano i manufatti stabili, le pertinenze fisse ed amovibili, opere fisse e opere mobili costituenti volumetrie autorizzate. Dato il momento storico di crisi economica italiana e mondiale al fine di migliorare le entrate per l Erario Italiano si procederà con la previsione di tale schema di introiti.

15 Per tutte le fattispecie e nei casi di realtà di linee di costa e di profondità dell arenile e dei terreni demaniali variabili per cause naturali che impediscano la realizzazione di manufatti stabili comportando il montaggio e lo smontaggio di strutture per la funzionalità dell attività economica, il diritto di superficie si riconoscerà per l attività economica di stabilimento balneare sul terreno demaniale dove insistano i manufatti stabili,le pertinenze fisse ed amovibili, opere fisse e opere mobili costituenti volumetrie autorizzate, ed avrà come limite della sua estensione l area destinata alla posa ombrelloni, tale area sarà quindi definita spiaggia. La spiaggia definita come l area destinata alla sola posa ombrelloni dovrà essere riconosciuta come pertinenza diretta del bene in diritto di superficie e solo l utilizzo di tale area sarà soggetta al pagamento annuale verso l amministrazione dello Stato per l autorizzazione dell esercizio di impresa con il sistema attuale di calcolo di riferimento del settore interessato. Questa nuova natura giuridica della spiaggia eviterà di incidere su recriminazioni di associazioni ambientali, poichè il presente sistema prevede la spiaggia definita come l area destinata alla sola posa ombrelloni, come bene non rientrante nel diritto di superficie e continuerà ad essere fonte di introito annuale per l amministrazione dello Stato. Il diritto di superficie pluriennale con opzione di riscatto derogando al sistema attuale che definisce tale istituto, dovrà essere rilasciato per 99 anni,il diritto di superficie sul terreno demaniale verrà calcolato per l intero valore dei 99 anni e pagato con rate annuali. Sarà prevista la possibilità di pagare l intera somma o la somma rimanente per il riscatto nel corso dei 99 anni. Considerato l interesse del concessionario attuale di vedersi al più presto nel diritto di disporre di quanto costruito con mezzi propri,si prevede che il riscatto del diritto di superficie avverrà in tempi rapidi e se il sistema bancario sostenesse la spesa con mutui agevolati, l Erario potrebbe realizzare incassi molto alti in breve tempo,questo porterà al rilancio dell Economia Italiana. Esercitata l opzione di riscatto sul terreno demaniale, si realizzerà l accessione tra il terreno e i beni che sopra vi sono realizzati:manufatti stabili, le pertinenze fisse ed amovibili, opere fisse e opere mobili costituenti volumetrie autorizzate, ricordando trattasi di beni già di proprietà degli attuali concessionari. Per i concessionari attuali che si trovano stagionalmente costretti a montare e smontare in parte o totalmente le strutture inerenti la conduzione dell attività, il diritto di superficie si mantiene comunque sulle aree dove insistono stagionalmente le strutture anch esse già di proprietà dell attuale concessionario. Per tutte le concessioni demaniali non turistico ricreative già sopra disciplinate, intese quali turistiche, fluviali o lacuali il diritto di superficie sarà riconosciuto sul terreno demaniale dove insistano i manufatti stabili, le pertinenze fisse ed amovibili, opere fisse e opere mobili costituenti volumetrie autorizzate. Per affrontare il periodo di crisi economica tale area sarà soggetta al pagamento annuale di un tributo da stabilire caso per caso alla stregua di quanto dovuto dai balneari, rapportato a quanto trasformato in diritto di superficie,verso l Amministrazione dello Stato per l autorizzazione dell esercizio di impresa. Per tutte le concessioni demaniali in diritto di superficie l opzione di riscatto seguirà,richiamando con specifica normazione, il sistema di calcolo attualmente in vigore

16 dettato nell allegato 3 della Legge 311/04 (finanziaria 2005 ).Tale valore di riferimento tabellare aiuterà gli attuali concessionari ad esercitare agevolmente l opzione di riscatto,producendo un immediato risanamento dell Economia Italiana. Si auspica che a fronte del nuovo Parere rilasciato dal Consiglio Superiore Dei Lavori Pubblici del 21 settembre 2011 l Amministrazione dello Stato riveda i provvedimenti che stanno e che hanno portato ad incamerare i beni stabili,le pertinenze fisse ed amovibili, opere fisse e opere mobili costituenti volumetrie autorizzate, realizzati sul demanio, costruiti dai concessionari, considerando più vantaggioso che la titolarità di quanto realizzato sul demanio torni al concessionario ante incameramento, che potrà con il diritto di superficie pluriennale con opzione di riscatto,portare un maggior guadagno per l Erario, evitando costosi ricorsi. Si auspica che lo Stato impedisca alle Amministrazioni Centrali e Periferiche di continuare ad intraprendere azioni vessatorie pur legalizzate contro gli imprenditori e le loro famiglie onde evitare di mortificare il diritto di condurre un attività economica rilevante per lo sviluppo della nostra Nazione attribuendo al lavoro il posto che gli spetta nella produzione e nella distribuzione della ricchezza Nazionale un insieme, enorme, di aziende e piccoli imprenditori che persevera dignitosamente da secoli una moderna forma di patriottismo : Lavorare in Italia per l Italia.

17 SECONDA PROPOSTA SDEMANIALIZZAZIONE ATTRAVERSO I COMUNI A FAVORE DEGLI ATTUALI CONCESSIONARI E CONDUTTORI DI BENI DEMANIALI MARITTIMI ITALIANI Dopo l incontro tenutosi il 2 Aprile 2012 tra il Presidente Giuseppe Ricci e il Sindaco Di Brino Basso e l intera Amministrazione Comunale nella Città di Termoli, sentite le iniziative fattive da parte del Comune per salvaguardare i concessionari demaniali attuali, sottraendoli de facto alla Direttiva Europea 2006/123/CE, utilizzando un percorso legale, enunciamo il lavoro dell ex Assessore alle Finanze e Patrimonio del Comune di Termoli Domenico D Arienzo, promotore egli stesso al tempo della sua Amministrazione, dell iniziativa che attualmente il Comune di Termoli ha ripreso con l emanazione della Delibera della Giunta Comunale numero 110 del 3 Aprile Il Presente lavoro si intende se pur ampliato nella presente premessa, collegato con l impianto del documento sul sistema di esclusioni e diritto di superficie dove si prevede che per le concessioni demaniali turistico ricreative : dove insistano i manufatti stabili, e pertinenze fisse ed amovibili, opere fisse e opere mobili costituenti volumetrie autorizzate, il diritto di superficie sul terreno demaniale o di proprietà sul terreno demaniale acquistato e sdemanializzato avrà come limite della sua estensione l area destinata alla posa degli ombrelloni. Tale area sarà quindi definita spiaggia. La spiaggia definita come Area destinata alla sola posa ombrelloni dovrà essere riconosciuta come pertinenza diretta ed ad essa legata del bene in Diritto di Superficie o Diritto di Proprietà e sarà soggetta al pagamento annuale di un canone demaniale calcolato con la vigente normativa. Nel rispetto degli Ambientalisti si ribadisce che la spiaggia fa parte del demanio necessario,ossia quella parte del Territorio Nazionale che non può essere venduta. Con il lavoro di Domenico D Arienzo si evidenzia che verrebbero meno anche i giudizi pendenti promossi dall Amministrazione Demaniale. A seguito del venir meno della differenza tra manufatti di facile o difficile rimozione contenuta nel Parere del Consiglio Superiore Dei Lavori del 21 Settembre 2011,che di fatto preclude l incameramento contrariamente a quanto fino ad ora avvenuto, si apre una vasta casistica di ricorsi per annullare i testimoniali di Stato ed il successivo incameramento,con spese a carico dell Erario che sarebbero da evitare in questo momento di crisi economica dello Stato Italiano. Si allega una recente sentenza anche per far capire il regime di confusione che stanno vivendo le aziende Balneari sugli incameramenti. Stante la realtà dei beni incamerati i Comuni nel momento dell acquisto del terreno dove per effetto degli incameramenti è avvenuta l accessione dei beni costruiti sopra il terreno,nei casi in cui il conduttore attuale del bene incamerato non è legittimato per

18 ricorrere in giudizio per annullare l incameramento, al fine di agire secondo specifiche di legge nelle more della normazione delle aree p.e.e.p commerciali, valuteranno il bene complessivo e concederanno all attuale conduttore il diritto di superficie con opzione di esercitare il riscatto per l acquisto dei beni costruiti sul terreno e del terreno stesso, nel termine di 99 anni con pagamento annuale di una quota rapportata al valore totale stabilito del bene costruito sul terreno e del terreno stesso,quote imputabili all acquisto finale del bene,il terreno seguirà il valore della tabella 3 allegata alla Legge Finanziaria 2005 quindi le prime quote andranno a compensare l acquisto del terreno che ha un valore inferiore del bene costruitovi sopra. Il termine dei 99 anni è previsto in ragione di permettere al conduttore che si ritrova magari a dover pagare due volte un bene costruito da lui stesso o da diretti familiari scomparsi, a supportare le spese. Il termine per il diritto di riscatto di 99 anni è esteso per tutte le convenzioni di acquisto da sottoscrivere con il Comune. L Amministrazione Dello Stato, avrebbe così questi seguenti ordini di introiti: annualmente dalla spiaggia per le pertinenze legate al diritto di proprietà o di superficie turistiche ricreative, annualmente dalle altre concessioni trasformate in diritto di superficie o in diritto di proprietà per la quota del tributo come previsto nel Documento del sistema di esclusioni e diritto di superficie e l altro nel momento del riscatto dei terreni acquistati dal Comune. Fatti salvi gli attuali Concessionari, per tutti gli altri tratti del Demanio Marittimo Nazionale attualmente liberi e disponibili si potrà procedere alla loro assegnazione in linea con la Direttiva 2006/123/CE, nel rispetto dei piani regolatori delle Amministrazioni, garantendo così il diritto di concorrenza,di libertà di stabilimento, la libertà di prestazione di servizi nell UE, rafforzare i diritti del destinatario dei servizi in quanto utenti di tali servizi, promuovere la qualità dei servizi, stabilire una cooperazione amministrativa effettiva tra gli Stati membri. Il presente documento utilizzando una Normazione Italiana esistente non abbisogna di lunghi interventi legislativi stante l odierna volontà dell ANCI di salvaguardare gli attuali concessionari portata avanti dal Sindaco Gianni Alemanno, ne costi per l attuazione da parte dello Stato Italiano. SDEMANIALIZZAZIONE ATTRAVERSO L APPLICAZIONE DELLA LEGGE FINANZIARIA 2005 (ARTICOLO 1 COMMI 434 E 435 LEGGE 311/04). RICHIESTA D URGENZA ALLO STATO ITALIANO PER AFFRONTARE L ESTENDERSI DELLA CRISI ECONOMICA CHE NON CONSENTE ALLE AZIENDE ITALIANE, PRODUTTRICI DI FATTO DELLA RICCHEZZA NAZIONALE, DI CONTINUARE AD OPERARE. TRASFERIMENTO DELLE ACQUISIZIONI COMUNALI IN CAPO AI CONCESSIONARI E CONDUTTORI ATTUALI CHE CONSERVANO IL DIRITTO DI PRELAZIONE E RISCATTO PER IL MANTENIMENTO DELLO STATUS QUO.

19 Architetto Domenico D Arienzo Assessore alle Finanze e Patrimonio del Comune di Termoli (CB) La direttiva 123/2006/ce Bolkestein colpisce gli attuali concessionari di beni demaniali marittimi imponendo la procedura di evidenza pubblica per l assegnazione delle concessioni demaniali annuali e/o stagionali a partire dal Per evitare le pastoie burocratiche dei provvedimenti legislativi del governo, del parlamento italiano o peggio della comunità europea, la strada più breve e sicura da percorrere con la logica dello snellimento delle procedure burocratiche per lo sviluppo dell imprenditorialità, e senza dubbio quella tracciata dal combinato disposto dei commi 434 e 435 dell art 1 della legge 311/04 (finanziaria 2005) attualmente vigente in materia. L iter e stato già positivamente intrapreso dal comune di Termoli che, con atto pubblico di compravendita stipulato nel 2006, ha acquistato un tratto di mq circa di demanio marittimo sul lungomare nord acquisendolo al patrimonio indisponibile del comune di Termoli. Al fine di completare l acquisizione di tutti i tratti del demanio marittimo che rientrano nella fattispecie della legge 311/04 il comune di Termoli ha adottato un altra recente delibera di giunta comunale n.110 del 3 aprile 2012 che riprende l iter avviato nel 2005 e definisce in maniera risolutiva la questione delle concessioni demaniali. In sintesi utilizzando la legge 311/04 i Comuni possono acquistare le aree del demanio marittimo sulle quali insistono opere di urbanizzazione ai sensi dell art. 4 della legge 847/64 (strade, illuminazione pubblica, allacciamenti fognari etc) acquisendole al patrimonio indisponibile del comune con vincolo di inalienabilita decennale. Tutte le Amministrazioni Comunali possono, quindi intervenire in maniera risolutiva ed immediata con i provvedimenti già esperiti dal comune di Termoli per salvaguardare l imprenditoria turistica locale, potendo estendere tale procedura a tutte le fattispecie di concessioni sul Demanio Italiano. Il completamento della procedura di salvataggio si perfeziona con un semplice atto di convenzione tra il Comune e gli attuali concessionari (proprietari dei beni immobili presenti sull attuale demanio marittimo) che regolamenti giuridicamente un affidamento, con diritto di prelazione e riscatto al prezzo stabilito dall allegato tabellare 3 della legge finanziaria 2005 più l incremento ex art 434,in modo tale da preservare lo status quo. Per evitare che le Amministrazioni Comunali incorrano negli impedimenti giuridici del rispetto del patto di stabilità, all inserimento della posta di bilancio in uscita relativa all acquisto dei terreni del demanio marittimo in oggetto, e possibile inserire i proventi relativi alle convenzioni con i concessionari da stipulare prima degli atti di acquisto, prevedendo nelle singole convenzioni la formula di condizionamento alla formalizzazione dell atto di acquisto del terreno demaniale marittimo da parte del Comune. Tale passaggio giuridico eviterebbe di gravare i Comuni di una esposizione finanziaria difficilmente sopportabile a causa delle attuali ristrettezze.

20 Nei bilanci di previsione di prossima approvazione comparirebbero due poste: una in uscita (per l acquisto dei terreni demaniali) ed una in entrata (per i proventi derivanti dalla convenzione con i concessionari), tali poste costituirebbero una partita di giro con pareggio di bilancio. L applicazione della legge 311/04 consentirebbe infine, cosa non trascurabile, di eliminare tutte le liti pendenti secondo quanto disposto dal comma 435 che recita: con il trasferimento delle aree si estinguono i giudizi pendenti, promossi dall amministrazione demaniale e comunque preordinati alla liberazione delle aree di cui al comma 434, e restano compensate fra le parti le spese di lite.

21 I Diritti e il Futuro degli Imprenditori Turistici Balneari Italiani Vorrei raccontare una storia. Un uomo passa e vede la vostra casa. Forza una finestra ed entra. Ve lo trovate davanti. Stupiti, gli chiedete cosa vuole e lui risponde semplicemente: - Voglio la tua casa. Esci. Vattene.- Stupiti, gli chiedete: - Ma come, andarmene? Ho lavorato tutta la vita per avere questa casa. Ho ancora un mutuo da pagare. Perché dovrei dartela e andare per strada, come un barbone, io e la mia famiglia? - L altro: - Perché le regole le facciamo io e i miei amici. A me piace questa casa e ai miei amici piacciono altre case. Ce le prenderemo tutte.- Allora vi viene in mente che quella casa è un vostro diritto. Almeno così vi hanno assicurato e così fermamente credete. Con il Diritto, tra l altro, di viverci in pace, con dignità e rispetto, in salute, con la famiglia. Diritto di uscire di casa tutte le mattine per andare a lavoro, per guadagnare il necessario per vivere e pagare il mutuo. Qualcosa su cui poter contare, a cui poter tornare. Questo diritto, nel racconto, è stato violato attraverso un inaccettabile sopruso e qualcosa del genere è successo agli Imprenditori Balneari d'italia. Dovete sapere, o ricordare, che tanti e tanti anni fa non esisteva il Diritto come lo conosciamo ora, ovvero, per la maggior parte degli avvenimenti umani, chi era più forte decideva. Poi gli antichi romani riuscirono ad elaborare un insieme di diritti, che le moderne democrazie hanno fatto propri ed ampliati. Tuttavia, in memoria di un epoca terribile, in cui il diritto non esisteva, i Saggi si sono

22 preoccupati di tramandare nel tempo le basi del diritto romano da non modificare e da tenere sempre in primo piano per i legislatori a venire. Il nucleo centrale di questa costruzione è il principio: Pacta Sunt Servanda, l affidamento nei patti, principio di stabilità, se non di giustizia. E quando uno Stato Sovrano accetta di rinunciare ad una parte della sua Sovranità, dovrebbe comunque ricordarsi di rispettare le leggi già emanate per regolare i diritti e doveri del suo Popolo. Senza dubbio la nascita dell Europa ha comportato limitazioni di sovranità, ma mai, per espressa volontà dell UE, mai deve venire soppressa una regolamentazione dello Stato membro che comporti la cancellazione di diritti nati nel passato, diritti che avevano orientato le scelte e i comportamenti del cittadino. Questo Principio che si formò nel tempo per proteggere dai soprusi del potere, fa parte del Diritto Italiano ed Internazionale e si chiama Legittimo Affidamento. Il Principio del Legittimo Affidamento Un Principio ricavabile dall esperienza della Corte di Giustizia Europea è il legittimo affidamento, il principio della tutela delle legitimate expectations, volto a garantire il ragionevole affidamento che si è formato in relazione a circostanze di fatto o di diritto. Il principio si traduce in un limite all adozione di provvedimenti negativi o sfavorevoli per il cittadino, poiché emanati a distanza di tempo dal verificarsi della fattispecie legittimante, ovvero emanati in presenza di elementi che rendano razionalmente ammissibile la conservazione degli effetti prodotti da provvedimenti legittimi. Il limite opera anche in presenza di un comportamento della P.A. che sia idoneo a suscitare falsi affidamenti, ovvero in presenza di mutamenti normativi o giurisprudenziali che rendano incerta per il destinatario la validità o l efficacia di atti emanati dalla P.A.

23 Come ricorda la Corte Costituzionale, con sentenza n. 264/2005, che il tribunale di Sanremo richiama a sostegno delle proprie argomentazioni, con propria sentenza n.302/2010, nel nostro sistema costituzionale non è affatto interdetto al legislatore di emanare disposizioni le quali vengano a modificare in senso sfavorevole per i beneficiari la disciplina dei rapporti di durata, anche se l oggetto di questi sia costituito da diritti soggettivi perfetti salvo, ovviamente, in caso di norme retroattive, il limite imposto in materia penale dall art. 25 della Costituzione, secondo comma (nessuno può essere punito se non in forza di una legge che sia entrata in vigore prima del fatto commesso). Quindi, perdendo le nostre attività, ovvero il diritto di esercitare la nostra impresa, falliamo. Tuttavia dovrebbe prendere vigore il principio espresso in più sentenze dalla Corte Costituzionale che, salvo l art 25 del codice penale, ci indica che: se è pur vero che costituisce manifestazione della discrezionalità del legislatore di collocare nel tempo gli effetti delle disposizioni legislative (ordinanze nn. 137 e 346 del 2008) è da tenere presente che l emanazione di leggi con efficacia retroattiva incontra una serie di limiti che questa Corte ha da tempo individuato e che attengono alla salvaguardia, tra l altro, di fondamentali valori di civiltà giuridica posti a tutela dei destinatari della norma e dello stesso ordinamento, tra i quali vanno compresi il rispetto del principio generale di ragionevolezza e di eguaglianza e la tutela dell affidamento legittimamente sorto nei soggetti quale principio connaturato allo stato di diritto (sentenze nn. 282 del 2006 e 156 del 2007). Richiamando tale principio, non dovremmo essere puniti per una legge intervenuta dopo il fatto commesso, ovvero se perdiamo il nostro lavoro per la Direttiva Servizi 123/2006/CE che ha portato lo Stato Italiano ad abrogare il diritto di insistenza ed il rinnovo automatico delle concessioni, quindi che ci porta a non avere più il nostro lavoro per pagare i mutui, si fallisce. Ma per logica giuridica... non dovremmo essere penalizzati a causa di una legge intervenuta dopo che siamo stati

N.8-11 aprile 2012 - Quindicinale online di informazione tecnico-professionale per FEDERALBERGHI EDIZIONE QUADRI S.O.S. per le concessioni demaniali

N.8-11 aprile 2012 - Quindicinale online di informazione tecnico-professionale per FEDERALBERGHI EDIZIONE QUADRI S.O.S. per le concessioni demaniali N.8-11 aprile 2012 - Quindicinale online di informazione tecnico-professionale per FEDERALBERGHI EDIZIONE QUADRI S.O.S. per le concessioni demaniali Le imprese che operano sul demanio marittimo si trovano

Dettagli

Le proposte per il Salvataggio dei Balneari e Concessionari Demaniali Italiani ITB ITALIA ROMA TRATTO DALLA RACCOLTA UFFICIALE DOCUMENTI ITB ITALIA

Le proposte per il Salvataggio dei Balneari e Concessionari Demaniali Italiani ITB ITALIA ROMA TRATTO DALLA RACCOLTA UFFICIALE DOCUMENTI ITB ITALIA Le proposte per il Salvataggio dei Balneari e Concessionari Demaniali Italiani ITB ITALIA ROMA TRATTO DALLA RACCOLTA UFFICIALE DOCUMENTI ITB ITALIA Giuseppe Ricci Presidente Nazionale ITB ITALIA R 11/12/2012

Dettagli

Senato della Repubblica - Commissione 6ª (Finanze e tesoro) Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio

Senato della Repubblica - Commissione 6ª (Finanze e tesoro) Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Disegno di legge n. 1164 Autorizzazione a cedere alla Cooperativa terreni demaniali di Punta Sabbioni a responsabilità limitata ed al comune di Cavallino Treporti il compendio immobiliare appartenente

Dettagli

Signor Presidente, Signori Senatori,

Signor Presidente, Signori Senatori, AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO ANTONIO CATRICALÀ PRESSO LA I COMMISSIONE PERMANENTE DEL SENATO DELLA REPUBBLICA NELL AMBITO DELL INDAGINE CONOSCITIVA SUL

Dettagli

Brevi note sulla sanatoria a favore dei concessionari della riscossione

Brevi note sulla sanatoria a favore dei concessionari della riscossione Brevi note sulla sanatoria a favore dei concessionari della riscossione Premessa L art. 35, comma 26-quater, del d.l. n. 223 del 2006, conv. con modifiche dalla legge n. 248 del 2006, in vigore dal 4 luglio

Dettagli

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014 Prot. n.: 49/2014 ALL'ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO Palermo, 21 febbraio 2014 Oggetto: Applicazione in Sicilia del Decreto del Fare - Norme di semplificazione

Dettagli

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA. nell'adunanza del 26 settembre 2007

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA. nell'adunanza del 26 settembre 2007 SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA Del/Par n. 12 /2007 nell'adunanza del 26 settembre 2007 Composta dai seguenti magistrati: Pres. di Sezione Mario G. C. Sancetta Presidente Consigliere Francesco

Dettagli

INDIRIZZI PER IL RILASCIO ED IL RINNOVO DI CONCESSIONI DI PERTINENZE IDRAULICHE DEMANIALI

INDIRIZZI PER IL RILASCIO ED IL RINNOVO DI CONCESSIONI DI PERTINENZE IDRAULICHE DEMANIALI INDIRIZZI PER IL RILASCIO ED IL RINNOVO DI CONCESSIONI DI PERTINENZE IDRAULICHE DEMANIALI Con le presenti direttive si forniscono indirizzi per il rilascio ed il rinnovo delle concessioni di pertinenze

Dettagli

COMUN E DI FOR IO. Allegato n. 2 Schema di contratto

COMUN E DI FOR IO. Allegato n. 2 Schema di contratto COMUN E DI FOR IO CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO IN SUB-CONCESSIONE AI SENSI DELL ART.45-BIS DEL CODICE DELLA NAVIGAZIONE DEL TRATTO DI SPIAGGIA DENOMINATO UN ARENILE APERTO A TUTTI SITO IN LOCALITA CHIAIA

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Parma, Sala aurea C.C.I.A.A., Via Verdi 2 Gaetano Palombelli La riforma del lavoro pubblico nel contesto della riforma istituzionale

Dettagli

REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO 17 ottobre 2014 REVISIONE DEI RAPPORTI FINANZIARI TRA LO STATO, LA REGIONE TRENTINO

Dettagli

CITTA DI VIGEVANO. Regolamento per l assegnazione di beni immobili di proprietà del Comune di Vigevano

CITTA DI VIGEVANO. Regolamento per l assegnazione di beni immobili di proprietà del Comune di Vigevano CITTA DI VIGEVANO Regolamento per l assegnazione di beni immobili di proprietà del Comune di Vigevano Approvato con Deliberazione di C.C. n. 9 dell11/02/2010 Regolamento per l assegnazione di beni immobili

Dettagli

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE APPALTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE PROF. SERGIO PERONGINI Indice 1 APPALTI, SERVIZI E FORNITURE -------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 di 9 1 Appalti,

Dettagli

Accesso al credito delle PMI. Piano di Attività. Programma Operativo Regionale. Innovazione e transizione produttiva. Misura I.4.1 F.E.S.R.

Accesso al credito delle PMI. Piano di Attività. Programma Operativo Regionale. Innovazione e transizione produttiva. Misura I.4.1 F.E.S.R. Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione Asse 1 Innovazione e transizione produttiva F.E.S.R. 2007/2013 Misura I.4.1 Accesso al credito delle PMI Piano di Attività Adottato in

Dettagli

COMUNE DI CALANNA Provincia di Reggio Calabria

COMUNE DI CALANNA Provincia di Reggio Calabria COMUNE DI CALANNA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE DEI BENI IMMOBILI DI PROPRIETÀ Approvato con Deliberazione del Consiglio comunale n 21 del 28/10/2011 INDICE

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

SENTENZA N. 27 ANNO 2013

SENTENZA N. 27 ANNO 2013 Sentenza 27/2013 Giudizio GIUDIZIO DI LEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE IN VIA PRINCIPALE Presidente GALLO - Redattore NAPOLITANO Udienza Pubblica del 15/01/2013 Decisione del 13/02/2013 Deposito del 22/02/2013

Dettagli

enti erogatori d acqua e di energia, degli enti che forniscono servizi di trasporto e servizi postali e sostituisce la direttiva 1993/38/CEE; la

enti erogatori d acqua e di energia, degli enti che forniscono servizi di trasporto e servizi postali e sostituisce la direttiva 1993/38/CEE; la NOVITA INTRODOTTE DALLA DIRETTIVA 2004/18/CE CONCERNENTE GLI APPALTI NEI SETTORI CLASSICI NONCHE DALLA DIRETTIVA 2004/17/CE DEL 31 MARZO 2004 RIGUARDANTE GLI APPALTI NEI SETTORI SPECIALI Sommario: 1. Premessa.

Dettagli

Illuminazione pubblica quale infrastruttura per lo sviluppo della smart city. Inquadramento giuridico della pubblica illuminazione

Illuminazione pubblica quale infrastruttura per lo sviluppo della smart city. Inquadramento giuridico della pubblica illuminazione Con il patrocinio di Illuminazione pubblica quale infrastruttura per lo sviluppo della smart city Inquadramento giuridico della pubblica illuminazione Avv. Pasquale Cristiano M2M Forum 2014 Milano c/o

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A

R E P U B B L I C A I T A L I A N A Spedizione in abbonamento postale Art. 2 comma 20/C L. 662/96 Autorizz. Dirpostel L Aquila ANNO XXXIII N. 18 Straordinario (Sport) R E P U B B L I C A I T A L I A N A BOLLETTINOUFFICIALE DELLA REGIONE

Dettagli

COMUNE DI PARMA CRITERI PER L ACCESSO ALLE FORME DI CONTRIBUZIONE ECONOMICA ED ALLE MISURE DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE

COMUNE DI PARMA CRITERI PER L ACCESSO ALLE FORME DI CONTRIBUZIONE ECONOMICA ED ALLE MISURE DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE COMUNE DI PARMA CRITERI PER L ACCESSO ALLE FORME DI CONTRIBUZIONE ECONOMICA ED ALLE MISURE DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE Approvati con deliberazione di C.C. n. 88 del 08/07/2008, modificati con successiva deliberazione

Dettagli

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE

INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE INCOMPATIBILITÀ PER L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, nella seduta del 1 marzo 2012,

Dettagli

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione.

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione. Dipartimento della funzione pubblica Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni Prot. n. 23/11 Roma, Parere n. 196/04 Al Ministero dell interno Dipartimento per gli affari interni e territoriali

Dettagli

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare,

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare, Viene posto quesito inerente all attività agrituristica, con particolare riferimento alle tipologie di locali che possono essere utilizzati per lo svolgimento di tale attività, per meglio comprendere se

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

Art. 5, comma 8 del d.l. n. 95/2012, convertito nella legge n. 135/2012.

Art. 5, comma 8 del d.l. n. 95/2012, convertito nella legge n. 135/2012. Art. 5, comma 8 del d.l. n. 95/2012, convertito nella legge n. 135/2012. La monetizzazione delle ferie maturate e non fruite aveva trovato una prima regolamentazione, specifica ed espressa, nei CCNL dei

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI Segnalazioni Novità Prassi Interpretative ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI La circolare

Dettagli

Il difficile percorso per la riforma del trasporto pubblico locale. Giovanna Pizzanelli

Il difficile percorso per la riforma del trasporto pubblico locale. Giovanna Pizzanelli Il difficile percorso per la riforma del trasporto pubblico locale Giovanna Pizzanelli Nel 1997 è stata avviata in Italia un tentativo di riforma del trasporto pubblico locale nell obiettivo di incrementarne

Dettagli

Deliberazione n.15/2001/g REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei Conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo

Deliberazione n.15/2001/g REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei Conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo Deliberazione n.15/2001/g REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei Conti in Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato I e II Collegio nell adunanza congiunta

Dettagli

COMUNE DI FOLLO Provincia di La Spezia INDICE

COMUNE DI FOLLO Provincia di La Spezia INDICE COMUNE DI FOLLO Provincia di La Spezia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE DEI BENI IMMOBILI DI PROPRIETÀ DEL COMUNE DI FOLLO Approvato con Deliberazione del Consiglio comunale n 30 del 12.11.2008

Dettagli

TUTELA DEL PAESAGGIO E DEI BENI CULTURALI

TUTELA DEL PAESAGGIO E DEI BENI CULTURALI TUTELA DEL PAESAGGIO E DEI BENI CULTURALI Regione Lombardia Legge della Regione Lombardia 31 luglio 2012, n. 16, recante «Valorizzazione dei reperti mobili e dei cimeli appartenenti a periodi storici diversi

Dettagli

Deliberazione n.75/pareri/2008

Deliberazione n.75/pareri/2008 Deliberazione n.75/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua dott. Antonio Caruso dott. Giorgio

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

ALBINA CANDIAN & PARTNERS Studio Legale

ALBINA CANDIAN & PARTNERS Studio Legale Studio Legale Spett.le GALENO Società Mutua Cooperativa a r.l./fondo Sanitario Integrativo Via G.B. De Rossi n. 12 00161 - Roma Alla c.a. del Presidente Dott. Aristide Missiroli e del Direttore Generale

Dettagli

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Domenica 29 marzo 2009 Sala delle Conferenze Internazionali Ministero degli Affari Esteri Intervento del Vice Presidente

Dettagli

Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia

Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia Premessa La definizione e l approvazione in tempi rapidi di un testo unico della legislazione antimafia, capace di superare le attuali disfunzioni

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona

Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona Intervento dell Avv. Nicolino De Cantis - Componente della Commissione Giuridica Provinciale dell Automobile Club di Verona Congresso Commissioni giuridiche ACI- Napoli - Riflessioni su : Patente di guida

Dettagli

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI APPROVATO con delibera di C.C. n. 19 del 28 Febbraio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 175/E

RISOLUZIONE N. 175/E RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12/08/2003 Oggetto: Istanza di interpello - Art. 67 e 71 TUIR Deducibilità ammortamenti finanziari e svalutazione crediti in caso di

Dettagli

REGOLAMENTO UTILIZZAZIONE BENI IMMOBILI TERRENI E FABBRICATI DI PROPRIETA COMUNALE

REGOLAMENTO UTILIZZAZIONE BENI IMMOBILI TERRENI E FABBRICATI DI PROPRIETA COMUNALE COMUNE DI BARI REGOLAMENTO UTILIZZAZIONE BENI IMMOBILI TERRENI E FABBRICATI DI PROPRIETA COMUNALE - 1 - Articolo 1 Finalità ed ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina l uso dei beni immobili

Dettagli

A S.E. Il Presidente della Repubblica

A S.E. Il Presidente della Repubblica A S.E. Il Presidente della Repubblica Le Associazioni di categoria: APER Associazione Produttori Energia da Fonti Rinnovabili, con sede in via G.B. Pergolesi 27, 20124 Milano (P.IVA 04971910965 e C.F 95003870045);

Dettagli

IVA detraibile sugli immobili destinati ad attivita` turistico-alberghiere

IVA detraibile sugli immobili destinati ad attivita` turistico-alberghiere detraibile sugli immobili destinati ad attivita` turistico-alberghiere di Antonella Benedetto LA NOVITA` L Agenzia delle Entrate ha precisato che gli immobili abitativi utilizzati nell ambito di un attivita`

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER LA TENUTA DEL REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (Art. 5 L.R. 9 dicembre 2002, n 34) Approvato con deliberazione

Dettagli

Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI

Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI Scheda 4 RIDUZIONE DEI COSTI PER INTERVENTI EDILIZI - descrizione oggetto della proposta e contesto di riferimento Ottimizzazione economica degli interventi edilizi necessari alla realizzazione dei piani

Dettagli

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici

Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Le novita del correttivo su formazione e organismi paritetici Alcuni quesiti per chiarire dubbi interpretativi sulla formazione dei lavoratori prevista dal Testo Unico: cosa significa collaborare con gli

Dettagli

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali Roma, 12 maggio 2010 Circolare n. 123/2010 Al SIG. PRESIDENTE CONFSERVIZI MARCHE A TUTTI GLI ASSOCIATI AL SIG. PRESIDENTE CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI E A TUTTI GLI ALTRI ENTI, AZIENDE E SOCIETA

Dettagli

competenza legislativa concorrente in materia di armonizzazione dei bilanci pubblici e coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario,

competenza legislativa concorrente in materia di armonizzazione dei bilanci pubblici e coordinamento della finanza pubblica e del sistema tributario, Consulta OnLine composta dai Signori: SENTENZA ANNO 2005 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE Valerio ONIDA Presidente Carlo MEZZANOTTE Giudice Guido NEPPI MODONA " Piero

Dettagli

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 PROTOCOLLO D INTESA PROMOSSO DALLA PREFETTURA DI BOLOGNA TRA TRIBUNALE DI BOLOGNA, REGIONE EMILIA-ROMAGNA, PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA

Dettagli

ORDINANZA N. 122 ANNO 2015 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Marta CARTABIA Presidente

ORDINANZA N. 122 ANNO 2015 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Marta CARTABIA Presidente ORDINANZA N. 122 ANNO 2015 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Marta CARTABIA Presidente - Giuseppe FRIGO Giudice - Paolo GROSSI - Giorgio LATTANZI

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUI PRINCIPI COSTITUZIONALI

APPROFONDIMENTI SUI PRINCIPI COSTITUZIONALI APPROFONDIMENTI SUI PRINCIPI COSTITUZIONALI IL CONTESTO LEGISLATIVO: SINTESI DEL QUADRO NORMATIVO STORICO D.P.R. n. 547 del 27 aprile 1955, Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro D.P.R. n.

Dettagli

propri diritti e di comparazione delle prestazioni offerte sul mercato», ha

propri diritti e di comparazione delle prestazioni offerte sul mercato», ha RELAZIONE SULLE MODIFICHE APPORTATE AL CODICE DEONTOLOGICO FORENSE IN APPLICAZIONE DEL D.L. 4 LUGLIO 2006, N. 223, CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE 4 AGOSTO 2006, N. 248. A distanza di poco più

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

Comune di Padova REGOLAMENTO PER LE ALIENAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI PADOVA

Comune di Padova REGOLAMENTO PER LE ALIENAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI PADOVA Comune di Padova REGOLAMENTO PER LE ALIENAZIONI DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DEL COMUNE DI PADOVA Approvato con deliberazione consiliare n. 35 del 3 aprile 2001 INDICE DEGLI ARTICOLI: ART.1 FINALITA ED OGGETTO

Dettagli

MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE REGIONALE 8 AGOSTO 2001 N.24 DISCIPLINA GENERALE DELL INTERVENTO PUBBLICO NEL SETTORE ABITATIVO

MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE REGIONALE 8 AGOSTO 2001 N.24 DISCIPLINA GENERALE DELL INTERVENTO PUBBLICO NEL SETTORE ABITATIVO Progetto di legge MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLA LEGGE REGIONALE 8 AGOSTO 2001 N.24 DISCIPLINA GENERALE DELL INTERVENTO PUBBLICO NEL SETTORE ABITATIVO d iniziativa dei Consiglieri: Luca Bartolini Alberto

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA: OPPORTUNITA PER GLI ENTI LOCALI ALLA LUCE DEGLI ULTIMI INTERVENTI NORMATIVI Mercoledì 21 novembre 2012

IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA: OPPORTUNITA PER GLI ENTI LOCALI ALLA LUCE DEGLI ULTIMI INTERVENTI NORMATIVI Mercoledì 21 novembre 2012 IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA: OPPORTUNITA PER GLI ENTI LOCALI ALLA LUCE DEGLI ULTIMI INTERVENTI NORMATIVI Mercoledì 21 novembre 2012 Avv. Sergio Cesare Cereda Socio fondatore dello Studio legale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI CONTRATTI DI LOCAZIONE ED AFFITTO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI CONTRATTI DI LOCAZIONE ED AFFITTO REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI CONTRATTI DI LOCAZIONE ED AFFITTO Approvato con deliberazione del Consiglio di amministrazione del 23 luglio 2015 Pagina 2 SOMMARIO Parte 1 Disposizioni generali... 3 Art.

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE 16.1.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 11/7 IV (Atti adottati prima del 1 o dicembre 2009, in applicazione del trattato CE, del trattato UE e del trattato Euratom) DECISIONE DELLA COMMISSIONE

Dettagli

Luci e ombre nella nuova legge delega per il recepimento. delle direttive europee su appalti e concessioni

Luci e ombre nella nuova legge delega per il recepimento. delle direttive europee su appalti e concessioni Luci e ombre nella nuova legge delega per il recepimento delle direttive europee su appalti e concessioni (elaborato in collaborazione con Avv. Ilenia Filippetti) Il tema dell innovazione del quadro normativo

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO DI FINANZIAMENTO

SCHEMA DI CONTRATTO DI FINANZIAMENTO ALLEGATO N. 4 SCHEMA DI CONTRATTO DI FINANZIAMENTO Il giorno del mese di anno in Roma: tra - La società finanziaria (nel prosieguo, per brevità, anche solo Società finanziaria ), con sede in, Via, n. Codice

Dettagli

Di seguito alcune considerazioni su aspetti che riteniamo molto rilevanti.

Di seguito alcune considerazioni su aspetti che riteniamo molto rilevanti. 7 ottobre 2015 Spett. Commissione Industria Senato C.a. Sen. Massimo Mucchetti Oggetto: Osservazioni nella consultazione pubblica: Proposte per il potenziamento e la qualifica del meccanismo dei Certificati

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico

COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico Analisi del procedimento di variante urbanistica accelerata di Claudio Facchini, dirigente del Settore Sviluppo economico del Comune di Faenza Edizione 1/CF/cf/11.04.2011

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti. del Governo e delle Amministrazioni dello Stato

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti. del Governo e delle Amministrazioni dello Stato Deliberazione n. 18/2002/P REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato I e II Collegio nell adunanza congiunta

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE - OGGETTO - ESTENSIONE DELL AMBITO DI

Dettagli

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo Con la sentenza della Corte di Cassazione Sez. III, del 15 aprile 2011, n. 8733, la Corte di Cassazione si è pronunciata

Dettagli

Diritto all informazione e accesso ai documenti delle Istituzioni, degli organi e agenzie dell UE

Diritto all informazione e accesso ai documenti delle Istituzioni, degli organi e agenzie dell UE Diritto all informazione e accesso ai documenti delle Istituzioni, degli organi e agenzie dell UE Isolde Quadranti Università degli Studi di Verona Centro di documentazione europea Diritto all informazione

Dettagli

Circolare n. 33 del 25 ottobre 2010

Circolare n. 33 del 25 ottobre 2010 5 Novembre 2010, ore 11:18 Circolare n. 33 e 34 di Assonime Fallimento e ristrutturazione delle imprese in difficoltà, le indicazioni di Assonime Assonime fornisce nelle Circolare n. 33 e 34 dello scorso

Dettagli

Lombardia/1134/2009/PAR

Lombardia/1134/2009/PAR Lombardia/1134/2009/PAR REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai Magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Antonio Caruso dott. Giuliano

Dettagli

PROVINCIALI LIBERI. CONVEGNO DEL 13/14 SETTEMBRE 2013 DEI SEGRETARI COMUNALI E

PROVINCIALI LIBERI. CONVEGNO DEL 13/14 SETTEMBRE 2013 DEI SEGRETARI COMUNALI E CONVEGNO DEL 13/14 SETTEMBRE 2013 DEI SEGRETARI COMUNALI E PROVINCIALI LIBERI. Voglio aprire questo mio intervento ringraziandovi dell invito a partecipare a questa importante iniziativa. Come Sindacato

Dettagli

COMUNE DI CARPINETI (Provincia di Reggio Emilia) ISTITUZIONE E REGOLAMENTO (Legge Regionale n. 34 del 9 dicembre 2002 e smi)

COMUNE DI CARPINETI (Provincia di Reggio Emilia) ISTITUZIONE E REGOLAMENTO (Legge Regionale n. 34 del 9 dicembre 2002 e smi) COMUNE DI CARPINETI (Provincia di Reggio Emilia) REGISTRO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE ISTITUZIONE E REGOLAMENTO (Legge Regionale n. 34 del 9 dicembre 2002 e smi) CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: IL TRATTAMENTO DEI BENI RESTITUITI ALLA SOCIETA DI LEASING PAG.

SOMMARIO. Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: IL TRATTAMENTO DEI BENI RESTITUITI ALLA SOCIETA DI LEASING PAG. CIRCOLARE N. 15 DEL 03/09/2015 SOMMARIO Nella presente circolare tratteremo i seguenti argomenti: IL TRATTAMENTO DEI BENI RESTITUITI ALLA SOCIETA DI LEASING PAG. 2 IN SINTESI: Recentemente la Corte di

Dettagli

La Sicurezza sul lavoro: dalla riforma del 2008 ad oggi

La Sicurezza sul lavoro: dalla riforma del 2008 ad oggi La Sicurezza sul lavoro: dalla riforma del 2008 ad oggi Roma Luglio 2014 La sicurezza è vita. CONFERENZA di NAPOLI 25 e 26 Gennaio 2007 La tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro è un tema

Dettagli

SINDACATO DELLE FAMIGLIE

SINDACATO DELLE FAMIGLIE Roma, 19 febbraio 2015 SINDACATO DELLE FAMIGLIE Audizione presso la Commissione Giustizia del Senato nell'ambito dell'esame dei disegni di legge nn. 14 e connessi in materia di disciplina delle coppie

Dettagli

OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Nell ambito del sistema di accertamento nei confronti delle persone fisiche, trovano nuova linfa le disposizioni che definiscono

Dettagli

CORTE DEI CONTI. Delibera n. 256/2012/SRCPIE/PAR. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 21 giugno

CORTE DEI CONTI. Delibera n. 256/2012/SRCPIE/PAR. La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 21 giugno CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 256/2012/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 21 giugno 2012, composta dai Magistrati:

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente 10/12/2015 AG 90/15/AP Spett.le Ministero dell Economia e delle Finanze Oggetto: Richiesta di parere del Ministero dell Economia e delle Finanze prot. n. 151928 del 12.11.2015 - Schema di decreto del Ministro

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 Considerato che: Il 7 agosto u.s. si è tenuto un incontro tra il Presidente del Consiglio dei Ministri Enrico Letta, affiancato

Dettagli

DL 47/2014 (cd. Decreto casa) Conversione in legge 28 Maggio 2014

DL 47/2014 (cd. Decreto casa) Conversione in legge 28 Maggio 2014 DL 47/2014 (cd. Decreto casa) Conversione in legge 28 Maggio 2014 Pubblicata sulla G.U. n.121 del 27 maggio 2014 la Legge 23 maggio 2014, n.80, di conversione, con modificazioni, del Decreto Legge 28 marzo

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione Regolamento per l affidamento degli appalti di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alla soglia di rilevanza comunitaria, ai sensi dell articolo 238, comma 7 del d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163.

Dettagli

COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI MONTECALVO IN FOGLIA Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI Approvato con delibera del C.C. n. 14 del 30/03/2007 INDICE FINALITA Articolo 1 DISCIPLINA

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI

IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI 7 IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI In questo capitolo, dopo aver ripercorso l evoluzione legislativa e giurisprudenziale della fattispecie oggetto di trattazione, si dirà del diverso

Dettagli

Deliberazione n. 11/pareri/2007

Deliberazione n. 11/pareri/2007 Deliberazione n. 11/pareri/2007 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Donato Maria

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n. 4/2007 del 29 marzo 2007 Indicazioni sull affidamento dei servizi di ingegneria ed architettura a seguito

Dettagli

RELAZIONE introduttiva Atto Governo 91 Versione originale Presidente, colleghi,

RELAZIONE introduttiva Atto Governo 91 Versione originale Presidente, colleghi, RELAZIONE introduttiva Atto Governo 91 Versione originale Presidente, colleghi, lo schema di decreto oggi all esame si inserisce in un articolato percorso di confronto con il governo. Su un tema complesso

Dettagli

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 04 agosto 2006

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 04 agosto 2006 CIRCOLARE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 04 agosto 2006 OGGETTO:Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006, - Revisione del regime fiscale delle cessioni e locazioni di fabbricati

Dettagli

Lombardia/406/2010/PRSE

Lombardia/406/2010/PRSE Lombardia/406/2010/PRSE REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: Dott. Nicola Mastropasqua Presidente Dott. Antonio Caruso Dott. Giuliano

Dettagli

Il regime d aiuto è applicabile sul territorio nazionale nel rispetto della normativa europea in materia di aiuti di Stato nel settore agricolo.

Il regime d aiuto è applicabile sul territorio nazionale nel rispetto della normativa europea in materia di aiuti di Stato nel settore agricolo. Introduzione Nell ambito delle politiche di sviluppo rurale ed in armonia con la normativa comunitaria, nazionale e regionale, l Ismea, organismo fondiario nazionale, intende incentivare l insediamento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 156/2011/SRCPIE/PRSE La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott.

Dettagli

ALL. 2 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

ALL. 2 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA ALL. 2 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Direttiva in materia di annullamento d ufficio di provvedimenti illegittimi, ai sensi dell articolo 1, comma 136, della

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Pubblicità immobiliare e affari legali Roma, 4 marzo 2015 OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali 2 INDICE Premessa... 3 1. Il decreto di

Dettagli

OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali

OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Pubblicità immobiliare e affari legali Roma, 4 marzo 2015 OGGETTO: Annotazioni ex art 586 c.p.c. Profili civilistici e fiscali 2 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. IL DECRETO

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA DI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI VITTORIO

SCHEMA DI CONTRATTO PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA DI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI VITTORIO ALLEGATO 10 SCHEMA DI CONTRATTO PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA DI IMMOBILI DI PROPRIETA DEL COMUNE DI VITTORIO VENETO PER LA SOLA ACQUISIZIONE DEI BENI INSERITO NELL APPALTO INTEGRATO PER LA REALIZZAZIONE

Dettagli

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita Articolo 22 (Norme di interpretazione e modifiche al D.Lgs. 231/2002, recante attuazione della direttiva 2000/35/CE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali Caso

Dettagli