Piano Tecnico Territoriale Calabria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano Tecnico Territoriale Calabria"

Transcript

1 Codice: Pag. 1 di 15 Piano Tecnico Territoriale Calabria Azione Data Ruolo Nome Firma Redatto da Validato da Firmato da PT ON DG

2 Codice: Pag. 2 di 15 Identificazione del documento Tabella 1 - Dati identificativi del documento Codice Titolo Piano Tecnico Territoriale Calabria Revisione Nome del file Editor Tabella 2 - Registro dei cambiamenti Revisioni n. in data motivazione 0 Prima emissione 1 Luglio 2011 Prima revisione Tabella 3 - Distribuzione in forma controllata Distribuito in forma controllata [] Sì [X]No Numero copie in forma controllata Tabella 4 - Lista di distribuzione Destinatario Ruolo Copia/e controllata/e n.

3 Codice: Pag. 3 di 15 Sommario 1 Premessa 4 2 Introduzione 4 3 Stato della copertura del servizio ADSL nella Regione 5 4 Analisi delle cause Infrastrutturali del Digital Divide 6 5 Piano degli interventi Criteri di Pianificazione Modalità di attuazione Dettaglio degli interventi per l abbattimento del Digital Divide 9 Intervento di realizzazione NGAN Gioia Tauro 13 6 Riepilogo Interventi e Costi 14

4 Codice: Pag. 4 di 15 1 Premessa Il presente documento descrive le attività di Realizzazione del Programma di Interventi per lo sviluppo della Banda Larga nella Regione Calabria ed è basato sull Accordo di Programma siglato il 27 ottobre L attuazione del programma descritto nell Accordosarà disciplinata da distinte Convenzioni Operative, una per ciascuna fonte di finanziamento ai sensi dell art Il Programma degli interventi è finanziato con: a. risorse del Ministero dello Sviluppo Economico per un importo pari a Euro ,00; b. per l ammontare di Euro ,00 (IVA compresa) a valere sui fondi del Programma POR-FESR , Asse I, Linea I.2.4.2; c. per l ammontare di Euro ,00 (IVA esclusa) a valere sui fondi della Misura Azione 4 del Programma di Sviluppo Rurale per la Calabria , cofinanziato dal FEASR. d. Il piano degli interventi è integrato all interno di un più ampio programma di infrastrutturazione del territorio promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico e dalla Regione Calabria ed è coerente con il più esteso Programma Nazionale Banda Larga. In particolare, in base alle esigenze espresse dalla regione Calabria, si prevede la realizzazione di una rete NGAN a servizio dell area industriale e del porto di Gioia Tauro. A tal fine è stato deciso un accantonamento di 4 milioni di euro dal fondo FESR per la realizzazione di questo progetto. 2 Introduzione La diffusione estesa della banda larga sul territorio regionale abiliterà in modo significativo l erogazione di servizi on-line per i cittadini e le imprese, la diffusione dell informazione, la condivisione ed accessibilità del patrimonio regionale, l'inclusione dei cittadini nella vita amministrativa regionale, l adozione di nuove tecnologie a supporto dell innovazione e del cambiamento nel campo sociale, sanitario ed economico. L esigenza della banda larga a beneficio di tutti i cittadini è quindi fattore chiave per lo sviluppo della Società dell Informazione e, in Europa, si evidenzia oramai come una delle linee di sviluppo più significative. L attenzione verso la creazione di condizioni abilitanti all utilizzo della banda larga è confermata anche da iniziative intraprese dalla Commissione Europea nell ambito del documento di azione Un Agenda Digitale Europea che, tra gli obiettivi, propone e promuove servizi e applicazioni basati su infrastrutture di rete a banda larga e quindi sulla necessità di una quanto più ampia disponibilità di accesso sul territorio. In particolare gli obiettivi posti dall Agenda Digitale Europea sono: Disponibilità di accessi base (p.e. 7 Mbps) per tutti i cittadini entro il 2013; Disponibilità di accessi a 30 Mbps per tutti i cittadini entro il 2020; Disponibilità di accessi a 100 Mbps per il 50% delle abitazioni il L indisponibilità delle connessioni a banda larga, infatti, acuisce la condizione di svantaggio di molte zone della Calabria, per le quali la possibilità di disporre delle moderne tecnologie rappresenta invece uno dei fattori chiave per la promozione di efficaci azioni di sviluppo economico e sociale: l accesso all informazione che le moderne tecnologie permettono è fonte di ricchezza per molti ma, per chi non ha garantita tale opportunità di accesso, di maggiore disuguaglianza. I programmi volti ad abilitare il territorio alla larga banda, e in particolar modo le aree marginali e disagiate, devono naturalmente tenere conto di principi fondamentali come il partenariato pubblico-privato, l omogeneità degli interventi, la compatibilità e gli equilibri nelle scelte strategiche, l evoluzione tecnologica, e realizzare, senza

5 Codice: Pag. 5 di 15 duplicazione, infrastrutture di comunicazione in linea con le esigenze degli utilizzatori e che consentano economie di scala o sinergie fra gli interventi. La Regione Calabria, nel corso degli ultimi anni, ha attuato iniziative volte alla riduzione del digital divide sul territorio regionale attraverso diverse modalità di intervento. In linea con gli interventi realizzati, l Amministrazione regionale ritiene ad oggi importante investire sullo sviluppo di infrastrutture di backhaul, quale condizione necessaria al potenziamento ed estensione delle reti di accesso. 3 Stato della copertura del servizio ADSL nella Regione Dall analisi condotta dal Ministero dello Sviluppo Economico sugli ambiti territoriali in digital divide, deriva la tabella sottostante che sintetizza lo stato della copertura dei Comuni della Regione Calabria al 30 giugno 2011, rappresentata in termini di aree di centrale. La regione Calabria è servita da 597 nodi di accesso ( di cui 488 centrali principali corrispondenti a 2568mila linee) a cui è attestata la rete in rame che raggiunge gli utenti (oltre 609mila linee telefoniche). Si evidenzia che al 30 giugno 2011 l 86,46% della popolazione telefonica calabrese dispone di una connessione a larga banda in modalità Full (con banda teorica di almeno 7Mbps) e il 9,34% in modalità Lite (con banda teorica di 640Kbps). Il rimanente 4,20% risulta essere totalmente sprovvisto di servizio ADSL. I dati di copertura sono presentati al lordo della fattibilità tecnica relativa alla rete di accesso, tenendo conto di multiplatori e concentratori, ma non tenendo quindi in considerazione eventuali problematiche relative alla presenza di extra-lunghezze e bassa qualità dei doppini telefonici (su base nazionale circa il 2,2% delle linee di rete d accesso è affetta da problematiche di questo tipo). Nodi d accesso % Copertura pop. telefonica ADSL2+ (20 Mbps) ,24% ADSL (7Mbps) ,91% ADSL Lite (640kbps) 171 9,97% Divario Digitale 114 4,54% Tabella: copertura ADSL in Calabria al 30 giugno 2011 Ai fini dell intervento in oggetto e in coerenza con il Piano Nazionale, verranno considerati interventi anche nei comuni coperti con ADSL Lite, in quanto tale tecnologia non garantisce l accessibilità a numerosi servizi a banda larga e presenta limitazioni nella quantità di utenti che possono essere serviti.

6 Codice: Pag. 6 di 15 4 Analisi delle cause Infrastrutturali del Digital Divide L inadeguatezza delle infrastrutture a larga banda è dovuta a caratteristiche orografiche, geo-morfologiche e demografiche che generano costi di infrastrutturazione troppo elevati in relazione alla densità della popolazione e quindi al ritorno degli investimenti. SEDE CLIENTE RETE DI ACCESSO NODO DI ACCESSO RETE DI BACKHAUL OPERATORE NODO DI SERVIZIO MODEM ADSL 94,9% DSLAM 3,1% MODEM ANALOGICO MULTIPLEX INTERMEDIO UCR 2,1% LINEA LUNGA BST Figura 1: cause infrastrutturali del DD Le carenze infrastrutturali sono riconducibili a due segmenti della rete, con riferimento alla figura: Backhaul - Middle Mile: insufficiente capacità delle reti di raccolta dei nodi a cui è attestata la rete di accesso (da risolvere con la realizzazione di reti in fibra ottica); Rete di Accesso - Last Mile: inadeguatezza della rete di accesso intesa in senso esteso come l insieme di apparati attivi e portanti (da risolvere con la bonifica della rete esistente e/o con la sostituzione con reti di nuova generazione ottiche e radio). Per quanto riguarda la rete di backhaul regione Calabria vi sono 536 centrali principali, di queste: 448 dispongono di backhaul ottico; 88 dispongono di backhaul a bassa capacità inadeguato per il Piano Nazionale. Inoltre si riscontra la presenza di 61 nodi secondari (MUX e UCR) di cui 40 collegati in fibra ottica e 21 con portante rame o radio (inadeguati per le finalità del Piano Nazionale). 5 Piano degli interventi L obiettivo del programma, coerentemente con il Piano Nazionale Banda Larga, è l infrastrutturazione dei territori regionali attualmente non coperti mediante la realizzazione di nuovi reti in fibra ottica che consentono l abilitazione all offerta di servizi di connettività in Banda Larga attivabili dagli operatori di telecomunicazione.

7 Codice: Pag. 7 di 15 Sulla base dell analisi condotta dal Ministero sugli ambiti territoriali in Digital Divide a livello nazionale, che tiene conto anche dei risultati della Consultazione 2011 rivolta agli operatori di Telecomunicazioni, è stato definito congiuntamente con l Amministrazione regionale l elenco degli interventi infrastrutturali di backhauling nel territorio della regione Calabria. In virtù di ciò, rimuovendo il deficit infrastrutturale, si promuoverà presso gli operatori di settore l utilizzo dei nuovi portanti in fibra ottica, per la fornitura del servizio di connettività veloce all utente finale. 5.1 Criteri di Pianificazione La scelta degli interventi da inserire nelle diverse fasi è stata effettuata con i seguenti criteri: Aree in cui è stato verificato l interesse degli operatori di telecomunicazione ad attivare una propria rete di accesso usufruendo delle infrastrutture da realizzarsi nell ambito dello stesso programma; Rispetto dei vincoli di impiego di ciascuna fonte di finanziamento: o In particolare saranno finanziati con fondi FEASR gli interventi riservati alle aree bianche ricadenti nelle aree rurali C e D; o Il FESR interverrà principalmente nelle aree bianche ricadenti nelle aree A e B, ad eccezione di alcune aree C e D già parzialmente servite che sono funzionali alla realizzazione della rete nelle suddette aree; Intervenire prioritariamente in Aree Bianche (con riferimento al documento Orientamenti comunitari relativi all applicazione delle norme in materia di aiuti di Stato in relazione allo sviluppo rapido di reti a banda larga (2009/C 235/04) ), riservando un approfondimento alle aree Grigie; Assegnare le priorità in base alla numerosità della utenza potenziale già collegata al nodo per il servizio telefonico e che viene considerata come potenziale utente per il servizio ADSL; Collegare Bacini Omogenei per tipologia di finanziamento. In relazione alla determinazione della tipologia delle aree candidate agli interventi, il Dipartimento per le Comunicazioni del MISE ha dato mandato ad Infratel di effettuare una consultazione con l obiettivo di: individuare quelle aree del territorio nazionale in cui le infrastrutture a banda larga sono inesistenti e non si prevede verranno sviluppate nel medio termine; raccogliere le manifestazioni di interesse degli operatori all acquisizione di diritti d uso su infrastrutture di telecomunicazioni al fine di offrire il servizio a larga banda, qualora dette infrastrutture vengano realizzate dalla Pubblica Amministrazione. La consultazione è stata aperta il 24 febbraio 2010 con la pubblicazione su siti internet istituzionali, GURI, quotidiani e comunicazioni dirette agli operatori (oltre 700). La fase di raccolta dei dati relativi alla nuova consultazione pubblica si è conclusa l 11 aprile 2011, gli operatori che hanno risposto alla consultazione per la regione Calabria sono: ARIA Fastweb H3G Telecom Italia

8 Codice: Pag. 8 di 15 Tiscali Vodafone Wind TLC Web Winet Solution Hal Service Astra Broadband Services Digitaria Open Sky Skylogic Telespazio Per la regione Calabria sono state sottoposte a consultazione 160 aree (di cui 76 già notificate alla CE nell ambito del regime di aiuto candidabili all intervento di infrastrutturazione finanziato con il regime di aiuto n. N 646/2009 per lo sviluppo di reti a larga banda nelle aree rurali bianche d Italia, approvato dalla Commissione europea con Decisione C (2010) 2956 del 30 aprile 2010). Di queste 103 risultano BIANCHE, 26 risultano GRIGIE e 31 NERE. 5.2 Modalità di attuazione Il modello di intervento prevede la realizzazione di Infrastrutture Pubbliche di Backhaul in modo da estendere la rete in fibra ottica esistente per il collegamento dei nodi di accesso per poi successivamente cedere i diritti d uso (IRU) di cavidotti e fibra spenta agli Operatori che installano gli apparati e offrono la connettività a Banda Larga ai cittadini e alle imprese. Infratel in qualità di Stazione Appaltante emette un Bando di Gara per l affidamento della Progettazione Esecutiva e della successiva Realizzazione di Infrastrutture costituite da Impianti in Fibra Ottica, per una rete a Banda Larga, comprensiva della fornitura e posa in opera del relativo cavo in Fibra Ottica e della successiva Manutenzione. L aggiudicazione dell appalto viene effettuata a favore del concorrente che presenta l offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi del D. Leg. vo 163/2006 artt. 81 e 83. Al termine dei Lavori seguirà il collaudo con la verifica di regolare esecuzione della singola tratta, al termine della quale sarà emesso il Certificato di Regolare Esecuzione. Durante lo sviluppo del progetto si intende mantenere un coordinamento con tutti gli operatori presenti sul territorio in modo da indirizzare il progetto in maniera complementare con i piani di sviluppo degli stessi. La tipologia impiantistica consiste in un rilegamento che generalmente collega una rete in fibra ottica esistente lungo una dorsale extraurbana con i comuni non raggiunti dalla rete a larga banda. In tali comuni si prevede di realizzare il raccordo con i nodi di accesso di operatori di TLC, in modo da abilitare l offerta di servizi a banda larga con velocità fino a 20 Mbit/s con un minimo di 2 Mbit/s. Detti rilegamenti sono generalmente costituiti da infrastrutture di posa di nuova realizzazione intervallate da tratte di infrastruttura di posa esistente, tubazioni o palificate per le quali saranno acquisiti i diritti di passaggio per un tempo sufficientemente lungo (tipicamente 15 anni).

9 Codice: Pag. 9 di 15 Le tratte di nuova realizzazione saranno di norma realizzate in minitrincea o mediante tecniche di perforazione teleguidata con la posa di un tritubo (o tre tubi) e di un cavo, tipicamente da 48 fibre. In casi limitati si potrà fare ricorso alla realizzazione di nuove palificate sulle quali sarà posato un cavo autoportante tipicamente da 48 fibre. In ciascun progetto si impiegheranno tutte le eventuali infrastrutture esistenti che consentiranno di abbattere i costi di scavo evitando duplicazioni. Le infrastrutture esistenti saranno acquisite mediante contratto di IRU (Indefeasible Right of Use) a 15 anni a seguito dell espletamento di una procedura aperta per la selezione degli operatori. 5.3 Dettaglio degli interventi per l abbattimento del Digital Divide Di seguito nelle tabelle si riassume il piano degli interventi negli ambiti territoriali attualmente non raggiunti da servizi di connettività ADSL suddivisi tra quelli finanziati con fondi della Regione Calabria e quelli con fondi del Ministero dello Sviluppo Economico. Nel complesso il piano prevede di effettuare 274 interventi con una riduzione del Digital Divide Regionale di 6,52 punti percentuali passando dal 14,51% attuale al 7,9% a fine piano. Si nota che il DD non si azzera pur avendo collegato quasi tutte le centrali in fibra ottica. Il motivo di tale situazione risiede nel fatto che sono presenti: 60 nodi già collegati in fibra non dotati di servizio ADSL; 140 nodi già collegati in fibra dotati di servizio ADSL Lite (max 640 kbps). Pertanto è necessario provvedere, da parte di almeno un operatore di TLC, all installazione di apparati DSLAM presso i nodi collegato in fibra ottica mediante l intervento pubblico rappresentato in questo programma o altri interventi precedenti. In tabella seguente si riporta il dettaglio degli interventi. Le fonti di finanziamento riportate sono cosi codificate: 1. MISE: risorse del Ministero dello Sviluppo Economico; 2. -FESR: a valere sui fondi del Programma POR-FESR , Asse I, Linea I.2.4.2; 3. -FEASR: a valere sui fondi FEASR Programma di Sviluppo Rurale per la Calabria , Misura 321 Azione 4. Con la dicitura si indicano centrali che sono già collegate in fibra ottica a centrali oggetto di intervento ma non alle dorsali e, pertanto, beneficiano del collegamento realizzato con l intervento in pianificazione, e ne qualificano l efficacia.

10 Codice: Pag. 10 di 15 Interventi Popolazione telefonica abilitata Riduzione del Digital Divide MISE ,46% -FESR ,48% -FEASR ,25% MISE ,18% ,15% TOTALE INTERVENTI Diretti TOTALE ,52% CLLI SEDE Nome Sede Denominazione ISTAT Comune Provincia Linee equiv Tot Km Fo Totale (keuro) Finanziamento COSEITBK ROSE Rose Cosenza 684 6,0 240,0 MISE RECAITAQ CASALE C. Calabria Calabria 589 7,1 284,0 MISE POLIITAB GIFFONE Giffone Calabria ,8 230,3 MISE COCAITAB S. GIORGIO ALBANESE San Giorgio Albanese Cosenza ,8 407,7 MISE COCAITAK VACCARIZZO ALBANESE Vaccarizzo Albanese Cosenza 433 0,0 0,0 MISE AMENITAD AMENDOLARA PAESE Amendolara Cosenza 396 4,2 153,1 MISE ROGLITAC CARPANZANO Carpanzano Cosenza ,8 426,4 MISE ROGLITAG SCIGLIANO Scigliano Cosenza 609 8,7 344,3 MISE ROGLITAH BIANCHI Bianchi Cosenza 368 0,0 0,0 MISE ROGLITAJ COLOSIMI Colosimi Cosenza 324 0,0 0,0 MISE CARIITAA SCALA COELI Scala Coeli Cosenza ,5 500,0 MISE CARIITAE CAMPANA Campana Cosenza ,8 672,0 MISE CARIITAF MANDATORICCIO Mandatoriccio Cosenza 734 5,9 236,0 MISE S. NICOLA DI ROIOITAF CAULONIA 2 Caulonia Calabria ,2 408,0 MISE BISIITAL S. MARTINO DI ACRI Acri Cosenza 705 6,5 181,5 MISE TIRIITAF GIMIGLIANO Gimigliano Catanzaro ,8 417,1 MISE DIAMITAH S. LITTERATA Belvedere Marittimo Cosenza 478 3,8 85,9 MISE BISIITAE DUGLIA Acri Cosenza 584 4,1 117,3 MISE CETRITAA S. MARTINO C. Cetraro Cosenza 534 3,5 108,2 MISE Vibo VIVAITAD STEFANACONI Stefanaconi Valentia 453 3,3 122,7 MISE

11 Codice: Pag. 11 di 15 CLLI SEDE Nome Sede Denominazione ISTAT Comune BIANITAZ GALATI 2 Brancaleone Linee equiv Tot Km Fo Totale (keuro) Consultazione 2011 Finanziamento Provincia Calabria 178 2,5 100 #N/D -FESR MAIDITU0001 FILADELFIA AR09 Catanzaro Catanzaro ,1 299,4 GRIGIA -FESR RECAITAF ARASI' Calabria Calabria 354 8,2 303,7 BIANCA -FESR RECAITAK TERRETI Calabria Calabria 338 7,8 312 BIANCA -FESR STROITAE S. NICOLA DELL'ALTO San Nicola dell'alto Crotone ,1 501,6 BIANCA -FESR TAVEITAD TAVERNA Taverna Catanzaro #N/D -FESR SERSITAF CERVA Cerva Catanzaro 364 6,5 260 #N/D -FESR CIMAITAD CRUCOLI Crucoli Crotone 254 7,5 281,3 BIANCA -FESR RECAITAA VILLA S. GIUSEPPE Calabria Calabria BIANCA -FESR MOUFITAB S. VINCENZO LA COSTA San Vincenzo La Costa Cosenza ,7 GRIGIA -FESR LATEITAN GIZZERIA Gizzeria Catanzaro 538 8,7 340,5 BIANCA -FESR S. MAURO San Mauro SASVITAC MARCHESATO Marchesato Crotone BIANCA -FESR SASVITAE SCANDALE Scandale Crotone BIANCA -FESR LATEITAK ACQUAFREDDA C. Lamezia Terme Catanzaro ,1 327,4 BIANCA -FESR MAIDITAD VENA DI MAIDA Maida Catanzaro 246 7,8 312 BIANCA -FESR COCAITAG PIANA DI CARUSO Corigliano Calabro Cosenza 210 7,4 281,1 BIANCA -FESR PALMITAC BAGNARA CALABRA Bagnara Calabra Calabria ,2 48 #N/D -FESR CLLI SEDE Nome Sede Denominazione ISTAT Comune Provincia Linee equiv Tot Km Fo Totale (keuro) Consultazi one 2011 Finanziamento DIAMITAD GRISOLIA Grisolia Cosenza 368 8,5 270,6 BIANCA -FEASR C BIANITAE S. LUCA San Luca Calabria ,4 496 BIANCA -FEASR D SERSITAD ZAGARISE Zagarise Catanzaro BIANCA -FEASR D TROPITAD ZUNGRI Zungri Vibo Valentia ,6 BIANCA -FEASR D FBRIITAD MONGIANA 2 Mongiana Vibo Valentia 188 9,5 366,9 BIANCA -FEASR D San Donato di SASTITAF S. DONATO DI NINEA Ninea Cosenza ,2 301,5 BIANCA -FEASR C PALLITAA PALLAGORIO Pallagorio Crotone ,1 BIANCA -FEASR D PALLITAC VERZINO Verzino Crotone 546 9,8 377,1 BIANCA -FEASR D TAVEITAA S.PIETRO MAGISANO Magisano Catanzaro 322 6,5 260 BIANCA -FEASR D CARIITAB TERRAVECCHIA Terravecchia Cosenza 221 9,6 374,7 BIANCA -FEASR D RIACITAE RIACE Riace Calabria BIANCA -FEASR D RIACITAF STIGNANO CAL. Stignano Calabria 335 3,8 152 BIANCA -FEASR D GIIOITAA S. GIOVANNI DI GERACE San Giovanni di Gerace Calabria 148 6,4 256 BIANCA -FEASR D RIACITAC PLACANICA Placanica Calabria 210 8,5 340 BIANCA -FEASR D CLASSE Rurale

12 Codice: Pag. 12 di 15 CLLI SEDE Nome Sede Denominazione ISTAT Comune Provincia Linee equiv Tot Km Fo Totale (keuro) Consultazi one 2011 Finanziamento ROGLITAE MANGONE Mangone Cosenza 164 2,3 92 BIANCA -FEASR D FBRIITAC NARDODIPACE Nardodipace Vibo Valentia BIANCA -FEASR D LOCRITAJ CIMINA' Ciminà Calabria ,3 412 BIANCA -FEASR D ROIOITAC FAVACO Stignano Calabria BIANCA -FEASR D CHCEITAB NOVALBA Cardinale Catanzaro 903 5,4 207,5 BIANCA -FEASR D MAIDITAL CORTALE Cortale Catanzaro 634 5,6 222,1 BIANCA -FEASR D SGFIITAE SAVELLI C. Savelli Crotone ,2 487,4 BIANCA -FEASR D SQUIITAE STALETTI' Stalettì Catanzaro 426 3,3 132 BIANCA -FEASR D STROITAB CASABONA Casabona Crotone ,8 632 BIANCA -FEASR D SQUIITAD COPANELLO Stalettì Catanzaro 414 5,5 173,3 BIANCA -FEASR D DIAMITAB BUONVICINO Buonvicino Cosenza 321 7,4 203,9 BIANCA -FEASR C PAOLITAM VALLE S. MARIA (CA) Fuscaldo Cosenza 337 3,5 80,2 BIANCA -FEASR C Sant'Andrea SOVEITAF S. ANDREA APOST.IONIO Apostolo dello Ionio Catanzaro 425 3,5 140 BIANCA -FEASR D VIVAITAA PANNACONI Cessaniti Vibo Valentia 355 4,5 180 BIANCA -FEASR D VIVAITAB FRANCICA Francica Vibo Valentia BIANCA -FEASR D CARIITAD BOCCHIGLIERO Bocchigliero Cosenza BIANCA -FEASR C SALRITAG S. LORENZO MARINA 2 San Lorenzo Calabria 223 1,2 38,7 BIANCA -FEASR D MAIDITAC IACURSO Jacurso Catanzaro 221 4,9 190,4 BIANCA -FEASR D RIACITAA MONASTERACE Monasterace Calabria 196 3,8 152 BIANCA -FEASR D RIACITAG STILO Stilo Calabria BIANCA -FEASR D PALMITAA SOLANO INFERIORE Bagnara Calabra Calabria 262 9,3 372 BIANCA -FEASR C LAGAITAD VILLAMESA Calanna Calabria BIANCA -FEASR C MPSAITAA S. CARLO DI CONDOFURI Condofuri Calabria 205 6,4 248,5 BIANCA -FEASR D TROPITCJ ZAMBRONE/DAFFINA' Zambrone Vibo Valentia 75 4,7 188 BIANCA -FEASR D AMENITAB CASTROREGIO Castroregio Cosenza 77 17,0 680,0 BIANCA -FEASR D BIANITAC FERRUZZANO Ferruzzano Calabria 49 5,2 208,0 BIANCA -FEASR D CLASSE Rurale CLLI SEDE Nome Sede Denominazione ISTAT Comune Provincia Linee equiv Tot Km Fo Totale (keuro) MAIDITU0002 FILADELFIA MA0004 Lamezia Terme Catanzaro MAIDITU0005 FILADELFIA AR07 Lamezia Terme Catanzaro FBRIITAA FABRIZIA Fabrizia Vibo Valentia SASTITU0002 S.SOSTI MA0001 San Sosti Cosenza SASTITU0001 S.SOSTI MA0002 San Sosti Cosenza Finanziamento

13 Codice: Pag. 13 di 15 STROITAA CARFIZZI Carfizzi Crotone PALLITAB UMBRIATICO Umbriatico Crotone SERSITAK CERVA MA0001 Andali Catanzaro SASTITAD S. SOSTI San Sosti Cosenza FRANCAVILLA Francavilla MAIDITAJ ANGITOLA Angitola Vibo Valentia Sant'Agata di SASTITAE S. AGATA DI ESARO Esaro Cosenza SASTITAA MACELLARA San Sosti Cosenza TAVEITAC VILLAGGIO MANCUSO Taverna Catanzaro MAIDITAK FILADELFIA Filadelfia Vibo Valentia SERSITAG PETRONA' Petronà Catanzaro RIACITAH PAZZANO 2 Bivongi Calabria SERSITAJ BELCASTRO 3 Belcastro Catanzaro Intervento di realizzazione NGAN Gioia Tauro Come anticipato in premessa la regione Calabria, ha richiesto di inserire a piano la realizzazione di una rete NGAN a servizio dell area industriale e del porto di Gioia Tauro. Infatti la regione Calabria, al fine di facilitare la diffusione dei servizi basati su connettività a Banda Ultra Larga intende sviluppare un progetto finalizzato alla realizzazione di infrastrutture di posa (cavidotti) e di portanti (cavi) ottici per consentire agli operatori di telecomunicazioni l implementazione di reti di accesso a banda ultra larga internazionalmente note come Next Generation Access Networks (NGAN). In tal modo l area in oggetto potrà aumentare la propria attrattività nei riguardi delle imprese e migliorare la competitività del sistema locale. Nonostante i positivi risultati raggiunti dalle soluzioni ADSL e, successivamente, dalle soluzioni ADSL2+, che offrono all utente migliori prestazioni in termini di banda, tutti gli Operatori hanno avviato negli ultimi anni sperimentazioni e/o piani limitati di introduzione, nel medio lungo termine, di nuove tecnologie innovative per la rete di accesso, che fanno uso della fibra ottica, unanimemente considerata come la soluzione target per la banda ultra larga, sia per gli accessi fissi sia come backhaul per le stazioni base distribuite delle reti mobili di nuova generazione. La prospettiva di forte sviluppo di servizi basati su NGAN in un immediato futuro è confermata dai principali studi internazionali ed in particolare è in linea con le iniziative che si stanno avviando in sede europea ed, in particolare con l Agenda Digitale Europea. A tal fine è stato deciso un accantonamento di 4 milioni di euro dal fondo FESR per la realizzazione di questo progetto i cui elementi di dettaglio verranno precisati in revisioni successive del presente documento.

14 Codice: Pag. 14 di 15 6 Riepilogo Interventi e Costi Il programma complessivo prevede la realizzazione di circa 571 km di rete ottica, in gran parte posata in infrastruttura di nuova realizzazione e in parte posata in infrastrutture acquisite in IRU. Per la valorizzazione degli interventi si adotta l ipotesi, basata su informazioni ottenute dagli operatori di TLC presenti sul territorio ragionale, che su 571 km complessivi esistano circa 81 km di infrastruttura di posa esistente da acquisire ed utilizzare per la posa del cavo ottico. Interventi Linee abilitate Costo lavori Costo IRU MISE/Infratel Totale Totale con IVA (solo per regione) Somma a disposizione MISE FESR FEASR MISE TOTALE INTERVENTI DD NGAN GIOIA TAURO (FESR) TOTALE

15 Codice: Pag. 15 di 15 Costo lavori: comprende la realizzazione della infrastruttura di posa, il cavo ottico, i ripristini stradali e tutto quanto è necessario per la messa in servizio (componenti ottici, misure e collaudi). Costo IRU: è relativo al costo dell acquisizione delle infrastrutture di posa in IRU per 15 anni (max 12,32 euro/metro) MISE/Infratel: è il corrispettivo per le attività di stazione appaltante, progettazione, direzione lavori e coordinamento per la sicurezza.

Piano Nazionale per la Larga Banda

Piano Nazionale per la Larga Banda Piano Nazionale per la Larga Banda Paolo Corda Infratel Italia spa Piano Nazionale per la Larga Banda Dipartimento per le Comunicazioni Obiettivo principale del Piano Nazionale è raggiungere il 95,6% della

Dettagli

Realizzazioni, progetti e strategie di Infratel sul territorio della regione Marche. Paolo Corda Responsabile Pianificazione Tecnica Infratel SpA

Realizzazioni, progetti e strategie di Infratel sul territorio della regione Marche. Paolo Corda Responsabile Pianificazione Tecnica Infratel SpA Realizzazioni, progetti e strategie di Infratel sul territorio della regione Marche Paolo Corda Responsabile Pianificazione Tecnica Infratel SpA La missione di Infratel Infratel Italia SpA Estendere le

Dettagli

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO AMBIENTE TERRITORIO. Via Isonzo, 414 88100 CATANZARO

REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO AMBIENTE TERRITORIO. Via Isonzo, 414 88100 CATANZARO REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO AMBIENTE TERRITORIO Via Isonzo, 414 88100 CATANZARO PIANO DI RIEFFICIENTAMENTO E RIFUNZIONALIZZAZIONE DEI SISTEMI DEPURATIVI DEI COMUNI COSTIERI DELLA REGIONE CALABRIA STAGIONE

Dettagli

La copertura delle reti a Banda Larga dal Digital Divide alle reti NGAN Salvatore Lombardo. Novembre 2012

La copertura delle reti a Banda Larga dal Digital Divide alle reti NGAN Salvatore Lombardo. Novembre 2012 La copertura delle reti a Banda Larga dal Digital Divide alle reti NGAN Salvatore Lombardo Novembre 2012 Agenda Digitale Europea 2 La missione Estendere le opportunità di accesso alla banda larga, in tutte

Dettagli

Infrastrutture tecnologiche e Banda Larga

Infrastrutture tecnologiche e Banda Larga Infrastrutture tecnologiche e Banda Larga La connettività a banda larga rappresenta un fattore strategico per lo sviluppo di un territorio in termini di crescita economica e di coesione sociale, come ormai

Dettagli

Luca Zanetta Uniontraspor ti. Piani per lo sviluppo delle infrastrutture di rete in Calabria

Luca Zanetta Uniontraspor ti. Piani per lo sviluppo delle infrastrutture di rete in Calabria Luca Zanetta Uniontraspor ti Piani per lo sviluppo delle infrastrutture di rete in Calabria Reti a banda larga e ultralarga Le reti di telecomunicazione ad alta velocità sono un infrastruttura strategica

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO REGIONE FORMAT ACCORDO MINISTERO DELLO REGIONE SVILUPPO ECONOMICO ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E REGIONE VISTO l articolo

Dettagli

Infratel Italia. marzo 2014

Infratel Italia. marzo 2014 Infratel Italia marzo 2014 La missione Estendere le opportunità di accesso alla banda larga, in tutte le aree sottoutilizzate del Paese, attraverso la realizzazione e l integrazione d infrastrutture di

Dettagli

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE IL CONTRIBUTO DEL FEASR PROGRAMMAZIONE SVILUPPO RURALE 2007-2013 Risorse per la banda larga con il Piano europeo di ripresa economica Banda larga nel PSN e nei PSR

Dettagli

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956)

BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956) Allegato B BANDA LARGA NELLE AREE RURALI ITALIANE (Regime d aiuto n. 646/2009, approvato dalla Commissione Europea con Decisione C 2010/2956) In risposta all obiettivo dell UE di garantire a tutti i cittadini

Dettagli

Il contributo Pubblico allo sviluppo dei servizi a Banda Larga

Il contributo Pubblico allo sviluppo dei servizi a Banda Larga Il contributo Pubblico allo sviluppo dei servizi a Banda Larga Paolo Corda Infratel Italia spa La missione di Infratel Estendere le opportunità di accesso alla banda larga in tutte le aree sottoutilizzate

Dettagli

Diritto di accesso alla rete a banda larga: le azioni dell Emilia-Romagna Anna Lisa Minghetti Responsabile Area Reti Lepida & Wireless Lepida SpA

Diritto di accesso alla rete a banda larga: le azioni dell Emilia-Romagna Anna Lisa Minghetti Responsabile Area Reti Lepida & Wireless Lepida SpA Diritto di accesso alla rete a banda larga: le azioni dell Emilia-Romagna Anna Lisa Minghetti Responsabile Area Reti Lepida & Wireless Lepida SpA L Agenda Digitale Europea e l Emilia-Romagna Banda Larga

Dettagli

PROGETTI NON AMESSI A FINANZIAMENTO

PROGETTI NON AMESSI A FINANZIAMENTO PROGETTI NON AMESSI A FINANZIAMENTO ALL. C N. ID COMUNE 1 TAVERNA NON AMMESSA 9 POLISTENA NON AMMESSA UNIONE COMUNI: AMANTEA, 14 NON AMMESSA BELMONTE, S. P. IN G. 15 SOVERIA SIMERI NON AMMESSA ATTO DI

Dettagli

RELAZIONE PIANO NAZIONALE BANDA LARGA: - Ottobre 2011 - CARATTERISTICHE E MODALITÀ ATTUATIVE

RELAZIONE PIANO NAZIONALE BANDA LARGA: - Ottobre 2011 - CARATTERISTICHE E MODALITÀ ATTUATIVE RELAZIONE PIANO NAZIONALE BANDA LARGA: CARATTERISTICHE E MODALITÀ ATTUATIVE - Ottobre 2011-1 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. ANALISI DI CONTESTO... 3 2.1 Obiettivi della Misura... 4 2.2 Stato della copertura

Dettagli

PAT. LCS DIRETTIVE AI COMUNI PER LA LIMITAZIONE DEL CONSUMO DEL SUOLO. (dicembre 2009)

PAT. LCS DIRETTIVE AI COMUNI PER LA LIMITAZIONE DEL CONSUMO DEL SUOLO. (dicembre 2009) PAT. LCS DIRETTIVE AI COMUNI PER LA LIMITAZIONE DEL CONSUMO DEL SUOLO (dicembre 2009) PAT. LCS DIRETTIVE AI COMUNI PER LA LIMITAZIONE DEL CONSUMO DI SUOLO 1. Direttive per il calcolo del fabbisogno decennale

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni DIPARTIMENTO PER LE COMUNICAZIONI Il modello di calcolo del digital divide infrastrutturale: applicazione al case study Farmacie Alessandro

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA

PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONE CALABRIA FESR 2007-2013 CCI N 2007 IT 161 PO 008 SCHEDE GRANDI PROGETTI (ARTICOLO 39 DEL REGOLAMENTO (CE) 1083/2006) NOVEMBRE

Dettagli

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani

Audizione al Parlamento. ViceMinistro On. Paolo Romani Audizione al Parlamento ViceMinistro On. Paolo Romani 1 L Italia per la sua crescita economica, in tutti i settori, ha bisogno di un infrastruttura di rete elettronica a banda larga. Le misure di policy

Dettagli

Infratel: dalla fase di start - up..

Infratel: dalla fase di start - up.. INFRASTRUTTURE DI RETE PER IL MEZZOGIORNO Il piano Infratel Salvatore Lombardo Resp Infrastrutturazione RETE Catania 19 Maggio 2006 1 Infratel: dalla fase di start - up.. 13 Novembre 2003 22 Dicembre 2003

Dettagli

Piano Nazionale Banda Ultralarga. Trento Marzo 2015

Piano Nazionale Banda Ultralarga. Trento Marzo 2015 Piano Nazionale Banda Ultralarga Trento Marzo 2015 Chi siamo Infratel Italia S.p.A. (Infrastrutture e Telecomunicazioni per l Italia) è stata costituita su iniziativa del Dipartimento Comunicazioni del

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 15/32

DELIBERAZIONE N. 15/32 Oggetto: Atto integrativo all Accordo di Programma per lo sviluppo della banda larga sul territorio della Regione Sardegna del 30.12.2009. Avvio del progetto Piano Nazionale Banda Larga Italia per l attuazione

Dettagli

COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA. (in rosso le aree in Digital Divide)

COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA. (in rosso le aree in Digital Divide) COPERTURA BANDA LARGA IN ITALIA (in rosso le aree in Digital Divide) AL VIA BANDI PER 900 MLN DI EURO PER AZZERARE DIGITAL DIVIDE E BANDA ULTRALARGA Internet veloce per 7 mln. di cittadini, 5000 nuovi

Dettagli

SUSTAINABLE DESIGN AND URBAN PLANNING. Sviluppo delle infrastrutture in fibra ottica nel territorio Regionale Ing. Antonio Quartu

SUSTAINABLE DESIGN AND URBAN PLANNING. Sviluppo delle infrastrutture in fibra ottica nel territorio Regionale Ing. Antonio Quartu SUSTAINABLE DESIGN AND URBAN PLANNING Sviluppo delle infrastrutture in fibra ottica nel territorio Regionale Ing. Antonio Quartu Cagliari, 6 Giugno 2014 Agenda Obiettivi generali >Strategia di sviluppo

Dettagli

Digital divide e gli interventi in corso nel Veneto e in provincia di Padova

Digital divide e gli interventi in corso nel Veneto e in provincia di Padova Digital divide e gli interventi in corso nel Veneto e in provincia di Padova Collana Rapporti N. 899 DIGITAL DIVIDE E GLI INTERVENTI IN CORSO IN REGIONE E NELLA PROVINCIA DI PADOVA L analisi del digital

Dettagli

Obiettivi. Patti Territoriali

Obiettivi. Patti Territoriali Obiettivi realizzare infrastrutture in fibra ottica nelle aree svantaggiate rispetto alla disponibilità di infrastrutture di telecomunicazioni, secondo i principi di precompetitività e salvaguardia del

Dettagli

Il contributo di Infratel alla diffusione della Banda Larga e della Banda Ultra Larga. Rovigo, 25 Settembre 2015

Il contributo di Infratel alla diffusione della Banda Larga e della Banda Ultra Larga. Rovigo, 25 Settembre 2015 Il contributo di Infratel alla diffusione della Banda Larga e della Banda Ultra Larga Rovigo, 25 Settembre 2015 Agenda Digitale Europea 2013 100% Copertura Internet 2020 100% superiore a 30Mbps 50% (abitazioni)

Dettagli

Infratel Italia. Broadband and UltraBroadband Plan. Settembre 2014

Infratel Italia. Broadband and UltraBroadband Plan. Settembre 2014 Infratel Italia Broadband and UltraBroadband Plan Settembre 2014 Agenda Digitale Europea Piano Banda Larga Aiuti di Stato SA 33807/2011 e n 646/2009 Piano Banda Ultra-Larga (Next Generation Access Network)

Dettagli

Nel corso degli ultimi anni sono stati avviati e in parte conclusi diversi interventi finalizzati:

Nel corso degli ultimi anni sono stati avviati e in parte conclusi diversi interventi finalizzati: Oggetto: Avvio delle procedure di concessione agli operatori di telecomunicazioni delle infrastrutture in fibra ottica previste dall accordo di programma per lo sviluppo della banda larga nella Regione

Dettagli

RIFERIMENTO NORMATIVO

RIFERIMENTO NORMATIVO MISURA 321 - SERVIZI ESSENZIALI PER L ECONOMIA E LA POPOLAZIONE RURALE RIFERIMENTO NORMATIVO PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007 2013 Titolo IV, Capo I, sezione 3, sottosezione 2, artt. 52 (b)(i) e 56 del

Dettagli

INFRATEL ITALIA Piano Nazionale Banda Larga Piano Nazionale Banda Ultralarga

INFRATEL ITALIA Piano Nazionale Banda Larga Piano Nazionale Banda Ultralarga INFRATEL ITALIA Piano Nazionale Banda Larga Piano Nazionale Banda Ultralarga Guido Citerni di Siena INFRATEL ITALIA 1 I modelli di intervento Piano Banda Larga Piano Banda Ultra-Larga A) Modalità diretta

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO. Trentino in Rete. Settembre 2014

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO. Trentino in Rete. Settembre 2014 Trentino in Rete Settembre 2014-1- Gli obiettivi Sviluppo della società dell informazione Le infrastrutture telematiche come elemento fondamentale per lo sviluppo economico e sociale del territorio provinciale

Dettagli

Abstract: the chance to access broadband

Abstract: the chance to access broadband Salvatore Lombardo, Paolo Corda Infratel Italia NOTE PIANO NAZIONALE BANDA LARGA: IL RUOLO DI INFRATEL E LO STATO DI AVANZAMENTO (NATIONAL BROADBAND PLAN: THE ROLE OF INFRATEL AND THE STATE OF PROGRESS)

Dettagli

Il Piano Telematico Regionale La strategia e lo stato di avanzamento ML Maggiulli Regione Marche

Il Piano Telematico Regionale La strategia e lo stato di avanzamento ML Maggiulli Regione Marche Neutralità sostenibile: la catena del valore e gli interessi in gioco Urbino - Palazzo ducale - 10-11 giugno 2011 Il Piano Telematico Regionale La strategia e lo stato di avanzamento ML Maggiulli Regione

Dettagli

Scheda tecnica Progetto infrastrutturale

Scheda tecnica Progetto infrastrutturale Scheda tecnica Progetto infrastrutturale ALLEGATO I SEZIONE I: identificazione dell intervento Patto Territoriale: DELLA CORSETTERIA Responsabile Unico/Soggetto Responsabile: PROVINCIA DI POTENZA 1. Nome

Dettagli

Banda Larga e Ultra Larga. Il Programma Lazio 30Mega e gli interventi infrastrutturali nell Agenda Digitale del Lazio

Banda Larga e Ultra Larga. Il Programma Lazio 30Mega e gli interventi infrastrutturali nell Agenda Digitale del Lazio Banda Larga e Ultra Larga Il Programma Lazio 30Mega e gli interventi infrastrutturali nell Agenda Digitale del Lazio Banda Larga e Ultra Larga - Agenda - Banda Larga: Accordi, coperture finanziarie e stato

Dettagli

CONVENZIONE OPERATIVA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE DEL VENETO TRA REGIONE DEL VENETO

CONVENZIONE OPERATIVA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA SUL TERRITORIO DELLA REGIONE DEL VENETO TRA REGIONE DEL VENETO ALLEGATOA alla Dgr n. 238 del 09 febbraio 2010 pag. 1/22 REGIONE DEL VENETO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DIPARTIMENTO PER LE COMUNICAZIONI CONVENZIONE OPERATIVA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA

Dettagli

CONCESSIONARIE TOTALE 75. EMITTENTI RADIOFONICHE iscritte al R.O.C. RADIOFONICHE TOTALE 107 11-2014

CONCESSIONARIE TOTALE 75. EMITTENTI RADIOFONICHE iscritte al R.O.C. RADIOFONICHE TOTALE 107 11-2014 CONFERENZA STAMPA CONCESSIONARIE RADIOFONICHE TOTALE 75 EMITTENTI RADIOFONICHE iscritte al R.O.C. TOTALE 107 1 dati ROC Co.Re.Com Calabria aggiornati al 30-11 11-2014 46 EMITTENTI CS RADIOFONICHE Suddivisione

Dettagli

La banda larga in Italia e nel mondo

La banda larga in Italia e nel mondo La banda larga in Italia e nel mondo L Italia si posiziona tra gli ultimi paesi per penetrazione della banda larga fissa tra le economie OECD, Nel mercato della banda larga fissa, la quota di Telecom Italia

Dettagli

Banda Larga e Banda Ultra Larga in Regione Lombardia. Raffaele Tiscar Firenze Settembre 2013

Banda Larga e Banda Ultra Larga in Regione Lombardia. Raffaele Tiscar Firenze Settembre 2013 Banda Larga e Banda Ultra Larga in Regione Lombardia Raffaele Tiscar Firenze Settembre 2013 IL PROGETTO BANDA LARGA 2 Il progetto di Banda Larga 95 M Investimento totale 41 M 918 Contributo pubblico (FESR)

Dettagli

ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE. Prot. N. 7555 del 17.10.2011 DETERMINAZIONE N. 541/AA.GG DEL 17.10.2011

ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE. Prot. N. 7555 del 17.10.2011 DETERMINAZIONE N. 541/AA.GG DEL 17.10.2011 ASSESSORATO DEGLI AFFARI GENERALI, PERSONALE E RIFORMA DELLA REGIONE Prot. N. 7555 del 17.10.2011 DEL 17.10.2011 Oggetto: Procedura aperta, ai sensi dell art. 55, comma 5, del d.lgs. n. 163/2006, art.

Dettagli

TrasporTi e infrastrutture in Calabria

TrasporTi e infrastrutture in Calabria TrasporTi e infrastrutture in Calabria STRADE E AUTOSTRADE L AUTOSTRADA A3 SALERNO - REGGIO CALABRIA Considerata la maggiore opera realizzata direttamente dallo Stato, la tratta è gestita dall ANAS senza

Dettagli

VENERDI 19 APRILE 2013

VENERDI 19 APRILE 2013 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità VENERDI 19 APRILE 2013 INNOVAZIONE E INFRASTRUTTURE TERRITORIALI DIGITALI Francesco Capuano Dirigente del Servizio Sviluppo Economico, Agricoltura e Promozione

Dettagli

una Rete Regionale di Eccellenza Gabriele Falciasecca febbraio 2011

una Rete Regionale di Eccellenza Gabriele Falciasecca febbraio 2011 una Rete Regionale di Eccellenza Gabriele Falciasecca febbraio 2011 1 Gli obiettivi della L.R. n. 11 del 2004 Promuovere l Information Communication Technology (ICT) Intervento integrato per pubbliche

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 27/11/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 95 - Supplemento n.

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori. 27/11/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 95 - Supplemento n. Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 18 novembre 2014, n. 794 DGR n. 353/2014 - Approvazione schema dell'aggiornamento dell'"accordo Quadro per la realizzazione del

Dettagli

NGN & WIFI PROMOSSI DALLA PA

NGN & WIFI PROMOSSI DALLA PA Il Trentino Territorio d innovazione Mario Groff mario.groff@trentinonetwork.it L infrastrutturazione in larga banda ed in fibra ottica sono elementi abilitanti allo sviluppo imprenditoriale, dei servizi

Dettagli

Lo sviluppo della banda larga in Piemonte - Il Programma Wi-Pie -

Lo sviluppo della banda larga in Piemonte - Il Programma Wi-Pie - Technical Meeting ASSINTER Reti di nuova generazione Bologna, 22/06/09 Lo sviluppo della banda larga in Piemonte - Il Programma Wi-Pie - Leonardo Rinaldi Architetture e Progettazione Reti La situazione

Dettagli

BULGAS FIBERSAR. Allegato C Relazione demarcazione complementarietà

BULGAS FIBERSAR. Allegato C Relazione demarcazione complementarietà BULGAS FIBERSAR Allegato C Relazione demarcazione complementarietà PAGINA 1 DI 9 Relazione sulla demarcazione dell intervento BULGAS rispetto agli altri interventi passati e in corso e sulle complementarietà

Dettagli

Metroweb Italia: un modello di business neutrale e non discriminatorio

Metroweb Italia: un modello di business neutrale e non discriminatorio Metroweb Italia: un modello di business neutrale e non discriminatorio Cablatura Metropolitana e Reti FTTH 11 evento TRATOS Pieve Santo Stefano (AR) - 3 Settembre 2015 Agenda Metroweb Italia: storia e

Dettagli

Il Piano Italia Digitale

Il Piano Italia Digitale Il Piano Italia Digitale L Agenda Digitale per migliorare l efficienza, la competitività e l occupazione del nostro Sistema Paese MiSE- Dipartimento Comunicazioni INDICE L Agenda Digitale Il Piano Italia

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 Architettura delle reti di telecomunicazioni e contesto infrastrutturale regionale 1 Indice Architettura delle reti di Telecomunicazioni Banda Larga nella

Dettagli

La banda larga nelle regioni italiane

La banda larga nelle regioni italiane La banda larga nelle regioni italiane a cura di Osservatorio Banda Larga, Between Il Consiglio europeo ad ottobre 2003 1 ha sottolineato l importanza di un rapido sviluppo di reti europee dei trasporti,

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE. Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza

POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE. Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA FESR 2007/2013 INFORMATIVA SUL PIANO DELLA COMUNICAZIONE Punto 13 all ordine del giorno del IX Comitato di Sorveglianza (Catanzaro, 31 luglio

Dettagli

OFFERTA DI ACCESSO ALLE INFRASTRUTTURE FISICHE DEL TRATTO FINALE DELLA RETE IN FIBRA OTTICA DI WIND 15 APRILE 2014 VERS. 1.0

OFFERTA DI ACCESSO ALLE INFRASTRUTTURE FISICHE DEL TRATTO FINALE DELLA RETE IN FIBRA OTTICA DI WIND 15 APRILE 2014 VERS. 1.0 OFFERTA DI ACCESSO ALLE INFRASTRUTTURE FISICHE DEL TRATTO FINALE DELLA RETE IN FIBRA OTTICA DI WIND AI SENSI DELLA DELIBERA 538/13/CONS 2014 15 APRILE 2014 VERS. 1.0 WIND Tutti i diritti riservati Pagina

Dettagli

DISPONIBILITA' A028 DISPONIBILITA' A043 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO CATTEDRE DOCENTE CASSANO LAUROPOLI ( 30 GIUGNO) 1 SPEZZONI ORARIO

DISPONIBILITA' A028 DISPONIBILITA' A043 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO CATTEDRE DOCENTE CASSANO LAUROPOLI ( 30 GIUGNO) 1 SPEZZONI ORARIO DISPONIBILITA' A028 AIELLO + CLETO 6 + 6 AMENDOLARA + ORIOLO 10 + 6 BIANCHI + COLOSIMI 6 + 6 CAMPANA +SCALA COELI 6 + 2 CROPALATI +CALOVETO 6 + 6 CROSIA MIRTO 12 FIRMO +LUNGRO 8 + 6 FRASCINETO + SAN BASILE

Dettagli

POR CALABRIA 2000/2006

POR CALABRIA 2000/2006 UNIONE EUROPEA Fondo Sociale Europeo REGIONE CALABRIA Assessorato Istruzione, Alta Formazione e Ricerca REPUBBLICA ITALIANA POR CALABRIA 2000/2006 MISURA 3.15 ADEGUAMENTO DELLE INFRASTRUTTURE E DELLE TECNOLOGIE

Dettagli

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN

NEWSLETTER PON AGOSTO 2015. In questo numero... La programmazione 2007-2013. La programmazione 2014-2020. L avviso LAN/WLAN AGOSTO 2015 NEWSLETTER PON In questo numero... La programmazione 2007-2013 La programmazione 2014-2020 L avviso LAN/WLAN LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013 Nel 2007 la Commissione Europea ha approvato per l Italia

Dettagli

Casi Antitrust. Davide Arduini. Corso di Economia Industriale 2. Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino

Casi Antitrust. Davide Arduini. Corso di Economia Industriale 2. Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino Casi Antitrust Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Il caso Caronte e le politiche di prezzo predatorie (1) - Quando: caso trattato dall

Dettagli

Trentino Territorio dell Innovazione

Trentino Territorio dell Innovazione DIPARTIMENTO INNOVAZIONE, RICERCA E I.C.T. Trentino Territorio dell Innovazione Presentazione sintetica dei progetti della Provincia Autonoma Trento in relazione alla banda larga e ultralarga La vision

Dettagli

La Rete di Accesso in rame ed in fibra ottica

La Rete di Accesso in rame ed in fibra ottica La Rete di Accesso in rame ed in fibra ottica goffredo.cerquozzi@tin.it 31 gennaio 2008 Villa Mondragone Monte Porzio Catone RETE IN RAME Centrale borchia cavetto di raccordo armadio di distribuzione altri

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Comunicazioni DIPARTIMENTO PER LE COMUNICAZIONI Un modello semplificato di costo per la rete di accesso passiva in fibra ottica NGAN Alessandro Paci

Dettagli

Sviluppi della copertura WIMAX e servizi abilitabili

Sviluppi della copertura WIMAX e servizi abilitabili Sviluppi della copertura WIMAX e servizi abilitabili Una estesa e moderna rete in Fibra Ottica Retelit è l operatore indipendente leader nel mercato wholesale grazie a Una rete costruita lungo le strade

Dettagli

L Agenda digitale del Piemonte. 2 febbraio 2015

L Agenda digitale del Piemonte. 2 febbraio 2015 L Agenda digitale del Piemonte 2 febbraio 2015 I punti di partenza La Digital Agenda europea è una delle sette iniziative faro della strategia Europa 2020 Nella politica di coesione 2014-2020 il miglior

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la Legge regionale 18 febbraio 2002 n.6 e successive modificazioni;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la Legge regionale 18 febbraio 2002 n.6 e successive modificazioni; DGR 391 del 22 maggio 2009 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e occupazione Attuazione dell Attività III.2 Promozione di trasporti urbani puliti. Approvazione della Scheda

Dettagli

Memorandum of Understanding TRA. Regione Piemonte (di seguito denominata Regione ),rappresentata dal Dott. Roberto Moriondo

Memorandum of Understanding TRA. Regione Piemonte (di seguito denominata Regione ),rappresentata dal Dott. Roberto Moriondo REGIONE PIEMONTE BU47 21/11/2013 Codice DB2100 D.D. 8 ottobre 2013, n. 164 D.G.R. n. 2-5739 del 06.05.2013 e D.D. n. 80 del 17.06.2013: approvazione del verbale di ammissione delle istanze di cui all'avviso

Dettagli

Pianura. (N. 701 gratuito)

Pianura. (N. 701 gratuito) 7-5-2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA - Parte III - n. 18 5625 REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO N. 9 INFRASTRUTTURE, LAVORI PUBBLICI, POLITICHE DELLA CASA, E.R.P., A.B.R., RISORSE IDRICHE,

Dettagli

CONSULTAZIONE PUBBLICA del 21 ottobre 2011

CONSULTAZIONE PUBBLICA del 21 ottobre 2011 CONSULTAZIONE PUBBLICA del 21 ottobre 2011 Copertura della Banda larga sul Territorio della Regione Puglia Aree Industriali e di Sviluppo Produttivo (Aree PiP) e Aree in divario digitale L obiettivo della

Dettagli

DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA

DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA DIREZIONE E COORDINAMENTO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA 1 IL QUADRATO DELLA RADIO Le nuove realtà del mondo ICMT: la rete, gli operatori e l l industria L' IMPIEGO DELLE TECNOLOGIE WIRELESS PER

Dettagli

L'Italia nella rete del mondo digitale

L'Italia nella rete del mondo digitale L'Italia nella rete del mondo digitale di Silvello Betti* Circa 60 anni fa vennero avviate alcune delle più rilevanti operazioni di investimento pubblico e misto, pubblico-privato, per la realizzazione

Dettagli

LINEE GUIDA PER I PIANI TERRITORIALI PER LA BANDA LARGA

LINEE GUIDA PER I PIANI TERRITORIALI PER LA BANDA LARGA LINEE GUIDA PER I PIANI TERRITORIALI PER LA BANDA LARGA approvate dalla Commissione Permanente per l Innovazione Tecnologica negli Enti Locali e nelle Regioni e dalla Conferenza Unificata il 20 settembre

Dettagli

Assessorato degli affari generali, personale e riforma della regione. Direzione generale degli affari generali e della società dell informazione

Assessorato degli affari generali, personale e riforma della regione. Direzione generale degli affari generali e della società dell informazione BULGAS - FIBERSAR INFRASTRUTTURAZIONE E GESTIONE DI UNA RETE NGAN IN SARDEGNA SFRUTTANDO LA CONCOMITANZA CON LE OPERE DI SCAVO DELLA RETE DEL GAS Relazione per la descrizione dell intervento pubblico PAGINA

Dettagli

Il Trentino in RETE. Trentino Network s.r.l.

Il Trentino in RETE. Trentino Network s.r.l. Il Trentino in RETE Trentino Network s.r.l. Marzo 2011 I Progetti Provinciali DORSALE IN FIBRA OTTICA completamento previsto fine 2011 primi mesi 2012 RETE RADIO (Winet) per l estensione di connettività

Dettagli

Programma ERMES e Banda Ultralarga. Udine, martedì 28 luglio 2015

Programma ERMES e Banda Ultralarga. Udine, martedì 28 luglio 2015 Programma ERMES e Banda Ultralarga Udine, martedì 28 luglio 2015 Indice Cessione della fibra ottica agli operatori Avanzamento ERMES Banda Ultralarga OFFERTA ERMES OPERATORI DGR 1373/2014 Con Delibera

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA. Dipartimento 12

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA. Dipartimento 12 UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA Dipartimento 12 Turismo, Beni Culturali, Sport e Spettacolo, Politiche Giovanili Dipartimento 3 Programmazione Nazionale e Comunitaria

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014-2020 FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014-2020 FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2014-2020 FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE Bozza in progress Maggio 2012 Indice Sezione 1 Strategia

Dettagli

I-Roma: Rete ad estensione geografica 2010/S 80-118522

I-Roma: Rete ad estensione geografica 2010/S 80-118522 GU/S S80 24/04/2010 118522-2010-IT 1/1 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:118522-2010:text:it:html I-Roma: Rete ad estensione geografica 2010/S 80-118522 Infratel Italia SpA,

Dettagli

Sezione Prima. Caratteristiche Generali della Popolazione, del Territorio, dell Economia insediata e dei Servizi dell Ente

Sezione Prima. Caratteristiche Generali della Popolazione, del Territorio, dell Economia insediata e dei Servizi dell Ente Sezione Prima Caratteristiche Generali della Popolazione, del Territorio, dell Economia insediata e dei Servizi dell Ente 40 Dati Geografici della Regione Calabria Regione dell'italia peninsulare, la più

Dettagli

DIREZIONE GENERALE 2013 01210/115 Direzione Servizi Tributari, Catasto e Suolo Pubblico Servizio Arredo Urbano FE 0/B CITTÀ DI TORINO

DIREZIONE GENERALE 2013 01210/115 Direzione Servizi Tributari, Catasto e Suolo Pubblico Servizio Arredo Urbano FE 0/B CITTÀ DI TORINO DIREZIONE GENERALE 2013 01210/115 Direzione Servizi Tributari, Catasto e Suolo Pubblico Servizio Arredo Urbano FE 0/B CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 19 marzo 2013 Convocata la Giunta

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO. Trentino in Rete: il progetto nella Comunità della Valle dei Laghi 16 giugno 2011

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO. Trentino in Rete: il progetto nella Comunità della Valle dei Laghi 16 giugno 2011 Trentino in Rete: il progetto nella Comunità della Valle dei Laghi 16 giugno 2011-1 - Il contesto 1/2 La digitalizzazione, l innovazione e la disponibilità di infrastrutture a larga banda sono le leve

Dettagli

Tecnologie e potenzialità della banda larga

Tecnologie e potenzialità della banda larga Tecnologie e potenzialità della banda larga Unione degli Industriali di Pordenone 1 febbraio 2010 Dip. di Ingegneria Elettrica Gestionale e Meccanica Università degli Studi di Udine Pier Luca Montessoro

Dettagli

NT-3 Norma Tecnica di collaudo degli impianti in fibra ottica NT-3. Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA.

NT-3 Norma Tecnica di collaudo degli impianti in fibra ottica NT-3. Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA. NT-3 Norma Tecnica DI COLLAUDO DEGLI IMPIANTI IN FIBRA OTTICA Abstract Questo documento contiene le modalità di collaudo tecnico degli impianti in fibra ottica di Infratel. Tale documento sarà il riferimento

Dettagli

Digital Divide: superarlo grazie alle alternative alle connessioni via cavo aprile 2013

Digital Divide: superarlo grazie alle alternative alle connessioni via cavo aprile 2013 Digital Divide: superarlo grazie alle alternative alle connessioni via cavo aprile 2013 Confronto tra diverse tecnologie per connettersi a Internet Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 Il problema del

Dettagli

Osservazioni delle Autorità italiane sul documento di consultazione della Commissione europea relativo alla

Osservazioni delle Autorità italiane sul documento di consultazione della Commissione europea relativo alla PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento per le politiche europee Osservazioni delle Autorità italiane sul documento di consultazione della Commissione europea relativo alla Revisione degli orientamenti

Dettagli

Complementarietà e addizionalità del PAR del FAS 2007 2013 rispetto alle misure attuate da Regione Piemonte per fronteggiare la crisi

Complementarietà e addizionalità del PAR del FAS 2007 2013 rispetto alle misure attuate da Regione Piemonte per fronteggiare la crisi Complementarietà e addizionalità del PAR del FAS 2007 2013 rispetto alle misure attuate da Regione Piemonte per fronteggiare la crisi economica internazionale Comitato di Pilotaggio 16 dicembre 2009 Organismo

Dettagli

Agenda Digitale del Veneto, le infrastrutture digitali. Azioni avviate e prospettive per il Polesine

Agenda Digitale del Veneto, le infrastrutture digitali. Azioni avviate e prospettive per il Polesine Agenda Digitale del Veneto, le infrastrutture digitali. Azioni avviate e prospettive per il Polesine Tasso Elvio Regione del Veneto Sezione Sistemi Informativi Rovigo 19 settembre 2014 1 L Agenda Digitale

Dettagli

Agenda Digitale. Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line

Agenda Digitale. Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line Agenda Digitale Le azioni messe in campo dalla Regione Basilicata per lo sviluppo delle Infrastrutture telematiche e l erogazione dei servizi on-line Dott. Nicola A. Coluzzi Ufficio Società dell'informazione

Dettagli

Raggiungere gli obbiettivi Europei 2020 della banda larga in Italia: prospettive e sfide

Raggiungere gli obbiettivi Europei 2020 della banda larga in Italia: prospettive e sfide Raggiungere gli obbiettivi Europei 2020 della banda larga in Italia: prospettive e sfide Rapporto alla Presidenza del Consiglio Commissario Francesco Caio Team Esperti: Scott Marcus & Gerard Pogorel Roma,

Dettagli

VDA BROADBUSINESS ULTERIORI LOTTI FUNZIONALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO POR/FESR 2007/2013 ASSE: AZIONE: ATTIVITÀ: B54C12000100009 5081565019

VDA BROADBUSINESS ULTERIORI LOTTI FUNZIONALI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO POR/FESR 2007/2013 ASSE: AZIONE: ATTIVITÀ: B54C12000100009 5081565019 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO POR/FESR 2007/2013 ASSE: AZIONE: ATTIVITÀ: III - PROMOZIONE DELLE ICT CUP: CIG B54C12000100009 5081565019 POTENZIAMENTO, RAZIONALIZZAZIONE E SVILUPPO DELL'INFRASTRUTTURAZIONE

Dettagli

Procedura concordata tra Regione e Province per l attuazione del 3 Programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale

Procedura concordata tra Regione e Province per l attuazione del 3 Programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale Procedura concordata tra Regione e Province per l attuazione del 3 Programma di attuazione del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale DOCUMENTO DI SINTESI Sommario: 1.Campo d intervento... 2.Obiettivi...

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 e contesto infrastrutturale regionale 1 2 Modello della rete Architettura delle reti ditelecomunicazioni 3 4 Principali segmenti di rete Rete di accesso

Dettagli

Profilo della Frosinone Wireless

Profilo della Frosinone Wireless Profilo della Frosinone Wireless (Aggiornamento del 12 Giugno 2012) PRESENTAZIONE DELL AZIENDA Frosinone Wireless s.p.a. nasce dalla sinergia tra professionisti del settore delle telecomunicazioni e un

Dettagli

Comune di Carpi. S1 Sistema Informativo - Gestionale - Territoriale - Telematico LA GIUNTA COMUNALE

Comune di Carpi. S1 Sistema Informativo - Gestionale - Territoriale - Telematico LA GIUNTA COMUNALE P.G. N.: /2007 Prog. n.: 172/2007 Data Seduta Giunta: 05/11/2007 Data Pubblicazione: 06/11/2007 Data Esecutività: 16/11/2007 Esecutivo Comune di Carpi Atto di Giunta S1 Sistema Informativo - Gestionale

Dettagli

ALLEGATO n. 1 DESCRIZIONE E VALUTAZIONE ECONOMICA DELLA RETE A FIBRE OTTICHE 1/11

ALLEGATO n. 1 DESCRIZIONE E VALUTAZIONE ECONOMICA DELLA RETE A FIBRE OTTICHE 1/11 ALLEGATO n. 1 DESCRIZIONE E VALUTAZIONE ECONOMICA DELLA RETE A FIBRE OTTICHE 1/11 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 3 2 PIANO TELEMATICO REGIONALE... 4 3 DESCRIZIONE DELLA RETE... 5 3.1 PERCORSO DI POSA... 5

Dettagli

P r o v i n c i a A u t o n o m a d i T r e n t o SESTA RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLA MANOVRA ANTICONGIUNTURALE

P r o v i n c i a A u t o n o m a d i T r e n t o SESTA RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLA MANOVRA ANTICONGIUNTURALE P r o v i n c i a A u t o n o m a d i T r e n t o SESTA RELAZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLA MANOVRA ANTICONGIUNTURALE ai sensi dell art. 74 della legge provinciale 28 marzo 2009, n. 2 Disposizioni

Dettagli

Alcune domande: La banda larga: serve proprio?

Alcune domande: La banda larga: serve proprio? Alcune domande: A chi serve la banda larga? Per fare cosa? Quanta banda serve? le infrastrutture a banda larga nella Bassa Padovana sono sufficienti? Esiste un digital divide nel territorio? Quanti comuni

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2009

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2009 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 MONTAGNA INTERNA Comuni di: GALATRO, GIFFONE, SAN PIETRO DI CARIDA` Comuni di: CINQUEFRONDI, CITTANOVA, MOLOCHIO, POLISTENA, SAN GIORGIO MORGETO AGRUMETO 32000,00

Dettagli

Larga banda e nuove tecnologie: il caso dell Emilia-Romagna. Sandra Lotti LepidaSpA Area strategie, territorio, Europa

Larga banda e nuove tecnologie: il caso dell Emilia-Romagna. Sandra Lotti LepidaSpA Area strategie, territorio, Europa Larga banda e nuove tecnologie: il caso dell Emilia-Romagna Sandra Lotti LepidaSpA Area strategie, territorio, Europa Firenze Settembre 2013 La rete Lepida Tutto inizia con il Piano Telematico 2002: focus

Dettagli

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS

Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS Il Costo dell Impreparazione Informatica nella Pubblica Amministrazione Locale e le sfide dell Agenda Digitale Milano, 17 Maggio 2011 Lucia Pasetti Vice Presidente CISIS La governance interregionale Le

Dettagli

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato

Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Catalogo delle Azioni del PO FESR 2014-2020 Confronto con il partenariato Dipartimento Programmazione e Finanze SALVATORE PANZANARO DOMENICA NARDELLI GIUSEPPE BERNARDO FFAELE PACIELLO ENRICO D ALESSIO

Dettagli

Identità, specificità, fabbisogni e traiettorie di sviluppo delle imprese del Terziario Innovativo

Identità, specificità, fabbisogni e traiettorie di sviluppo delle imprese del Terziario Innovativo Identità, specificità, fabbisogni e traiettorie di sviluppo delle imprese del Terziario Innovativo Cosenza, 21 maggio 2014 Finalità della ricerca 1. Offrire un contributo conoscitivo relativamente a consistenze

Dettagli

INFRASTRUTTURE PER LA BANDA LARGA IN PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO RAPPORTO DI SINTESI

INFRASTRUTTURE PER LA BANDA LARGA IN PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO RAPPORTO DI SINTESI 2012 INFRASTRUTTURE PER LA BANDA LARGA IN PARTENARIATO PUBBLICO PRIVATO Manuale d uso per la realizzazione di Con la collaborazione tecnico scientifica di interventi di infrastrutturazione a banda larga

Dettagli