ARTICOLI OMOGENEIZZATI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ARTICOLI OMOGENEIZZATI"

Transcript

1

2 ARTICOLI OMOGENEIZZATI GENERI TIPO DI CONFEZIONAMENTO PREZZO UNITARIO A BASE D'ASTA IVA ESCLUSA 1 OMOG. DI CAVALLO CONF.GR.80X2 2,98 2 OMOG. DI CARNE ROSSA (MANZO / VITELLO) CONF.GR.80X2 2,98 3 OMOG. DI CARNE BIANCA (AGNELLO) CONF.GR.80X2 2,98 4 OMOG. DI SALMONE CONF.GR.80X2 2,98 5 OMOG. DI TROTA/NASELLO CONF.GR.80X2 2,98 6 OMOG. DI VERDURA CONF.GR.80X2 1,47 7 OMOG. DI FORMAGG. CONF.GR.80X2 2,98 8 OMOG. DI POLLO E TACCHINO CONF. GR. 80X2 2,98 9 OMOG. DI CONIGLIO CONF. GR. 80X2 2,98 10 OMOG. DI CARNE ROSSA (MANZO / VITELLO) CONF.GR.120X2 3,61 11 OMOG. DI CARNE BIANCA (AGNELLO) CONF.GR.120X2 3,61 12 OMOG. DI POLLO E TACCHINO CONF.GR.120X2 3,61 13 OMOG. DI CONIGLIO CONF.GR.120X2 3,61 14 OMOG. DI ORATA CONF.GR. 80X2 2,98 15 OMOG. DI FRUTTA CONF.GR.100X2 1,65 16 OMOG.DI PROSCIUTTO COTTO CONF.GR. 80X2 2,98 17 OMOG. DI SPIGOLA CONF.GR. 80X2 2,98 Pagina 1

3

4

5

6 LATTE PRIMI MESI GENERI TIPO DI CONFEZIONA MENTO PREZZO UNITARIO A BASE D'ASTA IVA ESCLUSA 1 NOVALAC 2 POLVERE GR ,60 2 NUTRAMIGEN POLVERE GR ,08 3 APTAMIL PEPTI 1 GR ,58 4 APTAMIL PEPTI 2 GR ,85 5 APTAMIL SOYA 1 GR ,37 6 APTAMIL SOYA 2 GR ,37 7 O-LAC 1 POLVERE GR ,08 8 O-LAC 2 POLVERE GR ,08 9 PANTOLAC 1 POLVERE GR ,62 10 PANTOLAC 2 POLVERE GR ,54 11 PLASMON DAVID LIQUIDO 12X500 ML 21,72 12 PLASMON PRIMI GIORNI LIQUIDO 12X485 ML 32,14 13 PLASMON PRIMI GIORNI POLVERE GR ,00 14 PLASMON PRIMI GIORNI HA POLVERE GR ,60 15 PLASMON 2 LIQUIDO TRANSILAT 12X485 ML 22,10 16 PREGOMIN POLVERE APTAMIL GR ,96 17 RISOLAC POLVERE GR ,60 18 RISOLAC 2 POLVERE GR ,90 19 SOYAMIL UNICO POLVERE GR ,60 20 VIVENA 1 LIQUIDO 12X485 ML 16,30 21 VIVENA 1 POLVERE GR ,60 22 VIVENA 2 LIQUIDO 12X485 ML 14,80 23 VIVENA 2POLVERE GR ,90 24 VIVENA 2 HA POLVERE GR ,90 25 VIVENA PRIMA CRESCITA LIQUIDO 12X485 ML 13,80 26 POLVERE FISSAN GR ,50 27 PASTA FISSAN GR ,50 28 PAPPA LATTEA PLASMON GR ,84 29 MILTINA 1 POLVERE IPO GR ,60 30 APTAMIL CONFORMIL 2 POLVERE GR ,93 31 APTAMIL 1 POLVERE GR ,53 32 APTAMIL 1 LIQUIDO 12X500 ML 36,36 33 APTAMIL 2 POLVERE GR ,62 34 APTAMIL 2 LIQUIDO 12X500 ML 24,72 35 APTAMIL AR1 POLVERE GR ,21 36 APTAMIL AR 2 POLVERE GR ,21 37 APTAMIL SOYA 1 POLVERE GR ,37 38 APTAMIL SOYA 2 POLVERE GR ,37 39 BLEMIL 1 PLUS FORTE GR ,90 40 BLEMIL 2 PLUS FORTE GR ,10 41 FORMULAT 2 POLVERE GR ,00 42 HUMANA 1 LIQUIDO 12X470 ML 36,00 43 HUMANA 1 POLVERE GR ,60 44 HUMANA 2 LIQUIDO 12X470 ML 34,00 45 HUMANA 2 POLVERE GR ,70 1/2

7 LATTE PRIMI MESI GENERI TIPO DI CONFEZIONA MENTO PREZZO UNITARIO A BASE D'ASTA IVA ESCLUSA 46 HUMANA DISANAL POLVERE GR ,60 47 HUMANA PLUS LIQUIDO 12X470 ML 35,60 48 HUMANA PLUS POLVERE GR ,65 49 LENILAC 2 POLVERE PLASMON GR ,85 50 MELLIN 1 LIQUIDO 12X500 ML 33,04 51 MELLIN 1 POLVERE GR ,60 52 MELLIN 2 LIQUIDO 12X500 ML 31,60 53 MELLIN 2 POLVERE GR ,40 54 MELLIN 1 PROGRESS POLVERE GR ,20 55 MELLIN 2 PROGRESS POLVERE GR ,90 56 MILTINA 1 LIQUIDO 12X485 ML 42,90 57 MILTINA 1 POLVERE GR ,60 58 MILTINA 2 LIQUIDO 12X485 ML 37,60 59 MILTINA 2 POLVERE GR ,50 60 MILUPA CONFORMIL 2 POLVERE GR ,50 61 NIDINA 1 LIQUIDO 12X500 ML 32,15 62 NIDINA 1 POLVERE GR ,60 63 NIDINA 2 LIQUIDO 12X500 ML 26,00 64 NIDINA 2 POLVERE GR ,80 65 NIPIOL LATTE CRESCITA LIQUIDO 12X485 ML 12,80 66 NIPIOL 1 POLVERE GR ,50 67 NIPIOL 2 LIQUIDO 12X485 ML 17,10 2/2

8 ALLEGATO 1 ELENCO DESCRITTIVO DEI PRODOTTI CARNE E POLLAME Si fa presente che la Ditta aggiudicataria dovrà effettuare tutti i controlli alimentari previsti dalla normativa HACCP D.L. n. 155/97 e successive modifiche e integrazioni Prezzi a base d asta iva esclusa 1. carni bovine (adulto refrigerato) (fettina e macinato ) unità di misura Kg confezionamento sottovuoto 12,50 2. carni avicunicole refrigerate (fettina filetto di pollo-fesa di tacchino) unità di misura Kg confezionamento sottovuoto 10,50

9 ELENCO DESCRITTIVO DEI PRODOTTI FARINACEI E PREZZI UNITARI A BASE D ASTA Si fa presente che la Ditta aggiudicataria dovrà effettuare tutti i controlli alimentari previsti dalla normativa HACCP D.L. n. 155/97 e successive modifiche e integrazioni ALLEGATO 1 PANE E PRODOTTI DA FORNO Genere Unità di misura Tipologia di confezionamento Prezzo unitario a base d asta I.V.A esclusa Pasta per pizza Kg 2,70 Pane comune Kg sacchetti carta 3,70 (bocconcino 50gr.) Pane grattugiato Kg confez. da 0,250 2,70 Kg Brioches rotonde da Kg Sacchetti carta 5,25 50 g. Biscotti secchi Kg 7,00 (frollini) Crostate con Kg Involucri a norma 9,00 marmellata di frutta Pane integrale Kg Sacchetti carta 4,10 (bocconcino 50 gr.) Pizzette con pomodoro e mozzarella (margherita) (rotonde gr.70) Kg 7,00

10 COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Educativi e Territoriali SERVIZIO ATTIVITA EDUCATIVE PER L INFANZIA CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE ED IGIENICO- SANITARIE DI ALCUNI PRODOTTI ALIMENTARI DIETETICI PER LA PRIMA INFANZIA IMPIEGATI, O DI POSSIBILE IMPIEGO, NEGLI ASILI NIDO COMUNALI Dipartimento di Scienze per la Promozione della Salute G. D Alessandro Sezione IGIENE Università degli Studi di Palermo

11 INDICE A. REQUISITI GENERALI DEGLI ALIMENTI OGGETTO DI FORNITURA. pag. 3 A 1. CARATTERISTICHE IGIENICO-SANITARIE DEGLI ALIMENTI OGGETTO DI FORNITURA. " 3 A 2. CARATTERISTICHE ORGANOLETTICHE E MERCEOLOGICHE DEGLI ALIMENTI OGGETTO DI FORNITURA. " 3 B. INDICE DEI PRODOTTI OGGETTO DI FORNITURA... " 4 C. PRODOTTI (caratteristiche merceologiche)... " 5 2

12 A. REQUISITI GENERALI DEGLI ALIMENTI OGGETTO DI FORNITURA Tutti i prodotti alimentari dietetici per la prima infanzia oggetto della fornitura devono provenire da industrie autorizzate, sulla scorta delle normative vigenti in materia igienico-sanitaria. Tali alimenti devono essere prodotti con sostanze genuine, non guaste, non infette e con un processo di lavorazione igienicamente corretto che ne garantisca una buona conservazione. A 1. REQUISITI IGIENICO-SANITARI DEGLI ALIMENTI OGGETTO DI FORNITURA I prodotti alimentari dietetici per la prima infanzia sono alimenti che si distinguono da quelli di uso corrente perché disciplinati da apposita normativa (D. L.vo 111 del 27/1/92, in recepimento della direttiva CE n. 89/398 e successive modifiche (D.M. del 23/04/01 e Legge n. 39 del 01/03/02) che: - obbliga all autorizzazione al commercio da parte del Ministero della Salute - obbliga all etichettatura nutrizionale (composizione chimica) sulle confezioni - obbliga ad esplicitare l obiettivo nutrizionale - destina questi prodotti solo a persone particolari tra cui lattanti e bambini nella prima infanzia Il regolamento di attuazione della predetta legge è dato dal D.P.R. 19 gennaio 1998, n Tali alimenti devono possedere le caratteristiche previste dalla suddetta normativa tali da soddisfare le esigenze dietetiche di detta alimentazione particolare. A 2. REQUISITI ORGANOLETTICI E MERCEOLOGICI DEGLI ALIMENTI OGGETTO DI FORNITURA I prodotti devono possedere le caratteristiche merceologiche previste dal D.Leg.vo n. 111 del 27/01/92 e successive modifiche (D.M. del 23/04/01 e Legge n. 39 del 01/03/02) relative ai prodotti alimentari destinati ad un alimentazione particolare: - i prodotti devono avere odori e sapori caratteristici e tipici dell alimento considerato - i prodotti non devono presentare odore e sapore estranei nonché colorazioni anomale - le confezioni non devono contenere impurità e corpi estranei di qualsiasi natura. - le confezioni devono essere in materiale idoneo per alimenti, chiuse, non devono presentare difetti (devono essere integre, senza ammaccature, punti di ruggine, ecc) L etichettatura deve riportare tutte le indicazioni previste dal D.Leg.vo.109/92 e successive modifiche ed integrazioni (D. Leg.vi 68/00 e 259/00, D. Leg.vo 23 giugno 2003 n. 181) e dal D. Leg.vo 16 febbraio 1993 n

13 B. INDICE DEI PRODOTTI OGGETTO DI FORNITURA n. codice titolo LATTE IN POLVERE E LIQUIDO PER LATTANTI 1. Latte di partenza 2. Latte di proseguimento OMOGENEIZZATI 3. Omogeneizzati di carne 4. Omogeneizzati di pesce 5. Omogeneizzati di formaggio 6. Omogeneizzati di verdura 7. Omogeneizzati di frutta LIOFILIZZATI 8. Liofilizzati di carne 9. Liofilizzati di pesce BISCOTTI PER LA PRIMA INFANZIA 10. Biscotti primi mesi senza glutine 11. Biscotti 12. Biscotti senza uovo, latte e glutine 13. Biscotto granulato 14. Biscotto granulato senza glutine FARINE E CREME DI CEREALI SENZA GLUTINE PER L INFANZIA 15. Farine (senza glutine): Mais, Riso, Tapioca 16. Crema di Riso 17. Crema di Mais e Tapioca 18. Crema multicereali PRODOTTI DA FORNO SENZA GLUTINE 19. Crackers senza glutine 20. Fette biscottate senza glutine 21. Pan carré senza glutine PASTINA DIETETICA PRIMA INFANZIA 22. Pastina dietetica prima infanzia senza glutine PANGRATTATO SENZA GLUTINE 23. Pangrattato senza glutine SEMOLINO 24. Semolino di grano duro (istantaneo) 25. Semolino senza glutine OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA 26. Olio extravergine di oliva vitaminizzato 4

14 C. PRODOTTI ( caratteristiche merceologiche) LATTE IN POLVERE E LIQUIDO PER LATTANTI 1. Latte di partenza 2. Latte di proseguimento Prodotto Aspetti generali, igienico sanitari, organolettici e merceologici - Latte di partenza (in polvere o liquido) - Latte di proseguimento(in polvere o liquido) Alimento considerato come sostitutivo in caso di assenza del latte materno e la cui composizione deve avvicinarsi il più possibile a quella del latte materno. Oltre al latte scremato può contenere maltodestrine, sieroproteine, caseinati, minerali e vitamine. (v. Requisiti A.-A 1.-A 2.) Prodotti interamente con proteine di latte vaccino (in polvere o liquido) ai sensi del D.M. 6 aprile 1994, n.500, concernente l attuazione delle direttive 91/321/CEE della Commissione del 14 maggio 1991 sugli alimenti per lattanti e alimenti di proseguimento. I latti oggetto di fornitura devono essere prodotti da aziende di primaria rilevanza commerciale quali: MELLIN PLASMON MILUPA NIPIOL DIETERBA GERBER o da altre società produttrici aventi una larga diffusione sul mercato italiano. La fornitura deve essere assicurata in termini di quantità (grammi o ml della confezione) e di marche commerciali come previsto dal capitolato. 5

15 OMOGENEIZZATI 3. Omogeneizzati di carne Prodotto Aspetti generali, igienico sanitari, organolettici e merceologici - Omogeneizzati di carne Alimenti a base di carne, con ridotto contenuto di sale, senza glutine e senza additivi e conservanti, utilizzabili durante lo svezzamento. - Omogeneizzati di carne di proseguimento Alimenti a base di carne in pezzettini, con ridotto contenuto di sale, senza glutine e senza additivi e conservanti, utilizzabili (almeno dal 10 mese di vita) quando il bambino inizia la masticazione. (v. Requisiti A.-A 1.-A 2.) Prodotti con carni rosse e bianche, senza l aggiunta di conservanti e polifosfati, con l eventuale aggiunta di vitamine. Il procedimento di preparazione è tale da garantire il mantenimento del contenuto di proteine, grassi e minerali, nonché migliore digeribilità, sicurezza igienica, basso dosaggio di sodio. Le varietà da consegnare sono le seguenti : Omogeneizzato Confezione - Manzo g 80 x 2 e g 120 x 2 - Vitello g 80 x 2 e g 120 x 2 - Manzo/vitello g 80 x 2 e g 120 x 2 - Cavallo g 80 x 2 e g 120 x 2 - Agnello g 80 x 2 e g 120 x 2 - Coniglio g 80 x 2 e g 120 x 2 - Pollo g 80 x 2 e g 120 x 2 - Tacchino - Prosciutto g 80 x 2 e g 120 x 2 g 80 x 2 Omogeneizzato di proseguimento Confezione - Manzo g 120 x 2 - Prosciutto g 120 x 2 Gli omogeneizzati di carne oggetto di fornitura devono essere prodotti da aziende di primaria rilevanza commerciale quali: MELLIN PLASMON MILUPA NIPIOL DIETERBA GERBER o da altre società produttrici aventi una larga diffusione sul mercato italiano. Sull etichetta dei prodotti alimentari deve essere riportato a norma del DPR 128/99. 6

16 4. Omogeneizzati di pesce Prodotto Aspetti generali, igienico sanitari, organolettici e merceologici Omogeneizzati di pesce Alimenti a base di pesce con ridotto contenuto di sale, senza glutine e senza additivi e conservanti, utilizzabili durante lo svezzamento. (v. Requisiti A.-A 1.-A 2.) Prodotti con filetti di pesce senza l aggiunta di conservanti e polifosfati. Il procedimento di preparazione è tale da garantire il mantenimento del contenuto di proteine, grassi e minerali, nonché migliore digeribilità, sicurezza igienica, basso dosaggio di sodio. Le varietà da consegnare sono le seguenti : Omogeneizzato Confezione - Trota g 80 x 2 - Orata g 80 x 2 - Salmone g 80 x 2 - Nasello g 80 x 2 - Spigola g 80 x 2 Gli omogeneizzati di pesce oggetto di fornitura devono essere prodotti da aziende di primaria rilevanza commerciale quali: MELLIN PLASMON MILUPA NIPIOL DIETERBA GERBER o da altre società produttrici aventi una larga diffusione sul mercato italiano. Sull etichetta dei prodotti alimentari deve essere riportato a norma del DPR 128/ Omogeneizzati di formaggio Prodotto Aspetti generali, igienico sanitari, organolettici e merceologici Omogeneizzati di formaggio Alimenti a base di formaggio cheddar, Parmigiano Reggiano, formaggio magro, utilizzabili durante lo svezzamento. (v. Requisiti A.-A 1.-A 2.) Prodotti con formaggio, senza l aggiunta di conservanti e polifosfati. arricchiti con vitamine A, E. Il procedimento di preparazione è tale da garantire il mantenimento del contenuto di proteine, grassi e minerali, nonché migliore digeribilità, sicurezza igienica, basso dosaggio di sodio. Le varietà da consegnare sono le seguenti : Omogeneizzato Confezione - Formaggino g 80 x 2 - Formaggino fuso con Parmigiano Reggiano g 80 x 2 - Formaggino fuso con Emmental g 80 x 2 Gli omogeneizzati di formaggio oggetto di fornitura devono essere prodotti da aziende di primaria rilevanza commerciale quali: MELLIN PLASMON MILUPA NIPIOL DIETERBA GERBER o da altre società produttrici aventi una larga diffusione sul mercato italiano. Sull etichetta dei prodotti alimentari deve essere riportato a norma del DPR 128/99. 7

17 6. Omogeneizzati di verdura Prodotto Aspetti generali, igienico sanitari, organolettici e merceologici Omogeneizzati di verdura Alimenti a base di verdure, di legumi, utilizzabili durante lo svezzamento. (v. Requisiti A.-A 1.-A 2.) Prodotti con verdure, legumi, senza l aggiunta di conservanti e polifosfati. arricchiti con vitamine E. Il procedimento di preparazione è tale da garantire il mantenimento delle caratteristiche proprie dell alimento, nonché migliore digeribilità, sicurezza igienica. Le varietà da consegnare sono le seguenti : Omogeneizzato Confezione - Carote g 80 x 2 - Verdure miste g 80 x 2 - Primi legumi g 80 x 2 Gli omogeneizzati di verdura oggetto di fornitura devono essere prodotti da aziende di primaria rilevanza commerciale quali: MELLIN PLASMON MILUPA NIPIOL DIETERBA GERBER o da altre società produttrici aventi una larga diffusione sul mercato italiano. Sull etichetta dei prodotti alimentari deve essere riportato a norma del DPR 128/ Omogeneizzati di frutta Prodotto Aspetti generali, igienico sanitari, organolettici e merceologici Omogeneizzati di frutta Alimenti contenenti frutta, utilizzabili durante lo svezzamento. (v. Requisiti A.-A 1.-A 2.) Prodotti con frutta, zucchero, succo di frutta, amido di mais, arricchiti con vitamina C. Senza conservanti, coloranti e aromi, senza glutine. Il procedimento di preparazione è tale da garantire il mantenimento delle caratteristiche proprie dell alimento, nonché migliore digeribilità, sicurezza igienica. Le varietà da consegnare sono le seguenti : Omogeneizzato Confezione - Mela g 100 x 2 - Pera g 100 x 2 - Banana - Mela g 100 x 2 - Prugna g 100 x 2 - Pesca g 100 x 2 - Albicocca - Mela g 100 x 2 - Frutta mista g 100 x 2 Gli omogeneizzati di frutta oggetto di fornitura devono essere prodotti da aziende di primaria rilevanza commerciale quali: MELLIN PLASMON MILUPA NIPIOL DIETERBA GERBER o da altre società produttrici aventi una larga diffusione sul mercato italiano. Sull etichetta dei prodotti alimentari deve essere riportato a norma del DPR 128/99. 8

18 LIOFILIZZATI 8. Liofilizzati di carne 9. Liofilizzati di pesce Prodotto Aspetti generali, igienico sanitari, organolettici e merceologici - Liofilizzati di carne - Liofilizzati di pesce Alimenti contenenti carne o pesce totalmente privati di acqua (liofilizzati), confezionati sottovuoto; si ricostituiscono nei liquidi ( acqua, latte, brodo) e sono utilizzabili durante lo svezzamento. (v. Requisiti A.-A 1.-A 2.) Prodotti con carne liofilizzata di manzo, vitello, agnello, pollo ecc. o di filetti di pesce come trota, nasello ecc., con eventuale addizione di farina di riso e vitamine. Sono alimenti utilizzabili durante lo svezzamento, come integratore del latte. Le varietà da consegnare sono le seguenti : Liofilizzato Confezione - Manzo g 10 x 3 - Vitello g 10 x 3 - Prosciutto g 10 x 3 - Agnello g 10 x 3 - Coniglio g 10 x 3 - Tacchino g 10 x 3 - Pollo g 10 x 3 - Trota g 10 x 3 I liofilizzati di carne e di pesce oggetto di fornitura devono essere prodotti da aziende di primaria rilevanza commerciale quali: MELLIN PLASMON MILUPA NIPIOL DIETERBA GERBER o da altre società produttrici aventi una larga diffusione sul mercato italiano. Sull etichetta dei prodotti alimentari deve essere riportato a norma del DPR 128/99. 9

19 BISCOTTI PER LA PRIMA INFANZIA 10. Biscotti primi mesi senza glutine 11. Biscotti 12. Biscotti senza uovo, latte e glutine 13. Biscotto granulato 14. Biscotto granulato senza glutine Prodotto Biscotti (codici ) Sono alimenti utilizzabili durante lo svezzamento, come integratori del latte. Aspetti generali, igienico sanitari, organolettici e merceologici (v. Requisiti A.-A 1.-A 2.) Sono prodotti arricchiti con Fosforo, Calcio, Ferro e Vitamine. Le confezioni devono presentarsi intatte e sigillate e il prodotto deve risultare indenne da infestanti, parassiti, larve, frammenti d insetti, da muffe o da altri agenti infestanti. I biscotti non devono presentare, in modo diffuso, difetti quali : presenza di macchie, spezzature, tagli rammollimenti atipici sapore ed odore atipici I biscotti in forma granulare devono presentarsi in forma iper-grattugiata da apparire come una polvere ottimamente solubile. L etichetta deve riportare gli elementi particolari della composizione che conferiscono al prodotto le caratteristiche nutrizionali particolari e le istruzioni per l uso. Deve essere riportata l analisi chimica del prodotto (composizione analitica centesimale). Deve essere riportata la presenza o assenza di glutine, se il prodotto è indicato a partire da un età inferiore a 6 mesi. Deve essere riportata l assenza di glutine quando il prodotto richiesto deve avere tale caratteristica particolare. Deve essere riportata l assenza di uovo, latte e glutine quando il prodotto richiesto deve avere tali caratteristiche particolari. I suddetti alimenti oggetto di fornitura devono essere prodotti da aziende di primaria rilevanza commerciale quali: MELLIN PLASMON MILUPA NIPIOL DIETERBA GERBER o da altre società produttrici aventi una larga diffusione sul mercato italiano. Sull etichetta dei prodotti alimentari deve essere riportato a norma del DPR 128/99. La fornitura deve essere assicurata in termini di quantità (grammi della confezione) e di marche commerciali come previsto dal capitolato. 10

20 FARINE E CREME DI CEREALI SENZA GLUTINE PER L INFANZIA 15. Farine (senza glutine): Mais, Riso, Tapioca 16. Crema di Riso 17. Crema di Mais e Tapioca 18. Crema multicereali Prodotto Farine e Creme (codici ) Prodotti a base di farine di cereali ( riso, mais, tapioca). Sono utilizzabili nello svezzamento perché prodotti da materie prime naturalmente prive di glutine. Tali farine, sottoposte a particolari metodi di lavorazione (leggera tostatura, precottura, trattamenti enzimatici ecc.), assumono caratteristiche idonee per l alimentazione della prima infanzia. Aspetti generali, igienico sanitari, organolettici e merceologici (v. Requisiti A.-A 1.-A 2.) Sono prodotti arricchiti con sali minerali (calcio e fosforo), vitamine, aromi naturali. Le confezioni devono presentarsi intatte e sigillate e il prodotto deve risultare indenne da infestanti, parassiti, larve, frammenti d insetti, da muffe o da altri agenti infestanti..tali alimenti devono essere: - senza coloranti, senza conservanti - senza sale aggiunto I suddetti alimenti oggetto di fornitura devono essere prodotti da aziende di primaria rilevanza commerciale quali: MELLIN PLASMON MILUPA NIPIOL DIETERBA GERBER o da altre società produttrici aventi una larga diffusione sul mercato italiano. Sull etichetta dei prodotti alimentari deve essere riportato a norma del DPR 128/99. La fornitura deve essere assicurata in termini di quantità (grammi della confezione) e di marche commerciali come previsto dal capitolato. 11

21 PRODOTTI DA FORNO SENZA GLUTINE 19. Crackers senza glutine 20. Fette biscottate senza glutine 21. Pan carré senza glutine Prodotto Prodotti senza glutine (codici ) Prodotti a base di farina di riso, farina di grano saraceno, amido di riso, amido di mais. Sono utilizzabili nell alimentazione della prima infanzia perché ottenuti da materie prime naturalmente prive di glutine. Aspetti generali, igienico sanitari, organolettici e merceologici (v. Requisiti A.-A 1.-A 2.) Devono possedere i requisiti atti a soddisfare le esigenze dietetiche della alimentazione della prima infanzia. Devono possedere le caratteristiche organolettiche e merceologiche previste dalla normativa relativa ai prodotti alimentari destinati ad un alimentazione particolare quale è quella della prima infanzia. I prodotti devono essere confezionati in involucri riconosciuti idonei dalle vigenti leggi per il contenimento dei prodotti alimentari. Le confezioni devono presentarsi intatte e sigillate e il prodotto deve risultare indenne da infestanti, parassiti, larve, frammenti d insetti, da muffe o da altri agenti infestanti..tali prodotti devono essere: - senza coloranti, senza conservanti - senza sale aggiunto Tali prodotti non devono presentare, in modo diffuso, difetti quali : - presenza di macchie, spezzature, tagli - rammollimenti atipici - sapore ed odore atipici I suddetti alimenti oggetto di fornitura devono essere prodotti da aziende di primaria rilevanza commerciale quali: MELLIN PLASMON MILUPA NIPIOL DIETERBA GERBER o da altre società produttrici aventi una larga diffusione sul mercato italiano. Sull etichetta dei prodotti alimentari deve essere riportato a norma del DPR 128/99. La fornitura deve essere assicurata in termini di quantità (grammi della confezione) e di marche commerciali come previsto dal capitolato. 12

22 PASTINA PRIMA INFANZIA 22. Pastina dietetica prima infanzia senza glutine Prodotto Aspetti generali, igienico sanitari, organolettici e merceologici Pastina dietetica prima infanzia senza glutine Prodotto a base di amido di mais, amido di riso, fecola di patate, proteine isolate di soia. Tale alimento è utilizzabile nell alimentazione della prima infanzia perché ottenuto da materie prime naturalmente prive di glutine. (v. Requisiti A.-A 1.-A 2.) Composizione tipo del prodotto: - proteine 13% - lipidi 3,5% - carboidrati 82,3% - umidità 12,5% Devono possedere le caratteristiche organolettiche e merceologiche previste dalla normativa relativa ai prodotti alimentari destinati ad un alimentazione particolare quale è quella della prima infanzia. I prodotti devono essere confezionati in involucri riconosciuti idonei dalle vigenti leggi per il contenimento dei prodotti alimentari. Le confezioni devono presentarsi intatte e sigillate e il prodotto deve risultare indenne da infestanti, parassiti, larve, frammenti d insetti, da muffe o da altri agenti infestanti. I suddetti alimenti oggetto di fornitura devono essere prodotti da aziende di primaria rilevanza commerciale quali: MELLIN PLASMON MILUPA NIPIOL DIETERBA GERBER o da altre società produttrici aventi una larga diffusione sul mercato italiano. Sull etichetta dei prodotti alimentari deve essere riportato a norma del DPR 128/99. La fornitura deve essere assicurata in termini di varietà del prodotto (vari formati) quantità (grammi della confezione) e di marche commerciali come previsto dal capitolato. 13

23 PANGRATTATO SENZA GLUTINE 23. Pangrattato senza glutine Prodotto Aspetti generali, igienico sanitari, organolettici e merceologici Pangrattato senza glutine Prodotto con materie prime prive di glutine (amido di mais). (v. Requisiti A.-A 1.-A 2.) Il prodotto deve avere una grana adeguata (corrispondente ad un semolino). Deve presentare odore, colore e sapore caratteristici del prodotto da cui è stato ricavato. Le confezioni devono presentarsi intatte e sigillate e il prodotto deve risultare indenne da infestanti, parassiti, larve, frammenti d insetti, da muffe o da altri agenti infestanti. Il suddetto alimento oggetto di fornitura deve essere prodotto da aziende di primaria rilevanza commerciale quali: MELLIN PLASMON MILUPA NIPIOL DIETERBA GERBER o da altre società produttrici aventi una larga diffusione sul mercato italiano. Sull etichetta dei prodotti alimentari deve essere riportato a norma del DPR 128/99. La fornitura deve essere assicurata in termini di quantità (grammi della confezione) e di marche commerciali come previsto dal capitolato. 14

24 SEMOLINO 24. Semolino di grano duro 25. Semolino senza glutine Prodotto Aspetti generali, igienico sanitari, organolettici e merceologici - Semolino di grano duro (istantaneo) - Semolino senza glutine Il semolino di grano è prodotto con semola di grano duro. Come prodotto dietetico per l infanzia è integrato con vitamine e sottoposto ad un processo di precottura, tale da renderlo facilmente stemperabile e digeribile (semolino istantaneo). Il semolino senza glutine è ottenuto dalla macinazione grossolana di un cereale naturalmente privo di glutine, come il riso. (v. Requisiti A.-A 1.-A 2.) Tali alimenti devono presentare odore, colore e sapore caratteristici del prodotto da cui sono stati ricavati. Le confezioni devono presentarsi intatte e sigillate e il prodotto deve risultare indenne da infestanti, parassiti, larve, frammenti d insetti, da muffe o da altri agenti infestanti. I suddetti alimenti oggetto di fornitura devono essere prodotti da aziende di primaria rilevanza commerciale quali: MELLIN PLASMON MILUPA NIPIOL DIETERBA GERBER o da altre società produttrici aventi una larga diffusione sul mercato italiano. Sull etichetta dei prodotti alimentari deve essere riportato a norma del DPR 128/99. La fornitura deve essere assicurata in termini di quantità (grammi della confezione) e di marche commerciali come previsto dal capitolato. OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA 26. Olio extravergine di oliva vitaminizzato Prodotto Aspetti generali, igienico sanitari, organolettici e merceologici Olio extravergine di oliva vitaminizzato Prodotto ottenuto esclusivamente dal frutto dell ulivo e, come prodotto dietetico, arricchito con vitamine E, D, A, B6. Ciò contribuisce a soddisfare i fabbisogni nutrizionali del bambino. (v. Requisiti A.-A 1.-A 2.) Il suddetto alimento oggetto di fornitura deve essere prodotto da aziende di primaria rilevanza commerciale quali: MELLIN PLASMON MILUPA NIPIOL DIETERBA GERBER o da altre società produttrici aventi una larga diffusione sul mercato italiano. Sull etichetta dei prodotti alimentari deve essere riportato a norma del DPR 128/99. La fornitura deve essere assicurata in termini di quantità (ml della confezione) e di marche commerciali come previsto dal capitolato. 15

25 16

26 COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Educativi e Territoriali (già Settore Pubblica Istruzione) SERVIZIO SCUOLE DELL INFANZIA CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE ED IGIENICO- SANITARIE DI CARNE E POLLAME IMPIEGATI, O DI POSSIBILE IMPIEGO, NEGLI ASILI NIDO COMUNALI Dipartimento di Scienze per la Promozione della Salute G. D Alessandro Sezione IGIENE Università degli Studi di Palermo 1

27 INDICE 1. REQUISITI GENERALI DEGLI ALIMENTI OGGETTO DI FORNITURA pag 3 2. INDICE DEI PRODOTTI. " 5 3. PRODOTTI (caratteristiche merceologiche) " 6 2

28 1. REQUISITI GENERALI DEGLI ALIMENTI OGGETTO DI FORNITURA Le carni devono possedere i requisiti caratteristici ed essere privi di qualsiasi anomalia per quanto riguarda l odore, il gusto e lo stato fisico. La qualità delle carni è indicata nella specificazione di ciascuna tipologia di prodotto, nel presente allegato merceologico. In generale, è opportuno fare riferimento alle seguenti indicazioni circa le caratteristiche delle carni oggetto della fornitura: i tagli di carne fresca devono essere forniti confezionati sottovuoto secondo la normativa vigente; la carne tritata deve essere sempre macinata in giornata; non deve essere trattata con conservanti o sostanze atte a mantenere il colore; deve contenere una quantità di grasso inferiore al 20% e non deve contenere tracce di visceri; le confezioni devono riportare l etichettatura, al fine della rintracciabilità, come previsto da Regolamento CEE e, oltre alle indicazioni obbligatorie, dovrà comparire anche la denominazione del taglio anatomico; i singoli tagli anatomici confezionati devono corrispondere a quanto indicato sull etichetta; i tagli anatomici confezionati devono provenire esclusivamente da carcasse e quarti aventi le caratteristiche indicate nel presente allegato merceologico. All interno dell involucro delle confezioni sottovuoto non devono essere presenti liquidi disciolti, né macchie superficiali e di colorazioni anomale Il trasporto delle carni oggetto della fornitura deve avvenire nel completo rispetto delle norme igienico - sanitarie, con temperature durante il trasporto come indicato nella sottostante tabella: Prodotto Carne Carne tritata Pollame fresco T trasporto -1 C - +7 C -1 C - +4 C 0 C - +2 C In particolare si richiede, in base alle esigenze: dalla carne bovina: - fettine con grammatura uniforme di circa g. 100 cadauna, ottenute tassativamente da tagli teneri come la fesa; - bocconcini per lo spezzatino ottenuti dalla noce, e/o da tagli particolari, come consigliato nel paragrafo 3.1.c (TAGLI DELLE CARNI INDICATI PER LE PREPARAZIONI) e con grammatura uniforme di circa g. 20 cadauno;. - grasso esterno di copertura inferiore al 2%. Nelle confezioni sottovuoto, al momento della consegna, la data di scadenza presente deve essere posticipata di almeno 15 giorni. dal pollame (pollo e tacchino): - fettine con grammatura uniforme di circa g. 100 cadauna, ottenute dal petto di pollo o dalla fesa di tacchino; - bocconcini per lo spezzatino ottenuti dal petto di pollo o dalla fesa di tacchino con grammatura uniforme di circa g. 20 cadauno;. - fuselli di pollo con grammatura rispettivamente di circa g

29 Le carni di pollame devono essere consegnate entro e non oltre 2 giorni dal confezionamento. Nelle confezioni sottovuoto, al momento della consegna, la data di scadenza presente deve essere posticipata di almeno 10 giorni. Potranno essere respinti tutti quei tagli di carne che non rispettano la percentuale di grasso esterno di copertura precedentemente indicata, come pure non potranno essere accettate quelle confezioni che presentano rotture manifeste, scollamento parziale o totale dell involucro, alterata compattezza, modificazioni dei caratteri organolettici del grasso e presenza di sierosità in quantità eccessiva. 4

30 2. INDICE DEI PRODOTTI n. codice titolo 1. Carne a) TAGLI ANATOMICI DEL QUARTO ANTERIORE BOVINO ADULTO b) TAGLI ANATOMICI DEL QUARTO POSTERIORE BOVINO ADULTO c) TAGLI DELLE CARNI INDICATI PER LE PREPARAZIONI 2. Bovino adulto fresco refrigerato 3. Carni sottovuoto 4. Cosce di pollo, petti di pollo, fuselli (con e senza osso) freschi refrigerati 5. Polli a busto freschi refrigerati 6. Cosce e petti di tacchino freschi refrigerati 7. Tacchini a busto freschi refrigerati 8. Pollame sottovuoto 5

31 3. PRODOTTI ( caratteristiche merceologiche) 1. Carne a) TAGLI ANATOMICI DEL QUARTO ANTERIORE BOVINO ADULTO BRIONE Muscoli: bicipite brachiale, estensore anteriore del metacarpo Base ossea: omero (anteriore), radio (anteriore) CAPPELLO DA PRETE Muscoli: retrospinoso, deltoide, piccolo rotondo, trapezio (parte) Base ossea: fossa retrospinosa della scapola FESONE DI SPALLA Muscoli: anconei, deltoide (parte chiusa) Base ossea: angolo scapolo-omerale FUSELLO Muscoli: antispinoso, trapezio (parte), omotracheliano (parte) Base ossea: fossa antispinosa della scapola GERETTO ANTERIORE Muscoli: estensore obliquo e laterale del metacarpo, flessori e estensore anteriore delle falangi Base ossea: radio e ulna PUNTA DI PETTO Muscoli: sterno-omerale, sterno-aponeurotico, sterno-trochiniano, intercostali Base ossea: prime quattro emisternebre REALE Muscoli: lungo spinoso, romboide, angolare della scapola, splenio, lungo del collo Base ossea: prime quattro vertebre dorsali con parte delle coste (4-5 cm) b) TAGLI ANATOMICI DEL QUARTO POSTERIORE BOVINO ADULTO CONTROFILETTO Muscoli: lungo dorsale, lungo spinoso, traverso spinoso, lungo costale, intercostale Base ossea: emivertebre lombari e ultime cinque emivertebre dorsali con porzione delle coste FILETTO Muscoli: piccolo psoas, grande psoas, iliaco Base ossea: inferiormente al corpo dell ileo e alle apofisi traverse, lateralmente alle emivertebre lombari e alle ultime due dorsali SCAMONE Muscoli: tensore fascia lata, glutei, porzione superficiale del lungo vasto Base ossea: fossa sacro-iliaca 6

32 NOCE Muscoli: retto anteriore, vasto mediale, vasto laterale, vasto intermedio Base ossea: femore e rotula FETTA DI MEZZO O SOTTOFESA Muscoli: parametrale, bicipite femorale Base ossea: femore (parte esterna) MAGATELLO Muscoli: semitendinoso Base ossea: femore (parte esterna) PESCE Muscoli: gastrocnemio, parte del flessore superficiale delle falangi Base ossea: tibia (parte posteriore) GERETTO POSTERIORE Muscoli: flessori ed estensori del metatarso e delle falangi Base ossea: tibia c) TAGLI DELLE CARNI INDICATI PER LE PREPARAZIONI -POLPETTE- Tagli REALE (bovino adulto) SPALLA (bovino adulto) -HAMBURGER- Tagli REALE (bovino adulto) SPALLA (bovino adulto) -BISTECCHE- Tagli SCAMONE (bovino adulto) CONTROFILETTO (bovino adulto) -CARNE TRITA- Tagli REALE (bovino adulto) SPALLA (bovino adulto) 7

33 -SPEZZATINO- Tagli REALE (bovino adulto) SPALLA (bovino adulto) -BRASATO- Tagli SOTTOFESA (bovino adulto) -COTOLETTE- Tagli NOCE (bovino adulto) PETTO (pollo) -SCALOPPE- Tagli NOCE (bovino adulto) SCAMONE (bovino adulto) FESA (tacchino) -BOLLITO- Tagli CAPPELLO DI PRETE (bovino adulto) REALE (bovino adulto) -ARROSTI- Tagli REALE (bovino adulto) NOCE (bovino adulto) FESONE (bovino adulto) FESA (bovino adulto) FESA (tacchino) -ROAST BEEF- Tagli CONTROFILETTO (bovino adulto) 8

34 2. Bovino adulto fresco refrigerato Prodotto Aspetti igienico -sanitari Requisiti organolettici e merceologici Bovino adulto fresco refrigerato Il prodotto deve: soddisfare le vigenti disposizioni di igiene per gli alimenti di origine animale e per la vigilanza igienica ai sensi della Legge n. 283 del 30 aprile 1962, del D.M. 23/11/95 e dei Regolamenti (CE) n. 853/04 e n. 854/04 provenire da allevamenti nazionali o di Paesi membri dell Unione Europea e da stabilimenti di macellazione o sezionamento riconosciuti idonei alla commercializzazione delle carni in ambito CEE ai fini della prevenzione delle encefalopatie spongiformi trasmissibili, essere stato prodotto, macellato e sezionato nel rispetto della Legge n. 3 e della O.M e di ogni altra norma successiva ad integrazione o modifica Inoltre: deve essere specificata la provenienza deve essere dichiarata la data di macellazione (non superiore a sei giorni) deve essere dichiarato, per ogni singolo animale inviato alla macellazione, che al medesimo animale non siano state somministrate sostanze vietate deve presentare caratteristiche igieniche ottime, assenza di alterazioni microbiche e fungine Il prodotto deve presentare i seguenti requisiti: tessuto muscolare a grana fine, colorito brillante, colore roseo - rosso tessuto adiposo compatto e di colore bianco candido, ben disposto fra i fasci muscolari che assumono aspetto marezzato marezzatura media, consistenza pastosa, tessitura abbastanza compatta Le carni non devono essere di animali appartenenti alla categoria vitelli, ai sensi della Legge n. 171 del 4 aprile 1964 art. 2 e successive modifiche (Legge n. 53/77 e Legge n. 44/83) La carne deve essere priva di sostanze ad attività antibatterica o anabolizzante e dei loro prodotti di trasformazione nonché di altre sostanze che possono nuocere alla salute umana (Regolamento (CE) n. 270 del 14/02/1997, D. Leg.vo.16 marzo 2006 n. 158 in attuazione della direttiva 2003/74). Deve essere dichiarata l età dell animale che deve essere al massimo di 24 mesi. Deve essere dichiarata l appartenenza delle carcasse di bovino adulto alla categoria A oppure E, secondo il Regolamento (CEE) 1026/91. Non devono essere accettate carni dichiarate di vacca o che presentano le caratteristiche di consistenza e di colore dei muscoli di suddetti animali. 9

35 Per la rintracciabilità si fa riferimento al Regolamento (CE) 178/2002 del 28/01/2002 e alla Direttiva 2000/13/CE del 20/03/2000 modificata dalla direttiva 2001/101/CE del 26/11/2001, recepita con D. Leg.vo n. 181 del 23/06/2003. Trasporto e conservazione Caratteristiche della confezione La carne deve: essere scortata da documento commerciale integrato dalle indicazioni previste dal Regolamento CE n. 854/04 essere trasportata secondo le disposizioni del D.P.R. n. 327 del 26 marzo 1980 e successivi aggiornamenti, con temperature durante il trasporto tra i 1 C e +7 C essere conservata sino al momento della cottura a temperatura compresa tra +0 C e +4 C L etichettatura deve essere conforme all art. 9 del Disciplinare di Etichettatura, D.M. 18 aprile 2000, nonché ai D.M. 30/08/2000 e 22/01/2001 che forniscono indicazioni e modalità applicative del Regolamento CE 1760/2000 (sull etichettatura obbligatoria e su quella facoltativa delle carni bovine) e del Regolamento CE 1825/2000 in vigore dal 27/08/

36 3. Carni sottovuoto Prodotto Aspetti igienico -sanitari Requisiti organolettici e merceologici Carni sottovuoto Vedi codice 2 Vedi codice 2 Inoltre, il prodotto deve presentare i seguenti requisiti: colore rosso bruno che vira al rosso vivo entro 30 min. - 1 ora dall apertura della confezione odore tipico del prodotto fresco assenza di odori e sapori estranei, di ecchimosi, di coaguli sanguigni, di aponeurosi, di parti tendinee e peli il liquido rosato presente nelle confezioni in sottovuoto (sierosità) non deve superare il 2 % del peso netto del prodotto I tagli anatomici devono: essere ottenuti dalla lavorazione (disosso, sezionamento e confezionamento) di carni macellate da non più di cinque giorni (ottimale tra il 3 e il 5 giorno dalla macellazione) devono essere confezionati dopo un accurata rifilatura, in modo tale che, al momento dell utilizzo, si abbia uno scarto massimo del 6-7%, costituito da grasso e connettivo di copertura e la sierosità presente non deve eccedere l 1% del peso del prodotto Verranno respinti tutti quei tagli di carni che non rispettino gli standard di peso e la percentuale di grasso esterno di copertura e/o che presentino cristalli di ghiaccio. Trasporto e conservazione Caratteristiche della confezione presentare grana fine, colorito brillante, colore roseo rosso avere tessuto adiposo compatto e di colore bianco candido, ben disposto fra i fasci muscolari che assumono aspetto marezzato presentare marezzatura media, consistenza pastosa, tessitura abbastanza compatta La carne deve: essere trasportata secondo le disposizioni del D.P.R. n. 327 del 26 marzo 1980 e successivi aggiornamenti, con temperature durante il trasporto tra i 1 C e +7 C essere conservata sino al momento della cottura a temperatura compresa tra +0 C e +4 C Imballaggio: I tagli di carne fresca devono essere confezionati sottovuoto secondo la normativa vigente. I suddetti tagli devono essere confezionati sottovuoto (imballaggio primario) usando involucri e materiali conformi alle disposizioni vigenti (DM. 21/03/73 e successive modifiche ed integrazioni, D.M. 15/06/00 n. 210, Regolamento CE n. 1935/2004, Regolamento CE n. 1895/2005) in quanto a composizione e prove di migrazione che ne regolano il loro impiego. 11

37 Le confezioni devono avere l involucro integro, ben aderente alla carne, indice della presenza del sottovuoto. L etichettatura deve essere conforme al D. Leg.vo 109/92 e successive integrazioni e modifiche (D. Leg.vi 68/00 e 259/00, D. Leg.vo 23 giugno 2003 n. 181). Le seguenti indicazioni indelebili, facilmente visibili e leggibili, devono essere riportate direttamente sugli imballaggi primari e sopra una etichetta inserita all'interno della confezione o apposta in forma inamovibile: denominazione della specie e relativo taglio anatomico stato fisico categoria commerciale degli animali da cui provengono le carni data di produzione espressa in giorno mese ed anno termine minimo di conservazione, indicato chiaramente con menzione da consumarsi entro il seguita dalla data composta di giorno, mese ed anno (Il termine minimo di conservazione indicato sull etichetta, per i porzionati non macinati, sotto la responsabilità del produttore, è comunque non inferiore a 2 settimane, rispetto alla data di scadenza, mentre deve essere inferiore a 6 gg. per quelli macinati) modalità di conservazione nome, ragione sociale del marchio depositato e sede sociale del produttore/confezionatore sede dello stabilimento di produzione/confezionamento riproduzione del bollo sanitario (CE) Dovranno essere riportate ulteriori informazioni previste dalla etichettatura obbligatoria come: paese di nascita allevamento numero di identificazione del capo o del gruppo di animali, ecc. percentuale di grasso e rapporto collagene/proteine, solo per le carne macinate, come previsto dal D.P.R. 309/98 peso netto Per la rintracciabilità si fa riferimento al Regolamento (CE) 178/2002 del 28/01/2002 e alla Direttiva 2000/13/CE del 20/03/2000 modificata dalla Direttiva 2001/101/CE del 26/11/2001, recepita con D. Leg.vo n. 181 del 23/06/

38 4. Cosce di pollo, petti di pollo, fuselli (con e senza osso) freschi refrigerati Prodotto Aspetti igienico -sanitari Requisiti organolettici e merceologici Cosce di pollo, petti di pollo, fuselli (con e senza osso) freschi refrigerati Le carni di pollame devono soddisfare le vigenti disposizioni per la vigilanza igienica ai sensi della Legge n. 283 del 30 aprile 1962, dei Regolamenti (CE) n. 853/04 e n. 854/04; devono provenire da animali allevati sul territorio nazionale. Il pollame da cui sono state ottenute le carni devono essere stati abbattuti e sezionati esclusivamente in macelli abilitati CEE e autorizzati. Inoltre: devono appartenere alla Classe A secondo i Regolamenti (CEE) 153/91 e 1980/92 non devono aver subito azione di sostanze estrogene devono provenire da animali macellati da non più di tre giorni e non meno di 12 ore devono presentare caratteristiche igieniche ottime, con assenza di alterazioni microbiche e fungine e devono possedere buone caratteristiche microbiologiche Caratteristiche generali I vari tagli anatomici devono evidenziare nettamente le caratteristiche organolettiche dei tessuti muscolari che li compongono, siano essi ricoperti o privati della propria pelle; inoltre, il dissanguamento deve essere completo. La pelle, se presente, dovrà essere: di colorito rosa chiaro di consistenza elastica asciutta alla palpazione priva di evidenti segni di traumi patiti in fase di trasporto di animali vivi o durante la macellazione priva di qualsiasi residuo riferito a penne o a piume I tessuti muscolari dovranno avere: colorito bianco-rosa, se riferito ai pettorali, o colore cuoio castano per quelli appartenenti agli arti posteriori consistenza sodo - pastosa spiccata lucentezza assenza di umidità Inoltre, se sottoposti alla prova della cottura, non porranno in risalto odori o sapori anomali dovuti ad una inadeguata alimentazione del pollame. 13

39 Caratteristiche dei tagli anatomici a) Cosce di pollo e Fuselli di pollo devono provenire da animali di Classe A devono essere ben conformate, presentare una muscolatura allungata e ben sviluppata devono essere prive di zampe, sezionate pochi centimetri al di sotto dell articolazione tarsica la pelle deve presentarsi di spessore fine, di colore giallo chiaro, omogeneo, pulita, elastica, non disseccata, senza penne, spuntoni né piume non devono presentare ecchimosi, colorazioni anomale, tagli o lacerazioni il grasso sottocutaneo deve risultare uniformemente distribuito e nei giusti limiti non devono presentare fratture, edemi ed ematomi le carni devono essere completamente dissanguate, di colore bianco rosato uniforme, di consistenza soda, ben aderenti all osso, senza essudato né trasudato le cartilagini delle articolazioni devono risultare integre, di colore bianco azzurro caratteristico, senza grumi di sangue o ecchimosi b) Petti di pollo devono provenire da animali di Classe A devono corrispondere ai muscoli pettorali che hanno per base ossea il coracoide, la clavicola, lo sterno e l appendice sternale il peso di ogni singolo petto deve essere compreso tra i 300 e i 500 g devono essere ben puliti, privati della pelle, dei grassi e di tutte le strutture ossee e cartilaginee La carne deve essere priva di sostanze ad attività antibatterica o anabolizzante e dei loro prodotti di trasformazione nonché di altre sostanze che possono nuocere alla salute umana (Regolamento (CE) n. 270 del 14/02/1997, D. Leg.vo.16 marzo 2006 n. 158 in attuazione della direttiva 2003/74). Trasporto e conservazione Caratteristiche della confezione I prodotti devono essere trasportati secondo le disposizioni del D.P.R. n. 327 del 26 marzo 1980 e successivi aggiornamenti, con temperature durante il trasporto tra i 0 e +2 C essere conservati sino al momento della cottura a temperatura compresa tra +0 C e +4 C Imballaggio il sistema di imballaggio usato nella preparazione e nella confezione dei diversi prodotti deve garantire il mantenimento dei requisiti igienici nonché quelli merceologici. I materiali usati per la costituzione dell imballaggio devono essere conformi alla normativa relativa ai materiali che possono venire a contatto con gli alimenti: DM. 21/03/73 e successive modifiche ed 14

40 integrazioni (D.M. 15/06/00 n. 210, Regolamento CE n. 1935/2004, Regolamento CE n. 1895/2005). Inoltre, le confezioni non devono contenere il liquido di sgocciolamento. L etichettatura deve essere conforme al D. Leg.vo 109/92 e successive integrazioni e modifiche (D. Leg.vi 68/00 e 259/00, D. Leg.vo 23 giugno 2003 n. 181). Inoltre, dovrà essere assicurata l etichettatura obbligatoria prevista dal Regolamento CE n. 1760/2000 che deve essere inserita all interno del sottovuoto a contatto con la carne e che dovrà riportare le indicazioni secondo quanto previsto dall Ordinanza Ministero della Salute del 26 agosto 2005 e successive modifiche ed integrazioni (Ordinanza Ministeriale del 10 ottobre 2005) Le varie indicazioni, indelebili, facilmente visibili e leggibili, riportate direttamente sugli imballaggi primari (involucri per sottovuoto) o su un etichetta inseritavi o appostatavi in forma inamovibile sono: denominazione della specie e relativo taglio anatomico categoria commerciale degli animali da cui le carni provengono stato fisico (fresco) termine minimo di conservazione, indicato chiaramente con menzione da consumarsi entro (data di scadenza) modalità di conservazione nome o ragione sociale o marchio depositato e sede sociale del produttore / confezionatore sede dello stabilimento di produzione/confezionamento riproduzione del bollo sanitario CEE che identifica il laboratorio di sezionamento ( S ), conformemente alla legislazione vigente data di confezionamento espressa in giorno, mese e anno Su ciascun imballaggio dovrà essere indicato il peso netto. 15

41 5. Polli a busto freschi refrigerati Prodotto Aspetti igienico -sanitari Requisiti organolettici e merceologici Polli a busto freschi refrigerati Vedi codice n. 4 Vedi codice n. 4 I busti devono evidenziare nettamente le caratteristiche organolettiche dei tessuti muscolari che li compongono Inoltre, i polli di allevamento industriale, allevati a terra, preparati a busto, di classe A, devono essere: di regolare sviluppo di età inferiore alle dieci settimane, di ambo i sessi di buona conformazione in ottimo stato di nutrizione e con assenza di callosità sternale di recente macellazione (non oltre i 3 gg.) completamente dissanguati raffreddati a secco senza aggiunta di acqua durante il raffreddamento privi di collo (la resezione del collo deve avvenire a livello della terzultima vertebra cervicale), testa, zampe (zampe tagliate a mezzo centimetro circa sotto l articolazione tarsica), completamente eviscerati e privi di uropigio, esofago, trachea, polmone, stomaco e intestino perfettamente esenti da fratture, edemi ed ematomi perfettamente puliti, privi di segni di scottature e di piume residue Devono avere: un grasso interno e di copertura ben distribuito senza ammassi adiposi sulla regione perineale della cloaca una carne di colorito tendente al giallo, di buona consistenza, non flaccida un peso netto alla consegna di Kg 1,100 1,200 La carne deve essere priva di sostanze ad attività antibatterica o anabolizzante e dei loro prodotti di trasformazione, nonché di altre sostanze che possono nuocere alla salute umana (Regolamento (CE) n. 270 del 14/02/1997, D. Leg.vo.16 marzo 2006 n. 158 in attuazione della direttiva 2003/74). Trasporto e conservazione Caratteristiche della confezione Vedi codice n. 4 Vedi codice n. 4 16

42 6. Cosce, sottocosce e petti di tacchino freschi refrigerati Prodotto Aspetti igienico -sanitari Requisiti organolettici e merceologici Cosce, sottocosce e petti di tacchino freschi refrigerati Vedi codice n. 4 Vedi codice n. 4. Inoltre, questi tagli devono provenire da tacchini maschi di età compresa tra 14 settimane e 8 mesi, di classe A. Caratteristiche dei tagli anatomici a) Cosce e sottocosce di tacchino devono provenire da animali di Classe A devono essere ben conformate e presentare una muscolatura allungata e ben sviluppata devono essere prive di zampe, sezionate pochi centimetri al di sotto dell articolazione tarsica la pelle deve presentarsi di spessore fine, di colore giallo chiaro, omogenea, pulita, elastica, non disseccata, senza penne, spuntoni né piume non devono presentare ecchimosi, colorazioni anomale, tagli o lacerazioni il grasso sottocutaneo deve risultare uniformemente distribuito e nei giusti limiti non devono presentare fratture, edemi ed ematomi le carni devono essere completamente dissanguate, di colore bianco rosato uniforme, di consistenza soda, ben aderenti all osso, senza essudato né trasudato le cartilagini delle articolazioni devono risultare integre, di colore bianco azzurro caratteristico, senza grumi di sangue o ecchimosi b) Petti di tacchino devono provenire da animali di Classe A devono corrispondere ai muscoli pettorali senza pelle e senza struttura ossea devono essere ben puliti, privati della pelle, dei grassi e di tutte le strutture ossee e cartilaginee in corrispondenza della carena dello sterno può residuare una lamina fibro cartilaginea tenacemente connessa al tessuto muscolare; il gozzo deve essere asportato il peso di ogni singolo petto deve essere compreso tra 4 e 6 Kg La carne deve essere priva di sostanze ad attività antibatterica o anabolizzante e dei loro prodotti di trasformazione, nonché di altre sostanze che possono nuocere alla salute umana (Regolamento (CE) n. 270 del 14/02/1997, D. Leg.vo.16 marzo 2006 n. 158 in attuazione della direttiva 2003/74). 17

COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Educativi

COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Educativi ALLEGATO 2 COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Educativi SERVIZIO ATTIVITA EDUCATIVE PER L INFANZIA CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE ED IGIENICO- SANITARIE DI ALCUNI PRODOTTI ALIMENTARI DIETETICI PER LA PRIMA

Dettagli

COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Educativi

COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Educativi ALLEGATO 2 COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Educativi SERVIZIO ASILI NIDO CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE ED IGIENICO- SANITARIE DI CARNE E POLLAME IMPIEGATI, O DI POSSIBILE IMPIEGO, NEGLI ASILI NIDO COMUNALI

Dettagli

ALLEGATO 2) COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Educativi

ALLEGATO 2) COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Educativi ALLEGATO 2) COMUNE DI PALERMO Settore Servizi Educativi SERVIZIO ASII NIDO CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE ED IGIENICO- SANITARIE DI ALCUNI PRODOTTI FRESCHI DA FORNO IMPIEGATI, O DI POSSIBILE IMPIEGO, NEGLI

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO

LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LINEE GUIDA SVEZZAMENTO LATTANTI I bambini sino a 6 mesi assumono solamente latte seguendo le modalità e le dosi imposte dal pediatra. L allattamento artificiale inizierà con: Latte in polvere adattato

Dettagli

ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO

ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO 1 ALLEGATO B LINEE GUIDA, RICETTARIO E TABELLE DIETETICHE PER L ASILO NIDO Data: Aprile 2014 Il Documento è composto di n 7 pagine - pag1 di pagine7 - 2 LINEE GUIDA 1. INDICAZIONE PER L ELABORAZIONE DEI

Dettagli

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO

COMUNE DI RAPALLO. Allegato n. 2. CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO COMUNE DI RAPALLO Allegato n. 2 CARATTERISTICHE e CRITERI per la REALIZZAZIONE del MENU - GRAMMATURE SCHEMA MENU ASILO NIDO 1 MENU CARATTERISTICHE DEL MENU 1. Alimenti sempre BIOLOGICI o a LOTTA INTEGRATA

Dettagli

Tutta Pappa con riso formaggio e pomodoro " " con riso verdure miste e legumi Tutta Pappa con riso verdure miste e formaggio

Tutta Pappa con riso formaggio e pomodoro   con riso verdure miste e legumi Tutta Pappa con riso verdure miste e formaggio PRODOTTI DIETETICI PRIVI DI UOV O I PRODOTTI SOTTOELENCATI SONO PRIVI DI UOVO. ALCUNI PERO CONTENGONO CARNE DI POLLO E TACCHINO. ANCHE QUESTI ALIMENTI VANNO ESCLUSI NEI SOGGETTI ALLERGICI ALLE PROTEINE

Dettagli

SPECIFICHE MERCEOLOGICHE CARNE FRESCA

SPECIFICHE MERCEOLOGICHE CARNE FRESCA Azienda di Servizi alla Persona ALLEGATO B) SPECIFICHE MERCEOLOGICHE CARNE FRESCA Specifiche merceologiche: carni bovine fresche PRODOTTO - CARNE BOVINA, fresca, refrigerata, confezionata sottovuoto, in

Dettagli

ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu)

ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu) ALLEGATO B (caratteristiche alimenti, grammature e menu) Il presente allegato indica le caratteristiche nonché le qualità delle derrate alimentari che dovranno essere utilizzate per la preparazione di

Dettagli

Il mondo bimbo in farmacia

Il mondo bimbo in farmacia Il mondo bimbo in farmacia I prodotti migliori per la crescita ed il benessere del tuo bambino. Offerta valida fino al 30 giugno 2009 Insieme per la tua salute Le Farmacie Associate 2/3 A 2,35 Plasmon

Dettagli

Il Concorrente Pagina 1 Il Responsabile del Procedimento

Il Concorrente Pagina 1 Il Responsabile del Procedimento UNITA DI PRODOTTI CON IVA AL 4% 1 AGLIO Kg. 30 2 ALBICOCCHE Kg. 105 3 ARANCE DA SPREMUTA Kg. 735 4 ASPARAGI Kg. 300 5 BANANE Kg. 3150 6 BASILICO Kg. 60 7 BIETA Kg. 2100 8 BROCCOLI Kg. 60 9 CACIOTTA DI

Dettagli

Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia

Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia COMUNE DI SASSARI Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia NIDI D'INFANZIA DEL COMUNE DI SASSARI Tabelle dietetiche e Menù La nutrizionista La pediatra dell'azienda

Dettagli

Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI

Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI Allegato A) Consigli per la TIPOLOGIA e La QUALITA degli ALIMENTI 1 Sede legale : Via Mazzini, 117-28887 Omegna (VB) Tel. +39 0323.5411 0324.4911 fax +39 0323.643020 e-mail: protocollo@pec.aslvco.it -

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' COMPRESA TRA I 16 E I 36 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI : MERCOLEDI :

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE

ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE MENU E TABELLA DIETETICA CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU Le tabelle dietetiche e menù devono essere

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO BAR E RISTORAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE

PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO BAR E RISTORAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE ALLEGATO N. 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO BAR E RISTORAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE 1. NORME GENERALI Le

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Area Igiene degli Alimenti e della Sicurezza Nutrizionale

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Area Igiene degli Alimenti e della Sicurezza Nutrizionale DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Area Igiene degli Alimenti e della Sicurezza Nutrizionale INDICAZIONI DIETETICHE per i lattanti che frequentano l asilo nido 1 anno di vita Questo strumento si rivolge

Dettagli

Che cosa è un CAPITOLATO?

Che cosa è un CAPITOLATO? Che cosa è un CAPITOLATO? 1 - è una parte di un contratto di fornitura di beni o servizi 2 - il capitolato contiene indicazioni specifiche in merito a: - tipologia del prodotto (quantità, qualità) - modalità

Dettagli

Foglio Patti e Condizioni PER LA FORNITURA DI CARNI REFRIGERATE DI ORIGINE BOVINA, AVICUNICOLA, SUINA

Foglio Patti e Condizioni PER LA FORNITURA DI CARNI REFRIGERATE DI ORIGINE BOVINA, AVICUNICOLA, SUINA Foglio Patti e Condizioni PER LA FORNITURA DI CARNI REFRIGERATE DI ORIGINE BOVINA, AVICUNICOLA, SUINA Il presente Foglio patti e condizioni si riferisce alla fornitura di Carni Refrigerate, di origine

Dettagli

CITTA DI PORTICI ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO - TABELLE DIETETICHE E GRAMMATURE DEGLI ALIMENTI -

CITTA DI PORTICI ALLEGATO 2 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO - TABELLE DIETETICHE E GRAMMATURE DEGLI ALIMENTI - CITTA DI PORTICI PROCEDURA APERTA - PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO Dl RISTORAZIONE SCOLASTICA COMPRESO I LAVORI Dl ADEGUAMENTO DEL CENTRO Dl COTTURA E DEI REFETTORI DEI PLESSI SCOLASTICI. ALLEGATO 2 AL

Dettagli

AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA. per bambini da 3 a 12/14 mesi

AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA. per bambini da 3 a 12/14 mesi AREA SVILUPPO ECONOMICO E FORMAZIONE Ristorazione Scolastica TABELLA DIETETICA per bambini da 3 a 12/14 mesi A cura della Dietista DIRIGENTE M. Teresa Caprasecca Dr.ssa Cristina Ercolani IL DIVEZZAMENTO

Dettagli

DIVEZZAMENTO PRANZO MERENDA

DIVEZZAMENTO PRANZO MERENDA DIVEZZAMENTO Dal 5-6 mese è consigliabile introdurre alimenti diversi dal latte nella dieta del bambino (divezzamento). Tuttavia il latte, resta il cardine dell'alimentazione del bambino fino a tutto il

Dettagli

ALLEGATO D. CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI

ALLEGATO D. CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI ALLEGATO D CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE Area della Ricerca di Pisa DIETETICO PER VITTO PAZIENTI 1 INDICE Presentazione del dietetico pag. 3 Vitto comune (esempio di giornata base) pag. 4 Calcolo

Dettagli

Allegato B CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI

Allegato B CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI Allegato B CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI Tutte le confezioni degli alimenti devono riportare le indicazioni previste dal D.L.vo 109/1992 e dal Reg. UE n. 1169/2012 e rispettare

Dettagli

DEFINIZIONE GRADUALE INTRODUZIONE NELLA DIETA DEL BAMBINO DI ALIMENTI NON LATTEI SEMI-SOLIDI E POI SOLIDI

DEFINIZIONE GRADUALE INTRODUZIONE NELLA DIETA DEL BAMBINO DI ALIMENTI NON LATTEI SEMI-SOLIDI E POI SOLIDI DEFINIZIONE GRADUALE INTRODUZIONE NELLA DIETA DEL BAMBINO DI ALIMENTI NON LATTEI SEMI-SOLIDI E POI SOLIDI OBIETTIVI E FINALITA NUTRIZIONALI: Soddisfare i fabbisogni nutrizionali del lattante (densità calorica,fe

Dettagli

TABELLE GRAMMATURE E RICETTE

TABELLE GRAMMATURE E RICETTE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERV. IGIENE ALIMENTI E NUTRIZIONE TABELLE GRAMMATURE E RICETTE SCUOLA DELL INFANZIA E PRIMARIA RICETTE PRIMI PIATTI GRAMMATURE Scuole dell Infanzia(g) GRAMMATURE Scuole Primarie

Dettagli

Menù 6-12 mesi. 6-12 mesi 1ª settimana. Giovedì. Lunedì. Martedì. Venerdì. Mercoledì. Sabato

Menù 6-12 mesi. 6-12 mesi 1ª settimana. Giovedì. Lunedì. Martedì. Venerdì. Mercoledì. Sabato Menù 6-12 mesi 6-12 mesi 1ª settimana ASUR - ZT 13 - SIAN - U.O. Igiene della Nutrizione Pastina () in brodo vegetale con verdura passata Formaggio grana 15g / mozzarella 20g / caciotta dolce 20g / ricotta

Dettagli

TABELLE MERCEOLOGICHE DERRATE ALIMENTARI

TABELLE MERCEOLOGICHE DERRATE ALIMENTARI AZIENDA OSPEDALIERA TABELLE MERCEOLOGICHE DERRATE ALIMENTARI ALLEGATO B ALIMENTI FRESCHI Caratteristiche Merceologiche delle CARNI BOVINE FRESCHE Caratteri generali della Carne sottovuoto Il colore della

Dettagli

ALL.A CARATTERISTICHE TECNICO - MERCEOLOGICHE CARNI AVICUNICOLE FRESCHE REFRIGERATE

ALL.A CARATTERISTICHE TECNICO - MERCEOLOGICHE CARNI AVICUNICOLE FRESCHE REFRIGERATE ALL.A CARATTERISTICHE TECNICO - MERCEOLOGICHE CARNI AVICUNICOLE FRESCHE REFRIGERATE Caratteristiche merceologiche comuni Provenienza: i prodotti dovranno provenire preferibilmente da stabilimenti nazionali,

Dettagli

CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche Sociali Unità operativa Asili Nido. Pappa al nido

CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche Sociali Unità operativa Asili Nido. Pappa al nido CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche Sociali Unità operativa Asili Nido Pappa al nido M e n ù i n v i g o r e n e i n i d i d e l l a c i t t à d i V e r c e l l i Pappa al nido B a m b i n i, c i b o e

Dettagli

TABELLE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI (n.pag:27)

TABELLE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI (n.pag:27) TABELLE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI (n.pag:27) CEREALI E DERIVATI PANE COMUNE Deve essere utilizzato esclusivamente un impasto composto di farina di grano tenero tipo 0, acqua, sale, lievito

Dettagli

prezzo al litro o al Kg. % IVA Prodotto richiesto note prezzo unitario Aceto bianco confezione da lt.1 (prezzo al litro)..

prezzo al litro o al Kg. % IVA Prodotto richiesto note prezzo unitario Aceto bianco confezione da lt.1 (prezzo al litro).. In riferimento al bando di gara di codesta Amministrazione, si riportano, di seguito, le nostre migliori offerte per la fornitura di GENERI ALIMENTARI E SURGELATI, per la mensa della Scuola dell'infanzia,

Dettagli

Ingredienti e grammature, al crudo e al netto, delle ricette del menù nidi inverno 2014/2015

Ingredienti e grammature, al crudo e al netto, delle ricette del menù nidi inverno 2014/2015 Ingredienti e grammature, al crudo e al netto, delle ricette del menù nidi inverno 2014/2015 Piatti svezzamento Ingredienti 4/12 mesi Brodo vegetale multicereali - semolino e carne Petto di pollo/fesa

Dettagli

Asili Nido Comunali Madre Teresa di Calcutta, Salvo d'acquisto, Aldo Moro. menù lattanti fino a 6 mesi

Asili Nido Comunali Madre Teresa di Calcutta, Salvo d'acquisto, Aldo Moro. menù lattanti fino a 6 mesi Anno Educativo 2015-2016 menù lattanti fino a 6 mesi di metà crema crema di tapioca liofilizzato/omogeneizzato liofilizzato/omogeneizzato di liofilizzato/omogeneizzato liofilizzato/omogeneizzato liofilizzato/omogeneizzato

Dettagli

ALLEGATO D Caratteristiche merceologiche delle derrate alimentari

ALLEGATO D Caratteristiche merceologiche delle derrate alimentari ALLEGATO D Caratteristiche merceologiche delle derrate alimentari PREMESSA GENERALE - Tutti gli alimenti non devono contenere coloranti artificiali o naturalsimili, conservanti ed esaltatori di sapidità

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA

COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE AREA 3 SERVIZI INTEGRATI ALLA PERSONA Città Metropolitana di Genova All. A CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEI MENU Il menù è soggetto a validazione da parte del competente

Dettagli

FORMAGGI FRESCHI E STAGIONATI BIOLOGICI CARATTERISTICHE GENERALI

FORMAGGI FRESCHI E STAGIONATI BIOLOGICI CARATTERISTICHE GENERALI Istituzione ai Servizi Sociali 'Davide Drudi' Comune di Meldola Provincia di Forlì-Cesena Strada Meldola San Colombano n. 1-47014 Meldola Tel 0543/49.99.20. Fax 0543/49.99.12 e-mail: issddrudi@libero.it

Dettagli

Tutti gli alimenti non devono contenere coloranti artificiali o naturalsimili, conservanti ed esaltatori di sapidità (glutammato monopodico)

Tutti gli alimenti non devono contenere coloranti artificiali o naturalsimili, conservanti ed esaltatori di sapidità (glutammato monopodico) ALLEGATO A DISTINTE TECNICHE DI PRODOTTO PREMESSA GENERALE PER TUTTI I LOTTI Tutti gli alimenti non devono contenere coloranti artificiali o naturalsimili, conservanti ed esaltatori di sapidità (glutammato

Dettagli

descrizione Asilo nido Adulti infanzia primaria RICETTARIO

descrizione Asilo nido Adulti infanzia primaria RICETTARIO Scuola Scuola descrizione Asilo nido Adulti infanzia primaria RICETTARIO scaloppina di tacchino alla salvia fesa tacchino 40 50 60 100 farina di frumento tipo 00 0,5 0,5 0,5 0,5 totale 44,1 54,1 66,1 106,1

Dettagli

SVEZZAMENTO. Ideale iniziare lo svezzamento tra i 4 e i 6 mesi (non prima del 120 giorno di vita)

SVEZZAMENTO. Ideale iniziare lo svezzamento tra i 4 e i 6 mesi (non prima del 120 giorno di vita) SVEZZAMENTO Lo svezzamento rappresenta il momento in cui si introducono gradualmente nell'alimentazione del bambino alimenti di tipo solido diversi dal latte. È consigliabile iniziare lo svezzamento in

Dettagli

MENU PASTI PER I DEGENTI (n.pag: 18)

MENU PASTI PER I DEGENTI (n.pag: 18) D I E T E DIETA COSIDETTA COMUNE DIETA A Latte parzialmente scremato gr. 250 n. 4 fette biscottate zucchero gr. 10 marmellata o miele gr. 25 in alternativa al latte: un vasetto di yogurt da gr. 125 alla

Dettagli

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia

TABELLE DIETETICHE. Media Maschi/femmine (Kcal/gg) Fabbisogno Energetico. Nido d infanzia dell infanzia TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica deve fornire la corretta quantità in nutrienti, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, in modo che l organismo dell individuo non debba ricorrere ad

Dettagli

TABELLE MERCEOLOGICHE

TABELLE MERCEOLOGICHE Allegato 1) TABELLE MERCEOLOGICHE 1) Pane Il pane fornito deve: essere fresco, ben lievitato, ben cotto, prodotto con farine di grano tenero tipo 00. Il pane deve essere preparato giornalmente, non deve

Dettagli

Alimenti Lattei. Latte Bio 1 in polvere per Lattanti. Latte Bio 2 in polvere di Proseguimento

Alimenti Lattei. Latte Bio 1 in polvere per Lattanti. Latte Bio 2 in polvere di Proseguimento Catalogo Generale Alimenti Lattei Latti HiPP. Salute e nutrimento in tutta sicurezza. La gamma di alimenti lattei HiPP comprende latti biologici per ogni età, in particolare latti di proseguimento, dedicati

Dettagli

DIETA SEMILIQUIDA A. Requisiti degli alimenti:

DIETA SEMILIQUIDA A. Requisiti degli alimenti: DIETA SEMILIQUIDA A Questo tipo di dieta è proposto per pazienti incapaci di masticare, deglutire o far giungere allo stomaco cibi solidi e liquidi. E una dieta fluida, omogenea, frullata e setacciata

Dettagli

LE CARNI E TUTTE LE PREPARAZIONI A BASE DI CARNE

LE CARNI E TUTTE LE PREPARAZIONI A BASE DI CARNE COMUNE DI CUNEO SETTORE SOCIO EDUCATIVO E AFFARI DEMOGRAFICI ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO - Servizi comunali per la prima infanzia CARATTERISTICHE PRODOTTI ALIMENTARI Tutti i prodotti devono

Dettagli

OFFERTA - CONTRATTO PER LA FORNITURA DI GENERI ALIMENTARI PER L ASILO NIDO COMUNALE - ANNI SCOLASTICI 2008/2009, 2009/2010 E 2010/2011

OFFERTA - CONTRATTO PER LA FORNITURA DI GENERI ALIMENTARI PER L ASILO NIDO COMUNALE - ANNI SCOLASTICI 2008/2009, 2009/2010 E 2010/2011 OFFERTA - CONTRATTO PER LA FORNITURA DI GENERI ALIMENTARI PER L ASILO NIDO COMUNALE - ANNI SCOLASTICI 2008/2009, 2009/2010 E 2010/2011 La sottoscritta, in relazione alla richiesta di preventivo prodotta

Dettagli

PANE PANE GRATTUGIATO

PANE PANE GRATTUGIATO Allegato 3 SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE ED IGIENICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI, DEI PRODOTTI SEMILAVORATI E DELLE PREPARAZIONI GASTRONOMICHE 1 SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE

Dettagli

COMUNE DI CASALEONE Provincia di Verona

COMUNE DI CASALEONE Provincia di Verona COMUNE DI CASALEONE Provincia di Verona ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA PER IL PERIODO 01.09.2006 AL 31.08.2009 MATERIE PRIME CARATTERISTICHE DEI GENERI

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizio Igiene della Nutrizione INDICAZIONI DIETETICHE per i lattanti che frequentano l asilo nido 1 anno di vita Questo strumento si rivolge in modo particolare agli

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI ALLEGATO A MENU MENSA SCOLASTICA SCUOLA INFANZIA

COMUNE DI GOLFO ARANCI ALLEGATO A MENU MENSA SCOLASTICA SCUOLA INFANZIA COMUNE DI GOLFO ARANCI ALLEGATO A MENU MENSA SCOLASTICA SCUOLA INFANZIA SETTIM. LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI PRIMA Risotto alla parmigiana Prosciutto crudo o cotto Carote crude SECONDA Gnocchetti

Dettagli

CRACKER FETTE BISCOTTATE

CRACKER FETTE BISCOTTATE ALLEGATO B SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE ED IGIENICHE DELLE DERRATE ALIMENTARI, DEI PRODOTTI SEMILAVORATI E DELLE PREPARAZIONI GASTRONOMICHE Tutte le derrate dovranno

Dettagli

CITTÀ DI CASELLE TORINESE Servizio di refezione scolastica MENU ESTIVO. * la preparazione può contenere ingredienti surgelati 1

CITTÀ DI CASELLE TORINESE Servizio di refezione scolastica MENU ESTIVO. * la preparazione può contenere ingredienti surgelati 1 CITTÀ DI CASELLE TORINESE Servizio di refezione scolastica MENU ESTIVO * la preparazione può contenere ingredienti surgelati COMUNE DI CASELLE TORINESE SCUOLE PRIMARIE DI SECONDO GRADO MENU ESTIVO Risotto

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA PASTI AI SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI COMUNALI

CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA PASTI AI SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI COMUNALI Allegato 3 COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Provincia di Reggio Emilia SETTORE II : POLITICHE SOCIALI V. Marconi n. 7-42027 MONTECCHIO EMILIA RE Tel. 0522/861813: Direttore (Margherita Merotto), 0522/861819:

Dettagli

TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE

TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE 1 TABELLE DIETETICHE / PROSPETTO GRAMMATURE ASILI NIDO Le grammature sono indicate al crudo e al netto degli scarti, tranne quando diversamente indicato: CEREALI E DERIVATI 1-3 anni Adulti Pasta asciutta

Dettagli

ARTICOLAZIONE E COMPOSIZIONE DEI MENU E GRAMMATURA DEGLI ALIMENTI

ARTICOLAZIONE E COMPOSIZIONE DEI MENU E GRAMMATURA DEGLI ALIMENTI Comune di Pavullo nel Frignano Provincia di Modena CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA E DEI SERVIZI ACCESSORI NEI NIDI D INFANZIA, NELLE SCUOLE D INFANZIA,

Dettagli

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI

Simonetta Cosentino!!!!!!!!!!!!!!! MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Menu Scuole Don Luciano Sarti Simonetta Cosentino 2013-2014 MENU SCUOLA PRIMARIA DON LUCIANO SARTI Imparare a mangiare bene per crescere bene La refezione scolastica ha un ruolo fondamentale nell alimentazione

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI

SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE TABELLE DIETETICHE PER CIASCUNA TIPOLOGIA DI UTENTI Grammature dei generi alimentari al netto degli scarti (salvo diversa indicazione) per fasce scolari GENERI ALIMENTARI

Dettagli

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO

TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO TABELLE TIPO TABELLA DIETETICA PER CENTRI DI VACANZA CON PERNOTTAMENTO L.A.R.N. (livelli di assunzione giornalieri raccomandati di energia) da tener presenti nella definizione delle grammature. ETA MASCHI

Dettagli

TABELLA INVERNALE PER LA SCUOLA MATERNA. 1 settimana LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI

TABELLA INVERNALE PER LA SCUOLA MATERNA. 1 settimana LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO - ASL DI BERGAMO Servizio Igiene della Nutrizione TABELLA INVERNALE PER LA SCUOLA MATERNA 1 settimana LUNEDI MARTEDI MERCOLEDI GIOVEDI VENERDI MENU A Petti di pollo al

Dettagli

LOTTO N. 1 ALIMENTARI VARI

LOTTO N. 1 ALIMENTARI VARI 1 Pane fresco confezionato (rosetta) da gr.70-80 Kg 45.000 2 Pane grattugiato- cf. gr. 500 Kg 300 1,03 3 Farina bianca tipo 00- cf. 1 Kg. Kg 250 0,47 4 Fette biscottate monodose 14-15 gr. circa Kg 3.500

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DI PARTE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI VERONA GESTITO DA AGEC PERIODO 1.7.2013 / 30.06.

PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DI PARTE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI VERONA GESTITO DA AGEC PERIODO 1.7.2013 / 30.06. PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DI PARTE DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA DEL COMUNE DI VERONA GESTITO DA AGEC PERIODO 1.7.2013 / 30.06.2016 ALLEGATO AT03 SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE CARATTERISTICHE

Dettagli

RICETTARIO Menù invernale

RICETTARIO Menù invernale RICETTARIO Menù invernale Condimenti Parmigiano Reggiano per insaporire i primi piatti Olio extravergine di oliva per la preparazione dei piatti e per il condimento a crudo Succo di limone, erbe aromatiche

Dettagli

Cuccioli 2/12 mesi. Caratteristiche nutrizionali

Cuccioli 2/12 mesi. Caratteristiche nutrizionali Catalogo Prodotti Cuccioli 2/12 mesi Pollo primo ingrediente Alto contenuto di riso Ricco di Calcio e Vitamine Corretto rapporto Calcio/Fosforo Lievito di birra Fructo oligosaccaridi Formula Vitamin Plus

Dettagli

Città di Bari RIPARTIZIONE POLITICHE EDUCATIVE E GIOVANILI SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE SINGOLE PIETANZE DEI MENU

Città di Bari RIPARTIZIONE POLITICHE EDUCATIVE E GIOVANILI SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE SINGOLE PIETANZE DEI MENU Città di Bari RIPARTIZIONE POLITICHE EDUCATIVE E GIOVANILI SPECIFICHE TECNICHE RELATIVE ALLE SINGOLE PIETANZE DEI MENU ALLEGATO N 2 AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI REFEZIONE

Dettagli

Allegato A) SCHEMA MENU TIPO

Allegato A) SCHEMA MENU TIPO SCHEMA MENU TIPO Allegato A) Mesi 3 3 pasti di latte intero fresco diluito secondo le dosi indicate dal pediatra del bambino + 5 gr. di zucchero ogni 100 gr. di liquido (oppure malto destrine) + eventuale

Dettagli

Piazza Umberto I - 52035 Monterchi AR - P.IVA 0019 7650518 Tel. 0575-70092 - Fax. 0575-70332 - email comune.monterchi@postacert.toscana.

Piazza Umberto I - 52035 Monterchi AR - P.IVA 0019 7650518 Tel. 0575-70092 - Fax. 0575-70332 - email comune.monterchi@postacert.toscana. Oggetto: Menù Primavera/Estate delle mense scolastiche per le scuole dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado (Redatto dalla Dott.ssa Chiara Perrone dietista specialista) Viene sempre garantita

Dettagli

La dieta al nido nel. primo anno di vita

La dieta al nido nel. primo anno di vita La dieta al nido nel primo anno di vita PREMESSA L alimentazione è basata su regole scientifiche dalle quali non si può prescindere se si vuole mantenere lo stato di buona salute e di piena efficienza.

Dettagli

Lo svezzamento. Education Scuola & Lavoro srl Torino Tutti i diritti riservati

Lo svezzamento. Education Scuola & Lavoro srl Torino Tutti i diritti riservati Lo svezzamento Education Scuola & Lavoro srl Torino Tutti i diritti riservati Come introdurre i cibi nello svezzamento per evitare allergie Vedere il proprio bimbo sorridere e giocare è una delle cose

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO TABELLA DIETETICA ASILO NIDO-SCUOLA DELL INFANZIA A.PELLIZZARI CASTELLO di GODEGO Il Menù è stato elaborato tenendo conto dei Livelli raccomandati di Assunzione e di Nutrienti LARN-fissati dall Istituto

Dettagli

GARA PER LA FORNITURA DI DERRATE ALIMENTARI PER I NIDI D'INFANZIA. CIG: 53775384BD LOTTO 1 - GENERI ALIMENTARI VARI, PANE E BEVANDE ALLEGATO 1/1

GARA PER LA FORNITURA DI DERRATE ALIMENTARI PER I NIDI D'INFANZIA. CIG: 53775384BD LOTTO 1 - GENERI ALIMENTARI VARI, PANE E BEVANDE ALLEGATO 1/1 GARA PER LA FORNITURA DI DERRATE ALIMENTARI PER I NIDI D'INFANZIA. CIG: 53775384BD LOTTO 1 - GENERI ALIMENTARI VARI, PANE E BEVANDE ALLEGATO 1/1 N Prodotto Caratteristiche U.M. Quantità presunte 1 Ceci

Dettagli

Tabelle Merceologiche Derrate Alimentari

Tabelle Merceologiche Derrate Alimentari COMUNE DI CASTELNUOVO SCRIVIA Provincia di Alessandria SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Allegato N.2 Tabelle Merceologiche Derrate Alimentari 1 INDICE Codice/titolo 1/A Pane Fresco 4 4 1/B Pane Comune

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO BAR E RISTORAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA

PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO BAR E RISTORAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA ALLEGATO N. 1 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PROCEDURA APERTA PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO BAR E RISTORAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA DISPOSIZIONI PER LA PREPARAZIONE DEL PASTO E GRAMMATURE

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

COMUNE DI TERNI. Direzione Diritto allo Studio Sistema Formativo Integrato ALLEGATO C

COMUNE DI TERNI. Direzione Diritto allo Studio Sistema Formativo Integrato ALLEGATO C COMUNE DI TERNI Direzione Diritto allo Studio Sistema Formativo Integrato ALLEGATO C al CAPITOLATO DI APPALTO PER SERVIZIO DI PRODUZIONE PASTI PREPARATI IN LOCO E TRASPORTATI PRESSO SCUOLE DELL INFANZIA,

Dettagli

Parrocchia S. Pietro a Mezzana "RISTORANDO" Menù Invernale 2016

Parrocchia S. Pietro a Mezzana RISTORANDO Menù Invernale 2016 Parrocchia S. Pietro a Mezzana "RISTORANDO" Menù Invernale 2016 Gennaio - Marzo Gnocchi di patate al Minestra in brodo vegetale Pasta al Pasta con broccoli e acciughe Minestra di fagioli con farro 1 SETT.

Dettagli

TABELLE DIETETICHE MENU INVERNALE NIDI D INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA PRIMARIA

TABELLE DIETETICHE MENU INVERNALE NIDI D INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA PRIMARIA TABELLE DIETETICHE MENU INVERNALE NIDI D INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2014/2015 MENU INVERNALE SCUOLA PRIMARIA A.S. 2014/2015 TABELLE DIETETICHE La tabella dietetica

Dettagli

LOTTO N. 1 ALIMENTARI VARI

LOTTO N. 1 ALIMENTARI VARI LOTTO N. 1 ALIMENTARI VARI N.Pr. Descrizione Un.Mis. Quantitativo presunto annuo Prezzo a base d'asta Prezzo unitario Prezzo netto % IVA 1 Pane fresco confezionato (rosetta) da gr.70-80 Kg 45.000 2,40

Dettagli

1) TABELLE DIETETICHE

1) TABELLE DIETETICHE COMUNE DI ASSEMINI Area socio-culturale Servizio Pubblica Istruzione Documenti complementari al Capitolato speciale d appalto per l affidamento del servizio Mensa nelle scuole d infanzia, primarie e secondarie

Dettagli

MENÙ, MERENDE. TABELLE DIETETICHE PER GLI UTENTI DELL ASILO NIDO

MENÙ, MERENDE. TABELLE DIETETICHE PER GLI UTENTI DELL ASILO NIDO ALLEGATO 8 MENÙ, MERENDE. TABELLE DIETETICHE PER GLI UTENTI DELL ASILO NIDO SCALETTA DI INSERIMENTO DEGLI ALIMENTI Mesi Alimenti 4-5 mesi Frutta: mela, pera, Crema di riso, mais, tapioca, pastina aglutinata

Dettagli

Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia

Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia COMUNE DI SASSARI Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Educative per l'infanzia NIDI D'INFANZIA DI VIA SATTA, SEZIONE SPERIMENTALE DI VIA BARBAGIA E SEZIONE PRIMAVERA DI VIA BERLINGUER

Dettagli

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi

Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il Servizio di Refezione Scolastica del Comune di Poggibonsi Il servizio di refezione scolastica del Comune di Poggibonsi è affidato all azienda di Ristorazione Cir- Food, Divisione Eudania. Per la preparazione

Dettagli

Allegato B al capitolato d oneri TABELLE DIETETICHE E MENU

Allegato B al capitolato d oneri TABELLE DIETETICHE E MENU Allegato B al capitolato d oneri TABELLE DIETETICHE E MENU INDICAZIONI NUTRIZIONALI Nella formulazione delle tabelle dietetiche per la popolazione infantile si è perseguito l obiettivo di fornire una alimentazione

Dettagli

TABELLA NUTRIZIONALE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA SCUOLA MATERNA ALL. B

TABELLA NUTRIZIONALE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA SCUOLA MATERNA ALL. B TABELLA NUTRIZIONALE PER LA REFEZIONE SCOLASTICA SCUOLA MATERNA ALL. B SETTIMANA PARI Pasta e patate Frittata di uovo Zucchine o biete minestrone con riso Hamburger di carne (bovino adulto) pasta al pomodoro

Dettagli

COMUNE DI LUCCA. Settore Dipartimentale Socio-Culturale ed educativo U.O. 2.3 Istruzione e Servizi Scolastici

COMUNE DI LUCCA. Settore Dipartimentale Socio-Culturale ed educativo U.O. 2.3 Istruzione e Servizi Scolastici COMUNE DI LUCCA Settore Dipartimentale Socio-Culturale ed educativo U.O. 2.3 Istruzione e Servizi Scolastici CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORAZIONE PER LE SCUOLE DELL INFANZIA,

Dettagli

ALLEGATO B LINEE GUIDA, MENU E RICETTARIO PER ASILI NIDO

ALLEGATO B LINEE GUIDA, MENU E RICETTARIO PER ASILI NIDO ALLEGATO B LINEE GUIDA, MENU E RICETTARIO PER ASILI NIDO Data: Aprile 14 Il Documento è composto di n 18 pagine pag.1di pag totali.18 LINEE GUIDA 1. INDICAZIONE PER L ELABORAZIONE DEI MENU Per i bambini

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

Menù Estivo 2015 Giugno - Settembre

Menù Estivo 2015 Giugno - Settembre Servizio Ristorazione Scolastica Parrocchia S. Pietro a Mezzana "RISTORANDO" Menù Estivo 2015 Giugno - Settembre 1 SETT. Pasta con piselli Pasta pomodoro fresco e basilico Insalata di riso (Minestra in

Dettagli

Riso. Pane. Altri alimenti Nolac, alimento dietetico in polvere Nestlè, Vitasoya soyadrink Nutricia.

Riso. Pane. Altri alimenti Nolac, alimento dietetico in polvere Nestlè, Vitasoya soyadrink Nutricia. ALIMENTAZIONE SENZA PROTEINE DEL VACCINO Escludere LATTE Latte (condensato, acido, in polvere, solido, intero, parzialmente scremato, scremato), formaggi di tutti i tipi, parmigiano, formaggini, yogurt,

Dettagli

COMUNE DI THIESI Provincia di Sassari

COMUNE DI THIESI Provincia di Sassari COMUNE DI THIESI Provincia di Sassari C.A.P. 07047 Piazza Caduti in Guerra, 2 P. IVA 00075850909 - Tel. 079/886012 Fax 079/889199 CAPITOLATO D ONERI per l esecuzione del SERVIZIO MENSA SCOLASTICA PERIODO

Dettagli

Indice 1 Parte Diete Normali - 2 Parte. Diete Speciali -

Indice 1 Parte Diete Normali - 2 Parte. Diete Speciali - Indice 1 Parte Diete Normali - 1) Dieta - menù invernale pag. 4 2) Dieta - menù estivo pag. 15 3) Dieta di Carnevale pag. 27 4) Dieta delle Festività Pasquali pag. 29 5) Dieta delle Festività Natalizie

Dettagli

CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE

CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE CARATTERISTICHE MERCEOLOGICHE DISPOSIZIONI GENERALI I prodotti inclusi nel presente capitolo devono garantire l assenza di Organismi Geneticamente Modificati (OGM) tramite certificazioni e quanto disposto

Dettagli

MENU REFEZIONE SCOLASTICA Comuni di Castel San Pietro Terme E Ozzano dell Emilia

MENU REFEZIONE SCOLASTICA Comuni di Castel San Pietro Terme E Ozzano dell Emilia MENU REFEZIONE SCOLASTICA Comuni di Castel San Pietro Terme E Ozzano dell Emilia ANNO SCOLASTICO 2015/2016 1 1. GRAMMATURE DI RIFERIMENTO Di seguito si riportano le grammature di riferimento indicate nella

Dettagli

TABELLE DIETETICHE E CARATTERISTICHE DEGLI ALIMENTI SCUOLA: Infanzia (Ex Materna) Comune di ROVITO

TABELLE DIETETICHE E CARATTERISTICHE DEGLI ALIMENTI SCUOLA: Infanzia (Ex Materna) Comune di ROVITO TABELLE DIETETICHE E CARATTERISTICHE DEGLI ALIMENTI SCUOLA: () Comune di ROVITO MENU' ANNO 2015/2016 PRIMA SETTIMANA SECONDA SETTIMANA LUNEDI' al ragù con tritato di vitello Bocconcini di mozzarella Insalata

Dettagli

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n.

CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI. Allegato n. CITTA DI VERBANIA Settore Pubblica Istruzione SPECIFICA TECNICA RELATIVA ALLE TABELLE DELLE GRAMMATURE PER CIASCUNA CATEGORIA DI UTENTI Allegato n. 4 AL CAPITOLATO SPECIALE D ONERI marzo 2015 TABELLA DELLE

Dettagli

MARCA KM CIBO. delle tre sedi Territoriali. 1: entro 100 km da una QUANT. PRESUNTA TOTALE DICHIARA

MARCA KM CIBO. delle tre sedi Territoriali. 1: entro 100 km da una QUANT. PRESUNTA TOTALE DICHIARA SOTTOSCRITTO AUTORIZZATO A RAPPRESENTARE LEGALMENTE L IMPRESA/SOCIETA /ALTRO SOGGETTO denominazione o ragione sociale, forma giuridica e sede legale: in relazione Procedura Aperta finalizzata alla stipula

Dettagli

TABELLE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE

TABELLE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE Allegato 2/C alla deliberazione Giunta Comunale n.29 del 07/03/2012 TABELLE MERCEOLOGICHE DELLE DERRATE Le modalità di produzione, la composizione, le caratteristiche e la qualità merceologica di ogni

Dettagli