Gli aspetti tecnico-operativi della manutenzione degli impianti aeraulici. Fabio Pasini Consigliere AIISA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli aspetti tecnico-operativi della manutenzione degli impianti aeraulici. Fabio Pasini Consigliere AIISA"

Transcript

1 Gli aspetti tecnico-operativi 0 della manutenzione degli impianti aeraulici Fabio Pasini Consigliere AIISA

2 AIISA (Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici)

3 Perché e da chi viene fondata Perché la scelta della Procedura Nadca La mission: Dare a tutti gli operatori la possibilità di avere l abilitazione ASCS Dialogo a livello nazionale ed europeo Rapporto con progettisti e committenti

4

5 Decreto 81/08: All'Allegato IV - Requisiti dei luoghi di lavoro, capitolo 1.9 Microclima, viene inserita la nota che meglio specifica quanto già previsto dalla legge 626/94 art Gli stessi impianti devono essere periodicamente sottoposti a controlli, manutenzione, pulizia e sanificazione per la tutela della salute dei lavoratori.

6 Standard NADCA ACR 2013 UNI EN 15780:2011 Ventilazione degli edifici Condotti - Pulizia dei sistemi di ventilazione Linee Guida Procedura operativa per la valutazione e gestione dei rischi correlati all igiene degli impianti di trattamento aria Linee Guida Linee guida per la definizione di protocolli tecnici di manutenzione predittiva sugli impianti di climatizzazione Convegno AIISA Lazio - Roma 11 Novembre 2011

7 Conferenza Stato Regioni feb 2013: Procedura operativa per la valutazione e gestione dei rischi correlati all igiene degli impianti di trattamento aria.

8 Conferenza Stato Regioni feb 2013: Nella premessa del documento si fa riferimento alla necessità di garantire una buona qualità dell aria indoor per le implicazioni legate alla salute dei lavoratori, sia a livello sociale che economico

9 Conferenza Stato Regioni feb 2013: Il documento sintetizza ed aggiorna quanto previsto dalla legislazione precedente in materia e si rivolge al datore di lavoro evidenziando l importanza della valutazione e gestione dei rischi correlati all igiene degli impianti di trattamento aria che servono ambienti confinati pianificandone gli interventi di manutenzione.

10 Conferenza Stato Regioni feb 2013: La Procedura infatti chiarisce l iter operativo dalla ispezione visiva, all ispezione tecnica, alla reportistica relativa che favorisce la valutazione della necessità dell intervento di pulizia e bonifica vero e proprio. In particolare il documento modifica le linee guida precedenti con la possibilità di programmare i controlli sull impianto in base al registro degli interventi effettuati, che diventa un punto chiave confrontato con la mera periodicità predeterminata prevista in precedenza.

11 Conferenza Stato Regioni feb 2013: stabilisce un criterio di riferimento tecnico per definire la pulizia di un canale di aria condizionata indicando il NADCA Vacuum test e l ACR Tutti i soci di AIISA obbediscono per Statuto associativo a tali indicazioni procedurali.

12 . Ambiente Confinato: (Fonte Ispesl/Inail) É il caso ad esempio di: camere con aperture in alto, vasche, depuratori, camere di combustione nelle fornaci e simili, canalizzazioni varie, camere non ventilate o scarsamente ventilate. Naturalmente gli esempi citati non vogliono essere esaustivi degli infiniti casi che possono verificarsi ma, oltre a rappresentare la casistica più frequente di ambienti in cui avvengono gli eventi incidentali, vogliono costituire un invito alla riflessione e alla cautela ogni volta che si devono eseguire dei lavori in ambienti simili. In questi casi infatti la valutazione dei rischi deve considerare anche tutti i pericoli e le situazioni che, in ambienti non confinati, non genererebbero rischi significativi.

13

14 AIISA Nel novembre 2013 AIISA, sintetizzando quanto disponibile nel settore ha stilato un proprio Protocollo Operativo AIISA scaricabile dal sito nello spirito di una chiara trasparenza divulgativa.

15 Convegno AIISA Lazio - Roma 11 Novembre 2011

16 Il Protocollo Operativo è un CONTENITORE di norme, procedure, leggi, ecc. Alla Parola «Protocollo» abbiamo aggiunto l attributo «Operativo» per dare in modo univoco il senso di qualcosa che è sempre aggiornato nel tempo, allo scopo di offrire tutti gli strumenti concreti e operativi per svolgere l attività della manutenzione igienica degli impianti aeraulici nel pieno rispetto della cultura tecnica del settore.

17 A chi si rivolge L obiettivo del Protocollo Operativo è consentire il dialogo e la comunicazione, non soltanto culturale ma anche di tipo commerciale, tra questi soggetti: I soci AIISA Gli organi competenti in merito all applicazione di provvedimenti legislativi I committenti I progettisti

18 Per il socio AIISA, come per tutti, il cliente ha sempre ragione ma, data la specificità del nostro lavoro, egli non può derogare alle sue conoscenze Il socio AIISA deve tenere in considerazione le esigenze del committente, a patto che ciò non vada a compromettere l applicazione del Protocollo, che è comunque prevalente rispetto a qualsiasi altra esigenza

19 Il Protocollo Operativo è il documento ideale per chiarire il significato della parola «sanificazione», ma anche per dare le corrette definizioni di circuito aeraulico e dei suoi componenti; Particolato; Misure di ingegneria ambientale; Monitoraggio

20 I requisiti dell operatore Per operare secondo il Protocollo Operativo è necessario che l azienda che opera abbia: Un tecnico certificato ASCS (Air System Cleaning Specialist) Minimo due tecnici (operatori) specializzati Referenze Attrezzature specialistiche

21 I requisiti dell operatore Per quanto riguarda l ASCS, AIISA organizza già da tempo i corsi e gli esami per la certificazione relativa, attingendo alle procedure tecniche statunitensi (NADCA), avendo, sin dalla sua fondazione, riconosciuto nell associazione americana la massima autorità tecnica nel settore.

22 FASI OPERATIVE: 1. Sopralluogo 2. Ispezione visiva e tecnica 3. Relazione Tecnica di Ispezione 4. Progetto di Bonifica 5. Bonifica 6. Relazione tecnica di Bonifica 7. Piano di Controllo: Ispezione Tecnica di sorveglianza periodica

23 SOPRALLUOGO TECNICO ISPEZIONI VISIVA E TECNICA SI L impianto è in condizioni igieniche accettabili? ISPEZIONE TECNICA DI SORVEGLIANZA PERIODICA NO SANIFICAZIONE

24 Le fasi sopra elencate devono essere tutte supervisionate da un ASCS, in quanto questi è l unica figura che possieda tutte le conoscenze necessarie a raccogliere ed elaborare le informazioni delle varie fasi al fine di valutare le migliori azioni correttive da mettere in atto. Le fasi devono essere portate a termine nell ordine esposto, in quanto ciascuna di esse è propedeutica a quella successiva: in ciascuna di queste fasi, infatti, vengono raccolte delle informazioni fondamentali per la corretta riuscita della fase che deve essere ancora attuata.

25 I principali componenti dell impianto da ispezionare e le operazioni da effettuare: Unità di Trattamento Aria (UTA): ispezione filmata; misurazione della pressione differenziale a monte ed a valle dei corpi filtranti; misurazione della portata differenziale a monte ed a valle delle batterie di scambio termico;

26 Unità di Trattamento Aria (UTA): analisi microbiologica dell acqua di umidificazione (CBT 20 C e 36 C limite soglia 10 6 UFC/l.); analisi microbiologica per contatto delle superfici dei ventilatori, delle batterie di scambio termico, delle pareti interne (CBT 20 C e 36 C, CMT, eventuali patogeni da evidenza medica negli occupanti).

27 Sezione filtrante

28 Batteria di scambio termico

29 Sezione di umidificazione

30 Condotte aerauliche (a campione rappresentativo): ispezione filmata; misurazione della quantità di polvere sedimentata (NADCA Vacuum Test valore soglia 1 g./m 2 e 0,075 g./m 2 per post-bonifica); verifica stato conservazione coibentazioni termoacustiche, se presenti;

31 Condotte aerauliche (a campione rappresentativo): verifica funzionamento delle serrande; analisi microbiologica per contatto sulle superfici delle pareti interne (CBT 20 C e 36 C, CMT, eventuali patogeni da evidenza medica negli occupanti).

32 Canalizzazione di presa dell aria esterna

33 Terminali di mandata (a campione rappresentativo): misurazione della portata d aria e confronto con i dati di progetto; misurazione parametri microclimatici (temperatura, umidità relativa e velocità dell aria); analisi microbiologica facoltativa dell aria in uscita dai terminali di mandata, secondo il metodo per aspirazione a circa 50 cm. dai terminali stessi (CBT 20 C e 36 C, CMT, eventuali patogeni da evidenza medica negli occupanti) e confronto con analisi effettuate in ambiente outdoor sugli stessi parametri.

34 ACCORDO QUADRO AIISA - INAIL Energy Saving = risparmio energetico attraverso la bonifica delle batterie di scambio termico delle Unità di Trattamento Aria; Mappatura del rischio da agenti biologici negli impianti aeraulici; Manuale per la scelta dei corretti DPI da utilizzare nelle varie fasi operative descritte dal Protocollo AIISA

35

36 GRAZIE PER L ATTENZIONE!!! Convegno AIISA Lazio - Roma 11 Novembre 2011

Gli aspetti tecnico-operativi del Protocollo AIISA. Dott. FRANCO INNOCENZI Consigliere AIISA

Gli aspetti tecnico-operativi del Protocollo AIISA. Dott. FRANCO INNOCENZI Consigliere AIISA Gli aspetti tecnico-operativi del Protocollo AIISA Dott. FRANCO INNOCENZI Consigliere AIISA Indice: Definizioni A chi si rivolge Il glossario I requisiti dell operatore Requisiti tecnici Requisiti legislativi

Dettagli

IGIENICITA E PREVENZIONE DELLA CONTAMINAZIONE NEI SISTEMI AERAULICI OSPEDALIERI

IGIENICITA E PREVENZIONE DELLA CONTAMINAZIONE NEI SISTEMI AERAULICI OSPEDALIERI IGIENICITA E PREVENZIONE DELLA CONTAMINAZIONE NEI SISTEMI AERAULICI OSPEDALIERI Dott. Andrea Casa Presidente AIISA (Associazione Italiana Igienisti dei Sistemi Aeraulici) INDICE 1. DEFINIZIONE DI IMPIANTO

Dettagli

Normative per i costruttori ed installatori di canali che renderebbero più agevoli le opere di bonifica e sanitizzazione

Normative per i costruttori ed installatori di canali che renderebbero più agevoli le opere di bonifica e sanitizzazione Normative per i costruttori ed installatori di canali che renderebbero più agevoli le opere di bonifica e sanitizzazione Gli enti di controllo italiani fanno generalmente riferimento alla norma UNI 10339,

Dettagli

I PREZZI INFORMATIVI DEL DEI: rispetto e riconoscimento della professionalità. FABIO PASINI Consigliere AIISA

I PREZZI INFORMATIVI DEL DEI: rispetto e riconoscimento della professionalità. FABIO PASINI Consigliere AIISA I PREZZI INFORMATIVI DEL DEI: rispetto e riconoscimento della professionalità FABIO PASINI Consigliere AIISA 1) Sopralluogo e Ispezione Visiva (UTA e condotte) (ex035158) Primo sopralluogo, oppure ispezione

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI-ALLEGATI 15/ CDO/ 2344/11

CAPITOLATO D ONERI-ALLEGATI 15/ CDO/ 2344/11 ventilazione Data: 27/05/2011 INDICE Premessa... 2 Allegato A: Consistenza degli Impianti... 3 Allegato B: Piano degli interventi... 6 Ispezioni... 7 Manutenzione... 8 Analisi... 10 Rev. Data Natura della

Dettagli

NORMATIVA VIGENTE: INDICAZIONI OPERATIVE DI IGIENE AERAULICA

NORMATIVA VIGENTE: INDICAZIONI OPERATIVE DI IGIENE AERAULICA 0 NORMATIVA VIGENTE: INDICAZIONI OPERATIVE DI IGIENE AERAULICA Dott. ANDREA CASA Vicepresidente Operativo Area Nord di AIISA ANAM 2012 - GENOVA PREMESSA: COSA SI INTENDE CON IL CONCETTO DI IGIENE AERAULICA?

Dettagli

La valutazione di igienicità degli impianti aeraulici: procedure di campionamento e metodologie di valutazione

La valutazione di igienicità degli impianti aeraulici: procedure di campionamento e metodologie di valutazione La valutazione di igienicità degli impianti aeraulici: procedure di campionamento e metodologie di valutazione Dott. Andrea Casa - Dott. Vincenzo Vargiu Quali sono le procedure e le metodologie di analisi

Dettagli

CONTROLLI TECNICI VALIDAZIONI QUALIFICHE ISPEZIONI VERIFICHE IMPIANTI BUILDING MANAGEMENT SYSTEM

CONTROLLI TECNICI VALIDAZIONI QUALIFICHE ISPEZIONI VERIFICHE IMPIANTI BUILDING MANAGEMENT SYSTEM VALIDAZIONE AMBIENTI A CONTAMINAZIONE CONTROLLATA Gli ambienti a contaminazione controllata quali le sale operatorie, le camere bianche i locali di manipolazione e preparazione chemioterapici UFA-UMACA,

Dettagli

54 SIMPOSIO AFI RIMINI 11-12-13 GIUGNO 2014. Sanificazione e decontaminazione condotte aerauliche e impianti HVAC nel settore farmaceutico

54 SIMPOSIO AFI RIMINI 11-12-13 GIUGNO 2014. Sanificazione e decontaminazione condotte aerauliche e impianti HVAC nel settore farmaceutico 54 SIMPOSIO AFI RIMINI 11-12-13 GIUGNO 2014 Sanificazione e decontaminazione condotte aerauliche e impianti HVAC nel settore farmaceutico DI COSA PARLEREMO OGGI? 1. Cos è un impianto AERAULICO e da quali

Dettagli

CHI SIAMO I NOSTRI SERVIZI ARIA ACQUA RETI FOGNARIE CAPPE ASPIRAZIONE FUMI

CHI SIAMO I NOSTRI SERVIZI ARIA ACQUA RETI FOGNARIE CAPPE ASPIRAZIONE FUMI CHI SIAMO Enertek, presente nel panorama italiano da oltre un decennio, si afferma sul mercato come azienda leader nei trattamenti di bonifica e sanificazione degli impianti di climatizzazione e idrici.

Dettagli

Air Control Srl Via Luigi Biraghi, 33 20159 Milano MI Tel. + 39 024548 - Fax +39 0245482981 info@aircontrolclima.it - www.aircontrolclima.

Air Control Srl Via Luigi Biraghi, 33 20159 Milano MI Tel. + 39 024548 - Fax +39 0245482981 info@aircontrolclima.it - www.aircontrolclima. Air Control Srl Via Luigi Biraghi, 33 20159 Milano MI Tel. + 39 024548 - Fax +39 0245482981 info@aircontrolclima.it - www.aircontrolclima.it La tecnologia PCO TM La tecnologia PCO TM (Photocatalytic Oxidation),

Dettagli

MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE IGIENICA: GESTIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI. Dott. ANDREA CASA Presidente AIISA

MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE IGIENICA: GESTIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI. Dott. ANDREA CASA Presidente AIISA MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE IGIENICA: GESTIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI Dott. ANDREA CASA Presidente AIISA ETIMOLOGIA DEL TERMINE MANUTENZIONE Dal latino medievale manutentio onis, derivazione

Dettagli

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati IMPIANTO TERMICO 1. Impianto termico La presente relazione riguarda il dimensionamento dell impianto termico a servizio dell edificio in progetto da adibire struttura a servizio del Comune di Orbassano

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DEL SERVIZIO DI BONIFICA, PULIZIA e SANIFICAZIONE del SISTEMA AERAULICO.EDIFICIO..-

SPECIFICHE TECNICHE DEL SERVIZIO DI BONIFICA, PULIZIA e SANIFICAZIONE del SISTEMA AERAULICO.EDIFICIO..- SPECIFICHE TECNICHE DEL SERVIZIO DI BONIFICA, PULIZIA e SANIFICAZIONE del SISTEMA AERAULICO.EDIFICIO..- 1.0 GENERALE Le Specifiche d intervento qui di seguito descritte devono essere adottate per effettuare

Dettagli

CHECK LIST GENERALE OSPEDALE DI REQUISITI GENERALI

CHECK LIST GENERALE OSPEDALE DI REQUISITI GENERALI CHECK LIST GENERALE OSPEDALE DI Denominazione struttura Indirizzo Gestita da Direttore sanitario Autorizzazione rilasciata dal Comune di in data atto n. REQUISITI GENERALI REQUISITI STRUTTURALI SICUREZZA

Dettagli

Un impianto di areazione pulito ed efficiente annulla il rischio di malattie e diminuisce i costi di gestione.

Un impianto di areazione pulito ed efficiente annulla il rischio di malattie e diminuisce i costi di gestione. Un impianto di areazione pulito ed efficiente annulla il rischio di malattie e diminuisce i costi di gestione. La qualità dell aria all interno degli ambienti è un requisito indispensabile per la salute

Dettagli

Lo strumento dell autocontrollo nelle piscine. ASL Bergamo 10 dicembre 2014

Lo strumento dell autocontrollo nelle piscine. ASL Bergamo 10 dicembre 2014 Lo strumento dell autocontrollo nelle piscine ASL Bergamo 10 dicembre 2014 1 Riferimenti Normativi e Gestione in Autocontrollo ASL Bergamo Servizio Igiene e Sanità Pubblica 10 dicembre 2014 2 QUALE NORMATIVA

Dettagli

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA (Direttore: Dott. Aniello Esposito)

DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA (Direttore: Dott. Aniello Esposito) Si distinguono: A.S.L. NO Azienda Sanitaria Locale Sede Legale: viale Roma, 7 28100 Novara di Novara Tel. 0321 374111 fax 0321 374519 www.asl.novara.it DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE S.C. SERVIZIO IGIENE

Dettagli

Inquinamento indoor: definizione di una strategia di approccio al problema

Inquinamento indoor: definizione di una strategia di approccio al problema SEMINARIO Contaminazione indoor: sicurezza, ambiente e sostenibilità Inquinamento indoor: definizione di una strategia di approccio al problema BRUNO MARCHESINI 3 maggio 2011 S a l a B o l e r o Ambiente

Dettagli

Bonifiche e servizi ambientali ad alta tecnologia

Bonifiche e servizi ambientali ad alta tecnologia Bonifiche e servizi ambientali ad alta tecnologia La nostra esperienza per la salute della collettività S.R.L. è nata per soddisfare la crescente richiesta di interventi di bonifica ambientale in campo

Dettagli

LA QUALITA DELL ARIA. Legge Regionale 24/2002 Regolamento 8/2003. Contributo a cura di Alberto Verardo

LA QUALITA DELL ARIA. Legge Regionale 24/2002 Regolamento 8/2003. Contributo a cura di Alberto Verardo LA QUALITA DELL ARIA Informativa sul tema Legge 24/2002 Disciplina regionale per la costruzione, installazione, manutenzione e pulizia degli impianti aeraulici; Regolamento di attuazione 8/2003 Sheraton

Dettagli

Riduzione dell impatto ambientale

Riduzione dell impatto ambientale INDICE L Azienda 03 La Mission 05 I Servizi 07 Acqua 09 Aria 11 Ambiente 13 I Clienti 14 Le Certificazioni 16 L AZIENDA Ci prendiamo cura della Vita Firotek Firotek S.r.l. nasce nel 1990 per rispondere

Dettagli

L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo

L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo 7 novembre 2012 1 L aspetto benefico connesso alla pratica di attività sportive che si svolgono in spazi

Dettagli

Uso dell acqua potabile Prevenzione nelle attività pubbliche e private

Uso dell acqua potabile Prevenzione nelle attività pubbliche e private Uso dell acqua potabile Prevenzione nelle attività pubbliche e private LA PREVENZIONE DALLA LEGIONELLOSI Acqua destinata al consumo umano Decreto legislativo 2 feb. 2001, n 31 Attuazione della direttiva

Dettagli

Il Piano di autocontrollo. Dott. Massimo Falsaci Premia 21/03/2012

Il Piano di autocontrollo. Dott. Massimo Falsaci Premia 21/03/2012 Il Piano di autocontrollo Dott. Massimo Falsaci Premia 21/03/2012 Punto 6.2 accordo 16.01.2003 Stato Regioni Controlli interni vanno eseguiti secondo protocolli di gestione e di autocontrollo; Il responsabile

Dettagli

SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE DELLA MANUTENZIONE...3 1.1. SCOPO DELLA MANUTENZIONE... 3 1.2. FREQUENZA DEGLI INTERVENTI... 4 1.3. DOCUMENTAZIONE...

SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE DELLA MANUTENZIONE...3 1.1. SCOPO DELLA MANUTENZIONE... 3 1.2. FREQUENZA DEGLI INTERVENTI... 4 1.3. DOCUMENTAZIONE... SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE DELLA MANUTENZIONE...3 1.1. SCOPO DELLA MANUTENZIONE... 3 1.2. FREQUENZA DEGLI INTERVENTI... 4 1.3. DOCUMENTAZIONE... 4 1.4. SCELTA DELLE MODALITA D INTERVENTO... 4 1.5. MANUTENZIONE

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL IGIENE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO ARIA

PROCEDURA OPERATIVA PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL IGIENE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO ARIA PROCEDURA OPERATIVA PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL IGIENE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO ARIA 0 INDICE PREMESSA... 2 SCOPO DELLA PROCEDURA... 3 CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 CONTROLLI

Dettagli

LE AZIENDE ECOPRAXI EDAM

LE AZIENDE ECOPRAXI EDAM 1 Novembre 2013 LE AZIENDE EDAM EDAM è da anni presente nel campo ambientale, industriale e delle emergenze, seguendo dei criteri definiti e raggiungendo gli obiettivi con massima precisione, sia nel campo

Dettagli

Il TAB (Testing, Adjusting & Balancing) e il collaudo degli impianti di climatizzazione.

Il TAB (Testing, Adjusting & Balancing) e il collaudo degli impianti di climatizzazione. POLITECNICO DI TORINO I Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Energetica Il TAB (Testing, Adjusting & Balancing) e il collaudo degli impianti di climatizzazione. Relatori: prof. Marco Filippi

Dettagli

ENTRATA IN VIGORE LA PROCEDURA OPERATIVA PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL IGIENE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO ARIA

ENTRATA IN VIGORE LA PROCEDURA OPERATIVA PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL IGIENE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO ARIA CIRCOLARE 058 / 2013 ENTRATA IN VIGORE LA PROCEDURA OPERATIVA PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL IGIENE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO ARIA Durante i ns periodici sopralluoghi nelle

Dettagli

D.Lgs 192/2005 e D.Lgs 311/06 Novità Legislative e Certificazione Energetica: Implicazioni sulla Progettazione e sui costi di costruzione

D.Lgs 192/2005 e D.Lgs 311/06 Novità Legislative e Certificazione Energetica: Implicazioni sulla Progettazione e sui costi di costruzione Novità Legislative e Certificazione Energetica: Implicazioni sulla Progettazione e sui costi di costruzione Direttiva 2002/91/CE, D.L.gs 192/2005 Le nuove Professionalità Nunzio Di Somma - RINA SpA Venezia

Dettagli

IL RISCHIO LEGIONELLOSI: MISURE DI CONTROLLO E PREVENZIONE. rancesco Santi Studio di consulenza ing. Santi e ssciati

IL RISCHIO LEGIONELLOSI: MISURE DI CONTROLLO E PREVENZIONE. rancesco Santi Studio di consulenza ing. Santi e ssciati IL RISCHIO LEGIONELLOSI: rancesco Santi Studio di consulenza ing. Santi e ssciati 2 Indice presentazione Parte 1 La manutenzione Cenni di teoria di manutenzione degli impianti Tipologia di impianti soggetti

Dettagli

LE CAPPE DI SICUREZZA BIOLOGICHE

LE CAPPE DI SICUREZZA BIOLOGICHE LE CAPPE DI SICUREZZA BIOLOGICHE USO IN SICUREZZA, VERIFICHE E MANUTENZIONI PERIODICHE Incontro con il Dipartimento di Medicina Sperimentale 24 aprile 2008 Settore Prevenzione e Protezione Classificazione

Dettagli

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Allegati alla Dichiarazione di conformità n data Committente. Le presenti istruzioni d uso e manutenzione dell

Dettagli

Azienda qualificata SOA. La società opera da oltre 30 anni alle falde delle Prealpi Biellesi, immersa in un ambiente integro e operoso.

Azienda qualificata SOA. La società opera da oltre 30 anni alle falde delle Prealpi Biellesi, immersa in un ambiente integro e operoso. Azienda qualificata SOA La società opera da oltre 30 anni alle falde delle Prealpi Biellesi, immersa in un ambiente integro e operoso. A tale clima ci ispiriamo con onestà e passione per dare risposte

Dettagli

TECNICO DI IMPIANTI TERMICI

TECNICO DI IMPIANTI TERMICI PIANI DI STUDIO QUARTO ANNO DI DIPLOMA PROFESSIONALE TECNICO DI IMPIANTI TERMICI 73 COMUNICAZIONE E PARTECIPAZIONE SOCIALE L ambito Comunicazione e partecipazione sociale concorre a mettere lo studente

Dettagli

PROTOCOLLI MANUTENZIONE IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

PROTOCOLLI MANUTENZIONE IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO PROTOCOLLI MANUTENZIONE IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Si riportano qui di seguito le «Linee guida per la definizione di protocolli tecnici di manutenzione predittiva sugli impianti di climatizzazione» elaborate

Dettagli

EcoConsult Sas. Presentazione dei servizi

EcoConsult Sas. Presentazione dei servizi EcoConsult Sas di Terlizzi Annamaria & C. tel./fax. 080.371.52.18 - info@eco-consult.it EcoConsult Sas Presentazione dei servizi 1. PREMESSA Offrire alle imprese una serie di prestazioni tecniche e professionali

Dettagli

LABORATORI ANALYSIS. L elenco delle prove accreditate è disponibile sul sito www.accredia.it

LABORATORI ANALYSIS. L elenco delle prove accreditate è disponibile sul sito www.accredia.it LABORATORI ANALYSIS La società Laboratori Analysis S.r.l., nasce a Pinerolo (TO) nella metà degli anni novanta, dall unione di più professionisti aventi consolidata esperienza nei settori dell ambiente,

Dettagli

Quadro normativo di riferimento

Quadro normativo di riferimento La Valutazione del Rischio da legionella nei luoghi di lavoro Quadro normativo di riferimento a cura di Alberto Verardo 27 aprile 2011 Auditorium Confindustria Genova Via San Vincenzo 2a - Genova SALUTE

Dettagli

Dlgs 128/10. Decreto legislativo 29 giugno 2010, n. 128

Dlgs 128/10. Decreto legislativo 29 giugno 2010, n. 128 Decreto legislativo 29 giugno 2010, n. 128 Modifi che ed integrazioni al decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante norme in materia ambientale, a norma dell articolo 12 della legge 18 giugno 2009,

Dettagli

Procedure per la pulizia e sanificazione dei sistemi aeraulici

Procedure per la pulizia e sanificazione dei sistemi aeraulici Procedure per la pulizia e sanificazione dei sistemi aeraulici A.I.I.S.A. Associazione Italiana Igienisti Sistemi Aeraulici Sede legale 00193 Roma Via Luigi Calamatta 16 tel. +39 06 8602636 fax. +39 06

Dettagli

L innovazione è da sempre un fattore determinante per la competitività: può costituire uno dei principali elementi di differenziazione per le aziende

L innovazione è da sempre un fattore determinante per la competitività: può costituire uno dei principali elementi di differenziazione per le aziende IT LABORATORI L innovazione è da sempre un fattore determinante per la competitività: può costituire uno dei principali elementi di differenziazione per le aziende e, in un economia globalizzata come quella

Dettagli

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO Economie_corretto_14mar2011.indd 1 27-03-2011 17:07:00 2 Un azienda in regola è un azienda tranquilla. Un azienda tranquilla si dedica al proprio sviluppo.

Dettagli

FORMULARIO PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI FORMATIVI CONNOTAZIONI GENERALI DELL INTERVENTO

FORMULARIO PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI FORMATIVI CONNOTAZIONI GENERALI DELL INTERVENTO FORMULARIO PER LA PROGETTAZIONE DEGLI INTERVENTI FORMATIVI PAG. 1 CONNOTAZIONI GENERALI DELL INTERVENTO A.1 - SOGGETTO PROMOTORE: ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO CARLO CATTANEO

Dettagli

Dal 1970 la ventilazione made in Italy. VMC - Terziario. 7 grandezze con portate d aria fino a 4.500 m 3 /h

Dal 1970 la ventilazione made in Italy. VMC - Terziario. 7 grandezze con portate d aria fino a 4.500 m 3 /h Dal 197 la ventilazione made in Italy VMC - Terziario Le unità di ventilazione meccanica controllata con recupero di calore della serie REC sono progettate per offrire una risposta concreta all esigenza

Dettagli

PERCHÉ UN SISTEMA DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA CON SCAMBIATORE DI CALORE

PERCHÉ UN SISTEMA DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA CON SCAMBIATORE DI CALORE Air - Sisthema PERCHÉ UN SISTEMA DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA CON SCAMBIATORE DI CALORE Oggi a causa dell iperisolamento e della tenuta all aria dei serramenti, l aria confinata favorisce la formazione

Dettagli

calore ad alta efficienza con scambiatore in controcorrente aria/aria in materiale plastico riciclabile,

calore ad alta efficienza con scambiatore in controcorrente aria/aria in materiale plastico riciclabile, Descrizione del prodotto L'unità di trattamento aria compatta oboxx LG 180, certificata "Passivhaus", è formata da un involucro compatto in lamiera di acciaio zincata, senza ponti termici, isolato e verniciato

Dettagli

Immaginavate che le condotte degli impianti di climatizzazione e ventilazione potessero essere così sporche? NO PROBLEM

Immaginavate che le condotte degli impianti di climatizzazione e ventilazione potessero essere così sporche? NO PROBLEM Immaginavate che le condotte degli impianti di climatizzazione e ventilazione potessero essere così sporche? NO PROBLEM dopo la pubblicazione sul Bollettino Ufficiale n. 11 del 24 luglio 2002 della legge

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

1) ESPOSIZIONE PIANO SECONDO

1) ESPOSIZIONE PIANO SECONDO 1) ESPOSIZIONE PIANO SECONDO 1.01 Fornitura e posa ventilconvettori ribassato tipo EURAPO modello RIBASSATI CVR-EST 216 o similare: - Potenza termica riscaldamento = 4,59 kw - Potenza termica raffrescamento

Dettagli

Via Fiorentina, 54 Pescia - 51017 PT - Italy Tel/fax +39 0572 74 912 info@tuscanyengineering.it - www.tuscanyengineering.it

Via Fiorentina, 54 Pescia - 51017 PT - Italy Tel/fax +39 0572 74 912 info@tuscanyengineering.it - www.tuscanyengineering.it Via Fiorentina, 54 Pescia - 51017 PT - Italy Tel/fax +39 0572 74 912 info@tuscanyengineering.it - www.tuscanyengineering.it Riferimento: Profilo.docx Revisione: A/10.03.2014 pag. 1 di 5 Profilo Aziendale

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax e-mail : tecnico.lecco@stii.eu - tecnico.como@stii.eu c. f. - p. i.v.a. 01985140134

Dettagli

MultiMedica IRCCS. MultiMedica IRCCS

MultiMedica IRCCS. MultiMedica IRCCS m Medicina del del Lavoro IRCCS IRCCS MultiMedica Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300 - Sesto S. Giovanni (Mi) MultiMedica Castellanza Viale Piemonte, 70 - Castellanza

Dettagli

Pagamento: R.B. 60 gg d.f. f.m. Per contratti pluriennali il pagamento sarà suddiviso per ogni singolo anno.

Pagamento: R.B. 60 gg d.f. f.m. Per contratti pluriennali il pagamento sarà suddiviso per ogni singolo anno. pagina 1 di 9 Rovellasca, 23/02/2015 Spett. Le CNR Istituto di Cristallografia - Unità di Trieste XRD1 Beamline - Elettra S.S. 14 Km 163,5 Basovizza I-340 Trieste Offerta Service n.: Vs. riferimento: Ns.

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

UNI 10683. ed. Ottobre 2012

UNI 10683. ed. Ottobre 2012 UNI 10683 ed. Ottobre 2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri biocombustibili solidi Potenza termica nom< 35 kw VERIFICA INSTALLAZIONE CONTROLLO (NEW) MANUTENZIONE (NEW) APPARECCHI Categorie

Dettagli

NETWORK SICUREZZA. leader thinks simplicity. La Gestione del Rischio è un Risultato Organizzativo www.networksicurezza.net

NETWORK SICUREZZA. leader thinks simplicity. La Gestione del Rischio è un Risultato Organizzativo www.networksicurezza.net NETWORK SICUREZZA leader thinks simplicity La Gestione del Rischio è un Risultato Organizzativo www.networksicurezza.net I SISTEMI DI GESTIONE DEI RISCHI AZIENDALI OHSAS 18001 LINEE GUIDA UNI-INAIL UNI

Dettagli

Il ruolo del certificatore energetico nell iter progettuale e realizzativo

Il ruolo del certificatore energetico nell iter progettuale e realizzativo Il ruolo del certificatore energetico nell iter progettuale e realizzativo Normativa ed esperienze di certificazione Relatore: ing. Michele Sardi Contenuti Indicazioni legislative e normative sulla funzione

Dettagli

Spett.le azienda. Oggetto: Presentazione ns. azienda.

Spett.le azienda. Oggetto: Presentazione ns. azienda. Spett.le azienda Oggetto: Presentazione ns. azienda. La società in cui siamo inseriti ogni giorno è caratterizzata da un continuo mutamento e da nuove attenzioni verso nuovi argomenti e problematiche.

Dettagli

Valutazione di idoneità igienico-sanitaria degli impianti aeraulici

Valutazione di idoneità igienico-sanitaria degli impianti aeraulici Valutazione di idoneità igienico-sanitaria degli impianti aeraulici Informativa sul tema L evoluzione della normativa ligure in materia di impianti aeraulici: contenuti e riflessioni Contributo a cura

Dettagli

Efficienza energetica degli immobili

Efficienza energetica degli immobili Efficienza energetica degli immobili Di cosa ci occupiamo? Horus Energia Ambiente s.r.l., specializzata nel campo dell efficienza energetica degli edifici civili ed industriali, offre ai propri clienti

Dettagli

Company profile. MOVITEK S.r.l P. IVA 02725780346 Tel +39 0522 861787 Fax +39 0522 861735 www.movitek.eu info@movitek.eu

Company profile. MOVITEK S.r.l P. IVA 02725780346 Tel +39 0522 861787 Fax +39 0522 861735 www.movitek.eu info@movitek.eu Company profile MOVITEK S.r.l P. IVA 02725780346 Tel +39 0522 861787 Fax +39 0522 861735 www.movitek.eu info@movitek.eu Sede Legale Strada della Repubblica, 66 43121 Parma Sede amministrativa Via Rampognana,

Dettagli

2. ASPETTI LEGISLATIVI

2. ASPETTI LEGISLATIVI 2. ASPETTI LEGISLATIVI Il legislatore ha risposto alla gravità di un siffatto fenomeno infortunistico con una trattazione specifica del problema nel corpus del d.lgs. 81/08, agli artt. 66 e 121 e all allegato

Dettagli

Ambienti sospetti di inquinamento o confinati

Ambienti sospetti di inquinamento o confinati Ambienti sospetti di inquinamento o confinati Criticità e modalità operative per le attività in condominio SEMINARIO: Sicurezza sul lavoro nel condominio leggi, obblighi, cautele, opportunità 18/09/2015

Dettagli

Requisiti strutturali e tecnologici delle unità d offerta sociosanitarie Normativa di riferimento

Requisiti strutturali e tecnologici delle unità d offerta sociosanitarie Normativa di riferimento Requisiti strutturali e tecnologici delle unità d offerta sociosanitarie Normativa di riferimento Nella tabella sono riportati i principali riferimenti normativi vigenti alla data del 1/7/2014, fatte salve

Dettagli

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento.

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento. N MODULO TITOLO MODULO CONTENUTI DURATA TIPOLOGIA DI FORMAZIONE L approccio ala prevenzione attraverso il D. Lgs. 81/08 per un La filosofia del D. lgs. 81/08 in riferimento alla organizzazione di un sistema

Dettagli

è NELLA NOSTRA NATURA IL RISPETTO PER L AMBIENTE Diamo valore al nostro verde

è NELLA NOSTRA NATURA IL RISPETTO PER L AMBIENTE Diamo valore al nostro verde è NELLA NOSTRA NATURA IL RISPETTO PER L AMBIENTE Diamo valore al nostro verde Competenza DECENNALE NEL SETTORE Team di tecnici altamente qualificati. Da anni specializzata nel settore della sanificazione

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

INDOOR AIR QUALITY RESTITUIAMO UN BENE PRIMARIO. Progettazione e Realizzazione Interventi di Bonifica degli impianti di estrazione fumi di cottura

INDOOR AIR QUALITY RESTITUIAMO UN BENE PRIMARIO. Progettazione e Realizzazione Interventi di Bonifica degli impianti di estrazione fumi di cottura INDOOR AIR QUALITY RESTITUIAMO UN BENE PRIMARIO Progettazione e Realizzazione Interventi di Bonifica degli impianti di estrazione fumi di cottura Soluzioni & tecnologie ambientali s.r.l. Sede legale: Via

Dettagli

L'EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI

L'EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI L'EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI OPPORTUNITA' E RUOLI PER GLI ENERGY MANAGER Il punto sulla normativa relativa all'efficienza energetica L'evoluzione della normativa tecnica PRESTAZIONI ENERGETICHE

Dettagli

Sistemi integrati Ambiente Sicurezza Qualità Non solo un vincolo di legge o di mercato, ma una concreta opportunità di sviluppo del business.

Sistemi integrati Ambiente Sicurezza Qualità Non solo un vincolo di legge o di mercato, ma una concreta opportunità di sviluppo del business. MADE HSE 1 MADE HSE Sistemi integrati Ambiente Sicurezza Qualità Non solo un vincolo di legge o di mercato, ma una concreta opportunità di sviluppo del business. MADE nasce dalla sinergia di competenze

Dettagli

CITTA di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA. Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà

CITTA di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA. Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE E VENTILAZIONE Descrizione del progetto Il progetto prevede il rifacimento

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 4, COMMA 1, LETTERA C), DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI, CONCERNENTE ATTUAZIONE

Dettagli

ALLEGATO B Relazione illustrativa dello schema di regolamento Esercizio, controllo, manutenzione ed ispezione degli impianti termici

ALLEGATO B Relazione illustrativa dello schema di regolamento Esercizio, controllo, manutenzione ed ispezione degli impianti termici ALLEGATO B Relazione illustrativa dello schema di regolamento Esercizio, controllo, manutenzione ed ispezione degli impianti termici Oggetto, esigenze e finalità Il presente schema costituisce una attuazione

Dettagli

GLI ASPETTI SANITARI DEL RISCHIO CHIMICO E BIOLOGICO BENEVENTO 30 NOVEMBRE 2010 DOTT. FRANCO PALLOTTA

GLI ASPETTI SANITARI DEL RISCHIO CHIMICO E BIOLOGICO BENEVENTO 30 NOVEMBRE 2010 DOTT. FRANCO PALLOTTA GLI ASPETTI SANITARI DEL RISCHIO CHIMICO E BIOLOGICO BENEVENTO 30 NOVEMBRE 2010 DOTT. FRANCO PALLOTTA Titolo IX Sostanze Pericolose Capo I Protezione da Agenti Chimici Il rischio infortuni è da ricondurre

Dettagli

TITOLO II LUOGHI DI LAVORO

TITOLO II LUOGHI DI LAVORO Regione Lazio Coordinamento Direttori SPRESAL PRIME INDICAZIONI OPERATIVE PER L APPLICAZIONE DEL D.LGS. 81/08 TITOLO II LUOGHI DI LAVORO Documento di consenso approvato il 30 settembre 2008 ASL Capofila

Dettagli

ARES Condensing 32 Caldaia a basamento, a condensazione, per solo riscaldamento

ARES Condensing 32 Caldaia a basamento, a condensazione, per solo riscaldamento 66 ARES Condensing 32 Caldaia a basamento, a condensazione, per solo riscaldamento VANTAGGI E CARATTERISTICHE GENERALI PREDISPOSTA PER FUNZIONAMENTO INDIPENDENTE O IN CASCATA ARES Condensing 32 può essere

Dettagli

SCHEDA CONOSCITIVA DELLA STRUTTURA E DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI

SCHEDA CONOSCITIVA DELLA STRUTTURA E DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI Scheda n.6 SCHEDA CONOSCITIVA DELLA STRUTTURA E DELLA VALUTAZIONE DEL RISCHIO LEGIONELLOSI TIPOLOGIA DELLA STRUTTURA DENOMINAZIONE STRUTTURA INDIRIZZO COMUNE PROVINCIA TELEFONO FAX E-MAIL @ TIPO DI STRUTTURA

Dettagli

SCHEDA TECNICA DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1300002 ORIZZONTALE DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1301002 - VERTICALE

SCHEDA TECNICA DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1300002 ORIZZONTALE DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1301002 - VERTICALE SCHEDA TECNICA DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1300002 ORIZZONTALE DUPLEX EC.UI 175 Cod. 1301002 - VERTICALE RECUPERATORE ORIZZONTALE VERTICALE A RECUPERO TOTALE (scambiatore in Carta) DA 1.580 m³/h DESCRIZIONE

Dettagli

TER AMBIENTE AL SERVIZIO DELLA TUA AZIENDA

TER AMBIENTE AL SERVIZIO DELLA TUA AZIENDA TER AMBIENTE AL SERVIZIO DELLA TUA AZIENDA TER AMBIENTE CONFCOMMERCIO VENEZIA Chi siamo: società di servizi di Confcommercio Unione Venezia costituita nel 1995 con lo scopo di erogare Servizi di: - Consulenza

Dettagli

Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie

Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie SISTEMI DI PREVENZIONE E DI CONTROLLO NEL SETTORE RSA: UN PROGETTO INNOVATIVO IN PROVINCIA DI VARESE Principali Controlli nel Settore Impiantistico delle Strutture Socio Sanitarie Barza d Ispra, 18 maggio

Dettagli

epsilon RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTO DI VENTILAZIONE FORZATA O.P. 1/2015 ADEGUAMENTO NORMATIVO AULA MAGNA DELLA SCUOLA MEDIA

epsilon RELAZIONE SPECIALISTICA IMPIANTO DI VENTILAZIONE FORZATA O.P. 1/2015 ADEGUAMENTO NORMATIVO AULA MAGNA DELLA SCUOLA MEDIA PROGETTAZIONE IMPIANTI PREVENZIONE INCENDI SICUREZZA CANTIERI O.P. 1/2015 ADEGUAMENTO NORMATIVO AULA MAGNA DELLA SCUOLA MEDIA PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO (maggio 2015) Regione Autonoma Friuli Venezia

Dettagli

Chi siamo. BLU GLOBAL srl Via Vincenzo Foppa 32 20144 Milano tel.02 36 70 8483 fax 02 36 70 8484 Email: info@bluglobal.it web: www.bluglobal.

Chi siamo. BLU GLOBAL srl Via Vincenzo Foppa 32 20144 Milano tel.02 36 70 8483 fax 02 36 70 8484 Email: info@bluglobal.it web: www.bluglobal. Chi siamo La Blu Global è una società di servizi in grado di operare su tutto il territorio nazionale, avvalendosi della collaborazione di operatori altamente qualificati. Il nostro obiettivo L obiettivo

Dettagli

ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI

ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI SERVIZIO AMBIENTE Maso Smalz via Ghiaie n. 58 Tel. 0461/884935 884936 Fax 884940 E-mail: servizio_ambiente@comune.trento.it dicembre 2005 ESERCIZIO E MANUTENZIONE

Dettagli

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail

ASL. Indirizzo. Recapiti: telefono telefax e-mail ASL Indirizzo Recapiti: telefono telefax e-mail VERBALE DI SOPRALLUOGO PER L ACCERTAMENTO DELL IDONEITA STRUTTURALE ED IGIENICO SANITARIA DEGLI STABILIMENTI DATA DEL SOPRALLUOGO / / ISPETTORE INCARICATO

Dettagli

Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche. Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara

Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche. Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara Le Cullette termiche rappresentano l ambiente entro il quale il neonato a rischio trascorre un periodo

Dettagli

Agenda. Ing. Claudia Guardini. Introduzione Ventilazione meccanica controllata. Tipologie edilizie ed impianti di ventilazione. Indoor Air Quality

Agenda. Ing. Claudia Guardini. Introduzione Ventilazione meccanica controllata. Tipologie edilizie ed impianti di ventilazione. Indoor Air Quality 27 05 11 Ing. Claudia Guardini Agenda Introduzione Ventilazione meccanica controllata Tipologie edilizie ed impianti di ventilazione Indoor Air Quality Riferimenti normativi Certificazione energetica Tipologie

Dettagli

3. TIPOLOGIA Conformemente a quanto previsto dall RT-33 è attivata la tipologia ispettiva: progettazione e realizzazione.

3. TIPOLOGIA Conformemente a quanto previsto dall RT-33 è attivata la tipologia ispettiva: progettazione e realizzazione. ISTITUTO PER L INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA AMBIENTALE CORSO DI FORMAZIONE PROTOCOLLO ITACA RIVOLTO AL PERSONALE ISPETTIVO SETTORE DI ACCREDITAMENTO EDILIZIA RESIDENZIALE

Dettagli

TRATTAMENTO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI

TRATTAMENTO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI TRATTAMENTO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI TRATTAMENTO DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI IL PROBLEMA DELLA QUALITÀ DELL ARIA NEGLI AMBIENTI CHIUSI L argomento, di

Dettagli

AGGIORNAMENTO DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI U.O.I.A.N. DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA

AGGIORNAMENTO DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI U.O.I.A.N. DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA AGGIORNAMENTO DOCUMENTO VALUTAZIONE DEI RISCHI U.O.I.A.N. DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA Il Servizio Igiene degli Alimenti si prefigge la sicurezza igienico-sanitaria degli alimenti, delle bevende e dell'acqua

Dettagli

Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze

Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze 1 Focus sulla Certificazione Organismi di certificazione Certificazione personale Certificazione

Dettagli

AUDITOR ENERGETICO UNI CEI EN 16247-5 dell ENERGIA ELETTRICA

AUDITOR ENERGETICO UNI CEI EN 16247-5 dell ENERGIA ELETTRICA FEDABO, ENERGY SERVICE COMPANY CERTIFICATA UNI CEI 11352, ORGANIZZA IL SEGUENTE CORSO DI FORMAZIONE: AUDITOR ENERGETICO UNI CEI EN 16247-5 dell ENERGIA ELETTRICA OBIETTIVI del CORSO: MODALITÀ DIDATTICA:

Dettagli

La Rete MECQ S.r.l. ATS S.r.l. Water Weights Italy Sic Up S.r.l. Safety Service

La Rete MECQ S.r.l. ATS S.r.l. Water Weights Italy Sic Up S.r.l. Safety Service La Nostra Missione Quanti fornitori sono in grado di dare un servizio di sicurezza e manutenzione che copra tutte le esigenze, dalla fase ingegneristica alla consulenza legislativa, dall effettuazione

Dettagli

PRODUZIONE, INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO RISCALDAMENTO IDRICO SANITARIO

PRODUZIONE, INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO RISCALDAMENTO IDRICO SANITARIO CONDIMAX IMPIANTI S.p.A. PROGETTAZIONE, PRODUZIONE, INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO RISCALDAMENTO IDRICO SANITARIO Via Tintoretto 16/18, 20090 Segrate (MI) Tel. 02-2138077 / 02-26921929

Dettagli

2. DESCRIZIONE IMPIANTO

2. DESCRIZIONE IMPIANTO INDICE 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Impianto di condizionamento... 2.2 Regolazione... 3 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELL IMPIANTO PROPOSTO 3.1 Tecnologia ad inverter... 3.2 Carica automatica del

Dettagli

MODULO DI DOMANDA SCHEDA INFORMATIVA GENERALE. Denominazione o ragione sociale: N P.A.T. 1 : Matricola INPS

MODULO DI DOMANDA SCHEDA INFORMATIVA GENERALE. Denominazione o ragione sociale: N P.A.T. 1 : Matricola INPS MODULO DI DOMANDA per la riduzione del tasso medio di tariffa ai sensi dell art. 24 delle Modalità di applicazione delle Tariffe dei premi (D.M. 12/12/2000) dopo il primo biennio di attività ANNO SCHEDA

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo CRISTIANO LIMONE Telefono 338.35.77.161 Fax 030.37.31.331 Email VIA TORRICELLA DI SOTTO, 137 25127

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE DEGLI EDIFICI L APPROCCIO DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE DEGLI EDIFICI L APPROCCIO DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA LA CERTIFICAZIONE ENERGETICO AMBIENTALE DEGLI EDIFICI L APPROCCIO DELLA REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA ARCH. ANGELA SANCHINI RESPONSABILE TECNICO DI ARES AGENZIA REGIONALE PER L EDILIZIA SOSTENIBILE Il

Dettagli

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni

La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni La sicurezza alimentare dai campi alla tavola: puntualizzazioni e riflessioni Elisabetta Delibato elisabetta.delibato@iss.it Istituto Superiore di Sanità DSPVSA Microrganismi negli alimenti Ogni alimento

Dettagli