Documento del 15 maggio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento del 15 maggio"

Transcript

1 Documento del 15 maggio a.s. 2012/2013 Classe 5 a sez. C Liceo Pedagogico Sociale

2 Indice pag 3 Documento del Consiglio di Classe PROGRAMMI 18 Scienze Sperimentali 18 Filosofia 10 Educazione Motoria 12 Inglese 14 Italiano 6 Matematica 12 Storia 10 Educazione Musicale 19 Scienze Umane 8 Linguaggi non verbali 7 Fisica 21 Religione RELAZIONI 27 Filosofia 27 Educazione Motoria 31 Matematica 26 Italiano 25 Storia 23 Educazione Musicale 32 Scienze Umane 23 Inglese 30 Linguaggi non verbali 31 Fisica 28 Religione 24 Scienze Sperimentali 2

3 Documento del Consiglio di Classe Classe 5 C Liceo Pedagogico Sociale Coordinatrice Degano Donatella 1) Presentazione sintetica della classe La classe V CP, inizialmente composta da 22 allievi (2 si sono ritirati in corso d anno), attualmente ne conta 20, 19 femmine (di cui una proveniente da un altro istituto, inseritasi quest anno), e 1 maschio. Tutti gli altri sono stati promossi dalla IV CP, quindi la fisionomia della classe non si è modificata, anche perché, tranne che per qualche nuova acquisizione nell a.s , non si sono registrate alterazioni consistenti nell intero triennio. Dalla terza alla quinta, gli allievi hanno subito un evidente processo di maturazione, che ha permesso loro di acquisire maggior senso di responsabilità, migliori capacità organizzative nel lavoro scolastico, discreta autonomia nello studio. Non si tratta di una classe omogenea né particolarmente collaborativa al suo interno (anche per la provenienza di buona parte dei ragazzi da varie zone della provincia di Udine), tuttavia il comportamento generale è sempre stato corretto, educato, disponibile al dialogo con i docenti, e l attenzione prestata, così come l impegno profuso, si è mantenuta complessivamente costante. 2) Continuità didattica nel triennio La classe ha usufruito, nel corso del triennio, di una sostanziale continuità didattica in tutte le materie, se si eccettua la sostituzione, nel presente a.s, dell insegnante unica di Filosofia e Scienze Umane con altri due docenti, ciascuno dei quali preposto a una delle due discipline. 3) Profilo finale della classe Pur non emergendo delle situazioni particolarmente brillanti, diversi allievi hanno sempre dimostrato un fattivo impegno e una costante attenzione verso l attività didattico - educativa, che hanno seguito con interesse e partecipazione, ottenendo risultati positivi, in alcuni casi decisamente buoni. Talvolta è emersa, in taluni studenti, che evidenziano ridotte capacità di rielaborazione delle conoscenze acquisite, la tendenza a uno studio mnemonico che ha limitato il loro rendimento. In una valutazione d insieme, comunque, il profitto complessivo è discreto, soprattutto nelle discipline umanistiche, dove raggiunge anche livelli più che soddisfacenti. 4) COMPRESENZA Le materie coinvolte sono LNVM e SCIENZE SPERIMENTALI, con i proff. Lino Zottig Pintor e Marina Pittana. Il titolo dell attività è La figura umana nell arte. 5) OBIETTIVI EDUCATIVI, FORMATIVI E TRASVERSALI Uno dei compiti fondamentali assunti dai docenti del C.d.c. è stato quello di contribuire al corretto relazionarsi dei ragazzi fra loro e con gli altri, creando un clima favorevole al dialogo e alla discussione su particolari situazioni in cui si fosse presentata l opportunità di acquisire maggiore senso di responsabilità, nel rispetto delle opinioni altrui e nel segno dell applicazione del concetto di cittadinanza. Didatticamente si è molto insistito sulla necessità, da parte degli allievi, di maturare capacità 3

4 di analisi e di sintesi, di utilizzo appropriato del linguaggio (anche settoriale) e di collegamenti interdisciplinari fra le varie materie, sottolineando anche l importanza di un raccordo degli argomenti di studio con i fatti di attualità, indispensabile per un più consapevole inserimento nel mondo degli adulti. 6) INTERVENTI DIDATTICI EDUCATIVI EFFETTUATI Dove sono state riscontrate delle difficoltà o delle lacune, sono stati organizzati interventi di recupero extracurricolare (in Matematica) e in itinere nelle altre materie, con risultati positivi. 7) ATTIVITA EXTRA - PARA - INTERCURRICOLARI EFFETTIVAMENTE SVOLTE 17 ottobre 2012: conferenza sulla cultura del dono 18 gennaio 2013: conferenza sulla salute mentale 19 gennaio: spettacolo teatrale in inglese: Waiting for Godot, di S. Beckett 25 gennaio: visione del film In the Darkness 9 marzo: Progetto Young marzo : visita d istruzione a Berlino 13 aprile: conferenza sulla fisiologia del corpo umano 20 aprile: conferenza sull OSCE 8) ADESIONE DELLA CLASSE ALLE INIZIATIVE DELLA SCUOLA Donazione del sangue Campionati sportivi studenteschi 9) METODOLOGIE DIDATTICHE ATTUATE E STRUMENTI Pur rispettando la libertà di insegnamento, tutti i docenti si sono attenuti a metodologie didattiche tradizionali (lezioni frontali, libri di testo), ma non hanno trascurato, ove possibile, il ricorso alle nuove tecnologie informatiche per coinvolgere maggiormente gli studenti e facilitarli nell apprendimento e nell ampliamento delle conoscenze. Si è organizzata anche una significativa visita d istruzione alla città di Berlino, preceduta da una sosta al lager di Buchenwald, che ha permesso di effettuare interessanti collegamenti con vari temi affrontati nel corso delle lezioni in aula. 10) MODALITA DI VERIFICA DELL APPRENDIMENTO La verifica dell apprendimento si è incentrata sulla somministrazione di prove sommative e formative all interno delle singole discipline, nonché su verifiche orali tese a sviluppare ulteriormente le capacità espressive e rielaborative dei contenuti appresi dagli allievi e a renderli più sicuri nell esposizione e nell articolazione del discorso. I criteri di valutazione sono stati esplicitati agli studenti e i risultati individuali e collettivi discussi e confrontati dai docenti. 11) SIMULAZIONI DI TERZA PROVA Il C.d.c. ha deliberato di effettuare due simulazioni di terza prova, entrambe secondo la tipologia B, così articolate: Prima simulazione 18 febbraio 2013 Materie coinvolte STORIA, MATEMATICA, EDUCAZIONE MUSICALE, INGLESE Presenti 21 allievi su 21 4

5 Seconda simulazione 19 aprile 2013 Materie coinvolte FILOSOFIA, SCIENZE SPERIMENTALI, LNVM, EDUCAZIONE MOTORIA Presenti 20 allievi su 20 (nel frattempo un allievo si è ritirato dalla frequenza scolastica) Udine, 8 maggio 2013 f.to La Coordinatrice Donatella Degano 5

6 Programma di Matematica Docente: Leonardi Maria Teresa Contenuti disciplinari analitici 1 quadrimestre. Equazione esponenziale e sue caratteristiche (cenni) Funzione esponenziale e sue proprietà. Equazione logaritmica e sue caratteristiche(cenni). Funzione logaritmica e sue proprietà. Insiemi numerici: insiemi numerici ed insiemi di punti; intorni; intervalli; insiemi numerici limitati ed illimitati; estremi superiore ed estremo inferiore di un insieme numerico (cenni);punti di accumulazione e isolati. Funzione: definizione e terminologia; funzioni numeriche e matematiche; funzioni pari e funzioni dispari; funzioni iniettive, suriettive, biiettive; funzioni inverse; funzioni composte; funzioni periodiche; funzioni crescenti e decrescenti in un intervallo; funzioni monotone; funzioni limitate; massimi e minimi assoluti; classificazione delle funzioni matematiche; determinazione del dominio di una funzione e grafico di una funzione. Limiti e principali teoremi sui limiti; funzioni continue e calcolo dei limiti. Esercizi applicativi di tutti i concetti su esposti. 2 quadrimestre. Teoremi della somma,della differenza, del prodotto di due funzioni; limite del reciproco di una funzione e limite del quoziente ;limiti delle funzioni razionali intere e fratte; limiti notevoli (cenni ); forme indeterminate; infinitesimi ed infiniti( cenni). Discontinuità di una funzione e proprietà delle funzioni continue; zeri di una funzione. Derivata: rapporto incrementale, definizione di derivata e loro interpretazione geometrica. Continuità delle funzioni derivabili; derivate fondamentali; teoremi sul calcolo delle derivate; derivata della funzione composta; derivata della funzione inversa; derivata di ordine superiore al primo; regola di De L Hopital. Concetto di differenziale (cenni). Elementi principali su uno studio di funzione. Teoremi sulle funzione derivabili: Rolle, Lagrange e loro interpretazione geometrica e Cauchy; punto angoloso e cuspide; funzioni derivabili crescenti e decrescenti; definizione di massimo e di minimo; definizioni di flesso. Esercizi applicativi di tutti i concetti su esposti. Dopo del : Teoremi sui massimi e sui minimi; ricerca dei massimi e dei minimi relativi e assoluti; concavità e ricerca dei flessi; metodo delle derivate successive. Studio di funzione: schema generale di uno studio di funzione razionale intera e fratta e relativo grafico. Analisi di un grafico con rilevazione di tutte le informazioni apprezzabili. Esercizi applicativi di tutti i concetti su esposti. f.to Leonardi Maria Teresa Firma degli studenti rappresentanti di classe:

7 Programma di Fisica Docente: Leonardi Maria Teresa Contenuti disciplinari analitici 1 quadrimestre Concetto di campo e linee di campo.conduttori e isolanti. Elettrizzazione per contatto strofinio ed induzione. Elettroscopio a foglie Legge di Coulomb e analogie con la legge di gravitazione universale. Forza elettrica e campo elettrico. Calcolo del campo elettrico. Flusso del campo elettrico e teorema di Gauss. Energia potenziale e potenziale elettrico. Cariche in equilibrio.calcolo del potenziale elettrico e proprietà della punta. Condensatori e capacità. Condensatori in serie ed in parallelo. Corrente elettrica e circuiti, definizioni e disegni. Unità di misura di carica, corrente e tempo e loro relazioni. 2 quadrimestre Resistenze e resistori, definizioni e particolarità. I legge di Ohm e applicazione nei circuiti con le leggi di Kirchoff. Resistenze dei circuiti in serie ed in parallelo. Shunt e potenza elettrica. II legge di Ohm. Unità di misura di resistenza e di potenziale. Variabilità di r al variare delle temperatura. Campo magnetico ed esperienze di Oersteed. Campo magnetico e lineee di campo se generato da una spira, da un solenoide e da una calamita. Campo magnetico generato da una spira. Dopo il 15 : Forza magnetica su un conduttore percorso da corrente. Esperienze di Ampere e.legge. L origine delle forze magnetiche e la legge di Lorentz. Interazione campo e spira. Proprietà magnetiche dei materiali. Corrente indotta e cenni alla legge di Faraday-Neumann. f.to Leonardi Maria Teresa Firma degli studenti rappresentanti di classe:

8 Programma di Linguaggi non verbali Docente: Zottig Pintor Lino Contenuti disciplinari analitici NEOCLASSICISMO - Canova Amore e psiche 1793 Paolina Bonaparte J. L. David Il giuramento degli Orazi La morte di Marat 1793 ROMANTICISMO - Géricault La zattera della medusa Delacroix La barca di Dante Hayez Il bacio Fattori Lo staffato 1880 IMPRESSIONISMO - Manet Colazione sull erba 1863 Il Bar delle Folies-Bergères Monet Impressione levar del sole Degas La lezione di ballo Renoir Colazione dei canottieri 1881 POSTIMPRESSIONISMO - Cèzanne La montagna di Saint-Victoire Seurat Il circo Gauguin Da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo? Van Gogh I mangiatori di patate 1885 Campo di grano con corvi Toulouse-Lautrec Al Moulin Rouge LE AVANGUARDIE: 8

9 - Klimt Giuditta e Oloferne La Secessione Viennese - Matisse La stanza rossa Kirchner Cinque donne per la strada Munch Il grido 1893 Sera nel corso Karl Johann Kokoschka La tempesta - Schiele L abbraccio Picasso Les demoiselles d Avignon 1907 Guernica Braque Violino e brocca Marinetti - Boccioni La città che sale Forme uniche della continuità nello spazio Balla Dinamismo di un cane al guinzaglio Duchamp Fontana 1916 L.H.O.O.Q Ray Le violon d Ingres 1924 Si prevede un eventuale ulteriore approfondimento, da completarsi entro la fine dell anno scolastico, sulle seguenti opere: - Mirò Il carnevale di arlecchino Magritte L uso della parola Dalì Sogno causato dal volo di un ape Kandinskij Il cavaliere azzurro 1903 Composizione VI 1913 f.to Zottig Pintor Lino Firma degli studenti rappresentanti di classe:

10 Programma di Educazione Motoria Docente: Lucchini Monica Contenuti disciplinari analitici Sport di squadra ed individuali: Pallacanestro palleggio, arresto, tiro, terzo tempo. Pallavolo palleggio, bagher, battuta, partite. Calcio es. conduzione palla; dai e vai. Badminton passaggi, partite 1 contro 1. Ginnastica artistica: progressione individuale. Acrosport: figura da 4 e 5 elementi. Resistenza alla velocità: spola 5x5 Capacità coordinative: Andature atletiche e ginniche. Combinazioni con accompagnamento musicale. Saltelli con funicella. Giocoleria. Esercitazioni con piccoli attrezzi per miglioramento velocità (cerchi), equilibrio (appoggi Baumann). Destrezza: test di Harre Capacità condizionali: Potenziamento muscolare con pesi da Kg 1. Potenziamento muscolare con elastici. Potenziamento con cavigliere e polsiere. Potenziamento muscolare alla spalliera. Resistenza: corsa prolungata e saltelli con fune. Programma di Educazione Musicale Docente: Di Giorgio Angelo Contenuti disciplinari analitici f.to Lucchini Monica Firma degli studenti rappresentanti di classe: TEORIA: Concetto di tonalità, scale maggiori, scale minori. Ricerca della tonalità (maggiore e minore) Chiave di basso, di violino e doppio pentagramma. La classificazione degli intervalli. Intervalli maggiori, minori, giusti, eccedenti e più che eccedenti, diminuiti e più che diminuiti, consonanti e dissonanti. Trasporto di un tono ascendente e discendente. 2 STORIA DELLA MUSICA: Il Romanticismo: la musica romantica ed i suoi caratteri; confronto con le caratteristiche della musica del periodo classico. Il melodramma in Italia e in Germania. Gioacchino Rossini, ascolto dell opera Il Barbiere di Siviglia. Ascolto dell opera Rigoletto di G. Verdi e dell opera L Oro del Reno di R. Wagner. La musica strumentale. 10

11 Il poema sinfonico: Danza macabra di C. Saint Saens. L orchestra nel periodo romantico. Schubert e la musica da salotto. Ascolto dei lieder: Il re degli elfi, La trota, Ave Maria. Chopin, il pianoforte romantico. Ascolto della Polacca op.35 per pianoforte. La figura del virtuoso nel romanticismo: Paganini e Listz. Le scuole nazionali: la situazione della musica nei paesi nordici e nella Russia con Il gruppo dei cinque. Ciaikovski e il balletto, Lo Schiaccianoci. Verso il novecento. Il verismo in Italia con Puccini e Leoncavallo e in Francia con Bizet. Ascolto di alcuni passi tratti dalla Tosca, dalla Boheme e dalla Madama Butterfly di Puccini. Ascolto dell opera I Pagliacci di Leoncavallo. L impressionismo in Francia con C. Debussy. La musica contemporanea, l espressionismo e la scuola di Vienna. A. Schoenberg e la dodecafonia. Stravinskij e il balletto, ascolto del balletto La Sagra della Primavera. Cenni alla musica futurista. Il secondo dopoguerra e le avanguardie. La musica concreta, la musica elettronica. 3 Scansione RITMICA e SOLFEGGIO parlato di cellule ritmiche nei tempi semplici e composti con movimento della mano. Si sono proposti come solfeggi parlati estratti di composizioni degli autori studiati o di esercizi dal libro di testo (p ). In particolare uso del doppio pentagramma negli esercizi dal n.1 al n. 6 di pag.208 a pag LA DIDATTICA Le metodologie didattiche: Dalcroze, Orff, Kodaly, Willems. L educazione musicale nella scuola primaria. La voce e i suoi timbri (es.7 pag. 77 vol.b) Modelli espressivi e intonazione (es.8 pag. 81 vol.b) f.to Di Giorgio Angelo Firma degli studenti rappresentanti di classe:

12 Programma di Inglese Docente: Surza Emanuela Contenuti disciplinari analitici Dal testo in adozione, Lit Fest, Perrucchini, Pajalich, Lynch, Europass Edizioni, sono stati presentati i seguenti autori e la selezione delle loro opere presenti sul testo o altrimenti forniti in fotocopia: The Romantic Age William Wordsworth, Composed upon Westminster Bridge, page 112; To the Cuckoo, page 113 S.T. Coleridge, The Rime of the Ancient Mariner: The Prologue and the Killing of the Albatross, page 116 John Keats, Ode on a Grecian Urn, page 134; La Belle Dame sans Merci, page 137 Jane Austen, Pride and Prejudice, page 142; from Themes, page 16 Mary Shelley, Frankenstein, page 148; from Themes, page 28 Emily Bronte, Wuthering Heights, page 152 The Victorian Age Charles Dickens, Hard Times, page 186; extract on photocopy Thomas Hardy, Tess, page 198 Oscar Wilde, The Importance of Being Earnest, page 207 George Bernard Shaw, Pygmalion, page 217 The Modern Age James Joyce, Eveline, page 271 George Orwell, Animal Farm, pages 281,282 Samuel Beckett, Waiting for Godot, page 333 Programma di Storia Docente: Degano Donatella Contenuti disciplinari analitici f.to Surza Emanuela Firma degli studenti rappresentanti di classe: L imperialismo e la crisi dell equilibrio europeo: colonialismo e imperialismo; luci e ombre della belle époque ; Guglielmo II e il nuovo corso ; il nuovo sistema di alleanze Lo scenario extra europeo: l imperialismo del Giappone e il conflitto con la Cina; la Russia degli zar e l opposizione politica; la guerra russo giapponese e la rivoluzione del 1905; la crescita economica degli Stati Uniti; l imperialismo degli Stati Uniti nell America latina 12

13 L Italia di Giolitti: la legislazione sociale e lo sviluppo industriale; la politica interna tra socialisti e cattolici; la politica estera e la guerra di Libia La prima guerra mondiale: le cause; il fallimento della guerra-lampo ; l entrata dell Italia nel conflitto; la guerra di posizione; la caduta del fronte russo e la fine della guerra La rivoluzione russa: la rivoluzione di febbraio; la rivoluzione di ottobre; Lenin alla guida dello Stato sovietico L Europa e il mondo dopo il conflitto: la conferenza di pace e la Società delle Nazioni; i trattati di pace e il nuovo assetto dell Europa; il crollo dell impero turco e la spartizione del Vicino Oriente; il crollo dell impero cinese e la rivoluzione maoista L Unione Sovietica fra le due guerre e lo stalinismo: guerra civile e comunismo di guerra; la NEP e la nascita dell URSS; l ascesa di Stalin; l industrializzazione; il regime del terrore; il consolidamento dello stato totalitario Il dopoguerra in Italia e l avvento del fascismo; le difficoltà economiche e sociali della ricostruzione; nuovi partiti nel dopoguerra; la questione di Fiume e il biennio rosso; l ascesa del fascismo; la costruzione del regime Gli Stati Uniti e la crisi del 29: la politica isolazionista ; gli anni Venti fra boom economico e cambiamenti sociali; la crisi del 1929; Roosevelt e il New Deal La crisi della Germania repubblicana e il nazismo: la nascita della repubblica di Weimar; Hitler e la nascita del nazionalsocialismo; il nazismo al potere; l ideologia nazista e l antisemitismo Il regime fascista in Italia: il consolidamento del regime; il fascismo fra consenso e opposizione; la politica interna ed economica; i rapporti fra Chiesa e fascismo; la politica estera e le leggi razziali L Europa verso una nuova guerra: il riarmo della Germania e l alleanza con l Italia e il Giappone; i fascismi in Europa; la guerra civile spagnola; la dittatura fascista in Spagna; verso la guerra La seconda guerra mondiale: il successo della guerra-lampo; la svolta del 1941: la guerra diventa mondiale; l inizio della controffensiva alleata; la caduta del fascismo e la guerra civile in Italia; la vittoria degli Alleati; lo sterminio degli Ebrei Il bipolarismo USA URSS: la guerra fredda e i tentativi di disgelo : , USA e URSS da alleati ad antagonisti; : il sistema di alleanze durante la guerra fredda; l Europa del dopoguerra e la ricostruzione economica; la guerra fredda in Asia e la corsa agli armamenti; : la coesistenza pacifica e le sue crisi L Unione Sovietica e la crisi di Praga; la guerra del Vietnam; la crisi del sistema bipolare Gli anni della contestazione: 1968, una generazione in rivolta L Italia della prima Repubblica: la nuova Italia postbellica; gli anni del centrismo; l epoca del centro sinistra e il miracolo economico; gli anni della contestazione: nuovi soggetti politici e sociali; gli anni del terrorismo e della crisi economica. Dal 15 maggio alla fine dell anno scolastico è previsto lo svolgimento delle seguenti parti del programma: La questione mediorientale: i conflitti arabo israeliani ( ); la crisi del petrolio e i nuovi conflitti in Medio Oriente ( ) Il testo in adozione è il seguente: 13

14 Brancati, Pagliarani Il nuovo dialogo con la storia vol. 3 ; ed. La Nuova Italia A) Ore di insegnamento annue curricolari: 33 x 2 = 66 B) Ore effettivamente svolte fino al 15 maggio: 59 C) Ore che il docente prevede di svolgere fino alla fine dell anno scolastico: 7 Totale B + C: 66 f.to Degano Donatella Firma degli studenti rappresentanti di classe: Programma di Italiano Docente: Degano Donatella Contenuti disciplinari analitici Ore di lezione settimanali: 4 Caratteri generali della cultura europea nell età del Positivismo e del Realismo La cultura filosofica e scientifica: Positivismo ed Evoluzionismo Il ruolo del letterato in rapporto con il pubblico di massa Il NATURALISMO francese: Emile Zola. Il romanzo sperimentale ; il ciclo dei Rougon La narrativa verista GIOVANNI VERGA e il Verismo Macquart L evoluzione della poetica verghiana: il periodo preverista L adesione al Verismo: la novella Nedda. La tecnica narrativa e la posizione ideologica del Verga Le raccolte di novelle: Vita dei campi : lettura e analisi di Rosso Malpelo Novelle rusticane : lettura e analisi de La roba Il ciclo dei vinti : I Malavoglia, Mastro Don Gesualdo, La duchessa di Leyra, L onorevole Scipioni, L uomo di lusso I temi, lo stile narrativo e la lingua de I Malavoglia ; analisi dei seguenti brani: La prefazione: i vinti nella lotta per l esistenza; La famiglia Toscano; Ntoni tradisce l ideale dell ostrica Mastro Don Gesualdo e il mito della roba : lettura e analisi de La morte di Gesualdo La SCAPIGLIATURA italiana: caratteri della produzione scapigliata. Esempi di poesia: Preludio (Emilio Praga); Lezione d anatomia (Arrigo Boito) 14

15 Il SIMBOLISMO francese: caratteri del movimento Il precursore del Simbolismo: Charles Baudelaire; genesi e significato de I fiori del male ; analisi tematico stilistica dei seguenti brani: Spleen; L albatro; Corrispondenze Paul Verlaine: la musicalità della parola: Languore; Arthur Rimbaud: un avventura metafisica della parola: Vocali; Stéphane Mallarmé: il Simbolismo astratto Il DECADENTISMO: la visione del mondo; la poetica decadente; l estetismo La cultura filosofica: Henry Bergson e Friedrich Nietzsche Temi e forme del romanzo decadente: Controcorrente (Joris-Karl Huysmans); Il ritratto di Dorian Gray (Oscar Wilde): L artista è il creatore di cose belle; Il piacere (Gabriele D Annunzio) La particolarità del Decadentismo italiano GIOVANNI PASCOLI: la vita, la poetica, le raccolte di versi, lo sperimentalismo stilistico Dal saggio Il fanciullino : La poetica del fanciullino Myricae : caratteri della raccolta e analisi dei seguenti brani: Lavandare; Novembre; X agosto I canti di Castelvecchio : caratteri della raccolta e analisi dei seguenti brani: La mia sera; Il gelsomino notturno GABRIELE D ANNUNZIO: la biografia, la poetica e le varie fasi della produzione letteraria Dalla raccolta di novelle Terra vergine : lettura e analisi di Dalfino L estetismo dannunziano: Il piacere : analisi del brano La filosofia del dandy Le vergini delle rocce : Gli ideali aristocratici del protagonista La raccolta delle Laudi. Alcyone : analisi dei seguenti brani: La sera fiesolana; La pioggia nel pineto Il Notturno Il PRIMO NOVECENTO: l età dell ansia La cultura filosofica. La scoperta dell inconscio: Freud e la psicanalisi Le avanguardie europee: l Espressionismo, il Futurismo, il Dadaismo, il Surrealismo: caratteri generali. Apollinaire e il Dadaismo di Tzara in Francia T. Tzara: Per fare una poesia dadaista G. Apollinaire: Paesaggio La crisi della cultura liberale e socialista in Italia. Il nazionalismo 15

16 Manifesto degli intellettuali fascisti Manifesto degli intellettuali antifascisti IL FUTURISMO: manifesti programmatici, autori e opere F. T. Martinetti: da Zang Tumb Tumb : Bombardamento. Il Manifesto del Futurismo; il Manifesto tecnico della letteratura futurista Il CREPUSCOLARISMO: caratteri e autori Guido Gozzano: L amica di Nonna Speranza Sergio Corazzini: Desolazione del povero poeta sentimentale Tra Crepuscolarismo e Futurismo: la demistificazione del ruolo del poeta di Aldo Palazzeschi: Lasciatemi divertire Il ROMANZO DEL NOVECENTO: caratteristiche innovative La produzione europea: James Joyce e il flusso di coscienza : da Ulisse : Il monologo di Molly Bloom Marcel Proust e la memoria involontaria: da Alla ricerca del tempo perduto : La madeleine Il mondo allucinato di Franz Kafka: da Il processo : L esecuzione; da La metamorfosi : Il risveglio Il romanzo in Italia. LUIGI PIRANDELLO: la biografia, la visione del mondo, la poetica dell umorismo Dal saggio L umorismo : Il contrasto vita-forma; Il sentimento del contrario I romanzi Uno, nessuno e centomila : La conclusione del romanzo Il fu Mattia Pascal : la struttura, i temi, lo stile. Analisi dei brani riportati sul testo: I primi due capitoli: le premesse; Una nuova identità per Mattia; Adriano Meis non esiste: crolla la finzione; La conclusione Le Novelle per un anno : La signora Frola e il signor Ponza, suo genero; Il treno ha fischiato Il teatro: Così è (se vi pare) : La conclusione Sei personaggi in cerca d autore ITALO SVEVO: la vita, la poetica I primi romanzi: Una vita, Senilità : L esordio Lettura di alcuni nuclei tematici de La coscienza di Zeno. I contenuti e la struttura dell opera. Analisi particolare dei brani riportati sul testo: La doppia introduzione: la Prefazione e il Preambolo; Il vizio del fumo: il sintomo della malattia; Lo schiaffo del padre morente; La moglie Augusta; La conclusione del 16

17 romanzo La poesia fra gli anni Venti e Trenta. L ERMETISMO GIUSEPPE UNGARETTI: la vita, le opere, la poetica Il porto sepolto L allegria : le diverse edizioni, lo stile, il linguaggio, la struttura, i temi. Analisi dei seguenti brani: I fiumi; Allegria di naufragi; Veglia; Fratelli; Soldati; San Martino del Carso; Mattina Sentimento del tempo : caratteri della raccolta e analisi del brano La madre Il dolore : caratteri della raccolta e analisi del brano Non gridate più La DIVINA COMMEDIA: Paradiso: la cantica dell ineffabile. Analisi dei canti I, III, VI, XVII, XXXIII Dal 15 maggio alla fine dell anno scolastico è previstolo svolgimento delle seguenti parti di Programma. EUGENIO MONTALE: la biografia, la visione del mondo, la poetica I caratteri delle prime tre raccolte e la tecnica del correlativo oggettivo Ossi di seppia: analisi dei seguenti brani: Non chiederci la parola; Meriggiare pallido e assorto; Spesso il male di vivere ho incontrato Le occasioni: analisi del brano La casa dei doganieri La bufera e altro: analisi del brano Il sogno del prigioniero Satura: analisi del brano Ho sceso dandoti il braccio Quadro d insieme della narrativa del Neorealismo I testi in adozione sono i seguenti: Magri, Vittorini Fare letteratura voll. 3A, 3B ed. Paravia La Divina Commedia commento di Panebianco, Baldi, Battista ed. Clio A) Ore di insegnamento annue curricolari: 33 x 4 = 132 B) Ore effettivamente svolte fino al 15 maggio: 109 C) Ore che il docente prevede di svolgere fino alla fine dell anno scolastico: 14 17

18 Totale B + C: 123 f.to Degano Donatella Firma degli studenti rappresentanti di classe: Programma di Scienze Sperimentali Docente: Pittana Marina Contenuti disciplinari analitici L omeostasi Le cellule nervose La trasmissione nervosa (accenni) I neurotrasmettitori Il sistema nervoso centrale e periferico Il sistema digerente e la nutrizione nell uomo La composizione dei liquidi circolanti e la loro funzione L apparato circolatorio e sistemi interni di trasporto La respirazione e la meccanica respiratoria Il trasporto dei gas respiratori Il sistema immunitario innato ed acquisito L apparato escretore La regolazione del bilancio idrico-salino Le ghiandole endocrine Gli ormoni e la regolazione delle loro attività nell organismo Apparato genitale femminile e maschile Ciclo mestruale, fecondazione, riproduzione e sviluppo f.to Pittana Marina Firma degli studenti rappresentanti di classe: Programma di Filosofia Docente: Trangoni Giuseppe Contenuti disciplinari analitici kierkegaard esistenza come possibilità vita estetica,vita etica,vita religiosa il sentimento del possibile:l angoscia fede e disperazione SCHOPENHAUER il mondo della rappresentazione volontà di vivere la vita è dolore le vie di liberazione dal dolore 18

19 MARX i giovani hegeliani e Feuerbach il cielo immaginario dello Stato lavoro alienato e proprietà privata la concezione materialistica della Storia la teoria del modo di produzione capitalista rivoluzione e comunismo NIETZSCHE nascita della tragedia critica della morale e tavola dei nuovi valori la morte di Dio e avvento del Superuomo eterno ritorno FREUD l inconscio e i modi per accedere ad esso scomposiziione psicanalitica della personalità sogni,atti mancati,sintomi nevrotici teoria della sessualità e complesso edipico HEIDEGGER esistenza come apertura del mondo esistenza inautentica essere-per-la-morte l oblio della differenza ontologica nichilismo e tecnica opera d arte e linguaggio LETTURE: F.Nietsche- Così parlò Zarathustra-Proemio Lettura critica: P.Ricoeur- I maestri del sospetto. f.to Trangoni Giuseppe Firma degli studenti rappresentanti di classe: Programma di Scienze Umane Docente: Agostini Anna PSICOLOGIA: Bianchi A., Di Giovanni P. (2005), Psicologia in azione, Paravia, Torino o Salute e malattia mentale o Normalità e patologia: Che cos è la psicologia clinica p cenni / Normalità e patologia: una distinzione difficile p / Il problema del criterio p / Il problema del confine tra salute e malattia p / Il problema della consistenza delle malattie mentali p o Le malattie mentali: La nosografia del DSM p / Critiche al DSM p / Disturbi tipici p / Modelli psicopatologici p o Le psicoterapie: La psicoanalisi p / Terapia comportamentale p / Terapie umanisticoesistenziali p / Terapia cognitiva p.749 / Terapia della famiglia p.749 o La comunicazione interpersonale o Che cos è la comunicazione: Trasmissione di messaggi p / Attività sociale organizzata p / Esperienza relazionale p / Negoziazione p / Comunicazione umana e animale p / Oralità e tecnologia della comunicazione p / Psicologia dell oralità p o Comunicazione faccia a faccia: Complessità dello scambio faccia a faccia p / La CNV p / La comprensione p / Comunicazione e relazione p / Malinteso (slides fornite) / La pragmatica della comunicazione (slides fornite) / Ascolto attivo (Thomas 19

20 Gordon) (slides fornite) / La persuasione (slides fornite) o La comunicazione in classe (slides fornite) o Psicologia dell età evolutiva e dell arco di vita o Età evolutiva, ciclo di vita, arco di vita: Psicologia dell infanzia e dell adolescenza o di tutta la vita?p / Infanzia, adolescenza e vecchiaia nella storia moderna e contemporanea p.404-5/ Psicologia dell età evolutiva p / Pregi e difetti della psicologia dell età evolutiva p414-5 / Psicologia del ciclo di vita p / fasi psicosociali Erikson p.416 o Teorie classiche dello sviluppo: Heiz Werner: la differenziazione psichica p / Jean Piaget: gli stadi cognitivi p / È ancora attuale la teoria di Piaget? P / Lev Wygotskij: la genesi storico-sociale del pensiero p / Sigmund Freud: le fasi dello sviluppo psico-sessuale p / Le teorie dell apprendimento sociale p o Il sé nell arco della vita: L evoluzione del concetto di sé p / Identità e adolescenza p / Darsi un identità p o La Personalità o La personalità: Problemi nello studio della personalità p / Tecniche di indagine p / Teorie classiche della personalità p STORIA DELLA PEDAGOGIA: Avalle U., Maranzana M. (2004), Pensare ed educare. Storia, testi e laboratorio di pedagogia. Terzo Volume, Paravia, Torino Il Positivismo europeo o Il positivismo in Europa: caratteristiche della società e pensiero pedagogico p. 23 o Il problema educativo in Italia: caratteristiche della società e pensiero pedagogico p. 49 L attivismo pedagogico e le scuole nuove o Le prime esperienze: In Russia: Lev Tolstoj e Jasnaia Poljana p.96 / In Inghilterra: Abbotsholme e Baden Powell p (+ lettura p.117) / In Italia: educazione infantile e rinnovamento scolastico: le sorelle Agazzi p o Esperienza e attivismo pedagogico: Dewey p L attivismo scientifico europeo: o Attivismo scientifico europeo: Interesse e ambiente: Decroly p / Maria Montessori e la casa dei bambini p / La ricerca psicopedagogia e la didattica: Claparède p o Attivismo: ricerche ed esperienze europee: Il lavoro dei gruppi: Cousinet p / Educazione popolare e cooperazione: Freinet p / Educazione emancipatrice: Dottrens p / L esperienza non-direttiva di Summerhill: Neill p La psicopedagogia del novecento o La psicopedagogia europea: La scuola psicoanalitica: Anna Freud, Melanie Klein, Erik Erikson e Bruno Bettelheim p / Piaget e la psicologia genetica p / In Russia: dalla riflessologia alla scuola storico-culturale: Vygotskij o La psicopedagogia americana:dallo strutturalismo alla pedagogia come cultura: Bruner p / La programmazione dell insegnamento: obiettivi e curricoli: Bloom e Gagnè p La crisi dell educazione e le nuove frontiere della pedagogia o Una nuova epistemologia pedagogica : Una nuova visone del rapporto tra educazione e scienza: l epistemologia della complessità: Morin p o Critica della scuola e pedagogie alternative: La pedagogia non-direttiva: Rogers p / La pedagogia degli oppressi: Freire p / La descolarizzazione: Illich p / Le esperienze italiane di educazione non-direttiva: Don Milani p /Papert p.292 PROBLEMI DI PEDAGOGIA: Avalle U., Maranzana M. (2007), Problemi di pedagogia. Il sapere pedagogico e il lavoro formativo. Con testi e laboratorio. Terzo Volume, Paravia, Torino 20

21 La professionalità dell insegnante o La professionalità dell insegnante: I compiti dell insegnante e loro evoluzione nel quadro sociale p / La professionalità dell insegnante nella situazione scolastica p / La nuova professionalità dell insegnantep / Le problematiche della gestione dell insegnamento p / L insegnante come facilitatore p / Per una migliore qualità professionale degli insegnanti p / Educare fuori della scuola p / Formare fuori della scuola p o Formazione e aggiornamento: Esiste una vocazione all insegnamento? P 163 / La formazione iniziale p / Scienze della formazione primaria, scienze dell educazione e specializzazione post-laurea p La didattica e le condizioni di organizzazione del lavoro formativo: o La didattica e le condizioni dei organizzazione del lavoro formativo: La didattica e le condizioni del lavoro scolastico (cenni) p. 42-3/ Dal programma alla progettazione (cenni) p.80-1/ La pedagogia della programmazione per obiettivi (cenni) p.88 Programma di Religione Docente: Chinaglia Elena Contenuti disciplinari analitici 21 f.to Agostini Anna Firma degli studenti rappresentanti di classe: Analisi di brani dal testo Perché ho paura di dirti chi sono di J.Powell sui criteri e gli effetti della comunicazione, in particolare dei sentimenti - Morale laica e morale cristiana a confronto - Proposte etiche contemporanee: soggettivistica, libertaria, utilitaristica, tecnoscientifica ecologica, della responsabilità, personalistica, religiosa. - I campi dell etica: Etica delle relazioni: - amicizia e amore, i vari tipi di amore - Fidanzamento e matrimonio: matrimonio civile e religioso - Paternità e maternità responsabili Etica della vita: - definizione del termine bioetica, statuto ontologico, etico, giuridico dell embrione - interventi sulla vita prenatale: l aborto (definizione del termine, valutazioni etiche,a. terapeutico, a. eugenetico a. dopo stupro). Esame della legge 194/78 L obiezione di coscienza - Suicidio e pena di morte - La procreazione assistita: fecondazione intracorporea, inseminazione artificiale (GIFT) - Fecondazione extracorporea (FIVET- ICSI) - Valutazioni etiche sulle procedure eterologhe ed omologhe - Esame della legge n 40 del Eutanasia: definizione del termine

22 - Eutanasia diretta ed indiretta, attiva e passiva, volontaria ed involontaria - Diritti del malato terminale - Accanimento terapeutico, diritto alla conoscenza del proprio stato di salute valore salvifico della sofferenza per il cristiano - Trapianti e donazione di organi - La clonazione Etica della solidarietà: - la globalizzazione:tecnologia ed economia - consumo quindi esisto Nelle 2 o 3 ultime lezioni dell a.s. si prevede di affrontare il seguente argomento: - La Dottrina sociale della Chiesa: panoramica a partire dalla Rerum Novarum f.to Chinaglia Elena Firma degli studenti rappresentanti di classe:

23 Relazione finale di Educazione Musicale Docente: Di Giorgio Angelo Conoscenze, competenze, capacità. a - Analizzare in modo induttivo le cellule ritmiche più complesse necessarie a comporre un discorso musicale. b - Prendere sempre più coscienza del linguaggio musicale attraverso la conoscenza degli elementi teorici ed artistici più complessi. c - Comprendere la storicità degli eventi sonori (in una sintesi storica) attraverso ascolti guidati. d - Riconoscere, attraverso ascolti guidati: le voci umane le forme musicali semplici, complesse e polifoniche gli strumenti musicali Metodi e mezzi Il modo di procedere per il raggiungimento degli obiettivi e per l acquisizione dei contenuti è stato il più possibile induttivo: partendo da una globale esperienza d ascolto o di produzione si è mirato all organizzazione del sapere musicale, con la progressiva assunzione da parte dello studente di un modo ragionato e personale di pensare la musica. I concetti storici e teorico - grammaticali sono stati innestati nella reale esperienza della musica; in pratica gli apprendimenti relativi sono stati scaturiti dai momenti dell ascolto e della produzione. Durante le lezioni, sono stati usati gli usuali sussidi didattici ed audiovisivi. I libri di testo usati: Nuove esperienze sonore (vol. A e B ) di R. Castello ed Minerva Italica Criteri e strumenti di valutazione adottati Alla fine di ogni itinerario tematico svolto è stata eseguita una prova sommativa. In fase di valutazione sono state prese in esame la conoscenza dei contenuti, la capacità di rielaborazione personale, la capacità di inserire le conoscenze in una formulazione più ampia, la capacità di affinamento dell espressione personale attraverso il linguaggio musicale. Sono stati utilizzati gli strumenti previsti dall azione didattica: prove orali, scritte e pratiche secondo le necessità. Spazi utilizzati (Laboratori, biblioteca, stage, viaggi e visite guidate, mostre, ecc.)la classe ha potuto usufruire solo marginalmente dell aula attrezzata con mezzi audiovisivi a causa di problemi logistici. Relazione finale di Inglese Docente: Surza Emanuela 23 f.to Di Giorgio Angelo Conoscenze, competenze, capacità. Nell arco del quinquennio la classe si è dimostrata complessivamente motivata all apprendimento,, anzi interessata in modo crescente alla disciplina anche se la partecipazione non è sempre stata attiva. Tre studentesse hanno ottenuto la certificazione internazionale PET (= B1); sfortunatamente è sempre stato abbastanza consistente il numero di studenti che ha trovato difficoltà nel raggiungere gli obiettivi

24 minimi previsti. Questa cosa è apparsa più evidente al triennio, quando veniva richiesto un maggior approfondimento e maggiore serietà nello studio domestico. Quindi, mentre le conoscenze, di tipo per lo più mnemonico, si possono considerare nel complesso sufficienti, in alcuni casi discrete, le competenze linguistiche e le capacità comunicative/espressive, soprattutto allo scritto sono, per taluni, ancora inferiori al livello normalmente previsto per le classi quinte del Liceo Pedagogico, mentre risultano soddisfacenti per gli altri. Migliorata nell arco del triennio è parsa la capacità di comprensione del messaggio tanto scritto che orale. Metodi e mezzi L approccio è stato sempre comunicativo, le lezioni si sono svolte in lingua e si è sempre chiesto agli studenti di fare lo stesso, non solo durante le verifiche ma anche per la normale comunicazione all interno della classe. Lo strumento didattico utilizzato più spesso, oltre al libro di testo, è stato certamente il lettore CD, assieme alla lavagna di classe, alle fotocopie per alcuni approfondimenti e al lettore DVD per la visione di un film, Bright Star sulla vita del poeta John Keats. Criteri e strumenti di valutazione adottati Per quanto concerne la letteratura, sono state svolte tre verifiche scritte e due orali nel secondo pentamestre, due scritte e una orale nel primo trimestre e una presentazione orale di un approfondimento a piacere, più una simulazione di terza prova nel corso del primo quadrimestre. Per la valutazione di quest ultima l insegnante si è attenuta alla griglia scelta dal Consiglio di classe all inizio dell anno scolastico e a disposizione della Commissione per confronto. Le consuete verifiche scritte, che hanno avuto modalità conforme alla tipologia B della Terza prova dell esame di Stato, risposta breve (max. 5/6 righe), oppure alla tipologia A (trattazione sintetica su 10 righe), hanno riguardato il programma di letteratura svolto. Esse sono state valutate tenendo conto di cinque indicatori: contenuto, morfologia, lessico, sintassi, coesione e coerenza. Durante le prove orali agli studenti veniva chiesto di illustrare le caratteristiche delle opere degli autori, il periodo storico e letterario al quale tali opere appartenevano, senza tuttavia esigere i dati biografici degli autori stessi, se non quelli essenziali alla comprensione dell opera trattata. L insegnante ha svolto anche verifiche delle capacità di ascolto e di uso della lingua, nonché delle competenze grammaticali degli allievi (livello tra B1 e B2). Spazi utilizzati (Laboratori, biblioteca, stage, viaggi e visite guidate, mostre, ecc.) Per le lezioni è sempre stata utilizzata l aula scolastica. Dalla classe prima alla stessa classe quinta, inoltre, gli studenti hanno avuto l opportunità di assistere ogni anno ad uno spettacolo teatrale in lingua inglese presso uno dei teatri cittadini. f.to Surza Emanuela Relazione finale di Scienze Sperimentali Docente: Pittana Marina Conoscenze, competenze, capacità. In relazione alla programmazione individuale, di dipartimento e di classe, gli obiettivi in termini di conoscenze, competenze e capacità sono stati conseguiti in modo mediamente discreto e per alcuni in modo buono. In particolare una buona parte della classe ha seguito le lezioni con diligenza dimostrando interesse, ma apportando solo minimi contributi al dialogo educativo- didattico con interventi personali. Per un gruppo l approccio alla disciplina è stato di tipo scolastico e finalizzato alle verifiche. Alcuni allievi, invece hanno dimostrato un personale interesse svolgendo un lavoro individuale prontato al collegamento e all applicazione dei concetti al quotidiano. Il comportamento della classe è sempre stato corretto, educato e disciplinato. 24

25 Gli allievi che hanno raggiunto una sufficiente conoscenza delle tematiche trattate, sono in grado di: descrivere e spiegare le caratteristiche dell essere umano utilizzare correttamente una terminologia specifica cogliere le correlazioni tra i vari apparati utilizzare le conoscenze in diversi contesti Metodi e mezzi Le varie unità didattiche sono state proposte, dov era possibile, in termini di problemi, in modo da coinvolgere gli allievi ad ampliare le proprie conoscenze che sono state poi sviluppate e strutturate metodologicamente. La lezione frontale è stata utilizzata in maniera preponderante in modo da consentire un continuo confronto tra insegnante ed allievi e da permettere un rilevamento delle conoscenze raggiunte o di eventuali difficoltà incontrate. I mezzi utilizzati durante l intero corso, sono stati: il libro di testo adottato, appunti tratti da altri testi, articoli vari, audiovisivi e materiale didattico a disposizione della scuola. Si fa presente che nell anno è stata attuata un ora di compresenza con Storia dell arte. Criteri e strumenti di valutazione adottati Le verifiche sono state effettuate in tutte le fasi dell insegnamento, al fine di accertare le conoscenze, le competenze e le capacità degli allievi. Costituiscono titolo di valutazione anche l attenzione prestata durante le lezioni, la partecipazione al lavoro di classe, l interesse dimostrato e l assiduità nel lavoro domestico. Mi sono avvalsa sia di verifiche formative sia di verifiche sommative (sia orali, sia scritte e strutturate), scadenzate nel tempo e più frequenti per gli allievi il cui profitto nel corso dell anno sia risultato insufficiente. Il numero delle prove valutabili ai fini del voto orale è stato di almeno due per ogni quadrimestre. E stata svolta una simulazione di terza prova con tipologia B che ha dato esiti soddisfacenti, per la maggior parte della classe. Spazi utilizzati (Laboratori, biblioteca, stage, viaggi e visite guidate, mostre, ecc.) Nel corso dell anno scolastico non è stato utilizzato sistematicamente il laboratorio di scienze per la collocazione della classe in succursale, ma alcune lezioni sono state svolte con la proiezione di DVD per visualizzare i processi fisiologici. f.to Pittana Marina Relazione finale di Storia Docente: Degano Donatella Conoscenze, competenze, capacità. La classe ha sempre seguito con attenzione lo svolgimento delle varie parti del programma, mostrando interesse soprattutto per i collegamenti con l attualità, che sono stati costantemente proposti e che hanno permesso agli allievi di cogliere il senso del divenire storico e i rapporti causa-effetto che possono essere rapportati al presente. L impegno generale è da considerarsi sicuramente positivo, pur se alcuni ragazzi non sono riusciti a liberarsi dalla loro inclinazione a uno studio mnemonico,che ha consentito loro di raggiungere risultati solo sufficienti. Altri, invece, forse più motivati, hanno saputo rielaborare quanto appreso e si sono mossi agevolmente nell analizzare eventi e personaggi in senso sia diacronico che sincronico. 25

26 Il profitto complessivo è, quindi, discreto, talvolta decisamente buono. Metodi e mezzi Si sono privilegiate le lezioni frontali, cercando di coinvolgere gli studenti nel collegamento tra fenomeni diacronici e sincronici, per verificare l acquisizione delle conoscenze. Lo strumento adottato è il libro di testo. Va ricordata la proficua esperienza della visita d istruzione in Germania, al lager di Buchenwald e alla città di Berlino, dove è stato possibile ripercorrere gli avvenimenti legati al nazismo, al secondo conflitto mondiale e al successivo crollo dell egemonia sovietica. Criteri e strumenti di valutazione adottati Per la verifica delle competenze e delle conoscenze ci si è serviti di interrogazioni (almeno due sia nel trimestre che nel pentamestre) e di verifiche semistrutturate valide per l orale (una o più in entrambe le parti dell a.s.). Nelle valutazioni si è tenuto conto della capacità degli allievi di identificare i rapporti causa-effetto dei fenomeni storici, di riconoscere i caratteri precipui dei singoli periodi, di percepire correttamente la dimensione spazio-temporale dei fatti e di collegarli in una visione completa, nonché di usare un linguaggio appropriato e scorrevole. Nel pentamestre è stata effettuata una simulazione della terza prova d esame secondo la tipologia B. Spazi utilizzati (Laboratori, biblioteca, stage, viaggi e visite guidate, mostre, ecc.) Aula scolastica. f.to Degano Donatella Relazione finale di Italiano Docente: Degano Donatella Conoscenze, competenze, capacità. La classe ha sempre mantenuto un comportamento corretto ed educato, mostrandosi disposta al dialogo educativo, seguendo con attenzione le lezioni e rispettando le consegne. Ha dimostrato senso di responsabilità e impegno, in generale, costante. Ciò ha permesso di lavorare serenamente e di svolgere il programma senza difficoltà. Dal punto di vista del profitto, gli allievi che avevano delle lacune nella prima parte dell anno scolastico sono riusciti a colmarle. La valutazione complessiva può essere definita quasi discreta, con risultati migliori per i ragazzi che, grazie alla loro capacità di rielaborazione delle conoscenze acquisite e alle maggiori attitudini critiche, hanno saputo andare oltre uno studio esclusivamente mnemonico della materia, esprimendosi con proprietà di linguaggio. Metodi e mezzi Si sono privilegiate le lezioni frontali, cercando, però, di coinvolgere gli allievi con domande mirate a verificare la conoscenza di argomenti precedentemente trattati. Nello svolgimento del programma ci si è serviti prevalentemente dei testi in adozione, ma anche di appunti e fotocopie, ove se ne fosse ravvisata la necessità. Criteri e strumenti di valutazione adottati Per la verifica del livello di apprendimento si è fatto ricorso a interrogazioni (almeno due sia nel trimestre che nel pentamestre), a prove scritte di composizione (tre in entrambe le parti dell a.s.), a prove semistrutturate (una o più sia nel primo che nel secondo periodo). 26

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO BRIGNETTI ISTITUTO ALBERGHIERO E DELLA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 C Indirizzo:

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI PROGRAMMAZIONE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A. S. 2009/2010 Fisica Classe quinta C liceo Ore annuali: DOCENTE: Giorgio Follo Obiettivi disciplinari Conoscenze Elettromagnetismo: teoria e semplici applicazioni.

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE G. MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. - SCIENTIFICO BROCCA CLASSICO - SOCIO PSICOPEDAGOGICO Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

Dal Liberalismo all imperialismo : Naturalismo e Simbolismo

Dal Liberalismo all imperialismo : Naturalismo e Simbolismo Anno scolastico 2014/2015 ISIS Pagano - Bernini Classe V G REL INT Programma d Italiano Insegnante M. Pascotto Dal Liberalismo all imperialismo : Naturalismo e Simbolismo Cap I : La situazione economica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA

COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE LE PIANE ANTONELLA Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201-1 Classe V A COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO VAIRO NANCY STORIA VAIRO NANCY INGLESE LE PIANE ANTONELLA MATEMATICA FACCHI

Dettagli

IST. ST. D ISTR. SUP."G. V. GRAVINA"

IST. ST. D ISTR. SUP.G. V. GRAVINA IST. ST. D ISTR. SUP."G. V. GRAVINA" CLASSE V SEZ. B INDIRIZZO: SCIENZE DELLA FORMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013 2014 MATERIA DI INSEGNAMENTO: INGLESE ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA DELLA CLASSE A.

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A.

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. Anno scolastico 2012/2013 Consiglio Classe IV A Data di approvazione 23/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-003 Rev.: 3 Data: 04.10.10 Pag.:

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Pio Paschini" LICEO SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO G. Marchi - Tolmezzo a.s 2014-2015 Agostinis Luigina

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Pio Paschini LICEO SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO G. Marchi - Tolmezzo a.s 2014-2015 Agostinis Luigina ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Pio Paschini" LICEO SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO G. Marchi - Tolmezzo a.s 2014-2015 Agostinis Luigina PROGRAMMI SVOLTI - CLASSE 5^ SU Nel corrente a.s sono stati sviluppati

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTE MATERIA CLASSE/I Livio Gnucci Italiano V CO OBIETTIVI DIDATTICI DISCIPLINARI CONSEGUITI IN TERMINI DI COMPETENZE, CONOSCENZE, ABILITÀ PRESENTAZIONE

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Via Saint Denis 200 20099 Sesto San Giovanni Tel.: 02.26224610/16/10 Fax 02.2480991 Sito: www.iisdenicola.it - e_mail uffici: info@iisdenicola.it Anno scolastico: 2013/2014

Dettagli

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno*

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno* Programmazione di Dipartimento (Area 1) Lettere Programmazione di Lingua Letteratura Italiana Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico II Biennio A. S. 2013-2014 Programmazione disciplinare per anno

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 CLASSE III L Indirizzo Linguistico COORDINATORE: JESSICA NARDO 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragene Filippo

Dettagli

PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013

PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013 PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. CARLO SPARANO MATERIA: MUSICA CLASSE 2 E AD INDIRIZZO MUSICALE DATA DI PRESENTAZIONE: 30-11-2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Di Matematica. Secondo Biennio SEZIONE TECNICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro Di Matematica Secondo Biennio DOCENTE CENA LUCIA MARIA CLASSI 4 BM Libri di testo: Bergamini-Trifone-Barozzi Mod.U verde Funzioni e limiti Mod.V verde Calcolo

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini

Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini Istituto Comprensivo Statale Foligno 1 Foligno (PG) Scuola Secondaria di primo grado Giuseppe Piermarini DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. Situazione iniziale Anno Scolastico

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli via San Giorgio 10090 Sangano - TO - tel. 011 90 87 184. e-mail: darwin@liceodarwin.rivoli.to.it

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. PREVER SEDE COORDINATA DI OSASCO

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. PREVER SEDE COORDINATA DI OSASCO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE A. PREVER SEDE COORDINATA DI OSASCO PIANO DI LAVORO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE classe 2 B tecnico ANNO SCOLASTICO 2014/2015 INSEGNANTE: FIGLIOLA ANTONELLA TESTO ADOTTATO:

Dettagli

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA Lo sviluppo

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16

I.I.S. Federico II di Svevia Melfi. Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 I.I.S. Federico II di Svevia Melfi Progettazione della classe I BS classe a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal Consiglio di classe con la sola presenza

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2013/2014 CLASSE: 5 a I.T.A.S.

Dettagli

I.T.I.S. A. ROSSI - Dipartimento di RELIGIONE

I.T.I.S. A. ROSSI - Dipartimento di RELIGIONE Pagina 1 di 5 PROGETTO DIDATTICO DELLA DISCIPLINA In riferimento al DPR 15 marzo 2010 n. 88, alle Linee Guida per gli Istituti Tecnici di cui alla Direttiva n. 57 del 15 luglio 2010 e alla Direttiva n.

Dettagli

LICEO A. MANZONI Caserta

LICEO A. MANZONI Caserta Pag.1 di 8 LICEO A. MANZONI Caserta ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 PROGETTAZIONE DIDATTICA PRIMO BIENNIO INDIRIZZO : Classe ª SEZ. MATERIA : SCIENZE MOTORIE CLASSE DI CONCORSO A029 DOCENTE PRESENTAZIONE DELLA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI

ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI ISTITUTO COMPRENSIVO LOREDANA CAMPANARI Via Monte Pollino, 45-00015 Monterotondo (RM) CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE E TECNOLOGIA A.S. 2013/2014 CURRICOLO Ambito disciplinare SCIENZE SCIENZE E TECNOLOGIA

Dettagli

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO CLASSI PRIME Conoscenze Il sistema e le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo. Le strutture della

Dettagli

Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli. Programmazione Disciplina: Educazione Fisica

Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli. Programmazione Disciplina: Educazione Fisica Anno Scolastico 2010/11 Istituto d Istruzione Superiore Artusi Forlimpopoli Programmazione Disciplina: Educazione Fisica Obiettivi essenziali per il biennio: Ciascun alunno, al termine del biennio, dovrà:

Dettagli

DIPARTIMENTO DI STORIA DELL'ARTE Programmazione disciplinare triennio

DIPARTIMENTO DI STORIA DELL'ARTE Programmazione disciplinare triennio DIPARTIMENTO DI STORIA DELL'ARTE Programmazione disciplinare triennio Classi: terze indirizzo classico, linguistico e scienze umane Prendere consapevolezza del valore estetico dell'opera d'arte nelle varie

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: ITALIANO Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 Docente: DALLA VECCHIA MARIA TERESA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da diciotto alunni, di cui undici femmine e sette

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 4Asa Indirizzo di studio Scienze applicate - Nuovo ordinamento Docente Disciplina

Dettagli

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 MATERIA ITALIANO N ore settimanali n.4 INSEGNANTE Sergio Spadoni CLASSE IV C LIVELLO DI PARTENZA Il comportamento degli allievi non è sempre corretto e disciplinato

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 Q SCUOLE PRIMARIE CLASSI QUINTE Denominazione Compito-prodotto Competenze mirate Comuni /cittadinanza I DIRITTI DEI BAMBINI IL QUADERNO REALIZZATO DAI RAGAZZI E/O LO SLOGAN PUBBLICITARIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX.

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX. ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 5 SEZ.F INDIRIZZO scientifico PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Marina Lugetti Italiano Langella, Frare, Gresti, Motta, Letteratura. it, ed. Bruno

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. SCUOLA: CIVICO LICEO LINGUISTICO A.MANZONI DOCENTE: FABIO NUNZIATA MATERIA: ITALIANO Classe 5 Sezione H OBIETTIVI Cognitivi 1. conoscere adeguatamente le regole del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI

ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI ISTITUTO COMPRENSIVO SEGNI Scuola dell infanzia Programmazione Religione Cattolica Anno scolastico 2013 2014 Insegnante:BINACO MARIA CRISTINA Motivazione dell itinerario annuale Il percorso per l I.R.C.

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2015 2016. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2015 2016 Piano di lavoro individuale Classe: Materia: 4A ind. TURISMO Matematica Docente: CABERLOTTO GRAZIAMARIA Situazione di partenza della classe La classe è composta da 24 alunni di

Dettagli

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^

Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Programmazione annuale docente classi 1^ - 2^ - 3^-4^ Docente Anna Maria Candiani Classe IV sez. A Indirizzo Sistemi informativi aziendali Materia di insegnamento Matematica Applicata Libro di testo Bergamini

Dettagli

LICEO MUSICALE E COREUTICO SEZIONE COREUTICA PROFILO DI ENTRATA

LICEO MUSICALE E COREUTICO SEZIONE COREUTICA PROFILO DI ENTRATA Prot. n. 2250 del 04.05.2012 LICEO MUSICALE E COREUTICO SEZIONE COREUTICA In linea con quanto disposto dall articolo 7, comma 2 del D.P.R. 15 marzo 2010, n. 89, l Accademia Nazionale di Danza definisce

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno scolastico: 2015/2016 Prof. Faes Roberto Disciplina: Musica Classe: 1ª B 1 Livelli di partenza rilevati Livello numero alunni A ottimo 5 B- Discreto / Buono 8 C Sufficiente

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE VERONESE - MARCONI LICEO: SCIENTIFICO P.N.I. SCIENZE APPLICATE CLASSICO - SCIENZE UMANE Via Togliatti 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371 - FAX 5544315 e-mail:gveronese@legalmail.it

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO SCIENZE INTEGRATE FISICA CLASSE PRIMA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO SCIENZE INTEGRATE FISICA CLASSE PRIMA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ISTITUTO TECNICO PER IL TURISMO SCIENZE INTEGRATE FISICA CLASSE PRIMA 1. Competenze: le specifiche competenze di base disciplinari previste dalla

Dettagli

LICEO STATALE G. GUACCI

LICEO STATALE G. GUACCI LICEO STATALE G. GUACCI BENEVENTO Programmazione Didattica Modulare di Lingua e Letteratura Italiana Classe III sezione B Ind. Scienze Applicate Anno scolastico 2015 2016 Presentazione della classe: La

Dettagli

Liceo delle Scienze Umane Opzione economico-sociale

Liceo delle Scienze Umane Opzione economico-sociale ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE G. V. GRAVINA VIA UGO FOSCOLO CROTONE ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Programmazione Dipartimento Discipline Giuridiche ed Economiche Asse Storico - Sociale Liceo delle

Dettagli

I.T.I.S. A. ROSSI - Dipartimento di RELIGIONE

I.T.I.S. A. ROSSI - Dipartimento di RELIGIONE Pagina 1 di 5 PROGETTO DIDATTICO DELLA DISCIPLINA In riferimento al DPR 15 marzo 2010 n. 88, alle Linee Guida per gli Istituti Tecnici di cui alla Direttiva n. 57 del 15 luglio 2010 e alla Direttiva n.

Dettagli

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE

STRUTTURA UDA U.D.A. 2. Classe III A PRESENTAZIONE STRUTTURA UDA UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO di TECNOLOGIE ELETTRICO-ELETTRONICHE E APPLICAZIONI U.D.A. 2 Classe III A.S. 2015/2016 TITOLO: Energia, potenza e rendimento. Campo elettrico e condensatori.

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ARTE E IMMAGINE DOCENTE: NOVERO MARIA TERESA

ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ARTE E IMMAGINE DOCENTE: NOVERO MARIA TERESA ISTITUTO COMPRENSIVO CIRIE II SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO DI SAN CARLO C. ANNO SCOLASTICO 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI ARTE E IMMAGINE DOCENTE: NOVERO MARIA TERESA Premessa Lo studio della disciplina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014 2015 Dipartimento (1) : DIRITTO ED ECONOMIA Coordinatore (1) : Prof.ssa ALESSANDRA CALDARA Classe: 2 Indirizzo: SERVIZI SOCIO- SANITARI Ore di insegnamento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PER LA SCUOLA PRIMARIA Fonte di legittimazione: Indicazioni per il curricolo 2012 PROFILO DELLO STUDENTE RELATIVO ALL AREA ESPRESSIVO-MUSICALE Lo studente al termine del PRIMO

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA

SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA INDICE Il piano dell offerta formativa:premessa Vision e mission dell Istituto2 Le nostre scuole Contesto di riferimento Analisi dei bisogni formativ Offerta formativa Scelte

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE QUINTA A.S.

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE QUINTA A.S. ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO VALBOITE LICEO CLASSICO SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSE QUINTA A.S. 2014/2015 Insegnante: Cristina Nardini 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSI: 1^ CORSO: AFM - LICEO SPORT AS 20152016 Moduli Libro Di Testo scienze motorie Appunti schede tecniche Competenze di base - Sviluppo funzionale

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

Anno Scolastico 2011/2012 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE

Anno Scolastico 2011/2012 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Prof. Franca Decolle Materia matematica e fisica N.ro ore settimanali 3+3 N.ro ore complessivamente svolte Classe 3C 1. Presentazione sintetica della classe; L attività didattica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Anno scolastico 2013/2014 Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Napoli Dipartimento di Disegno e Storia dell Arte Obiettivi Gli alunni saranno guidati a rafforzare la conoscenza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina a.s.2015/2016 Classe: II Sez. R INDIRIZZO: Elettronica ed Elettrotecnica Docente : Prof. Roberto Manovella Pag 2 di 7 ANALISI DELLA SITUAZIONE

Dettagli

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15

LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 LICEO CLASSICO E LICEO LINGUISTICO C. SYLOS BITONTO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2014-15 CLASSE 2 ^ SEZIONE B L DISCIPLINA: SCIENZE MOTORIE DOCENTE MORAMARCO PASQUALE QUADRO

Dettagli

Relazione finale del docente

Relazione finale del docente Liceo Fogazzaro a.s. 2014/2015 CLASSE 5BU LICEO SCIENZE UMANE DI BASE SCIENZE UMANE Prof. Antonella Poncato Relazione finale del docente 1. Premessa Le allieve hanno manifestato interesse per la disciplina

Dettagli

PIANO DI LAVORO. Prof. ssa MARIA RITA BRANCIFORTE STORIA CLASSE V SEZIONE CLM

PIANO DI LAVORO. Prof. ssa MARIA RITA BRANCIFORTE STORIA CLASSE V SEZIONE CLM Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. ssa

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G. V. GRAVINA. Programmazione DIRITTO- ECONOMIA POLITICA. Classe III sez. A - Liceo Economico Sociale

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G. V. GRAVINA. Programmazione DIRITTO- ECONOMIA POLITICA. Classe III sez. A - Liceo Economico Sociale ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G. V. GRAVINA Programmazione DIRITTO- ECONOMIA POLITICA Classe III sez. A - Liceo Economico Sociale A.S. 2012-2013 Docente ANNA MARIA NAPOLI * * * SITUAZIONE DI PARTENZA DELLA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI VIA MONTE SUELLO, 2 25128 BRESCIA tel. 030-304924 - fax 030-396105 E-MAIL: bscalini@ provincia.brescia.it LICEO STATALE B R E S C I A SCIENTIFICO A. CALINI via Monte

Dettagli