INFRASTRUTTURE A BANDA LARGA E ULTRA LARGA SUL TERRITORIO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI REGGIO EMILIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INFRASTRUTTURE A BANDA LARGA E ULTRA LARGA SUL TERRITORIO DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI REGGIO EMILIA"

Transcript

1 2013 INFRASTRUTTURE A BANDA LARGA E ULTRA LARGA SUL TERRITORIO DELLA Rapporto provinciale Luglio 2013

2 Il presente rapporto è stato redatto da Uniontrasporti, con la collaborazione di Between, nell ambito del progetto Banda larga nelle aree terremotate, su incarico della Camera di Commercio di Reggio Emilia. 2

3 Sommario PREMESSA LE INFRASTRUTTURE BROADBAND NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Metodologia Le coperture a banda larga e ultra larga in Emilia-Romagna Le coperture a banda larga Le coperture a banda ultra larga La situazione infrastrutturale in provincia di Reggio Emilia Quadro sinottico delle infrastrutture di rete fissa in provincia di Reggio Emilia Quadro sinottico delle infrastrutture di rete mobile in provincia di Reggio Emilia La disponibilità dei servizi ADSL La disponibilità dei servizi ADSL La disponibilità dei servizi wireless e mobili La copertura broadband totale Le prestazioni effettive I servizi broadband nei distretti industriali e nelle aree di specializzazione produttiva I servizi broadband nelle aree industriali Le aree industriali del capoluogo di provincia Le aree industriali nelle zone dei comuni terremotati LE POLITICHE LOCALI PER LO SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE DI RETE Il PITER Gli stakeholder locali e le infrastrutture di rete Lepida SpA BT Enìa Le strategie regionali per la banda larga Le azioni realizzate per la riduzione del digital divide La strategia per la chiusura del digital divide Gli Accordi con gli operatori Le strategie regionali per le reti di nuova generazione UltraNet

4 Il catasto delle infrastrutture I piani degli operatori di telecomunicazioni LINEE GUIDA PER LA Il contesto della provincia di Reggio Emilia Stato del digital divide Referenti per lo sviluppo di progetti di infrastrutturazione Le opzioni di azione per la Camera di Commercio Diventare interlocutore sulle reti di nuova generazione Sensibilizzare le imprese ai vantaggi dell economia digitale Stimolare gli investimenti degli operatori di telecomunicazioni Indirizzare gli investimenti pubblici locali nelle aree produttive Intervenire direttamente nell infrastrutturazione del territorio Il processo di infrastrutturazione a banda larga e ultra larga del territorio I modelli di intervento pubblico per l infrastrutturazione a banda larga e ultra larga L architettura di riferimento Il riutilizzo delle infrastrutture Il coinvolgimento della domanda

5 PREMESSA Il presente rapporto, realizzato da Uniontrasporti con la collaborazione di Between nell ambito del progetto Banda larga nelle aree terremotate, intende analizzare il contesto infrastrutturale nelle specifiche aree territoriali di interesse della Camera di Commercio, al fine di contestualizzare la tematica delle infrastrutture di telecomunicazione e delle politiche per il loro sviluppo, per poter poi delineare le possibili azioni e strategie di intervento della Camera di Commercio. Il rapporto integra il documento di analisi dello scenario nazionale Infrastrutture a banda larga e ultra larga nei territori delle Camere di Commercio - Rapporto generale 2013, realizzato da Uniontrasporti, in cui sono descritti in dettaglio: Lo scenario di riferimento, in termini di evoluzione dei processi di infrastrutturazione a banda larga e ultra larga, impatto atteso sull economia e modalità di intervento per l innesco di un circolo virtuoso di sviluppo; La situazione in materia di infrastrutturazione, della possibile evoluzione di breve e medio periodo, delle criticità e delle condizioni per uno sviluppo accelerato; Le opportunità per le imprese e per il territorio legate all innesco di un processo di innovazione infrastrutturale e di adozione dei servizi basati sulle reti di comunicazione a banda larga e ultra larga, sia in termini di effetti diretti che indiretti. Le analisi qui presentate vanno intese come uno strumento di contestualizzazione sulla tematica delle infrastrutture a banda larga e ultra larga negli specifici territori di interesse della Camera, a livello provinciale, e di descrizione delle opportunità connesse allo sviluppo di tali infrastrutture. Obiettivo del documento è condividere un patrimonio comune di conoscenze in materia di reti di comunicazione a banda larga e ultra larga (le c.d. reti di nuova generazione), nonché delle determinanti che guidano i processi di trasformazione digitale, con particolare riguardo al potenziale impatto sulle attività delle imprese e sullo sviluppo economico. Le analisi oggetto del presente rapporto sono infatti finalizzate alla predisposizione degli elementi informativi necessari per consentire alla Camera di Commercio di indirizzare lo sviluppo di nuove infrastrutture di comunicazione sul territorio, sia in termini di promozione della loro realizzazione che di massimizzazione dell impatto positivo in termini di sviluppo del sistema economico locale. 5

6 In questo modo sarà possibile delineare le possibili linee di azione della Camera di Commercio, in funzione delle specificità locali, sulla base delle evidenze derivanti dalle più significative esperienze nazionali e internazionali in materia di progetti di intervento per l infrastrutturazione a banda larga e ultra larga dei territori, anche attraverso la modalità delle partnership pubblico-privato (PPP) e nel rispetto degli orientamenti normativi in materia, sia nazionali che europei. 6

7 1. LE INFRASTRUTTURE BROADBAND NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Il presente capitolo intende dare una vista analitica sulla situazione attuale delle coperture a banda larga e ultra larga disponibili sul territorio provinciale, presentando una serie di dati che sintetizzano lo stato dell arte delle infrastrutture sia di rete fissa che di rete wireless/mobile. Prima di procedere con l analisi dei dati è opportuno richiamare i concetti di digital divide e di banda larga: esistono varie accezioni di digital divide, in particolare nel documento si fa riferimento al digital divide infrastrutturale ovvero all impossibilità per il cittadino di accedere alla banda larga per ragioni legate all assenza e/o all inadeguatezza delle infrastrutture tecnologiche della rete. Le cause di tale inadeguatezza sono legate a diversi e molteplici aspetti che variano a seconda della tecnologia e dell architettura di rete esistente: la tipologia di backhauling disponibile (cioè la rete di trasporto/raccolta), la distanza dalla centrale o dall antenna trasmittente, la concentrazione degli utenti. Nella nomenclatura comune e condivisa anche a livello europeo, con il termine banda larga si intende un accesso alla rete con velocità di banda, almeno in download, non inferiore ai 2 Mbps. Nel caso di banda ultra larga si fa invece riferimento a velocità di accesso almeno superiori a 30 Mbps (in download). I dati presentati sono più analitici per quanto riguarda le tecnologie di rete fissa, non solo perché storicamente c è maggior disponibilità di informazioni sulla rete fissa, ma soprattutto perché i fenomeni di propagazione su rete fissa sono molto più deterministici di quella su rete wireless/mobile. Le analisi che verranno presentate nel seguito del documento sono relative a: Per la banda larga: o Tecnologie di rete fissa ADSL, il cui mezzo di trasmissione è il doppino in rame; o Tecnologie di rete mobile UMTS/HSPA; o Tecnologie di rete wireless HiperLAN/Wi-Fi utilizzate dagli Internet Service Provider e tecnologie WiMAX; Per la banda ultra larga: o Tecnologie di rete fissa VDSL, il cui mezzo di trasmissione è la fibra ottica, ad eccezione dell ultimo tratto in rame (FTTC); o Tecnologie di rete fissa FTTH, il cui mezzo di trasmissione è la fibra ottica; 7

8 o Tecnologie di rete mobile LTE. Tutti i dati elaborati sono di proprietà dell Osservatorio Ultra Broadband di Between e fanno riferimento, salvo ove diversamente specificato, alla situazione rilevata a dicembre Metodologia Between nell ambito del progetto Osservatorio Ultra Broadband ha messo a punto un algoritmo per il calcolo delle coperture di rete fissa e rete mobile. Le fonti informative di infrastruttura vengono incrociate a livello di sezione censuaria con i database ISTAT delle imprese e della popolazione per avere un legame diretto con il territorio. Il modello si basa sulla ripartizione dell Italia in sezioni censuarie, per un totale di circa zone censuarie ripartite sugli comuni italiani: le zone censuarie risultano di dimensioni più ridotte nelle aree più densamente popolate mentre sono più estese nelle aree a bassa densità di popolazione. In figura viene riportato una esemplificazione del concetto di sezione censuaria a livello provinciale. Figura 1 Zone censuarie della provincia di Reggio Emilia Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between,

9 Mediante l algoritmo considerato viene valutata la disponibilità di banda larga e ultra larga per ciascuna sezione censuaria. Per quanto riguarda la rete fissa ogni zona censuaria viene associata alla propria centrale fissa di riferimento (Area di Centrale) o all eventuale concentratore (UCR). L associazione sezione censuaria apparato di rete viene fatta sulla base di un algoritmo di prossimità che garantisce un elevata affidabilità del dato. Mediante la conoscenza della tipologia di allestimento della centrale/ucr di riferimento (ADSL light, ADSL full, ADSL2+), è possibile valorizzare in modo puntuale la sezione censuaria con la corrispettiva disponibilità di banda nominale. Le analisi si estendono anche a valutare le effettive prestazioni erogabili nella sezione censuaria (grazie alla distanza baricentrica dalla centrale di riferimento) tenendo in conto delle problematiche relative a linee lunghe. L algoritmo per valutare il livello di copertura della rete mobile e le sue prestazioni è più semplificato rispetto a quello di rete fissa e si basa sulle informazioni che gli operatori mobili mettono a disposizione sui loro siti web. L informazione viene sempre elaborata a livello comunale. I valori di copertura mobile sono integrati considerando anche i dati di copertura HiperLAN/Wi-Fi/WiMAX che l Osservatorio Ultra Broadband raccoglie con cadenza trimestrale da un panel di circa 160 Wireless Internet Service Provider (WISP) Le coperture a banda larga e ultra larga in Emilia-Romagna Le coperture a banda larga A fine 2012 in Italia, la copertura del servizio ADSL ha raggiunto il 91% delle unità locali delle imprese, che risultano quindi attestate su una centrale telefonica in cui è stato attivato il servizio ADSL (con banda almeno pari a 2 Mbps) e non ci sono vincoli tecnici che impediscano la fruizione, da parte del cliente, del servizio. L Emilia-Romagna si posiziona al decimo posto in termini di copertura tra le regioni italiane, con il 91% delle unità locali delle imprese raggiunte dal servizio ADSL. La seconda generazione ADSL, basata sulla tecnologia ADSL2+, permette di fornire servizi a banda larga fino a 20 Mbps, particolarmente indicati per il contesto industriale e produttivo in genere. Tale tecnologia non è però ancora disponibile per molte imprese: a dicembre 2012, questo tipo di servizio era disponibile per circa il 71% del totale delle unità locali delle imprese in Italia. Tale valore sale al 76% se si considera la sola regione Emilia-Romagna. La dinamica regionale della copertura delle tecnologie di rete fissa evidenzia come, negli ultimi cinque anni, gli investimenti per l allestimento delle centrali telefoniche con 9

10 tecnologia ADSL2+ abbiano incrementato la copertura nazionale di poco più di 15 punti percentuali, con l Emilia-Romagna che ha mantenuto negli anni un livello di copertura delle unità locali delle imprese quasi sempre ben superiore alla media italiana. Tabella 1 - Dinamica coperture ADSL/ADSL2+ in Emilia-Romagna (% Unità locali imprese) ADSL Coperture (% Unità locali) Emilia-Romagna 90% 91% 91% 91% 91% ITALIA 88% 89% 89% 90% 91% ADSL2+ Emilia-Romagna 55% 60% 70% 72% 76% ITALIA 55% 60% 63% 65% 71% Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between, 2013 Al fine di determinare la reale disponibilità dei servizi a banda larga nelle aree di interesse, l analisi è stata approfondita sulla situazione della provincia di Reggio Emilia rispetto alle altre province dell Emilia-Romagna. Figura 2 - Copertura ADSL in Emilia-Romagna (% Unità locali imprese) Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between, 2013 Sia per quanto riguarda le coperture ADSL, che per quelle evolute ADSL2+, la provincia di Reggio Emilia appare in ritardo rispetto a gran parte delle province della regione, con la 10

11 copertura ADSL pari al 90% delle unità locali delle imprese e la copertura ADSL2+ che si ferma al 68%, al di sotto della media regionale. Figura 3 - Copertura ADSL2+ in Emilia-Romagna (% Unità locali imprese) Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between, 2013 Le tecnologie radio, comprendenti sia i collegamenti wireless (HiperLAN/Wi-FI/WiMAX) che quelli mobili (UMTS/HSPA), possono essere considerate in certi casi una valida alternativa a quelle fisse, anche per il mercato business. Poiché solamente negli ultimi anni i collegamenti wireless/mobili sono diventati una reale alternativa a quelli fissi, non è possibile valutare la dinamica storica del contributo wireless all aumento della copertura. Al fine di valutare l effettiva disponibilità dei servizi broadband per le aziende, si può quindi determinare la copertura broadband ottenuta dall unione delle unità locali che possono usufruire del servizio tramite rete fissa con quelle che possono usufruire solamente di collegamenti wireless/mobili. La copertura broadband così calcolata, a dicembre 2012, era pari a circa il 95% delle unità locali delle imprese provinciali (in linea con la media regionale). Il contributo delle tecnologie wireless all aumento del livello di copertura del territorio provinciale è quindi pari a circa il 5%. 11

12 Figura 4 - Coperture broadband (wired/wireless/mobile) in Emilia-Romagna (% Unità locali imprese) Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between, 2013 Dal confronto delle coperture broadband nelle province dell Emilia-Romagna si evidenzia come le differenze fra le province in generale si riducano rispetto alla situazione dell ADSL. In definitiva, il 5% delle unità locali delle imprese della provincia di Reggio Emilia non può accedere ad alcuna tipologia di servizio a banda larga Le coperture a banda ultra larga La disponibilità di servizi a banda ultra larga, abilitati dalle nuove tecnologie basate su collegamenti prevalentemente in fibra ottica (VDSL e FTTH), che danno la possibilità a popolazione e imprese di poter usufruire di collegamenti con banda superiore a 30 Mbps, fino ad arrivare ai 100 Mbps e oltre, è ancora molto limitata sia a livello nazionale che sul territorio provinciale. La tecnologia VDSL rende disponibili servizi attualmente commercializzati a 30/3 Mbps in download/upload, sfruttando la stesura di fibra ottica fino all'armadio di zona (FTTC), con il rame limitato alla sola tratta finale di utente. Dato il lancio recente di questa tipologia di servizi, la media nazionale di copertura VDSL a dicembre 2012 era ancora limitata al 4% delle unità locali delle imprese, mentre in Emilia- 12

13 Romagna tale valore era pari al 2% delle unità locali, con la provincia di Reggio Emilia priva al momento di tale tipologia di collegamenti. Figura 5 - Copertura VDSL in Emilia-Romagna (% Unità locali imprese) Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between, 2013 Se si considerano invece i collegamenti in fibra ottica in rete di accesso (FTTH), si raggiungono velocità di trasmissione sensibilmente più elevate per l'utente finale, fino a 100 Mbps e oltre. La diffusione dei collegamenti in fibra ottica presenta attualmente a livello nazionale livelli leggermente superiori rispetto a quelli VDSL, con la copertura media nazionale pari al 9% delle unità locali delle imprese. In questo caso la provincia di Reggio Emilia è l unica, insieme alla provincia di Bologna, con un livello di copertura seppur minino (10%), percentuale in linea con la media regionale, pari al 9% delle unità locali delle imprese. 13

14 Figura 6 - Copertura Fibra Ottica in Emilia-Romagna (% Unità locali imprese) Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between, 2013 Infine, occorre citare i più recenti servizi mobili di quarta generazione LTE, disponibili sul mercato solo dalla fine del 2012, che in prospettiva permetteranno di raggiungere velocità fino a 100 Mbps su rete mobile. La copertura di questi servizi a fine 2012 era limitata a poche città italiane, tutte al di fuori dell Emilia-Romagna La situazione infrastrutturale in provincia di Reggio Emilia Nella presente sezione viene approfondita la situazione infrastrutturale e delle coperture broadband per ciascuna delle tecnologie disponibili nei comuni della provincia di Reggio Emilia, secondo la metodologia precedentemente descritta Quadro sinottico delle infrastrutture di rete fissa in provincia di Reggio Emilia Le figure e le tabelle sottostanti sintetizzano lo stato dell arte della rete di telecomunicazione in rame per la provincia di Reggio Emilia. 14

15 Figura 7 Allestimento centrali telefoniche per tecnologia ADSL in provincia di Reggio Emilia Centrali non coperte Centrali ADSL Full Centrali ADSL 2+ Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between, 2013 Nella provincia di Reggio Emilia sono presenti 127 centrali telefoniche (divise tra stadi di linea e UCR Unità di Concentrazione Remota), delle quali circa il 74% risultano di medie/grandi dimensioni, mentre la restante parte, concentratori UCR, ha tipicamente una dimensione inferiore alle 200 linee. Tabella 2 Dati sinottici: tecnologia DSL Centrali telefoniche Prov. RE Numero di centrali telefoniche 127 di cui stadi di linea (SL) 94 di cui concentratori (UCR) 33 Numero di apparati (MD, MPX, etc.) 106 Allestimento centrali telefoniche Numero di centrali con ADSL (% su totale centrali) 59% Numero di centrali con ADSL2+ (% su totale centrali) 42% Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between,

16 Alle 127 centrali telefoniche sono collegati 106 apparati di multiplazione introdotti in diverse zone del territorio per collegare alla rete telefonica nuovi quartieri, nuove aree o nuovi insediamenti che si sono sviluppati nel tempo. Questi apparati (MPX-1, MD48, etc.) determinano, a meno che non siano effettuati interventi strutturali mirati (allestimento di DSLAM zainetto e intervento sul backhauling), l impossibilità di usufruire dei servizi DSL alle utenze telefoniche connesse a valle di questi dispositivi. Quasi il 60% delle centrali telefoniche presenti sul territorio provinciale sono allestite per offrire servizi ADSL (ADLS Full) 1 alla popolazione e alle imprese del territorio, mentre solo il 42% sono dotate di DSLAM di ultima generazione in grado offrire anche servizi fino a 20 Mbps nominali (servizi ADSL2+). Figura 8 Competizione tecnologica centrali telefoniche in provincia di Reggio Emilia Centrali con 1-2 operatori Centrali con 3-4 operatori Centrali con oltre 4 operatori Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between, Coerentemente con quanto definito dal Piano Nazionale Banda Larga, che fissa come obiettivo la fornitura di servizi minimi con disponibilità di banda pari ad almeno 2Mbps, le centrali abilitate ad offrire solo servizi ADSL 640 Kbps sono considerate non coperte. 16

17 Per quanto riguarda la competizione infrastrutturale, solo il 7% delle centrali sono raggiunte da almeno 3 operatori di telecomunicazioni. Oltre il 90% delle centrali, invece, ha attestati 2 o meno operatori. Tabella 3 Dati sinottici: competizione DSL Centrali telefoniche (Competizione) (% su totale centrali) Numero di centrali raggiunte da più di 4 Operatori 3% Numero di centrali raggiunte da 3-4 Operatori 4% Numero di centrali raggiunte da 2 o meno Operatori 93% Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between, Quadro sinottico delle infrastrutture di rete mobile in provincia di Reggio Emilia Le figure e le tabelle sottostanti sintetizzano lo stato dell arte della rete di telecomunicazione mobile (UMTS/HSPA). Figura 9 Mappa dei siti radiomobili - cositing BTS non in Cosite BTS in Cosite Fonte: Elaborazione Osservatorio Ultra Broadband su dati ARPA,

18 Le antenne radiomobili presenti sul territorio della provincia di Reggio Emilia sono più di 300, circa un quinto delle quali sono condivise tra più di un operatore. Il cositing (cioè l utilizzo del medesimo sito da parte di più operatori mobili) minimizza e razionalizza il numero di BTS presenti nel comune e di conseguenza riduce l impatto ambientale sul territorio. Tabella 4 Dati sinottici: BTS e cositing Siti radiomobili Numero di siti radiomobili 309 di cui in co-locazione 16% Fonte: Elaborazione Osservatorio Ultra Broadband su dati ARPA, 2012 Alcuni comuni, infatti, individuano delle aree di proprietà pubblica che vengono destinate all installazione delle antenne radiomobili. Queste aree vengono, quindi, affittate ai diversi operatori mobili che ne fanno richiesta. Tale politica permette di pianificare in modo organico l installazione delle BTS sul territorio e di aver un maggior controllo da parte delle amministrazioni comunali sulle tematiche di inquinamento elettromagnetico e di impatto ambientale. Figura 10 Tecnologia siti radiomobili UMTS/HSDPA Solo GSM Fonte: Elaborazione Osservatorio Ultra Broadband su dati ARPA,

19 Per quanto riguarda le tecnologie disponibili, circa un quarto delle BTS installate nella provincia sono allestite solamente con tecnologia di seconda generazione (GSM) e quindi con prestazioni per le connessioni dati non superiori alle decine/centinaia di Kbit/s; le rimanenti, invece, dispongono di antenne di terza generazione con prestazioni che raggiungono nominalmente i 14,4-28,8 Mbps e in alcune aree metropolitane anche i 43,2 Mbps (banda condivisa tra gli utenti temporaneamente connessi). Tabella 5 Dati sinottici: BTS per tecnologia radio Siti radiomobili - Allestimento UMTS/HSDPA/GSM 249 Solo GSM 60 Fonte: Elaborazione Osservatorio Ultra Broadband su dati ARPA, La disponibilità dei servizi ADSL L analisi delle coperture a banda larga è stata effettuata a partire dai servizi ADSL, che ad oggi sono quelli più diffusi tra la popolazione e le imprese italiane. Sulla base dell algoritmo di calcolo sviluppato da Between nell ambito dell Osservatorio Ultra Broadband, si è individuato come indicatore del digital divide la percentuale di unità locali delle imprese che non risultano coperte da servizi a banda larga ADSL, o per indisponibilità alla centrale del servizio ADSL, o per disponibilità di velocità di accesso inferiori ai 2 Mbps (per la presenza di apparati Light-MiniDSLAM in grado di offrire velocità fino a 640 Kbps), o per problematiche in rete d accesso come la presenza di apparati concentratori/multiplatori (UCR, MUX, etc.), o infine per il degrado del segnale legato all eccessiva distanza tra utente e centrale (linee lunghe). Nella figura seguente sono riportate in azzurro le zone censuarie in cui il servizio ADSL (con velocità nominale almeno pari a 2 Mbps) è disponibile per le sedi di imprese presenti in quella data area di territorio. 19

20 Figura 11 - Copertura ADSL per sezione censuaria in provincia di Parma Zone non coperte Zone coperte Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between, 2013 La tabella seguente riporta la situazione di copertura ADSL per tutti i comuni della provincia. I valori si riferiscono, per ciascun comune, alla disponibilità di servizi ADSL per le unità locali delle imprese. Tabella 6 Copertura ADSL comunale (% Unità locali imprese) Copertura ADSL 2012 (% Unità locali) Albinea 81-90% Bagnolo in Piano % Baiso 71-80% Bibbiano % Boretto % Brescello % Busana 61-70% Cadelbosco di Sopra % Campagnola Emilia 71-80% Campegine % Carpineti 61-70% Casalgrande % 20

21 Casina 81-90% Castellarano 81-90% Castelnovo di Sotto % Castelnovo ne' Monti 81-90% Cavriago % Canossa 61-70% Collagna 51-60% Correggio 81-90% Fabbrico % Gattatico 71-80% Gualtieri % Guastalla % Ligonchio 0-10% Luzzara 71-80% Montecchio Emilia % Novellara % Poviglio % Quattro Castella % Ramiseto 0-10% Reggiolo 81-90% Reggio nell'emilia % Rio Saliceto % Rolo % Rubiera % San Martino in Rio % San Polo d'enza 81-90% Sant'Ilario d'enza 81-90% Scandiano % Toano 51-60% Vetto 71-80% Vezzano sul Crostolo 81-90% Viano 61-70% Villa Minozzo 51-60% Provincia di Reggio Emilia 90% Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between, 2013 Dalla tabella emerge che circa il 47% dei comuni si trovano in una situazione di copertura ADSL pressoché totale (con copertura superiore al 90%), mentre ci sono ancora 2 comuni che non dispongono dei servizi base ADSL (copertura inferiore al 10%). La restante parte dei comuni, invece, sconta una situazione eterogenea con una copertura parziale per i servizi ADSL (tra l 11% e il 90%). 21

22 La disponibilità dei servizi ADSL2+ Le tecnologie ADSL2+ permettono di fruire di servizi con una capacità nominale superiore ai 20 Mbps. Analogamente ai servizi ADSL analizzati nel precedente paragrafo, anche per l ADSL2+ si è individuato come indicatore del digital divide la percentuale di unità locali delle imprese che non risultano coperte da servizi a banda larga ADSL2+ o per indisponibilità del servizio in centrale o per problematiche in rete d accesso (concentratori, linee lunghe, etc.). Nella figura seguente sono evidenziate in viola le zone censuarie in cui il servizio ADSL2+ è disponibile per le sedi di imprese presenti in quella data area di territorio. Figura 12 - Copertura ADSL2+ per sezione censuaria in provincia di Reggio Emilia Zone non coperte Zone coperte Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between, 2013 A dicembre 2012 la copertura ADSL2+ della provincia di Reggio Emilia risultava essere pari al 68% delle unità locali delle imprese, al di sopra del dato medio nazionale. La tabella seguente riporta la situazione di copertura ADSL2+ per tutti i comuni della provincia. I valori indicano la disponibilità dei servizi ADSL2+ per le unità locali delle imprese per ciascun comune. 22

23 Tabella 7 Copertura ADSL2+ comunale (% Unità locali imprese) Copertura ADSL (% Unità locali) Albinea 81-90% Bagnolo in Piano 81-90% Baiso 71-80% Bibbiano 0-10% Boretto % Brescello 0-10% Busana 11-20% Cadelbosco di Sopra 21-30% Campagnola Emilia 0-10% Campegine 0-10% Carpineti 0-10% Casalgrande 61-70% Casina 0-10% Castellarano 81-90% Castelnovo di Sotto % Castelnovo ne' Monti 0-10% Cavriago 81-90% Canossa 51-60% Collagna 31-40% Correggio 81-90% Fabbrico 11-20% Gattatico 31-40% Gualtieri 0-10% Guastalla 81-90% Ligonchio 0-10% Luzzara 11-20% Montecchio Emilia % Novellara 11-20% Poviglio % Quattro Castella 61-70% Ramiseto 0-10% Reggiolo 31-40% Reggio nell'emilia 81-90% Rio Saliceto % Rolo 0-10% Rubiera % San Martino in Rio % San Polo d'enza 11-20% Sant'Ilario d'enza 71-80% 23

24 Scandiano 81-90% Toano 51-60% Vetto 21-30% Vezzano sul Crostolo 61-70% Viano 61-70% Villa Minozzo 51-60% Provincia di Reggio Emilia 68% Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between, 2013 Nella provincia di Reggio Emilia ci sono solo 7 comuni che hanno una copertura ADSL2+ superiore al 90%, mentre ancora oltre il 24% dei comuni non dispongono dei servizi a 20 Mbps. Un rimanente 58% di comuni, invece, presenta una situazione di copertura parziale La disponibilità dei servizi wireless e mobili Per approfondire l analisi occorre tenere conto delle diverse tecnologie radio e della loro diffusione che in particolare per le reti wireless e mobili ha subito negli ultimi anni una rapida evoluzione sul territorio. In dettaglio, in provincia di Reggio Emilia la copertura dei servizi UMTS/HSPA delle unità locali delle imprese interessa circa il 95% dei comuni, in misura variabile da comune a comune, con prestazioni nominali che grazie alle più recenti evoluzioni delle tecnologie HSPA arrivano fino a 14,4-28,8-43,2 Mbps 2, mentre i servizi HiperLAN/Wi-Fi/WiMAX sono disponibili, anche solo parzialmente, in tutti i comuni della provincia. 2 La tecnologia HSPA viene comunemente annoverata fra le tecnologie a banda larga (anzichè a banda ultra larga), pur essendo recentemente evoluta e avendo raggiunto in alcuni casi un valore nominale di velocità in download pari a 43,2 Mbps. 24

25 Figura 13 Copertura UMTS/HSPA e HiperLAN/Wi-Fi/WiMAX in provincia di Reggio Emilia Copertura UMTS/HSPA Copertura HiperLAN/Wi-Fi/WiMAX Zone non coperte Zone coperte Zone non coperte Zone coperte Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between, La copertura broadband totale Al fine di determinare l effettiva disponibilità dei servizi a banda larga per le imprese è opportuno determinare la copertura broadband totale, calcolata sommando alle unità locali che possono usufruire del servizio tramite rete fissa (servizi Wired ADSL, ADSL2+), quelle che possono usufruire solamente di collegamenti wireless (UMTS/HSPA o HiperLAN/Wi-Fi/WiMAX). L insieme di questi due dati di copertura fornisce un valore univoco di digital divide infrastrutturale complessivo. Nella figura seguente è indicata la miglior tecnologia broadband disponibile per ciascuna zona censuaria dei comuni della provincia. 25

26 Figura 14 Copertura broadband (wired/wireless/mobile) per sezione censuaria in provincia di Reggio Emilia Solo Wireless* ADSL ADSL2+ (*) Copertura comunale dichiarata dagli operatori sui propri siti web Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between, 2013 La tabella successiva riporta puntualmente la situazione di copertura broadband totale nei comuni della provincia di Reggio Emilia, indicando la disponibilità del servizio per le unità locali delle imprese. Tabella 8 Copertura broadband (wired/wireless/mobile) comunale (% Unità locali imprese) Copertura Broadband (wired/wireless/mobile) 2012 (% Unità locali) Albinea % Bagnolo in Piano % Baiso 81-90% Bibbiano % Boretto % Brescello % Busana 81-90% Cadelbosco di Sopra % Campagnola Emilia % 26

27 Campegine % Carpineti 71-80% Casalgrande % Casina % Castellarano % Castelnovo di Sotto % Castelnovo ne' Monti % Cavriago % Canossa 81-90% Collagna 61-70% Correggio % Fabbrico % Gattatico 81-90% Gualtieri % Guastalla % Ligonchio 61-70% Luzzara % Montecchio Emilia % Novellara % Poviglio % Quattro Castella % Ramiseto 11-20% Reggiolo % Reggio nell'emilia % Rio Saliceto % Rolo % Rubiera % San Martino in Rio % San Polo d'enza % Sant'Ilario d'enza % Scandiano % Toano 71-80% Vetto 81-90% Vezzano sul Crostolo % Viano 81-90% Villa Minozzo 71-80% Provincia di Reggio Emilia 95% Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between, 2013 L incremento che le coperture wireless/mobili forniscono a quelle wired è stimato intorno al 5%, con la copertura delle unità locali delle imprese che si attesta intorno al 95% per la provincia di Reggio Emilia. L incidenza di queste tecnologie è però molto variabile tra i 27

28 diversi comuni della provincia. In alcuni casi l assenza o la limitata copertura di rete fissa è compensata da una buona copertura wireless/mobile che innalza il livello generale di copertura del comune: alcuni comuni incrementano la propria copertura anche di oltre 50 punti percentuali grazie al contributo delle coperture UMTS/HSPA e di quelle HiperLAN/Wi-Fi/WiMAX Le prestazioni effettive Oltre all analisi dei livelli di copertura broadband secondo le diverse tecnologie disponibili, occorre valutare le effettive prestazioni erogabili nelle singole sezioni censuarie: a causa ad esempio dell elevata distanza dell utente dalla centrale telefonica (linee lunghe), il segnale può degradarsi di molto per cui le prestazioni reali che sperimentano gli utenti possono essere anche molto inferiori alle coperture nominali dichiarate dagli operatori; per le coperture radio il calo delle prestazioni è dovuto alla distanza dell utente dall antenna radiobase e dalla presenza di ostacoli lungo il percorso delle onde elettromagnetiche 3. Nella figura seguente sono state analizzate le prestazioni effettive per i comuni della provincia di Reggio Emilia. Nello specifico sono riportate le prestazioni effettive per ogni zona censuaria, e per ogni livello prestazionale indicato (fino a 1 Mbps, fino a 2 Mbps, fino a 7 Mbps, fino a 20 Mbps), la percentuale di unità locali delle imprese che possono utilizzare i servizi broadband con quelle prestazioni. 3 Per le tecnologie ultra broadband, basate sulla fibra ottica, invece, le prestazioni reali non si discostano significativamente da quelle nominali. 28

29 Figura 15 Prestazioni effettive per sezione censuaria in provincia di Reggio Emilia Fino a 1Mbps Mbps <1 Fino a 2Mbps Fino a 7Mbps >20 Fino a 20Mbps Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between, % 20% 40% 60% 80% 100% L andamento delle prestazioni effettive segue quello delle coperture fino ai 2 Mbps: al crescere delle velocità, però, emerge il decadimento delle prestazioni effettivamente disponibili con circa il 45% delle unità locali delle imprese che possono avere a disposizione prestazioni effettive fino a 7 Mbps. La velocità effettiva di 20 Mbps, invece, è disponibile a circa il 15% delle unità locali I servizi broadband nei distretti industriali e nelle aree di specializzazione produttiva L analisi infrastrutturale non può prescindere da un approfondimento sulle aree di specializzazione produttiva presenti nella provincia. Tali aree, e più in generale i distretti industriali, rappresentano dei luoghi di aggregazione industriale di notevole importanza per il nostro Paese, anche se in continuo mutamento, sia per il quadro macro-economico, sia per le inevitabili trasformazioni che negli ultimi 20 anni hanno coinvolto l imprenditoria nazionale e quindi a maggior ragione le aree produttive. Come emerge dalla figura seguente nella provincia di Reggio nell Emilia sono presenti 3 distretti/specializzazioni produttive: Area produttiva della meccanica (apparecchi domestici e macchine agricole) di Gualtieri (Comuni di Gualtieri, Guastalla, Fabbrico, Novellara, Luzzara); 29

30 Area produttiva dell abbigliamento di Reggio Emilia (Comuni di Reggio Emilia, Scandiano, Cavriago, Bibbiano, Poviglio, Gattatico, Bagnolo in Piano, Cadelbosco di Sopra); Area produttiva della meccanica di Rubiera (Comuni di Rubiera, Reggio Emilia, Cavriago, Quattro Castella, Bibbiano, Montecchio Emilia, Albinea, Vezzano sul Crostolo, Poviglio, Castelnovo di Sotto, Cadelbosco di Sopra, Bagnolo in Piano). Figura 16 Distretti industriali/specializzazioni produttive Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between, 2013 La situazione delle coperture dei tre distretti è al di sopra della media provinciale per quanto riguarda la copertura ADSL e broadband totale (wired/wireless/mobile). Quanto alla copertura ADSL2+, mentre i distretti dell Abbigliamento di Reggio Emilia e della Meccanica di Rubiera hanno una copertura di più di 10 punti percentuali superiore alla media provinciale, il distretto della Meccanica di Gualtieri presenta una situazione particolarmente critica, con una copertura ADSL2+ molto al di sotto della media provinciale, inferiore al 40% delle unità locali delle imprese. 30

31 Tabella 9 Copertura Distretti Industriali/specializzazioni produttive (% Unità locali imprese) Distretti Industriali/ specializzazioni produttive (% Unità locali) ADSL ADSL2+ Broadband (wired/wireless/ mobile) 1 Meccanica di Gualtieri 92% 38% 96% 2 Abbigliamento di Reggio Emilia 93% 80% 97% 3 Meccanica di Rubiera 93% 82% 97% Media copertura provincia 90% 68% 95% Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between, 2013 Concentrandosi sulle tecnologie di rete fissa, maggiormente significative per la tipologia di utenza considerata, nella figura seguente sono riportate le prestazioni effettive erogabili nei comuni dei tre distretti industriali, per ogni zona censuaria, con la percentuale di unità locali delle imprese che possono utilizzare i servizi DSL secondo i diversi livelli prestazionali indicati (fino a 2 Mbps, fino a 7 Mbps, fino a 20 Mbps). Figura 17 Distretto Industriale della meccanica di Gualtieri: prestazioni effettive Mbps <1 Fino a 2Mbps Fino a 7Mbps >20 Fino a 20Mbps Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between, % 20% 40% 60% 80% 100% Per il Distretto Industriale della meccanica di Gualtieri, poco più del 15% delle unità locali delle imprese può effettivamente usufruire di connessioni con velocità almeno pari a 20 Mbps. Tali valori aumentano fino a circa il 45% se si fa riferimento, invece, a prestazioni effettive fino ad almeno 7 Mbps. 31

32 Figura 18 Distretto Industriale dell abbigliamento di Reggio Emilia: prestazioni effettive Mbps <1 Fino a 2Mbps Fino a 7Mbps >20 Fino a 20Mbps Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between, % 20% 40% 60% 80% 100% Figura 19 Distretto Industriale della meccanica di Rubiera: prestazioni effettive Mbps <1 Fino a 2Mbps Fino a 7Mbps >20 Fino a 20Mbps Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between, % 20% 40% 60% 80% 100% Situazione leggermente migliore per i distretti dell abbigliamento di Reggio Emilia e della meccanica di Rubiera, con poco meno del 20% delle unità locali delle imprese che possono effettivamente usufruire di connessioni con velocità fino a 20 Mbps, e quasi il 50% che hanno a disposizione prestazioni effettive fino ad almeno 7 Mbps. 32

33 1.5. I servizi broadband nelle aree industriali Nell ottica di analizzare in profondità il tessuto produttivo del territorio, è stata effettuata un analisi micro-territoriale per evidenziare la situazione delle principali aree e zone industriali della provincia Le aree industriali del capoluogo di provincia Nell area del capoluogo di Reggio Emilia sono state individuate 31 aree industriali. Le aree industriali più grandi sono quelle di Pieve Modolena, Betonica e Rubiera e limitrofe. La figura seguente mostra l insieme delle zone individuate nell area di Reggio Emilia (poligoni verdi). Figura 20 Principali aree industriali di Reggio Emilia Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between, 2013 La tabella seguente riporta l elenco delle principali aree industriali individuate nell area di Reggio Emilia e nelle immediate vicinanze, indicandone dimensione, tecnologia di rete fissa prevalente e fascia di prestazione effettiva. 33

34 ID Tabella 10 Principali aree industriali di Reggio Emilia Area industriale Dimensione Area* Tecnologia Fascia prestazione effettiva 1 ZI Mancasale Grande ADSL2+ <3 Mbps 2 ZI di Sesso Media ADSL2+ >7 Mbps 3 ZI Pieve Modolena Grande ADSL2+ >7 Mbps 4 ZA le Betonica Grande ADSL2+ >7 Mbps 5 ZA Rivalta Media ADSL2+ <3 Mbps 6 ZI Buco del Signore Media ADSL2+ <3 Mbps 7 ZI Via Marino Mazzacurati Media ADSL2+ >7 Mbps 8 ZI San Maurizio Media ADSL2+ >7 Mbps 9 ZI Via Eduardo Jenner Media ADSL2+ <3 Mbps 10 ZI Gravassa Piccola ADSL2+ <3 Mbps 11 ZI Prato Piccola ADSL2+ >7 Mbps 12 ZI Bagnolo in Piano Media ADSL2+ >7 Mbps 13 ZI Caldebosco di Sopra Media ADSL Full/ADSL Mbps 14 ZI Caprara Piccola ADSL Full 3-7 Mbps 15 ZI Cadè Piccola ADSL Full/ADSL2+ <3 Mbps 16 ZI Calerno Piccola ADSL Full 3-7 Mbps 17 ZI Corte Tegge Grande ADSL Full/ADSL2+ <3 Mbps 18 ZI Quaresimo Media ADSL2+ >7 Mbps 19 ZI Via della Chiesa Media ADSL2+ >7 Mbps 20 ZI Ghiardo Media ADSL Full <3 Mbps 21 ZA Orologia Media ADSL2+ >7 Mbps 22 ZI Puianello Forche Piccola ADSL2+ <3 Mbps 23 ZI Via Roncosano Piccola ADSL Mbps 24 ZI Gavassetto Piccola ADSL Mbps 25 ZA Bosco Pratissolo Media ADSL2+ <3 Mbps 26 ZI Arceto Piccola ADSL2+ >7 Mbps 27 ZI Via Pietro Nenni Media ADSL Full/ADSL Mbps 28 ZI Rubiera e limitrofe Grande ADSL2+ >7 Mbps 29 ZA Rubiera Media ADSL2+ >7 Mbps 30 ZI Villa Argine Piccola ADSL Full/ADSL2+ <3 Mbps 31 ZI Bellerosa Media ADSL Full/ADSL2+ <3 Mbps *Dimensione aree industriali: Piccola (<100 imprese), Media ( imprese), Grande (>300 imprese) Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between,

35 Tenendo conto delle tecnologie di rete fissa, la situazione infrastrutturale appare critica in particolare per le seguenti aree industriali del capoluogo, in cui risultano disponibili prestazioni effettive inferiori ai 3 Mbps pur essendo nominalmente coperte anche con tecnologie ADSL2+: ZI Mancasale; ZA Rivalta; ZI Buco del Signore; ZI Via Eduardo Jenner; ZI Gravassa; ZI Cadè; ZI Corte Tegge; ZI Ghiardo; ZI Puianello Forche; ZA Bosco Pratissolo; ZI Villa Argine; ZI Bellerosa Le aree industriali nelle zone dei comuni terremotati A seguito degli eventi sismici del maggio 2012 che hanno interessato alcune province dell Emilia Romagna, parte delle reti di telecomunicazioni presenti sul territorio è stata danneggiata al pari delle infrastrutture civili e degli edifici. Emerge quindi l esigenza, da parte delle Camere di Commercio i cui territori sono stati interessati dal sisma, di intervenire affinché nel processo di ricostruzione siano considerate anche le opere per il ripristino delle infrastrutture di telecomunicazione e/o per procedere con il loro potenziamento ed estensione (banda ultra larga). Il processo di ricostruzione può infatti essere un importante occasione per far sì che il sistema economico locale effettui quel salto di qualità che solo un adeguata disponibilità di servizi a banda larga può garantire, associando alla ricostruzione di edifici, capannoni e vie di comunicazione la realizzazione delle infrastrutture di telecomunicazione più avanzate. È opportuno ricordare infatti che la realizzazione delle infrastrutture di telecomunicazione, come cavidotti per infrastrutture in fibra ottica, se effettuata in occasione delle opere civili (rifacimento strade, fognature, impianti di illuminazione 35

36 pubblica, etc.), ha un impatto marginale sui costi totali di realizzazione dell opera, ma di fondamentale importanza ai fini dello sviluppo economico del territorio. A tal fine, nella presente sezione si approfondisce la situazione delle infrastrutture nelle aree produttive/industriali dei comuni colpiti dal sisma relativi al territorio di riferimento della Camera di Commercio di Reggio Emilia, nello specifico Campagnola Emilia, Correggio, Fabbrico, Novellara, Reggiolo, Rio Saliceto e Rolo. Nell area relativa a questi comuni sono state individuate 11 aree industriali principali, riportate nella figura e nella tabella seguenti, in cui è riportata dimensione, tecnologia di rete fissa prevalente e fascia di prestazione effettiva. Figura 21 Principali aree industriali nei comuni terremotati Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between,

37 Tabella 11 Principali aree industriali nei comuni terremotati ID Area industriale Comune Dimensione Area* Tecnologia Fascia prestazione effettiva 1 ZI Campagnola Emilia Campagnola Emilia Piccola ADSL Full 3-7 Mbps 2 ZI Santa Giulia-Ponte Campagnola Vettigano Emilia Media ADSL Full <3 Mbps 3 ZI Correggio Sud Correggio Media ADSL Mbps 4 ZI Villaggio Industriale Correggio Media ADSL2+ <3 Mbps 5 ZI Fabbrico Rolo Fabbrico Piccola ADSL Full <3 Mbps 6 ZI Novellara Nord Novellara Media ADSL Full 3-7 Mbps 7 ZI Motta Novellara Piccola ADSL Full <3 Mbps 8 ZI Gorna Reggiolo Piccola ADSL2+ > 7 Mbps 9 ZI Ranaro Reggiolo Piccola ADSL Full <3 Mbps 10 ZI Rame Reggiolo Piccola ADSL Full <3 Mbps 11 ZA Rio Saliceto Rio Saliceto Media ADSL2+ > 7 Mbps *Dimensione aree industriali: Piccola (<100 imprese), Media ( imprese), Grande (>300 imprese) Fonte: Osservatorio Ultra Broadband - Between, 2013 Tenendo conto delle tecnologie di rete fissa, la situazione infrastrutturale appare critica in particolare per le seguenti aree industriali, in cui risultano disponibili prestazioni effettive inferiori ai 3 Mbps pur essendo nominalmente coperta con tecnologie ADSL o ADSL2+: ZI Santa Giulia-Ponte Vettigano nel comune di Campagnola Emilia; ZI Villaggio Industriale nel comune di Correggio; ZI Fabbrico Rolo nel comune di Fabbrico; ZI Motta nel comune di Novellara; ZI Ranaro e ZI Rame nel comune di Reggiolo. 37

38 2. LE POLITICHE LOCALI PER LO SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE DI RETE Le azioni in materia di società dell informazione in Emilia-Romagna prendono avvio dalla Legge 11/2004, emanata dalla Regione per promuovere le potenzialità delle nuove tecnologie e fissare il sistema di regole per lo sviluppo delle strutture tecnologiche, definendo le modalità di collaborazione fra tutte le Pubbliche Amministrazioni, gli Enti e le organizzazioni di diritto pubblico regionali e locali. La legge definisce ruoli formali e strumenti istituzionali di programmazione, in particolare formalizzando la predisposizione di linee guida in materia di ICT che dovranno essere attuate attraverso programmi annuali, definendo ogni tre anni la programmazione del Piano Telematico dell Emilia-Romagna. Il primo Piano Telematico regionale, che aveva lo scopo di favorire l adozione e uso delle tecnologie dell informazione e comunicazione nelle PA e nei territori della Regione, faceva riferimento al periodo di programmazione La formula utilizzata per realizzare tali obiettivi era quella del finanziamento diretto di progetti presentati dalle Amministrazioni del territorio (Comuni e Province), attraverso cui sono state attivate 138 iniziative. Successivamente è stato definito il Piano Telematico regionale per il triennio che ha sviluppato i progetti legati all azione ed ai finanziamenti nazionali del primo Piano di egovernment. Contemporaneamente questa programmazione dà l avvio ai lavori di progettazione e costruzione della rete Lepida (rete privata a banda larga per la PA regionale) e della rete per le emergenze R3. Il Piano Telematico dell Emilia-Romagna ha messo in campo anche iniziative volte a migliorare la governance di queste politiche e degli strumenti operativi: nascono la Community Network dell Emilia-Romagna e Lepida SpA, società strumentale della Regione che gestisce la rete Lepida ed i servizi infrastrutturali che su di essa sono realizzati. 38

39 Figura 22 Programmazione e interventi normativi in Emilia-Romagna Community Network ER Rete Lepida Lepida S.p.A. LINEE GUIDA Piano Telematico Regionale Piano Telematico Regionale L.R. 11/2004 LINEE GUIDA PO07 PO08 PO09 Fonte: Regione Emilia-Romagna, 2013 Programma Operativo 2012 Programma Operativo Il PITER Il Piano Telematico dell Emilia Romagna (PiTER) è lo strumento di programmazione della Regione e degli Enti locali in corso per favorire lo sviluppo territoriale della società dell'informazione. Il PiTER segue i suoi predecessori nella struttura e nella gestione ma, per rispecchiare i tempi attuali, tra gli obiettivi principali che si pone vi è l esigenza di promuovere e incentivare le partnership pubblicoprivate per il reperimento delle risorse necessarie alla realizzazione dei progetti. Il Piano si configura inoltre come: Un Piano orientato ad un nuovo paradigma di Innovazione, più aperto al confronto e al dialogo con i diversi stakeholders e con un sistema di governance distribuita; Un Piano più concreto, sostenibile e centrato sull utente. Le ultime Linee Guida, approvate dall'assemblea legislativa dell'emilia-romagna nel luglio 2011, fanno riferimento al triennio e sono state declinate in quattro diritti di cittadinanza digitale e una iniziativa trasversale abilitante: 1. Linea Guida 1 - Diritto di accesso alle reti tecnologiche, inteso come lotta al digital divide nelle PA, nelle imprese e nelle scuole e per i cittadini in generale anche attraverso la realizzazione di reti di nuova generazione; 39

40 2. Linea Guida 2 - Diritto di accesso all informazione e alla conoscenza, inteso come contrasto al knowledge divide attraverso la promozione di misure per facilitare l'adozione delle tecnologie digitali da parte di coloro che hanno un livello di alfabetizzazione basso; 3. Linea Guida 3 - Diritto di accesso ai servizi alla persona e alle imprese, inteso come fornitura di servizi on line per il cittadino e le imprese attraverso i quali sia possibile usufruire di servizi che rispondono a bisogni di tipo sanitario, sociale e socio sanitario, come pure servizi pubblici legati all interazione con le Amministrazioni locali; 4. Linea guida 4 - Diritto di accesso ai dati, inteso come affermazione del principio della trasparenza e degli open-data e attivazione di iniziative in ambito open data da parte della Regione e degli enti locali regionali; 5. Linea Guida 5 - Intelligenza diffusa nel territorio urbano come modello di riferimento basato sull integrazione tra infrastrutture e servizi per migliorare la qualità della vita. La tabella seguente riporta, per ognuna delle 5 linee guida definite dal Piano Telematico dell Emilia-Romagna, l insieme dei progetti previsti nel Programma Operativo Per la natura evolutiva di questa programmazione, ogni Programma Operativo potrà aggiornarsi con nuovi servizi, in risposta a fabbisogni collettivi della Community Network Emilia- Romagna e a ulteriori risorse che si rendano disponibili. Tabella 12 Progetti PITER/Programma Operativo 2012 Linea Guida 1 - Diritto di accesso alle reti tecnologiche Net4All Contrasto al Digital Divide per cittadini e imprese, con estensione della banda larga in alcuni distretti industriali con accordi di partnership pubblico-privati UltraNet Diffusione nel territorio regionale delle reti di comunicazione a banda ultralarga SchoolNet Connessione a banda larga nelle scuole del territorio regionale Wi-Fed Diffusione dei sistemi Wi-Fi per permettere la connettività gratuita ai cittadini Linea Guida 2 - Diritto di accesso all informazione e alla conoscenza Agende Digitali Regionali Supporto e guida per gli enti locali del territorio regionale all adozione delle Agende Digitali Locali CloudNet Progettazione e fornitura agli Enti locali di servizi di cloud computing AIA-IPPC Gestione online dei rapporti tra imprese e amministrazioni, relativi al rilascio delle Autorizzazioni Integrate Ambientali (AIA) OpenSourcER Creazione di un raggruppamento di organizzazioni per iniziative di divulgazione di software e soluzioni open source rivolte agli Enti locali Evoluzione web 2.0 Dotazione di nuove funzionalità web 2.0 per l Osservatorio della Osservatorio Partecipazione Partecipazione Pane e Internet Sensibilizzazione degli Enti locali per contrastare il Knowledge divide 40

41 Costituzione di un network di collaborazione tra scuole, istituzioni, associazioni e famiglie a sostegno delle scuole di montagna TeatroNet Connessione in banda larga dei teatri municipali dell Emilia-Romagna Linea Guida 3 - Diritto di accesso ai servizi alla persona e alle imprese Amministrazione Digitale Dematerializzazione dei documenti e degli atti amministrativi Anagrafe immobiliare e Realizzazione di strumenti e soluzioni per permettere ai Comuni di gestire la tributaria integrate e fruibili fiscalità immobiliare nella PA Diffusione servizi online demografici e tributari Fascicolo Sanitario Elettronico Fascicolo unico del cittadino Fatturazione elettronica Diffusione di soluzioni per la fornitura di servizi on line tributari e demografici ai cittadini e alle imprese Fruizione in rete dei dati clinici e amministrativi dei pazienti in cura presso le strutture sanitarie emiliano-romagnole Semplificazione delle modalità di accesso ai servizi forniti dal Comune di Bologna e dal sistema sanitario locale Gestione digitale e online dell intero processo di fatturazione in tutti gli enti dell Emilia-Romagna Semplificazione dei processi necessari per ottenere le autorizzazioni edilizie Registrazione delle presenze autorizzate nei cantieri S.I.ED.ER REPAC Circolarità regionale degli utenti delle biblioteche Creazione di un account federato ai servizi online di differenti biblioteche Informa la città Creazione di un canale che permetta di inviare informazioni personalizzate ai cittadini del Comune di Ferrara Linea Guida 4 - Diritto di accesso ai dati Aggiornamento cooperativo Diffusione di una infrastruttura software per l aggiornamento e del Database Topografico l uniformazione dei dati geografici Geoportale Divulgazione e fruizione di dati di tipo geografico per cittadini, imprese e PA Dati.Emilia-Romagna Diffusione dei dati pubblici prodotti dalla Regione e dagli Enti locali Consultazione dei dati anagrafici Diffusione dei dati anagrafici tra gli Enti locali dell Emilia-Romagna Linea Guida 5 - Intelligenza diffusa nel territorio urbano GiM-ER Gestione informata della mobilità dell'emilia-romagna Mi Muovo Sistema di bigliettazione integrata della mobilità in Emilia-Romagna GreenNet Realizzazione di reti per il risparmio energetico Sistema di monitoraggio Utilizzo di sistemi integrati di monitoraggio video per tenere sotto controllo i video punti del territorio a rischio idraulico e idrogeologico VideoNet Network di videosorveglianza e telecontrollo territoriale SensorERNet Monitoraggio dei dati ambientali SONO IO Creazione di un'identità digitali per i cittadini emiliani TappER Top apps per l'emilia-romagna per erogare servizi e soluzioni delle PA Fonte: Piano Telematico dell Emilia-Romagna

42 2.2. Gli stakeholder locali e le infrastrutture di rete Lepida SpA Lepida SpA è la società regionale dell Emilia-Romagna che si occupa di pianificazione, sviluppo e gestione delle infrastrutture di telecomunicazione degli Enti collegati alla rete regionale. Per realizzare ed ottimizzare il sistema infrastrutturale, Lepida Spa agisce nell ambito della Community Network dell Emilia-Romagna, attraverso lo sviluppo di reti e servizi, in coerenza con le Linee Guida del Piano Telematico dell Emilia Romagna. Ad oggi Lepida SpA conta 412 Soci tra cui tutti i 348 Comuni della Regione e tutte le 9 Province. Istituita dalla legge regionale 11/2004, la rete Lepida è la rete delle Pubbliche Amministrazioni dell Emilia-Romagna principalmente costituita da collegamenti in fibra ottica ed estesa nel territorio appenninico attraverso dorsali radio in tecnologia HiperLAN. Lepida SpA, su mandato degli Enti Soci, favorisce e promuove interventi per la riduzione del digital divide lavorando, in logica di coordinamento e sussidiarietà al mercato, per mettere a disposizione la banda larga laddove questa non sia presente, cercando di realizzare il maggior numero possibile di accordi e protocolli di intesa con gli operatori che agiscono sul territorio, anche mettendo a disposizione infrastrutture tecnologiche per facilitare l insediamento degli operatori stessi. Lepida SpA ha inoltre il compito di mantenere una fotografia costantemente aggiornata della situazione del digital divide regionale, mediante un continuo confronto con gli Enti del territorio. Inoltre essendo stata creata con lo scopo di gestire le suddette infrastrutture telematiche e di sovraintendere al dispiegamento dei servizi, si coordina con tutti i soggetti interessati presenti sul territorio, attraverso il Club degli Stakeholder. Si tratta di una iniziativa grazie alla quale le imprese e il mondo della ricerca che operano nell ICT sul territorio sono coinvolte per poter sperimentare, sulle infrastrutture Lepida, soluzioni avanzate ed innovative, valutandone prestazioni e benefici. I membri che fanno parte del Club degli Stakeholder sono riportati nella tabella seguente. 42

43 Tabella 13 Club degli Stakeholder di Lepida SpA Membri Club degli Stakeholder 1. 3D Informatica 33. Eurocom Telecomunicazioni 65. Radio SNJ 2. Acantho 34. Eutelsat 66. Rai Way 3. Adrien srl 35. Fastmedia 67.RedTurtle Tecnology Srl 4. ADS 36. FASTWEB Spa 68. Reverberi Enetec Srl 5.Aethra Telecomunications 37. GFM.Net Srl 69. Selex Communications 6. Aicod srl 38. GMPR (Area Web) 70. SELTATEL Spa 7. Aizoon Consulting 39. Harimann 71. Sinegy Spa 8. Alcatel-Lucent 40. HP 72. Sirti Spa 9. Alpitel 41. IBM Italia Spa 73. SITE Spa 10. Altavia srl 42. Icarus net srl 74. Skylogic 11. Antares Elettronica Srl 43. ICONSULTING srl 75. Solgenia Apa 12. ALTCONSULTING srl 44. IDOQ MANAGEMENT 76. Strhold Spa 13.Automated Data System Spa 45. Ifm Infomaster 77. Studo Cenni 14. Avaya 46. Imavis Srl 78. Tecnograph Srl 15. Bridge 129 spa 47. Italdata SpA 79. Tekmedia srl 16. BT Enia telecomunicazioni Spa 48. Italtel 80. Teko Telecom 17. Business Solutions 49. Laboratori Guglielmo Marconi 81. Telecom Italia Spa 18. Business-e 50. Lantech 82. Telemedicina Rizzoli 19. BV TECH Spa 51. Lizard Srl 83. TI Telecomunicazioni & Informatica 20. Calzavara Spa 52. Maggioli 84. Umpi Elettronica srl 21. Cadacri Spa 53. Make it 85. Unindustria Bologna 22. Cediss Srl 54. Mavigex srl 86. Università degli studi di Bologna 23. CINECA 55. MEEO srl 87. Università degli studi di Ferrara 24. Cisco 56. Microsoft 88. Università degli studi di Parma 25. CommScope Italy srl 57. Mlda Solutions Srl 89. Università Modena e Reggio-Emilia 26. Confindustria Emilia-Romagna 58. Modena Network 90. VEM 27. Data Management 59. NETRIBE srl 91. VITROCISET 28. Data Storage Securitysrl 60. NOKIA SIEMENS NETWORK 92. WEGO 29. Dedanexr srl 61. NSI-NIER Soluzioni Informatiche Srl 93. Wind 30. Energee3 62. ORACLE 94. Xech Srl 31. Engineering Sanità Enti Locali 63. O.T.R. srl 95. Yacme srl 32 Ericcson Telecomunicazioni SpA 64. Poste Italiane Spa Fonte: Lepida SpA, 2013 Negli anni Lepida SpA ha realizzato un importante opera di infrastrutturazione del territorio, attraverso la realizzazione di km di dorsali geografiche in fibra ottica e la connessione a queste di almeno un punto di presenza in ogni territorio comunale. Le dorsali geografiche che costituiscono la rete Lepida e le tratte che da queste collegano i Comuni, sono di proprietà della Regione e delle altre Pubbliche Amministrazioni. 43

44 Successivamente, a partire dalla fine del 2005, si è avviata la seconda fase di realizzazione della rete Lepida che prevedeva il rinfittimento della rete geografica in territorio urbano, attraverso reti MAN che collegano le diverse sedi della Pubblica Amministrazione presenti in ciascuna area cittadina, per un totale di oltre punti di accesso collegati in fibra ottica. In questa fase ciascun Ente ha finanziato direttamente la realizzazione della sottorete necessaria per il collegamento cittadino delle proprie sedi. Per evitare sovrapposizioni e ridurre i costi di realizzazione, tutti gli Enti hanno stipulato un accordo istituzionale che approva il progetto di massima, indicando le sedi da collegare e il modello di rete. Infine le aziende multiservizi hanno posato fibra ottica negli stessi cavidotti utilizzati da Lepida, realizzando una rete complementare che resta di loro proprietà e che sarà utilizzata per fornire servizi ai cittadini e alle imprese. Nella figura seguente si riporta l estensione della rete geografica Lepida nella provincia di Reggio Emilia. Figura 23 - La Rete geografica di Reggio Emilia Fonte: Lepida SpA, 2013 Fibra ottica Inoltre, l iniziativa Lepida Wireless ha esteso la rete in fibra ottica realizzando delle dorsali con tecnologie radio per il collegamento delle sedi della Pubblica Amministrazione. Tali servizi, nati per la PA, intendono essere resi disponibili anche a cittadini e imprese mediante gli operatori di telecomunicazioni. Parallelamente a Lepida Wireless per le 44

45 Pubbliche Amministrazioni, è stata infatti realizzata un'infrastruttura di rete finanziata e gestita da operatori di telecomunicazioni privati che poi vendono il servizio di accesso ad Internet in modalità wireless ai cittadini ed alle imprese. I progetti hanno interessato principalmente il territorio appenninico e alcune zone della bassa pianura dove è più sentito il problema del digital divide BT Enìa BT Enìa offre servizi ICT alle imprese nelle città di Parma, Piacenza e Reggio Emilia, dove ha realizzato in totale circa Km di infrastrutture di rete in fibra ottica. La società, nata nel 1999 con il nome di Albacom.AMPS come joint-venture tra AMPS, la società municipalizzata per i servizi pubblici a Parma (oggi Iren) e Albacom, ha operato fino al 2008 sulla sola provincia di Parma. Dal dicembre dello stesso anno, come conseguenza della fusione di AMPS con le Aziende di Servizi Pubblici Locali di Piacenza (Tesa) e Reggio Emilia (AGAC), e delle relative Aziende TLC (Mipiace.com e AGACTEL), l azienda ha esteso il suo ambito territoriale di azione anche alle province di Piacenza e Reggio Emilia, cambiando il proprio nome in BT Enìa. A partire dall agosto 2011 Iren ha ceduto la sua partecipazione in BT Enìa a BT Italia, che ne ha assunto quindi il controllo esclusivo. L'infrastruttura in fibra ottica di BT Enìa si estende in oltre 90 territori comunali, con un estensione che per la sola provincia di Reggio Emilia è pari a circa 450 km di cavi in fibra ottica. 45

46 Figura 24 Rete in fibra ottica BT Enìa Fonte: BT Enìa, 2012 Inoltre, per la provincia di Reggio Emilia, sono stati realizzati interventi di copertura wireless nell Appennino Reggiano attraverso un progetto co-finanziato dalla Regione, dalla Provincia, dalla Comunità Montana e da BT Enìa, per l estensione di Lepida Wireless alle sedi della PA e per la copertura di diverse frazioni comunali in digital divide, in collaborazione con operatori di telecomunicazioni privati che operano a livello locale fornendo il servizio di accesso ai cittadini e ad imprese. 46

Scheda descrittiva del progetto

Scheda descrittiva del progetto Scheda descrittiva del progetto 1. Anagrafica di progetto Titolo Banda ultralarga Acronimo (se esiste) UltraNet Data Inizio Data Fine 01/09/2011 31/12/2014 Budget totale (migliaia di euro) 60,50k Responsabile

Dettagli

Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013

Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013 Controllo dei progetti

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DEI SERVIZI 2013

CARTA DEI SERVIZI DEI SERVIZI 2013 CARTA DEI CARTA SERVIZI DEI SERVIZI Sede Legale e Amministrativa Strada Sant Anna, 210 41122 Modena (MO) Tel. +39 059 416711 Telefax +39 059 416850 E-mail: protocollo@setaweb.it Posta Elettronica Certificata

Dettagli

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO

IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO dopo il TERREMOTO IL PIANO CASA PER LA TRANSIZIONE E L AVVIO DELLA RICOSTRUZIONE GUIDA PER IL CITTADINO Assicurare la ricostruzione di case e imprese secondo tempi certi e procedure snelle, garantendo

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Maggio 2013. A cura di

Maggio 2013. A cura di DOSSIER SUI COMUNI DELL EMILIA ROMAGNA COLPITI DAL SISMA Maggio 2013 A cura di INDICE Premessa: il quadro attuale ad un anno dal terremoto 3 1. I Comuni colpiti dal sisma: alcuni dati 5 2. Analisi comparata

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 1 giugno 2012 Sospensione, ai sensi dell'articolo 9, comma 2, della legge 27 luglio 2000, n. 212, dei termini per l'adempimento degli obblighi tributari

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE DELL EMILIA - ROMAGNA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE DELL EMILIA - ROMAGNA AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE DELL EMILIA - ROMAGNA Premesso che sulla base di quanto previsto dalla Legge Regionale n. 0/003 e successive

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione L Impresa Estesa come motore dell Innovazione VOIP e RFID Andrea Costa Responsabile Marketing Clienti Enterprise 0 1. Innovazione: un circolo virtuoso per l Impresa Profondità e latitudine (l azienda approfondisce

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici ALLEGATO TECNICO ALLA CIRCOLARE N. 23/05 Ai sensi del presente allegato tecnico si intende: a) per "S.S.C.E. il sistema di sicurezza del circuito di emissione dei documenti di identità elettronica; b)

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Bando Tipologia A (20 tirocini)

Bando Tipologia A (20 tirocini) Bando Tipologia A (20 tirocini) Destinazioni e periodo di realizzazione dei tirocini: Irlanda - 5 tirocini Regno Unito - 2 tirocini Spagna - 8 tirocini Germania - 3 tirocini Francia - 2 tirocini L'esperienza

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015

Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria. Roma, 18 marzo 2015 Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria Audizione del Direttore dell Agenzia del Demanio Roma, 18 marzo 2015 Indice Audizione presso la Commissione Parlamentare di Vigilanza sull

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi.

È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. È nata una nuova specie di avvocati. Liberi. LIBERI DI NON PENSARCI Basta preoccupazioni per il back-up e la sicurezza dei tuoi dati. Con la tecnologia Cloud Computing l archiviazione e la protezione dei

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012

Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Comunicare il proprio business: il Bilancio sociale come strumento trasparente di rendicontazione. Treviso - 19 novembre 2012 Presentazione dei risultati del progetto e prospettive future dr. Antonio Biasi

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Progr.Num. 1388/2013 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 30 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Francesco Vatalaro Dipartimento di Ingegneria dell Impresa Mario Lucertini Università di Roma Tor Vergata Padova, Orto Botanico - Aula Emiciclo, 27 Marzo 2015 Contenuti

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi

Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Software per la gestione di palestre, centri benessere e sportivi Applicazione gestionale progettata per gestire tutti gli aspetti di palestre, centri sportivi e centri benessere Sicuro Personalizzabile

Dettagli

Strategia per la crescita digitale 2014-2020. Presidenza del Consiglio dei Ministri

Strategia per la crescita digitale 2014-2020. Presidenza del Consiglio dei Ministri Strategia per la crescita digitale 2014-2020 Presidenza del Consiglio dei Ministri Roma 3 marzo 2015 Strategia per la crescita digitale 2014-2020 1 Premessa 4 1. Obiettivi strategici 7 2. Il contesto di

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Gli Sportelli Sociali in Emilia Romagna:

Gli Sportelli Sociali in Emilia Romagna: Gli Sportelli Sociali in Emilia Romagna: Esiti del primo monitoraggio Marzo 2010 Gli Sportelli Sociali in Emilia-Romagna: Esiti del primo monitoraggio Marzo 2010 1 Il Rapporto è a cura del Servizio Programmazione

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane

DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV. Ecco i prodotti e le applicazioni. per innovare le imprese italiane Comunicato stampa aprile 2015 DALLA RICERCA & SVILUPPO SIAV Ecco i prodotti e le applicazioni per innovare le imprese italiane Rubàno (PD). Core business di, nota sul mercato ECM per la piattaforma Archiflow,

Dettagli

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale Freight&Shipping www.sp1.it marittimo AEREO VIA TERRA dogana magazzino doganale business intelligence SP1, il Freight & Shipping entra spedito nel futuro SP1 è un nuovo applicativo web. Non si installa

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli