TESTATA: ITALIA OGGI Upa e Fcp, un vademecum sulla pubblicità online DATA: 2 FEBBRAIO 2016

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TESTATA: ITALIA OGGI Upa e Fcp, un vademecum sulla pubblicità online DATA: 2 FEBBRAIO 2016"

Transcript

1 TESTATA: ITALIA OGGI Upa e Fcp, un vademecum sulla pubblicità online DATA: 2 FEBBRAIO 2016

2 Primaonline.it 01 febbraio :30 Cresce l importanza dei valori di viewability nelle pianificazioni pubblicitarie. Investitori e concessionarie fissano le linee guida (DOCUMENTO) Primi risultati del tavolo di lavoro avviato da Upa e Fcp-Assointernet per fornire linee guida comuni in tema di viewability dei formati dispaly e video online. Da oggi è infatti disponibile sui siti delle due associazioni Viewability: alcuni principi base per favorirne un uso più omogeneo nel mercato (.pdf), un vademecum dedicato agli operatori professionali per, spiega il comunicato congiunto, fornire un quadro definitorio dei concetti relativi alla Viewability e delle best practice, e indicazioni pratiche utilizzabili degli operatori. Alcune di queste riguardano gli elementi da concordare fra le parti preventivamente al lancio della campagna, compreso il fornitore utilizzato dato che fornitori diversi possono dare risultati differenti, e le definizioni di impressions visibili che si intendono adottare; la costruzione del quoziente di viewability impressions visibili/impressions misurabili (dove le impressions misurabili vanno depurate del traffico invalido/non umano e da altri fattori concordati preventivamente fra le parti, come il traffico out of geo e traffico deliverato su domini non previsti nella prenotazione). O ancora gli accorgimenti necessari nel valutare i report di viewability, i fattori che influenzano le performance delle campagne in riferimento a questa metrica e i perimetri di misurabilità in base a diversi formati e device. Il documento, oltre che del lavoro congiunto tra le associazioni di investitori e delle concessionarie di pubblicità on-line, è il risultato di un confronto con alcune delle principali realtà attive nella misurazione della Viewability: ComScore, DMA-Nextplora, Doubleclick for Publisher, Moat, Nielsen, Sizmek. Previsti poi ulteriori approfondimenti per individuare le cause di discrepanza fra le misurazioni dei vari operatori e un ampliamento alle associazioni rappresentanti le altre componenti del mercato e interessate al tema. - Leggi o scarica il documento (.pdf), disponibile anche sui siti Upa.it e Fcponline.it VIEWABILITY: ALCUNI PRINCIPI BASE PER FAVORIRNE UN USO PIÙ OMOGENEO NEL MERCATO PREMESSA E OBIETTIVI La viewability delle impressions pubblicitarie sta diventando una metrica di importanza crescente per la pianificazione, il controllo e l acquisto dell online advertising. Tale incremento di importanza dà origine quotidianamente ad una grande mole di comunicazioni e materiali inerenti la viewability, ma tale flusso informativo genera una difficoltà crescente al dialogo e alla comprensione reciproca nella filiera, con stanchezza e spreco di risorse economiche e

3 cognitive nel funzionamento del mercato. L importanza del tema viewability per il mercato è stata riconosciuta negli Stati Uniti almeno a partire dal 2011, quando investitori, agenzie e offerta hanno costituito il consorzio 3MS (Make Measurement Make Sense), che collabora a stretto contatto con l ente certificatore degli istituti di misurazione MRC (Media Rating Council). Su quella stessa strada si è mosso anche il Regno Unito, in cui è stato costituito il gruppo JICWEBS, che supporta l ente certificatore ABC. In Italia UPA-Utenti Pubblicità Associati e FCP-Federazione Concessionarie Pubblicità, in rappresentanza diretta del punto di vista e degli interessi di acquirenti e concessionarie di spazi pubblicitari online, hanno dato vita a questo documento programmatico congiunto, che intende fornire: o un quadro definitorio condiviso dei concetti relativi alla viewability; o indicazioni pratiche immediatamente utilizzabili dagli operatori del mercato; o prospettive di sviluppo per il Questo documento è stato redatto a seguito del confronto approfondito con alcuni fra i principali istituti di misurazione indipendenti della viewability e ad server, che ringraziamo per la grande disponibilità a condividere con le associazioni scriventi una notevole mole di informazioni e di discussioni di alto livello. QUADRO DEFINITORIO IL FUNNEL DELLA VIEWABILITY Quando si parla di viewability da parte di diversi operatori, spesso la prima fonte di confusione deriva dall assenza di definizioni condivise relativamente alla metrica di cui si sta parlando. 1 LIVELLO: SERVED IMPRESSIONS La metrica più comunemente utilizzata sul mercato come OTS (opportunity to see) proxy di un annuncio pubblicitario display online è costituita dall impression, o come più correttamente si è andato definendo negli ultimi mesi, la served impression, ovvero la consegna da parte di un ad server di una creatività pubblicitaria ad un client. Nel caso di concatenazione tra adserver, vale a dire creatività caricate su un ad server (ad esempio di un centro media) e poi passate ad un altro ad server (ad esempio quello di una concessionaria) sotto forma di tag di redirect, è possibile che si registrino dati di conteggio impression differenti, la cosiddetta discrepanza, a causa di una molteplicità di fattori, quali: tempi di latenza tra le richieste ai due adserver, problemi di connessione di rete, sistemi di blocco dell adv, metodologie di tracciamento. In sostanza è assolutamente possibile che l adserver della concessionaria, che riceve la prima chiamata, registri un impression per una creatività in redirect, ma l adserver dell azienda/agenzia/centro media, nello stesso momento, non la registri. Da una rilevazione a campione presso i principali player italiani le differenze tra i sistemi di ad server portano a valori di discrepanza in un range solitamente compreso tra 5 6%. Cause di discrepanza specifiche per la singola campagna possono portare a valori più elevati. Le served impressions possono contenere tre categorie di impressions particolari: traffico invalido/non umano, out of geo, impression deliverate su domini non previsti dalla prenotazione. TRAFFICO NON UMANO/INVALIDO Un primo tema è costituito dalla rilevazione del traffico non umano o invalido, generato da diversi sistemi automatizzati di generazione pagine e/o indicizzazione delle stesse. Esistono alcune

4 tipologie di traffico non umano/invalido abbastanza ricorrenti, che gli istituti di misurazione classificano in una serie di categorie tecniche. TRAFFICO OUT OF GEO Parte del traffico rilevato a livello delle served impressions proviene da IP esteri. Ogni Concessionaria è in grado attraverso il proprio ad server di inserire un filtro che escluda chiamate da IP Esteri. TRAFFICO DELIVERATO SU DOMINI NON PREVISTI DALLA PRENOTAZIONE Tema particolarmente delicato per acquisti in programmatic open market. Alcuni istituti offrono la possibilità di ottenere una reportistica relativa alla brand safety, tema in fase di definizione che verrà approfondito nell ambito di un Tavolo di lavoro dedicato. 2 LIVELLO: IMPRESSIONS MISURABILI Non tutte le impressions servite da un ad server sono misurabili in termini di viewability. Pertanto un primo sottoinsieme delle impressions servite in termini di viewability è costituito dalle impressions misurabili. Quando si parla di viewability occorre tenere presente che esiste ancora un panorama frammentato, in fase di continua evoluzione, di formati e device non misurabili tout court o misurati attraverso metodologie che non trovano un largo consensus. Ad oggi gli Istituti consultati hanno dichiarato di avere limitazioni nella misurazione di alcuni formati. A titolo di esempio non esaustivo: Skin Overlay Video Mobile Browsing Mobile App Connected TV (Smart TV, Consolle di video games, Set Top Boxes) 3 LIVELLO: IMPRESSIONS VISIBILI Arriviamo ora all ultimo livello di viewability, le impressions visibili vere e proprie, ovvero comparse in primo piano in una porzione visibile sullo schermo di un device di un utente finale umano, nella geografia desiderata e su domini previsti dalla prenotazione spazi. Per definire quando un impression di questo tipo costituisce un OTS riconosciuto dal mercato occorre proseguire nella definizione stabilendo quali variabili quantitative permettono di stabilire la

5 visibilità di un annuncio display online. Tipicamente le variabili coinvolte sono il secondaggio di visibilità e la porzione dell annuncio visibile. Attualmente Stati Uniti e Regno Unito indicano un loro standard di Viewability riconosciuto dalle diverse componenti del mercato*. Tuttavia tali standard sono definiti dagli stessi organi promotori come provvisori e coesistono sempre più con definizioni diverse (più restrittive) richieste da singole aziende o centri media. Sul mercato italiano gli istituti interpellati attualmente forniscono di default misurazioni di Viewability secondo lo standard statunitense e inglese ma molti di essi producono anche report di misurazione basati su impostazioni customizzate sulle esigenze del cliente. Non costituisce obiettivo di questo documento definire la convenzione di impressions visibili per il mercato italiano, tema che verrà ripreso in un tavolo di lavoro ad hoc fra le associazioni all inizio del % DI VIEWABILITY La costruzione del funnel sopra individuato impatta sui quozienti di viewability che si possono calcolare, e che comunemente vengono comunicati ogni giorno da singoli operatori. Non costituisce un obiettivo di questo documento suggerire delle % di viewability qualificanti o dei valori che possano costituire una currency per il mercato italiano. Anche questo tema verrà ripreso nel tavolo di lavoro ad hoc all inizio del I PRINCIPALI FATTORI CHE INCIDONO SULLE PERFORMANCE DI VIEWABILITY DI UNA CAMPAGNA Velocità di banda: Una minore velocità di banda può determinare tempi più lunghi di caricamento dell annuncio pubblicitario, con aumento dei tempi di latenza, maggiore bounce rate e pertanto minor viewability. Latency del server che serve la campagna: Servire le campagne in redirect può peggiorare le performance registrate in termini di viewability, aumentando i tempi di latenza nel caricamento di un annuncio. Peso della creatività

6 Creatività pesanti, determinando un aumento dei tempi di latenza nel caricamento degli annunci pubblicitari, avranno performance peggiori in termini di viewability. Posizioni e formati pubblicitari La costruzione delle posizioni pubblicitarie dei siti può incidere molto sulle performance di viewability. A titolo di esempio impattano la dimensione e la forma dell annuncio, nonchè la posizione dell annuncio in pagina. Tipologia di acquisto: direct vs programmatic L acquisto in programmatic buying, nella sua specifica declinazione dell open market RTB, può generare tassi di viewability inferiori alla vendita diretta, a causa di alcuni elementi esposti in precedenza quali, a titolo di esempio non esaustivo, tempi di latenza fra diversi server. Esistono inoltre alcune prime evidenze numeriche, emerse da ricerche indipendenti, che nell ambito dell erogazioni in programmatic, anche premium, segnalano valori di traffico invalido/non umano superiori alla vendita diretta. Nel caso di acquisto in programmatic occorre inoltre concordare preventivamente i domini da includere in prenotazione e verificare a posteriori se i domini deliverati sono conformi a quelli prenotati. ALCUNI SUGGERIMENTI PER IL MERCATO 1. La viewability costituisce per molte campagne online una metrica molto utile ai fini della pianificazione, del controllo e della compravendita di spazi pubblicitari. Non esaurisce naturalmente l utilità di tutta una serie di altre metriche e misurazioni, ad esempio di impatto o di performance, modelli di attribuzione, metriche di completed view, definizioni di ROI, etc. per differenti KPI di campagna. 2. Quando la viewability costituisce una metrica utile, si consiglia a tutti gli operatori del mercato in particolare editori, concessionarie, piattaforme di programmatic buying, centri media, investitori pubblicitari la misurazione attraverso istituti di misurazione indipendenti. Se per qualsiasi valutazione ciò non è possibile, si consiglia di richiedere i report di viewability agli ad server. 3.

7 Poiché istituti di misurazione/ad server diversi possono utilizzare metodologie di rilevazione e definizioni di impression visibili diverse, fornendo valori differenti di viewability, si consiglia alle parti coinvolte nella compravendita di spazi pubblicitari display online con misurazione della viewability, di concordare preventivamente al lancio della campagna che si farà il monitoraggio, quale sarà il fornitore utilizzato e quali valori di secondaggio e di porzione di annuncio visibile definiscono le impression visibili. 4. Quando una campagna viene misurata in termini di viewability si consiglia alle parti coinvolte di richiedere all istituto/ad server anche il monitoraggio per: traffico invalido/non umano, out of geo, impression deliverate su domini non previsti dalla prenotazione. A maggior ragione perché il traffico invalido/non umano ha tassi di viewability e di audience in target intrinsecamente molto elevati, drogando artificialmente la percentuale di viewability se non adeguatamente monitorato ed escluso. 5. Il traffico invalido/non umano e quello deliverato su domini non previsti dalla prenotazione va a nettizzare il dato delle served impressions e di conseguenza va escluso dalle impressions misurabili e visibili. 6. Il traffico out of geo (IP esteri) va solitamente altresì escluso dalle served impressions e di conseguenza dalle impressions misurabili e visibili. Tuttavia le aziende, qualora ritengano il traffico estero qualificato per la campagna, possono richiedere di includerlo. Come specificato in precedenza ogni Concessionaria è in grado attraverso il proprio ad server di inserire un filtro che escluda chiamate da IP Esteri. 7. DEFINIZIONI Impressions Misurabili = Served Impressions Traffico invalido/non umano Out Of Geo Traffico deliverato su domini non previsti dalla prenotazione Impressions Non Misurabili Impressions Visibili: = n. impressions fornite dagli istituti di misurazione secondo parametri che possono essere o standard o customizzati secondo gli accordi tra le parti (in termini di secondaggio e pixel). % Viewability = Impressions Visibili / Impressions Misurabili

8 Altri quozienti ricavabili dalla misurazione della viewability possono servire per altre ulteriori valutazioni utili ai fini della pianificazione pubblicitaria e per un miglioramento costante del placement nel tempo. 8. Dato il traffico attuale e i trend previsionali di trend del traffico internet in Italia, si ritiene che la misurazione della viewability non possa prescindere dall inclusione sia del mobile, app e browsing, sia del video. Affinché i report di viewability siano solidi, si consiglia agli operatori del mercato di verificare preventivamente al lancio della campagna che l istituto di misurazione della viewability possa misurare almeno il 90% del totale delle served impressions della campagna al netto di traffico invalido/non umano, deliverato su domini non previsti nella prenotazione ed eventualmente out of geo (occorre porre pertanto particolare attenzione alla misurabilità dei formati e dei device). 9. Per quanto riguarda l approccio di calcolo da utilizzare per la viewability delle impressions non misurabili non esiste al momento una convenzione condivisa. Un approccio molto seguito è quello di estendere la percentuale di viewability riscontrata sulle impressions misurabili al non misurabile ma si tratta di un approccio senza un razionale alle spalle. In alternativa si consiglia di: 1. Considerare la viewability come metrica di valutazione solo per le impressions misurabili; 2. Procedere per i device e i formati non misurabili a convenzioni soggettive fra le parti fondate su qualche elemento verificabile o razionale condiviso a monte del processo (da concordare prima del lancio della campagna). La mancanza di un dato certo sulla misurazione della Viewability a causa di limitazione tecniche oggettive e indipendenti dalla volontà delle singole parti rimane oggetto di ulteriori approfondimenti tra le parti. Ai fini di ottimizzare le performance di viewability di una campagna si forniscono i seguenti consigli: PESO DELLA CREATIVITÀ

9 Aziende e agenzie, media e creativa, devono tener presente il peso della creatività prima di lanciare la campagna. Creatività pesanti avranno performance peggiori in termini di viewability. LATENCY DEL SERVER Servire le campagne in redirect può peggiorare le performance registrate in termini di viewability. IMPAGINAZIONE PUBBLICITARIA La costruzione delle posizioni pubblicitarie in termini di viewability va costantemente migliorata, contemperando questa esigenza con la sfida tecnologica posta dagli ad-blocker e con lo sviluppo di formati giudicati secondo metriche diverse dalla viewability (ad esempio impatto, performance, etc.) L ottimizzazione delle campagne ongoing e della pianificazione di future campagne da parte di aziende e centri media in base alla qualità delle posizioni pubblicitarie dei siti su cui sono stati visualizzati annunci pubblicitari del proprio brand è un elemento fondamentale per migliorare le performance di viewability delle proprie campagne presenti e future. MODALITÀ DI ACQUISTO L acquisto in programmatic buying può originare performance peggiorative in termini di viewability, combinando alcuni elementi esposti in precedenza, come ad esempio un aumento dei tempi di latenza a causa della trasmissione di un impression fra molteplici ad server. Numerose ricerche indipendenti dimostrano inoltre che il programmatic buying, anche premium, porta con sé valori di traffico invalido/non umano superiori alla media del mercato, vedasi punto 4. Si consiglia pertanto in modo particolare per le campagne servite in programmatic di prevedere un monitoraggio da parte di istituti di ricerca indipendenti della viewability delle campagne e del traffico invalido/non umano. Nel caso di acquisto in programmatic occorre inoltre concordare preventivamente i domini da includere in prenotazione e verificare a posteriori se i domini deliverati sono conformi a quelli prenotati. 11. Esistono alcuni differenti metodi tecnici di misurazione della Viewability legati all algoritmo con cui gli Istituti rilevano la Viewability.

10 12. La polverizzazione della filiera della pubblicità display online, soprattutto nell alveo del programmatic buying, rende un fattore critico di scelta degli istituti di misurazione della viewability anche la capacità di integrazione con tutti gli operatori della filiera, in particolare DSP, SSP, DMP, Ad Server. PROSSIMI STEP Il tema della viewability, come emerso da questo documento programmatico, è ben lungi dall essere arrivato ad una conclusione, in Italia così come in qualsiasi altro Paese del mondo. L evoluzione continua, tecnologica e di mercato, richiedono aggiornamenti costanti, di cui ci faremo promotori nel nostro Paese. È fondamentale che questo processo culturale e conoscitivo porti ad una o più nuove currency riconosciute da tutti o comunque dalla maggior parte degli attori del mercato. Si tratta di un processo che inizieremo all inizio del 2016, auspicando di produrre un ipotesi di sistema in tempi molto brevi. La compresenza sul mercato di numerose tecnologie di misurazione della viewability che portano con sé difformità di rilevazioni, porta inoltre le associazioni scriventi ad auspicare e a lavorare in futuro affinché emerga sul mercato una maggiore omogeneità, garantita attraverso un soggetto certificatore delle metodologie dei singoli istituti terzo, autorevole e rappresentativo di tutte le componenti del mercato. I primi step del 2016 consisteranno nella realizzazione di un test che verifichi le discrepanze nella misurazione della stessa campagna tra i diversi istituti di misurazione e il coinvolgimento di tutte le altre associazioni interessate a convergere su questi temi.

11 Engage.it Viewability, arriva il vademecum di UPA e FCP-Assointernet Giorgio Galantis (FCP-Assointernet): «L obiettivo è avviare un progetto continuativo che nel tempo possa fornire indicazioni utili a tutti gli operatori rispetto a una metrica ormai imprescindibile». Attesi nuovi sviluppi del lavoro congiunto di Teresa Nappi 1 febbraio 2016 Un Tavolo di lavoro congiunto e continuativo per affrontare il tema della Viewability dei formati pubblicitari display e video online. È questo il progetto messo in campo da UPA e FCP- Assointernet che oggi produce il suo primo importante risultato: un vademecum messo a disposizione di tutti gli operatori del settore. Il documento, intitolato Viewability: alcuni principi base per favorirne un uso più omogeneo nel mercato, è in realtà un primo step di quello che sarà «un percorso atto a fornire un quadro di definizioni dei concetti relativi alla Viewability e delle best practice», spiega a Engage il presidente di FCP-Assointernet, Giorgio Galantis. «L obiettivo è stato avviare un progetto continuativo che nel tempo possa fornire indicazioni utili e immediate a tutti gli operatori coinvolti rispetto a una metrica ormai imprescindibile». La Viewability delle impressions pubblicitarie, in effetti, sta diventando una metrica di importanza crescente per la pianificazione, il controllo e l acquisto dell online advertising. Tuttavia, spesso le informazioni a disposizione del mercato generano complessità e scarsa condivisione fra gli operatori. Ecco che il primissimo passo operato da UPA e FCP-Assointernet è stato proprio quello di fornire delle definizioni chiare e condivise delle parole chiave per comprendere al meglio l argomento, come served impressions, traffico non umano, traffico out of geo e così via. «Si tratta di un passo importante. Una base su cui lavoreremo e che svilupperemo ulteriormente», spiega ancora Galantis. Il documento evidenzia in particolare: Gli elementi da concordare fra le parti preventivamente al lancio della campagna, compreso il fornitore utilizzato dato che fornitori diversi possono dare risultati differenti, e le definizioni di impressions visibili che si intendono adottare;

12 la costruzione del quoziente di viewability impressions visibili/impressions misurabili, dove le impressions misurabili vanno depurate del traffico invalido/non umano e da altri fattori concordati preventivamente fra le parti (ad esempio traffico out of geo e traffico deliverato su domini non previsti nella prenotazione); gli accorgimenti necessari nel valutare i report di viewability, i fattori che influenzano le performance delle campagne in riferimento a questa metrica e i perimetri di misurabilità in base a diversi formati e device. Giorgio Galantis Tra i Suggerimenti per il Mercato, è stato previsto anche un paragrafo dedicato alle Modalità d Acquisto, incentrato sostanzialmente sulla compravendita degli spazi in programmatic: «Qui abbiamo voluto sottolineare la necessità di prevedere un monitoraggio della viewability delle campagne e del traffico non umano/invalido da parte di organi di ricerca indipendenti, perché l acquisto in programmatic può originare performance peggiorative visto che spesso porta con sé elementi che possono inficiare i dati», spiega ancora Galantis. Il documento è il frutto di un ampio e complesso percorso di confronto e monitoraggio di alcune delle principali realtà attive nella misurazione della Viewability, come comscore, DMA- Nextplora, Doubleclick for Publishers, Moat, Nielsen, Sizmek. Prossimi Step Il tema della viewability, come emerge da questo primo documento programmatico prodotto da UPA e FCP-Assointernet, è ben lungi dall essere arrivato ad una conclusione, in Italia così come in qualsiasi altro Paese del mondo. L evoluzione continua, tecnologica e di mercato, richiedono aggiornamenti costanti, di cui ci faremo promotori nel nostro Paese. È fondamentale che questo processo culturale e conoscitivo porti ad una o più nuove currency riconosciute da tutti o comunque dalla maggior parte degli attori del mercato. «Si tratta di un processo che cominceremo all inizio del 2016, auspicando di produrre un ipotesi di sistema in tempi molto brevi», spiega ancora Galantis. I primi step del 2016 consisteranno nella realizzazione di un test che verifichi le discrepanze nella misurazione della stessa campagna tra i diversi istituti di misurazione e il coinvolgimento di tutte le altre associazioni interessate a convergere su questi temi.

13 Ideeideas.it Utenti pubblicitari e concessionarie web indicano le linee guida della viewability di display e video adv online IL VADEMECUM VIEWABILITY ALCUNI PRINCIPI BASE PER FAVORIRNE UN USO PIÙ OMOGENEO NEL MERCATO È IL PRIMO RISULTATO DEL TAVOLO DI LAVORO CONGIUNTO E CONTINUATIVO ATTIVATO DA UPA E FCP-ASSOINTERNET. È A DISPOSIZIONE DI TUTTI GLI OPERATORI PROFESSIONALI. ALTRI STEP SONO GIÀ PROGRAMMATI PER UN ULTERIORE APPROFONDIMENTO DEL TEMA E IL TAVOLO SARÀ APERTO ANCHE ALLE ALTRE ASSOCIAZIONI DI SETTORE INTERESSATE 2 febbraio Upa e Fcp-Assointernet hanno prodotto il primo risultato del Tavolo di lavoro congiunto e continuativo attivato per fornire linee guida comuni sulla viewability dei formati pubblicitari display e video online. Il tema è centrale: La viewability delle impressions pubblicitarie spiega una nota congiunta sta diventando una metrica di importanza crescente per la pianificazione, il controllo e l'acquisto dell'online advertising. Tuttavia, spesso le informazioni a disposizione del mercato generano complessità e scarsa condivisione fra gli operatori. Il documento prodotto si intitola Viewability: alcuni principi base per favorirne un uso più omogeneo nel mercato. È un vademecum a disposizione di tutti gli operatori professionali, molto articolato, che intende fornire una definizione dei concetti relativi alla viewability e delle best practice, nonché indicazioni pratiche immediatamente utilizzabili dagli operatori, con particolare riferimento a: Gli elementi da concordare fra le parti preventivamente al lancio della campagna, compreso il fornitore utilizzato, dato che fornitori diversi possono dare risultati differenti, e le definizioni di impressions visibili che si intendono adottare; La costruzione del quoziente di viewability impressions visibili/impressions misurabili, dove le impressions misurabili vanno depurate del traffico invalido/non umano e da altri fattori concordati preventivamente fra le parti (ad esempio traffico out of geo e traffico deliverato su domini non previsti nella prenotazione); Gli accorgimenti necessari nel valutare i report di viewability, i fattori che influenzano le performance delle campagne in riferimento a questa metrica e i perimetri di misurabilità in base a diversi formati e device. Il documento è il primo realizzato e condiviso dall associazione degli utenti pubblicitarie e da quella delle concessionarie di pubblicità online. È frutto di un ampio e complesso percorso di confronto e monitoraggio di alcune delle principali realtà attive nella misurazione della viewability: ComScore, DMA-Nextplora, Doubleclick for Publisher, Moat, Nielsen, Sizmek.

14 Altri step sono già stati programmati per un ulteriore approfondimento del tema. Gli obiettivi sono di aggiornare e ampliare la letteratura condivisa sul mercato internazionale e italiano, con un focus particolare sugli aspetti tecnici; monitorare l'evoluzione della tematica a livello internazionale e le relative best practice; valutare possibili standard quantitativi per il mercato italiano. Il Tavolo lavorerà, inoltre, alla individuazione e formalizzazione delle cause di discrepanza fra le misurazioni dei diversi operatori, per rendere il più omogeneo possibile quanto esplicitato nelle linee guida del documento rilasciato. Nel corso dell'anno il Tavolo verrà ampliato alle associazioni rappresentanti le altre componenti del mercato e interessate al tema della viewability. Il documento congiunto sulla Viewability >>

15 LA TUA INFORMAZIONE QUOTIDIANA DAL 1989 Anno XXVII Martedì 02/02/2016 N 018 Per fornire linee guida comuni a investitori e concessionarie di pubblicità Upa e Fcp-Assointernet offrono al mercato un vademecum sulla viewability Con l obiettivo di fornire linee guida comuni, Upa e Fcp-Assointernet hanno dato vita a un tavolo di lavoro congiunto e continuativo per affrontare il tema della viewability dei formati pubblicitari display e video online. Le due società, in rappresentanza diretta del punto di vista e degli interessi di acquirenti e concessionarie di spazi pubblicitari online, si sono mosse sull esempio statunitense del consorzio 3MS (Make Measurement Make Sense), che collabora a stretto contatto con l ente certificatore degli istituti di misurazione MRC (Media Rating Council) e del Gruppo JICWEBS, che in UK supporta l ente certificatore ABC. La viewability delle impressions pubblicitarie sta diventando una metrica di importanza crescente per la pianificazione, il controllo e l acquisto dell online advertising. Il primo risultato del tavolo è il documento programmatico congiunto Viewability: alcuni principi base per favorirne un uso più omogeneo nel mercato. Il vademecum, a disposizione da ieri di tutti gli operatori professionali, intende fornire un quadro definitorio condiviso dei concetti relativi alla viewability, indicazioni pratiche immediatamente utilizzabili dagli operatori del mercato e prospettive di sviluppo per il Il documento è il risultato di un confronto con alcune delle principali realtà attive nella misurazione della viewability, tra cui ComScore, DMA- Nextplora, Doubleclick for Publisher, Moat, Nielsen, Sizmek. Lorenzo Sassoli de Bianchi, presidente Upa per i dati completi CLICCA QUI

16 DailyNet Il quotidiano del marketing in rete SCOPRI LE PERFORMANCE DIGITALI DEI TOP PLAYERS DEL LUSSO ANNO XIV - MARTEDÌ 02 FEBBRAIO 2016 # 017 Mercato Upa e Fcp, un documento sulla viewability per favorirne l omogeneità Tanti i temi affrontati frutto di un lavoro congiunto tra le due realtà. Soddisfazione da più parti, in attesa della creazione di standard condivisi. Il presidente di Fcp-Assointernet Galantis: «Punto di partenza importante, continueremo a monitorare il fenomeno per portare benefici alla industry» Giorgio Galantis < di GIACOMO BROGGI È stato annunciato ieri Viewability: alcuni principi base per favorirne un uso più omogeneo nel mercato, un documento di 12 pagine frutto della collaborazione tra Upa e Fcp-Assointernet e redatto a partire da un Tavolo di Lavoro costituito dalle due realtà per fare increasing ranking clockwise chiarezza su un tema tra i più caldi nell intero panorama pubblicitario. In particolare, spiega la nota, la viewability delle impression pubblicitarie sta diventando una metrica di importanza crescente per la pianificazione, il controllo e l acquisto dell online advertising. Tuttavia, spesso le informazioni a disposizione del mercato generano complessità e scarsa condivisione fra gli operatori. Il documento è il primo realizzato e condiviso dall associazione delle aziende che investono in comunicazione e dalle concessionarie di pubblicità online aderenti a Fcp-Assointernet. È frutto di un ampio e complesso percorso di confronto e

17 DailyNet Il quotidiano del marketing in rete # 017 Il periodico d approfondimento che esplora i possibili scenari dell innovazione digitale ANNO XIV - MARTEDÌ 02 FEBBRAIO 2016 monitoraggio di alcune delle principali realtà attive nella misurazione della Viewability: ComScore, DMA-Nextplora, Double- Click for Publisher, Moat, Nielsen, Sizmek. Gli istituti consultati hanno fornito piena collaborazione e disponibilità presentando al Tavolo i propri tool di misurazione e successivamente fornendo gli approfondimenti richiesti. Contattato da Daily- Net, Giorgio Galantis, presidente di Fcp-Assointernet, ha detto: «Questo documento è un punto di partenza davvero importante per continuare a lavorare assieme e monitorare un fenomeno, anche a livello internazionale, su cui occorre creare cultura e che può portare benefici concreti al mercato. Per quanto ci riguarda, l obiettivo immediato è proseguire nel comprendere appieno le dinamiche inerenti la viewability e creare una conoscenza più approfondita e omogenea sull argomento anche con le altre associazioni appartenenti alla industry». Omogeneizzazione che stimolerebbe l istituzione di standard condivisi, favorendo ulteriormente l incontro tra domanda e offerta. Le evidenze principali del documento Gli elementi da concordare fra le parti preventivamente al lancio della campagna, compreso il fornitore utilizzato dato che fornitori diversi possono dare risultati differenti, e le definizioni di impression visibili che si intendono adottare; questo è forse il punto maggiormente controverso e in discussione di tutto l aspetto della viewability: la situazione attuale di mercati più evoluti, Usa e Uk, vede una discrepanza tra le tecnologie dei più importanti player che restituiscono valori diversi per parametri omogenei, come per esempio quello del traffico non umano. La costruzione del quoziente di viewability impression visibili/impression misurabili, dove le impression misurabili vanno depurate del traffico invalido/non umano e da altri fattori concordati preventivamente fra le parti (ad esempio traffico out of geo e traffico deliverato su domini non previsti nella prenotazione); Gli accorgimenti necessari nel valutare i report di viewability, i fattori che influenzano le performance delle campagne in riferimento a questa metrica e i perimetri di misurabilità in base a diversi formati e device. Gli obiettivi e le prossime mosse Aggiornare e ampliare la letteratura condivisa sul mercato internazionale e italiano, con un focus particolare sugli aspetti tecnici; Valutare possibili standard quantitativi per il mercato italiano. Indivuazione e formalizzazione delle cause di discrepanza fra le misurazioni dei diversi operatori, al fine di rendere il più omogeneo possibile quanto esplicitato nelle linee guida del documento odierno. Per farlo Fcp e Upa, condurranno dei test con tutti i fornitori che vorranno prenderne parte. In questa prima fase si sono confrontate direttamente, attraverso una collaborazione fattiva e trasparente, le associazioni che rappresentano domanda e offerta. Nel 2016 il Tavolo verrà ampliato alle associazioni rappresentanti le altre componenti del mercato e interessate al tema della

18 pagina da sinistra, fabrizio angelini e andrea giovenali viewability. Nel testo del documento si legge anche che È fondamentale che questo processo culturale e conoscitivo porti a una o più nuove currency riconosciute da tutti o comunque dalla maggior parte degli attori del mercato. Si tratta di un processo che inizieremo all inizio del 2016, auspicando di produrre un ipotesi di sistema in tempi molto brevi. La compresenza sul mercato di numerose tecnologie di misurazione della viewability che portano con sé difformità di rilevazioni, porta inoltre le associazioni scriventi ad auspicare e a lavorare in futuro affinché emerga sul mercato una maggiore omogeneità, garantita attraverso un soggetto certificatore delle metodologie dei singoli istituti terzo, autorevole e rappresentativo di tutte le componenti del mercato. Soddisfazione per il documento Soddisfazione è stata espressa da Fabrizio Angelini, ceo comscore Italia: «Il documento è il risultato del grande lavoro da parte delle due associazioni. Si tratta di una iniziativa che contribuirà certamente a incrementare la trasparenza del mercato ed è in ogni caso il primo passo verso la definizione di standard e regole più precise, in grado di portare benefici a domanda e offerta. Da parte nostra ci mettiamo a disposizione per svolgere qualunque test». Proprio comscore è stata tra le prime realtà a focalizzare l attenzione sul tema della viewability in Italia e ha più volte catalizzato l attenzione sugli standard utilizzati al di fuori del nostro Paese. Anche Andrea Giovenali, ceo di Nextplora commenta positivamente la notizia: «Sono molto contento e favorevole a questa presa di posizione importante e utile. Ci sono due cose che voglio sottolineare. Primo, come indica il documento è importante che la viewability venga garantita da soggetti terzi sia lato domanda sia lato offerta. Non è possibile che editori e aziende si autocertifichino; secondo, sarebbe opportuno che istituti e metriche siano soggetti a ulteriori certificazioni. Per esempio, noi come DMA, siamo stati certificati dall organo britannico deputato alla misurazione dei media di settore ABC. Un fatto che dimostra come la nostra misurazione segua e rispetti parametri internazionali. L esistenza di un soggetto esterno agli istituti di misurazione contribuisce a un tema prioritario: lasciare libero e aperto il mercato in cui questi operano. E potrebbe portare alla creazione di standard condivisi anche nel nostro Paese, anche se questi dovrebbero essere fatti rispettare da più realtà e non da una sola». <

19 martedì 2 febbraio 2016 quotidiano di brand marketing, comunicazione, media, web & digital, pubblicità, design RICERCHE PAG. 11 ITALIA WEB Upa e FCP-Assointernet pubblicano le linee guida sulla viewability delle campagne adv online Il documento è il primo nato dal tavolo di lavoro congiunto sul tema della viewability Upa e FCP-Assointernet pubblicano un vademecum che intende fornire un quadro definitorio dei concetti relativi alla Viewability delle campagne online e delle best practice. Si tratta del primo risultato del tavolo di lavoro congiunto che le due società hanno dato vita per affrontare questo tema ed è il frutto di un ampio e complesso percorso di confronto e monitoraggio di alcune delle principali realtà attive nella misurazione della Viewability: ComScore, DMA-Nextplora, Doubleclick for Publisher, Moat, Nielsen, Sizmek. Il documento (clicca qui per scaricarlo) contiene indicazioni pratiche immediatamente utilizzabili dagli operatori, con particolare riferimento a: _ Gli elementi da concordare fra le parti preventivamente al lancio della campagna, compreso il fornitore utilizzato dato che fornitori diversi possono dare risultati differenti, e le definizioni di impressions visibili che si intendono adottare; _ La costruzione del quoziente di viewability impressions visibili/impressions misurabili, dove le impressions misurabili vanno depurate del traffico invalido/non umano e da altri fattori concordati preventivamente fra le parti (ad esempio traffico out of geo e traffico deliverato su domini non previsti nella prenotazione); _ Gli accorgimenti necessari nel valutare i report di viewability, i fattori che influenzano le performance delle campagne in riferimento a questa metrica e i perimetri di misurabilità in base a diversi formati e device. A seguito della redazione del documento altri step sono già stati programmati tra le parti, volti ad un ulteriore e vasto approfondimento del tema. Gli obiettivi sono molteplici: _ Aggiornare ed ampliare la letteratura condivisa sul mercato internazionale e italiano, con un focus particolare sugli aspetti tecnici; _ Monitorare l evoluzione della tematica a livello internazionale e le relative best practice; _ Valutare possibili standard quantitativi per il mercato italiano. Nel 2016 il Tavolo verrà ampliato alle associazioni rappresentanti le altre componenti del mercato e interessate al tema della Viewability. Brand News Direttore responsabile: Nicola Zonca Redazione: Francesca Bernardi, Luca Orma Armida Cuzzocrea Testata registrata presso il Tribunale di Milano n 563 del 25/11/2011 La riproduzione anche parziale è vietata senza l autorizzazione scritta dell editore Per i comunicati: Editrice: Brand News Media Group S.r.l. partita iva Piazza Tommaseo 2/a, Milano. Tel: 334/

20 UPA e FCP pubblicano le linee guida congiunte della viewability La viewability delle impressions pubblicitarie sta diventando una metrica di importanza crescente per la pianificazione, il controllo e l acquisto dell online advertising. Tuttavia, spesso le informazioni a disposizione del mercato generano complessità e scarsa condivisione fra gli operatori. Per questo, con l obiettivo di fornire linee guida comuni, UPA e FCP-Assointernet hanno dato vita a un tavolo di lavoro congiunto e continuativo per affrontare il tema della viewability dei formati pubblicitari display e video online. Il primo risultato consiste nel documento Viewability: alcuni principi base per favorirne un uso più omogeneo nel mercato, un vademecum da oggi a disposizione di tutti gli operatori professionali, per fornire un quadro dei concetti relativi alla viewability e delle best practice, nonché indicazioni pratiche con particolare riferimento agli elementi da concordare fra le parti preventivamente al lancio della campagna, compreso il fornitore utilizzato (dato che fornitori diversi possono dare risultati differenti), e le definizioni di impressions visibili che si intendono adottare.

VIEWABILITY: ALCUNI PRINCIPI BASE PER FAVORIRNE UN USO PIÙ OMOGENEO NEL MERCATO

VIEWABILITY: ALCUNI PRINCIPI BASE PER FAVORIRNE UN USO PIÙ OMOGENEO NEL MERCATO VIEWABILITY: ALCUNI PRINCIPI BASE PER FAVORIRNE UN USO PIÙ OMOGENEO NEL MERCATO PREMESSA E OBIETTIVI La viewability delle impressions pubblicitarie sta diventando una metrica di importanza crescente per

Dettagli

RTB WORKSHOP. Milano, 22 Maggio 2013

RTB WORKSHOP. Milano, 22 Maggio 2013 RTB WORKSHOP Milano, 22 Maggio 2013 Agenda AUTOREVOLEZZA E FRAMMENTAZIONE DELL'UTENTE MULTI DEVICE RTB: I benefici per il Brand RTB: Concetto & piattaforme Rilevanza del Dato Approccio ed Operatività La

Dettagli

2 PAPER VIEWABILITY. Ricordiamo che la viewability è uno dei capitoli del futuro Libro Bianco, che si compone dei seguenti temi:

2 PAPER VIEWABILITY. Ricordiamo che la viewability è uno dei capitoli del futuro Libro Bianco, che si compone dei seguenti temi: 2 PAPER VIEWABILITY Le associazioni che aderiscono al Libro Bianco sul digitale, attraverso studi fatti dalle parti, hanno individuato in questo documento le tematiche da approfondire e alcune prime linee

Dettagli

Pianificazione tramite DSP (ampia inventory) Pianificazione tradizionale per siti. Site targeting. Audience targeting.

Pianificazione tramite DSP (ampia inventory) Pianificazione tradizionale per siti. Site targeting. Audience targeting. 2 3 Il mercato del digital advertising ha vissuto un profondo cambiamento nel modello di media buying e planning, legato all avvento delle DSP (demand-side platform). Pianificazione tradizionale per siti

Dettagli

OBIETTIVI DESTINATARI. Figure professionali identificate all interno del mondo delle agenzie creative. In particolare:

OBIETTIVI DESTINATARI. Figure professionali identificate all interno del mondo delle agenzie creative. In particolare: OBIETTIVI Focalizzare gli aspetti più innovativi - creativi e media - con un impatto più evidente e immediato sul lavoro e le relazioni con clienti e mondo dei media digitali DESTINATARI Figure professionali

Dettagli

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte Osservatorio sulla Comunicazione Politica, Dipartimento di Culture Politica e Società La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte ricerca condotta da Sara Minucci (Osservatorio

Dettagli

lunedì 26 gennaio 2015 EDITORI

lunedì 26 gennaio 2015 EDITORI EDITORI CHI SIAMO Siamo un agenzia di web marketing con oltre 10 anni di esperienza, prima come Comprabanner, poi come divisione Performance di Banzai Advertising. I nostri servizi sono volti al miglioramento

Dettagli

MEETWEB FACEBOOK PROFESSIONAL DESCRIZIONE DEL SERVIZIO. Napoli, Novembre 2010 Versione 2.00.000

MEETWEB FACEBOOK PROFESSIONAL DESCRIZIONE DEL SERVIZIO. Napoli, Novembre 2010 Versione 2.00.000 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO Napoli, Novembre 2010 Versione 2.00.000 INDICE 1. LA PREMESSA... 3 2. PERCHÈ IMPIEGARE FACEBOOK PER IL PROPRIO BUSINESS?... 4 3. CHE COS È MEETWEB FACEBOOK PROFESSIONAL... 6 4.

Dettagli

Sezione: 10. RIEPILOGO E COSTI DELLA PIATTAFORMA

Sezione: 10. RIEPILOGO E COSTI DELLA PIATTAFORMA Scopri come Creare e Vendere viaggi online! Sezione: 10. RIEPILOGO E COSTI DELLA PIATTAFORMA Tutto ciò che ti serve e quanto devi investire per cominciare Ricapitoliamo quali sono gli strumenti e le risorse

Dettagli

l azienda focus on digital and web performance Mission: Servizi: Chi siamo:

l azienda focus on digital and web performance Mission: Servizi: Chi siamo: media digital group l azienda focus on digital and web performance Chi siamo: WebbDone è una Media Digital Group indipendente che offre prodotti e servizi altamente qualitativi focalizzati in area Performance.

Dettagli

SocialMediaDivision. grippiassociati WEB AGENCY SINCE 1996. Social Marketing & Divulgazione Virale. www.socialmediadiv.com

SocialMediaDivision. grippiassociati WEB AGENCY SINCE 1996. Social Marketing & Divulgazione Virale. www.socialmediadiv.com SocialMediaDivision www.socialmediadiv.com grippiassociati WEB AGENCY SINCE 1996 Social Marketing & Divulgazione Virale Essere raggiungibile tramite i motori di ricerca è sicuramente utile, ma è un'operazione

Dettagli

VERSO UN NUOVO ECOSISTEMA DELLA COMUNICAZIONE. Layla Pavone Presidente Centro Studi ASSOCOM

VERSO UN NUOVO ECOSISTEMA DELLA COMUNICAZIONE. Layla Pavone Presidente Centro Studi ASSOCOM VERSO UN NUOVO ECOSISTEMA DELLA COMUNICAZIONE Layla Pavone Presidente Centro Studi ASSOCOM Giuliano Noci Professore Ordinario di MarkeCng Politecnico di Milano e Presidente Explora @giuliano_noci Agenda

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Roma Capitale: Open Data come nuova frontiera della comunicazione tra istituzioni e cittadini

Roma Capitale: Open Data come nuova frontiera della comunicazione tra istituzioni e cittadini Roma Capitale: Open Data come nuova frontiera della comunicazione tra istituzioni e cittadini Roma, 13 Novembre 2013 Ing. Carolina Cirillo Direttore Servizi Informatici e Telematici Agenda Perché l Open

Dettagli

Testata: IL SOLE 24 ORE La pubblicità batte un colpo. Data: 10 LUGLIO 2015 PAG. 17

Testata: IL SOLE 24 ORE La pubblicità batte un colpo. Data: 10 LUGLIO 2015 PAG. 17 Testata: IL SOLE 24 ORE La pubblicità batte un colpo Data: 10 LUGLIO 2015 PAG. 17 TESTATA: ITALIA OGGI Pubblicità, maggio su del 2,6% DATA: 10 LUGLIO 2015 Fonte primaonline.it 09 luglio 2015 18:15 Il presidente

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it CHI SIAMO C.I.M. non è un comune consorzio ma una società consortile creata dopo approfonditi studi ed esperienze maturate da un gruppo di specialisti in grado di operare in molte aree geografiche del

Dettagli

Case history Miss Broadway

Case history Miss Broadway E giunto il momento per i brand di non preoccuparsi più dei social media, ma solo di goderne i benefici. Case history Miss Broadway Paglieri Sell System Miss Broadway http://www.missbroadway.it/ http://www.facebook.com/miss.broadway.makeup

Dettagli

Antonio Margoni Presidente

Antonio Margoni Presidente Media Consultants presenta AdReport il nuovo servizio di rilevazione delle campagne web Antonio Margoni Presidente Benvenuti MCS, MMS & AdReport About AdReport Web Campaign Italian Scenario AdReport (Quick)

Dettagli

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a. l ambito dell

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

Internet e social media per far crescere la tua impresa

Internet e social media per far crescere la tua impresa @ # Internet e social media per far crescere la tua impresa Migliorare il proprio business attraverso il web e i social media: è questo l obiettivo delle undici proposte formative che prenderanno il via

Dettagli

NINJAMARKETING MEDIAKIT

NINJAMARKETING MEDIAKIT NINJAMARKETING MEDIAKIT Dove i Digital Makers vengono a Scoprire, Capire, Condividere. Da prima che esistessero YouTube, Facebook, Twitter. Chi Siamo Ninja Marketing è il magazine n 1 degli innovatori

Dettagli

LA TUA PUBBLICITA SUL MAGAZINE FAMEDISUD.IT

LA TUA PUBBLICITA SUL MAGAZINE FAMEDISUD.IT LA TUA PUBBLICITA SUL MAGAZINE FAMEDISUD.IT Il Magazine FAMEDISUD, attivo da oltre un anno nel settore dei Nuovi Media, si è posto l obiettivo di raccontare il Mezzogiorno d Italia attraverso l esplorazione

Dettagli

FILIERE DI ACQUISTO DI SPAZI WEB

FILIERE DI ACQUISTO DI SPAZI WEB FILIERE DI ACQUISTO DI SPAZI WEB Questo documento intende illustrare i principali sistemi di filiera che oggi sono disponibili per acquistare spazi di display e search advertising. Esistono tre modelli

Dettagli

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale In questa periodo sono un fase di sottoscrizione gli Accordi di Programma nei diversi ambiti territoriali nella Provincia di Cuneo. La ricerca

Dettagli

Analisi sullo strumento direct per eccellenza. Email Marketing Check up

Analisi sullo strumento direct per eccellenza. Email Marketing Check up Analisi sullo strumento direct per eccellenza Email Marketing Check up Workshop 26 Novembre 2014 26 Novembre 2014, Iab Forum, Milano Agenda Workshop Email Marketing Check up Analisi sullo strumento direct

Dettagli

Total digital audience a marzo 2014: 25 milioni gli italiani online tra i 18 e i 74 anni per un consumo mensile di 46 ore e 15 minuti.

Total digital audience a marzo 2014: 25 milioni gli italiani online tra i 18 e i 74 anni per un consumo mensile di 46 ore e 15 minuti. Audiweb completa la nuova ricerca Mobile e pubblica i primi dati della total digital audience, integrando in un unico planning database le navigazioni da pc, smartphone e tablet. Distribuito il nastro

Dettagli

01 ABOUT 02 MISSION 03 DIRECT EMAIL MARKETING 04 DISPLAY ADVERTISING 05 SOCIAL MEDIA MARKETING 06 WEB DESIGN 07 SEO 08 IT CONSULTING 09 CONCLUSIONI

01 ABOUT 02 MISSION 03 DIRECT EMAIL MARKETING 04 DISPLAY ADVERTISING 05 SOCIAL MEDIA MARKETING 06 WEB DESIGN 07 SEO 08 IT CONSULTING 09 CONCLUSIONI 01 ABOUT 02 MISSION 03 DIRECT EMAIL MARKETING 04 DISPLAY ADVERTISING 05 SOCIAL MEDIA MARKETING 06 WEB DESIGN 07 SEO 08 IT CONSULTING 09 CONCLUSIONI 10 CONTATTI 01 ABOUT Il Network di GruppoFacile GruppoFacile

Dettagli

Programma Agency. ottenere nuovi #contatti. aumentare le vendite ed il #business on-line. pagare solo i #risultati ottenuti AIUTA I TUOI CLIENTI A:

Programma Agency. ottenere nuovi #contatti. aumentare le vendite ed il #business on-line. pagare solo i #risultati ottenuti AIUTA I TUOI CLIENTI A: Programma Agency AIUTA I TUOI CLIENTI A: ottenere nuovi #contatti aumentare le vendite ed il #business on-line pagare solo i #risultati ottenuti 24Adv per le Agenzie Il programma Agency di 24Adv è la suite

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

UPA consegna i diplomi e chiude il corso di Alta Formazione 2015 sulla comunicazione aziendale. Al via l'academy 25/6/2015

UPA consegna i diplomi e chiude il corso di Alta Formazione 2015 sulla comunicazione aziendale. Al via l'academy 25/6/2015 UPA consegna i diplomi e chiude il corso di Alta Formazione 2015 sulla comunicazione aziendale. Al via l'academy 25/6/2015 Termina domani, 26 giugno, il free course dell'associazione con la discussione

Dettagli

Mobile Marketing Check up

Mobile Marketing Check up Indagine sulle strategie di Mobile Marketing in Italia Workshop 1 Dicembre 2015 Mobile Marketing Check up 1 Dicembre 2015, Iab Forum, Milano Agenda Workshop Mobile Marketing Analisi sulle strategie di

Dettagli

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private

Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Fonte primaonline.it 07 novembre 2013 12:19 Firmato l accordo tra Upa, Assocom e Unicom per le linee guida sulle gare di comunicazione private Upa, Assocom e Unicom hanno sottoscritto un documento che

Dettagli

Indagine 2011 Customer Satisfaction. Marzo 2011

Indagine 2011 Customer Satisfaction. Marzo 2011 Indagine 2011 Customer Satisfaction Marzo 2011 Obiettivi Per il terzo anno consecutivo, l UFFICIO MARKETING DI FIRE ha SVOLTO un indagine sul grado di soddisfazione dei propri CLIENTI, in base a un sistema

Dettagli

CasaNoi + Adv Media Lab presentano. Pacchetto impresa Web

CasaNoi + Adv Media Lab presentano. Pacchetto impresa Web presentano Il nostro obiettivo, il vostro successo Aumenta i contatti per la tua iniziativa immobiliare Siamo un gruppo di professionisti che offre strumenti di comunicazione e web-marketing immobiliare

Dettagli

Il caso Vesta Automation: Anche la user experience diventa integrata

Il caso Vesta Automation: Anche la user experience diventa integrata Il caso Vesta Automation: Anche la user experience diventa integrata CADENAS SOLUTION FORUM 2016 Bologna 21 Aprile 2016 www.vesta.it www.workup.it IL GRUPPO VESTA 1980 1984 2014 SYSTEM INTEGRATOR IL CLIENTE

Dettagli

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 WEB MARKETING 2.0 La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 È un stato di evoluzione del Web, caratterizzato da strumenti e piattaforme che enfatizzano la collaborazione e la condivisione

Dettagli

Cosa significa misurare una strategia Riflessioni e pratiche dal mondo dell impresa. Andrea Manfredi Roma, 25 Novembre 2013

Cosa significa misurare una strategia Riflessioni e pratiche dal mondo dell impresa. Andrea Manfredi Roma, 25 Novembre 2013 Cosa significa misurare una strategia Riflessioni e pratiche dal mondo dell impresa Andrea Manfredi Roma, 25 Novembre 2013 Contenuti del documento SuperMoney Media Group Blasting News Cosa significa misurare

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

Mobile Advertising & Marketing: radiografia di uno scenario promettente

Mobile Advertising & Marketing: radiografia di uno scenario promettente Advertising & Marketing: radiografia di uno scenario promettente Marta Valsecchi - Responsabile Ricerca Osservatorio Marketing & Service Ecosystem: il circolo virtuoso è in atto In arrivo i wearable device

Dettagli

MOBILE ADVERTISING WHAT DO YOU THINK?

MOBILE ADVERTISING WHAT DO YOU THINK? ANALISI QUALI-QUANTITATIVA GIUGNO 2015 www.shaa.it METODOLOGIA La ricerca è stata condotta tra il mese di marzo ed aprile 2015 su un gruppo di 39 professionisti del settore digital facenti parte delle

Dettagli

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI

I N D I C E LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI COACHING LE PERSONE SONO L ELEMENTO CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI I N D I C E 1 [CHE COSA E IL COACHING] 2 [UN OPPORTUNITA DI CRESCITA PER L AZIENDA] 3 [ COME SI SVOLGE UN INTERVENTO DI COACHING ]

Dettagli

Web & Social Big Data Monitoring and Analysis. www.web-live.it

Web & Social Big Data Monitoring and Analysis. www.web-live.it Web & Social Big Data Monitoring and Analysis www.web-live.it 1 Ascolto e analisi del web e dei social Le 7 buone ragioni 1. Valutare e misurare l efficacia della propria comunicazione 2. Scoprire le tendenze

Dettagli

Comunicare Domani. Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2008. Milano, 26 giugno 2008

Comunicare Domani. Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2008. Milano, 26 giugno 2008 Comunicare Domani Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2008 Milano, 26 giugno 2008 Il mercato della comunicazione in Italia Le previsioni per il 2008 e la vision di AssoComunicazione

Dettagli

Scoprite chi siamo e cosa facciamo

Scoprite chi siamo e cosa facciamo Scoprite chi siamo e cosa facciamo Atrativa è una realtà che nasce per soddisfare i bisogni delle aziende che necessitano di specifici servizi web e consulenze professionali, col fine di migliorare la

Dettagli

Audiweb @ IAB Seminar Mobile presenta i trend dello scenario internet in Italia e illustra il programma di sviluppo Audiweb 2.0

Audiweb @ IAB Seminar Mobile presenta i trend dello scenario internet in Italia e illustra il programma di sviluppo Audiweb 2.0 Audiweb @ IAB Seminar Mobile presenta i trend dello scenario internet in Italia e illustra il programma di sviluppo Audiweb 2.0 Aumentano del 45,3% negli ultimi due anni gli italiani che dichiarano di

Dettagli

ALWAYS ON MARKETING, IN AN ALWAYS ON WORLD ADVERTISING DIGITALE CON ROCKET FUEL

ALWAYS ON MARKETING, IN AN ALWAYS ON WORLD ADVERTISING DIGITALE CON ROCKET FUEL ALWAYS ON MARKETING, IN AN ALWAYS ON WORLD ADVERTISING DIGITALE CON ROCKET FUEL AGENDA 1. ALWAYS ON MARKETING: INTRODUZIONE 2. 11 CONSIGLI FONDAMENTALI PER LA PUBBLICITÀ PROGRAMMATICA 3. L ALGORITMO DI

Dettagli

OGNI GIORNO SELEZIONIAMO LE NEWS CHE PARLANO DI TE

OGNI GIORNO SELEZIONIAMO LE NEWS CHE PARLANO DI TE OGNI GIORNO SELEZIONIAMO LE NEWS CHE PARLANO DI TE MISSION Sapere per decidere, conoscere per orientare le scelte, informarsi per agire in modo corretto. In ogni settore, oggi è più che mai è necessario

Dettagli

Alberto Dal Sasso Advertising Information Services Business Director Nielsen Italia

Alberto Dal Sasso Advertising Information Services Business Director Nielsen Italia Data round table Michele Marzan Vice Presidente IAB Italia Alberto Dal Sasso Information Services Business Director Nielsen Italia Marta Valsecchi Responsabile della Ricerca dell'osservatorio New Media

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane

Benefici, costi e aspettative della certificazione ISO 14001 per le organizzazioni italiane Università degli Studi di Padova Dipartimento Ingegneria Industriale Centro Studi Qualità Ambiente In collaborazione con ACCREDIA Ente Italiano di Accreditamento Benefici, costi e aspettative della certificazione

Dettagli

FOCUS. www.wikabu.com

FOCUS. www.wikabu.com FOCUS WIKABU: l innovativa app mobile che consente agli utenti di scoprire dove acquistare i prodotti visti in pubblicità (cartacea, cartellonistica e digitale). Il servizio mira a soddisfare sia il bisogno

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione

Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Parte V Pianificazione, organizzazione e controllo delle attività di comunicazione Corso di Comunicazione d Impresa - A.A. 2011-2012 Prof. Fabio Forlani - fabio.forlani@uniurb.it Cap. 23 Le competenze

Dettagli

Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa.

Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa. Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa. Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione Operiamo a sostegno delle piccole e medie imprese, degli enti pubblici e delle associazioni nella

Dettagli

METTITI COMODO... AL WEB PENSA PROMOBIT

METTITI COMODO... AL WEB PENSA PROMOBIT METTITI COMODO... AL WEB PENSA PROMOBIT WEB MARKETING SVILUPPO WEB DESIGN VISIBILITÀ E PUBBLICITÀ ON LINE FORMAZIONE E CONSULENZA MOTORI DI RICERCA Promobit genera traffico Internet qualificato che si

Dettagli

SOLUZIONE «EASY BLOGGING»:

SOLUZIONE «EASY BLOGGING»: CHEAT SHEET EASY BLOGGING SOLUZIONE «EASY BLOGGING»: L ATTUALITÀ DELLA TUA AZIENDA LA TUA AZIENDA É UNICA, RACCONTA PERCHÉ! Con il nuovo spazio NEWS della tua E*Page, puoi valorizzare l attualità della

Dettagli

La gestione dei rapporti con i fornitori è un tema cruciale per le grandi Aziende nello scenario attuale del mercato e delle sue logiche di sviluppo.

La gestione dei rapporti con i fornitori è un tema cruciale per le grandi Aziende nello scenario attuale del mercato e delle sue logiche di sviluppo. La gestione dei rapporti con i fornitori è un tema cruciale per le grandi Aziende nello scenario attuale del mercato e delle sue logiche di sviluppo. Il perfezionamento delle relazioni operative tra grandi

Dettagli

I BENEFICI ECONOMICI DELL INTERNET SEARCH: l esperienza di BNL

I BENEFICI ECONOMICI DELL INTERNET SEARCH: l esperienza di BNL I BENEFICI ECONOMICI DELL INTERNET SEARCH: l esperienza di BNL Marco Passafiume Resp. Segmento Individuals BNL Cetif, 25 novembre 2008 Agenda Il contesto di mercato Il ruolo dell Internet search in BNL

Dettagli

effetto evento Indagine conoscitiva sulla diffusione degli strumenti di comunicazione nelle aziende italiane Focus sull organizzazione di eventi

effetto evento Indagine conoscitiva sulla diffusione degli strumenti di comunicazione nelle aziende italiane Focus sull organizzazione di eventi effetto evento Indagine conoscitiva sulla diffusione degli strumenti di comunicazione nelle aziende italiane Focus sull organizzazione di eventi INTRODUZIONE I risultati che riportiamo nelle pagine seguenti

Dettagli

SOLUZIONI E SERVIZI PER I MEDIA. vwd group Italia

SOLUZIONI E SERVIZI PER I MEDIA. vwd group Italia SOLUZIONI E SERVIZI PER I MEDIA. vwd group Italia SAPPIAMO COSA È IMPORTANTE PER I VOSTRI LETTORI (*) POTER ACCEDERE ALL INFORMATIVA FINANZIARIA ATTRAVERSO IL PROPRIO GIORNALE DI RIFERIMENTO POTER CONTARE

Dettagli

Programma Gioventù in Azione 2007-2013

Programma Gioventù in Azione 2007-2013 Programma Gioventù in Azione 2007-2013 Questionario rivolto agli Enti pubblici, Gruppi informali, Organizzazioni e Giovani partecipanti coinvolti nel Programma GiA in FVG Udine, 30 gennaio 2012 L indagine

Dettagli

IAB Forum 2014: Audiweb presenta i dati sull evoluzione dell'audience online

IAB Forum 2014: Audiweb presenta i dati sull evoluzione dell'audience online IAB Forum 2014: Audiweb presenta i dati sull evoluzione dell'audience online La diffusione di internet in Italia è capillare: sono 40 milioni gli italiani che possono accedere a internet in Italia, +6.8%

Dettagli

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011

Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Indagine L attività delle Agenzie Immobiliari in Italia nel 2010 Roma, aprile 2011 Obiettivi L Indagine sull attività delle Agenzie Immobiliari realizzata nel 2010 ha come obiettivo principale la verifica

Dettagli

Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web

Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web Le 5 cose da sapere prima di scegliere un preventivo per un nuovo sito web Sono sempre di più i liberi professionisti e le imprese che vogliono avviare o espandere la propria attività e hanno compreso

Dettagli

anthericaleadmaker troviamo nuovi clienti, facciamo crescere la tua attività Anno 2009, versione 1.0

anthericaleadmaker troviamo nuovi clienti, facciamo crescere la tua attività Anno 2009, versione 1.0 Anno 2009, versione 1.0 anthericaleadmaker troviamo nuovi clienti, facciamo crescere la tua attività Antherica Srl Via Passo Buole, 82 42123 Reggio Emilia Email: info@antherica.com Web: www.antherica.com

Dettagli

MiliteGroup. Cerchiamo le giuste combinazioni per il successo di ogni azienda. Company profile

MiliteGroup. Cerchiamo le giuste combinazioni per il successo di ogni azienda. Company profile Cerchiamo le giuste combinazioni per il successo di ogni azienda. Company profile Chi siamo Milite Group è una società specializzata nella consulenza marketing, amministrativa e tecnica per aziende che

Dettagli

Il marketing dei servizi

Il marketing dei servizi Il marketing dei servizi Il gap 2: la progettazione del servizio e gli standard operativi visibili e misurabili dai clienti 22 P f ROBERTO PAPA GAP 2: il gap di progettazione del servizio Il secondo gap

Dettagli

Digital PR e performance: perché inserire i branded content nel media plan e come ottenere risultati misurabili.

Digital PR e performance: perché inserire i branded content nel media plan e come ottenere risultati misurabili. Digital PR e performance: perché inserire i branded content nel media plan e come ottenere risultati misurabili. Iab Forum Milano, 25-26 Novembre 2014 Chi siamo Siamo un agenzia di web marketing basata

Dettagli

Le risposte del rapporto SINTESI

Le risposte del rapporto SINTESI SINTESI Il rapporto Crescita digitale. Come Internet crea lavoro, come potrebbe crearne di più, curato da Marco Simoni e Sergio de Ferra (London School of Economics) per Italia Futura, in collaborazione

Dettagli

marketing highlights Google Analytics A cura di: dott. Fabio Pinello

marketing highlights Google Analytics A cura di: dott. Fabio Pinello marketing highlights Google Analytics A cura di: dott. Fabio Pinello Google Analytics è uno strumento gratuito fornito da Google per monitorare il traffico di visite dei siti web su cui è installato. Cos

Dettagli

Audiweb pubblica i risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia e i dati di audience del mese di dicembre 2013

Audiweb pubblica i risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia e i dati di audience del mese di dicembre 2013 Audiweb pubblica i risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia e i dati di audience del mese di dicembre 2013 Nel 2013 l accesso a internet da qualsiasi luogo e strumento ha

Dettagli

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Milano, 30 Giugno 2010 Scaricato da www.largoconsumo.info Il mercato della comunicazione mondiale Le previsioni per

Dettagli

GET TO THE POINT. Si distingue per la flessibilità e la rapidità con le quali affronta le richieste del cliente.

GET TO THE POINT. Si distingue per la flessibilità e la rapidità con le quali affronta le richieste del cliente. GET TO THE POINT GET TO THE POINT Mesa-lab si affaccia nel mondo della comunicazione nel 1994. Cresce fino a diventare una new media agency in grado di affrontare autonomamente ogni esigenza nel campo

Dettagli

monitoraggio aslromag.info analisi anno 2013

monitoraggio aslromag.info analisi anno 2013 Le Linee Guida per i siti Web della P.A., redatte in base al art. 4 della Direttiva n. 8/2009 del Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione prevedono la pubblicazione periodica dei Dati

Dettagli

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO

LA REDAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO Istituto superiore per la Ricerca e la Protezione Ambientale Ministero del Lavoro, Salute e Politiche Sociali In collaborazione con: Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero

Dettagli

COMUNICAZIONE ITALIANA

COMUNICAZIONE ITALIANA COMUNICAZIONE ITALIANA Il Business Social Media che comunica su carta, interagisce su internet, decide di persona. Edizioni Servizi Eventi COMUNICAZIONE ITALIANA Il Business Social Media che comunica su

Dettagli

Sezione: 5. FORMAZIONE

Sezione: 5. FORMAZIONE Scopri come Creare e Vendere viaggi online! Sezione: 5. FORMAZIONE Il Corso base e la formazione online Sai come si diventa Consulenti di viaggi online? La formazione è alla base di qualsiasi percorso...

Dettagli

www.offertesicurezza.it il portale che mette in contatto in modo veloce ed automatico domanda ed offerta

www.offertesicurezza.it il portale che mette in contatto in modo veloce ed automatico domanda ed offerta Offertesicurezza www.offertesicurezza.it il portale che mette in contatto in modo veloce ed automatico domanda ed offerta 1 Cos è e perché offerte sicurezza Con il sito www.offertesicurezza.it abbiamo

Dettagli

Audiweb pubblica i risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia e i dati di audience del mese di marzo 2013

Audiweb pubblica i risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia e i dati di audience del mese di marzo 2013 Audiweb pubblica i risultati della Ricerca di Base sulla diffusione dell'online in Italia e i dati di audience del mese di marzo 2013 L 80% della popolazione italiana tra gli 11 e i 74 anni, 38 milioni,

Dettagli

LA FORMULA. TERZA PARTE: DOVE TROVARLI Indirizzi e recapiti per viaggiare sicuri. I QUADERNI SI ARTICOLANO IN TRE PARTI:

LA FORMULA. TERZA PARTE: DOVE TROVARLI Indirizzi e recapiti per viaggiare sicuri. I QUADERNI SI ARTICOLANO IN TRE PARTI: LA FORMULA PROFILO EDITORIALE: La collana de I Quaderni della Comunicazione nasce come una guida mensile rivolta alle Aziende per aiutarle a orientarsi nei diversi meandri della comunicazione commerciale.

Dettagli

FORMAGGIO.IT. L ambasciatore del formaggio ITALIANO nel mondo

FORMAGGIO.IT. L ambasciatore del formaggio ITALIANO nel mondo FORMAGGIO.IT L ambasciatore del formaggio ITALIANO nel mondo IL PORTALE NUMERO 1 AL MONDO DEI FORMAGGI MADE IN ITALY UNO STRUMENTO DI CONOSCENZA PER IL CONSUMATORE, UNO STRUMENTO DI MARKETING PER IL PRODUTTORE.

Dettagli

Claudia Costantini costantini.pe.camcom@eccellenzeindigitale.it

Claudia Costantini costantini.pe.camcom@eccellenzeindigitale.it Claudia Costantini costantini.pe.camcom@eccellenzeindigitale.it Lo scenario mondiale Fonte: We are social Lo scenario italiano Fonte: We are social La gestione dei contenuti Il mito da sfatare: dei Social

Dettagli

Pierre Naggar EU Managing Director. Il Real- Time Bidding: Successi, Sfide e Opportunità

Pierre Naggar EU Managing Director. Il Real- Time Bidding: Successi, Sfide e Opportunità Pierre Naggar EU Managing Director Il Real- Time Bidding: Successi, Sfide e Opportunità A quali cambiamenti abbiamo assistito negli ultimi 15 anni? 2 Dal modello di trading tradizionale BRANDS AGENCY MARKET

Dettagli

Google AdWords Servizio Jumpstart. Come iniziare con Adwords

Google AdWords Servizio Jumpstart. Come iniziare con Adwords Google AdWords Servizio Jumpstart Come iniziare con Adwords Agenda Le dinamiche della ricerca Google AdWords Il Servizio Jumpstart Costi Come iniziare La Search come gate di ingresso. 2.6 miliardi Ricerche

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

LA FORMULA. TERZA PARTE: DOVE TROVARLI Indirizzi e recapiti per viaggiare sicuri. I QUADERNI SI ARTICOLANO IN TRE PARTI:

LA FORMULA. TERZA PARTE: DOVE TROVARLI Indirizzi e recapiti per viaggiare sicuri. I QUADERNI SI ARTICOLANO IN TRE PARTI: LA FORMULA PROFILO EDITORIALE: La collana de I Quaderni della Comunicazione nasce come una guida mensile rivolta alle Aziende per aiutarle a orientarsi nei diversi meandri della comunicazione commerciale.

Dettagli

Come gestire i Social Network

Come gestire i Social Network marketing highlights Come gestire i Social Network A cura di: Dario Valentino I Social Network sono ritenuti strumenti di Marketing imprescindibili per tutte le aziende che svolgono attività sul Web. Questo

Dettagli

Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet

Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet Informazione ICT, prima di tutto Webnews è il giornale on line che racconta quotidianamente l attualità tecnologica. Originale. Credibile. Puntuale.

Dettagli

Come Luogo Armonico promuove la tua azienda

Come Luogo Armonico promuove la tua azienda Come Luogo Armonico promuove la tua azienda Luogo Armonico Environmental Quality Agency PER PROMUOVERE LA TUA AZIENDA Raccontiamo i principi etici sostenibili che fondano la tua filosofia di qualità ambientale,

Dettagli

Manuale Employee Branding

Manuale Employee Branding Manuale Employee Branding Come coinvolgere i colleghi, per una azione di successo sui social media Luglio 2014 1 Indice 1. A COSA SERVE QUESTO MANUALE... 3 2. INSIEME SUI SOCIAL MEDIA... 3 3. INIZIAMO

Dettagli

La fusione tra servizio e qualità

La fusione tra servizio e qualità La fusione tra servizio e qualità esperienza e competenza Banca Aletti è dal 2001 il polo di sviluppo delle attività finanziarie del Gruppo Banco Popolare. All attività di Private Banking si affiancano

Dettagli

Indagine su: L approccio delle aziende e delle associazioni nei confronti dell accessibilità dei siti web

Indagine su: L approccio delle aziende e delle associazioni nei confronti dell accessibilità dei siti web Indagine su: L approccio delle aziende e delle associazioni nei confronti dell accessibilità dei siti web Gennaio 2005 Indice Introduzione Obiettivo e metodologia dell indagine Composizione e rappresentatività

Dettagli

PROGETTO EDITORIALE INSIDE MARKETING - Pull information

PROGETTO EDITORIALE INSIDE MARKETING - Pull information PROGETTO EDITORIALE INSIDE MARKETING - Pull information Inside Marketing rappresenta il passo in avanti necessario per lavorare in un ambiente sempre più multitasking e sempre più ricco di stimoli. Il

Dettagli

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca.

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1 La rappresentazione nella pubblicità Premessa La letteratura internazionale ha affrontato negli ultimi anni la pubblicità che utilizza i bambini

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO Sommario

ISTRUZIONI PER L USO Sommario ISTRUZIONI PER L USO Sommario PRESENTAZIONE... 2 DESCRIZIONE... 3 PROFILO UTENTE... 5 PAGINA AZIENDA... 6 PAGINA ASSOCIAZIONE... 9 DISCUSSIONI...12 GESTIONE AZIENDALE...13 DOMANDE...14 MERCATO DEL LAVORO...15

Dettagli

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna

A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia di Bologna A r e a F o r m a z i o n e U n a p r o p o s t a f o r m a t i v a p e r i l t e r z o s e t t o r e C o m e f a r e p r o g e t t a z i o n e A cura di: AREA FORMAZIONE Istituzione G.F.Minguzzi Provincia

Dettagli

25 novembre 2014 Ecommerce: acquisire nuovi clienti sviluppando una strategia SEO e Paid Search basata sull analisi delle performance e dei mercati

25 novembre 2014 Ecommerce: acquisire nuovi clienti sviluppando una strategia SEO e Paid Search basata sull analisi delle performance e dei mercati 25 novembre 2014 Ecommerce: acquisire nuovi clienti sviluppando una strategia SEO e Paid Search basata sull analisi delle performance e dei mercati Mamadigital Search Engine Marketing Online Advertising

Dettagli