IL CORRIERE DELLA SCIENZA... I.I.S.S. BOSELLI N 18 Giugno 2011 In questo numero :

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CORRIERE DELLA SCIENZA... I.I.S.S. BOSELLI N 18 Giugno 2011 In questo numero :"

Transcript

1 I.I.S.S. BOSELLI N 18 Giugno 2011 In questo numero : L isola di Samoa La biodiversità in Liguria Bandiere blu in Liguria Operazione mani pulite Pagina 3 Pagina 6 Pagina 9 Pagina 11 L intelligenza delle piante Sommario Qual è l organismo più grande del pianeta? Molti probabilmente risponderanno la balena. E invece sbagliano, infatti il più grande esemplare è la sequoia gigante. Una pianta! Scoperte preziose in Liguria 2 Aromatica festival in Liguria 2 L Isola di Samoa 3 Le foreste in Liguria 4 La distruzione dei boschi 5 Le biodiversità in Liguria 6 Parchi e aree protette della Liguria 7 Area delle Cinque Terre 8 Alberi secolari di Savona 9 Bandiere blu in Liguria 9 L impianto Stoppani a Cogoleto 10 Operazione mani pulite 11 Testuggini in Liguria 12 Quanto tempo ti resta da vivere? 12 Tutti pensano che i vegetali siano immobili (sessili). Anche questo però è un errore! Infatti le piante si muovono eccome, solo che i loro movimenti sono sul posto e molto lenti (ovviamente ci sono delle eccezioni, come la Mimosa pudica che si chiude immediatamente al minimo contatto o come gli scatti rapidissimi delle piante carnivore). Quanto al fatto di sentirle è solo questione di saperle ascoltare: esse hanno un ricchissimo sistema di comunicazione, costituito da una grande varietà di molecole (amminoacidi, zuccheri, sostanze volatili) con cui dialogano con le altre piante o con gli animali. In questi ultimi anni la scoperta di un sistema interno di trasmissione delle informazioni a livello delle radici che può essere considerato analogo al sistema nervoso degli animali. Tra gli artefici di questa scoperta c è Stefano Mancuso, direttore del Laboratorio internazionale di neurobiologia vegetale dell Università di Firenze, e uno dei fondatori della nuova disciplina della neurobiologia vegetale. Giulia Canepa PAGINA 1

2 I.I.S.S. BOSELLI N 18 Giugno 2011 Scoperte preziose in Liguria Geograficamente la Liguria risulta esclusa dai depositi italiani di oro alluvionale, ma questo non significa che necessariamente nei suoi fiumi non vi sia oro, semplicemente non ce ne sarà del tipo "alluvionale", quell'oro cioè trascinato a valle durante i processi delle ere glaciali. Considerando che questa regione è a Nord delimitata da catene montuose intervallate da varie valli dirette verso il mare e che tali valli siano accompagnate da relativi corsi d'acqua più o meno grossi, le possibili zone di ricerca, per lo meno d'ordine amatoriale, sono molteplici. Non bisogna confondere le possibilità estrattive d'ordine professionale o industriale con quelle hobbistiche, nel senso che le prime durante il loro operato devono sempre fare i conti sul rapporto spese/guadagni, fattore questo che fa necessariamente escludere a priori alcune località in cui il semplice cercatore amatoriale potrebbe fare ritrovamenti soddisfacenti. In pratica, anche se il cercatore amatoriale tende a frequentare le zone aurifere famose e già riconosciute in Italia esistano vari documenti che potrebbero portarci a ritrovamenti anche sorprendenti, per di più considerando il fatto che detti luoghi sono ancora tutti da capire e scoprire. In Liguria, come in molti altri posti, sussiste la condizione di cui sopra ed il suo terreno è morfologicamente ideale per le ricerche amatoriali. Chi preferisce "martellare" può fare piccole gite in montagna cercando d'individuare filoncelli di quarzo aurifero, mentre le persone che intendono dedicarsi alla ricerca dell'oro nei fiumiciattoli, hanno solo da scegliere tra i vari corsi d'acqua nel suo entroterra. Una volta era proprio quest'ultimo il metodo in uso per trovare i filoni auriferi: quando con la semplice batea si trovava dell'oro, si risaliva il torrente ripetendo via via la medesima operazione più in alto, cercando così d'individuare la sua zona di provenienza. Infine, ma non per ordine d'importanza, da non sottovalutare il fatto che in Piemonte, proprio in alcune zone delle montagne confinanti con la Liguria ci sono grosse concentrazioni di oro, come ad esempio nel Gorzente. Amore Desirè Aromatica Festival in Liguria L Aromatica Festival Basilico, erbe e profumi del Ponente ligure è una manifestazione che intende far conoscere e promuovere a livello nazionale il Basilico DOP, le erbe aromatiche, l asparago violetto, l aglio di Vessalico, l Olio extravergine di Oliva Taggiasca, i vini Vermentino, Pigato, Rossese e tanti altri prodotti tipici della nostra regione. L appuntamento, che rientra nell ambito della Festa di Primavera, è promosso ed organizzato dalla Regione Liguria, dalla Provincia di Imperia, dalla Camera di Commercio di Imperia, dalle Associazioni di categoria e dai sette Comuni del Golfo di Diana: Cervo, Diano Arentino, Diano Castello, Diano Marina, Diano San Pietro, San Bartolomeo al Mare e Villa Faraldi. Iniziativa che intende valorizzare le spezie che il nostro territorio propone. Nicole Beiso PAGINA 2

3 I.I.S.S. BOSELLI N 18 Giugno 2011 L isola di Samoa fa un salto avanti di 24 ore per raggiungere l Asia I Samoani perderanno un giorno di vita quando salteranno il prossimo 31 dicembre 2011 cancellando di fatto un giorno intero dal calendario, passando direttamente nell anno 2012 senza gustarsi l ultimo giorno dell anno. I cittadini sono stanchi di perdere due giorni lavorativi a causa della collocazione della città nella linea internazionale del cambio di data, cioè si trova a 21 ore di distanza dall - Australia e a 23 ore dalla Nuova Zelanda. Il governatore, delle nove isole nel cuore del Pacifico, ha spiegato che il loro paese si trova due giorni indietro rispetto ai territori vicini (Australia, Nuova Zelanda), infatti quando è venerdì, negli altri paesi è sabato o che quando è domenica a Sydney e Brisbane è lunedì e si lavora. Questa decisione era già stata presa nel 1892 quando un uomo d affari statunitense aveva convinto i samoani a saltare dall altra parte della linea per agevolare il commercio con quella parte del mondo, quando gli abitanti si trovarono a celebrare due volte il 4 luglio, il Giorno dell'indipendenza americano. Oltretutto la linea del cambiamento di data tracciata dai cartografi non viene imposta da alcun organismo internazionale. Quindi il 30 dicembre 2011 l isola di Samoa fa un salto di 24 ore per raggiungere l Asia e mettersi in pari con gli altri paesi. Non che questo cambio non comporti dei costi per il paese del Pacifico: Samoa si è promossa, dal punto di vista turistico, come l'ultimo Paese sulla Terra dove tramonta il sole. Annalisa Gentili PAGINA 3

4 I.I.S.S. BOSELLI N 18 Giugno 2011 Le foreste in Liguria In Liguria c è una grande presenza di foreste. La superficie forestale copre oltre due terzi di un territorio ristretto dove convivono ambienti molto diversi tra loro. Tuttavia l - abbandono demografico delle aree interne, ha determinato una lontananza culturale del mondo urbano da quello forestale. La Liguria è ricoperta per il 62,5 % da boschi ed è insieme al Trentino la regione d Italia con più foreste. Le provincie con maggior superficie a bosco risultano essere Genova e Savona, sia in termini assoluti che in percentuale sulla superficie totale. La distribuzione boschiva risulta così ripartita: Genova ha (63,5% del totale) e Savona ha (73% del totale); segue Imperia, con ha (50% del totale) e La spezia, con ha (58% del totale). Boschi di latifoglie Composizione prevalente Le nostre foreste sono formate, come ci mostra il grafico, prevalentemente da latifoglie decidue con l 83%. Mentre le latifoglie sempreverdi rappresentano solamente il 4% dei boschi alti, mentre le conifere il 13%. Per quanto riguarda i boschi di latifoglie, cioè i più diffusi, essi sono rappresentati in prevalenza da castagneti ( ha, 38% delle latifoglie totali), ostrieti e carpineti (circa ha, 15%), boschi a rovere, roverella e farnia ( ha, 15%) e faggete ( ha, 13%). Le leccete rappresentano solamente il 5% del totale delle latifoglie. Angela Mazza PAGINA 4

5 I.I.S.S. BOSELLI N 18 Giugno 2011 Distruzione dei boschi I nostri boschi ogni giorno vengono abbattuti, nonostante essi siano fondamentali per la nostra sopravvivenza. Alcune delle cause della distruzione dei nostri boschi sono la deforestazione e gli incendi. Per quanto riguarda le tagliate negli scorsi anni il numero di queste, è aumentato. È sempre difficile definire l origine di un incendio, ma è certo che alla base di un incendio boschivo c è sempre la mano dell uomo in quanto le cause naturali sono trascurabili. In seguito ad alcuni studi si sono ottenuti dati più precisi circa la natura e la causa degli incendi boschivi. Osservando il grafico si capisce che il 74 % degli incendi boschivi sono dolosi e vengono appiccati per via dell uomo per mezzo di azioni volontarie. Angela Mazza Cause degli inneschi degli incendi E sempre difficile definire l origine di un incendio, ma è certo che alla base di un incendio boschivo c è sempre la mano dell uomo in quanto le cause naturali sono trascurabili. In seguito a studi più precisi, si sono ottenuti altri dati sulle cause degli incendi boschivi. PAGINA 5

6 I.I.S.S. BOSELLI N 18 Giugno 2011 Le biodiversità in Liguria La Liguria è una regione veramente speciale situata ai confini della Francia, è attraversata dalle Alpi Italo-Francesi, ma è anche completamente bagnata dal mare, e questo fa si che questa regione Italiana sia un territorio particolare dal punto di vista geografico, climatico e delle biodiversità. Montagne, colline, mare, tutto concentrato in una striscia di terra molto ampia, con giornate e luoghi che oscillano dal freddo al caldo quasi tropicale, dove ci sono luoghi con una natura ancora incontaminata, che rendono possibile la sopravvivenza di numerosi generi di piante ed animali che altrove si sono ormai estinti. La fauna e la flora della Liguria è veramente ricca, e la stessa Liguria vanta manifestazioni e città famose come per esempio Sanremo che non a caso è soprannominata la città dei fiori; grazie al suo clima caldo umido e alla sua conformazione particolare tra mare, colline e montagne. In Liguria è facile ammirare piante ed animali a volte anche bizzarri che qui riescono a sopravvivere grazie alla tutela delle leggi Italiane che a differenza di quello che è avvenuto sulla costa francese sono riuscite a preservare la natura e le sue caratteristiche selvagge. Facilmente si possono ammirare, boschi di castagni, pini, quercie, con arbusti e piante di ogni genere, e nei mesi invernali con funghi di ogni genere, ma soprattutto merita particolare attenzione la fauna Ligure che è veramente ricca e speciale. I boschi Liguri sono pieni di animali come volpi, fagiani, cinghiali, maiali selvatici, ma anche falchi e non è difficile incontrare in alcune zone perfino delle aquile. Vicino ai ruscelli è facile trovare rane, salamandre e serpenti come la biscia, ma anche la pericolosa vipera. Con le sue centinaia di specie di ragni particolari come per esempio l'argiope bruenicchi o anche chiamato ragno vespa, oppure l'unica specie di ragno mortale italiano ovvero la malmignatta che è parente della vedova nera americana. Anche insetti molto suggestivi come per esempio la mantide religiosa oppure le lucciole, la Liguria rapprenta un vero paradiso naturale per gli amanti della natura e della tranquillità. Caratteristico è anche lo scorpione nero, uno delle due uniche specie italiane, ovvero l'euscorpius Italicus, il quale non è mortale. Comprare una casa nelle campagne Liguri, significa assicurarsi un posto utile per sfuggire dallo stress quotidiano della città, dai suoi rumori, dal suo smog, senza però rinunciare alle comodità moderne, perchè a pochi kilometri ci sono sempre le città costiere, ricche di negozi e di svaghi di o- gni genere. Silvia Giacobbe PAGINA 6

7 I.I.S.S. BOSELLI N 18 Giugno 2011 Parchi e aree protette della Liguria La Liguria presenta una notevole varietà di paesaggi naturali, non soltanto marini. Accanto alle spiagge e scogliere, troviamo nell'interno rilievi montuosi ricchi di boschi, prati e pascoli con borghi medievali nascosti in valli profonde. Qui si incontrano le Alpi e gli Appennini, le due principali catene montuose italiane, che in Liguria raggiungono la loro minima distanza dal mare. la Liguria risulta oggi una delle regioni italiane più ricche di boschi. Si tratta in molti casi di boschi cedui, ma non mancano esempi di splendide fustaie, di faggi e abeti. E stato istituito ( 2007) l'importante Parco delle Alpi Liguri. Diversi i parchi regionali e le riserve statali che interessano aree ad elevato pregio ambientale e paesaggistico. Il Parco Naturale del Beigua si trova nell'entroterra di Varazze e occupa una superficie di ettari nelle Province di Genova e Savona. Il Beigua è un massiccio montuoso di roccia ofiolitica che si innalza a m alle spalle di Varazze, Cogoleto e Arenzano. Il Monte Reisa (1.183 m), è posto a soli 5 km in linea d'aria da Arenzano. I prati alla somma del massiccio offrono panorami vastissimi, dalle Alpi alla Corsica e all'isola d'elba. I versanti meridionali, aspri e rocciosi, sono solcati da rii che danno origine a laghetti e piccole cascate; quelli settentrionali, più dolci e verdeggianti, sono coperti da boschi di faggio e castagno. Le vette ospitano una flora di grande interesse botanico. Molti gli uccelli rapaci, mentre i boschi sono frequentati da caprioli e cinghiali. Incisioni rupestri testimoniano la presenza dell'uomo fin dalla preistoria, grazie all'abbondanza di acqua e legname che diede impulso in epoche più recenti ad attività preindustriali legate alla lavorazione del ferro, del vetro e della carta. La Riserva Naturale Regionale Bergeggi interessa l'omonima piccola isola, a poca distanza dal tratto di costa compreso tra Bergeggi e Spotorno, un suggestivo cono di roccia calcarea che raggiunge i 53 metri di altitudine. Si trova nel territorio comunale di Bergeggi, in provincia di Savona. L'isolotto è roccioso e dirupato, ricoperto solo in parte da vegetazione mediterranea. Tra le specie vegetali più interessanti troviamo la Campanula sabatia, presente solo nella Liguria occidentale, e l'euforbia arborea (Euphorbia dendroides), un arbusto che perde le foglie all'inizio dell'estate per farle rinascere in autunno. Sede di comunità monastiche, vi si trovano rovine di edifici militari e religiosi oltre ai resti di un edificio, probabilmente un faro, di età romana.. I fondali marini prospicienti l'area protetta presentano un notevole interesse, sia dal punto di vista geologico, sia da quello biologico. La falesia calcarea emersa ospita un'importante cavità carsica, nota in passato soprattutto per i reperti paleontologici e per le testimonianze di oscillazioni quaternarie del livello marino. Gloria Gamba PAGINA 7

8 I.I.S.S. BOSELLI N 18 Giugno 2011 Area marina protetta delle Cinque Terre Istituita con Decreto del Ministero dell Ambiente del 12/12/1997 è inserita all interno del Parco Nazionale delle Cinque Terre e comprende i comuni di Riomaggiore, Vernazza, Monterosso e per una piccola porzione Levanto. La sua finalità è quella di tutelare e valorizzare le caratteristiche naturali, chimiche, fisiche e delle biodiversità marine e costiere attraverso interventi di recupero ambientale in collaborazione con il mondo accademico e scientifico. Per questi motivi vengono realizzati con continuità programmi di studio, di monitoraggio e di ricerca scientifica nei settori delle scienze naturali e della tutela ambientale, con l obiettivo di assicurare la conoscenza del territorio, la promozione di uno sviluppo sostenibile dell ambiente con particolare attenzione alla valorizzazione delle attività tradizionali, delle culture locali e del turismo ecocompatibile. Le ricche acque della riserva marina costituiscono un importante zona dal punto di vista biologico da essere paragonate alle acque atlantiche, infatti un favorevole sistema di correnti garantisce il rimescolamento delle acque con la risalita delle sostanze nutritive depositate in profondità, le quali grazie all azione dei venti invernali vengono distribuite sulla totalità della distesa marina. Per queste caratteristiche tutte le estati circa 2000 balenottere e migliaia di altri cetacei si ritrovano nel bacino Ligure-Provenzale per nutrirsi in vista dell inverno. All interno dell area marina è stato istituito nel 1999 il Santuario dei Cetacei con un accordo stipulato tra Francia, Principato di Monaco e Italia. Le acque del Santuario sono caratterizzate da particolari condizioni ambientali che hanno favorito l instaurarsi di una catena alimentare favorevole ai cetacei che annualmente transitano in queste acque. Le coste comprendono falesie a strapiombo sul mare, baie, grotte, anfratti fra gli scogli e piccole spiaggette. In questo tratto di mare che va dalla zone di Punta Mesco a Monterosso ha quella di Capo Montenegro a Riomaggiore, le pareti roccioso sono popolate da innumerevoli gorgonie (come la policroma Leptogorgia Sarmentosa e la bianca Eunicella Verrucosa, una specie rara nel Mediterraneo ma comune in queste acque; numerosa è pure la rarissima Gerardia Savaglia o Corallo nero). Lungo la costa è presente la Posidonia Oceanica, una pianta che forma fitte praterie luogo di rifugio e di produzione per innumerevoli organismi. I fondali dell area marina sono considerati fra i più ricchi di fauna della Liguria come testimoniano le numerose ricerche scientifiche condotte sia in passato dai lustri scienziati quali Spallanzani e Issel sia oggi dal Centro Ricerche Ambiente Marino dell Enea di Santa Teresa (Sp). In questi fondali vivono numerosissime specie di cui alcune molto rare come le gorgonie o il mollusco Luria Luridia. Anna Tarchetti PAGINA 8

9 I.I.S.S. BOSELLI N 2010 Alberi secolari nella provincia di Savona Gli alberi c e n t e n a r i sono un monumento della natura e un simbolo del p a s s a t o. Sono legati alla storia dell'uomo perché sono sempre serviti da punto di riferimento, da riparo e da confine. Sono dei testimoni delle tradizioni popolari, di tanti racconti o leggende legati alla vita e alla cultura delle comunità tanto da meritare dei soprannomi la cui origine si perde nel tempo ma che tuttora caratterizzano dei luoghi (Tiglieto, Mele, Pigna, Cipressa). La loro memoria va oltre le due o tre generazioni ed è bello soffermarsi a pensare quante cose abbiano "visto", quante avversità abbiano superato, quante persone abbiano trovato rifugio dalla pioggia sotto le loro fronde, quanti bambini per gioco abbiano abbracciato il loro enorme tronco tenendosi per mano. Tutti gli alberi, ma soprattutto questi, sono un patrimonio da rispettare e proteggere. Come sono tutelati? Gli alberi monumentali della Liguria sono più di cento, tutelati come patrimonio di particolare interesse naturalistico, ambientale e storico culturale dalla L.R. n.4 del 22/01/1999 (art. 12). Distribuiti su tutto il territorio, appartengono a varie specie ed età: il più vecchio si stima abbia circa ottocento anni. Quali e Dove sono? I più conosciuti nella zona della provincia di Savona sono: Albenga: QUERCIA ROVE- RELLA di circa 300 anni, il tronco ha una circonferenza di circa 5 metri e l altezza di 25m. Pietra Ligure: QUERCIA e CARRUBO di 200 anni. Finalborgo: PINO DOMESTICO di 200 anni, alto 20 metri e col tronco dalla circonferenza di 4 metri. Celle Ligure: gruppetto di QUERCE DA SUGHERO di cui una di 300 anni, alta 15 metri e con una circonferenza del tronco di 4metri. Alice Ronco Anche quest anno la Fee (Fondation for Environmental Education) ha assegnato le Bandiere Blu alle località italiane per la qualità dell ambiente. Le spiagge liguri sulle quali sventola la Bandiera Blu sono: Camporosso, Bordighera, Spotorno, Bergeggi, Finale Ligure, Noli, Savona Fornaci, Albissola Marina, Albisola Superiore, Celle Ligure, Varazze, Loano, Chiavari, Lavagna, Moneglia, Lerici e Ameglia. Ma... l'inquinamento inorganico, o chimico prodotto dalle industrie, dove va a finire? Questi scarichi di sostanze vengono raccolte dalle località costiere come ad esempio il Quiliano che raccoglie gli scarichi della Tirreno Power di Vado Ligure dove ha un elevata concentrazione Bandiera blu in Liguria di metalli, e il Lerone, che raccoglie gli scarichi della Stoppani di Cogoleto, sono due tra le località più inquinate dagli scarichi di sostanze chimiche dall industrie. Ma non è finita qua, la situazione peggiorerà quando daranno il via al dilatamento dei fondali della rada vadese per la posa degli enormi piloni di sostegno della megapiattaforma Maersk poiché si sono rilevate ad un chilometro dalla costa notevoli quantità (nettamente al di sopra dei limiti) di metalli pesanti, arsenico, idrocarburi e benzina. Dato che le acque del mare non sono così pulite come ci vogliono far credere e quindi si avviano ripercussioni sul turismo, l ambiente e provocando gravi danni alla nostra salute. Ester Hoxha PAGINA 9

10 I.I.S.S. BOSELLI N 18 Giugno 2011 Impianto della Stoppani a Cogoleto L impianto di Cogoleto viene smontato pezzo per pezzo, sotto gli occhi soddisfatti degli amministratori locali e i commenti nemmeno troppo preoccupati dei 74 operai che pare non perderanno il lavoro. Per la Stoppani di Cogoleto, da quando gli addetti ai lavori hanno valutato che il cromo esavalente e trivalente prodotto dalla fabbrica e regolarmente scaricato in mare, prima o poi avrebbe finito per fare a pugni con i businnes degli albergatori, è iniziato un conto alla rovescia della durata di due decenni. La svolta è iniziata il 22 settembre 2002, a causa di un alluvione centinaia di sacchi pieni di cromo, stoccati in un deposito a cielo aperto, si riversano prima nel torrente Lerone, da anni biologicamente morto, e poi nel Mar Ligure che pian piano si è tinto di blu cobalto. Per gli amministratori è il momento buono per imporre la chiusura dell attività chimica, dopo anni di preoccupanti dati, di allarmi ambientali poco ascoltati e di una perenne trattativa tra i rappresentanti dell impresa e le istituzioni locali, nella quale l ago della bilancia finiva sempre per essere il destino dei 74 dipendenti. Evidentemente un non-problema, ma efficace quando si trattava di metterlo sul tavolo delle trattative, visto che i 200 mila metri quadrati della fabbrica dovranno essere sottoposti a una bonifica che impegnerà uomini e addetti allo smaltimento dei rifiuti per i prossimi dieci anni, e che l - assessore regionale all Ambiente Franco Orsi (Fi) ha già sul tavolo un piano di recupero della zona che prevede la costruzione di porticciolo turistico con 150 mila metri cubi di villette a due piani. Ma più che una demolizione, quello della Stoppani è uno smontaggio. Perché il gruppo fondato all inizio del 1900 da Luigi Stoppani e che oggi sotto la guida di Plinio Stoppani conta ben 14 società e quattro unità produttive, qualche mese fa ha acquistato il 50 per cento dello stabilimento Russkij Chrom, con i suoi 1400 dipendenti. Dove? Ai piedi degli Urali, Russia, nella zona industriale di Ekaterinburg, il terzo distretto industriale della federazione russa. È la destinazione dei vecchi impianti di Cogoleto, di quei reparti per la lavorazione del salcromo che hanno impegnato la procura di Genova in un indagine decennale (terminata il novembre scorso in Corte d appello con la prescrizione del reato di omicidio colposo plurimo) sulla morte sospetta di quattordici operai tra il 1960 e il Esultano i sindaci di Arenzano e Cogoleto: «la Stoppani vada dove vuole, più lontano va meglio è», si complimenta l assessore regionale all Industria Giacomo Gatti, protagonista dell accordo di partnership ligure-russo, che esprime un giudizio doppiamente positivo sulla vicenda perché «così si risolve la vertenza di Cogoleto senza nemmeno chiudere un industria». Turismo ligure salvo, dunque, ma il problema non sembra risolto. Lo hanno solo trasferito. Andrea Jitaru PAGINA 10

11 I.I.S.S. BOSELLI N 18 Giugno 2011 Operazione mani pulite Forme influenzali, salmonella, enterovirus, rotavirus, che soprattutto nell infanzia sono veri flagelli, si possono trasmettere attraverso le mani. Il pericolo si annida, ad esempio, sulla maniglia dell'auto e più ancora su autobus, tram, metro, treno, pulsanti d' ascensori, per non parlare di starnuti e colpi di tosse soffocati con le dita davanti alla bocca. Lavarsi le mani, è l unico modo per difendersi e salvaguardare gli altri. Ma lavarsele bene, togliendo anelli e orologi sotto i quali, i germi rimangono al sicuro per mesi, passando bene il sapone fra le dita. Anche le unghie sono un grandissimo ricettacolo di germi, soprattutto se sono lunghe e ricostruite: vi si annidano stafilococchi e alte concentrazioni di batteri, anche lo smalto scheggiato è un pericolo. I lavaggi, sono comunque troppo sbrigativi e veloci ( secondi in complessivo). Alla fine, le mani continuano ad essere veicolo di trasmissione infettiva verso sè stessi, mangiando ad esempio il panino senza averle opportunamente pulite, o passando germi ad altre persone, magari con una semplice stretta di mano. Lavarsi le mani, ogni volta che si rientra a casa, sempre prima dei pasti, e ovviamente dopo essere stati alla toilette. I bambini che spesso, si mettono le dita in bocca, che giocano con la terra o la sabbia, sono i soggetti più a rischio. Come lavarsi correttamente le mani: Togliersi prima di tutto braccialetti ed orologi. Usare acqua corrente per circa secondi. Il movimento di base delle mani non consiste nel loro sfregamento, ma in quello avvolgente, una sull'altra, ripetutamente, lasciando che il getto scorra anche sui polsi e fra le dita. Utilizzare un sapone neutro, non troppo schiumoso. Risciacquare il tutto, per altri 30 secondi Gloria De Benedetti PAGINA 11

12 I.I.S.S. BOSELLI N 18 Giugno 2011 Testuggine palustre in Liguria : una specie in estinzione nella piana d Albenga Le dune sabbiose e le zone umide costiere rappresentano solo un ricordo perché sono zone completamente cancellate dalla carta geografica del nostro territorio. Questi habitat sono presenti ancora in minima parte nell Albenganese e quindi si sono persi molti tipi d - ecosistema d acqua dolce costieri. Recentemente è stata proposta l istituzione di un associazione SIC finalizzata alla tutela di questi habitat nei comuni di Garlenda e Villanova e in particolare alla conservazione della popolazione delle testuggini palustri nell Albenganese. Questa specie, considerata a rischio d estinzione, oggi viene protetta ai sensi di una legge sulla tutela della fauna minore. La testuggine almeno fino agli anni 60 era molto comune in tutti gli ambienti nella piana d Albenga e sconosciuta nel resto della Liguria. Le bonifiche e l utilizzo di pesticidi hanno portato questa specie sull orlo dell estinzione. Fino a 9 anni fa era ritenuta completamente estinta. I biologi dell acquario di Genova nel 1994 hanno scoperto che questa specie una volta era presente nell albenganese e quindi è stato rinserito un progetto di conservazione volto a ripristinare almeno una parte degli habitat e delle popolazioni naturali di questa specie. La strategia di intervento ha riguardato principalmente il recupero di esemplari e la loro riproduzione in cattività in condizioni semi-naturali. Elena Ganduglia Quanto tempo ti resta da vivere? A breve in Inghilterra sarà messo in vendita un test, ideato in Spagna, con un costo di circa 500 euro, che darà la risposta sul tempo che ci resta da vivere. Attraverso il test del DNA (da un prelievo di sangue), si analizza la lunghezza dei telomeri, porzione finale del cromosoma, che è indice dell invecchiamento cellulare. Poiché, in base alle divisioni cellulari i telomeri, si accorciano notevolmente. Piu la cellula tende a invecchiare avvicinandosi alla morte i telomeri diventano più brevi. Se i telomeri risultano più lunghi le aspettative di vita sono maggiori. Un quotidiano britannico ha annunciato l arrivo in Inghilterra di questo test. Si discute riguardo ai lati positivi e a quelli negativi, di questa scoperta. Potrebbe risultare molto utile prevedere la morte prematura a seguito di patologie neurologiche, ma anche di malattie come il cancro e problemi cardiovascolari. È una scoperta importante, perché così si è in grado di determinare la presenza di telomeri pericolosi, che sono quelli molto corti. Il rischio è che questo test diventi una fonte di guadagno per agenzie assicurative che emetterebbero polizze sulla vita e soprattutto si potrebbe scatenare l ossessione, su quanti anni restano da vivere. Il test invece dovrebbe essere visto come uno strumento in più per conoscere, curare e prevenire alcune conseguenze delle patologie del nostro organismo. Sei veramente sicuro di voler sapere quanto ti resta da vivere? La decisione spetta solamente a te! Anthea Cavo, Claudia Ngjela, Laura Strazzulli PAGINA 12

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159 CHE COS È IL CLIMA? L atmosfera: è l aria che circonda la Terra. Ti è capitato di vedere in televisione o su un giornale le previsioni del tempo? La persona che parla spiega che cosa succede nell aria

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª

DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª ALLA RI CERCA D EL PI CCOLO PAU L, I L CAMOSCI O PI Ù BELLO D EL MOND O - Salve amici! Siamo i camosci appenninici,

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra???

LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere di salvaguardia della terra??? DIREZIONE DIDATTICA DI MARANELLO SCUOLA DELL INFANZIA STATALE J.DA GORZANO PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE LA MAPPA DELLA SALUTE ovvero: com è che parlando,parlando, dalla frutta ci troviamo a discutere

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA Escursioni di Educazione Ambientale per la Scuola Media Proposte per l A.S. 2014-2015 Itinerari escursionistici disponibili (eco)sistema della Diga di Gurone.

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME

ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME Associazione Provinciale di Ravenna ENTERPRISE EBG EUROPEAN BUSINESS GAME COME PENSARE ALLA PROPRIA IDEA D IMPRESA IN 5 STEP 1 STEP UNO RIFLESSIONI PER INDIVIDUARE LE BUSINESS IDEA ALCUNI MODI PER INDIVIDUARE

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC

www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC www.ipaper.com/europe Questa brochure è stata stampata su carta IP Pro-Design, certificata PEFC Gestione forestale sostenibile Tutto quello che bisogna sapere Sommario 1. Che cosa si intende per gestione

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Club Alpino Italiano Sezione di Valenza Davide e Luigi Guerci Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Sabato 19 settembre 2015 Viaggio andata Ritrovo dei

Dettagli

P R E S E N T A ZI ONE

P R E S E N T A ZI ONE Continuing Education Seminars LA PIANIFICAZIONE DI DISTRETTO IDROGRAFICO NEL CONTESTO NAZIONALE ED EUROPEO 15 e 22 Maggio - 12 e 19 Giugno 2015, ore 14.00-18.00 Aula A Ingegneria sede didattica - Campus

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58

Pagliaccio. A Roma c è un. che cambia ogni giorno. 66 Artù n 58 format nell accostare gli ingredienti e da raffinatezza della presentazione che fanno trasparire la ricchezza di esperienze acquisite nelle migliori cucine di Europa e Asia da questo chef 45enne d origini

Dettagli

Annuario dei dati ambientali

Annuario dei dati ambientali Annuario dei dati ambientali CAPITOLO IV RADIAZIONI NON IONIZZANTI Autori: Giovanni FINOCCHIARO Coordinatore: ha fornito contributi: Patrizia VALENTINI ISPRA 2 IV. LA PERCEZIONE DEI CITTADINI EUROPEI E

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni)

SP- 06 SCHEDA PROGETTO S. BARTOLOMEO. Analisi, Obiettivi e Strategie. Progetto. Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) S. BARTOLOMEO SP- 06 Progetto Parametri progettuali- aree standard (prescrizioni) All interno del perimetro del PAC devono essere realizzati/ceduti i seguenti servizi: a) S5g - Servizi per la balneazione

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

La Banca Dati georeferenziata del Progetto Regionale Il lupo in Liguria

La Banca Dati georeferenziata del Progetto Regionale Il lupo in Liguria REGIONE LIGURIA Dipartimento Pianificazione Territoriale Giovanni Diviacco e Piero Ferrari La Banca Dati georeferenziata del Progetto Regionale Il lupo in Liguria Genova, Marzo 2009 SETTORE VALUTAZIONE

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces. .2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 2Modifiche in atto. Gli impatti Il riscaldamento globale Evidenze

Dettagli

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE SCIARE AL CORNO ALLE SCALE IL CORNO ALLE SCALE SPORT INVERNALI PER TUTTI E A TUTTI I LIVELLI, CALDA OSPITALITÀ E PIACEVOLI MOMENTI DI SVAGO E DI RELAX: È CIÒ CHE OFFRE IL CORNO ALLE SCALE, LA STAZIONE

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

L incanto di Boccadarno. Insieme cercammo un titolo da dare al tuo bel libro, ma fosti tu poi a sceglierlo, e d incanto appunto si trattava.

L incanto di Boccadarno. Insieme cercammo un titolo da dare al tuo bel libro, ma fosti tu poi a sceglierlo, e d incanto appunto si trattava. Nuova edizione Copyright 1995 Prima Ristampa 1996 Seconda Ristampa 2012 Edizioni ETS Piazza Carrara, 16-19, I-56126 Pisa info@edizioniets.com - www.edizioniets.com Finito di stampare nel mese di maggio

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone

Se fossi... Nicole Pesce. Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone Se fossi... Nicole Pesce Se fossi un libro mi leggerei da sola e mi lascerei leggere dalle altre persone se fossi un coppa mi lascerei osservare da tutti, ed essere contenta di essere con te, te che mi

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum);

farro medio o farro dicocco o semplicemente farro (Triticum dicoccum); Farro Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il farro, nome comune usato per tre differenti specie del genere Triticum, rappresenta il più antico tipo di frumento coltivato, utilizzata dall'uomo come nutrimento

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli