COMUNE DI COSTA DI ROVIGO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI COSTA DI ROVIGO"

Transcript

1 COMUNE DI COSTA DI ROVIGO

2 INDICE Il bilancio di inizio mandato Introduzione al bilancio di inizio mandato Organizzazione politica e amministrativa Giunta e deleghe operative Organizzazione dell'ente Personale e dotazione organica Valorizzazione del patrimonio Gestione del territorio e delle risorse Popolazione e crescita della società Territorio e valorizzazione dell'ambiente Economia e sviluppo delle potenzialità Accordi e convenzioni Strumenti di programmazione negoziata Organismi gestionali e servizi pubblici locali Convenzioni e altri accordi negoziali Vincoli di bilancio e contribuzione esterna Programmazione e vincoli di bilancio Disponibilità di risorse straordinarie Indebitamento e ricorso al credito Vincoli del patto di stabilità Servizi offerti e politica tributaria Finanziamento della gestione corrente Politica tributaria Servizi offerti al cittadino Opere pubbliche e scelte d'investimento Finanziamento degli investimenti Politica d'investimento

3

4 INTRODUZIONE AL BILANCIO DI INIZIO MANDATO Il Bilancio di inizio mandato, in diversi ambiti denominato PGS (Piano generale di sviluppo), riporta le linee programmatiche di governo dell''amministrazione per un periodo temporale che abbraccia l intero mandato elettivo. Questo strumento tende quindi ad accrescere il grado di concretezza presente nelle linee programmatiche della nuova amministrazione così da tradurre gli indirizzi generali in obiettivi chiari e perseguibili. Ci si colloca, a pieno titolo, nel processo di programmazione politica, un'aspetto spesso trascurato per favorire invece un'impostazione più orientata verso l aspetto contabile. Lo scopo è quindi quello di calare le strategie politiche nel loro reale contesto attuativo. Il piano generale di sviluppo è previsto come documento obbligatorio dall art. 165, comma 7, del Testo unico degli enti locali. Esso comporta il confronto delle linee programmatiche con le reali possibilità operative dell ente ed esprime, per la durata di tutto il mandato, le linee di azione dell ente nell organizzazione e nel funzionamento degli uffici, nei servizi da assicurare alla collettività, nelle gestione delle risorse finanziarie di parte corrente e negli investimenti con un'impostazione, quindi, di ampio respiro. Questo strumento, ancora poco conosciuto e spesso relegato a fare parte dell affollato mondo delle previsioni normative in parte disattese, è stato di recente rivalutato dall Osservatorio per la Finanza e contabilità degli enti locali istituito presso il Ministero dell Interno. Con il principio contabile n.1 Programmazione e previsione del sistema del Bilancio - approvato nel luglio del 2003 ma profondamente rivisto con il successivo aggiornamento avvenuto nel la norma è uscita dall ambito del generico per assumere connotati ben più definiti. L attività di programmazione, vista come il processo di analisi e valutazione degli obiettivi politici in relazione alle risorse disponibili, è stata pertanto agganciata con forza al principio dell adeguatezza del processo informativo verso il cittadino. La programmazione politica trova in questo strumento un respiro più ampio di quello presente nei documenti contabili del sistema di bilancio (principalmente la Relazione previsionale e programmatica) nei quali l aspetto contabile spesso oscura la parte più tipicamente programmatoria. Collocando idealmente il PGS in un intervallo normativo, questi si trova in posizione mediana rispetto le due estremità rappresentate dalle Linee programmatiche di mandato, dove la componente politica primeggia in modo pressoché totale, ed i documenti ufficiali di bilancio (Relazione programmatica e gli strumenti di Pianificazione delle opere pubbliche), dove l aspetto contabile assume invece un importanza più marcata. Va infine precisato che per il primo triennio, le previsioni del PGS coincidono con la programmazione contenuta nei documenti finanziari che saranno poi approvati dal consiglio comunale durante la prima sessione dedicata al Bilancio di previsione. Per questo motivo si è preferito non riportare in questo documento i dati contabili del primo triennio, già esposti nella Relazione previsionale e programmatica, mentre ci si è volutamente astenuti dall'ipotizzare valutazioni economiche riferite all'ultimo biennio del mandato, troppo lontane nel tempo e soggette al mutevole quadro normativo. E bene infine ricordare, per onestà intellettuale, che una vera programmazione dovrebbe poggiare su dati certi di bilancio che ormai sistematicamente diventa sempre più una sola enunciazione di principio sia del legislatore che del Governo. L indeterminatezza dei trasferimenti statali e dei vari fondi compensativi identificati solo nella somma globale ma non nella suddivisione per ogni singolo Ente, lascia gli stessi, e a maggior ragione quelli di piccole proporzioni, in balia delle decisioni dello Stato. A questo si aggiunga che la fiscalità locale, ripetutamente modificata negli ultimi anni e probabilmente non ancora giunta alla fase di stabilità, garantisce una programmazione molto sommaria. E quindi facilmente comprensibile come non ci possa essere un effettiva programmazione come si vuole far credere negli assunti normativi. 1

5 E altresì del tutto evidente che da un lato gli impegni statali e dall altro le conseguenti scelte di imposizione locale dovrebbero avere un maggiore certezza e soprattutto un dettaglio temporale che ad oggi non è possibile riscontrare. Come però avviene da tempo, gli Enti, fanno di necessità virtù, anche se rimane una questione fondamentale che lo Stato deve risolvere con estrema sollecitudine se vuole, con forza, chiedere agli Enti Locali una programmazione effettiva, efficace ed economica e che abbia il vero significato che ha il termine forse troppo spesso usato a parole e molto poco concretamente. Il Sindaco Bombonato Antonio 2

6

7 GIUNTA E DELEGHE OPERATIVE Le modifiche sul numero dei consiglieri e degli assessori, seppur ulteriormente modificate dal Decreto Del Rio che hanno portato a 10 i consiglieri comunali nei comuni sino a abitanti ma che ha lasciato invariata la riduzione a 3 Assessori compreso il Sindaco, impone un organizzazione un po diversa per il funzionamento della Giunta. Nel mentre rimane inalterata la funzionalità deliberante della stessa che rimane formata dal Sindaco e due assessori, si è ritenuto di incaricare Consiglieri Comunali eletti su alcune tematiche per agevolare e migliorare l attività dei singoli assessori. Con apposito Decreto il Sindaco ha provveduto ad a conferire incarico di supporto e collaborazione: Consigliere Francesco De Luca per il referato: Associazionismo e Sport Consigliere Roberto Pozzato per il referato: Attività Produttive Consigliere Sara Zorzan per il referato: Protezione Civile e Politiche Giovanili Provvederà inoltre entro l anno ad altri incarichi che riguardano il Bilancio e i Tributi ed eventuali altre tematiche che si rendessero necessario di un ulteriore contributo. Rimangono inalterate e riservate le prerogative degli Assessori così come della Giunta Municipale. Tale scelta intende migliorare sia l offerta di coordinamento che di relazione necessarie per promuovere un governo del territorio sempre più vicino ai cittadini Programmazione di mandato si provvederà entro l anno 2014 a conferire altri incarichi di supporto in materia di Bilancio e Tributi ed eventuali altre tematiche che si rendessero necessario di ulteriori contributi. 3

8 ORGANIZZAZIONE DELL'ENTE Struttura tecnica e compiti di gestione Nell'organizzazione del lavoro, propria di una moderna ed efficace amministrazione pubblica, la definizione degli obiettivi generali e dei programmi è affidata agli organi di governo, di estrazione politica. I responsabili dei servizi, invece, provvedono alla gestione operativa di natura finanziaria, tecnica e amministrativa, compresa l adozione dei provvedimenti che impegnano l amministrazione verso l esterno. Gli organi politici esercitano sulla parte tecnica un potere preventivo di indirizzo, unito ad un successivo controllo sulla valutazione dei risultati ottenuti. Gli obiettivi e le corrispondenti risorse sono attribuiti ai responsabili dei servizi con il documento a valenza annuale denominato Piano esecutivo di gestione (PEG). La normativa sull organizzazione degli Enti Locali impone ai comuni con popolazioni sino a abitanti l obbligatorietà di nuovi istituti: le convenzioni, le unioni o le fusioni. Tale normativa che si è modificata più volte dal 2011 pone il limite temporale del 31 dicembre p.v. per la definizione delle nove funzioni obbligatorie. Poiché i cittadini di Costa di Rovigo hanno espresso un parere negativo all esercizio della fusione con altri cinque comuni, l Amministrazione, che si era comunque impegnata per l assolvimento dell obbligatorietà con l istituto della convenzione, ha sottoscritto fra il 2012 e il 2014 in momenti diversi e in alcuni casi con comuni limitrofi diversi convenzioni che assolvono tutte le funzioni obbligatorie previste dalla normativa nazionale. L obbligatorietà se da un lato pone come fine anche un risparmio dei costi dall altro non tiene conto dell effettiva organizzazione degli Enti Locali e soprattutto delle difficoltà normative che questo nuovo modo organizzativo dell Ente porrà anche per un diverso rapporto con i dipendenti che con l applicazione delle convenzioni vedono modificarsi responsabilità, territorio e assetto gerarchico. Programmazione di mandato nulla da rilevare 4

9 PERSONALE E DOTAZIONE ORGANICA L'organizzazione e la forza lavoro Il comune fornisce alla propria collettività un ventaglio di prestazioni che sono, nella quasi totalità, erogazione di servizi. A differenza della produzione di beni, la fornitura di servizi richiede una marcata presenza di personale con la conseguenza che la relativa spesa incide in modo rilevante sui costi complessivi. In base alla normativa vigente, la definizione degli obiettivi generali è affidata agli organi politici mentre ai responsabili tecnici sono attribuiti i compiti operativi (atti di gestione) con la relativa dotazione di personale. La politica delle assunzioni e quella delle sostituzioni, compresa l'individuazione del sistema premiante, sono decisioni che competano invece all'organo politico. Le stringenti normative sul personale e sul suo tour-over non permettono sostanziali modifiche anche se non è ancora chiaro quali saranno le competenze e conseguenti risorse che saranno demandate ai Comuni dalla modifica normativa che riguarda le Provincie con il nuovo istituto previsto e alla luce delle future possibili modifiche Costituzionali che vedrà la scomparsa delle stesse. Personale complessivo Pianta Presenze Cat./Pos. organica effettive B B2 1 1 B3 2 2 B6 1 1 C1 4 0 C2 1 1 C3 1 1 C5 2 2 D2 1 1 D4 1 1 D5 2 2 Personale di ruolo Personale fuori ruolo 0 Totale generale 12 Programmazione di mandato nulla da rilevare 5

10 VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO Infrastrutture e politica di bilancio Il conto del patrimonio mostra in sintesi il valore delle attività e delle passività che costituiscono, per l appunto, la situazione patrimoniale dell'ente. Questo quadro di riepilogo della ricchezza non è estraneo al contesto in cui si sviluppa la programmazione di medio-lungo periodo. Il margine di flessibilità in cui si innestano le scelte della nuova amministrazione sono influenzate anche dalla condizione in cui versa il patrimonio comunale, e il grado di adeguatezza delle infrastrutture con il loro fabbisogno di manutenzione sono elementi che incidono nella pianificazione della spesa. Ma anche l'indebitamento accumulato (passivo) e il grado di esigibilità dei crediti (attivo) sono elementi di grande rilievo, al pari di talune norme collegate alla programmazione degli investimenti che consentono, in determinati casi, l'alienazione del patrimonio con la destinazione del ricavato al finanziamento di nuovi interventi in conto capitale. L attuale stato patrimoniale dell ente non necessità interventi di alienazione di beni per poter procedere a nuovi investimenti in conto capitale. Resta comunque una priorità dell amministrazione, che è già stata una caratteristica negli ultimi dieci anni, garantire una adeguata e continua manutenzione del patrimonio dell ente prevedendo iniziative sia sui fabbricati che su strade e marciapiedi. Particolare attenzione sarà riservata alle verifiche sismiche degli edifici, alla luce della più recente normativa, con particolare riferimento agli edifici scolastici e ricreativi (Palestre, biblioteca, Chiesa ai Caduti, museo). E utile ricordare che è già previsto un piano triennale ( ) per la riasfaltature della viabilità comunale e sono previsti interventi di riqualificazione dei marciapiedi (Area nuovo Teatro Comunale, Via A. Moro, Via La Pira, Via Nenni, Via De Gasperi incrocio Via Manzoni). Particolarmente interessante e utile sarà l ampliamento del depuratore comunale già previsto con Polesine Acque e Consorzio di Bacino Polesine e i cui oneri, per il pagamento delle rate mutuo, saranno a totale carico del Piano d Ambito. Anche l impianto di illuminazione pubblica vedrà un intervento ai fini del contenimento dei costi energetici con riferimento ai fondi del progetto (3L-Elena) oltre che il completamento di alcune zone rurali ancora sprovviste di punti luce (Es. via Favorita) e alla costante manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti esistenti con circa 794 punti luce. Attivo patrimoniale 2013 Denominazione Importo Immobilizzazioni immateriali 0,00 Immobilizzazioni materiali ,57 Immobilizzazioni finanziarie ,07 Rimanenze 0,00 Crediti ,52 Attività finanziarie non immobilizzate 0,00 Disponibilità liquide ,99 Ratei e risconti attivi 0,00 Totale ,15 6

11 Passivo patrimoniale 2013 Denominazione Importo Patrimonio netto ,27 Conferimenti ,59 Debiti ,29 Ratei e risconti passivi 0,00 Totale ,15 Programmazione di mandato Intervento con Polesine Acque per un miglioramento ed adeguamento della rete idrica e della rete fognaria. Ampliamento del depuratore comunale con Polesine Acque e Consorzio di Bacino Polesine Manutenzione straordinaria e completamento del progetto di illuminazione pubblica con nuovi punti luce in Via Favorita. Realizzazione di percorsi pedonali per il superamento delle barriere architettoniche nell attuale area Cimiteriale Realizzazione dei nuovi Magazzini Comunali e del Gruppo Comunale di Protezione Civile presso la zona industriale su area già assegnata all Amministrazione Comunale Avvio, in collaborazione con le Amministrazioni Comunali limitrofe della Convenzione Intercomunale del Servizio di Polizia Locale, di un servizio di Videosorveglianza integrato sul territorio al fine di ridurre e controllare eventi delittuosi contro il patrimonio e le persone Realizzazione di una area per intrattenimenti pubblici e fieristici presso il Centro Sportivo V. Franza con installazione di una struttura permanente. Realizzazione su strade vicinali o interpoderali di percorsi pedonali di collegamento fra le attuali piste ciclopedonali con progetti condivisi con i Comuni limitrofi di Fratta Pol., Villanova del Gh. e Rovigo. Riordino e valorizzazione dell arredo urbano del Parco delle Fiabe di Piazzale San Benedetto e dell'area verde di Via La Pira Realizzazione di interventi su edifici pubblici e sulla pubblica illuminazione con i Fondi Europei 3L per il risparmio energetico (tecnologia a LED) e lo sfruttamento delle energie rinnovabili (PAES - Patto dei Sindaci) 7

12

13 POPOLAZIONE E CRESCITA DELLA SOCIETÀ Il fattore demografico Anche il nostro territorio, come l intero Polesine vede una diminuzione della natalità, solo in parte ridotta dall immigrazione, e al tempo stesso un aumento dell invecchiamento della popolazione, certamente il segno di un miglioramento delle condizioni di vita, che necessità di servizi e offerte diverse rispetto al passato. Una nuova impostazione dell attenzione al territorio è un messaggio e un impegno chiaro nel nuovo P.S.S.R. del Veneto seppur è privo di altrettanto chiari segnali di investimento, anche economico, su questo settore. L Ente Locale, che non può e per altro non deve sostituirsi alle Politiche del P.S.S.R. deve comunque garantire la presenza sul territorio di alcuni servizi insieme ad una lettura sempre più attenta del tessuto locale.. Popolazione (andamento demografico) Popolazione legale Popolazione legale (ultimo censimento disponibile) Movimento demografico Popolazione al (+) Nati nell'anno (+) 25 Deceduti nell'anno (-) 44 Saldo naturale -19 Immigrati nell'anno (+) 66 Emigrati nell'anno (-) 74 Saldo migratorio -8 Popolazione al Popolazione (stratificazione demografica) Popolazione suddivisa per sesso Maschi (+) Femmine (+) Popolazione al Composizione per età Prescolare (0-6 anni) (+) 155 Scuola dell'obbligo (7-14 anni) (+) 126 Forza lavoro prima occupazione (15-29 anni) (+) 361 Adulta (30-65 anni) (+) Senile (oltre 65 anni) (+) 663 Popolazione al Programmazione di mandato Attività di concertazione con altre Amministrazioni Comunali per proposte culturali su area vasta al fine della promozione della lettura, del teatro e della musica. Promozione del museo etnografico A l Alboron sul territorio e all interno del Sistema Museale Provinciale. Valorizzazione delle manifestazioni che mettono in luce la storia, le tradizioni e le eccellenze del nostro Paese. (Brillantemente, Fiera della Sacra Spina, ecc.). Attivazione di progetti in collaborazione con l Istituto Comprensivo per stimolare la positiva evoluzione delle attuali e future generazioni in termini di cittadinanza consapevole e attiva. Potenziamento dell educazione ambientale a partire dalla Scuola. Rinnovo e sostegno del Consiglio Comunale dei Ragazzi. 8

14 Realizzazione del Giardino delle piante dimenticate presso l area attigua al Museo Etnografico. Promozione del Premio Letterario Nazionale A.Osti, del concorso Piccoli Autori Creano, in collaborazione con l Istituto Comprensivo e di progetti per la promozione della lettura fra le giovani generazioni. Progetto di integrazione multi-etnica, in collaborazione con le istituzioni scolastiche, per una ancor migliore integrazione con le presenze straniere nel territorio. Potenziamento della Biblioteca Civica con la creazione di attività socio-culturali rivolte alle famiglie, al mondo giovanile e all'adulto. Studio di fattibilità per la riqualificazione dell ex torre piezometrica. Creazione della Casa della Cultura e delle Tradizioni presso ex-palazzo Bighetti con il Polo Museale e Centri Studio Mario Rossi, Ottavio Munerati e Francesco Scardona. Sostegno e collaborazione alle iniziative della Pro Loco e dell'associazionismo culturale e di promozione sociale con il rafforzamento della Consulta delle Associazioni. Coordinamento e sostegno all associazionismo sportivo locale. Razionalizzazione e valorizzazione percorsi ciclabili esistenti con individuazione di aree di sosta attrezzata. Potenziamento delle attività della Biblioteca Civica M. Buchaster, anche con il contributo del locale volontariato (accesso Internet, sala audio, video e ludoteca) rivolta al tempo libero, per bambini, giovani ed adulti. Promozione delle attività ricreative estive presso il parco delle scuole elementari e medie. Costruzione spogliatoi al servizio della struttura sportiva esterna (Piastra Polivalente) del Centro V. Franza. 9

15 TERRITORIO E VALORIZZAZIONE DELL'AMBIENTE Pianificazione territoriale Per governare il proprio territorio bisogna valutare, regolare, pianificare, localizzare e attuare tutto quel ventaglio di strumenti e interventi che la legge attribuisce ad ogni ente locale. Accanto a ciò, esistono altre funzioni che interessano la fase operativa e che mirano a vigilare, valorizzare e tutelare il territorio. Si tratta di gestire i mutamenti affinché siano, entro certi limiti, non in contrasto con i più generali obiettivi di sviluppo. Per fare ciò, l'ente si dota di una serie di regolamenti che operano in vari campi: urbanistica, edilizia, commercio, difesa del suolo e tutela dell'ambiente. L Amministrazione si è dotata negli anni precedenti di nuovi strumenti di pianificazione territoriale, su tutti si ricorda il P.A.T.I. con i comuni di Arquà Polesine, Frassinelle Polesine, Fratta Polesine, Pincara, Villamarzana e Villanova del Ghebbo oltre a Costa di Rovigo e le due Varianti al Piano degli Interventi. Territorio (urbanistica) Piani e strumenti urbanistici vigenti Piano regolatore adottato (S/N) No Piano regolatore approvato (S/N) Si (delibera consiliare n. 61 del DGRV 2845/ ) Programma di fabbricazione (S/N) No Piano edilizia economica e popolare (S/N) Si (delibera consiliare 48 / ) Piano insediamenti produttivi Industriali (S/N) Si (delibera) Artigianali (S/N) No Commerciali (S/N) No Altri strumenti (S/N) No Coerenza urbanistica Coerenza con strumenti urbanistici (S/N) Si Area interessata P.E.E.P. (mq.) 0 Area disponibile P.E.E.P. (mq.) 0 Area interessata P.I.P. (mq.) 0 Area disponibile P.I.P. (mq.) 0 Programmazione di mandato Nel corso del quinquennio sono previsti: - Revisione del Piano degli Interventi per il Centro Storico - Nuova perimetrazione del Centro Storico e Centro abitato ai fini degli insediamenti commerciali (L.R. 50/2012). Realizzazione su strade vicinali o interpoderali di percorsi pedonali di collegamento fra le attuali piste ciclopedonali con progetti condivisi con i Comuni limitrofi di Fratta Pol., Villanova del Gh. e Rovigo. Riordino e valorizzazione dell arredo urbano del Parco delle Fiabe di Piazzale San Benedetto e dell'area verde di Via La Pira Realizzazione di interventi su edifici pubblici e sulla pubblica illuminazione con i Fondi Europei 3L per il risparmio energetico (tecnologia a LED) e lo sfruttamento delle energie rinnovabili (PAES - Patto dei Sindaci) Potenziamento dell Ecocentro, da gestire per area vasta, e nuovi interventi sul settore raccolta differenziata 10

16 ECONOMIA E SVILUPPO DELLE POTENZIALITÀ Economia locale e contesto economico generale Lo stato generale dell economia, che coinvolge non solo il nostro territorio ma che va al di là anche dell aspetto nazionale non ci pone davanti un periodo particolarmente recettivo di nuove iniziative produttive pubbliche o private. Si ritiene comunque che l amministrazione comunale debba mettere in atto tutti quei percorsi, in sinergia con Enti Sovracomunali e strutture private, per incentivare e sviluppare le potenzialità del territorio. Alcune di queste azioni partiranno da quanto già previsto dalla pianificazione territoriale: Programmazione di mandato azioni pubbliche al fine di realizzare, con gli Enti sovracomunali interessati e le proprietà, il Parco Tematico per il Tempo Libero quale occasione di sviluppo sostenibile in un ottica occupazionale, economica, sociale e culturale. predisposizione, con le proprietà del Parco Tematico per il Tempo Libero, di apposite convenzioni al fine di agevolare l attività di imprese locali nella realizzazione e gestione dello stesso; iniziative per il sostegno del Parco Logistico "Macro Area" con le proprietà interessate, le organizzazioni di categoria ed imprenditoriali per una proposta di Marketing Territoriale in sinergia con lo sviluppo di altre Aree importanti legate alla nuova Valdastico e alla Nogara-Mare; attivazione di un Gruppo di lavoro locale e provinciale per verificare la possibilità di acquisizione della sede della EX GABAR/Bassano Grimeca (anche con Contributi Europei) e insediamento di imprese artigianali e del terziario avanzato (start up/nuove tecnologie) per la creazione di un polo di nuova imprenditoria. 11

17

18 STRUMENTI DI PROGRAMMAZIONE NEGOZIATA Il ricorso gli accordi di ampio respiro Le precedenti amministrazioni hanno dotato l Ente di alcuni importanti strumenti di programmazione che ha coinvolto sia il pubblico che il privato, che dovranno fare sostanziali passi in avanti, e che potranno contribuire a un rilancio del coinvolgimento economico di aziende private con la realizzazione di interventi che potranno fare avviare cantieri pubblici: Il progetto 3L-Elena che coinvolge oltre al nostro comune altri 5 comuni del polesine, oltre alle provincie di Rovigo e di Padova (ente capofila) finanziato da Fondi Europei e della Fondazione CariParRo che permetteranno investimenti sul nostro territorio, su edifici e strutture pubbliche, per l efficientamento e il risparmio energetico e l uso di energie alternative. Il Patto dei Sindaci che potrà vedere investimenti privati su iniziative di miglioramento energetico delle strutture pubbliche; La realizzazione, in parte già iniziati, per l applicazione di tre convenzioni di cui all Art. 6/LR 4 che prevedono il già ricordato Parco Tematico per il Tempo Libero, il Parco della Logistica e un Eco Villaggio. E bene precisare che questi accordi garantiranno nel periodo risorse importanti per interventi in conto capitale all amministrazione comunale. Strumenti di programmazione negoziata Tipologia Num. Accordi di programma 3 Patti territoriali 0 Altri strumenti negoziali 2 Totale 5 accordo ex art. 6 LR11/ REALIZZAZIONE ECOVILLAGGIO Soggetti partecipanti DITTA AGRICOSTA Impegni di mezzi finanziari Durata Operatività Operativo Data di sottoscrizione 21/04/2009 accordo ex art. 6 LR11/ AMPLIAMENTO MACROAREA PRODUTTIVA Soggetti partecipanti Impegni di mezzi finanziari Durata Operatività DITTE COSTA SVILUPPO SPA, AGRICOLA LAGHETTO SAS, E AGRICOSTA SAS Operativo Data di sottoscrizione 21/04/

19 accordo ex art. 6 LR11/ INS. ZONA COMM. NEL PARCO TEMATICO Soggetti partecipanti DITTA COSTA SVILUPPO SPA Impegni di mezzi finanziari Durata Operatività Operativo Data di sottoscrizione 21/04/2009 PROGETTO 3L ELENA - EFFICENTAMENTO E RISPARMIO ENERGETICO Soggetti partecipanti Impegni di mezzi finanziari Durata Operatività Data di sottoscrizione - PROVINCIE DI PADOVA (CAPOFILA) E ROVIGO, FONDAZIONE CARIPARO FINANZIAMENTO EUROPEO In definizione PAES - PATTO DEI SINDACI - MIGLIORAMENTO ENERGETICO NELLE STRUTTURE PUBBL Soggetti partecipanti Provincia di Rovigo e n. 20 comuni Impegni di mezzi finanziari finanziamenti europei, nazionali e regionali Durata Operatività In definizione Data di sottoscrizione - Programmazione di mandato Azioni pubbliche al fine di realizzare, con gli Enti sovracomunali interessati e le proprietà, il Parco Tematico per il Tempo Libero quale occasione di sviluppo sostenibile in un ottica occupazionale, economica, sociale e culturale. Predisposizione, con le proprietà del Parco Tematico per il Tempo Libero, di apposite convenzioni al fine di agevolare l attività di imprese locali nella realizzazione e gestione dello stesso 13

20 ORGANISMI GESTIONALI E SERVIZI PUBBLICI LOCALI Gestione in economia o esternalizzazione Le modificate esigenze degli Enti e le novità che interesseranno enti sovracomunali come la Provincia necessiteranno nel quinquennio di valutare, congiuntamente con gli altri comuni, l assetto e la mission di alcuni Enti e/o Consorzi. Le stesse modifiche legislative che si profilano chiameranno l Ente a scelte diverse da quelle consolidate. In particolare saranno da considerare la validità e l assetto dell attuale Consorzio di Sviluppo per il Polesine che dalla data della sua costituzione ha visto modificarsi profondamente i motivi della sua costituzione e allora una delle sue possibili riconversioni potrebbe essere quella di una struttura al servizio dei comuni con servizi che attualmente le piccole realtà locali fanno fatica a garantire seppur con il costante lavoro e impegno professionale delle proprie limitate strutture interne. Polesine Acque Spa e Ecoambiente s.r.l. hanno ormai la necessità di modificare il proprio assetto dimensionale con l ormai irrinunciabile coinvolgimento con altre strutture di altri territori per un sempre miglioramento dei servizi resi e al contempo di un risparmio su offerte di servizi che rischiano di penalizzare i nostri cittadini rispetto ad altri che beneficiano di servizi erogati da grandi aziende di dimensione non più esclusivamente territoriali e di tipo multi utility. Gli Enti di Bacino (ciclo integrato dell acqua e dei rifiuti) sono chiamati a un loro sempre maggior coinvolgimento nel coordinamento dei due principali servizi offerti ai cittadini e che sempre più usciranno dalla pianificazione e controllo del singolo comune per diventare oggetto dell attività degli Enti stessi. Organismi gestionali Tipologia Num. Consorzi 3 Aziende 0 Istituzioni 0 Società di capitali 2 Servizi in concessione 1 Totale 6 CONSORZIO R.S.U. Comuni associati Attività e note tutti i comuni del Polesine gestione rifiuti CONSIGLIO DI BACINO "POLESINE" Comuni associati Attività e note tutti i comuni della Provincia di Rovigo oltre al Comune di Cavarzere e al Comune di Castagnaro Autorità Ambito Territoriale gestione servizio idrico integrato 14

21 CONSORZIO DI SVILUPPO Comuni associati Attività e note 1. Comune di ADRIA 2. Comune di ARIANO NEL POLESINE 3. Comune di ARQUA' POLESINE 4. Comune di BADIA POLESINE 5. Comune di BAGNOLO DI PO 6. Comune di BERGANTINO 7. Comune di BOSARO 8. Comune di CALTO 9. Comune di CANARO 10. Comune di CANDA 11. Comune di CASTELGUGLIELMO 12. Comune di CASTELMASSA 13. Comune di CASTELNOVO BARIANO 14. Comune di CENESELLI 15. Comune di CEREGNANO 16. Comune di CORBOLA 17. Comune di COSTA DI ROVIGO 18. Comune di CRESPINO 19. Comune di FICAROLO 20. Comune di FIESSO UMBERTIANO 21. Comune di FRASSINELLE POLESINE 22. Comune di FRATTA POLESINE 23. Comune di GAIBA 24. Comune di GAVELLO 25. Comune di GIACCIANO CON BARUCHELLA 26. Comune di GUARDA VENETA 27. Comune di LENDINARA 28. Comune di LOREO 29. Comune di MELARA 30. Comune di OCCHIOBELLO 31. Comune di PAPOZZE 32. Comune di PETTORAZZA GRIMANI 33. Comune di POLESELLA 34. Comune di PONTECCHIO POLESINE 35. Comune di PORTO TOLLE 36. Comune di PORTO VIRO 37. Comune di ROSOLINA 38. Comune di ROVIGO 39. Comune di SALARA 40. Comune di SAN BELLINO 41. Comune di SAN MARTINO DI VENEZZE 42. Comune di STIENTA 43. Comune di TAGLIO DI PO 44. Comune di TRECENTA 45. Comune di VILLADOSE 46. Comune di VILLAMARZANA 47. Comune di VILLANOVA DEL GHEBBO 48. Comune di VILLANOVA MARCHESANA unitamente alla Camera di Commercio I.A.A e Provincia di Rovigo sviluppo economico, compatibile con le peculiarità del territorio Polesine, e per la crescita sociale, attraverso: l'elaborazione e realizzazione di iniziative di animazione economica; il sostegno alla competitività del sistema produttivo locale; lo sviluppo della dotazione infrastrutturale del territorio; l'organizzazione delle aree produttive e l'avvio di nuovi insediamenti; l'attrazione di nuovi investimenti e l'integrazione al sistema di subfornitura diffuso nel territorio; il consolidamento delle azioni di programmazione negoziata; il rafforzamento delle attività di semplificazione amministrativa e di innovazione tecnologica; lo sviluppo ed il coordinamento degli interventi e delle opportunità finalizzate all'area Polesine. POLESINE ACQUE SPA Enti associati Attività e note tutti i comuni del Polesine oltre Castagnaro e Cavarzere distribuzione acque e gestione fognature e impianti depurazione 15

22 ECOAMBIENTE SRL Enti associati Attività e note Comune di Rovigo - Consorzio RSU servizio raccolta e trasporto rifiuti sul territorio gas metano Soggetti che svolgono i servizi Attività e note Enel Rete Gas distribuzione gas Programmazione di mandato azione di concerto con tutti i comuni soci e la Provincia, nel suo nuovo assetto, per il rilancio del Consvipo che ha perso nel tempo la sua mission originaria e necessita di un nuovo ruolo nella considerazione delle politiche di Area vasta e dei Fondi europei. 16

23 CONVENZIONI E ALTRI ACCORDI NEGOZIALI La legge che obbliga i comuni inferiori ai abitanti a forme di gestioni delle funzioni obbligatorie in maniera diversa ci vede protagonisti di formule convenzionali su tutte le funzioni. Le professionalità interne avrebbero garantito comunque lo svolgimento di tali funzioni ma l obbligo normativo non lasciava soluzioni alternative. In alcune delle convenzioni in atto il Comune svolge il ruolo di capofila e questo impegnerà in maniera diretta l Ente e le professionalità di cui è dotato. Ci attende ora l applicazione organizzativa delle convenzioni così come non è da accantonare la possibilità di percorre strade conoscitive dell istituto delle Unioni, almeno per alcune delle funzioni, seppur si ritiene che tale strumento rischi di costruire ulteriori strutture sovracomunali. Di primaria importanza sarà individuare una struttura in diretta sinergia con esperienze esistenti sul territorio per il servizio di Polizia Locale e amministrativa e in tale senso sono in corso attività per l integrazione con altra Convenzione di polizia municipale già attiva in maniera strutturata sul territorio polesano. Tale scelta permetterà investimenti e la gestione dell infrastruttura per un servizio di Videosorveglianza integrato sul territorio al fine di ridurre e controllare eventi delittuosi contro il patrimonio e le persone Per le altre funzioni si stanno attendendo la decisione di alcune Amministrazioni Comunali se confermeranno o meno la loro adesione a quelle in essere anche nella necessità di procedere agli investimenti necessari per altro garantiti da finanziamenti assegnati dalla Regione Veneto proprio per la strutturazione anche infrastrutturale dei rapporti convenzionali. Importante sarà in questa fase il coinvolgimento delle varie realtà organizzative degli enti interessati poiché tali questioni saranno fondamentali perché effettivamente vi possa essere un miglioramento dei servizi in efficienza ed efficacia, seppur con tutti i dubbi che si nutrono sull effettivo beneficio, almeno nell immediato, che gli enti godranno da tale nuovo assetto organizzativo. Di primaria importanza sarà la fase organizzativa e delle infrastrutture per una reale condivisione della rete informatica e gestionale che è premessa per una sempre migliore condivisione di servizi e risorse così come previsto dalla convenzione sull organizzazione generale amministrativa, gestione finanziarie e controllo. convenzione polizia municipale Comuni associati Attività e note comuni di Costa di Rovigo (capo convenzione), Fratta Polesine, Villanova del Ghebbo, Villamarzana, Arqua' Pol., Pincara attività poliza locale e amministrativa convenzione protezione civile Comuni associati Attività e note Comuni di Costa di Rovigo (capo convenzione), Frassielle Pol., Villanova del Ghebbo, Villamarzana, Arqua' Pol., Pincara attività e coordinamento Gruppi Comunali Protezione Civile convenzione Istruzione e cultura Comuni associati Attività e note Comuni di Costa di Rovigo, Fratta Polesine (capo convenzione), Villanova del Ghebbo, Villamarzana, Arqua' Pol., Pincara, Frassinelle Pol. gestione funzioni in materia di istruzione e cultura, edilizia scolastica, servizi scolastici 17

24 conv. organizzazione generale amm, gestione finanziaria e controllo Comuni associati Attività e note Comuni di Costa di Rovigo (capo convenzione), Frassielle Pol., Villanova del Ghebbo, Villamarzana, Arqua' Pol., Pincara attività gestione funzioni di amministrazione generale: segreteria, ragioneria, ecc. convenzione generale gestione funz. fondamentali Comuni associati Attività e note Comuni di Costa di Rovigo (capo convenzione), Frassinelle Pol., Villanova del Ghebbo, Villamarzana, Arqua' Pol., Pincara catasto, pianificazione urbanistica, gestione servizio raccolta RSU e gestionew relativi tributi, tenuta registri stato civile e gestione servizio anagrafico Programmazione di mandato integrazione e ampliamento convenzioni esistenti con il coinvolgimento di altri enti. 18

25

26 PROGRAMMAZIONE E VINCOLI DI BILANCIO Pianificazione e rispetto dei vincoli E questo, come già ricordato, l esercizio più difficile all interno del percorso politico-amministrativo. Alla consueta volubilità delle normative che anche più volte nel corso dell anno ultimamente si susseguono, dal 2013 anche per i comuni con meno di abitanti è vigente la normativa sul rispetto del patto di stabilità che punisce oltre misura i comuni virtuosi che si trovano con risorse disponibili e l incapacità di poterli spendere ingabbiati da una normativa che non distingue chi ha sempre amministrato con oculatezza da chi ha sempre cavalcato il presupposto che molto spesso la furbizia paga più del rispetto attento delle norme. Entrate correnti 2013 Tributi (+) ,95 Trasferimenti (+) ,16 Entrate extratributarie (+) ,87 Entr.correnti spec. per invest. (-) 0,00 Entr.correnti gen. per invest. (-) ,67 Risorse ordinarie ,31 Avanzo per bilancio corrente (+) 0,00 Entr. C/cap per spese correnti (+) 3.615,38 Prestiti per spese correnti (+) 0,00 Risorse straordinarie 3.615,38 Totale ,69 Uscite correnti 2013 Spese correnti (+) ,28 Funzionamento ,28 Rimborso di prestiti (+) ,49 Rimborso anticipazioni cassa (-) 0,00 Rimborso finanziamenti a breve (-) 0,00 Indebitamento ,49 Disavanzo applicato al bilancio (+) 0,00 Disavanzo pregresso 0,00 Totale ,77 Entrate investimenti 2013 Trasferimenti capitale (+) ,47 Entr. C/cap. per spese correnti (-) 3.615,38 Riscossione crediti (-) 0,00 Entr.correnti spec. per invest. (+) 0,00 Entr.correnti gen. per invest. (+) ,67 Avanzo per bilancio investim. (+) ,58 Risorse gratuite ,34 Accensione di prestiti (+) 0,00 Prestiti per spese correnti (-) 0,00 Anticipazioni cassa (-) 0,00 Finanziamenti a breve (-) 0,00 Risorse onerose 0,00 Totale ,34 Uscite investimenti 2013 Spese in conto capitale (+) ,49 Concessione crediti (-) 0,00 Investimenti effettivi ,49 Totale ,49 Programmazione di mandato razionalizzazione delle spese al fine del rispetto del patto di stabilità 19

27 DISPONIBILITÀ DI RISORSE STRAORDINARIE La disponibilità di risorse straordinarie sono ovviamente di primaria importanza in uno scenario nel quale il rispetto del patto di stabilità rende sempre più difficili non solo gli investimenti ma anche gli interventi di manutenzione ordinaria e l espletamento di servizi ormai consolidati. Alcune scelte intraprese negli anni scorsi saranno di grande importanza per i prossimi anni proprio perché garantiscono e garantiranno risorse straordinarie di Regione, Stato, Europa e privati: - il già ricordato importante apporto dei fondi che il comune introiterà dai proponenti privati per le convenzione Art. 6/LR 40 (Parco Tematico, Parco Logistica e Ecovillaggio) e che saranno destinate ad investimenti; - utilizzo dei fondi già assegnati di fondi Europei attraverso il GAL Polesine Adige per la realizzazione di interventi di completamento e sistemazione Via Favorita e collegamento tra Via Martiri e Via De Gasperi ( pontesea ) con l allargamento dell accesso da via Martiri della Resistenza - utilizzo dei fondi regionali già concessi per il completamento del parcheggio di Via Vason e innesto in Via Martiri della Resistenza - utilizzo dei fondi regionali già concessi per un intervento dei plessi scolastici scuole elementari. Sono già stati richiesti e si è in attesa di assegnazione o saranno oggetto di futura partecipazione a bandi di fondi Europei, Nazionali e Regionali per: interventi di adeguamento dei Plessi Scolastici e Palestre comunali; sistemazione e completamento di Via Lago e Via Basse Pioppe); realizzazione di un area attrezzata a parcheggio integrato con piantumazione di alberi sull area pubblica attigua al Centro Poliservizi; realizzazione dei nuovi magazzinoe archivio Comunale e magazzino del Gruppo Comunale di Protezione Civile presso la zona industriale su area già assegnata all Amministrazione Comunale; - progettazione e realizzazione di un area a parcheggio su Via La Pira; - realizzazione della Casa della Cultura e delle Tradizioni presso ex-palazzo Bighetti con il Polo Museale e Centri Studio Mario Rossi, Ottavio Munerati e Francesco Scardona ; - realizzazione del Giardino delle piante dimenticate presso l area attigua al Museo Etnografico. - realizzazione di percorsi pedonali per il superamento delle barriere architettoniche nell attuale area Cimiteriale; - costruzione spogliatoi al servizio della struttura sportiva esterna (Piastra Polivalente) del Centro V. Franza ; - realizzazione su strade vicinali o interpoderali di percorsi pedonali di collegamento fra le attuali piste ciclopedonali con progetti condivisi con i Comuni limitrofi; riordino e valorizzazione dell arredo urbano del Parco delle Fiabe di Piazzale San Benedetto e dell'area verde di Via La Pira 20

28 Disponibilità di mezzi straordinari 2013 Composizione Correnti Investimento Trasferimenti Stato (Tit.2, Cat.1) ,52 Trasferimenti Regione (Tit.2, Cat.2) 0,00 Trasf. Regione su delega (Tit.2, Cat.3) ,61 Trasferimenti comunitari (Tit.2, Cat.4) 0,00 Trasferimenti altri enti pubblici (Tit.2, Cat.5) ,03 Trasferimenti Stato (Tit.4, Cat.2) 0,00 Trasferimenti Regione (Tit.4, Cat.3) ,45 Trasferimenti enti pubblici (Tit.4, Cat.4) ,00 Trasferimenti altri soggetti (Tit.4, Cat.5) ,39 Totale , ,84 Programmazione di mandato interventi di adeguamento dei Plessi Scolastici e Palestre comunali; sistemazione e completamento di Via Lago e Via Basse Pioppe); realizzazione di un area attrezzata a parcheggio integrato con piantumazione di alberi sull area pubblica attigua al Centro Poliservizi; realizzazione dei nuovi magazzinoe archivio Comunale e magazzino del Gruppo Comunale di Protezione Civile presso la zona industriale su area già assegnata all Amministrazione Comunale; - progettazione e realizzazione di un area a parcheggio su Via La Pira; - realizzazione della Casa della Cultura e delle Tradizioni presso ex-palazzo Bighetti con il Polo Museale e Centri Studio Mario Rossi, Ottavio Munerati e Francesco Scardona ; - realizzazione del Giardino delle piante dimenticate presso l area attigua al Museo Etnografico. - realizzazione di percorsi pedonali per il superamento delle barriere architettoniche nell attuale area Cimiteriale; - costruzione spogliatoi al servizio della struttura sportiva esterna (Piastra Polivalente) del Centro V. Franza ; - realizzazione su strade vicinali o interpoderali di percorsi pedonali di collegamento fra le attuali piste ciclopedonali con progetti condivisi con i Comuni limitrofi; riordino e valorizzazione dell arredo urbano del Parco delle Fiabe di Piazzale San Benedetto e dell'area verde di Via La Pira 21

29 INDEBITAMENTO E RICORSO AL CREDITO Il ricorso al credito oneroso ed i vincoli di bilancio Le risorse proprie del comune e quelle ottenute gratuitamente da terzi (contributi in C/capitale) possono non essere sufficienti a coprire il fabbisogno per investimenti. In tale circostanza il ricorso al prestito può essere un'alternativa utile ma sicuramente onerosa. La contrazione dei mutui comporta, a partire dall'inizio dell'ammortamento e fino alla sua estinzione, il pagamento delle quote annuali per interesse e il rimborso progressivo del capitale. Questi importi costituiscono spese del bilancio corrente la cui entità va finanziata con riduzione di pari risorse ordinarie. L'equilibrio del bilancio corrente si fonda infatti sull'accostamento tra le entrate di parte corrente (tributi, trasferimenti correnti, extratributarie) con le uscite della stessa natura (spese correnti e rimborso mutui). Ne consegue che la politica di ricorso al credito va attentamente ponderata, e questo anche in presenza di una disponibilità residua sul limite imposto al volume massimo degli interessi passivi. Il già ricordato vincolo al patto di Stabilità rende particolarmente difficile il ricorso al credito anche se è bene sottolineare come le potenzialità dell ente e il limite teorico degli interessi sia ben al di sotto del limite oggi consentito, segno di un amministrazione attenta e rigorosa nel corso degli anni. Esposizione massima per interessi passivi Esposizione massima per interessi passivi (accertamenti 2012) Tit.1 - Tributarie ,02 Tit.2 - Contributi e trasferimenti correnti ,42 Tit.3 - Extratributarie ,79 Somma ,23 Percentuale massima di impegnabilità delle entrate 8,00 % Limite teorico interessi (8% entrate) (+) ,70 Esposizione effettiva per interessi passivi Interessi su mutui pregressi (2013 e precedenti) ,00 Interessi su nuovi mutui 0,00 Interessi su prestiti obbligazionari 0,00 Interessi per debiti garantiti da fideiussione prestata dall'ente 0,00 Interessi passivi ,00 Contributi in C/interesse su mutui pregressi (2013 e precedenti) ,00 Contributi in C/interesse su nuovi mutui 0,00 Verifica prescrizione di legge (norma vigente nel 2014) Contributi C/interesse ,00 Esposizione effettiva (interessi passivi al netto contributi in C/interesse) (-) ,00 Disponibilità residua per ulteriori interessi passivi ,70 Programmazione di mandato non viene prevista, allo stato attuale, alcuna assunzione di mutui a causa dei limiti imposti dal patto di stabilità 22

30 VINCOLI DEL PATTO DI STABILITÀ Le limitazioni imposte a livello centrale La possibilità di pianificazione non è totalmente libera ma deve fare i conti con i vincoli imposti a livello centrale su diversi aspetti della gestione. Per i comuni con più di abitanti, queste restrizioni diventano onerose se associate alle regole sul patto di stabilità interno. La norma, che negli anni ha subito vistosi cambiamenti, nella versione più recente tende a conseguire un determinato saldo cumulativo (obiettivo programmatico) di entrate ed uscite di parte corrente ed investimento chiamato Saldo finanziario di competenza mista". Non va sottaciuto che il notevole sforzo messo in atto per riuscire a programmare l'attività dell'ente può essere vanificato proprio dal fatto che questa normativa, con cadenza quasi annuale, viene fortemente rimaneggiata dallo Stato. Del Patto di Stabilità abbiamo già più volte detto e qui non resta che auspicare con forza che tale vincolo non possa riguardare tutte le casistiche e soprattutto sia applicata una distinzione fra enti virtuosi e enti che hanno avuto la necessità di interventi statali per affrontare il loro dissesto. Non è accettabile certamente per un principio di equità ma nemmeno per un principio di necessità. Alcuni degli interventi che sono in agenda non sono scelte propagandistiche e/o elettoralistiche ma sono necessità al fine di difendere il patrimonio infrastrutturale del nostro paese. Al tempo stesso è bene che sia considerata la diversità delle spese quando parliamo di investimenti e di opere pubbliche. E' opportuno applicare una chiara e precisa spending review sugli sprechi e sugli investimenti inutili non sugli investimenti e le necessarie infrastrutture di un Paese moderno. Patto di stabilità 2014 Saldo finanziario previsto Importo Saldo previsto della gestione corrente (competenza) (+) ,00 Saldo previsto della gestione in C/capitale (cassa) (+) ,00 Saldo finanziario previsto (competenza mista) ,00 Rispetto dell'obiettivo Importo Saldo finanziario previsto (competenza mista) (+) ,00 Saldo obiettivo (-) ,00 Scostamento 2.000,00 Programmazione di mandato rispetto degli obiettivi imposti dalla normativa 23

31

32 FINANZIAMENTO DELLA GESTIONE CORRENTE La spesa corrente e gli equilibri di bilancio L'ente non può vivere al di sopra delle proprie possibilità per cui il bilancio di ciascun esercizio deve essere approvato in pareggio. Le previsioni di spesa, infatti, sono sempre fronteggiate da pari risorse di entrata. La spesa corrente, in assenza di fenomeni di rilievo come il rinnovo del contratto collettivo di lavoro, la riduzione dei trasferimenti statali, l'aumento consistente dell'inflazione o altri simili circostanze, tende a consolidarsi nel tempo, con limitate variazioni annuali. Vi sono però anche fattori interni, come l'attivazione di nuovi servizi oppure un cospicuo potenziamento di quelli esistenti, che possono invece portare a rilevanti spostamenti di risorse. Fabbisogno 2013 Bilancio Entrate Uscite Corrente , ,77 Investimenti , ,49 Movimento fondi 0,00 0,00 Servizi conto terzi , ,01 Totale , ,27 Le risorse per garantire il funzionamento Come ogni altra entità economica destinata ad erogare servizi, anche il comune sostiene dei costi, sia fissi che variabili, per far funzionare la struttura. Il fabbisogno richiesto dal funzionamento dell'apparato, come gli oneri del personale (stipendi, contributi, ecc.), l'acquisto di beni di consumo (cancelleria, ricambi, ecc.), le prestazioni di servizi (luce, gas, telefono, ecc.), oltre al rimborso di prestiti, necessitano di adeguati finanziamenti. I mezzi destinati a tale scopo hanno una natura ordinaria, come i tributi, i contributi in C/gestione e le entrate extra tributarie. Per questo tipo di spesa il ricorso a risorse di natura straordinaria è contenuto. Abbiamo già ricordato la necessità di una politica di trasferimenti dello Stato a favore degli Enti Locali che sia chiara e costante nel tempo seppur consci della situazione generale che deve orientare ad un contenimento delle spese e all eliminazione delle spese non necessarie o ridondanti ma non è certamente il caso della stragrande maggioranza dei comuni inferiori ai abitanti. Continuiamo a sostenere che una razionalizzazione della spesa sia obiettivo irrinunciabile e nel recente passato abbiamo proposto una soluzione a quest ultimo aspetto ma la scelta dei cittadini è stata diversa seppur avendo poi confermato la linea programmatica e polito-amministrativa di questa amministrazione confermandoci il mandato per il prossimo quinquennio. Sarà una considerazione che a livello normativo il legislatore comunque dovrà fare senza stravolgere la storia delle piccole comunità che nel nostro progetto venivano garantite e addirittura valorizzate. Finanziamento bilancio corrente 2013 Entrate Tributi (+) ,95 Trasferimenti (+) ,16 Entrate extratributarie (+) ,87 Entr.correnti spec. per invest. (-) 0,00 Entr.correnti gen. per invest. (-) ,67 Risorse ordinarie ,31 Avanzo per bilancio corrente (+) 0,00 Entr. C/cap. per spese correnti (+) 3.615,38 Prestiti per spese correnti (+) 0,00 Risorse straordinarie 3.615,38 Totale ,69 24

Elenco degli indirizzi e dei recapiti degli Archivi di Ente locale della provincia di Rovigo

Elenco degli indirizzi e dei recapiti degli Archivi di Ente locale della provincia di Rovigo Elenco degli indirizzi e dei recapiti degli Archivi di Ente locale della provincia di Rovigo ARCHIVIO DELLA PROVINCIA DI ROVIGO La parte più antica dell Archivio Storico è presso l Archivio di Stato di

Dettagli

Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività nel Rodigino

Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività nel Rodigino = Imprese Avviare un attività nel Rodigino 11 ottobre 2007 Rovigo Il progetto Imprese nel Polesine Dott. Giorgio Cavallari Docup 2000-2006 - Interventi di animazione Il progetto Imprese nel Polesine Come

Dettagli

COMUNI SOLIDALI PER LA POVERTA ESTREMA E SENZA DIMORA

COMUNI SOLIDALI PER LA POVERTA ESTREMA E SENZA DIMORA Protocollo d intesa tra Amministrazioni comunali dell Azienda ULSS 18 e Amministrazione Provinciale di Rovigo COMUNI SOLIDALI PER LA POVERTA ESTREMA E SENZA DIMORA Tra le parti 1. Comune di Rovigo, rappresentato

Dettagli

COMUNE DI LUISAGO. (Provincia di Como) PIANO DELLA PERFORMANCE

COMUNE DI LUISAGO. (Provincia di Como) PIANO DELLA PERFORMANCE COMUNE DI LUISAGO (Provincia di Como) PIANO DELLA PERFORMANCE ANNO 202 INDICE - Introduzione - Territorio - Popolazione - Strutture - Personale - Struttura: dati economico-patrimoniali organizzazione -

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE PATRIMONIALE. Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E LA DOTAZIONE Il Rendiconto della Gestione 2007 Gli Indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E DOTAZIONE L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni

Dettagli

Comune di Livorno. D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017

Comune di Livorno. D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017 Comune di Livorno D.U.P. Bilancio di Previsione 2015/2017 1 Il nuovo Ciclo di Programmazione Programma di governo (locale) Finalità Politiche Programmi/Progetti Obiettivi di gestione Indirizzi di finanza

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI SOLZA

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI SOLZA BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNE DI SOLZA BILANCIO, - STRUMENTO di GESTIONE - STRUMENTO di PROGRAMMAZIONE delle RISORSE di una ORGANIZZAZIONE Bilancio preventivo 1) Strumento per determinare bisogni

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE

RENDICONTO DELLA GESTIONE Allegato A) alla delibera consiliare n. 18 del 28.4.2014 COMUNE DI BOMPORTO (Modena) RELAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2013 Approvata dalla Giunta Comunale con

Dettagli

LA FINANZIARIA COMUNALE PER IL TRIENNIO 2014/2016. Assessorato alle Risorse economiche e finanziarie

LA FINANZIARIA COMUNALE PER IL TRIENNIO 2014/2016. Assessorato alle Risorse economiche e finanziarie LA FINANZIARIA COMUNALE PER IL TRIENNIO 2014/2016 Assessorato alle Risorse economiche e finanziarie Premessa Con la manovra di bilancio il Comune di Trezzo sull Adda è chiamato ad individuare i principali

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione Presentazione Rendiconto della Gestione 2007 1 IL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2007 Come sono stati spesi i soldi dei cittadini di Rovigo nel 2007 1. La popolazione* nell ultimo triennio Abitanti al 31.12.2005

Dettagli

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005

Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 Città di Conegliano CONTO DEL BILANCIO 2005 I conti del cittadino: come sono stati spesi i soldi di tutti Ecco le cifre del conto del bilancio 2005 LE ENTRATE ACCERTATE NEL 2005 SONO STATE PARI AD 43.962.251,42

Dettagli

COMUNE DI PIRAINO - Provincia di Messina - PIANO DELLA PERFORMANCE ANNO 212 Approvato con la deliberazione di Giunta Municipale n 275 del 27/11/212 OBIETTIVO STRATEGICO Obiettivo strategico DIRIGENTI E

Dettagli

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI

CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI CONFRONTO CON LE REGIONI SPERIMENTATRICI SULL ARMONIZZAZIONE CONTABILE DELLE REGIONI IL RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE (SECONDO L ATTUALE PRINCIPIO APPLICATO) E costituito dal fondo di cassa esistente al

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO (PROVINCIA DI FERMO) Alleg.B Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 5, in data 28.01.2016

Dettagli

Comune di Cermenate. Relazione al Rendiconto esercizio 2013

Comune di Cermenate. Relazione al Rendiconto esercizio 2013 Comune di Cermenate Relazione al Rendiconto esercizio 2013 1 Gestione finanziaria RESIDUI In conto COMPETENZA Totale Fondo di cassa al 1 gennaio 2013 651.836,65 Riscossioni 1.988.202,33 6.567.464,69 8.555.667,02

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca INTESA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA e LA REGIONE LOMBARDIA VISTI - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di

Dettagli

Bilancio di Previsione esercizio finanziario 2014

Bilancio di Previsione esercizio finanziario 2014 Bilancio di Previsione esercizio finanziario 2014 La scadenza ordinaria per l approvazione del bilancio di previsione è stabilita al 31 dicembre di ogni anno (art. 151 del D. Lgs. n. 267/2000). Entro tale

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga

IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga Parte I N. 4 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 31-1-2015 253 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 27 gennaio 2015, n. 6 BILANCIO DI PREVISIONE PLURIENNALE

Dettagli

Comune di Cagliari BILANCIO DI PREVISIONE. Triennio: 2015-2017

Comune di Cagliari BILANCIO DI PREVISIONE. Triennio: 2015-2017 Delibera: 14 / 25 del 31/03/25 Comune di Cagliari BILANCIO DI PREVISIONE Triennio: 25-27 Delibera: 14 / 25 del 31/03/25 ENTRATE Cassa Anno 25 Competenza 25 26 27 SPESE Cassa Anno 25 Competenza 25 26 27

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Comune di Brivio. Bilancio di Previsione 2012

Comune di Brivio. Bilancio di Previsione 2012 Comune di Brivio Bilancio di Previsione 2012 Comune di Brivio Linee generali Il bilancio di previsione 2012 si caratterizza proprio per un forte elemento «previsionale», legato ai recenti interventi legislativi

Dettagli

Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012

Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012 Comune di Desenzano del Garda Bilancio di previsione 2010/2012 1 Il quadro finanziario dei Comuni si inserisce in un contesto di finanza pubblica particolarmente indebolito dalla crisi economica che ha

Dettagli

16 14.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 48 LEGGE REGIONALE 14 ottobre 2013, n. 55

16 14.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 48 LEGGE REGIONALE 14 ottobre 2013, n. 55 16 14.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 48 LEGGE REGIONALE 14 ottobre 2013, n. 55 Bilancio di Previsione per l anno finanziario 2013 e 2013/2015 - Terza variazione. Il Consiglio

Dettagli

Governance interna. In questa sezione si coglie l occasione per fare un quadro della gestione delle risor-

Governance interna. In questa sezione si coglie l occasione per fare un quadro della gestione delle risor- Questo capitolo è dedicato alla descrizione del sistema di relazioni dell Ente - la governance - secondo la ormai classica tripartizione: : si tratta dell organizzazione politica e amministrativa, rispettivamente

Dettagli

2. Esercizi di contabilità finanziaria

2. Esercizi di contabilità finanziaria 2. Esercizi di contabilità finanziaria di Carmela Barbera e Silvia Rota La lettura del bilancio preventivo 1. Il caso del Comune di Avalonia Viene fornito un estratto semplificato del bilancio di previsione

Dettagli

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune

LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI. Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI Il rendiconto della gestione Gli indicatori Il patrimonio del Comune LE RISORSE FINANZIARIE E PATRIMONIALI L elevata varietà e complessità di servizi e funzioni come

Dettagli

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA

RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA CITTA' DI NARDO' Provincia di LECCE RELAZIONE PREVISIONALE E PROGRAMMATICA PER L'ESERCIZIO 2015 SEZIONE 1 CARATTERISTICHE GENERALI DELLA POPOLAZIONE, DEL TERRITORIO, DELL'ECONOMIA INSEDIATA E DEI SERVIZI

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO

BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO Comune di Modena 2015-2017 BILANCIO DI PREVISIONE ARMONIZZATO Ex D.Lgs 118/2011 Approvato con Delibera di Consiglio n. 17 del 05/03/2015 Pag. 1 Allegato n. 9 al D.Lgs. 118/2011 Bilancio di Previsione

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

IL CONSORZIO ANALISI DI BILANCIO ED ELEMENTI DI RIFLESSIONE PER LA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE 2008-2011

IL CONSORZIO ANALISI DI BILANCIO ED ELEMENTI DI RIFLESSIONE PER LA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE 2008-2011 IL CONSORZIO ANALISI DI BILANCIO ED ELEMENTI DI RIFLESSIONE PER LA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE 2008-2011 Nell ambito di un orientamento strategico fortemente indirizzato all innovazione e allo sviluppo

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

WORKSHOP. Analisi delle politiche a sostegno delle Unioni intercomunali e forme di incentivazione

WORKSHOP. Analisi delle politiche a sostegno delle Unioni intercomunali e forme di incentivazione Convenzione tra Regione Siciliana e Formez PA del 23 marzo 2012 POR FSE 2007 2013 Regione Siciliana Asse VII Capacità Istituzionale Progetto AZIONI DI SISTEMA PER LA CAPACITÀ ISTITUZIONALE - LINEA COMUNI

Dettagli

VERIFICA DEGLI EQUILIBRI - BILANCIO 2011. Parte I - ENTRATA

VERIFICA DEGLI EQUILIBRI - BILANCIO 2011. Parte I - ENTRATA Parte I - ENTRATA Categorie Stanziamento Accertamenti Proiezione al 31/12 1 ENTRATE TRIBUTARIE 2 ENTRATE DERIVANTI DA CONTRIBUTI E TRASFERIMENTI CORRENTI DELLO STATO, DELLA REGIONE E DI ALTRI ENTI PUBBLICI

Dettagli

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 a cura del Dipartimento Finanza Locale Il disegno di legge di stabilità 2016 contiene le seguenti principali disposizioni concernenti gli enti locali: 1) Soppressione

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Risultati differenziati applicati al bilancio regionale ed equilibrio di bilancio dal 2006 al 2009

Risultati differenziati applicati al bilancio regionale ed equilibrio di bilancio dal 2006 al 2009 Risultati differenziati applicati al bilancio regionale ed equilibrio di bilancio dal 2006 al 2009 Servizio Analisi Economica, Statistica e Monitoraggio INDICE Classificazione del bilancio pag. 4 Equilibrio

Dettagli

Fare i conti per il patto e con il patto. Porto Sant Elpidio, Villa Baruchello, li 13/04/2012 Dott. Roberto Petrucci Dott.ssa Claudia Petrelli

Fare i conti per il patto e con il patto. Porto Sant Elpidio, Villa Baruchello, li 13/04/2012 Dott. Roberto Petrucci Dott.ssa Claudia Petrelli Fare i conti per il patto e con il patto Porto Sant Elpidio, Villa Baruchello, li 13/04/2012 Dott. Roberto Petrucci Dott.ssa Claudia Petrelli Il calcolo dell obiettivo La media triennale Le percentuali

Dettagli

BILANCIO ARMONIZZATO 2015/2017. Approvato con deliberazione consiliare n.24/127 del 30/03/2015

BILANCIO ARMONIZZATO 2015/2017. Approvato con deliberazione consiliare n.24/127 del 30/03/2015 BILANCIO ARMONIZZATO 2015/2017 Approvato con deliberazione consiliare n.24/127 del 30/03/2015 1 2 Bilancio di Previsione armonizzato Indice Pagina 1 Il Bilancio armonizzato - Entrate 5 2 Il Bilancio armonizzato

Dettagli

Approvazione di bilancio e allegati da parte del Consiglio (31/12)

Approvazione di bilancio e allegati da parte del Consiglio (31/12) 87083 Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche Altri documenti preventivi Processo di formazione del preventivo Predisposizione dello schema di bilancio da parte dell esecutivo esecutivo. Processo:

Dettagli

Agenzia Speciale APOF- IL

Agenzia Speciale APOF- IL Agenzia Speciale APOF- IL Provincia di Potenza Relazione dell organo di revisione sulle proposte di bilancio di previsione 2012 e di bilancio pluriennale 2012_2014 con i relativi documenti allegati L organo

Dettagli

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009)

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Articolo 1 Finalità e oggetto della legge 1. La Regione,

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO PER MISSIONI E PROGRAMMI

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO PER MISSIONI E PROGRAMMI LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO PER MISSIONI E PROGRAMMI LA CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE DEL BILANCIO DELLO STATO Dott. Mauro Cernesi Scienza delle Finanze 1 Le funzioni del Bilancio pubblico Funzione

Dettagli

BILANCIO TRIENNALE 2015 2017

BILANCIO TRIENNALE 2015 2017 BILANCIO TRIENNALE 2015 2017 Bilancio di previsione triennale 2015 2017 - entrata pag 1 Riepilogo generale per missione - spesa pag 51 Bilancio di previsione triennale 2015 2017 - spesa pag 13 Quadro generale

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri.

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. Articolo 1 COSTITUZIONE SEDE STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. 2) La Fondazione ha sede in Mede, Piazza della Repubblica

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

A R T I C O L A T O ALLEGATO A

A R T I C O L A T O ALLEGATO A A R T I C O L A T O ALLEGATO A REGIONE TOSCANA Proposta di Legge Bilancio di Previsione per l anno finanziario 2013 e Pluriennale 2013/2015 Prima variazione SOMMARIO Preambolo Capo I Variazioni al Bilancio

Dettagli

Comune di Rodengo Saiano

Comune di Rodengo Saiano Comune di Rodengo Saiano RELAZIONE DELLA GIUNTA AL 2013 Prospetti di confronto e considerazioni sul Rendiconto dell esercizio 2013 Analisi dei dati di rendiconto Risultato economico e Stato patrimoniale

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n 65 del 29 novembre 2004 pubblicata

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

L.R. 1/2005, art. 2, c. 58 e 59 B.U.R. 30/3/2005, n, 13. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 marzo 2005, n. 077/Pres.

L.R. 1/2005, art. 2, c. 58 e 59 B.U.R. 30/3/2005, n, 13. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 marzo 2005, n. 077/Pres. L.R. 1/2005, art. 2, c. 58 e 59 B.U.R. 30/3/2005, n, 13 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 marzo 2005, n. 077/Pres. Regolamento per la determinazione dei criteri e delle modalità per il concorso delle

Dettagli

COMUNE DI OCCHIOBELLO PROVINCIA DI ROVIGO SETTORE OPERATIVO 4 - AREA LAVORI PUBBLICI - DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE AREA LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI OCCHIOBELLO PROVINCIA DI ROVIGO SETTORE OPERATIVO 4 - AREA LAVORI PUBBLICI - DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE AREA LAVORI PUBBLICI COMUNE DI OCCHIOBELLO PROVINCIA DI ROVIGO SETTORE OPERATIVO 4 - AREA LAVORI PUBBLICI - DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE AREA LAVORI PUBBLICI N. determinazione 753 Del 17.12.2007 N. Gen. 1801 Del 28.12.2007

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014-2016. (Decreto Legislativo 23 giugno 2011 n. 118)

BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014-2016. (Decreto Legislativo 23 giugno 2011 n. 118) BILANCIO DI PREVISIONE FINANZIARIO 2014-2016 (Decreto Legislativo 23 giugno 2011 n. 118) I N D I C E Bilancio di Previsione Entrate pag. 1 Bilancio di Previsione Spese pag. 11 Bilancio di Previsione Riepilogo

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies)

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies) COMUNE DI MONTEMURLO (Provincia di Prato) REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI (rif. D. Lgs. n. 267/2000, artt. 147, 147bis, 147ter, 147quater, 147quinquies) Approvato con delibera n. 001/CC del 30/01/2013

Dettagli

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE

Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Parte I N. 14 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 30-4-2014 2399 Parte I LEGGI, DECRETI E REGOLAMENTI DELLA REGIONE Legge Regionale 30 aprile 2014, n. 9 BILANCIO DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA COMUNITA' ROTALIANA KÖNIGSBERG ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA ROTALIANA KÖNIGSBERG TRA LA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA ROTALIANA KÖNIGSBERG, IL COMUNE DI LAVIS, IL COMUNE

Dettagli

1. Oggetto e struttura del disegno di legge

1. Oggetto e struttura del disegno di legge Delega al Governo per l attuazione dell articolo 117, secondo comma, lettera p) della Costituzione, per l istituzione delle Città metropolitane e per l ordinamento di Roma Capitale della Repubblica. Disposizioni

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA

DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA REGIONE BASILICATA DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA Bilancio di Previsione pluriennale per il triennio 2015-2017. Potenza, Dicembre 2014 * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato di Previsione dell

Dettagli

COMUNE DI CRESPINO PROVINCIA DI ROVIGO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013. Stampa per Codice di Bilancio. Accertamenti ult. eser.

COMUNE DI CRESPINO PROVINCIA DI ROVIGO BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013. Stampa per Codice di Bilancio. Accertamenti ult. eser. BILANCIO DI PREVISIONE - PARTE ENTRATA ANNO 2013 Stampa per Codice di Bilancio R I S O R S A Accertamenti ult. eser. chiuso 1 1 AVANZO DI AMMINISTRAZIONE VINCOLATO 0,00 33.001,17 0,00-33.001,17 0,00 0.00.0000

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

GESTIONE FINANZIARIA

GESTIONE FINANZIARIA GESTIONE FINANZIARIA SCELTE QUALIFICANTI Considerato che il bilancio di un Ente locale deve garantire equilibrio tra il rigore dei numeri e i bisogni dei cittadini, tra la necessità del raggiungimento

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

Principali scelte di gestione Il costo e la dinamica del personale

Principali scelte di gestione Il costo e la dinamica del personale Principali scelte di gestione Il costo e la dinamica del personale Ogni ente locale fornisce alla collettività servita un ventaglio di prestazioni: si tratta, generalmente, dell'erogazione di servizi e

Dettagli

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI

LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI LE SPESE CORRENTI E LE SPESE DI INVESTIMENTO PER PROGRAMMI Il bilancio di previsione si articola in Programmi che corrispondono ai grandi temi di attività di cui il comune si occupa. Ogni programma è suddiviso

Dettagli

LA RELAZIONE CONTABILE

LA RELAZIONE CONTABILE LA RELAZIONE CONTABILE Struttura del Bilancio di Previsione Il bilancio di previsione comunale è il documento di indirizzo politicofinanziario con il quale il Consiglio Comunale, su proposta della Giunta,

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

2) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 2. 3) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 3. 4) Lettera così sostituita con l.r. 44/2009, art. 2.

2) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 2. 3) Articolo inserito con l.r. 58/2008, art. 3. 4) Lettera così sostituita con l.r. 44/2009, art. 2. 12 5.8.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 29 dell articolo 2, commi 60, 61 e 62, del decreto legge 3 ottobre 2006, n. 262 (Disposizioni urgenti in materia tributaria e finanziaria),

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE ANNI 2016-2018

BILANCIO DI PREVISIONE ANNI 2016-2018 Allegato sub A) alla proposta di deliberazione DCS2 n. 15/25 UNIONE DEI COMUNI PRATIARCATI FRA ALBIGNASEGO E CASALSERUGO (Provincia di Padova) BILANCIO DI PREVISIONE ANNI 26-28 DL 23/11/21 n. 118 Quadro

Dettagli

Deliberazione del Comitato di gestione n. 6 di data 6 maggio 2015.

Deliberazione del Comitato di gestione n. 6 di data 6 maggio 2015. Deliberazione del Comitato di gestione n. 6 di data 6 maggio 2015. Oggetto: Adozione dell aggiornamento del Programma pluriennale 2011-2015 da sottoporre alla Giunta provinciale. La legge provinciale 23

Dettagli

87083 Amministrazione e controllo. Fondata sulle informazioni tratte dalla contabilità

87083 Amministrazione e controllo. Fondata sulle informazioni tratte dalla contabilità 87083 Amministrazione e controllo delle aziende pubbliche Analisi Analisi di bilancio Fondata sulle informazioni tratte dalla contabilità finanziaria Analisi del bilancio preventivo Analisi del conto del

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013-2015 Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 29/01/2013 con delibera n. 9 SOMMARIO Premessa Trasparenza come libertà di informazione

Dettagli

* * * * * * * * * * * *

* * * * * * * * * * * * CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA Legge Regionale: Bilancio di Previsione per l Esercizio Finanziario 2009 e Bilancio Pluriennale per il Triennio 2009 2011. * * * * * * * * * * * * Articolo 1 Stato

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (allegato Delibera Giunta n. 4 del 02.02.2015) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione del Programma Triennale per la

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati

A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati A. TITOLO REGIONE LIGURIA L.R. 5 agosto 1987, n. 25 Contributi regionali per il recupero edilizio abitativo e altri interventi programmati Modificata con L.R. 15 dicembre 1995, n. 57 Modifiche alle leggi

Dettagli

STATUTO Approvato con Deliberazione della Conferenza metropolitana n. 1 del 16/12/2014

STATUTO Approvato con Deliberazione della Conferenza metropolitana n. 1 del 16/12/2014 STATUTO Approvato con Deliberazione della Conferenza metropolitana n. 1 del 16/12/2014 INDICE TITOLO I Principi generali Art. 1 Principi generali Pag. 3 Art. 2 Finalità Pag. 3 Art. 3 Territorio, sede

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE

REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE REGOLAMENTO PROVINCIALE SUI CONTROLLI INTERNI IN ATTUAZIONE DELL ART. 3 DEL DECRETO LEGGE 10 OTTOBRE 2012, N. 174, CONVERTITO IN LEGGE 7 DICEMBRE 2012, N. 213 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto

Dettagli

COMUNE DI MODOLO Provincia di Oristano

COMUNE DI MODOLO Provincia di Oristano COMUNE DI MODOLO Provincia di Oristano RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE ANNO Relazione Al Rendiconto Comune Di Modolo 1 Premessa La relazione al rendiconto della gestione costituisce il documento

Dettagli

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio

3^ Giornata di Corso. Relatore: Dr. PiersanteFabio 3^ Giornata di Corso Decreto Legislativo 118/2011 Relatore: Dr. PiersanteFabio Guida operativa D.Lgs. 118/2011 per l anno 2015 Enti NON Sperimentatori Riaccertamento dei residui e Gestione esigibilità

Dettagli

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002

LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE. CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002 LEGISLAZIONE SU RICERCA E INNOVAZIONE CAMPANIA L.R. n.5 del 28/03/2002 Regolamento P.A.A. Delibera G.R. 3960 del 9/9/2002 Anno legislazione: 2002 Oggetto legislazione: promozione del progresso e delle

Dettagli

XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO

XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO ANNO 2014 RELAZIONE DELL ORGANO ESECUTIVO AL RENDICONTO DI GESTIONE 2014 Articolo 231

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

Consiglio Regionale della Toscana

Consiglio Regionale della Toscana Consiglio Regionale della Toscana PROPOSTA DI LEGGE n. 35 Istituzione del Servizio civile regionale D iniziativa della Giunta Regionale Agosto 2005 1 Allegato A Istituzione del servizio civile regionale

Dettagli

Gestire la programmazione finanziaria, la funzione amministrativa-contabile e l'economato

Gestire la programmazione finanziaria, la funzione amministrativa-contabile e l'economato FUNZIONE SERVIZIO PROCESSO ORGANI ISTITUZIONALI PARTECIPAZIONE E DECENTRAMENTO SEGRETERIA GENERALE, PERSONALE E ORGANIZZAZIONE 24 Servizi di supporto interno: Gestire Segreteria, Protocollo, Servizi informativi

Dettagli

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE Assessorato Lavori Pubblici e Infrastrutture - Trasporto e Mobilità - Patrimonio - Sport e Benessere - Personale - Polizia Municipale - Onoranze Funebri FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO

Dettagli

Consuntivo 2010. Documenti allegati

Consuntivo 2010. Documenti allegati Consuntivo 2010 Consuntivo 2010 Documenti allegati Relazione dei revisori dei conti Elenco dei residui attivi e passivi distinti per anno di provenienza Conto del Bilancio Conto economico Conto Patrimoniale

Dettagli

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE

SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE SEZIONE 2 ANALISI DELLE RISORSE 2.1 - FONTI DI FINANZIAMENTO 2.1.1 - Quadro Riassuntivo Tributarie 3098076,08 2818461,43 2850432,00 2921771,00 2771771,00 2771771,00 2,50 Contributi e trasferimenti correnti

Dettagli

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32

Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Legge regionale 24 dicembre 2008, n. 32 Bilancio di Previsione 2009 e Pluriennale Triennio 2009 2011 (B. U. Regione Basilicata N. 60 del 29 dicembre 2008) Articolo 1 Stato di Previsione dell Entrata 1.

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO *

COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO * COMUNE DI POGGIOMARINO PROVINCIA DI NAPOLI * SETTORE RAGIONERIA - FINANZE - TRIBUTI - ECONOMATO * SCHEMA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE * PROT. N 21051 DEL 15/06/2010 UFFICIO ISTRUTTORE: RAGIONERIA * CAPO SETTORE:

Dettagli

Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale

Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale Apprendimento generale: Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale metodi e strumenti di lavoro di tipo generale pubblica amministrazione e ambiente processi di lavoro

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) Regolamento del sistema di controlli interni (art. 147 e ss. del T.U.E.L.) I N D I C E TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Sistema dei controlli interni. Art. 2 controllo delle sezioni regionali della Corte

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2010

BILANCIO DI PREVISIONE 2010 CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2010 Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 55-315 del 28 aprile 2010 ENTRATA COMUNE DI CONEGLIANO Pagina 1 Parte Entrata - Anno

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 279. Istituzione della rete dei musei nazionali di scienza e tecnica (REMUNAST)

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 279. Istituzione della rete dei musei nazionali di scienza e tecnica (REMUNAST) Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 279 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa delle senatrici CARLONI e CHIAROMONTE COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Istituzione della rete dei musei nazionali

Dettagli

COMUNE DI VEGLIE Provincia di LECCE. BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2014

COMUNE DI VEGLIE Provincia di LECCE. BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2014 COMUNE DI VEGLIE Provincia di LECCE BILANCIO di PREVISIONE per l'esercizio 2014 COMUNE DI VEGLIE BILANCIO DI PREVISIONE - ESERCIZIO 2014 PARTE I - ENTRATA : Pag. 1 Risorsa Accertamenti Previsioni PREVISIONI

Dettagli

CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2008

CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2008 CITTÁ DI CONEGLIANO Provincia di Treviso BILANCIO DI PREVISIONE 2008 ENTRATA COMUNE DI CONEGLIANO Pagina 1 Parte Entrata - Anno 2008 Risorsa Accertamenti Previsioni Avanzo di Amministrazione 1.326.30 376.60

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI

ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI ACCORDO VOLONTARIO DI AREA PER FAVORIRE LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA NELLA VALLE DEI LAGHI TRA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, LA COMUNITA DELLA VALLE DEI LAGHI, IL COMUNE DI VEZZANO, IL COMUNE DI

Dettagli