2 bis. A partire dall anno formativo il numero di docenti nelle istituzioni formative provinciali è incrementato di 20 unità.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2 bis. A partire dall anno formativo 2013-2014 il numero di docenti nelle istituzioni formative provinciali è incrementato di 20 unità."

Transcript

1 I 24 emendamenti depositati Prima firmataria Margherita Cogo 3 Art. 3 Nel comma 4, dopo la prima frase, è inserita la seguente: Le azioni rivolte alle scuole d infanzia equiparate, ai centri di formazione professionale paritari e alle aziende pubbliche di servizi alla persona sono preventivamente presentate dalla Giunta provinciale ad un tavolo istituzionale con i con i relativi rappresentanti dei gestori e con le parti sociali. Illustrazione: La Provincia potrà sostenere azioni volte a migliorare l efficienza e l economicità delle risorse pubbliche. Con l emendamento, le azioni rivolte alle scuole d infanzia equiparate, ai centri di formazione professionale paritari e alle aziende pubbliche di servizi alla persona dovranno essere illustrate in un tavolo istituzionale con i relativi gestori. Art. 23 Dopo il comma 2 è inserito il seguente: 2 bis. A partire dall anno formativo il numero di docenti nelle istituzioni formative provinciali è incrementato di 20 unità. Illustrazione: si propone di stabilizzare venti docenti (si tratti di docenti che già lavorano nella scuola) Art. 53 ITEA Dopo il comma 2 è inserito il seguente: 2 bis. In coda alla lettera a) del comma 2 ter dell articolo 6 della legge provinciale n. 15 del 2005 sono aggiunte le parole ad eccezione della revoca per morosità a seguito della quale si applica il canone sostenibile incrementato del 20 per cento; Illustrazione: si tratta di venire incontro agli inquilini Itea che non riescono a pagare il canone e che rischierebbero lo sfratto. Prima firmataria Sara Ferrari 7 Art. 23 (graduatorie assunzioni Pat) Nel comma 6, le parole 31 dicembre 2013 sono sostituite con le parole 31 dicembre Illustrazione: viene prevista la proroga delle graduatorie provinciali per le assunzioni e tempo determinato per dare qualche speranza in più a che ha sostenuto la prova di ammissione. Art Dopo il comma 2 è inserito il seguente comma: 2 bis. Nel capo II, sezione I, della legge provinciale sugli incentivi alle imprese, dopo l'articolo

2 11 bis è inserito il seguente: "Art. 11 ter Aiuti alle imprese dell'informazione locale 1. Per tutelare la libertà e la pluralità dell'informazione, contribuire a promuovere il pluralismo delle fonti e dell'accesso all'informazione, sostenere l'innovazione e lo sviluppo delle imprese provinciali del settore dell'informazione e favorire l'informazione legata al territorio e alla comunità provinciale, la Provincia può concedere specifici aiuti, nei limiti previsti dalla normativa comunitaria in materia di aiuti d'importanza minore (de minimis), alle imprese con sede legale e operativa in provincia di Trento che operano nel settore dell'informazione o dell'editoria e che hanno almeno uno dei seguenti requisiti: a) svolgono attività editoriale con particolare attenzione alla valorizzazione della cultura provinciale e alla promozione di nuovi e giovani autori; b) sono editori di quotidiani o periodici a diffusione provinciale, regolarmente registrati in tribunale e iscritti al registro degli operatori di comunicazione, con copertura territoriale almeno sovracomunale; c) gestiscono mezzi di informazione locale radiofonica o televisiva; d) sono editori di quotidiani o periodici on line; e) producono o distribuiscono opere cinematografiche o audiovisive. 2. La Giunta provinciale, sentita la competente commissione del Consiglio provinciale, stabilisce i criteri e i limiti per la concessione degli aiuti previsti dal comma 1 nel limite massimo di euro per ogni impresa, tenendo conto delle seguenti priorità di intervento: a) incentivare le imprese che investono in risorse umane, con particolare riguardo ai giovani e alle donne, stabilizzando i rapporti di lavoro e garantendo la formazione permanente; b) favorire le aggregazioni dell'editoria e dell'emittenza locale per la produzione e diffusione di contenuti comuni; c) sostenere le imprese che hanno progetti editoriali basati sulla convergenza multimediale; d) sostenere le imprese che hanno forma giuridica cooperativa o non profit. 3. La Provincia informa i titolari delle imprese individuate nel comma 1 del carattere di de minimis dell'aiuto, rinviando alla normativa comunitaria in materia. 4. La Provincia può affidare la concessione degli aiuti previsti da quest'articolo ai consorzi di garanzia collettiva fidi presenti in provincia di Trento." Per la copertura degli oneri derivanti dalla applicazione di questo articolo si provvede con le risorse previste nella UPB Illustrazione: evidente il contenuto dell emendamento Art Prima del comma 1 è inserito il seguente: 01. La lettera c) del comma 3 dell articolo 18 della legge provinciale sulla scuola è sostituita dalla seguente: "c) la progettazione curricolare ed extracurricolare che le singole istituzioni adottano nell'ambito della loro autonomia; tale progettazione comprende anche l attività didattica alternativa

3 all insegnamento della religione cattolica e le attività di sostegno, di orientamento e di formazione integrata, valorizzando l'acquisizione di esperienze nell'ambito del sociale, della cooperazione, della solidarietà;". Illustrazione: un chiarimento/specificazione sul progetto di istituto previsto dell attuale legge sulla scuola Art Il comma 4 bis della novella introdotta con il comma 8 è soppressa. Illustrazione: il comma 8 prevede che la sorveglianza nell attività di interscuola e durante la fruizione del servizio mensa sia affidata a soggetti privati Art Nel comma 2 quinquies della novella introdotta con la lettera b) del comma 9, le parole Entro l anno scolastico sono sostituite con la parole Entro l anno scolastico Illustrazione: il comma fa riferimento alle graduatorie per insegnanti. Art Nel comma 2 quater della novella introdotta con la lettera b) del comma 9, dopo le parole hanno conseguito l abilitazione all insegnamento sono inserite le parole e, con riserva, quelli che la conseguiranno negli anni accademici e , Illustrazione: come sopra Art Dopo il comma 1 sono inseriti i seguenti: 1 bis. Dopo il comma 1 dell'articolo 20 bis della legge provinciale sugli espropri e inserito il seguente: 1 bis. L indennità prevista nel comma 1 spetta anche al titolare d impresa familiare o alla società che adibisca ad attività commerciale fondi di proprietà di familiari conviventi o di soci. 1 ter. Il comma 1 bis all articolo 20 bis della legge provinciale sugli espropri, come inserito dal comma 1 bis del presente articolo, si applica anche ai procedimenti espropriativi per i quali, alla data di entrata in vigore della presente legge, sono ancora esperibili o sono stati presentati ricorsi amministrativi o giurisdizionali relativi all indennità stabilita ai sensi dell articolo 20 bis, anche se è già intervenuto il decreto previsto dall articolo 8 della legge provinciale sugli espropri. Alla copertura degli oneri derivanti dall applicazione di questo articolo si provvede con le autorizzazioni di spesa disposte in bilancio sulla unità previsionali di base dove sono imputate le spese di realizzazione delle opere. Illustrazione: si tratta di una correzione della legge sugli espropri dove esiste un vulnus per i familiari o i soci che, attualmente, sono considerati solo nelle attività legate all agricoltura. Primo firmatario Michele Nardelli 6

4 Art Dopo l articolo 22 è inserito il seguente: Art. 22 bis Modificazioni della legge provinciale 4 di data 8 luglio 1996 (Nuova disciplina della programmazione di sviluppo e adeguamento delle norme in materia di contabilità e di zone svantaggiate) 1. Dopo l articolo 12 ter della legge provinciale 4 di data 8 luglio 1996 (Nuova disciplina della programmazione di sviluppo e adeguamento delle norme in materia di contabilità e di zone svantaggiate), è inserito il seguente articolo 12 quater: Art. 12 quater Animazione territoriale 1. Al fine di dare attuazione agli obiettivi di programmazione contenuti negli strumenti di cui ai commi 1 e 2 dell art. 5, la Provincia, le comunità e, attraverso le comunità, i comuni, anche al fine di favorire lo sviluppo sostenibile e condiviso dei territori, la valorizzazione delle specificità territoriali e nuove iniziative imprenditoriali e opportunità occupazionali, con particolare riguardo ad ambiti innovativi e di vocazione sociale, possono promuovere, anche per il tramite di altri soggetti pubblici e privati, lo svolgimento di attività di animazione territoriale, in accordo con quanto stabilito al comma 1 bis dell art. 24 della legge provinciale n. 6 del 13 dicembre Per animazione territoriale si intende un metodo di lavoro comprendente attività di ricerca e di azione, di analisi dei contesti e delle loro potenzialità, di coinvolgimento dei soggetti pubblici e privati nella definizione e nell implementazione delle politiche e degli obiettivi di sviluppo, di sensibilizzazione e di facilitazione verso le opportunità di sviluppo ed imprenditoriali, di animazione socio-economica ed imprenditoriale e d assistenza tecnica alla concertazione e alla progettazione di piani e progetti di sviluppo locale. 3. Gli obiettivi principali da realizzarsi attraverso l attività di animazione territoriale sono: a) promuovere politiche di sviluppo condivise fondate sul riconoscimento e la valorizzazione dei valori, delle specificità e delle vocazionalità territoriali di ogni territorio; b) supportare le comunità ed i comuni nella creazione di reti tra attori pubblici e privati; c) supportare le comunità ed i comuni nei processi di pianificazione territoriale e di programmazione dello sviluppo; d) supportare le comunità ed i comuni nell attuazione delle strategie di sviluppo e nella promozione di nuove attività ed opportunità imprenditoriali, con particolare riguardo ad ambiti innovativi e di vocazione sociale e alla gestione e valorizzazione dei beni comuni e del patrimonio naturale e infrastrutturale. Per la copertura degli oneri derivanti dall applicazione di questo articolo si provvede conb le risorse previste nell upb Illustrazione: si propone la promozione dell animazione territoriale come definita

5 nell emendamento. Art In coda alla novella introdotta con il comma 3 è inserita la seguente frase: A tal fine la Provincia può mettere a disposizione della Società personale con idonea professionalità. Illustrazione: sempre nell ambito della animazione territoriale si propone che la Pat possa mettere a disposizione suo personale. Art Nell articolo 38 dopo il comma 1 è inserito il seguente: 1 bis. Nell articolo 48 della legge provinciale sull agricoltura, dopo il comma 4, sono inseriti i seguenti: 4 bis. La Provincia può realizzare, direttamente o avvalendosi dell'opera di enti o soggetti rappresentativi del settore agricolo provinciale, oppure di collaborazioni con altri enti pubblici, iniziative e progetti riguardanti: a) inchieste, studi, nonché ricerche finalizzati alla valorizzazione delle peculiarità presenti nell agricoltura di montagna in relazione a fattori di salubrità nutrizionale e terapeutica dei suoi prodotti; b) l individuazione e la caratterizzazione di distretti rurali e agroalimentari di qualità. 4 ter. Con deliberazione della Giunta provinciale sono definiti, nel rispetto della disciplina dell'unione europea degli aiuti di Stato, i criteri e le modalità di assegnazione dei finanziamenti agli enti o soggetti rappresentativi previsti al comma 1. Tali finanziamenti possono protrarsi al massimo per sei anni con un intervento fino al 100% del costo dei progetti effettuati nel primo anno, ridotto di quindici punti percentuali per ciascun anno a seguire. Nota copertura: u.p.b Cap Illustrazione: evidente il contenuto dell articolo che vuole sostenere la nascita di biodistretti agroalimentari. Art Dopo il comma 1 è inserito il seguente: 1 bis. Nel caso di convenzioni già stipulate dalla Provincia alla data di entrata in vigore di questo comma con altri soggetti pubblici, ai sensi dell'articolo 2, comma 5, della legge 26 febbraio 1987, n. 49 (Nuova disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo), la Giunta provinciale può anticipare ai soggetti di cooperazione solidale internazionale, a cui è affidata l attuazione delle convenzioni, gli oneri posti a carico dei medesimi soggetti pubblici dalle convenzioni. Con propria deliberazione la Giunta provinciale può determinare le condizioni, i limiti e le modalità in base alle quali, in caso di minore erogazione di somme da parte dei soggetti pubblici firmatari delle convenzioni, l'onere finanziario rimane a carico della Provincia. 2. Per la copertura degli oneri derivanti dall applicazione del comma precedente si provvede

6 con le risorse presenti sull unità previsionale di base Illustrazione: evidente il contenuto dell emendamento che mira a facilitare l attività di cooperazione internazionale. Art Prima del comma 1 è inserito il seguente: 01. Nel comma 1 dell articolo 8 della legge provinciale in materia di solidarietà internazionale, le parole di paesi indicati nella lista dei paesi in via di sviluppo (DAC list of aid recepients), predisposta periodicamente dal comitato di aiuto allo sviluppo dell'organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) sono sostituite con la parole locali Illustrazione: si vuole estendere la possibilità per la Provincia di intervenire in caso di eventi eccezionali, ora può farlo solo nei Paesi DAC (si veda emendamento). Art Dopo il comma 1 è inserito il seguente: 1 bis. Nel comma 3 dell articolo 22 della legge urbanistica provinciale è aggiunto il seguente periodo: Decorsi 120 giorni dalla richiesta di stipulazione dell accordo quadro, in assenza di intesa, la comunità può comunque procedere nell iter di adozione del piano territoriale. Illustrazione: norma finalizzata per sbloccare l adozione dei piani (urbanistici) territoriali Primo firmatario Andrea Rudari 5 Art Nel punto 12 della novella introdotta con la lettera a) del comma 3, dopo le parole unicamente nella misura necessaria ad assicurare i livelli essenziali di prestazione sono inserite le parole oltre all attività di pianificazione sociale Illustrazione: una specificazione nella norma relativa alle possibilità di assunzione a tempo indeterminato e determinato di personale addetto alle funzioni socio-assitenziali Art Dopo l articolo 36 è inserito il seguente: Art. 36 bis Modificazioni della legge provinciale 21 aprile 1997, n. 8 (Per la tutela dei consumatori e degli utenti) 1. L articolo 7 della legge provinciale 21 aprile 1997, n. 8 è sostituito dai seguenti: Art. 7 Elenco delle associazioni di consumatori e utenti

7 1. Al fine di promuovere l associazionismo tra i consumatori la Provincia riconosce le associazioni di consumatori e utenti che operano, senza fini di lucro e senza rapporti con enti economici, esclusivamente nel campo della difesa dei consumatori e degli utenti e che statutariamente perseguono finalità rientranti nel campo della tutela degli interessi dei consumatori e utenti. 2. Per i fini di cui al comma 1 le associazioni dei consumatori e utenti sono iscritte nell apposito elenco istituito presso la competente struttura in materia di commercio. 3. I requisiti e le modalità per l iscrizione nell elenco sono definiti con deliberazione della Giunta provinciale, sentito il Comitato per i problemi del consumo e dell utenza. 4. L iscrizione, su richiesta degli interessati, costituisce condizione per la concessione dei contributi provinciali previsti per la realizzazione di iniziative in materia di tutela dei consumatori e degli utenti. Art. 7 bis Promozione delle associazioni di consumatori e utenti 1. Al fine di promuovere lo sviluppo dell associazionismo tra consumatori e utenti la Provincia concede contributi per la realizzazione di progetti e programmi e per le attività rientranti nelle finalità di cui all articolo 1 alle associazioni di consumatori e utenti iscritte nell elenco istituito ai sensi dell articolo La Giunta provinciale, sentito il Comitato per i problemi del consumo e dell utenza, stabilisce con deliberazione i criteri per la concessione dei contributi. 2. Alla copertura degli oneri derivanti dal comma 1 si provvede con le modalità indicate nella tabella B. Nota copertura: u.p.b Cap Illustrazione: evidente il contenuto dell emendamento. Art Dopo il comma 1 è inserito il seguente: 1 bis. Nel comma 2 dell articolo 44 della legge provinciale 23 luglio 2010, n. 16, dopo le parole disciplinato dalla normativa concernete l ordinamento del personale della Provincia sono inserite le parole e in particolare l articolo 63 della legge provinciale 24 gennaio 1992, n. 5. Illustrazione: si vuole estendere anche all Azienda Sanitaria la normativa valida per i dipendenti provinciali in relazione alla cessione di quote di retribuzione a fronte di prestiti (cessione del quinto) Art. 63 Dopo l articolo 63 è inserito il seguente: Art. 63 bis Modificazione dell articolo 6 della legge provinciale 4 agosto 2008, n. 15 (Distretto agricolo del

8 Garda trentino) 1. La prima frase del comma 1 dell articolo 6 della legge 4 agosto 2008, n. 15 è sostituita dalla seguente: Per la parte di territorio compresa nel distretto i comuni e le comunità acquisiscono il parere consultivo dell agenzia in sede di formazione dei rispettivi strumenti di pianificazione territoriale nonché delle relativa varianti e deroghe. Illustrazione: si tratta di un chiarimento interpretativo della legge sul distretto agricolo del Garda, la norma che si sostituisce era di difficile interpretazione. Art Dopo il comma 12 è inserito il seguente: 12. bis. Dopo il comma 5 dell articolo 128 della legge urbanistica provinciale è inserito il seguente: 5 bis. Ai fini dell applicazione di questo articolo, non si ha difformità parziale del titolo abilitativo in presenza di violazioni di altezza, distacchi, cubatura o superficie coperta che non eccedano per singola unità immobiliare il 2 per cento delle misure progettuali.. Illustrazione: si accoglie nella normativa provinciale quanto previsto in quella nazionale in relazione agli abusi edilizi. La normativa provinciali non prevedeva nulla in proposito innescando contenziosi legati a possibili errori di misurazione o calcolo. Proponente Luca Zeni 3 Art In coda al comma 1 è inserita la seguente frase: Le disposizioni integrative dovranno contenere esplicitamente: a) i settori di impiego del fondo ed i soggetti beneficiari; b) le modalità e il soggetto gestore del fondo; c) gli organismi e le modalità di controllo; d) la durata, le condizioni, le modalità di rimborso dei crediti; e) il sistema delle garanzie e il coinvolgimento delle finanze pubbliche provinciali. Illustrazione: norma finalizzata a garantire la massima trasparenza nell utilizzo di fondi regionali recentemente previsti nella legge finanziaria regionale. La Giunta provinciale dovrà illustrare alla commissione consiliare le disposizioni per l utilizzo dei fondi specificando anche quanto elencato nell emendamento. Art In coda alla novella introdotta con la lettera b) del comma 5 è aggiunta la seguente frase: La Giunta provinciale relazione annualmente alla competente commissione consiliare su tutti gli interventi svolti in applicazione di questo comma, dettagliando in relazione al rispetto delle condizioni contrattuali con particolare riferimento al vincoli occupazionali.

9 Illustrazione: norma finalizzata a garantire la massima trasparenza nei contratti di leasing e leasebeck realizzati da Trentino Sviluppo. Art Dopo il comma 6 dell articolo 39 sono inseriti i seguenti: 6 bis. Dopo l articolo 73 della legge provinciale sulla scuola è inserito il seguente: Art. 73 bis Valorizzazione dei giovani e formazione internazionale 1. Per promuovere e sostenere progetti personalizzati volti a valorizzare le competenze e attitudini personali dei giovani, nonché lo sviluppo delle capacità personali nei mestieri, nelle professioni e nella ricerca, è istituito un apposito fondo per la valorizzazione e la professionalizzazione dei giovani. 2. Il fondo è rivolto a realizzare le seguenti tipologie di interventi integrativi delle misure previste dalla normativa vigente in materia di diritto allo studio e di sviluppo della professionalità: a) frequenza di specifici e mirati percorsi formativi nell'ambito del diritto-dovere di istruzione e formazione, nell'ambito dell'istruzione superiore, anche universitaria, e dell'alta formazione e specializzazione professionale; b) frequenza di stage, tirocini formativi e percorsi di formazione in azienda o comunque in situazioni lavorative, volti a far acquisire e accrescere competenze professionali specifiche; c) sostegno allo sviluppo e all'avvio di attività imprenditoriali o professionali; d) frequenza all estero di specifici e mirati periodi formativi di istruzione e formazione, nell'ambito dell'istruzione superiore, anche universitaria, e dell'alta formazione e specializzazione professionale, aventi durata annuale o semestrale; e) ulteriori interventi non rientranti in settori già disciplinati da altre norme provinciali. 3. Per i fini del comma 1 la Provincia eroga borse o assegni di studio o concede prestiti agevolati, secondo criteri e modalità stabiliti con regolamento, nel rispetto dei principi di trasparenza e di non discriminazione. Nei casi previsti dal regolamento i prestiti agevolati possono essere convertiti in assegni di studio. 4. Per le finalità indicate nel comma 2, lettera d), la Provincia eroga borse o assegni di studio o concede prestiti agevolati, secondo criteri e modalità stabiliti con regolamento, nel rispetto dei principi di trasparenza e di non discriminazione, privilegiando una selezione degli studenti più meritevoli, nel rispetto di parametri di equità. Il regolamento prevede che nella formazione della graduatoria degli studenti meritevoli venga assegnato un punteggio aggiuntivo agli studenti che hanno svolto attività di volontariato. Il punteggio è stabilito dal regolamento in proporzione alle ore di volontariato prestate; il regolamento, inoltre, stabilisce le modalità di certificazione dell attività svolta. 5. La Giunta provinciale è autorizzata a disporre aperture di credito a favore di banche, destinate alla costituzione e all'incremento di fondi di rotazione da utilizzare - in combinazione con gli apporti finanziari delle banche - per la concessione di prestiti alle condizioni stabilite dal regolamento, a favore degli interessati. 6. Con regolamento, previo parere della competente commissione permanente del Consiglio provinciale, sono stabiliti gli ulteriori criteri per l'attuazione di quest'articolo, e in particolare

10 quelli per l'individuazione delle banche, per la gestione da parte loro dei finanziamenti, per la rendicontazione e la restituzione delle somme non utilizzate e per l'imputazione, a carico della Provincia, delle agevolazioni derivanti dalle operazioni previste dal comma 2. I rapporti tra le banche e la Provincia sono disciplinati con convenzione. 6 ter. L articolo 59 (Disposizioni urgenti e transitorie per la valorizzazione e la professionalizzazione dei giovani) della legge provinciale 29 dicembre 2005, n. 20, è abrogato. 6 quater. Per i fini del comma 7 bis è autorizzata la spesa di 5 milioni di euro per ciascuno degli anni 2013, 2014 e Nota di copertura. Alla copertura degli oneri derivanti dall applicazione di questo articolo si provvede con una analoga riduzione dello stanziamento sull'unità previsionale di base Illustrazione: emendamento che ha lo scopo di favorire la formazione anche svolta all estero dei giovani a cui possono essere erogate borse o assegni di studio o prestiti agevolati. Si propone che nella formazione della graduatoria degli studenti meritevoli venga assegnato un punteggio aggiuntivo agli studenti che hanno svolto attività di volontariato.

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

CAPO I. Interventi regionali per il diritto allo studio. Art. 1

CAPO I. Interventi regionali per il diritto allo studio. Art. 1 Legge regionale 26 maggio 1980, n. 10 Norme regionali in materia di diritto allo studio. 1 Quando le disposizioni della presente legge menzionano un Assessorato, la menzione si intende riferita alla Direzione

Dettagli

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 47 SEMPLIFICAZIONI NORMATIVE A VANTAGGIO DEL TERZO SETTORE

REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 47 SEMPLIFICAZIONI NORMATIVE A VANTAGGIO DEL TERZO SETTORE REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 3 NOVEMBRE 2009 N. 47 SEMPLIFICAZIONI NORMATIVE A VANTAGGIO DEL TERZO SETTORE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA N. 19 DEL 4 NOVEMBRE 2009) Il Consiglio regionale

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 20-07-2001 REGIONE BASILICATA "PROMOZIONE DELL'ACCESSO AL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 49 del 24 luglio 2001 IL CONSIGLIO

Dettagli

Proposta di legge n.192/9^ di iniziativa del Consigliere Imbalzano recante: Misure a favore dei Consorzi di garanzia collettiva fidi in agricoltura"

Proposta di legge n.192/9^ di iniziativa del Consigliere Imbalzano recante: Misure a favore dei Consorzi di garanzia collettiva fidi in agricoltura Consiglio regionale della Calabria Seconda Commissione Proposta di legge n.192/9^ di iniziativa del Consigliere Imbalzano recante: Misure a favore dei Consorzi di garanzia collettiva fidi in agricoltura"

Dettagli

Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA.

Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA. Legge Regionale n. 33 Norme sugli interventi regionali per il diritto allo studio universitario Il Consiglio regionale ha approvato La seguente legge Art. 1 (Oggetto) IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA Promulga

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO PRINCIPI E OBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obiettivi TITOLO II

Dettagli

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO

REGIONE TOSCANA PREAMBOLO REGIONE TOSCANA L.R. 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere B.U. Regione Toscana 06 aprile 2009, n. 11 PREAMBOLO Visto l articolo 117, terzo, quarto e settimo comma della Costituzione; Visto l articolo

Dettagli

Impresa al femminile in Abruzzo

Impresa al femminile in Abruzzo Impresa al femminile in Abruzzo TESTO COORDINATO LL.RR. 143/95 -- 96/97-142/1999 Interventi per la promozione di nuove imprese ed innovazione per l imprenditoria femminile. Art. 1 Finalità 1. La Regione

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

Incentivi all'autoimprenditorialità e all'autoimpiego, in attuazione dell'articolo 45, comma 1, della L. 17 maggio 1999, n. 144 (2).

Incentivi all'autoimprenditorialità e all'autoimpiego, in attuazione dell'articolo 45, comma 1, della L. 17 maggio 1999, n. 144 (2). D.Lgs. 21 aprile 2000, n. 185 (1). Incentivi all'autoimprenditorialità e all'autoimpiego, in attuazione dell'articolo 45, comma 1, della L. 17 maggio 1999, n. 144 (2). (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 6

Dettagli

40 6.4.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGE REGIONALE 2 aprile 2009, n. 16

40 6.4.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGE REGIONALE 2 aprile 2009, n. 16 40 6.4.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGE REGIONALE 2 aprile 2009, n. 16 Cittadinanza di genere. Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente della Giunta promulga la

Dettagli

Decreto Legislativo 21 aprile 2000, n. 185

Decreto Legislativo 21 aprile 2000, n. 185 1 di 8 26/02/2008 17.12 Decreto Legislativo 21 aprile 2000, n. 185 "Incentivi all'autoimprenditorialita' e all'autoimpiego, in attuazione dell'articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144"

Dettagli

e il reinserimento di disoccupati, anche in mobilità, nonché di lavoratori sospesi in regime di cassa integrazione.

e il reinserimento di disoccupati, anche in mobilità, nonché di lavoratori sospesi in regime di cassa integrazione. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 109 suppl. del 07-08-2013 9 LEGGE REGIONALE 5 agosto 2013, n. 23 Norme in materia di percorsi formativi diretti all orientamento e all inserimento nel mercato

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli

proposta di legge n. 302

proposta di legge n. 302 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 302 a iniziativa della Giunta regionale presentata in data 17 febbraio 2009 NORME IN MATERIA DI TUTELA DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI (669) REGIONE

Dettagli

Legge Provinciale 1 luglio 2013 n. 10 Interventi per favorire l'apprendimento permanente e la certificazione delle competenze.

Legge Provinciale 1 luglio 2013 n. 10 Interventi per favorire l'apprendimento permanente e la certificazione delle competenze. Legge Provinciale 1 luglio 2013 n. 10 Interventi per favorire l'apprendimento permanente e la certificazione delle competenze. (Trentino-Alto Adige, Provincia autonoma di Trento, BUR 2 luglio 2013, n.

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE UMBRIA N. 10 DEL 4 MARZO 2005

BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE UMBRIA N. 10 DEL 4 MARZO 2005 LEGGE REGIONALE 17 FEBBRAIO 2005, N. 9 «Norme sulla cooperazione sociale». BOLLETTINO UFFICIALE REGIONE UMBRIA N. 10 DEL 4 MARZO 2005 IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

Dettagli

Disciplina organica sul volontariato e sulle associazioni di promozione sociale e norme sull associazionismo. Il Consiglio regionale ha approvato Il

Disciplina organica sul volontariato e sulle associazioni di promozione sociale e norme sull associazionismo. Il Consiglio regionale ha approvato Il Disciplina organica sul volontariato e sulle associazioni di promozione sociale e norme sull associazionismo. Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente della Regione promulga la seguente legge:

Dettagli

art. 1 Oggetto e finalità art. 2 Definizioni

art. 1 Oggetto e finalità art. 2 Definizioni Attenzione: la copertina del decreto presidenziale va stampata su carta intestata della presidenza, che ha già il cartiglio Regolamento recante la definizione di criteri e modalità per la concessione di

Dettagli

LEGGE REGIONALE 6 MARZO 2015, N. 6.

LEGGE REGIONALE 6 MARZO 2015, N. 6. LEGGE REGIONALE 6 MARZO 2015, N. 6. NORME PER IL SOSTEGNO DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE (GAS) E PER LA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI AGROALIMENTARI DA FILIERA CORTA E DI PRODOTTI DI QUALITÀ E MODIFICHE ALLA

Dettagli

d) definisce le misure di promozione, sostegno e sviluppo della cooperazione sociale;

d) definisce le misure di promozione, sostegno e sviluppo della cooperazione sociale; Legge Regionale 17 febbraio 2005, n. 9 "Norme sulla cooperazione sociale" B.U.R. 4 marzo 2005, n. 10 Art.1 (Oggetto e finalità) 1. Con la presente legge la Regione riconosce il rilevante valore e la finalità

Dettagli

NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO

NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO Legge regionale 26 aprile 1985, n. 30 NUOVA NORMATIVA DEL DIRITTO ALLO STUDIO TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità La Regione, al fine di concorrere alla realizzazione del diritto allo studio,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Disposizioni in merito alla disciplina dei rapporti con le libere forme associative

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 1º ottobre 2003, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo: Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. promulga

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. promulga REGIONE PIEMONTE BU47 22/11/2012 Legge regionale 16 novembre 2012, n. 13. Ulteriori modifiche alla legge regionale 9 giugno 1994, n. 18 (Norme di attuazione della legge 8 novembre 1991, n. 381 'Disciplina

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 50 DEL 13-04-1995 REGIONE MARCHE. Norme di attuazione per la promozione e lo sviluppo della cooperazione sociale.

LEGGE REGIONALE N. 50 DEL 13-04-1995 REGIONE MARCHE. Norme di attuazione per la promozione e lo sviluppo della cooperazione sociale. LEGGE REGIONALE N. 50 DEL 13-04-1995 REGIONE MARCHE Norme di attuazione per la promozione e lo sviluppo della cooperazione sociale. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 29 del 27 aprile

Dettagli

e) spese di promozione delle opere realizzate in regione.

e) spese di promozione delle opere realizzate in regione. Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di contributi a sostegno delle produzioni cinematografiche e televisive, a valere sullo stanziamento Film Fund, assegnato all Associazione Friuli

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 54/2008 (Atti del Consiglio) Norme in materia di sostegno alla innovazione delle attività professionali intellettuali. *************** Approvata dal

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA. Cittadinanza di genere.

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA. Cittadinanza di genere. LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 02-04-2009 REGIONE TOSCANA Cittadinanza di genere. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA N. 11 del 6 aprile 2009 Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente

Dettagli

Cittadinanza di genere

Cittadinanza di genere Proposta di legge n. 290 Cittadinanza di genere SOMMARIO PREAMBOLO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO, PRINCIPI E OBBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obbiettivi TITOLO II AZIONI PER LA CONCILIAZIONE

Dettagli

Domande pervenute Domande valide Contratti stipulati

Domande pervenute Domande valide Contratti stipulati Giovanisì è il progetto della Regione Toscana per l autonomia dei giovani, per ridare loro un futuro sulla base del merito nello studio e nell attività lavorativa. Un pacchetto di opportunità di livello

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze

D.M. 166/2014 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE. Visto il decreto 10 maggio 2007 n. 62, adottato dal Ministero dell economia e delle finanze MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 2 settembre 2014, n. 166 (G.U. 13 novembre 2014, n.264) Regolamento di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n.

Dettagli

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali

(Testo coordinato con le modifiche e le integrazioni di cui alla L.R. 20 febbraio 2014, n. 5) CAPO I Principi generali Legge regionale 18 dicembre 2013, n. 53 Disciplina del Sistema Regionale dell Istruzione e Formazione Professionale. (BUR n. 24 del 16 dicembre 2013, supplemento straordinario n. 6 del 27 dicembre 2013)

Dettagli

Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 40 Disposizioni in materia di riordino territoriale e di incentivazione delle forme associative di comuni.

Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 40 Disposizioni in materia di riordino territoriale e di incentivazione delle forme associative di comuni. Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 40 Disposizioni in materia di riordino territoriale e di incentivazione delle forme associative di comuni. Bollettino Ufficiale n. 27, parte prima, del 27.08.2001 Art.

Dettagli

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11:

(1) Dopo il comma 9 dell articolo 11 della legge provinciale 12 dicembre 1996, n. 24, e successive modifiche, sono aggiunti i seguenti commi 10 e 11: q) Legge provinciale 26 gennaio 2015, n. 1 1) Modifiche di leggi provinciali in materia di istruzione, di stato giuridico del personale insegnante e di apprendistato 1) Pubblicato nel supplemento n. 1,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 6 LUGLIO 2012 NORME PER IL COMPARTO DEL LAVORO AUTONOMO IN FAVORE DEI GIOVANI PROFESSIONISTI IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROMULGA La seguente

Dettagli

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI NOTIZIARIO SPECIALE FINANZIAMENTI N.06/2008 AGLI ENTI ASSOCIATI DELLA LOMBARDIA - LORO SEDI BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE LOMBARDIA Bando a sostegno

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009)

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Articolo 1 Finalità e oggetto della legge 1. La Regione,

Dettagli

*** NORMATTIVA -Stampa ***

*** NORMATTIVA -Stampa *** *** NORMATTIVA -Stampa *** Page 1 of 6 DECRETO 21 luglio 1997, n. 245 Regolamento recante norme in materia di accessi all'istruzione universitaria e di connesse attivita' di orientamento. Vigente al: 10-11-2015

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di regolamento recante Revisione dell assetto ordinamentale, organizzativo e didattico della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione ai sensi dell'articolo 64, comma 4, del decreto

Dettagli

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI

PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER AFFRONTARE LA CRISI OCCUPAZIONALE DEI GIOVANI AGENZIA DEL LAVORO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L IMPIEGO 1. LA CONDIZIONE GIOVANILE SUL MERCATO DEL LAVORO IN PROVINCIA DI TRENTO

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 09-08-2006 REGIONE BASILICATA. Crediti di conduzione nel settore agricolo

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 09-08-2006 REGIONE BASILICATA. Crediti di conduzione nel settore agricolo LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 09-08-2006 REGIONE BASILICATA Crediti di conduzione nel settore agricolo Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 47 del 10 agosto 2006 IL CONSIGLIO REGIONALE ha

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DECRETO 25 marzo 1998, n. 142

MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DECRETO 25 marzo 1998, n. 142 MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DECRETO 25 marzo 1998, n. 142 Regolamento recante norme di attuazione dei principi e dei criteri di cui all'articolo 18 della legge 24 giugno 197, n. 196,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO

LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO LEGGE REGIONALE N. 16 DEL 3 AGOSTO 2001 REGIONE VENETO Norme per il diritto al lavoro delle persone disabili in attuazione della legge 12 marzo 1999, n. 68 e istituzione servizio integrazione lavorativa

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 33, sesto comma, 76 e 87, quinto comma, della Costituzione; Schema di decreto legislativo recante la disciplina per la programmazione, il monitoraggio e la valutazione delle politiche di bilancio e di reclutamento degli atenei in attuazione della delega prevista

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO PARTECIPATIVO

REGOLAMENTO DEL FONDO PARTECIPATIVO REGOLAMENTO DEL FONDO PARTECIPATIVO Articolo 1 (Ambito di applicazione) 1. Il presente regolamento (di seguito anche il Regolamento ) disciplina gli interventi partecipativi di Promocoop Trentina S.p.A.

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Interventi finanziari urgenti per l anno 2009 e disposizioni per l occupazione. Autorizzazione per l esercizio provvisorio per l anno 2010.

Interventi finanziari urgenti per l anno 2009 e disposizioni per l occupazione. Autorizzazione per l esercizio provvisorio per l anno 2010. LEGGE REGIONALE N. 13 DEL 29-12-2009 REGIONE SICILIA Interventi finanziari urgenti per l anno 2009 e disposizioni per l occupazione. Autorizzazione per l esercizio provvisorio per l anno 2010. Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA La Regione Siciliana in collaborazione con Italia Lavoro ha destinato 19.250.000 euro per l avviamento di percorsi di tirocinio per

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

Art. 1 (Finalità e ambito di applicazione)

Art. 1 (Finalità e ambito di applicazione) REGOLAMENTO di ESECUZIONE dell articolo 8, comma 72, della legge regionale 18 gennaio 2006, n. 2, (legge finanziaria 2006), riguardante i criteri e le modalità di presentazione delle domande, di erogazione

Dettagli

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE Provincia di Varese

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE Provincia di Varese COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE Provincia di Varese TITOLO I RAPPORTI CON L ASSOCIAZIONISMO ART. 1: Principi e finalità Il Comune riconosce e promuove il valore culturale, di solidarietà e di promozione sociale

Dettagli

COMUNE DI STIA (Provincia di Arezzo)

COMUNE DI STIA (Provincia di Arezzo) COMUNE DI STIA (Provincia di Arezzo) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI PATROCINIO, CONTRIBUTI, SOVVENZIONI, SUSSIDI, AUSILI FINANZIARI, VANTAGGI ECONOMICI, AGEVOLAZIONI E PER L'ISCRIZIONE ALL'ALBO DELLE

Dettagli

L.R. 24 dicembre 2004, n. 30. Disciplina delle associazioni di promozione sociale. (B.U. 29 dicembre 2004, n. 12)

L.R. 24 dicembre 2004, n. 30. Disciplina delle associazioni di promozione sociale. (B.U. 29 dicembre 2004, n. 12) L.R. 24 dicembre 2004, n. 30. Disciplina delle associazioni di promozione sociale. (B.U. 29 dicembre 2004, n. 12) Settore: Regione: Materia: Codici regionali Liguria ordinamento ed organizzazione Sommario

Dettagli

ASSESSORATO AL LAVORO. Legge regionale. Disposizioni in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro e qualità del lavoro

ASSESSORATO AL LAVORO. Legge regionale. Disposizioni in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro e qualità del lavoro ASSESSORATO AL LAVORO Legge regionale Disposizioni in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro e qualità del lavoro 1 Art. 1 (Principi e finalità) 1. La Regione esercita le competenze legislative previste

Dettagli

Regione Friuli - Venezia Giulia. Legge regionale del 22 aprile 2004, n. 13

Regione Friuli - Venezia Giulia. Legge regionale del 22 aprile 2004, n. 13 Regione Friuli - Venezia Giulia Legge regionale del 22 aprile 2004, n. 13 Bollettino Ufficiale Regionale del 28 aprile 2004, n. 17 Interventi in materia di professioni. Preambolo IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL

Federazione Lavoratori della Conoscenza CGIL Scheda di lettura del Capo V Apprendistato del decreto legislativo n. 81/15 recante Disciplina organica dei contratti di lavoro e revisione della normativa in tema di mansioni Premessa La parte relativa

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Schema di regolamento recante Revisione dell assetto ordinamentale, organizzativo e didattico della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione ai sensi dell'articolo 64 del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Art.3 Dalle provvidenze della presente legge sono esclusi gli alberghi e le altre opere che siano classificabili superiori alla seconda categoria.

Art.3 Dalle provvidenze della presente legge sono esclusi gli alberghi e le altre opere che siano classificabili superiori alla seconda categoria. Legge Regionale 18 marzo 1964, n. 8 Provvidenze a favore dell industria alberghiera e turistica. Il Consiglio Regionale ha approvato Il Presidente della Giunta Regionale promulga la seguente legge: Art.1

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

IL MINISTRO DEL TESORO. di concerto con IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

IL MINISTRO DEL TESORO. di concerto con IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE DECRETO 8 novembre 1996, n. 591 (pubblicato nella G.U.R.I. del 22 novembre 1996, n. 274) "Regolamento recante criteri e modalità di concessione delle agevolazioni per la promozione di iniziative di lavoro

Dettagli

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE DEL REGISTRO COMUNALE DEL VOLONTARIATO, DELLE CONSULTE TEMATICHE E DEL FORUM DEL VOLONTARIATO. Approvato con deliberazione

Dettagli

L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica)

L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica) L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica) CAPO III Edilizia residenziale pubblica Art. 48 (Alienazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 95 DEL 5-12-1977 REGIONE SICILIA. Interventi in favore delle cooperative edilizie.

LEGGE REGIONALE N. 95 DEL 5-12-1977 REGIONE SICILIA. Interventi in favore delle cooperative edilizie. Legge 1977095 Pagina 1 di 7 LEGGE REGIONALE N. 95 DEL 5-12-1977 REGIONE SICILIA Interventi in favore delle cooperative edilizie. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 55 del 10 dicembre

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Regolamento recante disposizioni per l insegnamento della lingua friulana nel territorio della Regione Friuli Venezia Giulia in attuazione di quanto previsto dal Capo III (Interventi nel settore dell istruzione)

Dettagli

Legge Regionale 30 aprile 2015 n. 9. Riconoscimento e sostegno delle organizzazioni di commercio equo e solidale.

Legge Regionale 30 aprile 2015 n. 9. Riconoscimento e sostegno delle organizzazioni di commercio equo e solidale. Legge Regionale 30 aprile 2015 n. 9 Riconoscimento e sostegno delle organizzazioni di commercio equo e solidale. (Lombardia, BUR 5 maggio 2015, n. 19, Supplemento) IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 7 dicembre 2001, n. 32 concernente Interventi a sostegno della famiglia ;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTA la legge regionale 7 dicembre 2001, n. 32 concernente Interventi a sostegno della famiglia ; DELIBERAZIONE N.1177 DEL 23/12/2005 Oggetto: L.r. 7 dicembre 2001, n. 32 Interventi a sostegno della famiglia. Individuazione degli interventi prioritari, nonché delle modalità e dei criteri di riparto

Dettagli

Legge regionale 17 settembre 2001, n. 28 (BUR n. 87/2001)

Legge regionale 17 settembre 2001, n. 28 (BUR n. 87/2001) MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 24 DICEMBRE 1999, N. 57 "INTERVENTI REGIONALI PER LO SVILUPPO DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE VENETA" E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Art. 1 - Modifica dell'articolo 1 della legge

Dettagli

DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla. L. 133 del 6 agosto 2008

DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla. L. 133 del 6 agosto 2008 DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla L. 133 del 6 agosto 2008 (G.U. n. 195 del 21/8/08) Capo IV Casa e infrastrutture Art. 11. Piano Casa 1. Al fine di garantire su tutto il territorio

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni

Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni Regolamento per la concessione di contributi a enti e associazioni approvato con atto consiliare n. 50 del 27/06/2002 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A ENTI E ASSOCIAZIONI Capo I - DISCIPLINA

Dettagli

Valorizzazione e promozione del volontariato (B.U. 7 settembre 1994, n. 36)

Valorizzazione e promozione del volontariato (B.U. 7 settembre 1994, n. 36) Legge regionale 29 agosto 1994, n. 38. Valorizzazione e promozione del volontariato (B.U. 7 settembre 1994, n. 36) Il Consiglio regionale ha approvato. Il Commissario del Governo ha apposto il visto. IL

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 1-02-1977 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 1-02-1977 REGIONE PUGLIA Legge 1977003 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 1-02-1977 REGIONE PUGLIA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI COMUNE DI ZERO BRANCO PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E ALTRI BENEFICI ECONOMICI A ENTI, ASSOCIAZIONI ED ORGANISMI VARI Approvato con deliberazione consiliare

Dettagli

Comune di Monteprandone. Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi e vantaggi economici ad Enti, Associazioni ed Istituzioni

Comune di Monteprandone. Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi e vantaggi economici ad Enti, Associazioni ed Istituzioni Comune di Monteprandone Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi e vantaggi economici ad Enti, Associazioni ed Istituzioni Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 5 del 16.02.2013

Dettagli

Associazioni Sportive Dilettantistiche - ammissione al beneficio del 5 per mille

Associazioni Sportive Dilettantistiche - ammissione al beneficio del 5 per mille Segreteria Federale Roma, 3 aprile 2015 Circolare n. 46/2015 A tutte le Società affiliate Organi Centrali e Territoriali Ufficiali di Gara LORO INDIRIZZI OGGETTO: Associazioni Sportive Dilettantistiche

Dettagli

Legge Regionale Emilia-Romagna

Legge Regionale Emilia-Romagna Pagina 1 di 5 Legge vigente:testo Originale LEGGE REGIONALE 23 dicembre 2002, n. 40 INCENTIVI PER LO SVILUPPO E LA QUALIFICAZIONE DELL'OFFERTA TURISTICA REGIONALE. ABROGAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 11

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento 56167 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2009 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del 30 ottobre 2009, n. 2616 Legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6 («legge provinciale sugli

Dettagli

ART. 1 ART. 2 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

ART. 1 ART. 2 OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI ORDINARI E STRAORDINARI AD ENTI E ASSOCIAZIONI SOCIO- ASSISTENZIALI, A SOSTEGNO DELL ATTIVITA DI VOLONTARIATO E DELLE INIZIATIVE AVENTI VALORE

Dettagli

L'ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE

L'ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE Deliberazione Amministrativa n. 76 del 18/06/2013 Programma degli interventi per l'anno 2013. Criteri e modalità per la concessione dei contributi ai sensi dell'articolo 2 della legge regionale 6 agosto

Dettagli

3. Gli atti di trasformazione e di 3. Identico.

3. Gli atti di trasformazione e di 3. Identico. Pag. 142-143 Decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, pubblicato nel supplemento ordinario n. 152/L alla Gazzetta Ufficiale n. 147 del 25 giugno 2008. Testo del decreto-legge Testo del decreto-legge comprendente

Dettagli

DECRETO DEL MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE REGOLAMENTO RECANTE NORME PER IL FUNZIONAMENTO DEL FONDO

DECRETO DEL MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE REGOLAMENTO RECANTE NORME PER IL FUNZIONAMENTO DEL FONDO DECRETO DEL MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE E MINISTERO DEL TESORO, DEL 13 GENNAIO 2000, N. 91 REGOLAMENTO RECANTE NORME PER IL FUNZIONAMENTO DEL FONDO NAZIONALE PER IL DIRITTO AL LAVORO

Dettagli

SNADIR Segreteria Nazionale Piazza Confienza, 3 00185 ROMA Tel. 06 45492246 Fax 06 45492085 www.snadir.it e.mail snadir@snadir.it

SNADIR Segreteria Nazionale Piazza Confienza, 3 00185 ROMA Tel. 06 45492246 Fax 06 45492085 www.snadir.it e.mail snadir@snadir.it (Legge 24 Dicembre 2007, n. 244, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 28 dicembre 2007) Art.1, comma 207. Detrazione per spese aggiornamento Art.1, comma 207. Per l anno 2008 ai docenti delle

Dettagli

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 196 del 7-12-2009 25631 LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31 Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione e alla formazione. La seguente legge:

Dettagli

FONDO PER LA VALORIZZAZIONE E LA PROFESSIONALIZZAZIONE DEI GIOVANI

FONDO PER LA VALORIZZAZIONE E LA PROFESSIONALIZZAZIONE DEI GIOVANI Presidenza della Provincia Progetto speciale per il programma di legislatura FONDO PER LA VALORIZZAZIONE E LA PROFESSIONALIZZAZIONE DEI GIOVANI La scelta operata dal Presidente della Provincia di promuovere

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Legge 1995023 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Norme per i consorzi fidi di garanzia collettiva tra piccole e medie imprese. Norme interpretative e di modifica delle leggi

Dettagli

Comune di Sinnai Provincia di Cagliari

Comune di Sinnai Provincia di Cagliari Comune di Sinnai Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DI NUOVA FORMAZIONE L.R. 24 dicembre 1998, n. 37, Art. 19 1 Art. 1 Oggetto del Regolamento Principi 1) Il

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L'ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L'ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L'ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA ART. 1 - FINALITA' DELL INTERVENTO E REQUISITI DI ACCESSO DEI CONFIDI AI

Dettagli

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO

COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO Allegato sub B) alla deliberazione C.C. n. 24 in data del 26.07.2011 COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Info

Dettagli

Leggi di riferimento sulle cooperative

Leggi di riferimento sulle cooperative Leggi di riferimento sulle cooperative Legge 8 novembre 1991, n. 381 - Disciplina delle cooperative sociali (in Gazz. Uff., 3 dicembre, n. 283) Art. 1. Definizione. 1. Le cooperative sociali hanno lo scopo

Dettagli

r) Legge provinciale 14 dicembre 1998, n. 11 1) Disposizioni relative all'incentivazione in agricoltura

r) Legge provinciale 14 dicembre 1998, n. 11 1) Disposizioni relative all'incentivazione in agricoltura r) Legge provinciale 14 dicembre 1998, n. 11 1) Disposizioni relative all'incentivazione in agricoltura 1) Pubblicata nel B.U. 29 dicembre 1998, n. 54. Titolo I Disposizioni generali Art. 1 (Finalità)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VALORIZZAZIONE DEI RAPPORTI CON LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SENZA FINI DI LUCRO.

REGOLAMENTO PER LA VALORIZZAZIONE DEI RAPPORTI CON LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SENZA FINI DI LUCRO. REGOLAMENTO PER LA VALORIZZAZIONE DEI RAPPORTI CON LE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO SENZA FINI DI LUCRO. CAPO 1 ALBO DELLE ASSOCIAZIONI Art. 1 Istituzione dell albo comunale delle Associazioni 1. E istituito

Dettagli

Campania LR 09/93 Norme per la valorizzazione del volontariato e regolamentazione dei rapporti con la Regione e gli Enti Locali.

Campania LR 09/93 Norme per la valorizzazione del volontariato e regolamentazione dei rapporti con la Regione e gli Enti Locali. 1993 - Campania LR 09/93 Campania LR 09/93 Norme per la valorizzazione del volontariato e regolamentazione dei rapporti con la Regione e gli Enti Locali. Legge Regionale 8 febbraio 1993, n. 9. Norme per

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI PROFESSORI STRAORDINARI E DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ARTICOLO 1, COMMA 12 DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2005, N. 230 E DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE 30

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli