CAPITOLO I IL TIPO CONTRATTUALE TIPO E CONCETTO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO I IL TIPO CONTRATTUALE TIPO E CONCETTO DI CLASSE"

Transcript

1 CAPITOLO I IL TIPO CONTRATTUALE TIPO E CONCETTO DI CLASSE SOMMARIO: 1. La «riconduzione» del contratto atipico ai tipi legali. 2. Il significato del termine tipo. 3. Ermeneutica e tipo. Un sentiero di ricerca del diritto applicabile ai contratti atipici. 1. La «riconduzione» del contratto atipico ai tipi legali Il tema dell atipicità del contratto ha la sua base normativa nell art c.c., che, con riguardo all autonomia contrattuale, in una delle manifestazioni specificamente considerate dal legislatore, contempla la possibilità, per i contraenti, di porre in essere contratti che non appartengano ai tipi regolati, purché siano diretti a realizzare interessi meritevoli di tutela secondo l ordinamento giuridico. La norma è di sicura importanza per il rinvio che contiene all ordinamento giuridico considerato nella sua totalità e completezza 1. Non a caso l espressione «ordinamento giuridico» ricorre in altre norme di pari importanza nella ricostruzione del regime e del sistema dei rapporti privati: nell art c.c., a proposito delle fonti delle obbligazioni, e nell art. 832 c.c., che definisce l istituto della proprietà. Un ulteriore norma di fondamentale significato, che si richiama al concetto, specificandolo come «ordinamento giuridico dello Stato», è contenuta nell art. 12 delle preleggi, che vi rinvia, quando sia fallita allo scopo l interpretazione letterale e non sia possibile usare lo strumento dell analogia legis. La norma base sui contratti atipici va letta attribuendo rilievo all inciso finale, ma prima ancora dev essere studiata l affermazione, cen- 1 RESCIGNO, Note sull atipicità contrattuale, in I contratti atipici, in Giur. sist. civ. e comm., fondata da W. Bigiavi, Torino, 1991, p. 6.

2 2 Classe, concetto e tipo trale e generale, della libertà dei privati di muoversi fuori dai tipi legali. È un corollario di tale libertà la possibilità dei privati di avvalersi di combinazioni contrattuali tipiche (contratti composti e misti), che costituisce un applicazione della possibilità di creare nuovi tipi contrattuali, con il limite della meritevolezza degli interessi perseguiti, e la libertà di usare un tipo per finalità diverse da quelle che il sistema nella disciplina positiva assegna allo specifico tipo contrattuale (art c.c.). A fronte dell ampio riconoscimento, non sono mancate letture tendenti a ridimensionare l ambito della libertà riconosciuta ai privati dall ordinamento giuridico. Il principio della tipicità contrattuale, mai superato nel diritto romano, sopravvivrebbe ancor oggi attraverso la tecnica della riconduzione di ogni figura nuova ad una figura nota. Nemmeno il diritto contemporaneo avrebbe eliminato effettivamente la tipicità dei contratti. La realtà giuridica non conoscerebbe il contratto, ma i contratti, figure o forme negoziali tipiche ed individue 2. Si assiste ad una sorta di fuga dal principio della libertà dei tipi, o meglio ad un attitudine al disimpegno, quando invece si dovrebbe individuare ciò che di nuovo e di originale vi sia nella manifestazione di autonomia contrattuale 3. Il fenomeno rinverrebbe la sua giustificazione nell insufficienza della parte generale sulle obbligazioni e, in particolare, del Titolo II del Libro IV del codice civile a disciplinare i contratti innominati 4. Da qui anche l impressione di alcuni giuristi di common law che, nel nostro sistema, non sarebbero i singoli tipi delle specificazioni dei principi generali in materia contrattuale, quanto sarebbe la parte generale che tenterebbe a ricavare principi generali dalle discipline dei singoli tipi 5. 2 L affermazione è di ASTUTI, I contratti obbligatori nella storia del diritto italiano, Parte generale, Milano, 1952, p. 3 ss. 3 RESCIGNO, Note sull atipicità contrattuale, cit. p SACCO, Autonomia contrattuale e tipi, in Riv. trim. dir. proc. civ., 1966, p. 788; seguito, tra gli altri, da DE NOVA, I tipi contrattuali, Padova, 1974, p. 51, che richiama anche l opinione di SCHREIBER, Gemischte Verträge im Rechtsschuldrecht, Jher. Jb. (60), 1912, p Cfr. anche SCOGNAMIGLIO, Dei contratti in generale, in Commentario. al cod. civ., a cura di Scialoja e Branca, Bologna-Roma, 1970, p La singolare affermazione, riportata da DE NOVA (op. cit., p. 52), è di BUCKLAND- MC NAIR, Roman Law and Common Law, 2 a ed., Cambridge, 1965, XVIII. La percezione del giurista di common law appare singolare, laddove si consideri soltanto l evoluzione del sistema di civil law e, nel suo ambito, la nascita e lo sviluppo delle moderne codificazioni e si porga lo sguardo alla normativa che il vigente codice civile italiano dedica al contratto in generale ed ai singoli tipi contrattuali (sia sufficien-

3 Il tipo contrattuale. Tipo e concetto di classe 3 In realtà, nel vigente codice civile italiano la parte generale sul contratto non ha riguardo al contenuto, quanto piuttosto alla struttura dell atto 6. L unico settore di elezione di un vero e proprio conflitto di norme (Gesetzkonkurrenz) è quello della risoluzione, perché si tratta di una disciplina che attiene al rapporto contrattuale, piuttosto che all atto. È quindi da seguire e sviluppare il suggerimento, secondo cui «uno studio te rinviare alle opere di NICOLÒ, Codice civile, in Enc. dir., vol. VII, 1960, p. 240 ss.; MORTARI, Codice (storia), in Enc. dir., vol. VII, 1960, p. 208 ss.; e BETTI, Der Typenzwang bei den römischen Rechtsgeschäften und die sogennante Typenfreiheit des heutigen Rechts, Fest. für Leopold Wengner, I, München, 1944, pp , tradotto da Pacitti in Ann. Fac. Giur., Macerata, 1966, p. 7 ss.). La solenne affermazione del giurista di common law, secondo cui i contratti speciali sono variazioni particolari dello stesso schema, che è da considerarsi la loro matrice comune, con conseguente applicazione della normativa generale, laddove la normativa speciale lasci dei vuoti (cfr. BUCKLAND-MCNAIR, Roman law and common law, cit., p. 195, per i quali: «In the main we can say that our particular contracts are special varieties of a general type, whereas in the Roman Law the process was the reverse and most of the particular contracts had independent origin and histories». Cfr. anche FIFOOT, History and Sources of the Common Law, London 1949, p. 399, e, per una visione di sintesi, cfr. CRISCUOLI, Il contratto nel diritto inglese, Padova, 1990, p. 4 ss.), costituisce, pur nella sua genericità e con le comprensibili distinzioni derivanti dalle diversità della civil law e della common law, patrimonio diffuso dei giuristi di civil law, mentre, nel sistema di common law, ha avuto un faticoso riconoscimento di stampo logico induttivistico, fondato sulle singole, ancorché flessibili decisioni delle Corti, piuttosto che un riconoscimento generale e codificato (si noti, peraltro, che il Trattato di Pothier sul diritto delle obbligazioni fu tradotto in lingua inglese nel La Court of King s Beach ne tenne conto in Taylor v. Caldwell (122 Eng. Rep., 309) (1863). Cfr. FARNSWORTH, Contracts, 3 a ed., New York, 1999, p. 24, spec. sub nota 28). A tal proposito, sia sufficiente ricordare che la meritoria opera delle Corti inglesi («Surely it would be hard to find a better illustration of the flexibility and power of selfdevelopment of the Common Law», secondo AMES, The History of Assumptis, 2 Harv. L. Rev.,1888, pp. 252 e 260) ebbe la sua genesi dall assumption, di stampo romanistico, secondo cui «promises are generally unenforceable, and then creates exceptions for promises throught desirable to enforce» (FARNSWORTH, Contracts, cit., p. 12. Cfr. anche COHEN, The basis of Contracts, in Harv. L. Rev., 46, 1932, pp. 553 e 573; WA- TSON, The Law of Obligations, cit., passim) e sviluppò un principio generale di tutela della «promise» mediante la fissazione di eccezioni al principio romanistico (ciò è avvenuto per opera della Corti nel sedicesimo secolo; cfr., per tutti, HELMHOLZ, Assumptis and Fidei Laesio, in L.A. Rew., 91, 1975, p. 406 ss.). Solo il successivo richiamo alla responsabilità per violazione della promessa (law of tort); (HOLDS- WORTH, History of the English Law, 4th ed., 1935, p. 430) e lo sviluppo «of the word consideration» (FARNSWORTH, Contracts, cit., p. 18 ss.) consentirono che «in 1861 Sir Henry Maine assured himself of immortality by declaring that: The movement of the progressive societies has hitherto been a movement from status to contract» (MAINE, Ancient Law, 170 (1861), citato da FARNSWORTH, Contracts, cit., p. 19). 6 Lo riconosce DE NOVA, Sul rapporto tra disciplina generale dei contratti e disciplina dei singoli contratti, in Contratto e impresa, 1988, p. 327 ss. Cfr. anche la diversa opinione di MESSINEO, Contratto innominato, in Enc. dir., vol. IX, 1962, p. 107.

4 4 Classe, concetto e tipo approfondito della risoluzione dovrebbe considerare in modo sistematico e comparativo le regole generali e le regole speciali» 7. Al di fuori di siffatto specifico ambito, esistono certamente ipotesi in cui l applicazione della disciplina speciale esclude quella generale (art. 761 c.c., in tema di divisione; art c.c., in tema di riporto; art c.c., in tema di appalto; artt e 1970 c.c., in tema di transazione; art c.c., in tema di somministrazione; artt. 1662, 1667 e 1668 c.c., in tema di appalto). Si tratta, tuttavia, di norme il cui ambito di applicazione è legislativamente definito e per le quali non è prospettabile un conflitto concreto con le norme generali 8. Per il resto, le norme di parte generale e di parte speciale hanno diversi ambiti di applicazione. Le norme generali sono norme comuni, che si applicano a tutti i contratti «in concorso (e non in antitesi) con le norme particolari, nel senso della combinazione e non della reciproca esclusione» 9. Senza una identica materia alla quale una pluralità di norme sono concretamente e contestualmente applicabili viene meno anche in via ipotetica il problema del loro conflitto. Non ha, quindi, senso riferirsi al criterio di specialità o di sussidiarietà per dirimere un insussistente conflitto tra norme generali e norme speciali sui contratti SACCO, Il contratto, in Trattato di dir. civ., diretto da F. Vassalli, Torino, 1975, p. 940; SCOGNAMIGLIO, Contratti in generale, in Trattato di dir. civ., diretto da G. Grosso e F. Santoro Passarelli, 3 a ed., Milano, 1972, passim; SACCO-DE NOVA, Il Contratto, I e II, Torino, 1993, in Trattato dir. civ., diretto da R. Sacco, passim. Cfr. GORGONI, Regole generali e regole speciali nella disciplina del contratto, Torino, 2005, p. 131 ss., secondo cui: «le norme dettate dal legislatore per la risoluzione dei singoli tipi contrattuali non si collocano in posizione antinomica rispetto alle regole di cui agli artt ss., c.c.». 8 Sul tema si ritornerà in seguito. Per il momento, si rinvia alle indagini di SCHLECHTRIEM, Vertragsordnung und außervertragliche Haftung, Frankfurt am Main, 1972; GEORGIADES, Die Anspruchskonkurrenz im Zivilrecht und Zivilprozessrecht, München, 1967; SCHMIDT, Die Gesetzkonkurrenz im bürgerlichen Recht, München, MESSINEO, Sul rapporto sistematico fra gli artt e gli artt c.c., in Riv. trim. dir. proc. civ., 1961, pp. 16, 17, 18 ss.; ID., Contratto innominato, cit., 786 ss.; ID., Contratto in generale, vol. I, in Trattato di dir. civ. e comm., diretto da Cicu e Messineo, 1968, p. 5 ss. Evidenzia la perdurante importanza delle norme di parte generale e la specialità di quelle sui singoli tipi contrattuali GORGONI, Regole generali e regole speciali nella disciplina del contratto, cit., 171 ss. 10 Oltre gli autori già citati cfr. DIETZ, Anspruchkonkurrenz bei Vertragsverletzung und Delikt, Köhl und Bonn, 1934, pp , che parla di «Normenkollision» e fa e- spresso riferimento ai criteri di specialità e di sussidiarietà per la risoluzione del conflitto. Per la distinzione tra «Gesetzkonkurrenz» e «Anspruchkonkurrenz» cfr., per tutti, GEORGIADES, op. cit., spec. p. 69 ss.

5 Il tipo contrattuale. Tipo e concetto di classe 5 Le norme di parte generale non hanno inoltre, neanche in via ipotetica, una funzione meramente sussidiaria o residuale di quelle di parte speciale 11. Le norme speciali, alle quali si fa riferimento in alcuni casi per inferire che in determinate materie le norme di parte speciale «integrano ma non escludono i principi generali in materia» 12, o che le norme generali «sono applicabili quando non ricorrano i presupposti delle norme speciali» 13, hanno riguardo solo alle ipotesi limite in cui effettivamente esiste, parzialmente o totalmente, ma eccezionalmente, identità della materia disciplinata. Ciò significa che la disciplina formale o strutturale del contratto innominato non è, né può essere diversa da quella del contratto nominato; è, questo, un dato di convergenza fra le due figure 14. Con il fatto di fornire soltanto norme generali, applicabili anche ai contratti innominati, l art c.c., pone però un problema: quello della ricerca della disciplina particolare del singolo contratto innominato. Viene in evidenza la tendenza della nostra giurisprudenza, chiamata a risolvere i problemi di disciplina di uno specifico e concreto contratto innominato, a ricondurre la fattispecie atipica ad un tipo legale o, in subordine, ad un tipo giurisprudenziale 15. Il ricorso alla tipizzazione, come tecnica esclusiva, sarebbe da ricollegarsi anche alla tendenza di porre «quantitativamente» in primo piano la disciplina legale come fonte del regolamento contrattuale, con conseguente limitazione dell area di intervento delle altre fonti 16. Si adottano a tale scopo alcuni espedienti o tecniche. Si tipizzano, in primo luogo, delle clausole, in modo da elidere la simmetria tra volontà delle parti ed effetti conseguenti. Sarà, quindi, questio facti decidere se il privato ha voluto una certa dichiarazione, mentre sarà questio iuris stabilire gli effetti conseguenti alla dichiarazione 17. La tipizzazione delle clausole prepara la tipizzazione del contratto e 11 Diversamente, DE NOVA, op. ult. cit., p Cass. 19 febbraio 1981, n Cass. 2 aprile 1974, n MESSINEO, Contratto innominato, cit., SACCO, Autonomia, cit., p. 790, il quale sostiene, inoltre, che il contratto atipico, al quale applicare le sole norme generali contenute negli artt c.c., non avrebbe mai fatto apparizione in un ufficio giudiziario. Diversamente, G.B. FERRI, Causa e tipo nella teoria generale del negozio giuridico, Milano, DE NOVA, Il tipo, cit., p. 8; RODOTÀ, Le fonti di integrazione del contratto, Milano, 1969, 108; GAZZONI, Equità e autonomia privata, Milano, 1970, p SACCO, Autonomia, cit., pp

6 6 Classe, concetto e tipo la rende possibile, proprio perché sostituisce alla variabilità del voluto delle parti una lista definita di clausole tipizzate. Un ulteriore tecnica è attuata riconoscendo carattere accessorio o preparatorio alla singola clausola di deroga della disciplina tipica, con la susseguente riconduzione dell intera disciplina contrattuale, attraverso l applicazione del criterio di prevalenza 18, alla disciplina tipica. Anche la categoria del contratto misto sarebbe utilizzata per applicare la disciplina del tipo prevalente. Il contratto misto assumerebbe così la funzione di medio logico per la riconduzione del contratto atipico al tipo legale. Si costruiscono, infine, tipi sociali e giurisprudenziali, ai quali è poi applicata la disciplina legale tipica più prossima 19. Esiste, indubbiamente, una certa mentalità tipizzante, che si manifesta «attraverso la rilevanza per i tipi legislativamente previsti», che sono considerati come una sorta di tipo ideale al quale i contratti innominati debbono adeguarsi 20. Questa è una prospettiva che conduce ad applicare ai contratti atipici non solo le norme derogabili del tipo legale, ma anche quelle inderogabili Il significato del termine tipo La tendenza è favorita dalla non univocità dei significati attribuiti al termine «tipo» 22. Di tipo si parla negli artt e 1323 c.c., con riguardo ai contratti, ed ancora negli artt e 2500 c.c., con riferimento alle società. È un espressione che compare per la prima volta nel codice vigente e viene a sostituire il riferimento al nomen, con la conseguente discriminazione dei contratti tipici da quelli atipici in luogo di quella tra contratti nominati e innominati. Riferito alle società, il termine attiene alla specie, evidentemente per puntualizzare come, pur nella specificità delle loro caratteristiche orga- 18 DE NOVA, Il tipo, cit., p. 19 ss. 19 Mi sembra questa, in estrema sintesi, l opinione di Sacco. 20 GIORGIANNI, Riflessioni sulla tipizzazione dei contratti agrari, in Riv. dir. agr., 1969, I, p Cfr. SACCO, Autonomia, cit., pp. 799 e 801; DE NOVA, Il tipo, cit., passim. 22 Cfr. G.B. FERRI, Causa e tipo, cit., 1966, p. 1 ss.; COSTANZA, Il contratto innominato, Milano, 1981, passim.

7 Il tipo contrattuale. Tipo e concetto di classe 7 nizzative, tutte le diverse tipologie rientrano nel genus società 23. In materia contrattuale, i problemi del tipo sono stati per lo più inseriti o assorbiti in quelli della causa del negozio, enucleandosi la nozione di tipo soltanto nell ambito di uno stesso schema causale 24. «Autonomia privata, causa e tipo negoziale, seppure concettualmente individuano entità distinte, inevitabilmente si intrecciano e, vicendevolmente, si condizionano, in quanto tutte incidono in una medesima prospettiva, quella del rapporto tra l attività del privato e l ordinamento giuridico» 25. Il vocabolo tipo è mutuato dal linguaggio della logica ed è usato prevalentemente nell ambito delle scienze naturali e sociali 26. Secondo una classificazione piuttosto recente 27, il termine sarebbe stato utilizzato dai giuristi per indicare: la sintesi di normativa e qualificazione giuridica di un istituto. In questo caso, il termine tipo coinciderebbe con quello di classe 28, avendo per scopo di descrivere i connotati comuni di un determinato istituto giuridico; i caratteri ed i contenuti di un fenomeno sociale (fattispecie), che reclama la disciplina legale 29 ; le strutture fenomeniche del fatto giuridico, ossia i dati tipologicamente significativi dotati di autonoma rilevanza giuridica 30. Questa sintetica ricostruzione consente di descrivere il significato attribuito al termine. Tentiamo una più approfondita analisi del fenomeno. L idea di tipicità ha un antecedente illustre, che riporta alla filosofia 23 G.B. FERRI, Causa e tipo, cit., 2 sub nota 1; RESCIGNO, Manuale del diritto privato, Napoli, 1984, passim. 24 BETTI, Teoria generale del negozio giuridico, Torino, 1956, p. 89 ss.; SANTORO PASSARELLI, La causa del negozio di assicurazione, in Studi sulle assicurazioni, Roma, 1963, p G.B. FERRI, Causa e tipo, cit., p WOLFF, Typen im Recht und in der Rechtswissenschaft, in Studium generale, V, 1952, p. 14 ss. 27 ZOPPINI, Le fondazioni. Dalla tipicità alle tipologie, Napoli, 1995, p. 14, spec. sub nota OPPO, L identificazione del tipo società di persone, in Riv. dir. civ., 1988, I, p. 619; SPADA, La tipologia delle società tra volontà e nomenclatura, in Riv. dir. civ., 1989, I, p G.B. FERRI, Causa e tipo, cit., passim; SACCO, Autonomia, cit., p. 785; DE NOVA, Il tipo, cit., passim; COSTANZA, Il contratto atipico, cit., 1981, p. 175 ss. 30 FALZEA, Il soggetto nel sistema dei fenomeni giuridici, 1939, p. 31; ID., Efficacia giuridica, in Enc. dir., vol. XIV, 1965, p. 241; IRTI, Rilevanza giuridica, in Jus, 1967, p. 55.

8 8 Classe, concetto e tipo greca, dove il termine tanto nella sua forma originaria (túpos = impronta, stampo), che nei suoi derivati (es. archetipo) è usato per designare ciò che si ripete, che ricorre più volte e che però, allo stesso tempo, rappresenta qualcosa di particolare, di caratteristico, che si discrimina rispetto ad ogni altra manifestazione della realtà 31. Accanto al tipo, si è affermato anche l uso del termine «concetto»: «conceptus» è quel vocabolo o quella nozione che raccoglie insieme ciò che è ricorrente, ciò che presenta i medesimi caratteri 32. Il termine ha avuto tanto successo da designare gli universali, cioè gli aspetti ricorrenti della realtà 33. In epoca non remota, il suo significato è stato, in vari modi, modificato. Una ricorrente classificazione è operata attraverso la distinzione tra «concetti astratti» e «concetti concreti» 34. Il punto di partenza è la critica ai concetti astratti (come, ad esempio, quelli di «persona giuridica», «proprietà», «contratto», ecc.), ai quali è imputato di essere privi di forza direttiva del pensiero: sarebbero stati e- laborati per ricondurre sotto un denominatore comune situazioni eterogenee, eliminando tutto ciò che è particolare e diverso, riducendosi ad aspetti insignificanti per far fronte ai casi della vita. Così, il concetto di contratto, inteso come accordo tra le parti, risulterebbe indifferente rispetto ai suoi possibili contenuti e finirebbe per attribuire lo stesso significato allo scambio di merci, al rapporto di lavoro, ecc. Viceversa, un concetto concreto, quale potrebbe essere quello con cui si definisce il contratto come uno «strumento per instaurare rapporti patrimoniali nel contesto di strutture sociali», consentirebbe di determinare per ogni situazione giuridica un regime giuridico più appropriato rispetto allo specifico contesto. L avversione verso i concetti astratti è stata sentita, anche in Italia, nei confronti della più ampia categoria del negozio giuridico, che, nell ambito della storia del fatto giuridico, rappresenta uno «dei risultati più significativi che la cultura tedesca ha consegnato al pensiero giuridico moderno» HEYDE, Typus. Ein Beitrag zur Bedeutungsgeschichte des Wortes Typus, in Studium generale, V, 1952, p. 235 ss.; BEDUSCHI, Tipicità e diritto, Padova, 1992, p Cfr. FAZIO ALLMAYER, Voce Concetto, in Enc. it., vol. IX, passim. 33 BEDUSCHI, Tipicità, cit., p LARENZ, Über Gegenstand und Methode des völkischen Rechtsdenkens, Berlin, 1938; ID., Zur Logik des konkreten Begriffs, in Deutsche Rechtswissenschaft, 1940, p. 279 ss.; ID., Methodenlehre der Rechtswissenschaft, ed. 1960, 1969, 1979; ID., Fall, Norm, Typus, in Festgabe für Glockner, Bonn, 1966, p. 146 ss. 35 G.B. FERRI, Il negozio giuridico tra libertà e norma, Rimini, 1992, p. 19, che riporta in nota 1 l opinione di GIORGIANNI riprodotta nel testo (Causa (dir. priv.), in Enc. dir.,

9 Il tipo contrattuale. Tipo e concetto di classe 9 Anche in questo caso l utilità della categoria è stata posta in dubbio per la sua assunta astrattezza e, dunque, per la sua incapacità di esprimere le molteplici forme di autodeterminazione dell autonomia privata 36. Analogamente, l istituto della proprietà, che, intesa come potere di godere e disporre dei beni, risulterebbe indifferente rispetto ai vari comportamenti che possono essere tenuti o rispetto ai singoli beni che possono venire in considerazione, cambierebbe significato secondo la diversa rilevanza sociale che i beni possono avere, se fosse intesa come situazione di appartenenza nell ambito di una determinata comunità (es. proprietà edilizia, proprietà familiare, ecc.) 37 : si avrebbero diversi «tipi di proprietà» in cui il più ampio concetto di proprietà sarebbe articolato. L aspetto interessante di questa ricostruzione, sotto il profilo metodologico, è costituito dall inclusione nella definizione di un termine di riferimento esterno rispetto all oggetto definito (ad esempio, la völkische Gesamtordnung). In tal modo, il concetto concreto esprime una funzione, piuttosto che una nota caratteristica della fattispecie 38. Il concetto concreto è, quindi, pur sempre qualcosa di generale, ma si differenzia dal concetto astratto, perché, invece di esprimere ciò che residua alla comparazione di entità diverse tra loro e alla eliminazione progressiva di tutte le differenze, raccoglie ed unifica contenuti distinti ma compatibili con la sua struttura essenziale. vol. VI, 1960, p. 554), e quella analoga di MERRYMANN (La tradizione di civil law nell analisi di un giurista di common law, Milano, 1973, p. 113). In Italia, il più significativo contributo critico all ideologia del negozio giuridico è di GALGANO, Il problema del negozio giuridico, in Riv. trim. dir. proc. civ., 1977, p. 449 ss.; ID., Negozio giuridico (dottrine gen.), in Enc. dir, vol. XXVII, 1987, p. 932, spec. p. 941 ss.; ID., Teoria e ideologia del negozio giuridico, in AA.VV., Categorie giuridiche e rapporti sociali, Milano, 1978, p. 83 ss., in cui la critica si estende anche al contratto; ID., Il negozio giuridico, in Trattato di dir. civ. e comm., già diretto da A. Cicu e F. Messineo e continuato da L. Mengoni, Milano, 1988, p. 24 ss., in cui le posizioni la lui espresse appaiono più temperate. La più appassionata difesa della categoria del negozio giuridico è di G.B. FERRI, Il negozio, cit., spec. pp. 23 ss. e 89 ss., dove è possibile rinvenire ampi riferimenti alla dottrina ed alla giurisprudenza. Si segnalano, da subito, le pagine dedicate al tema da SANTORO PASSARELLI, Atto o forma del negozio giuridico, in Studi in onore di M. Giorgianni, La forma degli atti nel diritto privato, Napoli, 1988, p. 727 ss. 36 Cfr. S. ROMANO, Ordinamento sistematico del diritto privato, II, Napoli, 1970, 124. Per ulteriori riferimenti cfr. G.B. FERRI, op. ult. cit., p. 23 ss. 37 Cfr. LARENZ, Über Gegenstand, cit., p. 43 ss. In Italia, è nota l analoga metodologia seguita da PUGLIATTI, La proprietà e le proprietà, in La proprietà nel nuovo diritto, Milano, 1954, p. 144 ss. Similmente, con riguardo alle fondazioni, ZOPPINI, Le fondazioni, cit., passim. 38 Per un tentativo in tal senso cfr. BETTI, Istituzioni del diritto romano, 2, Padova, 1942, p. 367 ss.

10 10 Classe, concetto e tipo La sua concretezza si sostanzia in un aspetto squisitamente di metodo: non si ha una derivazione del particolare dal generale attraverso un processo di analisi, ma l incorporazione di ciò che è particolare entro schemi più generali, che all origine non lo contengono. Il concetto ha, dunque, in ogni caso, carattere unitario, ma è diverso il procedimento con cui viene elaborato. Per il concetto astratto, il procedimento di astrazione avviene per via di eliminazione delle differenze, ha carattere descrittivo e si avvale del criterio di identità. Nel caso del concetto concreto, il procedimento si avvale del criterio di conseguenza o compatibilità ed è governato da una medesima funzione 39. Entrambi i concetti, astratto e concreto, designano, però, sempre un astrazione rappresentativa della realtà, attuata mediante la determinazione di elementi, oggettivi e fissi, che ne delimitano il significato 40. La distinzione tra concetti generali e particolari è, invece, disattesa dalla moderna logica, che tende a considerare il problema degli universali uno pseudoproblema. Per essa è più naturale sostituire questa dicotomia con quella tra classe ed elementi. Una classe è una collezione di entità, che hanno alcune proprietà comuni: tutti gli elementi di un dato genere avranno alcune proprietà in comune 41. Questo genere può essere suddiviso in differenti specie o sottoclassi, che hanno in comune altre proprietà non comuni ai membri delle altre sottoclassi 42. La caratteristica che vale a contraddistinguere la specie dal genere è detta differenza specifica. La tecnica della definizione per classi ha due limiti: è applicabile solo a termini che connotano proprietà complesse (il metodo è inapplicabile a parole semplici non analizzabili e, quindi, non suscettibili di defi- 39 BEDUSCHI, Tipicità, cit., p. 111, sub nota Cfr. JERUSALEM, Kritik der Rechtswissenschaft, Frankfurt am Main, 1948, secondo il quale: «Der Begriff ist Denkform, die zur Form geworden ist, d.h. durch Wiederholung eine gewisse Festigkeit und Bestimmtheit in Bezug auf die Erfassung dieses Gegestandes enthalten hat». Cfr. anche ZIPPELIUS, Der Typenvergleich als Instrument der Gesetzeauslegung, in Jahrbuch für Rechtssoziologie und Rechtstheorie, B. 2, Düssendorf, 1971, p Cfr. infine FREGE, Über Sinn und Bedentung, in Funktion, Begriff, Bedentung, Göttingen, 1968, p COPI, Introduction to logic, New York, ed. it., 1961, p Ad esempio, gli elementi del genere poligono hanno la proprietà di essere figure piane delimitate da linee rette. Il genere poligono si divide in triangoli, quadrilateri, pentagoni, esagoni e così via. Cfr. GUASTINI, Le fonti del diritto e l interpretazione, Milano, 1993, cap. III.

11 Il tipo contrattuale. Tipo e concetto di classe 11 nizione per genere e differenza); è inapplicabile alle definizioni connotative di proprietà universali («summum genus») 43. I concetti di classe sono utilizzati nei sillogismi categorici, che sono nient altro che argomenti che hanno due premesse ed una conclusione, tutte e tre proposizioni categoriche. Un sillogismo categorico di forma normale ha esattamente tre termini, o nomi designati classi, ognuno dei quali compare esattamente in due delle tre proposizioni che lo caratterizzano. La forma di un argomento sillogistico, dal punto di vista logico, è il suo aspetto più importante: la validità o invalidità di un sillogismo categorico dipende esclusivamente dalla sua forma ed è completamente indipendente dal suo specifico contenuto o dalla materia alla quale si riferisce 44. Se la proposizione antecedente è ipotetica, il sillogismo è anch esso ipotetico. Ebbene, se si accoglie l idea che le norme giuridiche sono, in ultima i- stanza, rivolte ai giudici ed hanno ad oggetto la soluzione di casi e controversie, è naturale sostenere che ogni norma giuridica è ultimamente riconducibile ad un enunciato sintatticamente condizionale o ipotetico, che connette una soluzione (conseguenza giuridica) ad un fatto (fattispecie) 45. Ma quand anche non fossero i giudici gli ultimi destinatari della norma, il processo di deduzione, che è costruito attraverso il collegamento tra una premessa maggiore (la legge) e una minore (la fattispecie) e le conseguenze che ne derivano, è pur sempre riconducibile a proposizioni, che sono generalmente considerate asserzioni intorno a classi, con cui si afferma o si nega che una di esse sia inclusa del tutto o in parte in un altra 46. Si comprende allora come, vigente il principio di legalità 47, la premessa maggiore del sillogismo è individuata nella legge e quella minore nel fatto o nell atto, che è interpretato e qualificato per poter essere sus- 43 Cfr. COPI, Introduction, cit., p. 144 ss. 44 ENGISCH, Einführung in das juristische Denken, Stuttgart, 1968, trad. it., Introduzione al pensiero giuridico, Milano, 1970, pp. 42 e Sia sufficiente richiamare GUASTINI, Teoria e dommatica delle fonti, Milano, 1988, p. 37; BOBBIO, Studi per una teoria generale del diritto, Torino, 1955, cap. II; AL- CHOURRÒN-BULYGIN, Normative Systems, Wien, 1971, p. 41 ss.; TWINING-MIERS, How to do things with rules, London, 1982, p. 136 ss. 46 Si tenga presente che questo modo di argomentare non è proprio della sola logica classica, ma anche di quella simbolica. Cfr. KÜLEN, Typuskonzeptionen in der Rechtstheorie, Berlin, 1977; WHITEHEAD, An Introduction to Mathematics, Oxford, 1911; COPI, Introduction, cit., p. 271 ss. 47 Cfr, per tutti, ENGISCH, Einfuhrung, cit., ed. it., p. 42 ss., seppure egli non sia un «classico giurista positivista».

12 12 Classe, concetto e tipo sunto in un determinato schema legale, onde applicarne la relativa disciplina 48. E poiché le enunciazioni normative stabiliscono sintesi tra situazioni ipotizzate (fattispecie) e qualifiche e rapporti che ad esse si ricollegano, nasce la necessità di descrivere e delimitare con la massima precisione possibile 49 gli schemi di situazioni previste e le qualifiche o i rapporti correlativamente disposti. Da questa fondamentale esigenza di sintesi e intelligibilità nascono i procedimenti astrattivi e costruttivi dei concetti 50. La stessa conoscenza del diritto non può mai essere altro che una conoscenza mediante concetti più o meno astratti, che servono all impostazione di quei problemi giuridici, di cui le norme e gli istituti giuridici rappresentano la soluzione 51. È certo che il livello di astrazione può essere maggiore o minore rispetto alla realtà da regolare, il concetto più o meno ampio e comprensivo 52. I diversi livelli di astrazione non dipendono, tuttavia, da un incapacità del concetto di contenere tutti gli elementi «reali», che valgono a configurare una classe 53. In altri termini, mentre la distinzione tra concetto generale e concetto individuale è univoca, nel senso che un concetto generale non potrà mai essere un concetto individuale o concreto, al contrario, la distinzione tra classe ed elemento non è univoca. Ogni classe può sempre comparire come elemento di una classe superiore 54. Ogni concetto, che può essere concepito come una classe, da un punto di vista diverso può essere un elemento di una classe superiore. 48 COSTANZA, Il contratto atipico, cit., p BETTI, Interpretazione della legge e degli atti giuridici, Milano, 1949, p BETTI, Interpretazione, cit., p Così, testualmente, BETTI, Interpretazione, cit., p. 16; ID., Der Typenzwang, cit., ed. it., 1944, p DE NOVA, Il tipo, cit., p È questa, invece, la posizione sostenuta da LARENZ (Methodenlehre der Rechtswissenschaft, Berlin, 1979, p. 323) con riguardo ai «concetti astratti», il quale, nel definire il processo dell «isolierende Abstraktion», richiama testualmente l opinione di Hegel, secondo il quale: «Die Abstraktion ist daher eine Trennung des Konkreten und eine Vereizelung seiner Bestimmung, durch sie werden NUR EINZEHLNE Eigenschaften order Momente aufgefasst». 54 Cfr., per tutti, POPPER, Die beiden Grundprobleme der Erkenntnistheorie, Tübingen, 1979, ed it., I due problemi fondamentali della teoria della conoscenza, Milano, 1987, passim; CARNAP, Der logische Aubfau der Welt, 1928, p. 213 ss.; ID., Symbolische Logik, 1954, p. 34; ENGISCH, Einführung, cit., ed. it., p. 67; ID., Logische Studien, cit., p. 6 ss.; KELSEN, Reine Rechtslehre, 2 a ed., 1960, pp ; HELLER, Logik und Axiologie der analogen Rechtsanwendung, Berlin, 1961, p. 69 ss.

Contratto estimatorio

Contratto estimatorio Contratto estimatorio di Walter Giacardi Il contratto estimatorio prevede che una parte (tradens) consegni una o più cose mobili all'altra (accipiens), mentre quest ultima si obbliga a pagarne il prezzo

Dettagli

AVV. EUGENIO TAMBORLINI

AVV. EUGENIO TAMBORLINI AVV. EUGENIO TAMBORLINI BREVI CENNI IN TEMA DI INSTITUTIO EX RE CERTA La successione mortis causa nel nostro ordinamento può trovare la sua fonte di regolamentazione nella volontà del testatore o nella

Dettagli

IL MUTUO DISSENSO DI DONAZIONE

IL MUTUO DISSENSO DI DONAZIONE IL MUTUO DISSENSO DI DONAZIONE Vi sono delle ipotesi in cui l unica soluzione praticabile, per poter recuperare la commerciabilità del bene immobile, appare essere lo scioglimento della precedente donazione

Dettagli

Lidia Undiemi GIURETA. Vol. VIII 2010. Rivista di Diritto dell Economia, dei Trasporti e dell Ambiente

Lidia Undiemi GIURETA. Vol. VIII 2010. Rivista di Diritto dell Economia, dei Trasporti e dell Ambiente BREVE COMMENTO A MARGINE DELLA SENTENZA SULLA ESTERNALIZZAZIONE EUTELIA-AGILE-OMEGA. IL RUOLO DEI COLLEGAMENTI SOCIETARI NELLA VALUTAZIONE DELLA ANTISINDACALITA DELLA CONDOTTA NELL AMBITO DEL TRASFERIMENTO

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone

LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS. di Giuseppe Buffone LE ANFIBOLOGIE DELLA CONSULENZA TECNICA PREVENTIVA (696-BIS C.P.C.) ED IL TENTATIVO OBBLIGATORIO DI MEDIAZIONE (ART. 5 COMMA I D.LGS. 28/2010): NON SI INTERPELLI LA SIBILLA PER CAPIRE SE OCCORRE «MEDIARE

Dettagli

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO

A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO A001031, 1 A001031 FONDAZIONE INSIEME onlus. FAMIGLIA LEGGE REGOLATRICE DEI RAPPORTI PATRIMONIALI TRA CONIUGI NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO Importante sentenza della Corte di cassazione, con cui la

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

FRANCO ANGELONI. Ancora sulla novazione della donazione in vendita: optima repetita iuvant?

FRANCO ANGELONI. Ancora sulla novazione della donazione in vendita: optima repetita iuvant? FRANCO ANGELONI Professore Ordinario di Diritto Civile nella Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Urbino Ancora sulla novazione della donazione in vendita: optima repetita iuvant? Il

Dettagli

Direttore generale e responsabilità da amministratore

Direttore generale e responsabilità da amministratore 2/2009 Il Caso Direttore generale e responsabilità da amministratore IN BREVE L inquadramento della figura del direttore generale di S.p.A. rimane una questione aperta, che non è stata del tutto risolta

Dettagli

RISOLUZIONE N. 225/E

RISOLUZIONE N. 225/E RISOLUZIONE N. 225/E Roma, 5 giugno 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 cessione di quote sociali - art. 11 Tariffa

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 4560 Sorte delle procure rilasciate da SCIP a INPDAI Approvato dalla Commissione Studi Civilistici il 1 luglio 2003 Premessa L art. 42, 1 comma, (Confluenza

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro

FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro PRINCIPIO N. 13 Le novità per il contratto di lavoro intermittente

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Suprema Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, sentenza n.20658/2005 (Presidente: V. Mileo; Relatore: V. Nobile) LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO SENTENZA SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con sentenza

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA Battaglia Roberto (In memoria del Prof. Lino Guglielmucci). P&D.IT Nel diritto fallimentare il termine «azioni di massa» indica l

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO?

SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? regolazione SONO DAVVERO APPETIBILI PER GLI INVESTITORI GLI STRUMENTI FINANZIARI DI TIPO PARTECIPATIVO? Raffaele Lener * Gli strumenti finanziari di tipo partecipativo, che il diritto societario ha consentito

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 5848/C Gli incrementi del fondo patrimoniale e l autonomia convenzionale dei coniugi Approvato dalla Commissione Studi Civilistici il 15 dicembre 2005 Il fondo

Dettagli

OBBLIGAZIONI. Docenti collaboratori: Prof. Ugo Carnevali, notai Ruben Israel, Stefano Rampolla, Fabio Pantè PRESENTAZIONE

OBBLIGAZIONI. Docenti collaboratori: Prof. Ugo Carnevali, notai Ruben Israel, Stefano Rampolla, Fabio Pantè PRESENTAZIONE OBBLIGAZIONI Responsabile: notaio Amedeo Venditti Docenti collaboratori: Prof. Ugo Carnevali, notai Ruben Israel, Stefano Rampolla, Fabio Pantè PRESENTAZIONE Il corso delle obbligazioni in generale è dedicato

Dettagli

Gli arbitrati commerciali. L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici

Gli arbitrati commerciali. L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici Fondazione Forense Modenese Modena 5 ottobre 2012 venerdi 5 ottobre 2012 1 Premessa L arbitrato societario è disciplinato dagli artt. 34 ss. del d. lgs.

Dettagli

Studio Legale Avv. Vania Valori

Studio Legale Avv. Vania Valori Studio Legale Avv. Vania Valori Piazza Martiri della Libertà n. 37-56025 Pontedera (Pi) tel. 0587.56350-0587.56776 fax 0587.56776 cell: 3496054946 e-mail avv.vaniavalori@email.it Pontedera, 15/04/2010

Dettagli

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS Il ritiro della notifica è atto processuale? E se coincide con il sabato è prorogato al primo giorno seguente non festivo? notifica e compiuta giacenza di Elena Loghà Diritto e processo.com Cassazione,

Dettagli

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione.

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione. Dipartimento della funzione pubblica Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni Prot. n. 23/11 Roma, Parere n. 196/04 Al Ministero dell interno Dipartimento per gli affari interni e territoriali

Dettagli

Casa Editrice Vallardi, Milano, 1954.

Casa Editrice Vallardi, Milano, 1954. Contratto di sponsorizzazione e sfruttamento del diritto all immagine del minore nello sport dott. Vinella Paolo Giuseppe P&D.IT Un ruolo decisivo nel mondo dello sport ha svolto negli ultimi anni il maggior

Dettagli

La revoca del licenziamento

La revoca del licenziamento La revoca del licenziamento di Irene Corso L art. 5 del d.lgs. n. 23/2015 disciplina gli effetti della revoca disposta dal datore di lavoro rispetto ad un licenziamento cui, se illegittimo, troverebbero

Dettagli

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi?

FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? FACTORING La natura del contratto di factoring: causa mandati o causa vendendi? a cura di Carolina Teruggi Il factoring è un contratto atipico, che in quanto tale non esaurisce i suoi effetti in una semplice

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

Clausole limitative della circolazione delle azioni

Clausole limitative della circolazione delle azioni Clausole limitative della circolazione delle azioni * * * Purché contenuta entro il limite di cinque anni, è legittima una clausola statutaria che preveda qualsiasi forma di limitazione alla circolazione

Dettagli

01 CONCETTI BASE. Infatti, il concetto di trasferta comporta la sussistenza di due requisiti:

01 CONCETTI BASE. Infatti, il concetto di trasferta comporta la sussistenza di due requisiti: 1.1 TRASFERTA O MISSIONE 01 CONCETTI BASE Si intende per trasferta lo spostamento provvisorio e temporaneo del lavoratore in una sede diversa da quella da cui gerarchicamente e funzionalmente dipende,

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni...

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... Elenco delle principali abbreviazioni... XXI CAPITOLO PRIMO NOZIONI INTRODUTTIVE pag. Guida bibliografica... 3 1. Definizione di società di fatto... 7 2. Distinzione della società di fatto rispetto alla

Dettagli

L ACCRESCIMENTO NELLA DOTTRINA E NELLA GIURISPRUDENZA

L ACCRESCIMENTO NELLA DOTTRINA E NELLA GIURISPRUDENZA L ACCRESCIMENTO NELLA DOTTRINA E NELLA GIURISPRUDENZA TUTTI I DIRITTI RISERVATI ALL AUTORE Roberto Battista L ACCRESCIMENTO NELLA DOTTRINA E NELLA GIURISPRUDENZA Non omnia possumus omnes.. INDICE L ACCRESCIMENTO:

Dettagli

FRANCO ANGELONI. Il legato in sostituzione di legittima «rinforzato»

FRANCO ANGELONI. Il legato in sostituzione di legittima «rinforzato» FRANCO ANGELONI Professore Ordinario di Diritto Civile nella Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Urbino Il legato in sostituzione di legittima «rinforzato» L art. 551 c.c. prevede

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

Cass. 28.5.2010 n. 13112 Sistema Tavolare Tipi di frazionamento intavolabili art. 112 c.p.c. art. 2 R.D. 28.3.1929 n. 499 - art. 1376 c.c.

Cass. 28.5.2010 n. 13112 Sistema Tavolare Tipi di frazionamento intavolabili art. 112 c.p.c. art. 2 R.D. 28.3.1929 n. 499 - art. 1376 c.c. Cass. 28.5.2010 n. 13112 Sistema Tavolare Tipi di frazionamento intavolabili art. 112 c.p.c. art. 2 R.D. 28.3.1929 n. 499 - art. 1376 c.c. - In materia di diritto tavolare, lo Studio ha ottenuto l affermazione

Dettagli

L OGGETTO DEL CONTRATTO DI LOGISTICA

L OGGETTO DEL CONTRATTO DI LOGISTICA SCOPO DEL MIO INTERVENTO Con questo intervento vorrei riuscire a fornirvi dei facili strumenti interpretativi per gestire correttamente gli eventi sinistrosi di qualsiasi natura che possono verificarsi

Dettagli

CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI

CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI CAPITOLO III I SOGGETTI RELIGIOSI SOMMARIO: 1. I soggetti religiosi. Premessa 2. Le persone fisiche 3. Gli enti religiosi (rinvio) 4. Le confessioni religiose *** 1. I SOGGETTI RELIGIOSI. PREMESSA I soggetti

Dettagli

Verbale di mediazione e accordo di conciliazione

Verbale di mediazione e accordo di conciliazione Verbale di mediazione e accordo di conciliazione PASQUALE MACCHIARELLI Notaio Il procedimento di mediazione può avere tre diverse conclusioni: - le prime due positive, se le parti raggiungono un accordo

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati Roma, 15 febbraio 2013 Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità di intraprendere azioni legali in merito alle trattenute operate sull indennità giudiziaria in caso

Dettagli

Nel caso in cui all erede sia destinato un legato si parla di legato in sostituzione di legittima: questi potrà valutare l opportunità di man-

Nel caso in cui all erede sia destinato un legato si parla di legato in sostituzione di legittima: questi potrà valutare l opportunità di man- SUCCESSIONI E DONAZIONI: LE QUESTIONI PIÙ DIBATTUTE 123 prio (Cfr. Ferrero-Podetti, La rinuncia all eredità, in Successioni e donazioni, vol. I, a cura di Rescigno, Padova, 1994, p.385). Nella ipotesi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA LOMBARDIA/730/2009/REG REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Antonio Caruso dott. Giuliano Sala dott. Giancarlo Penco dott.

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis. Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio.. Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

1. Premessa. 1. Comunicazione n. DIN/1083623 del 7 novembre 2001

1. Premessa. 1. Comunicazione n. DIN/1083623 del 7 novembre 2001 1. Premessa La realtà del settore finanziario ha registrato, in particolare negli ultimi anni, una chiara trasformazione della figura del promotore finanziario. Questi infatti, superando l originario ruolo

Dettagli

SCHEDE DI APPROFONDIMENTO

SCHEDE DI APPROFONDIMENTO SCHEDE DI APPROFONDIMENTO I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO. ALCUNE NOZIONI. 1. LA NEGOZIAZIONE PER CONTO PROPRIO E QUELLA PER CONTO TERZI. CONTINUITÀ E NOVITÀ RISPETTO AL REGIME VIGENTE. 1.1 IL

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 873 Nuove norme e vecchie questioni in materia di silenzio della Pubblica Amministrazione Approvato dalla Commissione Studi Civilistici il 16 maggio 1995 1.

Dettagli

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Le specificità dei singoli servizi. Offerta fuori sede e tecniche di comunicazione a distanza 161 3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Per la prestazione del servizio di ricezione e trasmissione

Dettagli

Spettabile Consob DIVISIONE STUDI GIURIDICI Via G. B. Martini, 3 00198 ROMA

Spettabile Consob DIVISIONE STUDI GIURIDICI Via G. B. Martini, 3 00198 ROMA Spettabile Consob DIVISIONE STUDI GIURIDICI Via G. B. Martini, 3 00198 ROMA Roma, 15 novembre 2010 OGGETTO: Consultazione sul Provvedimento recante disposizioni attuative in materia di organizzazione,

Dettagli

Cass., 20 gennaio 2014, n. 1090

Cass., 20 gennaio 2014, n. 1090 Cass., 20 gennaio 2014, n. 1090 La clausola compromissoria binaria, che devolva determinate controversie alla decisione di tre arbitri, due dei quali da nominare da ciascuna delle parti, può trovare applicazione

Dettagli

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 24 della legge 24 novembre 1981, n. 689 disciplina la connessione obiettiva

Dettagli

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO. A000951, 1 A000951 FONDAZIONE INSIEME onlus. SENTENZA N. 6078 DEL 18/03/2006 FAMIGLIA ADOZIONE INTERNAZIONALE DA PARTE DI SINGLE LIMITI DI AMMISSIBILITÀ La Cassazione conferma il principio secondo il quale

Dettagli

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE DEFINIZIONE 11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE CASISTICA RIFERIMENTI Quando il lavoratore matura i requisiti anagrafici e contributivi per accedere

Dettagli

Avv. Prof. Renato Clarizia ELENCO PUBBLICAZIONI

Avv. Prof. Renato Clarizia ELENCO PUBBLICAZIONI ELENCO PUBBLICAZIONI Sostituzione e submandato, in Banca borsa e titoli di credito, 1973, I, 67. La locazione finanziaria (financial leasing) come contratto con causa di finanziamento, in Il Tremisse,

Dettagli

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata 1 Danno morale: categoria autonoma o componente del danno biologico? Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata si è consolidato, nel corso

Dettagli

S T U D I O L E G A L E PLG MILANO

S T U D I O L E G A L E PLG MILANO S T U D I O L E G A L E PLG MILANO www.marsaglialex.it arbitrato - conciliazione - mediazione Natura delle controversie in materia di trust: mediazione obbligatoria e mediazione volontaria Il decreto legislativo

Dettagli

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Trasferimenti in sede di separazione e divorzio Domande Frequenti Sommario 1. Prima dell introduzione dell

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it LE DEROGHE LEGALI E CONVENZIONALI ALL EFFICACIA DEL CONTRATTO: l art.1372 c.c. ed il principio pacta sunt servanda

www.ildirittoamministrativo.it LE DEROGHE LEGALI E CONVENZIONALI ALL EFFICACIA DEL CONTRATTO: l art.1372 c.c. ed il principio pacta sunt servanda LE DEROGHE LEGALI E CONVENZIONALI ALL EFFICACIA DEL CONTRATTO: l art.1372 c.c. ed il principio pacta sunt servanda A cura di CLAUDIA CARICASOLE Ai sensi dell art. 1372 c.c. il contratto, quale esplicazione

Dettagli

Cass., 26 febbraio 2002, n. 2791

Cass., 26 febbraio 2002, n. 2791 Cass., 26 febbraio 2002, n. 2791 L art. 15 l. n. 218 del 1995 non comporta un obbligo per il giudice italiano di acquisire fonti giurisprudenziali e/o dottrinarie che corroborino l una o l altra delle

Dettagli

TRIBUNALE DI AVELLINO Sezione dei Giudici per le indagini preliminari

TRIBUNALE DI AVELLINO Sezione dei Giudici per le indagini preliminari Trib. Avellino, Sez. GIP, ud. 18 maggio 2011 Proc. pen. n. 2146/2011 R. GIP Proc. pen. n. 2851/2011 RGNR TRIBUNALE DI AVELLINO Sezione dei Giudici per le indagini preliminari ORDINANZA DI NON CONVALIDA

Dettagli

SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE

SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE Situazioni giuridiche soggettive - dispense 1 DIRITTO PRIVATO LE SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE (dispense a cura di Carlo Dore) SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE Premesso che la principale funzione della

Dettagli

LeggeMania ~ Quos ego

LeggeMania ~ Quos ego LeggeMania ~ Quos ego L AZIONE RISARCITORIA NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO Il codice del processo amministrativo ha inciso in modo consistente sull azione di condanna al risarcimento del danno. Prima dell

Dettagli

L AVVALIMENTO ALLA LUCE DEL DECRETO CORRETTIVO. di Massimo Gentile

L AVVALIMENTO ALLA LUCE DEL DECRETO CORRETTIVO. di Massimo Gentile L AVVALIMENTO ALLA LUCE DEL DECRETO CORRETTIVO di Massimo Gentile I limiti al subappalto in favore dell impresa ausiliaria La novità di maggiore rilievo contenuta nel D.lgs. 26 gennaio 2007 n. 6 - meglio

Dettagli

È sempre ipotizzabile un preliminare?

È sempre ipotizzabile un preliminare? CAPITOLO QUARTO È sempre ipotizzabile un preliminare? SOMMARIO: 1. Compatibilità (ipotizzabilità, eseguibilità) del preliminare. 2. Mutuo. 3. Costituzione di società. 4. Donazione. 5. Preliminare del preliminare.

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

Negli ultimi anni, il contratto di associazione in partecipazione ex art. 2549, cod.civ., è

Negli ultimi anni, il contratto di associazione in partecipazione ex art. 2549, cod.civ., è l Correttivo. Dal 626 al 106, cambia la relazione datore/dipendente Nel nuovo D.Lgs. n. 81/2008 associato in partecipazione equiparato al lavoratore Negli ultimi anni, il contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un

Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un Tutti gli atti mediante i quali la proprietà o un altro diritto reale viene trasferito (o costituito) da un coniuge a favore dell altro o a favore dei figli, allo scopo di regolamentare i rapporti patrimoniali

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909. Svolgimento del processo

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909. Svolgimento del processo SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909 Svolgimento del processo Il Tribunale di Benevento con sentenza del 15 settembre 2004 condannava i coniugi

Dettagli

ALL139DD1. Ufficio giuridico. Roma, 9 settembre 2008

ALL139DD1. Ufficio giuridico. Roma, 9 settembre 2008 ALL139DD1 CONFEDERAZ I O NE GENERALE ITALIANA DEL LAVORO Ufficio giuridico Roma, 9 settembre 2008 Prot. 1401/08 Cod. 395/16 Oggetto: ART. 41, D.L. N. 112/2008, CONVERTITO NELLA LEGGE N. 133/2008 MODIFICHE

Dettagli

Imprenditore e impresa

Imprenditore e impresa 1 la nozione di imprenditore 1 Imprenditore e impresa Il codice civile non fornisce una definizione di impresa, ma delinea, all art. 2082, i tratti caratterizzanti la figura dell imprenditore e fa ruotare

Dettagli

Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000)

Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000) Diritto di accesso ai documenti. (Risposta a quesito del 5 settembre 2000) Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella seduta del 5 settembre 2000, ha adottato la seguente deliberazione:

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

FRANCO ANGELONI LA MORTE PRESUNTA DEL NEGOZIO GIURI- DICO TRA IL GIOCO DEI NOMI ED IL DIRITTO POSITIVO VIGVENTE ( * )

FRANCO ANGELONI LA MORTE PRESUNTA DEL NEGOZIO GIURI- DICO TRA IL GIOCO DEI NOMI ED IL DIRITTO POSITIVO VIGVENTE ( * ) FRANCO ANGELONI Ordinario di Diritto civile nella Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Urbino LA MORTE PRESUNTA DEL NEGOZIO GIURI- DICO TRA IL GIOCO DEI NOMI ED IL DIRITTO POSITIVO

Dettagli

I progetti «PC ai giovani» e «PC alle famiglie»: esercizio di potestà legislativa esclusiva statale o violazione della potestà regionale residuale?

I progetti «PC ai giovani» e «PC alle famiglie»: esercizio di potestà legislativa esclusiva statale o violazione della potestà regionale residuale? Questo scritto è in corso di pubblicazione in Giurisprudenza Costituzionale n. 5/2004 I progetti «PC ai giovani» e «PC alle famiglie»: esercizio di potestà legislativa esclusiva statale o violazione della

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione Regione Lazio 25/11/2015 Oggetto: AG 84/2015/AC - Regione Lazio fusione di società interamente partecipate dalla regione - nomina del consiglio di amministrazione e del presidente della società Lazio Crea

Dettagli

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO. ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER IL TERZO SETTORE ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla configurabilità di un Trust Onlus Approvato dalla Commissione

Dettagli

Delegazione, conferimento di funzioni amministrative e utilizzazione di uffici altrui

Delegazione, conferimento di funzioni amministrative e utilizzazione di uffici altrui Articolo Delegazione, conferimento di funzioni amministrative e utilizzazione di uffici altrui (di Giuseppe Pompella Ministero dell Interno Dipartimento per le Politiche del Personale e per le Risorse

Dettagli

TRIBUNALE DI UDINE - sezione civile Decreto. nel procedimento di opposizione allo stato passivo promosso da. contro

TRIBUNALE DI UDINE - sezione civile Decreto. nel procedimento di opposizione allo stato passivo promosso da. contro TRIBUNALE DI UDINE - sezione civile Decreto Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei signori magistrati: dott. Alessandra BOTTAN GRISELLI Presidente dott.

Dettagli

STUDIO LEGALE AVV. PAOLO di MARTINO

STUDIO LEGALE AVV. PAOLO di MARTINO Prot.20809-C/pdm Missiva a mani Anticipata via mail STUDIO LEGALE AVV. PAOLO di MARTINO Piazza Aranci,18 Massa 54100 Corso di Porta Nuova,18 Milano 20121 Tel.0585.46636 Fax 0585.47053 Tel.02.370.530 Fax

Dettagli

Ufficio Legislativo. Prot. n.741 Roma,16/01/2009

Ufficio Legislativo. Prot. n.741 Roma,16/01/2009 Ufficio Legislativo Prot. n.741 Roma,16/01/2009 Alla Direzione Generale per la qualità e la tutela del paesaggio, l architettura e l arte contemporanee e per conoscenza al Segretariato Generale Oggetto:

Dettagli

Atti soggetti ad approvazione, atti soggetti a condizione sospensiva ed imposta di registro

Atti soggetti ad approvazione, atti soggetti a condizione sospensiva ed imposta di registro Atti soggetti ad approvazione, atti soggetti a condizione sospensiva ed imposta di registro Il testo unico delle disposizioni sull imposta di registro (D.P.R. 26 aprile 1986 n. 131) contiene due distinte

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

SENTENZA N.380 ANNO 2004 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: - Valerio ONIDA Presidente -

SENTENZA N.380 ANNO 2004 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: - Valerio ONIDA Presidente - SENTENZA N.380 ANNO 2004 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: - Valerio ONIDA Presidente - Carlo MEZZANOTTE Giudice - Fernanda CONTRI " - Guido

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C.

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C. Trib. Perugia, 16 giugno 2015, n. 1000. Contratto di permuta - Multiproprietà - Consumatore - Foro del consumatore - Specifica trattativa - Nullità decreto ingiuntivo - Accoglimento della domanda Abstract.

Dettagli

Regime Iva dell emission trading 1

Regime Iva dell emission trading 1 Regime Iva dell emission trading 1 Al fine di esaminarne il regime fiscale, è opportuno richiamare brevemente le origini e le finalità dell emission trading 2, il quale può essere definito come il commercio

Dettagli

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio.

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. E stato chiesto se, ed eventualmente con quali

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

Ministero del lavoro e delle politiche sociali

Ministero del lavoro e delle politiche sociali CIRCOLARE N. 14/2013 Roma, 2 aprile 2013 Ministero del lavoro e delle politiche sociali Agli indirizzi in allegato Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0005914 Oggetto: L. n. 92/2012 (c.d.

Dettagli

Spunti interpretativi e note operative in merito alla separazione e al divorzio consensuali avanti all Ufficiale di stato civile.

Spunti interpretativi e note operative in merito alla separazione e al divorzio consensuali avanti all Ufficiale di stato civile. ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 18/02/2015 All'indirizzo http://xn--responsabilit-1db.medica.diritto.it/docs/36858-spunti-interpretativi-enote-operative-in-merito-alla-separazione-e-al-divorzio-consensuali-avanti-all-ufficiale-distato-civile

Dettagli

Manutenzione degli immobili: l ANAC disciplina i contratti pubblici

Manutenzione degli immobili: l ANAC disciplina i contratti pubblici NEWS N.75/ 24 giugno 2015 Manutenzione degli immobili: l ANAC disciplina i contratti pubblici Analisi dei fabbisogni, criteri per la distinzione tra servizi e lavori, suddivisione in lotti e determinazione

Dettagli

Art. 5, comma 8 del d.l. n. 95/2012, convertito nella legge n. 135/2012.

Art. 5, comma 8 del d.l. n. 95/2012, convertito nella legge n. 135/2012. Art. 5, comma 8 del d.l. n. 95/2012, convertito nella legge n. 135/2012. La monetizzazione delle ferie maturate e non fruite aveva trovato una prima regolamentazione, specifica ed espressa, nei CCNL dei

Dettagli

INDICE. Art. 215 (Separazione dei beni) SEZIONE I: GENERALITAv. INSTAURAZIONE AUTOMATICA DEL REGIME DI SEPARAZIONE DEI

INDICE. Art. 215 (Separazione dei beni) SEZIONE I: GENERALITAv. INSTAURAZIONE AUTOMATICA DEL REGIME DI SEPARAZIONE DEI Art. 215 (Separazione dei beni) SEZIONE I: GENERALITAv. INSTAURAZIONE AUTOMATICA DEL REGIME DI SEPARAZIONE DEI BENI TRA CONIUGI 1. Premesse. Il rilievo sociale del regime di separazione dei beni... 3 2.

Dettagli

SENTENZA N.198 ANNO 2003 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE

SENTENZA N.198 ANNO 2003 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Riccardo CHIEPPA Presidente - Gustavo ZAGREBELSKY Giudice - Valerio ONIDA " - Carlo MEZZANOTTE " - Fernanda CONTRI " - Guido NEPPI MODONA " - Piero Alberto CAPOTOSTI " - Annibale

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) LEPROUX Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CARATELLI Membro designato

Dettagli

LA PROVA SCRITTA DEL CONCORSO DI ACCESSO IN MAGISTRATURA

LA PROVA SCRITTA DEL CONCORSO DI ACCESSO IN MAGISTRATURA La prova scritta del Concorso di accesso in Magistratura LA PROVA SCRITTA DEL CONCORSO DI ACCESSO IN MAGISTRATURA 1. Premessa. 2. La scelta delle tracce da parte della commissione. 3. La correzione delle

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano Pegno su quote di sas: aspetti civilistici e pubblicitari In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

DAL PROBLEMA DELLA CAUSA AI DERIVATI ATMOSFERICI

DAL PROBLEMA DELLA CAUSA AI DERIVATI ATMOSFERICI DAL PROBLEMA DELLA CAUSA AI DERIVATI ATMOSFERICI Alessandra Protani * In principio, la giurisprudenza di merito tentava di avvicinare i contratti derivati ad alcuni dei contratti tipici disciplinati nel

Dettagli