AUDIZIONI SVOLTE DALLA COMMISSIONE CHELI CON I MAGGIORI RAPPRESENTANTI DEL SETTORE DELL INFORMAZIONE E DELL EDITORIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AUDIZIONI SVOLTE DALLA COMMISSIONE CHELI CON I MAGGIORI RAPPRESENTANTI DEL SETTORE DELL INFORMAZIONE E DELL EDITORIA"

Transcript

1 AUDIZIONI SVOLTE DALLA COMMISSIONE CHELI CON I MAGGIORI RAPPRESENTANTI DEL SETTORE DELL INFORMAZIONE E DELL EDITORIA Le audizioni delle associazioni radiotelevisive. Le audizioni sono state introdotte da un saluto del Sottosegretario Levi e del Professor Cheli, che, ringraziando i singoli partecipanti hanno illustrato il significato delle stesse: giungere ad una riforma dell impianto dell editoria basata sulla conoscenza approfondita dei temi da affrontare. Si è poi rilevato che il questionario proposto si basava su una maggiore attenzione ai temi della stampa, rispetto agli altri segmenti, per i quali si ritiene prioritario l intervento. Le prime ad essere ascoltate sono state le associazioni delle emittenti radiofoniche e televisive (AERANTI-CORALLO, FRT, RNA). Dagli incontri è scaturito un generale apprezzamento per l attuale sistema di provvidenze, che, a fronte di un costo limitato, ha portato benefici elevati. E stato ribadito come l attenzione alla radiofonia locale e nazionale sia un elemento caratterizzante del pluralismo, come l informazione, per questo segmento, abbia rappresentato un tassello importante, anche grazie alle provvidenze. Sono stati richiesti adeguamenti di stanziamento, sostanzialmente immutato dal 1990, ed è stata auspicata una divisione dei capitoli di bilancio, tra contributi diretti ad organi di partito e rimborsi ad agenzie di stampa ed informazione. Le proposte avanzate nel questionario sono dirette, tra l altro, a cercare di creare dei meccanismi non contestabili sul fronte dei rapporti tra le emittenti e le agenzie di informazione: si è riscontrato che i problemi si sono concentrati sull assetto redazionale delle agenzie di informazione, soprattutto regionali. La proposta AERANTI si incentra su di un irrobustimento dei requisiti, a partire dalle agenzie regionali, prevedendo al posto della struttura redazionale adeguata, ora prevista dalla norma, il numero dei giornalisti da impiegare a tempo pieno in modo esplicito. 1

2 Tale disposizione contribuirebbe ad un contenimento della spesa e ad una maggior trasparenza della stessa. Per le riduzioni tariffarie si chiede che il rimborso avvenga in maniera più spedita, direttamente in bolletta. Il panorama dei soggetti interessati, tra radio e televisioni locali, riguarda circa 1200 soggetti radiofonici, il 30% dei quali sono emittenti comunitarie di radice cattolica, e 500 emittenti televisive; si rileva che il mercato, tra acquisizioni, accorpamenti e razionalizzazioni, tende ad un restringimento dei soggetti che, con il passaggio alla tecnologia digitale, saranno ulteriormente ridimensionati. I servizi che godono dei rimborsi, quali gli abbonamenti ad agenzie, le spese telefoniche ed elettriche e, da ultimo le spese per canali satellitari, contribuiscono in modo significativo allo sviluppo qualificato del settore, ormai dal Il settore è cresciuto anche per aver scelto la via del dialogo contrattuale con la FNSI: è stato stipulato un contratto apposito per giornalisti della radiotelevisione che riguarda circa 1200 lavoratori dell emittenza locale; a questi vanno aggiunti circa 300 giornalisti che godono del contratto FNSI-FIEG. La tematica delle provvidenze è quindi strettamente collegata anche all occupazione e all irrobustimento complessivo del sistema. L Amministrazione afferma, per quel che riguarda la differenziazione in capitoli nel bilancio autonomo della Presidenza, che questa non è più oggetto di disposizione di legge, ma può essere determinata in via amministrativa. L Amministrazione vorrebbe arrivare ad una razionalizzazione della spesa per le provvidenze, che assesti il sistema, dia certezza agli operatori, ma contenga la spesa complessiva anche con un meccanismo di tetti. In generale non è condivisibile l idea di un finanziamento che sia superiore alla metà del costo complessivo del settore editoriale nel suo complesso. Si deve puntare ad un riallineamento della spesa, giustificando un budget superiore all attuale, che è peraltro soggetto ad una consistente riduzione in base alla normativa in vigore che vede per il 2008 una disponibilità di non più di 300 milioni di euro. Ciò riguarda radio, televisioni, stampa, poste; si vorrebbero introdurre principi generali per i quali il sistema provvidenze non possa superare una certa soglia. 2

3 Il settore in esame ha peraltro rivelato una repentina capacità di crescita nella richiesta di contributi negli ultimi tre anni. Quanto alle agenzie di informazione si rileva un continuo ricorso ad agenzie in outsourcing societario, fenomeno che può far saltare l equilibrio di queste provvidenze e prassi di una organizzazione aziendale non limpida, con un aggiramento della normativa attraverso una segmentazione aziendale. Bisogna invece premiare le iniziative che non ricorrono a tale prassi. Quanto all intervento dello Stato nel settore, si ricorda che accanto al finanziamento della Presidenza, vi è un consistente sforzo del Ministero delle Comunicazioni quantificabile in circa 130 milioni di euro. ROSSIGNOLI, per AERANTI, ricorda che tali contributi riguardano per l 85 % le televisioni e il 15% la radiofonia, anche grazie alla recente legge finanziaria. Grazie a questi interventi è migliorata sensibilmente la qualità della programmazione. Si chiede se sia il caso di incrementare l innovazione tecnologica. PELUFFO, per l Amministrazione, considera che per il segmento in esame non si ponga tanto il problema di grosse innovazioni legislative, ma piuttosto quello di puntare ad assestare il sistema anche per via regolamentare, neutralizzando il già citato, fenomeno dello spin-off, dando requisiti più robusti per la definizione delle agenzie e valutando se non sia il caso di vagliare i vincoli di controllo e collegamento tra emittenti ed agenzie imponendo dei tetti di spesa rimborsabile in rapporto ai fatturati delle agenzie stesse. Il DIE guarda comunque con interesse al comparto nel suo insieme anche per l intervento che svolge nel settore delle comunicazioni nel quale intenderebbe impegnarsi, a patto che le emittenti, richiedano di compensi più realistici. Si chiede se le associazioni siano in grado di fornire dati sulla pubblicità che gestiscano le aziende. Il settore assorbe infatti il 15% della pubblicità istituzionale e si vorrebbe giungere in tempi brevi ad una convenzione in proposito. ROSSIGNOLI ricorda che per la pubblicità locale la vendita avviene direttamente, mentre per la pubblicità nazionale avviene tramite le concessionarie di pubblicità. Le principali concessionarie sono la RCS BROADCAST, con la sigla CNR, già SPER, e 3

4 RADIO E RETI concentrata sulle emittenti nazionali e regionali, 99 PUBBLICITÀ, legata al gruppo FINELCO, STUDIO 80 di Padova e alcuni concessionari locali. Le concessionarie intrattengono rapporti con le emittenti che siano rilevate da AUDIRADIO: attualmente circa 600 emittenti radiofoniche e 250 televisive. GARDINI, per la Commissione, chiede informazioni sulle emittenti comunitarie, fornitegli da ROSSIGNOLI, circa gli adempimenti ridotti di tali emittenti rispetto alle commerciali; le radio comunitarie hanno frequenze riservate, pur non essendo mai stato adottato il piano delle frequenze, e godono di specifici contributi da parte del Ministero delle Comunicazioni. NATUCCI per FRT ed RNA, riferisce che, più che rispondere al questionario, che affronta problematiche relative alla stampa, le Associazioni hanno provveduto ad inviare un proprio documento, apprezzato dall Amministrazione, per suggerire i cambiamenti che andrebbero adottati pur in presenza di un impianto condiviso. Ricorda che il Decreto Bersani e la Finanziaria hanno particolarmente leso le provvidenze al settore radiofonico, si vorrebbero quindi suggerire interventi per riequilibrare tale situazione, circoscrivendo le occasioni di attrito. Segue un breve resoconto sulla successione delle leggi in materia, a partire dal 1987, che hanno contribuito a rendere il settore un punto di forza nella diffusione dell editoria di informazione: nel settore esistono due emittenti nazionali all news, Radio 24 e Radio Radicale, che costituiscono un esempio unico in ambito europeo di emittenti d informazione edite da privati. L Itala pertanto si distingue tra le realtà più moderne grazie ad una legge che ha raggiunto ottimi risultati, tra cui anche l importante equiparazione tra le emittenti in grado di fornire maggior informazione e la stampa. Il sistema di provvidenze negli ultimi anni, in concomitanza con le liberalizzazioni nel settore elettrico e telefonico, ha mostrato parecchie difficoltà ad ottenere le agevolazioni dai gestori, in quanto il rimborso, piuttosto farraginoso, presta il fianco a forti ritardi da parte degli stessi. Anche l accesso alla pubblicità, malgrado la riserva di quella istituzionale, non ha reso giustizia a questo settore. Ciò nonostante ci sono notevoli realtà editoriali con 4

5 oltre 1500 giornalisti impiegati, e alcune grandi agenzie che producono canali di informazione specifici. Certamente si sono anche create situazioni di favore: la legge, volta al mercato, non si era mai preoccupata di fissare dei tetti per le agenzie, rivelando alcune distorsioni, tuttavia anche nelle emittenti più piccole l informazione è ormai affidata a professionisti. NATUCCI dichiara che anche le Associazioni auspicano un contenimento della spesa ed una moralizzazione. In tal senso del resto si è mossa la normativa sull emittenza: un tempo lo stesso soggetto deteneva le reti, i contenuti, la concessionaria di pubblicità e la gestione di diffusione; il sistema digitale consente di diversificare le varie attività (reti e contenuti). Quanto alla convergenza, dopo i primi entusiasmi ci si è resi conto che il possibile assorbimento da parte di grandi gruppi che obbediscono alla redditività d impresa può essere una grave minaccia al pluralismo dell informazione: anche emittenti importanti potrebbero perdere la propria vocazione informativa per fornire prodotti maggiormente fruibili dal grande pubblico. Vogliamo pertanto salvaguardare un sistema che riteniamo di grande equilibrio informativo. SELLI, direttore di FRT, dichiara che la propria Associazione auspica un maggior rigore, pronunciandosi favorevolmente verso un controllo più selettivo dei contributi pubblici, affinché vadano alle imprese ad alto contenuto informativo che investano in mezzi e personale in tale direzione. L ammissione a tale beneficio è la chiave per aggiudicarsi l ulteriore e più sostanzioso beneficio della legge 448 del 1998 sulla emittenza locale. Ciò ha portato da 220 a 450 delle emittenti che richiedono i contributi e ha spinto anche piccolissime realtà a rivolgersi all intervento pubblico. FRT vuole forme di controllo e requisiti d ingresso più elevati: si ritiene, ad esempio che vada rispettata da tutti la disposizione su un minimo numero di dipendenti per l informazione, almeno nel settore televisivo, e che siano incrementate le funzioni di controllo più efficaci. Tutto ciò porterebbe anche ad un contenimento della spesa, così come l amministrazione auspica. Si accenna poi all introduzione del contratto di telereporter, sul quale sono state superate le forti perplessità delle organizzazioni 5

6 sindacali dei giornalisti con la disposizione che prevede il versamento dei contributi previdenziali all Ente di maggior rappresentatività del settore (INPGI). PELUFFO trova estremamente utile il contributo prodotto, sostenendo che nello specifico settore le difficoltà incontrate dal punto di vista finanziario impongono interventi correttivi proprio nella direzione auspicata dal documento fornito dalle associazioni, e fa presente che il DIE per la propria attività in materia di pubblicità istituzionale richiede una mappatura del funzionamento delle concessionarie di pubblicità per avviare accordi quadro nel settore. Si ha bisogno di aumentare la pubblicità istituzionale in volumi consistenti, in presenza di un quadro economico più affidabile e aderente alla realtà del mercato. Si ha bisogno di maggior trasparenza per allargare la platea dei soggetti interessati. Quanto all editoria non si può non tener conto delle normative europee nell orientarsi verso un tetto che riguardi tutto il mondo dell editoria e sia volto ad una semplificazione complessiva con strumenti che garantiscano maggiori controlli e tenuta nel tempo, poiché si dovrebbe uscire da una dimensione emergenziale: la voce di bilancio relativa alla competenza dovrà salire, senza tuttavia raggiungere le cifre degli attuali consuntivi. L Amministrazione perseguirà ogni intervento volto a questo risultato. La situazione della tabella C del bilancio dello Stato per gli anni 2008 e 2009 non è rosea e solo fornendo garanzie di maggior rigore finanziario si potrà provvedere al fabbisogno. NATUCCI auspica che, qualsiasi intervento di riorganizzazione si adotti, questo garantisca la parità di dignità di mezzi tra stampa e radiotelevisioni, poiché la radio è stata spesso subalterna alla stampa da un lato, alla televisione dall altro, anche per il fatto che questo settore ha raggiunto livelli ragguardevoli. Aggiunge oltre che i contributi indiretti dovrebbero essere erogati con maggiore efficienza, magari direttamente agli editori. CHELI chiede di conoscere quale sia il punto sulla digitalizzazione. NATUCCI riferisce che si è giunti ad un punto molto delicato: la televisione ha imposto i propri tempi, e non c è stato spazio per la radiofonia. Ci sono apparati digitali radiofonici molto più efficienti, ma il problema resta nelle frequenze che 6

7 devono essere diverse dalle FM. Si vorrebbe giungere ad una nicchia di mercato che rispetti il settore radiofonico, che ha sistemi liberi, e non a pagamento come le televisioni. 7

AUDIZIONE INFORMALE DI AERANTI-CORALLO NELL AMBITO DELL ESAME DELLE PROPOSTE DI LEGGE RECANTI ISTITUZIONE DEL FONDO PER IL PLURALISMO E L INNOVAZIONE

AUDIZIONE INFORMALE DI AERANTI-CORALLO NELL AMBITO DELL ESAME DELLE PROPOSTE DI LEGGE RECANTI ISTITUZIONE DEL FONDO PER IL PLURALISMO E L INNOVAZIONE AUDIZIONE INFORMALE DI AERANTI-CORALLO NELL AMBITO DELL ESAME DELLE PROPOSTE DI LEGGE RECANTI ISTITUZIONE DEL FONDO PER IL PLURALISMO E L INNOVAZIONE DELL INFORMAZIONE E DELEGHE AL GOVERNO PER LA RIDEFINIZIONE

Dettagli

SCHEMA PER UNA DISCIPLINA ORGANICA DEL SETTORE EDITORIALE. 1. L impresa editoriale e il ruolo del giornalista

SCHEMA PER UNA DISCIPLINA ORGANICA DEL SETTORE EDITORIALE. 1. L impresa editoriale e il ruolo del giornalista SCHEMA PER UNA DISCIPLINA ORGANICA DEL SETTORE EDITORIALE 1. L impresa editoriale e il ruolo del giornalista 1.Definizione. 2.Tipologia delle imprese editoriali e giornalistiche. 3.Lo statuto dell impresa

Dettagli

RIFORMA DELL EDITORIA

RIFORMA DELL EDITORIA RIFORMA DELL EDITORIA Il sistema normativo che regola l intervento dello Stato nel settore dell editoria e dei prodotti editoriali è caratterizzato da una serie di provvedimenti legislativi che traggono

Dettagli

DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti-

DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti- DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti- Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 29 settembre 2014 PREMESSA

Dettagli

Camera dei Deputati Commissione Cultura, Scienza e Istruzione

Camera dei Deputati Commissione Cultura, Scienza e Istruzione Camera dei Deputati Commissione Cultura, Scienza e Istruzione Audizione sulle proposte di legge C. 3317 e C. 3345 inerenti l istituzione del Fondo per il pluralismo e l innovazione dell informazione e

Dettagli

La televisione digitale terrestre

La televisione digitale terrestre Introduzione Siamo giunti alla quinta edizione del Radiotv Forum di Aeranti-Corallo. L evento rappresenta, oggi, il punto di riferimento annuale, nel quale gli operatori radiofonici e televisivi possono

Dettagli

Osservazioni della Concessionaria del Servizio Pubblico Radiotelevisivo italiano Rai-Radiotelevisione italiana Spa

Osservazioni della Concessionaria del Servizio Pubblico Radiotelevisivo italiano Rai-Radiotelevisione italiana Spa Proposta di revisione della Comunicazione della Commissione Europea del 2001 relativa all applicazione delle norme sugli aiuti di Stato al servizio pubblico di radiodiffusione 4 novembre 2008 Osservazioni

Dettagli

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH

,O7HPSRGHOOH'RQQH $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH ,O7HPSRGHOOH'RQQH Progetto ID 158160 Azioni di sistema E1 FSE Obiettivo 3 http://www.iltempodelledonne.it $1$/,6,(17,($=,(1'(',6(59,=, /HRUJDQL]]D]LRQLLQWHUYLVWDWH Per lo studio dei servizi sul territorio,

Dettagli

Atto Camera: 2617. Camera dei Deputati Commissione XII Affari Sociali AUDIZIONE 10/11/2014. Pagina 1 di 7

Atto Camera: 2617. Camera dei Deputati Commissione XII Affari Sociali AUDIZIONE 10/11/2014. Pagina 1 di 7 Atto Camera: 2617 Disegno di legge "Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell'impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale" Camera dei Deputati Commissione XII Affari

Dettagli

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena

INTERVENTO INTRODUTTIVO. di Emilio Tonini. Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena INTERVENTO INTRODUTTIVO di Emilio Tonini Direttore Generale, Banca Monte dei Paschi di Siena Buongiorno a tutti e un cordiale benvenuto a questa 4 edizione del forum internazionale Montepaschi Vita che,

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SUL TPL CONTRIBUTO DI REGIONE LOMBARDIA (D.G. INFRASTRUTTURE E MOBILITA )

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SUL TPL CONTRIBUTO DI REGIONE LOMBARDIA (D.G. INFRASTRUTTURE E MOBILITA ) DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SUL TPL CONTRIBUTO DI REGIONE LOMBARDIA (D.G. INFRASTRUTTURE E MOBILITA ) 1. GLI AMBITI DI SERVIZIO PUBBLICO Q 1.1.1 Si chiedono osservazioni motivate in ordine alla richiesta

Dettagli

Presupposti ed ambito di applicazione del Durc

Presupposti ed ambito di applicazione del Durc 29 Ottobre 2010, ore 15:10 Risolta la querelle Appalti pubblici, il DURC vale tre mesi Il Ministero del Lavoro, con la circolare n. 35/2010, ha confermato la validità trimestrale del Durc negli appalti

Dettagli

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE

AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Prof. Giovanni Pitruzzella nell ambito dell istruttoria legislativa sul disegno di legge C.2844, di conversione in legge del

Dettagli

L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016

L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016 L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016 Come noto, agli esportatori abituali è concessa la possibilità di acquistare / importare beni e servizi senza applicazione dell IVA nel limite del plafond

Dettagli

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

Il Consiglio Nazionale dell Associazione Nazionale. Forense, riunitosi in Catania nei giorni 8 e 9 ottobre 2011

Il Consiglio Nazionale dell Associazione Nazionale. Forense, riunitosi in Catania nei giorni 8 e 9 ottobre 2011 Il Consiglio Nazionale dell Associazione Nazionale Forense, riunitosi in Catania nei giorni 8 e 9 ottobre 2011 udita la relazione del Segretario Generale; esaminato l art.3 del d.l. 138/2011, convertito

Dettagli

Senato della Repubblica X Commissione Industria

Senato della Repubblica X Commissione Industria Senato della Repubblica X Commissione Industria Memoria Anigas in ordine allo schema di decreto legislativo recante attuazione delle direttive europee 2009/72/CE, 2009/73/CE e 2008/92/CE relative a norme

Dettagli

PROPOSTA DI PATTO ASSOCIATIVO CONSORTILE

PROPOSTA DI PATTO ASSOCIATIVO CONSORTILE Premessa Nell aderire ad un Consorzio, fondamentale appare l investimento in fiducia che i partecipanti devono mettere in campo. Ciò comporta naturalmente un assunzione di rischio, nella misura in cui

Dettagli

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO

Allegato 3 PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO PIANO DEGLI INDICATORI E DEI RISULTATI ATTESI DI BILANCIO Premessa Il presente documento, redatto in conformità alle linee guida generali definite con il D.P.C.M. del 18 settembre 2012, illustra gli obiettivi

Dettagli

DCO 253/2013/R/COM Bonus elettrico e bonus gas per i clienti domestici economicamente disagiati: prime proposte per una

DCO 253/2013/R/COM Bonus elettrico e bonus gas per i clienti domestici economicamente disagiati: prime proposte per una DCO 253/2013/R/COM Bonus elettrico e bonus gas per i clienti domestici economicamente disagiati: prime proposte per una semplificazione della disciplina Commenti e proposte Anigas Milano, 16 luglio 2013

Dettagli

AUDIZIONE SENATO DELLA REPUBBLICA 10 a COMMISSIONE INDUSTRIA COMMERCIO E TURISMO

AUDIZIONE SENATO DELLA REPUBBLICA 10 a COMMISSIONE INDUSTRIA COMMERCIO E TURISMO AUDIZIONE SENATO DELLA REPUBBLICA 10 a COMMISSIONE INDUSTRIA COMMERCIO E TURISMO Schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2009/28/CE sulla promozione dell'uso per l'energia da fonti

Dettagli

Roma, 15 gennaio 2015

Roma, 15 gennaio 2015 Roma, 15 gennaio 2015 Forum delle associazioni familiari Audizione presso la Commissione Giustizia del Senato nel dibattito sulla regolamentazione delle unioni civili Il Forum ringrazia il Presidente e

Dettagli

COPERTURA DELLA RILEVAZIONE

COPERTURA DELLA RILEVAZIONE L universo di riferimento del conto annuale è quello definito dall art. 1, comma 2, del d.lgs. 165/2001, che individua le tipologie di amministrazioni pubbliche destinatarie delle norme generali sull'ordinamento

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 9 MAGGIO 2013 191/2013/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEI CLIENTI FINALI DEL GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI GASDOTTI LOCALI E DI RETI DI TRASPORTO, PER IL PERIODO 1 GENNAIO

Dettagli

Audizione Centri Media

Audizione Centri Media Audizione Centri Media LEVI introduce la riunione dichiarando che si è giunti a questa audizione sull esperienza delle precedenti: tutti gli interventi relativi alla pubblicità hanno citato i centri media

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 642/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO

I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I MODELLI DI BUSINESS DEL MERCATO TELEVISIVO I modelli di business nel sistema televisivo vengono definiti in base ai soggetti che finanziano le azioni di produzione e ed erogazione del servizio offerto.

Dettagli

AL RICONOSCIMENTO DELLE STARTUP A VOCAZIONE SOCIALE. La nuova procedura per accedere ai vantaggi fiscali

AL RICONOSCIMENTO DELLE STARTUP A VOCAZIONE SOCIALE. La nuova procedura per accedere ai vantaggi fiscali GUIDA AL RICONOSCIMENTO DELLE STARTUP A VOCAZIONE SOCIALE La nuova procedura per accedere ai vantaggi fiscali Il rischio dell Italia è di città straordinariamente belle ma città del passato. La sfida è

Dettagli

*HQHUDOLWj. FRPPHVVD, specie se si fa riferimento a commesse con queste caratteristiche: D grandi dimensioni; E lunga durata (spesso pluriennale);

*HQHUDOLWj. FRPPHVVD, specie se si fa riferimento a commesse con queste caratteristiche: D grandi dimensioni; E lunga durata (spesso pluriennale); ,/&21752//2'(//(352'8=,21, 68&200(66$('(,352*(77, *HQHUDOLWj I criteri di formazione del budget e di analisi degli scostamenti illustrati nei precedenti capitoli riguardano prevalentemente le aziende con

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 16 Marzo 2015 Spett.le Autorità per l energia elettrica, il gas e il sistema idrico Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 34/2015/R/eel

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

Le opportunità della politica di sviluppo rurale

Le opportunità della politica di sviluppo rurale Le opportunità della politica di sviluppo rurale Fonte Inea Forme innovative di integrazione in agricoltura per favorire l insediamento dei giovani nel settore primario ) La politica di sviluppo rurale

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

Convegno "LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE"

Convegno LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE Convegno "LE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE IN ITALIA: ANALISI E PROSPETTIVE" Alcune riflessioni sul tema della diffusione dell'ict nelle imprese Guido Mario Rey Facoltà di Economia

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO CONSIGLIO NAZIONALE. riunitosi a Roma il 24 luglio 2013

ORDINE DEL GIORNO CONSIGLIO NAZIONALE. riunitosi a Roma il 24 luglio 2013 ORDINE DEL GIORNO CONSIGLIO NAZIONALE riunitosi a Roma il 24 luglio 2013 Il Consiglio nazionale ringrazia il Vice Presidente Vicario Alessandro Cattaneo del proficuo lavoro svolto nel periodo di reggenza,

Dettagli

Audizione presso la. I Commissione permanente. (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e Interni) della Camera dei Deputati

Audizione presso la. I Commissione permanente. (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e Interni) della Camera dei Deputati Audizione presso la I Commissione permanente (Affari costituzionali, della Presidenza del Consiglio e Interni) della Camera dei Deputati sullo schema di decreto legislativo recante Modifiche al Codice

Dettagli

Memoria per l audizione di Anigas

Memoria per l audizione di Anigas X COMMISSIONE ATTIVITA PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO CAMERA DEI DEPUTATI Indagine conoscitiva sulla strategia energetica nazionale sulle principali problematiche in materia di energia Memoria per l audizione

Dettagli

Piacenza, 2 febbraio 2015 Alle Cooperative in indirizzo. Oggetto: Incentivi alle assunzioni 2015: Circolare INPS n. 17 del 29 gennaio 2015

Piacenza, 2 febbraio 2015 Alle Cooperative in indirizzo. Oggetto: Incentivi alle assunzioni 2015: Circolare INPS n. 17 del 29 gennaio 2015 SERVIZIO SINDACALE Piacenza, 2 febbraio 2015 Alle Cooperative in indirizzo Prot. n. 20 Oggetto: Incentivi alle assunzioni 2015: Circolare INPS n. 17 del 29 gennaio 2015 Con la circolare in oggetto, l INPS

Dettagli

Audizione sugli Atti di Governo

Audizione sugli Atti di Governo CAMERA DEI DEPUTATI 11ª Commissione (Commissione Lavoro pubblico e privato) Audizione sugli Atti di Governo Schema di Decreto Legislativo recante disposizioni di razionalizzazione e semplificazione delle

Dettagli

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011

Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Risposta alla consultazione di Banca d Italia sul Programma dell attività normativa dell Area Vigilanza per l anno 2011 Dicembre 2010 DOCUMENTI 1. Considerazioni preliminari Il Programma di attività normativa

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

Covip. Premesse. Consultazione sullo schema di Disposizioni sul processo di attuazione della politica di investimento

Covip. Premesse. Consultazione sullo schema di Disposizioni sul processo di attuazione della politica di investimento Covip Consultazione sullo schema di Disposizioni sul processo di attuazione della politica di investimento Milano, 30 settembre 2011 Premesse In tutto il mondo, ed in particolare in Europa, i fondi pensione

Dettagli

Luci e ombre nella nuova legge delega per il recepimento. delle direttive europee su appalti e concessioni

Luci e ombre nella nuova legge delega per il recepimento. delle direttive europee su appalti e concessioni Luci e ombre nella nuova legge delega per il recepimento delle direttive europee su appalti e concessioni (elaborato in collaborazione con Avv. Ilenia Filippetti) Il tema dell innovazione del quadro normativo

Dettagli

7. IL REGISTRO DEGLI OPERATORI DI COMUNICAZIONE

7. IL REGISTRO DEGLI OPERATORI DI COMUNICAZIONE Il sistema italiano delle comunicazioni - Il Registro degli operatori di comunicazione 7. IL REGISTRO DEGLI OPERATORI DI COMUNICAZIONE L Autorità ha approvato il 31 maggio 2001, con delibera n. 236/01/CONS,

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE

LE START UP INNOVATIVE LE START UP INNOVATIVE Nell ambito delle attività tese a favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l occupazione giovanile e nell ottica di sviluppare una nuova cultura imprenditoriale,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XVIII n. 60 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore MOLINARI) approvata nella seduta pomeridiana del 16 aprile 2014 SULLA

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n. 4/2007 del 29 marzo 2007 Indicazioni sull affidamento dei servizi di ingegneria ed architettura a seguito

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA DISEGNO DI LEGGE LEGGE DI CONTABILITA E FINANZA PUBBLICA A.C. N.2555

INDAGINE CONOSCITIVA DISEGNO DI LEGGE LEGGE DI CONTABILITA E FINANZA PUBBLICA A.C. N.2555 INDAGINE CONOSCITIVA DISEGNO DI LEGGE LEGGE DI CONTABILITA E FINANZA PUBBLICA A.C. N.2555 COMMISSIONE BILANCIO, TESORO E PROGRAMMAZIONE CAMERA DEI DEPUTATI 22 SETTEMBRE 2009 Il disegno di legge A.C. n.

Dettagli

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009

Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Le novità normative in tema di rapporto di lavoro pubblico: il D.Lgs. 150/2009 Parma, Sala aurea C.C.I.A.A., Via Verdi 2 Gaetano Palombelli La riforma del lavoro pubblico nel contesto della riforma istituzionale

Dettagli

In particolare riassumendo i principali atti e comportamenti della Società in materia:

In particolare riassumendo i principali atti e comportamenti della Società in materia: ATTUAZIONE DEGLI INDIRIZZI OPERATIVI PER LA GOVERNANCE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DI PARMA E DEGLI ENTI AZIENDE ED ISTITUZIONI (DELIB. G.C. 355/38 2013) Con lettera del 6 Giugno 2013 prot. 96974/2013

Dettagli

Audizione X Commissione Senato sulla Strategia Energetica Nazionale. Roma, 10 ottobre 2012.

Audizione X Commissione Senato sulla Strategia Energetica Nazionale. Roma, 10 ottobre 2012. Audizione X Commissione Senato sulla Strategia Energetica Nazionale. Roma, 10 ottobre 2012. Intervento di Bruno Lescoeur, Amministratore Delegato, Edison Nella prima occasione in cui ho parlato a questa

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA 2 PUBBLICITA DEGLI ENTI PUBBLICI COMUNICAZIONI AL GARANTE PER LA RADIODIFFUSIONE E L EDITORIA

NOTA ESPLICATIVA 2 PUBBLICITA DEGLI ENTI PUBBLICI COMUNICAZIONI AL GARANTE PER LA RADIODIFFUSIONE E L EDITORIA NOTA ESPLICATIVA 2 PUBBLICITA DEGLI ENTI PUBBLICI COMUNICAZIONI AL GARANTE PER LA RADIODIFFUSIONE E L EDITORIA 1. Premessa Il Garante per la radiodiffusione e l editoria determina con propri provvedimenti

Dettagli

Spettabile AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS ED I SERVIZI IDRICI Piazza Cavour 5 20121, MILANO

Spettabile AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS ED I SERVIZI IDRICI Piazza Cavour 5 20121, MILANO Spettabile AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS ED I SERVIZI IDRICI Piazza Cavour 5 20121, MILANO DMEG Direzione Mercati mercati@autorita.energia.it Milano, 10 febbraio 2015 Oggetto: DCO 644/2014/R/EEL,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ECONOMIA E DEL LAVORO Commissione istruttoria per le politiche del lavoro e dei sistemi produttivi (II) Osservazioni e proposte I servizi di gestione degli immobili: il facility

Dettagli

Coordinamento Sindacale Enti di Ricerca

Coordinamento Sindacale Enti di Ricerca aderente CONFEDIR Prot. 433/13 Roma, 21/01/2013 Al Segretario Generale della CONFEDIR Dr. Stefano Biasioli Oggetto: documento programmatico CSER Manifestazione Confedir 28/01/2013. Il individua una serie

Dettagli

Indice p. 1. Introduzione p. 2. I Benefici quantificabili offerti dalle tariffe dell energia elettrica p. 3

Indice p. 1. Introduzione p. 2. I Benefici quantificabili offerti dalle tariffe dell energia elettrica p. 3 Energia elettrica: a quanto ammontano i risparmi aggiuntivi che derivano dai servizi accessori offerti con Indice: Indice p. 1 Introduzione p. 2 I Benefici quantificabili offerti dalle tariffe dell energia

Dettagli

Documento delle parti sociali sullo schema di provvedimento di attuazione della riforma della previdenza complementare

Documento delle parti sociali sullo schema di provvedimento di attuazione della riforma della previdenza complementare Documento delle parti sociali sullo schema di provvedimento di attuazione della riforma della previdenza complementare Premessa Lo schema del provvedimento approvato dal Consiglio dei Ministri il 1 luglio

Dettagli

IL NUOVO CONTO ENERGIA PRESENTA IL NUOVO CONTO ENERGIA

IL NUOVO CONTO ENERGIA PRESENTA IL NUOVO CONTO ENERGIA PRESENTA IL NUOVO CONTO ENERGIA 1 PREMESSA MGS SOLAR TECHNOLOGY ha costruito questo opuscolo estrapolando il contenuto da varie fonti d informazioni del settore fotovoltaico, ritenendole affidabili e comprensibili.

Dettagli

Istituto Levi Cases e Università Padova PRESENTAZIONE VOLUME RIFORME ELETTRICHE TRA EFFICIENZA E EQUITA ALBERTO CLO

Istituto Levi Cases e Università Padova PRESENTAZIONE VOLUME RIFORME ELETTRICHE TRA EFFICIENZA E EQUITA ALBERTO CLO Istituto Levi Cases e Università Padova PRESENTAZIONE VOLUME RIFORME ELETTRICHE TRA EFFICIENZA E EQUITA ALBERTO CLO PADOVA 25 MARZO 2015 1 Inizio esprimendo il più vivo ringraziamento al centro Levi Cases,

Dettagli

Signor Presidente, Signori Senatori,

Signor Presidente, Signori Senatori, AUDIZIONE DEL PRESIDENTE DELL AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO ANTONIO CATRICALÀ PRESSO LA I COMMISSIONE PERMANENTE DEL SENATO DELLA REPUBBLICA NELL AMBITO DELL INDAGINE CONOSCITIVA SUL

Dettagli

La televisione digitale in Italia La penetrazione dell offerta allargata presso le famiglie italiane

La televisione digitale in Italia La penetrazione dell offerta allargata presso le famiglie italiane La televisione digitale in Italia La penetrazione dell offerta allargata presso le famiglie italiane 1 semestre 2005 Primo rapporto semestrale sulla penetrazione della tv digitale. Le fonti: dichiarazioni

Dettagli

Raccolta dati via Web: un esperienza di cinque anni

Raccolta dati via Web: un esperienza di cinque anni Raccolta dati via Web: un esperienza di cinque anni Piero Leone Terna Spa Direzione Pianificazione e Sviluppo Rete - Statistiche email:piero.leone@terna.it (versione provvisoria) Sintesi: Fra i primi in

Dettagli

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica

Dettagli

Determinazione n. 16 del 03.04.2011: Contratto di fornitura di energia elettrica tra il Comune e la Società D.S.E. S.r.l.: provvedimento a contrarre.

Determinazione n. 16 del 03.04.2011: Contratto di fornitura di energia elettrica tra il Comune e la Società D.S.E. S.r.l.: provvedimento a contrarre. Determinazione n. 16 del 03.04.2011: Contratto di fornitura di energia elettrica tra il Comune e la Società D.S.E. S.r.l.: provvedimento a contrarre. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO PREMESSO che -

Dettagli

L organizzazione del lavoro all interno della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha subito negli ultimi anni una modifica, sia per rispondere a

L organizzazione del lavoro all interno della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha subito negli ultimi anni una modifica, sia per rispondere a Ordinamento Professionale L organizzazione del lavoro all interno della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha subito negli ultimi anni una modifica, sia per rispondere a nuovi compiti istituzionali

Dettagli

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Roma, 1 febbraio 2008 COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Con riferimento al Documento in oggetto, posto in

Dettagli

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 Comunicazione della Commissione Criteri per l'analisi della compatibilità degli aiuti di stato a favore dei lavoratori svantaggiati e disabili soggetti

Dettagli

PROPOSTE OPERATIVE DELL ASSOCIAZIONE NAZIONALE INGEGNERIA DELLA SICUREZZA

PROPOSTE OPERATIVE DELL ASSOCIAZIONE NAZIONALE INGEGNERIA DELLA SICUREZZA PROPOSTE OPERATIVE DELL ASSOCIAZIONE NAZIONALE INGEGNERIA DELLA SICUREZZA 1) Potenziamento e riassetto degli Organi di Vigilanza 2) Formazione e promozione della cultura della prevenzione. Inserimento

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione 30 ottobre 2009 - GOP 46/09 Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

PRIME OSSERVAZIONI DELLO SNALS-CONFSAL SUL DOCUMENTO DEL GOVERNO LA BUONA SCUOLA

PRIME OSSERVAZIONI DELLO SNALS-CONFSAL SUL DOCUMENTO DEL GOVERNO LA BUONA SCUOLA PRIME OSSERVAZIONI DELLO SNALS-CONFSAL SUL DOCUMENTO DEL GOVERNO LA BUONA SCUOLA CONFERENZA DEI SEGRETARI PROVINCIALI E REGIONALI 17-18 SETTEMBRE 2014 Lo Snals-Confsal, il più rappresentativo sindacato

Dettagli

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010 Oggetto: Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina, promosso da Borsa Italiana S.p.A., approvato dal Comitato per la corporate governance nel marzo 2006 e successivamente modificato

Dettagli

Infrastrutture portuali. Infrastrutture di collegamento e trasporti del porto con il retroterra. Le infrastrutture a condotta.

Infrastrutture portuali. Infrastrutture di collegamento e trasporti del porto con il retroterra. Le infrastrutture a condotta. Il porto è il futuro di Trieste Il ritorno della cultura marinara per i traffici di Nordest ed Europa centrale. Intervento introduttivo di Mario Goliani Innanzitutto rivolgo un ringraziamento agli Ordini

Dettagli

TARIFFARIO 2007. (Consiglio Nazionale Riunione del 20 e 21 Dicembre 2006)

TARIFFARIO 2007. (Consiglio Nazionale Riunione del 20 e 21 Dicembre 2006) TARIFFARIO 2007 COMPENSI MINIMI PER LE PRESTAZIONI PROFESSIONALI GIORNALISTICHE NEI QUOTIDIANI, NEI PERIODICI, ANCHE TELEMATICI, NELLE AGENZIE, NELLE EMITTENTI RADIOTELEVISIVE E NEGLI UFFICI STAMPA (Consiglio

Dettagli

SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE FERROVIARIO SULLA RETE DI PROPRIETA DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE FERROVIARIO SULLA RETE DI PROPRIETA DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE FERROVIARIO SULLA RETE DI PROPRIETA DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA RELAZIONE D.L. 18.10.2012, N.179, ART.34, CO. 20 E 21, CONVERTITO CON MODIFICHE DALLA L. N.221/2012

Dettagli

Fondo di finanziamento ordinario Aspetti generali e strategici

Fondo di finanziamento ordinario Aspetti generali e strategici PARERE SUL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO E SULLA QUOTA DI RIEQUILIBRIO 2001 APPROVATO ALL'UNANIMITA' DALL'ASSEMBLEA DELLA CONFERENZA DEI RETTORI IL 4 APRILE 2001 La Conferenza dei Rettori, presa visione

Dettagli

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE CAPITOLO QUINTO CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE A conclusione del lavoro di ricerca, si ritiene di riassumere alcune considerazioni nate alla luce sia del lavoro di documentazione, sia di quello di indagine.

Dettagli

Sezione regionale di controllo per la Toscana. composta dai magistrati:

Sezione regionale di controllo per la Toscana. composta dai magistrati: Del. n. 73 /2015/PAR Sezione regionale di controllo per la Toscana composta dai magistrati: Maria Annunziata RUCIRETA Paolo PELUFFO Nicola BONTEMPO Emilia TRISCIUOGLIO Laura d AMBROSIO Marco BONCOMPAGNI

Dettagli

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF Risposta ABI alla consultazione del Dipartimento del Tesoro sullo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2009/65/CE, concernente il coordinamento delle disposizioni legislative,

Dettagli

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni.

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA DEI GIORNALISTI ITALIANI GIOVANNI AMENDOLA Via Nizza n. 35 00198 Roma SINTESI DEGLI INTERVENTI DI RIFORMA ADOTTATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL INPGI NELLA SEDUTA

Dettagli

Indennità di disoccupazione agricola

Indennità di disoccupazione agricola G.A.I.A. Project Consulting snc http://gaiaprojectconsulting.it Indennità di disoccupazione agricola Il 31 marzo 2016 è l ultimo giorno utile per i lavoratori del comparto agricolo per presentare la domanda

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 5/25 DEL 11.2.2014

DELIBERAZIONE N. 5/25 DEL 11.2.2014 Oggetto: Legge regionale 13 aprile 2010, n. 10, art. 1, comma 2. Misure per lo sviluppo del trasporto aereo. Collocazione sul mercato di parte della quota di partecipazione azionaria regionale nel capitale

Dettagli

DELEGA TERZO SETTORE PRINCIPALI NODI DA SCIOGLIERE, RIPRESI NEGLI EMENDAMENTI

DELEGA TERZO SETTORE PRINCIPALI NODI DA SCIOGLIERE, RIPRESI NEGLI EMENDAMENTI DELEGA TERZO SETTORE PRINCIPALI NODI DA SCIOGLIERE, RIPRESI NEGLI EMENDAMENTI 1. Che cosa / Attività di interesse generale e settori di utilità sociale? Il testo approvato alla Camera così recita: Per

Dettagli

IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE

IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE IL SINDACO PROPONE AL CONSIGLIO COMUNALE LA SEGUENTE DELIBERAZIONE OGGETTO: ATTO DI INDIRIZZO PER LA RIORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI COMUNALI E STRUMENTALI, DELLE SOCIETA PARTECIPATE E PER IL REGOLAMENTO

Dettagli

Investimento straordinario sulla Pubblica Amministrazione. Matteo Renzi Marianna Madia. Roma, 30 Aprile 2014

Investimento straordinario sulla Pubblica Amministrazione. Matteo Renzi Marianna Madia. Roma, 30 Aprile 2014 Linee guida Governo Investimento straordinario sulla Pubblica Amministrazione Matteo Renzi Marianna Madia Roma, 30 Aprile 2014 Il Cambiamento comincia dalle persone Proposte CONFEDIR 1) Abrogazione dell

Dettagli

Piano di Sostegno alla Ricerca 2015-16

Piano di Sostegno alla Ricerca 2015-16 Piano di Sostegno alla Ricerca 2015-16 Il crescente impatto della qualità della produzione scientifica sulla ripartizione delle risorse - finanziarie e di Punti Organico - agli Atenei da parte del MIUR

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Corporate Social Responsibility

Corporate Social Responsibility Corporate Social Responsibility Prof. Gianluca Colombo Professore Ordinario di Economia aziendale, all Università Svizzera Italiana e all Università degli Studi dell Insubria. MBCF. Il panorama delle imprese

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte.

La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. 1. Premessa. La valutazione della ricerca nell area dell Economia Aziendale. Alcune proposte. La comunità dei docenti e ricercatori dell area di Economia Aziendale, rappresentata dalle società scientifiche

Dettagli

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività

Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su. Infrastrutture, crescita e competitività Discussione del Rapporto del Centro Studi Confindustria su Infrastrutture, crescita e competitività Piero Casadio Confindustria, 15 dicembre 2011 1 Introduzione Il capitolo del Rapporto di Confindustria

Dettagli

Intervista al dott.fabrizio Tortora Vicepresidente Aper 1. APER e il settore delle energie rinnovabili

Intervista al dott.fabrizio Tortora Vicepresidente Aper 1. APER e il settore delle energie rinnovabili Intervista al dott.fabrizio Tortora Vicepresidente Aper 1 APER e il settore delle energie rinnovabili L APER (Associazione Produttori Energia da Fonti Rinnovabili) è la prima associazione nazionale in

Dettagli

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014

Novembre 2014. Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Novembre 2014 Strumenti di finanziamento per le imprese: importanti novità nella circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 26 settembre 2014 Avv. Francesco Bonichi, Tax Partner, Avv. Michele Milanese,

Dettagli

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE Convegno nazionale Senato delle autonomie/federalismo e riforma dell'ordinamento locale Roma, 14 Ottobre 2013 Tempio di Adriano Sala Convegni Piazza di Pietra Ore 9.30/14.00 DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE 2

Dettagli

Newsletter, gennaio 2012

Newsletter, gennaio 2012 Newsletter, gennaio 2012 Contenuti: 1. Diritto societario 2. Diritto bancario 3. Diritto civile 4. Diritto tributario 5. Diritto della previdenza sociale 1. Diritto societario Legge federale del 18 luglio

Dettagli

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO DEI MERCATI DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 10 giugno

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Direttiva del 28 settembre 2009 Indirizzi interpretativi ed applicativi in materia di destinazione delle spese per l acquisto di spazi pubblicitari da parte delle Amministrazioni dello Stato ai sensi dell

Dettagli

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione giuridica e per il mercato interno DOCUMENTO DI LAVORO. Commissione giuridica e per il mercato interno

PARLAMENTO EUROPEO. Commissione giuridica e per il mercato interno DOCUMENTO DI LAVORO. Commissione giuridica e per il mercato interno PARLAMENTO EUROPEO 1999 2004 Commissione giuridica e per il mercato interno 8 giugno 2001 DOCUMENTO DI LAVORO sulla proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio relativa alle macchine e

Dettagli

enti erogatori d acqua e di energia, degli enti che forniscono servizi di trasporto e servizi postali e sostituisce la direttiva 1993/38/CEE; la

enti erogatori d acqua e di energia, degli enti che forniscono servizi di trasporto e servizi postali e sostituisce la direttiva 1993/38/CEE; la NOVITA INTRODOTTE DALLA DIRETTIVA 2004/18/CE CONCERNENTE GLI APPALTI NEI SETTORI CLASSICI NONCHE DALLA DIRETTIVA 2004/17/CE DEL 31 MARZO 2004 RIGUARDANTE GLI APPALTI NEI SETTORI SPECIALI Sommario: 1. Premessa.

Dettagli