Come le oche. Antonio Castelli. Edizioni Delirium

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come le oche. Antonio Castelli. Edizioni Delirium"

Transcript

1 Come le oche Antonio Castelli Edizioni Delirium

2 UNO Esco dall'androne e pesto il barboncino di quelli del primo piano. Un giorno o l altro lo arroto con le gomme della macchina e poi vado a chiedere umilmente scusa. Flaminio, l'edicolante, sta girando attorno alla mia macchina come tutte le mattine. Indossa i pantaloni di una tuta da ginnastica in acrilico viola con delle fiamme rosse che salgono dall'orlo e gli avvampano le gambe. Un colpo di vento deve avergli ribaltato il riporto dalla parte sbagliata e sembra il cantante in pensione di un antichissimo gruppo dark-wave. Deve anche aver dormito poco perché ha due occhiaie grosse come lo scroto di un cavallo. "Mi scusi, ha mica visto passare la bicicletta di mia moglie, per caso?" mi chiede. "No." "Mi darebbe un passaggio, per cortesia?" "Non è proprio giornata Flaminio, sono di corsa" gli rispondo, e tento di salire in auto mandandolo a fanculo col pensiero. Quello resta a guardarmi come un bambino in castigo, io provo una gran pena come al solito e, come al solito, lo invito a salire. Si sistema energicamente il pacco e si siede al posto del passeggero con una certa soddisfazione. "Dove deve andare?" gli chiedo dopo aver percorso trecento metri in direzione del Green Garden. Non mi risponde. Mi suona il cellulare. "Sì Marco, mi sono appena messo in viaggio, sarò lì tra un'oretta. Più o meno." Chiudo e torno a guardare quell'altro. Avrei una voglia folle di rimettergli a posto quel riporto... "Lì dove?" mi chiede. "Lì dove?" replico io. "Sì, dove deve andare?" "Ah... a Cuggiono" gli rispondo con un'ingenuità quasi vergognosa. "Non è che mi darebbe un passaggio fino a Cuggiono per cortesia?" Per fortuna faccio il rappresentante di gadget natalizi e non il custode di segreti industriali. Ci mettiamo in viaggio. "Ehiehiehiehi!!! Tutto bene!?! Buona giornata da Faustino dj di Radio Onde Alte!!" grida uno stronzo appena accendo l'autoradio, e parte un pezzo di Marco Carta. Spengo. Flaminio guarda fisso davanti a sé come se stesse guidando anche lui senza smettere di sistemarsi nervosamente i maroni. Accelero un po' per curiosità e l'uomo abbandona il pacco, irrigidisce il collo appoggiando la nuca sul poggiatesta, tende le labbra in una smorfia di terrore e poi si rimette a ravanare nella tuta con ancora più violenza. "Tutto bene?" gli chiedo.

3 "Sì, certo, ma mi raccomando, stia attento alle biciclette. Sono talmente sottili che viste da dietro non ci si accorge." Questo vede girare delle bici senza il ciclista sopra, per quello non sta bene. Guardo fuori 'sto cielo che sembra di cartone e vengo baciato in fronte dallo sconforto, ma non ci do molto peso dal momento che mi capita spesso di cadere preda di questa malinconia sudaticcia quando mi metto in viaggio la mattina presto, soprattutto in novembre, soprattutto se ho Flaminio seduto a fianco. Sarà 'sta nebbiolina che ti costringe a far andare i tergi anche se non piove, saranno i furgoni dell'ups che sembrano cioccolatini, sarà la scritta dell'esselunga, non lo so, comunque sono convinto che il mio sia un malessere molto diffuso tra quelli che abitano in Lombardia e quindi non me ne faccio un cruccio. L'unica cosa di cui sono certo è che in questo momento avrei una gran voglia di fare un falò con il signor Flaminio, Pippo il barboncino e anche con quel coglione di Faustino il dj, ma c'è Marco che mi aspetta al deposito della Mery & Cristmas di Cuggiono, una ditta che vende puttanate natalizie. Che poi, detto per inciso, si chiamerebbero Maria e Cristian Capraro, fratello e sorella, ma visto il tipo di articoli che vendono, hanno pensato bene di chiamarsi così: Mery & Cristmas - Materiali per le Festività. A sera torno a casa che è già buio. Vivo a Cerello, un paesino di quattro anime in provincia di Milano, nel sottotetto di una casa di ringhiera in stile "rustico-rurale-contemporaneo" che un'impresa di Molfetta ha finito da poco di costruire in un lotto di terreno che è diventato improvvisamente edificabile come per magia (ma da queste parti succede spesso) e tutti si stanno ancora chiedendo in base a quale logica, visto che è isolato in mezzo ai campi di granturco. Comunque costava poco e l'ho presa. Con il mutuo, naturalmente. Poi in paese c'è anche un bar e non mi manca niente. Perché, in fondo, a Cerello si sta bene. Io poi sto bene solo nei posti dove non c'è niente. In quelli dove c'è tutto, viceversa, mi perdo sempre e mi viene subito l'ansia. Per questo motivo non andrò mai a New York e se sono costretto ad andare a Milano cerco di andarmene sempre prima di iniziare a dare i numeri. Mi faccio una doccia, mangio quel tramezzino color ocra che ho preso al bar della Carla, mi scolo una lattina di Coca in un sorso solo e rutto in modo prepotente perché sono convinto che scacci il malocchio. A Cerello la sera sembra di essere a Kabul con il coprifuoco dei talebani. Deserto. E se vivi da solo non devi mai fermarti a pensarci troppo su perché finisce che ti trovano appeso ad una delle travi lamellari del tetto. Cazzo faccio? Mi metto a fare un budino della Cameo? No. Zappo con la tv. Tanto a Cerello c'è solo il bar, e chiude alle otto di sera. Scorro tutti i canali con una velocità strepitosa. Mi piace un casino farlo. Approfondimento politico. No. Grandi Fratelli. Nemmeno. Un film con dei bambini che stanno rubando un treno. Troppo irreale. Un paio di tette strette in un vestitino rosso che occupano totalmente lo schermo ma spariscono subito. Peccato. La pubblicità di una colla per dentiere. Piero Angela. Telequiz. Piero Angela. Telequiz. Ma perché mi fermo sempre al numero otto che c è il digitale terrestre? Avrò qualche centinaio di canali da vedere, minchia. Vado avanti. Televendita di tappeti. Televendita di tappeti. Televendita di tappeti. Sbatto il telecomando sul tavolino pensando che non funzioni. Schiaccio ancora. Televendita di tappeti. Un film del

4 millenovecentosettantadue. Televendita di tappeti. "Ehiehiehiehi!!!" E' Faustino dj da Tele Onde Alte!" Sembra un Koala, con pochi peli in testa, la boccuccia stretta e gli occhi piccoli. Spengo. Pippo non la smette di abbaiare. Adesso lo uccido. Vorrei scappare. Mi scappa da pisciare. Scappo. Torno in soggiorno, mi metto il portatile sulle gambe, lo accendo e apro la casella della posta perché se non la pulisco quotidianamente mi si intasa. Ricevo una cinquantina di mail al giorno da parte di signorine dai nomi esotici di cui ignoro totalmente l'identità, tipo: Janita Krista, Linda James, Emery Rosado...oh, c'è anche una che si chiama Angela Laronda, chissà cosa vuole. Di solito tentano di vendermi quantità industriali di Cialis, Viagra, repliche di orologi Rolex, software di tutti i tipi e uno strano Grow your penis + 25% che non ho ancora capito bene cosa sia ma che pare vada per la maggiore. Comunque sono anni che ci provano, e senza successo. Io non cedo. Manco se me la fanno vedere. Chissà chi è stato poi a spargere la voce dal momento che io, in fondo, avrei solo bisogno di un maglione con il collo alto... Scopro con una certa meraviglia che Angela Laronda non vuole vendermi una valigia di Viagra bensì invitarmi alla cena che avrebbe riunito, sabato ventisei novembre alle ore diciannove e trenta precise, alla pizzeria Il Diamante di Ferrara, tutta la mia vecchia classe della quinta D del liceo scientifico Parini. Roba di vent'anni fa. Una volta vivevo a Ferrara. Poi sono venuto a Cerello. Se mi sposto ancora mi sa che finisco in un eremo tra i monti del Pasubio. Faccio un attimo mente locale e mi sovviene che Angela Laronda è in effetti Angela Rosini, quella che stava nel banco dietro al mio quando frequentavo la quinta D. Non so bene perché si sia registrata come Laronda su Facebook, forse per confondere le acque. Anche la foto mi sa che è tarocca. Sembra una strafiga, ma io me la ricordo come un cesso e, dal momento che trovo abbastanza improbabile che un cesso diventi una strafiga col passare degli anni, ne deduco che quella nella foto non sia lei. Sì, perché ci sono anch'io su Facebook, sono quello in alto a sinistra. Per i primi due mesi non mi ha cagato nessuno, poi si è messa in moto la catena di Sant'Antonio e mi sono trovato con un centinaio di "amici", almeno la metà dei quali non so neppure chi siano. Sono iscritto ad una decina di gruppi tra i quali c'è anche quello degli "Amici della quinta D. Classe Liceo Parini di Ferrara" che sembra la dicitura di una carta intestata ma purtroppo i miei amici della quinta D non hanno mai avuto molta fantasia. Vado o non vado? Pensa che tristezza, peggio che viaggiare pieni di palline di Natale con Flaminio seduto a fianco. Però, metti che la Rosini è davvero diventata una strafiga?

5 E' l'unica occasione che ho per verificarlo e decido di andarci. Io, quando mi ci metto, sono un tipo piuttosto deciso. Rispondo alla mail con un certo distacco: "Non so se ce la faccio, ma cercherò di esserci. Tienimi un posto. Ciao." Premo invia, mi accendo una sigaretta ed esco nel terrazzino. Un metro di profondità per due metri e venti di lunghezza, e se pensate che ci ho anche messo un romantico tavolino di plastica con due sedie da giardino non dovrebbe esservi nemmeno tanto difficile immaginare come si stia qui fuori. Respiro profondamente. Concime. Smetto subito di respirare profondamente. Che bello, sembra la pampas Argentina in miniatura. Campi, campi e ancora campi di erba medica. Le canalette di irrigazione, quella fila di alberi spogli lì in fondo e ancora più in là i tenui bagliori del traffico automobilistico. Sulla destra le luci verdi del Green Garden. E un presepio, ma senza le pecore e senza la capanna, senza niente. Uno di quelli che se li tocchi si sgretolano, uno di quelli che non se li caga più nessuno. Se piazzassimo uno specchio bello grande in mezzo al campo di granturco avremmo anche noi il nostro laghetto e a quel punto mancherebbero solo il ponticello di sughero e la stella cometa. La pecora potrebbe farla Pippo. E' bianco. San Giuseppe Flaminio, la Madonna quella zoccola del secondo piano e Gesù bambino lo faccio io che sulla paglia ci sto comodissimo. Magari può sembrare un po' presuntuoso da parte mia, ma ogni volta che mi ritrovo davanti a questa desolazione mi si aprono le porte della percezione e mi sembra di essermi appena divorato una pirofila di funghi allucinogeni. Mi sbatto la porta alle spalle e rientro in casa. Sono le undici. Tutto tace. Anche Pippo. Spero sia morto. Annuncio ufficialmente a me stesso la fine di questa giornata inutile, mi spoglio mollando tutto per terra, mi infilo sotto le coperte, incrocio le dita dietro la nuca nel buio della mia stanzetta trapezoidale e mi chiedo: "Ma Angela Rosini non era quella che si diceva avesse fatto un pompino a Maldestri nel bagno della palestra? Ah no, quella era la Silvia Coriandoli. Quella sì che era figa." Mi addormento quasi subito cullato dolcemente dalla Rosini, dalla Coriandoli e anche da quel deficiente di Maldestri e passo una notte tranquilla. Io quando dormo sono sempre tranquillo. E' quando mi imbatto in Flaminio che, solitamente, mi girano subito i coglioni.

6 DUE Il ventisei novembre c'è un tempo schifoso, sembra il due. Io novembre lo dedicherei ai morti tutto per intero visto che tutti i giorni di novembre nascono morti e ti ammazzano a loro volta, senza eccezioni. Questi devono essere gli ultimi effetti dei funghi di ieri. Scendo e tiro fuori la macchina dal garage facendo molta attenzione dal momento che il garage è piccolissimo e la macchina è grandissima. Ho comprato da poco un Discovery 4 della Land Rover color bronzo metallizzato che probabilmente finirò di pagare solo dopo morto anche perché, come potete bene immaginare, con il mio tipo di occupazione lavoro praticamente solo a dicembre, ma in quel mese faccio un sacco di soldi. Per il resto dell'anno mi arrabatto con quello che posso. Ho anche una rappresentanza di biancheria intima femminile talmente brutta che non ho mai il coraggio di posare il campionario sul bancone del negozio, soprattutto se la titolare è carina. Più di una volta sono scappato dalla vergogna e non mi hanno più visto. Comunque da un po' di tempo abbiamo anche Halloween, o Allouì, come lo chiama la Mery, e in quel periodo le zucche di plastica della Mery & Cristmas Brothers vanno via come il pane. Ovvio che in agosto non ho molto da fare, che discorsi... però non me la passo male. Devo anche ricordarmi di consegnare alla tipografia Bazzocchi quell ordine di mille penne biro con su scritto Happy New Yea, che non è il motto di un gruppo rap capitanato dalla signora Bazzocchi, bensì un banale errore di scrittura della Mery. Tanto ormai è tardi e non ci si può più fare niente. Magari non se ne accorgono nemmeno. Ma chi vuoi che lo sappia l'inglese alla Bazzocchi? Che poi Cristmas ha anche cercato in tutti i modi di convincere la Mery che si scrive year ma non c'è stato niente da fare. Sono le quattro e in tre ore a tavoletta dovrei farcela, semmai mi aspettano. Clicco il pulsantino del telecomando e il cancello automatico si apre con una lentezza esasperante e anche con una certa arroganza, se dobbiamo proprio dirla tutta. Mi sento chiamare. "Che c'è Flaminio? Mi perdoni ma vado un po' di fretta." "Mi scusi, ma dove va?" Vuoi vedere che io adesso e per il resto dei miei giorni dovrò rendere conto a questo coglione con le fiamme sulle brache di ogni mio spostamento? "Sto partendo per il Brasile. Arrivo a Gibilterra, schiaccio a tavoletta, attraverso l'atlantico e in un batter d'occhio sono lì." Quello si massaggia il mento per un po e alla fine, come sospettavo, mi chiede: "Ma galleggia questa macchina?" Lo guardo quasi con affetto perché a me, in fondo, Flaminio è tanto simpatico. Quando è lontano. Oggi ha il riporto riportato dalla parte giusta ed assomiglia ad un contabile del KGB degli anni settanta, e nemmeno tanto in incognito. "Sì, questa macchina galleggia gli dico l'ho pagata un sacco di soldi per quello. Non è che deve andare in Brasile per caso? Le do un passaggio volentieri."

7 "No grazie, tra un po' devo essere dal proctologo, e poi sto cercando la bici di mia moglie." "Ok, in bocca al lupo allora" e parto. Intanto il cancello si è richiuso. Schiaccio di nuovo il pulsantino e vedo nello specchietto Flaminio che torna indietro con passo veloce. Questo ha deciso di venire in Brasile. Sgommo come se mi stesse inseguendo la polizia e per poco non demolisco quel cancello del cazzo che si muove come se dietro ci fosse la Osiris che deve scendere le scale. Finalmente in viaggio. Questo calduccio sul culo, la cannella... mi viene da vomitare. Ho ancora nel bagagliaio quella cesta natalizia che uso come campione e che deve aver ormai imparato a camminare da sola. Cannella, cotechino marcio e pandoro con la muffa sono un cocktail micidiale per chiunque, soprattutto in novembre, quindi decido di fermarmi in una stazione di servizio per ossigenarmi un po. Mi faccio fare il pieno ed entro al bar per bermi un caffè lasciando i finestrini dell'auto aperti. Torno, apro la portiera, salgo e pago il benzinaio. Questo fa una smorfia da indemoniato e mi chiede: "Scusi dottore, ma cosa ci trasporta in 'sta macchina? Cadaveri?" "Organi da trapiantare, e se non mi muovo vanno a male. Arrivederla e grazie" gli rispondo seccato, e parto sgommando. Sì, tu parli, parli, ma non ti farebbe schifo un Discovery 4 bronzo metallizzato eh? E' solo invidia, coglione. Io lo so che è solo invidia. Non c'è nemmeno tanto traffico. Centodieci euro per il pieno. O ho un buco nel serbatoio o quel benzinaio, oltre a fare domande inopportune, è anche un truffatore. Accendo l'autoradio. "Eiheiheih!!" Ce l'ho fatta. Ho dribblato Faustino il dj proprio nell'area di rigore e forse mi sono salvato la giornata. Metto su il cd con la mia compilation personale che inizia con Non sono una signora di Loredana Bertè e mi sento subito meglio. Il cielo sembra dipinto da uno che aveva finito i colori, il sole è una lampadina da tre candele, il ronzio ovattato di tutte queste gomme sull'asfalto che mi mette sempre un gran sonno addosso. Siamo in autostrada, quella senza le curve, e noi siamo gli uomini con le ruote, schiavi di questa minchia di giostra che non si ferma mai, nemmeno in novembre, e che si lascia dietro un sacco di morti, sia sull'asfalto che nelle aule giudiziarie. Perché fare il rappresentante di commercio ha anche i suoi bei rischi di tipo penale, credetemi. Ma tu te ne fotti di quest'umido che quasi lo senti nelle ossa perché tu sei dentro ad un Discovery 4 e hai i sedili riscaldati e c'è Nada con la sua Ma che freddo fa che ti allieta dalle casse dallo stereo. Pura poesia. E' il quinto pezzo della mia compilation personale. Ormai la conosco a memoria, anche mandata in random. Mi metto comodo come se fossi sul divano di casa mia e guido tenendo il volante con un dito. Sto andando a Ferrara a controllare se la Rosini è davvero una gnocca. Torno presto. Anzi no, le cose andranno in tutt'altra maniera. Sono lì alle 19:49 esatte, parcheggio e mi do una controllatina prima di scendere perché, come ben

8 saprà chi ci è passato, quando ci si trova di fronte allo scoglio della cena con gli ex compagni di scuola non si sa mai bene come vestirsi, soprattutto perché non si sa come siano ridotti gli altri. Troppo elegante magari sembri uno scemo, se ti vesti come quando eri in quinta D sembri di sicuro ancora più scemo. Trendy, ok... ma trendy come? Alla fine ho deciso per un paio di Levi's 501 di quelli che ti vendevano una volta. Nuovi, per intenderci, senza i buchi e gli sbreghi. Poi una camicia bianca che stacca bene, un maglione girocollo nero e il solito giubbo di pelle marrone alla James Dean. Per inciso, sono almeno quindici anni che mi vesto allo stesso modo e da cinque non mi compro nemmeno un paio di mutande. Ho il Discovery da pagare e i calzini con i buchi. A proposito, ma che mutande ho addosso? Mi cedono le ginocchia e devo appoggiarmi con una mano al cofano della macchina. Ho ancora addosso quelle di ieri, quelle con i Babbi Natali e la scritta: Mery & Cristmas sull'elastico. Non mi tolgo i Levi's nemmeno se me lo chiede la polizia. Schiaccio il telecomando della chiusura centralizzata e il Discovery mi fa "squit-squit" strizzandomi l'occhio con le frecce. Mi dirigo verso l ingresso e apro la porta. Cioè, provo ma non capisco mai se bisogna spingere o tirare e, solitamente, non raggiungo mai l'obiettivo prima del terzo o quarto tentativo facendo sempre una figura da idiota. Che poi basterebbe leggere... Sono tutti davanti al bancone del bar che schiamazzano disordinatamente ma appena entro io si interrompono e restano a guardarmi con il bicchiere di spritz in mano. Io mi avvicino con fare disinvolto cercando di riconoscere qualcuno ma sono tutte facce mai viste. Comincio ad avere il sospetto di non essere mai stato a scuola con questa gente. Silenzio. Chi è questo? si staranno chiedendo. Io mi pongo lo stesso quesito nei loro confronti. Devo aver sbagliato strada. Vai a fidarti tu del navigatore satellitare di un animaletto che vive tra i boschi... Mi gratto la testa perché sono piuttosto a disagio. Una tipa con un paio di occhiali dalla montatura spessa e un brufolo gigantesco sulla fronte si dirige a passo svelto verso di me e mi abbraccia calorosamente al grido di: "Ma tu sei Calamandrei! " "Benvenuto! Adesso ci siamo quasi tutti!" urla rivolgendosi agli altri. Io non so come dirglielo che non sono Calamandrei, e per di più sono anche un po' offeso perché Calamandrei era un deficiente, me lo ricordo bene. Mi prende sottobraccio e mi trascina senza troppi complimenti in mezzo al gruppo. Saranno una trentina di persone. Mai viste prima, continuo ad avere questa fastidiosissima sensazione. "Ciao Calamandrei," "Ciao Calamandrei," "Ciao Calamandrei" tutti mi salutano con un certo distacco. Decido di intervenire prima che sia troppo tardi e dico: "Emh... scusate, ma io non sono Calamandrei." Silenzio e occhi che mi fissano severi come a dire: "Se non sei Calamandrei, chi minchia sei?" "Tanto per sgombrare il campo da ogni equivoco, voi siete quelli della quinta D del Parini, per caso?" butto lì con nonchalance. "Ma certo!" grida quella con il brufolo. "Ah, ok. Tutto a posto allora. Sono Buonora. Stefano Buonora. Quello che una volta è rimasto

9 incastrato mezza giornata nella spalliera svedese della palestra." "Ma certo!" grida di nuovo quella con il brufolo. Si sarà incastrata anche lei o magari è solo che le piace particolarmente il suono di quella frase. Comincio a cogliere dei segnali piuttosto confusi che emergono dai meandri della mia memoria come minatori che rivedono la luce del sole dopo sei mesi trascorsi sotto terra. Quelle sono le labbra della Coriandoli, avrà preso venti chili ma è sicuramente lei. Quello proprio non so chi sia. Oh, la Carla...Carla... non mi ricordo. Con quelle orecchie a sventola può essere solo lei. E ancora con i capelli corti, cocciuta come un mulo. Si vede che a lei piacciono, o magari le danno stabilità quando sfreccia in motorino, non so. Minchia e chi è quella strafiga? Una che ha sbagliato gita scolastica? La tipa col brufolo grida di nuovo lesionandomi irrimediabilmente i timpani: "Su ragazzi! Mettiamoci a tavola!" "Ma certo!" viene da gridare a me, ma non lo faccio perché non sono abbastanza in confidenza con questa gente. Dove mi siedo? Lì. Proprio in mezzo. Ok. Tutti si accomodano senza litigare e io, evidentemente a saldo di qualche credito che avevo con Nostro Signore, ricevo in regalo quella strafiga di prima. Mi si siede proprio di fronte. Ma allora non aveva sbagliato gita scolastica. Questa era a scuola con me per davvero. E io dov'ero? Ci sorridiamo per cortesia in mezzo ad un casino della Madonna, io apro una confezione di grissini e ne trito uno in un nanosecondo mentre lei si sistema il collo di una camicetta bianca che sembra almeno due taglie più piccola del dovuto. L'eroico bottone che guida la fila proprio in corrispondenza del decolleté sembra in procinto di arrendersi. Esco a fatica da questa specie di trance e procedo lentamente con lo sguardo in senso verticale. Verso su. Ma questa è la Laronda. Cioè, la Rosini. La riconosco dalla foto. Ma allora esiste davvero. Ma se era un cesso? Vado in confusione per un attimo, mi si impallano i neuroni come succede quando apro MSN sul pc, ma con mezzo bicchiere di prosecco riesco a resettare tutto quanto e a riportare l'ordine. Spegni e riavvia. Buono però, penso tra me e me. Tutti parlano, ma non con il vicino di posto, con quello che sta al capo opposto del tavolo, come si usa fare in ogni gita scolastica che si rispetti. Nessuno mi caga, secondo me sono ancora convinti che io sia Calamandrei. Ecco le pizze, finalmente. La mia Margherita con poco olio e un carnevale di assurdità culinarie. "Per chi è la patate e wurstel?" "La quattro formaggi con l'uovo?" "La Porretana?" Silenzio. "Con cos'è la Porretana?!" grida. Sì, sempre lei. Quella col brufolo in fronte. "Fagioli, cotechino e pancetta."

10 "Mia!" grida dall'altra parte del tavolo un tipo vestito come un pappone sottoponendo all'attenzione di tutti un'ascella sudatissima. Calamandrei, minchia. Quel coglione non può essere nessun altro che Calamandrei. Ti ho scovato deficiente, anche se sei arrivato in ritardo. E sei anche vestito come un cretino, non cambierai mai. Ovviamente tutte queste cose le penso ma non le dico. Non ho tutta 'sta confidenza nemmeno con Calamandrei. Però se mi scolo un'altra mezza brocca potrei anche farlo. Ma quello a fianco di Calamandrei non è Celo? Sì, lo riconosco dalle sopracciglia perché non le ha mai avute. Celo. Santo Celo. Sua madre, pia donna, ha cercato di santificarlo fin dalla nascita approfittando del cognome, ma se l'è presa nel fiocco perché Santo ha aperto un sexy-shop in zona industriale e adesso lei non esce più di casa e il prete va addirittura a confessarla a casa. Io sono convinto che il nome ai figli bisognerebbe darglielo a diciotto anni, assieme alla patente. Almeno vedi come sono messi e ne scegli uno appropriato. Santo Celo sembra uno spacciatore di Scampia e se sua madre l'avesse saputo in tempo forse l'avrebbe chiamato Athos o, più semplicemente, Mario. Lei non sarebbe stata costretta a chiudersi in casa e le cose sarebbero di certo andate meglio. Che Celo avesse aperto un sexy-shop in zona industriale lo saprò solo più tardi, quando la metà dei miei commilitoni sarà già caduto sotto i colpi del prosecco e dei wurstel, ma intanto ve la dico. Anche perché, a quel punto, non ne sarei più capace. Perché a quel punto tutto sarebbe già stato compromesso, e anche in modo irreversibile. Buono però 'sto prosecco, buono davvero, anche se ho la strana sensazione che si stia impossessando di me. Fioroni di Valdobbiadene. Mai sentito, ma io non sono di Valdobbiadene, anzi, io non so nemmeno dove sia Valdobbiadene. Torno con gli occhi sulla Rosini e resto involontariamente impigliato con lo sguardo su quei due meloni imprigionati dal tessuto tesissimo della camicetta. Mi sembra di essere un manifesto elettorale, quelli con la foto del candidato che sembra un lobotomizzato. Lei si sporge in avanti per parlarmi. Temo si sia accorta che sembro Rutelli e forse vuole accertarsi che sia davvero lui. Deve praticamente alzarsi in piedi per non sparecchiare la tavola con le tette e mi fa segno con l'indice di avvicinarmi col dito. Io lo faccio rovesciando il bicchiere con il prosecco addosso alla Fanfani. Pazienza. Non le chiedo nemmeno scusa perché io la Fanfani la odio da quel giorno che ha letto a alta voce davanti a tutta la classe il bigliettino d'amore che le avevo passato tra mille peripezie. Non dovevi farlo, Fanfani, nemmeno se te l'aveva ordinato la Bastianello. Dovevi ingoiarti eroicamente il foglietto invece mi hai fatto fare una figura da deficiente. Avevo scritto delle puttanate tali su quel foglio a quadretti che mi vergogno persino a citarle qui. Fatto sta che dopo l'episodio della spalliera svedese, verificatosi a poca distanza di tempo, io divenni agli occhi di tutti quello un po' strano. Qualcuno cominciava anche a chiamarmi così durante la ricreazione. "Eih! Strano! Sai mica chi c'è alla terza ora?!" Parlandomi all'orecchio con una voce roca che sembra quella della Faithfull, la Rosini mi chiede: "Perché mi guardi le tette in quel modo?" e si lascia cadere sulla sedia sorridendo divertita e inarcando la schiena. Mi tolgo il maglione così sembra che abbia altro per la testa e magari in camicia sto anche più comodo e mi passa tutta 'sta nausea. Ok, non ha molta logica, ma sono ubriaco. Infatti se uno non è ubriaco, solitamente risponde ad un pezzo di figa che gli ha appena parlato

11 confidenzialmente all'orecchio nella stessa maniera e magari cercando anche di imitare la voce di George Clooney. Se uno, al contrario, è sbronzo come un babbuino ma se ne accorgerà solo tra qualche secondo, è più probabile che le dica con la bocca impastata e con un tono di voce esagerato: "Scusami, ma hai un'arma micidiale in mezzo alle tette e sto solo cercando di tornare a casa con tutti e due gli occhi." Lei si mette a ridere, ma solo lei. Tutti gli altri mi guardano in silenzio. Anche Calamandrei. Cazzo vuoi tu? Ma hai visto come sei vestito, almeno? La tipa con il brufolo in fronte mi viene prontamente in soccorso gridando a squarciagola: "Chi prende il caffè?!" Mi sa tanto che è la più sbronza di tutti. Grida sempre più forte e secondo me tra un po' l'arrestano. E non ho ancora capito chi sia. Magari è la bidella. No, troppo giovane. Sembra un alpino. Vado a fumarmi una sigaretta per sciogliere la tensione nella saletta fumatori che poi non è altro che la bussola d'ingresso. Con me vengono anche Maldestri e un tipo a cui dico ciao ma che non mi ricordo assolutamente chi sia. Chiacchieriamo un po' e, tra uno starnuto e l'altro, vengo a sapere che Maldestri fa l'assicuratore. Originale, mi verrebbe da dirgli, ma non lo dico. Potrebbe prenderla come un'offesa. Invece passo subito ad un quesito che mi sta molto più a cuore. "Senti Maldestri, ora che siamo grandi me lo puoi dire. Quella volta te l'ha fatto davvero quel pompino, la Coriandoli, o era tutta una balla?" "No Buonora, era tutta una balla, ma me la sono giocata bene." "In che senso?" "Nel senso che poi tutte, e con poche defezioni, te lo garantisco, hanno voluto competere con la Coriandoli e a me, almeno per un po', è andata piuttosto bene. D altronde la Coriandoli stava sulle balle a tutte ed era inammissibile che non accettasse il confronto sul campo." "Tu sei un genio Maldestri, io l'ho sempre detto. Per quello fai l'assicuratore." "Scusami davvero, ma di te non mi ricordo proprio, mi dai qualche indizio?" chiedo girandomi verso quell'altro che intanto si è fumato la sua sigaretta in silenzio ascoltando i nostri discorsi con molta attenzione. "Io sono l'autista del Cavalier Sandri che si sta mangiando una quattro stagioni. Cazzo vuoi?" "Ah no, scusami, credevo che fossimo stati in classe assieme." Mi sembra nervoso. "Maldestri, io vado. Ti aspetto dentro." Torno al tavolo e mi risiedo al mio posto. Sul tavolo c'è un bicchierino di amaro Averna che mi scolo con un sorso solo dopo aver preso una forchettata dalla caprese che mi trovo davanti. Angela è ancora seduta davanti a me con Celo e Marescalchi che le stanno attaccati come zecche rincorrendosi in una gara deprimente condotta a colpi di battute patetiche nel tentativo di farla ridere. E lei ride anche. La Rosini non è mai stata una cima, diciamolo una volta per tutte. Quel bottone non ride per niente, però. Troppo stressato. Se questa si fa un'altra risata potente parte come la freccia di una cerbottana e mi porta via l'occhio destro. O il sinistro. Uno dei due di sicuro. Santo Celo le sta raccontando di come, stranamente, ma talmente stranamente che si farebbe quasi

12 meglio a non credergli fin da subito, nel suo sexy-shop entrino quasi esclusivamente soggetti di sesso femminile, e tutti affamati di sesso. Sì Santo, bella storia, facciamo finta di crederci. Sono sicuro che in quel cazzo di "Lo Sfizio-Sexy-Shop" in Viale Navigazione Interna al n. 97 (questo lo dico per fargli un po' di pubblicità, poveretto) non entra mai un cane. La guardo dritta negli occhi con la stessa espressione di un James Dean di Valdobbiadene completamente ubriaco, accavallo la gamba, le faccio l occhiolino e le sorrido amichevolmente spalancando le labbra senza sapere che ho una foglia di basilico grande come un cartellone pubblicitario affissa ad un incisivo. La reazione di Angela è decisamente inaspettata, anche per James Dean. Si alza dalla sedia facendola cadere, si piega in avanti tenendosi la pancia con tutte e due le mani e scoppia in una risata che non è nemmeno una risata, somiglia più ad un urlo. La Capponi mi fa gentilmente segno di andare a lavarmi i denti mentre quell altra sembra non riuscire a fermarsi. Guardo quell eroico bottone che sta cambiando colore, da bianco a rosso. Ha le vene del collo ingrossate, i tendini in tensione e lo sguardo terrorizzato. Decide di mollare, meglio la morte. E parte come un proiettile centrando con un "tinnnn!" la plafoniera del soffitto. Ecco, vedi? Se invece che in piedi fosse stata seduta mi avrebbe portato via un occhio. Si lascia finalmente cadere stremata sulla sedia senza smettere del tutto di piangere, singhiozzare e ridacchiare a fasi alterne. Senti un po' Fioroni, ma tu cosa ci metti dentro il prosecco? Uva geneticamente modificata da tuo cognato nel garage di casa? Quella che sembra la bidella ma non lo è perché è troppo giovane e poi la bidella non faceva l'alpino, interviene a salvarmi il culo di nuovo. "Ve la ricordate la canzoncina della quinta D?!" Ed ecco che si avvicina al tavolo il titolare della pizzeria, quello che paga tutti gli altri, e con la stessa classe di Arrigo Cipriani dell'harry's Bar le dice gentilmente ma con una certa fermezza: "Mi perdoni signora, ma devo chiederle di abbassare il tono della voce. Quelli che abitano di sopra hanno già chiamato due volte e di solito alla terza arriva la polizia." Lei resta a guardarlo con un'espressione da rimbambita senza cercare nemmeno di giustificarsi. E' sbronza come un alpino, ma chi non lo è qui dentro? forse solo il signor Cipriani dal momento che anche il barista e il pizzaiolo sembrano ormai andati. Si sta facendo tardi. Che tempo di merda. Sono in una pizzeria piena di ruote di carretto e di utensili arrugginiti appesi a delle pareti spatolate rosa che fanno venire l'acidità di stomaco. C'è anche l'immancabile rete da pesca con le aragoste di plastica appesa al soffitto. E novembre, il mese dei morti. Mi giro verso Marescalchi che è seduto al mio fianco e gli chiedo: "Senti Mare, ma tu sai per caso chi cacchio sia quella che urla sempre?" "E' la Capponi, non te la ricordi? Quella che aveva sempre una fiatella che ammazzava anche le mosche dai, non puoi non ricordartela." "Ah sì, la Capponi, adesso ricordo... mi sa che è colpa della dieta, basta vedere che razza di vulcano le è spuntato in mezzo alla fronte" gli dico. Caro vecchio Marescalchi, quanti anni sono passati da quella volta che ho legato, a tua insaputa, la sella del Califfone al pilastro del portico con la corda della palestra e tu sei partito a manetta. Mi sa

13 che quella brutta cicatrice che hai in fronte è un ricordino di quella volta, ma adesso non mi sembra il momento di dissotterrare vecchi rancori. Mi guardo attorno: la fronte della Capponi ha un vulcano ormai prossimo all'eruzione, quella di Marescalchi uno sfregio antichissimo, quella di Celo è imperlata di goccioline di sudore perché si è fatto fottere dall'averna. Il gusto pieno della vita sta minchia. La fronte di Angela, invece, è liscia come una palla da biliardo. Quelle tette ho il sospetto che siano artigianali ma da 'ste parti le fanno proprio bene. Le labbra anche però, perché adesso che le osservo meglio sembrano due lombrichi che si sono appena mangiati un tacchino. Ma cosa ci mette dentro 'sto prosecco quello? Io, a questo punto non so davvero come tornerò a Cerello. Infatti io, la mia splendida Cerello, non la vedrò mai più.

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE - sipario chiuso - ENTRA ALICE VOCE FUORI CAMPO: ALICE ALICE DOVE TI SEI NASCOSTA? DOBBIAMO FINIRE LA LEZIONE DI STORIA! ALICE: Ma come si fa ad interessarsi a un libro

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Continuers. (Section I Listening and Responding) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: Ciao, Flavia. Mi sono

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA

GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA GRUPPO 5ANNI SEZ.G SCUOLA DELL INFANZIA C.PERRAULT Ins.Virando Maura e Susanna SITUAZIONE:SPAZIO UTILIZZATO: ANGOLO ATTIVITA TRANQUILLE PICCOLO GRUPPO OMOGENEO: 5ANNI

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Tutto ciò che sappiamo di noi due

Tutto ciò che sappiamo di noi due Colleen Hoover Tutto ciò che sappiamo di noi due Traduzione di Giulia De Biase Proprietà letteraria riservata Copyright 2012 by Colleen Hoover Italian language rights handled by Agenzia Letteraria Italiana,

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

Esercizi pronomi accoppiati

Esercizi pronomi accoppiati Esercizi pronomi accoppiati 1. Rispondete secondo il modello: È vero che regali una casa a Marina?! (il suo compleanno) Sì, gliela regalo per il suo compleanno. 1. È vero che regali un orologio a Ruggero?

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 12 AL NEGOZIO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 AL NEGOZIO DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno. A- Posso aiutarla? B- Ma,

Dettagli

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato.

Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. Bravo posa la cartella dove non passano né questo né quella! Il materiale che hai preparato in modo corretto deve essere usato. ........ In ogni situazione occorre prestare molta attenzione. Se tanti pericoli

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Indice Pasta per due... pag. 5 Scheda culturale - Le carte... pag. 42 Esercizi... pag. 45 Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma.

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto.

TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO. COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. TEST DI GRAMMATICA 1 NOME e COGNOME INIZIO CORSO COMPLETARE CON GLI ARTICOLI DETERMINATIVI O INDETERMINATIVI Esempio: Il mio amico è un architetto. 1) studente abita a Firenze. 3) Io conosco città italiane.

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE

PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE PROCEDIMENTO PENALE NR. 8/08 CORTE D ASSISE E NR. 9066/2007 R.G.N.R. ELENCO DELLA DIFESA DI SOLLECITO RAFFAELE TRASCRIZIONI INTERCETTAZIONI TELEF. Nr. 13 Data. 05.11.2007 Ora 15.00 Intercettazioni telefoniche

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione

OLIVIERO TOSCANI. SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione OLIVIERO TOSCANI SOVVERSIVO CREATIVO a cura della redazione D. Quando si nasce e si cresce in una famiglia dove si respira fotografia, diventare fotografo è un atto dovuto o può rappresentare, in ogni

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

- 1 reference coded [1,02% Coverage]

<Documents\bo_min_2_M_17_ita_stu> - 1 reference coded [1,02% Coverage] - 1 reference coded [1,02% Coverage] Reference 1-1,02% Coverage Sì, adesso puoi fare i filmati, quindi alla fine se non hai niente da fare passi anche un ora al cellulare

Dettagli

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO SOTTOLINEA IN NERO LE VOCI VERBALI AL CONGIUNTIVO E IN ROSSO QUELLE AL CONDIZIONALE Che cosa faresti se vincessi al totocalcio? Sarebbe opportuno che prendessero una decisione

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI

A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI A.S. 2007/08 INS. Martinis Margherita Mazza Giuseppina SCUOLA DELL INFANZIA COLLODI Proseguire il lavoro svolto lo scorso anno scolastico sulle funzioni dei numeri proponendo ai bambini storie-problema

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana Via Aurelia, 796-00165 Roma - Italia www.caritasitaliana.it Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana PRIMA SETTIMANA di Avvento

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!!

BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! Test your Italian This is the entrance test. Please copy and paste it in a mail and send it to info@scuola-toscana.com Thank you! BENVENUTI ALLA SCUOLA T OSCANA!!! TEST DI INGRESSO Data di inizio del corso...

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1

All. 1 UDL Il viaggio - Elaborati alunnni Francesca Pulvirenti 1 All. 1 1 All. 2 2 All. 3 Visione I sequenza: La partenza I. Chi sono queste persone? Che cosa fanno? Come sono? E. sono i parenti e gli amici. X. Sono contenti perché sperano che trovano lavoro. E. stanno

Dettagli

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città

Incredibile Romantica. Dimentichiamoci Questa Città Siamo Solo Noi Siamo solo noi che andiamo a letto la mattina presto e ci svegliamo con il mal di testa che non abbiamo vita regolare che non ci sappiamo limitare che non abbiamo più rispetto per niente

Dettagli

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini:

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 1 1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 2 Adesso guarda il video della canzone e verifica le tue risposte. 2. Prova a rispondere alle domande adesso: Dove si sono incontrati? Perché

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

In classe è arrivato da due settimane Adriatik, un ragazzo albanese. Alcuni compagni fanno con lui un giro per la città.

In classe è arrivato da due settimane Adriatik, un ragazzo albanese. Alcuni compagni fanno con lui un giro per la città. IN GIRO PER LA CITTÀ In classe è arrivato da due settimane Adriatik, un ragazzo albanese. Alcuni compagni fanno con lui un giro per la città. Allora, ragazzi, ci incontriamo oggi pomeriggio alle 3.00 in

Dettagli

C era una volta. Endi il Folletto

C era una volta. Endi il Folletto C era una volta Endi il Folletto Storia elaborata dalle Classi Terze delle scuole: Le Grazie Pittura San Vito - Politi Endi, il folletto, è un fanciullo di corporatura esile e non molto alto. I suoi occhi

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo

B- Si, infatti lui non avrebbe mai pensato che avrei potuto mettere un attività di questo tipo INTERVISTA 9 I- Prima di svolgere questa attività, svolgeva un altro lavoro B- Io ho sempre lavorato in proprio, finito il liceo ho deciso di non andare all università, prima ho avuto un giornale di annunci

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA

MODULO I CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA CORSO DI RECUPERO PER ALUNNI STRANIERI IN DIRITTO - CLASSE PRIMA MODULO I La norma giuridica Materiali prodotti nell ambito del progetto I care dalla prof.ssa Giuseppa Vizzini con la collaborazione della

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 6 SPEDIZIONI PACCHI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 SPEDIZIONE PACCHI DIALOGO PRINCIPALE A- Ehi, ciao Marta. B- Ohh, Adriano come stai?

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Promo - I ragazzi geisha

Promo - I ragazzi geisha 1 Promo - I ragazzi geisha Valerio la Martire Davide Sono a Testaccio, questo è certo. Devo prendere un mezzo per rientrare e non ho tempo. Dietro gli occhiali che si appannano vedo facce sfocate e indistinte.

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

Adozione nel 25 dicembre 2010 (mia mail a tutti gli utenti) Cari Amici, questi auguri contengono una bella notizia:

Adozione nel 25 dicembre 2010 (mia mail a tutti gli utenti) Cari Amici, questi auguri contengono una bella notizia: Associazione Canili Milano Onlus www.canilimilano.it Tel 338/83.60.753 e-mail info@canilimilano.it C/C BANCARIO Canili Milano BANCA SELLA IBAN IT 39 L 03268 01604 052847586490 CODICE FISCALE 974 6561 0158

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de Nome: Telefono: Data: Kurs- und Zeitwunsch: 1. Ugo è a. italiano b. da Italia c. di Italia d. della Italia 3. Finiamo esercizio. a. il b. lo c. gli d. l 5. Ugo e Pia molto. a. non parlano b. non parlare

Dettagli

Aggettivi possessivi

Aggettivi possessivi mio, mia, miei, mie tuo, tua, tuoi, tue suo, sua, suoi, sue nostro, nostra, nostri, nostre vostro, vostra, vostri, vostre loro, loro, loro, loro Aggettivi possessivi L'aggettivo possessivo è sempre preceduto

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia

Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia Livello CILS A1 Modulo per l integrazione in Italia GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto - Prova n.1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento.

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

Test A2 Carta CE. Prove di comprensione del testo: LETTURA. Primo esempio

Test A2 Carta CE. Prove di comprensione del testo: LETTURA. Primo esempio Test A2 Carta CE Prove di comprensione del testo: LETTURA Primo esempio 1 Secondo esempio 2 Terzo esempio Leggi attentamente il testo, poi rispondi scegliendo una delle tre proposte. Segna la risposta

Dettagli

DOMANDA APERTA: COSA TI PIACE DEL CELLULARE a me del cellulare piace tutto a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un

DOMANDA APERTA: COSA TI PIACE DEL CELLULARE a me del cellulare piace tutto a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un a me del cellulare piace a me il cellulare non piace ma in alcune occasioni, per esempio se fai un incidente è molto utile a me il cellulare piace ma me lo prendono solo a 12 anni. La cosa più bella è

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

L ESAME PER LA PATENTE

L ESAME PER LA PATENTE L ESAME PER LA PATENTE Abdelkrim.: Ciao, Mario. Mario: Ciao, Abdelkrim. Dove vai? Abdelkrim: Sono stato a fare l esame per la patente. E tu? Mario: Vado a fare i documenti perché anch io devo fare la patente.

Dettagli

Esercizi il condizionale

Esercizi il condizionale Esercizi il condizionale 1. Completare secondo il modello: Io andare in montagna. Andrei in montagna. 1. Io fare quattro passi. 2. Loro venire da noi. 3. Lui prendere un caffè 4. Tu dare una mano 5. Noi

Dettagli

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA

IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA Associazione culturale per la promozione del Teatro Musicale contemporaneo P.Iva 04677120265 via Aldo Moro 6, 31055 Quinto di Treviso - Tv IL RITMO ROVINOSO CHE PORTA ALLA FOLLIA TERZA VERSIONE autore:

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

- 1 reference coded [1,15% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [1,15% Coverage] - 1 reference coded [1,15% Coverage] Reference 1-1,15% Coverage ok, quindi tu non l hai mai assaggiato? poi magari i giovani sono più attratti sono più attratti perché

Dettagli

Adotto un animale CD1 2

Adotto un animale CD1 2 Adotto un anima CD 2 Ascolta e indica chi parla. Oggi vado al canile a lavare i miei cani.. Ma tu non hai cani. Lo so. Per questo vado a lavare quelli del canile. Perché non ne prendi uno? La mia mamma

Dettagli