MANOVRA CORRETTIVA DI FERRAGOSTO DL 98/2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANOVRA CORRETTIVA DI FERRAGOSTO DL 98/2011"

Transcript

1 1 FEDERIMPRESANEWS MANOVRA CORRETTIVA DI FERRAGOSTO DL 98/2011 Tra le norme inserite nel testo della Manovra 2011 (DL 98/2011, convertito nella Legge 111/2011), spuntano due misure a sostegno dell avvio di nuove imprese. La prima è prevista dall articolo 27, che detta le nuove regole che vanno sostanzialmente a rivisitare il regime dei minimi a suo tempo introdotto dalla Legge Finanziaria 2008 (art. 1, commi ). A fronte di una sostanziosa riduzione dell aliquota dell imposta sostitutiva (dall attuale 20 al 5%), il legislatore ha tuttavia ristretto l ambito soggettivo e ridotto la durata temporale del regime ai primi 5 anni di attività. IL NUOVO REGIME DEI MINIMI Il legislatore della Manovra 2011 è intervenuto, apportando una rivoluzione nell ambito del regime dei minimi. Le novità scatteranno dal 1 gennaio In cosa consiste il regime dei minimi. Consulenza fiscale pag. 1 Manovra correttiva di ferragosto DL 98/2011 Consulenza del lavoro pag. 4 - Tirocini formativi e di orientamento professionale - Agevolazioni per l assunzione dei giovani genitori ex DM 19 novembre Ambiente&Sicurezza pag. 6 PFU - Pneumatici Fuori Uso nuovo decreto per la gestione Categorie pag. 7 Installatori Elettrici: in vigore la variante 3 della cei 64/8 Autotrasporto: - Chiarimenti su art 174 CDS cronotachigrafo tempi di guida,di riposo e pause - Seminario autotrasporto merci c/terzi Internazionalizzazione pag Progetto India - Brasile Incontri individuali settore "Information Technology" - Progetto "Più imprese all'estero e nuove imprese all'estero" Qualita' e Certificazioni pag. 12 Regolamento europeo 333 novità per le ditte di rottamazione Scadenzario pag. 14 bandi leggi di incentivazione

2 2 FEDERIMPRESANEWS Il regime è stato introdotto dai commi da 96 a 117 dell articolo 1 della legge n. 244/2007 (Legge Finanziaria 2008) e prevede una significativa riduzione delle procedure e degli adempimenti a carico dei soggetti che ne beneficiano. I contribuenti che aderiscono a questo regime (c.d. contribuenti minimi), infatti, non sono tenuti a versare l IRPEF, le relative addizionali regionali e comunali, l IVA e l IRAP. Il regime prevede l applicazione solo di un imposta sostitutiva (del 20%, fino al 31 dicembre 2011) da applicare sul reddito, dato dalla differenza tra ricavi o compensi e spese, comprese le plusvalenze e le minusvalenze dei beni relativi all'impresa o alla professione. I contributi previdenziali si possono dedurre per intero dal reddito ed è ammessa la compensazione di perdite riportate da anni precedenti. I contribuenti minimi sono inoltre esonerati: dall applicazione degli studi di settore; dagli adempimenti IVA (registrazione delle fatture, dichiarazioni, comunicazioni, tenuta e conservazione dei registri); le fatture devono essere infatti emesse senza l addebito dell IVA e l imposta sugli acquisti non può essere detratta, trasformandosi così in un costo deducibile dal reddito; dagli obblighi di registrazione e di tenuta delle scritture contabili e dall invio degli elenchi clienti e fornitori. Gli unici obblighi sono quelli relativi alla numerazione e conservazione delle fatture di acquisto e delle bollette doganali, alla certificazione dei corrispettivi, e alla conservazione dei documenti emessi e ricevuti. Le novità introdotte dal DL 98/2011 Con la Manovra 2011 cambiano i requisiti soggetti per accedere al regime e l aliquota dell imposta sostituiva. In base a quanto previsto dalla normativa attuale di cui alla Finanziaria 2008, che resterà in vigore fino al 31 dicembre 2011, possono sono assoggettati al regime dei minimi le persone fisiche esercenti attività di impresa, arti o professioni che nell anno solare precedente hanno conseguito ricavi o compensi in misura non superiore a euro e che soddisfano contemporaneamente i seguenti requisiti: 1) nell anno solare precedente a quello di entrata nel regime: non hanno effettuato cessioni all esportazione; non hanno sostenuto spese per lavoratori dipendenti o collaboratori; 2) nel triennio solare precedente non hanno effettuato acquisti di beni strumentali, anche mediante contratti di appalto e di locazione, pure finanziaria, per un ammontare complessivo superiore a euro. Dal 1 gennaio 2012, l articolo 27 del DL 98/2011 (convertito nella Legge 111/2011) stabilisce che il regime dei minimi opererà esclusivamente a favore delle persone fisiche che intraprendono un attività d impresa, arte o professione o che l abbiano intrapresa dopo il 31 dicembre Per accedere al regime: il contribuente non dovrà aver esercitato attività artistica, professionale ovvero d'impresa (anche in forma associata o familiare) nei 3 anni precedenti l inizio dell attività; l'attività da esercitare non dovrà costituire una mera prosecuzione di altra attività precedentemente svolta sotto forma di lavoro dipendente o autonomo, salvo il caso in cui l'attività precedentemente svolta consista nel periodo di pratica obbligatoria per l'esercizio di arti o professioni; nel caso di prosecuzione di un'attività d'impresa precedentemente svolta da altro soggetto, l'ammontare dei ricavi realizzati nel periodo d'imposta precedente quello di riconoscimento del beneficio non dovrà aver superato i euro. Sempre ai sensi dell art. 27, il regime è limitato ai primi 5 anni: il periodo d'imposta in cui l'attività è iniziata e per i 4 successivi. La disposizione è stata attenuata in sede di conversione prevedendo una durata maggiore dei suddetti 5 anni a favore dei lavoratori più giovani, i quali potranno beneficiare del nuovo regime dei

3 3 FEDERIMPRESANEWS minimi fino al compimento del trentacinquesimo anno d età. Con le nuove regole, pertanto, se da un lato si ristringe la platea dei beneficiari, dall altro aumenta in modo significativo il beneficio. A decorrere dal 1 gennaio 2012, l imposta sostitutiva sui redditi e delle addizionali regionali e comunali passa infatti al 5% (in luogo dell attuale 20%). Per le altre disposizioni di dettaglio, la norma rinvia ad uno o più provvedimenti del direttore dell Agenzia delle entrate. Cosa succede ai contribuenti che escono dal regime I contribuenti che, per effetto delle nuove regole introdotte dall art. 27 della Manovra 2011, non possono beneficiare del regime dei contribuenti minimi ovvero ne fuoriescono, pur avendo i requisiti di accesso fissati dalle norme precedenti (commi 96 e 99 della Legge 244/2007), godono di alcune agevolazioni. Nello specifico, tali soggetti, a partire dal 1 gennaio 2012, fermi restando gli obblighi di conservare i documenti ricevuti ed emessi, di fatturazione e di certificazione dei corrispettivi, sono esonerati: dagli obblighi di registrazione e di tenuta delle scritture contabili, rilevanti ai fini delle imposte dirette e dell'iva; dalla liquidazioni e dai versamenti periodici rilevanti ai fini dell'iva; dall IRAP. Tale regime cessa dall anno successivo a quello in cui viene meno una della condizioni richieste per accedere al vecchio regime dei minimi (sopra riportate) o si verifica una delle condizioni ostative indicate al comma 99 dell articolo 1 della Finanziaria Sempre con riferimento ai soggetti in esame, il comma 5 consente loro l applicazione del regime contabile ordinario. Tale opzione: è valida per almeno 3 anni; va comunicata con la prima dichiarazione annuale da presentare dopo aver effettuato la scelta; trascorso il periodo minimo di permanenza nel regime ordinario, resta valida per ciascun anno successivo (fino a quando permane l'applicazione della scelta). PRESENTAZIONE ISTANZA PER RIMBORSO INFRANNUALE IVA Modello TR: per il 3 trimestre 2011, possibilità di compilare il modello già in uso anche per indicare le operazioni che scontano l'aliquota IVA del 21% Con risoluzione n. 96/E, l'agenzia fornisce alcuni chiarimenti per la compilazione del modello IVA TR, da presentare entro il mese di ottobre 2011 per chiedere a rimborso o utilizzare in compensazione il credito IVA realizzato nel terzo trimestre Innanzitutto, viene chiarito che è possibile compilare il modello IVA TR già in uso, anche per indicare le operazioni che scontano l'iva al 21% dal 17 settembre u.s. In particolare, in sede di compilazione del modello, l'imponibile e l'imposta delle operazioni con aliquota al 21% devono essere compresi nei righi corrispondenti all'aliquota del 20% e la relativa differenza d'imposta (pari all'1%) deve essere indicata nei righi previsti per l'esposizione delle variazioni e arrotondamenti. In sintesi: per le operazioni attive: deve essere compilato il rigo TA11 (operazioni con aliquota 20%) e l'ulteriore 1% deve essere indicato nel rigo TA14, campo 1 e 2; per le operazioni passive: deve essere compilato il rigo TB11 (operazioni con aliquota 20%) e l'ulteriore 1% deve essere indicato nel rigo TB13, campo 1 e 2. Il nuovo modello sarà reso disponibile per le istanze relative al primo trimestre Daniele Gaspari

4 4 FEDERIMPRESANEWS TIROCINI FORMATIVI E DIORIENTAMENTO PROFESSIONALE L'art. 11 del D.L. n. 138/2011 ha modificato la normativa in materia di tirocini di orientamento ossia quelli finalizzati ad agevolare le scelte professionali dei giovani mediante una formazione in ambito produttivo ed una conoscenza diretta del mondo del lavoro. Tali tirocini possono essere promossi unicamente a favore di neo-diplomati o neo-laureati entro 1 anno dal conseguimento del relativo titolo di studio. La loro durata non puo' essere superiore ai 6 mesi I limiti imposti dalla norma, pertanto, riguardano esclusivamente i tirocini non curriculari, Ne consegue che sono esclusi dal campo di applicazione del decreto: i tirocini volti al reinserimento/inserimento lavorativo dei disoccupati, compresi i lavoratori in mobilità, nonché tutti gli altri strumenti rivolti agli inoccupati, la cui regolamentazione rimane affidata in via esclusiva alle Regioni, ferma restando la durata massima di sei mesi prevista dall art. 7, comma 1, lett. b), del DM n. 142/1998; i tirocini promossi a favore dei soggetti svantaggiati richiamati dall art. 11 del decreto legge n. 138/2011 (disabili, invalidi fisici, psichici e sensoriali, tossicodipendenti, alcolisti e condannati ammessi a misure alternative alla detenzione); i tirocini promossi a favore degli immigrati, nell ambito dei decreti flussi, dei richiedenti asilo e dei titolari di protezione internazionale; i tirocini in favore di ulteriori categorie di soggetti svantaggiati, al fine del loro inserimento o reinserimento lavorativo, promossi dal Ministero del Lavoro, dalle Regioni e dalle Province. Restano poi esclusi i tirocini curriculari, intendendosi per tali quei tirocini promossi dalle Università e dagli Istituti scolastici a favore dei propri studenti (compresi gli iscritti ai master e ai corsi di dottorato) e comunque inseriti all interno di un percorso formale di istruzione o formazione, volti a realizzare momenti di alternanza studio lavoro e non direttamente l inserimento nel mondo del lavoro. Anche il praticantato ai fini dell accesso alla professione rimane escluso dalle novità introdotte dalla manovra, in quanto disciplinato dalle specifiche normative di settore. In ordine ai tirocini già avviati, la circolare precisa che l art. 11 del decreto legge n. 138/2011 non ha efficacia retroattiva: le disposizioni introdotte dal decreto non riguardano i tirocini avviati o comunque approvati prima del 13 agosto 2011, che proseguiranno seguendo la normativa precedente e fino alla loro scadenza. AGEVOLAZIONI PER L ASSUNZIONE DEI GIOVANI GENITORI EX DM 19 NOVEMBRE Dal 14 settembre, ai sensi del decreto del Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio dei Ministri, sarà possibile l assunzione incentivata dei lavoratori provvisti dei seguenti requisiti soggettivi: lavoratori di età non superiore ai 35 anni, genitori di figli minori legittimi, naturali o adottivi (o affidatari di minori), iscritti alla Banca dati costituita appositamente presso l Istituto.

5 5 FEDERIMPRESANEWS In caso di assunzione da parte delle imprese di tali soggetti con contratto a tempo indeterminato (anche a tempo parziale), o di trasformazione di contratto a tempo determinato, è prevista l erogazione di un incentivo di euro, nei limiti di 5 lavoratori per azienda ed entro la disponibilità dello stanziamento complessivo che il decreto stabilisce in 51 milioni di euro. In applicazione del predetto provvedimento l INPS, in data 5 settembre u.s., ha emanato la circolare 115, recante le istruzioni per poter accedere al beneficio da parte dell impresa che abbia proceduto all assunzione. E orientamento dell Istituto, secondo le verifiche intervenute con la competente Direzione Centrale Entrate, ritenere che ai fini del riconoscimento del beneficio la condizione determinante sia la sola assunzione (o trasformazione del rapporto) intercorsa successivamente al 14 settembre, anche, quindi, nel caso in cui la domanda non sia stata immediatamente presentata: a tal fine, infatti, l Istituto non ha previsto un termine tassativo. Viene altresì richiesta la regolarità contributiva dell impresa. Il beneficio viene riconosciuto fino ad esaurimento dell importo stanziato dal Dipartimento. Patrizia Pizzinelli

6 6 FEDERIMPRESANEWS PFU - PNEUMATICI FUORI USO NUOVO DECRETO PER LA GESTIONE E stato recentemente pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DM 11 aprile 2011, n. 82, in materia di pneumatici fuori uso (PFU) il provvedimento che disciplina la gestione degli pneumatici fuori uso, allo scopo di ottimizzarne il recupero. ATTIVITA INTERESSATE Presumibilmente all interno del mondo artigiano non ricadono i produttori degli pneumatici di conseguenza sono sicuramente interessati al nuovo decreto : Aziende produttrici di rifiuti non pericolosi CER Pneumatici Fuori Uso quali: gommisti; meccanici/autoriparatori/officine/ca rrozzieri; centri di demolizione auto; Aziende importatrici degli pneumatici nuovi. primi importatori degli pneumatici esteri sul mercato italiano. COSA PREVEDE IL DECRETO Il decreto prevede, per i produttori e gli importatori degli pneumatici l obbligo, a partire dal 7 settembre 2011, di raccogliere e gestire annualmente quantità di PFU (di qualsiasi marca) almeno equivalenti alle quantità degli pneumatici che hanno immesso nel mercato nazionale del ricambio nell anno solare precedente. Potranno adempiere all obbligo normativo singolarmente oppure creare strutture associate (di tipo societario o consortile) che dovranno garantire - per legge - il ritiro gratuito dei PFU. Il meccanismo di funzionamento del sistema per il recupero degli PFU si sostenterà grazie ad uno specifico ecocontributo, che sarà richiesto - ed evidenziato chiaramente - in fattura, al momento dell acquisto del pneumatico nuovo da parte del cliente finale. Un analogo contributo, ma di importo differente, è stato inoltre previsto dal legislatore per gli PFU di autoveicoli da rottamare. Eugenio Battistini

7 7 FEDERIMPRESANEWS NOVITÀ PER GLI INSTALLATORI DEL SETTORE ELETTRICO: IN VIGORE LA VARIANTE 3 DELLA CEI 64/8 Dal 1 settembre scorso vi è un importante novità per gli installatori del settore elettrico, ovvero la V3 della norma CEI 64/8 che fornisce delle prescrizioni addizionali che riguardano le dotazioni e la fruibilità degli impianti elettrici di unità immobiliari ad uso residenziale. La norma tratta i requisiti prestazionali dell impianto elettrico nelle abitazioni, riguarda i nuovi impianti ed i rifacimenti totali degli stessi. Si tratta di un sostanziale cambiamento che impatta in modo particolare sull Allegato A. In dettaglio sono previsti 3 livelli impiantistici nelle abitazioni che regolamentano le prestazioni e la funzionalità dell impianto elettrico: Livello 1: il minimo accettabile Livello 2: impianto di buona qualità Livello 3: dotazioni ampie e innovative Quindi ora ci sono due raccomandazioni: Garantire il livello di sicurezza impiantistica, che si ottiene con l emissione della Dichiarazione di Conformità (DICO), che rientra nella legge 186/68, meglio conosciuta come Regola d Arte Assicurare la prestazione dell impianto (come previsto dalla norma tecnica, che però non è obbligatoria). Non vi è dubbio che l installatore, con la sua professionalità, realizza impianti a regola d arte in termini di sicurezza che poi certifica con la Dichiarazione di Conformità. Ora, però, sorge il problema se il committente non accetta (in quanto non impositivo) nemmeno il livello prestazionale minimo (livello 1); in questo caso può ritenersi legittimo un accordo fra le parti che preveda la realizzazione di un impianto NON a regola d arte in termini di prestazione. Se, dunque, il committente chiede di realizzare l impianto senza rispettare le dotazioni impiantistiche minime previste dal livello 1, l installatore può procedure alla esecuzione avendo però l avvertenza di richiedere al committente la preventiva sottoscrizione di apposita clausola contrattuale PATTO IN DEROGA. Un esempio di scrittura del Patto in Deroga è il seguente: Il committente, reso edotto che può non rispettare il livello di dotazione minima dell impianto, previsto dalla norma, richiede di realizzarlo derogando, per quanto riguarda le prestazioni, a quanto previsto dalla norma CEI 64-8/3, Allegato A, omettendo in particolare di installare le dotazioni minime previste dalla suddetta norma per gli impianti negli ambienti residenziali (livello prestazionale 1). Resta, invece, ferma l applicazione delle prescrizioni normative vigenti in materia di sicurezza. Se l installatore realizza l impianto senza rispettare il livello 1, oltre al Patto in Deroga sottoscritto con il committente, è opportuno che indichi nella Dichiarazione di Conformità una nota del tipo: Su espressa richiesta del committente l impianto è stato realizzato derogando (vedi patto in deroga sottoscritto il.), per quanto riguarda le prestazioni, a quanto previsto dalla norma CEI 64-8/3, Allegato A, omettendo in particolare di installare le dotazioni minime (livello prestazionale 1) previste dalla suddetta norma per gli impianti negli ambienti residenziali. Sono, invece, state applicate, nella realizzazione dell impianto, tutte le prescrizioni normative vigenti in materia di sicurezza. Rimane scontato che se l installatore realizza l impianto in conformità all allegato A, è opportuno che indichi nella Dichiarazione di Conformità il livello prestazionale eseguito. Per ulteriori informazioni o chiarimenti è possibile contattare i ns. uffici di Area Categorie e Mercato (ref. Sandro Delvecchio).

8 8 FEDERIMPRESANEWS CIRCOLARE MIN INTERNO E MIN TRASPORTI SULLA DISCIPLINA IN MATERIA SOCIALE ARTIC 174 CDS CRONOTACHIGRAFO TEMPI DI GUIDA, DI RIPOSO E PAUSE Dal 22-7 u.s. Il Ministero dell'interno con la circolare in oggetto, ha chiarito importanti novità per la corretta applicazione delle normative previste dal Regolamento CE 561. Novità importanti richieste con forza anche dalla Confartigianato Trasporti. Con la circolare su citata, i Ministeri dell interno e dei trasporti hanno dato indicazioni alle forze di polizia al fine di interpretare in maniera uniforme le disposizioni in materia dei periodi di guida e di riposo dei conducenti professionali (Regolamento CE n. 561/2006) Di seguito la sintesi delle questioni di maggior rilievo: Art. 1 Calcolo della durata minima del periodo di riposo giornaliero Se il periodo di riposo giornaliero è inferiore alle 7 ore, i periodi di guida che lo precedono e lo seguono vengono considerati come un unico periodo di guida. Quindi, oltre alla sanzione del mancato riposo è probabile anche quella dello sforamento dei tempi di guida Art. 2. Modalità di calcolo delle interruzioni in caso di guida con frequenti soste I dispositivi di controllo digitali registrano attività di guida anche di pochi secondi, come avessero la durata di 1 minuto. Allo scopo di evitare che, in caso di frequenti soste, tali registrazioni incidano pesantemente sull attività di guida, viene concessa una tolleranza a favore del conducente, sottraendo un minuto per ciascun periodo di guida continuato, dopo una sosta, per un massimo di 15 minuti su un periodo di 4 ore e 30 minuti. Art 3. Spostamenti del veicolo durante l'interruzione o il riposo giornaliero Qualora il conducente debba interrompere la pausa o il riposo giornaliero o settimanale per alcuni minuti (ad esempio al fine di anticipare le operazioni di carico/scarico o perché le forze di polizia impongano lo spostamento da un area di parcheggio) tale interruzione non può essere considerata infrazione, a condizione che il conducente ne indichi il motivo, a mano, sul disco cartaceo o sul tabulato del cronotachigrafo digitale, avendo cura di far vistare tale annotazione dall autorità che ha disposto lo spostamento del veicolo. Art. 4. Obbligo di registrazione del riposo giornaliero Quando i conducenti si allontanano dal veicolo e non sono in grado di utilizzare il cronotachigrafo, il riposo giornaliero deve essere inserito a mano sul foglio di registrazione (cronotachigrafo analogico) o sulla carta del conducente, attraverso il dispositivo di inserimento dati manuale (cronotachigrafo digitale). Art. 6. Compilazione del modulo di controllo delle assenze dei conducenti. Soggetti autorizzati a sottoscriverlo Il modulo va compilato per ogni conducente e firmato dal legale rappresentante dell impresa o da altro soggetto delegato. Pertanto, può essere delegato qualsiasi preposto o rappresentante diverso dal conducente. Viene, inoltre, prevista la possibilità di utilizzare dei moduli pre-stampati in formato elettronico e parzialmente compilati a mano, soprattutto nelle parti mutabili. Art. 7. Attestazione del riposo settimanale Viene ribadito che il modulo di controllo delle assenze non serve a documentare l effettuazione del riposo settimanale. Art. 8 Consegna dell'attestato per ferie o malattie Quando il conducente riprenda l attività di guida, dopo un periodo di assenza in luogo diverso dalla sede dell azienda da cui dipende, in luogo del modulo in originale può esibire una copia dello stesso trasmessa via fax o per via telematica.

9 9 FEDERIMPRESANEWS Art. 11. Decurtazione di punti nel caso di accertamento di più violazioni all'art. 174 Qualora vengano accertate contemporaneamente più violazione delle norme in questione (dalla lettura dei dati dei 28 giorni precedenti, per esempio) possono essere decurtati un massimo di 15 punti, salvo i casi di revoca o sospensione della patente. Art. 14. Circolazione di veicoli in aree private e computo delle attività diverse dalla guida Viene ribadito che la circolazione in aree private è esclusa dal computo dell attività di guida giornaliera, ma la stessa non può essere considerata come riposo, in quanto il conducente non può disporre liberamente del proprio tempo. Art. 16. Corretta documentazione dell'attività di guida riferita ai precedenti 28 giorni in caso di guida "promiscua" Quando un conducente è stato alla guida, nei 28 giorni precedenti al controllo, di veicoli dotati di cronotachigrafo analogico e digitale, deve esibire sia la carta del conducente, sia i dischi cartacei relativi al periodo in questione. Qualora per giustificati motivi non avesse con se la carta del conducente (smarrimento, furto ecc), in alternativa deve produrre le stampe delle attività svolte con veicolo munito di cronotachigrafo digitale. SEMINARIO INFORMATIVO PER LE IMPRESE DI AUTOTRASPORTO MERCI C/TERZI Sui seguenti temi: I costi minimi della sicurezza nei contratti scritti Aggiornamento in materia di C.D.S. con particolare riferimento all'utilizzo del cronotachigrafo, tempi di guida, riposo, foglio assenze Interverranno: 1. PIERLUIGI ABRIANI Sovrintendente Capo della Polizia di Stato-Ex Istruttore CAPS Cesena 2. BATTISTINI EUGENIO Responsabile Sindacale Confartigianato Area Trasporti, Logistica e Mobilità SABATO 8 Ottobre 2011 ore 09,30 presso la sede della Confartigianato Federimpresa Cesena Viale Bovio, 425 Cesena Ai Partecipanti verrà rilasciato specifico ATTESTATO DI FORMAZIONE Eugenio Battistini

10 10 FEDERIMPRESANEWS Progetto India Volto a favorire la creazione di stabili rapporti commerciali tra le aziende del territorio emiliano-romagnolo e le controparti indiane, Il progetto prevede la realizzazione di una missione imprenditoriale in India che si terrà dal 4 al 10 dicembre 2011, durante la quale saranno organizzati incontri d'affari mirati e selezionati con la controparte indiana interessata e visite aziendali. Per partecipare è necessario inviare la scheda di manifestazione interesse (disponibile in allegato nel sito camerale, insieme alle altre informazioni relative al progetto) all'u.o. Internazionalizzazione della Camera di Commercio di Forlì-Cesena via mail o via fax 0543/ I costi a carico dell'azienda sono esclusivamente quelli relativi al trasporto e soggiorno del proprio rappresentante aziendale. Gli organizzatori si riservano la facoltà di confermare la partecipazione alla missione dopo aver verificato attentamente le opportunità d'affari per ciascuna azienda interessata. In caso di riscontro positivo da parte del consulente indiano, l'azienda potrà confermare formalmente la propria partecipazione alla missione, entro il 24 ottobre Il progetto e il programma della missione verranno presentati il giorno 3 ottobre 2011, alle ore presso la Camera di Commercio di Forlì-Cesena in occasione della visita di due funzionari della Camera di Commercio Italo-Indiana di Mumbai, dr. Claudio Maffioletti e il sig. Satish Kumar. Per iscriversi alla giornata di presentazione ed avere incontri individuali con i due funzionari della Camera di Mumbai è necessario compilare la scheda di adesione disponibile sul sito della Camera ed inviarla all'u.o Internazionalizzazione (Tuttavia, il Sig. Satish parla solo inglese, quindi potrà effettuare incontri individuali solo con le aziende che non abbiano problemi ad interloquire in lingua.) Brasile Incontri individuali settore "Information Technology" La Camera di Commercio di Forlì-Cesena, Unioncamere Emilia-Romagna, in coordinamento con la Regione Emilia- Romagna - Servizio Politiche Europee e Relazioni Internazionali - e Sprint Emilia- Romagna - Sportello regionale per l'internazionalizzazione delle imprese, organizza incontri individuali con operatori del settore "Information Technology", provenienti dallo Stato brasiliano del Paranà. Gli incontri individuali saranno organizzati presso la sede della Regione Emilia- Romagna, Viale Aldo Moro 30, il giorno 17 ottobre 2011 dalle ore alle e dalle alle La partecipazione agli incontri è gratuita. Gli incontri saranno riservati ad un massimo di 20 aziende che potranno effettuare una media di 5 incontri per ciascuna. Le aziende saranno selezionate in base all'ordine di arrivo della scheda di adesione, disponibile sul sito camerale, via all'indirizzo: entro e non oltre il 10 ottobre Progetto "Più imprese all'estero e nuove imprese all'estero" La Camera di Commercio di Forlì-Cesena, in collaborazione con la Camera di Commercio di Rimini, Unioncamere Nazionale e Rimini Fiera Spa, promuove il progetto "Più imprese all'estero e nuove imprese all'estero", un percorso strutturato per le imprese, volto ad iniziare una strategia di penetrazione nei paesi obiettivo ed a ricercare clienti, fornitori o partner commerciali o industriali per i settori delle costruzioni (macchinari, materiali e componenti per l'edilizia) e housing residenziale, alberghiero e per comunità (arredamento e complementi, attrezzature e forniture) nei seguenti paesi: Brasile, India, Paesi del Golfo quali Qatar, EAU, Arabia Saudita, Kuwait e Oman.

11 11 FEDERIMPRESANEWS Il progetto prevede tre attività: Seminario "La negoziazione delle vendite internazionali" (Giovedì 13 Ottobre 2011 ore 9,30 presso la Camera di Commercio di Rimini), tenuto dal dott. Antonio Di Meo. Organizzazione di Business Meeting gratuiti con operatori provenienti da India, Paesi del Golfo quali Qatar, EAU, Arabia Saudita, Kuwait e Oman (Domenica 27 Novembre 2011 presso i Padiglioni di Rimini Fiera spa, in occasione della Fiera Internazionale SIA GUEST). Seminario "Tutela e valorizzazione della proprietà intellettuale" (nei primi mesi del 2012 presso la Camera di Commercio di Rimini). Per il seminario è prevista una quota di partecipazione aziendale pari a 50,00 +IVA (totale 60,50 ) da versare sul cc.pp intestato alla Camera di Commercio di Rimini, causale "Seminario Commercio Estero- 13 ottobre 2011" oppure mediante bonifico bancario Unicredit Banca S.p.A.- C.so D'Augusto n. 163, Rimini- codice IBAN IT50R con la stessa causale. Per partecipare è necessario compilare in inglese la scheda di manifestazione di interesse disponibile sul sito camerale ed inviarla all'u.o. Internazionalizzazione, unitamente all'attestazione di pagamento, via mail o via fax 0543/713544, entro il 10 ottobre Chiara Ricci

12 12 FEDERIMPRESANEWS QUALITA' E CERTIFICAZIONI REGOLAMENTO EUROPEO 333 NOVITÀ PER LE DITTE DI ROTTAMAZIONE Questo regolamento si applica a partire dal 9 ottobre 2011, dopo 20 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta europea. La sua finalità è quella di definire i criteri per garantire che i rottami di ferro, acciaio e alluminio: soddisfino i requisiti tecnici dell industria metallurgica siano conformi alla legislazione e alle norme vigenti applicabili ai prodotti non comportino ripercussioni generali negative sull ambiente o sulla salute umana In tal caso i rottami cessano di essere considerati rifiuti, e possono essere considerati materie prime, in quanto privi di proprietà pericolose e sufficientemente esenti da composti non metallici. I criteri definiti dal regolamento hanno influenza su: i rifiuti utilizzati come materiale dell operazione di recupero (input) i trattamenti di recupero (processi) i rottami ottenuti dall operazione di recupero (output) la dichiarazione di conformità stilata dal produttore (ditta di rottamazione che diventa produttore di materia prima) il tutto inquadrato in un sistema di gestione della qualità. In sintesi, il sistema di gestione per la qualità (che deve essere formalizzato) deve includere: controllo di accettazione dei rifiuti utilizzati nel recupero monitoraggio dei processi e delle tecniche di trattamento monitoraggio della qualità dei rottami metallici ottenuti dal recupero efficacia del monitoraggio delle radiazioni osservazioni dei clienti sulla qualità dei rottami metallici registrazione dei risultati dei controlli effettuati revisione e miglioramento del sistema di gestione della qualità formazione del personale L accertamento del rispetto dei requisiti del Regolamento e dell adeguatezza del sistema qualità sarà effettuato da un organismo indipendente preposto alla valutazione della conformità (Ente di Certificazione), con una verifica in azienda. Tale accertamento sarà effettuato ogni tre anni. In caso di esito positivo dell accertamento, l Ente emetterà un Attestato per l azienda interessata. Emanuela Magrini

13 13 FEDERIMPRESANEWS PEC Posta Elettronica Certificata La Posta Elettronica Certificata (PEC) è una posta elettronica particolare, che ha caratteristiche similari a quella tradizionale, con in più la possibilità di ottenere un riscontro, con valenza legale, dell'avvenuta consegna del messaggio al destinatario. Tale strumento diventerà la modalità privilegiata di colloquio e di scambio di comunicazioni con la Pubblica Amministrazione (Comune, Inps, Inail, Camera di Commercio ecc.); pertanto è già da tempo obbligatoria per le società di nuova iscrizione e per i liberi professionisti, mentre per le società già esistenti al 1 dicembre 2008 l'obbligo entrerà in vigore dal 30/11/2011. Confartigianato Federimpresa Cesena, grazie all Accordo con Telecom, distribuisce ai propri Associati le caselle di posta elettronica certificata di impresa semplice, il cui utilizzo è gratuito fino al 31 dicembre La Casella PEC può essere pertanto utilizzata per l'impresa in base agli obblighi di Legge e comunicata al Registro delle Imprese presso la Camera di Commercio entro il 30/11/2011. Per tutte le informazioni tecniche (dimensioni, configurazione e attivazione della casella) e di comunicazione al Registro Imprese, La invitiamo a contattare i nostri Uffici di Segreteria presenti sul territorio. Simona Morghenti

14 14 FEDERIMPRESANEWS NORMATIVA OGGETTO BENEFICIARI SCADENZA CONTRIBUTO INVITALIA - Programmi di autoimprenditorialità: 1) Produzione di beni e servizi nei settori Agricoltura, Industria, Artigianato, Servizi a favore delle imprese; 2) Fornitura di servizi nei settori Fruizione Beni Culturali, Turismo, Ministero dello Manutenzione Opere Civili e Sviluppo Industriali, Tutela Ambientale, Società Aperto Fondo Perduto Economico Innovazione Tecnologica, Agricoltura e Trasformazione e Commercializzazione Prodotti; 3) Produzione di beni in Agricoltura, Industria, Artigianato, servizi a favore delle imprese realizzate da Coop. sociali di tipo B INVITALIA - Ministero dello Sviluppo Economico Fondo per il Salvataggio e la Ristrutturazione delle Medie e Grandi Imprese in difficoltà Società di Capitali di Medie e Grandi Dimensioni Aperto Garanzia statale sui finanziamenti bancari contratti dalle imprese INVITALIA - Ministero dello Sviluppo Economico Progetti per la realizzazione e l'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati o in cerca di prima occupazione - Autoimpiego Disoccupati in cerca di prima occupazione Aperto Fondo Perduto + Mutuo agevolato SVILUPPO ECONOMICO Brevetti : bando per la valorizzazione dei brevetti a favore PMI Fondo finalizzato alla concessione di premi per la brevettazione e alla valorizzazione economica dei brevetti (gestione tecnica ed operativa: INVITALIA) PMI A partire dal 02/11/2011 fino esaurimento risorse Conto Capitale SVILUPPO ECONOMICO Design : bando per la brevettazione e valorizzazione dei modelli e disegni industriali a favore di PMI Fondo finalizzato alla brevettazione e alla valorizzazione economica dei modelli e dei disegni industriali (gestione tecnica ed operativa: INVITALIA) PMI A partire dal 02/11/2011 fino esaurimento risorse Conto Capitale

15 15 FEDERIMPRESANEWS Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Misure di sostegno al credito ed agli investimenti per il settore dell' autotrasporto Fondi BEI per gli investimenti delle PMI Istituzione di una sezione speciale, con dotazione di 50 milioni di Euro, nell'ambito del Fondo di Garanzia per le PMI di cui alla legge 662/96 La banca europea per gli investimenti (BEI) ha messo a disposizione una nuova linea di credito destinata a finanziare interventi in favore delle PMI italiane. Saranno finanziati sia nuovi progetti che quelli in corso non ancora ultimati da parte delle PMI PMI settore Autotrasporto PMI (vari settori produttivi) Aperto Agevolazioni Mutui e Leasing Dipartimento Pari Opportunità Programmi che assicurino la promozione delle politiche a favore delle pari opportunità di genere e dei diritti delle persone e delle pari opportunità per tutti Soggetti pubblici o persone giuridiche private 15/11/11 15/12/12 15/05/12 15/08/12 Finanziamento Dipartimento delle politiche della Famiglia - Legge 53 art. 9 "Incentivi per la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro" Regione Emilia Romagna: Fondo di Rotazione per le imprese artigiane I campi di intervento possono riguardare: - Progetti per la flessibilità, il reinserimento e gli interventi innovativi in favore di lavoratori dipendenti ai sensi dell'art. 9 comma 1; - Progetti di sostituzione o collaborazione in favore di soggetti autonomi ai sensi dell'art. 9 comma 3 Il fondo vuole favorire azioni per accrescere la funzione delle piccole imprese artigiane nella promozione dell'economia della conoscenza, della qualità, dell'innovazione, dell'aggiornamento telematico e dell'internazionalizzazione, etc. Le linee potranno essere raggruppate in due grandi corpi tematici: a) politiche per incentivare lo sviluppo delle imprese; b) struttura di governo del settore Imprese e Professionisti 28/10/11 Fondo Perduto Imprese Artigiane Anticipazione Finanziamento

16 16 FEDERIMPRESANEWS Regione Emilia Romagna: Nuovo fondo per le imprese innovative Fondo di cogaranzia regionale per l'accesso al credito delle imprese SIMEST Legge 133/2008 Legge 181/89 Ministero dello Sviluppo Economico INVITALIA Intende favorire lo start-up di imprese innovative (settori ad alta tecnologia) e le strategie di sviluppo innovativo delle imprese Il Fondo è stato creato per agevolare l'accesso al credito da parte delle imprese che trovano sempre più difficoltà ad accedere ai finanziamenti bancari. Il Fondo è dedicato: - alle imprese operanti nel settore dell'industria e dei servizi alla produzione, attraverso Fidindustria Emilia Romagna ; - alle imprese operanti nel settore dell'artigianato, attraverso UNIFIDI Emilia - Romagna; - alle imprese operanti nel settore della cooperazione, attraverso Cooperfidi Italia. Prevede finanziamenti agevolati alle imprese che si impegnano a migliorare la propria struttura patrimoniale con tre tipologie di interventi: a) programmi di inserimento su mercati esteri; b) studi di prefattibilità, fattibilità e programmi di assistenza tecnica; c) finanziamenti agevolati per la patrimonializzazione delle PMI esportatrici Programmi di sviluppo volti alla creazione di nuova Occupazione e rilancio delle aree industriali PMI fino al 31/12/2013 Finanziamento Imprese Aperto Finanziamento PMI Aperto Conto Interessi Imprese dei settori: attività estrattive, manifatturiere, produzione energia elettrica e fornitura servizi Aperto Fondo Perduto Legge 53/2000 Ministero per lo Sviluppo Economico Contributi per investimenti innovativi: nuovo regime di Agevolazioni per progetto di conciliazione Agevolazioni a favore della realizzazione di investimenti produttivi nelle aree tecnologiche dell'efficienza energetica, della mobilità sostenibile, delle nuove tecnologie della vita, delle Imprese Da definire Imprenditori Imprese Da definire Finanziamento Conto impianti, conto interessi, finanziamento agevolato, come Garanzia

17 17 FEDERIMPRESANEWS aiuti nuove tecnologie per il Made in Italy e delle tecnologie innovative per i beni culturali e le attività culturali L.R. 7/98 Agenzia delle Entrate Credito d'imposta per gli autotrasportator i Contributi per le Imprese del Turismo L. 40/2002 Aggregazioni di imprese Unioni di Prodotto Entro il 10/09 di ciascun anno Interventi per la promozione e commercializzazione turistica Finanziamento Il credito d'imposta è fissato nella misura del 38,50% dell'importo pagato quale tassa automobilistica per il 2010 per i veicoli di massa compresa tra 7,5 e 11,5 tonnellate e del 77% per i veicoli di massa superiore a 11,5 tonnellate. Autotrasportatori Aperto Agevolazione Si tratta della possibilità di accedere a finanziamenti chirografari/ipotecari con rate di ammortamento semestrali, con possibilità di richiedere un prefinanziamento bancario su finanziamenti che devono riguardare operazioni di riqualificazione e ristrutturazione alberghiera e di stabilimenti balneari Imprese del Turismo Conto Interessi POR-FESR Asse II - Attività ii.1.2 Bando Nuove Imprese Intende sostenere la creazione, il potenziamento e la crescita di imprese attraverso interventi di innovazione tecnologica, organizzativa e finanziaria PMI singole dal 01/07/2011 al 31/12/2012 Fondo Perduto Regione Emilia Romagna: Misura 5,2 Azione D - Reti per l'internazionaliz zazione Regione Emilia Romagna: Contributi per la realizzazione di interventi di rafforzamento tecnologico dei distretti produttivi Intende sostenere la nascita ed il consolidamento di reti formali permanenti fra PMI Manifestazione d interesse per la realizzazione di interventi per il rafforzamento tecnologico dei distretti produttivi PMI con contratti di rete, ATI e Consorzi di PMI fino al 30/09/2011 Fondo Perduto Strutture di ricerca industriale e/o trasferimento 30/09/2011 Conto Capitale tecnologico accreditate

18 18 FEDERIMPRESANEWS Regione Emilia Romagna: FSE Azione di sistema welfare to work COMUNE DI CESENA: contributi comunali per la rimozione e lo smaltimento di manufatti contenenti amianto CCIAA FORLI' CESENA - Contributi per l'internazionaliz zazione CCIAA FORLI' CESENA - Contributi per progetti innovativi CCIAA FORLI' CESENA - Contributi per le fiere estere 2011 CCIAA FORLI' CESENA - Contributi per lo Start-Up CCIAA FORLI' CESENA - Operazioni di Capitalizzazione agevolate CCIAA FORLI' CESENA - Contributi in conto interessi per le imprese CCIAA RIMINI - fiere e mostre in Italia Sono contributi per datori di lavoro che assumono determinate tipologie di soggetti in particolare condizioni di svantaggio sul mercato del lavoro Il bando prevede l erogazione di un contributo comunale per effettuare interventi volti alla rimozione e successivo smaltimento di manufatti contenenti amianto Ha l'obiettivo di sostenere il processo di internazionalizzazione mediante programmi di penetrazione commerciale e/o cooperazione industriale all'estero realizzati in forma aggregata Ha l'obiettivo di sostenere le imprese del territorio provinciale nella realizzazione di progetti innovativi, attraverso finanziamenti bancari garantiti Imprese 20/10/2011 Fondo Perduto Privati cittadini e Imprese A partire dal 02/08/2011 fino ad esaurimento fondo Fondo Perduto Imprese Manifatturiere, commerciali e di servizi 31/10/11 Fondo Perduto da confidi Imprese 30/11/11 Conto interessi Micro, piccole e Prima della Ha l'obiettivo di sostenere la medie imprese data di inizio partecipazione delle imprese (artigianato, della della provincia alle fiere che si industria, manifestazion svolgono all'estero commercio) e Fondo Perduto Ha l'obiettivo di sostenere le imprese nella realizzazione di operazioni di trasmissione d'impresa e creazione di nuove imprese, attraverso finanziamenti bancari garantiti da confidi Ha l'obiettivo di sostenere le imprese nella realizzazione di operazioni e di capitalizzazione o di aggregazione attraverso finanziamenti bancari garantiti da confidi Ha l'obiettivo di concedere contributi in c/interessi a favore delle imprese socie delle cooperative/consorzi di Garanzia contributi per la partecipazione a fiere e mostre aventi carattere "internazionale" in Italia Imprese Imprese Imprese Imprese Domanda ai Confidi prima dell'investimen to Conto Interessi Domanda ai Confidi prima dell'investimen to Conto Interessi Fino al 31/12/2011 Conto Interessi 30 gg prima della manifestazion Finanziamento

19 19 FEDERIMPRESANEWS e CCIAA RIMINI - fiere e mostre all'estero CCIAA RIMINI Ricorso al credito Contributi per la partecipazione a fiere e mostre specializzate all'estero Contributi in abbattimento dei tassi di interesse per investimenti finalizzati allo sviluppo imprenditoriale Imprese PMI 30 gg prima della manifestazion e Fino ad esaurimento fondi Finanziamento Conto Interessi Valdes Landi

Pagare le imposte sarà più complicato a partire dal 1 ottobre 2014.

Pagare le imposte sarà più complicato a partire dal 1 ottobre 2014. Settembre 2014 In questo numero In copertina (Il Punto Fiscale) pag. 1-2 - 3 - Nuova forrma di pagamento degli F24 Ambiente e Sicurezza pag. 4-5 - Sconti Inail - CONAI Varie pag. 6 - Iscrizione atti pubblici

Dettagli

Le novità normative introdotte restringono notevolmente la platea dei soggetti che potranno continuare ad applicare l attuale regime dei minimi.

Le novità normative introdotte restringono notevolmente la platea dei soggetti che potranno continuare ad applicare l attuale regime dei minimi. IL REGIME DEI MINIMI CAMBIA VOLTO (DAL 2012) La c.d. Manovra correttiva ha modificato il regime dei minimi che dal 2012 risulterà applicabile, al sussistere di specifiche condizioni, esclusivamente dalle

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 3 dell 11 gennaio 2012 Regime dei nuovi contribuenti minimi - Agevolazioni per i soggetti esclusi dal nuovo regime INDICE 1 Premessa... 2 2 Regime dei nuovi

Dettagli

Sarà nostra cura tenervi tempestivamente aggiornati non appena la Decisione sarà pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea.

Sarà nostra cura tenervi tempestivamente aggiornati non appena la Decisione sarà pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea. INDIRIZZI INTERPRETATIVI IN MATERIA DI AUTOTRASPORTO: CIRCOLARI MINISTERO DELL INTERNO E MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE Il Ministero dell Interno congiuntamente al Ministero delle Infrastrutture e dei

Dettagli

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni

REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI. revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni REGIME FISCALE PER CONTRIBUENTI MINORI E MINIMI revisione del sistema di tassazione e nuovo regime contributivo per le imprese di minori dimensioni E INTRODOTTO IL REGIME FISCALE AGEVOLATO RISERVATO AI

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

The Hub Trentino Alto Adige

The Hub Trentino Alto Adige L AVVIO DI UN ATTIVITÀ DI IMPRESA O PROFESSIONALE Aspetti civilistici, fiscali e previdenziali Trento, lì 19 novembre 2014 1 FORME SOCIETARIE: SOCIETÀ PER AZIONI (S.P.A.) SOCIETÀ IN ACCOMANDITA PER AZIONI

Dettagli

Di seguito riportiamo le pec di ogni ente.

Di seguito riportiamo le pec di ogni ente. FONDO DI ROTAZIONE E operativo il nuovo fondo di rotazione istituito con Delibera della Giunta Provinciale n. 2168 del 11/10/20013 (ex art. 34 ter 1 della Legge Provinciale 13 dicembre 1999, n. 6). Il

Dettagli

Nuovi minimi, le istruzioni del Provvedimento attuativo

Nuovi minimi, le istruzioni del Provvedimento attuativo Numero 8/2012 Pagina 1 di 7 Nuovi minimi, le istruzioni del Provvedimento attuativo Numero : 8/2012 Gruppo : AGEVOLAZIONI Oggetto : REGIME DI VANTAGGIO PER L IMPRENDITORIA GIOVANILE E LAVORATORI IN MOBILITÀ

Dettagli

LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto LE NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE (Aggiornata al 24.02.2009) Riferimenti normativi Regime contabile introdotto, a partire dal periodo di imposta 2001, con l art. 13 della

Dettagli

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI

START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI START UP PROFESSIONALE PROFESSIONE PSICOLOGO ADEMPIMENTI AMMINISTRATIVI FISCALI E CONTABILI 1 APERTURA PARTITA I.V.A. Lo psicologo che svolge in modo abituale e senza vincolo di subordinazione la propria

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

Obiettivi del bando. Beneficiari

Obiettivi del bando. Beneficiari Scadenza: 02.05.2011 Regione Emilia Romagna: modalità e criteri per la concessione di contributi finalizzati a favorire la rimozione dell amianto dagli edifici, la coibentazione degli edifici e l installazione

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità

IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità IL REGIME DEI NUOVI MINIMI regime fiscale di vantaggio per l imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità A cura del Dott. Michele Avesani A partire dal 1 gennaio 2012 è entrato in vigore il regime

Dettagli

Produzione di beni e servizi.

Produzione di beni e servizi. Produzione di beni e servizi. Dalla tua idea alla tua impresa. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo I e Capo II Le norme nazionali e comunitarie hanno

Dettagli

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati. Bologna, 14/04/2015. Ai Signori Clienti Loro Indirizzi -----------------------

Studio Paolo Simoni. Dottori Commercialisti Associati. Bologna, 14/04/2015. Ai Signori Clienti Loro Indirizzi ----------------------- Dott. Paolo Simoni Dott. Grazia Marchesini Dott. Alberto Ferrari Dott. Federica Simoni Rag. Lidia Gandolfi Dott. Francesco Ferrari Dott. Enrico Ferra Dott. Agostino Mazziotti Bologna, 14/04/2015 Ai Signori

Dettagli

LINEA R&S PER AGGREGAZIONI

LINEA R&S PER AGGREGAZIONI NEWSLETTER n. 1 FEBBRAIO 2016 Pubblichiamo un estratto delle ultime notizie relative alle opportunità offerte da bandi e finanza agevolata. CHIARI SERVIZI Srl è a Vostra disposizione per fornire l idonea

Dettagli

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI INTERVENTI DI CREDITO AGEVOLATO PER I SETTORI ARTIGIANATO, COMMERCIO, INDUSTRIA Anno 2005 (di cui alla deliberazione della Giunta Camerale n. 14 del

Dettagli

Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV

Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV Le norme nazionali e comunitarie hanno la prevalenza sui contenuti

Dettagli

START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016

START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016 START UP DI IMPRESE INNOVATIVE ANNO 2016 Presentazione domande: a sportello dalle ore 10 del 1 marzo 2016 alle ore 17 del 30 settembre 2016 salvo esaurimento fondi TERRITORIO: Regione Emilia Romagna OBIETTIVI

Dettagli

Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015

Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015 Circolare N. 48 del 31 Marzo 2015 Torna il regime dei minimi per tutto il 2015 (Art. 10 comma 12 undecies DL n. 192 del 31.12.2014, convertito con legge n. 11 del 27.02.2015) Gentile cliente, con la presente

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 2 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 2 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 6 febbraio 2015 Oggetto: Informativa n. 2 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito ad alcune novità della FINANZIARIA

Dettagli

e il reinserimento di disoccupati, anche in mobilità, nonché di lavoratori sospesi in regime di cassa integrazione.

e il reinserimento di disoccupati, anche in mobilità, nonché di lavoratori sospesi in regime di cassa integrazione. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 109 suppl. del 07-08-2013 9 LEGGE REGIONALE 5 agosto 2013, n. 23 Norme in materia di percorsi formativi diretti all orientamento e all inserimento nel mercato

Dettagli

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 33 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2012 Il regime degli ex minimi Categoria Sottocategoria Regimi

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI

I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I REGIMI FISCALI E CONTABILI IL REGIME DEI CONTRIBUENTI MINIMI I regimi contabili e fiscali per imprese e professionisti Regime ordinario artt. 14-16 DPR 600/73 Regime semplificato art. 18 DPR 600/73 Regime

Dettagli

Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi

Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi Finanziaria 2008, contribuenti minimi (sotto i 30.000 euro) istruzioni per l uso dal fiscalista della Fnsi Come è noto la Legge Finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007 n. 244) ha introdotto un regime

Dettagli

LAZIO. REGIONE LAZIO "Finanziamenti agevolati per efficienza energetica" SCADENZA: fino ad esaurimento risorse

LAZIO. REGIONE LAZIO Finanziamenti agevolati per efficienza energetica SCADENZA: fino ad esaurimento risorse "Finanziamenti agevolati per efficienza energetica" Pubblicato il bando per la concessione di finanziamenti agevolati alle PMI che investono in efficienza energetica e produzione di energia rinnovabile.

Dettagli

MARCHE. MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO "Restart ValVibrata" SCADENZA: in fase di pubblicazione. REGIONE MARCHE "Bando Made in Italy"

MARCHE. MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO Restart ValVibrata SCADENZA: in fase di pubblicazione. REGIONE MARCHE Bando Made in Italy MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO "Restart ValVibrata" Il Ministero dello sviluppo Economico, Regione Abruzzo e Regione Marche hanno riconosciuto l'area di crisi complessa Vibrata Piceno quale soggetto beneficario

Dettagli

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008 CIRCOLARE N. 52/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,30 luglio 2008 Oggetto: Adempimenti necessari per l immatricolazione di veicoli di provenienza comunitaria articolo 1, comma 9, del decreto

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Vista la legge 27 dicembre 2006, n. 296 e successive modifiche e integrazioni, recante Disposizioni per la

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti

Avviso pubblico. importo finanziabile minimo 5.000,00 massimo 20.000,00 pari a IRS 5y + 3,10 punti Avviso pubblico Finanziamenti a favore delle imprese commerciali, artigianali ed agricole con sede nel Comune di Vignola (Determinazione dirigenziale n. 174 del 18.4.2011) 1. Premessa Il Comune di Vignola,

Dettagli

FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI

FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI Numero 1 Anno 2008 gennaio/2 FINANZIARIA 2008 CONTRIBUENTI MINIMI La Finanziaria 2008 ha introdotto un nuovo regime fiscale destinato alle persone fisiche esercenti attività d impresa, arti o professioni

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 4 Aprile 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA. BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE RETI DI IMPRESE Livello Regionale

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 4 Aprile 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA. BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE RETI DI IMPRESE Livello Regionale NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 4 Aprile 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA BANDO PER IL SOSTEGNO ALLE RETI DI IMPRESE Livello Regionale BANDO SMART CITIES AND COMMUNITIES Livello Regionale DOTE

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002

FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002 FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002 Disciplina di riferimento DGR n. 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del 26 dicembre 2008)

Dettagli

Regime fiscale agevolato per autonomi

Regime fiscale agevolato per autonomi 1 REGIME FORFETARIO PER AUTONOMI Regime fiscale agevolato per autonomi L art. 1, c. 54 89, della legge di stabilità 2015 disciplina il nuovo regime fiscale agevolato per autonomi, destinato agli esercenti

Dettagli

Pubblicata in G.U. la Legge Finanziaria 2011

Pubblicata in G.U. la Legge Finanziaria 2011 Numero 4/2011 Pagina 1 di 9 Pubblicata in G.U. la Legge Finanziaria 2011 Numero : 4/2011 Gruppo : FINANZIARIA Oggetto : FINANZIARIA 2011 Norme e prassi : LEGGE N. 220 DEL 13.12.2010 PUBBLICATA IN GAZZETTA

Dettagli

Finanziamenti per la microimpresa

Finanziamenti per la microimpresa Finanziamenti per la microimpresa A CHI SI RIVOLGE Questa agevolazione è rivolta a persone che intendono avviare un attività imprenditoriale di piccola dimensione in forma di società di persone. Sono pertanto

Dettagli

EMILIA ROMAGNA. CCIAA FERRARA "Contributi per la nascita e lo sviluppo di nuove imprese femminili - ed. 2015"

EMILIA ROMAGNA. CCIAA FERRARA Contributi per la nascita e lo sviluppo di nuove imprese femminili - ed. 2015 REGIONE EMILIA ROMAGNA "Contributi per la partecipazione a fiere" L'obiettivo è quello di promuovere i processi di internazionalizzazione delle imprese regionali con il sostegno a iniziative di partecipazione

Dettagli

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato

Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Promuovere l innovazione delle imprese con Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani, Tirocinio e Apprendistato Dote Lavoro - Tirocini per i Giovani Cos è Dote Lavoro-Tirocini per i Giovani Dote Lavoro - Tirocini

Dettagli

NEWSLETTER N. 6/2013 DEL 7 OTTOBRE 2013

NEWSLETTER N. 6/2013 DEL 7 OTTOBRE 2013 NEWSLETTER N. 6/2013 DEL 7 OTTOBRE 2013 IN QUESTA NEWSLETTER: Contributo ai Comuni per il minor gettito IMU Certificazione patto di stabilità: il test firma digitale sospensione dell IMU: il decreto sospensione

Dettagli

Allegato B BANDO 2015 PER L ABBATTIMENTO DEL COSTO DELLE COMMISSIONI SULLE GARANZIE RILASCIATE DAGLI ORGANISMI DI GARANZIA COLLETTIVA FIDI

Allegato B BANDO 2015 PER L ABBATTIMENTO DEL COSTO DELLE COMMISSIONI SULLE GARANZIE RILASCIATE DAGLI ORGANISMI DI GARANZIA COLLETTIVA FIDI Allegato B BANDO 2015 PER L ABBATTIMENTO DEL COSTO DELLE COMMISSIONI SULLE GARANZIE RILASCIATE DAGLI ORGANISMI DI GARANZIA COLLETTIVA FIDI Approvato con deliberazione della Giunta camerale n. 83 del 24

Dettagli

4, 1 13 2015, 272 RETI D IMPRESA

4, 1 13 2015, 272 RETI D IMPRESA Circolare recante le modalità di presentazione delle domande per l attribuzione del credito d imposta per incentivare la creazione di nuove reti di imprese ovvero lo svolgimento di nuove attività da parte

Dettagli

FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE

FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO per la gestione del PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE Visto il regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commissione del 15 dicembre 2006 relativo; all applicazione

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016

BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL CREDITO AGRARIO DI ESERCIZIO ANNO 2016 TITOLO I CARATTERISTICHE DEL BANDO Art. 1 - Finalità La Camera di Commercio di Livorno, nel quadro delle proprie

Dettagli

CIRCOLARE MENSILE SETTEMBRE 2011

CIRCOLARE MENSILE SETTEMBRE 2011 CIRCOLARE MENSILE SETTEMBRE 2011 IN EVIDENZA ABBASSATO DA 5.000 A 2.500 IL LIMITE PER EFFETTUARE PAGAMENTI IN CONTANTI PAG. 2 LE NOVITÀ IN TEMA DI VIES INTRODOTTE DALLA CIRCOLARE 39/E DEL 1 AGOSTO 2011

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 1, comma 91, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, il quale dispone, tra l altro, che, a decorrere dal periodo di imposta 2015, agli enti di previdenza

Dettagli

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI

SCRITTURE E REGIMI CONTABILI SCRITTURE E REGIMI CONTABILI Parte III I regimi contabili per imprese e professionisti Dott. Alberto Marengo Dott. Umberto Terzuolo Dott. Piercarlo Bausola Regimi adottabili: I REGIMI CONTABILI PER IMPRESE

Dettagli

LIBRETTO AUTO: ISCRIZIONE UTILIZZATORE. Dal 3/11 utilizzatori abituali da indicare nel libretto.

LIBRETTO AUTO: ISCRIZIONE UTILIZZATORE. Dal 3/11 utilizzatori abituali da indicare nel libretto. Ottobre 2014 In questo numero In copertina (Il Punto Fiscale) pag. 1-2 - 3 LIBRETTO AUTO: ISCRIZIONE UTILIZZATORE. Dal 3/11 Ambiente e Sicurezza pag. 4-7 Comunicazione contratti a termine Messa a terra

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO 1. OBIETTIVO DELLA MISURA Favorire la nuova imprenditorialità ed il ricambio generazionale

Dettagli

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione

Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi. Regolamento di Attuazione UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO ALLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE Contributi per processi di aggregazione dei Consorzi Fidi Regolamento di Attuazione L.R. 7/2006 art. 25 L.R. n.

Dettagli

TOSCANA. TOSCANAMUOVE "Creazione impresa" A PARTIRE DAL: 15/10/2015. REGIONE TOSCANA "Finanziamenti per l'area di Piombino" SCADENZA: giugno 2016

TOSCANA. TOSCANAMUOVE Creazione impresa A PARTIRE DAL: 15/10/2015. REGIONE TOSCANA Finanziamenti per l'area di Piombino SCADENZA: giugno 2016 TOSCANAMUOVE "Creazione impresa" Disponibile il fondo rotativo che intende sostenere attraverso agevolazioni (finanziamento agevolato a tasso zero e vocuher) per la realizzazione di progetti di investimento

Dettagli

QUADRO SINOTTICO CONCERNENTE LE MODIFICHE AL REGIME DEI MINIMI DI CUI ALL'ART. 27 DEL D.L. N. 98/2011

QUADRO SINOTTICO CONCERNENTE LE MODIFICHE AL REGIME DEI MINIMI DI CUI ALL'ART. 27 DEL D.L. N. 98/2011 QUADRO SINOTTICO CONCERNENTE LE MODIFICHE AL REGIME DEI MINIMI DI CUI ALL'ART. 27 DEL D.L. N. 98/2011 PERSONE FISICHE CHE HANNO INIZATO L'ATTIVITA' D'IMPRESA, D'ARTE O PROFESSIONE A PARTIRE DAL 1 GENNAIO

Dettagli

EMILIA ROMAGNA. REGIONE EMILIA ROMAGNA "Sostegno alle start-up innovative" SCADENZA: 30/09/2016. REGIONE EMILIA ROMAGNA "Psr 2014-2020"

EMILIA ROMAGNA. REGIONE EMILIA ROMAGNA Sostegno alle start-up innovative SCADENZA: 30/09/2016. REGIONE EMILIA ROMAGNA Psr 2014-2020 "Sostegno alle start-up innovative" Il sostegno è finalizzato alla nascita e crescita di start up in grado di generare nuove nicchie di mercato attraverso nuovi prodotti, servizi e sistemi di produzione

Dettagli

PRIMA DI INIZIARE. Si ricorda che prima dell emanazione del Decreto Sviluppo, per l acquisto dei prodotti, esistevano due regimi di agevolazioni:

PRIMA DI INIZIARE. Si ricorda che prima dell emanazione del Decreto Sviluppo, per l acquisto dei prodotti, esistevano due regimi di agevolazioni: PRIMA DI INIZIARE Il presente documento vuole essere un aiuto per tutti i Clienti Daikin Italy, siano essi professionisti del settore oppure utenti finali, a comprendere meglio i meccanismi legati agli

Dettagli

Veneto: L. R. 2/2002 Fondo di Rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane

Veneto: L. R. 2/2002 Fondo di Rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane Veneto: L. R. 2/2002 Fondo di Rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve Il Fondo di Rotazione regionale per il settore

Dettagli

Temi trattati. » Società di Persone. » Lavoro Autonomo Lavoro autonomo occasionale Lavoro accessorio (voucher) Partita Iva (Regime Forfettario)

Temi trattati. » Società di Persone. » Lavoro Autonomo Lavoro autonomo occasionale Lavoro accessorio (voucher) Partita Iva (Regime Forfettario) Temi trattati» Lavoro Autonomo Lavoro autonomo occasionale Lavoro accessorio (voucher) Partita Iva (Regime Forfettario)» Società di Persone S.s. S.n.c. S.a.s» Società di Capitali S.r.l. S.r.l.s. S.p.A.»

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento 56167 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2009 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del 30 ottobre 2009, n. 2616 Legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6 («legge provinciale sugli

Dettagli

I LIBERI PROFESSIONISTI POTRANNO ACCEDERE AI FINANZIAMENTI EUROPEI

I LIBERI PROFESSIONISTI POTRANNO ACCEDERE AI FINANZIAMENTI EUROPEI I LIBERI PROFESSIONISTI POTRANNO ACCEDERE AI FINANZIAMENTI EUROPEI Documento del 15 febbraio 2016 I LIBERI PROFESSIONISTI POTRANNO ACCEDERE AI FINANZIAMENTI EUROPEI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa.

Dettagli

COMUNE DI VALLEDORIA Provincia di Sassari

COMUNE DI VALLEDORIA Provincia di Sassari COMUNE DI VALLEDORIA Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE OPERANTI NEL COMUNE DI VALLEDORIA (POIC) Fondo PISL POIC FSE. (approvato con deliberazione

Dettagli

DOMANDA IN FORMA ORDINARIA. Il sottoscritto

DOMANDA IN FORMA ORDINARIA. Il sottoscritto ALLEGATO 1 Modello di domanda da compilare in stampatello, e da recapitare tramite raccomandata A.R., ovvero mediante consegna a mano, entro il 31 gennaio 2014. DOMANDA DI AMMISSIONE AI CONTRIBUTI di cui

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

MARCHE. REGIONE MARCHE "Pagamenti per il mantenimento dei metodi di produzione biologica - Sottomisura 11.2"

MARCHE. REGIONE MARCHE Pagamenti per il mantenimento dei metodi di produzione biologica - Sottomisura 11.2 "Pagamenti per il mantenimento dei metodi di produzione biologica - Sottomisura 11.2" L'obiettivo della misura è quello di mantenere le pratiche di agricoltura biologica anche per rispondere alla domanda

Dettagli

STUDIO ACCARDI ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE TRA NUOVO REGIME DEI MINIMI

STUDIO ACCARDI ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE TRA NUOVO REGIME DEI MINIMI ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE TRA DOTT. MARIO ACCARDI E DOTT. CHIARA ACCARDI DOTTORI COMMERCIALISTI DOTT. MARIO ACCARDI DOTT. CHIARA ACCARDI DOTT. SANDRO SPATA DOTTORE COMMERCIALISTA NUOVO REGIME DEI MINIMI

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO Dal prossimo anno il nuovo regime dei minimi sarà scontato, con l'imposta sostitutiva che si ridurrà al 5%, ma saranno poche le persone fisiche che lo potranno applicare.

Dettagli

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per interventi relativi alla progettazione in materia di efficienza energetica con elevati standard di qualità (es. CasaClima, Leed e simili) superiori

Dettagli

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO NUOVE IMPRESE E INVESTIMENTI PRODUTTIVI TITOLO IMPRESE BENEFICIARIE AGEVOLAZIONE PREVISTA TERMINI DI Finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto per nuove Start

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo Il presente bando vige in regime de minimis (ex Reg.CE 1998/2006, Reg. CE 15353/2007 ereg. CE 75/2007 ) 1 Art. 1 Finalità 1. La Camera di Commercio di Pistoia, anche al fine di sostenere il mantenimento

Dettagli

Agevolazioni fiscali per le nuove iniziative e per investimenti nell Energy Saving

Agevolazioni fiscali per le nuove iniziative e per investimenti nell Energy Saving 26-06-2012, Camera di Commercio di Pisa Agevolazioni fiscali per le nuove iniziative e per investimenti nell Energy Saving relatore: Dott. MASSIMO ANTONINI Dottore commercialista - Revisore contabile Membro

Dettagli

STUDIO DI MURO CURTOLO COMMERCIALISTI REVISORI CONTABILI

STUDIO DI MURO CURTOLO COMMERCIALISTI REVISORI CONTABILI RAG. MARIA TERESA CURTOLO 31100 TREVISO DOTT. MARCO DI MURO Strada del Mozzato n.1 DOTT.SSA ROBERTA DI MURO DOTT. SIMONE FRANCHETTO collaboratori Tel. +39.0422.416611 DOTT. FEDERICO DEL VECCHIO Fax. +39.0422.545848

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 17 del 28/09/2011 Oggetto: Manovra bis di ferragosto (D.L 138/2011). Conversione in legge del decreto. Il 17 settembre u.s. è entrata in vigore la legge di conversione del D.L. 138/2011

Dettagli

Vito SARACINO Dottore Commercialista Revisore Contabile

Vito SARACINO Dottore Commercialista Revisore Contabile NUOVO REGIME FORFETARIO DEI MINIMI a cura del Dott. Vito SARACINO e in Bitonto (BA) L'art. 1, commi da 54 a 89, della legge 23.12.2014, n. 190 (Legge di Stabilità 2015), ha introdotto a partire dal 2015

Dettagli

DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE

DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE Obiettivo DGR N. 1789 del 29/09/2014 BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI AGGREGAZIONE DI IMPRESE Il Bando in attuazione della Legge Regionale 30 maggio 2014, n. 13 Disciplina dei distretti industriali,

Dettagli

Associazioni Sportive Dilettantistiche - ammissione al beneficio del 5 per mille

Associazioni Sportive Dilettantistiche - ammissione al beneficio del 5 per mille Segreteria Federale Roma, 3 aprile 2015 Circolare n. 46/2015 A tutte le Società affiliate Organi Centrali e Territoriali Ufficiali di Gara LORO INDIRIZZI OGGETTO: Associazioni Sportive Dilettantistiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2014 REGIONE LOMBARDIA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2014 REGIONE LOMBARDIA NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 2 Febbraio 2014 REGIONE LOMBARDIA ANTICIPAZIONI FINANZIAMENTI AGEVOLATI NUOVA SABATINI PER INVESTIMENTI IN MACCHINARI, IMPIANTI, BENI STRUMENTALI, ATTREZZATURE NUOVE

Dettagli

LAZIO. AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI "Investimenti nel settore dell'autotrasporto"

LAZIO. AGEA OCM Vino Investimenti 2015/2016 SCADENZA: 29/02/2016. MINISTERO TRASPORTI Investimenti nel settore dell'autotrasporto AGEA "OCM Vino Investimenti 2015/2016" Sono previsti finanziamenti a fondo perduto a favore delle imprese attive nel settore vitivinicolo (ad esclusione di quelle di commercializzazione) che effettuano

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L'ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L'ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L'ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI MODENA ART. 1 - FINALITA' DELL INTERVENTO E REQUISITI DI ACCESSO DEI CONFIDI AI

Dettagli

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile

SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCHEDA SINTETICA LEGGE n. 215/1992 Azioni positive per l'imprenditoria femminile SCOPO E OBIETTIVO DELLA LEGGE La Legge n. 215 del 25 febbraio 1992 riporta un ampio ventaglio di disposizioni con lo scopo

Dettagli

FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO

FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO FISCALITA PER IL GIOVANE MEDICO INTRODUZIONE Il Medico o l Odontoiatra che intende esercitare la libera professione è tenuto ad osservare gli adempimenti fiscali previsti per legge: denuncia di inizio

Dettagli

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne.

Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. Nuove imprese a tasso zero - finanziamenti agevolati per nuove cooperative di giovani e donne. È entrata nella sua fase operativa il provvedimento del Ministero dello Sviluppo Economico che prevede la

Dettagli

1 agricoltura e prima trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli (quando l importo dell aiuto è fissato in base al

1 agricoltura e prima trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli (quando l importo dell aiuto è fissato in base al BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO MEDIANTE ABBATTIMENTO DEGLI INTERESSI MATURATI SUI FINANZIAMENTI ACCESI DALLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CON

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012

Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 16 suppl. del 02-02-2012 6 REGOLAMENTO REGIONALE 31 gennaio 2012, n. 2 Regolamento per la concessione di aiuti di importanza minore (de minimis) alle PMI e abrogazione dei Regolamenti Regionali n. 24 del 21 novembre 2008 e n.

Dettagli

DIRITTO ANNUALE CAMERE DI COMMERCIO PER IL 2014

DIRITTO ANNUALE CAMERE DI COMMERCIO PER IL 2014 Via Battuti Rossi, 6/A 47121 Forlì Via dell Arrigoni, 308 47522 Cesena DIRITTO ANNUALE CAMERE DI COMMERCIO PER IL 2014 Il Ministero dello Sviluppo Economico ha confermato anche per l anno 2014 le misure

Dettagli

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda 1

ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda 1 ACCORDO Regione Puglia e Cofidi Puglia del 06 Dicembre 2012 misura 6.1.6.-Tranche seconda 1 Pagina COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione Servizio

Dettagli

PIANO DESTINAZIONE ITALIA : A CHE PUNTO SIAMO?

PIANO DESTINAZIONE ITALIA : A CHE PUNTO SIAMO? PIANO DESTINAZIONE ITALIA : A CHE PUNTO SIAMO? È del 23 dicembre 2013 il decreto-legge n. 145 che dà avvio al piano "Destinazione Italia" dello scorso 19 settembre. Il provvedimento, entrato in vigore

Dettagli

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI Anno 2013 N. RF160 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO RIFERIMENTI CIRCOLARE DEL 12/07/2013 CONTRIBUENTI E MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI ART.

Dettagli

Milano 22 dicembre 2014 NEWS FISCALI

Milano 22 dicembre 2014 NEWS FISCALI Milano 22 dicembre 2014 NEWS FISCALI Con l entrata in vigore del Decreto Legislativo n. 175, c.d. Decreto semplificazioni fiscali, dal prossimo 13 dicembre andranno a regime molte modifiche alla fiscalità,

Dettagli

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI 20121 MILANO - VIA FOSCOLO, 4 TEL. 02-874163 FAX 02-72023745 email: studio.marcozzi@tin.it Luigi Marcozzi, Revisore Contabile Attilio Marcozzi, Revisore Contabile

Dettagli

ALLEGATO B PREMESSO CHE

ALLEGATO B PREMESSO CHE 1 ALLEGATO B SCHEMA DI CONVENZIONE PER REGOLARE I RAPPORTI TRA I CONFIDI/ALTRI FONDI DI GARANZIA E IL GESTORE DEL FONDO DI GARANZIA REGIONALE PO FESR BASILICATA 2007-2013 PREMESSO CHE La Legge Regionale

Dettagli

LE COOPERATIVE SOCIALI. Relatori: Claudia Tesio Giorgio Agnello

LE COOPERATIVE SOCIALI. Relatori: Claudia Tesio Giorgio Agnello LE COOPERATIVE SOCIALI Relatori: Claudia Tesio Giorgio Agnello 11 novembre 2014 LEGGE 8 novembre 1991 n. 381 Art. 1 Definizione Le cooperative sociali hanno lo scopo di perseguire l INTERESSE GENERALE

Dettagli

REGIME DEI MINIMI O SUPERMINIMI

REGIME DEI MINIMI O SUPERMINIMI REGIME DEI MINIMI O SUPERMINIMI Il regime dei contribuenti minimi (dal 2012 denominato superminimi) è riservato alle persone fisiche residenti nel territorio dello Stato che svolgono attività di impresa,

Dettagli

POR FESR 2007/2013 asse III, attività III.1.2

POR FESR 2007/2013 asse III, attività III.1.2 POR FESR 2007/2013 asse III, attività III.1.2 favorire e promuovere la rimozione e lo smaltimento dei manufatti contenenti cementoamianto ove presenti nei luoghi di lavoro; favorire e promuovere interventi

Dettagli

2 InformaImpresa Venerdì 25 gennaio 2013 SOMMARIO

2 InformaImpresa Venerdì 25 gennaio 2013 SOMMARIO 2 InformaImpresa Venerdì 25 gennaio 2013 SOMMARIO 1 - Appuntamento entro il 18 febbraio e il 18 marzo 2013 (perché il 16 cade di sabato) 2 - Riduzione Premi Speciali Unitari per il settore dell Autotrasporto

Dettagli

MODULO C Il sistema informativo e le contabilità aziendali

MODULO C Il sistema informativo e le contabilità aziendali MODULO C Il sistema informativo e le contabilità aziendali U.D. 2 Il sistema delle rilevazioni aziendali Paragrafo 7 Gli obblighi contabili delle imprese pag. 204 Paragrafo 7.2 Il regime dei contribuenti

Dettagli

JOBS ACT: NOVITÀ IN TEMA DI COLLABORAZIONI A PROGETTO E ASSOCIAZIONI IN PARTECIPAZIONE

JOBS ACT: NOVITÀ IN TEMA DI COLLABORAZIONI A PROGETTO E ASSOCIAZIONI IN PARTECIPAZIONE In questo numero / Luglio-Agosto 2015 In copertina (Il Punto Fiscale) pag 1-3 - JOBS ACT: novità in tema di collaborazioni a progetto e associazioni in partecipazione Ambiente e sicurezza pag 4-6 - Infortunio

Dettagli