BILANCIO 2013 E RELAZIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BILANCIO 2013 E RELAZIONI"

Transcript

1 BILANCIO 2013 E RELAZIONI 1

2 2

3 CARICHE SOCIALI Consiglio di Amministrazione Presidente BAIETTA ANTONIO Vice Presidente DRAGHI GIANLUIGI Vice Presidente FABIANI PAOLO Consigliere ABRATE TOMMASO MARIO Consigliere BAIETTA EMILIO Consigliere CHIAPPA BRUNO Consigliere MANZOTTI GIOVANNI Consigliere PETROCCHI PIERO Consigliere STRONATI MASSIMO Direzione Direttore Generale FALZETTA MICHELE Collegio Sindacale Presidente BONIFAZI MIRCO Sindaco effettivo BONI ANGELO Sindaco effettivo ZAMPEDRI GIANLUCA Sindaco supplente GROSSI SANDRINO Sindaco supplente VINCENZONI SERGIO Organi sociali in carica fino ad approvazione bilancio

4 4

5 Relazione del Consiglio di Amministrazione sulla gestione 5

6 6

7 Relazione sulla gestione Signori Soci, a nome del Consiglio di Amministrazione porgo il benvenuto ai Delegati delle Cooperative agricole socie all Assemblea Annuale Ordinaria di Cooperlat, per deliberare sull approvazione del Bilancio al e sugli altri punti posti all ordine del giorno. Come di consueto la relazione che accompagna il bilancio apre fornendo uno spaccato sullo scenario generale e fornisce poi tutte le informazioni utili per una valutazione più ampia possibile dei risultati della gestione aziendale. Analisi della situazione della società e del suo posizionamento Lo scenario generale Nel terzo trimestre 2013 il commercio mondiale ha accelerato dal + 0,3% del secondo al + 1,1% con un aumento rispetto alla media del 2012 pari al + 2%.. Sulla base di queste stime, la chiusura del 2013 sarà con un incremento del + 2,5% rispettoa al + 2%del Le previsioni per il 2014 si attestano attorno al + 4/5%, mentre per il 2015 si prevede una decisa ripresa con tassi oltre il 5% Il PIL degli Stati Uniti è aumentato ad un tasso congiunturale annualizzato del 3,6%, in forte accelerazione rispetto al 2,5% del trimestre precedente. La crescita maggiore delle aspettative è stata influenzata dal notevole contributo delle scorte, mentre hanno rallentato i consumi delle famiglie ed anche degli investimenti industriali. Sono continuati invece gli investimenti in fabbricati residenziali grazie ad un mercato di acquisti ed affitti in espansione. Nel 2013 il PIL è aumentato dell 1,8% e si prevede con una decisa accelerazione al 2,9% nel 2014 e al 3,2% nel L economia giapponese è cresciuta al 2% nel 2013, per rallentare all 1,4% nel 2014 ed all 1,2% nel Il PIL del Regno Unito ha accelerato anche nel terzo trimestre 2013: + 0,8%. La crescita è trainata dai consumi privati grazie alla forte crescita dell occupazione e degli indici di fiducia dei consumatori. In diminuzione le esportazioni a causa della riduzione dei consumi nell area Euro. La crescita dell economia britannica è il risultato dell integrazione tra politiche di austerità finanziaria e spending review, dal taglio del cuneo fiscale sui redditi d impresa e dalle misure per facilitare l accesso al credito di imprese e famiglie. La crescita dei paesi emergenti è rallentata nel La crescita nel 2013 è stata del 4,5%, nel 2014 si prevede sarà del 5% e oltre il 5% nel Gran parte della crescita globale è comunque trainata dalle economie emergenti pur evidenziando rischi dovuti alla carenza di infrastrutture. Il PIL cinese aumenterà del 7,6% nel 2013 ma rallenterà nel 2014 e nel L economia indiana crescerà del 4% nel 2014 e a tassi superiori al 5% nei due anni successivi. I Paesi dell America Latina hanno rallentato al 2,7% nel 2013, ma con previsione di ripresa nel 2014 e nel 2015 a tassi superiori al 3% grazie alle stime positive di export. Il Nord Africa ed il Medio Oriente hanno ridotto il PIL del 2,1% nel 2013 a causa dell instabilità politica e le difficoltà di estrazione del petrolio. Quanto all'italia, peggiorano le previsioni sulla ripresa dell'anno in corso: lo 0,6% preventivato dal FMI è inferiore allo 0,7% appena indicato da Bankitalia e nettamente inferiore all'1,1% definito nella legge di Stabilità. Il Pil dell'italia crescerà dunque quest'anno dello 0,6%, per poi accelerare al +1,1% nel

8 Le previsioni del Fmi di crescita del Pil nel 2014 e 2015 PAESE Mondo 3,7 3,9 Economie avanzate 2,2 2,3 Stati Uniti 2,8 3,0 Area Euro 1,0 1,4 Germania 1,6 1,4 Francia 0,9 1,5 Italia 0,6 1,1 Spagna 0,6 0,8 Giappone 1,7 1,0 Regno Unito 2,4 2,2 Economie emergenti 5,1 5,4 Russia 2,0 2,5 Cina 7,5 7,3 India 5,4 6,4 Brasile 2,3 2,8 Fonte FMI Il Settore Agroalimentare L industria alimentare italiana nel 2013 ha continuato ad essere colpita dalla frenata dei consumi domestici (-4%) e dal calo della produzione (-1%); l unico dato positivo è stato quello delle esportazioni che sono cresciute del+7%). L industria alimentare italiana ha sviluppato un fatturato di 132 miliardi di euro, di cui circa il 20% di export; vanta 385 mila occupati. I primi 9 mesi dell anno sono stati i peggiori dal 2007 dal punto di vista di produzione, fatturato e consumi; una timida ripresa si è manifestata nel terzo trimestre, con la speranza di un inversione di passo nel 2014, grazie soprattutto alla ripresa internazionale. Dopo un periodo lungo di crisi dell industria manifatturiera italiana in cui, l industria alimentare ha tenuto le posizioni e consolidato la produzione e i livelli occupazionali. La chiave dello sviluppo sarà come sempre l affermazione della qualità delle materie prime agricole italiane, l eccellenza industriale e di trasformazione e il livello massimo di qualità e sicurezza dei prodotti; inoltre, il sistema di auto controllo e la legislazione in campo alimentare utilizzati in Italia sono tra i migliori al mondo, con 1 miliardo di analisi di autocontrollo e investimenti di 2 miliardi di Euro all anno. Un freno rilevante allo sviluppo delle imprese del comparto è dato dall aumento della pressione fiscale sui consumi alimentari, i recenti aumenti delle aliquote IVA e gli aumenti delle accise minacciano la sopravvivenza di molte piccole aziende, mettendo a dura prova settori con significative potenzialità di sviluppo. Il calo complessivo nel 2013 delle vendite alimentari è stato del -4% in termini di fatturato e del -2,1% in quantità; il dato del 2013 porta ad una riduzione dei consumi di circa 13 punti da inizio crisi. Il Canale Discount è stato l unico segmento della Distribuzione Moderna ad essere in espansione negli ultimi anni; un fenomeno rilevante, che incide sull andamento dei consumi a valore, è costituito dalla riduzione della spesa e dalla propensione per gli alimenti di minor qualità e basso prezzo. Un segnale fortemente preoccupante per un industria che ha sempre puntato sulla qualità dei prodotti e sull alimentazione salutare. 8

9 La politica aziendale Nell esercizio 2013 si sono manifestate notevoli tensioni delle materie prime latte e panna animale hanno fatto registrare aumenti notevoli a causa delle tensioni sui mercati di approvvigionamento sia nazionali che esteri. Maggiormente stabile l andamento della materia prima grassi vegetali, grazie anche alla politica di approvvigionamento che ha consentito di poter contare sulla stabilità del costo di prodotto. Si è comunque reso necessario anche nel 2013 un aumento di listino tecnico, al fine di coprire il costo dei rinnovi contrattuali con i clienti della GDO. L Azienda ha reagito alle difficoltà congiunturali di calo dei principali mercati coperti con una strategia di protezione dei volumi sui Clienti a maggior redditività, con la riduzione della spinta promozionale, con la maggiore focalizzazione sulla Tentata Vendita e sui territori geografici di maggior forza ed infine, con una maggiore focalizzazione sui mercati esteri. Tutte queste attività sono state anche affiancate da una maggiore attenzione ai tempi medi di incasso e alla riduzione della rischiosità finanziaria di alcuni Clienti. Nel mercato Italia è proseguita l attività di sviluppo della GDO in area nord-ovest, iniziata da alcuni anni, con l ingresso dei prodotti a base vegetale in clienti importanti di quell area geografica. Sul fronte del mercato estero è proseguito lo sviluppo di alcuni mercati dell HORECA (Turchia, Grecia e Paesi Balcanici) e si sono consolidate le commesse di prodotti Spray già acquisite nel L Azienda ha altresì sviluppato un maggior controllo mensile sull andamento economico del business e attuato la revisione periodica del budget annuale; ciò ha permesso di poter più rapidamente agire sulle leve a disposizione al fine di ridurre il più possibile lo scostamento dei risultati dagli obiettivi economici prefissati. Il mercato della materia prima Il mercato italiano della materia prima latte nel corso dell esercizio 2013 è stato caratterizzato dall assenza di un accordo interprofessionale che ne regolasse le quotazioni per l intera campagna. Il costo del latte nel corso dell anno ha avuto un esasperata ed incontrollata crescita rispetto alla campagna precedente, il mercato dello spot è stato in linea con quello dell anno precedente solo per un brevissimo periodo; infatti registriamo sensibili aumenti a partire dai primi di maggio che ha toccato picchi molto elevati nel secondo semestre. Se da sempre nei periodi estivi si verificano dei fenomeni di forte aumento sia sul mercato nazionale che su quello estero, dovuti agli incrementi di domanda di caseari e di altri prodotti finiti, alla curva di lattazione delle bovine, etc., quest anno potremo descrivere l intensità di tale fenomeno definendolo un vero tsunami che ha generato una tangibile e consistente riduzione della marginalità aziendale per la difficoltà a trasferire con velocità detti aumenti sui prezzi di vendita. Stesso andamento si è registrato anche sul mercato della panna caratterizzato da un fenomeno ancora più sostenuto di quanto rilevato per il latte spot. Per quanto riguarda il prezzo riconosciuto dalla Cooperlat ai propri soci per i conferimenti di latte bovino crudo alla stalla si ritiene che sia stato in linea con le migliori remunerazioni effettuate dai principali soggetti del settore. Si riporta di seguito una tabella predisposta sulla base dei prezzi medi mensili rilevati sul mercato italiano dalla C.C.I.A.A. di Lodi e da fonte CLAL. Prezzi Euro/1000 Litri medie elaborate sui dati Gennaio Prezzo latte alla stalla CLAL Prezzo spot latte crudo nazionale CLAL Prezzo spot latte pastorizzato tedesco CLAL Prezzo spot latte scremato tedesco CLAL Prezzo spot crema di latte (panna 40%) CLAL 400,00 418,80 399,50 262, ,00 Febbraio 400,00 415,00 396,90 275, ,00 Marzo 400,00 407, , ,00 9

10 Aprile 400,00 420,10 417,60 285, ,00 Maggio 400,00 434,30 438,20 285, ,00 Giugno 400,00 452,40 464,00 287, ,00 Luglio 400,00 466,50 480,70 302, ,00 Agosto 420,00 489,70 500,00 325, ,00 Settembre 420,00 505,20 518,10 337, ,00 Ottobre 420,00 518,90 532,70 342, ,00 Novembre 420,00 529,70 537,40 343, ,00 Dicembre 420,00 506,50 510,30 312, ,00 Media ,30 463,70 466,00 301, ,00 Media ,67 380,50 372,00 232, ,00 Delta % 2013/2012 6,15% +21,86% +25,27% +29,55% +25,79% Latte lavorato Nell esercizio 2013 sono stati lavorati presso gli stabilimenti di Jesi (AN), Badia Polesine (RO) e Ascoli Piceno, litri di latte e litri di panna con una riduzione della quantità di latte (-5,16%) dell esercizio 2012 pari a litri, mentre è in aumento la quantità di panna (+12,71%), rispetto ai di litri di panna lavorati nell anno precedente. Latte e Panna conferiti dai Soci I conferimenti di latte dei soci sono stati pari a litri per un valore complessivo di Euro ; nell esercizio precedente i conferimenti erano stati pari a litri per un valore di Euro Gli acquisti di latte e panna sul mercato sono stati pari a litri per un valore di Euro ; nell esercizio precedente gli acquisti erano stati pari a litri per un valore di Euro Nonostante i litri di latte e panna acquistati nel corso dell esercizio 2013 siano pressoché in linea rispetto a quelli dell esercizio precedente ( ) si evidenzia il notevole maggior costo sostenuto di Euro dovuto esclusivamente all andamento dei prezzi di acquisto della materia prima assolutamente fuori controllo. Il conferimento di latte e panna dei soci rispetto al totale del latte approvvigionato dalla società rappresenta a quantità il 59,78% in riduzione rispetto al 60,76% dell anno precedente per effetto dei maggiori approvvigionamenti effettuati sul mercato dello spot mentre a valore rappresenta il 52,85% rispetto al 59,03% dello scorso esercizio. L approvvigionamento totale di latte e panna è stato di litri per un valore complessivo di Euro Prodotti finiti conferiti dai Soci I prodotti finiti conferiti dai soci riguardano principalmente prodotti caseari quali mozzarelle e formaggi per un valore complessivo di Euro ed in linea rispetto a quello dell esercizio precedente ammontante ad Euro Inoltre la società ha acquistato prodotti finiti sul mercato per complessivi Euro , per sopperire alle necessità di completamento della gamma merceologica. Il mercato delle altre materie prime Le quotazioni delle altre materie prime, in genere non hanno subito variazioni di prezzo rilevanti; ad eccezione dei derivati del latte come le proteine e i caseinati che invece hanno seguito l andamento del 10

11 mercato latte, accumulando forti aumenti. Lo zucchero al contrario, ha evidenziato nell ultima parte dell anno una forte riduzione del prezzo. Il grasso vegetale ha mantenuto una certa stabilità di prezzo per tutto l anno recuperando ancora qualche punto percentuale rispetto al 2012, posizionandosi a livelli di mercato buoni. I costi degli imballi, dei contenitori e dei servizi, non hanno subito variazioni importanti, mantenendo nell'arco dell'anno una certa stabilità, comunque ad un livello medio per quanto riguarda gli imballi a base carta e medio/alto per i contenitori a base materie plastiche. Per quanto riguarda i costi energetici (energia elettrica e metano) l'anno 2013 non ha fatto riscontrare aumenti significativi; rispetto all'anno precedente; con un costo più basso all acquisto ma compensato dall incremento dei costi fissi (accise, trasmissioni, distribuzione e dispacciamento). In sintesi, tutto il comparto materie prime, ingredienti, additivi, imballi e servizi ha mantenuto un sostanziale equilibrio, ad accezione delle materie prime derivati dal latte (proteine del latte e caseinati) che invece hanno subito graduali aumenti per tutto l anno. Le produzioni La produzione diretta di Cooperlat viene effettuata presso gli stabilimenti di Jesi, Badia Polesine e Ascoli Piceno. Complessivamente presso i tre stabilimenti sono state prodotte n confezioni, rispetto a dell anno precedente, con un decremento del 2%. Dalla lavorazione del latte, panna ed altre materie sussidiarie, nei reparti produttivi dello stabilimento di Jesi sono state prodotte confezioni, rispetto a dell anno precedente, con un incremento di circa il 3%, relativo ai seguenti prodotti: latte uht, latte fresco pastorizzato e panna pastorizzata, panna da cucina, panna da montare, besciamella, budini, panna cotta, panna spray, oltre ad altri prodotti a base di grassi vegetali. Dalla lavorazione del latte e panna ed altre materie sussidiarie effettuate nello stabilimento di Badia Polesine sono state prodotte confezioni rispetto a dell anno precedente con un decremento di circa il 29%, relative ai seguenti prodotti: latte uht, panna da cucina, besciamella, yogurt. Dalla lavorazione del latte e panna ed altre materie sussidiarie effettuate nello stabilimento di Ascoli Piceno sono state prodotte confezioni rispetto a dell anno precedente con un decremento di circa il 2% esclusivamente di latte pastorizzato e panna pastorizzata. Il mercato ed i risultati In linea generale, il 2013 si è caratterizzato per il progressivo trasferimento sui listini di vendita degli eccezionali aumenti dei costi di approvvigionamento delle materie prime latte e panna animale subiti già negli ultimi mesi dell esercizio Il fatturato complessivo statistico della società sul mercato nazionale comprensivo del canale Conto Terzi e delle vendite Intercompany, neutralizzato dall effetto della decontribuzione di alcune scontistiche precedentemente riconosciute ai clienti della Grande Distribuzione Organizzata come premi di fine anno ha fatto registrare nel 2013 un tasso di crescita del 3,17% mentre i volumi sono calati del 2,07%. Significativo il risultato ottenuto in termine di prezzo medio aumentato del 5,35%. Mese Quantità KG/LT 2013 Quantità KG/LT 2012 Scostamento Scost % Prezzi Medi 2013 Prezzi Medi 2012 Scostamento Scost. % FATTURATO 2013 FATTURATO ,11 1,448 1,478-0,030-2, , ,13 1,501 1,462 0,039 2, , ,83 1,591 1,564 0,028 1, , ,30 1,577 1,567 0,010 0, ,95 Scost. Scost. % 11

12 ,39 1,604 1,538 0,066 4, , ,35 1,535 1,491 0,044 2, , ,06 1,540 1,478 0,062 4, , ,56 1,611 1,478 0,133 9, , ,38 1,563 1,436 0,127 8, , ,66 1,584 1,475 0,109 7, , ,03 1,669 1,490 0,179 12, , ,26 1,722 1,510 0,212 14, , ,07 1,579 1,499 0,080 5, ,17 L applicazione degli sconti precedentemente riconosciuti ai clienti della Grande Distribuzione Organizzata come premi di fine anno, conseguentemente alla richiesta da parte dei clienti stessi in fase di rinnovo del contratto di riconoscere tali sconti direttamente in fattura, ha comportato una de-contribuzione in fattura di circa 8,5 milioni di Euro rispetto ai 2,8 milioni di Euro già riconosciuti nel corso dell esercizio A supporto di quanto sopra indicato si riportano di seguito alcune tabelle di sintesi esplicative dell andamento statistico delle vendite ai clienti dei soli prodotti finiti, determinato al netto di sconti, di resi commerciali, omaggi e sconti merce limitatamente al mercato della società Cooperlat nell esercizio 2013 e confrontate con quelle dell esercizio precedente per famiglie di prodotti e per aree geografiche Famiglie Prodotti Volumi 2013 LT-KG/1000 Fatturato 2013 Euro/1000 Incidenza sul Fatturato totale % Variazione % Volumi 2013/2012 Variazione % Fatturato 2013/2012 Latte UHT ,8% -8,4% -3,1% Prodotti Freschi ,3% -1,0% -1,2% Caseari ,2% 2,6% 0,8% Prodotti Speciali ,2% 4,9% 2,2% Commercializzati ,5% 8,1% 9,2% Totale ,0% -2,1% 0,4% Aree Geografiche Area Nielsen Fatturato 2013 Euro/1000 Incidenza sul Fatturato totale % Variazione % Volumi 2013/2012 Variazione % Fatturato 2013/2012 Italia Area 1 N/O ,9% -9,0% 1,4% Area 2 N/E ,2% -4,5% 1,5% Area 3 Centro ,6% -2,1% -1,2% Area 4 Sud ,1% -3,2% -0,5% Estero ,1% 5,6% 4,3% Totale ,0% -2,1% 0,4% Mercato Italia Le vendite sul mercato nazionale hanno risentito anche nel corso del 2013 della situazione negativa già rilevata nel 2012 dove la situazione economica generale in Italia ha fatto registrare solamente dati non positivi: i consumi pro-capite, il reddito disponibile delle famiglie, la composizione della spesa, tutti indicatori già preoccupanti negli esercizi scorsi che sono ulteriormente peggiorati. La nostra strategia di vendita nel 2013, in questo panorama tormentato, è stata mirata ad aumentare la distribuzione ponderata dei nostri prodotti sul canale della GDO, cercando nel contempo di massimizzare l efficacia promozionale, per sostenere i volumi delle famiglie prodotto principali che potevano registrare margini di contribuzione positivi (latte e panna pastorizzati, panna cucina, prodotti a base vegetale). Gli obiettivi di distribuzione prefissati nel corso dell anno sono stati quasi del tutto raggiunti: sono ormai pochissimi i clienti della GDO che non trattano almeno un prodotto Cooperlat; gli effetti si vedono sui trend dei volumi in particolare delle aree 1 e 2, aree dove principalmente si concentra questa tipologia di clienti. 12

13 Nel secondo semestre dell anno continuando la crescita dei costi di approvvigionamento della materia prima latte che ha raggiunto sui mercati internazionali dei livelli di prezzo assolutamente da record, la società ha ritenuto strategico diminuire in modo significativo le vendite del latte UHT, prodotto prevalentemente a bassa marginalità rinunciando a quasi 3,8 milioni di litri. Questa decisone, penalizzante dal punto di vista industriale, ha portato benefici in termini economici in quanto essendo vendite a bassa marginalità e con il prezzo della materia prima a livelli alti, avrebbero eroso risorse all azienda. Per quanto riguarda i prodotti a base vegetale, gli stessi hanno chiuso il 2013 in crescita con un tasso di incremento del 6,5% a valore e del 3% a volume. Il buon risultato ottenuto è stato realizzato grazie alla riconosciuta qualità da parte dei consumatori dei prodotti a marchio Hoplà nonché alle difficoltà fatte registrare da aziende concorrenti che hanno lasciato spazi liberi sia sul mercato della Panna Vegetale da montare, sia su quello dei prodotti spray. Altro obiettivo primario perseguito è stato quello di ricercare nuove aree di potenziale sviluppo sul canale della tentata vendita, zone confinanti con quelle attualmente ritenute strategiche e di influenza sulla fascia adriatica, con l obiettivo di allargare la nostra presenza nel Normal Trade con i prodotti freschi. Grazie a questo sforzo ed ai risultati positivi conseguenti al supporto di Trade Marketing nei punti vendita siamo riusciti a contenere la riduzione dei volumi in un settore che ha sofferto e soffre moltissimo la crisi economica. Siamo infatti consapevoli che questo canale distributivo rimane un canale per noi molto importante in quanto, oltre ad essere un punto di forza dell attività di Cooperlat sul territorio, ci permette di differenziare il nostro rischio, in un mercato ormai molto competitivo in cui la Grande Distribuzione è sempre più forte e concentrata. Nell ambito dei canali catering e ingrosso si è cercato di sfruttare il rinnovato portafoglio dei prodotti vegetali per cogliere nuove opportunità. La competizione in questi canali è molto aumentata, a causa dell ingresso sul mercato italiano di aziende europee prima poco presenti. Motivo di preoccupazione è la difficoltà a far rispettare i termini di pagamento: la stretta sul credito bancario e le nuove leggi, più restrittive, sui pagamenti dei prodotti alimentari hanno creato diverse situazioni di tensione e occorre essere sempre più cauti nella gestione degli affidamenti. Il rapporto con i clienti della GDO è stato come sempre conflittuale, data la nostra esigenza di ritoccare i listini di vendita, oltre che per coprire la forte impennata degli aumenti dei costi delle materie prime, anche per far fronte alla ormai prassi costante e categorica richiesta di incrementi annuali delle incidenze dei premi e contributi nonchè degli sconti promozionali. Gli obiettivi sono però stati raggiunti riuscendo ad ottenere il riconoscimento di due aumenti di Listino durante l anno. A seguito della problematica relativa all attuazione dell art.62, ciò che già era iniziato nel corso dell esercizio 2012, si è accentuato nel Questa legge infatti, introdotta allo scopo di tutelare le aziende produttrici nel rispetto delle condizioni di pagamento da parte dei clienti, ha comportato che un numero sempre maggiore di centrali d acquisto abbia impostato le trattative per il rinnovo delle condizioni contrattuali del 2013 in modo da farsi riconoscere già in fattura la liquidazione dei premi di fine anno. Nel corso del 2013 è proseguito il piano di formazione dei manager delle vendite, in collaborazione con società di consulenza esterne, con l obiettivo di aumentare efficacia ed efficienza delle attività dei manager di vendita e dei loro team di collaboratori sul territorio. In sintesi il fatturato distinto per canale ha registrato il seguente andamento: Mercato Italia Canali distributivi Fatturato 2013 Euro/1000 Incidenza sul Fatturato totale % Variazione % Volumi 2013/2012 Variazione % Fatturato 2013/2012 Italia GD/DO ,1% -2,2% -1,8% Mercato estero Catering/Ingrosso ,4% -5,4% 4,6% Normal Trade ,7% -2,4% 1,4% Conto Terzi/Industria ,3% -23,6% -24,5% Controllate/Altri ,6% -5,9% 9,5% Totale ,0% -3,6% -0,3% 13

14 Nell anno 2013 l export di Cooperlat ha conseguito un miglioramento rispetto all anno precedente; nelle famiglie principali, i dati di chiusura dell esercizio economico registrano segni positivi sia in termini di quantità e sia in termini di valore, fatta eccezione della famiglia Besciamella. Le quantità vendute si sono incrementate di KG/LT con una variazione percentuale del +5,58 % rispetto all anno precedente; stessa tendenza anche in termini di fatturato che è salito a 33,6 milioni con una variazione percentuale altrettanto positiva del +4,30 % rispetto all esercizio scorso. Relativamente ai mercati, il mercato Europa si conferma quello di maggior fatturato anche se ha fatto registrare un calo attorno all 8% rispetto all anno precedente. I mercati Extra UE, non esenti comunque dalla crisi economica che attanaglia il vecchio continente, hanno invece fatto registrare evidenti incrementi positivi sia in termini di volumi (+26% circa) sia in termini di fatturato (+19% circa), portando l area Extra UE ad avere un importanza per Cooperlat quasi uguale rispetto all Europa. Le aree che hanno maggiormente contribuito sono quelle del Medio ed Estremo Oriente e del Nord Africa, mercati nei quali da anni registriamo costanti trend positivi. In particolare da evidenziare i quantitativi venduti in Turchia Lt/Kg (+60%), quelli venduti in Arabia Saudita Lt/Kg (+30%) e quelli nella Corea del Sud Lt/Kg (+17%). La continue speculazioni del mercato delle materie prime e conseguente fluttuazione sistematica dei prezzi purtroppo non hanno certamente facilitato nuove opportunità commerciali, soprattutto in Europa. Pur tuttavia la fidelizzazione ormai consolidata con i clienti storici, ha permesso di contenere ed in alcuni casi anche di incrementare quantità e fatturati, limitatamente ad alcune tipologie di prodotti, soprattutto fuori dall Europa. I rapporti di collaborazione già esistenti con le multinazionali del settore alimentare quali Unilever, Emmi Svizzera, proseguono consolidandosi nel tempo; in alcuni casi, come per Unilever si stanno definendo nuovi progetti e nuovi prodotti per bilanciare le difficoltà riscontrate con la Besciamella, prodotto che sta vivendo un momento generale di crisi sui mercati. I risultati positivi nei mercati Extra Ue ci fanno ben sperare sulla possibilità di inserire nuovi prodotti in completamento della nostra gamma soprattutto per il canale professionale delle pasticcerie in cui abbiamo ancora enormi margini di crescita. L andamento del fatturato estero è, in sintesi, riepilogato nella tabella che segue: Mercato Estero Volumi 2013 LT-KG/1000 Fatturato 2013 Euro/1000 Incidenza sul Fatturato totale % Variazione % Volumi 2013/2012 Variazione % Fatturato 2013/2012 Paesi U.E ,7% -8,3% -5,0% Paesi Extra U.E ,3% 25,9% 19,0% Il Personale dipendente Totale ,0% 5,6% 4,3% Il personale dipendente, al , conta nr. 317 unità, così composte: nr. 243 uomini (77%) e nr. 74 donne (23%). Il numero dei lavoratori è sensibilmente variato (in diminuzione di nr. 17 unità) rispetto allo scorso anno; la diversa distribuzione è essenzialmente dettata dal differente impiego dei lavoratori stagionali, dalla cessazione - per pensionamento - di alcuni rapporti, non seguita da sostituzione, e dalla chiusura del deposito di Lanciano. Le qualifiche contrattuali sono così ripartite: - nr. 6 Dirigenti; - nr. 22 Quadri, di cui nr. 0 donne (0%); - nr. 137 Impiegati, di cui nr. 60 donne (43,79%); - nr. 152 Operai, di cui nr. 14 donne (9,21%). 14

15 Presso la sede di Jesi risultano occupati nr. 211 addetti; nr. 31 sono i lavoratori dello stabilimento di Badia Polesine e nr. 34 quelli del sito di Ascoli Piceno. I restanti dipendenti prestano la loro attività all interno dei depositi ubicati nelle regioni del centro-nord, come di seguito specificato: nr. 16 in Abruzzo, nr. 16 nelle Marche e nr. 9 in altra sede del Veneto. Il 99% dell organico aziendale è assunto a tempo indeterminato; nella restante quota parte dei casi, si è fatto ricorso al contratto di lavoro a termine per esigenze sostitutive di personale temporaneamente assente per maternità, ovvero per far fronte a picchi di attività produttiva stagionale. Il contratto di lavoro part-time è utilizzato dal 12,16% del personale femminile (2,84% sul totale dipendenti), per la conciliazione dei tempi di vita familiare e dei tempi di lavoro. Il 16,09% dell organico ha un età compresa tra i 30 ed i 40 anni (in diminuzione di ca. 3 punti percentuali rispetto al 2012), mentre è pari al 42,27% la quota degli addetti con età compresa tra i 41 ed i 50 anni. Significativa appare la percentuale degli ultra cinquantenni (38,80%, in aumento di 6 punti percentuali rispetto all anno precedente). Risulta altresì diminuita la presenza di giovani under 30 (2.84% vs 3,89% anno -1). L incidenza degli occupati, che hanno conseguito un titolo di studio superiore (diploma, laurea, master), risulta invariata rispetto all anno precedente (68,8%), e la scolarità media appare più alta - ed in aumento - tra le donne (oltre l 81% ha un titolo di studio superiore), rispetto agli uomini (65%). Investimenti e progetti Gli investimenti materiali Nell anno 2013 gli incrementi delle immobilizzazioni materiali riguardano i nuovi investimenti effettuati sullo stabilimento produttivo di Jesi ed ammontano a circa 1,9 milioni di Euro così suddivisi: Immobilizzazioni Acquisizioni dell esercizio Terreni e fabbricati Impianti e macchinari Attrezzature industriali e commerciali Altri beni Immobilizzazioni in corso ed acconti Le realizzazioni principali riguardano i reparti produttivi dello stabilimento di Jesi e tra i più significativi si vuole evidenziare: - ottimizzazione impianto di depurazione - nuovo impianto confezionamento bag in box - ottimizzazioni confezionamento prodotti speciali - nuovo impianto termico - attrezzature produttive e di laboratorio Gli investimenti immateriali Gli investimenti immateriali effettuati nel corso dell esercizio 2013 ammontano a circa 60 mila euro ed hanno riguardato principalmente lo sviluppo ed il miglioramento del software gestionale nonchè l acquisto di licenze d uso software. I sistemi informativi Tutte le attività ed i progetti svolti dai sistemi informativi nel 2013 hanno perseguito l obiettivo di creare procedure e supportare processi interfunzionali ad alto grado di automatismo, per rispondere alle esigenze aziendali di poter importare, esportare ed aggregare dati fra gestionali ed applicazioni diversi al fine di effettuare analisi veloci e puntuali, ma preservando la qualità, l attendibilità e la sicurezza del dato stesso. 15

16 Inoltre poter disporre di software gestionali e sistemi altamente integrati, sempre più performanti, sempre accessibili anche via internet, altamente affidabili ed auto-controllati è risultato un prerequisito fondamentale sia per raggiungere l obiettivo fissato, che per supportare l azienda nelle ristrutturazioni e razionalizzazioni logistiche. In particolare, per ciò che riguarda l infrastruttura, sono stati realizzati: l unificazione della rete di telecomunicazione per i servizi dati e voce (VOIP), che ha permesso all azienda di essere connessa in larga banda (300Mbps) direttamente alla dorsale internet tramite fibra ottica; la virtualizzazione di tutti i server cha permette molto velocemente, in meno di un ora di creare nuovi sistemi e postazioni di lavoro virtuali; ed inoltre la creazione di un App Store aziendale che consente di distribuire applicazioni e reports rendendoli fruibili via internet e configurando il datacenter aziendale come un moderno e tecnologicamente avanzato Privat Cloud. Nel settore software sono stati realizzati la gestione automatizzata delle pratiche legali; l integrazione del sistema delle note spese con la contabilità, l adeguamento del sistema di tracciabilità industriale per la rilevazione degli allergeni e per l etichettatura in linea. Infine con la implementazione di tutta la reportistica aziendale a supporto della forza vendite è stato completato il primo steep di un percorso pluriennale che porterà a strutturare nel nuovo sistema di Business Intelligence IBM Cognos dashboards di alta direzione e reports di conto economico del controllo di gestione. Il Controllo di Gestione In un contesto profondamente turbolento e di rara intensità sul fronte dei costi delle materie prime e della pressione competitiva, la minore capacità di lettura di scenari, fenomeni e andamenti e la tempestività delle decisioni hanno necessariamente ri-orientato nel corso dell anno 2013 priorità, strumenti e analisi del Controllo di Gestione. Un Controllo di Gestione che, nel suo ruolo di supporto al management e di business partner, è stato in prevalenza orientato alla pianificazione ex-ante oltre al controllo consuntivo, alla definizione di target aziendali per una più efficace coesione agli obiettivi di risultato pianificato, alla predisposizione di strumenti e modelli di simulazione che costringano a proiettarsi avanti anche oltre l anno in corso, in una prospettiva più strategica. Più nello specifico, quattro sono le direttrici principali su cui si è concentrata l attività dell Area Pianificazione e Controllo: - la rivalutazione degli strumenti del Budget e del Rolling Forecast trimestrale, che hanno avuto un ruolo importante nella difesa delle marginalità aziendali, nell individuazione delle misure di contenimento dei costi fissi e nella reattività delle politiche commerciali sul fronte listini e mix di vendita; - la contaminazione della cultura del controllo e degli strumenti di Business Intelligence nell area Commerciale e Marketing, garantendo un bioritmo regolare del controllo e della visualizzazione della performance per orientare l azione commerciale; - l analisi per l implementazione di una metodologia di riduzione dei costi operativi (OCR), con progetto-pilota nello stabilimento di Jesi e in collaborazione con Tetrapack. L obiettivo è quello di andare a ridurre perdite, scarti, interruzioni, difetti e inefficienze varie di produzione per abbattere il costo unitario di prodotto. - il supporto alla definizione del Piano strategico-competitivo, in particolare nella prima fase di diagnostica della performance economica attuale e storica e di benchmark con altri concorrenti di settore. Di grande utilità anche nella definizione degli scenari strategici il consolidato patrimonio di informazioni e strumenti di profittabilità per prodotti, clienti, canali, mercati, aree geografiche, fino al massimo livello di dettaglio cliente/prodotto. La logistica distributiva Nel corso dell esercizio 2013, sono sono stati razionalizzati i giri di tentata vendita nei depositi di Corridonia, Ascoli e San Giovanni Teatino ridistribuendo le zone servite in ottica di riduzione dei costi distributivi. La preparazione e lo stoccaggio delle merci del deposito di Lanciano è stata spostata presso il deposito di San Giovanni Teatino trasformando il sito di Lanciano in transit point. 16

17 Sono state avviate nuove linee di primaria dedicate sia per la distribuzione oggi per domani sui depositi Cooperlat delle nuove referenze del latte ESL e per la distribuzione delle mozzarelle in tentata vendita in partenza dallo stabilimento di Amandola (FM) per il mercato piemontese gestito dalla controllata ABIT PIEMONTE conseguentemente la chiusura del reparto caseificio nello stabilimento di Grugliasco (TO). Negli ultimi mesi dell anno si è provveduto a modificare la distribuzione nell area del Nord-Ovest trasferendo la piattaforma distributiva di Torino nel transit point di Carpiano (MI). Tale modifica organizzativa ha permesso di ottenere una riduzione sui costi di consegna. Analisi dell andamento della gestione e dei risultati Risultato di gestione aziendale Il risultato di gestione di Cooperlat al 31 dicembre 2013 presenta una perdita netta di Euro per effetto esclusivamente dell operazione straordinaria di svalutazione della partecipazione detenuta dalla società nel consorzio Abit Piemonte e dopo aver accantonato le imposte dell esercizio. Il risultato tiene conto di un prezzo base medio liquidato ai soci sui conferimenti, con il sistema di acconto e saldo pari ad euro 397,5 oltre IVA ogni 1000 litri a cui vanno aggiunti i premi qualità, la raccolta, la concentrazione ed i trasporti oltre ad aver riconosciuto ai soci che operano negli hinterland degli stabilimenti, un premio integrativo di euro 10,00 oltre IVA ogni 1000 litri. L incremento rispetto al prezzo liquidato nell esercizio precedente è pari al 6%. Principali dati economici Il conto economico riclassificato a valore aggiunto della società confrontato con quello degli esercizi precedenti è il seguente (in Euro): 31/12/ /12/ /12/2011 Valore % Valore % Valore % Ricavi netti , , ,00 Proventi diversi , , ,07 Costi esterni , , ,36 Valore aggiunto , , ,71 Costo lavoro , , ,40 Margine operativo lordo , , ,31 (EBITDA) Ammortamenti, svalutazioni e altri , , ,14 accantonamenti Reddito operativo (EBIT) , , ,17 Proventi finanziari , , ,23 Oneri finanziari , , ,08 Reddito di competenza , , ,68 Proventi straordinari e rivalutazioni , , ,90 Oneri straordinari e svalutazioni , , ,02 Reddito ante imposte , , ,20 Imposte , , ,13 Reddito (perdita) netta , , ,06 I ricavi netti delle vendite sono aumentati passando da 195 milioni di euro a 198 milioni di euro per effetto degli aumenti apportati ai listini di vendita conseguentemente al forte ed imprevedibile maggior costo sostenuto per l approvvigionamento della materia prima latte e panna. I costi della produzione ammontano complessivamente a 198,5 milioni rispetto a 195 milioni di euro dell esercizio precedente e si sono incrementi del 1,8%. 17

18 I costi per materie prime, sussidiarie, di consumo e merci, ammontano complessivamente a milioni 134,2 di euro incrementandosi rispetto a quelli dell esercizio precedente che ammontavano a 126,4 milioni, con un aumento del 6,2% dovuto quasi esclusivamente per le motivazioni sopra riportate. I costi dei servizi ammontano complessivamente a 41,6 milioni di euro rispetto a 43,9 milioni di euro con un decremento del 5,2% sull esercizio precedente. I canoni per locazioni industriali, EDP, autovetture, automezzi ed affitti passivi ammontano a 4,1 milioni di euro e pressoché in linea con quelli dell anno precedente ammontanti 4,2 milioni di euro. Il costo del lavoro ammonta complessivamente a 13,9 milioni di euro a fronte di un costo di 14,3 milioni di euro dell anno precedente con una riduzione del 2,8%. Gli ammortamenti materiali ed immateriali e la svalutazione dei crediti ammontano a 5,2 milioni di euro di cui 0,9 milioni per ammortamento immobilizzazioni immateriali, 3,2 milioni per ammortamento immobilizzazioni materiali, 1,1 milioni per svalutazione crediti, risultando essere in diminuzione rispetto all esercizio precedente del 2,1%. Gli oneri finanziari che per somma algebrica tra proventi ed oneri ammontano a 1,8 milioni di euro sono in aumento rispetto all anno precedente. Tale aumento è da ricondurre principalmente ai minori proventi derivanti dalle partecipazioni 0,1 milioni nel 2013 rispetto a 0,4 milioni nel 2012 ed ai minori interessi maturati a fronte delle liquidazioni dei rimborsi IVA da parte dell Erario di contro la riduzione degli oneri dovuti principalmente al minor indebitamento nei confronti del sistema bancario da parte della società. La voce proventi straordinari ammonta a circa 0,3 milioni di euro, comprende sopravvenienze attive quali incassi per ripartizione finale fallimenti ed altre sopravvenienze oltre ai risarcimenti assicurativi. Nella voce Oneri straordinari e svalutazioni, come già indicato in precedenza, l importo più significativo è rappresentato dalla svalutazione della partecipazione che la società detiene nel consorzio Abit Piemonte per adeguare la partecipazione al valore del patrimonio netto di competenza della società. Per l esposizione dei criteri adottati nella redazione del bilancio e per un analisi più dettagliata delle singole voci si rimanda a quanto esposto nella nota integrativa. Indicatori economici A miglior descrizione della situazione si riportano gli indici di bilancio 2013 maggiormente significativi confrontati con quelli dei bilanci 2012 e ROE (Return On Equity), è il rapporto tra il reddito netto ed il patrimonio netto comprensivo dell utile o della perdita dell esercizio dell azienda, esprime in misura sintetica la redditività e la remunerazione del capitale proprio. ROI (Return On Investment), è il rapporto tra il reddito operativo e il totale dell attivo, esprime la redditività caratteristica del capitale investito, ove per redditività caratteristica si intende quella al lordo della gestione finanziaria, delle poste straordinarie e della pressione fiscale. ROS (Return On Sale), è il rapporto tra la differenza tra valore e costi della produzione e i ricavi delle vendite, esprime la capacità dell azienda di produrre profitto dalle vendite. 31/12/ /12/ /12/2011 ROE 0,00 0,00 0,00 ROI 0,01 0,01 0,00 ROS 0,01 0,01 0,00 Gli indici economici di redditività nell esercizio 2013, sono invariati rispetto a quelli dell esercizio 2012 e, nella loro lettura, occorre tenere presente la particolarità dell impresa cooperativa che ha come missione prioritaria la remunerazione ottimale del prodotto conferito dai soci e non la remunerazione del capitale. EBITDA (Earnings Before Interest, Tax, Depreciation and Amortization), indica il risultato operativo al lordo degli ammortamenti e delle svalutazioni, esprime il risultato prima degli ammortamenti e delle svalutazioni, degli interessi, dei componenti straordinari e delle imposte. 18

19 EBIT (Earnings Before Interest and Tax), indica il risultato operativo al netto degli ammortamenti e delle svalutazioni, prima degli interessi, dei componenti straordinari e delle imposte, esprime il risultato prima degli interessi, dei componenti straordinari e delle imposte. Il margine operativo lordo (EBITDA) ed il reddito operativo (EBIT), espressi in rapporto ai ricavi netti dell esercizio, rappresentano il segno positivo e sono in miglioramento rispetto all esercizio precedente. 31/12/ /12/ /12/2011 EBIT DA / RICAVI NETTI 0,04 0,04 0,03 EBIT / RICAVI NETTI 0,01 0,01 0,00 Principali dati patrimoniali Lo stato patrimoniale riclassificato della società, confrontato con quello degli esercizi precedenti, è il seguente (in Euro): ATTIVO 31/12/ /12/ /12/2011 Attività disponibili Liquidità immediate Liquidità differite Rimanenze finali Attività fisse Immobilizzazioni immateriali Immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni finanziarie Capitale investito PASSIVO 31/12/ /12/ /12/2011 Debiti a breve Debiti a medio/lungo Mezzi propri Fonti del capitale investito Dallo stato patrimoniale riclassificato emerge la solidità patrimoniale della società. Indicatori patrimoniali A migliore descrizione della situazione finanziaria si riportano nella tabella sottostante alcuni indici di bilancio, confrontati con gli stessi indici relativi ai bilanci degli esercizi precedenti. Principali dati finanziari La posizione finanziaria netta al 31/12/2013 é la seguente (in Euro): 19

20 31/12/ /12/2012 Variazione Depositi bancari Denaro e altri valori in cassa ( ) Azioni proprie Disponibilità liquide ed azioni proprie Attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni Obbligazioni e obbligazioni convertibili (entro 12 mesi) Debiti verso soci per finanziamento (entro 12 mesi) Debiti verso banche (entro 12 mesi) Debiti verso altri finanziatori (entro 12 mesi) Anticipazioni per pagamenti esteri Quota a breve di finanziamenti ( ) Crediti finanziari (35.983) (47.799) Debiti finanziari a breve termine Posizione finanziaria netta a breve termine ( ) ( ) ( ) Obbligazioni e obbligazioni convertibili (oltre 12 mesi) Debiti verso soci per finanziamento (oltre 12 mesi) Debiti verso banche (oltre 12 mesi) Debiti verso altri finanziatori (oltre 12 mesi) Anticipazioni per pagamenti esteri Quota a lungo di finanziamenti ( ) Crediti finanziari ( ) ( ) Posizione finanziaria netta a medio e lungo termine ( ) ( ) Posizione finanziaria netta ( ) ( ) L indebitamento finanziario netto alla fine del periodo è di circa 54 milioni di euro, contro i circa 58 milioni dell esercizio precedente; nonostante il perdurare dei ritardati incassi dei crediti tributari (rimborsi IVA) va evidenziato il miglioramento della posizione finanziaria netta determinata principalmente dal cash-flow aziendale e dai flussi di cassa. Indicatori finanziari A migliore descrizione della situazione finanziaria si riportano nella tabella sottostante alcuni indici di bilancio, confrontati con gli stessi indici relativi ai bilanci degli esercizi precedenti. 31/12/ /12/ /12/2011 Liquidità primaria 0,85 0,92 0,93 Liquidità secondaria 1,00 1,05 1,05 Indebitamento 2,28 2,24 2,28 Tasso copertura degli immobilizzi 0,98 1,02 1,03 L indice di liquidità primaria 0,85 evidenzia una situazione finanziaria della società da considerarsi abbastanza buona. L indice di liquidità secondaria 1,00 evidenzia che il valore assunto dal capitale circolante netto è da ritenersi soddisfacente in relazione all'ammontare dei debiti correnti. 20

21 L indice di indebitamento 2,28 evidenzia che l'ammontare dei debiti ha dimensioni significative in funzione dei mezzi propri esistenti. Rispetto all anno precedente l indice è aumentato. Il tasso di copertura degli immobilizzi 0,98 evidenzia che conseguentemente alla riduzione dei mezzi propri ed all accensione di finanziamenti a medio/lungo termine non significativi, la situazione è leggermente peggiorata. Principali indicatori non finanziari Nelle tabelle che seguono si riportano alcuni indicatori di carattere non finanziario. Indicatori di rotazione (in giorni) 31/12/ /12/ /12/2011 Rotazione delle rimanenze 33, ,10 Rotazione dei crediti 105,78 105,81 110,68 Rotazione dei debiti verso fornitori 70,84 75,77 78,97 Indicatori di produttività 31/12/ /12/ /12/2011 Ricavi per dipendente Euro Numero dipendenti Informazioni relative all ambiente Protezione dell ambiente - Autorizzazione Integrata Ambientale Nell anno 2013 lo stabilimento di Jesi ha proseguito l impegno per mantenere attiva la certificazione Ambientale ISO 14001:2004. L audit di mantenimento effettuato nel dicembre 2013 è stato superato brillantemente. Inoltre lo stabilimento continua a mantenere attiva l Autorizzazione Integrata Ambientale rilasciata dalla Regione Marche che è partner dell azienda nell attività di gestione e tutela dell ambiente. L Autorizzazione Integrata Ambientale costituisce un unica autorizzazione che tiene conto di tutti i possibili impatti ambientali di un impresa nei diversi comparti (aria, acqua e suolo). L autorizzazione integrata consente di evitare che per ridurre l impatto di un azienda in un comparto, si prescrivano soluzioni che conducano al peggioramento di un altro; essa individua le migliori tecnologie per ridurre globalmente l inquinamento. Per quanto sopra è stato installato un sistema di monitoraggio in continuo delle emissioni in atmosfera riguardanti il camino E2 della centrale termica come previsto da detta Autorizzazione e sono continuati i monitoraggi programmati del camino E27 della stazione di saldatura. I valori delle emissioni di entrambi i camini sono risultati ampiamente entro i valori di legge. Al fine di evitare possibili contaminazioni al terreno sono state predisposte delle vasche di raccolta di sicurezza in polietilene per lo stoccaggio di contenitori, fusti, contenenti prodotti chimici. Sono state individuate e segnalate delle aree per la raccolta delle diverse tipologie di rifiuti e per quanto concerne lo smaltimento del cartone, della plastica e degli scarti di produzione la società si è dotata di container compattatori automatici. Sono regolarmente proseguiti i monitoraggi all impianto fognario per la raccolta delle acque industriali e quello delle acque reflue; e sempre per le acque reflue è stato potenziato l impianto di depurazione con interventi di carattere tecnico atti a garantire maggiore capacità ed efficacia di trattamento. Altre informazioni relative al personale Nel corso dell esercizio non si sono verificati significativi infortuni sul lavoro, che hanno comportato lesioni gravi o gravissime al personale dipendente. Parimenti, nel corso del 2013, non si sono registrati addebiti in ordine a malattie professionali, per dipendenti o ex dipendenti, né sono stati riscontrati episodi e/o denunce per mobbing. 21

ANNUAL REPORT 2014 PROMUOVERE L IMMAGINAZIONE E LA CREATIVITA. Cooperlat Soc. Coop. Agricola Sede Jesi (An) Via Piandelmedico n.

ANNUAL REPORT 2014 PROMUOVERE L IMMAGINAZIONE E LA CREATIVITA. Cooperlat Soc. Coop. Agricola Sede Jesi (An) Via Piandelmedico n. ANNUAL REPORT 2014 PROMUOVERE L IMMAGINAZIONE E LA CREATIVITA Cooperlat Soc. Coop. Agricola Sede Jesi (An) Via Piandelmedico n. 74 Tel. 0731/2381 fax 0731/205455 www.trevalli.cooperlat.it e-mail: trevalli@trevalli.cooperlat.it

Dettagli

Progetto di Bilancio 2004

Progetto di Bilancio 2004 Progetto di Bilancio 2004 Magenta, 30 marzo 2005 Esercizio 2004 Dati consolidati Ricavi netti: 471 milioni di euro, rispetto ai 542 milioni di euro a fine 2003 (-13%). Margine operativo lordo: 45,2 milioni

Dettagli

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva la relazione al 30 giugno 2009 SOGEFI: RISULTATI SEMESTRALI IN CALO PER LA MINORE PRODUZIONE DI AUTO, RICAVI E MARGINI IN RIPRESA NEL SECONDO TRIMESTRE

Dettagli

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003

RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2003 RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DEL PRIMO TRIMESTRE 2003 Scenario economico La crescita dell economia

Dettagli

FAR.COM. SRL. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2011

FAR.COM. SRL. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2011 FAR.COM. SRL Reg. Imp.04146750965 Rea 1729051 Sede in VIA MARTIRI DELLA LIBERTA', 18-20066 MELZO (MI) Capitale sociale Euro 130.000,00 i.v. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2011 Signori Soci

Dettagli

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA

L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA E x e c u t i v e s u m m a r y L INDUSTRIA DELL OLIO DI OLIVA La fotografia La rilevanza del comparto. L industria dell olio di oliva in senso stretto contribuisce per il 3,5% al fatturato complessivo

Dettagli

Se non diversamente segnalato, i seguenti commenti si riferiscono ai valori totali, incluse le attività cessate in Germania.

Se non diversamente segnalato, i seguenti commenti si riferiscono ai valori totali, incluse le attività cessate in Germania. Esercizio 2010 La relazione orale vale Forte redditività operativa - utile netto inferiore Relazione di Beat Grossenbacher, Direttore Finanze e Servizi, in occasione della conferenza annuale con i media

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009

RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 30 SETTEMBRE 2009 Filatura di Pollone S.p.A. Sede in Pollone (BI), Via A. Botto n. 29 Capitale sociale: Euro 5.538.000,00 i.v. N.ro Reg. Imprese e Codice Fiscale 81020000022

Dettagli

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015

L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 2014 E PRIMO TRIMESTRE 2015 L ANDAMENTO DEL SETTORE IN SINTESI CONSUNTIVO 201 E PRIMO TRIMESTRE 201 1 FOCUS CONSUNTIVO 201 Il 201 si è chiuso con un bilancio complessivamente soddisfacente: il quadro di sintesi riferito agli indicatori

Dettagli

INDICI DI BILANCIO. Lo stato patrimoniale, riclassificato, assume la forma che schematizziamo di seguito:

INDICI DI BILANCIO. Lo stato patrimoniale, riclassificato, assume la forma che schematizziamo di seguito: INDICI DI BILANCIO L analisi per indici del bilancio consiste nel calcolare, partendo dai dati dello Stato patrimoniale e del Conto economico, opportunamente revisionati e riclassificati, indici (quozienti,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015

COMUNICATO STAMPA. De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Treviso, 31 luglio 2015 COMUNICATO STAMPA De Longhi S.p.A.: RISULTATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 Il Consiglio di Amministrazione di De Longhi S.p.A. ha approvato i risultati consolidati del primo semestre

Dettagli

NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE. Dott. Fabio CIGNA

NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE. Dott. Fabio CIGNA NUOVA RELAZIONE SULLA GESTIONE INDICATORI FINANZIARI DI RISULTATO Dott. Fabio CIGNA Gli indicatori di risultato finanziari: Stato Patrimoniale e Conto Economico riclassificati Analisi degli indicatori

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili

Cembre SpA. Relazione trimestrale consolidata al 30 settembre 2002. Prospetti contabili Cembre SpA Sede in Brescia - via Serenissima, 9 Capitale sociale euro 8.840.000 interamente versato Iscritta al Registro delle Imprese di Brescia al n.00541390175 Relazione trimestrale consolidata al 30

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione

Dettagli

Comunicato Stampa 13 novembre 2014

Comunicato Stampa 13 novembre 2014 Landi Renzo: ricavi, marginalità e flussi finanziari di cassa in miglioramento al 30 settembre 2014; il terzo trimestre conferma il trend di crescita di fatturato e utile Fatturato pari a Euro 173,9 mln,

Dettagli

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Esame di Stato anno scolastico 2014/2015 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del 1 trimestre 2004 Ruud Huisman CEO del Gruppo 267,1 milioni di Euro di ricavi, in crescita del 26% rispetto al primo trimestre 2003 Crescita

Dettagli

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea tema 14 Controllo di gestione; costi di produzione per commessa. Bilancio con dati a scelta, budget e Nota integrativa. Analisi di bilancio per indici. Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo

Dettagli

Comunicato Stampa 12 novembre 2015

Comunicato Stampa 12 novembre 2015 Landi Renzo: il CDA approva i risultati al 30 settembre 2015 Fatturato pari a Euro 145,6 mln (Euro 173,9 mln al 30 settembre 2014) EBITDA pari a Euro 1,9 mln (Euro 14,1 mln al 30 settembre 2014) EBIT pari

Dettagli

Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia

Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia Il controllo del margine e del conto economico scalare della farmacia Dott. Michele Crippa Docente e Consulente di controllo di gestione economico/finanziaria della farmacia L evoluzione Decreto STORACE:

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

Gruppo Salini Costruttori TRIMESTRALE SETTEMBRE 2011

Gruppo Salini Costruttori TRIMESTRALE SETTEMBRE 2011 TRIMESTRALE SETTEMBRE 2011 Situazione Contabile Consolidata INDICE INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Cariche Sociali pag. 3 INFORMAZIONI SULLA GESTIONE Note di commento all andamento gestionale del trimestre

Dettagli

Obblighi informativi verso il pubblico previsti dalla delibera Consob n. 11971 del 14.05.1999 e successive modifiche www.gewiss.

Obblighi informativi verso il pubblico previsti dalla delibera Consob n. 11971 del 14.05.1999 e successive modifiche www.gewiss. COMUNICATO STAMPA del 09 maggio 2007 - Cenate Sotto (BG) Obblighi informativi verso il pubblico previsti dalla delibera Consob n. 11971 del 14.05.1999 e successive modifiche www.gewiss.com L Assemblea

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO I RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO TRIMESTRE GRUPPO ITALMOBILIARE: RICAVI: 1.386,4 MILIONI DI EURO (1.452,5 MILIONI NEL PRIMO TRIMESTRE

Dettagli

valori in milioni di Euro esercizio 2005 esercizio 2004 var. %

valori in milioni di Euro esercizio 2005 esercizio 2004 var. % Milano, 30 marzo 2006 TOD S S.p.A.: eccellenti risultati nell esercizio 2005 (Ricavi: +19,5%, EBITDA: +27%, EBIT: +34%, utile netto: +39%). Dividendo 2005: 1 Euro per azione, più che raddoppiato rispetto

Dettagli

Analisi di bilancio per indici

Analisi di bilancio per indici Analisi di bilancio per indici Al 31/12/n la Carrubba spa, svolgente attività industriale, presenta la seguente situazione contabile finale: SITUAZIONE PATRIMONIALE Software 20.000,00 Fondo ammortamento

Dettagli

IL BUDGET: STRUMENTO DI CONTROLLO DI GESTIONE

IL BUDGET: STRUMENTO DI CONTROLLO DI GESTIONE IL BUDGET: STRUMENTO DI CONTROLLO DI GESTIONE Dott.ssa Giovanna Castelli 1 Quanti si pongono queste domande: Quali sono i miei obiettivi di vendita? Li sto raggiungendo? Quali margini conseguo? I costi

Dettagli

Principali indici di bilancio

Principali indici di bilancio Principali indici di bilancio Descrizione Il processo di valutazione del merito creditizio tiene conto di una serie di indici economici e patrimoniali. L analisi deve sempre essere effettuata su un arco

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

Bolzoni SpA Relazione Trimestrale al 31.03.2008 Attività del Gruppo

Bolzoni SpA Relazione Trimestrale al 31.03.2008 Attività del Gruppo Attività del Gruppo Il Gruppo Bolzoni è attivo da oltre sessanta anni nella progettazione, produzione e commercializzazione di attrezzature per carrelli elevatori e per la movimentazione industriale. Lo

Dettagli

SANITASERVICE ASL TA S.R.L. UNIPERSONALE

SANITASERVICE ASL TA S.R.L. UNIPERSONALE SANITASERVICE ASL TA S.R.L. UNIPERSONALE VIALE VIRGILIO 31-74121 - TARANTO (TA) Codice fiscale: 02775310739 Capitale sociale sottoscritto Euro 100.000 parte versata Euro 100.000 Registro Imprese n 02775310739

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi tre mesi del 2013 Sant Elpidio a Mare, 14 maggio TOD S S.p.A. Forte crescita dei ricavi all estero (Cina: +55,4%, Americhe: +31%). Italia: -26,7%. Solida crescita nei DOS (+16,8%). Confermata l ottima redditività del Gruppo,

Dettagli

Milano, 30 marzo 2004

Milano, 30 marzo 2004 Milano, 30 marzo 2004 Gruppo TOD S: crescita del fatturato (+8.1% a cambi costanti). Continua la politica di forte sviluppo degli investimenti. 24 nuovi punti vendita nel 2003. TOD S Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Interpump Group: risultati del terzo trimestre 2003

COMUNICATO STAMPA. Interpump Group: risultati del terzo trimestre 2003 COMUNICATO STAMPA Interpump Group: risultati del terzo trimestre 2003 Ricavi netti: +1,3% a 106,7 milioni di euro Ricavi netti dei primi nove mesi 2003: +2,6% a 384,5 milioni di euro In ottobre la crescita

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A.

Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A. Comunicato stampa della Giorgio Fedon & Figli S.p.A. RAGIONE SOCIALE - SEDE LEGALE Giorgio Fedon & Figli S.p.A. Via dell Occhiale, 11 - Vallesella 32040 Domegge di Cadore (BL) Codice fiscale e Partita

Dettagli

Poligrafici Printing RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2010

Poligrafici Printing RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2010 Poligrafici Printing RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2010 18 CARICHE SOCIALI Consiglio di Amministrazione: (per l esercizio 2010) Presidente Consiglieri Giovanni TOSO Nicola NATALI Sergio VITELLI * *

Dettagli

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013)

Provincia dell Ogliastra Gestione Commissariale (L.R. n. 15 /2013) BANDO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA COLTIVAZIONE DEL CILIEGIO DOLCE E DEL MELO NELLA PROVINCIA DELL OGLIASTRA ALLEGATO A - PIANO DI SVILUPPO

Dettagli

RISULTATI CONSOLIDATI DEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015

RISULTATI CONSOLIDATI DEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 COMUNICATO STAMPA RISULTATI CONSOLIDATI DEI PRIMI NOVE MESI DEL 2015 VENDITE NETTE: 681,9 milioni (+33,7%) - 510,1 milioni nei primi nove mesi del 2014 EBITDA: 141,3 milioni (+33,7%) pari al 20,7% delle

Dettagli

Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016

Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016 Primi sui Motori: il CDA approva il bilancio 2013 e il Piano Industriale 2014-2016 Valore della produzione di Primi sui Motori SpA 2013 pari a Euro 11,5 milioni, +9,4% rispetto al 2012 (Euro 10,5 milioni)

Dettagli

TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria.

TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria. Milano, 14 maggio TOD S S.p.A. continua lo sviluppo internazionale del Gruppo. Rafforzata la posizione finanziaria. Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del

Dettagli

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3%

TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Milano, 11 novembre 2015 TOD S S.p.A. crescita dei ricavi del 6,2% nei primi nove mesi del 2015 con margine EBITDA del 20,3% Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione

Dettagli

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale MODULO PER LA VALUTAZIONE DELLE IMPRESE DI RECENTE COSTITUZIONE PER FINANZIAMENTI DI IMPORTO SUPERIORE A 50.000,00 EURO (importi in migliaia di Euro) Immobilizzazioni Rimanenze Disponibilità Bilanci previsionali

Dettagli

Comunicato Stampa. PP ha chiuso la situazione al 31 marzo 2012 con una perdita, contabilizzata secondo i principi contabili

Comunicato Stampa. PP ha chiuso la situazione al 31 marzo 2012 con una perdita, contabilizzata secondo i principi contabili Comunicato Stampa Si è riunito oggi, 24 maggio 2012 a Bologna il Consiglio di Amministrazione di Poligrafici Printing S.p.A. per l approvazione della situazione trimestrale al 31 marzo 2012: Ricavi consolidati

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

SOSTE NIBILITÀ ECO NOMICA

SOSTE NIBILITÀ ECO NOMICA SOSTE NIBILITÀ ECO NOMICA Invio Codice di Condotta ai fornitori Ricaduta sul territorio: il 62% dei fornitori ha sede nel distretto della Concia di Arzignano 54% Circa il 54% dei fornitori è dotato di

Dettagli

C o s t r u z i o n i E l e t t r o m e c c a n i c h e B r e s c i a n e R E S O C O N T O I N T E R M E D I O D I G E S T I O N E

C o s t r u z i o n i E l e t t r o m e c c a n i c h e B r e s c i a n e R E S O C O N T O I N T E R M E D I O D I G E S T I O N E C o s t r u z i o n i E l e t t r o m e c c a n i c h e B r e s c i a n e R E S O C O N T O I N T E R M E D I O D I G E S T I O N E AL 31 MARZO 2015 Cembre S.p.A. Sede in Brescia - via Serenissima, 9 Capitale

Dettagli

Comunicato Stampa 12 novembre 2013

Comunicato Stampa 12 novembre 2013 Landi Renzo: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 30 settembre 2013. o Fatturato pari a 164,6 (203,4 milioni di euro al 30 settembre 2012) o EBITDA pari a 8,1 milioni di euro (23,7 milioni

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013

Approvato dal Consiglio di Amministrazione il Resoconto intermedio sulla gestione del Gruppo Tod s relativo ai primi nove mesi del 2013 Milano, 13 novembre 2013 TOD S S.p.A. Solida crescita dei ricavi all estero (Greater China: +28%, Americhe: +14%). Confermata l ottima redditività del Gruppo (margine Ebitda: 26,5%). Aumentate le disponibilità

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2014 ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO SPA Sede in VIALE TRIESTE 11-30020 ANNONE VENETO (VE) Capitale sociale Euro 7.993.843,00 i.v. Codice fiscale: 04046770279 Iscritta al Registro delle Imprese di Venezia

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA tecnica al Conto Economico ed allo Stato Patrimoniale

NOTA INTEGRATIVA tecnica al Conto Economico ed allo Stato Patrimoniale NOTA INTEGRATIVA tecnica al Conto Economico ed allo Stato Patrimoniale Premessa Come sottolineato in molti documenti contabili, il Comune è ente sperimentatore dei nuovi sistemi contabili ex Dlgs 118/2011.

Dettagli

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale

Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Esame di Stato 2014 Indirizzo Giuridico Economico Aziendale Svolgimento Tema di Economia aziendale a cura di Lucia Barale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013.

COMUNICATO STAMPA. NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013. COMUNICATO STAMPA NOEMALIFE: il CdA approva il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 marzo 2013. Ricavi Operativi Consolidati pari a 15,1 milioni di Euro, +10% rispetto al primo trimestre 2012. EBITDA*

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I DATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2008

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I DATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2008 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA I DATI PRELIMINARI AL 31 DICEMBRE 2008 Parmalat consegue un EBITDA di 330,5 milioni di euro al lordo delle differenze cambio e 316,3 milioni di

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 10 Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Antonia Mente COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Interpretare i sistemi aziendali nei loro

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

TERNA: 10 ANNI DI VALORE PER GLI AZIONISTI E PER LA CRESCITA DEL PAESE

TERNA: 10 ANNI DI VALORE PER GLI AZIONISTI E PER LA CRESCITA DEL PAESE TERNA: APPROVATI I RISULTATI AL 30 GIUGNO 2014 Ricavi a 950,4 milioni di euro (918,8 milioni nel 1H 2013, +3,4%) Ebitda a 753 milioni di euro (732,2 milioni nel 1H 2013, +2,8%) Utile netto a 274,5 milioni

Dettagli

Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI

Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI Comunicato stampa SEMESTRE RECORD PER INTERPUMP GROUP: RICAVI NETTI +35% A 434 MILIARDI L UTILE OPERATIVO CONSOLIDATO CRESCE DEL 29% A 78,1 MILIARDI FORTE CRESCITA DEL CASH FLOW OPERATIVO (+87%) A 74,3

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

TOD S S.p.A. Crescita dei ricavi e miglioramento della redditività nel secondo trimestre 2013 (ricavi: +8,4%, EBITDA: +15,9%)

TOD S S.p.A. Crescita dei ricavi e miglioramento della redditività nel secondo trimestre 2013 (ricavi: +8,4%, EBITDA: +15,9%) Sant Elpidio a Mare, 7 agosto 2013 TOD S S.p.A. Crescita dei ricavi e miglioramento della redditività nel secondo trimestre 2013 (ricavi: +8,4%, EBITDA: +15,9%) Approvata dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

L inquadramento teorico

L inquadramento teorico I preventivi economicofinanziari L inquadramento teorico Università di Pisa Le previsioni economiche: i ricavi di vendita Solitamente la prima variabile ad essere stimata corrisponde ai ricavi di vendita

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

Roberto Ciompi VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA. 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti alle banche.

Roberto Ciompi VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA. 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti alle banche. Roberto Ciompi VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti alle banche. 1 CIOMPI ROBERTO VUOI FINANZIARE LA TUA IMPRESA? 9+1 suggerimenti per richiedere i finanziamenti

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO 31.12.2003

ANALISI DI BILANCIO 31.12.2003 AZIENDA SPECIALE PLURISERVIZI Sede in VIA AURELIA SUD 278-55049 VIAREGGIO (LU) ANALISI DI BILANCIO 31.12.2003 Sintesi del bilancio (dati in Euro) Ricavi Netti 13.403.302 13.098.826 12.856.560 Margine operativo

Dettagli

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI

ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI ITALMOBILIARE SOCIETA PER AZIONI COMUNICATO STAMPA ESAMINATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE I RISULTATI AL 30 SETTEMBRE GRUPPO ITALMOBILIARE RICAVI: 4.908,1 MILIONI DI EURO (+5,4) UTILE NETTO TOTALE:

Dettagli

Il controllo di gestione negli impianti a biogas

Il controllo di gestione negli impianti a biogas Il controllo di gestione negli impianti a biogas C è bisogno del controllo di gestione? Gli impianti a biogas hanno un ciclo produttivo apparentemente semplice che sulla carta consente agevolmente di realizzare

Dettagli

I GRANDI VIAGGI Approvati i risultati del I semestre 2011 In miglioramento EBITDA ed EBIT nel primo semestre

I GRANDI VIAGGI Approvati i risultati del I semestre 2011 In miglioramento EBITDA ed EBIT nel primo semestre Comunicato Stampa I GRANDI VIAGGI Approvati i risultati del I semestre 2011 In miglioramento EBITDA ed EBIT nel primo semestre Ricavi a 24,5 milioni (26,3 mln nel 2010) EBITDA 1 a -2,3 milioni (-4,0 mln

Dettagli

e.biscom annuncia i risultati finanziari consolidati per l esercizio 2000

e.biscom annuncia i risultati finanziari consolidati per l esercizio 2000 e.biscom annuncia i risultati finanziari consolidati per l esercizio 2000 Esercizio chiuso con una posizione finanziaria netta positiva di 1,2 miliardi di Euro Ricavi consolidati per l anno 2000 di 42,4

Dettagli

31 dicembre 2015. Cash flow operativo 7.285 (826) Investimenti 4.733 5.462

31 dicembre 2015. Cash flow operativo 7.285 (826) Investimenti 4.733 5.462 Gefran, il CdA approva il progetto di bilancio al 31 dicembre 2015 Fatturato in diminuzione dell 11% rispetto al 2014. EBITDA a 5,8 milioni di Euro. EBIT negativo di 630 mila Euro. Posizione finanziaria

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 31/12/2011 31/12/2012 A ATTIVO Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti B Immobilizzazioni 274.850,12 204.984,48 I Immobilizzazioni immateriali II Immobilizzazioni

Dettagli

De Longhi S.p.A. Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010

De Longhi S.p.A. Resoconto intermedio di gestione al 31 marzo 2010 De Longhi S.p.A. Organi societari * Consiglio di amministrazione GIUSEPPE DE'LONGHI FABIO DE'LONGHI ALBERTO CLÒ ** RENATO CORRADA ** SILVIA DE'LONGHI CARLO GARAVAGLIA DARIO MELO GIORGIO SANDRI SILVIO SARTORI

Dettagli

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012

ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 ANDAMENTO ECONOMICO DEL SETTORE PELLETTERIA: PRE CONSUNTIVO 2012 Prosegue la corsa dell export di settore anche nella parte finale del 2012: + 21,8% nei primi 10 mesi dell anno. La conferma del dato a

Dettagli

Bilancio 2014 Car Server S.p.A.

Bilancio 2014 Car Server S.p.A. Car Server S.p.A. Sede legale 42124 Reggio Emilia, Via G. B. Vico, 10/c Capitale sociale: Euro 11.249.859 P. IVA e numero di Iscrizione Registro Imprese RE N 01610670356 Il presente bilancio è stato approvato

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2012 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha permesso unitamente ai benefici fiscali

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2012/2013 Svolgimento Tema di Economia aziendale La traccia assegnata come seconda prova di Economia aziendale (nell'indirizzo Giuridico Economico Aziendale) è incentrato

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Economia ed Organizzazione Aziendale (7,5 CFU) Allievi Meccanici prof. Michele Meoli 1.2 Riclassificazione e Analisi di Bilancio per Indici Sommario della lezione

Dettagli

C O M U N I C A T O S T A M P A

C O M U N I C A T O S T A M P A Centro Uffici San Siro - Fabbricato D - ala 3 - Via Caldera, 21-20153 Milano Tel. 02 40901.1 - Fax 02 40901.287 - e-mail: isagro@isagro.it - www.isagro.com COMUNICATO STAMPA ISAGRO DATI PRELIMINARI 2006

Dettagli

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015

comunicato stampa IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2015 PRINCIPALI RISULTATI CONSOLIDATI DEL PRIMO SEMESTRE 2015 (VS PRIMO SEMESTRE 2014*): RICAVI NETTI: 226,0 MILIONI

Dettagli

COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009.

COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. COMUNICATO STAMPA LANDI RENZO S.p.A.: Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. Fatturato oltre le attese e marginalità in forte miglioramento. Il quarto trimestre è in forte

Dettagli

Riclassificazione del bilancio. Vedere sussidio didattico sul bilancio

Riclassificazione del bilancio. Vedere sussidio didattico sul bilancio Riclassificazione del bilancio Vedere sussidio didattico sul bilancio RAGIONI DELLA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA DELLO STATO PATRIMONIALE raggruppare i valori delle attività e delle passività in poche

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA

COMUNICATO STAMPA RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO OPERATIVO ED EBITDA IN AUMENTO SOLIDA POSIZIONE FINANZIARIA COMUNICATO STAMPA GRUPPO RATTI IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI RATTI S.P.A. HA APPROVATO LA RELAZIONE FINANZIARIA SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2012 RICAVI IN CRESCITA (+15%) NEL PRIMO SEMESTRE RISULTATO

Dettagli

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni:

PRIMA PARTE Dalla Relazione sulla gestione al bilancio di Alfa spa al 31/12/2014 si desumono le seguenti informazioni: Svolgimento a cura di Lucia Barale Pag. 1 a 13 Esame di Stato 2015 Istituto Tecnico - Settore economico Indirizzi: Amministrazione, Finanza e Marketing e Articolazione Sistemi informativi aziendali Svolgimento

Dettagli

Dati di bilancio. Sintesi della relazione e bilancio Bayer S.p.A.

Dati di bilancio. Sintesi della relazione e bilancio Bayer S.p.A. Dati di bilancio Sintesi della relazione e bilancio Bayer S.p.A. Nel corso del 2004 è stato regolarmente ultimato l impegnativo programma di riorganizzazione internazionale del Gruppo Bayer, avviato nel

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA Anno 2000 Tema di: ECONOMIA AZIENDALE Il candidato sta esaminando, con alcuni amici neo-diplomati, la possibilità di iniziare un attività imprenditoriale in

Dettagli

Ricavi consolidati 2015 pari a 268,8 milioni di Euro, rispetto ai 251,5 milioni di Euro dell esercizio 2014 (+7% a cambi correnti)

Ricavi consolidati 2015 pari a 268,8 milioni di Euro, rispetto ai 251,5 milioni di Euro dell esercizio 2014 (+7% a cambi correnti) COMUNICATO STAMPA AEFFE: Approvati I Risultati Dell 2015 San Giovanni in Marignano, 10 Marzo 2016 Il Consiglio di Amministrazione di Aeffe Spa - società del lusso, quotata al segmento STAR di Borsa Italiana,

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2006 E IL PROGETTO DI BILANCIO DI MONTEFIBRE

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE APPROVA IL BILANCIO CONSOLIDATO 2006 E IL PROGETTO DI BILANCIO DI MONTEFIBRE Montefibre SpA Via Marco d Aviano, 2 20131 Milano Tel. +39 02 28008.1 Contatti societari: Ufficio titoli Tel. +39 02 28008.1 E-mail titoli@mef.it Sito Internet www.montefibre.it IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dettagli

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1

bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : I dati previsionali per l anno x+1 un esempio molto semplice con la redazione di : bilancio previsionale preventivo finanziario budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche

Dettagli