Laura Borgialli. Premessa: la persona psicologo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Laura Borgialli. Premessa: la persona psicologo"

Transcript

1 NOTA INFORMATIVA: Il presente saggio è stato tratto dall intervento al Convegno Nazionale di EGIDA su La Persona: quali cure, quali interessi? Riflessione ed analisi critiche in tema di tutela e di amministrazione di sostegno (Torino, 18 aprile 2008). Published in IL RUOLO DELLO PSICOLOGO NELL'AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO Laura Borgialli Premessa: la persona psicologo Prima di esaminare i numerosi campi applicativi nei quali lo psicologo può offrire la propria opera come professionista nel vasto ambito della tutela, curatela e amministrazione di sostegno, vorrei esprimere il mio parere su alcune caratteristiche che a mio avviso la psicologo dovrebbe avere come persona. Partendo dal presupposto che è la persona che fa il professionista e non viceversa, ritengo che per esercitare bene il proprio ruolo in qualsiasi campo applicativo lo psicologo dovrebbe avere raggiunto un grado ragionevole di equilibrio personale, così come di gratificazione e realizzazione nella propria vita affettiva privata. Tali prerequisiti proteggono dal rischio di vivere in modo proiettivo e compensatorio il proprio bisogno di essere accolto nella relazione instaurata con la persona che si intende aiutare. Nell ambito particolare della tutela, curatela e amministrazione di sostegno è importante anche l attitudine a sentirsi la responsabilità della persona che si prende in carico o alla quale si offre la propria consulenza, mantenendo stabilmente nel tempo raramente breve questo atteggiamento. All etica della responsabilità aggiungerei l etica della laicità, precisando che cosa significhi essere professionalmente laico. Nella ratio della deontologia professionale per laico si intende chi opera fuori da dogmatismi, fuori da influenze ideologiche e confessionali, senza quindi essere colonizzato in modo totalizzante da istanze, appunto, ideologiche e confessionali che condurrebbero senza alcuna probabilità di salvezza al pregiudizio e al mancato pieno rispetto dell altro. Laico è quindi chi possiede una indipendenza interiore che lo rende disponibile a cogliere l alterità con cui si confronta. Ciò è quanto si richiede allo psicologo. E certo non è poco. 1 1 Eugenio Calvi, Psicoterapia e deontologia, Notiziario dell Ordine degli psicologi della Regione Piemonte, 1, Eugenio Calvi, primo Presidente dell Ordine degli Psicologi del Piemonte, psicologo e avvocato, è anche l autore del Codice Deontologico degli Psicologi in Italia. 1

2 Un altra dote caratteriale a mio avviso necessaria è il coraggio di esporsi e la capacità di sostenere posizioni onestamente ritenute corrette, anche correndo il rischio di dover reggere eventuali contrasti con colleghi o altre figure professionali, ma soprattutto con i parenti degli amministrati e qualche volta anche con alcune Istituzioni. Tale capacità si riscontra più facilmente tra gli avvocati, a questo predisposti e protetti dal ruolo più di quanto non lo siano gli psicologi. Infine ritengo necessario che lo psicologo che presti la sua opera nel campo dell amministrazione di sostegno debba in prima persona credere nelle autonomie residue in senso lato, vale a dire avere fiducia nelle capacità dell essere umano di dare o di ridare un significato alla propria esistenza anche nel caso di drammatiche perdite di capacità fisiche, psichiche o sociali ricordando che lo scontro con un limite può, talvolta, motivare alla crescita su fronti verso i quali non avremmo mai nemmeno rivolto lo sguardo. Ambiti applicativi: il professionista psicologo Psicodiagnosi Dati quelli che dovrebbero essere, a mio parere, i prerequisiti necessari, il ruolo dello psicologo nell ambito dell amministrazione di sostegno può abbracciare tutto l arco dei campi applicativi della Psicologia, primo fra tutti la psicodiagnosi. Se il patrimonio del beneficiario deve essere amministrato in funzione delle aspirazioni e dei personali bisogni pregressi, presenti e futuri, lo psicologo può sicuramente contribuire ad una conoscenza approfondita della personalità dei soggetti sottoposti ad uno strumento di protezione e trasmettere questa conoscenza al Giudice Tutelare e all Amministratore di sostegno. A tale scopo può avvalersi di specifici strumenti testistici scelti in funzione del tipo di problema o di patologia dell amministrato, ivi compresi quelli per la valutazione diagnostica delle capacità cognitive e del loro grado di deterioramento. L uso di test psicodiagnostici non dovrebbe mai prescindere dall insostituibile strumento del colloquio che va esteso a tutte le persone affettivamente significative presenti nel mondo relazionale del beneficiario. Un livello accettabile di conoscenza della propria personalità e l individuazione dei propri bisogni più autentici, talvolta inconsci o negati, e che nel contempo tenga conto dei limiti che la realtà pone alla loro realizzazione, è impresa lunga e difficile anche per persone in perfetto stato di salute; la necessità di questa conoscenza per migliorare la qualità di vita alleggerendosi da quello che viene chiamato un falso Sé è tale da essere talvolta una delle motivazioni che portano ad intraprendere un percorso analitico. In soggetti che abbiano perso in parte la propria autonomia può essere utile l intervento di uno psicologo che aiuti ad individuare o a ridefinire bisogni e nuovi obbiettivi in funzione dei quali reindirizzare un progetto di vita. Psicoterapia Può essere utile in questa fase una vera e propria psicoterapia, che potrà avere un orientamento analitico o espressivo, se questo viene richiesto, oppure essere di semplice sostegno, purché condotta da uno psicoterapeuta che abbia ottenuto una specifica 2

3 specializzazione in tal senso. Tutti i sistemi teorici di riferimento possono andar bene a condizione che vengano applicati in modo non rigido né dogmatico, tenendo conto della realtà e della complessità delle situazioni che sono sempre in divenire, e dell unicità di ogni singolo caso. La DGR prevede il supporto psicologico professionale nelle attività di riabilitazione. È dunque ruolo dello psicologo un buon intervento di sostegno volto a motivare e a supportare attività di tipo terapeutico-riabilitativo, così come la progettazione, in équipe multidisciplinari, di attività volte a prevenire o a contenere il deterioramento cognitivo, la confusione e il disorientamento delle persone anziane non autosufficienti inserite in strutture residenziali socio-sanitarie. Sarebbe auspicabile in questi casi anche un intervento nella fase di accoglienza dell ospite favorendone l inserimento nella struttura 2. Possono beneficiare di una psicoterapia anche quei soggetti suscettibili di nuocere a sé stessi o alle loro famiglie dilapidando il proprio patrimonio con il gioco d azzardo, con il ricorso giornaliero e compulsivo alla consulenza di maghi impostori, o tramite altre forme patologiche di dipendenza. Un aiuto psicoterapeutico o di sostegno psicologico può essere proposto, se necessario, al beneficiario di uno strumento di protezione, ma anche a quei soggetti individuati come vittime secondarie che non andrebbero mai dimenticati e che sono quasi sempre presenti in contesti famigliari nei quali uno dei membri abbia subito un grave incidente o si sia manifestata una nuova patologia. Possono essere vittime secondarie i bambini di un genitore improvvisamente diventato paraplegico o tetraplegico; i genitori di bambini nati con disturbi cognitivi o altre forme di deficit, e non di rado i loro fratellini improvvisamente trascurati da un sistema famigliare traumatizzato; il coniuge o i figli di un alcolista, e così via Mediazione Un ulteriore importante ruolo che può essere affidato allo psicologo nell ambito dell amministrazione di sostegno è quello di mediatore di conflitti, molto spesso presenti in tali circostanze. È cosa nota a tutti gli operatori come attorno ad una persona priva in tutto o in parte di autonomia possano generarsi conflitti di potere tra le figure di riferimento famigliari o anche professionali volte ad accudire il soggetto fragile. Ciò avviene quando all idea di assistenza e di cura si confonde o addirittura si sovrappone il bisogno di controllo. La presenza di un individuo non autonomo spesso slatentizza o mette in evidenza conflitti preesistenti tra le persone del suo entourage, con il risultato che il soggetto fragile viene strumentalizzato in modo non diverso da come frequentemente e tristemente vediamo avvenire con i bambini nei rapporti di potere esistenti tra genitori separati in modo conflittuale. Maggiore è la consistenza dell eventuale patrimonio esistente, maggiore sarà la probabilità di imbattersi in qualche erede interessato molto bravo ad agire secondo il noto principio del divide et impera, alimentando e generando volutamente conflitti tra altri membri della famiglia talora non in grado di comprendere le dinamiche relazionali derivanti da tale zelante e disonesto intervento. 2 Si veda in proposito Pietro Piumetti, L assistenza psicologica nelle residenze per anziani con il metodo palestra di vita, Notiziario dell Ordine degli Psicologi della Regione Piemonte, 1,

4 Può anche succedere che tutto un nucleo famigliare si organizzi in modo patologico attorno ad un suo membro malato, al punto tale da rendere la malattia o la fragilità funzionali al mantenimento di un equilibrio di compromesso che tiene coeso l intero sistema relazionale in atto. Tale situazione è frequentemente alla base di disturbi della personalità o di malattie mentali che colpiscono quello che viene definito il paziente designato, anello debole di una catena di rapporti patologici che assume il ruolo di coprire le patologie degli altri membri della famiglia, esprimendole attraverso la propria sintomatologia e sofferenza. Ogni psicoterapeuta od operatore chiamato ad intervenire in realtà di questo genere sa quanto sia necessario e faticoso lottare contro la resistenza di quei famigliari che inconsciamente si oppongono ad ogni miglioramento possibile del soggetto portatore dei sintomi, sabotando le possibilità di cambiamento e di evoluzione. Psicologia giuridica Lo psicologo può essere chiamato come consulente del Giudice Tutelare, oppure del Tutore, del Curatore o dell Amministratore di sostegno. Il suo intervento può avere l obiettivo, innanzi tutto, di chiarire una situazione in atto dando strumenti utili ad una sua maggiore comprensione che tenga conto dei fattori pregressi che vi hanno dato origine e delle possibili evoluzioni future. Può inoltre contribuire ad individuare i bisogni nonché le risorse del beneficiario sulle quali fare leva per sostenerlo in direzione della maggiore possibile espressione di sé, compatibilmente con le limitazioni dell autonomia. Nella stesura di una relazione, lo psicologo non dovrebbe mai dimenticare di indicare ciò che ritiene ragionevole supporre saranno i possibili effetti delle diverse decisioni che spetteranno al Giudice Tutelare. Ragionare in termini di effetti e non solo di cause delle azioni non fa parte della forma mentis prevalente tra gli psicologi clinici in particolare che dovrebbero, soprattutto nell ambito della psicologia giuridica, potenziare la loro visione prognostica, affiancandola alla mentalità diagnostica cui sono spontaneamente portati, sia per indole che per deformazione professionale. Formazione Compito dello psicologo è anche progettare e attuare interventi formativi rivolti a tutti gli operatori della relazione d aiuto, a cominciare da se stesso. La formazione personale dello psicologo è fondamentale e deve essere permanente e non soltanto teorica. In particolare gli psicoterapeuti dovrebbero prevedere ciclicamente momenti di supervisione con colleghi esperti con i quali confrontarsi soprattutto per riuscire a mantenere o a ricuperare una corretta mentalità analitica quando questa viene compromessa dalla presenza di dinamiche transferali e contro-transferali difficili o disturbanti. Una formazione corretta e non superficiale è inoltre il primo strumento di prevenzione della sindrome del burn-out alla quale sono esposti tutti coloro che per professione assistono persone fragili confrontandosi quotidianamente con temi di forte impatto emotivo come la sofferenza, la morte, la dipendenza, i limiti dovuti alla mancanza di 4

5 autonomia, temi che inevitabilmente suscitano un eco nel nostro mondo interiore. Psicologia dell emergenza Il ricorso a strumenti di protezione della persona è talvolta necessario a seguito di incidenti improvvisi e traumatici in conseguenza dei quali le persone siano diventate fragili avendo perso alcune autonomie. La psicologia dell emergenza è un campo relativamente nuovo che prevede l intervento dello psicologo fin dai primi momenti dopo l avvento di disastri naturali come terremoti e alluvioni, o da incidenti provocati da errori tecnici o umani. In Italia la Protezione Civile ha recentemente previsto la presenza di psicologi dell emergenza correttamente formati nelle équipe dei soccorritori, attribuendo loro svariati compiti che vanno dall assistenza psicologica alle vittime e ai soccorritori medesimi (anch essi non di rado sottoposti a intenso stress), al tentativo di gestire il flusso delle notizie nel modo più corretto e meno traumatico possibile, sia a livello dei mass-media che a livello personale. Il modo di comunicare l esito infausto di un incidente alle vittime, sia primarie che secondarie, si è rivelato determinante nell ostacolare o favorire l elaborazione emotiva e cognitiva che necessariamente dovrà avvenire da quel momento in poi, come se anche il tempo psicologico interiore venisse spezzato in due, tra il prima e il dopo l evento traumatico. Lo psicologo dovrebbe conoscere le tecniche di comunicazione più adeguate per prevenire l insorgenza di patologie di tipo dissociativo o post-traumatiche da stress, prevenzione che è necessario mettere in atto fin dalle prime ore dopo l incidente. Questo tipo di sensibilità psicologica alla prevenzione può ridurre la necessità di ricorso agli strumenti giuridici classici di protezione della persona (tutela e curatela), riuscendo, grazie all intervento tempestivo dopo un trauma causa di gravi danni fisici, a limitare almeno quelli psichici, lasciando così maggior spazio allo strumento di più recente introduzione dell amministrazione di sostegno. Psicologia della salute La specificità della emergenza-prevenzione si inserisce a pieno titolo nel filone della psicologia della salute 3. Essa consiste - in estrema sintesi - in quanto segue. La salute, ridefinita dal WHO più quale presenza di salute/benessere che quale assenza di malattia/malessere, è uno stato di completo benessere fisico-mentale-sociale. Armonia ed equilibrio individuale-ambientale ne sono pertanto gli elementi costitutivi. La sanità si basa sulla salute fisica. La serenità si basa sulla salute psichica. Per cui: salute = sanità + serenità. La psicologia della salute è dunque fondamentalmente connotata in modo positivo: essa è la "psicologia per i sani", per coloro che stanno bene e che vogliono conservare questo stato di benessere, prendendosi globalmente cura di sé. 3 Si veda (nella ormai sterminata bibliografia in materia) il libro di Elena Gerardi e Luciano Peirone, Vivere sani, vivere sereni. Per una psicologia della salute, Edizioni L'Arciere, Cuneo, Si consulti inoltre, in merito alle parole chiave salute-culturapsicologia, il sito 5

6 La psicologia della salute è l insieme dei contributi specifici (scientifici, professionali, formativi) della disciplina psicologica, finalizzati alla promozione e al mantenimento della salute; alla prevenzione e al trattamento della malattia; all'identificazione dei correlati eziologici e diagnostici della salute, della malattia e delle disfunzioni associate; all'analisi e al miglioramento del sistema di cura della salute e di elaborazione delle politiche della salute 4. A tal fine, tra le tante iniziative possibili, sarebbe auspicabile, nelle famiglie, nelle scuole, negli ospedali e nelle stesse case di riposo un massiccio accesso della cultura e della psicologia, oltre che della medicina - da sempre in qualche modo presente - perché proprio i soggetti anziani, autosufficienti o non, hanno bisogno certamente di terapie e di farmaci, ma soprattutto di anima, di emozioni che li facciano sentire ancora in vita 5. Conclusione In pratica tutti i campi applicativi della psicologia sono utili nell ambito dell amministrazione di sostegno, ivi compresi quelli non esplicitamente citati (psicologia dell età evolutiva, psicologia gerontologica, psicologia del ciclo di vita, psicologia delle neuroscienze, psicologia cross-cultural, ed altri ancora). Non bisogna inoltre dimenticare che la legge istitutiva dell amministrazione di sostegno è entrata in vigore solo nel 2005 e che quindi la casistica è ancora scarsa. Ciò richiede allo psicologo un elevato grado di flessibilità, lasciandogli nel contempo lo spazio per perfezionare i suoi interventi nei campi applicativi più collaudati ed esplorare con l attività di ricerca teorica e clinica affascinanti nuove frontiere. 4 Joseph D. Matarazzo, Behavioral health and behavioral medicine: frontiers for a new health psychology, American Psychologist, 35: , Luciano Peirone e Elena Gerardi, Il sole della sera. La ricerca del benessere nella terza età e non solo, Antigone Edizioni, Torino,

CHI PUÒ RICORRERE AL GIUDICE TUTELARE?

CHI PUÒ RICORRERE AL GIUDICE TUTELARE? CHI PUÒ RICORRERE AL GIUDICE TUTELARE? Legittimati a ricorrere al Giudice Tutelare, cioè le persone che possono richiedere al giudice l eventuale apertura di un procedimento di amministrazione di sostegno,

Dettagli

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe

L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI. Raffaella Bonforte - Angelita Volpe L ASSISTENZA PSICOLOGICA NELLE RESIDENZE PER ANZIANI Raffaella Bonforte - Angelita Volpe "La R.S.A. è una struttura extra-ospedaliera per anziani disabili, prevalentemente non autosufficienti, non assistibili

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO PER LA DISABILITA

CONTRATTO FORMATIVO PER LA DISABILITA CONTRATTO FORMATIVO PER LA DISABILITA La società è profondamente cambiata e la scuola non riesce a rispondere ai bisogni emergenti dei vari componenti del sistema creando, a volte, essa stessa situazioni

Dettagli

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA Terzo Anno PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE TEMPI S1. atteggiamento individuando i diversi approcci teorici che hanno caratterizzato la storia della psicologia. S1. Realizzare

Dettagli

CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE

CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE e 3 CARTA DEI DIRITTI DELLA PERSONA AFFETTA DA DOLORE La lotta al dolore vede impegnati la persona con i suoi familiari, gli operatori sanitari e l organizzazione

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO Gli operatori di soccorso nell esercizio delle loro funzioni possono andare incontro a STRESS e TRAUMA. Tutti noi, più

Dettagli

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione

I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA. Introduzione I CAPITOLO LA MALATTIA CRONICA Introduzione Con il termine malattia cronica si intende una malattia che persista per un periodo di tempo prolungato, che non abbia sostanziali prospettive di guarigione,

Dettagli

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti.

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti. PSICOLOGIA DELL EMERGENZA Cerca di comprendere i processi decisionali e le scelte comportamentali nelle situazioni di pericolo. Lo scopo è quello di analizzare la complessa interazione tra : - Mente -

Dettagli

IL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI INFERMIERI

IL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI INFERMIERI IL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI INFERMIERI Maggio 1999 I DOVERI DEGLI INFERMIERI SONO I DIRITTI DEI CITTADINI Articolo 1 PREMESSA 1.1. L infermiere è l operatore sanitario che, in possesso del diploma abilitante

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

Counselling e mediazione familiare: una possibile integrazione tra approccio relazionale e Gestalt

Counselling e mediazione familiare: una possibile integrazione tra approccio relazionale e Gestalt Counselling e mediazione familiare: una possibile integrazione tra approccio relazionale e Gestalt Francesca Belforte con direttore dell Istituto Mille e una Meta, Livorno "INformazione Psicologia Psicoterapia

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare

Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Adozione e Affidamento: storie di integrazione famigliare Indice Affidamento familiare Più forme di accoglienza I veri protagonisti dell affidamento: i bambini La Famiglia del bambino La Famiglia affidataria

Dettagli

Associazione Regionale del Piemonte. Prot. 1906 Torino 9 novembre 2007

Associazione Regionale del Piemonte. Prot. 1906 Torino 9 novembre 2007 Prot. 1906 Torino 9 novembre 2007 PRIMA BOZZA DI OSSERVAZIONI ANCI PIEMONTE SULLA BOZZA DI LEGGE DELEGA AL GOVERNO IN MATERIA DI PROTEZIONE SOCIALE E CURA DELLE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI (TESTO DEL 6.11.2007)

Dettagli

ETICA DEL DOLORE E DELLA VITA

ETICA DEL DOLORE E DELLA VITA Sofia Tavella DIVERSAMENTE SANI ETICA DEL DOLORE E DELLA VITA I IF Press Copyright 2012 by IF Press srl IF Press srl Ctr. La Murata, 49-03017 Morolo (FR) info@if-press.com - www.if-press.com ISBN 978-88-95565-81-1

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

PROGRAMMA TERAPEUTICO PER ALCOLISTI

PROGRAMMA TERAPEUTICO PER ALCOLISTI PROGRAMMA TERAPEUTICO PER ALCOLISTI Premessa La Comunità Airone opera da diversi anni nel campo delle dipendenze e in questi ultimi tempi sta tentando di adattare gli approcci terapeutici finora attuati

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Descrizione dell area di intervento e del contesto territoriale entro il quale si realizza il progetto Nella Regione Abruzzo sono

Dettagli

proposta di legge n. 262

proposta di legge n. 262 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 262 a iniziativa del Consigliere Marangoni presentata in data 16 ottobre 2012 DISPOSIZIONI SULLA PET THERAPY pdl 262 REGIONE MARCHE 2 ASSEMBLEA

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

"IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO"

IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO Intervento al Convegno organizzato dall associazione assistenti sociali il 3 dicembre 2011 sul tema "IL CONTRIBUTO DEGLI ASSISTENTI SOCIALI NELLA COSTRUZIONE DELLO STATO DI DIRITTO" Titolo dell intervento:

Dettagli

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico

La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico 1 La persona tra trauma e risorse Sportello di ascolto e sostegno psicologico Progetto per il sostegno e il rinserimento nella vita di relazione Equipe Multidisciplinare di I livello Sede di Roma Centro

Dettagli

Seminari 2016. febbraio. marzo. aprile. Sala Conferenze corso Stati Uniti 11/H -Torino Orario 9:30-16:30

Seminari 2016. febbraio. marzo. aprile. Sala Conferenze corso Stati Uniti 11/H -Torino Orario 9:30-16:30 Sala Conferenze corso Stati Uniti 11/H -Torino Orario 9:30-16:30 24 febbraio 23 marzo 15 aprile Dario Merlino Bambini che rifiutano i genitori: scenari relazionali e protezione del sé. Marco Chistolini

Dettagli

Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso

Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso Riconoscere e gestire le urgenze in R.S.A.: adeguatezza degli invii in Pronto Soccorso Dott. Francesco Russi Assistente D.E.A. Humanitas gavazzeni Bergamo Cominciamo bene dalla parte del P.S Non e possibile!!!

Dettagli

01 Il sistema nervoso centrale 2

01 Il sistema nervoso centrale 2 VI Sommario Parte prima La mente e le sue funzioni nel ciclo di vita Pensare, imparare, conoscere se stessi e gli altri, farsi un idea dell ambiente che ci circonda, reagire agli stimoli che continuamente

Dettagli

La Psicologia clinica: prospettive in ambito penitenziario

La Psicologia clinica: prospettive in ambito penitenziario La Psicologia clinica: prospettive in ambito penitenziario Dott.ssa Silvia Monauni Psicologa Psicoterapeuta Dipartimento Salute Mentale e Dipendenze Patologiche Ausl di Reggio Emilia Nel CEP (Comitato

Dettagli

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE

DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE 1 CORSO FORMATIVO 24 /3 1 MAGGIO 2016 PATROCINATO DAL COMUNE DI MESORACA DEPRESSIONE IN MEDICINA GENERALE DOTT. GIUSEPPE ESPOSITO DOTT.SSA ANASTASIA CARCELLO DEPRESSIONE DEFINIZIONE Il disturbo depressivo

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 23 Aprile 2013 06:21 - Ultimo aggiornamento Martedì 23 Aprile 2013 06:29

Scritto da Administrator Martedì 23 Aprile 2013 06:21 - Ultimo aggiornamento Martedì 23 Aprile 2013 06:29 PROGETTO INSIEME E MEGLIO! SPORTELLO DSA E BES SCUOLA PRIMARIA SPORTELLO DI ASCOLTO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Progetto Insieme è meglio! - Sportello DSA e BES Scuola primaria. Finalità generali

Dettagli

Associazione Regionale del Piemonte. Prot. 2041 Torino 5 dicembre 2007

Associazione Regionale del Piemonte. Prot. 2041 Torino 5 dicembre 2007 Prot. 2041 Torino 5 dicembre 2007 Osservazioni Anci Piemonte sullo schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia. Approvato

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 CARTA DEI SERVIZI NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 Presentazione La Cooperativa sociale NeuroImpronta ha scelto di

Dettagli

L anziano ammalato e la sua famiglia Giornata Mondiale del Malato 2008 La famiglia nella realtà della malattia

L anziano ammalato e la sua famiglia Giornata Mondiale del Malato 2008 La famiglia nella realtà della malattia L anziano ammalato e la sua famiglia Giornata Mondiale del Malato 2008 La famiglia nella realtà della malattia Il Gruppo di Ricerca Geriatrica di Brescia contribuisce al dibattito sulla tematica della

Dettagli

La salute emotiva della donna: i percorsi di sostegno psicologico dopo le diagnosi ospedaliere traumatiche. Dr.ssa Laura Cinzia Castro

La salute emotiva della donna: i percorsi di sostegno psicologico dopo le diagnosi ospedaliere traumatiche. Dr.ssa Laura Cinzia Castro La salute emotiva della donna: i percorsi di sostegno psicologico dopo le diagnosi ospedaliere traumatiche Dr.ssa Laura Cinzia Castro L'IMMAGINE CORPOREA L immagine corporea è un elemento chiave dell identità

Dettagli

DATI GENERALI DEL PROGETTO

DATI GENERALI DEL PROGETTO 1 ALL.2) DATI GENERALI DEL PROGETTO AZIENDA SANITARIA PROPONENTE: ASL 10 DI FIRENZE UFSMA/MOM SMA 5 FIRENZE TITOLO PROGETTO: PSICOEDUCAZIONE CON FAMIGLIE DI PSICOTICI, DIAGNOSI E RIABILITAZIONE COGNITIVA:

Dettagli

e-mail: associazione.loscudo@gmail.com codice fiscale: 96017150630 P.Iva: 05026371210 CARTA DEI SERVIZI

e-mail: associazione.loscudo@gmail.com codice fiscale: 96017150630 P.Iva: 05026371210 CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI 1 PREMESSA. L Associazione non ha fini di lucro e persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale. l Associazione, per meglio raggiungere le sue finalità nello svolgimento delle

Dettagli

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA?

QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? QUAL E IL LUOGO DI RESIDENZA? Base: 65 caregiver RESIDENZA PAZIENTE 80% 10% 9% 2% Abita con care givers Abita da solo Abita con altri familiari Altro 20 QUAL E IL GRADO DI VICINANZA TRA CG E MALATO? L

Dettagli

Violenza assistita quando i bambini guardano

Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza assistita quando i bambini guardano Violenza Assistita Intrafamiliare Per violenza assistita intrafamiliare si intende qualsiasi atto di violenza fisica, verbale, psicologica, sessuale ed economica

Dettagli

Il Bambino Dall Anello Una fiaba per sentirsi meno soli

Il Bambino Dall Anello Una fiaba per sentirsi meno soli Il Bambino Dall Anello Una fiaba per sentirsi meno soli Percorso di integrazione scolastica del soggetto disabile Associazione Ring 14 2011 Indice Breve profilo dell Associazione Introduzione e contesto

Dettagli

MAROTTA 11 APRILE 2010

MAROTTA 11 APRILE 2010 MAROTTA 11 APRILE 2010 CROCE ROSSA ITALIANA LE ATTIVITA SOCIALI IN EMERGENZA Istruttore P.C. V.d.S.. Morena Bellucci A.S.A. QUESTA SCONOSCIUTA ATTIVITA SOCIO ASSISTENZIALI Assistere significa STARE ACCANTO

Dettagli

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE

MOTIVAZIONE DEL SOCCORRITORE Lunedì 17 Febbraio 2014 Misericordia nel Comune di Lari Corso di Formazione di livello Base e Avanzato ASPETTI RELAZIONALI NELL APPROCCIO AL PAZIENTE RELATORE Benedetto Deri, F.M.R.T. Misericordia nel

Dettagli

AGATA DANZA COORDINA ALESSIO DUCCI

AGATA DANZA COORDINA ALESSIO DUCCI AGATA DANZA COORDINA ALESSIO DUCCI MONTESILVANO MARINA 23 MAGGIO 2015 IL SERVIZIO DEI VOLONTARI IN HOSPICE LINEE GUIDA XX Convegno Federavo Montesilvano Marina 22/24 maggio 2014 Agata Danza Non abbiate

Dettagli

Convegno Nazionale : La Mediazione familiare, una risorsa per i genitori e figli nella. separazione. Bologna 1 e 2 dicembre 2006

Convegno Nazionale : La Mediazione familiare, una risorsa per i genitori e figli nella. separazione. Bologna 1 e 2 dicembre 2006 Convegno Nazionale : La Mediazione familiare, una risorsa per i genitori e figli nella separazione Bologna 1 e 2 dicembre 2006 - Mediatore familiare e Avvocato: il Protocollo d intesa di Reggio Emilia

Dettagli

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI

QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI QUARTO VOLUME: GENITORI ADOTTIVI L esperienza del bambino, gli aspetti giuridici, il padre adottivo: costruire i nuovi legami familiari a cura di Fiamma Buranelli, Patrizia Gatti e Emanuela Quagliata Presentazione

Dettagli

COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO

COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO Società Cooperativa Sociale Sette COMUNITA IL MOLINO ELABORAZIONE PROFILO PSICODIAGNOSTICO Società cooperativa Sociale sette ONLUS Cascina Segrona, Mairano di Noviglio 20082 (MI) Tel: 02.900.61.32 Fax:

Dettagli

ORGANIZATIONAL AND INTERPERSONAL CONFLICTS MANAGEMENT

ORGANIZATIONAL AND INTERPERSONAL CONFLICTS MANAGEMENT ORGANIZATIONAL AND INTERPERSONAL CONFLICTS MANAGEMENT Percorso formativo e progettuale in tre tappe QUANTO COSTA IL CONFLITTO? Le organizzazioni di lavoro sono sistemi di incontro, conversazione e cooperazione

Dettagli

20 CREDITI ECM PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI E PSICOLOGI. Sintomi, criteri, diagnosi. MILANO Novembre 2014 - Gennaio 2015

20 CREDITI ECM PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI E PSICOLOGI. Sintomi, criteri, diagnosi. MILANO Novembre 2014 - Gennaio 2015 MILANO Novembre 2014 - Gennaio 2015 PSICOPATOLOGIA E PSICODIAGNOSI PER MEDICI E PSICOLOGI Sintomi, criteri, diagnosi CORSO DI FORMAZIONE SPECIALISTICA - 48 ORE 20 CREDITI ECM NOVITAʼ: Analisi e studio

Dettagli

dopo la crisi rinnoviamo la professione di Patrizia Bonaca ODCEC di Roma

dopo la crisi rinnoviamo la professione di Patrizia Bonaca ODCEC di Roma Il mondo delle professioni sta affrontando un periodo di profondi cambiamenti dovuti all evoluzione culturale che l attuale crisi economica richiede. E in atto un vero e proprio cambio di paradigma, che

Dettagli

Centro di Ascolto Giovanile ed Adolescenziale

Centro di Ascolto Giovanile ed Adolescenziale Centro di Ascolto Giovanile ed Adolescenziale Presupposti Il Centro si colloca all'interno del PROGETTO CENTOSTELLE, un progetto di più ampio respiro, teso a consentire l'accesso a trattamenti psicologici

Dettagli

Consultorio Familiare Luisa Riva

Consultorio Familiare Luisa Riva Consultorio Familiare Luisa Riva Privato Accreditato Autorizzazione ASL Milano con delibera n 92 del 31 Gennaio 2012 Accreditamento Reg. Lombardia con delibera 3286 del 18 Aprile 2012 C.F. 01401200157

Dettagli

Gestione dell emergenza subacquea: analisi del rischio

Gestione dell emergenza subacquea: analisi del rischio Gestione dell emergenza subacquea: analisi del rischio Dr Alberto Fiorito Nata come strumento essenziale per il trattamento delle patologie subacquee, la camera iperbarica è diventata ormai un mezzo di

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio

La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio La violenza assistita e la rete dei Servizi attivi: dalla normativa all azione sul territorio Martina Zorz Assistente Sociale Comune di Locate Varesino martedì 28 Aprile 2015 I DATI Rete interprovinciale

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONSENSO IN TEMA DI ABUSO SESSUALE. Roma, 2015

DICHIARAZIONE DI CONSENSO IN TEMA DI ABUSO SESSUALE. Roma, 2015 DICHIARAZIONE DI CONSENSO IN TEMA DI ABUSO SESSUALE Roma, 2015 1.1 DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE a) abuso sessuale è il coinvolgimento, intenzionale e interpersonale, di un minore in esperienze sessuali

Dettagli

LE PSICOTERAPIE. A cura del Dr. Daniele Araco. (tratte dal trattato italiano di Psichiatria)

LE PSICOTERAPIE. A cura del Dr. Daniele Araco. (tratte dal trattato italiano di Psichiatria) LE PSICOTERAPIE A cura del Dr. Daniele Araco (tratte dal trattato italiano di Psichiatria) IL PROBLEMA DELLA PSICOTERAPIA COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA

Dettagli

Dott.ssa Eleonora Giannelli

Dott.ssa Eleonora Giannelli Dott.ssa Eleonora Giannelli Tratteremo: La scelta del partner Il cambiamento nella coppia Coppie sane e disfunzionali: quale differenza? Transazione alla genitorialità Premesse sistemiche Il colloquio

Dettagli

Depressione? In generale Il ruolo femminile

Depressione? In generale Il ruolo femminile Depressione? In generale Il ruolo femminile A tutti capita di sentirsi tristi di tanto in tanto. È un esperienza che tutti, prima o poi, provano. Se le attività che vi piacevano prima ora non vi piacciono

Dettagli

Dott.ssa Elisa Trocciola Psicologa, esperta in Psicologia del Benessere e Tecniche di rilassamento psico-corporeo

Dott.ssa Elisa Trocciola Psicologa, esperta in Psicologia del Benessere e Tecniche di rilassamento psico-corporeo Mi presento... Sono la Dott.ssa Elisa Trocciola Psicologa abilitata all esercizio professionale iscritta all Albo dell Ordine degli Psicologi della Regione Lombardia n 03/17387 Mi sono laureata a pieni

Dettagli

FISIOTERAPISTA E CHINESIOLOGO A CONFRONTO

FISIOTERAPISTA E CHINESIOLOGO A CONFRONTO FISIOTERAPISTA E CHINESIOLOGO A CONFRONTO Introduzione. Nel contesto lavorativo in cui mi trovo ad operare, mi sto riferendo ad un centro di rieducazione motoria, mi sono confrontata con le altre figure

Dettagli

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria Centro Studi Hänsel e Gretel onlus con il contributo della L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015

PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 PIANO DI FORMAZIONE CONTINUA PER IL PERSONALE SOCIO-SANITARIO, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVO PER L ANNO 2015 Approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 642 in data 8 maggio 2015. PREMESSA

Dettagli

PRESA IN CARICO DELL ADOLESCENTE E DELLA SUA FAMIGLIA. Psicologa Acone Silvana

PRESA IN CARICO DELL ADOLESCENTE E DELLA SUA FAMIGLIA. Psicologa Acone Silvana PRESA IN CARICO DELL ADOLESCENTE E DELLA SUA FAMIGLIA Psicologa Acone Silvana L ADOLESCENTE: CHI SONO? Il compito dell adolescente è quello di "individuarsi" rispetto alla propria famiglia. Emanciparsi

Dettagli

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 1 PREMESSA Il CNSA riconosce e valorizza le specificità di ciascun Ente Locale, delle singole professionalità e delle

Dettagli

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PREMESSA L Associazione Italiana Malattia di Alzheimer (AIMA) nasce a livello nazionale nel 1985 con l obiettivo di dare voce alle necessità delle famiglie colpite

Dettagli

Parlare di counseling. Cosa è importante sviluppare? ALCUNI ELEMENTI. SOCIETA ITALIANA COUNSELING S.I.Co.

Parlare di counseling. Cosa è importante sviluppare? ALCUNI ELEMENTI. SOCIETA ITALIANA COUNSELING S.I.Co. Titti Parente Pedagogista, Counselor e formatore alle abilità di counseling Parlare di counseling Referente Nord-Ovest S.I.Co. Italia Il counseling come strumento per favorire la partecipazione attiva

Dettagli

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ?

Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ? Il progetto COUNSELING SCOLASTICO. PERCHÉ? L'attuale complessità sociale e l'affermazione di nuovi modelli socio-economici e culturali hanno portato dei notevoli cambiamenti nella scuola e nella famiglia.

Dettagli

FORMAZIONE 2015-2016 FORMAZIONE SPECIALISTICA PER EDUCATORI, TERAPISTI OCCUPAZIONALI, TECNICI DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA

FORMAZIONE 2015-2016 FORMAZIONE SPECIALISTICA PER EDUCATORI, TERAPISTI OCCUPAZIONALI, TECNICI DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA FORMAZIONE 2015-2016 FORMAZIONE SPECIALISTICA PER EDUCATORI, TERAPISTI OCCUPAZIONALI, TECNICI DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA CHE LAVORANO NELL AMBITO DELLE DEMENZA SOSTEGNO PSICOLOGICO E RIABILITAZIONE

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini INTRODUZIONE La famiglia costituisce in Italia la principale risorsa assistenziale per l anziano disabile. La

Dettagli

PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ. COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD

PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ. COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD PROGETTO DI ASSISTENZA INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO AI BAMBINI CON MALATTIE RARE AD ALTA COMPLESSITÀ COMMISSIONE MALATTIE RARE SIP/SIMGePeD Il bambino con malattie rare, croniche e complesse, presenta

Dettagli

L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia

L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia Congresso: La psicologia e il sistema socio-sanitario regionale L innovazione in salute mentale: il ruolo della psicologia Mauro Percudani, Dipartimento di Salute Mentale A.O. G. Salvini Garbagnate Milanese

Dettagli

Sentenza contro l'abuso della professione di Psicologo

Sentenza contro l'abuso della professione di Psicologo Sentenza contro l'abuso della professione di Psicologo Un'importante sentenza definitiva contro l'abuso della professione di Psicologo. L'Ordine Emilia-Romagna ha portato avanti una causa civile contro

Dettagli

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi.

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. 1. C'è in primo luogo una sofferenza INDISPENSABILE: per crescere bisogna che i bambini imparino ad affrontare e a superare le sofferenze legate

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA Classi prime Anno scolastico 2012/2013

PROGETTO ACCOGLIENZA Classi prime Anno scolastico 2012/2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO SIMONE DA CORBETTA PROGETTO ACCOGLIENZA Classi prime Anno scolastico 2012/2013 1 Introduzione Il progetto accoglienza nasce dalla convinzione che i primi mesi di lavoro

Dettagli

Curriculum Studi. Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641

Curriculum Studi. Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641 Curriculum Studi Dott.ssa Romina Oppici Nata a Biella (BI) il 03/01/1984 Psicologa Clinica Iscritta all Ordine degli Psicologi del Piemonte Albo A n iscrizione 6641 Esperienza professionale 12/1/2015 Conduzione

Dettagli

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica

L Assistente Sociale e la Rete Oncologica L Assistente Sociale e la Rete Oncologica Tavola Rotonda Paola Giribaldi Torino, 14 settembre 2013 La Rete degli Assistenti Sociali E stata istituita con Determinazione Regionale n. 265 dell' 8 settembre

Dettagli

L accompagnamento della famiglia affidataria. C. Di Guglielmo 2011

L accompagnamento della famiglia affidataria. C. Di Guglielmo 2011 L accompagnamento della famiglia affidataria Difficoltà delle FA Con il minore accolto Con i Servizi All interno della propria famiglia - difficoltà individuali - difficoltà di coppia - difficoltà con

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3215 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI ANTONINO FOTI, ANGELI, BARBIERI, CALABRIA, CATONE, CRISTALDI, DE LUCA, DI BIAGIO, DI CATERINA,

Dettagli

CURRICULUM VITAE \\\ INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE \\\ INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE \\\ INFORMAZIONI PERSONALI Nome Giaccone Lorena Data di nascita 01/09/1965 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale Incarico di Rilevanza Aziendale Numero telefonico ufficio 0174/676366

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN)

LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN) LA DEPRESSIONE POST- NATALE (DPN) L importanza del riconoscimento e del trattamento tempestivo della DPN: le priorità del Servizio di Psicologia Clinica Territoriale di Ferrara PARLEREMO DI: Il lavoro

Dettagli

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra

Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra Questionario sulla Gestione dei disturbi Mentali comuni nelle cure Primarie (GMP) Medico Psichiatra 1 Caro collega, La invitiamo a rispondere alle domande del presente questionario sulla gestione dei Disturbi

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOLOGIA CLINICA. Il profilo di apprendimento della specializzazione di Psicologia Clinica è il seguente:

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOLOGIA CLINICA. Il profilo di apprendimento della specializzazione di Psicologia Clinica è il seguente: SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOLOGIA CLINICA Obiettivi della Scuola di Psicologia Clinica Il profilo di apprendimento della specializzazione di Psicologia Clinica è il seguente: Lo specialista in Psicologia

Dettagli

L arte dell assistere per accompagnare: Il bisogno dei Pazienti

L arte dell assistere per accompagnare: Il bisogno dei Pazienti Corso specialistico Assistenti familiari per Pazienti con malattie avanzate e/o terminali Cascina Brandezzata - Milano 24 Gennaio 2015 L arte dell assistere per accompagnare: Il bisogno dei Pazienti Dr.

Dettagli

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO

IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO IL COUNSELLING NEL CONTESTO SANITARIO Danilo Toneguzzi Psichiatra, psicoterapeuta direttore dell Istituto Gestalt di Pordenone "INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria", n 41-42, settembre - dicembre

Dettagli

Riferimenti teorici, legislativi e bibliografici

Riferimenti teorici, legislativi e bibliografici tema n o 1 La problematica del maltrattamento dei minori ha assunto dimensioni drammatiche, oggetto spesso di interventi dei mezzi di informazione: si illustri il ruolo dell Assistente sociale in questo

Dettagli

DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTO

DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTO DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTO INTRODUZIONE attualità del problema in campo sociale (con una forte componente culturale) in campo medico in campo bioetico in campo legislativo in Italia, documento

Dettagli

C U R R I C U L U M V I T A E

C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Psicologa e Psicoterapeuta DR. SSA Debora Vietto Luogo e data di nascita TORINO, 18 MAGGIO 1972 Indirizzo Studio Professionale VIA CARLO TENIVELLI,

Dettagli

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta

Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie. Roma, 25 Novembre 2014. Tiziana Sabetta Ruolo del Servizio Sanitario Nazionale nel supporto alle pazienti e alle famiglie Roma, 25 Novembre 2014 Tiziana Sabetta Nulla rende più fragile e vulnerabile una famiglia dell esordio di una malattia

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO

I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO I GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO Origine Nel 1908 il filosofo, zoologo russo Kropotkin, diceva: esiste in natura la legge del mutuo aiuto, che, in un' ottica di lotta per la sopravvivenza e di evoluzione della

Dettagli

Associazione non profit La mela e il seme

Associazione non profit La mela e il seme Associazione non profit La mela e il seme per l educazione di bambini e ragazzi al ben-essere e per la prevenzione del disagio giovanile CRESCERE PER AIUTARE A CRESCERE Un percorso in sostegno alla genitorialità

Dettagli

Le competenze professionali per accompagnare il cambiamento

Le competenze professionali per accompagnare il cambiamento Le competenze professionali per accompagnare il cambiamento Modello di accompagnamento al cambiamento professionale e Quadro di riferimento delle competenze professionali per accompagnare il cambiamento

Dettagli

PERCORSO TERAPEUTICO-RIABILITATIVO PER ALCOLISTI E DIPENDENTI DA SOSTANZE PSICOTROPE

PERCORSO TERAPEUTICO-RIABILITATIVO PER ALCOLISTI E DIPENDENTI DA SOSTANZE PSICOTROPE La Promessa O.N.L.U.S. Via Catone 21 00192 Roma Tel / Fax 06.397.391.06 (46) Fasi Trattamentali PERCORSO TERAPEUTICORIABILITATIVO PER ALCOLISTI E DIPENDENTI DA SOSTANZE PSICOTROPE Attualmente il Centro

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DIURNO ASSISTENZIALE NATURA E GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Il Centro Diurno Assistenziale è una Struttura semiresidenziale socio assistenziale e sanitaria che assiste,

Dettagli

LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO

LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO la rilevazione l intervento dei servizi la segnalazione al tribunale per i minorenni l intervento del tribunale per i minorenni Presentazione Il presente

Dettagli

DIDATTICA ELENCO ATTIVITÀ DISTINTE PER ANNO CON DENOMINAZIONI DELLE DISCIPLINE E NUMERO DI ORE

DIDATTICA ELENCO ATTIVITÀ DISTINTE PER ANNO CON DENOMINAZIONI DELLE DISCIPLINE E NUMERO DI ORE DIDATTICA ELENCO ATTIVITÀ DISTINTE PER ANNO CON DENOMINAZIONI DELLE DISCIPLINE E NUMERO DI ORE Primo anno (503 ore) 1. Insegnamenti teorici: Materie psicologiche di base (183 ore) Psicologia generale (15

Dettagli

Studio di Psicologia e Psicoterapia Amaltea Dr.ssa Chiara Della Betta via Paganini, 13 61020 Montecchio (PU) Breve premessa

Studio di Psicologia e Psicoterapia Amaltea Dr.ssa Chiara Della Betta via Paganini, 13 61020 Montecchio (PU) Breve premessa Servizio di Consulenza Scolastica per Disturbi di Apprendimento Breve premessa Sempre più significativa si configura la consulenza in materia di Disturbo Specifico dell Apprendimento proprio all interno

Dettagli

COORDINAMENTO ITALIANO DEI SERVIZI CONTRO IL MALTRATTAMENTO E L'ABUSO ALL'INFANZIA

COORDINAMENTO ITALIANO DEI SERVIZI CONTRO IL MALTRATTAMENTO E L'ABUSO ALL'INFANZIA CISMAI COORDINAMENTO ITALIANO DEI SERVIZI CONTRO IL MALTRATTAMENTO E L'ABUSO ALL'INFANZIA Requisiti minimi dei Servizi contro il maltrattamento e l'abuso all'infanzia Premessa Il presente documento è finalizzato

Dettagli