Ordine degli Psicologi del Veneto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ordine degli Psicologi del Veneto"

Transcript

1 Lo Psicologo in ambito giuridico: tra prassi e deontologia professionale Dr.ssa Carmen Muraro Psicologa Clinica e Psicoterapeuta Referente Psicologia Giuridica Ordine Psicologi Veneto Nel mio intervento vi proporrò alcune riflessioni che scaturiscono da un mio personale interesse all approfondimento dei temi dell etica e della deontologia, e da molteplici fonti esperienziali, come il mio ruolo di CTU e CTP in ambito civile, minorile e penale, nonché la partecipazione, dal 2006 ad oggi, al Consiglio dell Ordine Veneto, come Consigliere componente della Commissione di deontologia che riguarda il lavoro sulle questioni deontologiche afferenti a questo ambito. Come premessa ricordo che la deontologia è la principale funzione di un ordine, che nell esercizio dell autodisciplina interna, deve saper coniugare in maniera armonica, la tutela del paziente/utente finale con gli interessi dell intera comunità professionale. Nei confronti degli iscritti l ordine ha il compito/dovere di sorvegliare, e nei casi di riscontrata violazione, intervenire con sanzioni disciplinari proporzionali alla gravità e alle circostanze in cui avviene la violazione che sono, come indicato dall art.26 della legge n. 56 del 1989: l avvertimento, la censura, la sospensione dall esercizio professionale per un periodo non superiore ad un anno, e nei casi più gravi, la radiazione dall albo. Non va dimenticato comunque che la deontologia non si riduce al solo momento disciplinare o punitivo, e che rappresenta una guida indispensabile nell agire professionale, tanto quanto la competenza tecnica. Secondo il noto principio sistemico della interdipendenza circolare nei sistemi umani e relazionali, competenza tecnica e correttezza deontologica sono necessari l uno all altra, quali elementi alchemici imprescindibili nella costruzione della immagine, o gestalt, culturale e sociale della professione. A conferma di questo principio l European Federation Psychologist s Association (EFPA) ha redatto nel 1997 il Metacodice e la Charta Etica; successivamente nel 2008 l International Union of Psychological Science 1

2 (IUPsyS) ha approvato la Dichiarazione Universale dei principi etici degli psicologi, nella consapevolezza che non può esserci una Good psychological practice senza una buona pratica deontologica. Nei confronti del C.D. l iscritto all ordine può scegliere di adottarne passivamente i vincoli, con una semplice attenzione alla non-violazione delle norme e dei precetti deontologici, o scegliere uno stile propositivo e attivo e quindi contribuire anch esso al bene individuale e collettivo. La Deontologia Professionale è un bene comune, che si costruisce e si raggiunge insieme a tutti gli iscritti all ordine. Essa rappresenta il fondamento valoriale, normativo e culturale del professionista, ne rappresenta il segno concreto del riconoscimento sociale, oltre che giuridico. Uno dei molti significati della parola codice è quella di cifra, di password, di parola d ordine per riconoscersi e farsi riconoscere. Da questo punto di vista il CD diventa un segno distintivo della professione non come parola segreta che separa, ma come linguaggio che favorisce la comunicazione interna tra colleghi, crea positive sinergie nel rispetto delle differenze di funzioni e ruoli professionali con l esterno, con le altre e diverse professionalità. Il C.D. è un documento ad ampio spettro, in cui sono riportati principi etici e regole generali di condotta professionale, traversali alla diverse teorie e modelli psicologici, e declinabili in tutti gli ambiti in cui si esplica la professione di psicologo. L attuale CD, frutto della revisione del primo Codice approvato il 16 febbraio del 1998 e successivamente modificato il 16 dicembre 2006 (Decreto Bersani), sta per essere revisionato e migliorato, dal CNOP con il contributo dell Osservatorio Nazionale Permanente sulla Deontologia, prevedendo anche specifici riferimenti al settore professionale della psicologia giuridica. Nel contesto della psicologia giuridica, la riflessione critica a partire dall esperienza acquisita all ordine, sollecitata e nutrita anche dal costante confronto con i colleghi, si è maturata la comune convinzione che non solo abbia senso, ma sia indispensabile definire all interno del CD alcune regole specifiche a tale ambito e disciplina, ovvero declinare le norme generali del nostro Codice 2

3 Deontologico, in modo puntuale e mirato, dove siano mantenuti e rispettati i principi deontologici, evidenziando nel contempo le specificità del contesto giuridico in cui lo psicologo esplica il suo intervento professionale. Per quanto concerne le specificità del suddetto contesto è bene evidenziarne almeno tre in particolare, dalle quali possono scaturire molteplici interrogativi e dubbi di natura deontologica e professionale: 1) In ambito giuridico l operatività dello psicologo è sempre regolamentata da norme e sostanziali e procedurali dell ordinamento giuridico dello Stato - codice civile e penale - che definiscono gli spazi, le attribuzioni e le finalità dei suoi interventi. Il vincolo del dettato normativo è dunque ben più forte rispetto ad altri campi - in taluni casi lo psicologo, es. nel ruolo di CTU, è vincolato anche da un giuramento di fronte al Giudice. E dunque un campo in cui vi è un intreccio di codici espliciti (Codice civile, penale e Codice Deontologico); ed impliciti (regole sociali, valori etici personali), dove si possono creare dei potenziali contrasti. Tutto ciò impone la necessità di individuare regole interpretative e di mediazione efficaci, che sappiano rispettare norme e principi deontologici. Si tratta dunque di un processo complesso di integrazione e di contaminazione responsabile e virtuosa, che rimanda ai fondamenti etici ed anche epistemologici delle disciplina psicologica e giuridica. 2) Altro aspetto nodale in psicologia giuridica riguarda il fatto che di regola il committente e l utente - destinatario non coincidono, e al primo, ovvero al committente giudice o legale, lo psicologo è tenuto a rendere conto, dalla legge, se si tratta dell autorità giudiziaria, e in ogni caso dalla correttezza professionale. Anche in questa circostanza al limite, dove assume il ruolo di consulente, lo psicologo non può prescindere nel suo lavoro dalla prioritaria tutela psicologica dell utente/cliente, essendo il principio angolare della nostra professione, che non può essere in alcun modo disatteso, come richiamato dall art. 4 del CD. 3

4 3) Infine, si ricorda che l intervento dello psicologo consulente si svolge in un contesto multiprofessionale, caratterizzato da culture di riferimento diverse non immediatamente conciliabili. La necessità di collaborazione con altri professionisti di diversa professionalità, talora può rendere difficile mantenere ben distinti i confini delle rispettive competenze e, conseguentemente, rispettare i limiti e salvaguardare la autonomia professionale di ciascuno. Ricordo, che attorno alla Psicologia Giuridica sta sempre più crescendo la considerazione e il riconoscimento da parte del Diritto e dei suoi operatori, ma vi è ancora molto lavoro da svolgere per consolidare maggiormente la identità professionale dello psicologo nei confronti dei suoi diretti interlocutori, nonché committenti. A tutt oggi esiste e sussiste una prassi abitudinaria, nei tribunali e in ambito legale, che non sempre appare edotta e consapevole della specificità della disciplina psicologica e della competenza professionale dello psicologo consulente, e ciò crea talvolta confusione e interferenza con altre professionalità di area medica, più radicate sul piano culturale e tradizionale. La materia della psicologia giuridica richiama di necessità il concetto di interdisciplinarietà, e questo, se usato adeguatamente è un valore aggiunto imprescindibile. Ritengo necessario però differenziare uno scambio interdisciplinare che crea ricchezza conoscitiva, da una situazione di confusa sovrapposizione di competenze e ruoli professionali, che inevitabilmente interferisce anche sull efficacia dell azione legale e dell intero procedimento giuridico. Come abbiamo visto, per la peculiarità del contesto delle Consulenze tecniche, a volte le caratteristiche qualificanti per lo psicologo, possono diventare per lo psicologo consulente, fonte di un profondo disagio, determinato dal trovarsi in posizione di confine e/o di conflitto fra istanze parimenti importanti. In soccorso a tali incertezze e dilemmi deontologici, sono stati elaborati in questi anni, dei documenti specifici per l ambito forense, redatti spesso in collaborazione fra psicologi e operatori del diritto (avvocati, magistrati, etc.). 4

5 Tali documenti, tentano di fornire risposte, o almeno precisi orientamenti ai quesiti e criticità deontologiche più frequenti in ambito di psicologia forense. Alcuni circoscritti a campi limitati, a titolo esemplificativo ricordo: -la Carta di Noto, specifico per l esame del minore in caso di sospetto abuso sessuale ( ,elaborato e approvato, AIPG); -il protocollo relativo alla corretta utilizzazione dei test proiettivi per evitare che l uso distorto degli stessi interferisca negativamente sulla loro validità (elaborato dall Ass.ItalianaRorschach); -le recentissime linee guida per l acquisizione della prova, nel processo penale (2008,Istituto Superiore Internazionale di Scienze Criminali (ISISC); - in tema di privacy, le recenti linee guida in materia di trattamento di dati personali da parte dei consulenti tecnici e dei periti ausiliari del giudice e del pubblico ministero (2008, elaborate dal Garante della Privacy); E altre di più ampio respiro, come le Linee guida deontologiche per lo psicologo forense redatte dalla AIPG (1999). Queste ultime costituiscono un documento apprezzabile, in quanto fortemente attraversato da richiami alla responsabilità dello psicologo di non venire meno alla attenzione alla integrità psicologica di tutti i soggetti implicati, direttamente o indirettamente, dal suo intervento e di operare come professionista che - pur non chiamato esplicitamente a prendersi cura della sofferenza psicologica - deve riconoscerla, rispettarla, e impegnarsi a non aumentarla. In particolare l art. 2 delle linee-guida, sottolinea la condizione di vulnerabilita in cui si trovano i destinatari delle prestazioni dello psicologo forense, proprio a causa dell iter giudiziario in cui sono coinvolti; gli articoli 14 e 15 fanno specifico riferimento alle cautele necessarie nei confronti dei minori, anche tenendo conto dello stress causato dalla vertenza giudiziaria che fra l altro può prevedere una molteplicità di consulenze tecniche o di interventi da parte di più esperti. Tali Linee guida contengono inoltre alcune puntualizzazioni relative a questioni che nella pratica quotidiana delle consulenze si incontrano assai frequentemente e che, per inciso, costituiscono ad oggi l'oggetto più diffuso e 5

6 prevalente delle segnalazioni disciplinari che pervengono all Ordine. Fra le molte, ricordo il tema della incompatibilità fra ruolo di Consulente e di psicoterapeuta - principio sostenuto dall art. 16, che richiama a tale proposito quanto previsto dagli artt. 26 e 28 del C.D; la necessità della neutralità/obiettività del consulente, e la necessità di fondare le proprie valutazioni e pareri scritti, sulla conoscenza diretta dei soggetti, o su una documentazione adeguata, attendibile, e personalmente aggiungerei, esplicitamente indicata. Prima di iniziare a parlare dei noi deontologici più comuni in ambito giuridico, farò solo una breve precisazione sulle implicazioni teoriche metodologiche, nelle perizie psicologiche. In tal senso ricordo che il sapere psicologico, ha al suo interno diverse teorie e metodologie, ma nessuna di queste ha la supremazia sulle altre, in termini di maggiore efficacia e/o veridicità. In generale, le valutazioni psicologiche non possono esprimere giudizi assoluti, ma pareri espressi in termini di ipotesi verosimili e probabilistiche, avendone vagliato e argomentato i limiti, anche in base ad ipotesi interpretative alternative. Non esistono pertanto verità o risposte definitive e assolute, ma descrizioni più puntuali e circoscritte su un oggetto di indagine comunque dinamico e cangiante, e che può mutare e ridefinirsi. Va da sé comunque dell importanza della esplicitazione del quadro di riferimento teorico e della propria metodologia di indagine, tale da permettere una effettiva valutazione e critica sulla acquisizione e interpretazione dei dati raccolti, come indicato dall art 5 delle linee guida che fa esplicito rimando all art.7 CD, al fine di ridurre al minimo la interferenza soggettiva dell osservatore-valutatore, ovvero tentare di ridurre l autoreferenzialità alle proprie idee, alle proprie convinzioni, nonché teorie, che rimane, comunque, un aspetto ineliminabile in tutti i domini del sapere scientifico, compreso quello psicologico e giuridico. Come diceva il filosofo pre-socratico Protagora: 6

7 «l'uomo è la misura di tutte le cose, di quelle che sono in quanto sono e di quelle che non sono in quanto non sono»; e, per onorare almeno uno tra i tanti, padri della psicologia moderna, ricordo quanto scriveva, nel 1967, Ulric Neisser, uno dei protagonisti della rivoluzione cognitivista in psicologia: <<...tutto ciò che consociamo della realtà risulta mediato non soltanto dagli organi di senso, ma anche dal complesso sistema (costrutti o categorie mentali dell osservatore) che interpreta e reinterpreta l informazione>>. Principi esplicativi filosofici e psicologici, coerenti e in linea con il moderno relativismo gnoseologico, dove il processo della conoscenza, del sapere scientifico, rimane sempre e comunque un sapere e una conoscenza perfettibile, non definitivo. Chiusa la breve parentesi scientifico-teorica, che gli altri interventi della giornata avranno modo di approfondire meglio, ora affronteremo alcuni dei più comuni e frequenti nodi deontologici in psicologia forense. Dopo aver delineato lo scenario complessivo, proverò ad individuare alcuni dei più comuni e frequenti nodi deontologici in psicologia forense, utilizzando come griglia di lettura le finalità e i principi generali che hanno orientato la stesura del nostro C.D., e riferendomi, nelle esemplificazioni, prevalentemente all ambito delle Consulenze tecniche. Sappiamo che il nostro Codice Deontologico si pone come obiettivo prioritario, la tutela del cliente, comprendendo con questo termine l utente - paziente e il committente: la nostra prestazione professionale deve porsi l ambizioso obiettivo di essere al servizio e di promuovere il benessere psicologico (art. 3 C.D.) di entrambi. Ciò significa rispettare tutti i soggetti coinvolti dal nostro intervento, coerentemente con il fondamento culturale che concepisce la soggettività psichica come esito del processo complesso di interazione dinamica fra individuo e contesto. D altra parte in ambito giuridico è evidente che il soggetto maggiormente vulnerabile, e che va più tutelato sotto il profilo psicologico è 7

8 colui che è sottoposto, solitamente non per sua scelta, all intervento dello psicologo: a tale proposito appare cruciale, e allo stesso tempo particolarmente problematica, l applicazione dell art. 4 del C.D. che sancisce che chi si avvale della prestazione dello psicologo abbia il diritto di essere rispettato nella sua dignità, riservatezza, autodeterminazione ed autonomia. Si tratta, pertanto di assolvere i compiti attribuitici col conferimento dell'incarico senza diventare eccessivamente intrusivi, limitandosi ad indagare su temi ed esperienze pertinenti all oggetto del nostro mandato, senza esprimere giudizi di valore, utilizzando le informazioni raccolte per redigere relazioni esaurienti per il committente, ma parimenti attente a non compromettere l equilibrio psichico della persona oggetto della valutazione, prevedendo i possibili effetti destabilizzanti di una valutazione diagnostica, appresa in un contesto privo di sufficienti protezioni si veda, fra gli altri, l esplicito richiamo dell art. 25, 3 del C.D. che recita: Nella comunicazione dei risultati dei propri interventi diagnostici e valutativi, lo psicologo è tenuto a regolare tale comunicazione anche in relazione alla tutela psicologica dei soggetti. Altro aspetto cardine per lo psicologo è la costruzione e il mantenimento del rapporto fiduciario con il cliente che costituisce, come noto, un fattore imprescindibile di correttezza deontologica, e parità del buon esito della prestazione: strumento essenziale della fiducia è la riservatezza che garantiamo al cliente, attraverso il rispetto del segreto professionale. Ora è evidente che in ambito forense, tale segreto non può che essere limitato, e tale limite deve essere esplicitato chiaramente, come sancito dall art. 24 del C.D., che recita: Lo psicologo, nella fase iniziale del rapporto professionale, fornisce all individuo..., siano essi utenti o committenti, informazioni adeguate e comprensibili circa le sue prestazioni, le finalità e le modalità delle stesse, nonché circa il grado e i limiti giuridici della riservatezza. Al tempo stesso l obbligo deontologico del rispetto, se pur parziale, del segreto, è ben esplicitato anche in altri articoli del C.D.: ad esempio l art.13 recita Nel caso dell obbligo di referto o di obbligo di denuncia, lo psicologo limita allo stretto necessario il 8

9 riferimento di quanto appreso in ragione del suo mandato, ai fini della tutela psicologica del soggetto. Altro principio guida si riferisce all obbligo di usare con discrezione il potere derivante dalle conoscenze e competenze professionali: tale potere o asimmetria relazionale, assai rilevante in ogni prestazione, in ambito forense si traduce in ben precise responsabilità relativamente alle conseguenze concrete che scaturiscono dalla valutazione che forniamo ai committenti; basti pensare all'affidamento dei figli nelle separazioni coniugali, alle dichiarazioni di adottabilità, alle valutazioni per il risarcimento economico di un danno psichico, etc.. Lo psicologo deve essere consapevole di tali responsabilità, e ciò richiede la capacità di muoversi attentamente lungo il doppio registro della realtà psichica, oggetto della sua indagine, e quello della realtà fattuale e circostante, in quanto il suo intervento potrà produrre e introdurre cambiamenti sostanziali nelle esistenze delle persone. Un terzo principio cardine del Codice Deontologico consiste nella consapevolezza dei limiti di conoscenze e competenze, che deve guidare le prestazioni professionali, e nel dovere di aggiornamento, richiamati dall art. 5 del CD. Questo principio generale, è ripreso dall'art. 3 delle Linee guida, che oltre a sottolineare che lo psicologo consulente deve possedere conoscenze di psicologia giuridica, indica chiaramente che non si devono accettare incarichi per i quali non si possiede una specifica competenza. Vista l'ampiezza del campo psicogiuridico il richiamo non è irrilevante. Ad esempio quando si è chiamati a rappresentare l Ordine nei Comitati per l esame delle domande per essere inseriti negli elenchi dei C.T.U presso i Tribunali, ci si rende conto che, non infrequentemente, gli aspiranti sottovalutano la necessità di una formazione specifica, a volte rivendicando erroneamente, specializzazioni o qualifiche professionali inesistenti, come quella di Psicologo Giuridico o Psicologo Forense. In tal senso ricordo, che attualmente in Italia, non esiste la figura giuridica di Psicologo Giuridico, né una scuola di specializzazione in 9

10 Psicologia Giuridica; esistono bensì una moltitudine di corsi di perfezionamento, di Masters, di seminari e giornate studio, pubblici o privati, che rilasciano ai partecipanti, un attestato/certificato di frequenza, a volte anche con il superamento di una prova finale di apprendimento, ma non legittimano l esercizio di alcuna figura professionale, e che rientrano nel novero del curriculum e dell aggiornamento continuo del singolo professionista. Lo psicologo giuridico/forense quindi non esiste come figura professionale, ma bensì esiste lo psicologo iscritto all ordine che ha acquisito una specifica competenza professionale e formazione, anche se non specialistica nel senso di cui sopra, nella disciplina della psicologia giuridica e/o della psicopatologia forense. In altri casi si osserva un eccesso di disinvoltura nel trasporre teorie e metodi dall area clinica a quella giuridica, o da un area giuridica ad un altra. L intervento professionale nell ambito della Psicologia Giuridica, spesso viene erroneamente interpretato come una estensione della attività clinica dello psicologo. La Psicologia Giuridica e la Psicopatologia Forense non è la Psicologia Clinica applicata al contesto giudiziario, ma richiede una metodologia specifica, una modalità di stesura della relazione adeguata, una conoscenza della procedura e delle norme giuridiche. A solo titolo esemplificativo le C.T. in ambito civile e le perizie in ambito penale, anche qualora abbiano come oggetto la valutazione psicologica di minori, si collocano in un contesto processuale radicalmente differente, che ne rende assai diverso l utilizzo da parte dei legali e dei magistrati: infatti mentre nei procedimenti civili, separazioni, procedure di adottabilità, valutazione di idoneità alla genitorialità adottiva, la finalità perseguita è l'interesse del minore, e il consulente è chiamato a contribuire ad essa, nel processo penale l obiettivo è l'accertamento delle responsabilità penali, ovvero la ricerca e formazione della prova del reato, e l operato dei consulenti verrà utilizzato in tale senso. La consapevolezza dei propri limiti si esprime anche, ad esempio, nel rifiutarsi di rispondere a quesiti impossibili, in quanto non pertinenti alla nostra 10

11 professionalità. Ad esempio, in relazione al ruolo e compiti del CTU in ambito di affidamento dei minori, in diversi tribunali del Veneto, con il lavoro e contributo da parte di associazioni di categoria, oggi qui presenti, e con il patrocinio nonché avvallo dell ordine degli Psicologi, si è analizzato e proposto una formulazione del quesito in modo da evitare richieste improprie, che creavano confusione di competenze fra psicologo e giudice, attribuendo al primo di fatto una funzione decisionale che non gli compete, a dispetto della funzione di peritus peritorum del giudice. Analogamente sarebbe interessante un analisi e un lavoro anche sui quesiti in merito alle perizie in campo penale, in cui il rischio di confusione di competenze appare ancor più pericoloso, qualora il perito psicologo si trovasse di fronte ad un quesito che lo inducesse, equivocamente, ad esprimersi in ordine all accertamento della verità fattuale, sotto il profilo giudiziario, anziché limitarsi a fornire valutazioni strettamente inerenti agli aspetti psicologici. Infine, un altro dovere deontologico cruciale si riferisce alla difesa dell'autonomia professionale, che in ambito giuridico può risultare particolarmente difficoltosa, di fronte a pressioni talora esplicite, più frequentemente implicite, derivanti da altre professionalità forti per tradizione, status e potere sociale, o dagli stessi utenti, nel caso ad esempio in cui si è C.T.P.. A proposito dell autonomia del consulente di parte, mi preme sottolineare quanto tale ruolo richieda un particolare impegno nell assumere una posizione di equilibrio e di imparzialità, senza cadere nel tranello di schierarsi con il proprio cliente/committente legale, assumendo prospettive rigidamente dicotomiche e collusive, che alimentano anziché contenere la conflittualità, già di per sé insita nel contesto di una lite giudiziaria, anziché promuovere processi psicologici di elaborazione dei conflitti, e di autocritica anche da parte del proprio cliente. A conclusione di questo intervento, necessariamente sintetico e introduttivo ad una tematica assai complessa, vorrei rivolgere, soprattutto ai giovani colleghi che si affacciano a questo campo, l'invito a curare la formazione deontologica, ma soprattutto a ricordare che la correttezza della 11

12 prassi tecnico-metodologica di per sé non è garanzia di correttezza deontologica: infatti solo la consapevolezza del nesso inscindibile fra etica e deontologia, quindi la riflessione sui valori, prima che sulle norme che sottendono la nostra prassi, può perlomeno permetterci di essere responsabili, nel senso di poter rispondere del nostro operato, in scienza e coscienza. 12

FEDERAZIONE EUROPEA DELLE ASSOCIAZIONI DI PSICOLOGI META-CODICE DI ETICA. Accettato dall Assemblea Generale Granada, Luglio 2005 1.

FEDERAZIONE EUROPEA DELLE ASSOCIAZIONI DI PSICOLOGI META-CODICE DI ETICA. Accettato dall Assemblea Generale Granada, Luglio 2005 1. FEDERAZIONE EUROPEA DELLE ASSOCIAZIONI DI PSICOLOGI META-CODICE DI ETICA Accettato dall Assemblea Generale Granada, Luglio 2005 1. INTRODUZIONE Nel seguente meta-codice il termine cliente si riferisce

Dettagli

Deontologia e responsabilità professionali dell'assistente sociale. Laboratorio di formazione per assistenti sociali. Brescia 2012

Deontologia e responsabilità professionali dell'assistente sociale. Laboratorio di formazione per assistenti sociali. Brescia 2012 Deontologia e responsabilità professionali dell'assistente sociale Laboratorio di formazione per assistenti sociali Brescia 2012 Siamo veramente autonomi nell'esercizio della professione? Cos è l autonomia

Dettagli

CRISI DEL LAVORO LAVORATORI IN CRISI. La psicologia per il benessere delle Persone e delle Organizzazioni

CRISI DEL LAVORO LAVORATORI IN CRISI. La psicologia per il benessere delle Persone e delle Organizzazioni CONVEGNO CRISI DEL LAVORO LAVORATORI IN CRISI La psicologia per il benessere delle Persone e delle Organizzazioni Pordenone, 14 settembre 2013 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze

Dettagli

ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO

ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO ASSOCIAZIONE ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE CODICE ETICO PREMESSA L Associazione "ANTICRISI NETWORK PROFESSIONALE o più brevemente ANTICRISI.NET, ha scelto di dotarsi di un Codice Etico. Adottare un Codice

Dettagli

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute

Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute Società italiana di scienze applicate alle piante officinali e ai prodotti per la salute CODICE ETICO Al fine di favorire la qualità e il prestigio dell attività svolta dalla Società Italiana delle scienze

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

Corso di Psicodiagnostica con Elementi di Psicologia Forense Prima edizione Lecce, marzo 2012

Corso di Psicodiagnostica con Elementi di Psicologia Forense Prima edizione Lecce, marzo 2012 Corso di Psicodiagnostica con Elementi di Psicologia Forense Prima edizione Lecce, marzo 2012 PRESENTAZIONE DEL CORSO La valutazione psicologica ha il fine di "comprendere" la persona: ciascun contesto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DI UN PROGETTO DI SERVIZIO SOCIALE

PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DI UN PROGETTO DI SERVIZIO SOCIALE PROGRAMMAZIONE E GESTIONE DI UN PROGETTO DI SERVIZIO SOCIALE A.S. Dott.ssa Carmen Prizzon Il progetto Operazione complessa unica e di durata limitata rivolta a produrre un risultato specifico attraverso

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 8 POLITICHE DEL PERSONALE: VALORIZZAZIONE E TUTELA DEL CAPITALE UMANO Art. 68 - Salute organizzativa Art. 69 - Strumenti per la

Dettagli

FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10

FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10 FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10 1 Il progetto è presentato da: Istituto di Istruzione Superiore G. TORNO P.le Don Milani 1 20022 Castano

Dettagli

La presente Carta Etica vuole ispirare una buona pratica professionale in ragione del benessere e dell efficacia dalla relazione Coach Cliente

La presente Carta Etica vuole ispirare una buona pratica professionale in ragione del benessere e dell efficacia dalla relazione Coach Cliente La Carta etica: sappiamo quanto la nostra professione sia delicata sotto un profilo etico. La carta non vuole essere un codice prescrittivo, ma una fonte di ispirazione per i coach che vogliono essere

Dettagli

Linee Guida per l'utilizzo dei tests psicologici in ambito forense

Linee Guida per l'utilizzo dei tests psicologici in ambito forense Linee Guida per l'utilizzo dei tests psicologici in ambito forense In http://www.ordinepsicologilazio.it/esercitare/competenze/com_giuridico_forense/pagina2.html (Elaborate da Paolo Capri, Alessandro Crisi

Dettagli

LUCI ED OMBRE SULLA NUOVA FORMAZIONE PROFESSIONALE E LE SPECIALIZZAZIONI. Intervento dell avv. Sandra Maraia

LUCI ED OMBRE SULLA NUOVA FORMAZIONE PROFESSIONALE E LE SPECIALIZZAZIONI. Intervento dell avv. Sandra Maraia LUCI ED OMBRE SULLA NUOVA FORMAZIONE PROFESSIONALE E LE SPECIALIZZAZIONI Intervento dell avv. Sandra Maraia 1. Brevi cenni sul regolamento n. 6/2014 Il nuovo regolamento per la formazione continua, approvato

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

CODICE ETICO DI AUTODISCIPLINA. Premessa

CODICE ETICO DI AUTODISCIPLINA. Premessa 1 CODICE ETICO DI AUTODISCIPLINA Premessa TEMPI MODERNI S.p.A. Agenzia per il Lavoro opera da 5 anni in prevalenza nel settore della somministrazione di lavoro temporaneo a tempo determinato ed indeterminato.

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI E DIDATTICI

OBIETTIVI EDUCATIVI E DIDATTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI BREMBATE SOPRA - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO FERRUCCIO DELL ORTO OBIETTIVI EDUCATIVI E DIDATTICI CLASSI PRIME SOCIALIZZAZIONE - PARTECIPAZIONE Primo quadrimestre Si pone nella

Dettagli

Moralità e legalità: : due facce della stessa medaglia?

Moralità e legalità: : due facce della stessa medaglia? Moralità e legalità: : due facce della stessa medaglia? Corso IPASVI Il codice deontologico dell infermiere 2009. Una guida per fronteggiare le sfide nella pratica quotidiana dell assistenza infermieristica

Dettagli

La presente Carta Etica vuole ispirare una buona pratica professionale in ragione del benessere e dell efficacia dalla relazione Coach Cliente.

La presente Carta Etica vuole ispirare una buona pratica professionale in ragione del benessere e dell efficacia dalla relazione Coach Cliente. La Carta etica: sappiamo quanto la nostra professione sia delicata sotto un profilo etico. La carta non vuole essere un codice prescrittivo, ma una fonte di ispirazione per i coach che vogliono essere

Dettagli

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno CODICE ETICO AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 dicembre 2009 1 Sommario Premessa 1. 0.1 Obiettivi 2. 0.2 Adozione 3. 0.3 Diffusione 4. 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento

Dettagli

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico 1. Principi generali La Sispi S.p.A., persegue la sua missione aziendale attraverso lo svolgimento di attività che hanno impatto sulla vita della collettività oltreché dei singoli. In tale percorso l esigenza

Dettagli

Master in psicologia dell'educazione applicata al sistema integrato scuola-territorio

Master in psicologia dell'educazione applicata al sistema integrato scuola-territorio Strada Vallazza 6-43100 parma coinetica@libero.it www.coinetica.it associazione culturale ISTIUTO DI PSICOTERAPIA SISTEMICA INTEGRATA Premesse Master in psicologia dell'educazione applicata al sistema

Dettagli

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A.

18/10/2013. Rev. 01. CASALP S.p.A. CASALP S.p.A. SISTEMA SANZIONATORIO E DISCIPLINARE EX D.LGS. 231/2001 1 INDICE 1. Premessa.. 3 2. Violazioni.. 4 3. Soggetti destinatari... 4 4. Comitato che vigila sui comportamenti e formula le proposte

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

La collaborazione del Mediatore Familiare con il CTU e con il terapeuta della coppia e del singolo. Isabella Buzzi www.mediazioneinfamiglia.

La collaborazione del Mediatore Familiare con il CTU e con il terapeuta della coppia e del singolo. Isabella Buzzi www.mediazioneinfamiglia. La collaborazione del Mediatore Familiare con il CTU e con il terapeuta della coppia e del singolo Isabella Buzzi www.mediazioneinfamiglia.it Particolarità del mediatore familiare rispetto alle questioni

Dettagli

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice

Psicologia dell orientamento scolastico e professionale. Indice INSEGNAMENTO DI PSICOLOGIA DELL ORIENTAMENTO SCOLASTICO E PROFESSIONALE LEZIONE I ORIENTAMENTO E PSICOLOGIA PROF.SSA ANNAMARIA SCHIANO Indice 1 L orientamento: significato e tipologie ---------------------------------------------------------------

Dettagli

ROMA, FEBBRAIO-MARZO 2015

ROMA, FEBBRAIO-MARZO 2015 Scuola di Psicoterapia Cognitiva s.r.l Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale Direttore: Dr. Francesco Mancini CORSO DI PSICOLOGIA GIURIDICA: LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE

Dettagli

CARTA DEL CURATORE SPECIALE /DIFENSORE DEL MINORE NEI PROCEDIMENTI DI ADOTTABILITA E DE POTESTATE LINEE GUIDA. Premesso

CARTA DEL CURATORE SPECIALE /DIFENSORE DEL MINORE NEI PROCEDIMENTI DI ADOTTABILITA E DE POTESTATE LINEE GUIDA. Premesso CAMERA MINORILE DI TORINO CONSIGLIO ORDINE CARTA DEL CURATORE SPECIALE /DIFENSORE DEL MINORE NEI PROCEDIMENTI DI ADOTTABILITA E DE POTESTATE LINEE GUIDA Premesso Che l entrata in vigore delle norme processuali

Dettagli

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste CODICE DI COMPORTAMENTO

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste CODICE DI COMPORTAMENTO CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE CRALPoste CODICE DI COMPORTAMENTO Roma, 31 Marzo 2005 INDICE Premessa pag. 3 Destinatari ed Ambito di applicazione pag. 4 Principi generali pag.

Dettagli

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO

PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO PROCESSI AUTO-ETERO VALUTATIVI E APPRENDIMENTO Intendiamo parlare della valutazione come di un processo interazionale tra un soggetto valutante ed un soggetto valutato. Trattandosi di un processo dinamico

Dettagli

IL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI INFERMIERI

IL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI INFERMIERI IL CODICE DEONTOLOGICO DEGLI INFERMIERI Maggio 1999 I DOVERI DEGLI INFERMIERI SONO I DIRITTI DEI CITTADINI Articolo 1 PREMESSA 1.1. L infermiere è l operatore sanitario che, in possesso del diploma abilitante

Dettagli

Sistema Disciplinare e Sanzionatorio

Sistema Disciplinare e Sanzionatorio Sistema Disciplinare e Sanzionatorio Contenuti 1. Introduzione... 3 1.1 Lavoratori dipendenti non Dirigenti... 3 1.2 Lavoratori dipendenti Dirigenti... 4 1.3 Misure nei confronti degli Amministratori e

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti

CODICE ETICO e di CONDOTTA. Della Monica & Partners Srl. Società tra Professionisti CODICE ETICO e di CONDOTTA Della Monica & Partners Srl Società tra Professionisti Giugno 2014 INDICE... 2 ARTICOLO 1 PREMESSA... 3 ARTICOLO 2 OBIETTIVI E VALORI... 3 ARTICOLO 3 SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO...

Dettagli

BESCLO The Basic European Social Care Learning Outcomes

BESCLO The Basic European Social Care Learning Outcomes Il European Care Certificate è un certificato che attesta l acquisizione delle conoscenze di base necessarie per lavorare nell ambito socio assistenziale e socio sanitario. Viene rilasciato previo superamento

Dettagli

La gestione del reclamo in Emilia-Romagna: una procedura concordata fra i rappresentanti dei cittadini e i servizi

La gestione del reclamo in Emilia-Romagna: una procedura concordata fra i rappresentanti dei cittadini e i servizi Programma a finanziamento ministeriale Percezione di qualità e risultato delle cure: costituzione di una rete integrata di osservatori regionali Seminario interregionale IL CIRCOLO VIRTUOSO DEL RECLAMO

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE

REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE REGOLAMENTO SERVIZIO EDUCATIVA TERRITORIALE Allegato alla determinazione direttoriale n. 681/000/DIG/14/0024 del 06.06.2014 ART. 1 PRINCIPI GENERALI Il servizio Educativa Territoriale si inserisce come

Dettagli

Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni

Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni Criteri ed indicazioni per la valutazione degli alunni La verifica degli apprendimenti, momento importante del processo formativo, servirà ai docenti per modificare o integrare gli obiettivi, i metodi

Dettagli

Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari

Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari Ordine Avvocati Messina Associazione Italiana Mediatori Familiari Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari Protocollo d intesa per l istituzione di un Punto Informativo

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO per GLI ESAMI DI STATO

LINEE DI INDIRIZZO per GLI ESAMI DI STATO LINEE DI INDIRIZZO per GLI ESAMI DI STATO Definizione e significato degli esami di stato L Esame di Stato per l abilitazione alla professione di assistente sociale e di assistente sociale specialista consiste

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

MASTER DI SECONDO LIVELLO NELLA CURA E NELLA TUTELA DEL MINORE

MASTER DI SECONDO LIVELLO NELLA CURA E NELLA TUTELA DEL MINORE MASTERDISECONDOLIVELLONELLA CURAENELLATUTELADELMINORE Conilpatrociniodi: La crescente richiesta istituzionale di professionisti competenti nel campo della tutela minorile e la mancanza di un offerta formativa

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Diritti dei cittadini e responsabilità della Pubblica Amministrazione nei servizi della Famiglia e della Tutela minori

Diritti dei cittadini e responsabilità della Pubblica Amministrazione nei servizi della Famiglia e della Tutela minori DirittideicittadinieresponsabilitàdellaPubblicaAmministrazioneneiservizidellaFamigliae dellatutelaminori Milano,17Novembre2011 L assistentesocialetradeontologia,dirittievincoli MargheritaGallina Il codice

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

Premessa. Di seguito le nostre principali aree aree di intervento

Premessa. Di seguito le nostre principali aree aree di intervento Premessa Ad Meliora è anche Sicurezza. Ci rivolgiamo principalmente ad aziende operanti nel settore del terziario erogando: corsi di adempimento normativo: in funzione della tipologia di azienda e dei

Dettagli

Diritti umani ed etica professionale. Alarico Mariani Marini. Il Trattato di Lisbona ha posto l'avvocatura dinanzi a nuove e precise

Diritti umani ed etica professionale. Alarico Mariani Marini. Il Trattato di Lisbona ha posto l'avvocatura dinanzi a nuove e precise Diritti umani ed etica professionale Alarico Mariani Marini Il Trattato di Lisbona ha posto l'avvocatura dinanzi a nuove e precise responsabilità. Avere attribuito efficacia giuridica nel diritto europeo,

Dettagli

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009 5.14 IUS POENITENDI E TUTELA DELLA PRIVACY Con ius poenitendi si intende il diritto di cambiare confessione religiosa. Nel nostro ordinamento tale possibilità (implicitamente prevista dall art 19 Cost)

Dettagli

Avvocati obbligati a informare il cliente sulla possibilità di successo dell azione (Guida al Diritto)

Avvocati obbligati a informare il cliente sulla possibilità di successo dell azione (Guida al Diritto) Avvocati obbligati a informare il cliente sulla possibilità di successo dell azione (Guida al Diritto) Giuseppe Sileci Una delle disposizioni di maggior interesse del nuovo ordinamento forense è quella

Dettagli

BARI, SETTEMBRE-OTTOBRE 2014

BARI, SETTEMBRE-OTTOBRE 2014 Scuola di Psicoterapia Cognitiva s.r.l Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale Direttore: Dr. Francesco Mancini A.I.P.C. Associazione Italiana di Psicoterapia Cognitiva CORSO

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE PER COMPRENDERE, SPERIMENTARE E FAR PROPRIO IL METODO

PROGETTO DI FORMAZIONE PER COMPRENDERE, SPERIMENTARE E FAR PROPRIO IL METODO LO SPAZIO MAGICO DELLA RELAZIONE TM Metodo di intervento sulle dinamiche relazionali e sulla prevenzione del disagio nella Scuola dell Infanzia e nella Scuola Primaria PRIMO LIVELLO PROGETTO DI FORMAZIONE

Dettagli

SEPARAZIONI CONFLITTUALI E TUTELA DEL MINORE X CONGRESSO NAZIONALE AIDAI-AIRIPA Le nuove pratiche di intervento per l ADHD Sarzana, 15 maggio 2015 Dott.ssa Simona Codazzi Psicologa Esperta in Psicologia

Dettagli

Piano Formativo Crescere professionisti del Lavoro Sociale a cura della Commissione Formazione. anno 2015

Piano Formativo Crescere professionisti del Lavoro Sociale a cura della Commissione Formazione. anno 2015 Piano Formativo Crescere professionisti del Lavoro Sociale a cura della Commissione Formazione anno 2015 CONVEGNO Quello che presentiamo è il primo Piano Formativo che il CROAS propone alla comunità professionale

Dettagli

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili

1 La nuova revisione legale di Giorgio Gentili di Giorgio Gentili 1.1 Novità introdotte dal d.lgs. n. 39/2010 Il d.lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 marzo 2010, n. 68, recepisce la direttiva n. 2006/43/Ce, relativa

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa

Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova. REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione. Premessa Istituto Comprensivo San Giorgio di Mantova REGOLAMENTO uscite didattiche, visite guidate e viaggi d istruzione Approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n. 4 del 20/12/2012 Premessa Le uscite didattiche,

Dettagli

Incarichi di CT o perizia

Incarichi di CT o perizia Incarichi di CT o perizia La/o psicologa/o può essere nominata/o in sede civile da un Giudice come Consulente Tecnico d Ufficio (CTU) o dalle parti come consulente di parte (CTP) Le situazioni più tipiche

Dettagli

Buone pratiche per la valutazione della genitorialità

Buone pratiche per la valutazione della genitorialità Ordine degli Psicologi dell Emilia-Romagna Buone pratiche per la valutazione della genitorialità Manuela Colombari perché buone pratiche? Violazioni deontologiche in particolare per: 1- scarsa considerazione

Dettagli

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL

PROGETTO GIOVANI CITTA. Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile SCHEDA DI DETTAGLIO DEL PROGETTO GIOVANI CITTA Percorsi di cittadinanza attiva per uno sviluppo sociale sostenibile REALIZZAZIONE DELL AZIONE 2 Promuovere stili di vita sani e modelli positivi di comportamento. Educare alla legalità.

Dettagli

CODICE DI ETICA PROFESSIONALE 1 PREMESSA

CODICE DI ETICA PROFESSIONALE 1 PREMESSA CODICE DI ETICA PROFESSIONALE 1 PREMESSA Il nostro settore svolge un ruolo di primo piano nello sviluppo economico del Paese e nel dialogo fra imprese e consumatori, fra Pubblica Amministrazione e cittadino

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale A conclusione dei percorsi degli istituti professionali,

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT ED IL CONNESSO MODELLO DI GESTIONE

IL RISK MANAGEMENT ED IL CONNESSO MODELLO DI GESTIONE PARTE GENERALE IL RISK MANAGEMENT ED IL CONNESSO MODELLO DI GESTIONE - 4 - Premessa. DP&V attraverso l emanazione di un modello di gestione dei rischi aziendali intende dotarsi di un sistema di Corporate

Dettagli

Lo Sviluppo delle Capacità

Lo Sviluppo delle Capacità Lo Sviluppo delle Capacità 1 Come elaborare un Piano di sviluppo: premesse e processo 3 2 Appendice A: Una guida per la Diagnosi degli ostacoli 7 3 Appendice B: Una guida per la scelta delle Tecniche 8

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

IL RUOLO DEL CHIRURGO PLASTICO NELLE CONSULENZE MEDICO-LEGALI Sabato 2 febbraio 2013 Clinica CittàGiardino Padova

IL RUOLO DEL CHIRURGO PLASTICO NELLE CONSULENZE MEDICO-LEGALI Sabato 2 febbraio 2013 Clinica CittàGiardino Padova IL RUOLO DEL CHIRURGO PLASTICO NELLE CONSULENZE MEDICO-LEGALI Sabato 2 febbraio 2013 Clinica CittàGiardino Padova QUESTIONARIO RISPOSTE CORRETTE Il test si supera se le risposte esatte sono 34 sul totale

Dettagli

La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze. Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso

La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze. Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso La Professione Infermieristica ieri, oggi e domani Leggi e Competenze Orlando Pantaleo Responsabile UIT CO 118 Modena Soccorso NEGLI ULTIMI ANNI LA PROFESSIONE INFERMIERISTICA HA ACQUISITO SEMPRE PIÙ LA

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale

Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale Moduli formativi per insegnanti DALLE ALPI AL SAHEL Percorsi per educare allo sviluppo sostenibile e alla solidarietà internazionale In collaborazione con E con il patrocinio di: Iniziativa realizzata

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Ministero per la pubblica amministrazione e l'innovazione Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Profili didattico-scientifici

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

Incontriamoci a scuola

Incontriamoci a scuola a.s. 2014-2015 I. C. via Ferraironi Roma PROGETTO DI PSICOLOGIA SCOLASTICA Incontriamoci a scuola progetto vincitore bando Regione Lazio Promozione di nuove frontiere per l integrazione sociale Premessa

Dettagli

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Formazione Laboratori Responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Avv. Emanuele Montemarano Presidente dell Organismo di Vigilanza ACCREDIA 1 Un errore nel titolo... La normativa oggetto della

Dettagli

F.I.M.A.A. Federazione Italiana mediatori Agenti D Affari CODICE DEONTOLOGICO CAPITOLO I: PRINCIPI GENERALI E FINALITA

F.I.M.A.A. Federazione Italiana mediatori Agenti D Affari CODICE DEONTOLOGICO CAPITOLO I: PRINCIPI GENERALI E FINALITA F.I.M.A.A Federazione Italiana mediatori Agenti D Affari CODICE DEONTOLOGICO CAPITOLO I: PRINCIPI GENERALI E FINALITA Art.1 _ Codice deontologico: principi generali a) I principi ispiratori del presente

Dettagli

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA

7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA 7 CIRCOLO DIDATTICO - MODENA Via San Giovanni Bosco, 171 - Modena tel. 059.223752 / fax 059.4391420 VADEMECUM IMPEGNI DI RECIPROCITA NEI RAPPORTI SCUOLA FAMIGLIA Premessa Dal POF 2009/2010 del 7 Circolo

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei Consiglieri Possamai ISTITUZIONE DELLE UNITA OPERATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA Presentato alla Presidenza

Dettagli

I.I.W. LA CONSULENZA TECNICA DELLA PSICOLOGIA IN AMBITO GIURIDICO-GIUDIZIARIO (CTP)

I.I.W. LA CONSULENZA TECNICA DELLA PSICOLOGIA IN AMBITO GIURIDICO-GIUDIZIARIO (CTP) I.I.W. ISTITUTO ITALIANO WARTEGG LA CONSULENZA TECNICA DELLA PSICOLOGIA IN AMBITO GIURIDICO-GIUDIZIARIO (CTP) PROGETTO DI FORMAZIONE ALLA CONSULENZA TECNICA DELLA PSICOLOGIA IN AMBITO GIURIDICO-GIUDIZIARIO

Dettagli

LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE. Consuela Cigalotti

LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE. Consuela Cigalotti LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE Consuela Cigalotti Possono aver luogo in momenti diversi nel complesso iter in cui si articola il procedimento penale. INDAGINI PRELIMINARI

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

AssoFinance. Milano, via Giovanni Battista Pirelli 26 assofinance@libero.it www.assofinance.eu CODICE DEONTOLOGICO

AssoFinance. Milano, via Giovanni Battista Pirelli 26 assofinance@libero.it www.assofinance.eu CODICE DEONTOLOGICO CODICE DEONTOLOGICO I Consulenti Associati sono tenuti alla conoscenza ed al rispetto delle norme del presente Codice Deontologico. Premessa L esercizio della professione di Consulente indipendente in

Dettagli

CODICE ETICO. Premesse

CODICE ETICO. Premesse CODICE ETICO Premesse I. La Confederazione Generale Italiana delle Imprese, delle Attività Professionali e del Lavoro Autonomo, denominata in breve Confcommercio-Imprese per l Italia o anche Confederazione,

Dettagli

Tivoli, 18.11.2009. Relatore dott. Enrico Crisci ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TIVOLI

Tivoli, 18.11.2009. Relatore dott. Enrico Crisci ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TIVOLI ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TIVOLI ASSOCIAZIONE DOTTORI E RAGIONIERI COMMERCIALISTI Tivoli, 18.11.2009 Relatore dott. Enrico Crisci Il nome "deontologia" deriva dal greco

Dettagli

DICHIARAZIONE DI IDENTITÀ E MISSIONE

DICHIARAZIONE DI IDENTITÀ E MISSIONE I NOSTRI RIFERIMENTI Associazione Antidroga Picena C.so Mazzini, 248 - Ascoli Piceno aap2010@libero.it 0736/258855 DICHIARAZIONE DI IDENTITÀ E MISSIONE Condividere strategie per rendere efficaci gli incontri

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA Questo regolamento è il risultato di riflessioni e aggiornamenti avvenuti a partire dal 1989, anno in cui il Centro di Psicologia e Analisi Transazionale di Milano ha avviato la

Dettagli

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE

(Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE (Provincia di Perugia) Zona Sociale n. 4 REGOLAMENTO AFFIDO ETERO-FAMILIARE E SOSTEGNO FAMILIARE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.35 del 28/09/2011 Art. 1 Oggetto L affido familiare

Dettagli

Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN

Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN Il Codice deontologico degli infermieri dell ICN Il Codice deontologico degli infermieri del Consiglio internazionale degli infermieri Il codice internazionale di deontologia per la professione infermieristica

Dettagli

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo

Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo Offerta formativa sperimentale d istruzione e formazione professionale nelle more dell emanazione dei decreti legislativi di cui alla legge 28 marzo 2003, n.53 Criteri e procedure per la certificazione

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO. del Tecnico di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare. Sommario. A cura dell ANPEC Anno 2005 ART.

CODICE DEONTOLOGICO. del Tecnico di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare. Sommario. A cura dell ANPEC Anno 2005 ART. CODICE DEONTOLOGICO del Tecnico di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare A cura dell ANPEC Anno 2005 Sommario DISPOSIZIONI GENERALI... 2 ART. 1 RESPONSABILITÀ PERSONALE... 3 ART.

Dettagli

LE PSICOTERAPIE. A cura del Dr. Daniele Araco. (tratte dal trattato italiano di Psichiatria)

LE PSICOTERAPIE. A cura del Dr. Daniele Araco. (tratte dal trattato italiano di Psichiatria) LE PSICOTERAPIE A cura del Dr. Daniele Araco (tratte dal trattato italiano di Psichiatria) IL PROBLEMA DELLA PSICOTERAPIA COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA

Dettagli

FORMAZIONE GENERALE. Macroaree e moduli formativi. 1 Valori e identità del SCN. 1.1 L identità del gruppo in formazione e patto formativo

FORMAZIONE GENERALE. Macroaree e moduli formativi. 1 Valori e identità del SCN. 1.1 L identità del gruppo in formazione e patto formativo FORMAZIONE GENERALE Il percorso formativo è costituito da una serie di moduli raggruppati all interno di macroaree tematiche: una sorta di percorso logico e di viaggio nel mondo del servizio civile. La

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE. Ordinanza quadro per il Servizio Psicosociale

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO CENTRALE. Ordinanza quadro per il Servizio Psicosociale Ordinanza quadro per il Servizio Psicosociale Premessa L'attenzione agli aspetti psicosociali è alla base della stessa missione di Croce Rossa, in quanto preparando gli interventi a favore delle persone

Dettagli

si rende noto Assistenza e patrocinio di fronte ai Tribunali di Venezia e Rovigo Corte di Appello Cassazione Civile

si rende noto Assistenza e patrocinio di fronte ai Tribunali di Venezia e Rovigo Corte di Appello Cassazione Civile AVVISO PUBBLICO PER LA FORMAZIONE DELL ALBO DEGLI AVVOCATI ESTERNI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI VENEZIA ROVIGO DELTA LAGUNARE PER IL TRIENNIO 2016 2018. - Visto l art. 7 del D.lgs. n. 165/2001; - Richiamato

Dettagli

L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità

L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità L Apprendistato professionalizzante nel testo Unico: dispositivo ad alta densità formativa tra vincoli di legge ed opportunità Intervento di Mariaelena Romanini 1 Nell ambito del seminario: L apprendistato

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459)

PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459) PRESCRIZIONI PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE DI PERSONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DEL CAPO DELLA POLIZIA DEL 24 FEBBRAIO 2015 (NORMA UNI 10459) INDICE Data di aggiornamento: Articolo 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO ETICO ASSOCIAZIONE MEDICI DI STRADA. Deliberato dal Consiglio Direttivo in data 24 febbraio 2015

REGOLAMENTO ETICO ASSOCIAZIONE MEDICI DI STRADA. Deliberato dal Consiglio Direttivo in data 24 febbraio 2015 REGOLAMENTO ETICO ASSOCIAZIONE MEDICI DI STRADA Deliberato dal Consiglio Direttivo in data 24 febbraio 2015 Sommario INTRODUZIONE... 3 Art.1- Che cos'è il Codice Etico... 3 Art.2- Motivazione dei Volontari

Dettagli

Master professionalizzante in Psicologia Forense

Master professionalizzante in Psicologia Forense Master professionalizzante in Psicologia Forense ad orientamento fenomenologico relazionale Tecniche e strumenti per la consulenza in ambito civile e penale Catania, 2016 2017 PROGRAMMA e CALENDARIO PROVVISORIO

Dettagli

DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013)

DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013) DICHIARAZIONE DI HELSINKI (OTTOBRE 2013) PREMESSE 1. L Associazione Medica Mondiale (WMA) ha elaborato la Dichiarazione di Helsinki come dichiarazione di principi etici per la ricerca medica che coinvolge

Dettagli