Analisi di una comunità virtuale Andrea Ceregini

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi di una comunità virtuale Andrea Ceregini"

Transcript

1 Analisi di una comunità virtuale Andrea Ceregini Il corso di Psicologia dei Gruppi Virtuali tenuto dalla professoressa Angela Maria Sugliano per la facoltà di Scienze della Comunicazione di Savona durante l anno accademico 2004\2005 (primo semestre) è stato un puntuale e ben delineato viaggio all interno dei meccanismi attraverso i quali nasce, si ingrandisce, vive un gruppo (o comunità) virtuale. Il programma della materia è stato suddiviso in 8 macro-argomenti, così definiti: Il cyberspazio I Gruppi Virtuali Obiettivi di un gruppo virtuale Membri di un gruppo virtuale Collegamenti in un gruppo virtuale Comunicazione mediata da computer Categorizzazione dell identità nel cyberspazio Processi in un gruppo virtuale Per ogni argomento è stata assegnata una scheda di esercitazione, da svolgere individualmente o in un mini-gruppo di 2\3 elementi: la valutazione media delle 8 schede andava ad incidere per l 80% sul voto finale, in attesa dell integrazione orale. Ogni scheda di esercitazione si componeva non solo di domande sul testo e di considerazioni su dispense scritte dalla professoressa, ma anche e soprattutto di un analisi diretta di un gruppo virtuale scelto dall esaminando, i cui vari aspetti erano di volta in volta osservati ed approfonditi a seconda degli argomenti trattati. La mia scelta è stata l Homerata Forum. 1

2 Il cyberspazio Il primo incontro che il mio lavoro ha con la community Homerata è all interno della sezione relativa al cyberspazio, definito non come un mero luogo fittizio da associarsi unicamente al mondo delle macchine, ma come luogo reale, in quanto reale non è solo ciò che è tangibile, bensì tutto ciò che ha conseguenze per l individuo, anche di natura psicologica ed interiore. Tra le 7 tecnologie che, attualmente, ci permettono di raggiungere questo spazio virtuale, l immersione è associabile totalmente ad una comunità di forum quale l Homerata. In una comunità virtuale, infatti, non è l individuo fisico a muoversi, ad interagire con altre persone, ad avere rapporti sociali: tutte queste attività sono svolte dal proprio personaggio virtuale, che, interagendo con gli altri già presenti, si relaziona. Quotando direttamente dalla mia scheda si può dire quindi che: Io sottoscritto Andrea Ceregini sono conosciuto (e RIconosciuto) nel forum non come persona fisica, ma come utente; vengo chiamato mynick (il mio pseudonimo) e al mio aspetto viene sostituita l immagine che scelgo di usare come avatar. Allo stesso modo io mi relaziono in questo modo con tutti gli altri utenti e le relazioni che nascono sono indissolubilmente legate a questi elementi: fino a che il livello di interazione con gli altri utenti rimarrà a livello virtuale, il mio avatar vive per me. Gruppi e comunità virtuali Un gruppo virtuale è definito come un gruppo formato da individui che percepiscono se stessi come appartenenti a quel gruppo, legati fra loro non da relazioni faccia a faccia, ma da collegamenti elettronici, la cui interdipendenza risulta assicurata dalla co-presenza enunciativa sperimentata dai quei membri nello spazio smaterializzato che fa da supporto ai loro atti comunicativi. Questa definizione, sicuramente efficace non fa altro che dire: un gruppo virtuale si forma quando due o più persone decidono di incontrarsi costantemente in rete. E punto. Una comunità virtuale nasce dall unione di più gruppi, ognuno con una propria identità socio-culturale (più o meno marcata non si parla per forza di bande di teppisti l una sudamericana e l altra russa in lotta fra loro, ma anche semplicemente di un gruppo di persone che sa usare le risorse di un forum e un altro che invece non ne ha capacità e\o conoscenza...!), ma con un obiettivo comune, una caratterizzazione di membri al suo interno e dei collegamenti ben definiti. 2

3 Gruppi e comunità virtuali: obiettivi Possiamo dire che la prima condizione per cui l obiettivo di un gruppo virtuale sia efficace stia nella chiarezza dell obiettivo stesso: ciascun componente del gruppo deve conoscere con precisione quali obiettivi esso deve raggiungere; quindi, definito questo, si può passare ad un livello più profondo: la seconda condizione consiste nella rilevanza che l obiettivo assume per il singolo membro risulta importante infatti che sia possibile una forma di identificazione dei membri con l obiettivo comune, identificazione che permetta a ciascuno di appropriarsene e di inserirlo nel contesto delle mete individuali da perseguire e dei bisogni da soddisfare. obiettivi dell Homerata Gli obiettivi di una comunità virtuale come è l Homerata seguono perfettamente le regole di buona condotta definite dai teorici della psicologia post-moderna ed esplicitate nella tabella riportata qui sotto. definizione dell obiettivo di cosa si tratta nell Homerata Forum passione comune per I Simpson ed altri l insieme dei valori e la filosofia cartoni\telefilm, volontà di che deve guidare l agire dei visione ricreare un luogo membri del gruppo d incontro ben delineato ed organizzato per lo scambio di opinioni. missione scopo compiti risultati di norma una breve frase che sintetizza quello che il gruppo fa per soddisfare quanto posto nella definizione della visione è il cosa dev essere fatto definiscono come fare a portare a termine gli scopi per soddisfare la missione del gruppo alla luce della visione posta l espressione concerta del lavoro del gruppo le definizioni di direttive nei vari topic di regolamentazione e normativizzazione accettare solo chi accetta di sottostare alle regole e alle motivazioni definite dalla e nella comunità, organizzare attività di produzione\creazione attorno agli argomenti principali di discussione includere o escludere un membro da una data discussione\attività, definire il budget a disposizione, decidere se cercare sponsor e in caso affermativo, trovarli i lavori prodotti dai membri (le famose capsule ), creazione di stabili rapporti fra membri e sezioni, entrare nella classifica di conteggioaccessi del server, ottenere fondi dagli sponsor. 3

4 Gruppi e comunità virtuali: membri La struttura di un gruppo riflette e determina la mappa stabile delle relazioni fra i membri di un gruppo. I ruoli specificano i comportamenti generali che ci si aspetta dalle persone a seconda delle posizioni che occupano all interno del gruppo. Si può definire il ruolo come l insieme delle norme e delle aspettative che convergono su un individuo in quanto occupa una determinata posizione in un sistema sociale. A ogni ruolo che l individuo ricopre nella società corrispondono diritti e doveri propri del ruolo specifico. I ruoli di capo (leader) e di seguace (follower) sono i ruoli fondamentali in ogni gruppo, ma altri ruoli funzionali al compito che il gruppo sta svolgendo vengono a delinearsi all interno del gruppo stesso: ci sarà chi si occupa di aspetti organizzativi, chi di aspetti tecnici, chi di aspetti realizzativi e così via. Si possono classificare ben 28 tipologie differenti di ruoli attivabili ed impersonificabili all interno di un gruppo. Questi 28 ruoli possono essere suddivisi in tre macro-categorie: ruoli centrati sul compito (ricoperti da chi centra la propria attenzione e impegno sull obiettivo che il gruppo deve soddisfare), ruoli socio-emozionali (ricoperti da chi bada al benessere e al mantenimento del gruppo), ruoli individualistici (ricoperti da chi antepone i propri bisogni a quelli del gruppo). Di importanza fondamentale in una comunità virtuale è lo Status, cioè la posizione che un individuo occupa in una mappa di relazioni sociali. E un concetto legato alla nozione di potere, dominanza, prestigio e controllo sui membri di un gruppo. Lo status che viene riconosciuto ai diversi membri di un gruppo guida i rapporti fra questi Le relazioni di status sono determinate dall autorità. Si parla di Status Ascritto quando si intende una posizione ereditata dall individuo da elementi che sono indipendenti dalla sua prestazione personale: età, sesso, classe sociale, legami familiari. Si parla di Status Acquisito quando ci si riferisce a qualità acquisite all individuo per sue conquiste personali. Il potere acquisito all interno dell Homerata prevalentemente di tipo acquisito, in quanto posizioni di rilievo (moderatore di determinate sezioni, stima da parte dell amministratore e dei piani alti della comunità) vengono raggiunte dall utente con la semplice costanza e il buon comportamento all interno del forum. Da ciò si escludono naturalmente i fondatori del progetto, che avevano come abilità ascritta la possibilità (tecnica e logistica) di poter creare ed organizzare un forum su tali argomenti. 4

5 membri dell Homerata all interno della comunità di studio scelta, dovevano essere scelti differenti ruoli, suddivisi tra i 3 macro-gruppi, e per ogni ruolo doveva essere specificata una frase che lo definiva come tale. Infatti, i ruoli all interno di una comunità virtuale (così come nelle interazioni faccia a faccia, in ogni caso) la definizione dei gruppi NON è strettamente rigida, sebbene si riconosca una tendenza dell individuo (pardon, dell avatar) a legarsi maggiormente ad una delle tre possibili attitudini. La sezione studiata per questo esercizio è stata particolarmente quella dedicata al telefilm Scrubs Ruoli incentrati sul compito initiator (crea nuove idee) Information seeker (enfatizza i fatti, apportando prove esterne) Opinion seeker (richiede nuovi dati, opinioni ed informazioni) Information giver (si prodiga a dare più informazioni possibili all interno di una discussione) Opinion giver (gestisce opinioni ed informazioni) Ma di cosa sto parlando? delle CITAZIONI a grandi scene di film all'interno di Scrubs...nell'episodio di ieri c'era una bellissima citazione alla scena madre (o almeno, alla scena che inizia tutto l'ambaradan del film) di IT! Ecco le prove qua sotto ho mandato un a MusicTeleVision per chiedere la programmazzzzzione della 4 serie. Ma siccome non è finita ancora in America, secondo me, dovremo aspettare... Attendo risposte fiducioso Ho appena scoperto che stasera facevano Scrubs su MTV. Che tempismo, eh?!?! Qualcuno puo' dirmi che puntate hanno trasmesso e quando (se) le fanno in replica???? visitando il sito uffiale di scrubs, tra le varie news, ho scoperto ( forse voi lo sapevate gia, ma lo posto lo stesso) Che la band di ted, insomma... è veramente una Band, è ha pubblicato un cd, vi posto l'articolo e l' per contattarli. Hola. comunque a me pareva evidente che citassero Friends Ruoli socio-emozionali encourager (dispensa moniti ed (scherzi a parte, complimenti! ) incoraggiamenti) harmonizer Bastava vedere il post sopra al mio per capire tutta la vicenda (risolve problemi; per lo più di fraintendimenti) Ruoli individualistici E figurati che io ho capito ora perchè hai scritto "citazioni". Self-confessor Sto diventando vecchio. Davvero. block Oggesù, questa poi! Ma se c'ha la faccia più da maiala del cosmo! (si impunta su un opinione contro il resto dell utenza) 5

6 Gruppi e comunità virtuali: collegamenti Una rete di comunicazione può avere vita quando uno scambio di informazioni dà luogo a strutture regolari di avvicendamento. Inoltre, alla base di questa sezione del programma, sta il concetto che, per spiegare e definire la struttura ed il funzionamento di un gruppo, sono molto più importanti i legami di comunicazione piuttosto che la distanza fisica tra i componenti. E per studiare questi canali (e legami) di comunicazione può essere usata la carta IPA, una griglia secondo la quale i messaggi all interno di un forum vengono classificati secondo 3 livelli: area socio-emozionale positiva area del compito area socio-emozionale negativa associabili alle già citate differenziazioni tra macro-categorie di membri: ruoli socio-emozionali ruoli incentrati sul compito ruolo individualistici Dall analisi e dallo studio della carta IPA è possibile avere dati oggettivi sui collegamenti che intercorrono all interno di una comunità virtuale, quindi sulla sua struttura, e perciò sulla sua organizzazione globale e finalità Un breve excursus sulle tipologie di rete Le reti possono essere suddivise in centralizzate e de-centralizzate: le prime sono reti in cui un membro si trova al punto di incrocio delle comunicazioni (e pertanto svolge un ruolo fondamentale di ricevente/elaboratore di tutte le comunicazioni), mentre le seconde sono reti dove il numero di canali di comunicazione in ogni posizione della rete è sostanzialmente eguale e pertanto non emerge una posizione più centralizzata delle altre. Le reti centralizzate risultano maggiormente efficaci in caso di obiettivi semplici, mentre di fronte ad obiettivi più complessi una rete decentralizzata, caratterizzata da una maggiore cooperazione di membri, è più adatta. La soddisfazione personale dei membri di una rete sarà tanto minore quanto maggiore è la distanza della sua posizione da quella centrale. 6

7 collegamenti dell Homerata In seno al discorso sulle differenziazioni delle tipologie di rete rispetto ai collegamenti presenti al loro interno, veniva richiesta un analisi di una discussione del forum scelto secondo la carta IPA. Io ho analizzato un topic all interno della sezione dedicata al telefilm Scrubs dell Homerata Community, esattamente i primi 19 messaggi dell argomento chiamato E così finiva la 3 stagione di scrubs, rintracciabile all indirizzo TopicID=2695&PagePosition=1&get=last# L utente ps2maniaco apre la discussione, rammaricandosi della conclusione della terza stagione del telefilm. UTENTI ps2maniaco jay cooks amberle mynick isbenz never Ps2maniaco 3 jay 1 cooks 6 1 amberle 1 mynick 1 1 isbenz 2 1 never 1 totale Nella tabella sono segnate le risposte date (in verticale) in sequenza da ogni singolo utente in risposta ad un altro utente (in orizzontale). La comunicazione è fortemente spostata verso l utente che ha posto la domanda, che diventa così un leader del piccolo gruppo comunicativo formatosi intorno all argomento di discussione. C è però da tenere in considerazione la caratteristica di quasi totale dualità che si è formata tra gli utenti ps2maniaco e cooks, con una comunicazione perciò biunivoca, con la partecipazione esterna di diversi utenti. Si nota come, pur uscendo ad un certo punto dall argomento principale, la comunicazione sia sempre attiva e fluida. Considerando le tre aree per la classificazione qualitativa degli scambi comunicativi abbiamo la seguente divisione area socio-emozionale (positiva): 8 area del compito (neutra) : 9 area socio-emozionale (negativa): 2 e quindi si nota come questa rete (nettamente decentrata poiché chi detiene il potere di amministrazione lo usa raramente in casi eccezionali, comportandosi per il resto come un semplice utente) sia caratterizzata da una sostanziale parità dei tratti socio-emozionali positivi e dell attenzione dedicata al compito. 7

8 Comunicazione mediata da Computer In questa sezione viene rimarcata l importanza che la comunicazione nonverbale ha, anche nell ambito di una relazione a distanza tra individui, mediata da supporti tecnologici quali il computer. Elementi di comunicazione non-verbale quali: Il comportamento mimico del volto: cioè le diverse espressioni che è possibile assumere muovendo occhi, fronte e bocca in rete può essere sostituito dall uso dei cosiddetti emoticons (le faccette ): si può forzando le deduzioni dire che come posso imparare ad usare il mio corpo (e colorire le mie parole con un espressione ironica), posso imparare ad usare gli emoticons. Lo sguardo: lo sguardo e il contatto visivo è collegato al dimostrare interesse verso l interlocutore. In rete l invio di un messaggio a un destinatario piuttosto che a un altro, l indicare un destinatario per conoscenza, aprire un canale privato di chat con una persona, rispondere sempre a una stessa persona in un forum, può significare mantenere uno stretto contatto visivo?. Il comportamento spaziale: riguarda la posizione di testa e arti giudicati secondo un canone di compostezza o rilassatezza. Componente attivabile soli nelle simulazioni grafiche, ma con livelli di abilità da parte dell utente della simulazione molto difficili da rintracciare in un normale utilizzatore della rete. Forse la capacità di formattare un testo, di utilizzare le parole e le abbreviazioni, la lunghezza delle frasi possono considerarsi comportamenti spaziali. Il comportamento motorio gestuale: cenni della testa, delle mani. In rete è riscontrabile in ambienti di videoconferenza. Qualità della voce e vocalizzazioni: segregati vocali (uh, Hum, eh, mah,..), caratterizzazioni vocali, sospiri, gemiti, risa, qualificatori vocali (timbro, intensità). In rete sono riproducibili o con una buona padronanza della comunicazione scritta e negli ambienti di audio-conferenza. L apparenza fisica e abbigliamento: in rete è riscontrabile in ambienti di videoconferenza oppure nella capacità di utilizzo dei registri linguistici e di presentazione. La comunicazione non verbale nell Homerata Certamente l utilizzo di varie faccine aiuta il ricevente (essendo l Homerata un forum, chiunque altro legga il messaggio, escluso il mittente) a capire il reale senso di ciò che è stato scritto, che spesso è l esatto opposto di ciò che sembra (ironie, sarcasmi, battute.). L importante è condividere uno stesso registro social-culturale e capacità percettive, altrimenti si rischia il conflitto. Inoltre credo che l utilizzo di specifici avatar possa essere considerato come elemento di comunicazione non-verbale. Si considera l immagine che l utente ha scelto di associare a se stesso e secondo quella, spesso, altri utenti si comportano di conseguenza. 8

9 Categorizzazione dell identità nel cyberspazio Continuando ad osservare la comunità scelta, mi si chiedeva infine di individuare: 1) i nomi dei membri del gruppo: si riesce a risalire alla loro posta elettronica? Quali impressioni ti fai di loro? 2) C è interesse per conoscere l identità reale dei compagni di gruppo? Se sì con quali domande o espressioni? 3) Quali espressioni vengono utilizzate per descriversi e/o presentarsi al gruppo? Ci sono elementi che ti fanno sospettare in una costruzione fittizia di indentità? Se sì, quali. 4) Riesci a individuare qualche dinamica di gruppo (influenza sociale, collaborazione e competizione, produttività, presa di decisioni, conflitto)? Descrivila e fai copia-incolla dei messaggi in cui individui gli elementi per te riconducibili a quella dinamica. Già dai semplici nome-utente è possibile farsi una opinione del personaggio a cui è associato, e perciò non sarebbe fondamentale recuperare un indirizzo e- mail. In ogni caso esiste la possibilità di accedere al profilo di ogni utente, e solo pochissimi utenti tengono nascosto il proprio indirizzo di posta elettronica. L interesse a conoscere la vera identità degli utenti (dei vari isbenz, cooks, montypippin e ps2maniaco ) è, per quanto mi riguarda, basso: esistono però argomenti apposta per l organizzazione di incontri e ritrovi fra i componenti della comunità. Un interesse a questo proposito, quindi, esiste eccome. Per quanto riguarda la presentazione di sé stessi, esiste un intera sezione dedicata: ognuno può aprire una discussione intitolata col proprio nick, presentarsi e da lì può nascere una discussione su questo o quell argomento più o meno personale. Analisi di una comunità virtuale è una relazione creata da me, Andrea Ceregini, unendo e sintetizzando in un unico documento le schede di esercitazioni che hanno composto parzialmente il mio esame di Psicologia dei Gruppi Virtuali e le dispense per il corso di proprietà della professoressa Angela Maria Sugliano. Gli scopi di questa relazione sono del tutto estranei a fini lucrosi o legati ad attività danti origine a reddito di qualsivoglia sorta. La relazione Analisi di una comunità virtuale non è soggetta ad alcun copyright, se non per le sezioni contenenti il materiale concesso ad uso didattico dalla professoressa Angela Maria Sugliano, cui va l intero merito della creazione del suddetto. Qualsiasi errore, refuso, imprecisione, incoerenza o comunque fallo inerente i contenuti della relazioni è da attribuirsi esclusivamente a me medesimo, Andrea Ceregini. Andrea Ceregini, alias mynick (mail & Msn) 9

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Il potenziale della didattica in rete in una scuola secondaria superiore

Il potenziale della didattica in rete in una scuola secondaria superiore Il potenziale della didattica in rete in una scuola secondaria superiore Pierfranco Ravotto ITSOS Marie Curie Via Masaccio 4 Cernusco sul Naviglio pfr@tes.mi.it Sommario La formazione in rete può avere

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

Unità 18. Le certificazioni di italiano L2. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2 CHIAVI

Unità 18. Le certificazioni di italiano L2. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena Livello A2 CHIAVI Unità 18 Le certificazioni di italiano L2 CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi che danno informazioni sul test di lingua per stranieri parole relative alle certificazioni di italiano,

Dettagli

Curricolo verticale di matematica

Curricolo verticale di matematica 2 Circolo Didattico Sassari Curricolo verticale di matematica Scuola Infanzia e anno ponte Scuola Primaria F.S.: Loriga Anna Maria Sanna Maria Luisa Anno scolastico 2014/15 Introduzione Tutto il percorso

Dettagli

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO

METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO Corso Nordic Walking Torino 04-10-2014 METODOLOGIA DELL INSEGNAMENTO CANALI DELLA COMUNICAZIONE METODI DI INSEGNAMENTO STILI DI INSEGNAMENTO ORGANIZZARE UNA SEDUTA I CANALI DELLA COMUNICAZIONE VERBALE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO Scuola dell Infanzia di Brusnengo PREMESSA: La programmazione annuale si sviluppa attraverso sette unità di apprendimento. Il presente compito di

Dettagli

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti (riflessione di un giovane) Considerazioni in merito agli incontri con giovani di una Scuola Media della Lombardia PRIMA DELL INCONTRO Secondo

Dettagli

Il termine comunicare è storicamente collegato alla parola comune, che deriva dal verbo latino communicare

Il termine comunicare è storicamente collegato alla parola comune, che deriva dal verbo latino communicare CMC comunicare Il termine comunicare è storicamente collegato alla parola comune, che deriva dal verbo latino communicare Quando comunichiamo, incrementiamo la nostra conoscenza condivisa, cioè il senso

Dettagli

Uso del browser, posta elettronica e motori di ricerca Gmail e Google

Uso del browser, posta elettronica e motori di ricerca Gmail e Google Facoltà di Lettere e Filosofia Cdl in Scienze dell Educazione A.A. 2010/2011 Informatica (Laboratorio) Uso del browser, posta elettronica e motori di ricerca Gmail e Google Author Kristian Reale Rev. 2011

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente

Azienda Sanitaria ULSS 3 Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Risultati dell indagine 2014 sul benessere del personale dipendente Sommario Premessa 1 L indagine e il questionario di rilevazione 1 La partecipazione e le caratteristiche dei rispondenti 2 I risultati

Dettagli

Risultati sondaggio di gradimento sul sito internet www.rubano.it.

Risultati sondaggio di gradimento sul sito internet www.rubano.it. Risultati sondaggio di gradimento sul sito internet www.rubano.it. Il 9 ottobre 2015 è stata avviata un'indagine rivolta agli "internauti" per capire quali sono i motivi di utilizzo del sito internet comunale

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli

Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre

Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre Livelli ed Indicatori SCHEDA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Primo Quadrimestre ITALIANO (Voto numerico espresso in decimi e riportato in lettere) Prestare attenzione, comprendere e riferire i contenuti di

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA SECONDARIA DI CURNO LA CELLULA Docenti: Ilaria Topan Vi allego le schede relative ad un'attività che

Dettagli

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro)

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Rispondi alle seguenti domande indicando quale risposta è più vicino

Dettagli

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti

Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Dalla classe alla rete, l esperienza come tutor di un gruppo di insegnanti Morena Terraschi Lynx Srl via Ostiense 60/D 00154 Roma morena@altrascuola.it http://corsi.altrascuola.it Corsi Altrascuola è la

Dettagli

VADEMECUM. Per l uso dello spazio web della comunità on line del progetto DIESIS. Per chiarimenti e/o informazioni ncorrente.guest@formez.

VADEMECUM. Per l uso dello spazio web della comunità on line del progetto DIESIS. Per chiarimenti e/o informazioni ncorrente.guest@formez. VADEMECUM Per l uso dello spazio web della comunità on line del progetto DIESIS Per chiarimenti e/o informazioni ncorrente.guest@formez.it 1/8 Introduzione Per la comunità on line dei partecipanti al progetto

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

1. Il nome utente: NON può essere modificato 2. Il tuo nome (ne trovate prescritto uno generico): metti il tuo vero nome SENZA il cognome

1. Il nome utente: NON può essere modificato 2. Il tuo nome (ne trovate prescritto uno generico): metti il tuo vero nome SENZA il cognome Guida NetPupils Un social network è un sito che dà la possibilità alle persone di entrare in contatto e condividere informazioni. I social network si basano su quella che viene definita amicizia : concedendo

Dettagli

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti?

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti? - Fermati un Momento a Riflettere sulla Direzione in cui stai Procedendo e Chiediti se proprio in quella Vuoi Andare. Se la tua Risposta è Negativa, Ti Propongo di Cambiare. - Se Fossi Sicuro di non poter

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

Il Venditore Vincente! Sai piacere a qualcuno? Renditi desiderabile e venderai qualsiasi cosa!

Il Venditore Vincente! Sai piacere a qualcuno? Renditi desiderabile e venderai qualsiasi cosa! Il Venditore Vincente! Sai piacere a qualcuno? Renditi desiderabile e venderai qualsiasi cosa! Impara con me le tecniche di vendita più efficaci e i segreti della comunicazione verbale e non-verbale per

Dettagli

!"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente

!#$%&%'()*#$*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente !"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente Il Terzo Pilastro del Biker Vincente La Mountain Bike e la Vita Ciao e ben ritrovato! Abbiamo visto nelle ultime due lezioni, come i dettagli siano fondamentali

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Politiche e Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Mediazione Linguistica e Culturale LA STAMPA TRA GENERE E IMMIGRAZIONE: IMMAGINI DI DONNE MIGRANTI

Dettagli

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale avanzato intermedio elementare C2 C1 B2 B1 A2 A1 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere

Dettagli

MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it

MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it MOTIVARE IL PERSONALE E PORTARLO AL SUCCESSO www.paoloruggeri.it ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1) Qual è la prima cosa che un imprenditore o responsabile dovrebbe fare per far sì che i propri uomini

Dettagli

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Materiale pratico della durata di un ora circa Il nuovo ambiente di apprendimento rappresenterà un cambiamento pedagogico radicale o sarà soltanto

Dettagli

''I 5 Passi per Dupplicare il modo di fare Network Marketing'' ---> 5) lezione: ''Come Ottimizzare la tua Presenza in facebook e nei Gruppi''

''I 5 Passi per Dupplicare il modo di fare Network Marketing'' ---> 5) lezione: ''Come Ottimizzare la tua Presenza in facebook e nei Gruppi'' J.AThePowerOfSponsorship Di Giuseppe Angioletti http://www.segretidei7uero.altervista.org ''I 5 Passi per Dupplicare il modo di fare Network Marketing'' ---> 5) lezione: ''Come Ottimizzare la tua Presenza

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e

Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e Capitolo 7 2 LE PRATICHE QUOTIDIANE DI VALUTAZIONE. Negli Stati Uniti si considera che ogni ragazzo abbia delle abilità diverse rispetto gli altri, e siccome la valutazione si basa sulle abilità dimostrate

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA

ESERCITAZIONE. La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA ESERCITAZIONE La Rete come risorsa per l educazione interculturale PREMESSA Il World Wide Web, come abbiamo visto, costituisce sicuramente un ambiente che offre importanti opportunità e risorse per lo

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il Lezione 5:10 Marzo 2003 SPAZIO E GEOMETRIA VERBALE (a cura di Elisabetta Contardo e Elisabetta Pronsati) Esercitazione su F5.1 P: sarebbe ottimale a livello di scuola dell obbligo, fornire dei concetti

Dettagli

Conversazione sulla comunicazione didattica

Conversazione sulla comunicazione didattica 2010 Conversazione sulla comunicazione didattica 1. Il saper fare didattico e pedagogico del tecnico 2. Saper comunicare 3. Il processo comunicativo 4. L effetto dell etichettamento - 5. L articolazione

Dettagli

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io Creatività / ingegno Risolvo i problemi in modo diverso Riesco a pensare a cose nuove facilmente Ho idee visionarie Sviluppo nuove opportunità e le metto in pratica

Dettagli

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II.

Lezione 10. Tema: La comunicazione interculturale. Parte II. Lezione 10 Intervista con la professoressa Elisabetta Pavan, docente di lingua inglese, traduzione e comunicazione interculturale dell Università Ca Foscari Venezia e dell Università di Padova. Tema: La

Dettagli

Livello A2. Unità 10. La costituzione. Chiavi. Lavoriamo sulla comprensione. Testo 1 1. Ascolta il dialogo. Vero o falso?

Livello A2. Unità 10. La costituzione. Chiavi. Lavoriamo sulla comprensione. Testo 1 1. Ascolta il dialogo. Vero o falso? Livello A2 Unità 10 La costituzione Chiavi Lavoriamo sulla comprensione Testo 1 1. Ascolta il dialogo. Vero o falso? - Ciao Carlo, in questi giorni l Italia festeggia i 150 anni di unità e naturalmente

Dettagli

Il fumetto tra i banchi di scuola

Il fumetto tra i banchi di scuola Il fumetto tra i banchi di scuola Claudio Masciopinto IL FUMETTO TRA I BANCHI DI SCUOLA saggio A Pupa e Angelo Tutte le immagini sono Copyright dei loro autori, dei loro rappresentanti o di chi comunque

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA

RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA 1 INS. BORTOLATO GIUSEPPINA CLASSE E7 RELAZIONE FINALE PROGETTO: LA STORIA OLTRE LA STORIA Il progetto LA STORIA OLTRE LA STORIA è stato realizzato per far comprendere al bambino, che quando, ci sono modifiche

Dettagli

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria REALIZZA IL TUO FUTURO Di Annamaria Iaria INDICE 1.Presentazione... 2 2.Chi sono... 2 3.Il cuore dell idea... 4 4.Come si svolge... 5 5.Obiettivo... 5 6.Dove si svolge... 6 7. Idee collegate... 6 2013-2014

Dettagli

Riepilogo Vedi le risposte complete

Riepilogo Vedi le risposte complete 1 di 11 risposte Riepilogo Vedi le risposte complete 1. Quanti anni hai? 12 anni 77 16% 13 anni 75 16% 14 anni 134 28% 15 anni 150 32% 16 anni 27 6% Other 8 2% 2. Quale scuola stai frequentando? Medie

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

L ipnosi come comunicazione

L ipnosi come comunicazione 1 Corso di Ipnosi Online - Lezione 2 L ipnosi come comunicazione La cosa più giusta che possiamo dire è che l'ipnosi è comunicazione, e che la comunicazione è ipnosi. La misura della comunicazione è l'effetto

Dettagli

La comunicazione potente dei Coach

La comunicazione potente dei Coach La comunicazione potente dei Coach Il potere delle parole 13 Il Coaching può essere definito come una potente arte sull uso del potere delle parole. Quando si pratica il coaching con una persona si affrontano

Dettagli

1.300 2.500 10.000 5.000

1.300 2.500 10.000 5.000 ORDINE DEI PREZZI RITAGLIA I CARTELLINI DEI PREZZI E INCOLLALI NEL QUADERNO METTENDO I NUMERI IN ORDINE DAL PIÙ PICCOLO AL PIÙ GRANDE. SPIEGA COME HAI FATTO A DECIDERE QUALE NUMERO ANDAVA PRIMA E QUALE

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

L ipertesto multimediale o ipermedia

L ipertesto multimediale o ipermedia Informatica 2 livello/2ªb 21-02-2006 10:45 Pagina 19 multimediale o ipermedia Il programma di scrittura Word, che già conosci, ti permette anche di creare ipertesti multimediali o ipermedia. R Cerchiamo

Dettagli

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita

LA FELICITÀ Istruzioni d uso per comuni mortali. Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita INTRODUZIONE Iniziai a svegliarmi tutte le mattine col pensiero fisso di dover cambiare qualcosa nella mia vita Quando hai 27 anni un bimbo di 8 mesi, un buon lavoro, una casa un buon marito, cosa ti manca?

Dettagli

La comunicazione ambientale a sostegno della prevenzione

La comunicazione ambientale a sostegno della prevenzione La comunicazione ambientale a sostegno della prevenzione VIII Conferenza Nazionale delle Agenzie per la Protezione dell Ambiente (Genova 5-7/7/2004) 5 Giorgio Cesari L informazione ambientale L informazione

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli

Ricerca attiva del lavoro

Ricerca attiva del lavoro Ricerca attiva del lavoro La ricerca attiva in tre fasi 1 3 2 CONSAPEVOLEZZA STRUMENTI INFORMAZIONI Fase 1: Consapevolezza Io cosa offro? Bilancio di competenze Strumenti: Domande individuali: cosa so

Dettagli

OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI

OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI OPERARE IN BORSA UTILIZZANDO LE MEDIE MOBILI, I CICLI E I CANALI www.previsioniborsa.net di Simone Fanton (trader indipendente) Disclaimer LE PAGINE DI QUESTO REPORT NON COSTITUISCONO SOLLECITAZIONE AL

Dettagli

ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli

ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli Ci sono due cose durature che possiamo lasciare in eredità ai nostri figli: le radici e le ali - W. Hodding Carter II

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana giugno 2011 PARLARE Livello MATERIALE PER L INTERVISTATORE 2 PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

LA SOMMINISTRAZIONE DEGLI ESAMI CILS

LA SOMMINISTRAZIONE DEGLI ESAMI CILS LA SOMMINISTRAZIONE DEGLI ESAMI CILS Le caratteristiche delle prove di produzione orale Centro CILS Siena, 8 maggio 2014 LE TIPOLOGIE TESTUALI parlato bidirezionale faccia a faccia con presa di parola

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

Diventano grandi: è l ora delle scelte!

Diventano grandi: è l ora delle scelte! Diventano grandi: è l ora delle scelte! 1. Il significato dell orientamento oggi 2. Quali ingredienti per un buon orientamento 3. La riforma scolastica in breve 4. Progetti di orientamento 1 1. Il significato

Dettagli

GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali

GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali GET TEST Test sulle attitudini imprenditoriali 1 URHM UNIVERSITY BUSINESS SCHOOL GENERL ENTERPRICING TENENCY (GET) TEST 2 INTROUZIONE Il Test è stato progettato per cogliere insieme e misurare un numero

Dettagli

IL FILM DELLA VOSTRA VITA

IL FILM DELLA VOSTRA VITA IL FILM DELLA VOSTRA VITA Possibili sviluppi Istruzioni Obiettivo L esercizio fornisce una visione d insieme della vita del partecipante. La foto diventa viva Versione 1 (Esercizio di gruppo) Immaginate

Dettagli

UN CORSO DI STENOGRAFIA ONLINE CHE, IN BRASILE, È UN GRANDE SUCCESSO

UN CORSO DI STENOGRAFIA ONLINE CHE, IN BRASILE, È UN GRANDE SUCCESSO 1 UN CORSO DI STENOGRAFIA ONLINE CHE, IN BRASILE, È UN GRANDE SUCCESSO Ad opera di: Waldir Cury Stenografo-revisore in pensione dell Assemblea Legislativa dello Stato di Rio de Janeiro Professore di Stenografia

Dettagli

AREA 1 COMPRENDERE IL PERCORSO PORTFOLIO

AREA 1 COMPRENDERE IL PERCORSO PORTFOLIO AREA 1 COMPRENDERE IL PERCORSO PORTFOLIO Descrizione Questa area introduce e contestualizza il percorso di costruzione del portfolio delle competenze. Attivata nel primo o secondo anno di formazione professionale,

Dettagli

- GLI ITALIANI E LE RECENSIONI - giudizi sui siti di recensioni di alberghi

- GLI ITALIANI E LE RECENSIONI - giudizi sui siti di recensioni di alberghi - GLI ITALIANI E LE RECENSIONI - giudizi sui siti di recensioni di alberghi Tra gli argomenti di più facile aggregazione e condivisione vi è, nel nostro Paese, tutto ciò che fa riferimento ai grandi chef,

Dettagli

Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile.

Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile. di Pier Francesco Piccolomini 1 Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile. Oggi attraverso questa gigantesca

Dettagli

Guida pratica al Copywriting sul web

Guida pratica al Copywriting sul web Guida pratica al Copywriting sul web Introduzione Iniziamo subito dicendo che scrivere per il web e scrivere per la carta stampata sono due cose diverse. Il motivo è molto semplice: cambia il target a

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Tu puoi beneficiare di questa cosa, se sai come si muovono i software puoi sfruttarli a tuo, facendo le loro stesse operazioni.

Tu puoi beneficiare di questa cosa, se sai come si muovono i software puoi sfruttarli a tuo, facendo le loro stesse operazioni. L'obiettivo di questo corso è insegnarti il mio metodo di trading intraday, che ti permetterà di avere una rendita mensile per integrare il tuo reddito o addirittura vivere di trading. Puoi raggiungere

Dettagli

www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia

www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia www.saveriotommasi.it Silvio Berlusconi e la Mafia 66 Silvio Berlusconi e la mafia LA BOMBA DI MANGANO Trascrizione della telefonata intercettata dalla Polizia, nella quale Berlusconi e Dell Utri parlano

Dettagli

Sante Perazzolo Trainer PNL e coach PNL new code

Sante Perazzolo Trainer PNL e coach PNL new code Sante Perazzolo Trainer PNL e coach PNL new code e-cons s.r.l. Via del Lavoro, 4 35040 Boara Pisani (PD) Quando comunichiamo con altre persone dobbiamo riuscire a capire: se ci stanno seguendo, se comprendono

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO

Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO Presentazione Nunziata Francesco 3^ A MERCURIO INTRODUZIONE Con l invenzione della stampa e il suo progressivo miglioramento la cultura e il sapere hanno potuto circolare più facilmente. Ma la storia,

Dettagli

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE. Sai che cosa è la propriocezione? SI SENTIRE TUTTE LE PARTI DEL PROPRIO CORPO IN TESTA. Quindi essere padrone delle singole parti del proprio corpo in ogni momento

Dettagli

Guida didattica all unità 2 In libreria

Guida didattica all unità 2 In libreria Destinazione Italiano Livello 3 Guida didattica all unità 2 In libreria 1. Proposta di articolazione dell unità 1. Come attività propedeutica, l insegnante svolge un attività di anticipazione, che può

Dettagli

www.metodobillings.it

www.metodobillings.it Si riporta nel seguito l intervista alla Dott.ssa Piera di Maria, riportata alla pag. 11 del Bollettino. La versione integrale del bollettino e scaricabile dal sito del C.L.O.M.B. Centro Lombardo Metodo

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA

CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA CLASSI seconde CRITERI DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA LINGUA ITALIANA l alunno utilizza in maniera appropriata il codice linguistico per descrivere, narrare argomentare. si esprime in modo

Dettagli

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione VALUTAZIONE SOMMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA Verifica acquisizione conoscenze Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione SCOPO CARATTERE

Dettagli

Considero 2x e sostituisco elemento del dominio con x, 2(-3)=6, oppure e il doppio?

Considero 2x e sostituisco elemento del dominio con x, 2(-3)=6, oppure e il doppio? Avvertenza: Le domande e a volte le risposte, sono tratte dal corpo del messaggio delle mails in cui non si ha a disposizione un editor matematico e quindi presentano una simbologia non corretta, ma comprensibile

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

Progetto Cittadini della rete,

Progetto Cittadini della rete, Progetto Cittadini della rete, IIS G. Galilei di Crema Scuole Medie Galmozzi di Crema Scuole Medie di Sergnano. Coinvolti: 471 ragazze /i Età: tra i 12 ed i 16 anni, Silvio Bettinelli, 14 novembre 2012

Dettagli

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO CLAIRE (UK) Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e la

Dettagli

Leadership Judgement Indicator

Leadership Judgement Indicator Leadership Judgement Indicator Michael Lock, Robert Wheeler, Nick Burnard e Colin Cooper Adattamento italiano di Palmira Faraci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice test: Data della prova: 09/01/2012

Dettagli

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini PENSIERI IN ORDINE SPARSO - Il diario di un seminarista - di Davide Corini Come al solito ho bisogno di qualche giorno, dopo un esperienza importante, per rimettere in ordine le cose e cercare di fare

Dettagli

Il primo approccio: la fase dell ingaggio

Il primo approccio: la fase dell ingaggio FONDAZIONE IRCCS POLICLINICO Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di Diritto Pubblico 27100 PAVIA Viale Golgi, 19 La relazione terapeutica col paziente sovrappeso obeso: Il

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14

ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO Via Aldo Moro Fabriano (AN) Web: www.scuola1.net 1/14 La pedagogia dell attenzione da applicare con gli alunni in classe: L OSSERVARE e L ASCOLTARE con intenzionalità rappresentano

Dettagli

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Comunicazione una premessa. Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Teoria (Dalla scuola di Palo Alto Watzlawic) Lo studio della

Dettagli

Differenze di genere e Assertività

Differenze di genere e Assertività Differenze di genere e Assertività 24 gennaio 2015, Portogruaro Maura Di Mauro Differenze di Genere e Assertività 2 Differenze di Genere e Assertività 3 Genere, o sesso? Differenze sessuali = differenze

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli