Il tirocinio vissuto attraverso il ciclo dell esperienza: costruzione e ricostruzione del Centro di Salute Mentale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il tirocinio vissuto attraverso il ciclo dell esperienza: costruzione e ricostruzione del Centro di Salute Mentale"

Transcript

1 Il tirocinio vissuto attraverso il ciclo dell esperienza: costruzione e ricostruzione del Centro di Salute Mentale Marco Ranieri C7 Anno ABSTRACT: Il presente lavoro è un tentativo di ripercorrere attraverso le tappe del ciclo dell esperienza l evoluzione della mia costruzione del CSM e di me come tirocinante all interno della struttura, nella prospettiva del percorso di terapeuta in formazione. 1

2 INDICE: INTRODUZIONE p.3 1. ANTICIPAZIONE p.3 2. INVESTIMENTO p.4 3. INCONTRO p.5 4. VERIFICA p.7 5. REVISIONE p.8 6. CONCLUSIONI p.8 BIBLIOGRAFIA p.9 2

3 INTRODUZIONE Quando ho scelto di svolgere le 140 ore di tirocinio previste dal piano formativo della Scuola presso il CSM, il pensiero che ho fatto è stato: come funziona la cosiddetta salute mentale nell ambito dei servizi pubblici?. Avendo sempre lavorato nel privato sociale, era una domanda che m interessava parecchio e a cui volevo trovare una risposta, sia per curiosità personale, sia per opportunità formativa. C era, inoltre, un terzo aspetto, forse ancora più rilevante dei primi due, relativo allo sperimentarmi in un ambiente da me costruito come istituzionale, contrapposto a contesti percepiti come più familiari 1 (come può essere, ad esempio, un associazione); quest aspetto costituiva per me un passo importante sia nel versante personale, sia in quello di sviluppo professionale. Era quindi un area di aggressività trasversale a più dimensioni della mia esperienza, e in quanto tale generava una discreta quantità di ansia. Cercherò di ripercorrere il mio anno e mezzo di esperienza nel Centro di Salute Mentale, da marzo 2011 ad oggi (ottobre 2012) utilizzando le tappe del ciclo dell esperienza, ben sapendo che non si tratta di categorie rigide né rigidamente sequenziali, ma piuttosto di un tentativo di descrizione del processo di esperienza personale, che può essere costituito da più cicli dell esperienza paralleli, conseguenti uno all altro, o anche in relazione di sovra/subordinazione l uno con l altro. 1. ANTICIPAZIONE Come già accennato, partivo subito da un anticipazione molto precisa, direi strutturante: il CSM è un ambiente di lavoro che si caratterizza per essere istituzionale, cioè è un emanazione delle istituzioni statali sul territorio locale, nella fattispecie nell ambito del Sistema Sanitario Nazionale. In quanto istituzione, è organizzata in modo rigidamente gerarchico, e l esserne parte implica il rispetto della gerarchia vigente, pena l esclusione o l emarginazione. Si tratta di un anticipazione molto forte che, se da un lato corrisponde all effettiva organizzazione del SSN, dall altro crea già in partenza poco margine di movimento, poiché introduce costruzioni di tipo gerarchico come preponderanti rispetto ad altri tipi di costruzione, finendo per strutturare quel contesto; in altre parole, per me quell aspetto era così rilevante rispetto ad altri aspetti con cui avrei potuto definirlo, che diventava l unico modo per descriverlo e quindi viverlo. Ma a questo punto non avevo ancora messo piede nella struttura (se non per un colloquio di conoscenza con la mia tutor), quindi viaggiavo unicamente grazie a queste anticipazioni che peraltro restavano ancora ad un livello di consapevolezza molto basso. Appena iniziato, mi sono quindi trovato in un ambiente a me sconosciuto, di cui facevo molta fatica a definire i contorni, e che vivevo come ostile poiché basato su ruoli rigidi che erano connessi anche ad un certo status, e quindi ad un potere. Per me questo significava sentirmi ingabbiato in questa rigidità, che consideravo inutile e funzionale unicamente a mantenere lo status quo, non certo a mettere un tirocinante nelle condizioni di fare esperienza, né tantomeno adatto ad aiutare i pazienti. Questa mia ostilità, mascherata da ostilità dell ambiente verso il buon tirocinante costruttivista, unita alla mia consolidata abitudine alla circospezione, mi ha portato ad assumere un atteggiamento molto critico nei confronti del CSM già dall inizio, e a muovermi in punta di piedi per rincorrere il quieto vivere. Già dall inizio, ero pronto a confermare questa mia visione delle cose, cogliendo in ciò che sarebbe potuto accadere le prove della validità di questa mia posizione. I motivi di questa visione così decisa con cui mi sono approcciato al tirocinio sono molteplici, ma tralasciando quelli derivati da esperienze più personali, sicuramente un ruolo importante è 1 Per me nel costrutto istituzionale familiare il polo familiare costituiva quello di contrasto, poiché lo associavo ad una dimensione lavorativa caratteristica delle associazioni, che nella mia esperienza davano molta attenzione alla relazione col paziente e alla sua soggettività, così come davano molta attenzione anche a collaboratori e tirocinanti, promuovendoli nel loro percorso formativo. Il CSM rappresentava il polo emergente, quello istituzionale, la nemesi di tutto ciò. 3

4 stato giocato dagli anni di formazione psicologica all Università (in cui nel corso degli anni veniva ripetuto quasi come un mantra che come psicologi non avremmo mai trovato lavoro, che eravamo troppi, che il mondo funzionava in altro modo, che i medici e in particolare gli psichiatri ci consideravano di serie B di fatto andando a consolidare costruzioni della professione psicologica basate sul rapporto di potere con le altre professioni); come anche dalle pratiche di tirocinio e lavoro nel privato sociale (in cui ho vissuto l esperienza diretta di lavorare con colleghi ormai avviati nella professione e ne ho condiviso i discorsi, le narrazioni relative alle istituzioni, narrazioni ancora più forti perché basate sul lavoro sul campo ). In entrambi questi ambiti, tutto ciò che riguardava il settore pubblico della pratica clinica era visto come negativo, di visione limitata, di poca efficacia nell intervento, arretrato a livello teorico e metodologico, salvo rare eccezioni. In quanto psicologo, quindi, mi sentivo l ultima ruota del carro in un ambiente dominato dai medici, per di più psichiatri, perciò senza ombra di dubbio incapaci di comprendere l utilità della psicoterapia, accecati dalle medicine che sicuramente consideravano come l unico reale strumento terapeutico; perfino gli infermieri avevano più possibilità di me, perché erano strutturati, perché lavoravano lì da anni, e perché gestivano tutta la parte burocratica da cui inevitabilmente tutti dovevano passare, me compreso. Solo con gli educatori provavo una certa comunanza, probabilmente perché si trattava di figure a me già conosciute per lavoro e perché, avendo fatto lavoro da educatore io stesso, ero sintonizzato su linee di pensiero simili. Potrei dire che erano meno minacciosi perché per me rappresentavano un mondo a me conosciuto e un modo di concepire il lavoro psicologico che era a me più familiare. Tutte queste considerazioni rispetto alle anticipazioni da cui partivo, comunque, sono emerse solo in un momento successivo; all inizio del mio percorso di tirocinio, come già detto, restavano ad un basso livello di consapevolezza, caratterizzandosi come un tipo di anticipazione globale e sfocata (Epting F., R., 1984, p.63), consentendomi di non sottoporle a verifica né tantomeno a revisione, e di galleggiare abbastanza tranquillamente nella circospezione. 2. INVESTIMENTO Partendo da anticipazioni del genere, l investimento iniziale è stato subito molto basso: mi sembrava già in partenza un esperienza inutile e faticosa, come combattere contro i mulini a vento (probabilmente stavo disinvestendo per difendermi da invalidazioni importanti, soprattutto riguardo alla mia efficacia come psicologo), pertanto avrei potuto benissimo sopravvivere in quel contesto giusto il necessario per farmi firmare le carte che attestavano la conclusione del tirocinio, e nel frattempo guardarmi attorno cercando soluzioni per me più appetibili. I primi incarichi assegnatimi non mi hanno aiutato ad investire di più, poiché rimanevano nell ambito dei compiti che, coerentemente con le mie anticipazioni, immaginavo mi avrebbero fatto fare come psicologo: fare da osservatore in un gruppo espressivo (condotto da due specializzandi psicologi come me) per giovani pazienti che hanno manifestato un esordio psicotico ; frequentare il Centro Diurno del CSM (sempre come osservatore) condotto da un educatrice; affiancare un ragazzo (che usciva da poco da uno scompenso psicotico ) nella preparazione dell esame di maturità. Dal mio punto di vista, tutte queste mansioni confermavano la mia visione del CSM: sarà molto difficile avere uno spazio e delle mansioni di responsabilità all interno della struttura, non conta la formazione che già noi psicologi abbiamo dopo anni di studi e tirocini; ci fanno fare il lavoro degli educatori e non comprendono le differenze con la professione di psicologo (per non parlare dello psicoterapeuta in formazione). A poco serviva considerare altri aspetti, che non riuscivano comunque a perturbare il mio sistema di costruzione: il sapere che erano due psicologi tirocinanti come me a condurre il gruppo espressivo non era rilevante, così come la prospettiva in futuro di vedere pazienti in colloqui clinici e psicoterapici individuali. 4

5 Probabilmente l idea di prendere in carico dei pazienti e assumermi la responsabilità di portare avanti un progetto terapeutico era allora troppo minacciosa, ed il modo per far fronte a questa grossa area d ansia e di minaccia di colpa (nello scoprirmi un cattivo terapeuta ) è stato disinvestire nell esperienza, costringere su alcuni aspetti, validare in modo ostile le mie costruzioni e anticipazioni. Non mi rendevo conto che questi incarichi rispecchiavano anche il mio modo di pormi all interno della struttura, e che la mia circospezione poteva essere letta come poca esperienza, necessità di entrare piano piano nelle attività più complesse, poca volontà di misurarsi con la novità (scarso investimento, appunto), da cui le scelte di assegnare ad un tirocinante, appena entrato, all inizio del suo percorso formativo come terapeuta, incarichi a basso coefficiente di rischio. Avevo giocato pochissima socialità. Tanto più che questa situazione sarebbe cambiata di lì a poco, e sarei stato messo di fronte alla richiesta inaspettata di svolgere un compito di maggiore responsabilità, invalidando molte delle mie costruzioni riguardo al ruolo dello psicologo nella struttura. Ma su questo tornerò tra poco, nel paragrafo relativo all incontro. Diciamo che il primo anno dell esperienza di tirocinio si è fermato qui, ad un investimento basso. In un certo senso è stato comunque un processo che ha comportato anche un incontro, una verifica e una validazione di mie anticipazioni, ma il non essermi posto nella condizione di poter essere invalidato ha limitato molto la portata della mia esperienza. Difatti, quando ho capito l utilità che poteva avere per me fare veramente esperienza in un posto simile mettendo in discussione le mie anticipazioni, l investimento nel tirocinio è cambiato parecchio, divenendo una tappa importante del mio percorso formativo come psicoterapeuta, e andando a rispecchiare le iniziali intenzioni che mi avevano fatto scegliere di entrare al CSM. Mettersi nella condizione di poter revisionare le proprie anticipazioni, comunque, non è stata una cosa immediata, ma un iniziale risultato di un percorso ancora in divenire che ha come aree principali di sviluppo la formazione da psicoterapeuta e la terapia personale, entrambe sussunte dal mio percorso esistenziale di cui in questo momento costituiscono una parte importante. 3. INCONTRO Quando è avvenuto davvero l incontro? O, per meglio dire, quando l incontro è stato meno condizionato dalla mia necessità di difendere la mia visione del mondo? Una prima tappa è stata la richiesta cui ho accennato poc anzi: all approssimarsi dell estate 2011, dopo 3 mesi dall inizio del mio tirocinio, tutto d un tratto mi è stato comunicato che avrei dovuto prendere in mano io la conduzione del gruppo espressivo, da solo. Per me fu quasi uno shock: ma come, fino ad un attimo fa ero un mero osservatore, ora mi chiedete di condurre un gruppo da solo, senza esperienza pregressa nemmeno di colloqui clinici individuali, senza formazione nella conduzione dei gruppi, senza una supervisione? Mi sentivo spiazzato, e incapace di affrontare una situazione del genere. Le mie difese si erano attivate, e consideravo i miei superiori come incapaci di valutare l abilità del tirocinante (me), di gestire per bene un servizio, incuranti del reale benessere dei pazienti perché affidavano un gruppo ad una persona inesperta. Invece di leggerlo come fiducia nelle mie capacità e come un area di sviluppo per la mia formazione e di crescita professionale, ho di nuovo ricondotto il tutto ad una validazione ostile delle mie posizioni. Questo episodio mi aveva messo in crisi, poiché mi trovavo a metà strada tra il voler misurare le mie capacità e fare esperienza, e il non voler mettere in discussione le mie anticipazioni. Sono stato anche vicino all abbandonare il CSM (ovviamente motivando la scelta con l idea che non fosse il posto adatto a me ), ma alla fine, dopo qualche mese di incertezza (compresa la pausa estiva), ho scelto di restare; anche perché sapevo che lì avrei avuto la possibilità di vedere pazienti, e sapevo che trovare tirocini del genere poteva essere complicato. Non 5

6 essendomi mosso per cercare altro, la mia scelta l avevo già fatta, nonostante rispetto alla conduzione del gruppo non si fosse arrivati ad un accordo. In quei mesi di indecisione, comunque, anche per sondare il terreno, ho incominciato a fare dei passi nella direzione futura di sperimentarmi nella conduzione e, seppur in modo ancora molto circospetto, ho provato a fare delle proposte per me preferibili: la co-conduzione con un collega invece della conduzione da solo, e degli spazi di supervisione o comunque di confronto con l équipe psichiatrica o anche solo con gli altri psicologi. Nonostante i tempi molto lunghi dei cambiamenti del CSM (legati anche alla dimensione istituzionale, con tutte le complicazioni burocratiche e gestionali che ciò comporta; aspetti che comunque andavano a validare le mie anticipazioni sulla struttura), da queste proposte inizialmente condivise con i colleghi psicologi si è iniziato a portare l argomento in équipe, e piano piano sono stati fatti dei piccoli passi: è stata cambiata leggermente la conduzione del gruppo, passando da due conduttori e un osservatore (io), ad un conduttore e due osservatori (io ed una nuova tirocinante), con facoltà anche di intervenire, delineando quindi una sorta di co-conduzione, cosa che mi consentiva di sperimentarmi in un ruolo più attivo nel gruppo e di prendere le misure su come gestirne la conduzione; sono stati messi in piedi degli spazi di confronto tra psicologi tirocinanti, sotto la guida di psicoterapeuti più esperti, in modo da avere possibilità di un confronto e di una minima supervisione. A questo proposito ci sono stati alti e bassi, la continuità di questo spazio di condivisione è cambiata nel tempo per difficoltà burocratiche, strutturali, e legate ai contratti tra i professionisti e il CSM (che sono tuttora in via di definizione); tuttavia, ha definito comunque l esistenza di uno spazio di confronto e ha creato l idea dell utilità dello scambio tra colleghi per meglio governare i vari tipi di intervento e di rapporto terapeutico. Nella mia esperienza, ciò ha significato che non solo si stava creando un ambiente a me più congeniale per lavorare, ma soprattutto che il CSM non era quella fredda entità istituzionale senza nessun interesse nella relazione con i clienti e che considerava i tirocinanti come pedine intercambiabili. Discutendo con una collega (costruttivista), mi aveva molto colpito l idea che, dopotutto, anche il CSM era fatto da persone, ognuna con il proprio modo di portare avanti le cose, e che pur all interno di confini istituzionali (anche questi comunque funzionali a portare avanti un certo tipo di progettualità e di intervento), le cose potevano assumere forme anche diverse da quelle che consideravo immutabili. Il problema, e allo stesso tempo la risorsa, stava nel capire quali fossero questi confini, e provare a muoversi all interno di essi, ma seguendo un proprio sentiero per quanto possibile. Questo è stato un passo fondamentale, che mi ha permesso di aprirmi ad un incontro più completo con la struttura e con le persone che ci lavoravano. Iniziavo a comprendere i modi e i tempi del CSM, e ciò mi consentiva di sentirmi più a mio agio e di potermi muovere con più libertà, senza sentirmi invalidato ad ogni passo, ma iniziando a mettere a verifica le mie anticipazioni. Stavo cercando di uscire dalla strutturazione, ed arrivare almeno parzialmente alla comprensione. Un altro momento fondamentale, inoltre, è stato iniziare a vedere i primi pazienti: da un lato, l essere in un rapporto 1 a 1 e toccare con mano cosa vuol dire stare in una relazione di aiuto, di fronte ad una persona che cerca di districarsi tra le proprie difficoltà, è stata soprattutto a livello umano un esperienza impegnativa e perturbante, che ha iniziato a farmi comprendere i risvolti profondi e delicati di questo lavoro, e la necessità di non cadere vittima del proprio sistema di costruzione perché così facendo si perde completamente di efficacia; da qui l importanza del lavoro di comprensione di sé e di cambiamento personale. Dall altro, iniziare a discutere dei casi clinici in équipe, interfacciarsi con gli psichiatri specializzandi e strutturati, ragionare assieme in termini clinici ha costituito il vero banco di prova del mio essere parte del CSM, andando all incontro invece di restare ancorato alle mie anticipazioni come avevo fatto fino ad allora. L incontro vero e proprio è quindi avvenuto solo più tardi, una volta uscito dalla fase di circospezione; prima, è stato invece un tentativo ostile di conferma delle mie anticipazioni, che comportava anche l evitamento dell incontro per non correre il rischio di cambiare qualcosa nel modo in cui leggevo il tutto, che comunque mi garantiva una certa comodità (lo psicologo è buono, lo psicologo sa fare terapia, sa aiutare davvero la persona, sa rapportarsi con i colleghi, fare équipe, fare rete, ecc.). 6

7 4. VERIFICA La fase di verifica è stata molto interessante, perché è stato (ed è tuttora, nella continuità del ciclo dell esperienza) il momento in cui, dopo aver ammorbidito la rigidità delle mie costruzioni sufficientemente prelative e scarsamente permeabili, ho potuto confermarle o meno alla luce di ciò che accadeva. Nel fare questo, le mie costruzioni hanno anche acquisito rilevanza, nel senso che divenendo soggette a verifica, è diventato a me chiaro il loro valore non solo anticipatorio, ma anche definitorio e strutturante: il mio modo di descrivere il CSM utilizzando certe costruzioni, costituiva ciò che il CSM era per me, la mia realtà, ma non necessariamente la realtà di qualcun altro, né tantomeno di chi in quella struttura ci lavorava da tempo. La fase di verifica comporta l impiego del sistema di costrutti esistente fino a quando nuovi significati possono essere accolti nel sistema. I nuovi significati emergono precisamente come risultato della conferma o della disconferma di quanto è stato anticipato. La procedura di conferma si svolge in modo tale che nuovi significati modificati iniziano ad emergere. Questi nuovi significati vengono fuori dalla verifica del sistema (ivi, p.126) Compiere questo processo ha significato, all interno del ciclo dell esperienza, operare un alternarsi di allentamento e restringimento, di fatto andando a compiere un ciclo della creatività, e muoversi dalla posizione di circospezione del ciclo C-P-C per andare verso la prelazione (e quindi l azione), alla luce del restringimento operato. Tradotto in termini esperienziali, l allentamento delle mie costruzioni è stato necessario per poter costruire il CSM in modo diverso, e consentirmi di fare esperienza come tirocinanteterapeuta-in-formazione. La costruzione più impegnativa che ho dovuto sottoporre a verifica era, appunto, quella del CSM come dimensione istituzionale, con tutte le conseguenze che ho già esplicitato. In particolare, allentare questa costruzione mi ha consentito di rendermi conto della limitatezza di questa visione (estremamente prelativa), e di ciò che di altro poteva far parte del costrutto CSM. Non ho avuto bisogno di abbandonare l idea di essere in una dimensione istituzionale, perché quell aspetto rimane, e nella mia costruzione attuale è ancora molto influente nel definire gli argini e gli spazi di manovra per chi in quel posto ci lavora, e per chi usufruisce dei suoi servizi. Si tratta infatti di una struttura comunque medica, che ha un punto di vista sul paziente basato su criteri diagnostici del DSM, che si conciliano a volte difficilmente con un punto di vista più psicologico, soprattutto con una teoria poco conosciuta come la psicologia dei costrutti personali (che comunque dovrebbe cercare di rendersi maggiormente comprensibile agli altri professionisti dell ambito psi ). Ciononostante, per me il CSM non poteva più essere solo quello, perché iniziavo a considerare non solo l entità CSM, ma anche le singole persone e professionalità che lo componevano, e che rendevano molto più complessa, ma anche più stimolante, la rete in cui ero inserito. La mia precedente costruzione di CSM era stata disconfermata. Utilizzare il costrutto istituzionale-familiare in modo così regnante non mi consentiva di vivere un esperienza utile, e dovevo sostituirlo con qualcos altro. Ma oltre a questa, un altra costruzione era stata disconfermata: quella di me come tirocinantepsicoterapeuta-in-formazione. E qui ho compreso il motivo per cui mi era così difficile abbandonare le mie precedenti costruzioni, cui ero talmente legato da rifiutare ostinatamente le invalidazioni che giungevano a perturbare il mio sistema. Metterle in discussione, voleva dire per me mettere in discussione la mia abilità ed efficacia come terapeuta, come tirocinante, e in generale come persona capace di muoversi in contesti che non conosce ancora, riuscendo a cavarsela egregiamente. Dovevo invece mettere i piedi saldamente per terra e iniziare a considerare che competenze già possedevo, quali invece potevano essere le mie aree di sviluppo prossimale, ed iniziare a sperimentarmi sul campo e a costruirmi un esperienza che mi aiutasse a dare forma a competenze professionali. Aprirmi alla error friendliness significava affrontare la minaccia di colpa, scoprendomi non in grado di fare certe cose, o in difficoltà su altre. Ma allo stesso tempo, voleva dire aprirmi la possibilità di scoprire anche cosa ero capace di fare, in cosa ero efficace, e aiutarmi a comprendere che direzione dare alla mia formazione professionale. 7

8 Alla luce di queste disconferme, dovevo modificare la mia costruzione del tirocinio, che avrebbe portato a nuove e più utili anticipazioni. Per far ciò, dovevo passare attraverso la fase della revisione. 5. REVISIONE La nuova costruzione del CSM quindi non si basava più in modo regnante sul costrutto istituzionale-familiare, ma, pur includendo quella dimensione nella sua definizione, aveva per me acquisito maggiore rilevanza una costruzione definibile come luogo in cui fare esperienza contrapposto a luogo in cui cercare conferma delle proprie idee. Questa costruzione è risultata per me sovraordinata rispetto alla precedente, consentendomi di sussumerla senza abbandonarla, e allo stesso tempo di percepire il CSM come un luogo a me utile. Iniziare a vedere le cose a questo modo mi ha consentito di vedere ciò che mi veniva posto come un opportunità per formarmi e creare delle basi professionali, anche declinate come conoscenza dell ambiente di lavoro del settore pubblico e delle dinamiche, dei ruoli, dei margini di lavoro che lo caratterizzano. Le mie anticipazioni sono cambiate: dall essere incentrate sul è un posto che si basa su presupposti sbagliati, quindi non mi potrà essere utile, sono passate al potrà essermi utile nella misura in cui, come qualsiasi altro posto, saprò trarne esperienza. Come a dire che le mie anticipazioni hanno cambiato focus, da ciò che il tirocinio mi poteva dare, a come io potevo trarne la massima esperienza. Queste nuove anticipazioni mi hanno permesso di prendere anche con più serenità gli impegni di tirocinio, il che si è tradotto in un accettare la conduzione (a due) del gruppo espressivo, ed iniziare a vedere pazienti in colloqui individuali. Inoltre è migliorata la mia percezione dei rapporti con i colleghi, riuscendo a vivere in modo più utile le differenze professionali e gestendo meglio i numerosi problemi di comunicazione che, come in ogni luogo di lavoro, formazione, o anche vita privata, si verificano. 6. CONCUSIONI Tutto ciò getta le basi per una prosecuzione del tirocinio che costituisca una esperienza utile per la mia formazione, in cui i limiti del contesto, così come di tutte le situazioni in cui si vive, non sono dei muri invalicabili ma delle sponde entro cui ci si può muovere. Il considerare le persone come attive nel definire le regole di un certo contesto, e in quanto tali capaci di cambiare nel tempo sé stesse e di conseguenza il contesto stesso, per me ha significato comprendere come esercitare quell aggressività costruttivista che consente di viversi come inquiring men capaci di avere un ruolo attivo nel proprio percorso esistenziale. Usando le parole di Kelly: Tuttavia, la vita non può, dal nostro punto di vista, essere concepita semplicemente come un divenire. Nella vita si realizza un interessante tipo di relazione fra aspetti diversi dell universo tale per cui uno di questi elementi, l essere vivente, risulta in grado di rappresentarsene un altro, l ambiente. Talvolta si dice che gli esseri viventi sono <<sensibili>> o che sono in grado di <<percepire>>, per distinguerli dagli esseri non viventi. Questa distinzione è sostanzialmente simile a quella che abbiamo presentato. Tuttavia preferiamo la nostra formulazione in quanto pone in maggiore evidenza la capacità creativa dell essere vivente nel rappresentarsi l ambiente, piuttosto che reagire semplicemente a esso. Proprio perché l essere vivente può rappresentarsi l ambiente, può anche costruirlo e adattarlo alle proprie esigenze. Per l essere vivente, dunque, l universo è reale, ma non immodificabile, a meno che non decida di costruirlo in quel modo (Kelly G. A., 1955a, p.5). 8

9 BIBLIOGRAFIA EPTING F.R. (1984), Personal construct counseling and psychoteraphy; Wiley, New York; trad it. Psicoterapia dei costrutti personali, Martinelli, Firenze, KELLY G.A. (1955a), The psychology of personal constructs. Volume one - A theory of personality; Routledge, London, 1991; trad. it. (capitoli 1, 2, 3, 5, 8, 9, 10) La psicologia dei costrutti personali. Teoria e personalità, Raffaello Cortina Editore, Milano,

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Tornare a «danzare la vita» dopo un intervento al seno Micaela Bianco I passaggi Coinvolgimento medici e fisioterapiste

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr Verona Innovazione Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr 19/06/2015 Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi La parola ai nostri protagonisti Diario descrittivo

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE. Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE. Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI AZIENDA SPECIALE CONSORTILE Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona SCUOLA DI VITA ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI WEEK END IN AUTONOMIA. OTTOBRE DICEMBRE 2009 COOPERATIVA

Dettagli

Tatsiana: possiamo finalmente superare molti pregiudizi nei confronti degli altri, che sono diversi solo apparentemente

Tatsiana: possiamo finalmente superare molti pregiudizi nei confronti degli altri, che sono diversi solo apparentemente Buongiorno, mi chiamo Tatsiana Shkurynava. Sono di nazionalità bielorussa, vivo in Italia a Reggio Calabria. In questo breve articolo vorrei raccontare della mia esperienza in Italia. Tutto è cominciato

Dettagli

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS)

Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Casa di cura e di riposo per anziani di Gundeldingen, Basilea (BS) Werner Wassermann, datore di lavoro La signora L. lavora da noi da tanto tempo. È stata capo reparto e noi, ma anche gli altri collaboratori

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

FAQ per i datori di lavoro

FAQ per i datori di lavoro FAQ per i datori di lavoro - Perché io, imprenditore, dovrei aspettarmi aiuto da un istituzione come l ufficio AI? L ufficio AI si impegna a mantenere o reinserire nel mondo del lavoro le persone diversamente

Dettagli

I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email.

I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email. I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email.it CTI Monza, 20 Novembre 2015 Prima parte: comprendere

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria

REALIZZA IL TUO FUTURO. Di Annamaria Iaria REALIZZA IL TUO FUTURO Di Annamaria Iaria INDICE 1.Presentazione... 2 2.Chi sono... 2 3.Il cuore dell idea... 4 4.Come si svolge... 5 5.Obiettivo... 5 6.Dove si svolge... 6 7. Idee collegate... 6 2013-2014

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli

Cosa ci può stimolare nel lavoro?

Cosa ci può stimolare nel lavoro? a Cosa ci può stimolare nel lavoro? Quello dell insegnante è un ruolo complesso, in cui entrano in gioco diverse caratteristiche della persona che lo esercita e della posizione che l insegnante occupa

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Pag.1 LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE Approvato con Delibera di CdA n. xx del xx.xx.xxxx Pag.2 Ciò nonostante le persone sono l'unico elemento nell'azienda avente l'intrinseco potere di

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

PROPOSTE. FORMATIVE per la SCUOLA. dell INFANZIA. Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15

PROPOSTE. FORMATIVE per la SCUOLA. dell INFANZIA. Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15 PROPOSTE FORMATIVE per la SCUOLA dell INFANZIA Proposte ideate da CRISTINA GRAFFEO e PAOLA PECORARI Anno 2014-15 GIOCANDO CON LE EMOZIONI Sostenere e aiutare i bambini ad ascoltare le proprie emozioni

Dettagli

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma

NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca. Intervento fuori programma NICOLETTA MARASCHIO Presidente dell Accademia della Crusca Intervento fuori programma Buona sera. Grazie a Giovanni Puglisi che mi ha dato la parola. La mia è una voce diversa da tutte quelle che mi hanno

Dettagli

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni

Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Quadri rossi. Una conversazione sull arte a dieci anni Luca Mori Questo articolo presenta i passaggi salienti di una conversazione tra bambini di quinta elementare sulla percezione dell opera d arte 1,

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

IL COUNSELING Il counseling

IL COUNSELING Il counseling IL COUNSELING Il counseling è stato definito come un processo di interazione fra due persone il cui scopo è quello di favorire nel cliente una presa di coscienza della sua situazione esistenziale per supportarlo

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO

MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO Ricostruire la Propria Identità attraverso la Determinazione e la Libertà di Scelta 2 Titolo MOTIVATORE DI ME STESSO Autore Marco Antuzi Editore Bruno Editore Sito

Dettagli

Cartella: L esperienza del contare. Attività: CONTIAMO I FAGIOLI

Cartella: L esperienza del contare. Attività: CONTIAMO I FAGIOLI Cartella: L esperienza del contare Attività: CONTIAMO I FAGIOLI www.quadernoaquadretti.it Attività testata da Martina Carola (Gruppo di ricerca sulla scuola primaria del Seminario di Didattica della Matematica

Dettagli

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008

IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 IT Rossella Masi, insegnante Relazione sulla visita d insegnamento Vienna, Austria 15.12. - 19.12.2008 Prima della visita Ho iniziato la preparazione della mia visita partecipando a quattro sessioni di

Dettagli

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro)

Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Qual è il tuo approccio al lavoro? Che tipo sei? Come affronti le sfide che riguardano in lavoro? (e quindi anche un colloquio di lavoro) Rispondi alle seguenti domande indicando quale risposta è più vicino

Dettagli

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania

Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Donacibo 2015 Liceo classico statale Nicola Spedalieri di Catania Sono Graziella, insegno al liceo classico e anche quest anno non ho voluto far cadere l occasione del Donacibo come momento educativo per

Dettagli

Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia

Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia Dr.ssa Valentina Panella Psicologa - Psicoterapeuta Firenze, 6

Dettagli

Scuola dell infanzia: S.Giuseppina De Muro Insegnanti: Maria Caronna Angela Marotta

Scuola dell infanzia: S.Giuseppina De Muro Insegnanti: Maria Caronna Angela Marotta Scuola dell infanzia: S.Giuseppina De Muro Insegnanti: Maria Caronna Angela Marotta FINALITA -EDUCARE ALLA CITTADINANZA PER SCOPRIRE GLI ALTRI, GESTIRE CONTRASTI, RICONOSCENDO DIRITTI E DOVERI ATTRAVERSO

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

CADERE SETTE VOLTE...RIALZARSI OTTO

CADERE SETTE VOLTE...RIALZARSI OTTO CADERE SETTE VOLTE...RIALZARSI OTTO Dal fallimento al successo La storia di un uomo che affronta la vita, estratto del libro in anteprima È il 1990: ho 42 anni e sono praticamente fallito. Sono con l acqua

Dettagli

L uso e il significato delle regole (gruppo A)

L uso e il significato delle regole (gruppo A) L uso e il significato delle regole (gruppo A) Regole organizzative: devono essere rispettare per far sì che la struttura possa funzionare e che si possa vivere in un contesto di rispetto reciproco; Regole

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

IL COLLOQUIO DI COUNSELING

IL COLLOQUIO DI COUNSELING IL COLLOQUIO DI COUNSELING Università LUMSA di Roma Anno accademico 2014/2015 Dott. P. Cruciani Dott.ssa P. Szczepanczyk Testo di riferimento: Il colloquio di counseling di Vincenzo Calvo Cos è il Counseling

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

Brand Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Introduzione

Brand Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Introduzione Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Un corso di Marco De Veglia Brand Positioning: la chiave segreta del marketing Mi occupo di Brand Positioning

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI

CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI I I figli crescono Primo incontro 25.11.06 La scuola superiore: l adolescente l tra scuola e famiglia Secondo incontro17.02.07 La relazione tra genitori e figli adolescenti:

Dettagli

La PdV nella cura della depressione dell anziano. Marzia Corigliano

La PdV nella cura della depressione dell anziano. Marzia Corigliano La PdV nella cura della depressione dell anziano Marzia Corigliano Sempre più numerosi sono gli anziani che conservano un buono stato di salute fisica e mentale ma in questa fascia di età aumentano le

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

Fogli Bis e autovalutazione finale

Fogli Bis e autovalutazione finale Laboratori di matematica di 2a elementare Fogli Bis e autovalutazione finale Informazioni e annotazioni per l insegnante Quest anno, oltre ai fogli Bis, così com erano previsti e proposti nei mini laboratori

Dettagli

Supronto Back AG, Egolzwil (LU)

Supronto Back AG, Egolzwil (LU) Supronto Back AG, Egolzwil (LU) La Supronto Back AG Il datore di lavoro Willi Suter: «Siamo una tradizionale panetteria-pasticceria industriale. Io e mia moglie abbiamo iniziato 25 anni fa con un apprendista

Dettagli

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE

IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE IL CORPO, LA MENTE, LA COMUNICAZIONE. Sai che cosa è la propriocezione? SI SENTIRE TUTTE LE PARTI DEL PROPRIO CORPO IN TESTA. Quindi essere padrone delle singole parti del proprio corpo in ogni momento

Dettagli

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques)

COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques) COSTELLAZIONI FAMILIARI E SISTEMICHE ED E.F.T. (Emotional Freedom Techniques) Il metodo delle Costellazioni Familiari e Sistemiche nasce a metà degli anni '70 grazie al lavoro di Bert Hellinger, uno psicoterapeuta

Dettagli

Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità l attenzione alla sociomorfogenesi

Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità l attenzione alla sociomorfogenesi Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità (abstract) Da LA FORMAZIONE COME STRATEGIA PER L EVOLUZIONE DEI SERVIZI PER I DISABILI Provincia di Milano 2004 A cura dello Studio Dedalo Rifocalizzare

Dettagli

Biografia linguistica

Biografia linguistica EAQUALS-ALTE Biografia linguistica (Parte del Portfolio Europeo delle Lingue di EAQUALS-ALTE) I 1 BIOGRAFIA LINGUISTICA La Biografia linguistica è un documento da aggiornare nel tempo che attesta perché,

Dettagli

Giovanna Quadri ROCCONTI

Giovanna Quadri ROCCONTI Racconti Giovanna Quadri ROCCONTI Paura e coraggio. Queste donne con il loro coraggio, il loro amore, nella società e nel farsi prossimo, hanno vinto il male con il bene. La giustizia a trionfato. però

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2

Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Una parola per te Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano Originariamente pubblicato da Casa Editrice San Rafaele nel 2010. ISBN 978-88-915-1545-2 Prima edizione Fabbri Editori: aprile

Dettagli

LA TERAPIA DELLA RICONCILIAZIONE

LA TERAPIA DELLA RICONCILIAZIONE Premise 1 LA TERAPIA DELLA RICONCILIAZIONE Ci sono varie forme di riconciliazione, così come ci sono varie forme di terapia e varie forme di mediazione. Noi qui ci riferiamo alla riconciliazione con una

Dettagli

Da dove nasce l idea dei video

Da dove nasce l idea dei video Da dove nasce l idea dei video Per anni abbiamo incontrato i potenziali clienti presso le loro sedi, come la tradizione commerciale vuole. L incontro nasce con una telefonata che il consulente fa a chi

Dettagli

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE.

IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE. IL GIOVANE NELLA SCUOLA PER COSTRUIRE IL FUTURO QUESTIONARIO RIVOLTO AGLI STUDENTI DELLE CLASSI PRIMA E SECONDA SUPERIORE Istituto ROSMINI DOMANDA 1 Che cosa ti ha portato a scegliere la scuola superiore

Dettagli

Anno 2004/2005 CORSO SNES-CSI PER FORMATORI. Bologna, 3 dicembre 2005. Lara Rossin

Anno 2004/2005 CORSO SNES-CSI PER FORMATORI. Bologna, 3 dicembre 2005. Lara Rossin Anno 2004/2005 LA FIGURA DEL FORMATORE CSI -LE SUE PECULIARITÀ E LA SUA MISSION- CORSO SNES-CSI PER FORMATORI Bologna, 3 dicembre 2005 Lara Rossin 1 INTRODUZIONE Non si insegna e non si può insegnare,

Dettagli

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista DISABILITA E CONTESTI a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista obiettivi e contenuti dell incontro Considerare l importanza del contesto nella professione docente e non docente L incontro delle professionalita

Dettagli

Risultati parziali - su 1580 partecipanti

Risultati parziali - su 1580 partecipanti Risultati parziali - su 1580 partecipanti 1. PARTECIPANTI AL SONDAGGIO 69,81% ETA' 24,50% Partecipanti al sondaggio 19-24 anni 25-29 anni Figura 1: Giovani partecipanti al sondaggio per fascia d età REGIONE

Dettagli

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP)

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP) Non c'è intelligenza senza emozioni, Non c'è apprendimento senza desiderio. Non c'è scuola senza un po' di volonta' e vita. A.Bagni Alla cortese Attenzione Del Dirigente Scolastico Del Collegio docenti

Dettagli

ETICA DEL DOLORE E DELLA VITA

ETICA DEL DOLORE E DELLA VITA Sofia Tavella DIVERSAMENTE SANI ETICA DEL DOLORE E DELLA VITA I IF Press Copyright 2012 by IF Press srl IF Press srl Ctr. La Murata, 49-03017 Morolo (FR) info@if-press.com - www.if-press.com ISBN 978-88-95565-81-1

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 questionario di gradimento PROGETTO ESSERE&BENESSERE: EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ a.s. 2013/2014 classi prime e seconde - Scuola Secondaria di I grado di Lavagno CLASSI PRIME Mi sono piaciute perché erano

Dettagli

UN VIAGGIO TRA LA SCOPERTA DEL PROPRIO CORPO E LA RICERCA DELLA BELLEZZA: IL LABORATORIO "MA COME TI TRUCCHI?!" PER PERSONE CON DISABILITÀ.

UN VIAGGIO TRA LA SCOPERTA DEL PROPRIO CORPO E LA RICERCA DELLA BELLEZZA: IL LABORATORIO MA COME TI TRUCCHI?! PER PERSONE CON DISABILITÀ. UN VIAGGIO TRA LA SCOPERTA DEL PROPRIO CORPO E LA RICERCA DELLA BELLEZZA: IL LABORATORIO "MA COME TI TRUCCHI?!" PER PERSONE CON DISABILITÀ. Relatore: Martina Tarlazzi Make your smile up LA NASCITA DEL

Dettagli

Dagli Appennini alle Ande

Dagli Appennini alle Ande Dagli Appennini alle Ande Bollettino N 34 Settembre 2010 Leggiamo insieme!... Sulla vita fuori dall hogar L importanza dell impiego La prevalenza del cuore Sulla vita fuori dall hogar Nell ambito del progetto

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

Allegato 2. Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE

Allegato 2. Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE Allegato 2 Anna Magnani II anno Classe C2 Tutor: Isa Maria Sozzi RELAZIONE FINALE Il progetto è stato modificato rispetto alla griglia di progettazione presentata a giugno. Il tempo che è stato possibile

Dettagli

PROGETTO LEONARDO M.A.R.IO. Mercato Azienda Riorganizzazione Internazionale Operativa A.S. 2013/2014

PROGETTO LEONARDO M.A.R.IO. Mercato Azienda Riorganizzazione Internazionale Operativa A.S. 2013/2014 PROGETTO LEONARDO M.A.R.IO Mercato Azienda Riorganizzazione Internazionale Operativa A.S. 2013/2014 FRANCOFORTE 18/07/2014-22/08/2014 Alessandra Io ho lavorato presso un ufficio di consulenza commerciale

Dettagli

Helsana Assicurazioni SA, Lucerna

Helsana Assicurazioni SA, Lucerna Helsana Assicurazioni SA, Lucerna Il datore di lavoro Sandra Meier La signora F. è impiegata nella nostra azienda al servizio clienti. Lavora alla Helsana da oltre 20 anni. L ho conosciuta nel 2006 al

Dettagli

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI!

COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! COME SUPERARE MOMENTI DIFFICILI! sono un ragazzo di sedici anni trasferito da quasi due anni in Germania e ho avuto la strana idea di esporre un libro sulla vita di ognuno di noi.. A me personalmente non

Dettagli

Alternative: creazione associazione che operi come ha sempre operato isf e creazione una cooperativa nella quale ci siano persone retribuite.

Alternative: creazione associazione che operi come ha sempre operato isf e creazione una cooperativa nella quale ci siano persone retribuite. Odg 1. isf italia Guido: piccola storia isf italia Quest anno week-end nazionale ad Ancona ma sovrapposto con altri eventi qui a TN (festa di mesiano). Cmq c è stato movimento e dopo percorso fatto dalle

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

A proposito di sogni

A proposito di sogni A proposito di sogni Nel V libro delle Metamorfosi Apuleio descrive con ricchezza di particolari il meraviglioso palazzo divino, costruito in oro e pietre preziose, nel quale Psiche è magicamente trasportata

Dettagli

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir

DA DUE A TRE. dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ. Virginia Satir DA DUE A TRE dall innamoramento, all amore, alla GENITORIALITÀ Voglio poterti amare senza aggrapparmi, apprezzarti senza giudicarti, raggiungerti senza invaderti, invitarti senza insistere, lasciarti senza

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il

Corso di Laurea in Scienze della Formazione Primaria Università di Genova MATEMATICA Il Lezione 5:10 Marzo 2003 SPAZIO E GEOMETRIA VERBALE (a cura di Elisabetta Contardo e Elisabetta Pronsati) Esercitazione su F5.1 P: sarebbe ottimale a livello di scuola dell obbligo, fornire dei concetti

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014

L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014 L importanza delle cose semplici. La natura come maestra, risorsa, stimolo Cesena, 10 Maggio 2014 Partendo da lontano: appunti di viaggio di Beatrice Vitali Berlino è così: c è sempre qualcuno scalzo c

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi

Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi 1 Resta in Ascolto: Intervento sul bullismo ed i comportamenti aggressivi INTRODUZIONE L Associazione Family Time nasce con l obiettivo di offrire un contributo alla tutela dei minori e delle loro famiglie.

Dettagli

La voce dei donatori

La voce dei donatori La voce dei donatori Uno studio sul grado di soddisfazione e di efficienza percepita dai Donatori nei confronti dell organizzazione e delle attività dell Avis Comunale RE www.avis.re.it Gli obiettivi della

Dettagli