LE ESPERIENZE PRATICHE GUIDATE (E.P.G.) DELLA FACLTA DI PSICOLOGIA COME META-CONTESTO COMUNICATIVO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE ESPERIENZE PRATICHE GUIDATE (E.P.G.) DELLA FACLTA DI PSICOLOGIA COME META-CONTESTO COMUNICATIVO"

Transcript

1 LE ESPERIENZE PRATICHE GUIDATE (E.P.G.) DELLA FACLTA DI PSICOLOGIA COME META-CONTESTO COMUNICATIVO di Barbara Bertagni e Fernando Salvetti. Noi siamo un colloquio (Hölderlin) 1. I contesti del colloquio psicologico. Le Esperienze Pratiche Guidate si propongono come specifici contesti formativi finalizzati alla riflessione attiva sul binomio teoria-prassi, come spazio privilegiato di sperimentazione e analisi della circolarità di teorie, metodi e strumenti nell agire professionale. In particolare, il mandato formativo conferitoci dalla prof. Clara Capello vede come punto nodale la riflessione sul colloquio inteso come contesto relazionale in cui lo psicologo cerca di conoscere l altro attraverso gli attorcigliamenti e gli intrecci (anche formali) delle sue parole. Può il parlare dell altro restituirci l invisibile dei suoi vissuti personali? Possiamo, ascoltando le parole dell altro, conoscere chi è (o chi crede di essere)? Spesso la richiesta, più o meno esplicita, degli studenti che partecipano alle E.P.G. è di affinare gli strumenti e le tecniche del colloquio, in modo tale da riuscire a facilitare il parlare dell altro e raccogliere il maggior numero di informazioni. Qualcuno esplicitamente fa riferimento all importanza di apprendere tecniche di cross-examination utilizzate in ambito giudiziario, come se il colloquio potesse essere inteso, in una dimensione confessionale, quale strumento finalizzato al raggiungimento di una presunta verità ultima, spesso ricercata attraverso l ascolto della narrazione degli eventi della storia individuale (1). Noi pensiamo che possa essere utile affrontare il colloquio sotto un diverso punto di vista e, allora, la nostra interpretazione del mandato formativo ci porta a problematizzare, e relativizzare, la questione della conoscenza dell altro, privilegiando soprattutto gli aspetti formali, più che quelli di contenuto, del discorso verbale.

2 L attenzione si sposta, quindi, dai contenuti tematici del discorso del soggetto, al contesto (linguistico e relazionale) in cui avviene il colloquio. I contesti fanno le professioni : come sostiene Carli (1997, p. 13), la competenza professionale si organizza in professione solo se sa rispondere a specifiche problematiche del contesto, se sa cogliere, rielaborare ed analizzare le peculiarità dei contesti in cui deve esplicarsi (1). E allora, perché non proporre una E.P.G. sui contesti del colloquio psicologico? Dopo tutto, interrogarsi sui contesti è sempre stata una nostra passione ed è una componente essenziale del nostro lavoro: Barbara è psicologa clinica, Fernando è avvocato ed epistemologo, entrambi siamo antropologi e lavoriamo come formatori e consulenti organizzativi in aziende ed enti pubblici. Con il Centro Studi in psicologia e scienze umane Logos di Torino, in collaborazione con il Consorzio U.SA.S. della Scuola di Amministrazione Aziendale dell Università di Torino ed Elea S.p.A. Italia, ci occupiamo di comunicazione interpersonale e lavoro di gruppo, gestione delle risorse umane e negoziazione; nel Master in business administration della stessa Scuola di Amministrazione Aziendale, coordiniamo il seminario sul pensiero creativo. Nelle aule di formazione lavoriamo in team, coniugando le competenze psicologiche e quelle epistemologiche con l obiettivo di avvicinare l indicibile, ovvero di provare ad esplicitare e analizzare i fattori costitutivi (e, quindi, le possibilità ed i vincoli) dei diversi contesti professionali. Perché, dunque, non far confluire in una E.P.G. per futuri psicologi le nostre esperienze e le nostre metodologie formative? Nella nostra E.P.G. cerchiamo, allora, di esplorare sempre più a fondo le molteplici dimensioni significative di quel poliedro dalle mille sfaccettature che è il contesto: in primo luogo la dimensione linguistica verbale e paralinguistica-metacomunicativa (gestuale, mimica, tonale, etc.), poi la dimensione personale interna (cognitiva, emotiva, esperienziale, etc.) nonché quella sociale esterna (ambientale, situazionale, culturale, storica, etc.) in cui ognuno di noi è immerso. Come? Con moduli formativi di quattro ore consecutive, finalizzati - dopo una presentazione concernente il tema specifico oggetto della discussione (il linguaggio figurale, le tecniche narratologiche, la trascrizione del colloquio...) - a ricreare situazioni e simulazioni realistiche di vita vissuta nelle comunità terapeutiche e nelle aule di

3 giustizia, nelle organizzazioni lavorative, negli ambulatori pubblici e negli studi privati. Presentazione, simulazione e, poi, analisi delle modalità comunicative verbali e non verbali, degli stili e delle strategie comunicative, dei turni discorsivi, dei silenzi, dei marcatori discorsivi (congiunzioni, interiezioni, forme verbali e avverbi), delle modalità relazionali, delle interazioni e delle dinamiche di ruolo (dominanza, subalternità, alleanze, conflitti...), considerando con particolare attenzione i condizionamenti derivanti dal contesto (Capranico, 1997, p. 100). Dopo un analisi sommaria, per così dire a prima lettura, i partecipanti elaborano un commento della situazione osservata (o, a seconda dei casi, agita) con l ausilio di una griglia di osservazione e di una scheda di analisi semistrutturata in modo tale da consentire loro la successiva narrazione, in aula, di un esperienza personale per qualche verso analoga. Terminato il confronto esperienziale tra i partecipanti, nel corso del quale la nostra funzione di conduttori è finalizzata alla facilitazione e stimolazione del contributo di ciascuno alla discussione del gruppo di formazione, vengono percorsi alcuni sentieri di approfondimento con l ausilio di lucidi esplicativi, filmati, trascrizioni sbobinate di colloqui, brani letterari e filosofici, musica e, soprattutto, opere d arte. In particolare, la ricchezza di significati e il potenziale allusivo delle immagini d arte, astratte e figurative, consente una condivisione degli orizzonti concettuali e un analisi delle valenze emozionali delle situazioni affrontate difficilmente raggiungibile altrimenti; inoltre, l arte facilita la partecipazione attiva e propositiva della maggior parte dei partecipanti all elaborazione di un lógos condiviso, cioè di un racconto esplicativo della simulazione agita e osservata in cui l analisi linguistica viene integrata con la considerazione - in prospettiva etnografica - della situazione nella quale avviene l interazione discorsiva (Gumperz, 1982; Gumperz e Hymes, 1972, pp ; Schegloff, 1992, pp ). Considerazione etnografica: dunque, attenzione al punto di vista ed alla percezione soggettiva dei singoli partecipanti che, con i loro occhi (e gli altri organi di senso), attribuiscono un significato alla situazione vissuta ed osservata e divengono, al contempo, consapevoli della costruzione discorsiva e relazionale (in senso ampio, contestuale) dei loro atteggiamenti e delle loro identità (Gergen K.J., 1994; Gergen K.J. e

4 Gergen M., 1983). Ecco il perché di una serie di esercizi concernenti la percezione di quadri, musiche e testi letterari con i cinque sensi, oltre ai giochi di percezione e proiezione individuale a partire da stimoli ambigui (come l immagine di una porta sagomata nel mezzo, attraversata - a seconda degli sguardi e delle proiezioni - da fantasmi, delinquenti, topolini e personaggi da cartoons). Un occasione, per l io, di perdere la sicurezza d essere un sovrano che governa saldamente sul suo mondo, e di imparare a comprendere il suo divenire conforme alle leggi, l influsso del suo ambiente, la varietà della sua costituzione (Musil, 1957, vol. I, p. 551). 2. Parlare la relazione. Uno dei principali argomenti affrontati nel corso della E.P.G. è quello del linguaggio verbale, delle parole di cui è intessuto ogni nostro discorso. Ogni parola è un segno che vive in significati che possono sfumare, perdersi e disperdersi in molteplici rivoli di senso, oppure dar vita a nuove costellazioni di significati condivisi; le parole possono costituire terreno di comunicazione e dialogo, oppure di incomprensione o di scontro, evocare esperienze ed emozioni, esprimere valori e spingere all azione. Le parole non sono solo qualcosa che impariamo a scuola o inventiamo, che sappiamo dire e dominare pienamente in ogni momento: le parole, suggerisce Hillman, come gli angeli, sono potenze che esercitano su di noi un potere invisibile. Le parole sono persone con una vita autonoma e possono rivelare più di quanto vogliamo dire, sono presenze che incarnano intere mitologie concernenti i generi e le genealogie delle cose che abitano i nostri mondi immaginali e materiali (Hillman, 1983, p. 43). Le parole, dunque, parlano: bisogna saperle ascoltare: il lavoro dello psicologo è intriso di parole, si svolge in uno scambio di parole e su uno scambio di parole. Il colloquio psicologico, in particolare, è un fenomeno complesso intessuto di pensieri, parole, relazioni e transazioni tra due (o più) persone che si pongono reciprocamente quali soggetti di parola. Sulla scena del colloquio, le parole divengono mezzo di comunicazione e relazione tra persone che interagiscono con una molteplicità di codici, verbali e non (Capello, 1995, p. 216).

5 Nella relazione che si articola, disarticola e riconfigura nel corso del colloquio, tutto è segno: le parole, le pause, i silenzi e i non-detti, le espressioni del volto e le posture del corpo, i gesti, l abbigliamento, i toni della voce ed il ritmo del respiro, le modalità narrative, gli stili argomentativi, le discontinuità tematiche, i lapsus e le sgrammaticature. E le parole, segni per eccellenza, possono trascendere se stesse e divenire simboli dalle molteplici connotazioni di senso, aperti ad una pluralità di letture e, quindi, al rischio della semiosi illimitata: ogni dizionario contiene l infinito, il rischio è attribuirlo ad ogni segno. In una situazione paradigmatica di double hermeneutic qual è il colloquio, infatti, ove i contenuti da esplorare ed a cui attribuire qualche significato sono già, a loro volta, delle interpretazioni frutto dei fantasmi e delle credenze, dei racconti e dei resoconti dei soggetti del discorso, è sempre presente il rischio della Vorverständnis, cioè della precomprensione che si tramuta in un incomprensione radicale. Come dinanzi a un testo da interpretare non possiamo mai sentirci in un atteggiamento di oggettivante estraneità - scrive Gadamer - perché noi stessi siamo coinvolti e allora il testo da interpretare mette in gioco anche la nostra comprensione di noi stessi, a maggior ragione ciò vale per l interpretazione dell altra persona (Gadamer, 1974, p. 388). Il colloquio psicologico, insomma, è uno spazio di coesistenza in cui si mette l oggettività tra parentesi (Telfener, 1995, p. 355), un luogo di intuizione e interpretazione, a volte di incontro e comprensione, ove i suoni emessi dalla voce creano e modellano la situazione in cui un io si rivolge ad un tu, in un qui ed ora. E nel colloquio - inteso quale struttura interpersonale (Giovannini, 1998, p. 14) e, quindi, sistema di segni e interpretazioni: ovvero, processo di interazione e comunicazione - prende forma la relazione tra i soggetti di parola. 3. L E.P.G. come meta-contesto comunicativo. Ogni parola ha l aroma dei contesti nei quali vive (2), dei dialoghi a cui ha partecipato, delle persone che ha frequentato, delle relazioni in cui è stata adoperata e che ha contribuito ad edificare. Facciamo parte di un contesto discorsivo che condiziona

6 e contribuisce a dar forma alla nostra stessa identità. Fare psicologia significa anche tener conto dei significati e delle relazioni in cui si trova immerso il soggetto. Ogni voce individuale è come se fosse tratta da un dialogo: in questa prospettiva, essere per l uomo significa soprattutto dialogare con gli altri e con se stesso (3). Siamo un fenomeno di confine tra l individuale e il collettivo: le nostre condotte ed i nostri processi mentali sono ancorati e vincolati dai contesti conversazionali e dagli orizzonti di senso in cui siamo immersi (4). L individuo isolato non è che un astrazione: il soggetto è (anche) parte di un Noi, cioè di un sistema di significati collettivamente condivisi. Siamo un romanzo polifonico, abitato da una molteplicità di voci. Parliamo e, al contempo, siamo parlati dalla lingua che usiamo e che è già sempre una lingua altrui, elaborata, ascoltata e ricevuta da altri (5). La lingua, le strutture della famiglia e della parentela, le istituzioni sociali e politiche, i rituali, le forme culturali ed artistiche influenzano profondamente la costruzione (e la costrizione) del mentale (6). Queste le premesse teoriche e, quindi, lo scenario di una E.P.G. finalizzata a rendere i partecipanti attori e sperimentatori della complessità dei processi di comunicazione interpersonale e delle relative dinamiche di ruolo nel corso dei colloqui, oltre che dei condizionamenti, delle difficoltà, dei rischi d incomprensione, delle asimmetrie e dei vincoli che caratterizzano i contesti dell agire professionale dello psicologo. Una E.P.G. volta a problematizzare l ovvio e sensibilizzare all ascolto dei diversi livelli di un discorso (comunicativo, relazionale, affettivo...), per cercare di aumentare nei partecipanti la consapevolezza del loro stile personale di vedere (e costruire) il mondo, di entrare in relazione e di comunicare con un altro (7). Sulla ribalta del palco-segnico, simulazioni e role-playing quale spazio virtuale per divenire interpreti - al contempo attivi e riflessivi - di ruoli e situazioni professionali: colloqui finalizzati alla redazione di una perizia psicologica, colloqui di counseling, di selezione del personale e così via. Un occasione per discutere, analizzare e rielaborare immagini e fantasmi dello psicologo all opera in diversi contesti professionali; forse, uno spazio di sperimentazione un po brechtiano, dove l attore non permette a se stesso di trasformarsi completamente sulla scena nel personaggio che sta rappresentando (Brecht, 1964, p. 137).

7 Una E.P.G. intesa come l occasione per costruire, con i partecipanti, un laboratorio e un meta-contesto entro cui sperimentare possibilità e limiti dell agire comunicativo in situazioni di colloquio: un approccio orientato all analisi delle forme e dei rituali del parlare-in-interazione, in contesti sia istituzionali che informali (ambulatori, consultori, aule di giustizia, prigioni, aziende, studi privati, famiglie, piazze...), attento all incidenza ed all influenza del contesto nell enunciato discorsivo, al linguaggio quale pratica situata in un qui ed ora (8). Un metacontesto, inoltre, in cui osservare con attenzione le parole, in quanto strumenti comunicativi che rinviano a dimensioni sovente indicibili dal soggetto che parla. Dimensioni che le parole cercano di cogliere facendosi immagine o metafora e, quindi, ponte gettato tra il processo primario e quello secondario del nostro pensiero ed occasione per andare al di là della dispotica dicotomia tra cognitivo ed emotivo (Goodman, 1976, p. 208)(9). Quando muta il nostro stato d animo, cambia anche la fisionomia del mondo: come dice Borgna, cambiano i modi con cui il mondo ci chiama e ci parla. Per inseguire e definire le modificazioni della vita emozionale, cercando di renderle concrete e comprensibili, il nostro linguaggio tende a farsi allusivo e friabile, discontinuo e sconfinante nell indicibile (Borgna, 1995, pp. 62 e 194). Un linguaggio sovente iconico ed onirico, insieme di messaggi espressi in una molteplicità di codici che richiedono, per essere compresi, un allenamento all ascolto (non solo uditivo) di se stessi e dell altro. Ascolto attivo delle parole, dei silenzi, degli stili e delle modalità comunicative, finalizzato a comprendere come ciascun interlocutore costruisce il suo mondo e se stesso, come stanno le cose dal suo punto di vista. Un attenzione costante ai linguaggi del corpo e della mente, quindi, come tentativo di comprensione di se stessi e dell altro: un ascolto che apra alla possibilità di acquisire maggiore consapevolezza del proprio modo di guardare al mondo e consenta di poter uscire da sé quel tanto che necessita per scorgere l altro. 4. Parole e pensieri.

8 Ogni nostra parola è altrui perché conserva le tracce degli altri, di chi l ha già usata e del Noi di cui siamo parte, ed è rivolta ad un tu (non importa se interiore). Il nostro vivere dipende da significati e da concetti condivisi in un certo contesto (10): il nostro vedere ed il nostro pensare sono il prodotto di una prassi discorsiva più originaria, della quale non siamo (quasi) mai consapevoli. Ogni grammatica ed ogni sintassi implicano una particolare visione del mondo, non del tutto conoscibile da chi vi è immerso: l io parla dal luogo in cui è situato. Figli della comunicazione verbale, siamo partecipi di un reticolo di sistemi segnici che sono connessi con la possibilità di pensare, parlare e agire: le realtà in cui vivamo e che conosciamo sono il frutto, in buona parte inconscio, delle abitudini linguistiche che pratichiamo, poiché le categorie del pensiero postulano una logica ed una grammatica concettuale espressione del modo di vedere il mondo tipica di ogni sistema linguistico. Conosciamo in modo soggettivo e il linguaggio tende a costituire l orizzonte ed il limite entro cui si esplica il nostro pensiero e la nostra percezione del mondo. Ciò che a causa di una illusione empiristica sembra presentarsi in modo spontaneo, come mero dato, come ovvio o naturale, è in effetti il risultato di un processo di astrazione che attuiamo continuamente con l uso del linguaggio e che abbiamo sviluppato apprendendo a parlare (11). La lingua che parliamo, i sistemi concettuali e normativi che condividiamo (o in cui, comunque, siamo immersi) ci trascendono e, al contempo, ci abitano e ci parlano, costituendo l orizzonte e il limite del nostro pensiero. Non possiamo pensare, dunque, senza una infrastruttura sociale che, a sua volta, contribuisce a costituire l orizzonte e il limite di ciò che pensiamo: siamo opere incompiute, animali carenti che si completano e si definiscono per mezzo della cultura (Hayek, 1986, p. 533). Il pensiero, le emozioni e i sentimenti sono costruiti socioculturalmente in quanto si strutturano sulla base di significati, credenze, valori e rapporti sociali tipici delle comunità a cui apparteniamo. In tale prospettiva, il soggetto è tutt altro che un entità isolata ed autosufficente rispetto al contesto sociale (pur senza esserne il mero riflesso): l uomo si definisce nell alterità ed è, in primo luogo, un essere imprevedibile anche a se stesso (Girard, 1995, p. 205). Le parole sono veicoli di senso e, soprattutto, simboli che ci consentono di attribuire un significato alla molteplicità magmatica ed indistinta degli

9 eventi e di noi stessi (Bruner, 1992, p. 20)(12). In quanto uomini organizziamo le esperienze ed i ricordi principalmente sotto forma di racconti, individuali e collettivi: storie, giustificazioni, miti, argomentazioni per fare e per credere. La ricerca di senso e significato nel mondo delle cose umane, infatti, quasi inevitabilmente prende la forma di una narrazione, di una storia, cioè di un interpretazione - a sua volta suscettibile di interpretazione - degli eventi della vita e del chi siamo (Bruner, 1991, p. 21). Imprevedibili anche a noi stessi, siamo la mutevole sintesi delle relazioni e dei contesti (conversazionali e non) in cui siamo radicati: nei nostri racconti, gli stati e gli eventi psichici divengono complesse costruzioni semantiche, aperte a molteplici interpretazioni e decodificazioni (Bruner, 1990, p. 10). La dimensione linguistica è il luogo, per più versi metaforico, ove prendono forma, si materializzano e smaterializzano le immagini, le emozioni, le idee, le relazioni, i conflitti ed i desideri... Il discorso interiore diviene parola e, al contempo, compromesso tra ciò che il soggetto confessa a se stesso senza dire e ciò che può tradurre all esterno (Olievenstein, 1990, p. 44)(13); e il linguaggio, così, diviene un universo pluralistico ove cercano di coesistere, celandosi e svelandosi, gli opposti che dibattono e combattono in noi. E il momento in cui le parole trascendono se stesse e divengono simboli dalle molteplici connotazioni, aperte ad una pluralità di interpretazioni: la dimensione simbolica è quella in cui le nostre parole inseguono la profonda inafferrabilità della vita interiore, aprendoci all alterità ad alla polifonia che ci abita. La metafora sembra essere tra le poche vie d accesso discorsivo al simbolico, pur essendo impensabile la riduzione ed assimilazione totale del simbolo alla metafora: come diceva Amleto, ci sono più cose nella psiche umana di quanto la vostra psicologia possa parlare, perché i margini del non-detto e dell indicibile sono comunque infiniti (14). 5. Il racconto e la costruzione discorsiva di sé. Rispondere alla domanda chi? vuol dire raccontare la storia di una vita e richiede un coraggio simile a quello necessario per cominciare un romanzo: nessun io, nemmeno il

10 più ingenuo, è un unità monolitica; la polifonia delle voci che ci abitano (senza quasi mai raggiungere le soglie della coscienza) crea, quindi, uno spazio poetico e letterario dentro di noi, che ci apre alla molteplicità e al probabile (Ricoeur, 1986, vol. III, p. 375)(15). L identità del chi? è un fluire di racconti e di rappresentazioni: un identità narrativa alla ricerca di una sintesi, seppur mutevole ed a volte imprevedibile - così come le nostre parole, che a volte sorprendono noi stessi e ci insegnano il nostro pensiero. Chi si racconta? Ancora una volta, dice Ricoeur, la domanda chi? apre la via ad una ipotesi più che ad una ipostasi. L idem, cioè il medesimo sempre identico, cede all ipse, mutevole nel tempo, che si ritrova rispecchiandosi negli occhi dell altro: L altro cui debbo la risposta nel mantenermi lo stesso, l altro da cui dipendo perché mi costituisce, l altro dunque in me come il mio mondo, il mio partner, la tradizione che mi accoglie. il contesto in cui sono radicato (Ricoeur, 1993, p. 55)(16). Se si guarda all identità personale come risultante di un processo interpersonale di (mutuo) riconoscimento, delimitazione e collocazione sociale, la si può concepire sotto forma di narrazione autobiografica più o meno variabile, polifonica e discontinua nel tempo in funzione del contesto e degli atteggiamenti degli altri: siamo e diventiamo la mutevole narrazione che raccontiamo, a noi e agli altri, con le nostre parole e le nostre azioni (Sparti, 1996, p. 126). Chi siamo noi, chi è ciascuno di noi se non una combinatoria d esperienze, d informazioni, di letture, d immaginazioni? (Calvino, 1992, p. 120). Siamo i nostri ricordi e i nostri desideri, i nostri sogni, bisogni e progetti, siamo l immagine che il mondo restituisce di noi e il significato che attribuiamo alle nostre condotte: la nostra identità è una storia risultante dall intreccio di mille storie, per cui si può dire che siamo (anche) il racconto del nostro presente e del nostro passato - che è il presente della memoria (17). Il nostro parlare e narrare, soprattutto quello metaforico e figurale, non è soltanto un modo di dire ma è, anzitutto, un modo di percepire, classificare e valutare le cose e le persone (Mantovani, 1998, p. 71). Sviluppare l attenzione per il significato-nonimmediato delle parole, cioè per la dimensione simbolica del linguaggio, ci consente di provare a capire lo stato d animo, il modo di pensare e di essere degli altri e di noi stessi.

11 Raccontando e ascoltando storie e narrazioni possiamo meglio comprendere come costruiamo il mondo e noi stessi, da quale punto di vista guardiamo alle cose. Un E.P.G. sul contesto e sul linguaggio, ovvero sulla costruzione discorsiva della realtà e di sé, significa, allora, tener conto che non ci sono verità ultime da scoprire, bensì ipotesi da costruire, punti di vista da far emergere. Ogni incontro è un occasione per dialogare, per conversare, per scambiarsi punti di vista, un allenamento a prestare attenzione a quel margine di non dicibile che parla ciascuno di noi. Per concludere, qualunque storia si possa raccontare di qualcosa, la si comprende meglio considerando altri modi in cui sarebbe possibile raccontarla (Bruner, 1987, p. 32).

12 NOTE (1) Foucault (1992, pp ) ricorda come la genealogia del soggetto occidentale moderno postuli, tra l altro, il modello cristiano dell uomo, espressione di una società confessionale e confessante in cui ogni persona ha il dovere di cercare di conoscere che cosa accada nel proprio intimo, di ammettere le proprie colpe, di riconoscere le tentazioni e di individuare i propri desideri reconditi. (2) Bachtin (1997, pp. 101 e 148): il contesto sociale e culturale che alimenta il pensiero ed abbraccia la parola crea uno sfondo dialogizzante, il cui influsso può essere grandissimo nella formazione delle persone. (3) Come sottolinea Tagliagambe (1996, pp. 89 e 91), questa prospettiva, elaborata dal teorico della letteratura Bachtin a partire dagli anni Venti del nostro secolo, mette radicalmente in discussione un modello della mente centralizzato o unificato e fa progressivamente emergere l idea che essere è, fondamentalmente, comunicare, e comunicare in forma dialogica con gli altri ma anche all interno di se stesso, secondo una prospettiva che considera l io come il risultato di un racconto di fatti, di sensazioni e di sentimenti. Cfr. anche Bruner (1992, p. 15): Ogni voce individuale è tratta da un dialogo, come ci insegna Bachtin. (4) Come ha sostenuto Bateson (1976, p. 471), il mondo mentale, la mente, il mondo dell elaborazione dell informazione, non è delimitato dall epidermide. Peraltro, il capire che molta parte della realtà umana e naturale, come sostiene Girard (1990, p. 21), si fa e si disfa nel linguaggio, de-fonda il soggetto nel senso della sua costruzione di coscienza ed identità, consentendogli (a volte) di intuire il suo essere parte di un sistema discorsivo, piuttosto che possessore di pensieri, convincimenti, credenze predeterminate nella sua mente ordinante. (5) Montani (1996, p. 178): la situazione narrativa dell analisi personale, ad esempio, esemplifica mirabilmente l orizzonte dialogico della parola messo in luce da Bachtin: non meno della parola romanzesca, la parola analitica è da cima a fondo parola altrui e il romanzo analitico è un romanzo polifonico, abitato da una molteplicità di voci (a partire da quelle che l inconscio ha sequestrato e congelato nella sua scena senza tempo ). Per una panoramica, breve e dettagliata, sul narrativo in psicoanalisi cfr. Albasi (1997, pp. 96ss.) e, più in generale, Martini (1998), Ammaniti e Stern (1991). (6) Ugazio ( 1998, p. 11) avanza alcune ipotesi sulla costruzione del significato, e dell identità, nei contesti conversazionali, facendo riferimento, in particolare, al concetto di opposizione polare. I contesti semantici, presenti in tutte le lingue, costituirebbero un universale il cui scopo è rendere indipendenti gli individui. Ciascun partner conversazionale, con-ponendosi rispetto alle polarità semantiche rilevanti nel suo gruppo, àncora la propria storia, e con essa la propria identità, alla trama narrativa del contesto. (7) Capello (1995, p. 8): sviluppare l abitudine a sentire e a interrogarsi per capire prima di tutto se stessi e la situazione in cui ci si trova, può favorire l esercizio della critica e la presa d atto della relatività dei punti di vista. Proprio per la sua formazione, lo psicologo non dovrebbe mai dimenticare quanto le impressioni siano prossime ai pregiudizi e le convinzioni simili alle razionalizzazioni, così come non dovrebbe mai dimenticare che il sapere teorico che orienta il suo operare non è assoluto ma limitato e parziale, radicato negli specifici contesti in cui egli stesso è situato (in proposito, si veda l art. 8 del codice deontologico degli psicologi).

13 (8) Un approccio, peraltro, che non postula l idea del contesto come precostituito rispetto all interazione discorsiva, in quanto è piuttosto quest ultima a modellarlo e dargli forma (in proposito, cfr. Orletti, 1990, p. 70): come sottolinea Heritage (1984, p. 242), ogni espressione non solo dipende dal contesto esistente per la sua produzione e interpretazione, ma, al contempo, questa stessa espressione è un evento che contribuisce a creare un nuovo contesto per l azione che seguirà. (9) In tema di metafora, la letteratura è amplissima: cfr. ad esempio Casonato (1994), Kopp (1995), Trevi (1986) e soprattutto Bateson (1997, pp. 46ss.) secondo cui il processo che genera le metafore sembra essere una caratteristica fondamentale dela creazione. Le metafore, infatti, non si limitano a classificare il mondo, ma comunicano le relazioni e le interconnessioni tra le idee. (10) Bruner (1995, p. 66 e 1992, p. 29): la nostra è una vita pubblica, basata su significati pubblici e procedure condivise di interpretazione e di negoziazione dei significati. (11) Come ha sostenuto Sapir (1948, pp. 179ss.), il mondo reale è costruito, in gran parte inconsciamente, sulle abitudini linguistiche del gruppo, per cui persino atti di percezione relativamente semplici sono condizionati da quei modelli sociali chiamati parole molto più di quanto si possa mai immaginare. Per cui si può dire, con Whorf (1956), che le categorie e i concetti che isoliamo nel flusso caleidoscopico delle impressioni e dei fenomeni con cui ci si presenta il mondo non li troviamo in una realtà esterna e indipedente dal nostro sguardo, perché siamo noi che ritagliamo la natura, la organizziamo in concetti e le attribuiamo dei significati. (12) Grazie alla nostra attitudine ad istituire connessioni tra fenomeni per ricondurli a categorie esplicative, riusciamo a rappresentare le cose in modo astratto, cioè simbolico, attraverso parole e concetti che ci allontanano sempre più dall immediatezza del dato naturale e sensibile. (13) Sulla contrapposizione tra il dicibile e l indicibile cfr. Ducrot (1978, pp. 726ss.). Sul non detto (delle emozioni) - quale terra incognita che estende il suo dominio tra il rimosso e il manifesto, tra i mali che nascondiamo a noi stessi e le parole che ci nascondono agli altri - cfr. Olievenstein (1990, pp. 7ss.) secondo cui dire l indicibile è il principale compito dell arte, alla ricerca di un discorso udibile per quel soliloquio intimo di cui ognuno fa esperienza ogni giorno e grazie al quale spesso si sopportano i compromessi con l esistenza che permettono di vivere. (14) Per una prospettiva simile cfr. ad esempio Trevi (1986, pp. XIII-XIV). (15) Sulla poesia come ricerca e come forma alta di conoscenza e di interrogazione del sé cfr. Bachelard (1993). (16) In proposito cfr. Montani (1996, p. 161), secondo cui il concetto di identità narrativa in Ricoeur si sottrae alla classica antinomia tra un soggetto inteso come un medesimo (un idem) e un soggetto inteso come pura illusione sostanzialista (un fascio di emozioni, saperi e volizioni in equilibrio instabile) lasciando apparire il profilo di una identità compresa nel senso di un se stesso (ipse), cioè una figura processuale che può includere il cambiamento e la mutabilità. Una tale ipseità, com è evidente, designa un soggetto che non finisce di ricostituirsi nel rifigurare la propria vita, cioè nel comprenderla sempre di nuovo come un tessuto di storie raccontate. (17) Ma quali sono le caratteristiche delle narrazioni con cui, nel fitto intreccio di relazioni e interazioni in cui siamo immersi, plasmiamo ed alimentiamo il flusso della nostra identità? In primo luogo le nostre narrazioni sono volte alla ricerca di un significato che è tale solo all interno di un certo frame, cioè di una cornice interpretativa che consente di dare un senso ai pensieri, alle interazioni e, quindi, alle rappresentazioni di sé; un senso che implica una visione del mondo, determinati criteri di valutazione delle condotte proprie e altrui, un immagine di chi parla (cfr. Bruner, 1992, p. 71 nonché Bateson, 1976

14 e Goffman, 1974). I significati che le storie veicolano, in altri termini, rinviano per la loro comprensione ad uno specifico contesto relazionale e culturale, oltre che all universo interiore del soggetto narratore. Inoltre, tra le caratteristiche principali delle narrazioni vi sono la sequenzialità, nel senso che gli eventi accadono in un processo temporale ed hanno una propria durata; la particolarità e concretezza, in quanto i temi narrativi concernono solitamente avvenimenti e questioni specifiche riguardanti le persone; poi l intenzionalità, poiché i soggetti principali delle narrazioni agiscono mossi da scopi ed ideali, manifestano opinioni e stati d animo; infine l opacità referenziale, perché la rappresentazione narrativa ha senso non tanto per i suoi riferimenti a eventi od oggetti definiti e concretamente esistenti, ma proprio in quanto narrazione (eventualmente del tutto immaginale, o verosimile solo nel mondo possibile del suo autore)(in proposito cfr. la sintesi elaborata da Smorti, 1994, pp. 58ss.).

15 BIBLIOGRAFIA ALBASI C., 1997, Narrativo e psicoanalisi. Alcune riflessioni epistemologiche, in Connessioni. Rivista di consulenza e ricerca sui sistemi umani, Centro Milanese di Terapia della Famiglia. AMMANITI M. - STERN D. (a c.), 1991, Rappresentazioni e narrazioni, Laterza, Bari. BACHELARD G., 1993, L intuizione dell istante. La psicoanalisi del fuoco, Dedalo, Bari. BACHTIN M., 1997, Estetica e romanzo, Einaudi, Torino. BATESON G. - BATESON M.C., 1997, Dove gli angeli esitano, Adelphi, Milano. BATESON G., 1976, Verso un ecologia della mente, Adelphi, Milano. BORGNA E., 1995, Come se finisse il mondo. Il senso dell esperienza schizofrenica, Feltrinelli, Milano. BRECHT B., 1964, Brecht on Theatre, Eyre Methuen, BRUNER J., 1987, Life as narrative, in Social Research. BRUNER J., 1990, Prefazione, in SPENCE D., La metafora freudiana, Giunti, Firenze. BRUNER J., 1991, La costruzione narrativa della realtà, in AMMANITI M. - STERN D. a c.), Rappresentazioni e narrazioni, Laterza, Bari. BRUNER J., 1992, La ricerca del significato. Per una psicologia culturale, Bollati Boringhieri, Torino. BRUNER J., 1995, Lo psicologo e la legge, in QUADRIO A. - DE LEO G. (a c.), Manuale di psicologia giuridica, LED, Milano. CALVINO I., 1992, Lezioni americane, Garzanti, Milano. CAPELLO C., 1995, Clinica della relazione d aiuto, in TRENTINI G. (a c.), Manuale del colloquio e dell intervista, Utet, Torino. CAPELLO C., 1995, Introduzione, in ID. - D AMBROSIO P. - TESIO E. (a c.), Testi, contesti e pretesti. Per una formazione al colloquio, Utet, Torino. CAPRANICO S., 1997, Role playing, Cortina, Milano. CARLI R. (a c.), 1997, Formarsi in psicologia clinica, Edizioni Kappa, Roma. CASONATO M., 1994, Metafore, Nuova Italia Scientifica, Roma. DUCROT O., 1978, Dicibile/Indicibile, in Enciclopedia Einaudi, vol. IV, Einaudi, Torino. FOUCAULT M., 1992, La tecnologia politica degli individui, in AA.VV., Tecnologie del sé, Bollati Boringhieri, Torino, GADAMER H.G., 1974, Verità e metodo, Fabbri, Milano. GERGEN K.J. - GERGEN M.M., 1983, Narratives on the Self, in SARBIN T.R. - SCHEIBE K.E. (eds.), Studies in Social Identity, Praeger, New York. GERGEN K.J., 1994, Realities and Relationships. Soundings in Social Construction, Harvard University Press, Cambridge Mass. GIOVANNINI D., 1998, Colloquio psicologico e relazione interpersonale, Carocci, Roma. GIRARD G., 1990, Simulazione e identità debole, Tirrenia Stampatori, Torino, GIRARD G., 1995, Società conformista e individuo, Tirrenia Stampatori, Torino. GOFFMAN E., 1974, Frame Analysis, Harper & Row, New York. GOODMAN N, 1976, I linguaggi dell arte, Il Saggiatore, Milano. GUMPERZ J. - HYMES D. (eds.), 1972, Directions in Sociolinguistics: the Ethnography of Communication, Holt Rinehart and Winston, New York. GUMPERZ J., 1982, Discourse Strategies, Cambridge University Press, Cambridge. HAYEK F., 1986, Legge, legislazione e libertà, Il Saggiatore, Milano. HERITAGE J., 1984, Garfinkel and Ethnomethodology, Polity Press, Cambridge. HILLMAN J., 1983, Re-visione della psicologia, Adelphi, Milano. KOPP R.,1995, Le metafore nel colloquio clinico, Erickson, Trento. MANTOVANI G., 1998, L elefante invisibile. Tra negazione e affermazione delle diversità: scontri e incontri multiculturali, Giunti, Firenze. MARCARINO A., 1997, Etnometodologia e analisi della conversazione, Quattro Venti, Urbino, 1997.

16 MARTINI G., 1998, Ermeneutica e narrazione. Un percorso tra psichiatria e psicoanalisi, Bollati Boringhieri, Torino. MONTANI P., 1996, Estetica ed ermeneutica, Laterza, Bari. MUSIL R., 1957, L uomo senza qualità, Einaudi, Torino. OLIEVENSTEIN C., 1990, Il non detto delle emozioni, Feltrinelli, Milano. ORLETTI F., 1998, L analisi conversazionale negli anni Novanta, in ID. (a c.), Fra conversazione e discorso, Carocci, Roma. RICOEUR P., 1986, Tempo e racconto, Jaka Book, Milano. RICOEUR P., 1993, Sé come un altro, Jaka Book, Milano. SAPIR E., Selected Writings, Berkeley and Los Angeles, SCHEGLOFF E., 1992, On talk and its institutional occasions, in DREW P. - HERITAGE J. (eds.), Talk at Work, Cambridge University Press, Cambridge. SMORTI A., 1994, Il pensiero narrativo, Giunti, Firenze. SPARTI S., 1996, Soggetti al tempo, Feltrinelli, Milano. TAGLIAGAMBE S., 1996, L epistemologia del confine, dattiloscritto. TELFENER U., 1995, La terapia individuale sistemica, in ID. - MALAGOLI TOGLIATTI M. (a c.), Dall individuo al sistema. Manuale di psicopatologia relazionale, Bollati Boringhieri, Torino. TREVI M., 1986, Metafore del simbolo. Ricerche sulla funzione simbolica nella psicologia complessa, Cortina, Milano. UGAZIO V., 1998, Storie permesse, storie proibite. Polarità semantiche familiari e psicopatologie, Bollati Boringhieri, Torino. WHORF B.L., 1956, Language, Thought and Reality, The MIT Press, Cambridge Mass.

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 L ASCOLTO Primo passo dell Accoglienza Padre GHERARDO ARMANI C. M. 1. La relazione di aiuto La relazione si fonda su un rapporto umano centrato sull incontro di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

I CAMPI DI ESPERIENZA

I CAMPI DI ESPERIENZA I CAMPI DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO sviluppa il senso dell identità personale; riconosce ed esprime sentimenti e emozioni; conosce le tradizioni della famiglia, della comunità e della scuola, sviluppando

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

FARE O ESSERE VOLONTARI?

FARE O ESSERE VOLONTARI? Corso di formazione FARE O ESSERE VOLONTARI? Il volontariato come manifestazione dell essere e dell operare a favore dell altro Caritas Ambrosiana Salone Mons. Bicchierai via San Bernardino 4 20122 Milano

Dettagli

IL COACHING delle Ambasciatrici

IL COACHING delle Ambasciatrici IL COACHING delle Ambasciatrici European Commission Enterprise and Industry Coaching ambasciatrici WAI-Women Ambassadors in Italy, Ravenna, 20/05/2010 2 FASE 1 Le motivazioni e gli scopi FASE 2 L analisi

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO TEATRO Il progetto teatro nasce dalla necessità di avvicinare gli alunni al mondo teatrale perché

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni.

CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE DICEMBRE-GENNAIO FEBBRAIO-MARZO APRILE-MAGGIO GIUGNO. Ascoltare i vissuti dei compagni. SCUOLA DELL INFANZIA CHE AVVENTURA - Progetto educativo/didattico anno scolastico 2014 / 2015 Obiettivi di apprendimento ipotizzati per bambini di 3 anni CAMPI D ESPERIENZA SETTEMBRE OTTOBRE- NOVEMBRE

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

TRAINING. Riservato ad agenti e venditori. (3 giornate intervallate)

TRAINING. Riservato ad agenti e venditori. (3 giornate intervallate) TRAINING Riservato ad agenti e venditori (3 giornate intervallate) 2 1. INTERPRETARE IL PROPRIO RUOLO CON ORGOGLIO, POSITIVITÀ, CREATIVITÀ E CORAGGIO, RAFFORZANDO LA PROPRIA AUTOMOTIVAZIONE AL MIGLIORAMENTO

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE

Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE Allegato 2 COMPETENZE DI CITTADINANZA CONTINUITA PROGRESSIONE DELLE COMPETENZE IMPARARE AD IMPARARE Acquisire un proprio metodo di studio e di lavoro. Scoperta e riconoscimento di regole generali per:

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO

PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO PIANO PROGRAMMATICO DI SVILUPPO DELLE UDA DEI LINGUAGGI ESPRESSIVI (Arte, musica, ed. fisica) Classi Quarte NUMERO UDA TITOLO PERIODO ORIENTATIVO DI SVILUPPO UDA N.1 Di colore in colore a suon di musica

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

Comunicazione. Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione

Comunicazione. Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione Comunicazione Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione Non si può non comunicare, afferma uno degli assiomi della comunicazione. Non esiste infatti la non

Dettagli

LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2

LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2 LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2 La narrazione autobiografica come progetto di cura nei pazienti uremici cronici L idea

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA

PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA CLASSI PRIME A/B ANNO SCOLASTICO 2014 2015 PROGETTO STAR BENE INSIEME A SCUOLA Premessa Le attuali classi prime sono composte da 44 alunni, 35 dei quali provengono dalla scuola dell Infanzia del quartiere

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

Unità d apprendimento /Competenza

Unità d apprendimento /Competenza Titolo dell Unità di Apprendimento/Competenza: Moltiplichiamo Unità d apprendimento /Competenza Denominazione Classe Competenza/e da sviluppare Prova di accertamento finale Prerequisiti in termini di competenze,

Dettagli

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP)

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP) Non c'è intelligenza senza emozioni, Non c'è apprendimento senza desiderio. Non c'è scuola senza un po' di volonta' e vita. A.Bagni Alla cortese Attenzione Del Dirigente Scolastico Del Collegio docenti

Dettagli

ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE

ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE ARTE E IMMAGINE Competenza chiave europea: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE Competenza specifica: ARTE E IMMAGINE La disciplina arte e immagine ha la finalità di sviluppare e potenziare nell alunno

Dettagli

Programmazione preventiva Italiano

Programmazione preventiva Italiano Programmazione preventiva Italiano Prof. ssa Gabriela Fantato Classe: 1 B- ITE Anno scol. 2014-15 PROGRAMMA PREVENTIVO FINALITÀ DELLA DISCIPLINA L insegnamento della disciplina, tenendo conto della centralità

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca.

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1 La rappresentazione nella pubblicità Premessa La letteratura internazionale ha affrontato negli ultimi anni la pubblicità che utilizza i bambini

Dettagli

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING

DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING, DEBRIEFING e STRESS INOCULATION TRAINING DEFUSING E una tecnica di pronto soccorso emotivo, si tratta di un intervento breve(20-40 minuti) che viene organizzato per le persone (6-8) che hanno

Dettagli

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011

(PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 RETE LOMBARDA DELLE SCUOLE CHE PROMUOVONO SALUTE CORNICE METODOLOGICA (PRIMA BOZZA) Milano, 15 Aprile, 2011 PREMESSA Il presente documento è il frutto di un percorso di elaborazione a cui hanno partecipato

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI FINALE LIGURE CURRICOLO VERTICALE LINGUA ITALIANA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 COMPETENZA al termine del primo ciclo di istruzione Dimostra una padronanza della lingua italiana tale

Dettagli

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Comunicazione una premessa. Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Teoria (Dalla scuola di Palo Alto Watzlawic) Lo studio della

Dettagli

L effetto osservatore costellatore

L effetto osservatore costellatore L effetto osservatore costellatore Uno degli elementi costituenti il campo collettivo di una Costellazione, è il campoologramma del costellatore. Il suo campo morfogenetico contiene in-formazioni multidimensionali

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

IL COLORE DELLE EMOZIONI

IL COLORE DELLE EMOZIONI LABORATORIO ESPRESSIVO IL COLORE DELLE EMOZIONI I bambini lo dicono con il colore PREMESSA Il ruolo che ha l adulto nello sviluppo affettivo di un bambino è determinante; il suo atteggiamento, le sue aspettative,

Dettagli

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO

LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO LE SEDUTE DI AIUTO EDUCATIVO IN AMBIENTE SCOLASTICO In un percorso educativo, all'interno di una istituzione scolastica, la Pratica Psicomotoria diventa un'attività privilegiata per il bambino. Egli agisce

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo

Progetto. Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Misure di accompagnamento alle Indicazioni Nazionali Progetto CITTADINANZA COME AGIRE SOCIALE Incontro conclusivo 25 maggio 2015 Cittadinanza e Costituzione: le competenze e il curricolo Un percorso che

Dettagli

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile

o saper formulare con i compagni riflessioni ed ipotesi interpretative, non su richiesta del docente, ma in modo il più spontaneo possibile RELAZIONE FINALE PROGETTO COMPETENZE IN CRESCITA. Laboratorio 2 1) TITOLO: Il gusto della lettura 2) CLASSE: Classi della scuola dell infanzia (solo bambini di 5 anni) Classi prime, seconde e quarte della

Dettagli

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa Il processo di comunicazione Generalmente si ritiene che nel processo di comunicazione avvenga il semplice trasferimento di un messaggio già dotato di determinati significati. Comunicare Informare Il termine

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

L uso e il significato delle regole (gruppo A)

L uso e il significato delle regole (gruppo A) L uso e il significato delle regole (gruppo A) Regole organizzative: devono essere rispettare per far sì che la struttura possa funzionare e che si possa vivere in un contesto di rispetto reciproco; Regole

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione

Sostegno a Distanza: una fiaba per Angela. Presentazione Presentazione Nella classe 1^ secondaria di1 grado, durante il primo quadrimestre, si è lavorato sul tipo di testo fiaba ed i ragazzi venendo a conoscenza del progetto SAD portato avanti dagli allievi

Dettagli

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM

IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM Istituto Comprensivo di Villongo Anno scolastico 2010/2011 OGGETTO: IL VALORE DELLA COMUNICAZIONE ALL INTERNO DI UN TEAM A seguito dell appuntamento telefonico con la Prof.ssa Nicoletta Vitali si è delineata

Dettagli

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri

Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri C ERA UNA VOLTA ULISSE Narrami, o Musa dell eroe multiforme, che tanto vagò dopo che distrusse la rocca sacra di Troia: di molti uomini vide le città e conobbe i pensieri OMERO, ODISSEA traduzione di G.A.PRIVITERA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun

ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO. English is fun ISTITUTO COMPRENSIVO U. FERRARI DI CASTELVERDE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE IL GIRASOLE DI SAN MARTINO IN BELISETO English is fun Anno scolastico 2011/2012 Istituto Comprensivo U. Ferrari di Castelverde

Dettagli

Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016)

Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016) Progetto LABORATORIO TEATRALE Scuola Primaria Rognoni Sozzago (a. s. 2015/2016) Premessa La drammatizzazione è la forma più conosciuta e diffusa di animazione nella scuola. Nell'uso più comune con il termine

Dettagli

LE METODOLOGIE DIDATTICHE UTILIZZABILI NELL E.C.M. REGIONALE METODOLOGIE

LE METODOLOGIE DIDATTICHE UTILIZZABILI NELL E.C.M. REGIONALE METODOLOGIE LE METODOLOGIE DIDATTICHE UTILIZZABILI NELL E.C.M. REGIONALE METODOLOGIE ANDRAGOGIA (scienza che studia l apprendimento nell adulto) E il corpo delle conoscenze riguardante i discenti adulti in modo parallelo

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Annalisa Messore. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s.

PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE. Annalisa Messore. Tavola di sintesi delle unità di apprendimento da svolgere nel corrente a.s. PROGETTAZIONE FORMATIVA ANNUALE Docente Plesso Classe III Disciplina/Macroarea/Campo d esperienza Annalisa Messore SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO CARLO DEL PRETE Sezione C ITALIANO Tavola di sintesi delle

Dettagli

L EDUCAZIONE AMBIENTALE E IL RINNOVAMENTO DEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO. Carlo Fiorentini

L EDUCAZIONE AMBIENTALE E IL RINNOVAMENTO DEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO. Carlo Fiorentini L EDUCAZIONE AMBIENTALE E IL RINNOVAMENTO DEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO Carlo Fiorentini La collaborazione ci ha portato ad individuare 5 aspetti caratterizzanti l educazione ambientale 1.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

Chi Siamo motivazione partecipazione attiva prove esperienziali verificando l apprendimento

Chi Siamo motivazione partecipazione attiva prove esperienziali verificando l apprendimento Chi Siamo ADM Advanced Development of Mind svolge la sua attività nell ambito del Miglioramento Personale, della Formazione Aziendale, della Consulenza e del Coaching. Fondata nel 1997 da Andrea Di Martino,

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

PROGETTO PER UN LABORATORIO DI TERAPEUTICA ARTISTICA

PROGETTO PER UN LABORATORIO DI TERAPEUTICA ARTISTICA PROGETTO PER UN LABORATORIO DI TERAPEUTICA ARTISTICA La Terapeutica Artistica a Brera Sono ormai sette anni che all Accademia di Belle Arti di Brera si è istituito un Biennio in Teoria e Pratica della

Dettagli

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE

LINGUA ITALIANA CONOSCENZE Classe 1^ Scuola Secondaria di I Grado COMPETENZA DI OBIETTIVI DI RIFERIMENTO APPRENDIMENTO Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente 1.1 Ascoltare per intervenire in modo pertinente nelle conversazioni.

Dettagli

Che cos è il coaching pedagogico: aiuto e ascolto dell Altro. L interazione sociale L ambiente di vita e di lavoro si mette a punto nel team work

Che cos è il coaching pedagogico: aiuto e ascolto dell Altro. L interazione sociale L ambiente di vita e di lavoro si mette a punto nel team work Clementina Gily Emilia Mallardo Meravigliosa voce, www.ilmiolibro.it (da Feltrinelli) Coaching pedagogico I Che cos è il coaching pedagogico: aiuto e ascolto dell Altro L interazione sociale L ambiente

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

Progetto. a cura di. Massimo Merulla

Progetto. a cura di. Massimo Merulla Progetto Poesia Educativa per Figli e Genitori Ri Conoscersi attraverso l espressione poetica Corso Intensivo di Scrittura Poetica Creativa a cura di Massimo Merulla I Introduzione Questo corso è il risultato

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che

ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015. Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che ALLEGATO AL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE A.S. 2014-2015 Ai genitori dell alunno/a classe. Sez... Si comunica che L alunno/a è stato/a ammesso/a alla classe successiva/all Esame di Stato al termine del 1 ciclo

Dettagli

SOFT SKILLS. Programma di Formazione per lo Sviluppo Personale rivolto agli Imprenditori, al Management, alle Risorse Umane

SOFT SKILLS. Programma di Formazione per lo Sviluppo Personale rivolto agli Imprenditori, al Management, alle Risorse Umane SOFT SKILLS Programma di Formazione per lo Sviluppo Personale rivolto agli Imprenditori, al Management, alle Risorse Umane SOFT SKILLS Programma di Formazione per lo Sviluppo Personale rivolto agli Imprenditori,

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17.

Milano, 22/09/2015. Dirigente Scolastico Prof.ssa Angela Izzuti 15.15-16.15 GIOVEDI 1/10 16.15-17.15 14.15-15.15 15.15 16.15 VENERDI 2/10 16.15 17. Circolare n. 14 A Docenti corsi diurni Oggetto: Consigli di Classe Sono convocati i Consigli di Classe, secondo il calendario allegato, con il seguente OdG 1. Andamento didattico disciplinare (per le classi

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

Progetto INFEA PENSA CON I SENSI, SENTI CON LA MENTE

Progetto INFEA PENSA CON I SENSI, SENTI CON LA MENTE Progetto INFEA Realizzato con il contributo della Regione Emilia-Romagna Bando INFEA-CEA 2007-2008 PENSA CON I SENSI, SENTI CON LA MENTE educare all ambiente attraverso la parola, i segni, il corpo PROGETTO

Dettagli

PROGETTARE PER COMPETENZE

PROGETTARE PER COMPETENZE Il nostro curricolo: verticale,integrato,unitario 1 ISTITUTO COMPRENSIVO PASCOLI CRISPI MESSINA Misure di accompagnamento Indicazioni Nazionali Annualità 2014-15 Progetto Formativo Nazionale: Rafforzamento

Dettagli

Il corpo come fatto sociale e culturale

Il corpo come fatto sociale e culturale Il corpo come fatto sociale e culturale I gruppi umani pensano che le proprie concezioni del corpo, l uso che essi fanno del corpo siano ovvi, parti dell ordine naturale e non convenzioni sociali. Il corpo

Dettagli