LO STATO EPISTEMOLOGICO DELLA PSICOLOGIA ADLERIANA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LO STATO EPISTEMOLOGICO DELLA PSICOLOGIA ADLERIANA"

Transcript

1 DIALOGHI ADLERIANI I, n.1, (2014) INCONTRI E INTERVISTE LO STATO EPISTEMOLOGICO DELLA PSICOLOGIA ADLERIANA Yaír Hazán Riassunto L articolo analizza lo stato epistemologico attuale della psicologia adleriana, iniziando da Platone per giungere a Kant, a Vaihinger. Illustra i rapporti fra modello adleriano e altri modelli (Gestalt, comportamentismo, cognitivismo, psicoanalisi di Freud e psicologia analitica di Jung). In conclusione, fa un breve riepilogo delle caratteristiche essenziali della Psicologia Individuale che è un modello olistico, teleologico, creativo, soggettivo, relazionale all interno di una psicologia del profondo. Parole chiave EPISTEMOLOGIA, TELEOLOGIA, OLISMO, RELAZIONE Abstract THE EPISTEMOLOGICAL STATUS OF ADLERIAN PSYCHOLOGY. The article analyzes the current epistemological status of Adlerian Psychology starting from Plato up to Kant and to Vaihinger. It explains the relationship between Adlerian model and other models (Gestalt, behaviorism, cognitivism, the psychoanalysis of Freud and the analytic psychology of Jung). Finally, it sums up briefly the essential features of Individual Psychology, which is a model not only holistic and teleological, but also creative, subjective, relational within a depth psychology. Keywords EPISTEMOLOGY, TELEOLOGY, HOLISM, RELATIONSHIP I. Premessa È un tema di grande complessità. La tradizione filosofica dalla Grecia classica divide il mondo in due: il mondo sensibile e il mondo intellegibile. Il primo è il mondo della doxa (in greco significa opinione) che è il contrario di epistème (in greco significa scienza), così da Platone a Kant c è un salto storico, ma non concettuale. In questo cammino verso la soggettività abbiamo scoperto che fra l uomo e il suo habitat c è un conflitto o corto circuito, come dice Cassirer ( ). Questo divario è riempito dal simbolo (dal greco sym=con; ballein=lanciare). Un simbolo è un oggetto, caricato d interpretazione (in tedesco si dice Deutung), che comporta un certo grado di soggettività e di significato (in tedesco si dice Bedeutung). Mentre Adler è ai primi e audaci passi sulla via che lo condurrà alla teoria del costruttivismo, la Psicoanalisi trasporta ancora tutti gli orpelli di un realismo ingenuo mescolati con elementi di positivismo logico. All altra estremità troviamo, invece, Watson e il comportamentismo che rifiutano il concetto di coscienza, perché «non l ho mai visto in una provetta» (Watson, 1914). Freud, per portare in primo piano il concetto di un inconscio inconoscibile (Ellenberger, 1970) si occupa dei simboli senza riuscire ad approfondire la loro polisemia, arrivando a dire (ingenuamente) a Jung «Chi farà il nevrotico il giorno in cui si riusciranno a decifrare completamente i simboli?» (Jung, 1962). È possibile considerare Freud, Pavlov e Watson come rappresentanti della psicologia oggettiva, portatori di una mentalità rigida in contrasto con la psicologia soggettiva dall indole flessibile, come è stato rilevato dagli Ansbacher (1956). Varie correnti della psicologia, una volta abbandonati i presupposti della psicologia sperimentale, si rendono conto della portata delle affermazioni dei primi rappresentanti della Gestalt (Kohler, 95

2 Kofka e Wertheimer) che sostenevano che la scienza non dà risposte in sé, ma lo fa a seconda del nostro modo di chiedere. Secondo Allport tutti gli psicologi sono discendenti di Kant (massimo rappresentante dell Idealismo ) o di Locke (empirista). Tra questi due filosofi non vi è alcuna possibilità di riconciliazione. Se si produce una rottura nell albero di Cartesio, che ha separato la metafisica dalla scienza e questa dalla scienza applicata, noi possiamo ottenere un divorzio epistemologico, come quello segnalato da Perls che, quando fonda la Gestalt, ricorre ai precursori dei teorici della percezione che ho prima menzionato, affermando che la sua pratica la deve più a Stalinvsky (regista teatrale e formatore di attori) che non agli psicologi designati. È di fondamentale rilevanza prendere atto che la psicologia o la psicoterapia senza la filosofia e l epistemologia sarebbero come se si studiasse farmacologia senza sapere chimica, incorrendo nell uso ingenuo o distorto dell applicazione. Gli Adleriani avevano ben chiara questa situazione. Il primo giorno in cui si riunisce, infatti, la Società per la libera ricerca psicoanalitica, si delibera all unanimità di aderire all Associazione kantiana guidata da Vaihinger, che con la Filosofia del come se fornisce il supporto epistemologico al Temperamento nervoso, che, come Benrstein stesso afferma, rappresenta una vera e propria dichiarazione d indipendenza della Psicologia Individuale. Questo libro si ispira a Kant, il padre della grande metateoria le cui fonti noi ritroviamo successivamente anche nel pensiero di Marx, soprattutto quando afferma che l umanità non si pone i problemi che non può risolvere : questa frase evidenzia come i problemi dell uomo sono creati dall uomo medesimo. Adler aderisce alle idee sociali di Marx facendolo conoscere all Associazione Psicoanalitica di Vienna come il primo psicologo sociale, che credeva nel senso sociale, ma non in quello economico (Ansbacher & Ansbacher, 1956). Un altro aspetto del costruttivismo è rappresentato da Piaget. II. Le basi delle teorie scientifiche In greco theoria è una parola quasi mistica che significa contemplazione : il suo opposto è prassi (in greco azione). Ne deriva, quindi, che la medicina non è una scienza, ma una scienza applicata (oggi diciamo una tecnologia), mentre la scienza che sta alla sua base è la biologia. Ora presento tre teorie a confronto per l acquisizione della conoscenza, che è una forma di intuizione, di insight, termine di Köhler che la Psicoanalisi ha preso in prestito senza mai spiegare in cosa consista codesto inserimento nel proprio campo visivo, che quindi non è nemmeno elencato nell Enciclopedia di Laplanche e Pontalis. Ecco la prima teoria che il mondo occidentale ha incontrato: analizziamo alcuni accostamenti con l aiuto di Psychology Today 1. La prima teoria è stata definita teoria della macchina fotografica, per l analogia con la macchina fotografica appunto. Questa teoria sostiene che la realtà fuori della nostra mente o del nostro cervello agisce esattamente come quando si scatta una foto. La realtà in sé esiste ed è al di fuori dei nostri processi cognitivi e affettivi. Così, come fanno i bambini, facciamo 1 Psycology Today è una rivista bimestrale pubblicata negli Stati Uniti per un utenza di massa. Psychology Today è stato tradotto nel 1967 da Nicolas Charney. L intento della Rivista era di divulgare una letteratura psicologica molto più accessibile al grosso pubblico. Psycology Today è tradotto in Psicodeia: Psicologia de hoy. 96

3 fotografie e le conserviamo nella nostra memoria psicologica. È possibile, secondo l autore, separare quantitativamente i bambini dagli adulti. Gli adulti hanno scattato più fotografie dei bambini. Le differenze individuali, normali o psicopatologiche, risiedono nella qualità della macchina fotografica e nella velocità della pellicola. Così i meno intelligenti hanno una macchina fotografica di qualità inferiore. Si tratta della vecchia idea di eredità. Non dimentichiamo che Alfred Adler si è ribellato contro questo concetto, sebbene non abbia negato la genetica. «D importanza basica non sono né l ambiente né l eredità. Entrambi danno il quadro normativo al quale l individuo risponde con il proprio stile di vita personale e creativo» (Ansbacher & Ansbacher, 1956). Proprio attraverso questi concetti essenziali Adler si ribella contro la psichiatria statica di Kraepelin e contro l ambientalismo del comportamentismo di Watson e dei suoi seguaci: «Datemi una dozzina di bambini normali e farò di loro ciò che vuoi, medici, avvocati, artisti, criminali, a prescindere dalle loro inclinazioni innate» (Watson, 1930). Tali posizioni sono state mantenute fino a Skinner compreso: soltanto in seguito sarà introdotto anche il pensiero (la conoscenza, la gnoseologia e ciò che definiamo cognitivo ). L educazione è uno dei principali interessi di Adler e della sua psicologia, il quale ha sicuramente subito il fascino e l influenza di Maria Montessori (De Imaz, 1990), che per contrastare il concetto di causalismo, formulava le sue riflessioni sulla psicologia del bambino prendendo spunto dai lavori didattici a cui dedica gli ultimi anni della sua vita per lottare contro i comportamentisti americani: per lei la morale è un a priori, essendo una kantiana. La seconda teoria cambia lo strumento: si utilizza non più la macchina fotografica, ma un proiettore cinematografico. Noi viviamo come se avessimo una cineteca incorporata, con i suoi talenti, che chiamiamo con Howard Gardner (1983) intelligenze multiple. Secondo questa teoria, la realtà è una tabula rasa, come amava asserire Locke e su questo schermo (la realtà esterna) noi proiettiamo i film che portiamo dentro. Gli adulti hanno più esperienza, perché i film sono proiettati più e più volte. Le differenze tra gli individui risiedono nella qualità e nel contenuto dei film. La seconda teoria non ha mai avuto troppi seguaci. Una volta chiesero al vescovo Berkeley che cosa sarebbe accaduto con la conoscenza, se camminando per Londra un oggetto pesante fosse caduto sulla sua testa: dove sarebbe andata a finire la sua conoscenza? Tali dubbi sono stati chiariti da Henry Laborit (1968) quando dice che «noi siamo gli altri e anche gli altri muoiono, quando noi moriamo». Quest ultima teoria, idealista con radici platoniche, ha avuto il coraggio di averci portato a scorgere il valore fondante dell immaginazione nella costruzione della realtà che non è indipendente dalla mente umana. All altro polo materialista e lockiano si incontrano il pavlovismo e il behaviorismo. Lenin criticando l idealismo marcio asseriva: «Gli esseri umani percepiscono la realtà così com è e né i sensi né il cervello ci ingannano» (Rosental & Iudin, 1959). Lontano dalle due teorie, più vicino alla seconda rispetto alla prima, appare la prospettiva costruttivista elaborata da Piaget (1968) che, continuando a ispirarsi al pensiero di Kant, ispiratore della rivoluzione copernicana del pensiero, asserisce che «l oggetto che appare non è più il centro del soggetto». Questo principio rappresenta il fondamento sia della posizione soggettiva adleriana sia del suo modello artistico molto più del realismo ingenuo tipico del positivismo logico (Popper stesso ha detto alla fine dei suoi giorni: «Il positivismo logico è morto e io sono uno dei responsabili della sua morte»). Secondo Piaget (1968) la realtà è costruita dal bambino sulla base delle proprie esperienze 97

4 maturate all interno del proprio ambiente. La modalità è simile a quella utilizzata dagli artisti per dipingere un quadro. Il quadro rappresenta ciò che l artista vede e come egli percepisce i vari elementi in relazione fra loro. Questo è uno dei punti fondamentali alla base del concetto di stile di vita, che è sempre il prodotto creativo dell appercezione tendenziosa o, in termini più divulgativi, come direbbe Künkel (1935), «tutto è a seconda del colore della lente di chi guarda». Barylko (1969) spiega attraverso lo psicologo dell arte Ernst H. Gombrich: «Che senso ha parlare della comprensione di un opera d arte? Noi non potremo mai sapere cosa significhi per il suo creatore, perché, anche se non l ha detto, potrebbe accadere che nemmeno lui sappia il suo significato. L opera d arte significa ciò che significa per noi non ci sono altri criteri». In breve i quadri come gli stili di vita sono sempre combinazioni irripetibili di ciò che l artista (l individuum) ha tratto, ha eliminato dall ambiente esterno e ha aggiunto di suo. Per Piaget (1968) il reale è sempre una costruzione mediata e non una semplice copia, da cui deriva la difficoltà di comprendere la realtà dell altro: è possibile soltanto un avvicinamento empatico. Egli cita come esempio il gioco di un bambino che con un carrello pieno di gelati risponde alla gente che gli chiede che sapore essi abbiano. Quando gli è stato domandato che cosa stesse facendo, egli ha risposto: «Io vado all Università». Tutto questo è spiegabile per il semplice fatto che suo padre gli aveva detto che avrebbe pagato l università con la vendita di gelati disposti su un carrello. Egli ha ricreato la realtà con il materiale offerto dal contesto. Per questo motivo gli Adleriani affermano a gran voce e sempre l importanza del contesto. III. L individuo e lo stile di vita visto dal triangolo al pentagono Adler (1964) ha detto che non c è malattia che non abbia sintomi inutili, così, per lui «i sintomi come le classificazioni sono semplicemente spazzatura», proponendo di usare il maggior numero possibile di test e di non credere ad alcuno. Per primo egli ha elaborato uno schema a forma di prisma per analizzare ogni individuo attraverso i tre principali compiti della vita (Flachier, 2000): di Pier Luigi Pagani (2006) Dalla pulsione aggressiva al sentimento sociale ; la professione, il lavoro e le attività quotidiane; l amore o il problema sessuale; l individuo e la comunità: qual è il suo posto nel mondo? Risulta molto utile leggere l articolo l arte: secondo Bottome (1934), durante le conversazioni Adler era solito aggiungere un quarto compito, sostenendo che «gli artisti non possono mai essere totalmente egoisti perché hanno sempre qualcosa da condividere attraverso la loro arte». Inoltre, l autocreazione dello stile di vita è un arte, che dobbiamo indagare in relazione a cosa e a come esso sia stato costruito; la relazione con la Trascendenza (Adler & Jahn, 1933): nel caso la psicoterapia sia confrontata con l orientamento spirituale, è necessario rispondere alle seguenti domande: «Come concepisco la trascendenza? Qual è il mio rapporto con essa? Come si manifesta nelle mie attitudini?». 98

5 IV. Breve riepilogo delle caratteristiche essenziali della Psicologia Individuale La Psicologia Individuale (Hazan & Titze, 2011) è una psicologia d uso. Di fronte a ciascun individuo ci chiediamo come il soggetto utilizzi i suoi comportamenti, i suoi sentimenti o le sue funzioni, se sono sovra o sotto utilizzati. Allo stesso modo la Psicologia Individuale si basa essenzialmente sul pensiero antitetico, che costruisce la conoscenza attraverso gli opposti o le polarità contrastanti (De Becker, 1997). Wurman (1989) asserisce che riconosciamo le cose grazie all esistenza del loro contrario: il giorno si oppone alla notte, il fallimento al successo, la pace alla guerra, il pericolo alla sicurezza. Un articolo presentato da Dreikurs a Stern sostiene che Adler anticipò di oltre 50 anni la scienza del suo tempo, in quanto contrastò la gente che era caduta preda del realismo ingenuo di Freud, Pavlov e Watson, smentiti da Adler epistemologicamente attraverso la sua regola d oro: tutto può essere in un altro modo. L alternativa costruttivista di Adler conduce al principio che l uomo si avvicina alla realtà attraverso una teoria e che, quindi, la realtà è parte di una teoria. Nel realismo ingenuo si agisce come se il mondo fosse pieno di insegnanti, bus e birre, nel costruttivismo noi ci chiediamo, invece, «Non è vero?», «Funziona?» Claxton (1999) spiega la differenza tra Costruttivismo (fondamento epistemologico della Psicologia Individuale) e il Cognitivismo, che è sostenuto e sostiene l Associazionismo o l Atomismo. Questa tendenza emersa con Ebbinghaus nel XIX secolo e rimasta in vigore fino alla fine degli anni sessanta del XX secolo, nell ambiente psicologico ha ancora i suoi sostenitori. Dreikurs citato da Stern (1958) asseriva correttamente, a suo tempo, che la Psicologia Individuale fosse una psicologia olistica, teleologica e relazionale. Oggi, nella sua apparente semplicità, possiamo ribadire che la Psicologia Individuale è una psicologia: 1. del profondo, in quanto i fenomeni psichici non sono pienamente consapevoli (Ansbacher & Ansbacher, 1956); 2. olistica, poiché Adler concepisce l uomo nella sua complessa unità indivisibile; 3. teleologica, perché l essere umano è guidato da obiettivi e mète; 4. terapeutica, in quanto non è soltanto una psicologia descrittiva, ma correttiva; 5. preventiva per il fatto che anticipa gli eventi (prevenzione), in altri termini è psicosanitaria; 6. positiva perché riesce a valorizzare la parte migliore degli esseri umani; 7. sociale per il fatto che concepisce l uomo inserito nella e per la società; 8. assiologica 2 perché uno dei suoi principali costrutti, il senso di comunità, è un valore di primo piano. 2 Assiologia (dal greco άξιος prezioso e λόγος trattato ) significa filosofia dei valori, è la branca della filosofia che studia la natura dei valori. 99

6 BIBLIOGRAFIA ADLER, A. (1912), Über den nervösen Charakter. Frankfurt/M.: Fischer. (Trad. sp. El carácter neurotic. Buenos Aires: Paidós Studio, 1984). ADLER A. (1964). Superiority and Social Interest. Evanston, Illinois: Northwestern University Press. (Trad. sp. Superioridad en interés social. Mexico: Fondo de Cultura Económica, 1976). ADLER, A. & JAHN, E. (1933). Religion und Individualpsychologie. Eine prinzipielle Auseinander-setzung über Menschenführung. Vienna-Lipsia: Passer. (Trad. sp. Religión y Psicología Adleriana. Registrado en la Biblioteca Nacional de la República Oriental del Uruguay, en el libro 33, registro 481, 18/2/2013). ANSBACHER, H. L. & ANSBACHER, R. R. (1956). The Individual Psychology of Alfred Adler. New York: Basic Book. (Trad. sp. La Psicología Individual de Alfred Adler. Buenos Aires: Troquel, 1959). BARYLKO, J. (1969). En busca de uno mismo. Buenos Aires: Emecé. BOTTOME, P. (1934). Privade Worlds. Boston: Houghton Mifflin Company. (Trad. sp. Alfred Adler apóstol de la libertad. Barcelona: Luis Miracle, 1952). CASSIRER, E. ( ). Philosophie der symbolischen Formen. Berlin: Cassirer. (Trad. sp. Filosofía de las formas simbólicas. México: Fondo de Cultura Económica, 1979). CLAXTON, G. (1999). Wise-up. The challenge of lifelong learning. New York and London: Bloomsbury. DE BECKER, G. (1997). The Gift of Fear. New York: Little, Brown and Company. (Trad. sp. El valor del miedo. Barcelona: Urano, 1998). DE IMAZ, J. L. (1990). Las raíces del pensar. Buenos Aires: Emecé. ELLENBERGER, H. (1970) The discovery of the unconscious: The history and evolu-tion of dynamic psychiatry. New York: Basic Books. (Trad. sp. El descubrimiento del inconsciente. Madrid: Gredos, 1976). FLACHIER, G. A. (2000). Lexicon di Psicologia Individuale. Quito: Ediciones de la Pontificia Universidad Católica del Ecuador. GARDNER. H. (1983). Frames of mind: The theory of multiple intelligences. New York: Basic Books, (Trad, sp. Inteligencias múltiples: La teoría en la práctica. Barcelona: Paidós, 1995). HAZÀN, Y. & TITZE, M. (2011). Fundamentos de Psicología Profunda Teleológica. Montevideo: Psicolibros Universitarios. JUNG, C. G. & JAFFE A. (1962). Memories, Dreams, Reflections. London: Collins. KÜNKEL, F. (1935). Grundzüge der praktischen Seelenheilkunde. Stuttgart-Leipzig: Hippokrates. (Trad. sp. Elementos de psicoterapia práctica. Barcelona: Herder, ). LABORIT, H. (1968). Biologie et structure. Paris: Gallimard. (Trad, sp. Biología y estructura. Caracas: Tiempo Nuevo, 1979). PIAGET, J. (1968). Mémoire et intelligence. Paris: Puf. PAGANI, P. L. (2006). Dalla pulsione aggressiva al sentimento sociale. Rivista di Psicologia Individuale, 60, ROSENTAL, M. M. & IUDIN, P. (1959). Diccionario filosófico. Montevideo: Pueblos Unidos. (Ristampa dall edizione sovietica prima della dittatura militare uruguaiano del 1973). STERN, E. (1958). Die Psychotherapie in der Gegenwart. Zürich: Rascher. (Trad. sp. La psicoterapia en la actualidad. Buenos Aires: Universitaria de Buenos Aires, 1965). WATSON, J. B. (1914). Behavior: An introduction to Comparative Psychology. New York: Henry Holt & Company. (Trad. sp. El Conductismo. Buenos Aires: Paidós, 1990). WURMAN, R. S. (1989). Information anxiety. New York: Bantam Books (Trad. it. L ansia da informazione. Milano: Leonardo, 1991). (Traduzione dallo spagnolo a cura di Giuseppe Ferrigno) Yaír Hazán Centro de Estudios Adlerianos U Montevideo (Uruguay) 100

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo)

Le abilità di pensiero e il loro esercizio (capitolo ottavo) Dimensione formativa della didattica: A quali condizioni l apprendimento delle discipline promuove La crescita personale? Apprendere le discipline per potenziare la capacità di Interagire col mondo. Competenza:

Dettagli

MANIFESTO DELLA VITA

MANIFESTO DELLA VITA Leonardo da Vinci L annunciazione MANIFESTO DELLA VITA Dedicato a Sua Santità Giovanni Paolo II Dove si deduce come non sia intelligenza della realtà e sia negazione di un Dio creatore e del bene dell

Dettagli

INTERVISTA A RENÉ MAJOR LA FORMAZIONE DELLO PSICANALISTA E LA RECENTE SENTENZA DELLA CASSAZIONE IN MATERIA DI PSICANALISI

INTERVISTA A RENÉ MAJOR LA FORMAZIONE DELLO PSICANALISTA E LA RECENTE SENTENZA DELLA CASSAZIONE IN MATERIA DI PSICANALISI INTERVISTA A RENÉ MAJOR LA FORMAZIONE DELLO PSICANALISTA E LA RECENTE SENTENZA DELLA CASSAZIONE IN MATERIA DI PSICANALISI Alessandra Guerra: Abbiamo aperto il sito del Manifesto per la difesa della psicanalisi

Dettagli

Fallimenti in psicoterapia psicodinamica J. Gold G. Stricker

Fallimenti in psicoterapia psicodinamica J. Gold G. Stricker Fallimenti in psicoterapia psicodinamica J. Gold G. Stricker Criteri per il successo e per il fallimento di un trattamento. Fattori: 1) del Paziente 2) del terapeuta 3) tecnici 4) relazionali 5) ambientali

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Al questionario hanno risposto sette formatori di insegnanti di lingue. 2. Sei formatori parlano l inglese, sei il francese,

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

LE PSICOTERAPIE. A cura del Dr. Daniele Araco. (tratte dal trattato italiano di Psichiatria)

LE PSICOTERAPIE. A cura del Dr. Daniele Araco. (tratte dal trattato italiano di Psichiatria) LE PSICOTERAPIE A cura del Dr. Daniele Araco (tratte dal trattato italiano di Psichiatria) IL PROBLEMA DELLA PSICOTERAPIA COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA

Dettagli

MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA

MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA MANDALA PER BAMBINI COLORARE INCOLLARE DISEGNARE SCIENZA E NATURA PROGETTO MANDALA PER BAMBINI CONOSCERSI, GIOCANDO CON IL MANDALA E possibile imparare la geometria, le scienze, un metodo di studio e rappresentare

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

Elena Sbaraglia. Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei

Elena Sbaraglia. Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei Elena Sbaraglia Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei STEP BY STEP EDIZIONI SIMPLE Via Weiden, 27 62100 Macerata info@edizionisimple.it www.edizionisimple.it ISBN 978-88-6259-746-3

Dettagli

La ricerca empirica in educazione

La ricerca empirica in educazione La ricerca empirica in educazione Alberto Fornasari Docente di Pedagogia Sperimentale Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione Il ricercatore ha il compito di trovare relazioni

Dettagli

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Una parola chiave non comune di questo primo brano è speculazione.

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Una parola chiave non comune di questo primo brano è speculazione. Recupero TVI per matricole straniere a.a. 2010-11 Rosella Bozzone Costa - Lingua Italiana (13049 e 92020) Materiale 1c PROVA DI COMPRENSIONE SCRITTA TEST D INGRESSO CHIAVI E PRIMI ESERCIZI a. Legga questo

Dettagli

Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio

Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio Flash** Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio di Laurie Israel* Uno degli aspetti più interessanti e soddisfacenti del mio lavoro è assistere le persone

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner

Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Lezione 6: Il comportamentismo di Skinner Stefano Ghirlanda Email docente: stefano.ghirlanda@unibo.it Mailing list: stefano.ghirlanda.storiapsico@studio.unibo.it Ricevimento: Cesena: mer 14:30 16:30 (a

Dettagli

I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email.

I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email. I colloqui scuola-famiglia: le basi per una comunicazione efficace Dott.ssa Claudia Trombetta Psicologa e psicoterapeuta claudia.trombetta@email.it CTI Monza, 20 Novembre 2015 Prima parte: comprendere

Dettagli

IL COUNSELING Il counseling

IL COUNSELING Il counseling IL COUNSELING Il counseling è stato definito come un processo di interazione fra due persone il cui scopo è quello di favorire nel cliente una presa di coscienza della sua situazione esistenziale per supportarlo

Dettagli

Dall educazione alla pedagogia

Dall educazione alla pedagogia Giuseppe Bertagna Dall educazione alla pedagogia Avvio al lessico pedagogico e alla teoria dell educazione Bergamo, ottobre 2010 CAPITOLO QUINTO Il discorso pubblico della ragione e le sue tipologie pp.

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ 1ΗΣ ΣΕΛΙΔΑΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΠΑΝΕΛΛΗΝΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΕΙΣΑΓΩΓΗΣ ΣΤΗΝ ΤΡΙΤΟΒΑΘΜΙΑ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΕΙΔΙΚΟΥ ΜΑΘΗΜΑΤΟΣ ΞΕΝΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΕΙΜΕΝΟ PERCHÉ LEGGERE I CLASSICI

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica

Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica Lucido 153 Argomenti trattati e livelli della ricerca empirica Le unità Campione e casi Unità di rilevamento e di analisi Le proprietà La definizione operativa Il rapporto di indicazione Validità e attendibilità

Dettagli

Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni

Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni psicologiche. L autore del V.M.I. Test rilevò,negli anni 60,

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

Psicologia Generale Corso di laurea triennale in Scienze e Tecniche Psicologiche

Psicologia Generale Corso di laurea triennale in Scienze e Tecniche Psicologiche Psicologia Generale Corso di laurea triennale in Scienze e Tecniche Psicologiche prof.ssa Antonietta Curci Che cos è la psicologia? Che cos è la psicologia? Scienza del comportamento Osservazione Scienza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Addio a Daniel Stern Teresa Borino, didatta Istituto di Gestalt HCC Italy, Palermo

Addio a Daniel Stern Teresa Borino, didatta Istituto di Gestalt HCC Italy, Palermo Addio a Daniel Stern Teresa Borino, didatta Istituto di Gestalt HCC Italy, Palermo E con profonda commozione e viva partecipazione che scriviamo della scomparsa di Daniel Stern, psicoanalista americano

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola

CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola Prof. ssa Maria Vittoria Isidori Titolare dell insegnamento di didattica generale e pedagogia

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO : A SCUOLA DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE

PROGETTO DIDATTICO : A SCUOLA DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE PROGETTO DIDATTICO : A SCUOLA DI CITTADINANZA E COSTITUZIONE Finalità, obiettivi specifici e scelte di contenuto La finalità generale del progetto consiste nel favorire il processo di formazione attraverso

Dettagli

IL COLLOQUIO DI COUNSELING

IL COLLOQUIO DI COUNSELING IL COLLOQUIO DI COUNSELING Università LUMSA di Roma Anno accademico 2014/2015 Dott. P. Cruciani Dott.ssa P. Szczepanczyk Testo di riferimento: Il colloquio di counseling di Vincenzo Calvo Cos è il Counseling

Dettagli

Pareto (1848-1923) Si oppone alla teoria positivista di Comte per essere andato al di là dei limiti della scienza empirica

Pareto (1848-1923) Si oppone alla teoria positivista di Comte per essere andato al di là dei limiti della scienza empirica Pareto (1848-1923) Si oppone alla teoria positivista di Comte per essere andato al di là dei limiti della scienza empirica Si rifà alla concezione ciclica della storia, formata da fasi alterne che si ripetono

Dettagli

Sessualità coniugale e metodi naturali

Sessualità coniugale e metodi naturali INER-Italia Istituto per l Educazione alla Sessualità e alla Fertilità Sessualità coniugale e metodi naturali Corso di preparazione per animatori di fidanzati e giovani coppie di sposi INER BS www.fecunditas.it

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA Liceo delle Scienze Umane Alessandro da Imola /Imola Anno scolastico 2013/14 Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero Piano di

Dettagli

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto.

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto. GUIDA AL COUNSELING. In 40 regole fondamentali cosa fare e non fare per costruire un buon rapporto d aiuto di Scott T. Meier e Susan R. Davis - Franco Angeli, 1994 Recensione a cura di MONICA MILANI Questo

Dettagli

Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung

Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung Esperienze di morte e trasformazione di Carl Gustav Jung Fabio Efficace Psicologo-Associazione Medica Italiana per lo Studio dell ipnosi INformazione Psicologia Psicoterapia Psichiatria, n 38-39, settembre

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosof iche

Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosof iche Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosof iche Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche Preside della Facoltà di Filosofia: Prof. Roberto Mordacci PRESENTAZIONE La Laurea Magistrale in Scienze

Dettagli

LA TERAPIA DELLA RICONCILIAZIONE

LA TERAPIA DELLA RICONCILIAZIONE Premise 1 LA TERAPIA DELLA RICONCILIAZIONE Ci sono varie forme di riconciliazione, così come ci sono varie forme di terapia e varie forme di mediazione. Noi qui ci riferiamo alla riconciliazione con una

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

Insegnando. Dentro la realtà per la crescita della persona SCUOLA PRIMARIA PARITARIA DON LUIGI MONZA

Insegnando. Dentro la realtà per la crescita della persona SCUOLA PRIMARIA PARITARIA DON LUIGI MONZA E d u c a r e Insegnando Dentro la realtà per la crescita della persona SCUOLA PRIMARIA PARITARIA DON LUIGI MONZA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2012-13 (estratto) L istituzione scolastica è espressione

Dettagli

I libri di testo. Carlo Tarsitani

I libri di testo. Carlo Tarsitani I libri di testo Carlo Tarsitani Premessa Per accedere ai contenuti del sapere scientifico, ai vari livelli di istruzione, si usa comunemente anche un libro di testo. A partire dalla scuola primaria, tutti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti III. 1958-1961. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti III. 1958-1961 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 914 Anno 1961 A Luigi Pellizzer Pavia, 22 settembre 1961 Caro Avvocato, io credo che la discussione

Dettagli

Brand Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Introduzione

Brand Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Introduzione Il primo corso per gli imprenditori che vogliono imparare l arma segreta del Brand Positioning Un corso di Marco De Veglia Brand Positioning: la chiave segreta del marketing Mi occupo di Brand Positioning

Dettagli

INFERMIERE E PERCORSO FORMATIVO Storia, prospettive e metodi. Busca, 14 dicembre 2006 Ivana Tallone

INFERMIERE E PERCORSO FORMATIVO Storia, prospettive e metodi. Busca, 14 dicembre 2006 Ivana Tallone INFERMIERE E PERCORSO FORMATIVO Storia, prospettive e metodi Busca, 14 dicembre 2006 Ivana Tallone La storia 1925: prima legge italiana per la formazione 1940: definizione di funzioni e compiti dell infermiera

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia Anelia Cassai/lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

Ramón Lucas Lucas SPIEGAMI. la persona

Ramón Lucas Lucas SPIEGAMI. la persona Ramón Lucas Lucas SPIEGAMI la persona 2012 Edizioni ART Titolo originale dell opera Explícame la persona 2ª edizione 2012 Via dei Del Balzo, 10-00165 ROMA Tel. 06 66 52 77 84 Fax 06 66 52 79 07 E- mail:

Dettagli

INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra. l importanza di una diagnosi precoce

INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra. l importanza di una diagnosi precoce INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra l importanza di una diagnosi precoce GLI INSEGNANTI DICONO CHE mio figlio.. è troppo frettoloso o lento; è intelligente ma svogliato, è distratto,

Dettagli

I PRINCIPI MULTIMEDIALI

I PRINCIPI MULTIMEDIALI I PRINCIPI MULTIMEDIALI (dal sito www.nicky.it/materiali%20tic/mayer.doc) Il principio multimediale afferma che gli studenti apprendono meglio dalle parole e dalle immagini piuttosto che solo dalle parole,

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista DISABILITA E CONTESTI a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista obiettivi e contenuti dell incontro Considerare l importanza del contesto nella professione docente e non docente L incontro delle professionalita

Dettagli

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA

PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA CITTADINANZA ISTITUTO SAN GAETANO SUORE ORSOLINE GANNO ANNO SCOLASTICO 2009 / 2010 PROGETTO EDUCAZIONE ALLA CITTANANZA L elevamento dell obbligo di istruzione a dieci anni intende favorire il pieno sviluppo della persona

Dettagli

test di autorientamento

test di autorientamento università degli studî suor orsola benincasa facoltà di scienze della formazione CORSO DI LAUREA IN Scienze dell Educazione test di autorientamento Prova a rispondere alle seguenti domande e confronta

Dettagli

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.!

***! Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio.! Gli Aspetti Spirituali del Matrimonio nelle Letture di Cayce *** Le letture di Edgar Cayce parlano molto a favore dell importanza del matrimonio. D: Il matrimonio come l abbiamo è necessario e consigliabile?

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

Ponzio a Bologna Maggio 2009

Ponzio a Bologna Maggio 2009 Ponzio a Bologna Maggio 2009 Intervento di Gregorio Scalise Il filosofo Hans Blumenberg parla di esistenza di un inadeguatezza del linguaggio rispetto alla sensazione, topos che ricorre nella poesia, e

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

Dall educazione alla pedagogia. Avvio al lessico pedagogico e alla teoria dell educazione

Dall educazione alla pedagogia. Avvio al lessico pedagogico e alla teoria dell educazione Dall educazione alla pedagogia. Avvio al lessico pedagogico e alla teoria dell educazione Capitolo 5 IL DISCORSO PUBBLICO DELLA RAGIONE E LE SUE TIPOLOGIE Dott.ssa Mabel Giraldo La seconda condizione,

Dettagli

Scuola Triennale di Counseling Integrato. CORSO DI COUNSELING INTEGRATO STEP by STEP. Formazione teorico - pratica. Empowerment

Scuola Triennale di Counseling Integrato. CORSO DI COUNSELING INTEGRATO STEP by STEP. Formazione teorico - pratica. Empowerment Scuola Triennale di Counseling Integrato CORSO DI COUNSELING INTEGRATO STEP by STEP Formazione teorico - pratica Empowerment Più attenzione sulle risorse che sui problemi. Roma, 7 giugno 2017 www.felicianocrescenzi.com

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

Processi di comunicazione scuola-famiglia

Processi di comunicazione scuola-famiglia Processi di comunicazione scuola-famiglia Appunti Comunicare a scuola è il cuore della relazione scuola-famiglia, parti alleate di un progetto che -in particolare nella realtà attualenon sopporta solitudine:

Dettagli

William ( big Bill ) Corsaro

William ( big Bill ) Corsaro William ( big Bill ) Corsaro Corsaro, W.A. Giochi di bambini. Riproduzione interpretativa e culture dei pari in: Belotti, V. La Mendola, S. Il futuro nel presente. Per una sociologia dei bambini e delle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

PRIMO BIENNIO DELLE SCIENZE UMANE

PRIMO BIENNIO DELLE SCIENZE UMANE PRIMO BIENNIO DELLE SCIENZE UMANE Le competenze sono state definite dal Dipartimento di Scienze Umane tenendo presenti sia le Competenze chiave di cittadinanza sia le Competenze base (4 assi), sia le Competenze

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

Caro amico del Forum,

Caro amico del Forum, LA NAVE DEI FOLLI Caro amico del Forum, in questa lettera vogliamo raccontarti il nostro rumoroso, gioioso, folle progetto e chiedere a te un prezioso contributo. Il progetto si chiama La Nave dei Folli.

Dettagli

www.metodobillings.it

www.metodobillings.it Si riporta nel seguito l intervista alla Dott.ssa Piera di Maria, riportata alla pag. 11 del Bollettino. La versione integrale del bollettino e scaricabile dal sito del C.L.O.M.B. Centro Lombardo Metodo

Dettagli

Che cos è la psicologia?

Che cos è la psicologia? 1 Che cos è la psicologia? La psicologia può essere definita come lo studio scientifico del comportamento e dei processi mentali 2 Che cos è la psicologia? Comportamento Azioni fisiche osservabili compiute

Dettagli

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio

C.H. Cooley (1902) considera Sé come prodotto (passivo) delle interazioni con gli altri.(looking-glass self). Il concetto dell Io come specchio AUTOSTIMA I primi riferimenti all autostima come dimensione psicologica emergono dalle considerazioni sul sé di William James (1890). James ha sostenuto l esistenza di tre costituenti principali del Sé:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLE LEZIONI DI ATTIVITA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DELLE LEZIONI DI ATTIVITA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI CIRIE II SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DI SAN CARLO C.SE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DELLE LEZIONI DI ATTIVITA ALTERNATIVA ALLA RELIGIONE CATTOLICA Insegnante: Alonzi

Dettagli

Da dove nasce l idea dei video

Da dove nasce l idea dei video Da dove nasce l idea dei video Per anni abbiamo incontrato i potenziali clienti presso le loro sedi, come la tradizione commerciale vuole. L incontro nasce con una telefonata che il consulente fa a chi

Dettagli

Tesina per il corso di Psicotecnologie dell apprendimento per l integrazione delle disabilità

Tesina per il corso di Psicotecnologie dell apprendimento per l integrazione delle disabilità Tesina per il corso di Psicotecnologie dell apprendimento per l integrazione delle disabilità ANALISI DEL TITOLO Per prima cosa cercheremo di analizzare e capire insieme il senso del titolo di questo lavoro:

Dettagli

FINESTRE INTERCULTURALI

FINESTRE INTERCULTURALI Scuola Classe 1C FINESTRE INTERCULTURALI DIARIO DI BORDO 2013 / 2014 IC Gandhi - Secondaria di primo grado Paolo Uccello Insegnante / materia lettere Data Febbraio Durata 4h TITOLO DELLA FINESTRA INTERCULTURALE

Dettagli

PRESUPPOSTI. Epistemologia costruttivista

PRESUPPOSTI. Epistemologia costruttivista PRESUPPOSTI Epistemologia costruttivista Uomo come attivo costruttore di significati ( meening-seeker ; uomo-scienziato : la realtà non è pre-data alla conoscenza, ma viene costruita dal soggetto conoscente,

Dettagli

La comunicazione potente dei Coach

La comunicazione potente dei Coach La comunicazione potente dei Coach Il potere delle parole 13 Il Coaching può essere definito come una potente arte sull uso del potere delle parole. Quando si pratica il coaching con una persona si affrontano

Dettagli

Psicologia sociale delle religioni

Psicologia sociale delle religioni Psicologia sociale delle religioni 0-Presentazione del corso (secondo semestre) vers. 0.2 (3 marzo 2014) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione

CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione CONVEGNO NAZIONALE Infanzia - Diritti - Istruzione Le nostre proposte per un percorso educativo di qualità Roma, 10 Aprile 2015 sala Da Feltre Intervento Claudia Lichene, insegnante di scuola dell infanzia

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Comunicazione di massa

Comunicazione di massa Persuadere per prevenire: tecniche di comunicazione nelle campagne di prevenzione. Fiorenzo Ranieri 1 Le campagne di prevenzione in Italia sono fortemente condizionate dalla impostazione legislativa. Le

Dettagli

Anno 2004/2005 CORSO SNES-CSI PER FORMATORI. Bologna, 3 dicembre 2005. Lara Rossin

Anno 2004/2005 CORSO SNES-CSI PER FORMATORI. Bologna, 3 dicembre 2005. Lara Rossin Anno 2004/2005 LA FIGURA DEL FORMATORE CSI -LE SUE PECULIARITÀ E LA SUA MISSION- CORSO SNES-CSI PER FORMATORI Bologna, 3 dicembre 2005 Lara Rossin 1 INTRODUZIONE Non si insegna e non si può insegnare,

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO

ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO 1 PERCHÉ CONOSCERE L ITALIANO È UN PLUSVALORE? 2 Italiano lingua del cuore Feten Fradi - esperta comunicazione audiovisiva Copeam La mia esperienza personale

Dettagli

CORSI DELL INDIRIZZO PROFESSIONALE

CORSI DELL INDIRIZZO PROFESSIONALE Largo Zecca, 4-16124 GENOVA Tel. 010/247.07.78 - Fax 010/251.29.60- E-mail geis00600r@istruzione.it C.F. 95062410105 SERVIZI SOCIOSANITARI CORSI DELL INDIRIZZO PROFESSIONALE CLASSI PRIME Materia: Scienze

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

UN REGALO INASPETTATO

UN REGALO INASPETTATO PIANO DI LETTURA dai 5 anni UN REGALO INASPETTATO FERDINANDO ALBERTAZZI Illustrazioni di Barbara Bongini Serie Bianca n 64 Pagine: 48 Codice: 566-0469-6 Anno di pubblicazione: 2012 L AUTORE Scrittore e

Dettagli

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti.

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. Come sto andando in... analisi grammaticale Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. NON HO FATTO ERRORI IN... ARTICOLO

Dettagli

L IDENTITÀ NEGATA Le disabilità nelle rappresentazioni sociali.

L IDENTITÀ NEGATA Le disabilità nelle rappresentazioni sociali. L IDENTITÀ NEGATA Le disabilità nelle rappresentazioni sociali. Elementi da una ricerca Giuseppe Vadalà Università degli Studi di Bergamo giuseppe.vadala@unibg.it 1 IDENTITÀ NEGATA Noi normali sviluppiamo

Dettagli