NORME TECNICHE D ATTUAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NORME TECNICHE D ATTUAZIONE"

Transcript

1 COMUNE DI CLES PROVINCIA DI TRENTO NORME TECNICHE D ATTUAZIONE VARIANTE AL P.R.G. INTEGRAZIONE DELLA SCHEDATURA DEL CENTRO STORICO Redatto da: Zanolini arch. Paola Data: Prima Adozione: Adozione Definitiva: Luglio Aprile 2009 Dott. Arch. Paola Zanolini V.Lo degli Orti 6, Cles Trento tel-fax

2 NORMATIVA. Vedi articolo n.23 NTA comma1 bis. Art.23- Edifici e aree comprese nel perimetro degli insediamenti storici. 1bis. Sugli edifici compresi nel perimetro degli insediamenti storici si applicano le modalità d intervento come definite negli articoli del Titolo terzo delle presenti Norme di Attuazione. Per quanto riguarda gli edifici di Cles le modalità di intervento sono specificate da delle schede normative, schede dei manufatti storici, che fanno parte integrante della presente normativa e le cui prescrizioni prevalgono sulle norme generali. Le presenti schede regolano gli interventi da effettuare: - Su corpi di edifici residenziali e/o rurali; - su fasce di prospetti di edifici residenziali e/o rurali; - sui sottotetti; - sulle coperture; - sugli elementi puntuali. Per i corpi di edifici, fasce di prospetti, sottotetti, coperture ed elementi puntuali di edifici residenziali e/o rurali appartenenti alle categorie d intervento del risanamento conservativo e della ristrutturazione edilizia sono ammessi gli interventi sotto elencati così come identificati nelle schede dei manufatti storici. La mancanza di indicazioni - facciata o porzione di facciata bianca- rimanda alle norme generali della categoria d appartenenza dettate dagli articoli 15 e 16 delle NTA. Ricomposizione di facciata E ammessa, ove indicata, la ricomposizione di facciata attraverso l apertura di nuovi fori o modificando quelli esistenti, utilizzando partiture e allineamenti tipici della tipologia tradizionale, nel rispetto della regola compositiva dell unità edilizia e della cortina edilizia. - posizionare i fori di progetto valutando attentamente i rapporti tra vuoto e pieno, i rapporti laterali e verticali tra i fori e tra i fori e la muratura; - rispettare le dimensioni e le caratteristiche dei fori, dei serramenti e delle imposte seguendo il disegno tradizionale (vedi fascicolo degli elementi architettonici del R.E.); - l utilizzo di materiali, tecniche e finiture tradizionali (vedi fascicolo degli elementi architettonici del R.E.); Dott. Arch. Paola Zanolini V.Lo degli Orti 6, Cles Trento tel-fax

3 - l inserimento di cornici in pietra, bocciardata o martellinata, qualora in facciata fossero presenti, in maniera predominante, altri fori con cornici, e/o davanzali, e/o piedritti, e/o architravi, e/o portali in pietra. Apertura di un nuovo foro E ammessa, ove indicata, l apertura di un nuovo foro utilizzando partiture e allineamenti tipiche della tipologia tradizionale, nel rispetto della regola compositiva dell unità edilizia e della cortina edilizia. - rispettare le dimensioni e le caratteristiche dei fori, dei serramenti e delle imposte seguendo il disegno tradizionale (vedi schema tipologico del R.E.); - l utilizzo di materiali, tecniche e finiture tradizionali (vedi fascicolo degli elementi architettonici del R.E.). - l inserimento di cornici in pietra, bocciardata o martellinata, qualora in facciata fossero presenti, in maniera predominante, altri fori con cornici, e/o davanzali, e/o piedritti, e/o architravi, e/o portali in pietra. Conservazione degli elementi originali del sottotetto e ricostruzione degli elementi modificati E ammessa la conservazione degli elementi originali del sottotetto e la ricostruzione degli elementi modificati utilizzando materiali, tecniche e finiture tradizionali. - conservare la muratura esterna esistente del sottotetto; per il rivestimento ad intonaco, a tinta o pittura e per gli involucri in pietra l intervento dovrà essere coerente con quanto previsto dal fascicolo degli elementi architettonici del R.E.. - mantenere inalterate le dimensioni dei fori esistenti, i rapporti tra vuoto e pieno, i rapporti laterali e verticali tra i fori e tra i fori e la muratura; - il rispetto delle caratteristiche dei fori, dei serramenti e di eventuali imposte seguendo il disegno tradizionale (vedi fascicolo degli elementi architettonici del R.E.). - l utilizzo di materiali, tecniche e finiture tradizionali (vedi fascicolo degli elementi architettonici del R.E.). Dott. Arch. Paola Zanolini V.Lo degli Orti 6, Cles Trento tel-fax

4 Allineamento verticale e orizzontale. E ammessa la conservazione degli elementi originali e la ricostruzione degli elementi modificati utilizzando materiali tecniche e finiture tradizionali. - mantenere inalterato l allineamento orizzontale e verticale dei fori esistenti; - mantenere inalterate le dimensioni dei fori esistenti, i rapporti tra vuoto e pieno, i rapporti laterali e verticali tra i fori e tra i fori e la muratura; - il rispetto delle caratteristiche dei fori, dei serramenti e di eventuali imposte seguendo il disegno tradizionale (vedi schemi tipologici di serramenti ed imposte del R.E.); - l utilizzo di materiali, tecniche e finiture tradizionali per fori serramenti ed eventuali imposte (vedi fascicolo degli elementi architettonici del R.E.); - l inserimento di cornici in pietra, bocciardata o martellinata, qualora in facciata fossero presenti, in maniera predominante, altri fori con cornici, e/o davanzali, e/o piedritti, e/o architravi, e/o portali in pietra. Rifacimento muratura esterna sottotetti E ammesso il rifacimento della muratura esterna del sottotetto utilizzando materiali, tecniche e finiture tradizionali. Per il rivestimento ad intonaco, a tinta o pittura, e per gli involucri in pietra l intervento dovrà essere coerente con quanto previsto dal R.E. Sono ammesse lievi modifiche ai fori esistenti e la realizzazione di nuove aperture, solo se motivate da esigenze distributive, da realizzarsi in modo conforme ai caratteri d insieme, formali e strutturali, nel rispetto di partiture e allineamenti e nel rispetto della regola compositiva dell unità edilizia e della cortina edilizia. - posizionare i fori di progetto valutando attentamente i rapporti tra vuoto e pieno, i rapporti laterali e verticali tra i fori e tra i fori e la muratura; - rispettare le dimensioni e le caratteristiche dei fori e dei serramenti seguendo il disegno tradizionale; - l utilizzo di materiali, tecniche e finiture tradizionali (vedi fascicolo degli elementi architettonici del R.E.). Le finestre di progetto non potranno superare le dimensioni massime pari a 80cm di altezza e 100cm di larghezza. Dott. Arch. Paola Zanolini V.Lo degli Orti 6, Cles Trento tel-fax

5 Rifacimento tamponamento ligneo E ammesso il rifacimento del tamponamento ligneo del sottotetto utilizzando materiali, tecniche e finiture tradizionali nel rispetto delle caratteristiche della costruzione originaria (vedi fascicolo degli elementi architettonici del R.E.). E ammessa all interno dei tamponamenti lignei la possibilità di modificare i fori esistenti e di inserire nuove aperture, solo se motivate da esigenze distributive, da realizzarsi in modo conforme ai caratteri d insieme, formali e strutturali, nel rispetto di partiture e allineamenti e nel rispetto della regola compositiva dell unità edilizia e della cortina edilizia. Allineamenti orizzontali e verticali. Lievi modifiche ai fori Sono ammesse lievi modifiche ai fori esistenti da realizzarsi in modo conforme ai caratteri d insieme, formali e strutturali, nel rispetto di partiture e allineamenti e nel rispetto della regola compositiva dell unità edilizia e della cortina edilizia. - l allineamento orizzontale e verticale dei fori; - mantenere i rapporti tra vuoto e pieno, i rapporti laterali e verticali tra i fori e tra i fori e la muratura; - il rispetto delle caratteristiche dei fori, dei serramenti e di eventuali imposte seguendo il disegno tradizionale (vedi fascicolo degli elementi architettonici del R.E.); - l utilizzo di materiali, tecniche e finiture tradizionali per fori, serramenti ed eventuali imposte (vedi fascicolo degli elementi architettonici del R.E.); - l inserimento di cornici in pietra, bocciardata o martellinata, qualora in facciata fossero presenti, in maniera predominante, altri fori con cornici, e/o davanzali, e/o piedritti, e/o architravi, e/o portali in pietra. Modifiche ai balconi Sono ammesse lievi modifiche ai balconi esistenti da realizzarsi in modo conforme ai caratteri d insieme, formali e strutturali, nel rispetto di partiture e allineamenti e nel rispetto della regola compositiva dell unità edilizia, Dott. Arch. Paola Zanolini V.Lo degli Orti 6, Cles Trento tel-fax

6 utilizzando tecniche, materiali e finiture tradizionali come previsto dal fascicolo degli elementi architettonici del Regolamento Edilizio. Gli interventi recenti e difformi dalla tradizione, per localizzazione o per caratteri costruttivi, dovranno essere eliminati o almeno sostituiti da nuovi elementi di fattura tradizionale in modo conforme ai caratteri formali e strutturali, utilizzando tecniche, materiali e finiture tradizionali (vedi fascicolo degli elementi architettonici del R.E.). Balconi. Mantenimento Sono ammesse lievi modifiche ai balconi esistenti solo per riportarli alle condizioni originarie, qualora fossero stati alterati, nel rispetto di partiture e allineamenti. Gli interventi recenti e difformi dalla tradizione, per localizzazione o per caratteri costruttivi, dovranno essere eliminati o almeno sostituiti da nuovi elementi di fattura tradizionale, in modo conforme ai caratteri formali e strutturali, utilizzando tecniche, materiali e finiture tradizionali (vedi fascicolo degli elementi architettonici del R.E.). Collegamento verticale esterno. Conservazione. Mantenimento nella stessa posizione del collegamento verticale esterno (scale, rampe). Sono ammessi gli interventi volti alla conservazione degli elementi originali e alla ricostruzione degli elementi modificati utilizzando materiali, tecniche e finiture tradizionali. Gli interventi recenti e difformi dalla tradizione, per localizzazione o per caratteri costruttivi, dovranno essere eliminati o almeno sostituiti da nuovi elementi di fattura tradizionale, in modo conforme ai caratteri formali e strutturali, utilizzando tecniche, materiali e finiture tradizionali (vedi fascicolo degli elementi architettonici del R.E.). Collegamento verticale esterno. Mantenimento. Mantenimento nella stessa posizione del collegamento verticale esterno (scale, rampe). Eventuale rifacimento dovrà essere realizzato nella stessa posizione utilizzando materiali, tecniche e finiture tradizionali (vedi fascicolo degli elementi architettonici del R.E.). Sono ammesse lievi modifiche dimensionali. Dott. Arch. Paola Zanolini V.Lo degli Orti 6, Cles Trento tel-fax

7 Strutture architravate. Conservazione. Mantenimento nella stessa posizione delle strutture architravate. Sono ammessi gli interventi volti alla conservazione degli elementi originali e alla ricostruzione degli elementi modificati utilizzando materiali, tecniche e finiture tradizionali (vedi fascicolo degli elementi architettonici del R.E.). Monofore, bifore, trifore. Conservazione. Mantenimento nella stessa posizione di monofore, bifore e trifore. Sono ammessi gli interventi volti alla conservazione degli elementi originali e alla ricostruzione degli elementi modificati utilizzando materiali, tecniche e finiture tradizionali (vedi fascicolo degli elementi architettonici del R.E.). Strutture archivoltate. Conservazione. Mantenimento nella stessa posizione delle strutture ad arco, portali e annessi portoni. Sono ammessi gli interventi volti alla conservazione degli elementi originali e alla ricostruzione degli elementi modificati utilizzando materiali, tecniche e finiture tradizionali. Nell eventuale sostituzione e/o integrazione di piedritti, conci, chiave di volta e contrachiave, è obbligatorio utilizzare materiali lapidei e spessori uguali a quelli preesistenti (vedi fascicolo degli elementi architettonici del R.E.). Strutture archivoltate. Adeguamenti dimensionali. Mantenimento nella stessa posizione delle strutture ad arco, portali e annessi portoni. Per favorire l accesso di automezzi entro gli spazi privati sono ammessi sulle strutture archivoltate adeguamenti dimensionali, aggiungendo uno o più conci in chiave e utilizzando materiali, tecniche e finiture tradizionali (vedi fascicolo degli elementi architettonici del R.E.). Nell eventuale sostituzione e/o integrazione di piedritti, conci, chiave di volta e contrachiave è obbligatorio utilizzare materiali lapidei e spessori uguali a quelli preesistenti. E obbligatorio mantenere l allineamento con l asse dei fori dei piani superiori. Dott. Arch. Paola Zanolini V.Lo degli Orti 6, Cles Trento tel-fax

8 Ponte in muratura esterno: pont. Conservazione del collegamento verticale esterno. Mantenimento nella stessa posizione del collegamento verticale esterno, pont. Sono ammessi gli interventi volti alla conservazione degli elementi originali e alla ricostruzione degli elementi modificati, utilizzando materiali, tecniche e finiture tradizionali. Eventuale rifacimento sarà realizzato nella stessa posizione utilizzando materiali, tecniche e finiture tradizionali. Gli interventi recenti e difformi dalla tradizione, per localizzazione o per caratteri costruttivi, dovranno essere eliminati o almeno sostituiti da nuovi elementi di fattura tradizionale in modo conforme ai caratteri formali e strutturali, utilizzando tecniche, materiali e finiture tradizionali (vedi fascicolo degli elementi architettonici del R.E.). Lesena, marcapiano, cornice e zoccolature. Mantenimento e Conservazione. Mantenimento nella stessa posizione di lesena, marcapiano, cornice e zoccolature. Per lesena, cornicione e marcapiano realizzati con decori in malta a rilievo o con motivi sagomati in rilievo e/o dipinti, o solo dipinti con tinte contrastanti rispetto all intonaco dell edificio, sono ammessi gli interventi volti alla conservazione degli elementi originali e alla ricostruzione degli elementi modificati, utilizzando materiali, tecniche e finiture tradizionali. Eventuali rifacimenti saranno realizzati nella stessa posizione utilizzando materiali, tecniche e finiture tradizionali. Gli interventi recenti e difformi dalla tradizione, per localizzazione o per caratteri costruttivi, dovranno essere eliminati o almeno sostituiti da nuovi elementi di fattura tradizionale in modo conforme ai caratteri formali, utilizzando tecniche, materiali e finiture tradizionali (vedi fascicolo degli elementi architettonici del R.E.). Per le zoccolature con funzione decorativa o protettiva, in lastre di pietra o con intonaco a sbriccio con spessori più consistenti e colori più scuri rispetto al resto della fabbrica, sono ammessi gli interventi volti alla conservazione degli elementi originali e alla ricostruzione degli elementi modificati, utilizzando materiali, tecniche e finiture tradizionali. Eventuale rifacimento sarà realizzato nella stessa posizione utilizzando materiali, tecniche e finiture tradizionali. Gli interventi recenti e difformi dalla tradizione, per localizzazione o per caratteri costruttivi, dovranno essere eliminati o almeno sostituiti da nuovi elementi di fattura tradizionale in modo conforme ai caratteri formali, utilizzando tecniche, materiali e finiture tradizionali (vedi fascicolo degli elementi architettonici e la scheda con la definizione degli intonaci del R.E). Dott. Arch. Paola Zanolini V.Lo degli Orti 6, Cles Trento tel-fax

9 Servizio igienico: cesso a caduta. Conservazione. Mantenimento nella stessa posizione del manufatto accessorio, cesso a caduta. Sono ammessi gli interventi volti alla conservazione degli elementi originali e alla ricostruzione degli elementi modificati, utilizzando materiali, tecniche e finiture tradizionali, in modo conforme ai caratteri formali e strutturali. Eventuale rifacimento sarà realizzato nella stessa posizione utilizzando materiali, tecniche e finiture tradizionali. Coperture. Mantenimento nelle coperture delle stesse pendenze e dell originario numero delle falde. Sono ammessi gli interventi volti all eliminazione degli elementi estranei e al ripristino di quelli modificati utilizzando materiali, tecniche e finiture tradizionali, in modo conforme ai caratteri formali e strutturali. Sono ammesse piccole modifiche strettamente necessarie per realizzare allineamenti e armonizzazioni con le coperture contermini. I manti di copertura possono essere realizzati solo con materiali uguali all originale. Coperture. Lievi modifiche. Mantenimento nelle coperture delle stesse pendenze e dell originario numero delle falde. Sono ammessi gli interventi volti all eliminazione degli elementi estranei e tutte le modifiche necessarie per realizzare allineamenti o armonizzazioni con le coperture contermini utilizzando materiali tecniche e finiture tradizionali, in modo conforme ai caratteri formali e strutturali. I manti di copertura possono essere realizzati anche con materiali diversi dall originale (vedi fascicolo degli elementi architettonici del R.E.). Beni culturali. Vincolo indiretto. Edificio sottoposto a vincolo indiretto ai sensi dell art. 45 D.Lgs.42/2004 Codice dei beni culturali e del paesaggio. Dott. Arch. Paola Zanolini V.Lo degli Orti 6, Cles Trento tel-fax

10 N.B. Qualora venga fornita documentazione storica inconfutabile o dettagliato rilievo architettonico, la Commissione Edilizia potrà, se necessario, integrare le indicazioni di scheda. Il Tecnico Dott. Arch. Paola Zanolini Cles, Luglio 2011 Dott. Arch. Paola Zanolini V.Lo degli Orti 6, Cles Trento tel-fax

CRITERI GENERALI DI AMMISSIBILITA DEGLI INTERVENTI CONCERNENTI EDIFICI SOGGETTI A RESTAURO E RISANAMENTO.

CRITERI GENERALI DI AMMISSIBILITA DEGLI INTERVENTI CONCERNENTI EDIFICI SOGGETTI A RESTAURO E RISANAMENTO. Provincia autonoma di Trento Servizio urbanistica e tutela del paesaggio. Incarico speciale di supporto in materia di paesaggio Legge provinciale 28 marzo 2009, n. 2 - articolo 4. Contributi per gli interventi

Dettagli

ELENCO P.ED E CATEGORIE D INTERVENTO MECHEL, DRES, CALTRON, MAIANO, CLES.

ELENCO P.ED E CATEGORIE D INTERVENTO MECHEL, DRES, CALTRON, MAIANO, CLES. COMUNE DI CLES PROVINCIA DI TRENTO ELENCO P.ED E CATEGORIE D INTERVENTO MECHEL, DRES, CALTRON, MAIANO, CLES. VARIANTE AL PRG INTEGRAZIONE DELLA SCHEDATURA DEL CENTRO STORICO Redatto da: Dott.Arch. Paola

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO COMUNE DI GALLIO VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA N. 182 UNITA DI RILEVAMENTO / CENTRO STORICO del Capoluogo della frazione

Dettagli

EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE. Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento delle osservazioni

EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE. Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento delle osservazioni COMUNE DI MALGESSO PROVINCIA DI VARESE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DELLE REGOLE art. 10 LR 12/2005 SCHEDE EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento

Dettagli

COMUNE DI PRIZZI. Provincia di Palermo. Settore Tecnico Ufficio Edilizia Privata

COMUNE DI PRIZZI. Provincia di Palermo. Settore Tecnico Ufficio Edilizia Privata COMUNE DI PRIZZI Provincia di Palermo Settore Tecnico Ufficio Edilizia Privata Il presente regolamento, che si compone di n art icoli, è stato approvato con deliberazione consiliare n del, pubbl icata

Dettagli

P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E

P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E comune di CAMPOSANTO P I A N O D E L L A R I C O S T R U Z I O N E Norme di specificazione per gli interventi di ricostruzione e/o delocalizzazione di edifici posti in territorio rurale vincolati dalla

Dettagli

P.I. 1 - Piano degli Interventi Art. 17 LR n 11/2004

P.I. 1 - Piano degli Interventi Art. 17 LR n 11/2004 Comune di Farra di Soligo Re gione del Veneto Pr ovincia di Treviso P.I. 1 - Piano degli Interventi Art. 17 LR n 11/2004 elaborato P-06 D A p r i l e 2 0 1 4 A d o z i o n e D. C. C. n 1 d e l 9. 0 1.

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO COMUNE DI GALLIO VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA N. 143 UNITA DI RILEVAMENTO / CENTRO STORICO del Capoluogo della frazione

Dettagli

SCHEDE DEGLI EDIFICI COMUNE DI ETROUBLES HAMEAU CERISEY

SCHEDE DEGLI EDIFICI COMUNE DI ETROUBLES HAMEAU CERISEY SCHEDE DEGLI EDIFICI COMUNE DI ETROUBLES HAMEAU CERISEY Q Scheda N : 1 COMUNE DI ETROUBLES Epoca di costruzione: antecedente il 1900 Stato di conservazione: pessimo Stato del fabbricato: originario Tipo

Dettagli

ART. 18 RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO

ART. 18 RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO ART. 18 RESTAURO E RISANAMENTO CONSERVATIVO * Definiscono gli interventi rivolti a conservare l'organismo edilizio e ad assicurarne la funzionalità mediante un insieme sistematico di opere che nel rispetto

Dettagli

P.R.G. Comune di Vigo di Fassa Norme Tecniche di Attuazione FORI

P.R.G. Comune di Vigo di Fassa Norme Tecniche di Attuazione FORI FORI DESCRIZIONE Nella composizione delle facciate delle architetture tradizionali sono presenti differenti tipi di aperture: - i grandi fori per accedere e arieggiare il sottotetto - le feritoie e le

Dettagli

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico. (art. 55 LRT n. 1/05) Variante parziale. Allegato 8

COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico. (art. 55 LRT n. 1/05) Variante parziale. Allegato 8 Allegato E COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) Regolamento Urbanistico (art. 55 LRT n. 1/05) Norme Tecniiche dii Attuaziione Variante parziale Allegato 8 Elenco dei materiali da impiegare

Dettagli

COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI

COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI QUADERNO DEGLI INTERVENTI ALL INTERNO DELLE ZONE A VARIANTE N. 1 1 SOMMARIO PREMESSA 2 PROPOSTA DI VARIANTE N.

Dettagli

PIANO DEL COLORE SOTTOZONA PRG: Ab1* Le Bourg

PIANO DEL COLORE SOTTOZONA PRG: Ab1* Le Bourg REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA RÉGION AUTONOME DE LA VALLÉE D AOSTE COMUNE DI COMMUNE DE M O N T J O V E T PIANO DEL COLORE SOTTOZONA PRG: Ab1* Le Bourg ELABORATO PRESCRITTIVO Arch. Ing. HÉRIN Renato MATTERI

Dettagli

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011 A ELEMENTI ARCHITETTONICI E FUNZIONALI PIU RICORRENTI Nel patrimonio edilizio tradizionale e nei manufatti storici sparsi non riconducibili dal punto di vista tipologico e formale agli edifici tradizionali

Dettagli

PIANO DEL COLORE (compilazione obbligatoria per interventi nel centro storico) A - Documentazione da allegare

PIANO DEL COLORE (compilazione obbligatoria per interventi nel centro storico) A - Documentazione da allegare COMUNE DI SAN GIOVANNI LIPIONI PIANO DEL COLORE (compilazione obbligatoria per interventi nel centro storico) allegati A Scheda da allegare alla richiesta di Permesso di costruire SCIA o CIL A - Documentazione

Dettagli

Approvato con delibere Consiglio Comunale n. 162 del 17/11/2008 efficace con pubblicazione sul B.U.R.T. n. 55 del 31/12/2008

Approvato con delibere Consiglio Comunale n. 162 del 17/11/2008 efficace con pubblicazione sul B.U.R.T. n. 55 del 31/12/2008 PROVINCIA DI LIVORNO Elenco dei materiali da impiegare e delle modalità per gli interventi sugli edifici inseriti nei centri storici e nelle schede del patrimonio edilizio esistente di particolare valore

Dettagli

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI

ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI ABACO TIPOLOGIA INTERVENTI EDILIZI L'eventuale presenza di vincoli normativi può comportare modifiche al titolo edilizio di base specificato nel seguente Abaco. Nel caso si rimanda alla specifica normativa

Dettagli

CINO località Torchi. N edificio : 1 COMUNE LOCALITA FOGLIO MAPPALE CINO TORCHI 5 1643

CINO località Torchi. N edificio : 1 COMUNE LOCALITA FOGLIO MAPPALE CINO TORCHI 5 1643 CINO località Torchi N edificio : 1 COMUNE LOCALITA FOGLIO MAPPALE CINO TORCHI 5 1643 ANALISI ESISTENTE STATO DI CONSERVAZIONE CONSISTENZA GRADO DI UTILIZZAZIONE GRADO DI INTERESSE AMBIENTALE E PAESAGGISTICO

Dettagli

AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO)

AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO) ENTE PARCO REGIONALE MIGLIARINO SAN ROSSORE MASSACIUCCOLI AGGIORNAMENTO SCHEDE UNITA EDILIZIE ALLEGATO G AL PIANO DI GESTIONE delle TENUTE DI TOMBOLO E COLTANO (ESTRATTO) 1 2 3 UNITA EDILIZIA N. 1 Sono

Dettagli

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione

TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA. Denuncia Inizio Attività. Se di modesta entità nessuna autorizzazione. Permesso a Costruire. Nessuna autorizzazione TIPO DI INTERVENTO MODALITÀ TIPO DI AUTORIZZAZIONE NECESSARIA PRESCRIZIONI Abbaini Costruzione di nuovi abbaini Denuncia Inizio Attività Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Accorpamenti

Dettagli

P.R.G. del comune di BOCENAGO PIANO INSEDIAMENTI STORICI Unita Edilizia Nr.: 41

P.R.G. del comune di BOCENAGO PIANO INSEDIAMENTI STORICI Unita Edilizia Nr.: 41 P.R.G. del comune di BOCENAGO PIANO INSEDIAMENTI STORICI Unita Edilizia Nr.: 41 Comprensorio C8 - Giudicarie N. particella ed. o fond..132 Comune Amministrativo Bocenago Data rilievo 21/06/07 Comune Catastale

Dettagli

COMUNE DI FERRARA. Installazione di pannelli solari aderenti o integrati nella copertura.

COMUNE DI FERRARA. Installazione di pannelli solari aderenti o integrati nella copertura. COMUNE DI FERRARA INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICI ESISTENTI E TITOLI EDILIZI RICHIESTI Principali casistiche per gli interventi sull edilizia esistente, a partire dal 1 luglio 2008

Dettagli

Comune di Cercino Norme Tecniche di Attuazione per gli ambiti inclusi nei centri storici e nei nuclei di antica formazione

Comune di Cercino Norme Tecniche di Attuazione per gli ambiti inclusi nei centri storici e nei nuclei di antica formazione INDICE PAGINA ARTICOLO TITOLO E DESCRIZIONE TITOLO PRIMO NORME GENERALI 2 1 FINALITA E CONTENUTO DELLE MODALITA D INTERVENTO PER I NUCLEI DI ANTICA FORMAZIONE E PER GLI AGGLOMERATI ED EDIFICI RURALI SPARSI.

Dettagli

isolato D PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO Comune di Muros vista Est vista Nord vista Ovest vista Sud

isolato D PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO Comune di Muros vista Est vista Nord vista Ovest vista Sud PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO isolato D vista Nord vista Est vista Sud vista Ovest PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA D-01 localizzazione ISOLATO D UNITA EDILIZIA 1 fabbricato

Dettagli

Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1

Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1 Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1 1.Codifica edificio Scheda: 1 2. Ubicazione indirizzo: ID edificio: 1 via/piazza: Rossignago

Dettagli

CENTRO STORICO NOBILE

CENTRO STORICO NOBILE CENTRO STORICO NOBILE Identificativo 54 Centro Storico Nobile - Via Roma Identificativo catastale 1228 fg. n. 4 Piani fuori terra n. 1 Residenziale Edifico isolato con a padiglione, manto di in tegole

Dettagli

MANUALE DI INTERVENTO PER GLI INSEDIAMENTI STORICI APPROVAZIONE G. P.

MANUALE DI INTERVENTO PER GLI INSEDIAMENTI STORICI APPROVAZIONE G. P. Comune di Volano Comprensorio della Vallagarina Provincia Autonoma di Trento PROVINCIA DI TRENTO PIANO REGOLATORE GENERALE MANUALE DI INTERVENTO PER GLI INSEDIAMENTI STORICI APPROVAZIONE G. P. MANUALE

Dettagli

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5

P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 P.R.G. DI URBINO 1994 TERZA PARTE LINEE NORMATIVE 201.III.A5 Norme Tecniche di Attuazione ALLEGATO 4: Centro storico 1 L allegato 4 è costituito dalle presenti norme e dagli elaborati grafici di seguito

Dettagli

isolato I PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO Comune di Muros vista Est vista Nord vista Ovest vista Sud

isolato I PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO Comune di Muros vista Est vista Nord vista Ovest vista Sud PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO isolato I vista Nord vista Est vista Sud vista Ovest PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO MATRICE SCHEDA I-01 localizzazione ISOLATO I via Cavour, via Roma, via

Dettagli

Detraibile. Installazione di macchinari esterni

Detraibile. Installazione di macchinari esterni INTERVENTI SULLE SINGOLE UNITA' IMMOBILIARI INTERVENTI MODALITÀ CONDIZIONI DI DETRAIBILITÀ Accorpamenti di locali o di altre unità Spostamento di alcuni locali da una unità immobiliare ad altra o anche

Dettagli

CENTRO STORICO NOBILE

CENTRO STORICO NOBILE CENTRO STORICO NOBILE Identificativo 34 Centro Storico Nobile Via Roma Identificativo catastale Mappale n.1142 fg. n. 4 Piani fuori terra n.3 Residenziale piano terra altri piani Grado di intervento Edificio

Dettagli

MANUALE PER IL RECUPERO DEL PATRIMONIO ESISTENTE

MANUALE PER IL RECUPERO DEL PATRIMONIO ESISTENTE PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI PINZOLO VARIANTE AL PIANO REGOLATORE GENERALE PER LA CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO MONTANO ESISTENTE ( Art. 24 bis L.P. n.22/91 e successive modificazioni

Dettagli

Architetto Enzo Siligardi Studio di architettura Via San Martino, 3-38100 Trento Tel. 0461/ 982365 - Fax. 0461/239790 - E-mail: siligardi@tin.

Architetto Enzo Siligardi Studio di architettura Via San Martino, 3-38100 Trento Tel. 0461/ 982365 - Fax. 0461/239790 - E-mail: siligardi@tin. COMUNE DI TESERO PROVINCIA DI TRENTO PIANO REGOLATORE GENERALE DEL COMUNE DI TESERO VARIANTE V2 VARIANTE AL PIANO REGOLATORE GENERALE PER LA CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO MONTANO

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE REGIONE PIEMONTE BU18 07/05/2015 Comune di Rivalta di Torino (Torino) Deliberazione di C.C. n. 4 del 28/01/2015: Regolamento Edilizio Comunale. Modifica e sostituzione articolo 18 e inserimento nuovi articoli

Dettagli

Atti del Comune. Oggetto: CIRCOLARE N. 2/06 (progr. 36) - Art. 65 Regolamento Edilizio Interventi di Risanamento Conservativo INDICAZIONI OPERATIVE

Atti del Comune. Oggetto: CIRCOLARE N. 2/06 (progr. 36) - Art. 65 Regolamento Edilizio Interventi di Risanamento Conservativo INDICAZIONI OPERATIVE SETTORE SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DIREZIONE Protocollo1056357/2006 Milano, 10/11/06 Oggetto: CIRCOLARE N. 2/06 (progr. 36) - Art. 65 Regolamento Edilizio Interventi di Risanamento Conservativo INDICAZIONI

Dettagli

INTERVENTI ESEGUITI IN AMBITO A0 INTERVENTI EDILIZI

INTERVENTI ESEGUITI IN AMBITO A0 INTERVENTI EDILIZI RELAZIONE TECNICA Il Comune di Zoppola è dotato di Piano Regolatore Comunale adeguato alla L.R.52/91, adottato con Delibera del Consiglio Comunale n 63 del 25.09.1998 ed approvato con Delibera del Consiglio

Dettagli

PIANO PARTICOLAREGGIATO

PIANO PARTICOLAREGGIATO COMUNE DI ILLASIMIUS Provincia di Cagliari PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO DI PRIMA ED ANTICA FORMAZIONE Allegato alla Delibera del Consiglio Comunale n del Elaborato Norme Tecniche per Unità Edilizia

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

Comune di Agropoli Provincia di Salerno. Piano del Colore

Comune di Agropoli Provincia di Salerno. Piano del Colore Provincia di Salerno Piano del Colore Mappa cromatica di uno spazio urbano Redazione del Piano del Colore in attuazione della Legge Regionale 18 Ottobre 2002, n. 26 Norme ed incentivi per la valorizzazione

Dettagli

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef

Esempi degli interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef Accorpamenti di locali o di altre unità immobiliari Allargamento porte Allargamento porte e finestre esterne Allarme finestre esterne Ampliamento con formazione di volumi tecnici Apertura interna Ascensore

Dettagli

INTERVENTI EDILIZI CONSEGUENTI AL SISMA IVA

INTERVENTI EDILIZI CONSEGUENTI AL SISMA IVA INTERVENTI EDILIZI CONSEGUENTI AL SISMA IVA QUALIFICAZIONE GIURIDICA DEGLI INTERVENTI Art.31 L.457/1978 Allegato L.R. 31/2002 IDENTIFICAZIONE DEGLI INTERVENTI Titolo abilitativo Dichiarazione sostitutiva

Dettagli

Allegati alle NTA. A - Allegati sulla qualità architettonica

Allegati alle NTA. A - Allegati sulla qualità architettonica Allegati alle NTA A - Allegati sulla qualità architettonica AGGIORNAMENTI: Variante n. 232 approvata con atto di C.C. n. 10 del 24.03.2015 A3 - Disciplinare tecnico per la conservazione e il recupero

Dettagli

PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori)

PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori) PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori) Premessa Il tema della riqualificazione degli insediamenti antichi è un nodo cruciale nell insieme degli interventi di pianificazione del territorio

Dettagli

Comune di Segariu (Provincia del Medio Campidano)

Comune di Segariu (Provincia del Medio Campidano) (Provincia del Medio Campidano) Interventi ammessi in assenza di Piano particolareggiato del Centro matrice (zona A) approvato dalla RAS AGOSTO 2012 Progettista Architetto Alan Batzella PREMESSA Nella

Dettagli

ALLEGATO A DEFINIZIONE DEI TIPI DI INTERVENTO. Premessa

ALLEGATO A DEFINIZIONE DEI TIPI DI INTERVENTO. Premessa ALLEGATO A DEFINIZIONE DEI TIPI DI INTERVENTO Premessa 1 Per tutti gli edifici della zona urbana centrale storica indicati all'art.10 delle presenti norme e per gli edifici caratterizzanti il tessuto storico

Dettagli

COSA SI PUO' DETRARRE

COSA SI PUO' DETRARRE COSA SI PUO' DETRARRE Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità alle normative edilizie locali. INTERVENTI

Dettagli

P.R.G. Comune di Vigo di Fassa Norme Tecniche di Attuazione TETTO

P.R.G. Comune di Vigo di Fassa Norme Tecniche di Attuazione TETTO TETTO DESCRIZIONE Negli edifici montani la copertura è l elemento costruttivo che più di altri segna e caratterizza il paesaggio. La struttura portante del tetto è in legno con schema a trave di colmo,

Dettagli

- relazione istruttoria - Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 04 febbraio 2011

- relazione istruttoria - Il Responsabile della III Area Arch. Nicla Paola Frezza. 04 febbraio 2011 LEGGE REGIONALE 21/12/2010 N.19 MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 8 OTTOBRE 2009, N. 22 "INTERVENTI DELLA REGIONE PER IL RIAVVIO DELLE ATTIVITÀ EDILIZIE AL FINE DI FRONTEGGIARE LA CRISI ECONOMICA, DIFENDERE

Dettagli

HAMEAU ÉTERNOD-DESSUS

HAMEAU ÉTERNOD-DESSUS SCHEDE DEGLI EDIFICI COMUNE DI ETROUBLES HAMEAU ÉTERNOD-DESSUS B Scheda N : COMUNE DI ETROUBLES 1 Epoca di costruzione: antecedente il 1900 Stato di conservazione: ottimo Stato del fabbricato: ristrutturato

Dettagli

PRESCRIZIONI COMUNI ALLE UNITÀ EDILIZIE

PRESCRIZIONI COMUNI ALLE UNITÀ EDILIZIE Unità edilizie assoggettate a particolari discipline PRESCRIZIONI COMUNI ALLE UNITÀ EDILIZIE 1. Le trasformazioni fisiche ammissibili nelle unità edilizie di cui alle schede da 1 a 6 e da 8 a 10, nonché

Dettagli

Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Permesso di costruire

Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Permesso di costruire Allegato A Interventi liberi Interventi ammissibili con D.I.A. Interventi ammissibili con Interventi Titolo abilitativo Ampliamento di locali - senza aumento della Slp (spostamento di tavolati interni

Dettagli

COMMISSIONE per la QUALITA ARCHITETTONICA ed il PAESAGGIO

COMMISSIONE per la QUALITA ARCHITETTONICA ed il PAESAGGIO COMUNE DI SAN FELICE SUL PANARO (Provincia di Modena) Via Mazzini, 13 41038 San Felice sul Panaro Tel. Centralino 0535 86311 Fax 0535 84362 C.F. 00668130362 e-mail: posta@comunesanfelice.net COMMISSIONE

Dettagli

BOSSOLASCO 27 Luglio 2006

BOSSOLASCO 27 Luglio 2006 BOSSOLASCO 27 Luglio 2006 Piano di Sviluppo Locale Coulture di Langa AZIONE 3.2. Interventi di tutela e valorizzazione architettonica e paesaggistica Intervento a)1 Piani e programmi per il recupero di

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data ottobre 2009 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

COMUNE DI NOGAROLE PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI NOGAROLE PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI NOGAROLE PROVINCIA DI VICENZA SUSSIDIO OPERATIVO PER GLI INTERVENTI NEGLI ANNESSI RUSTICI IN ZONA A ( art. 18, comma 5 e 6, delle Norme Tecniche di Attuazione del P.R.G. vigente) ART. 1 - PRONTUARIO

Dettagli

1) PREMESSA 2) DESCRIZIONE DELLE VARIANTI

1) PREMESSA 2) DESCRIZIONE DELLE VARIANTI 1) PREMESSA Il Comune di Lajatico si è dotato di Piano Strutturale approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 37 del 27.09.2006 e di Regolamento Urbanistico approvato con delibera di Consiglio Comunale

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI NELL AMBITO DEGLI INSEDIAMENTI STORICI

INDIRIZZI GENERALI NELL AMBITO DEGLI INSEDIAMENTI STORICI COMUNE DI TRAMBILENO INDIRIZZI GENERALI NELL AMBITO DEGLI INSEDIAMENTI STORICI Per interventi edilizi soggetti a procedura di Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.) Trambileno, giugno 2014

Dettagli

Interventi ammessi alla detrazione irpef del 36%

Interventi ammessi alla detrazione irpef del 36% CARTONGESSO CONTROSOFFITTI SISTEMI DI ISOLAMENTO TERMOACUSTICO TINTEGGIATURE Ufficio: Magazzino: Via Fistomba 8/II Cap. 35131 PADOVA Via Lisbona 8/A Cap. 35127 Z.I. PADOVA P. Iva : 02933440790 P. Iva.

Dettagli

COMUNE DI MONGUZZO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO (P.G.T.) ELABORATO: C3** DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI NEL CENTRO STORICO E NELLE CORTI RURALI

COMUNE DI MONGUZZO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO (P.G.T.) ELABORATO: C3** DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI NEL CENTRO STORICO E NELLE CORTI RURALI COMUNE DI MONGUZZO PROVINCIA DI COMO c.a.p. 22040 tel. 031650211 telefax 031617312 codice fiscale partita iva 00564160133 PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO (P.G.T.) ELABORATO: C3** DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI

Dettagli

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011 ELEMENTI RICORRENTI

P.R.G. COMUNE DI PEIO Censimento del patrimonio edilizio montano esistente e edifici storici sparsi Approvazione Finale nov. 2011 ELEMENTI RICORRENTI A.2 APERTURE, CONTORNI, ANTE D OSCURO, SERRAMENTI ESTERNI E INFERRIATE Tipologia 1 ELEMENTI RICORRENTI Le aperture finestrate, porte e portoni d ingresso esistenti sono in generale prive di contorni sia

Dettagli

Adozione. Comune di Santa Maria a Monte (Provincia di Pisa) PROGETTO Arch. Mauro Ciampa (Architetti Associati M.Ciampa - P.

Adozione. Comune di Santa Maria a Monte (Provincia di Pisa) PROGETTO Arch. Mauro Ciampa (Architetti Associati M.Ciampa - P. Comune di Santa Maria a Monte (Provincia di Pisa) Sindaco: Ilaria Parrella Ass. Urbanistica: Silvano Melani SETTORE 3 Garante della comunicazione: Dott. Paolo Di Carlo Responsabile del procedimento: Dott.

Dettagli

MODALITA' DI INTERVENTO IN CENTRO STORICO

MODALITA' DI INTERVENTO IN CENTRO STORICO MODALITA' DI INTERVENTO IN CENTRO STORICO Premessa Il presente allegato contiene un elenco di indicazioni di massima da rispettare nei vari interventi previsti in centro storico. Le indicazioni sotto riportate

Dettagli

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI -

ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - ALLEGATO A - IL REGIME DELLE AUTORIZZAZIONI - Intervento Manutenzione ordinaria (articolo 6, comma 1, lettera a: articolo 3, comma 1, lettera a) Libero Titolo Eliminazione di barriere architettoniche che

Dettagli

Simone Riccardi. Particolare di una facciata nel centro storico di Parma (foto Flickr autore Viola Klis )

Simone Riccardi. Particolare di una facciata nel centro storico di Parma (foto Flickr autore Viola Klis ) VALORIZZAZIONE DELLE quinte urbane studi dei prospetti con necessità di ordine manutentivo nel centro storico di parma Simone Riccardi Il centro storico di Parma racchiude all interno delle sue vie e dei

Dettagli

-.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO

-.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO -.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO Comune di (Borgata/Frazione) CRAVEGGIA VOCOGNO Classificazione dell intervento RISTRUTTURAZIONE Opere interne ed esterne

Dettagli

COMUNE DI MADONE P.G.T. PIANO DELLE REGOLE SCHEDE NORMA DEGLI EDIFICI COMPRESI NEGLI AMBITI DI ANTICA FORMAZIONE ALLEGATO B TAVOLA

COMUNE DI MADONE P.G.T. PIANO DELLE REGOLE SCHEDE NORMA DEGLI EDIFICI COMPRESI NEGLI AMBITI DI ANTICA FORMAZIONE ALLEGATO B TAVOLA COMUNE DI MADONE P.G.T. PIANO DELLE REGOLE SCHEDE NORMA DEGLI EDIFICI COMPRESI NEGLI AMBITI DI ANTICA FORMAZIONE TAVOLA ALLEGATO B ADOTTATO CON DELIBERA DI C.C. N. 26 IN DATA 27,08,2008 MODIFICATO A SEGUITO

Dettagli

4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI

4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI 4. Le tipologie di interventi ammessi alla detrazione (*) I - LE RISTRUTTURAZIONI NELLE ABITAZIONI INTERVENTI MODALITÀ CONDIZIONI DI DETRAIBILITÀ Accorpamenti di locali spostamento di alcuni locali da

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D Ai sensi art. 65 L.R. 1/2005 s.m.i. Corte Malgiacca COMUNE DI CAPANNORI Provincia di Lucca FRAZIONE DI GRAGNANO LOC. DETTA CORTE MALGIACCA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D INTERVENTO DI

Dettagli

PIANO DI RECUPERO DELL AREA C1/41.3 Sottozona A Longare, Via Canegliera Area di Villa Scroffa

PIANO DI RECUPERO DELL AREA C1/41.3 Sottozona A Longare, Via Canegliera Area di Villa Scroffa COMUNE DI LONGARE PROVINCIA DI VICENZA PIANO DI RECUPERO DELL AREA C1/41.3 Sottozona A Longare, Via Canegliera Area di Villa Scroffa NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SCHEDE NORMATIVE Committente: Donadello

Dettagli

ANALISI E DISCIPLINA PER GLI INTERVENTI DEGLI EDIFICI DEL CENTRO STORICO, CORTI RURALI E AREE MONUMENTALI Identificativo 19

ANALISI E DISCIPLINA PER GLI INTERVENTI DEGLI EDIFICI DEL CENTRO STORICO, CORTI RURALI E AREE MONUMENTALI Identificativo 19 CASCINA NUOVA Identificativo 19 Identificativo catastale Mappale n.735 fg. n. 3 Piani fuori terra n.2 Edificio isolato con parte a doppia falda e parte a falda unica. Si prescrive in caso di intervento

Dettagli

PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori)

PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori) PROPOSTA COLORE PER IL CENTRO STORICO (cartella dei colori) Premessa La cartella dei colori costituisce lo strumento per guidare gli interventi di tinteggiatura delle facciate nel centro storico, al fine

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI PER IL RECUPERO DELL IMMAGINE STORICA DELL ABITATO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI PER IL RECUPERO DELL IMMAGINE STORICA DELL ABITATO UFFICIO TECNICO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI PER IL RECUPERO DELL IMMAGINE STORICA DELL ABITATO (deliberazione di Consiglio n. 31 del 20/07/2006, n 40 del 22/10/2007, n 11 del 24/03/2009

Dettagli

COMUNE DI SANT ANTIOCO

COMUNE DI SANT ANTIOCO - COMUNE DI SANT ANTIOCO Norme di attuazione del centro matrice PPR - Sardegna ARCH. ANGELO MARONGIU & ING. FRANCO MARTIS R.d. P. Arch. Giovanna Manunza (uff. urbanistica) NORMATIVA INTEGRATIVA per le

Dettagli

ABACO DEGLI ELEMENTI ARCHITETTONICI DI RIFERIMENTO

ABACO DEGLI ELEMENTI ARCHITETTONICI DI RIFERIMENTO COMUNE DI GALLIO PROVINCIA DI VICENZA 2003 Variante per i centri storici del Capoluogo e della frazione di Stoccareddo ABACO DEGLI ELEMENTI ARCHITETTONICI DI RIFERIMENTO 7. BALCONI E TERRAZZI I balconi

Dettagli

SETTORE TECNICO URBANISTICO. UFFICIO EDILIZIA ed URBANISTICA OGGETTO:

SETTORE TECNICO URBANISTICO. UFFICIO EDILIZIA ed URBANISTICA OGGETTO: COMUNE DI ISOLA D'ASTI Provincia di Asti P.zza Merlino, 1 - C.a.p. 14057 - Tel. 0141-958134 Fax 0141-958866 sito internet: www.comune.isoladasti.at.it - e-mail: urbanistica@comuneisoladasti.it p.e.c.:

Dettagli

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L.

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L. TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI ordinaria manutenzione D.P.R. 380/01 art. 6 e L.R. 12/05 art. 27 gli interventi edilizi che riguardano le opere

Dettagli

LAVORI DI RESTAURO CAMPANILE SUD RIFACIMENTO DELLA COPERTURA

LAVORI DI RESTAURO CAMPANILE SUD RIFACIMENTO DELLA COPERTURA LAVORI DI RESTAURO CAMPANILE SUD RIFACIMENTO DELLA COPERTURA Le condizioni della copertura al momento dell intervento, con la croce, mutila del braccio verticale superiore, ancora in sito. La copertura,

Dettagli

LEGENDA. ISOLATO 1. pag. 4. ISOLATO 2. pag. 7. ISOLATO 3. pag. 10. ISOLATO 4. pag. 13. ISOLATO 5. pag. 16

LEGENDA. ISOLATO 1. pag. 4. ISOLATO 2. pag. 7. ISOLATO 3. pag. 10. ISOLATO 4. pag. 13. ISOLATO 5. pag. 16 1 2 3 LEGENDA ISOLATO 1. pag. 4 ISOLATO 2. pag. 7 ISOLATO 3. pag. 10 ISOLATO 4. pag. 13 ISOLATO 5. pag. 16 4 P.R.G. - Comune di Storo PIANO DEL CENTRO STORICO DESCRIZIONI PROGETTUALI ISOLATO N. 01 CATEGORIE

Dettagli

ALLEGATO B ALLE NORME DI ATTUAZIONE...2

ALLEGATO B ALLE NORME DI ATTUAZIONE...2 ALLEGATO B ALLE NORME DI ATTUAZIONE...2 RUSTICI DA RILEVARE E SCHEDARE IN ZONA AV, IN ZONA E IMPROPRIA E RUSTICI SCHEDATI IN ZONA C1/4 - LOCALITA POSTAUTA DI COSTALTA...2 ARTICOLO 1 - AMMISSIBILITÀ DEGLI

Dettagli

Norme d attuazione testo coordinato

Norme d attuazione testo coordinato Variante al piano regolatore generale centro storico, zona orientale, zona nord-occidentale approvata con decreto del Presidente della Giunta regionale della Campania n. 323 dell 11 giugno 2004 Norme d

Dettagli

Prontuario per la Qualità Architettonica e la Mitigazione Ambientale Abaco del colore, costruzioni accessorie ed altre tipologie di manufatti minori

Prontuario per la Qualità Architettonica e la Mitigazione Ambientale Abaco del colore, costruzioni accessorie ed altre tipologie di manufatti minori COMUNE DI CISON DI VALMARINO Provincia di Treviso PI Elaborato P.Q.A.M.A. - - Scala - Abaco del colore, costruzioni accessorie ed altre tipologie di manufatti minori redatto ai sensi della L.r. n.11 del

Dettagli

Variante al P.R.G. di Besenello: Novembre 2005

Variante al P.R.G. di Besenello: Novembre 2005 COMUNE DI BESENELLO PROVINCIA DI TRENTO Variante al P.R.G. di Besenello: NORME DI ATTUAZIONE AL P.R.G. MANUALE DI INTERVENTO PER GLI INSEDIAMENTI STORICI progettista ing. Giorgio Rasera Il progetto di

Dettagli

REPERTORIO DEI SISTEMI COSTRUTTIVI DI RIFERIMENTO PER IL PROGETTO

REPERTORIO DEI SISTEMI COSTRUTTIVI DI RIFERIMENTO PER IL PROGETTO SISTEMA COSTRUTTIVO DELLE COPERTURE... 2 SISTEMA COSTRUTTIVO DELLE MURATURE,... 3 SISTEMA COSTRUTTIVO DELLE APERTURE...3...3 SISTEMA COSTRUTTIVO DEI COLLEGAMENTI FRA LE STRUTTURE DI COPERTURA E LE STRUTTURE

Dettagli

D.Lgs. 33/2013. Art.23 Obblighi di pubblicazione concernenti i provvedimenti amministrativi - Anno 2015 - S.C.I.A. presentate -

D.Lgs. 33/2013. Art.23 Obblighi di pubblicazione concernenti i provvedimenti amministrativi - Anno 2015 - S.C.I.A. presentate - D.Lgs. 33/2013. Art.23 Obblighi di pubblicazione concernenti i provvedimenti amministrativi - Anno 2015 - presentate - N. d'ordine Servizio Oggetto Contenuto Soggetto Presentatore Estremi di presentzione

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 08/10/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

COMUNE DI BORGHI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000

COMUNE DI BORGHI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000 PROVINCIA DI FORLI'-CESENA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE COMUNE DI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000 DISCIPLINA PARTICOLAREGGIATA DEGLI INSEDIAMENTI E INFRASTRUTTURE STORICI

Dettagli

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

COMUNE DI BUCCINO Provincia di Salerno

COMUNE DI BUCCINO Provincia di Salerno Pagina1 SCHEDA UNITA IMMOBILIARE Pianta stato di fatto Localizzazione Comune: BUCCINO c.a.p : 84021 Provincia: Salerno Zona: Centro storico denominazione stradale: Via S.Elia n civico: s.n.c. Superficie

Dettagli

COMUNE DI AGUGLIANO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

COMUNE DI AGUGLIANO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA COMUNE DI AGUGLIANO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Ufficio proponente: Sportello Unico per l edilizia Responsabile: Dott. Arch. Tommaso Moreschi 1. RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il Comune di Agugliano è attualmente

Dettagli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli

L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli L.R. 10.11.2014 n. 65 Norme per il governo del territorio - - - - - le principali novità in materia edilizia Arch. Lorenzo Paoli Dirigente del Settore Edilizia e Urbanistica / Comune di Scandicci (FI)

Dettagli

Piano Regolatore Generale 2003

Piano Regolatore Generale 2003 Piano Regolatore Generale 2003 Regolamento Urbanistico COMUNEDI AREZZO Assessorato Urbanistica, Edilizia, CentroStorico Direzione Servizi per il Territorio Ufficio Pianificazione Urbanistica Illustrazionedel

Dettagli

COMUNE DI TREVISO. OGGETTO Immobile di proprietà comunale Negozio in via Carlo Alberto, 4/A

COMUNE DI TREVISO. OGGETTO Immobile di proprietà comunale Negozio in via Carlo Alberto, 4/A COMUNE DI TREVISO via Municipio, 16 31100 TREVISO centralino 0422 6581 telefax 0422 658201 e-mail: postacertificata@cert.comune.treviso.it OGGETTO Immobile di proprietà comunale Negozio in via Carlo Alberto,

Dettagli

COMUNE DI TRICASE IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI TRICASE IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA COMUNE DI TRICASE PROGETTO PER LA COSTRUZIONE DI UN NUOVA CAPPELLA LOCULI COMUNALE NEL CIMITERO CAPOLUOGO IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA Il comune di Tricase ha affidato l incarico al sottoscritto

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO

REGOLAMENTO URBANISTICO Comune di Buti Provincia di Pisa REGOLAMENTO URBANISTICO (Legge Regionale n. 1/2005 "Norme per il governo del territorio") Variante di monitoraggio e revisione quinquennale ai sensi art. 55 L.R. n. 1/05

Dettagli

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune

Il proprietario dell immobile può effettuare l intervento senza effettuare nessuna comunicazione al Comune Utilizzando la tabella sotto riportata è possibile verificare per ogni singolo intervento quale procedura adottare per procedere all esecuzione dei lavori. Manutenzione Ordinaria Il proprietario dell immobile

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3;

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3; REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA MINISTERO PER I BENI E

Dettagli

COMUNE DI BORGHI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000

COMUNE DI BORGHI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000 PROVINCIA DI FORLI'-CESENA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE COMUNE DI PIANO STRUTTURALE COMUNALE - Art. 21 L.R. 20/2000 DISCIPLINA PARTICOLAREGGIATA DEGLI INSEDIAMENTI E INFRASTRUTTURE STORICI

Dettagli

COMUNE DI CASTEL DEL MONTE

COMUNE DI CASTEL DEL MONTE ELABORATI AGGIUNTIVI A CORREDO DELLE DOMANDE DI DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITA E PERMESSO DI COSTRUIRE. Oltre alla documentazione prevista dal vigente Regolamento Edilizio Comunale, del Manuale del Recupero

Dettagli

C O M U N E D I G A V O R R A N O

C O M U N E D I G A V O R R A N O C O M U N E D I G A V O R R A N O PROVINCIA DI GROSSETO VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO Appendice 3 Schede e prescrizioni relative agli immobili di interesse storico nel territorio rurale adottate

Dettagli