Analisi della Legge n. 27/2012. Aspetti clinici, medico-legali e giuridici

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi della Legge n. 27/2012. Aspetti clinici, medico-legali e giuridici"

Transcript

1 Analisi della Legge n. 27/2012 Aspetti clinici, medico-legali e giuridici Luigi Floris, Laura Floris * PREMESSE In materia di risarcimento del danno alla persona da "lesioni di lieve entità", l'accertamento medico-legale è sempre estremamente delicato e complesso in quanto si tratta di verificare l'esistenza di un danno che, per lo più, non è strumentalmente rilevabile, considerato che spesso le apparecchiature diagnostiche non sono in grado di valutare in modo soddisfacente questo genere di lesioni. Nel caso, ad esempio, di un "trauma del rachide cervicale", l'efficienza lesiva dell'evento che provoca la lesione costituisce uno dei cardini dell'accertamento della sussistenza del "nesso causale", con la conseguenza che quando risulti, con certezza, che l'evento traumatico verificatosi non era in grado di provocare lesioni alla colonna, la richiesta risarcitoria deve essere respinta. Naturalmente, vale anche la considerazione opposta, e cioè quando la violenza del sinistro è stata tale da aver avuto, con certezza, un'efficienza lesiva sul rachide, la richiesta risarcitoria non può e non deve essere disattesa. Basti ricordare che il danno in questione, per quanto "di lieve entità", quando presente e correttamente verificato mediante un accertamento medico-legale, attiene ad un diritto inviolabile della persona, costituzionalmente garantito (1) e, pertanto, deve essere integralmente risarcito. In effetti, in Italia, gli ultimi decenni sono stati caratterizzati da un tumultuoso incremento dei "traumi distorsivi del rachide cervicale", tanto che si è detto che "il collo degli italiani è molto fragile e risente del minimo urto". Questa anomalia è stata costantemente denunciata dalle Compagnie Assicurative, mettendo in evidenza l'incongruo e notevole esborso economico, peraltro "compensato" da un costante aumento dei premi delle polizze in ambito di RCA. Nell'ultimo decennio sono stati fatti numerosi tentativi legislativi (2) per cercare di arginare questo fenomeno speculativo, con risultati per lo più non confortanti. * Specialisti in Medicina Legale e delle Assicurazioni, Cagliari. 1

2 Un ulteriore tentativo per cercare di migliorare la difficile situazione italiana in questo preciso ambito del risarcimento del danno alla persona è stato effettuato con la Legge n. 27 del 24 marzo Per una migliore comprensione del contenuto di questa Legge, può essere utile soffermarsi su alcuni pilastri concettuali della Medicina Legale: danno biologico e nesso causale. DANNO BIOLOGICO - Corte Costituzionale "Sentenza n. 184/1986". Il danno biologico consiste in una "lesione dell'integrità psico-fisica della persona in sé e per sé considerata, senza riferimenti alla capacità di guadagno della persona" e rappresenta il "danno-evento" sempre presente e sempre risarcibile. - Decreto Legislativo n. 38/2000 "Danno biologico INAIL". Il danno biologico consiste in una "lesione dell'integrità psico-fisica della persona suscettibile di accertamento medico-legale". "Le prestazioni per il ristoro del danno biologico sono determinate in misura indipendente dalla capacità di produzione del reddito del danneggiato". - Legge n. 57/2001 "Disposizioni in materia di apertura e regolazione dei mercati". Per danno biologico si intende "la lesione all'integrità psico-fisica della persona suscettibile di accertamento medico-legale". "Il danno biologico è risarcibile indipendentemente dalla sua incidenza sulla capacità di produzione del reddito del danneggiato". - Decreto Legislativo n. 209/2005 "Codice delle Assicurazioni Private". Art. 138 "Danno biologico per lesioni di non lieve entità". Art. 139 "Danno biologico per lesioni di lieve entità". Per danno biologico si intende "la lesione temporanea o permanente all'integrità psico-fisica della persona suscettibile di accertamento medico-legale che esplica un'incidenza negativa sulle attività quotidiane e sugli aspetti dinamico-relazionali della vita del danneggiato, indipendentemente da eventuali ripercussioni sulla capacità di produrre reddito". 2

3 Come si può notare tutte le definizioni di danno biologico hanno un comune denominatore: "l'accertamento medico-legale". Concetto fondamentale: di fronte ad un danno alla persona, si tratti di lesioni "di non lieve entità" o di "lieve entità", che sia una lesione o una menomazione, perché questo danno possa essere considerato risarcibile è sempre necessario un accertamento medico-legale, che deve essere svolto utilizzando una corretta metodologia medico-legale. NESSO CAUSALE Il nesso causale costituisce il cardine di ogni accertamento medico-legale: debeatur". "An Da un corretto accertamento del nesso causale dipende l'accoglimento o il rifiuto di qualunque richiesta risarcitoria nel vasto campo delle "obbligazioni". Criteri medico-legali di causalità: cronologico, qualitativo, quantitativo, modale, di continuità fenomenologica, di esclusione,, clinico-anamnestico, di ammissibilità scientifica, anatomo-patologico, etc. Tra i più importanti: - Criterio cronologico: è soddisfatto quando le lesioni sono contestuali o immediatamente successive al prodursi dell'azione lesiva. - Criterio qualitativo: è soddisfatto quando il tipo di lesione è compatibile con il tipo di azione lesiva: ad esempio, una ferita lacero-contusa riscontrata in un soggetto dopo essere stato investito da un'autovettura. - Criterio quantitativo (o di efficienza lesiva) risulta soddisfatto quando l'entità della vis lesiva è stata tale da aver provocato sicuramente quel tipo di lesione. - Criterio modale è soddisfatto quando le lesioni riscontrate sono compatibili con il mezzo con il quale sono state provocate. - Criterio della continuità fenomenologica: deve esistere un continuum di sintomi e di segni clinici tra la lesione iniziale e gli esiti dannosi finali. - Criterio di esclusione: nel determinismo dell'evento dannoso in esame devono essere esclusi altri fattori causali, diversi da quello considerato. 3

4 LESIONE E MENOMAZIONE "Lesione": traumatico. alterazione anatomo-patologica iniziale in seguito ad un insulto Due evenienze: 1) La lesione può evolvere con completa restitutio ad integrum: in tal caso si configura soltanto un danno biologico temporaneo, senza postumi permanenti; 2) La lesione evolve senza arrivare alla guarigione completa: in tal caso si ha una "Menomazione" e si configura anche un danno biologico permanente. Esempio esplicativo Epatite virale acuta da virus B: le transaminasi aumentano rapidamente, compare l'ittero, il soggetto viene sottoposto a terapia per alcuni mesi finché non si arriva alla guarigione clinica. Due possibilità: 1) La prima: le transaminasi rientrano nella norma, il soggetto riacquista uno stato di benessere e si ha una restitutio ad integrum: guarigione senza postumi. 2) La seconda: le transaminasi permangono "mosse", il virus continua a circolare nel torrente ematico, il soggetto continua ad essere astenico, si instaura una epatite cronica attiva. Quindi, dalla lesione iniziale (epatite acuta) è residuata una menomazione (epatite cronica attiva). INVALIDITA' TEMPORANEA E INABILITA' TEMPORANEA Invalidità temporanea (o danno biologico temporaneo): impedimento temporaneo (assoluto o parziale) delle ordinarie attività esistenziali del soggetto leso. Danno non patrimoniale. Inabilità temporanea: impedimento temporaneo (assoluto o parziale) dell'attività lavorativa del soggetto leso. Danno patrimoniale (lucro cessante): deve essere provato. 4

5 Danno biologico temporaneo (o invalidità temporanea): utilizzare per la valutazione. (3) riferimenti da - Attendere alla cura e all'igiene personale. - Comunicare con gli altri. - Assumere gli atteggiamenti normali di ogni persona. - Viaggiare da solo. - Compiere le attività normali generiche. - Avere rapporti sessuali. - Dormire e riposarsi. - Dedicarsi a svaghi, passatempi e attività culturali. Danno biologico temporaneo totale: periodo durante il quale il soggetto leso ha avuto un impedimento totale allo svolgimento delle proprie ordinarie attività esistenziali (ricovero ospedaliero, allettamento, trauma plurifratturativo). Danno biologico temporaneo parziale (al 75%, al 50%, al 25%): periodo durante il quale il soggetto leso ha avuto un impedimento solo parziale allo svolgimento delle proprie ordinarie attività esistenziali. DANNO BIOLOGICO PERMANENTE: sussistenza. tappe procedurali per accertarne la 1) Accertare l'esistenza di una lesione in corpore, che sia in rapporto causale con l'evento traumatico in oggetto. 1 nesso causale: tra evento traumatico e lesioni. 2) Accertare se dalla lesione iniziale è residuata una menomazione obiettivabile. 2 nesso causale: tra le lesioni e le eventuali menomazioni. 3) Accertare se da questa menomazione è derivata una compromissione delle attività esistenziali del soggetto leso. 3 nesso causale: tra menomazione e modificazione in pejus della qualità della vita. 5

6 DANNO BIOLOGICO: danno disfunzionale. Nelle "menomazioni di media o di grave entità", l'accertamento medico-legale del danno risulta abbastanza agevole, in quanto è facilmente dimostrabile l'esistenza di una modificazione in peius della qualità della vita del leso. Nelle "menomazioni di lieve entità", l'accertamento è più delicato e complesso, in quanto risulta difficile evidenziare un peggioramento della qualità della vita del danneggiato. Senza la dimostrazione di questa disfunzionalità non esiste danno biologico risarcibile. Pertanto, si deve correggere l errore che rapporta il danno risarcibile alla lesione di per sé stessa, indipendente dalle conseguenze pregiudizievoli. Corte Costituzionale Sentenza n. 372/1994: Ai fini del risarcimento, è sempre necessaria la prova ulteriore dell entità del danno, ossia la dimostrazione che la lesione ha prodotto una perdita costituita dalla diminuzione o privazione di un valore personale (non patrimoniale), alla quale il risarcimento deve essere (equitativamente) commisurato. Corte di Cassazione Sentenza n. 4491/1996: E danno biologico risarcibile (inteso come danno-conseguenza rispetto al danno-evento della lesione) la perdita per il danneggiato di utilità dell esistenza, determinata dalla lesione del bene salute. DANNO BIOLOGICO: reductio ad unitatem. Varie figure di danno: - danno alla capacità lavorativa generica - danno alla vita di relazione - danno estetico - danno alla vita sessuale - danno psichico Prima dell'introduzione del concetto del danno biologico, queste figure di danno venivano risarcite in maniera autonoma. Con l'introduzione del danno biologico, poiché rappresentano una compromissione dell'integrità psico-fisica, esse hanno perso dignità risarcitoria autonoma e vengono tutte ricomprese all'interno del danno biologico. 6

7 DANNO MORALE E DANNO PSICHICO Danno morale: Art c.c. "Pretium doloris". Sofferenza morale soggettiva transeunte. E' un danno presuntivo che non compete, quanto a valutazione e stima, al medico legale, ma direttamente al Giudice. Nel danno morale l'interesse tutelato è la dignità della persona offesa. Danno psichico: danno biologico di natura psichica. Compromissione della salute consistente in una alterazione delle funzioni psichiche. E' un danno biologico che va accertato e provato dal medico legale. Deve essere presente una storia clinica documentata (consulenze psichiatriche, terapia psico-farmacologica, psicoterapia) da porre in rapporto causale con l'evento lesivo. Nel danno psichico, trattandosi di un danno biologico, l'interesse tutelato è la lesione della salute. TRAUMA DEL RACHIDE CERVICALE Da un trauma cervicale possono derivare varie patologie che, con crescente gravità, vanno dalla semplice cervicalgia temporanea, alla distrazione dei muscoli lunghi del collo, alla vera e propria distorsione del rachide cervicale con presenza o meno di interessamento neurologico, fino alla lussazione e/o frattura vertebrale. Al medico legale spetta, quindi, l'arduo compito di effettuare un corretto accertamento medico-legale utilizzando i vari criteri di causalità (cronologico, qualitativo, quantitativo, modale, di continuità fenomenologica, di esclusione, etc.), per l'individuazione dei 3 nessi causali (precedentemente descritti). Per cercare di capire i vari gradi di coinvolgimento del rachide cervicale in caso di trauma si può ricorrere alla famosa tabella clinica di origine canadese (WAD Whiplash Associated Disorders) proposta dalla Quebec Task Force che consente di risalire alla lesione anatomica. - Grado 0: assenza di sintomi (soggettivi) e segni (obiettivi). 7

8 - Grado 1 : dolore riferito al collo, senza segni obiettivabili dal medico. - Grado 2 : dolore riferito al collo, diminuzione della mobilità e punti dolorosi evidenziabili dal medico. - Grado 3 : sintomi e segni al collo muscolo-scheletrici ed interessamento neurologico periferico (riflessi osteo-tendinei diminuiti o assenti, debolezza muscolare, deficit di sensibilità). - Grado 4 : sintomi e segni al collo con impotenza funzionale: frattura e/o lussazione di una o più vertebre. Nel grado 1 e 2 la guarigione è completa. Nel grado 3 si ha stiramento grave con lacerazione dell'integrità tessutale: il dolore è immediato e profondo, l'edema è accentuato nell'area colpita e raggiunge il massimo entro il 4 giorno. In questo tipo di lesione i tessuti sono significativamente modificati dai fenomeni di cicatrizzazione e fibrosi. La guarigione richiede dai 3 ai 6 mesi circa: talvolta può non aversi una "restitutio ad integrum" e possono residuare dei postumi permanenti. Quindi anche in questo caso due possibilità: 1) La prima: completa restitutio ad integrum > guarigione senza postumi. 2) La seconda: lacerazione dell'integrità tessutale senza restitutio ad integrum > guarigione con postumi. LEGGE N. 27 DEL 24 MARZO 2012 Obiettivo principale di questa Legge è il contenimento della natura "speculativa" di parte delle richieste di risarcimento per danni alla persona da "lesioni di lieve entità". Se l'intento appare certamente condivisibile, tuttavia le modalità con cui il Legislatore si è espresso risentono chiaramente di un'evidente frettolosità e confusione sia di natura giuridica che probatoria medico-legale, comportando degli effetti "collaterali" incongrui rispetto alle effettive necessità di riscontro tecnico per il giusto risarcimento del danno da "lesioni di lieve entità", mettendo nello sconcerto gli operatori del settore e, sostanzialmente, demandando al medico legale il compito di accertare, e talvolta negare, tale nefasta condizione. 8

9 Con questa Legge sono state introdotte due norme, entrambe contenute nell'articolo 32. Art. 32 comma 3-ter Al comma 2 dell'art. 139 del Codice delle Assicurazioni Private è aggiunto il seguente periodo: "In ogni caso, le lesioni di lieve entità, che non siano suscettibili di accertamento clinico strumentale obiettivo, non potranno dar luogo a risarcimento per danno biologico permanente". Art. 32 comma 3-quater "Il danno alla persona per lesioni di lieve entità di cui all'art. 139 del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, è risarcito solo a seguito di riscontro medico legale da cui risulti visivamente o strumentalmente accertata l'esistenza della lesione". Balza subito agli occhi l'evidente contraddizione sia di natura giuridica che medicolegale che queste due norme comportano. Nel comma 3-ter si parla di "lesioni di lieve entità" e si precisa che queste lesioni non potranno dar luogo a "risarcimento per danno biologico permanente". E' stato appena puntualizzato che il danno biologico permanente si identifica con la "menomazione" e non con la "lesione". Nel comma 3-quater "il danno alla persona per lesioni di lieve è risarcito solo a seguito di riscontro medico-legale da cui risulti visivamente o strumentalmente accertata l'esistenza della lesione". Cosa significa visivamente? lesione, questa non esiste? Vuol dire che se non si riesce a vedere ictu oculi una Esempio esplicativo. Disturbo post-traumatico da stress: è un danno psichico che si può verificare quando una persona subisce un violento ed improvviso trauma psichico, avendo vissuto o assistito ad un evento che ha implicato morte o minaccia di morte: ad esempio un soggetto che, durante un grave sinistro stradale, rimane incastrato all'interno dell'autovettura e vede morire un'altra persona, senza poter far nulla per soccorrerla. Risulta abbastanza chiaro che questo danno psichico non è evidenziabile visivamente "sensu strictu", mentre è evidenziabile con un esame clinico-obiettivo. Infatti, il danno psichico si differenzia dal danno fisico perché non ha una manifestazione esteriore tangibile. Ma se anche volessimo cercare di individuarlo strumentalmente, non esiste un esame strumentale che ci possa dire che quel soggetto è affetto da un disturbo posttraumatico da stress. 9

10 Quindi, applicando letteralmente e rigidamente la norma, tante lesioni, anche gravi, non troverebbero dignità risarcitoria. Per la verità, la maggior parte degli Studiosi si è trovata concorde nel ritenere che il termine visivamente debba avere un significato più ampio, da "tradurre" come evidenza scientifica: cioè, evidenza concreta di un fatto idoneo a provocare una lesione. Torniamo al comma 3-ter. Cosa si deve intendere per "accertamento clinico strumentale obiettivo"? Numerosi giuristi e medici legali si sono cimentati in questi mesi per cercare di dare un'interpretazione quanto più rispondente allo spirito della legge, considerato il non chiaro significato di tale disposizione e l'oggettiva ambiguità del dato normativo. Il dott. Marco Rossetti (Magistrato) (4) ritiene che "la norma in questione non abbia aggiunto alcunché alla precedente definizione di danno biologico (artt. 138 e 139 Codice Assicurazioni). Essa non ha fatto altro che formulare in modo forse più esplicito un principio già implicito nel sistema". Gli artt. 138 e 139 del Codice delle Assicurazioni definiscono "danno biologico" soltanto quello "suscettibile di accertamento medico-legale". Accertare deriva etimologicamente dal latino "certus", cioè rendere sicuro, verificare. Pertanto, "suscettibile di accertamento medico-legale" vuol dire, senza ombra di dubbio, che il danno biologico per poter essere risarcito deve essere obiettivamente sussistente, non sulla base di intuizioni o suggestioni, ma sulla base di una corretta criteriologia medico-legale. Anche prima della Legge 27/2012, il danno biologico era risarcibile solo a condizione che fosse riscontrata una sicura obiettività medico-legale, posto che per la Medicina Legale non è concepibile l'esistenza di danni presunti, figurativi o ipotetici. Quindi, la nuova norma serve, semmai, a richiamare l'attenzione dei medici legali sulla necessità che il danno biologico sia accertato in modo rigoroso e zelante, evitandone il riconoscimento nei casi di sole allegazioni soggettive ed in quelli in cui non vi siano riscontri clinico-obiettivi, escludendo tassativamente il criterio "post hoc, ergo, propter hoc". 10

11 Il dott. Giovanni Cannavò e il dott. Luigi Mastroroberto (Medici Legali), esponenti principali dell'associazione medico-giuridica Melchiorre Gioia (5), hanno prodotto delle Linee Guida molto interessanti e ben argomentate. In estrema sintesi, Essi sostengono che "in considerazione del fatto che il Legislatore non ha utilizzato né virgole né congiunzioni né trattini tra i tre aggettivi, per potersi riconoscere un danno biologico permanente, l'accertamento medico-legale deve avere tutti e tre i requisiti contemporaneamente: deve dare, cioè, evidenza della lesione sia attraverso le risultanze di un esame "clinico" sia attraverso un esame "strumentale", ed entrambi devono fornire riscontri "obiettivi". Tuttavia, Essi ritengono, peraltro correttamente, che nel caso per esempio di un "trauma distorsivo del rachide cervicale" non esiste alcun esame strumentale che sia in grado di mettere in evidenza la lesione e/o la menomazione post-traumatica. Questa interpretazione, applicata letteralmente e rigorosamente, renderebbe praticamente non più risarcibile alcun danno biologico permanente nei "traumi distorsivi del rachide cervicale" in quanto, mancando il reperto strumentale, pur in presenza di un quadro clinico-obiettivo sicuramente riconducibile alla lesione iniziale in oggetto sulla base di una corretta e precisa criteriologia medico-legale, non si dovrebbe dar luogo a risarcimento per danno biologico permanente. Secondo l'organismo Unitario dell'avvocatura Italiana (OUA) tale interpretazione della Legge "rappresenterebbe il pretesto per evadere il risarcimento dei danneggiati, inducendo le Compagnie Assicuratrici ad effettuare pressioni nei confronti dei loro medici legali fiduciari affinché si adeguino a tale tipo di "lettura", talvolta in contrasto con la criteriologia medico-legale e con la stessa deontologia medica". Il Prof. Paolo Arbarello, presidente della SIMLA (Società Italiana di Medicina Legale e delle Assicurazioni), nel maggio 2012, ha inviato agli iscritti una lettera, corredata da una serie di documenti allegati, nella quale, tra l'altro, si legge quanto segue. "Una questione che sta suscitando in tutti i medici legali iscritti ed anche non iscritti alla SIMLA, ivi compresi i numerosissimi colleghi fiduciari delle Compagnie di Assicurazione, è la interpretazione che l'ania e talune Compagnie Assicuratrici parrebbero voler dare dei famosi due emendamenti 3-ter e 3-quater della Legge 27/2012. La SIMLA e tutti i medici legali italiani sono perfettamente coscienti del momento che il Paese sta attraversando e della esigenza di tagliare spese inutili, abusi, rami secchi, sprechi; ma gli stessi sono anche coscienti che qualunque atteggiamento "talebano", nel campo del danno biologico, ha solo effetti negativi. Tanto più che i dati 11

12 recentissimi riferiti al periodo riportano che la sinistrosità stradale è diminuita del 22% a fronte di un aumento dei premi assicurativi del 98%. I colpi di mano lobbystici hanno sempre portato danni rilevanti, in primis a chi li ha portati avanti: giacché nell'equilibrio dei poteri, al Legislatore incolto e frettoloso, si giustappone subito un potere giudiziario che, magari nel tentativo di correggere la rotta da un lato, finisce talora con il portare la nave ad uno scarroccio eccessivo dall'altro". La lettera del Prof. Arbarello continuava richiamando "gli obblighi e le responsabilità etico-giuridiche e deontologiche dell'attività clinica del medico legale, al quale spetta il compito di svolgere sempre una "visita medica" senza eccezioni di sorta anche nei casi di "micropermanenti". Inoltre, "la dignità professionale è la sola e unica garanzia culturale di risparmio, contrariamente al supino vassallaggio a logiche interpretative pseudo-culturali, le quali verrebbero spazzate via dalla prima sentenza di un inevitabile contenzioso concernente la tutela dei diritti fondamentali sanciti dalla nostra Costituzione". In data 21 giugno 2012, le sigle associative e sindacali medico-legali italiane (6), riunite in coordinamento, con l' imprimatur di Magistrati della Cassazione Civile, dell'organismo Unitario dell'avvocatura Italiana, dell'associazione Nazione dei Giudici di Pace, dell'ordine dei Medici di Roma, dell'ordine degli Avvocati di Roma, "preso atto delle pur condivisibili finalità della Legge 27/2012 che mira al contenimento di pretese risarcitorie indebite o illecite", hanno approvato il seguente documento. "1) La formulazione equivoca del testo di legge si presta a fuorvianti interpretazioni, potendo risultare produttiva di iniquità addirittura maggiori di quelle alle quali si è inteso porre rimedio negando il giusto ristoro di danni alla persona, anche di lieve entità. 2) Si ribadisce l'insostituibilità dell'apporto tecnico dello specialista in medicina legale in ogni fase dell'accertamento e della valutazione del danno, nello spirito della migliore metodologia operativa, che non può essere vincolata ad alcun preordinato schematismo e deve svolgersi nel pieno rispetto di un'indagine semeiologica coerente e della critica valutazione delle soggettività inerenti alla specificità dell'evento, ivi compresa la eventuale necessità di ricorrere ad approfondimenti strumentali. 3) Si ribadisce che esistono quadri sintomatologici secondari a traumi minori (ad esempio traumi contusivo-distorsivi) per i quali la professionalità d'accertamento medico-legale può rendere accessorio o superfluo il ricorso ad indagini strumentali per ottenere un preciso inquadramento diagnostico e valutativo. 4) Si sottolinea che i disturbi psico-reattivi sfuggono ad un accertamento di natura strumentale che sembrerebbe essere indicato come criterio accertativo, ciò non potendo assumersi aprioristicamente come assenza di lesione o di infermità. 12

13 5) Si sottolinea come l'esistenza della lesione e/o menomazione sia subordinata esclusivamente alla competente valutazione del nesso di causalità materiale nel rigoroso rispetto della criteriologia, che è appannaggio dello specialista medico-legale, al quale solo compete interpretarla con coerenza ed applicarla con qualificata capacità professionale. 6) Si rifiuta di condividere qualunque apodittica imposizione, da qualsivoglia parte provenga, che rischi di coartare la libertà professionale e la coerenza scientifica dello specialista in medicina legale, costringendolo impropriamente a modificare una metodologia valutativa ossequiosa della migliore dottrina medico-legale. 7) Si deve, infine, far proprio e idealmente sottoscrivere il documento prodotto a riguardo dalla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici e degli Odontoiatri. 8) Per tutto quanto sopra, si auspica che venga predisposta al riguardo, con estrema urgenza, un intervento legislativo che ponga rimedio alle incongruità sopracitate". La Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici e degli Odontoiatri ha diffuso un comunicato, definendo "ambigua" la Legge e affermando che "alla luce delle previsioni del Codice di Deontologia Medica si ribadisce il rispetto della normativa vigente, respingendo interpretazioni che possano determinare un'invasione di quello spazio incomprimibile di autonomia e responsabilità del medico in generale e del medico legale in particolare, e si ricorda che non può essere messa in discussione la competenza del medico legale nel valutare il nesso di causalità materiale tra l'evento lesivo denunciato e le conseguenze biologico-funzionali temporanee o permanenti da stimare ai fini del risarcimento". La circolare richiama, poi,gli articoli 4 e 62 del Codice Deontologico. (7) "Il medico, quindi, forte del codice deontologico, non dovrà aderire ad alcuna indicazione limitativa della propria competenza di valutazione e della libertà di scienza e coscienza, rispetto alla propria dignità di professionista, a tutela della salute e dei diritti del paziente". Il Prof. Domenico Vasapollo (Direttore della Scuola di Specializzazione di Medicina Legale dell'università di Bologna) (8), sostiene che "di fronte all'apparente insolubilità del problema e alle conclusioni contraddittorie ed aporetiche, non resta che applicare, saggiamente e con zelo, la corretta metodologia medico-legale, a prescindere dalle pressioni che vengono esercitate costantemente sui medici legali". 13

14 CONCLUSIONI In sintesi, alla luce delle considerazioni e interpretazioni dei vari autorevoli Studiosi, peraltro tutte meritevoli di attenzione e di approfondimento, si ritiene di poter concludere nel seguente modo. A) Di fronte alla complessità dei problemi in campo, si ritiene indispensabile applicare saggiamente, con zelo e correttamente, la metodologia che la dottrina medicolegale mette a disposizione. B) Si ritiene necessario fare ricorso e scegliere, sia in fase stragiudiziale, ma ancor più in fase giudiziale, Consulenti Tecnici esperti (Medici specialisti in Medicina Legale o, in alternativa, Medici di sicura competenza medico-legale) che dimostrino rigore metodologico, coerenza e comprovata qualificazione professionale, e non si lascino influenzare da indebite pressioni, sia che provengano dalla parte danneggiata (attrice) che dalla parte danneggiante (convenuta). La consulenza tecnica, che si tratti di "consulenza tecnica della parte" o di "consulenza tecnica d'ufficio", è un parere motivato e deve essere redatta con rigore metodologico da un professionista esperto in ambito medico-legale. Non è infrequente la nomina, in qualità di CC.TT.UU., di professionisti di altissima professionalità e molto stimati nei loro specifici ambiti specialistici (ortopedici, fisiatri, neurologi, odontoiatri, radiologi, pediatri, etc.) ma che, in sede di operazioni peritali, dimostrano di avere "poco chiara" la criteriologia necessaria per un corretto accertamento medico-legale: Unicuique suum tribuere. C) La nuova normativa, così (ri)formulata, dovrebbe tendere a valorizzare il ruolo e la professionalità del medico legale e dovrebbe servire a sottolineare "ulteriormente" la necessità di un'applicazione rigorosa del metodo medico-legale in tema di causalità, inteso come vis lesiva e compatibilità qualitativa alla produzione della lesione e dell'eventuale conseguente menomazione. D) Si ritiene ragionevole, da parte dei medici legali fiduciari e delle Compagnie Assicurative, evitare atteggiamenti particolarmente restrittivi in situazioni in cui l'eventuale menomazione, conseguente alla sicura lesione iniziale, appaia reale ed effettiva in considerazione dell'evidenza clinica ed obiettiva, pur in assenza di riscontro strumentale, peraltro quest'ultimo spesso non necessario e non dirimente dal punto di vista diagnostico, come unanimemente considerato in ambito scientifico. 14

15 Il ricorso sconsiderato ad esami strumentali inutili, e talvolta dannosi, incide economicamente sia sulla Sanità Pubblica sia sulle Compagnie Assicurative, le quali si vedono pretendere il rimborso integrale delle spese sanitarie da parte del soggetto danneggiato. Il diniego di un risarcimento dovuto porterà ad un notevole contenzioso giudiziario, con un ulteriore aggravio economico per le stesse Compagnie Assicurative. E) Si ritiene auspicabile un nuovo intervento legislativo che renda le norme sul risarcimento del danno alla persona da "lesioni di lieve entità" più chiare e meglio interpretabili da parte di tutti gli operatori del settore assicurativo. 15

16 BIBLIOGRAFIA (1) Art. 32 della Costituzione. "La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana". (2) - Art. 5 Legge n. 57/ Art. 23 Legge 273/ Decreto Ministero della Salute 3 Luglio Decreto Legislativo 209/2005 (3) Brondolo, Farneti, Mangili: Il danno biologico, patrimoniale, morale - Giuffrè (4) Dott. Marco Rossetti: "Le nuove regole sull'accertamento del danno da lesione di lieve entità: profili giuridici". (5) Associazione medico-giuridica Melchiorre Gioia: "Linee guida legge n. 27 del 24 marzo 2012". 16

17 (6) Sigle associative e sindacali medico-legali italiane. - Società Italiana di Medicina Legale e delle Assicurazioni (SIMLA) - Prof. P. Arbarello. - Sindacato Italiano Specialisti Medicina Legale e delle Assicurazioni (SISMLA) - Dott. R. Zinno. - Federazione delle Associazioni medico-legali italiane (FAMLI) - Prof. M. Tavani. - Società Medico-legale Triveneto (SMLT) - Dott. E Pedoja. - Associazione Nazionale Medici Legali (ANML) - Dott. M. Chiarito. - Associazione Nazionale Medici INPS (ANMI) - Dott. F. Ammaturo. - Coordinamento Medici Legali Aziende Sanitarie (COMLAS) - Dott. M. Martelloni. - Associazione Nazionale Medici INAIL (ANMI - INAIL) - Dott. P. Malavenda. (7) Codice di Deontologia Medica. Art. 4: Libertà e indipendenza della professione. "L'esercizio della medicina è fondato sulla libertà e sull'indipendenza della professione che costituiscono diritto inalienabile del medico. Il medico nell'esercizio della professione deve attenersi alle conoscenze scientifiche e ispirarsi ai valori etici della professione, assumendo come principio il rispetto della vita, della salute fisica e psichica, della libertà e della dignità della persona; non deve soggiacere a interessi, imposizioni e suggestioni di qualsiasi natura. Il medico deve operare al fine di salvaguardare l'autonomia professionale e segnalare all'ordine ogni iniziativa tendente ad imporgli comportamenti non conformi alla deontologia professionale". 17

18 Art. 62: Attività medico-legale. "L'esercizio dell'attività medico-legale è fondato sulla correttezza morale e sulla consapevolezza delle responsabilità etico-giuridiche e deontologiche che ne derivano e deve rifuggire da indebite suggestioni di ordine extratecnico e da ogni sorta di influenza e condizionamento. L'accettazione di un incarico deve essere subordinato alla sussistenza di un'adeguata competenza medico-legale e scientifica in modo da soddisfare le esigenze giuridiche attinenti al caso in esame, nel rispetto dei diritti della persona e delle norme del Codice di deontologia medica. In casi di particolare complessità clinica e in ambito di responsabilità professionale, è doveroso che il medico legale richieda l'associazione con un collega di comprovata esperienza e competenza nella disciplina coinvolta. Fermi restando gli obblighi di legge, il medico curante non può svolgere funzioni medico-legali di ufficio o di controparte nei casi nei quali sia intervenuto personalmente per ragioni di assistenza o di cura e nel caso in cui trattenga un rapporto di lavoro dipendente con la struttura sanitaria coinvolta nella controversia giudiziaria. La consulenza di parte deve tendere unicamente a interpretare le evidenze scientifiche disponibili pur nell'ottica dei patrocinati nel rispetto della oggettività e della dialettica scientifica nonché della prudenza nella valutazione relativa alla condotta dei soggetti coinvolti. L'espletamento di prestazioni medico-legali non conformi alle disposizioni di cui ai commi precedenti costituisce, oltre che illecito sanzionato da norme di legge, una condotta lesiva del decoro professionale". (8) Prof. Domenico Vasapollo: "Luci e ombre della legge n. 27/2012: il punto di vista medico-legale". 18

Prof. Pietrantonio Ricci (**) Graecia

Prof. Pietrantonio Ricci (**) Graecia Prof. Pietrantonio Ricci (**) Graecia 360 LEGGI DI COMPETENZA ASSICURATIVA - DM del 3 luglio 2003 (con la tabella sulle menomazioni alla integrità psicofisica comprese tra 1 e 9 punti di invalidità); -

Dettagli

COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO

COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO Considerazioni interpretative tecniche per la valutazione medico legale del danno biologico per lesioni di lieve entità, ex DL 209/2005,

Dettagli

1 - Elementi costitutivi medico legali del Bareme di Legge (DM 3.7.2003)

1 - Elementi costitutivi medico legali del Bareme di Legge (DM 3.7.2003) TITOLO L equivoco interpretativo del concetto di danno biologico di lieve entità Commento alla Sentenza della 3 Sezione Civile della Corte di Cassazione n. 11851/15 relatore Giacomo Travaglino La citata

Dettagli

La proposta sulla Responsabilità Professionale. per il tavolo tecnico OOSS Ministero della Salute

La proposta sulla Responsabilità Professionale. per il tavolo tecnico OOSS Ministero della Salute La proposta sulla Responsabilità Professionale per il tavolo tecnico OOSS Ministero della Salute MARZO 2012 Premessa La responsabilità professionale è diventata negli ultimi anni una questione molto rilevante

Dettagli

Il risarcimento del danno alla persona. Considerazioni di un economista. Dario Focarelli Direttore Generale ANIA

Il risarcimento del danno alla persona. Considerazioni di un economista. Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Il risarcimento del danno alla persona. Considerazioni di un economista. Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Agenda Le previsioni del codice Cosa è stato fatto? Le conseguenze delle scelte L attuazione

Dettagli

accertamento clinico strumentale obiettivo, non potranno dar luogo a risarcimento per danno biologico permanente (omissis)..".

accertamento clinico strumentale obiettivo, non potranno dar luogo a risarcimento per danno biologico permanente (omissis)... INDICAZIONI MEDICO LEGALI IN MERITO AL D. L. 24.1.2012 n.1 RECANTE DISPOSIZIONI URGENTI PER LA CONCORRENZA, LO SVILUPPO DELLE INFRASTRUTTURE E LA COMPETITIVITA, CON RIFERIMENTO ALLE MODIFICHE DELL ART.

Dettagli

B.- LA POLIZZA TUTELA GIUDIZIARIA B1.- Assicuratrice Milanese spa rilascia una tutela legale con le seguenti caratteristiche:

B.- LA POLIZZA TUTELA GIUDIZIARIA B1.- Assicuratrice Milanese spa rilascia una tutela legale con le seguenti caratteristiche: B.- LA POLIZZA TUTELA GIUDIZIARIA B1.- Assicuratrice Milanese spa rilascia una tutela legale con le seguenti caratteristiche: 1) copertura delle spese giudiziali e stragiudiziali, sia civili che penali;

Dettagli

Università degli Studi di Messina Sezione Dipartimentale di Medicina Legale Direttore: Prof. Claudio Crinò. La diagnosi. Prof.

Università degli Studi di Messina Sezione Dipartimentale di Medicina Legale Direttore: Prof. Claudio Crinò. La diagnosi. Prof. Università degli Studi di Messina Sezione Dipartimentale di Medicina Legale Direttore: Prof. Claudio Crinò LA METODOLOGIA MEDICO LEGALE La diagnosi Prof. Claudio Crinò alla persona nei suoi aspetti medico-legali

Dettagli

Le principali domande sulla tabella in approvazione

Le principali domande sulla tabella in approvazione Le principali domande sulla tabella in approvazione D. Cosa regolamenta la tabella in approvazione? R. La tabella definisce i criteri per valutare il c.d. danno biologico permanente (si veda lo schema

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2260 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori SANGALLI, BUBBICO e FIORONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 LUGLIO 2010 Modifiche al codice delle assicurazioni

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres.

MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO. Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres. MASSIME CIVILE RISARCIMENTO DANNO Corte di Cassazione Sez. III civ. 28 Dicembre 2012, n 22909 (Pres. M. Finocchiaro; Rel. R. Lanzillo Danno (risarcimento da) Incidente mortale Casalinga Prossimi congiunti

Dettagli

CALENDARIO ELENCO DOCENTI ORARIO

CALENDARIO ELENCO DOCENTI ORARIO II CORSO DI QUALIFICAZIONE ED AGGIORNAMENTO IN MEDICINA ASSICURATIVA CALENDARIO ELENCO DOCENTI ORARIO DOCENTI Prof. Giancarlo BRUNO - Medico legale, Consulente Centrale Gruppo Toro Assicurazioni Dr. Gianluca

Dettagli

L obbligo del tentativo di mediazione nelle controversie relative al risarcimento del

L obbligo del tentativo di mediazione nelle controversie relative al risarcimento del L obbligo del tentativo di mediazione nelle controversie relative al risarcimento del danno da sinistro stradale: criticità e dubbi interpretativi. Tra le materie per le quali è previsto il tentativo obbligatorio

Dettagli

I beni culturali : autorizzazioni, sanzioni e sanatoria (Avvocato Walter Fumagalli)

I beni culturali : autorizzazioni, sanzioni e sanatoria (Avvocato Walter Fumagalli) I beni culturali : autorizzazioni, sanzioni e sanatoria (Avvocato Walter Fumagalli) Se il proprietario di un edificio soggetto al vincolo storico-artistico lo modifica senza aver ottenuto preventivamente

Dettagli

PERICOLO o FATTORE DI RISCHIO

PERICOLO o FATTORE DI RISCHIO Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Definizione parole-chiave MODULO B Unità didattica A3-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 PERICOLO o FATTORE DI

Dettagli

Il punto sul risarcimento del danno non patrimoniale ad oltre quattro anni di distanza dalla sentenza delle sezioni unite dell'11.11.

Il punto sul risarcimento del danno non patrimoniale ad oltre quattro anni di distanza dalla sentenza delle sezioni unite dell'11.11. Ufficio referenti per la formazione decentrata dei magistrati del distretto di Milano IL DANNO NON PATRIMONIALE Il punto sul risarcimento del danno non patrimoniale ad oltre quattro anni di distanza dalla

Dettagli

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LIGURIA

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LIGURIA SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LIGURIA L ART. 9, COMMA 6 DEL DECRETO-LEGGE N. 90 DEL 2014, CONVERTITO DALLA LEGGE N. 114 NON ESCLUDE, SECONDO UNA LETTURA COSTITUZIONALMENTE ORIENTATA, LA POSSIBILITÀ

Dettagli

Lesioni micropermanenti: indicati i nuovi importi per il risarcimento dei danni da incidenti stradali

Lesioni micropermanenti: indicati i nuovi importi per il risarcimento dei danni da incidenti stradali Lesioni micropermanenti: indicati i nuovi importi per il risarcimento dei danni da incidenti stradali Il ministero dello Sviluppo economico ha emanato il decreto (27 maggio 2010 pubblicato sulla Gazzetta

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BRESCIA

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BRESCIA CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BRESCIA REGOLAMENTO PER IL PROCEDIMENTO DI DISPENSA DISCIPLINATO DAGLI ARTT. 12-13 - 14 D. LGS. n. 96/2001 (approvato con delibera del 9 luglio 2012) * * * Il Consiglio

Dettagli

CONVEGNO DI PSICOLOGIA GIURIDICA

CONVEGNO DI PSICOLOGIA GIURIDICA CONVEGNO DI PSICOLOGIA GIURIDICA EVOLUZIONE DELLA NORMA SUL DANNO NON PATRIMONIALE ALLA PERSONA. NUOVE PROSPETTIVE DEONTOLOGICHE E PROFESSIONALI DELLO PSICOLOGO IN AMBITO GIURIDICO L attività stragiudiziale

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati Roma, 15 febbraio 2013 Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità di intraprendere azioni legali in merito alle trattenute operate sull indennità giudiziaria in caso

Dettagli

LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI

LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI RITA BEVACQUA LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI L istituto della Mediazione civile quale strumento alternativo di giustizia è stato introdotto dal Decreto Legislativo 4 marzo 2010,

Dettagli

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata 1 Danno morale: categoria autonoma o componente del danno biologico? Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata si è consolidato, nel corso

Dettagli

IL CONCETTO DI DANNO ALLA PERSONA

IL CONCETTO DI DANNO ALLA PERSONA IL CONCETTO DI DANNO ALLA PERSONA Il principio informatore della materia in ambito civile stabilisce che qualsiasi comportamento antigiuridico che sia causa di danni a terzi obbliga chi l ha posto in essere

Dettagli

Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706

Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706 Il danno tanatologico Cass. Sez. III 02 Luglio 2010 n 15706 Veronica Maina Valeria Mastrolembo Barnà Parti Familiari della vittima Generali Assicurazioni SpA T.R. Fatti Il minore viaggiava sul ciclomotore

Dettagli

Lombardia/406/2010/PRSE

Lombardia/406/2010/PRSE Lombardia/406/2010/PRSE REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: Dott. Nicola Mastropasqua Presidente Dott. Antonio Caruso Dott. Giuliano

Dettagli

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati

Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati La Responsabiilliità Verso ii Prestatorii d Opera Studio Assicurativo Redatto da Euroconsul s.r.l.. Tutti i diritti sono riservati La copertura R.C.O. La Ratio della Garanzia RCO Non sempre è chiaro per

Dettagli

La responsabilità civile

La responsabilità civile La responsabilità civile Responsabilità contrattuale (art. 1218 cc) Scaturisce da qualsiasi rapporto obbligatorio già precostituito. Il Medico generalista si obbliga ad eseguire una prestazione professionalmente

Dettagli

LA RESPONSABILITA MEDICA

LA RESPONSABILITA MEDICA 10 luglio 2014 LA RESPONSABILITA MEDICA ONEGLOBAL srl Consulenze Aziendali Integrate DIVISIONE SANITARIA 10 luglio 2014 Fattispecie di Responsabilità Medica A - Responsabilità Penale Omicidio Lesioni ONEGLOBAL

Dettagli

PROPORZIONALITÀ DELLE CURE

PROPORZIONALITÀ DELLE CURE 1 2 PROPORZIONALITÀ DELLE CURE Principio della proporzionalità delle cure: si deve intervenire sul paziente tanto quanto serve alla sua salute, né più né meno. Ciò si valuta nella totalità della persona

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 IL CONTRATTO DI INVESTIMENTO: principi e regole di comportamento nelle trattative La disciplina

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE. Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c. auto con sede legale in Italia LORO SEDI

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE. Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c. auto con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE Roma 19 aprile 2012 Prot. n. 09-12-007647 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione che esercitano la r.c. auto con sede legale in Italia Alle Rappresentanze per l Italia

Dettagli

LE ALTRE CATEGORIE DEL DANNO INGIUSTO Consuela Cigalotti DANNO INGIUSTO Secondo la definizione del codice civile è da considerarsi danno ingiusto,, il danno prodotto non iure,, ( comportamento non giustificato

Dettagli

Il risarcimento equitativo.

Il risarcimento equitativo. Il risarcimento equitativo. Firenze, 26 novembre 2013. Corso di Diritto civile Prof. Giuseppe Vettori Mario Mauro Abstract Rapporto tra risarcimento equitativo e principio di integrale riparazione del

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI Deliberazione n. 18/2015/VSG REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE DI CONTROLLO PER IL TRENTINO-ALTO ADIGE/SÜDTIROL SEDE DI TRENTO composta dai Magistrati: Diodoro VALENTE Gianfranco POSTAL Massimo

Dettagli

INDICE. Prefazione... 7. Post-prefazione... 9. CAPITOLO 1 Il danno ingiusto ed il nuovo sistema risarcitorio... 13

INDICE. Prefazione... 7. Post-prefazione... 9. CAPITOLO 1 Il danno ingiusto ed il nuovo sistema risarcitorio... 13 INDICE Prefazione... 7 Post-prefazione... 9 CAPITOLO 1 Il danno ingiusto ed il nuovo sistema risarcitorio... 13 CAPITOLO 2 Il danno patrimoniale...17 Il danno patrimoniale da perdita della capacità lavorativa

Dettagli

LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA *

LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA * LA RESPONSABILITA MEDICA: RESPONSABILITA DEL MEDICO, RESPONSABILITA PER OMESSO CONSENSO INFORMATO E RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA * * Avv. Natale Callipari Nell ambito della responsabilità medica,

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario 1. Introduzione... 2 2. Criteri di valutazione della violazione... 2 3. Sanzioni... 2 3.1 Lavoratori dipendenti non dirigenti... 2 3.1.1 Sanzioni per i lavoratori dipendenti... 3 3.2 Soggetti

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012 Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO Quale è il trattamento fiscale delle somme riconosciute

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ORDINE DEL GIORNO

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ORDINE DEL GIORNO ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ORDINE DEL GIORNO OGGETTO: Figli orfani, studenti ed inabili, titolari di pensione di reversibilità che percepiscono un piccolo reddito per attività lavorativa

Dettagli

DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTO

DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTO DICHIARAZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTO INTRODUZIONE attualità del problema in campo sociale (con una forte componente culturale) in campo medico in campo bioetico in campo legislativo in Italia, documento

Dettagli

Assicurazione professionale

Assicurazione professionale Assicurazione professionale dei medici-chirurghi e odontoiatri Caratteristiche per una copertura assicurativa ideale massima Caratteristiche per una copertura assicurativa ideale massima Nell analisi delle

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione I Tribunale di Verona Sentenza 25.9.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Sezione I Al termine della camera di consiglio il Giudice pronuncia mediante lettura

Dettagli

ORGANISMO UNITARIO DELL AVVOCATURA COMMISSIONE RESPONSABILITA CIVILE - ASSICURAZIONI E RISARCIMENTO DIRETTO

ORGANISMO UNITARIO DELL AVVOCATURA COMMISSIONE RESPONSABILITA CIVILE - ASSICURAZIONI E RISARCIMENTO DIRETTO ORGANISMO UNITARIO DELL AVVOCATURA COMMISSIONE RESPONSABILITA CIVILE - ASSICURAZIONI E RISARCIMENTO DIRETTO Rachidi liberalizzati : un caso di propaganda legislativa inutile e tecnicamente errata. Come

Dettagli

Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1

Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1 Roma, 16 gennaio 2001 Alle Aziende Associate Prot. n. 004/01/E.20/E.20.1 Circolare n. 16465 L o r o S e d i OGGETTO: Ccnl 23 maggio 2000 per i dirigenti di aziende industriali. Art. 12. Facciamo seguito

Dettagli

Onorari per prestazioni medico legali in ambito civilistico extragiudiziale.

Onorari per prestazioni medico legali in ambito civilistico extragiudiziale. Al termine di un indagine conoscitiva delle tariffe medie professionali applicate sul territorio dagli specialisti medico legali, il Consiglio Direttivo Regionale Veneto, in sintonia con alcuni orientamenti

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL AGENZIA PER LE ONLUS

IL CONSIGLIO DELL AGENZIA PER LE ONLUS DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO N. 60 del 11/02/2009 Approvazione, ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 dell Atto di Indirizzo di carattere generale contenente chiarimenti

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla contestuale iscrizione di un associazione di promozione sociale nel Registro di cui all art.

Dettagli

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra Lecco - 31-10 2009 - acuradi S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it Principi generali della

Dettagli

INDICE GENERALE CAPITOLO PRIMO

INDICE GENERALE CAPITOLO PRIMO XI Prefazione... V CAPITOLO PRIMO Continua l evoluzione della medicina con i suoi benefici, i suoi rischi ed i danni ed aumenta il contenzioso giudiziario nell incertezza del diritto 1. Introduzione...

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il presente provvedimento reca misure urgenti per far fronte alle criticità derivanti, sotto il profilo della tutela della salute, dall emanazione della sentenza n. 32/2014 della

Dettagli

CONVENZIONE. Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri. Forlì-Cesena

CONVENZIONE. Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri. Forlì-Cesena OGGETTO CONVENZIONE Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Forlì-Cesena La migliore polizza di assicurazione per il medico non è necessariamente quella a costo più basso, oppure

Dettagli

Il risultato atteso è quello di attivare forme di virtuosa cooperazione e sinergia tra le diverse anime scientifiche del Paese per mettere a punto

Il risultato atteso è quello di attivare forme di virtuosa cooperazione e sinergia tra le diverse anime scientifiche del Paese per mettere a punto Documento d intesa tra SIMLII, SItI e AIDII per l'elaborazione di strumenti scientifici, normativi e applicativi per la tutela e la promozione della salute e la sicurezza e qualità negli ambienti di lavoro

Dettagli

Cinque per mille: trattamento contabile e fiscale del contributo e obbligo della rendicontazione

Cinque per mille: trattamento contabile e fiscale del contributo e obbligo della rendicontazione Cinque per mille: trattamento contabile e fiscale del contributo e obbligo della rendicontazione di Sergio Ricci Introduzione Come noto, il trattamento contabile (ed il conseguente trattamento fiscale)

Dettagli

di Massimo Gentile 2 1 In corso di pubblicazione su Appalti&Contratti 2 Studio Legale Associato Gentile Varlaro Sinisi - www.studiogvs.

di Massimo Gentile 2 1 In corso di pubblicazione su Appalti&Contratti 2 Studio Legale Associato Gentile Varlaro Sinisi - www.studiogvs. Cade il divieto per il progettista di partecipare alle gare di affidamento dei lavori 1 di Massimo Gentile 2 1. La Legge 30 ottobre 2014 n. 161 - recante Disposizioni per l adempimento degli obblighi derivanti

Dettagli

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 novembre 2009 OGGETTO: Deducibilità dei costi derivanti da operazioni intercorse tra imprese residenti ed imprese domiciliate fiscalmente

Dettagli

Codice deontologico dell Associazione svizzera di Fisioterapia

Codice deontologico dell Associazione svizzera di Fisioterapia Codice deontologico dell Associazione svizzera di Fisioterapia 1. Preambolo Stimati membri, Esercitando la vostra attività professionale vi impegnate ogni giorno per il bene di molte persone. Ne risultano

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

Soci amministratori unici con tutela assicurativa INAIL

Soci amministratori unici con tutela assicurativa INAIL Ai gentili clienti Loro sedi Soci amministratori unici con tutela assicurativa INAIL Premessa L INAIL, con una nota, in risposta ad un quesito dell Ordine dei Consulenti del lavoro (prot. n. 60010 del

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

IL RUOLO DEL CHIRURGO PLASTICO NELLE CONSULENZE MEDICO-LEGALI Sabato 2 febbraio 2013 Clinica CittàGiardino Padova

IL RUOLO DEL CHIRURGO PLASTICO NELLE CONSULENZE MEDICO-LEGALI Sabato 2 febbraio 2013 Clinica CittàGiardino Padova IL RUOLO DEL CHIRURGO PLASTICO NELLE CONSULENZE MEDICO-LEGALI Sabato 2 febbraio 2013 Clinica CittàGiardino Padova QUESTIONARIO RISPOSTE CORRETTE Il test si supera se le risposte esatte sono 34 sul totale

Dettagli

Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro

Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro Circolare n. 9/09 del 28.settembre.2009* Mobbing e tutela delle condizioni di lavoro Mobbing nei luoghi di lavoro Nozione. Con l espressione mobbing si intende la sequenza di atti o comportamenti posti

Dettagli

NOVITA. Con la Legge n. 27/2012 sono state apportate le seguenti aggiunte al Codice delle Assicurazioni Private (D. Lgs. 7 settembre 2005, n.

NOVITA. Con la Legge n. 27/2012 sono state apportate le seguenti aggiunte al Codice delle Assicurazioni Private (D. Lgs. 7 settembre 2005, n. NOVITA Con la Legge n. 27/2012 sono state apportate le seguenti aggiunte al Codice delle Assicurazioni Private (D. Lgs. 7 settembre 2005, n. 209): 1) Al comma 2 dell articolo 139 del codice delle assicurazioni

Dettagli

NUCLEO DI VALUTAZIONE

NUCLEO DI VALUTAZIONE Gli approfondimenti di Publika NUCLEO DI VALUTAZIONE O ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE SI PUÒ SCEGLIERE? A cura di Gianluca Bertagna NUCLEO O ORGANISMO INDIPENDENTE DI VALUTAZIONE A cura di Gianluca

Dettagli

SORVEGLIANZA SANITARIA

SORVEGLIANZA SANITARIA SORVEGLIANZA SANITARIA SORVEGLIANZA SANITARIA Definizione e obiettivi Negli anni '80, nel corso di una riunione della Comunità Economica Europea, la sorveglianza sanitaria è stata definita come "la valutazione

Dettagli

SICUREZZA DEL PAZIENTE E RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE

SICUREZZA DEL PAZIENTE E RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE SICUREZZA DEL PAZIENTE E RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE 26-27 Giugno 2015 Hotel 501 Vibo Valentia LA GESTIONE DEL CONFLITTO E DEL CONTENZIOSO NEI SISTEMI SANITARI Prof Pietrantonio Ricci MONITORAGGIO MEDICO-LEGALE

Dettagli

aspetti legali e assicurativi

aspetti legali e assicurativi La Sperimentazione clinica non-profit profit: un opportunit opportunità per il miglioramento della pratica clinica Rimini, 14 ottobre 2009 * Studi non-profit profit: aspetti legali e assicurativi Pietro

Dettagli

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca

LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca LA RISARCIBILITA DEL DANNO NELL IPOTESI DI SEPARAZIONE CON ADDEBITO Avv. Matteo Santini Dott.ssa Roberta Lumaca La problematica circa l ammissibilità o meno del risarcimento del danno nell ipotesi di separazione

Dettagli

DANNO PATRIMONIALE DANNO NON PATRIMONIALE. Danno morale Carducci DANNO ALLA PERSONA RISARCIMENTO DANNO

DANNO PATRIMONIALE DANNO NON PATRIMONIALE. Danno morale Carducci DANNO ALLA PERSONA RISARCIMENTO DANNO DANNO ALLA PERSONA LESIONI FISICHE DECESSO RISARCIMENTO DANNO DANNO PATRIMONIALE DANNO NON PATRIMONIALE Mancato guadagno, spese sostenute a seguito del sinistro Danno biologico (comma 2 art. 139 del Codice

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

Caratteristiche della prestazione intellettuale:

Caratteristiche della prestazione intellettuale: LEGALITA E PROFESSIONE VETERINARIA 1 PROFESSIONE A CARATTERE INTELLETTUALE Caratteristiche della prestazione intellettuale: 1. Prevalenza del dato intellettuale sull attività materiale o manuale. 2. Autonomia

Dettagli

RACCOLTA FIRMA PER L INTRODUZIONE DEL REGISTRO DEI TESTAMENTI BIOLOGICI DEL COMUNE DI VERONA

RACCOLTA FIRMA PER L INTRODUZIONE DEL REGISTRO DEI TESTAMENTI BIOLOGICI DEL COMUNE DI VERONA RACCOLTA FIRMA PER L INTRODUZIONE DEL REGISTRO DEI TESTAMENTI BIOLOGICI DEL COMUNE DI VERONA Premesso che: - l articolo 32 della Costituzione Italiana afferma che "La Repubblica tutela la salute come fondamentale

Dettagli

GESTIONE SANITARIA DELLE MALATTIE PROFESSIONALI E DELL INFORTUNISTICA SUL LAVORO E ADEMPIMENTI OBBLIGATORI DI SICUREZZA SUL LAVORO

GESTIONE SANITARIA DELLE MALATTIE PROFESSIONALI E DELL INFORTUNISTICA SUL LAVORO E ADEMPIMENTI OBBLIGATORI DI SICUREZZA SUL LAVORO Conforme per progettazione ed erogazione di eventi formativi in ambito socio-sanitario Organizzatore: J&B S.r.l. U. Indirizzo: VIA PIEMONTE 12 Città: 87036 RENDE Telefono: 0984/837852 Fax: 0984/830987

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI Deliberazione n. 19/2015/VSG REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE DI CONTROLLO PER LA REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE/SÜDTIROL SEDE DI TRENTO composta dai Magistrati: Diodoro VALENTE Gianfranco POSTAL

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

INAIL Direzione Regionale Lombardia. Le prestazioni INAIL

INAIL Direzione Regionale Lombardia. Le prestazioni INAIL INAIL Direzione Regionale Lombardia Le prestazioni INAIL 1 LE PRESTAZIONI ASSICURATIVE A FRONTE DEL PAGAMENTO DEL PREMIO ASSICURATIVO QUANDO SI VERIFICA UN EVENTO INDENNIZZABILE L INAIL EROGA DUE TIPI

Dettagli

CNF- Ufficio studi. Roma via del Governo Vecchio, 3 tel. 0039.06.977488 fax 0039.06.97748829

CNF- Ufficio studi. Roma via del Governo Vecchio, 3 tel. 0039.06.977488 fax 0039.06.97748829 Sulle circolari della Direzione generale della giustizia civile in materia di iscrizione e controllo sugli organismi di mediazione e sugli enti formatori. Richiesta di chiarimenti 1. In ordine alla circolare

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Andrea Gemma Avv. Michele Maccarone Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio E' la difesa garantita a ciascun imputato che non abbia provveduto a nominare un proprio difensore di fiducia o ne sia rimasto privo. E' prevista dalla legge al fine di garantire il diritto di difesa in

Dettagli

L ASSISTENZA LEGALE AL LAVORATORE E IL RUOLO DELL ANMIL

L ASSISTENZA LEGALE AL LAVORATORE E IL RUOLO DELL ANMIL L ASSISTENZA LEGALE AL LAVORATORE E IL RUOLO DELL ANMIL QUALI SONO I DIRITTI DEL LAVORATORE VITTIMA DI INFORTUNIO? La prima missione di ANMIL è informare i lavoratori circa i loro diritti. La particolarità

Dettagli

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo VISTA la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 e successive modificazioni; VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300 e successive

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO TABELLE 2013 liquidazione del danno permanente da lesioni comprensivo del danno non patrimoniale

TRIBUNALE DI MILANO TABELLE 2013 liquidazione del danno permanente da lesioni comprensivo del danno non patrimoniale TRIBUNALE DI MILANO TABELLE 2013 liquidazione del danno permanente da lesioni comprensivo del danno non patrimoniale omaggio di ASSOCIAZIONE NAZIONALE ESPERTI INFORTUNISTICA STRADALE A.N.E.I.S. Presidenza

Dettagli

DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP

DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP DEFINIZIONE DI MENOMAZIONE, DISABILITÀ E HANDICAP E enorme la confusione nella terminologia relativa all handicap. Per questo negli ultimi 20 anni l OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha diffuso

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n. 91 IL MINISTRO Direzione Generale per i Rapporti con l Unione Europea e per i Rapporti Internazionali DISPOSIZIONI IN MATERIA DI TRAPIANTO DI ORGANI ALL ESTERO AI SENSI DELL ARTICOLO 20 DELLA LEGGE 1 APRILE 1999, n.

Dettagli

Malattie professionali e ruolo del Medico Competente

Malattie professionali e ruolo del Medico Competente Malattie professionali e ruolo del Medico Competente Graziano Frigeri Medico Competente, Presidente Assoprev Il Sistema Assicurativo L'INAIL è l'ente assicuratore di diritto pubblico competente per l'assicurazione

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI Approvato con deliberazione n. AC 149/19 del 01.03.2012 del Commissario Straordinario con poteri del Consiglio Comunale REGOLAMENTO PER

Dettagli

OGGETTO TRASFERIMENTO D UFFICIO AD ALTRA AZIENDA DEL SSR

OGGETTO TRASFERIMENTO D UFFICIO AD ALTRA AZIENDA DEL SSR 1 OGGETTO TRASFERIMENTO D UFFICIO AD ALTRA AZIENDA DEL SSR QUESITO (posti in data 2 luglio 2012) Il Presidio Ospedaliero Santissima Annunziata, Ospedale pediatrico dell'asl Napoli1 dotato di Nido, ovvero

Dettagli

Compravendita: evizione parziale subita dal compratore dell immobile acquistato

Compravendita: evizione parziale subita dal compratore dell immobile acquistato STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Aiutare a far riconoscere i propri diritti

Aiutare a far riconoscere i propri diritti Aiutare a far riconoscere i propri diritti Chiarire, conciliare, trovare un accordo La Commissione conciliativa per questioni di responsabilità medica 1 Provincia Autonoma di Bolzano Alto Adige 2 3 Prefazione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Norme sulla riparazione e prevenzione dei danni da attività medica. Art. 1 Responsabilità per danni da attività medica

DISEGNO DI LEGGE. Norme sulla riparazione e prevenzione dei danni da attività medica. Art. 1 Responsabilità per danni da attività medica S.I.S.Di.C - Commissione Responsabilità civile Disegno di legge d iniziativa del Coordinatore Prof. M. Zana DISEGNO DI LEGGE Norme sulla riparazione e prevenzione dei danni da attività medica Art. 1 Responsabilità

Dettagli

INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI

INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI INDENNIZZO DIRETTO EX ART. 149 CODICE DELLE ASSICURAZIONI di Guido Belli Cultore di diritto civile nell Università di Bologna SOMMARIO: 1. Il risarcimento diretto. 2. Ambito di applicazione. 3. Questioni

Dettagli

Indagini bancarie aperte a tutti.

Indagini bancarie aperte a tutti. Indagini bancarie aperte a tutti. Ok all uso della presunzione in generale sull attività di accertamento che, pertanto, valgono per la rettifica dei redditi di qualsiasi contribuente autonomo pensionato

Dettagli

MOZIONE : INTRODUZIONE TESTAMENTO BIOLOGICO AD ANCONA

MOZIONE : INTRODUZIONE TESTAMENTO BIOLOGICO AD ANCONA MOZIONE : INTRODUZIONE TESTAMENTO BIOLOGICO AD ANCONA data 8 aprile 2015 4 MOZIONE In base all art. 23 e 27 del regolamento del consiglio comunale di Ancona Al sig. Sindaco e al sig. Presidente del Consiglio

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO LIMITI ALL ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE EXTRAMOENIA QUESITI (posti in data 5 ottobre 2012) Un dirigente medico che ha optato per il rapporto di lavoro non esclusivo può svolgere la sua

Dettagli

AGENZIA PER LE ONLUS. ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

AGENZIA PER LE ONLUS. ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alla contestuale iscrizione di un associazione di promozione sociale nel Registro

Dettagli

PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI RISARCIMENTO DEL DANNO DA SINISTRO STRADALE

PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI RISARCIMENTO DEL DANNO DA SINISTRO STRADALE Prefazione dell Autore... V CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI RISARCIMENTO DEL DANNO DA SINISTRO STRADALE 1. I principi generali in tema di danno da fatto illecito extra contrattuale. 2 2. La nozione

Dettagli

IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI

IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI IL DANNO DA NASCITA MALFORMATA E I DIRITTI DEL NEONATO Cass., sez. III civ., 2 ottobre 2012, n. 16754 commento Chiara ALUISI P&D.IT La terza sezione della Corte di Cassazione interviene sulla vexata questio

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli