COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA"

Transcript

1 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 29/12/2003 Nr. Prot Trasmessa al Prefetto il Nr. Prot. Trasmessa / Ritrasmessa al CO.RE.CO. il Nr. Prot. il Nr. Prot. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO. PROVVEDIMENTI INERENTI. Cod. Materia : 8 2 CONTRATTI DIVERSI NR. Progr. Data Seduta NR. Categoria Classe Sottoclasse /12/ L'anno DUEMILATRE questo giorno VENTI del mese di DICEMBRE alle ore 9:30 convocata con le prescritte modalità, nella solita sala delle adunanze si è riunita la Giunta Comunale. Fatto l'appello nominale risultano: Cognome e Nome Carica COCCHI ANNA PRESIDENTE S PELI GIANFRANCO ASSESSORE S LIPPARINI ADOLFO ASSESSORE S MARINI ANGELINA ASSESSORE S BUSSOLARI ROBERTA ASSESSORE S ROTUNDO STEFANO ASSESSORE S SANTAGADA GIULIO ASSESSORE S TOTALE Presenti 7 TOTALE Assenti 0 Presente Assenti Giustificati i signori : Nessun Assessore risulta assente. Partecipa il SEGRETARIO GENERALE del Comune, DR.SSA RAFFAELLA GALLIANI. La Sig.ra COCCHI ANNA in qualità di SINDACO assume la presidenza e, constatata la legalità della adunanza, dichiara aperta la seduta invitando la Giunta a deliberare sull'oggetto sopra indicato.

2 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE NR. 175 DEL 20/12/2003 OGGETTO: AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO. PROVVEDIMENTI INERENTI. LA GIUNTA COMUNALE Premesso: - che la Legge n. 36 del 5 gennaio 1994 Disposizioni in materia di risorse idriche ha introdotto il concetto di servizio idrico integrato costituito dall insieme dei servizi pubblici di captazione, adduzione e distribuzione di acqua ad usi civili, di fognatura e depurazione delle acque reflue individuandolo come insieme di servizi da gestirsi da parte di un unico gestore; - che in data 14 gennaio 2002 è stata costituita - con atto Rep. n , fasc. n Studio notarile Stame e Zerbini - l Agenzia prevista dalla L.R. n. 25/99 per l A.T.O. n. 5 - R.E.R., denominata Agenzia di Ambito per i Servizi Pubblici di Bologna, alla quale competono le funzioni indicate dalla L.R. n. 25/99 ed in particolare l espletamento delle procedure di affidamento dei servizi e l instaurazione dei relativi rapporti; - che ai sensi dell art comma 3 - della L.R. n. 25/99, l Agenzia dovrà elaborare idonea convenzione, da stipulare con il gestore individuato ai sensi dell art comma 1 - lett. a) della L.R. n. 25/99, per la gestione del servizio idrico integrato; - che in applicazione delle decisioni assunte dalla Assemblea dei Soci del , in data il Comune di Bologna, Socio di maggioranza di Hera S.p.A. (già Seabo S.p.A.), ha presentato domanda di salvaguardia della gestione del servizio idrico integrato svolta dalla Società, ai sensi dell art. 9 della Legge n. 36/94 e dell art. 11 della L.R. E.R. n. 25/99; - che con delibera n. 2 del 7 aprile 2003 l Assemblea di ATO 5 ha stabilito la salvaguardabilità di Hera S.p.A. nei termini previsti dalla L.R. n. 25/99 e s.m.i.; - che l Amministrazione Comunale ritiene la gestione tramite Hera S.p.A. dei servizi fognatura e depurazione adeguata e coerente rispetto agli obiettivi perseguiti dalla normativa di settore e pertanto in linea con le determinazioni che l Agenzia d Ambito di Bologna dovrà assumere ai sensi e per gli effetti dell art comma 5 - della Legge 28 dicembre 2001, n. 448; - che ATO 5 ha formulato parere favorevole alla cessione anticipata dei servizi fognatura e depurazione con lettera Prot. 1095/03/RM del 30 settembre 2003; - che il Comune di Anzola dell Emilia aveva già affidato a Seabo S.p.A. (ora Hera S.p.A.) la gestione dei servizi idrici, limitatamente alla distribuzione di acqua potabile, sulla base del Contratto di Servizio sottoscritto in data 16 gennaio 1997;

3 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE NR. 175 DEL 20/12/ che con deliberazione n. 73 del , dichiarata immediatamente eseguibile, il Consiglio Comunale ha deciso di esternalizzare anche la gestione del servizio e degli impianti di fognatura e depurazione dell intero territorio, precedentemente gestiti in economia, al fine di consentire la gestione globale ed unitaria del servizio idrico integrato ; Ritenuto per le considerazioni di cui sopra di affidare il servizio di fognatura e depurazione nel territorio comunale ad HERA SPA di Bologna, ai patti ed alle condizioni contenute nello schema di contratto di servizio e di disciplinare tecnico, allegati alla presente deliberazione; Dato atto che è stato acquisito il parere favorevole espresso dal Direttore dell Area Pianificazione e Gestione Economico/Territoriale in ordine alla regolarità tecnica; Con voti unanimi resi nei modi di legge D E L I B E R A 1) Per le ragioni di cui in premessa, di affidare ad HERA S.P.A. di Bologna a decorrere dal la gestione del servizio di fognatura e depurazione sul territorio comunale; 2) Di dare atto che il rapporto tra la Società Hera Spa e l Amministrazione comunale sarà regolato dal contratto di servizio, secondo lo schema allegato al presente provvedimento sotto la lettera A), e dal disciplinare tecnico, secondo lo schema allegato al presente provvedimento sotto la lettera B), per formarne parte integrante e sostanziale; 3) Di dare atto altresì che in virtù del suddetto contratto di servizio, Hera corrisponderà al Comune di Anzola dell Emilia un canone annuo di ,00, oltre I.V.A., che sarà introitato su appositi Capitoli del Piano Esecutivo di Gestione 2004; 4) Di dare atto infine che il presente contratto di servizio avrà validità fino all affidamento del servizio idrico integrato da parte dell Agenzia d Ambito per i Servizi Pubblici di Bologna; Con separata ed unanime votazione si dichiara immediatamente eseguibile la presente deliberazione, ai sensi dell art comma - del Decreto Legislativo n. 267.

4 COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA Provincia di Bologna ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. N. 175 DEL IL SINDACO F.to (Cocchi Anna) IL SEGRETARIO GENERALE F.to (Dr.ssa Raffaella Galliani)

5 Contratto di servizio tra Comune di Anzola dell Emilia e HERA S.p.A. per la gestione dei servizi di fognatura e depurazione e dei relativi impianti Tra Il Comune di Anzola dell Emilia, con sede in Anzola dell Emilia via Grimandi 1, cod. fisc nella persona dell'ing. Giuseppe Marchegiani, in qualità di Direttore dell Area Pianificazione e Gestione Economico/Territoriale, in tale veste abilitato alla stipulazione dei contratti in base all art. 107 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267, domiciliato ai fini della presente convenzione presso la sede dell Amministrazione Comunale in Anzola dell Emilia, Via Grimaldi 1; e La Società HERA S.p.A., con sede legale in Bologna, Viale Carlo Berti Pichat, n. 2/4, cod. fis./part. I.V.A , in persona della dott.ssa Mila Fabbri, Direttore Legale e Societario, la quale interviene alla presente scrittura in virtù dei poteri conferiti con Procura repertorio n fascicolo n , domiciliato ai fini della presente convenzione presso la sede della Società in Bologna, Viale Berti Pichat 2/4; PREMESSO - che Seabo S.p.A. è stata costituita il 10 marzo 1995 da Comune di Bologna, Provincia di Bologna ed altri Comuni dell area metropolitana bolognese per la gestione dei servizi pubblici energetico ambientali; - che in data 21 ottobre 2002, Seabo S.p.A. ha mutato la propria denominazione in Hera S.p.A. in esecuzione del progetto "di scissione e fusione" tra le società Seabo S.p.A., AMI S.p.A, TAULARIA S.p.A., AMF S.p.A., AMIA S.p.A., AREA S.p.A., ASC S.p.A., TEAM S.p.A. e UNICA S.p.A., con atto del notaio Federico Stame repertorio n fascicolo n 16694; - che Hera S.p.A., dal 1 novembre 2002 subentra nei rapporti attivi e passivi di Seabo S.p.A e prosegue nella gestione dei servizi di pertinenza dei Comuni, in continuità con la gestione di Seabo medesima e con possibilità di avvalersi per i servizi affidati di Società territoriali da Hera

6 S.p.A. integralmente controllate; - che la predetta Hera S.p.A. ha per oggetto sociale, fra l altro: (a) gestione integrata delle risorse idriche e quindi (i) captazione sollevamento, trasporto, trattamento, distribuzione e vendita dell acqua per qualsiasi uso ed in qualsiasi forma, (ii) raccolta, trattamento e smaltimento di acque reflue e/o meteoriche, (iii) costruzione e gestione di impianti di trattamento e depurazione delle acque di scarico (iv) progettazione, realizzazione e gestione di invasi artificiali e dighe; (b) omissis (c) omissis - che la Legge n. 36 del 5 gennaio 1994 Disposizioni in materia di risorse idriche ha introdotto il concetto di servizio idrico integrato costituito dall insieme dei servizi pubblici di captazione, adduzione e distribuzione di acqua ad usi civili, di fognatura e depurazione delle acque reflue individuandolo come insieme di servizi da gestirsi da parte di un unico gestore; - che in data 14 gennaio 2002 è stata costituita - con atto rep. n , fasc. n Studio notarile Stame e Zerbini - l Agenzia prevista dalla L.R. 25/99 per l A.T.O. n. 5 - R.E.R., denominata Agenzia di Ambito per i Servizi Pubblici di Bologna. All Agenzia competono le funzioni indicate dalla L.R. 25/99 ed in particolare l espletamento delle procedure di affidamento dei servizi e l instaurazione dei relativi rapporti; - che ai sensi dell art.10 comma 3 della L.R. 25/99, l Agenzia dovrà elaborare idonea convenzione, da stipulare con il gestore individuato ai sensi dell art. 10 comma 1 lett. a) della L.R. 25/99, per la gestione del servizio idrico integrato; - che, in applicazione delle decisioni assunte dalla Assemblea dei Soci del 30/5/02, in data 3/7/02 il Comune di Bologna, Socio di maggioranza di Hera S.p.A. (già Seabo S.p.A.), ha presentato domanda di salvaguardia della gestione del servizio idrico integrato svolta dalla Società, ai sensi dell art. 9 della L. 36/94 e dell art. 11 della L.R. E.R. 25/99;

7 - Che con delibera n. 2 de 7 aprile 2003 l Assemblea di ATO 5 ha stabilito la salvaguardabilità di Hera S.p.A. nei termini previsti dalla L.R. 25/99 e s.m.i.; - Che l Amministrazione Comunale ritiene la gestione tramite Hera S.p.A. dei servizi oggetto del presente contratto adeguata e coerente rispetto agli obiettivi perseguiti dalla normativa di settore e pertanto in linea con le determinazioni che l Agenzia d Ambito di Bologna dovrà assumere ai sensi e per gli effetti dell art. 35, comma 5, della L. 28 dicembre 2001, n. 448; - Che ATO 5 ha formulato parere favorevole alla cessione anticipata dei servizi oggetto della presente convenzione con lettera prot. 1095/03/RM del 30 settembre 2003; - che il Comune di Anzola dell Emilia aveva già affidato a Seabo S.p.A. (ora Hera S.p.A.) la gestione dei servizi idrici, limitatamente alla distribuzione di acqua potabile, sulla base del Contratto di Servizio sottoscritto in data 16 gennaio 1997; - che pertanto con deliberazione n. 73 del , esecutiva ai sensi di legge, il Consiglio Comunale di Anzola dell Emilia ha deciso di esternalizzare anche la gestione del servizio e degli impianti di fognatura e depurazione dell intero territorio, precedentemente gestiti in economia, al fine di consentire la gestione globale ed unitaria del servizio idrico integrato ; - che la Giunta Comunale con deliberazione n. del, dichiarata immediatamente eseguibile, ha stabilito di affidare il suddetto servizio ad HERA S.P.A. di Bologna, approvando nel contempo lo schema di contratto di servizio; - che l affidamento è dato alla Società con diritto di esclusiva in tutto il territorio del Comune, con riferimento ai servizi oggetto del presente contratto, descritti nell allegato Disciplinare Tecnico allegato sub 1), che costituisce parte integrante del presente contratto e nel contratto stesso ai sensi e per gli effetti della normativa vigente. Tutto ciò premesso convengono e stipulano quanto segue: Art. 1 - Oggetto del contratto Il Comune di Anzola dell Emilia, in seguito denominato Comune, affida a HERA S.p.A., in

8 seguito denominata Società, la gestione dei servizi di fognatura e depurazione dell intero territorio e la manutenzione ordinaria e straordinaria urgente ed indifferibile (ai sensi del p.to 2.2 del Disciplinare Tecnico) delle reti e degli impianti necessari e strumentali all esercizio dei servizi medesimi di proprietà comunale. GESTIONE SERVIZIO FOGNATURA Art. 2 - Prestazioni ricomprese nel servizio. 1. Sono ricomprese nella gestione del servizio fognatura le seguenti attività: A. Realizzazione e successiva gestione del catasto della rete fognaria e di tutti gli impianti oggetto del contratto mediante aggiornamento, per tutto il periodo contrattuale, dell attuale consistenza degli stessi impianti; B. Servizio di pronto intervento, anche notturno e festivo, per tutte le situazioni di emergenza; C. Messa in sicurezza degli impianti in seguito a danni provocati da terzi o conseguenti ad eventi meteorici; D. Interventi di ripristino in caso di cedimenti o crolli delle condotte; E. Sostituzione in caso di collabenza, rimessa in quota e manutenzione delle botole di accesso ai pozzi visita ai manufatti fognari ogni volta che si rende necessario, esclusi i casi in cui l intervento di rimessa in quota sia reso necessario da attività di rifacimento del manto stradale, anche se svolta in data antecedente a quella di contratto. Sono esclusi inoltre interventi di rimessa in quota dei manufatti suddetti in caso di cedimento del corpo stradale (vedi art. - 2 comma), a seguito di verifica in contraddittorio con il Comune; F. Verifica periodica degli impianti di sollevamento delle acque, ivi compresi gli eventuali interventi manutentivi; G. Verifica della funzionalità idraulica della rete fognaria, ed eventuali interventi di

9 espurgo nel caso di occlusioni dovute a materiali solidi trasportati; H. Controllo periodico degli scaricatori e relativi interventi manutentivi; I. Attività di controllo e verifica di carattere generale sulle condizioni di funzionamento della rete; J. Funzioni amministrative relative alle attività svolte sul territorio per il sistema fognario nel rispetto delle facoltà consentite dalla vigente normativa. La funzione di autorizzazione degli allacciamenti fognari resta in capo al Comune, la Società esprimerà il proprio parere sull autorizzazione agli allacciamenti fognari; K. Attività di controllo degli scarichi in pubblica fognatura ai sensi degli artt. 49 e 50 del D.Lgs. 152/99 e dell art. 26 della L. 36/94; in questo contesto alla Società compete la funzione istruttoria prevista dall'art. 112 comma 2 della L.R. 3/99 in merito all'autorizzazione degli scarichi di acque reflue industriali nelle reti fognarie gestite; L. Interventi urgenti su infrastrutture non comprese fra quelle affidate in gestione ai sensi dell'art. 1 ma comunque ad esse connesse e/o interferenti, da effettuarsi, previa apposita autorizzazione comunale e con oneri a carico del Comune, in caso di situazioni di pericolo a persone o cose ovvero di pregiudizio della funzionalità della pubblica fognatura. 2. Per lo svolgimento delle richiamate attività dovranno essere volturate alla Società le utenze elettriche relative agli impianti in esercizio. Le autorizzazioni relative a scolmatori di piena, scarichi di fogne e troppo pieno e quant altro attinente al funzionamento dell impianto, verranno intestate alla Società all atto del loro rinnovo. 3. Le attività connesse al servizio risultano dettagliatamente descritte nel Disciplinare tecnico per la regolamentazione della gestione del servizio di fognatura, depurazione e dei relativi impianti che si allega sub 1) e che costituisce parte integrante del presente contratto.

10 4. Il "Regolamento di fognatura e depurazione" del Comune di Anzola dell Emilia, per quanto non in contrasto con la recente Delibera Regionale n 1053/2003, è parte integrante del presente contratto di servizio. 5. La Società si impegna ad adeguare, se necessario, la Carta dei Servizi allegata al Contratto di Servizio per l affidamento a Seabo S.p.A. dei servizi idrici da parte del comune di Anzola dell Emilia sottoscritto tra le parti in data 16 gennaio 1997, in relazione alle caratteristiche dell ulteriore servizio pubblico affidato. Le eventuali modifche/integrazioni alla Carta dei Servizi ritenute necessarie dovranno essere formulate nel rispetto delle eventuali linee guida predisposte da ATO 5 e, successivamente approvate da ATO 5. Art. 3 Esecuzione delle prestazioni comprese nel servizio Personale. 1. La gestione tecnico operativa delle prestazioni di cui al precedente articolo 2. sarà svolta da parte della società operativa territoriale Hera Bologna SRL unipersonale, società di cui Hera SPA detiene il 100 % del capitale sociale. 2. A tale scopo, il personale tecnico - operativo del Comune addetto al servizio affidato ad Hera SPA sarà trasferito direttamente a Hera Bologna SRL unipersonale ; il personale da trasferire risulta dall allegato al presente contratto. Art. 4 - Obiettivi e standard del servizio relativo alle reti ed agli impianti fognari 1. Il Comune di Anzola dell Emilia, in accordo con ATO 5, definirà periodicamente gli standard di qualità che la Società dovrà garantire nella gestione del servizio, nella gestione di reti ed impianti e gli obiettivi di miglioramento qualitativo. 2. Gli standard qualitativi vengono definiti sulla base dei seguenti principi: favorire, nei limiti dimensionali di progetto della rete fognaria e tenuto conto di eventuali impropri collettamenti in essa di corsi d'acqua naturali, la funzionalità idraulica della stessa rete al fine di:

11 ridurre e possibilmente eliminare l attivazione anomala degli scaricatori ed il conseguente sversamento di liquami; ridurre e possibilmente eliminare gli allagamenti della sede stradale dovuti a malfunzionamenti delle reti miste con esclusione di quanto definito all Art. 2 punto E. garantire la sicurezza ed arrecare ai cittadini i minori disagi possibili attivando un servizio di pronto intervento in seguito ad emergenze, da effettuare secondo le definizioni e le modalità indicate nel Disciplinare allegato al sub 1). garantire per 5 giorni a settimana il servizio di informazione, assistenza e controllo verso i cittadini relativamente alle specifiche problematiche tecnico-amministrative, riducendo i tempi dei procedimenti connessi. 3. Le prescrizioni tecniche e gli standard potranno essere rivisti in relazione alle mutate esigenze dell Amministrazione, in accordo con ATO 5, degli utenti o a specifiche evoluzioni tecnologiche. Art. 5 Estensioni, ampliamenti e modifiche. 1. Le estensioni, gli ampliamenti e le modifiche di reti ed impianti fognari, da qualsiasi Soggetto realizzati, dovranno essere preventivamente ed esplicitamente autorizzati dalla Società che ne valuterà la congruità tecnica, economica e gestionale, fatte salve le previsioni già contenute nel PRG vigente alla data di sottoscrizione del presente contratto. 2. Le estensioni, gli ampliamenti e le modifiche di reti ed impianti fognari di competenza del Comune potranno essere affidati, in accordo con ATO 5, dal Comune alla Società, la quale potrà provvedere alla loro realizzazione anche per il tramite di società controllate. 3. Nei casi in cui il soggetto attuatore sia diverso dalla Società, oltre all'acquisizione dell'autorizzazione di cui al precedente comma 1, la Società si riserva la possibilità di effettuare l'alta sorveglianza dei lavori, a titolo non oneroso, segnalando al Comune eventuali aspetti realizzativi che potrebbero pregiudicare il corretto funzionamento delle reti e degli impianti.

12 4. Le opere realizzate saranno successivamente affidate in concessione e consegnate alla Società, redigendone apposito verbale, per la gestione del servizio, previ accordi e verifiche tra le parti. Art. 6 - Manutenzione di reti ed impianti di sollevame nto. 1. Per manutenzione ordinaria si intendono tutti gli interventi che servono per mantenere in efficienza e funzionanti gli impianti e le reti fognarie esistenti. 2. Per interventi urgenti e indifferibili di manutenzione straordinaria si intendono gli interventi di cui al punto 2.2 del Disciplinare Tecnico e nei limiti dimensionali dell allegato Ogni altro intervento di manutenzione che comporti la realizzazione o il rifacimento di tratti di rete fognaria e/o di impianti di sollevamento delle acque non più funzionali, ivi compresi adeguamenti normativi, potenziamenti, adeguamenti ed estensioni di rete, potrà essere realizzato dalla Società sulla base di programmi previsti nel piano d ambito ed approvati dall autorità competente o in alternativa a seguito di specifica richiesta del Comune che, in accordo con ATO 5, sosterrà le relative spese. 4. Per una più dettagliata descrizione delle attività di manutenzione ordinaria le parti fanno riferimento al già citato Disciplinare Tecnico allegato sub 1). 5. Per la realizzazione degli interventi la Società adotterà le misure necessarie volte ad arrecare ai cittadini il minore disagio possibile, nonché le forme di comunicazione più opportune, in particolare avrà cura di informare tempestivamente l Ufficio Tecnico Comunale degli interventi previsti. 6. Alla scadenza del contratto i beni oggetto di concessione dovranno essere riconsegnati al Comune, o ad altro soggetto da esso indicato, in buono stato di efficienza, comunque non inferiore a quello della consegna. GESTIONE SERVIZIO DEPURAZIONE Art. 7 - Prestazioni ricomprese nella gestione del servizio depurazione. 1. Sono comprese nella gestione del servizio depurazione le seguenti attività:

13 a) La manutenzione ordinaria degli impianti; b) La realizzazione e successiva gestione del catasto di tutti gli impianti oggetto del servizio di depurazione mediante aggiornamento, per tutto il periodo contrattuale, dell attuale consistenza degli stessi impianti; c) Il servizio di pronto intervento, anche notturno e festivo, per tutte le situazioni di emergenza. 2. In particolare la Società dovrà provvedere: a) all'esecuzione a propria cura e spese, utilizzando a tale scopo anche i propri laboratori di analisi, dei necessari controlli qualitativi, secondo le tipologie e le frequenze previste dalla normativa vigente e dalla convenzione in essere tra Comune, Provincia ed Arpa; b) alla gestione operativa degli impianti di depurazione al fine di garantirne il regolare funzionamento; c) alle operazioni di controllo analitico in campo, relative alla determinazione di alcuni parametri di routine per la gestione del processo di depurazione; d) alle operazioni di estrazione e smaltimento dei fanghi di supero prodotti dagli impianti di depurazione e trattamento rifiuti speciali. Ogni altro intervento dovuto ad adeguamenti normativi e/o potenziamenti che comporti la realizzazione o il rifacimento di parti e sezioni di impianti non più funzionali, potrà essere realizzato dalla Società sulla base di programmi previsti nel piano d ambito ed approvati dall autorità competente o in alternativa a seguito di specifica richiesta del Comune che, in accordo con ATO 5, sosterrà le relative spese. 3. Per lo svolgimento delle attività dovranno essere volturate alla Società le utenze (elettriche, acquedottistiche, telefoniche, ecc ) relative agli impianti in esercizio. Le autorizzazioni attinenti al funzionamento dell impianto, verranno intestate alla Società all atto del loro rinnovo.

14 4. La Società si impegna al rispetto di tutto quanto previsto nel "Regolamento di depurazione" e nella "Carta dei servizi acqua" approvati dalla Società stessa. 5. Il servizio relativo alla gestione degli impianti di depurazione è da considerarsi ad ogni effetto servizio pubblico; pertanto l erogazione da parte della Società dovrà avere carattere di regolarità, continuità e completezza. 6. Casi di funzionamento irregolare o di interruzione potranno verificarsi soltanto per manutenzioni programmate, esigenze tecniche non prevedibili o cause di forza maggiore espressamente previste e regolate dalla normativa di settore. 7. La Società s'impegna a provvedere a tutte le azioni necessarie a garantire che le acque reflue, convogliate all impianto di depurazione attraverso la rete di pubblica fognatura, rispettino dopo il trattamento i parametri previsti per lo scarico in acque superficiali del D.Lgs. 152/99 e della L.R. 7/83, fermo restando che le immissioni di acque reflue urbane in fogna provengono da scarichi autorizzati e fatto salvo il preventivo parere del gestore circa l ammissibilità, ai fini delle capacità depurative degli impianti, di eventuali deroghe. NORME COMUNI AD ENTRAMBI I SERVIZI Art. 8 - Concessione di reti ed impianti. 1. I beni costituenti reti ed impianti fognari e di depurazione vengono affidati in concessione dal Comune, che ne rimane proprietario, alla Società per la gestione del relativo servizio. 2. Il Comune dichiara di aver regolarizzato ogni aspetto economico e/o giuridico con terzi soggetti interessati dall esistenza di impianti e reti fognari e/o di depurazione insistenti su aree di loro proprietà. In particolare il Comune s impegna a mantenere manlevata ed indenne la Società da qualsiasi pretesa a tale titolo avanzata. 3. Il Comune, altresì, solleva la Società dal pagamento di ogni e qualsiasi onere/tassa/canone, eventualmente allo stesso dovuto, relativamente all occupazione di suolo/sottosuolo in dipendenza degli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria previsti nel presente

15 contratto. 4. Il Comune, in accordo con ATO 5, dovrà verificare con la Società la compatibilità con la gestione del pubblico servizio prima di concedere a terzi, anche parzialmente, l utilizzo delle reti e degli impianti. 5. Gli impianti oggetto del presente contratto sono quelli ricompresi nel territorio del Comune e per brevi tratti nel territorio di comuni limitrofi. 6. Nei limiti di quanto previsto ai precedenti art. 6 comma 3 e art. 7 comma 3, la Società assume l'obbligo per tutta la durata del presente contratto di provvedere a propria cura e spese alla gestione delle reti e degli impianti oggetto del servizio in conformità alle leggi vigenti ed alle norme di sicurezza in materia, in modo che siano sempre in stato di efficienza e possano rispondere regolarmente, in ogni momento, alle esigenze del servizio e per quanto previsto nel presente contratto. 7. La Società è tenuta alla loro manutenzione ordinaria, compresa la manutenzione non programmabile (pronto intervento). 8. La Società è tenuta inoltre a fornire tutte le prestazioni necessarie al mantenimento e corretto funzionamento delle reti e degli impianti, anche se non specificatamente indicate nel presente contratto. Art. 9 - Consistenza delle reti e degli impianti del servizio di fognatura e depurazione. 1. La consistenza attuale degli impianti ubicati sul territorio comunale si potrà desumere dal verbale di consegna degli impianti redatto secondo le modalità riportate all'art. 10 comma La Società aggiornerà autonomamente e costantemente i dati di consistenza delle reti e degli impianti fognari e di depurazione. 3. Il Comune, con riferimento alle concessioni od autorizzazioni relative al passaggio di reti su aree ferroviarie, autostradali o di proprietà di terzi, si impegna a far subentrare la Società nella situazione giuridica più idonea, da individuarsi caso per caso nel corso di apposita ricognizione

16 tra le parti. Art Consegna delle reti e degli impianti. 1. La consegna delle reti e degli impianti avverrà contestualmente alla sottoscrizione del presente contratto e la Società s impegna a prenderli in carico nelle condizioni in cui si trovano, con le precisazioni di cui ai successivi commi per gli impianti non rispondenti alla vigente normativa. 2. Entro i 12 mesi successivi alla consegna degli stessi la Società provvederà, eventualmente in contraddittorio con l ufficio tecnico del Comune, alla puntuale verifica di consistenza degli impianti, al fine di determinarne il reale stato d uso che costituirà riferimento per gli ulteriori obblighi di manutenzione previsti dal presente contratto. A seguito di tale verifica sarà redatto e sottoscritto apposito verbale. Il Comune s'impegna a collaborare fattivamente con la Società, anche rendendo disponibile proprio personale qualificato, affinchè nel passaggio della gestione venga facilitata la ricognizione dell'impiantistica, la consegna della cartografia aggiornata, la rilevazione delle criticità, la consegna della documentazione amministrativa e quanto altro si renda necessario per garantire la continuità del servizio. 3. Sino al completamento della verifica della consistenza delle reti e degli impianti, ogni responsabilità derivante da fenomeni di instabilità che daranno luogo ad interventi di manutenzione straordinaria resterà in capo al Comune, il quale è tenuto a dare informazione preventiva, mediante comunicazione scritta alla Società, delle situazioni a rischio esistenti alla data dl passaggio delle consegne. 4. Per eventuali tratti di rete ed impianti che sulla base di rilievi effettuati dalla Società dovessero evidenziare eventuali situazioni non conformi alla normativa vigente e non conosciute alla data di sottoscrizione del presente contratto, il Comune: a) resta titolare della responsabilità nei confronti di terzi sino al momento in cui tali impianti saranno regolarizzati; in particolare rimarrà in capo al Comune la titolarità degli scarichi ai sensi della L.R. 7/83 ovvero del D. Lgv. 152/99 e s.m.i.

17 b) si impegna a predisporre, in accordo con la Società, un piano di interventi per la messa a norma degli stessi prevedendo sia i tempi di realizzazione sia le metodologie di finanziamento. c) si impegna a sottoporre ad ATO 5 il piano degli interventi, al fine di verificarne l eventuale inserimento all interno del Piano di Ambito. 5. In considerazione dell incompleta documentazione esistente circa la consistenza effettiva delle reti e degli accessori di rete e dei tempi ed oneri necessari a definire compiutamente la loro consistenza, la Società provvederà a predisporre un piano programmatico pluriennale delle necessarie attività di ricognizione per la realizzazione del relativo catasto. 6. Nell'allegato sub 3), che forma parte integrante del presente contratto, è riportato l'elenco delle autorizzazioni allo scarico di acque reflue industriali in pubblica fognatura rilasciate dal Comune fino alla data di sottoscrizione del presente contratto. Il Comune dichiara che tali autorizzazioni sono state rilasciate avendo valutato positivamente la compatibilità di questi scarichi sia con la capacità di vettoriamento della rete fognaria sia con la tipologia del processo depurativo e con la capacità residua di trattamento degli impianti di depurazione cui essi affluiscono. Art. 11 Uso degli impianti 1. La Società è tenuta ad utilizzare e destinare gli impianti oggetto del presente contratto esclusivamente per la gestione del servizio di riferimento. 2. Potrà essere consentito l utilizzo per altre attività o iniziative solo a seguito di espressa autorizzazione da parte dell Amministrazione Comunale e dell ATO 5, previa verifica di compatibilità di tali ulteriori utilizzi con la destinazione primaria oggetto del presente contratto. 3. Eventuali utilizzazioni di reti ed impianti da parte del Comune e/o di Terzi non già disciplinate dal presente contratto dovranno essere preventivamente ed esplicitamente autorizzate dalla Società e concordate con ATO 5. Art. 12 Durata

18 1. Gli effetti del presente contratto di servizio decorreranno dal 01 gennaio 2004 e avranno durata fino all affidamento del Servizio idrico integrato da parte dell'agenzia d'ambito per i Servizi pubblici di Bologna. 2. Trattandosi di pubblici servizi la Società dichiara di aver approntato i mezzi necessari per subentrare nella gestione del servizio stesso assicurando la continuità dello stesso. Art Responsabilità e coperture assicurative 1. Per effetto del presente atto e per l'intera durata dell'affidamento dei servizi, la Società assume ogni responsabilità derivante dalla gestione dei servizi nonché dall uso di reti ed impianti, impegnandosi a provvedere direttamente al risarcimento di eventuali danni e sollevando comunque il Comune da ogni responsabilità anche nei confronti di terzi, anche per attività eventualmente eseguite da imprese incaricate dalla Società. 2. La Società dovrà sempre osservare e far osservare nell espletamento del servizio affidato le vigenti norme di legge sia sotto il profilo tecnico-costruttivo, che per quanto riguarda la prevenzione dall inquinamento ambientale. 3. La Società è obbligata ad approntare, dandone riscontro al Comune, tutte le adeguate coperture assicurative, con inclusione del Comune di Anzola dell Emilia nel novero dei terzi, in relazione alle attività di cui al presente contratto ed in relazione a fatti compiuti da terzi suoi incaricati. Art. 14 Riscossione delle tariffe di fognatura e depurazione. 1. In deroga all articolo 6 del Contratto di servizio per l affidamento a Seabo S.p.A. dei servizi idrici da parte del Comune di Anzola dell Emilia sottoscritto tra le parti il 16 gennaio 1997, le tariffe di fognatura e depurazione, la cui riscossione già avviene a cura della Società a norma del citato articolo, divengono, a partire dalla data di affidamento dei servizi, di competenza esclusiva della Società medesima, senza obbligo di rendicontazione al Comune. 2. Divengono di competenza della Società anche i proventi derivanti da contributi di allacciamento alle reti fognarie con esclusione di quelli già realizzati alla data del 31 dicembre 2003.

19 3. La Società potrà determinare un canone annuo a suo favore a titolo istruttorio, ricognitorio e risarcitorio per attraversamenti delle condotte fognarie al di sopra della generatrice superiore, ovvero per utilizzazioni della sezione interna delle medesime da parte di altri servizi o opere, commisurato alla maggiore dime nsione dell interferenza, previa autorizzazione del Comune. 4. Per la disciplina dei rapporti con i clienti vale, anche per quanto riguarda i servizi di fognatura e depurazione, l art. 10 del citato Contratto per l affidamento a Seabo dei servizi idrici da parte del Comune di Anzola dell Emilia. Art. 15 Corrispettivo 1. Per la concessione in uso delle reti e degli impianti fognari la Società verserà al Comune un canone annuo di oltre I.V.A,. 2. Per la concessione in uso del depuratore la Società verserà al Comune un canone annuo di oltre I.V.A,. 3. Il canone sarà corrisposto in due rate pari al 50%, la prima a luglio anno corrente e la seconda a gennaio dell anno successivo 4. A tal fine il Comune emetterà apposita fattura che la Società si impegna a pagare entro 90 giorni dalla data di emissione. Art. 16 Adempimenti a carico del Comune 1. In conseguenza di danni causati da lavori appaltati direttamente dal Comune, il Comune si impegna al rimborso degli eventuali danni causati e, all immediato ripristino dell integrità della rete e degli impianti fognari. 2. In particolare rimangono a carico del Comune gli oneri connessi all eventuale riposizionamento in quota delle botole stradali in conseguenza di abbassamenti della sede stradale per consolidamento ovvero innalzamento della stessa per rifacimento del manto. 3. Al fine di evitare interferenze materiali e tecniche o danneggiamenti alla rete ed agli impianti fognari e di depurazione, per i lavori eseguiti da terzi, il Comune, autorizzandone l'esecuzione,

20 dovrà prescrivere l'obbligo: a) di assumere presso la Società le opportune informazioni prima di iniziare i lavori di qualsiasi natura, che possano interessare la rete fognaria; b) di preavvisare la Società dell'inizio dei lavori da compiersi, informandola altresì sulla loro natura; c) di segnalare immediatamente alla stessa gli eventuali danni causati e risarcirli. 4. Il Comune si assume analogo impegno per i lavori eseguiti direttame nte. 5. Il Comune si assume inoltre l impegno di trasferire presso gli archivi della Società copia di tutta la documentazione esistente relativa alle pratiche amministrative, esperite e/o in itinere, per l autorizzazione degli allacciamenti alle pubbliche fognature e per l autorizzazione degli scarichi. Tale documentazione potrà essere sostituita da idoneo database informatico. 6. Ogni attività connessa con l impegno di cui al precedente capoverso ricerca, duplicazione, catalogazione, ecc. - sarà eseguita a cura e spese del Comune e dovrà essere completata entro 6 (sei) mesi dalla data di decorrenza dell affidamento. Dell avvenuta consegna alla Società sarà redatto apposito verbale sottoscritto dalle parti. 7. La responsabilità relativa allo scarico delle fognature "bianche" rimane in capo al Comune. 8. Restano a carico del Comune gli interventi di esercizio e manutenzione relativi alle reti delle acque meteoriche e dei collettori delle acque bianche. 9. La responsabilità relativa allo scarico degli impianti di depurazione passa in capo alla Società. 10. Rimangono a carico del Comune gli oneri connessi alle eventuali dismissioni di impianti affidati in gestione, purchè debitamente autorizzate dal Comune e sentita l Agenzia d Ambito.. Art Disposizioni generali per opere di manutenzione 1. Durante il corso della gestione, salvo diverse particolari pattuizioni, la Società provvederà al ripristino, relativamente ai lavori di propria spettanza, della pavimentazione stradale manomessa.

21 2. I reinterri ed i ripristini dovranno essere effettuati a regola d'arte nel rispetto degli standard adottati dal Comune in accordo con la Società. 3. La Società prima di iniziare qualsiasi lavoro stradale, salvo situazioni di pronto intervento, avrà l'obbligo di darne via fax relativo preavviso al Comune, indicando il luogo dell intervento, le sue motivazioni, le caratteristiche dello scavo e la durata dell eventuale interruzione. 4. Il Comune si impegna a segnalare tempestivamente, nel reciproco interesse, eventuali cedimenti della sede stradale a sua conoscenza, da chiunque e/o da qualsiasi causa provocati, che possano interessare sedi stradali percorse da reti fognarie. Art Controllo della gestione 1. Il Comune si riserva il diritto di controllare che la gestione avvenga nel pieno rispetto delle condizioni fissate dal presente contratto ed in particolare degli standard qualitativi stabiliti per gli specifici servizi. 2. L Amministrazione comunale provvederà ad individuare un Supervisore dei Servizi, comunicandone il nominativo alla Società e ad ATO 5, che avrà il ruolo di controllo complessivo sull esecuzione del presente contratto e sul raggiungimento degli standard qualitativi fissati dal Comune. 3. Al fine di consentire al Comune di esercitare tale controllo nonché per la verifica dell'adempimento degli obblighi previsti dalla normativa vigente, la Società si impegna a fornire al Supervisore tutte le informazioni dallo stesso richieste. Art Contestazioni e inadempimenti - indennizzi 1. Qualora una Parte si rendesse inadempiente rispetto agli obblighi assunti con il presente atto, l altra dovrà darne formale diffida scritta contestando l addebito ed informando contestualmente l ATO La diffida, da inviarsi mediante raccomandata A.R., dovrà contenere l esatta descrizione dei fatti contestati e il congruo termine per l adempimento.

22 3. Entro il termine indicato, la parte alla quale è stato sollevato l addebito potrà presentare le proprie deduzioni o provvedere all adempimento. 4. Decorso inutilmente il termine indicato è facoltà del diffidante chiedere l'intervento di un Collegio arbitrale cui venga devoluto il giudizio sulla questione. 5. Un componente del Collegio è nominato dalla Società, uno dal Comune ed il terzo, con funzioni di Presidente, d'accordo fra le parti. 6. In difetto d'accordo tra le parti il terzo componente è scelto dal Presidente del Tribunale di Bologna, il quale nominerà anche l'arbitro, che non sia stato nominato da una delle parti, su invito dell'altra, decorsi venti giorni dall'invito stesso. 7. L eventuale indennizzo da corrispondere dalla parte inadempiente potrà essere definito di comune accordo, ovvero demandato al collegio arbitrale di cui sopra. Art Foro competente 1. Per ogni contestazione che dovesse insorgere in ordine all interpretazione, attuazione, esecuzione, validità, efficacia e risoluzione del presente accordo, ivi comprese quelle non risolte in base al precedente articolo 19, la relativa controversia giudiziaria sarà di competenza del Foro di Bologna. Art Risoluzione del contratto- clausola risolutiva espressa 1. Ai sensi dell art c.c. il presente contratto di servizio dovrà intendersi risolto nei seguenti casi: cessione del contratto da parte della Società; subaffidamento anche parziale della gestione del servizio; interruzione del servizio per una durata superiore a giorni 5, per cause imputabili a dolo o colpa della Società; uso non autorizzato degli impianti per finalità diverse da quelle previste dal presente contratto di servizio.

23 2. Il Comune potrà inoltre richiedere la risoluzione del contratto in ogni altro caso di gravi inadempienze da parte della Società ed in particolare in caso di mancato raggiungimento degli standard fissati per i servizi. Art Revoca dell affidamento 1. Il Comune può esercitare il diritto di revoca dell affidamento per gravi motivi di pubblico interesse, previa autorizzazione dell Agenzia d Ambito. 2. In tal caso il Comune dovrà corrispondere alla Società una indennità secondo il principio di cui all art. 11 comma 4 della legge 7 agosto 1990 n Art Definizione delle modalità operative coordinate 1. Le Parti potranno definire uno specifico Protocollo d'intesa per la regolamentazione di alcune attività tecniche ed amministrative per le quali si dovesse ravvisare una particolare necessità di coordinamento fra cui, ad esempio, le seguenti: gestione dei lavori stradali interessanti anche la fognatura; gestione dei sopralluoghi di accertamento in seguito a segnalazione d'utenza. Art. 24 Revisione ed armonizzazione contrattuale 1. Le Parti prendono atto che in data 14 gennaio 2002 è stata costituita - con atto rep. n , fasc. n Studio notarile Stame e Zerbini - l Agenzia prevista dalla L.R. 25/99 per l A.T.O. n. 5 - R.E.R., denominata Agenzia di Ambito per i Servizi Pubblici di Bologna. 2. All Agenzia competono le funzioni indicate dalla L.R. 25/99 ed in particolare l espletamento delle procedure di affidamento dei servizi e l instaurazione dei relativi rapporti. 3. In questa veste ed ai sensi dell art.10 comma 3 della L.R. 25/99, l Agenzia dovrà elaborare idonea convenzione, da stipulare con il gestore individuato ai sensi dell art. 10 comma 1 lett. a) della L.R. 25/99, per la gestione del servizio idrico integrato. 4. Pertanto le parti si danno atto che, al fine di uniformare i criteri ed i principi dell affidamento dei servizi a quelli che saranno stabiliti dall Agenzia per l intero Ambito, il presente contratto

24 cesserà i propri effetti al momento della sottoscrizione delle convenzioni di affidamento del Servizio idrico integrato di cui al precedente capoverso. Art Spese contrattuali 1. Le spese tutte dipendenti e conseguenti alla stipula del presente contratto sono a carico della Società. Allegati: 1) Disciplinare tecnico per la regolamentazione della gestione del servizio di fognatura e dei relativi impianti; 2) Elenco del personale trasferito; 3) Elenco delle autorizzazioni allo scarico di acque reflue industriali in pubblica fognatura (art. 11, comma 6); 4) Carta del Servizio Acqua; 5) Regolamento di fognatura e depurazione del Comune. Bologna, lì Approvato, letto e sottoscritto: per la Società HERA S.p.A. il Direttore Legale e Societario (dott.ssa Mila Fabbri) per il Comune di Anzola dell Emilia il Direttore dell Area Pianificazione e Gestione Economico/Territoriale (ing. Giuseppe Marchegiani)

25 COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA Provincia di Bologna ALLEGATO B) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. N. 175 DEL IL SINDACO F.to (Cocchi Anna) IL SEGRETARIO GENERALE F.to (Dr.ssa Raffaella Galliani)

26 DISCIPLINARE TECNICO PER LA REGOLAMENTAZIONE DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE E DEI RELATIVI IMPIANTI Allegato 1 al contratto di servizio tra Comune di Anzola dell Emilia e HERA S.p.A. per la gestione del servizio di fognatura e depurazione e relativi reti ed impianti 1. Catasto reti ed impianti L Amministrazione Comunale fornirà alla società tutta la documentazione in suo possesso (sia cartacea che su supporto informatizzato) relativa alle reti ed agli impianti affidati in gestione. La Società dovrà curare la formazione e l aggiornamento, per tutta la durata contrattuale, del catasto degli impianti fognari in maniera tale da consentire il trasferimento dei dati rilevati nel sistema informatico in uso presso l Amministrazione Comunale. Il Comune e la Società potranno al riguardo concordare un'apposita procedura informatica in accordo con ATO. L Amministrazione Comunale si riserva di utilizzare tutti i dati in suo possesso per gli usi che ritiene necessari. Nel catasto dovranno essere descritti gli impianti, le loro caratteristiche e la loro rappresentazione geometrica su base cartografica in uso presso il Comune. 1

27 2. Attività di Conduzione e Manutenzione a carico della Società 2.1. Manutenzione ordinaria ed attività di controllo Descrizione degli interventi di manutenzione ordinaria, pronto intervento, attività operative ed attività amministrative richieste. Servizio di pronto intervento garantito 24 ore al giorno per 365 giorni all anno, per tutte le emergenze che dovessero verificarsi sugli impianti, oltre a collaborare con le altre forze esterne (VV.FF., VV.UU., ENEL, ecc.) eventualmente intervenute. La funzione essenziale del pronto intervento è quella di: - eliminare ogni situazione di pericolo per la pubblica incolumità - assicurare la continuità d'esercizio di tutti gli impianti Resta pertanto l'obbligo per la Società di: - predisporre e pubblicizzare un servizio di ricevimento, 24 ore su 24 per 365 giorni all anno, delle segnalazioni di necessità per interventi urgenti; - predisporre quanto è necessario ad effettuare l'intervento e quindi disponibilità di uomini e mezzi adeguati; - recarsi entro il tempo di 2 (due) ore dalla segnalazione, ove si renda necessario l'intervento per la messa in sicurezza, con uomini, mezzi ed attrezzature idonei al fine di eliminare situazioni di pericolo immediato. Interventi di ripristino conseguenti a cedimenti o crollo di condotte o cedimento strutturale di pozzi di visita, di boccaporti di chiusura dei pozzi, di botole, di caditoie e di griglie, da attivare in tempi compatibili con le condizioni di pericolo per la pubblica incolumità o di staticità della sede stradale, di manufatti o immobili circostanti, ed in tutti i casi entro 48 ore 2

28 dalla segnalazione ricevuta, salvo casi particolari che richiedono tempi diversi, da concordare. Verifica bimestrale e relativa manutenzione ordinaria degli impianti di sollevamento. Verifica ed eventuale pulizia dei pozzi di immersione delle pompe ogni 4 mesi. Al verificarsi di condizioni di emergenza l'intervento deve essere effettuato nell'arco delle 24 ore dalla segnalazione. Verifica immediata, a fronte di segnalazione, della funzionalità idraulica della rete fognaria ed eventuale tempestivo intervento di espurgo nel caso di occlusioni dovute ad accumuli di materiali solidi trasportati. L'intervento dovrà essere avviato non oltre 2 (due) ore dalla segnalazione. Controllo con periodicità semestrale degli scaricatori, oltre che in ogni caso di attivazione anomala dell'impianto con eliminazione della causa dell'anomalia. Smaltimento del materiale di risulta e dei rifiuti di qualsiasi tipo derivanti dagli interventi effettuati, secondo quanto stabilito dal Decreto Legislativo 5/2/97 n Attività operative a carico della Società Verifica della corretta esecuzione degli allacciamenti fognari. Verifica della dismissione graduale delle fosse settiche private esistenti e della realizzazione dei dispositivi ad impedimento di emanazioni maleodoranti, nonché di altre prescrizioni regolamentari. Verifica della rispondenza del reticolo fognario privato a quanto previsto dal regolamento comunale di fognatura. Verifica funzionale del sistema fognario in concomitanza della segnalazione di avvenuto inconveniente igienico-sanitario. 3

29 Assistenza tecnica per la verifica dell esistenza di scarichi privati non autorizzati recapitanti in corso idrico di superficie od in scolmatori di rete. Collaborazione con gli Enti di competenza per sopralluoghi in caso di inconvenienti igienico-ambientali. Controllo degli scarichi industriali Attività amministrative a carico della Società Autorizzazione agli allacciamenti fognari. Funzione prevista dall'art. 112 comma 2 della L.R. 3/99 in merito all'autorizzazione degli scarichi di acque reflue industriali nelle reti fognarie gestite; Informazioni al pubblico in merito alla funzionalità di singoli tratti del sistema fognario ed alle richieste di autorizzazione agli allacciamenti. Segnalazione al Comune della necessità di adeguare/rinnovare le autorizzazioni per lo scarico in corsi d'acqua superficiali degli scolmatori di rete. Ottenimento o rinnovo di concessioni per l'attraversamento da parte dei condotti fognari di sedi ferroviarie, autostradali o di terzi in genere Manutenzione straordinaria di esecuzione urgente ed indifferibile. Per manutenzione straordinaria si intendono gli interventi di ripristino di tratti di rete fognaria e di impianti non più funzionali al fine di mantenere e/o migliorare l efficienza degli stessi. Nei casi in cui vi siano i presupposti per l'esecuzione urgente ed indifferibile, tali interventi saranno eseguiti direttamente dalla Società previa tempestiva comunicazione al Comune che dovrà farsi carico integralmente dei relativi oneri. 4

30 2.3. Rendicontazione degli interventi Le attività svolte dalla Società e meglio specificate nei precedenti paragrafi del presente Disciplinare dovranno essere oggetto di rendicontazione, al fine della verifica degli standard di qualità della gestione. La Società provvederà ad inoltrare al Comune un Rapporto Consuntivo Annuale da presentare entro il 28 febbraio di ogni anno relativamente all attività svolta nell'anno precedente. Bologna, li per la Società HERA S.p.A.: il Direttore Legale e Societario (dott.ssa Mila Fabbri) per il Comune di Angola dell Emilia il Direttore dell Area Pianificazione e Gestione Economico/Territoriale (ing. Giuseppe Marchegiani) 5

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 02/08/2003 Nr. Prot. 13207 Trasmessa al Prefetto il Nr. Prot. Trasmessa

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA. Data 18/01/2011 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA. Data 18/01/2011 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 25/01/2011Nr. Prot. 1148 ART. 38 DEL REGOLAMENTO DI CONTABILITA' -

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 25/10/2011Nr. Prot. 19676 APPROVAZIONE DEL PROGETTO DI MASSIMA DELL'IMPIANTO

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiari 06/10/2006 20689 Trasmessa al Prefetto Trasmessa / Ritrasmessa al CO.RE.CO.

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 11/04/2003 Nr. Prot. 5955 Trasmessa al Prefetto il Nr. Prot. Trasmessa

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SECONDA APPENDICE CONTRATTUALE

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SECONDA APPENDICE CONTRATTUALE SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SECONDA APPENDICE CONTRATTUALE L anno duemilaotto (2008), il giorno 13 (tredici) del mese di ottobre, presso la sede dell Agenzia d ambito per i servizi pubblici di Ravenna, Piazza

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 17/06/2006 Nr. Prot. 13401 Trasmessa al Prefetto il Nr. Prot. Trasmessa

Dettagli

CONTRATTO 1. DISPOSIZIONI GENERALI

CONTRATTO 1. DISPOSIZIONI GENERALI CONTRATTO tra il Sig... codice fiscale... residente in... proprietario di (*)...di cui dispone dei libero uso, sito in... e il Sig... residente in... nella qualifica di... dell impresa... codice fiscale...

Dettagli

Schema di convenzione per l affidamento in gestione della palestra della scuola

Schema di convenzione per l affidamento in gestione della palestra della scuola Schema di convenzione per l affidamento in gestione della palestra della scuola L anno, nel giorno ( ) del mese di, presso la sede del Comune di Capannori (LU), con il presente atto da valere ad ogni effetto

Dettagli

COMUNE DI CARAVAGGIO PROVINCIA DI BERGAMO... DI PORZIONE DI IMMOBILE SITO IN CARAVAGGIO. Caravaggio, il quale interviene al presente atto in nome e

COMUNE DI CARAVAGGIO PROVINCIA DI BERGAMO... DI PORZIONE DI IMMOBILE SITO IN CARAVAGGIO. Caravaggio, il quale interviene al presente atto in nome e COMUNE DI CARAVAGGIO PROVINCIA DI BERGAMO SCHEMA DI ATTO DI CONCESSIONE IN USO A FAVORE DI... DI PORZIONE DI IMMOBILE SITO IN CARAVAGGIO VIA CARLO PORTA 2, DELLA SUPERFICIE COMPLESSIVA DI MQ. 940 DI CUI

Dettagli

DETERMINAZIONE del Responsabile del Servizio P.E.G. N. 3

DETERMINAZIONE del Responsabile del Servizio P.E.G. N. 3 DETERMINAZIONE del Responsabile del Servizio ORIGINALE P.E.G. N. 3 SERVIZI SOCIALI Determinazione n 315 In data 21.09.2015 N progressivo generale 1308 OGGETTO: GARA D'APPALTO A PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 28/04/2007Nr. Prot. 7159 APPROVAZIONE DELLO CHEMA DI CONVENZIONE CON

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI I L D I R I G E N T E

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI I L D I R I G E N T E REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE ECOLOGIA TUTELA DEL SUOLO E RIFIUTI Proposta nr. 150 del 25/06/2014 - Determinazione nr. 1611 del 25/06/2014 OGGETTO: DPR n. 59/2013 Autorizzazione Unica

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE DI GESTIONE PALESTRA DI ARRAMPICATA SPORTIVA TRA IL COMUNE DI FARA SAN MARTINO E, PER ANNI TRE

SCHEMA DI CONVENZIONE DI GESTIONE PALESTRA DI ARRAMPICATA SPORTIVA TRA IL COMUNE DI FARA SAN MARTINO E, PER ANNI TRE SCHEMA DI CONVENZIONE DI GESTIONE PALESTRA DI ARRAMPICATA SPORTIVA TRA IL COMUNE DI FARA SAN MARTINO E, PER ANNI TRE Con la presente convenzione, tra le sottoscritte parti: o Comune di FARA SAN MARTINO,

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI IN REGISTRO SCRITTURE PRIVATE N REP. N. L anno duemila, il giorno del mese di, in Novate Milanese presso e

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NOTE TECNICHE RELATIVE ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tea acque srl assume ogni responsabilità per le attività e conduzione degli impianti oggetto del servizio. CONDUZIONE: intesa

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA CONVENZIONE QUADRO TRA La Regione Campania, (di seguito per brevità indicata come Regione ) Codice Fiscale e Partita IVA 80011990639, in persona del Presidente Onorevole Stefano Caldoro, domiciliato per

Dettagli

Comune di Marzano Appio (Prov. Caserta) e-mail ragioneria.marzano@libero.it - Tel. 0823/929216 Fax 0823/929220

Comune di Marzano Appio (Prov. Caserta) e-mail ragioneria.marzano@libero.it - Tel. 0823/929216 Fax 0823/929220 Comune di Marzano Appio (Prov. Caserta) e-mail ragioneria.marzano@libero.it - Tel. 0823/929216 Fax 0823/929220 SETTORE ECONOMICO-FINANZIARIO Servizio Tributi DETERMINAZIONE N 7 DEL 19/02/2013 OGGETTO:

Dettagli

CONTRATTO. tra i Comuni di Foligno, Spoleto e VUS S.p.a PER LA GESTIONE DELLE RETI E DEGLI IMPIANTI DELLE ACQUE METEORICHE

CONTRATTO. tra i Comuni di Foligno, Spoleto e VUS S.p.a PER LA GESTIONE DELLE RETI E DEGLI IMPIANTI DELLE ACQUE METEORICHE CONTRATTO tra i Comuni di Foligno, Spoleto e VUS S.p.a PER LA GESTIONE DELLE RETI E DEGLI IMPIANTI DELLE ACQUE METEORICHE Art.1 - Oggetto 1. Il 27 dicembre 2001 è stata sottoscritta tra l Autorità di ATO

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 66 DATA 02.07.2013 OGGETTO: Rideterminazione del canone di concessione del

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunitaria

Deliberazione della Giunta Comunitaria Deliberazione della Giunta Comunitaria N 48 Reg. Data 17/09/2012 OGGETTO: SERVIZIO PUBBLICO DI CONSULTAZIONE TELEMATICA CATASTALE PRESSO LO SPORTELLO CATASTALE DECENTRATO DI QUESTA COMUNITA MONTANA.APPROVAZIONE

Dettagli

CONVENZIONE PER COSTRUZIONE E SUCCESSIVA LOCAZIONE DI IMMOBILE DA ADIBIRE A PALESTRA POLIVALENTE

CONVENZIONE PER COSTRUZIONE E SUCCESSIVA LOCAZIONE DI IMMOBILE DA ADIBIRE A PALESTRA POLIVALENTE CONVENZIONE PER COSTRUZIONE E SUCCESSIVA LOCAZIONE DI IMMOBILE DA ADIBIRE A PALESTRA POLIVALENTE Tra le sottoscritte parti: CASALE SPORTIVA SRL, con sede in Mirandola (MO), Via Giovanni Pico, 51, p. iva

Dettagli

CLAUSOLE CONTRATTUALI PER L APPROVVIGIONAMENTO DI BENI E SERVIZI NELL AMBITO DI ATTIVITÀ SOGGETTE AD UNBUNDLING REV.

CLAUSOLE CONTRATTUALI PER L APPROVVIGIONAMENTO DI BENI E SERVIZI NELL AMBITO DI ATTIVITÀ SOGGETTE AD UNBUNDLING REV. CLAUSOLE CONTRATTUALI PER L APPROVVIGIONAMENTO DI BENI E SERVIZI NELL AMBITO DI ATTIVITÀ SOGGETTE AD UNBUNDLING REV. 00 FEBBRAIO 2010 Il presente documento è pubblicato sul sito: www.edison.it - Area Fornitori

Dettagli

COMUNE DI MONTESANO SALENTINO Provincia di Lecce C.a.p. 73030 Tel. 0833/763611 Fax 0833/7633602 C.F.81003510757 - P.I. 01992100758

COMUNE DI MONTESANO SALENTINO Provincia di Lecce C.a.p. 73030 Tel. 0833/763611 Fax 0833/7633602 C.F.81003510757 - P.I. 01992100758 COMUNE DI MONTESANO Provincia di Lecce C.a.p. 73030 Tel. 0833/763611 Fax 0833/7633602 C.F.81003510757 - P.I. 01992100758 DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 68 Del 03-07-2007 -----------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE USO NON ABITATIVO. Con la presente scrittura privata redatta in 3 (tre) originali, uno per ciascuna. tra

CONTRATTO DI LOCAZIONE USO NON ABITATIVO. Con la presente scrittura privata redatta in 3 (tre) originali, uno per ciascuna. tra CONTRATTO DI LOCAZIONE USO NON ABITATIVO Con la presente scrittura privata redatta in 3 (tre) originali, uno per ciascuna delle parti contraenti, ed uno per l Ufficio del Registro, tra il Comune di Verbania

Dettagli

COMUNE DI MONTEVEGLIO. Provincia di Bologna CONTRATTO DI AFFITTO AD USO COMMERCIALE ************** L anno duemilanove il giorno.

COMUNE DI MONTEVEGLIO. Provincia di Bologna CONTRATTO DI AFFITTO AD USO COMMERCIALE ************** L anno duemilanove il giorno. COMUNE DI MONTEVEGLIO Provincia di Bologna CONTRATTO DI AFFITTO AD USO COMMERCIALE Rep. n. ************** L anno duemilanove il giorno. del mese di. con la presente scrittura privata da valere ad ogni

Dettagli

La Società con sede e domicilio fiscale in rappresentata da in qualità di, di seguito identificata come Fornitore da una parte

La Società con sede e domicilio fiscale in rappresentata da in qualità di, di seguito identificata come Fornitore da una parte CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PRELIEVO, CARICO, TRASPORTO IN REGIME ADR (SE PREVISTO DALLE NORME), CONFERIMENTO AD IMPIANTO AUTORIZZATO PER RECUPERO E/O SMALTIMENTO DEI RIFIUTI PRODOTTI PRESSO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE

REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA CONSORZIALE CON ATTO N. 34 DEL 12/07/1987) 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 152 REGISTRO DELIBERAZIONI COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza.. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE... OGGETTO: GESTIONE DEL CANILE COMUNALE: AFFIDAMENTO DIRETTO, MEDIANTE CONVENZIONE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE N. _289_ del 21/12/2006 Pubblicata all albo pretorio il 28/12/2006 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE DEGLI INDIRIZZI IN MERITO ALLA ATTIVITA DI VERIFICA

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA Tel. 06-9015601 Fax. 06-9041991 Piazza C. Leonelli n 15 C.A.P. 00063 www.comunecampagnano.it DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA N. 70 del Reg. Data:

Dettagli

Clausole Contrattuali per l Approvvigionamento di Beni e Servizi nell Ambito di Attività Soggette ad Unbundling

Clausole Contrattuali per l Approvvigionamento di Beni e Servizi nell Ambito di Attività Soggette ad Unbundling Pag.: 1 di 7 Clausole Contrattuali per Il presente documento è pubblicato sul sito www.edison.it e www.infrastrutturedg.it REV. DESCRIZIONE DATA 1 Aggiornamento conseguente al cambio denominazione sociale

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ARCUGNANO Provincia di Vicenza N. DG / 142 / 2010 di registro VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE In data 30-Giugno-2010 OGGETTO: APPROVAZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE CON SOC. ESCO BERICA

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO DIVERSO. La Sig.ra FAVERIO dott.ssa ALICE, che interviene al presente atto in qualità

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO DIVERSO. La Sig.ra FAVERIO dott.ssa ALICE, che interviene al presente atto in qualità CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO DIVERSO La Sig.ra FAVERIO dott.ssa ALICE, che interviene al presente atto in qualità di Responsabile dell Area amministrativa finanziaria del COMUNE DI FINO MORNASCO, C.F./P.IVA

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA 2015-41 DEL GIORNO

PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA 2015-41 DEL GIORNO PROVINCIA DI UDINE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA 2015-41 DEL GIORNO 30/07/2015 Presente Assente FONTANINI PIETRO Presidente X MATTIUSSI FRANCO Vicepresidente X BARBERIO LEONARDO Assessore

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 19/01/2005 Nr. Prot. 1052 Trasmessa al Prefetto il Nr. Prot. Trasmessa

Dettagli

COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese)

COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) COPIA COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Delibera N. 61 del 28/06/2012 OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE NUOVA CONVENZIONE PER LA CONCESSIONE DELLA GESTIONE

Dettagli

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI UFFICIO DI REGISTRAZIONE E RILASCIO DI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE DIGITALE TRA

CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI UFFICIO DI REGISTRAZIONE E RILASCIO DI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE DIGITALE TRA CONVENZIONE PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI UFFICIO DI REGISTRAZIONE E RILASCIO DI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE DIGITALE TRA InfoCert S.p.A., con sede legale in Roma, Piazza Sallustio n. 9, in persona del

Dettagli

Convenzione per il trattamento e smaltimento dei rifiuti non pericolosi L anno duemilaquattordici, il giorno del mese di, tra i sottoscritti: -

Convenzione per il trattamento e smaltimento dei rifiuti non pericolosi L anno duemilaquattordici, il giorno del mese di, tra i sottoscritti: - Convenzione per il trattamento e smaltimento dei rifiuti non pericolosi L anno duemilaquattordici, il giorno del mese di, tra i sottoscritti: - SICULA TRASPORTI S.R.L., con sede a Catania in Via Antonino

Dettagli

COMUNE DI REANA DEL ROJALE PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI REANA DEL ROJALE PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI REANA DEL ROJALE PROVINCIA DI UDINE COPIA CONFORME ANNO 2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE del Reg. Delibere N 00009 OGGETTO: CONCESSIONE IN COMODATO GRATUITO DI UN ALLOGGIO

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 66 DATA 13/11/2014 OGGETTO: Misure organizzative per assicurare la tempestività

Dettagli

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012

Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 Friuli Innovazione Condizioni generali di contratto Applicabili ai lavori, servizi e forniture Rev.1 21/9/2012 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione e principi generali Art. 2 - Decorrenza e durata del

Dettagli

Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P.

Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P. Regolamento per l autogestione dei servizi accessori da parte degli utenti di alloggi di E.R.P. Le norme contenute nel presente regolamento disciplinano le autogestioni dei servizi accessori, degli spazi

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE

SCHEMA DI CONVENZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SANTA CROCE CAMERINA E LE DITTE PROPRIETARIE: xxxxxxx xxxxxxx PER L ATTUAZIONE DELLA PRESCRIZIONE ESECUTIVA DELLA ZONA OMOGENEA SOTTOZONA C2/8 E LA REALIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SACROFANO. Provincia di Roma. ORDINANZA N. 77 del 05.08.2011 PROT N. 10701 del 05.08.2011

COMUNE DI SACROFANO. Provincia di Roma. ORDINANZA N. 77 del 05.08.2011 PROT N. 10701 del 05.08.2011 COMUNE DI SACROFANO Provincia di Roma ORDINANZA N. 77 del 05.08.2011 PROT N. 10701 del 05.08.2011 Oggetto : Servizio di Igiene Urbana Comune di Sacrofano. Revoca ordinanza sindacale n. 52 del 10.06.2011

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE UNITARIA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DEI COMUNI TERRE DI CASTELLI DEI SERVIZI E DELLE OPERAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONVENZIONE PER LA GESTIONE UNITARIA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DEI COMUNI TERRE DI CASTELLI DEI SERVIZI E DELLE OPERAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONVENZIONE PER LA GESTIONE UNITARIA NEL TERRITORIO DELL UNIONE DEI COMUNI TERRE DI CASTELLI DEI SERVIZI E DELLE OPERAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE L anno duemiladue, il giorno 23 (ventitre) del mese di Aprile

Dettagli

ATTO DI SUBLOCAZIONE AD USO DIVERSO DA QUELLO ABITATIVO. Rep. n /Atti Privati del 2011

ATTO DI SUBLOCAZIONE AD USO DIVERSO DA QUELLO ABITATIVO. Rep. n /Atti Privati del 2011 Filiale Emilia Romagna ATTO DI SUBLOCAZIONE AD USO DIVERSO DA QUELLO ABITATIVO Rep. n /Atti Privati del 2011 L anno 2011 addì del mese di, presso la sede dell Agenzia del Demanio Filiale Emilia Romagna

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. All. n. 3. Locazione di immobile da adibire a sede provvisoria della Scuola Primaria in loc. Scalo. del Comune di Torano Castello

SCHEMA DI CONTRATTO. All. n. 3. Locazione di immobile da adibire a sede provvisoria della Scuola Primaria in loc. Scalo. del Comune di Torano Castello All. n. 3 COMUNE DI TORANO CASTELLO (Provincia di Cosenza) Via G. Marconi 122, 87010 0984/504007 0984/504875 C.F. 80005730785 P.I. 01165330786 E-mail info@comune.toranocastello.cs.it Sito: www.comune.toranocastello.cs.it

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI PROVINCIA DI PALERMO

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI PROVINCIA DI PALERMO COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI PROVINCIA DI PALERMO Immediata esecuzione VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 85 del 12.06.2014 OGGETTO: AppApprovazione perizia estimativa per l esecuzione dei

Dettagli

COMUNE DI MARTIRANO LOMBARDO (Provincia di Catanzaro) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARTIRANO LOMBARDO (Provincia di Catanzaro) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARTIRANO LOMBARDO (Provincia di Catanzaro) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA Deliberazione N.73 Data 07/10/2013 Oggetto: Oggetto: Istanza ditta TLCWEB s.r.l per la concessione

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO CONTRATTO DI APPALTO PRIVATO PER OPERE RELATIVE A IMMOBILI CIVILI Tra... d ora in avanti denominato il committente residente in. C.F... P. IVA - da una parte e.. d ora in avanti

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA Provincia di Bologna Rep. n. SCHEMA DI CONTRATTO DI CONCESSIONE IN DIRITTO DI SUPERFICIE DI UN AREA IN LOCALITA PONTE SAMOGGIA EDIFICABILE PRODUTTIVA PER LA REALIZZAZIONE DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ALLACCI E SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ALLACCI E SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA COMUNE DI POMEZIA (Provincia di ROMA) SEZIONE TUTELA DELL AMBIENTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ALLACCI E SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 94

Dettagli

SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI)

SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI) SCHEMA CONTRATTO Di CONCESSIONE DEI SERVIZI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE E DEGLI IMPIANTI SEMAFORCI ALL INTERNO DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI RHO (MI) Tra il Comune di RHO (di seguito, Comune ), in persona

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI E TERMINI DI UTILIZZO. Art.1 Oggetto dell accordo

CONDIZIONI GENERALI E TERMINI DI UTILIZZO. Art.1 Oggetto dell accordo CONDIZIONI GENERALI E TERMINI DI UTILIZZO Art.1 Oggetto dell accordo a- Le parti stipulano alle condizioni descritte un contratto della durata di un anno per i servizi espressamente scelti dal CLIENTE,

Dettagli

COMUNE DI GAZZO VERONESE Provincia di Verona

COMUNE DI GAZZO VERONESE Provincia di Verona COMUNE DI GAZZO VERONESE Provincia di Verona SETTORE TECNICO SERVIZIO LAVORI PUBBLICI E PATRIMONIO Concessione di area pubblica parco 1 Maggio e per la gestione del chiosco-bar destinato all esercizio

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VERGATO PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A. Cognome e Nome Carica Presente SINDACO DEGLI ESPOSTI GIULIANA

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VERGATO PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A. Cognome e Nome Carica Presente SINDACO DEGLI ESPOSTI GIULIANA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI VERGATO PROVINCIA DI BOLOGNA Comunicata ai Capigruppo C O P I A il Nr. Prot. CONVENZIONE TRA IL SOGGETTO ATTUATORE O.P.C.M. 003/2012 ED IL COMUNE DI VERGATO

Dettagli

COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI CARINARO PROVINCIA DI CASERTA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 2014-33 Data 01-04-2014 OGGETTO: GESTIONE DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E TRASPORTO DEI RR.SS.UU. ALLA LUCE DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Allegato alla delibera del C.d.A n.16 dell 11/07/2008 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Art. 1 Obiettivi e campo di applicazione

Dettagli

Premesso. 1) Che il COMUNE DI MARSCIANO è proprietario del seguente bene immobile:

Premesso. 1) Che il COMUNE DI MARSCIANO è proprietario del seguente bene immobile: SCHEMA DI CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE DELL IMPIANTO SPORTIVO COMUNALE SITO IN MARSCIANO, FRAZ. CERQUETO VOC. SANT AGOSTINO, ALLA ASSOCIAZIONE PRO LOCO CERQUETO; Premesso 1) Che il COMUNE

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 10 del 28 gennaio 2011

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 10 del 28 gennaio 2011 CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 10 del 28 gennaio 2011 OGGETTO: Disciplina dei prestiti personali mediante l istituto della delegazione di pagamento. Approvazione

Dettagli

COMUNE DI RIMINI. Direzione Unità Progetti Speciali

COMUNE DI RIMINI. Direzione Unità Progetti Speciali COMUNE DI RIMINI Direzione Unità Progetti Speciali Prot. 167630 Oggetto: Regolarizzazione degli scarichi di acque reflue domestiche alla rete fognaria pubblica in zona Rimini Nord nell ambito del Piano

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMITATO ISTITUZIONALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMITATO ISTITUZIONALE COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMITATO ISTITUZIONALE DELIBERAZIONE N. 4 DEL 19.02.2015 (Protocollo Generale n. 162 del 19.02.2015) OGGETTO: approvazione progetto preliminare Intervento di consolidamento

Dettagli

Comune di Tornaco. Provincia di Novara. Comunicato ai Capigruppo. Il 15/7/2014 N. prot. 1757 VERBALE SEDUTA DI GIUNTA COMUNALE N.

Comune di Tornaco. Provincia di Novara. Comunicato ai Capigruppo. Il 15/7/2014 N. prot. 1757 VERBALE SEDUTA DI GIUNTA COMUNALE N. Comune di Tornaco Provincia di Novara Comunicato ai Capigruppo Il 15/7/2014 N. prot. 1757 VERBALE SEDUTA DI GIUNTA COMUNALE N. 19 OGGETTO: SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA A.S. 2014-2015 FOGLIO PATTI E CONDIZIONI.

Dettagli

GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO DEL COMUNE DI CINISELLO BALSAMO

GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO DEL COMUNE DI CINISELLO BALSAMO COMUNE DI CINISELLO BALSAMO Via XXV Aprile n. 4 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIE E AZIENDE PARTECIPATE SERVIZIO ECONOMATO Tel. 0266023226-Fax 0266023244 e-mail alessia.peraboni@comune.cinisello-balsamo.mi.it

Dettagli

Regolamento per lo scarico in pubblica fognatura dei reflui provenienti da insediamenti produttivi del territorio di competenza dell Autorità d

Regolamento per lo scarico in pubblica fognatura dei reflui provenienti da insediamenti produttivi del territorio di competenza dell Autorità d Regolamento per lo scarico in pubblica fognatura dei reflui provenienti da insediamenti produttivi del territorio di competenza dell Autorità d Ambito della provincia di Bergamo Indice Capitolo 1 Norme

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO LIBERO PROFESSIONALE PER EFFETTUAZIONE DI GUARDIE INTERDIVISIONALI PRESSO LO STABILIMENTO OSPEDALIERO DI ORZINUOVI.

DISCIPLINARE D INCARICO LIBERO PROFESSIONALE PER EFFETTUAZIONE DI GUARDIE INTERDIVISIONALI PRESSO LO STABILIMENTO OSPEDALIERO DI ORZINUOVI. Allegato A alla Deliberazione n. del DISCIPLINARE D INCARICO LIBERO PROFESSIONALE PER EFFETTUAZIONE DI GUARDIE INTERDIVISIONALI PRESSO LO STABILIMENTO OSPEDALIERO DI ORZINUOVI. Tra l AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL CENTRO POLIVALENTE SITO IN VIA DONATORI DEGLI ORGANI

CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL CENTRO POLIVALENTE SITO IN VIA DONATORI DEGLI ORGANI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DEL CENTRO POLIVALENTE SITO IN VIA DONATORI DEGLI ORGANI L anno 2012, nella residenza municipale, ai sensi di quanto disposto con atto determinativo n. del, esecutivo ai sensi

Dettagli

L anno il giorno del mese di in una sala del Comune di Trieste.

L anno il giorno del mese di in una sala del Comune di Trieste. COMUNE DI TRIESTE N. Cod. Fisc. e Part. IVA 00210240321 Rep. n Area Risorse Economiche-Finanziarie e di Sviluppo Economico Prot. n OGGETTO: Affidamento servizio di assistenza tecnica in relazione alla

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 61 del 17/03/2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CONCESSIONE DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER POSA DI POZZETTI SIFONATI E RELATIVE TUBAZIONI

Dettagli

COMUNE DI CAMPONOGARA Provincia di VENEZIA

COMUNE DI CAMPONOGARA Provincia di VENEZIA COMUNE DI CAMPONOGARA Provincia di VENEZIA COPIA UNITA OPERATIVA COMPLESSA: RAGIONERIA DETERMINAZIONE DI IMPEGNO E LIQUIDAZIONE Numero 693 del Registro delle Determinazioni Data 22-09-2012 OGGETTO: INCARICO

Dettagli

COMUNE DI OLTRONA DI SAN MAMETTE PROVINCIA DI COMO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI OLTRONA DI SAN MAMETTE PROVINCIA DI COMO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI OLTRONA DI SAN MAMETTE PROVINCIA DI COMO Deliberazione n. : 9 Data : 27 Marzo 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONDIVISIONE DEL PERCORSO PROPOSTO DALL UFFICIO D AMBITO

Dettagli

ALLEGATO 5 Schema di Contratto

ALLEGATO 5 Schema di Contratto ALLEGATO 5 Schema di Contratto Allegato 5: Schema di contratto Pag. 1 SCHEMA DI CONTRATTO GARA A PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI DEL D. LGS. N. 163/06, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CATTOLICA AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI RIMINI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI IMMOBILI AD USO

COMUNE DI CATTOLICA AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI RIMINI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI IMMOBILI AD USO COMUNE DI CATTOLICA AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI RIMINI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI IMMOBILI AD USO ABITATIVO NON COMPRESI NELL E.R.P. Il giorno. del mese di dell anno 2013 TRA Il

Dettagli

DI COLLAZZONE. Provincia di Perugia. Piazza Jacopone, 6 RELAZIONE PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE

DI COLLAZZONE. Provincia di Perugia. Piazza Jacopone, 6 RELAZIONE PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE COMUNE DI COLLAZZONE Provincia di Perugia Piazza Jacopone, 6 RELAZIONE PIANO OPERATIVO DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA E DELLE PARTECIPAZIONI SOCIETARIE QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Il comma 611

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. CONVENZIONE GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE - G.E.V. Nr. Progr. 18 Data Seduta Nr.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. CONVENZIONE GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE - G.E.V. Nr. Progr. 18 Data Seduta Nr. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI PALAGANO PROVINCIA DI MODENA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari ai sensi dell'art. 125 D.Lgs. 267/2000 il 25/05/2012 Nr. Prot. 1726 Affissa all'albo

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA COPERTURA ASSICURATIVA COMUNALE DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA COPERTURA ASSICURATIVA COMUNALE DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DELLA COPERTURA ASSICURATIVA COMUNALE DEL SERVIZIO PROFESSIONALE DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha ad oggetto l affidamento del

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 25/10/2011Nr. Prot. 19676 APPROVAZIONE CHEMA DI CONVENZIONE PER L'ATTIVAZIONE

Dettagli

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio

CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio CITTA DI MORBEGNO Provincia di Sondrio Deliberazione numero: 76 In data: 23/04/2015 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE CONTRATTUALE TRA COMUNE DI MORBEGNO E FERSERVIZI

Dettagli

BOZZA ATTO CONCESSORIO ENOTECA COMUNALE

BOZZA ATTO CONCESSORIO ENOTECA COMUNALE BOZZA ATTO CONCESSORIO ENOTECA COMUNALE L'anno duemilaquattordici il giorno.. del mese di.. in Piombino, nella Civica Residenza in Piombino Via Ferruccio, 4: SONO COMPARSI - il COMUNE DI PIOMBINO,.. E

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 210 del 15/10/2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO APPROVAZIONE BOZZA COMODATO D USO DI UN LOCALE PRESSO IL PARCHEGGIO DENOMINATO EX ANGIOLINE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Copia P.zza Municipio-- C.A.P. 10010 Provincia di Torino Tel. (0125) 750.150 Fax. (0125) 750.317 C.F. n. 02156820017 www.comune.quassolo.it e-mail Quassolo@ruparpiemonte.it VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO GESTIONE DI INTERVENTI A TUTELA DELL AMBIENTE URBANO A SOGGETTI PRIVATI E SPONSOR

REGOLAMENTO GESTIONE DI INTERVENTI A TUTELA DELL AMBIENTE URBANO A SOGGETTI PRIVATI E SPONSOR REGOLAMENTO ASSEGNAZIONE DELLA GESTIONE DI INTERVENTI A TUTELA DELL AMBIENTE URBANO A SOGGETTI PRIVATI E SPONSOR Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 27 del 29 febbraio 2000 1. Finalità

Dettagli

N. 21/15 del 28 settembre 2015

N. 21/15 del 28 settembre 2015 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 21/15 del 28 settembre 2015 OGGETTO: CONCESSIONE LOCALI ALL ENTE UNINFO DI TORINO. APPROVAZIONE. Il giorno

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE CONCESSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORO A MEZZO DISTRIBUTORI AUTOMATICI.

CAPITOLATO SPECIALE CONCESSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI RISTORO A MEZZO DISTRIBUTORI AUTOMATICI. COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO Provincia di Pavia Via Roma n. 1 27028 San Martino Siccomario C.F. e P.IVA 00466390184 Tel. 0382/496111 Fax 0382/498507 E-mail: info@comune.sanmartino.pv.it www.comune.sanmartino.pv.it

Dettagli

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES. Verbale di deliberazione N. 208. della Giunta della Comunità della Val di Non

COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES. Verbale di deliberazione N. 208. della Giunta della Comunità della Val di Non COMUNITA DELLA VAL DI NON con sede in CLES Verbale di deliberazione N. 208 della Giunta della Comunità della Val di Non OGGETTO: Proroga sino al 31.05.2014 dell affidamento in appalto del servizio di raccolta,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGOLAMENTO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI DA PARTE DEGLI ASSEGNATARI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Sede centrale: Vicolo Grossardi, 16/A - 43100 Parma tel. 0521-215111

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO

CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO CITTÀ DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO N 62 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto : DETERMINAZIONE IN VIA TRANSITORIA DELLE TARIFFE DEI SERVIZI ACQUEDOTTO, FOGNATURA E DEPURAZIONE ANNO 2006. L anno

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA AREA PROGRAMMAZIONE E GESTIONE TERRITORIO COPIA DETERMINAZIONE N. 101 del 17/09/2012 OGGETTO AFFIDAMENTO INCARICO PER LA REDAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE

Dettagli

AUTOSTRADA DEL BRENNERO SpA - TRENTO ***** ATTO DI RINNOVO. tra l Autostrada del Brennero S.p.A. con sede a Trento in Via Berlino n 10,

AUTOSTRADA DEL BRENNERO SpA - TRENTO ***** ATTO DI RINNOVO. tra l Autostrada del Brennero S.p.A. con sede a Trento in Via Berlino n 10, AUTOSTRADA DEL BRENNERO SpA - TRENTO ***** ATTO DI RINNOVO tra l Autostrada del Brennero S.p.A. con sede a Trento in Via Berlino n 10, in seguito indicata più brevemente SOCIETA (codice fiscale e P.IVA

Dettagli

COMUNE DI SORISO Provincia di Novara

COMUNE DI SORISO Provincia di Novara COMUNE DI SORISO Provincia di Novara VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 65 DEL 25 NOVEMBRE 2013 OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE PER GESTIONE SERVIZIO DI EROGAZIONE DI ACQUA AL PUBBLICO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 49/2015 D E L L A G I U N T A C O M U N A L E

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 49/2015 D E L L A G I U N T A C O M U N A L E COMUNE DI ZAMBANA PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 49/2015 D E L L A G I U N T A C O M U N A L E Oggetto: Convenzione tra Comune ed AIR S.p.A per gestione interventi di manutenzione straordinaria

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO PER LO SMALTIMENTO DI RSU TRA. Principe Umberto s.n., CAP 98056 e partita IVA 02658020835, in

CONTRATTO DI SERVIZIO PER LO SMALTIMENTO DI RSU TRA. Principe Umberto s.n., CAP 98056 e partita IVA 02658020835, in CONTRATTO DI SERVIZIO PER LO SMALTIMENTO DI RSU TRA TIRRENOAMBIENTE S.p.A. con sede in Mazzarrà Sant Andrea (ME) via Principe Umberto s.n., CAP 98056 e partita IVA 02658020835, in persona del legale rappresentante

Dettagli

Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO

Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO COMUNE DI CALCIO REP. N. Provincia di Bergamo CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ACCOMPAGNAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA DELL INFANZIA DURANTE IL TRASPORTO SCOLASTICO ANNI 2010/2011/2012-

Dettagli

cooperativa sociale... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito e assistenza al pubblico) per le sedi del Servizio;

cooperativa sociale... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito e assistenza al pubblico) per le sedi del Servizio; ALLEGATO A SCHEMA DI CONVENZIONE OGGETTO: Convenzione tra Il Comune di Trieste Servizio Biblioteche Civiche e la cooperativa sociale.... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito

Dettagli

Comune di Forlì Servizio ENTRATE TRIBUTARIE BILANCIO INVESTIMENTI

Comune di Forlì Servizio ENTRATE TRIBUTARIE BILANCIO INVESTIMENTI Racc. Contr / BOLLO ALLEGATO C Comune di Forlì Servizio ENTRATE TRIBUTARIE BILANCIO INVESTIMENTI Schema di A: c.f. p.iva LETTERA CONTRATTO PER AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA CONTABILE/FISCALE E

Dettagli

COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO

COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO COMUNE DI SAN BENEDETTO VAL DI SAMBRO PROVINCIA DI BOLOGNA DELIBERAZIONE N. 34 C O P I A VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: APPROVAZIONE BOZZA DI CONVENZIONE PER L'ASSOCIAZIONE "I

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA CONCESSIONE DI LOCALI E STRUTTURE FISSE DI PROPRIETA DEL COMUNE AD ENTI ED ASSOCIAZIONI COMUNE DI NORMA

REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA CONCESSIONE DI LOCALI E STRUTTURE FISSE DI PROPRIETA DEL COMUNE AD ENTI ED ASSOCIAZIONI COMUNE DI NORMA REGOLAMENTO COMUNALE DISCIPLINANTE LA CONCESSIONE DI LOCALI E STRUTTURE FISSE DI PROPRIETA DEL COMUNE AD ENTI ED ASSOCIAZIONI COMUNE DI NORMA Art. 1. OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento,

Dettagli

CITTA DI CASTEL MAGGIORE. Provincia di Bologna

CITTA DI CASTEL MAGGIORE. Provincia di Bologna Allegato alla D.G. n. 119 del 04.07.2008. CITTA DI CASTEL MAGGIORE Provincia di Bologna Repertorio CONTRATTO DI CONCESSIONE IN USO NON ECLUSIVO DI ATTREZZATURE PUBBLICHE PER COLLOCAZIONE IMPIANTO TECNOLOGICO

Dettagli