dialegesthai Collana di ricerche filosofiche diretta da Emilio Baccarini e Giovanni Salmeri

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "dialegesthai Collana di ricerche filosofiche diretta da Emilio Baccarini e Giovanni Salmeri"

Transcript

1 dialegesthai Collana di ricerche filosofiche diretta da Emilio Baccarini e Giovanni Salmeri 9

2 Volume pubblicato con il contributo della scuola IaD (Istruzione a Distanza), Università di Roma Tor Vergata.

3 dialegesthai mø nun n «qoj mo non ùn saut f rei, Èj f j s, ko d n llo, to t' rqòj cein. stij g r a tÿj ƒ froneén m noj dokeé, ƒ glòssan, n o k lloj, ƒ yuc n cein, o toi diaptucqûntej Ìfqhsan kenoà. ll' ndra, keä tij sof j, tÿ manqßnein p ll' aáscrÿn o d n kaã tÿ m teànein gan. Non portare nell animo l idea, solitaria, che la verità sia tua e che nient altro sia vero. Chi è convinto d aver senno lui solo, d avere lui solo la parola o l anima, appena lo scopri, vedi che dentro è vuoto. Ma per un uomo, anche saggio, imparare, deporre l ostinazione, non è mai disonorevole. Sofocle, Antigone, III episodio, vv Im wirklichen Gespräch geschieht eben etwas Nell autentico dialogo qualcosa accade sul serio. Franz Rosenzweig, Il nuovo pensiero Riprendendo l antico termine dialégesthai ( dialogare ) come titolo di questa collana di ricerche filosofiche, in continuità di ispirazione con la rivista di filosofia on line (http://mondodomani.org/dialegesthai) vogliamo ripetere, da un lato, l esigenza del rigore argomentativo del discorso vero proprio della filosofia, ma dall altro, anche, ascoltare la vita e quindi ritrovare la dialogica prima della dialettica, che significa anche offrire una testimonianza della verità, non soltanto argomentativa, bensì anche come passione personale di ricerca della verità. Vogliamo situarci in questo spazio intermedio che oggi si presenta con un urgenza nuova, in gran parte ancora da pensare, senza arroganza e senza la pretesa antidialogica di essere portatori di una verità semplicemente da comunicare.vorremmo proporre una sorta di apologia della verità (dialogo) contro la certezza (violenza).

4

5 Ivano Liberati DALLA BARBARIE ALLA VITA COME AUTO-MANIFESTAZIONE LA PROPOSTA FENOMENOLOGICA DI MICHEL HENRY

6 Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133/A B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: maggio 2010

7 Per Elisa

8

9 Sommario Abbreviazioni 13 Presentazione di Emilio Baccarini 15 Introduzione 19 Parte I La filosofia di Michel Henry: una mappa concettuale L ontologia fenomenologica universale Fenomeno, coscienza e rappresentazione Dal fenomeno al «monismo ontologico» La filosofia della coscienza La rappresentazione Una filosofia dell immanenza La questione della trascendenza Dalla trascendenza all immanenza: il rovesciamento fenomenologico L invisibile, il comment della rivelazione La dimensione affettiva L interpretazione ontologica dell affettività 99 9

10 10 Sommario 4.2 Affezione e affettività, affettività e azione, verità dell affettività Ipseità, affettività e assoulto Vita, Corpo, Carne,Verbo Che cosa chiamiamo vita Il corpo nella fenomenologia rovesciata Una fenomenologia della carne Dalla fenomenologia dell In-carnazione al raggiungimento della Vita assoluta nel Verbo cristiano 125 Parte II Dalla fenomenologia materiale alla barbarie La fenomenologia materiale La questione della fenomenologia e il problema del tempo Metodo e principi della fenomenologia La riduzione radicalizzata: per una fenomenologia non intenzionale Fenomenologia materiale tra etica e religione. Oltre i limiti della fenomenologia? L immanenza nella fenomenologia della vita Dall essere dell ego alla parola di Dio: l immanenza attraverso il trittico cristiano Io sono la verità, Incarnazione, Parole del cristo Corpo, carne, incarnazione e l Archi-intelligibilità giovannea Il paradigma dell immanenza: Michel Henry oltre l onto-teologia 220

11 Sommario Cultura della barbarie. La proposta fenomenologica di Michel Henry Appunti fenomenologici Una praxis della vita contro la barbarie Oblio della vita e barbarie: elementi e prospettive La malattia della vita e l avanzamento della barbarie Una barbarie praticata. Ideologie e metodologie Crisi della cultura e clandestinità. Per una ri-scoperta della vita 279 Indice dei nomi 287

12

13 Abbreviazioni Le opere di Michel Henry sono citate nel testo con le seguenti sigle. Per una bibliografia completa e aggiornata delle opere dell autore e dei testi critici pubblicati rimando al mio Bibliografia di Michel Henry in «Dialegesthai. Rivista telematica di filosofia», disponibile su: EM M. Henry, L Essence de la manifestation, Puf, Paris 1963 [II ed., 1990]. GP ID., Généalogie de la psychanalyse. Le Commencement perdu, Puf, Paris 1985 [trad. it., Genealogia della psicoanalisi. Il cominciamento perduto, Ponte alle grazie, Firenze 1990]. PV,I ID., Phénoménologie de la vie. De la phénoménologie, tome I, Puf, Paris PV,II ID., Phénoménologie de la vie. De la subjectivité, tome II, Puf, Paris PV, III ID., Phénoménologie de la vie. De l art et du politique, tome III, Puf, Paris PV, IV ID., Phénoménologie de la vie. Sur l éthique et la religion, tome IV, Puf, Paris IN ID., Incarnation. Une philosophie de la chair, Seuil, Paris 2000 [trad. it., Incarnazione. Una filosofia della carne, Sei,Torino 2001]. FM ID., Phénoménologie matérielle, Puf, Paris 1990 [trad. it., Fenomenologia materiale, Guerini e Associati, Milano 2001]. VI ID., Voir l invisible. Sur Kandinsky, Bourin, Paris 1988 [trad. it., Vedere l invisibile. Saggio su Kandinskij, Guerini e Associati, Milano 1996]. 13

14 14 Abbreviazioni AD ID., Auto-donation, Entretiens et conférences, Prétentaine, Paris- Montpellier IV ID., C est moi la vérité. Pour une philosophie du christianisme, Seuil, Paris 1996 [trad. it., Io sono la verità. Per una filosofia del cristianesimo, Queriniana, Brescia 1997]. BA ID., La Barbarie, Grasset, Paris 1987 [II ed., Puf, Paris 2001]. PC ID., Paroles du Christ, Seuil, Paris 2002 [trad. it., Parole del Cristo, Queriniana, Brescia 2003]. PPC ID., Philosophie e phénoménologie du corps. Essai sur l'ontologie biranienne, Puf, Paris 1965 [II ed., 1997]. SZ M. Heidegger, Sein und Zeit, Niemeyer, Halle 1941 [trad. it. di Pietro Chiodi, Essere e Tempo, Longanesi, Milano 1970].

15 Presentazione di Emilio Baccarini La struttura di questo lavoro riflette e tenta di ripercorrere l evoluzione della proposta filosofica di Michel Henry, a partire dal fondamentale testo L Essence de la manifestation, di cui l autore offre un interessante analisi critica, attraverso la costruzione di una mappa concettuale che, ripercorrendo l opera, riesce a sviscerarne i temi principali e a strutturare e rendere noti i fondamenti filosofici e gli interlocutori privilegiati dal filosofo francese. Il volume mette in luce sapientemente molti aspetti della filosofia di Henry, scegliendo un filo conduttore che è quel particolare sguardo sulla fenomenologia husserliana, proprio del filone fenomenologico francese, cui Henry appartiene quale voce significativa e allo stesso tempo estremamente originale. Uno dei nodi problematici che emerge già nel secondo capitolo, che interessa più in generale l intera fenomenologia, è l essenza del fenomeno: ciò che la fenomenologia avrebbe tralasciato d indagare è proprio l apparire fenomenologico. È necessario capire la relazione che intercorre tra l essenza e l esistenza nella presenza del fenomeno (la sua concretezza) per ricusare il fatto della filosofia: il sapere sul sapere assoluto compreso nella sua assolutezza, si dispiega nel medium della rappresentazione? L essenza del fenomeno non si trova all esterno rispetto al fenomeno stesso, anzi gli 15

16 16 Presentazione è così interna da fondarlo, ed è grazie a ciò che trova il suo «principio». Questa impostazione però, implica non pochi problemi e critiche di immanentismo, e quantomeno ci costringe ad affrontare tutti quei problemi conseguenti all impostazione rappresentazionalista criticata da Henry, che ha condotto a una determinazione unilaterale del fenomeno, a quello che viene definito «monismo ontologico». Henry rimprovera a tutta la filosofia occidentale di fermare l essere in un monismo ontologico assoluto ed esclusivo. Saranno la filosofia della coscienza e il concetto di trascendenza ad offrire al fenomenologo francese la possibilità di teorizzare il superamento dell alienazione provocata da questa impostazione speculativa, per approdare al nucleo più originale e stratificato della sua riflessione che si dispiega a partire da un orizzonte di immanenza come essenza della trascendenza. L immanenza interviene per risolvere il problema dell essenza originaria della ricettività, più precisamente, la struttura interna della possibilità di una ricezione originaria in generale. In questo retournement filosofico, l affettività viene a rendere possibile la manifestazione di ciò che si manifesta e lo determina, assumendo il ruolo auto-affettivo di ogni fenomeno possibile: «L auto-affection est la structure constitutive de l essence originaire de la réceptivité» 1. Gli aspetti esaminati nella seconda parte del volume si focalizzano, da un punto di vista metodologico, sulla fondatezza di una possibile fenomenologia materiale, e dal punto di vista teoretico, sul concetto essenziale di immanenza, ripensato in relazione alla temporalità; più nello specifico viene esaminata la critica rivolta a Husserl da parte di Henry a partire dal 85 delle Ideen I, dove il primo spiega cosa intende con fenomenologia iletica: è da questa definizione che 1 Cit., M. HENRY, L Essence de la manifestation, Puf, Paris 1963, p. 288.

17 Presentazione 17 viene messa in gioco la stabilità delle tesi essenziali della fenomenologia storica. A ciò segue un confronto con tutti quei temi cari alla fenomenologia e riletti da Henry con le lenti della sua propria fenomenologia materiale: si affronta il problema dell etica, la questione religiosa, la possibilità di una fenomenologia della vita. Questi capitoli nascono dallo studio dell ultima fase del pensiero di Henry, e in particolare dai volumi postumi raccolti nei quattro tomi della Phénoménologie de la vie, a cui si aggiungono le riflessioni proposte dai referenti imprescindibili dello scenario fenomenologico francese. L approdo proposto è suggestivo ma non privo di dubbi e problematicità. È possibile scardinare il concetto stesso di intenzionalità attraverso una radicalizzazione della riduzione, senza perdere qualcosa di essenziale, e fondare una fenomenologia che aspiri a una dimensione completamente non-intenzionale? Nella parte conclusiva di questo saggio l autore ripercorre le tematiche e i concetti della fenomenologia della vita di Michel Henry e li fa dialogare con uno dei testi più amati dell autore in Francia, La barbarie. Questo parallelo permette all autore di evidenziare la peculiarità fenomenologica e la causa prima, anteriore a qualsiasi concettualizzazione, che Henry attraverso gli strumenti della fenomenologia ha cercato di descrivere, consapevole dei rischi e dei limiti del linguaggio che si rivolge verso un principio che si voglia ergere a fondamento. La fenomenologia di Henry vuole essere una fenomenologia della Vita, perciò inizia e si struttura nella Vita e nell esercizio di una praxis della vita contro l avanzamento apparentemente inarrestabile di una barbarie pensata e praticata dalla società contemporanea. Il discorso trova interlocutori inaspettati ma essenziali per l articolazio-

18 18 Presentazione ne di un pensiero che vuole spingersi sino alle dinamiche socio culturali della contemporaneità. Non è più l oggetto, il lavoro, la televisione, la scienza oggettivante o l università a imbrigliare un soggetto sempre più sottoposto a una perdita di senso complessiva: occorre recuperare la propria Vita, riscoprirla come epicentro manifestativo in grado di fondare una legalità pratica da cui ripartire per contrastare quella che può considerarsi come la dissoluzione dell umano. Roma, 10 maggio 2010

19 Introduzione Questo lavoro è il frutto dell incontro con la fenomenologia, un atteggiamento filosofico che affascina per l immensa ricchezza e la radicale capacità di rigenerarsi in nuovi orizzonti e in nuove pratiche, senza mai restare prigioniera del proprio maestro e del proprio metodo. La fenomenologia è un movimento, è una spinta che trae una rinnovata energia in tutti quegli autori che oggi si interrogano ancora sulle questioni lasciate aperte da Husserl. L impostazione che sottende un approccio così originale alla filosofia, ma allo stesso tempo alle essenze, al soggetto, al mondo della vita, è ciò che rende la fenomenologia un momento fondamentale di tutta la riflessione contemporanea, per il semplice ma imprescindibile costituente fenomenologico: la fenomenologia è una possibilità per l uomo di comprensione, la fenomenologia è un orizzonte di possibilità che teme una rigida e definitiva regolamentazione e cristallizzazione. Questo aspetto è ciò che ha affascinato la riflessione francese e i suoi più illustri autori, basti pensare a Sartre, Levinas e Merleau-Ponty che a partire dalle esigenze fondamentali della fenomenologia hanno elaborato dei percorsi assolutamente autonomi e originali. La fenomenologia si struttura e si recepisce come un punto di partenza, un introduzione sempre rinnovata alla conoscenza. 19

20 20 Introduzione La novità, e per certi versi lo spirito intrinsecamente aporetico e insieme rivoluzionario della fenomenologia, è particolarmente adatta alla sensibilità della cultura francese che immediatamente coglie le enormi possibilità aperte dal metodo fenomenologico. È a partire da questa forza, dal vigore fenomenologico francese che trova ispirazione questo lavoro. Le proposte ritenute a volte eretiche delle generazioni di filosofi che si sono confrontati e scontrati con Husserl hanno dato modo alla fenomenologia di fare i conti con se stessa, di di-spiegarsi, di contorcersi, di mostrare le proprie criticità e di allargare la propria influenza, di delimitare le proprie capacità o di ampliarle a partire da quei fenomeni che ne caratterizzano tutta l evoluzione storica.tra i numerosi protagonisti di questo iter speculativo, questo lavoro intende offrire un ritratto, descrittivo e mai definitivo, di un autore tra i più originali e controversi del quadro francese: Michel Henry. Assai innovativa la sua rilettura della fenomenologia tradizionale, la sua contaminazione filosofica e la sua storia autobiografica che sintetizza immediatamente «una filosofia della vita» di «una vita» filosoficamente sperimentata; Michel Henry descrive una nuova ontologia che è un tutt uno con la vita, sia da un punto di vista teoretico in L Essence de la manifestation, Philosophie et phénoménologie du corps, Phénoménologie matérielle, Généalogie de la psychanalyse. Le Commencement perdu, e sia in una dimensione più pratica come si evidenzia nel Marx, in La Barbarie, in Du communisme au capitalisme. Théorie d une catastrophe. Le due parti di questo lavoro tentano di dialogare e mantenere intatta l articolazione di un pensiero che muove a partire da istanze fenomenologiche, dispiegandosi e spingendosi in territori al limite della stessa fenomenologia at-

21 Introduzione 21 traverso una tensione speculativa non priva di cedimenti, interruzioni, ripiegamenti e ricominciamenti fornendoci un «sistema filosofico» estremamente organico e stratificato in grado di indagare, a partire dalla svolta fenomenologica che tenta di operare, le questioni e i paradossi della filosofia occidentale. Attraverso l analisi delle opere si è cercato di mantenere intatto il respiro e il procedere della scrittura di Henry, spesso tortuoso, incalzante e ri-presentativo senza alterare la forza espressiva del testo; per questo si è scelto di mantenere gran parte delle citazioni utilizzate in lingua francese, per garantire e consentire al lettore una rilevazione puntuale della terminologia e della sintassi dell autore. A questa scelta di rispondenza ai testi si aggiunge la necessità di armonizzare le numerose suggestioni e gli spunti critici presenti nei testi di Henry in un discorso che pur non pretendendo una esaustività definitiva sull autore, cerca di fornire un quadro generale dei concetti chiave della sua fenomenologia della vita e allo stesso tempo sperimenta, in maniera ancora acerba, un orizzonte di applicabilità della fenomenologia materiale. Le direttrici di fondo di questo lavoro si configurano essenzialmente in due parti, pensate per fornire in prima battuta gli strumenti della fenomenologia henryenne e successivamente per cercare di applicarli ripercorrendo e approfondendo alcuni aspetti della cultura contemporanea. La struttura di questo lavoro riflette e tenta di ripercorrere l evoluzione della filosofia fenomenologica di Henry, a partire dal fondamentale testo L Essence de la manifestation,di cui la Parte I rappresenta un analisi critica, attraverso la costruzione di una mappa concettuale e tematica emersa dal confronto tra quella prima opera e le successive. Già in questa prima parte emergono i capisaldi della sua riflessione, co-

22 22 Introduzione sì come si è andata edificando e modificando nel corso degli anni: si riparte dall ontologia e si chiarisce la posizione fenomenologica dell autore rispetto all impostazione husserliana; si analizza il concetto di «monismo ontologico», le sue premesse, la sua articolazione interna e la sua specificità evidenziando, come del resto ci suggerisce Henry, la gabbia concettuale in cui si è strutturato il pensiero ek-statico dell occidente, paradigma unico e assolutizzante dalla filosofia greca fino alla fenomenologia husserliana. A partire da queste considerazioni più generali e storiche si perviene al nodo fondamentale della problematica henryenne: la duplicità della manifestazione che rappresenta uno dei motivi di fondo della prospettiva materiale di Henry. Per focalizzare la questione si è fatto particolare riferimento ai primi testi dell autore e a tutti quei passaggi in cui Henry si confronta prima di tutto con la tradizione filosofica e poi con la tradizione fenomenologica: ripensare al fenomeno, alla sua modalità manifestativa propria, riproporre la questione propria della fenomenologia significa aprirsi a un ripensamento radicale del cominciamento fenomenologico, significa rileggere la fenomenologia cercando di intravederne e palesarne tutte le potenzialità ma anche le sue strutturali limitatezze. Questo può significare cambiare completamente il paradigma fenomenologico, anche se apparentemente tale affermazione può sembrare contraddittoria, Henry non intende sovvertire o ribaltare le regole della fenomenologia, perché la fenomenologia stessa non è riducibile a un insieme di regole che definisce un metodo, non è questo l intento di fondo del suo inventore e nemmeno di Henry. Quello che emerge è una necessità di radicalizzare, portare fino alle sue estreme conseguenze, la fenomenologia ovvero arrivare a stabilire in che modo i fenomeni si mostrano e quale può

23 Introduzione 23 essere il costituente fenomenico dei fenomeni: qualcosa ci appare, qualcosa appare, Henry indaga pervicacemente la modalità manifestativa dei fenomeni per ri-fondare la manifestazione stessa, operazione imprescindibile a una scienza dei fenomeni. La prima parte del testo cerca di rendere conto e illustrare i passaggi salienti di questa presunta mancanza di radicalità della fenomenologia tradizionale, tenendo presente la coerenza argomentativa e la legittimità di un simile rovesciamento tematico che elegge l immanenza a struttura costitutiva dell essenza della fenomenalità. A partire dall approfondimento dell immanenza si apre il mondo affettivo che sorregge la fenomenologia rovesciata di Henry, la sua filosofia e la sua proposta fenomenologica che tratteggia una dimensione paradossalmente inedita dell intenzionalità, della riduzione e dell intuizione, insomma i capisaldi della fenomenologia storica. Segue una seconda sezione intitolata Dalla fenomenologia materiale alla barbarie, in cui vengono ripresi tutti gli elementi rintracciati nella prima parte per essere messi in relazione così come prospetta Henry in Phénoménologie matérielle, proiettando l immanenza della Vita come leitmotiv imprescindibile dell intera costruzione filosofica a cui si aggiunge un ulteriore approfondimento delle possibilità manifestative legate all immanenza, al pathos, all affettività, al corpo proprio di ogni singolo essere vivente. Gli aspetti esaminati in questa parte consentono di leggere in maniera più critica non solo la fenomenologia materiale, ma anche le problematiche che quest ultima riporta al centro dell indagine filosofica sia da un punto di vista metodologico basta pensare alle critiche rivolte all intenzionalità sia da un punto di vista teoretico e qui in particolare si prende in considerazione la modalità originaria di manifestazione dei feno-

24 24 Introduzione meni, radicata secondo Henry in una dimensione esclusivamente passiva e immanente. Questi capitoli poggiano sull ultima fase del pensiero di Henry, su tutto il materiale critico a lui rivolto e in particolare sui volumi postumi raccolti nei quattro tomi della Phénoménologie de la vie. Infine, un capitolo dedicato all analisi e alla problematica di un testo spesso sottovalutato da un punto di vista fondativo, ma che risulta essere tra i più noti e più letti dell autore: La barbarie. Qui si rintracciano tutte le questioni di fondo presenti nelle opere precedenti, ma trovano in questo scritto una cornice nuova ed estremamente chiara; si prendono in considerazione solo alcuni passaggi del testo che servono a mostrare il lato più etico-pratico della fenomenologia di Henry e allo stesso tempo la sua attenzione e una capacità di previsione nei confronti di una deriva culturale, che oggi risulta indispensabile per comprendere il senso di una barbarie non limitata alla cultura di massa, alla società dello spettacolo e dell immagine, ma che nasconde al suo interno una tendenza auto-distruttiva della vita che cerca vanamente di allontanarsi da sé. È possibile per noi oggi ritornare a sentirci dei viventi? In che modo possiamo effettivamente riappropriarci della nostra carne di viventi e ridestare l attenzione per la vita in un mondo che sembra aver obliato la sua essenza costitutiva e irriducibile?

25 PARTE I La filosofia di Michel Henry: una mappa concettuale

26

27 1. L ontologia fenomenologica universale L io e l essere sono i «concetti» che hanno interessato l intera speculazione filosofica e ancora oggi risultano indispensabili per sviluppare e rendere organica una ricerca filosofica che riflette in modo rigoroso sulle problematiche legate all originario. Michel Henry non si esime dall affrontare la questione dell io e dell essere, presi nella loro singolarità e nella loro unione all interno del sintagma verbale io-sono: Le sens de l être de l ego est le thème des présentes recherches. Celles-ci visent à porter dans la lumière, devant le regard philosophique, ce que nous entendons lorsque nous disons à tout propos, et chaque fois qu il est question de nous-même: je, moi 1. Il senso dell essere dell ego è il punto da cui ri-parte la riflessione di Henry. Bisogna prima di tutto definire a chi spetta l indagine sull essere dell ego, per capire se è possibile metodologizzare una tale ricerca orientata verso l originario. Nel differenziare le diverse ricerche filosofiche, l autore rintraccia nell indagine sull essere dell ego una peculiarità: è essenziale, nel senso che tutte le altre sfere filosofiche si subordinano a questa ricerca «prima» che compete a detta di Henry all ontologia 2. 1 M. HENRY, EM,p.1. 2 Ivi, pp

28 28 Capitolo 1 L edificazione di un ontologia fenomenologica universale inizia ad articolarsi, in vista di un superamento dell ontologia tradizionale. Restano fuori la scienza oggettivistica e la psicologia, entrambe incapaci di rivelare il fondo essenziale dell io, in particolare la psicologia rischia di comprometterne la portata ontologica stessa. Il problema fondamentale di tali questioni è la «dimenticanza» speculativa riguardante il problema del fondamento 3, ovvero ciò che si pone all inizio e funge da chiave di volta per l intero sviluppo della ricerca. L inizio è solo presupposto dalle scienze oggettivistiche ma non esplicitato (rintracciato); su questo «dato» vengono articolate tutte le successive asserzioni metodologiche che nel loro insieme costituiscono un vero e proprio paradigma: il metodo di ricerca scientifico. Henry evidenzia il rapporto io-scienza, sbilanciato in favore della seconda, che assume come riferimento l io, facendolo diventare un «oggetto» di indagine scientifica 4, rendendolo altro da sé, per poi entificarlo. In epoca moderna la questione filosofica dell io non è stata affrontata come una questione avente in sé il proprio fondamento, cioè autosufficiente, ed è quindi stata subordinata all esigenza scientifica intenta a rischiararne 5 il senso per potersi assicurare basi solide e incontrovertibili. Qualsiasi discorso sull ego implica una ripresa del pensiero cartesiano, considerato il fondatore della filosofia del soggetto e più in generale del pensiero moderno. Henry 3 Il fondamento è inteso come la ricerca sull essere dell io. 4 Per oggetto si intende qui qualcosa che può essere indagato empiricamente, attraverso l indagine scientifica, dunque determinabile in un senso definitivo. 5 Rischiarare è inteso sempre in un senso oggettivante, entificare qualcosa dopo averlo esposto alla luce della ragione.

Nazione e autodeterminazione

Nazione e autodeterminazione Luka Bogdanić Nazione e autodeterminazione Premesse e sviluppi fino a Lenin e Wilson Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B 00173

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

PSICOLOGIA CLINICA E PSICOTERAPIA

PSICOLOGIA CLINICA E PSICOTERAPIA PSICOLOGIA CLINICA E PSICOTERAPIA 23 Direttore Rosario DI SAURO Università degli Studi di Roma Tor Vergata Centro Ricerche e Interventi in Psicologia Applicata (Ce- RIPA) di Latina Scuola Internazionale

Dettagli

Stefano Iuliani Non tutte le vittime sono uguali

Stefano Iuliani Non tutte le vittime sono uguali DIRITTO DI STAMPA 69 DIRITTO DI STAMPA Il diritto di stampa era quello che, nell università di un tempo, veniva a meritare l elaborato scritto di uno studente, anzitutto la tesi di laurea, di cui fosse

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

Insegnanti, diversità culturale, questioni di genere

Insegnanti, diversità culturale, questioni di genere Carla Roverselli Insegnanti, diversità culturale, questioni di genere Fatema Mernissi: educare a superare i confi ni ISBN: 9788867092307 Prima edizione: dicembre 2015 2015 - Editoriale Anicia s.r.l. Via

Dettagli

PREFAZIONE. Fogli di Filosofia, 2015, Fasc. 7, pp. 1-4

PREFAZIONE. Fogli di Filosofia, 2015, Fasc. 7, pp. 1-4 PREFAZIONE Si propongono qui di seguito i testi delle relazioni presentate nel corso della giornata di studi Fichte 1814-2014. La filosofia teoretica tenutasi il 18 marzo 2014 presso l Istituto di Studi

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573

TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573 TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573 Emanuela Maria Torre STRATEGIE DI RICERCA VALUTATIVA

Dettagli

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche A13 Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale Il ruolo della funzione di risk management delle banche Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti

L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti Agnese Vardanega L analisi dei dati qualitativi con Atlas.ti Fare ricerca sociale con i dati testuali ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

IL COUNSELING Il counseling

IL COUNSELING Il counseling IL COUNSELING Il counseling è stato definito come un processo di interazione fra due persone il cui scopo è quello di favorire nel cliente una presa di coscienza della sua situazione esistenziale per supportarlo

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro.

queste domande e l importanza delle loro risposte, per quanto concerne questo lavoro. ABSTRACT La presenti tesi affronterà i problemi legati ai diritti umani, focalizzandosi specificatamente sul trattamento e lo sviluppo di questi diritti in Cina e nelle sue due Regioni Amministrative Speciali,

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

Psicologia sociale delle religioni

Psicologia sociale delle religioni Psicologia sociale delle religioni 0-Presentazione del corso (secondo semestre) vers. 0.2 (3 marzo 2014) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

Anno 2004/2005 CORSO SNES-CSI PER FORMATORI. Bologna, 3 dicembre 2005. Lara Rossin

Anno 2004/2005 CORSO SNES-CSI PER FORMATORI. Bologna, 3 dicembre 2005. Lara Rossin Anno 2004/2005 LA FIGURA DEL FORMATORE CSI -LE SUE PECULIARITÀ E LA SUA MISSION- CORSO SNES-CSI PER FORMATORI Bologna, 3 dicembre 2005 Lara Rossin 1 INTRODUZIONE Non si insegna e non si può insegnare,

Dettagli

Progetto educativo. AA. SS. 2014-2015 (fase preparatoria); 2015-2016 (realizzazione in classe)

Progetto educativo. AA. SS. 2014-2015 (fase preparatoria); 2015-2016 (realizzazione in classe) Commissione didattica Progetto educativo La scrittura filosofica A. ELEMENTI DI CONTESTO A.1 Tipologia Progetto educativo biennale per i Licei A.2 Ambito territoriale Nazionale A.3 Tempi di realizzazione

Dettagli

Elena Sbaraglia. Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei

Elena Sbaraglia. Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei Elena Sbaraglia Step by step La tecnica di scrittura creativa di Dario Amadei STEP BY STEP EDIZIONI SIMPLE Via Weiden, 27 62100 Macerata info@edizionisimple.it www.edizionisimple.it ISBN 978-88-6259-746-3

Dettagli

Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1. Prima edizione: giugno 2006

Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1. Prima edizione: giugno 2006 Proprietà letteraria riservata 2006 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 88-17-01185-1 Prima edizione: giugno 2006 Indice A chi è destinato questo libro? 13 1. La via tantrica: un viaggio verso l ignoto A cosa

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

Intrecci familiari e modelli relazionali: la prospettiva della gestalt Therapy

Intrecci familiari e modelli relazionali: la prospettiva della gestalt Therapy www.gestaltherapy.it Istituto di Gestalt Therapy Hcc Kairòs Scuola Post Universitaria di Specializzazione in Psicoterapia della Gestalt Riconosciuta dal MIUR DDMM 9.5.1994, 7.12.2001, 24.10.2008 RAGUSA

Dettagli

Cap. 1 PUSC. Giulio Maspero I anno, I sem (ver. 2006-7)

Cap. 1 PUSC. Giulio Maspero I anno, I sem (ver. 2006-7) Cap. 1 1) Qual è il trattato più importante del mondo? 2) Perché questa disciplina ha subito un eclissi? 3) Perché si parla di Mistero della Trinità? Si può capire la Trinità? Cos è l apofatismo? 4) Cosa

Dettagli

Claudio Colombo Gli interessi nei contratti bancari

Claudio Colombo Gli interessi nei contratti bancari A12 Claudio Colombo Gli interessi nei contratti bancari Copyright MMXIV ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN

Dettagli

IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL RUOLO DELL INFERMIERE A06 152 Maria Grazia Belvedere Paolo Ruggeri IL RUOLO DELL INFERMIERE NELL ASSISTENZA AL PAZIENTE AFFETTO DA IPERTENSIONE ARTERIOSA POLMONARE ANALISI DI UN CASO CLINICO E REVISIONE DELLA LETTERATURA Copyright

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE 5 Direttore Roberto Chionne Professore ordinario di Economia e Gestione delle Imprese Facoltà di Lingua e Cultura Italiana Università per Stranieri di Perugia Comitato

Dettagli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli

ORIENTARE GLI ORIENTATORI. di Andrea Cammelli ORIENTARE GLI ORIENTATORI di Andrea Cammelli N egli ultimi anni abbiamo cominciato ad occuparci sempre più spesso di orientamento, portando la preziosa esperienza accumulata dal Consorzio Interuniversitario

Dettagli

Laura Bono, Silvia Di Leo, Monica Beccaro, Gianluca Catania, Massimo Costantini Le core-competencies dell operatore socio-sanitario in cure palliative

Laura Bono, Silvia Di Leo, Monica Beccaro, Gianluca Catania, Massimo Costantini Le core-competencies dell operatore socio-sanitario in cure palliative Laura Bono, Silvia Di Leo, Monica Beccaro, Gianluca Catania, Massimo Costantini Le core-competencies dell operatore socio-sanitario in cure palliative pp. 128, 16,00 - e-book 14,00 Cod. 1370.45 Collana:

Dettagli

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB.

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 DISCIPLINA: Religione CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ELENCO MODULI 1 Vivere secondo la Bibbia 2 Gesù,

Dettagli

Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo

Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo Manuela Repetto Creare e condividere conoscenze in gruppo Un modello per l analisi delle interazioni in rete Prefazione di Guglielmo Trentin Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009 Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea Magistrale in Disegno e Gestione degli Interventi i Sociali Corso di Biografia, Cultura e Servizio Sociale Servizio Sociale

Dettagli

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 L ASCOLTO Primo passo dell Accoglienza Padre GHERARDO ARMANI C. M. 1. La relazione di aiuto La relazione si fonda su un rapporto umano centrato sull incontro di

Dettagli

Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione

Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione CIRPA / 10 Centro Interdipartimentale per la Ricerca in Diritto, Economia e Management della Pubblica Amministrazione Master di II livello in Direzione delle Aziende e delle Organizzazioni Sanitarie DAOSan

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI ! Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI Insegnante: Arianna Rucireta NESSUN GRANDE ARTISTA VEDE MAI LE COSE COME REALMENTE SONO. SE LO FACESSE, CESSEREBBE DI ESSERE

Dettagli

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione

Corso di scrittura creativa. Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici. Prima Lezione Corso di scrittura creativa Dalla creazione di un romanzo al suo invio alle case editrici Prima Lezione Come nasce una storia Il materiale necessario ad uno scrittore Il corso che viene presentato, di

Dettagli

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA

1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA AREA SOCIO/AFFETTIVA- SCUOLA PRIMARIA Integrazione tra i lavori di gruppo di settembre (Thouar, Villini, Paganini, Montanella) 1-BEN-ESSERE DELLA PERSONA Competenza personale L alunno è consapevole della

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

IMMIGRATI E ASSISTENZA SANITARIA UN CASO DI STUDIO:IL COMUNE DI LUZZARA

IMMIGRATI E ASSISTENZA SANITARIA UN CASO DI STUDIO:IL COMUNE DI LUZZARA Abstract dell elaborato di tesi in Storia e Filosofia dei Diritti Umani di Beatrice Gabrielli: IMMIGRATI E ASSISTENZA SANITARIA UN CASO DI STUDIO:IL COMUNE DI LUZZARA Corso di laurea in Culture e Diritti

Dettagli

Insegnando. Dentro la realtà per la crescita della persona SCUOLA PRIMARIA PARITARIA DON LUIGI MONZA

Insegnando. Dentro la realtà per la crescita della persona SCUOLA PRIMARIA PARITARIA DON LUIGI MONZA E d u c a r e Insegnando Dentro la realtà per la crescita della persona SCUOLA PRIMARIA PARITARIA DON LUIGI MONZA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. 2012-13 (estratto) L istituzione scolastica è espressione

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Beatrice Orlando Slack organizzativo e shadow options

Beatrice Orlando Slack organizzativo e shadow options A13 Beatrice Orlando Slack organizzativo e shadow options L influenza della path dependency sulle potenzialità di sviluppo Prefazione di Antonio Renzi Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 1. VANGELO SECONDO GIOVANNI LEZIONE DEL 21-09-2012 ARGOMENTI: a. Introduzione al corso; i. Il Vangelo di Giovanni parla di che cos

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola

CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola CORSO DI FORMAZIONE L educazione e l istruzione in Europa. Ipotesi di sviluppo e di intervento nella scuola Prof. ssa Maria Vittoria Isidori Titolare dell insegnamento di didattica generale e pedagogia

Dettagli

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità

Su ali di farfalla. Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Su ali di farfalla Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Schemi realizzati dall autrice. Laura Freni SU ALI DI FARFALLA Trasforma la tua vita e vola verso la felicità Manuale www.booksprintedizioni.it

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO

PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO anno scolastico 2012/2013 MOTIVAZIONE PROGETTO ORIENTAMENTO SCUOLA SECONDARIA PRIMO GRADO Perché orientamento nella scuola secondaria di primo grado.

Dettagli

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi)

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi) RIFLESSIONE SULLA PROGETTAZIONE Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Fare Scienze con un approccio innovativo: l Apparato Circolatorio. Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi

Dettagli

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di

è lo spazio che intercorre tra gli obiettivi degli interessati che hanno la volontà di Sessione La negoziazione Introduzione INTRODUZIONE Il presente modulo formativo ha lo scopo di aiutare il manager a riesaminare le dinamiche interpersonali e le tecniche che caratterizzano una negoziazione

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO: LINGUISTICO CLASSE: V MATERIA: FILOSOFIA Modulo n 1 KANT E LA FILOFOFIA CRITICA Il significato del criticismo come filosofia del limite. La Critica

Dettagli

Ramón Lucas Lucas SPIEGAMI. la persona

Ramón Lucas Lucas SPIEGAMI. la persona Ramón Lucas Lucas SPIEGAMI la persona 2012 Edizioni ART Titolo originale dell opera Explícame la persona 2ª edizione 2012 Via dei Del Balzo, 10-00165 ROMA Tel. 06 66 52 77 84 Fax 06 66 52 79 07 E- mail:

Dettagli

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti.

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. Come sto andando in... analisi grammaticale Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. NON HO FATTO ERRORI IN... ARTICOLO

Dettagli

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA 1. programmazione e strutturazione dell intervista: gli argomenti da scegliere per ciascun cliente 2. la presa di contato con il cliente: tecniche di aggancio o di approccio

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie

On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie On Stage Laboratorio teatrale per le Scuole Primarie Introduzione Il presente progetto si riferisce alla strutturazione di un percorso laboratoriale teatrale ai ragazzi delle scuole primarie, con il quale

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

law firm of the year Chambers Europe Awards

law firm of the year Chambers Europe Awards Oltre 360 avvocati 4 volte Law Firm of the Year agli IFLR Awards nell ultimo decennio (2011, 2010, 2006, 2004) 9 sedi, 5 in Italia e 4 all estero law firm of the year Chambers Europe Awards for excellence

Dettagli

S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141

S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141 S. Rodotà, Solidarietà: un utopia necessaria, Editori Laterza, Roma-Bari, 2014, pp. 141 La crisi economica europea ha avuto importanti conseguenze sulla tutela dei diritti fondamentali a causa della riduzione

Dettagli

introduzione LICARI - Wayfinding.indd 21 22/05/2009 16.11.58

introduzione LICARI - Wayfinding.indd 21 22/05/2009 16.11.58 introduzione Il Duomo di Firenze è un ottimo esempio di riferimento lontano: visibile da vicino e da lontano, di giorno e di notte; inconfondibile, dominante per dimensioni e profilo, strettamente legato

Dettagli

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA Liceo delle Scienze Umane Alessandro da Imola /Imola Anno scolastico 2013/14 Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero Piano di

Dettagli

Wired: http://blog.wired.it/codiceaperto/2013/06/30/e-se-linnovazione-passasse-dalluniversita.html

Wired: http://blog.wired.it/codiceaperto/2013/06/30/e-se-linnovazione-passasse-dalluniversita.html E se l'innovazione passasse dall'università? Intervista al nuovo rettore dell'università di Torino Intervistatrice: Flavia Marzano Wired: http://blog.wired.it/codiceaperto/2013/06/30/e-se-linnovazione-passasse-dalluniversita.html

Dettagli

SCUOLA dell' INFANZIA: "FONTECHIARO" Sez. B a.s. 2011-2012

SCUOLA dell' INFANZIA: FONTECHIARO Sez. B a.s. 2011-2012 SCUOLA dell' INFANZIA: "FONTECHIARO" Sez. B a.s. 2011-2012 Inss.: Masci Luana - Del Gatto Paola Per i bambini, scoprire ciò che li circonda è sempre un avventura magica e piena di risorse. La realtà nella

Dettagli

Discorso di apertura

Discorso di apertura 3 Incontro delle IUS Discorso di apertura Roma, 13 luglio 2001 Luc Van Looy, sdb Iniziamo un incontro che si trova tra memoria e futuro, in un punto importante della storia umana e della congregazione

Dettagli

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende

Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende A13 Raffaele Fiorentino Il change management nei processi d integrazione tra aziende Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B

Dettagli

OPPORTUNITÀ DI COLLABORAZIONE

OPPORTUNITÀ DI COLLABORAZIONE OPPORTUNITÀ DI COLLABORAZIONE il Circolo dei lettori Palazzo Graneri della Roccia via Bogino 9, 10123 Torino www.circololettori.it Per informazioni Anastasia Frandino +39 011 4326814 +39 328 9573875 frandino@circololettori.it

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

COME COMPORTARSI E RAPPORTARSI CON ALLIEVI E GIOCATORI DURANTE LE LEZIONI E GLI ALLENAMENTI.

COME COMPORTARSI E RAPPORTARSI CON ALLIEVI E GIOCATORI DURANTE LE LEZIONI E GLI ALLENAMENTI. COMECOMPORTARSIERAPPORTARSICONALLIEVIEGIOCATORI DURANTELELEZIONIEGLIALLENAMENTI. CONSIGLIESUGGERIMENTI Siribadisce,comedettoinaltreoccasioniquandosièparlatodimetodologia,il concettodifondamentaleimportanzacheè:nondilungarsitroppodurantele

Dettagli

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo

6.1 La metafisica della Credenza e del Pensiero: il Resoconto Positivo EpiLog 16 XII 2013 Marco Volpe Sainsbury &Tye, Seven Puzzles of Thought Cap. VI The Methaphysics of Thought La concezione ortodossa riguardo il pensiero è che pensare che p significa essere in un appropriato

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

Anna, Francy. Fabio, Vincenzo

Anna, Francy. Fabio, Vincenzo Una dedica alla mia famiglia Anna, Francy Fabio, Vincenzo 1 2 Introduzione Se mi venissero tolte tutte le forze e ricchezze ad eccezione di una e se potessi scegliere quest una, sceglierei di conservare

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA

CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA CURRICOLO DISCIPLINARE di STORIA CLASSE PRIMA AREA COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITÀ CONOSCENZE 1 METODO L alunno: L alunno: Imparare ad imparare Progettare A. applicando le indicazioni, cerca informazioni

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA ASSISTEST 2015 ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA Di cosa ci occuperemo? 2 Saperi essenziali richiesti dal bando: - Elementi di storia del pensiero filosofico: Glossario - Scetticismo - Kant - Marxismo

Dettagli

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI

RACCOLTA ABSTRACT E PUBBLICAZIONI Indice PREFAZIONE INTRODUZIONE La Consulta dei Medici in Formazione Specialistica SItI L attività della Consulta Normativa MATERIALI E METODI Studi inclusi RISULTATI Competenze teoriche - Attività didattica

Dettagli

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Premessa All arrivo di un nuovo volontario l intero sistema dell associazione viene in qualche modo toccato. Le relazioni si strutturano diversamente

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

L IMPRESA PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA

L IMPRESA PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA L IMPRESA PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA a cura di Roberto Cafferata Saggi di Gianpaolo Abatecola, Alessandro Giosi, Sara Poggesi, Francesco Scafarto, Silvia Testarmata ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice

Dettagli

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO ANICA, TRA PASSATO E FUTURO Documentario di Massimo De Pascale e Saverio di Biagio Regia di Saverio Di Biagio PREMESSA Il rischio di ogni anniversario è quello di risolversi in una celebrazione, magari

Dettagli

PROF. ELISABETTA BENVENUTI PIANO DI LAVORO Materia: religione Classe Prima Anno Scolastico 2015-2016 Livelli di partenza: la rilevazione dei livelli

PROF. ELISABETTA BENVENUTI PIANO DI LAVORO Materia: religione Classe Prima Anno Scolastico 2015-2016 Livelli di partenza: la rilevazione dei livelli Materia: religione Classe Prima Anno Scolastico 2015-2016 linguaggio. poter aprire con i ragazzi un confronto sulle tematiche del mondo giovanile proposte dal testo. lo studente impara a riflettere sulle

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

Il caso del Passante di Mestre

Il caso del Passante di Mestre A13 Luciano Bologna Schemi interpretativi per calmierare l entropia nel sistema di realizzazione delle opere pubbliche alla luce delle odierne tendenze di esternalizzazione Il caso del Passante di Mestre

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

1. C è spazio, e quanto, per l adozione locale di linee-guida e raccomandazioni

1. C è spazio, e quanto, per l adozione locale di linee-guida e raccomandazioni VII PRESENTAZIONE Le linee-guida e le raccomandazioni scientifiche nella vita vera del Servizio Sanitario Nazionale, ovvero come creare un clima che ne favorisca l adozione sul campo Qualche mese fa sono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

Partecipazione e processi decisionali.

Partecipazione e processi decisionali. Partecipazione e processi decisionali. La legge regionale della Toscana sulla partecipazione: principi, finalità, contenuti. Antonio Floridia Responsabile del settore Politiche per la partecipazione Giunta

Dettagli

Ponzio a Bologna Maggio 2009

Ponzio a Bologna Maggio 2009 Ponzio a Bologna Maggio 2009 Intervento di Gregorio Scalise Il filosofo Hans Blumenberg parla di esistenza di un inadeguatezza del linguaggio rispetto alla sensazione, topos che ricorre nella poesia, e

Dettagli

LINUX a scuola: proviamo

LINUX a scuola: proviamo LINUX a scuola: proviamo V. Candiani, G. Caruso, L. Ferlino, M. Ott, M. Tavella Istituto per le Tecnologie Didattiche - CNR Genova La scuola italiana apre le porte a Linux: alcune realtà pilota tentano,

Dettagli

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 CONTENUTI. Drammaturgia dell oggetto... 5 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO... 7 DESTINATARI... 7 OBIETTIVI E FINALITÀ DIDATTICHE... 7 2 PREMESSA Dire

Dettagli

A cura di Roberta Ferdenzi, componente del Coordinamento pedagogico provinciale di Piacenza

A cura di Roberta Ferdenzi, componente del Coordinamento pedagogico provinciale di Piacenza Provincia di Piacenza Settore Sistema Scolastico e servizi alla persona e alla comunità RIFLESSIONI SUL LAVORO DEL COORDINATORE CHE OPERA PER FACILITARE, SUPPORTARE, SVILUPPARE LA CRESCITA PROFESSIONALE

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

L uso e il significato delle regole (gruppo A)

L uso e il significato delle regole (gruppo A) L uso e il significato delle regole (gruppo A) Regole organizzative: devono essere rispettare per far sì che la struttura possa funzionare e che si possa vivere in un contesto di rispetto reciproco; Regole

Dettagli

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Una parola chiave non comune di questo primo brano è speculazione.

a. Legga questo primo brano e scelga il titolo corretto tra i tre proposti: Una parola chiave non comune di questo primo brano è speculazione. Recupero TVI per matricole straniere a.a. 2010-11 Rosella Bozzone Costa - Lingua Italiana (13049 e 92020) Materiale 1c PROVA DI COMPRENSIONE SCRITTA TEST D INGRESSO CHIAVI E PRIMI ESERCIZI a. Legga questo

Dettagli