I.I.S.S. LANZA PERUGINI DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO CLASSE V SEZ. A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I.I.S.S. LANZA PERUGINI DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO CLASSE V SEZ. A"

Transcript

1 I.I.S.S. LANZA PERUGINI DOCUMENTO DEL 15 MAGGIO CLASSE V SEZ. A Anno Scolastico 2014/2015

2 CONSIGLIO DI CLASSE N. MATERIA DOCENTE 1 ITALIANO Fatigato Maria Rosaria 2 LATINO Della Croce Alberta 3 GRECO Della Croce Alberta 4 STORIA Perrotta Lucio 5 FILOSOFIA Perrotta Lucio 6 MATEMATICA Marchesiello Maria Assunta 7 FISICA Marchesiello Maria Assunta 8 INGLESE Di Taranto Antonio 9 STORIA DELL ARTE Codato Duilio 10 SCIENZE Formato Grazia 11 SCIENZE MOTORIE Donatelli Violetta 12 RELIGIONE D Emilio don Bruno Coordinatore Perrotta Lucio Dirigente scolastico PROF. GIUSEPPE TRECCA

3 ELENCO ALUNNE/I CANDIDATE/I COGNOME NOME 1 Cagnazzo Carmine Andrea 2 Compierchio Michela 3 Criscio Elisabetta 4 De Martino Ilaria 5 De Nido Cristina Grazia 6 Delli Carri Simona 7 Eronia Sara 8 La Rotonda Chiara 9 La Salandra Marco 10 Mazzei Caterina Pia 11 Narducci Arianna 12 Perulli Mauro 13 Petrone Ermanno 14 Quarato Bruno Augusto Pio 15 Renzulli Elisabetta 16 Sammartino Simona 17 Selicato Rosaria 18 Silvestri Deborah 19 Ursitti Alessandra 20 Veccia Alessia 21 Vitulano Maria Pia

4 INTRODUZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO Da alcuni anni la Regione Puglia, nel processo annuale di sistematizzazione e ampliamento dell Offerta Formativa, ha aggregato il Liceo Artistico Perugini al Liceo Classico V. Lanza, arricchendo il nostro territorio con un nuovo grande istituto: il Liceo classico e artistico Lanza\Perugini. Si tratta di una scuola che unisce sapientemente il cuore antico del Lanza, con la giovinezza artistica e creativa del Perugini. Questo nuovo grande Liceo, che sta definendo la sua nuova identità, si profila certamente come il polo della bellezza : la bellezza della cultura classica e umanistica, coniugata con la bellezza dell arte, declinata in tutte le forme della modernità. Il cuore antico di questa scuola, il Liceo Classico V. Lanza, la cui istituzione risale al 1868, rappresenta lo sforzo della città di Foggia di porsi al pari delle altre città italiane dotandosi di una scuola di qualità, una scuola che segnasse la differenza, per avviare alla formazione universitaria e alle professionalità alte e formare la nuova classe dirigente della città. Gli anni del Ventennio fascista hanno affidato al Liceo Classico anche la sua centralità logistica posizionandolo nel proscenio di Piazza Italia, una delle principali della città, in un Palazzo disegnato da uno dei più prestigiosi architetti italiani del secolo scorso, Marcello Piacentini. Una scuola, quindi, nata sotto il segno di una certa società classista, ma che oggi è frequentata da studenti di tutte le estrazioni sociali, uniti solo da un apprezzabile predisposizione al lavoro scolastico e dalla volontà di spendersi, attraverso lo studio, una carta importante per il proprio progetto di vita. Nella nostra scuola, infatti, le bocciature sono un avvenimento straordinario, legate quasi sempre a particolari e transitorie situazioni di disagio personale/familiare degli alunni. L impianto degli studi trova ancora, con il contributo essenziale delle materie umanistiche, le caratteristiche della sua formazione completa, flessibile, culturalmente ampia, in grado di fare delle nostre studentesse e dei nostri studenti, delle ragazze e dei ragazzi capaci di superare qualsiasi prova successiva: di studio, di vita e di lavoro. Il Liceo Classico V. Lanza, a partire dal 1 settembre 2008, data di insediamento dello scrivente alla sua guida, ha guadagnato una sua centralità culturale all interno della città di Foggia. La prestigiosa Aula Magna della scuola, dotata di 320 posti a sedere, è il cuore pulsante della scuola, dove trova libero sfogo la straordinaria creatività delle studentesse e degli studenti che intrecciano spesso, al percorso scolastico, la coltivazione di una grande passione, frequentando il Conservatorio, un laboratorio teatrale o personali cantine musicali, dove sviluppano una straordinario entusiasmo artistico, che ha dato vita a band e a un orchestra da camera.

5 Quella stessa Aula si è ormai consacrata come uno dei principali luoghi del pensiero cittadino, meta obbligata per tutti gli artisti, i registi, gli scrittori e gli intellettuali che transitano per la città di Foggia o che sono direttamente chiamati dalla nostra scuola. Ognuno di loro, ormai, ama il bagno di folla tra l entusiasmo e l intelligenza dei nostri alunni abituati, adesso, ad ascoltare e a misurarsi con tutti i principali modelli di pensiero liberamente circolanti nel nostro Paese e oltre. La scuola e i suoi docenti sono consapevoli che il mondo moderno non avrebbe senso senza il cuore antico della sua cultura classica e sono certi che la mente dei giovani va nutrita delle grandi costruzioni della nostra cultura occidentale. Un professionista, un avvocato, un commercialista, un medico sono tali, fino in fondo, se hanno impresso, nel loro bagaglio culturale e mentale, tutta la ricchezza dei grandi racconti mitologici, storici e filosofici della nostra tradizione. Il mondo moderno, però, è governato dalla matematica e dalle scienze e comunicato nella Lingua inglese e per questa ragione, la nostra scuola, negli ultimi anni, ha voluto porsi all avanguardia anche nel mondo delle tecnologie multimediali. Oltre 15 lavagne interattive disseminate nelle classi e nei laboratori, aule multimediali attrezzate, laboratori di informatica e il neonato laboratorio linguistico consentono, all attuale Liceo Classico V. Lanza, di guardare con serenità alla sfida della modernità, nella certezza di attrezzare i propri ragazzi di tutti gli strumenti che il mondo contemporaneo, sempre più concorrenziale e globalizzato, richiede necessariamente. Il Liceo Classico V. Lanza, in ogni caso, dal 1868, rimane la principale fabbrica dalla quale escono non solo la classe dirigente della nostra città, ma alte professionalità e talenti operanti in Europa e nel mondo, e questa scuola intende continuare a svolgere, sine die, questa sua antica mission. Il Dirigente Scolastico Prof. Giuseppe TRECCA

6 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE Breve storia della classe e sua valutazione basata sulle relazioni dei singoli docenti. La classe, all inizio del percorso di studi, contava 21 alunni di omogenea provenienza. Nel corso del quinquennio il numero degli alunni si è mantenuto identico nonostante qualche cambiamento e integrazione. La classe ha goduto della continuità didattica per molteplici insegnamenti tranne che per il Greco. L insegnamento di questa materia è stato affidato solo in quinto anno alla professoressa Della Croce, in quanto, la stessa docente, aveva già insegnato Latino nella stessa classe fin dall inizio del triennio. La classe ha ben socializzato, pur nella varietà e diversità delle singole personalità. Pertanto si presenta compatta e sufficientemente amalgamata, mentre sul versante del rendimento essa mostra una composizione non unitaria in relazione ad alcune discipline. Discreta la partecipazione alle iniziative proposte dal Progetto formativo della scuola. Sono presenti punte di eccellenza che hanno trainato diversi ragazzi nell impegno e nel raggiungimento di risultati migliori. Molti studenti hanno partecipato con interesse al dialogo culturale raggiungendo notevoli, talvolta anche brillanti, livelli di preparazione. Mai manchevole negli alunni è stato il lavoro di ricerca e di arricchimento culturale, anche se i risultati non sono stati uguali per tutti in certe materie. In riferimento alla programmazione presentata dal Consiglio di classe, il raggiungimento degli obiettivi finali ha presupposto comportamenti ed obiettivi intermedi trasversali, realizzati in termini di sviluppo di conoscenze, competenze e capacità con l attenzione rivolta sia ai bisogni cognitivo-operativi degli alunni, sia ad una rilettura aggiornata delle linee programmatiche ministeriali. Pertanto la classe ha acquisito al termine degli studi: 1) Conoscenze sistematiche dei contenuti disciplinari, umanistici e scientifici, nonché dei processi che li hanno caratterizzati. 2) Conoscenza dei rapporti tra scuola e territorio, tre Scuola secondaria in cui operano ed Università verso cui saranno capaci di orientarsi. 3) Competenze nell esporre le proprie conoscenze ed il proprio pensiero in maniera lineare e chiara. 4) Competenze nell usare le conoscenze acquisite e nel servirsi di metodi, strumenti, tecniche essenziali all indagine critica, storica e scientifica. 5) Competenza nell applicare le regole in area linguistica e scientifica. 6) Autonomia di giudizio. 7) Capacità di controllo e di verifica. 8) Capacità di problematizzare e progettare soluzioni possibili. 9) Capacità di elaborare un sapere unitario che superi i confini disciplinari.

7 Gli studenti della VA hanno risposto positivamente ai molteplici stimoli culturali proposti nell ambito dell offerta formativa realizzata dall Istituto: - Hanno partecipato al festival della Filosofia svoltosi ad Ascea. - Hanno assistito presso il teatro greco di Siracusa alla rappresentazione delle COEFORE/EUMENIDI di Eschilo e delle VESPE di Aristofane. - Insieme alle altre quinte dell Istituto la classe è stata in viaggio d istruzione a Monaco e a Berlino ed ha potuto visitare il campo di concentramento di SACHSENHAUSEN, con grande partecipazione emotiva. - Hanno partecipato ad incontri e a conferenze con scrittori, attori e registi nell ambito degli Incontri Extravaganti. - Le alunne Narducci, De Nido, Renzulli, Selicato, Eronia, La Rotonda, Criscio e Veccia e De Martino hanno partecipato a conferenze ed incontri di carattere scientifico proposti dalla facoltà di agraria dell università di Foggia per il PROGETTO DIOR. - Hanno preso parte a incontri di orientamento universitario e a dibattiti con rappresentanti di Enti presenti sul territorio. - Hanno progettato e messo in scena, con la collaborazione di studenti di altre classi, spettacoli finalizzati alla raccolta di fondi per Telethon. Narducci, De Nido, Renzulli, De Martino, Petrone, Sammartino ed Eronia hanno partecipato, talora distinguendosi a competizioni di matematica MATHS CHALLENGE e ai GIOCHI DI ARCHIMEDE (LOGICA-MATEMATICA). La classe, in modo variegato, ha partecipato ad Assaggi di musica e a Primavera musicale. Perulli, Sammartino, Mazzei, Selicato, Criscio, Veccia, Vitulano e La Rotonda hanno partecipato ad attività presse l ODA TEATRO. Criscio, La Rotonda, Selicato e Veccia hanno effettuato il Master Giornalismo. Tutti, tranne Cagnazzo, hanno frequentato il seminario di studi Arte e storia nella capitanata di età moderna. Nell A.S. 2013/14 le alunne De Nido, Narducci, De Martino, Renzulli, Eronia, Delli Carri, Veccia e Silvestri hanno aderito al progetto di volontariato Fratelli Lanza. Sempre nel 2013/14 De Martino e Renzulli hanno partecipato al corso di preparazione Keep Calm. Narducci, De Nido, Petrone, Delli Carri e La Rotonda hanno partecipato alla giornata della raccolta alimentare contro la fame in Italia. Narducci, De Nido, De Martino, Renzulli, Sammartino, Selicat, Eronia, La Rotonda, Cagnazzo, La Salandra e Petrone hanno partecipato ad attività sportive promosse dalla scuola. De Martino, Selicato Delli Carri, La Rotonda, Vitulano ed Eronia hanno partecipato all OXEPISA. La Salandra, Petrone, Ursitti, Compierchio e Quarato hanno partecipato al progetto Giurista per un giorno. Selicato, Perulli, Eronia, Sammartino e La Rotonda hanno partecipato alla preparazione del video di orientamento WAKE. La Salandra, Petrone e Sammartino hanno effettuato iscrizione all

8 ADMO. Nell A.S. 2011/2012 l alunna Veccia ha effettuato viaggio di studio in America in progetto PON. Nell A.S. 2012/2013 l alunna Compierchio ha effettuato viaggio di studio in America in progetto PON. Nell A.S. 2014/2015 l alunna De Nido ha effettuato viaggio di studio a Londra in progetto PONe anche lavoro come Baby sitter. Sempre l alunna De Nido ha svolto volontariato presso la Parrocchia Salesiana del Sacro Cuore. Attività di volontariato è stato svolto anche dall alunno Petrone. L alunna De Martino ha svolto lavoro di Baby sitter nel periodo Maggio Settembre L alunno La Salandra ha svolto un corso di primo soccorso. L alunna Narducci ha conseguito il livello B 1 con la valutazione A al Corso di Inglese tenutosi presso il College MARY IMMACULATE di Limerick (Ireland). La stessa alunna con valutazione di 24/24 ha conseguito l ADVANCED LEVEL presso la RIDER UNIVERSITY di Lawrenceville (Nj). Inltre la ragazza è stata segnalata alla SCUOLA NORMALE SUPERIORE di PISA per partecipare ai corsi rivolti a studenti particolarmente meritevoli. Interessati a vivere una esperienza qualificante ad avere un primo contatto con realtà significative del mondo universitario e della ricerca scientifica e tecnologica. Narducci è stata premiata come PRIMA classificata, per l Istituto superiore Lanza-Perugini, al MATHS CHALLENGE 2015 tenutosi presso la sede dell Università Degli Studi di Foggia del DIPARTIMENTO DI ECONOMIA. Per preparare gli studenti alla terza prova dell esame di licenza liceale, nel corso del pentamestre sono state proposte per ogni materia d esame simulazioni relative alle tipologie previste dalla normativa vigente. Inoltre, in data 21/04/2015 è stata svolta una simulazione pluridisciplinare che ha visto coinvolte le seguenti materie: fisica storia inglese greco ed. fisica. Per ciascuna materia sono stati proposti due quesiti a risposta aperta in quanto tale tipologia (tip.b) è apparsa al consiglio di classe particolarmente idonea ad accertare la preparazione degli alunni ed è stato previsto che la prova si svolgesse in 120 minuti. Durante l intero quinquennio, tutti gli insegnanti si sono impegnati ad aiutare gli alunni di questa classe nel loro personale percorso di crescita; a valorizzare le loro diversità e i loro talenti individuali, a far vivere loro un rapporto sereno con l Istituzione-Scuola. I discenti non sono mai stati considerati contenitori sterili di conoscenze da far svuotare a comando, bensì soggetti maturi e responsabili delle proprie scelte e atti cognitivi, capaci di interagire con intelligenza e senso critico con i docenti e di collaborare consapevolmente con questi ultimi al proprio progetto educativo. Infine si può affermare con sicurezza che gli studi classici sono stati d aiuto anche nell acquisizione del senso civico, della solidarietà e nella capacità di rielaborazione dei contenuti proposti per la comprensione del mondo contemporaneo, sociale e politico.

9 Percorso scolastico dei candidati CANDIDATA/O I II III IV 1 Cagnazzo Carmine Andrea Promosso Promosso con giudizio sospeso in matematica Promosso con giudizio sospeso in italiano Promosso con giudizio sospeso in latino 2 Compierchio Michela Promossa Promossa Promossa Promossa 3 Criscio Elisabetta Promossa Promossa Promossa Promossa 4 De Martino Ilaria Promossa Promossa Promossa Promossa 5 De Nido Cristina Grazia Promossa Promossa Promossa Promossa 6 Delli Carri Simona Promossa Promossa Promossa Promossa 7 Eronia Sara Promossa Promossa Promossa Promossa 8 La Rotonda Chiara Promossa Promossa Promossa Promossa 9 Non promosso nell a.s. 2010/11 e promosso Promosso con Promosso con La Salandra Marco nell a.s. giudizio giudizio 2011/12 con sospeso in sospeso in giudizio matematica latino e greco sospeso in greco e matematica 10 Mazzei Caterina Pia Promossa Promossa Promossa Promossa 11 Narducci Arianna Promossa Promossa Promossa Promossa 12 Perulli Mauro Promosso Promosso Promosso Promosso 13 Petrone Ermanno Promosso Promosso con giudizio sospeso in Promosso Promosso latino 14 Promosso con Promosso con Promosso con Promosso con giudizio giudizio giudizio giudizio Quarato Bruno Augusto Pio sospeso in sospeso in sospeso in sospeso in italiano, greco e greco e greco latino e greco matematica matematica 15 Renzulli Elisabetta Promossa Promossa Promossa Promossa 16 Sammartino Simona Promossa Promossa Promossa Promossa 17 Selicato Rosaria Promossa Promossa Promossa Promossa 18 Silvestri Deborah Promossa Promossa con giudizio sospeso in Promossa Promossa matematica 19 Promossa Ursitti Alessandra Promossa Promossa dalla III E Promossa 20 Veccia Alessia Promossa Promossa Promossa Promossa 21 Promossa con Promossa con Promossa con Vitulano Maria Pia Promossa giudizio giudizio giudizio

10 sospeso in latino e matematica sospeso in latino e matematica sospeso in greco e matematica ALLEGATI 1. Programmi di tutte le materie 2. Criteri di verifica e valutazione 3. Criteri di valutazione della condotta 4. Criteri di attribuzione del debito e del credito scolastico e formativo 5. Simulazione della terza prova (testi)

11 ITALIANO Andamento didattico-disciplinare La classe, educata e rispettosa, ha mostrato senso di responsabilità ed interesse nei confronti della materia. Buona la partecipazione degli studenti, che hanno mantenuto i ritmi di lavoro, talvolta incalzanti, imposti da un lungo e complesso programma. Così anche è stato per i pochi studenti, che negli anni precedenti avevano mostrato qualche difficoltà, soprattutto nell acquisizione di alcune competenze nella produzione scritta: in seguito a grande impegno, infatti, essi hanno acquisito, in modo sufficiente, le competenze suddette. Frequenza delle lezioni Sufficientemente regolare per l'intero gruppo classe. Orario annuale delle lezioni (33 settimane x ore settimanali di lezione) 132 Tipologie di verifiche effettuate [X] Interrogazioni orali formali [X] Verifiche scritte in classe [X] Esercitazioni scritte a casa [X] Relazioni su argomenti [ ] Test [ ] Altro Simulazioni terza prova: Profitto e rendimento scolastico A seguito di un impegno costante e proficuo, la classe ha raggiunto livelli di preparazione mediamente discreti, con non poche punte di eccellenza determinate da uno studio condotto all insegna della serietà e del rigore di metodo. Svolgimento del programma (argomenti e contenuti a parte. Vengono indicati sinteticamente i tempi, le linee guida e gli obiettivi) Durante la prima metà dell anno scolastico sono stati trattati i temi del tardo Romanticismo e del Verismo. Nella seconda metà ampio spazio è stato dedicato alla poesia del 900 ed alle tematiche socio-ideologiche della prosa del XX secolo. Linea guida fondamentale: la Consapevolezza delle specificità e della complessità del fenomeno linguistico-letterario come espressionerappresentazione del reale. Gli obiettivi raggiunti: 1) Capacità di individuare i nuclei fondanti e l organizzazione testuale dei testi. 2) Capacità di produzione di testi orali e scritti, tenendo conto del destinatario, della situazione comunicativa secondo tipologie e scopi diversi. 3) Capacità di

12 riflessione sulla Letteratura italiana nella sua prospettiva storica e nelle sue implicazioni con la letteratura europea. Attività parascolastiche attinenti alla materia (Iniziative a cui la classe ha partecipato, dentro e fuori la scuola, anche negli anni precedenti) Partecipazione a conferenze e ad incontri con scrittori, attori e registi nell ambito degli Incontri extravaganti. VIAGGI DI ISTR.: Ascea(I liceale), Siracusa (II liceale), Berlino (III liceale) Attività e corsi di sostegno/recupero

13 LICEO GINNASIO STATALE V. LANZA - FOGGIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE V A PROGRAMMA DI ITALIANO DOCENTE: PROF.SSA MARIA ROSARIA FATIGATO Libro di testo: DIECI SECOLI DI LETTERATURA di R.Fedi, M. Francini, G. Masi, G. Capecchi - MURSIA scuola LETTERATURA IL ROMANTICISMO Origine del termine. Aspetti generali del Romanticismo europeo. Il movimento romantico in Italia. G. Leopardi: profilo biografico, il pensiero, la poetica del vago e dell'indefinito. Leopardi e il Romanticismo. Il primo Leopardi: le Canzoni e gli Idilli. Le Operette Morali. I Grandi Idilli. L'ultimo Leopardi. Testi: dallo Zibaldone: Le illusioni. L'Infinito. La natura matrigna. Tutto è male. Dalle Operette morali: Dialogo della Natura e di un Islandese. Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggere. Dai Canti: L'Infinito. Alla luna. Canto notturno di un pastore errante dell'asia. La ginestra. A se stesso. Ad Arimane IL ROMANTICISMO IN FRANCIA C. Baudelaire. Testi: Da Fiori del male: Corrispondenze. L'Albatros. Spleen. L'ETA' POSTUNITARIA Il quadro storico e culturale. La società di massa. La cultura letteraria nel primo cinquantennio dell'italia unita. G. Carducci: profilo biografico. La metrica barbara. Testi: Inno a Satana vv Dalle Odi barbare: Nella piazza di S. Petronio. LA SCAPIGLIATURA Il contesto sociale e la rivolta estetica. Cletto Arrighi, Igino U.Tarchetti.

14 Testi: da Fosca : Il sacrificio di Giorgio. REALISMO, NATURALISMO, VERISMO Dal realismo romantico al romanzo sociale. L'influsso del pensiero positivista. Dalle scienze alla letteratura. Zola e il romanzo sperimentale. Testi: H. de Balzac, da Eugénie Grandet: L'oro del signor Grandet. Emile Zola, da L'Ammazzatoio: La morte dell'alcolizzato. G. Verga: profilo biografico. La tecnica narrativa. L'ideologia. Lo svolgimento dell'opera verghiana. Testi: da Le Novelle: La lupa, Fantasticheria, Rosso Malpelo. Da Vita dei campi: Prefazione a L'amante di Gramigna Da I Malavoglia: La prefazione. Da Mastro don Gesualdo: La morte di Gesualdo. DAL SIMBOLISMO AL DECADENTISMO La poesia simbolista. Origine, caratteri e temi del Decadentismo. La bohème parigina. L'estetismo. L'edonismo. P. Verlaine: Arte poetica. Langueur. A. Rimbaud: Vocali. J. K. Huysmans: da A rirtroso: La nuova casa di Des Esseintes O. Wilde: da Il ritratto di Dorian Gray: La sconfitta di Dorian. G. Pascoli: profilo biografico. Mistero e simboli nella poesia pascoliana. Le innovazioni linguistiche e metriche. Testi: da Myricae: Arano. Lavandare. L'assiuolo. Novembre. Il lampo. Da Primi poemetti: Italy (canto I, capp. V e VI). Dai Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno. Dai Poemi conviviali: Alexandros. Da Il fanciullino: Il poeta vede con gli occhi di un bambino. G. D'Annunzio: profilo biografico. L'ideologia. L'estetismo e la sua crisi. I romanzi del superuomo. Le opere drammatiche. Le laudi. Il periodo notturno. Testi; da Il Piacere: Andrea Sperelli. Da Laudi del cielo del mare della terra e degli eroi: La pioggia nel pineto. Da Notturno: Il deserto di cenere. I. Svevo: profilo biografico. I temi sveviani. I romanzi. Testi: da Senilità: L'agonia di Amalia e l'addio ad Angiolina.

15 Da La coscienza di Zeno: L'ultima sigaretta. Lo schiaffo del padre. La vita è malattia. L. Pirandello: profilo biografico. La visione del mondo e la poetica. Le Novelle. I romanzi. Il teatro. Testi: da Novelle per un anno: Il treno ha fischiato. La morte addosso. Da L'esclusa: Marta ripudiata dal padre. Da Il fu mattia Pascal: Il cambio del treno. Uno strappo nel cielo di carta. Da Enrico IV: Sono guarito. Visione integrale de: Così è, se vi pare. LA LETTERATURA EUROPEA DEL PRIMO NOVECENTO I nuovi orizzonti culturali T. Mann, da La morte a Venezia: La bellezza di Tadzio. R. Musil, da L'uomo senza qualità: L'iniziativa di Bonadea. J. Joyce, da Ulisse: La colazione di Leopold Bloom. POESIA CREPUSCOLARE, FUTURISMO, AVANGUARDIE EUROPEE Diffusione dell'avanguardia. G. Gozzano, da I colloqui: La signorina Felicita ovvero la Felicità (vv. 1-30, 73-90). L'amica di nonna Speranza (vv.1-30) F. T. Marinetti: profilo biografico, le scelte ideologiche. Testi: Manifesto del Futurismo. Da Zang tumb tumb: Il bombardamento. Da Lussuria-Velocità: All'automobile da corsa. C.Govoni, da Rarefazioni e parole in libertà: Il palombaro. G. Apollinaire: da Calligrammi: La piccola automobile. La pioggia. Il Dadaismo. Il Surrealismo. L'ETA' TRA LE DUE GUERRE Il quadro storico e culturale. Manifesti pro e contro il fascismo. Le riviste. L'editoria. La prosa d'arte. Manifesto degli intellettuali fascisti. Manifesto degli intellettuali antifascisti A. Gramsci, da Quaderni dal carcere: Per una letteratura nazional-popolare. LA NUOVA POESIA U. Saba: profilo biografico. La poetica.

16 Testi: da Il Canzoniere: A mia moglie. La capra. Trieste. Ulisse. G. Ungaretti: profilo biografico. La poetica. I temi. Testi: da L'Allegria: Veglia. Fratelli. San Martino del Carso. Il porto sepolto. Mattina. Soldati. Da Sentimento del tempo: La Madre. Di luglio. Da Il dolore: Giorno per giorno. Non gridate più. LA POETICA ERMETICA La genesi del movimento. I principi cardine della poetica. Intimismo e solitudine esistenziale. S. Quasimodo: profilo biografico. La poesia. Testi: da Acque e terre: Ed è subito sera. Vento a Tindari. Alle fronde dei salici. M. Luzi: profilo biografico. La poesia. Testi: da La barca: L'immensità dell'attimo. Da Nel magma : Il giudice E. Montale: profilo biografico. Temi e motivi della poesia. La parola e il significato della poesia. Scelte formali e sviluppi tematici. Testi: da Ossi di seppia: I limoni. Non chiederci la parola. Meriggiare pallido e assorto. Spesso il male di vivere ho incontrato. Cigola la carrucola del pozzo. Da Le occasioni: Ti libero la fronte dai ghiaccioli. Non recidere, forbice, quel volto. Da La bufera e altro: Piccolo testamento. Da Satura: Non ho mai capito se io fossi- Ho sceso dandoti il braccio. LA NARRATIVA ITALIANA TRA LE DUE GUERRE La rinascita del romanzo negli anni Venti A Moravia: profilo biografico. Testi: da Gli indifferenti: L'indifferenza di Michele. D. Buzzati: da Il deserto dei Tartari: Arrivano i Tartari..DIVINA COMMEDIA---PARADISO Composizione-Struttura-Temi-Argomenti CANTO I CANTO III CANTO VI CANTO XI CANTO XII CANTO XV

17 CANTO XVII CANTO XXIV (vv. 52/154) CANTO XXVI (vv. 80/142) CANTO XXVII (vv. 1/66) Programma svolto sino al 15 maggio 2015 Programma da svolgersi entro l 9 giugno 2015 LA SECONDA META' DEL NOVECENTO Il Neorealismo letterario e cinematografico. C. Pavese: profilo biografico. L'opera. Testi: da La casa in collina: I Tedeschi alle fontane. Da Poesie del disamore: Verrà la morte e avrà i tuoi occhi. C. E. Gadda: linguaggio e visione del mondo. Testi: da Quer pasticciaccio brutto de via Merulana: La molteplicità delle cause. P. P. Pasolini: la poetica, la narrativa. Testi: da Le ceneri di Gramsci: Il pianto della scavatrice. Da Scritti corsari: Rimpianto del mondo contadino e omologazione contemporanea. IL TEATRO DEL NOVECENTO Dal teatro borghese al teatro del grottesco. B. Brecht, da Vita di Galileo: Il dovere della scienza. S. Beckett, da Aspettando Godot : L'inutile attesa. D. Fo: profilo biografico. L'opera. Testi: da Mistero buffo: La resurrezione di Lazzaro.. DIVINA COMMEDIA---PARADISO Composizione-Struttura-Temi-Argomenti CANTO XXXIII Foggia 15 maggio 2015 GLI ALUNNI LA DOCENTE prof.ssa Maria Rosaria Fatigato

18 LATINO Andamento didattico-disciplinare Gli studenti hanno sempre assunto un comportamento corretto e rispettoso sia nei confronti della docente che dell ordinamento scolastico e non sono incorsi in nessun provvedimento di rilievo. I ragazzi, nel com-plesso, si sono sempre impegnati e sono stati attenti all ascolto e alla assimilazione delle tematiche pro-poste, ognuno a seconda della propria personalità e delle proprie forze volontà nell impegno. Alcune volte, non sono riusciti ad organizzarsi nelle verifiche, ma complessivamente hanno raggiunto discrete competenze. Nel corso del triennio gli studenti sono cresciuti sia nell organizzazione dell impegno scola-stico sia dal punto di vista umano e comportamentale. Alcune lacune linguistiche e morfosintattiche, ereditate dal biennio ginnasiale, non sono state recuperate da tutti in egual modo, per scarso impegno domestico e disinteresse nei confronti degli argomenti linguistici. Frequenza delle lezioni La frequenza alle lezioni è stata assidua da parte dei più volenterosi nel corso di tutto l anno scolastico; alcuni studenti hanno fatto registrare un elevato numero di assenze o di ritardi nel trimestre, altri anche nel pentamestre. Ciò ha inciso anche nel profitto e nella valutazione finale, in quanto è venuto meno il costante dialogo educativo necessario per un proficuo impegno domestico. Orario annuale delle lezioni (33 settimane x ore settimanali di lezione) 3 x 33= 99 ore di lezioni Tipologie di verifiche effettuate [x ] Interrogazioni orali formali [ x] Verifiche scritte in classe [x ] Esercitazioni scritte a casa [ x] Relazioni su argomenti [ ] Test [ ] Altro Simulazioni terza prova: sono state effettuate una simulazione nel trimestre e due nel penta-mestre. Profitto e rendimento scolastico Un piccolo gruppo di ragazzi, che si sono impegnati sempre nel corso del triennio con compe-tenza, ha raggiunto risultati eccellenti sia nelle competenze linguistiche che letterarie, mo-strando capacità notevoli di assimilazione,rielaborazione,sintesi e possibilità di condurre un di-scorso interdisciplinare; un gruppo abbastanza numeroso di studenti si è impegnato in modo discreto nello studio letterario, ma non tutti sono capaci di raggiungere risultati sufficienti nella comprensione e nella traduzione dei testi proposti per la fragilità delle competenze morfosin-tattiche non risolte nel

19 corso degli anni. I ragazzi più deboli, anche se opportunamente stimo-lati, non sono riusciti a recuperare le insufficienze, a causa di uno studio domestico saltuario e poco motivato. Svolgimento del programma (argomenti e contenuti a parte. Vengono indicati sinteticamen-te i tempi, le linee guida e gli obiettivi) Il programma è stato, complessivamente, svolto nelle linee generali, pur avendo dovuto ri-prendere alcuni argomenti che non sono stati svolti nell anno precedente. Molta importanza è stata data alla lettura dei testi sia in lingua sia traduzione, per una migliore comprensione delle tematiche proposte dai singoli autori. Continuo è stato il confronto con la letteratura greca e quella italiana, per evidenziare la continuità del pensiero classico nella cultura contemporanea, anche filosofica. Lo studio della letteratura è stato affrontato sia in senso cronologico che per generi letterari. Lo studio e il riepilogo della struttura linguistica e morfosintattica è avvenuto durante la lettura dei classici. Attività parascolastiche attinenti alla materia (Iniziative a cui la classe ha partecipato, dentro e fuori la scuola, anche negli anni precedenti) Gli studenti hanno partecipato a vari incontri culturali proposti dalla scuola e ai viaggi di Istruzione proposti dall Istituto. Attività e corsi di sostegno/recupero Il sostegno e il recupero sono stati effettuati durante le ore curriculari e sono stati sia individuali che collettivi.

20 LICEO CLASSICO V. LANZA FOGGIA ANNO SCOLASTICO 2013/2014 CLASSE III A PROGRAMMA DI LATINO 1) Cicerone: la vita; il giudizio politico; le opere: Cicerone oratore; le opere retoriche; le opere di divulgazione filosofica; l epistolario; lo stile e la lingua. Letture: Pro Archia, 22-23; I Catilinaria 1-3; 8-13; 17-18; 27-29; 31-33: Pro Sestio, 49-50; 96-99; De Oratore, 1, 30-34; 3, ; Laelius de amicitia, 1-5 2) Gli eventi storici fino all affermazione di Augusto: le conseguenze costituzionali; la politica di Au-gusto; il circolo di Mecenate e la politica culturale di Augusto. 3) Quinto Orazio Flacco: vita, opere, esperienze poetiche; Odi, Epodi, Satire, Carmen saeculare, Epi-stulae. Letture: Epodo 7; Satira I, 9; I,5 4) L età Giulio - Claudia. Storia e cultura da Tiberio a Nerone. La politica della dinastia Giulio Claudia; le nuovi sedi del potere; il clima culturale: molteplicità delle esperienze letterarie (La cultura del consenso e della paura, l opposizione senatoria); la storiografia d età giulio-claudia (gli storici di opposizione); Velleio Patercolo e la storia universale, Valerio Massimo tra storiografia ed aned-dotica, Curzio Rufo e il mito di Alessandro Magno; l erudizione in età giulio-claudia. 5) Lucio Anneo Seneca: la vita, la prima educazione; lp esilio; il quinquennium Neronis; il ritiro a Vita privata e la condanna a morte; i Dialogoi; i trattati De Clementia e De beneficiis; le Naturales Quae-stiones; le Epistulae morales ad Lucilium; le Consolationes ad Marciam, ad Helviam matrem, ad Polybium; le tragedie;l Apokolokyntosis; Seneca e lo stoicismo; Seneca e il cristianesimo; lingua e stile. Letture: De Clementia I, 1-4 De tranquillitate animi, 4 De otio, 3-4 De vita beata, Epistulae 28; 73; 7, 1-3; 1,1 ; 47,1-4; 47, ) Petronio: Il cosiddetto Satyricon e l identità dell autore; la trama; un genere letterario composito; Petronio tra fantasia e realismo; la cena Trimalchionis; il labirinto, l eros, lo spettro della morte; schiavi e liberti nella Roma inoeriale; lingua e stile; fortuna Letture: Satyricon, 1-4; 118; 26, 7-8; 27; 31-33; 42; 61-62;

21 7) Lucano: vita, opere, l epos:problemi, personaggi, temi; lingua e stile. Letture: Bellum civile, 1, ; 2, ; 6, ) Persio e Giovenale: Persio (vita, le Satire, stile e lingua); Giovenale (vita, Satire:ideologia e temi; lin-gua e stile). Letture: Persio: Satire, 2, 31-75;3, ; 5, Giovenale: Satire, 3, ; 4, ; 6, ; 6, ) Storia, cultura, poesia nell età dei Flavi: le coordinate storiche; la cultura del consenso; altre voci letterarie. Stazio: vita, opere: Tebaide, Achilleide; Silvae; Valerio Flacco: vita, il poema epico-mi-tologico: gli Argonautica; Silio Italico: vita, il poema epico- storico: i Punica. Letture: Stazio: Tebaide, 9, Stazio: Silvae, 4,2,1-17 Valerio Flacco, Argonautica,7,1-22 Silio Italico, Punica, 3, ) La prosa di età flavia: Plinio il Vecchio (vita, opere, la Naturalis Historia, lingua e stile; Quintiliano (vita, opere, l Institutio Oratoria; la figura professionale del retore). Letture: Plinio Il Vecchio, Naturalis Historia, 8,80-84; 7,1-5; 36, Quintiliano, Institutio Oratoria, Epistula 1; 1,2, 1-5; 1,2, 18-22; 1,3, 8-16; 2,2,1-8; 19, 1, ; 10,1, ; 10,2, ) Marziale: vita, opere, l epigramma dalle origini a Marziale; varietà tematica e realismo espressivo; lingua e stile. Letture: Epigrammi: 1,10; 1, 47; 6,53; 3,43; 6,70; 9,73;10,47;12,18; 4,18; 5,34; 5, 37; 6,28. 12) L età degli Antonini: le coordinate storiche; il clima culturale; Svetonio: vita, opere, le biografie dei letterati latini; le biografie imperiali; tra aneddotica e storia; moralismo e umanizzazione del pote-re;la biografia greca e Plutarco; lingua e stile;plinio il Giovane: vita, opere, L Epistolario; Il Panegi-rico a Traiano; Erudizione e poesia (la seconda sofistica; l arcaismo); la Prosa: Floro, Frontone, Gellio (cenni); La Poesia: Adriano e i poetae novelli (Il Pervigilium Veneris). Letture: Svetonio: Vita di Caligola, 50; Vita di Vespasiano, Plinio il Giovane: Epistulae 4,13; 6,16,13-22; 7,22; 10,96-97

22 Adriano, fr. 3 Buchner 13) Tacito: vita, Agricola, Germania, Dialogus de oratoribus; Historiae e Annales: metodo storiografico; i ritratti degli imperatori; gli exempla virtutis e il pessimismo tacitiano; lingua e stile. Letture: Dialogus de oratoribus, 36 Historiae, 1,2-3; 1,16; 1,52; Annales,!,1; 4, 32-33; 12,69; 13,2; 14,7-10 passim; 14,55-56; 16, Previsione di svolgimento dopo il 15 maggio 14) Apuleio: vita; le Metamorfosi; l Apologia; le altre opere; religione dei misteri e culto di Iside; nuclei ispiratori e temi; lingua e stile; interpretazione psicoanalitica della favola di Amore e Pische. Letture: Metamorfosi, 3,24-26; 2,12-14; 4,28-33; 5,22-23; 6, ) Nascita e diffusione del cristianesimo. L Apologetica. Le coordinate storiche; la religione cristiana: origini;l Apologetica, gli Acta; le Passiones; le opere agiografiche; Tertulliano: rigore e apologetica; vita, attività letteraria; le eresie; lingua e stile. Minucio Felice e l Octavius;Cipriano; Arnobio; Lat-tanzio; Commodiano. (sintesi) Letture: Tertulliano, De Corona, 11,1-4 De cultu feminarum 2,5,1-5 Minucio Felice, Octavius, 9,2-7 16) L impero cristiano e la Patristica: le coordinate storiche, la cristianizzazione della vita culturale; Am-brogio: vita, le opere esegetiche; gli inni; Gerolamo:l epistolario; le opere manualistiche; traduzione ed esegesi della Bibbia; lingua e stile; Agostino:una sterminata attività letteraria; le Confessiones; il de Civitate Dei; lingua e stile. Letture: Gerolamo: Epistulae, 22,30; 57,5-7. Agostino: Confessiones, 1,1,1-2; 2,1,1; 2,6,12; 3,4,7-8; 8,12, De Civitate Dei, 1,1-2

23 Classico Seneca De Providentia,VI, 7 De clementia,,1, 1-4; 10, 1-11,3 De tranquillitate animi, 4 Epistula 1,1-3 Epistula 47 Orazio Satira I, 1 vv. 1-22; Odi: III, 1; I,1;I,11; II, 14; I,5; I,38; IV,7; III,1; III, 30; III,9; Epodi: 3; 7 Tacito: Agricola, 10, Germania, 1;2;4;6,1-2 Historiae, I,II,III,IV,V,VI,VIII Agostino Confessiones: 8,12;9,10,23;9,12,29

24 Simulazione Terza Prova LATINO 1) Novità tecniche e contenutistiche del teatro menandreo ) Il metodo storiografico di Polibio e confronto con la storiografia di Erodoto e Tucidide

25 GRECO Andamento didattico-disciplinare Gli studenti hanno sempre assunto un comportamento corretto e rispettoso sia nei confronti della docente che dell ordinamento scolastico e non sono incorsi in nessun provvedimento di rilievo. I ragazzi, nella maggior parte, si sono sempre impegnati e sono stati attenti all ascolto e alla assimilazione delle tema-tiche proposte, ognuno a seconda della propria personalità e delle proprie forze volontà nell impegno. Alcune volte, non sono riusciti ad organizzarsi nelle verifiche, ma complessivamente hanno raggiunto discrete competenze. Occorre, però, dire che, per quanto concerne l insegnamento di questa disciplina, la classe ha cambiato docente di greco ogni anno del triennio ed è stata affidata alla sottoscritta solo que-st anno, in vista degli esami di stato, dal momento che sono stata loro docente di latino negli ultimi tre anni. Questa discontinuità ha inciso sia sul metodo di studio, sia sull apprendimento delle competenze linguistiche,già molto fragili al ginnasio e spesso da parti di alcuni, meno volenterosi è divenuto un pre-testo per non recuperare le lacune pregresse. Frequenza delle lezioni La frequenza alle lezioni è stata assidua da parte dei più volenterosi nel corso di tutto l anno scolastico; alcuni studenti hanno fatto registrare un elevato numero di assenze o di ritardi nel trimestre, altri anche nel pentamestre. Ciò ha inciso anche nel profitto e nella valutazione finale, in quanto è venuto meno il costante dialogo educativo necessario per un proficuo impegno domestico. Orario annuale delle lezioni (33 settimane x ore settimanali di lezione) 3 x 33= 99 ore di lezioni Tipologie di verifiche effettuate [x ] Interrogazioni orali formali [ x] Verifiche scritte in classe [x ] Esercitazioni scritte a casa [ x] Relazioni su argomenti [ ] Test [ ] Altro Simulazioni terza prova: sono state effettuate una simulazione nel trimestre e due nel penta-mestre. Profitto e rendimento scolastico Un piccolo gruppo di ragazzi, che si sono impegnati sempre nel corso del triennio con compe-tenza, ha raggiunto risultati eccellenti sia nelle competenze linguistiche che letterarie, mo-strando capacità notevoli di assimilazione, rielaborazione, sintesi e possibilità di condurre un discorso interdisciplinare; un gruppo abbastanza numeroso di studenti si è impegnato in modo discreto nello

26 studio letterario, ma non tutti sono capaci di raggiungere risultati sufficienti nella comprensione e nella traduzione dei testi proposti per la fragilità delle competenze morfosin-tattiche non risolte nel corso degli anni. I ragazzi più deboli, anche se opportunamente stimo-lati, non hanno recuperato le insufficienze, a causa di uno studio domestico saltuario ed impre-ciso. Svolgimento del programma (argomenti e contenuti a parte. Vengono indicati sinteticamen-te i tempi, le linee guida e gli obiettivi) Il programma è stato, complessivamente, svolto nelle linee generali, pur avendo dovuto ri-prendere alcuni argomenti che non sono stati svolti nell anno precedente. Molta importanza è stata data alla lettura dei testi sia in lingua sia traduzione, per una migliore comprensione delle tematiche proposte dei singoli autori. Continuo è stato il confronto con la letteratura latina e quella italiana, per evidenziare la continuità del pensiero greco nella cultura contemporanea, anche filosofica. Lo studio della letteratura è stato impostato in modo sia cronologico che per generi letterari. Lo studio e il riepilogo della struttura linguistica e morfosintattica è avvenuto durante la lettura dei classici.

27 LICEO CLASSICO V. LANZA FOGGIA ANNO SCOLASTICO 2011/2012 CLASSE III A PROGRAMMA DI GRECO 1) La commedia: origini e rituali agricoli; i caratteri della commedia attica; Sicilia e Magna Grecia; primi commediografi; Aristofane: vita ed opere; la realtà cittadina e l orizzonte fantastico; la tecni-ca drammaturgica. Letture: Acarnesi vv ; Cavalieri vv ; Nuvole vv ; ; Vespe, vv Pace, vv Uccelli, vv. 1-48; Lisistrata vv Rane vv.1-82; ; ; Donne in assemblea, vv ) I Sofisti e Socrate; il sapere scientifico; l arte medica: la medicina come scienza, Ippocrate. 3) La nascita della storiografia: i primi logografi greci; dalla logografia alla storia. 4) Erodoto: la vita; la composizione delle Storie ; caratteri generali della storiografia erodotea; le novelle; Erodoto e l irrazionale; il sentimento religioso; fra Greci e barbari: lo storico politico; lingua e stile. Letture: I,1-5; 8-12; 30-33; 46-48; III, 39-43;80-84;IV, 71-73,1; 103; VI, ; VII, 12-19; ) Tucidide: la vita; le Storie o Guerra del Peloponneso; la definizione del ruolo dello storico; Tucidide e la democrazia ateniese; principi e metodi della storiografia tucididea. Letture: I, 1-12; 20-23; II, 34-46; 47-54; V, ; 116; VI, 27-29; 60-61; VII, 71-75; ) Senofonte: vita; il corpus senofonteo; opere storiche, socratiche, pedagogico- politiche; Senofonte uomo e scrittore. Letture: Elleniche : I, 7, 4-18; 34; Anabasi, IV, 5, 1-36;6, 1-2; Economico : 7, 10-31; La Ciro-pedia, I,2,2-8; 14-15; I, 4, 2-10;VII,3,8-16.

28 7) La nascita della retorica e dell oratoria giudiziaria; teoria e prassi dell oratoria;l oratoria giudi-ziaria, epidittica e giudiziaria; Lisia:un modello di prosa attica; Antifonte; Andocide. Isocrate:i carat-teri dell oratoria; la carriera e le orazioni, i principi della scuola isocratea; Eschine. Demostene: formazione oratoria; azione politica ed orazioni politiche. Letture: Isocrate, Panegirico, 1-14; ; Eschine, Contro Timarco Contro Ctesifonte, Demostene, Terza Olintiaca,1-12 Terza Filippica,21-31 Sulla Corona, ; ; ) L età ellenistica ( i Greci in Oriente: ascesa e declino; storia e società; la cultura greca nell età elle-nistica, le biblioteche; la koinè; la filosofia ellenistica:una medicina nuova per l individuo, l epi-cureismo, lo stoicismo, le scuole platonica e aristotelica, i cinici; la scienza: caratteri generali [ una scienza raffinata, ma teorica], gli inizi della filologia e suo sviluppo, i bibliotecari di Alessandria, matematica, geometria, fisica, astronomia, geografia, medicina) 9) La commedia nuova I prodromi della commedia nuova (commedia antica e commedia di mezzo nella critica antica; il teatro comico nel sec. IV e oltre, verso la commedia moderna, l evoluzione della tecnica drammaturgica) 10) Menandro : la vita, le opere, Il bisbetico, La ragazza tosata, L arbitrato, Lo scudo, La ra-gazza di Samo ; storie private di pubblico interesse; lingua e stile; verso un teatro borghese; Me-nandro e il teatro latino. Letture: Il bisbetico : I turbamenti di Cnemone (Atto I, vv ) Il monologo di Cnemone (Atto III, vv ) La ragazza tosata : Il prologo di Ignoranza (Atto I, v. 1-76) Verso lo scioglimento dell Intreccio (Atto III, vv ) L Arbitrato :Il prologo (Atto I, vv. 1-35) La scena dell Arbitrato (Atto II, vv ) Il mistero dell anello (Atto III, vv )

29 Il lieto fine (Atto V, vv ) Lo scudo : Il prologo: una morte apparente (Atto I, vv. 1-96) La ragazza di Samo : Le riflessioni di Demea e la cacciata della bella samia (Atto III,vv ) 11) La poesia ellenistica: l epigramma ( origine di una forma; caratteristiche e sviluppo dell epigramma letterario,le antiche raccolte di poesia epigrammatica, l Antologia Palatina e l Antologia Planudea ) Leonida, Nosside, Anite, Asclepiade, Posidippo, Meleagro, Filodemo, Crinagora, Antipatro di Tessa-lonica, Lucillio, Rufino Letture: Leonida: Epitaffio di se stesso (A.P. VII; 715) Gli ospiti sgraditi (A.P. VI, 302) Il tempo infinito (A.P. VII, 472) Un declino orribile (A.P. VII; 506) La filatrice (A.P. VII, 726) Il vecchio e il mare (A.P. VII; 295) La morte per acqua (A.P. VII, 652; 665) Anite: Bambini e animaletti (A.P. VI,312; VII,202,190) Paesaggio campestre (Antologia Planudea, 228) Nosside: Nosside e Saffo (A.P. VI, 312; VII, 202, 190) Il miele di Afrodite (A.P. V, 170) Ritratti di ragazze (A.P. VI, 353;IX,604) Asclepiade: La lucerna (A.P. V,7) La ragazza ritrosa (A.P. V,85) Il mantello di Afrodite (A.P. V,169) Sguardo dalla finestra (A.P. V, 153) La ragazza volubile (A.P. V, 158)

30 Malinconia (A.P. XII, 46; 50) Paraklausithyron (A.P. V,167; 189) Posidippo: Il dono prezioso (Papiro di Milano 1295) Il miracolato (Papiro di Milano 1295) Il soldato fanfarone (Papiro di Milano 1295) Meleagro: Epitafio di se stesso (A.P. VII, 187) Eros dispettoso (A.P. V, 179) La coppa di Zenofila (A.P. V, 171) Le zanzare impudenti (A.P.,151; 152) Il sogno (A.P. V,174) La spergiura (A.P. V,175) Compianto per Eliodora (A.P. VII, 476) Filodemo : La bellezza che sfida il tempo (A.P. V, 13) I misteri di Afrodite (A.P. V, 4) La giovane arpista (A.P. IX, 570) Invito a cena per Pisone (A.P. XI,44 12) Il mimo: I mimiambi di Eroda; l Anonimo del Fragmentum Grenfellianum Lettura : Eroda: Il maestro di scuola (Mimiambi III) 13) Callimaco: Poeta e intellettuale cortigiano; l intellettuale dei tempi nuovi; gli Aitia, i Giambi; gli Inni; l epillio Ecale; gli Epigrammi. Letture: Aitia: Prologo contro i Telchini (Fr. I, 1-38 Pfeifer) Acontio e Cidippe (Frr. 67, 1-14; 75, 1-77 Pfeifer) La chioma di Berenice (Fr. 110 Pfeifer) Giambi: Gli ammonimenti di Ipponatte (Giambo I, fr. 191 Pfeifer passim) La contesa tra l alloro e l ulivo (Giambo IV, fr. 194 Peifer)

31 Inni: I desideri di una dea bambina (Inno ad Artemide, vv.1-109) Per i lavacri di Pallade (vv ) Ecale: La nuova via dell epos (Ecale, frr. 160, 260 Pfeifer) Epigrammi: La ferita dell amore (A.P. XII, 134) Il giuramento violato (A.P. V, 6) La bella crudele (A.P. V, 23) Fa girare la tua trottola (A.P. VII, 89) Contro la poesia di consumo ( A.P. XII, 43) Per l amico Eraclito (A.P. VII; 80) 14) Teocrito e la poesia bucolica: la vita, il corpus teocriteo, caratteri della poesia teocritea, l arte; Mosco e Bione; Teocrito e Virgilio. Letture: Tirsi o il canto (I) Talisie (VII) Il Ciclope (XI) L incantatrice (II, vv. 1-63) Le Siracusane (XV, vv. 1-95) Ila (XIII) Le Cariti o Ierone (XVI, vv. 1-57; ) 15) Apollonio Rodio e la poesia didascalica: vita e opere; l epica mitologica: tradizione e modernità; personaggi e psicologia; l epica didascalica: Arato e Nicandro. Letture: Le donne di Lemno (Argonautiche I, vv ) Ila rapito dalle Ninfe (argonautiche, I, vv ) Fineo e le Arpie (Argonautiche, II, v ) Il passaggio dalle rupe Simpegadi (Argonautiche, II, vv ) L angoscia di Medea innamorata (Argonautiche III, vv ) Giasone eroico (Argonautiche III, vv ; )

32 L uccisione di Apsirto (Argonautiche VI, vv ) 16) Poeti minori dell età ellenistica: Fileta di Cos, Ermesianatte, Fanocle, Alessandro Etolo, Licofrone. 17) La storiografia ellenistica e Polibio: un nuovo contesto socio-culturale; gli storici di Alessandro; storiografia tragica; altre tendenze della storiografia; Polibio: vita; genesi e contenuto delle Storie; la storia pragmatica; le ragioni dello storico; lo stile e la fortuna; la storiografia dopo Polibio: Posidonio e Diodoro Siculo. Letture: La battaglia del Trasimeno (III, 83-84) Gli Arcadi e la musica (IV, 20-21) I funerali dei Romani (VI, 53-54) La teoria delle forme di governo (VI, 3-5; 7-9) La costituzione romana (VI, 11-18) Scipione e Polibio (XXXII, 9-11; 16) Scipione piange sulle rovine di Cartagine (XXXVIII, 22) 18) La cultura giudaico-ellenistica: l incontro di due civiltà; la Bibbia; l Exagoghè di Ezechiele; la difficile convivenza con Roma: Filone di Alessandria; l integrazione riuscita: Giuseppe Flavio. Letture: La Bibbia dei Settanta: Genesi, La Creazione, ) Filone di Alessandria: L imperatore Caligola tra gli Ebrei (Ambasceria a Gaio,349- Giuseppe Flavio: Il buon uso del tradimento (Guerra giudaica, III, 8, 3-7) 8) L incendio del tempio di Gerusalemme (Guerra giudaica, VI, 4,5-19) Plutarco e la biografia : la vita e le opere; Le Vite Parallele; I Moralia; Plutarco nella cultura occi-dentale. Letture: Il legislatore: un mestiere rischioso (Vita di Solone,16,1-6;25,6) L educazione dei giovani Spartani (Vita di Licurgo, 16,1-17,11) Storia e biografia (Vita di Alessandro, 1) Clito e Callistene (Vita di Alessandro 50-55)

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO

LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO LATINO E GRECO II BIENNIO e V ANNO LATINO Finalità generali La consapevolezza della propria identità culturale attraverso il recupero di radici e archetipi che trovano nel mondo greco e romano le loro

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

CONOSCENZE Riconoscere i fenomeni linguistici a livello lessicale, morfologico e sintattico;

CONOSCENZE Riconoscere i fenomeni linguistici a livello lessicale, morfologico e sintattico; Istituto di Istruzione Superiore Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico TITO LUCREZIO CARO 35013 CITTADELLA (PD) Via Alfieri, 58 PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. : 2010

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5CSC Indirizzo:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 C Indirizzo:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LATINO E GRECO TRIENNIO anno scolastico 2013-2014

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LATINO E GRECO TRIENNIO anno scolastico 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LATINO E GRECO TRIENNIO anno scolastico 2013-2014 FINALITA GENERALI Finalità precipua dello studio dell antichità classica è quella di sollecitare una visione senza fratture

Dettagli

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Finalità formative generali di tipo cognitivo I docenti di Italiano e Latino del triennio riconoscono

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. CALINI VIA MONTE SUELLO, 2 25128 BRESCIA tel. 030-304924 - fax 030-396105 E-MAIL: bscalini@ provincia.brescia.it LICEO STATALE B R E S C I A SCIENTIFICO A. CALINI via Monte

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE V C A.S. 2011/2012

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE V C A.S. 2011/2012 LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE V C A.S. 2011/2012 Docente: Prof.ssa Agata Spoto Testo adottato: La Divina Commedia Nuova edizione integrale Autori: Alighieri Dante / Jacomuzzi

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

RELAZIONE FINALE DI GRECO

RELAZIONE FINALE DI GRECO Liceo Classico Statale T. Fazello - Sciacca (AG) ALL.B RELAZIONE FINALE DI GRECO Prof.ssa Vita Ciaccio Anno Scolastico 2011-2012 Classe III D OBIETTIVI In relazione al piano di lavoro curriculare sono

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX.

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX. ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 5 SEZ.F INDIRIZZO scientifico PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Marina Lugetti Italiano Langella, Frare, Gresti, Motta, Letteratura. it, ed. Bruno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13

Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13 Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13 Liceo classico Il percorso del liceo classico è indirizzato allo studio della civiltà classica e della

Dettagli

Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Abilità dello studente

Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Abilità dello studente Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Competenze Abilità dello studente A Padroneggiare gli strumenti espressivi

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

Un anno di studio all estero

Un anno di studio all estero Un anno di studio all estero PERCORSO TEMATICO INTERDISCIPINARE (asse dei linguaggi e storico sociale) Ai fini della programmazione e della valutazione dell esperienza all estero dell alunno LINEE GUIDA*

Dettagli

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO CLASSI PRIME Conoscenze Il sistema e le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo. Le strutture della

Dettagli

Potenziamento: Educazione all espressività, arti sceniche e teatrali

Potenziamento: Educazione all espressività, arti sceniche e teatrali Potenziamento: Educazione all espressività, arti sceniche e teatrali I. Progettazione La specificità culturale del liceo classico, unitamente alle indicazioni offerte dal profilo educativo culturale e

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. SCUOLA: CIVICO LICEO LINGUISTICO A.MANZONI DOCENTE: FABIO NUNZIATA MATERIA: ITALIANO Classe 5 Sezione H OBIETTIVI Cognitivi 1. conoscere adeguatamente le regole del

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione

Ministero della Pubblica Istruzione Ministero della Pubblica Istruzione Via Saint Denis 200 20099 Sesto San Giovanni Tel.: 02.26224610/16/10 Fax 02.2480991 Sito: www.iisdenicola.it - e_mail uffici: info@iisdenicola.it Anno scolastico: 2013/2014

Dettagli

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno*

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno* Programmazione di Dipartimento (Area 1) Lettere Programmazione di Lingua Letteratura Italiana Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico II Biennio A. S. 2013-2014 Programmazione disciplinare per anno

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, La letteratura, vol. 4 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volumi 5 e 6

Dettagli

LICEO STATALE G. GUACCI

LICEO STATALE G. GUACCI LICEO STATALE G. GUACCI BENEVENTO Programmazione Didattica Modulare di Lingua e Letteratura Italiana Classe III sezione B Ind. Scienze Applicate Anno scolastico 2015 2016 Presentazione della classe: La

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE

PROGRAMMAZIONE DI CLASSE I.I.S. Federico II di Svevia PROGRAMMAZIONE DI CLASSE a. s. 2013-2014 classe VB docente coordinatore Prof.ssa Teresa CARUSO La programmazione educativa e didattica per l a. s. in corso è elaborata dal

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI"

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI" Indirizzi: Scienze applicate- Scienze umane- Economico-sociale - Linguistico- Classico-Musicale Via Roma, 66-81059 VAIRANO PATENORA-SCALO (CE) Tel.-fax- 0823/988081

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di LATINO DIPARTIMENTO DI LETTERE LICEO CLASSICO ANNO SCOLASTICO 2013-14

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di LATINO DIPARTIMENTO DI LETTERE LICEO CLASSICO ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di LATINO DIPARTIMENTO DI LETTERE LICEO CLASSICO ANNO SCOLASTICO 2013-14 Triennio Questa programmazione è stata elaborata dal Dipartimento di Greco-Latino, tenuti presenti il D.P.R.

Dettagli

LICEO CLASSICO LORENZO COSTA

LICEO CLASSICO LORENZO COSTA LICEO CLASSICO LORENZO COSTA La Spezia Piazza G. Verdi, 15 Tel 0187 734520 Il passato ti appartiene......costruisci il tuo futuro! IL NOSTRO LICEO da più di cento anni una presenza significativa nella

Dettagli

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA

Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero. Piano di lavoro di FILOSOFIA Liceo delle Scienze Umane Alessandro da Imola /Imola Anno scolastico 2013/14 Classe 3B-3C Prof. Alpi Alessia Libro di testo adottato:percorsi di filosofia-storia e temi-di N.Abbagnano-G.Fornero Piano di

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI CLASSE I LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE A.S.2015/2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1

Dettagli

L' amico del cuore. I testi base. Nuova edizione. 1 a -2 a -3 a. 4 a -5 a. M.I.O.BOOK Studente. M.I.O.BOOK Studente

L' amico del cuore. I testi base. Nuova edizione. 1 a -2 a -3 a. 4 a -5 a. M.I.O.BOOK Studente. M.I.O.BOOK Studente L' amico del cuore Nuova edizione I testi base Studente Studente 1 a -2 a -3 a Cultura ed educazione insieme Nell elaborazione del testo si è voluto coniugare l aspetto culturale con l aspetto educativo,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 CLASSE III L Indirizzo Linguistico COORDINATORE: JESSICA NARDO 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragene Filippo

Dettagli

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Pag. 1 di 6 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) 2012/2013 Come saprete il nostro istituto opera da oltre 40 anni, ed è l unico LICEO paritario

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

PRIMO BIENNIO DELLE SCIENZE UMANE

PRIMO BIENNIO DELLE SCIENZE UMANE PRIMO BIENNIO DELLE SCIENZE UMANE Le competenze sono state definite dal Dipartimento di Scienze Umane tenendo presenti sia le Competenze chiave di cittadinanza sia le Competenze base (4 assi), sia le Competenze

Dettagli

PROMUOVIAMO LA LETTUR! ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIREZIONE DIDATTICA IS MIRRIONIS - CAGLIARI

PROMUOVIAMO LA LETTUR! ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIREZIONE DIDATTICA IS MIRRIONIS - CAGLIARI P R O G E T T O D I C I R C O L O NOI A SCUOLA DI RACCONTERIA PROMUOVIAMO LA LETTUR! ANNO SCOLASTICO 2015/2016 DIREZIONE DIDATTICA IS MIRRIONIS - CAGLIARI PREMESSA Com è possibile riuscire a far sì che

Dettagli

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LETTERE AL GINNASIO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza adeguata

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

LICEO MOLINO. PIACENZA Scuola aperta 2010-2011

LICEO MOLINO. PIACENZA Scuola aperta 2010-2011 LICEO GIULIA MOLINO COLOMBINI PIACENZA Scuola aperta 2010-2011 dirigenza Dirigente scolastico: Prof. MARGHERITA FIENGO Docente Vicario: Prof. ANNAMARIA TRIOLI Da 150 anni nella storia di Piacenza fondato

Dettagli

Documento del Consiglio di classe

Documento del Consiglio di classe Istituto Tecnico Statale Commerciale e per il Turismo C. Piaggia Viareggio Documento del Consiglio di classe Anno scolastico 2014-2015 Classe 5 serale Indirizzo: Amministrazione finanza e marketing Approvato

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA Lo sviluppo

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

ITALIANO. PRIMO ANNO (Liceo delle Scienze Umane)

ITALIANO. PRIMO ANNO (Liceo delle Scienze Umane) 1/6 ITALIANO PRIMO ANNO Testi: qualsiasi testo di Italiano (biennio) in adozione presso i Licei Classici o Scientifici. Per i testi di epica: consultare i siti Internet con il testo integrale in traduzione

Dettagli

LICEO CLASSICO LORENZO COSTA

LICEO CLASSICO LORENZO COSTA LICEO CLASSICO LORENZO COSTA La Spezia Piazza G. Verdi, 15 Tel 0187 734520 Il passato ti appartiene......costruisci il tuo futuro! IL NOSTRO LICEO da più di cento anni una presenza significativa nella

Dettagli

PROF. Silvia Tiribelli MATERIA: GEOGRAFIA CLASSE: II E

PROF. Silvia Tiribelli MATERIA: GEOGRAFIA CLASSE: II E PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. Silvia Tiribelli MATERIA: GEOGRAFIA CLASSE: II E DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA La geografia

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO "A. EINSTEIN" ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE V C Prof. Paolo Albergati PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, La letteratura, Paravia,

Dettagli

Dal Liberalismo all imperialismo : Naturalismo e Simbolismo

Dal Liberalismo all imperialismo : Naturalismo e Simbolismo Anno scolastico 2014/2015 ISIS Pagano - Bernini Classe V G REL INT Programma d Italiano Insegnante M. Pascotto Dal Liberalismo all imperialismo : Naturalismo e Simbolismo Cap I : La situazione economica

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE R. POLITI DI AGRIGENTO

LICEO SCIENTIFICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE R. POLITI DI AGRIGENTO LICEO SCIENTIFICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE R. POLITI DI AGRIGENTO COSA OFFRE IL LICEO R.POLITI di AGRIGENTO DUE INDIRIZZI LICEO SCIENTIFICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE PRESENTAZIONE DEL Liceo Scientifico

Dettagli

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO MATERIA: LATINO IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO A.S. 2013-14 Competenze chiave trasversali di cittadinanza

Dettagli

LICEO GINNASIO DANTE ALIGHIERI ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

LICEO GINNASIO DANTE ALIGHIERI ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA LICEO GINNASIO DANTE ALIGHIERI ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA CLASSE 4 A (n.o.) DISCIPLINA: ITALIANO PROF. GLORIA VERGANTINI PROFILO DELLA CLASSE Quest'anno seguirò la classe 4A oltre

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5' D Indirizzo:

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 3AS Indirizzo di studio Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Silvia Carminati

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

DISCIPLINE INSEGNATE MONTE ORE SETTIMANALE PER DISCIPLINA ITALIANO - STORIA - GEOGRAFIA - LATINO

DISCIPLINE INSEGNATE MONTE ORE SETTIMANALE PER DISCIPLINA ITALIANO - STORIA - GEOGRAFIA - LATINO OFFERTA FORMATIVA La Scuola Secondaria di 1 Grado - nel rispetto del Regolamento relativo all assetto ordinamentale, organizzativo e didattico art. 64 D.L. 25 giugno 2008 n. 112, convertito dalla Legge

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: V B Indirizzo:

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTE MATERIA CLASSE/I Livio Gnucci Italiano V CO OBIETTIVI DIDATTICI DISCIPLINARI CONSEGUITI IN TERMINI DI COMPETENZE, CONOSCENZE, ABILITÀ PRESENTAZIONE

Dettagli

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi PROGRAMMAZIONE ELABORATA DAL DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO VIAN La programmazione di Dipartimento ha carattere indicativo dei contenuti ritenuti imprescindibili per ciascun anno, i quali potranno essere

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA. a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA. Docente : Giuliano Maria

LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA. a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA. Docente : Giuliano Maria LICEO CLASSICO STATALE VITRUVIO POLLIONE FORMIA a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO ANNUALE STORIA E GEOGRAFIA Classe V sez. C Docente : Giuliano Maria Per gli OBIETTIVI GENERALI e la VALUTAZIONE, si fa riferimento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone

Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone Anno scolastico 2015 / 2016 Piano di lavoro individuale LICEO "Dante Alighieri" Classe: V LICEO linguistico e scientifico Insegnante: ZERBI Raffaella

Dettagli

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA

I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA I.C. FUTURA SCUOLA PRIMARIA FINALITÀ TRASVERSALI Sviluppa autostima Sviluppa competenze disciplinari e trasversali Impara a cooperare e vivere in gruppo Impara a superare ansie e difficoltà Impara a conoscere

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico

LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Dallo studio delle scienze sperimentali alla comprensione del mondo tecnologico Non si impara mai pienamente una scienza difficile, per esempio la matematica,

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

PROF. Silvia Tiribelli. MATERIA: Geografia CLASSE I E

PROF. Silvia Tiribelli. MATERIA: Geografia CLASSE I E PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. Silvia Tiribelli MATERIA: Geografia CLASSE I E DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA La geografia

Dettagli

ROSINA SALVO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE. Trapani. piano offerta formativa. piano offerta formativa

ROSINA SALVO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE. Trapani. piano offerta formativa. piano offerta formativa P.O.F. piano offerta formativa piano offerta formativa / LICEO LINGUISTICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO LICEO ARTISTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE ROSINA SALVO Trapani P.O.F

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca 700 LECCE - Viale dell Università n. Tel. e Fax Pres.: 08.777 - Segr.: 08.09 Codice Istituto: LEPC0000R Web. www.liceopalmieri.it E-mail: palmieripres@tin.it

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto Angolo via Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it

I.I.S. PAOLO FRISI Via Otranto Angolo via Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto Angolo via Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI I.R.C. Anno Scolastico: 2014-15 CLASSI QUINTA DOCENTI Manganini Cristina

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli via San Giorgio 10090 Sangano - TO - tel. 011 90 87 184. e-mail: darwin@liceodarwin.rivoli.to.it

Dettagli

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Liceo Artistico Statale Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Via della Rocca,7-10123 Torino - Tel.: 011.8177377 - Fax: 011.8127290 Mail: istpassoni@tin.it - sito web: http://www.lapassoni.it 1 2 Liceo

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSI SECONDE SA

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSI SECONDE SA PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSI Monte ore annuo 132 66 MODULO DI RACCORDO MODULO DI RACCORDO Il testo poetico: introduzione Il tramonto della Repubblica OBIETTIVI OBIETTIVI Gli obiettivi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI)

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Finalità della disciplina ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Linee progettuali disciplinari a.s. 2014/2015 classi prime IRC (= Insegnamento della religione cattolica)

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

Piano Offerta Formativa Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico

Piano Offerta Formativa Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Piano Offerta Formativa Liceo co e Linguistico Statale G. Pico Linee generali del POF Liceo G. Pico sulla base del nuovo ordinamento Liceo classico Il percorso del liceo classico è indirizzato allo studio

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

PROFILO DEL LICEO LINGUISTICO. Il percorso del liceo linguistico è indirizzato allo studio di più sistemi linguistici e culturali.

PROFILO DEL LICEO LINGUISTICO. Il percorso del liceo linguistico è indirizzato allo studio di più sistemi linguistici e culturali. PROFILO DEL LICEO LINGUISTICO Il percorso del liceo linguistico è indirizzato allo studio di più sistemi linguistici e culturali. COSA RICHIEDE IL LICEO LINGUISTICO? Curiosità intellettuale Interesse nei

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. MAZZARELLA. Scuola dell Infanzia-Primaria-Secondaria I grado. Cerreto Sannita - San Lorenzello

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. MAZZARELLA. Scuola dell Infanzia-Primaria-Secondaria I grado. Cerreto Sannita - San Lorenzello ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. MAZZARELLA Scuola dell Infanzia-Primaria-Secondaria I grado Cerreto Sannita - San Lorenzello PROGETTO CONTINUITA EDUCATIVA REGOLIAMOCI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PREMESSA

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B LICEO SCIENTIFICO STATALE PIETRO SETTE SANTERAMO IN COLLE A.S. 2011/12 PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B Libri di testo adottati: R. Luperini - P. Cataldi - L. Marchiani - F. Marchese, La

Dettagli

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO Un ponte per unire: in viaggio con Ulisse SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA- SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Venite

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: ITALIANO Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 Docente: DALLA VECCHIA MARIA TERESA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da diciotto alunni, di cui undici femmine e sette

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli