Dipartimento di Studi aziendali I POTERI ISTRUTTORI DELL AMMINISTRAZIONE FINANZIARIA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dipartimento di Studi aziendali I POTERI ISTRUTTORI DELL AMMINISTRAZIONE FINANZIARIA"

Transcript

1 Dipartimento di Studi aziendali I POTERI ISTRUTTORI DELL AMMINISTRAZIONE FINANZIARIA Diritto Tributario Corso avanzato a.a. 2013/2014 a cura di Alessio Valente

2 Procedimento di accertamento L esercizio dei poteri di controllo e in particolare le ispezioni e le verifiche fiscali è fase logicamente pertinente al procedimento di accertamento, in quanto strumentale all adozione dell eventuale atto impositivo che ne deriva. Mutuando le nozioni proprie dell ordinamento amministrativo e adattandole per quanto possibile al contesto normativo in esame, riconosciamo all interno del procedimento di accertamento fiscale le seguenti fasi: 2

3 La fase dell iniziativa L iniziativa è la fase di avvio, di innesco del procedimento accertativo. Essa ricomprende gli atti e le operazioni che svolgono una funzione propulsiva con l effetto di dar corso alle ulteriori fasi procedimentali. Viene detta autonoma o d ufficio quando è adottata dall Agenzia delle Entrate, che è l organo competente ad adottare l eventuale atto impositivo; è detta eteronoma negli altri casi. 3 DI ***

4 La fase istruttoria L istruttoria è la fase finalizzata alla raccolta di elementi, informazioni, dati utili ad un eventuale rettifica, accertamento o liquidazione dell imposta dovuta dal contribuente sul quale è stato avviato un procedimento di accertamento. Nel settore fiscale essa è tradizionalmente confusa con l esercizio dei poteri istruttori, che invece ne costituiscono solo una porzione. 4 DI ***

5 La fase decisoria ed integrativa dell efficacia Nell ambito di tale fase l ufficio raccoglie gli esiti dell istruttoria e gli ulteriori eventuali elementi informativi e documentali prodotti dal contribuente nel corso del contradditorio, li sottopone ad adeguata valutazione e vaglio critico al fine di articolare una motivazione a sostegno della pretesa espressa nell atto di accertamento da notificare al contribuente. Atti impositivi Notifica degli atti 5 DI ***

6 Attribuzioni degli Uffici Finanziari Non esiste un testo organico che disciplina unitariamente la materia delle attribuzioni ed i poteri degli uffici che, attualmente, sono contenuti all interno di due diverse fonti normative: il D.P.R. n. 633 del 1972, in tema di imposta sul valore aggiunto; il D.P.R. n. 600 del 1973, in tema di imposte dirette. L'art. 31 del DPR 600/73 prevede che agli uffici delle imposte è attribuito il potere di: controllare le dichiarazioni dei contribuenti e dei sostituti d'imposta; vigilare sulla corretta tenuta delle scritture contabili e sugli altri obblighi imposti dalla legge; irrogare le sanzioni pecuniarie previste dalla legge; presentare rapporto all'autorità giudiziaria qualora ravvisino gli estremi di un reato. 6 DI ***

7 I poteri istruttori (1) Per assolvere a tale compiti i successivi artt. 32 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e 52, comma 2, del D.P.R. n. 633/1972 elencano gli strumenti che il Fisco può utilizzare per acquisire informazioni o accertare fatti utili alla repressione delle violazioni tributarie, prevedendo che gli uffici dell Amministrazione Finanziaria hanno il potere di: procedere all esecuzione di accessi, ispezioni e verifiche; invitare i contribuenti a comparire per fornire dati e notizie rilevanti ai fini dell accertamento nei loro confronti; invitare i contribuenti ad esibire o trasmettere atti e documenti rilevanti ai fini dell accertamento nei loro confronti; inviare ai contribuenti questionari relativi a dati e notizie di carattere specifico rilevanti ai fini dell accertamento nei loro confronti nonché nei confronti di altri contribuenti con i quali abbiano intrattenuto rapporti; 7 DI ***

8 I poteri istruttori (2) richiedere agli organi e alle Amministrazioni dello Stato, dati e notizie relativi a soggetti indicati singolarmente o per categorie; richiedere a notai e altri pubblici ufficiali atti e documenti depositati; richiedere, previa apposita autorizzazione, ai soggetti sottoposti ad controllo il rilascio di una dichiarazione contenente l indicazione dei rapporti intrattenuti con Istituti bancari e assicurativi; richiedere, previa apposita autorizzazione, a banche ed assicurazioni dati notizie e documenti relativi a qualsiasi rapporto intrattenuto od operazione effettuata; richiedere ai soggetti dati, notizie e documenti relativi ad attività, rilevanti ai fini dell accertamento, nei confronti di loro clienti; invitare ogni altro soggetto ad esibire o trasmettere, atti o documenti fiscalmente rilevanti concernenti specifici rapporti intrattenuti con il contribuente e a fornire i chiarimenti relativi; richiedere agli amministratori di condominio notizie relative alla gestione condominiale. 8 DI ***

9 I poteri istruttori (3) Dall elencazione si evince agevolmente che tutti i poteri sono riconducibili alle seguenti, fondamentali tipologie: poteri che si caratterizzano per l intervento diretto presso i luoghi in cui il soggetto sottoposto o da sottoporre a controllo svolge la propria attività imprenditoriale o di lavoro autonomo ovvero in altri luoghi allo stesso riferibili; poteri che si connotano per la possibilità di inoltrare al soggetto sottoposto o da sottoporre a controllo richieste di informazioni o di documenti o inviti a comparire, allo scopo di acquisire elementi utilizzabili ai fini dell accertamento nei suoi confronti; poteri che consentono di inoltrare a enti od organismi qualificati o a soggetti diversi, richieste di informazioni o di documenti o inviti a comparire, allo scopo di acquisire elementi utili ai fini dell accertamento del contribuente sottoposto o da sottoporre a controllo 9

10 Caratteristiche dell attività istruttoria legittimità (l attività non può svolgersi in contrasto con le norme che disciplinano i poteri); specificità (il contribuente sottoposto ad indagine deve essere preventivamente individuato in quanto non possono essere effettuati controlli indiscriminati); discrezionalità (l A.F. che decide la tipologia di controllo ritenuta più opportuna e proficua) Un uso illegittimo dei poteri istruttori potrebbe inficiare non soltanto la fase preliminare delle indagini ma anche la validità dell atto conclusivo dell intero procedimento tributario, ossia l avviso di accertamento. 10

11 Accessi, ispezioni e verifiche (1) Tra i vari poteri riconosciuti all Amministrazione finanziaria, quelli di accesso, ispezione e verifica costituiscono certamente il mezzo istruttorio più incisivo per controllare gli adempimenti degli obblighi imposti delle norme tributarie Le principali fonti di riferimento sono gli artt. 31 e 32 del D.P.R. 600/1973 per le imposte dirette e gli artt. 51 e 52 del D.P.R. 633/1972 per l IVA Anche lo Statuto del contribuente ( art. 12 L. 212/2000) disciplina in maniera particolareggiata i Diritti e le garanzie del contribuente sottoposto a verifiche fiscali 11

12 Accessi, ispezioni e verifiche (2) Accesso (facoltà dei funzionari delle Agenzie Fiscali, Guardia Finanza) di fare ingresso in un luogo e rimanervi al fine delle indagini anche contro la volontà di chi ne ha la disponibilità Ispezioni (esame della documentazione rinvenuta nei locali, sia alle scritture e documenti obbligatori, sia agli atti scritti diversi tutti libri registri documenti e scritture che si trovano nei locali ) Verifiche (controllo fisico apparato di uomini e mezzi) Con la terminologia "verifica fiscale" si è soliti definire il complesso di attività poste in essere da soggetti giuridicamente qualificati intese a controllare il corretto adempimento delle norme tributarie Ricerche (reperire il materiale conoscitivo contabile e non da sottoporre a ispezione e verifica) 12

13 Regime delle autorizzazioni (1) Poiché l accesso ha carattere autoritativo ed è idoneo ad incidere sulla sfera personale (luogo di abitazione, luoghi diversi, eccetera) oltre che sulla libertà di iniziativa economica, il legislatore ha ritenuto necessario che l esercizio di tale potere fosse subordinato ad rilascio di una specifica autorizzazione. Si tratta di un atto che assume la forma scritta e deve indicare lo scopo ovvero la definizione dell ambito soggettivo, oggettivo e temporale del controllo. L autorizzazione: deve essere esibita al momento dell accesso al contribuente o alla persona che lo rappresenta, unitamente alle tessere personali di riconoscimento degli stessi verificatori; deve obbligatoriamente contenere alcune informazioni quali: oggetto del controllo (può far riferimento alla fonte di innesco) esercizi sottoposti a verifica; lo scopo della visita ed i fatti che hanno indotto l ufficio a compiere l accesso; 13 DI ***

14 Regime delle autorizzazioni (2) L autorizzazione è rilasciata, a seconda dei casi, dalle seguenti autorità: autorizzazione amministrativa dal capo dell Ufficio al quale appartengono i funzionari dell Agenzia delle Entrate ovvero dal Comandante del Reparto al quale appartengono i militari della G.d.F; nel caso in cui bisogna effettuare attività ispettiva nei locali destinati all esercizio di attività commerciali, agricole o professionali (generalità dei casi); autorizzazioni dell Autorità giudiziaria dal Procuratore della Repubblica, competente per territorio per procedere all accesso in locali diversi da quelli sopra richiamati e per procedere, nel corso di un accesso, a perquisizioni personali, all apertura coattiva di plichi sigillati, borse, casseforti (.segue) 14

15 Regime delle autorizzazioni (3) In sostanza, l art. 32 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 (che in ordine alle attribuzioni degli uffici delle imposte rinvia all art. 52 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633) prevede i seguenti diversi regimi autorizzatori : a) un accesso ai locali destinati all esercizio delle attività da effettuarsi previa autorizzazione rilasciata dal capo ufficio (comma 1); b) l accesso ai locali che siano adibiti anche ad abitazione, da effettuarsi previa autorizzazione del Procuratore della Repubblica (comma 1); c) l accesso in locali diversi da quelli indicati al comma 1 che può essere eseguito, sempre previa autorizzazione del Procuratore della Repubblica, soltanto in caso di gravi indizi di violazioni alle norme tributarie. 15 DI ***

16 Regime delle autorizzazioni - Riepilogo 1. Nel caso di accesso ai locali destinati all esercizio delle attività è sufficiente autorizzazione amministrativa; 2. Diversamente, ove l esigenza del controllo renda necessario l accesso ai locali adibiti anche ad abitazione è necessaria l autorizzazione della Procura della Repubblica. 3. Nell ultima ipotesi accesso a locali diversi da quelli indicati nel precedente comma si accompagna una ulteriore aggravata cautela a carico del P.R. ovvero quella della sussistenza di gravi indizi di violazione alle norme tributarie In assenza dell autorizzazione si ritiene che non è comminata alcuna nullità dalla legge per il caso dell accesso presso i locali dell impresa. Diverso tuttavia è il caso in cui l inesistenza dell incarico è connessa ad un accesso presso l abitazione del contribuente, ove è in gioco l inviolabilità del domicilio. 16

17 Accesso presso studio professionale Sovente accade che il contribuente affermi che le scritture contabili si trovano presso il proprio professionista di fiducia. L accesso va eseguito in presenza del titolare dello studio o di un suo delegato, costituendo detta presenza requisito di legittimità degli atti conseguenti. In tal caso i verificatori possono recarsi presso lo studio del professionista indicato. Qualora quest'ultimo opponga il segreto professionale, per esaminare i documenti è necessaria l'autorizzazione del PM. Con la circ. 1/2008 (Parte II, cap. 3), il Comando Generale della Guardia di Finanza ha specificato che "l'attività presso lo studio professionale deve limitarsi alla sola acquisizione di documenti di pertinenza del soggetto sottoposto ad attività ispettiva, senza alcuna possibilità di procedere a ricerche e deve essere ritualmente formalizzata in un apposito processo verbale di ritiro di documenti". 17 DI ***

18 Accesso Caratteristiche (1) Requisito imprescindibile per esercitare l accesso è la sussistenza di effettive esigenze di indagine e controllo sul luogo. Tali esigenze ricorrono, di norma, allorquando l intervento ispettivo richieda: - la necessità di procedere a ricerche di documentazione contabile o extracontabile, - l effettuazione di rilevamenti materiali che possono eseguirsi esclusivamente presso la sede dell attività ovvero in altri luoghi a questa riconducibili, come nel caso delle verificazioni dirette o delle altre rilevazioni. Luogo di svolgimento - Al termine locale è attribuito un significato ampio cioè qualsiasi luogo a disposizione, anche temporanea, di una persona senza specificare se il soggetto indagato sia il proprietario o abbia solo la disponibilità dei locali ispezionati, dandosi così rilevanza esclusivamente all utilità ai fini dell accertamento. 18 DI ***

19 Accesso Caratteristiche (2) L accesso deve essere motivato poiché le effettive esigenze di indagine devono già essere menzionate nell'autorizzazione rilasciata dal capo dell'ufficio da cui dipende il personale operante. Non ricorrono effettive esigenze in tutti i casi in cui le finalità ispettive possono essere perseguite facendo ricorso agli altri poteri istruttori Esempio riscontrare l'esistenza e l'esatta qualità dei beni strumentali ammortizzabili; quantificare le giacenze di magazzino; operare controlli di cassa; riscontrare sul posto e identificare i lavoratori dipendenti; In assenza di tali esigenze, le finalità ispettive devono essere perseguite facendo ricorso agli altri poteri istruttori che non comportano l'effettuazione di accessi (art. 32 del DPR 600/73). 19

20 Accesso Classificazione Nella prassi si è soliti distinguere, tra: accessi «brevi», rappresentano una tipologia di controllo speditivo del corretto adempimento di obblighi specifici, il cui riscontro non richiede analisi approfondite ed aventi una durata temporale molto limitata. Il ricorso a tale mezzo di indagine è utilizzato, generalmente, per assicurare l adeguato presidio del territorio e per il mero reperimento e riscontro di dati. (Es.: controllo degli obblighi strumentali, rilevazione dei dati ai fini dell applicazione degli studi di settore, dell attività di analisi e ricerca e dei dati relativi alle compensazioni nonché alla verbalizzazione della distruzione delle merci ed ad accessi per conto di stati esteri) accessi «mirati» sono, invece, quelli funzionali al riscontro dell effettiva sussistenza di determinati presupposti e vengono, di regola, utilizzati per l esecuzione di indagini parziali o generali con la conseguente eventuale evidenziazione di imposte non dichiarate. (Es.: accessi per la verifica dei presupposti del riconoscimento dei benefici previsti in favore delle ONLUS e degli enti non commerciali) 20 DI ***

21 Accesso - Regole di comportamento Norme specifiche di legge (D.P.R. 600/73 e D.P.R. 633/1972) Norme generali sul rapporto amministrazione/contribuente (Statuto del contribuente) Norme regolamentari dell A.d.E. o della GdF (Istruzioni per l attività di verifica) L accesso, deve essere effettuato nell orario di normale apertura delle aziende e con modalità tali da comportare la minore turbativa possibile allo svolgimento dell attività ed alle relazioni commerciali o professionali; Quando il contribuente esibisca una dichiarazione attestante la conservazione di scritture contabili presso terzi, ex art. 52, comma 10, del D.P.R. n. 633/72, i verificatori non necessitano di alcuna specifica autorizzazione per accedere presso lo studio professionale 21

22 Accesso gli atti del controllo Il legislatore ha previsto a carico degli organi ispettivi che procedono all attività di accesso una serie di adempimenti che hanno la finalità, in sostanza, di garantire ulteriormente il contribuente sottoposto a controllo. A seguito di tale attività il Fisco deve, infatti, redigere un processo verbale di constatazione dal quale devono risultare: in maniera particolareggiata le ispezioni e le rilevazioni eseguite; le richieste fatte al contribuente (o a chi lo rappresenta) e le risposte ricevute; Il verbale deve essere sottoscritto dal contribuente o da chi lo rappresenta ovvero indicare il motivo della mancata sottoscrizione ed il contribuente ha diritto ad averne copia. (Non è necessaria una rituale notifica ma una semplice consegna) 22

23 Ispezioni documentali (Art. 32, comama1 DPR 600/73 e art. 52, comma 4, dpr 600/73) L attività di ispezione documentale consiste nell analisi delle scritture, dei libri, dei registri e dei documenti obbligatori per l impresa e nel raffronto del loro contenuto con quello degli altri documenti reperiti nel corso delle ricerche, tra cui in particolare: la corrispondenza commerciale; la contabilità posta al fine di un controllo interno della gestione (es. distinta base di produzione, report, contabilità dei costi, ecc.); la documentazione di terzi che hanno intrattenuto rapporti economici con il soggetto verificato. In questo generale contesto il potere di ispezione documentale viene orientato sia al riscontro degli adempimenti di natura formale sia al riscontro degli obblighi tributari di carattere sostanziale da parte del soggetto sottoposto ad attività ispettiva. «Rifiuto di esibizione» Inutilizzabilità a favore del contribuente della documentazione (art. 52, comma 5, D.P.R. n. 633/1972) 23 DI ***

24 Ricerche e altre rilevazioni Il potere di ricerca consiste in una serie di attività volte al materiale reperimento degli elementi (libri, registri, scritture e documenti) necessari per eseguire le ispezioni. Si realizza nel corso delle verifiche e delle ispezioni documentali ed è un atto di autorità cui il contribuente non può opporsi. La ricerca può essere eseguita, di norma, nei locali nei quali è stato autorizzato l accesso, quindi, in tutti i locali nella disponibilità dell azienda o dello studio, nonché, in caso di accesso domiciliare, in tutti i locali rientranti nella disponibilità del soggetto. Oltre alla possibilità di effettuare ricerche è concessa all A.F. la possibilità di effettuare ogni altra rilevazione ritenuta utile. Si tratta di una attività residuale poiché non si è voluto vincolare gli organi di controllo ad attività ispettive rigidamente tipizzate. Sono riconducibili a questa categoria le operazioni di misurazione volte a determinare le dimensioni di talune grandezze economiche che caratterizzano l attività del soggetto verificato,(consumo orario di energia elettrica, resa lavorativa media del personale impiegato, calcolo dei consumi di materiali necessari allo sviluppo dei processi produttivi, ecc.) 24 DI ***

25 Perquisizioni e apertura di plichi Il comma 3 dell art. 52 del D.P.R. n. 633/1972, stabilisce che qualora i militari della Guardia di Finanza o gli impiegati civili dell A.F. debbano, nel corso dell accesso, effettuare perquisizioni personali o procedere all apertura coattiva di pieghi sigillati, borse, casseforti, mobili, ripostigli e simili possono effettuare tali attività soltanto previa autorizzazione del procuratore della Repubblica o dell autorità giudiziaria più vicina. Analoga autorizzazione è richiesta per l esame di documenti e la richiesta di notizie relativamente ai quali è eccepito il segreto professionale ferma restando la norma di cui all art. 103 c.p.p. L autorizzazione in argomento è richiesta quando sia necessario procedere all apertura coattiva di borse, cassetti, ecc. presenti nei luoghi nei quali si stia conducendo una attività di controllo (il cui accesso richiede la sola autorizzazione del capo ufficio). 25 DI ***

26 Riepilogando.. TIPOLOGIA DI POTERE CARATTERISTICHE AUTORIZZAZIONE accesso presso i locali dell'impresa accesso presso locali professionali accesso presso locali "promiscui" accesso presso altri locali (abitazioni private) perquisizioni personali apertura coattiva di borse, pieghi sigillati, casseforti, mobili esame di documenti oggetto di segreto professionale necessaria la presenza del titolare necessari gravi indizi di evasione Autorizzazione Amm. Autorizzazione Amm. Autorizzazione P.M. Autorizzazione P.M. Autorizzazione P.M. Autorizzazione P.M. Autorizzazione P.M. 26

27 La verifica fiscale (1) Il potere di verifica è certamente il più invasivo tra i poteri istruttori attribuiti all amministrazione finanziaria. Viene svolta nel il luogo ove il contribuente svolge la propria attività (commerciale, industriale, agricola, artistica o professionale) allo scopo di controllare il corretto adempimento degli obblighi tributari cui lo stesso è tenuto per legge. Consiste in un'attività ispettiva fondata sull attività preliminare di intelligence e di analisi, finalizzata all acquisizione ed alla comunicazione all Autorità tributaria di dati, elementi e notizie per la determinazione delle basi imponibili fiscalmente rilevanti. Dal punto di vista amministrativo rappresenta una fase del procedimento di accertamento del tributo (fase istruttoria) e rappresenta un aspetto prodromico all emissione di un eventuale provvedimento di accertamento. Si tratta di una attività flessibile ed adattabile e si svolge seguendo particolari metodologie e, di regola, si riferisce all'insieme della posizione fiscale del verificato. 27

28 La verifica fiscale (2) La verifica è un'attività più ampia dell'ispezione documentale in quanto è da un lato controllo e riscontro della completezza, esattezza e veridicità delle scritture contabili dall'altro controllo e riscontro delle notizie raccolte dalla Amministrazione relativamente ai fatti che sono stati o che avrebbero dovuto essere tenuti presenti in sede di dichiarazione annuale dei redditi. Può essere eseguita nei confronti di qualunque persona fisica o giuridica o società di persone o ente che pone in essere attività in relazione alle quali le norme tributarie o finanziarie pongono obblighi o divieti la cui inosservanza è sanzionata in via amministrativa e/o penale. Si conclude mediante la stesura di un verbale di constatazione in cui sono indicate le eventuali violazioni rilevate e i relativi addebiti 28 DI ***

29 La verifica fiscale (classificazioni) Pur non esistendo una definizione normativa di verifica fiscale, nella prassi dell Agenzia delle Entrate e della Guardia di Finanza si fa spesso riferimento a diverse classificazioni. Le verifiche possono essere, infatti, distinte in base a differenti parametri che tengono conto sia delle attività da svolgere che della caratteristiche proprie dei contribuenti interessati : (circ. Guardia di Finanza 1/2008): all'oggetto sul quale la verifica viene ad incidere (generale o parziale); al criterio utilizzato per l'individuazione dei soggetti passivi della stessa (d'iniziativa o a richiesta); alla tipologia di contribuente (verifiche di piccole, medie e grandi dimensioni «tutoraggio»); luogo di svolgimento dell attività (verifiche presso la sede del contribuente verifiche svolte presso gli uffici dei verificatori 29

30 La verifica fiscale (competenza) Non esiste, come per l accertamento una norma che stabilisce la competenza all esecuzione delle verifiche fiscali. Nella prassi operativa, infatti, gli uffici/comandi competenti sono stabiliti da atti organizzativi interni delle singole Amministrazioni. Generalmente, per l Agenzia delle Entrate, competente all esecuzione dell attività di verifica è l ufficio controlli della Direzione provinciale di appartenenza ma, l attività istruttoria può essere svolta anche da uffici diversi da quello competente all emanazione dell atto di accertamento quali, ad esempio, le Direzioni regionali. per la Guardia di Finanza il Comando competente è stabilito in funzione della tipologia di contribuente e della natura dell attività ispettiva. Altra caratteristica è rappresentata dal fatto che l attività istruttoria può essere delegata ad altri Uffici a differenza dell attività di accertamento che è non espletabile, per nessun motivo, da altro ufficio diverso da quello di competenza. 30 DI ***

31 La verifica fiscale (durata) L art. 12 L. 2000, n. 212 (Statuto dei diritti del contribuente) prevede che: La permanenza dei verificatori non può superare i trenta giorni lavorativi; Possibilità di proroga per ulteriori trenta giorni nei casi di particolare complessità dell'indagine individuati e motivati dal dirigente dell'ufficio; Questo periodo, non può essere superiore a quindici giorni lavorativi (contenuti nell arco di non più di un trimestre), in tutti i casi in cui la verifica sia svolta presso la sede di imprese in contabilità semplificata e lavoratori autonomi. Differenza tra «permanenza» e «durata» 31 DI ***

32 La verifica fiscale (investigazioni di polizia giudiziaria ) Nel corso dell attività è possibile incorrere in fatti costituenti reato: si pensi all emissione di fatture per operazioni inesistenti (delitto previsto dall art.8 del D.Lgs. n.74/2000). L art.220 delle disposizioni di attuazione del c.p.p. prevede che quando nel corso di attività ispettive [ ] emergano indizi di reato, gli atti necessari per assicurare le fonti di prova e raccogliere quant altro possa servire per l applicazione della legge penale, sono compiuti con l osservanza delle disposizioni del codice. In tale ipotesi i verificatori, devono: assicurare le fonti di prova e raccogliere ogni elemento utile all accertamento del reato con l osservanza delle norme del c.p.p.; invitare il soggetto indagato a nominare un difensore di fiducia alla cui presenza è subordinato il compimento di atti ulteriori quali, ad esempio, le perquisizioni personali o domiciliari. 32 DI ***

33 La verifica fiscale (atti conclusivi) La verifica fiscale si conclude con la redazione da parte dell organo di controllo di un p.v.c. nel quale sono: descritte e documentate le operazioni compiute in verifica; riportate le richieste formulate al contribuente e le risposte ricevute; indicati i rilievi mossi; Il verbale deve essere redatto con riferimento ad ogni accesso deve essere sottoscritto dal contribuente (o da un suo delegato) al quale deve essere rilasciata immediatamente copia. Il pvc: Fa prova fino a querela di falso solo per le operazioni materiali accadute; non è un atto autonomamente impugnabile di fronte alle commissioni tributarie; assume rilevanza esterna una volta recepito in un avviso di accertamento Unica ipotesi di rilevanza esterna immediata attiene la possibilità dell'amministrazione di ottenere misure cautelari di garanzia 33 DI ***

34 La verifica fiscale (tutela del contribuente) Lo Statuto dei diritti del Contribuente ha sancito i diritti dei contribuenti nell ambito dell attività di accertamento esercitata dagli uffici finanziari: in particolare, lo Statuto ha stabilito una serie di garanzie a tutela del contribuente che si possono far valere in occasione di verifiche da parte degli uffici dell A.F. In particolare: effettive esigenze di indagine e controllo minore turbativa possibile; diritto all informazione; diritto ad essere assistito da un professionista abilitato; verifica fuori sede; osservazioni del contribuente; permanenza presso il contribuente; Garante del contribuente; presentazione di osservazioni e richieste 34 DI ***

35 Altri poteri istruttori (1) Fonte normativa Tipologia di potere Ambito di applicazione del potere art. 32 co. 1 n. 2 "invito a comparire" le richieste possono riguardare del DPR 600/73 solo il contribuente sottoposto a verifica art. 32 co. 1 n. 3 del DPR 600/73 art. 32 co. 1 n. 4 del DPR 600/73 art. 32 co. 1 n. 5 del DPR 600/73 art. 32 co. 1 n. 6 del DPR 600/73 richiesta di esibizione atti e documenti invio di questionari relativi a dati e notizie a carattere specifico richiesta di dati e notizie richiesta di copia di atti le richieste possono riguardare solo il contribuente sottoposto a verifica le notizie possono riguardare anche soggetti con i quali il contribuente abbia intrattenuto rapporti i dati possono riguardare soggetti singoli o indicati per categoria Soggetto sottoposto al potere contribuente sottoposto a verifica contribuente sottoposto a verifica contribuente organi dello Stato, enti pubblici non economici, assicurazioni, società di riscossione notai, procuratori del registro, conservatori dei registri immobiliari art. 32 co. 1 n. 8 del DPR 600/73 richiesta dati e notizie relativi ad attività svolte in un certo periodo d'imposta l'ufficio può chiedere al contribuente l'elenco dei propri clienti e fornitori soggetti obbligati alla tenuta delle scritture contabili art. 32 co. 1 n. 8- bis del DPR 600/73 art. 32 co. 1n. 8- ter) del DPR 600/73 richiesta di atti e documenti richiesta di dati e notizie la richiesta deve riguardare specifici rapporti intrattenuti con il contribuente la richiesta deve riguardare la gestione condominiale ogni soggetto amministratori di condominio 35

36 Altri poteri istruttori (2) Tali poteri possono essere classificati nelle seguenti categorie: invito ai contribuenti, indicandone il motivo, a comparire di persona o per mezzo di rappresentanti per fornire dati e notizie rilevanti. invio ai contribuenti di questionari relativi a dati e notizie di carattere specifico. invito ad ogni altro soggetto a fornire chiarimenti, a esibire o trasmettere atti o documenti fiscalmente rilevanti concernenti specifici rapporti intrattenuti con il contribuente. Altri poteri sono connessi agli obblighi di comunicazione all Agenzia delle entrate che sono posti a carico di vari soggetti pubblici e privati (es. locazioni immobiliari, utenze) oppure alla possibilità di esperire delle indagini bancarie 36

37 Inviti a comparire Ai sensi dell'art. 32 co. 1 n. 2 del DPR 600/73, l'ufficio può "invitare i contribuenti, indicandone il motivo, a comparire di persona o per mezzo di rappresentante per fornire dati e notizie rilevanti ai fini dell'accertamento nei loro confronti". Il destinatario del c.d. "invito a comparire" può essere solo il contribuente nei cui confronti viene effettuato l'accertamento. Pertanto, è illegittima una richiesta di comparizione rivolta ad altri soggetti allo scopo di raccogliere informazioni su terzi. Gli inviti e le richieste in esame devono essere notificati ai sensi dell'art. 60 del DPR 600/73. Dalla data di notifica decorre il termine, fissato dall'ufficio (che non deve essere inferiore a 15 giorni) per l'adempimento. Il mancato rispetto del termine causa la nullità dell'atto impositivo. La richiesta di comparizione e le risposte fornite devono risultare da apposito verbale (sottoscritto dal contribuente o dal suo rappresentante). Gli inviti e le richieste devono essere motivati a pena di nullità, in modo da rendere edotto il contribuente delle ragioni della verifica. In linea di principio, le richieste effettuate nei confronti del contribuente devono concernere fatti oggettivamente determinabili 37 DI ***

L attività istruttoria. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe.

L attività istruttoria. Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe. L attività istruttoria Università Carlo Cattaneo - Liuc anno accademico 2014/2015 corso di diritto tributario prof. Giuseppe. Zizzo 1 oggetto della lezione l attività istruttoria la liquidazione delle

Dettagli

FASI DELLA VERIFICA PRESSO IL CONTRIBUENTE

FASI DELLA VERIFICA PRESSO IL CONTRIBUENTE Lee faassi f i d eel llaa l vveerri ifii ccaa fif i ssccaal lee FASI DELLA VERIFICA PRESSO IL CONTRIBUENTE ACCESSO PRESSO IL CONTRIBUENTE PRESENTAZIONE DEI VERIFICATORI INFORMAZIONI DELLE RAGIONI DELLA

Dettagli

INDICE CAPITOLO I IL PROCEDIMENTO TRIBUTARIO E L EVOLUZIONE DEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE ALLA LUCE DELLO STATUTO DEI DIRITTI DEL CONTRIBUENTE

INDICE CAPITOLO I IL PROCEDIMENTO TRIBUTARIO E L EVOLUZIONE DEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE ALLA LUCE DELLO STATUTO DEI DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE Prefazione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione Presentazione alla prima edizione CAPITOLO I IL PROCEDIMENTO TRIBUTARIO E L EVOLUZIONE DEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma L attività istruttoria tributaria. Accertamento e Processo Prof.ssa Rossella Miceli A cura di: Prof.ssa Rossella Miceli L attività istruttoria tributaria. I PARTE 1 Poteri

Dettagli

prof. avv. Paola ROSSI

prof. avv. Paola ROSSI L UTILIZZAZIONE DELLE INDAGINI FINANZIARIE NELL ACCERTAMENTO TRIBUTARIO prof. avv. Paola ROSSI Professore associato Università del Sannio Ricercatore area fiscale IRDCEC Diretta 15 novembre 2010 Diretta

Dettagli

Indagini bancarie aperte a tutti.

Indagini bancarie aperte a tutti. Indagini bancarie aperte a tutti. Ok all uso della presunzione in generale sull attività di accertamento che, pertanto, valgono per la rettifica dei redditi di qualsiasi contribuente autonomo pensionato

Dettagli

C era una volta il segreto bancario Oggi abbiamo il Grande Fratello Fisco!

C era una volta il segreto bancario Oggi abbiamo il Grande Fratello Fisco! DE PROFUNDIS C era una volta il segreto bancario Oggi abbiamo il Grande Fratello Fisco! C era una volta il segreto bancario Periodo 1974-1982 Art. 34 del D.P.R. 600/73 Ufficio imposte dirette poteva chiedere

Dettagli

Cosa fare durante le ispezioni della Guardia di Finanza.

Cosa fare durante le ispezioni della Guardia di Finanza. Cosa fare durante le ispezioni della Guardia di Finanza. La guida di Confcommercio Cosenza Introduzione La Guardia di Finanza ha il potere di accedere ai locali adibiti all esercizio di attività d impresa,

Dettagli

Indagini finanziarie: l ambito applicativo

Indagini finanziarie: l ambito applicativo Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 83 14.03.2013 Indagini finanziarie: l ambito applicativo Categoria: Accertamento e riscossione Sottocategoria: Indagini finanziarie In tema di

Dettagli

COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE E DELL AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

CIRCOLARE N. 38/D. Roma, 23 ottobre 2008. Alle Direzioni regionali delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 38/D. Roma, 23 ottobre 2008. Alle Direzioni regionali delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI CIRCOLARE N. 38/D Roma, 23 ottobre 2008 Protocollo: 31326 Rif.: Alle Direzioni regionali delle Dogane LORO SEDI All.ti 1 Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici di Diretta Collaborazione del Direttore

Dettagli

COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA III REPARTO OPERAZIONI 2 Ufficio Operazioni

COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA III REPARTO OPERAZIONI 2 Ufficio Operazioni COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA III REPARTO OPERAZIONI 2 Ufficio Operazioni N. 244771 di prot. Roma, 21 luglio 1998 OGGETTO: Protocollo d'intesa relativo ai rapporti di collaborazione tra Autorità

Dettagli

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento Roma, 22 ottobre 2009 ACCERTAMENTO

Dettagli

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni

CIRCOLARE N.18/E. OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate in sede di controllo automatizzato delle dichiarazioni CIRCOLARE N.18/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni Roma, 10 maggio 2011 aprile 2011 OGGETTO: Misura e ravvedibilità delle sanzioni applicate

Dettagli

Contenuto del processo verbale di constatazione

Contenuto del processo verbale di constatazione 35 PROCESSO VERBALE DI CONSTATAZIONE DPR 633/72 52 Prassi C.M. 7.5.97 n. 124 Giurisprudenza Cass. 9.6.90 n. 5628; Cass. 17.12.94 n. 10855; Cass. 2.11.2005 n. 21265; Cass. 10.2.2006 n. 2949 1 PREMESSA La

Dettagli

Circolare N. 10/2007 LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI - DISPOSIZIONI IN VIGORE PER I LIBERI PROFESSIONISTI

Circolare N. 10/2007 LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI - DISPOSIZIONI IN VIGORE PER I LIBERI PROFESSIONISTI Via G. Bovini, 41-48100 Ravenna (RA) Tel. 0544-501881 Fax 0544-461503 www.consulentiassociati.ra.it Altra sede: Dott. Franco Foschini 48012 Bagnacavallo (RA) Dott. Paolo Mazza Via Brandolini, 11 Dott.

Dettagli

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012. DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 31 28.03.2012-31/GPF/FS/om TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

Dettagli

Gli studi di settore dopo le modifiche della manovra Monti

Gli studi di settore dopo le modifiche della manovra Monti Gli studi di settore dopo le modifiche della manovra Monti Pagina 1 di 8 Numero : -------------2012 Gruppo : STUDI DI SETTORE Oggetto : GLI STUDI DI SETTORE DOPO LA MANOVRA MONTI Norme e prassi : ART.

Dettagli

L Agenzia delle Entrate chiede i documenti attestanti il diritto a detrazioni o deduzioni fiscali

L Agenzia delle Entrate chiede i documenti attestanti il diritto a detrazioni o deduzioni fiscali CIRCOLARE A.F. N. 75 del 22 Maggio 2012 Ai gentili clienti Loro sedi L Agenzia delle Entrate chiede i documenti attestanti il diritto a detrazioni o deduzioni fiscali Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

L accertamento tributario e procedimento penale

L accertamento tributario e procedimento penale L accertamento tributario e procedimento penale a cura di: Rosario Fortino Avvocato Tributarista in Cosenza fortinoepartners@libero.it Riflessione critica sulla utilizzabilità degli atti di polizia tributaria,

Dettagli

NELLA CITTA DI MILANO. Articolo 1 OGGETTO

NELLA CITTA DI MILANO. Articolo 1 OGGETTO REGOLAMENTO DELL IMPOSTA COMUNALE DI SOGGIORNO NELLA CITTA DI MILANO Articolo OGGETTO. Il presente regolamento è adottato ai sensi dell art. 52 del decreto legislativo n. 446 del 5.2.997 e disciplina l

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 1 marzo 2013. Prot. n.

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 1 marzo 2013. Prot. n. CIRCOLARE N. 2/E Direzione Centrale Normativa Roma, 1 marzo 2013 Prot. n. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Circolare

Dettagli

Indagini finanziarie e vizi dell avviso di accertamento

Indagini finanziarie e vizi dell avviso di accertamento Indagini finanziarie e vizi dell avviso di accertamento Come Come operano le le presunzioni previste dall art. dall art. 32 32 del del dpr dpr 600 600 e dall art. dall art. 51 51 del del dpr dpr 633? 633?

Dettagli

C.R.E.A.F. S.r.l. Regolamento per il reclutamento del personale e per il conferimento degli incarichi esterni

C.R.E.A.F. S.r.l. Regolamento per il reclutamento del personale e per il conferimento degli incarichi esterni C.R.E.A.F. S.r.l. Regolamento per il reclutamento del personale e per il conferimento degli incarichi esterni 1 SOMMARIO Art. 1 - Principi generali... 2 Art. 2 - Ambito di applicazione... 2 Art. 3 - Responsabilità

Dettagli

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO Relatore Magg. GdF dott. Armando Tadini - Ufficiale Addetto Centro Operativo DIA Milano - SANZIONI amministrative penali CAPO II DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012 CIRCOLARE N. 42 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 09 novembre 2012 OGGETTO: Documentazione delle operazioni di acquisto di carburanti per autotrazione presso impianti stradali di distribuzione effettuati

Dettagli

Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 61/E

Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 61/E Roma, 31 luglio 2002. OGGETTO: Rimborsi in conto fiscale per l imposta sul valore aggiunto derivanti dalla dichiarazione annuale Attività degli uffici

Dettagli

SOMMARIO. Premessa...3

SOMMARIO. Premessa...3 CIRCOLARE N. 47/E Roma, 20 dicembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Questioni interpretative in merito all applicazione dell articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, (c.d. cedolare

Dettagli

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli

COMUNE DELLA SPEZIA. Regolamento Comunale per l applicazione dell ISEE indicatore della situazione economica equivalente

COMUNE DELLA SPEZIA. Regolamento Comunale per l applicazione dell ISEE indicatore della situazione economica equivalente COMUNE DELLA SPEZIA Regolamento Comunale per l applicazione dell ISEE indicatore della situazione economica equivalente Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 27/03/2015 1 INDICE Art.

Dettagli

LA NUOVA COMPENSAZIONE IVA LE NUOVE REGOLE DA ADOTTARE DAL 2010

LA NUOVA COMPENSAZIONE IVA LE NUOVE REGOLE DA ADOTTARE DAL 2010 LA NUOVA COMPENSAZIONE IVA LE NUOVE REGOLE DA ADOTTARE DAL 2010 Le altre novità dell articolo 10 del D.L.78/2009 Numerose le modifiche tributarie introdotte dall articolo 10 del D.L.78/2009 che interessano

Dettagli

Capo I PRINCIPI GENERALI. Art. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione

Capo I PRINCIPI GENERALI. Art. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione Capo I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione 1. La definizione dell accertamento con adesione costituisce uno strumento di cui i Contribuenti e gli uffici preposti

Dettagli

OGGETTO: Movimentazioni bancarie non giustificate

OGGETTO: Movimentazioni bancarie non giustificate Informativa per la clientela di studio N. 83 del 13.07.2011 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Movimentazioni bancarie non giustificate Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo

Dettagli

MODELLO EAS ENTRO IL 31 MARZO IN CASO DI VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI

MODELLO EAS ENTRO IL 31 MARZO IN CASO DI VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI MODELLO EAS ENTRO IL 31 MARZO IN CASO DI VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI Riferimenti Art. 30, DL n. 185/2008 Art. 1, comma 1, DL n. 225/2010 Risoluzione Agenzia Entrate 6.12.2010, n. 125/E Circolare

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329

ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 in relazione alle partecipazione di controllo detenute da Onlus in enti societari aventi

Dettagli

LA RACCOLTA DELLE PROVE NELL ISTRUTTORIA: IL RUOLO DELLA GDF NELLE INDAGINI FISCALI

LA RACCOLTA DELLE PROVE NELL ISTRUTTORIA: IL RUOLO DELLA GDF NELLE INDAGINI FISCALI LA RACCOLTA DELLE PROVE NELL ISTRUTTORIA: IL RUOLO DELLA GDF NELLE INDAGINI FISCALI LA RACCOLTA DELLE PROVE NELL ISTRUTTORIA: IL RUOLO DELLA GDF NELLE INDAGINI FISCALI... 2 1. PREMESSA SUI POTERI DEI MILITARI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE SEGNALAZIONI E DEI RECLAMI Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 511031/2004 del 01/03/2005 Preambolo IL CONSIGLIO PROVINCIALE Visto l art. 117, comma

Dettagli

Regolamento per la formazione professionale continua del Consiglio Nazionale

Regolamento per la formazione professionale continua del Consiglio Nazionale Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili FORMAZIONE PROFESSIONALE CONTINUA degli iscritti negli Albi tenuti dagli Ordini dei dottori commercialisti e degli esperti contabili

Dettagli

La Conservazione Sostitutiva dei Libri Contabili alla luce delle novità normative. Relatore Avv. Valentina Frediani

La Conservazione Sostitutiva dei Libri Contabili alla luce delle novità normative. Relatore Avv. Valentina Frediani La Conservazione Sostitutiva dei Libri Contabili alla luce delle novità normative Relatore Avv. Valentina Frediani 2 La conservazione elettronica dei documenti e le formalità da rispettare L argomento

Dettagli

MODELLO EAS - VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI

MODELLO EAS - VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI MODELLO EAS - VARIAZIONI DEI DATI GIÀ COMUNICATI Riferimenti Art. 30, DL n. 185/2008 Art. 1, comma 1, DL n. 225/2010 Risoluzione Agenzia Entrate 6.12.2010, n. 125/E Circolare Agenzia Entrate 24.2.2011,

Dettagli

Provincia di Bologna CONTROLLI. L ABC dell Associazionismo Palazzo Malvezzi 6 novembre 2010. Relatore - Andrea Bonaveri

Provincia di Bologna CONTROLLI. L ABC dell Associazionismo Palazzo Malvezzi 6 novembre 2010. Relatore - Andrea Bonaveri Provincia di Bologna CONTROLLI L ABC dell Associazionismo Palazzo Malvezzi 6 novembre 2010 ACCERTAMENTI E VERIFICHE FISCALI su associazioni senza scopo di lucro SOGGETTI CONTROLLABILI Associazioni senza

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare con MCC S.p.A. (di seguito MCC) devono attenersi per la concessione delle agevolazioni previste

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale dall IRAP

Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale dall IRAP RISOLUZIONE N.79/E Roma,31 marzo 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello - Ente Ecclesiastico civilmente riconosciuto - D.Lgs. n. 460 del 1997 Esenzione regionale

Dettagli

Centro Servizi Contabili S.r.l. Via Trento 35 38017 Mezzolombardo (TN) info@centroservizicontabili.it Tel 0461 603088

Centro Servizi Contabili S.r.l. Via Trento 35 38017 Mezzolombardo (TN) info@centroservizicontabili.it Tel 0461 603088 I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE IN OCCASIONE DELLA VERIFICA FISCALE Presentazione Il Contribuente, nei confronti del Fisco, ha diritti e garanzie riconosciuti nello Statuto del contribuente, introdotto con

Dettagli

Commissione Protocolli. Regola n. 21 Modifiche di società di persone e patti sociali

Commissione Protocolli. Regola n. 21 Modifiche di società di persone e patti sociali Commissione Protocolli Regola n. 21 Modifiche di società di persone e patti sociali Il notaio chiamato a stipulare un atto modificativo di società di persone è tenuto ad integrare, con la modifica approvata,

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO PSICOLOGI ELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Diritto di accesso ai documenti amministrativi

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO PSICOLOGI ELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA. Diritto di accesso ai documenti amministrativi REGOLAMENTO IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI DEL CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI PSICOLOGI ELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA (in vigore dal 08/10/2011) Visto il capo V della

Dettagli

STUDIO DOTT. BONVICINI NOVITA DELLA FINANZIARIA 2005 LA MINIMUM TAX IMMOBILIARE ADEMPIMENTI SULLE LOCAZIONI

STUDIO DOTT. BONVICINI NOVITA DELLA FINANZIARIA 2005 LA MINIMUM TAX IMMOBILIARE ADEMPIMENTI SULLE LOCAZIONI STUDIO DOTT. BONVICINI Circolare n. 3 del 15 gennaio 2005 NOVITA DELLA FINANZIARIA 2005 LA MINIMUM TAX IMMOBILIARE ADEMPIMENTI SULLE LOCAZIONI Art. 1, commi da 341 a 345, Legge n. 311/2004 Dal 2005 entra

Dettagli

LUCIDI II. Il procedimento di accertamento. Consta di: Dichiarazione tributaria; Istruttoria; Avviso di accertamento

LUCIDI II. Il procedimento di accertamento. Consta di: Dichiarazione tributaria; Istruttoria; Avviso di accertamento LUCIDI II Il procedimento di accertamento Consta di: Dichiarazione tributaria; Istruttoria; Avviso di accertamento 1 Dichiarazione tributaria (1) Periodicità: annuale Soggetti: Chi produce redditi (anche

Dettagli

I POTERI DI ACCESSO E DI CONTROLLO NEI CONFRONTI DELLE A.S.D.

I POTERI DI ACCESSO E DI CONTROLLO NEI CONFRONTI DELLE A.S.D. I POTERI DI ACCESSO E DI CONTROLLO NEI CONFRONTI DELLE A.S.D. Bologna, 11 settembre 2015 Cap. Salvatore Casabranca I POTERI DI ACCESSO: Sono contemplati, in via generale: dall art 35 della Legge 07 gennaio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

SICUREZZA SUL LAVORO: OBBLIGHI IN VIGORE E DI PROSSIMA SCADENZA PER I DATORI DI LAVORO

SICUREZZA SUL LAVORO: OBBLIGHI IN VIGORE E DI PROSSIMA SCADENZA PER I DATORI DI LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO: OBBLIGHI IN VIGORE E DI PROSSIMA SCADENZA PER I DATORI DI LAVORO Artt. 28, 29, 34 e 37 del D.Lgs n. 81/2008 Accordi 21 dicembre 2011 in Conferenza Permanente tra Stato e Regioni e

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI EMERSIONE CAPITALI ESTERI, ULTIMA OCCASIONE PER REGOLARIZZARE LE PROPRIE POSIZIONI ESTERE La disciplina cosiddetta della Voluntary disclosure (Emersione e rientro di capitali dall'estero) è stata approvata

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA RELATIVO AI RAPPORTI DI COLLABORAZIONE TRA L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS E LA GUARDIA DI FINANZA

PROTOCOLLO DI INTESA RELATIVO AI RAPPORTI DI COLLABORAZIONE TRA L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS E LA GUARDIA DI FINANZA Allegato A Autorità per l energia elettrica e il gas Guardia di Finanza PROTOCOLLO DI INTESA RELATIVO AI RAPPORTI DI COLLABORAZIONE TRA L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS E LA GUARDIA DI FINANZA

Dettagli

Stop alle indagini finanziarie su movimentazioni bancarie. modeste

Stop alle indagini finanziarie su movimentazioni bancarie. modeste Ai gentili clienti Loro sedi Stop alle indagini finanziarie su movimentazioni bancarie Premessa modeste L accertamento bancario, come noto, è la procedura che permette ai verificatori di reperire dati

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 4 agosto 2008 VIS 74/08 Adozione di un provvedimento ai sensi dell articolo 2, comma 20, lettera c), della legge 14 novembre 1995, n. 481 nei confronti della società Bergamo Energia S.p.A.

Dettagli

INDICE CAPITOLO PRIMO RIFLESSIONI SUL CONCETTO DI FRODE NEL DIRITTO PENALE DELL ECONOMIA

INDICE CAPITOLO PRIMO RIFLESSIONI SUL CONCETTO DI FRODE NEL DIRITTO PENALE DELL ECONOMIA INDICE Premessa... pag. 11 CAPITOLO PRIMO RIFLESSIONI SUL CONCETTO DI FRODE NEL DIRITTO PENALE DELL ECONOMIA 1.1 Le frodi fiscali. Evoluzione storica della fattispecie... pag. 13 1.2 Il concetto di frode.

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente DELIBERA N. 146 DEL 2014 IN MATERIA DI ESERCIZIO DEL POTERE DI ORDINE NEL CASO DI MANCATA ADOZIONE DI ATTI O PROVVEDIMENTI RICHIESTI DAL PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE E DAL PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE

Dettagli

ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA

ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE TELEMATICA Seminario di formazione LE INDAGINI FINANZIARIE Milano, 1 luglio 2008 ADEMPIMENTI DEGLI INTERMEDIARI NEI CONFRONTI DEI CONTRIBUENTI; IL REGIME SANZIONATORIO PER PROFESSIONISTI(E NON)ABILITATI ALLA TRASMISSIONE

Dettagli

RISOLUZIONE N.126/E QUESITO

RISOLUZIONE N.126/E QUESITO RISOLUZIONE N.126/E Roma, 16 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica - Adempimenti contabili degli enti non commerciali ed obbligo di rendicontazione di cui all'art. 20

Dettagli

Attività finanziarie rimpatriate : imposta di bollo speciale e imposta strardinaria di Massimo Gabelli (*) e Davide Rossetti (*)

Attività finanziarie rimpatriate : imposta di bollo speciale e imposta strardinaria di Massimo Gabelli (*) e Davide Rossetti (*) Attività finanziarie rimpatriate : imposta di bollo speciale e imposta strardinaria di Massimo Gabelli (*) e Davide Rossetti (*) Con l emanazione del decreto Monti (D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito

Dettagli

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010

CIRCOLARE N. 11/E. Roma, 12 marzo 2010 CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 marzo OGGETTO: Regolarizzazione delle omissioni relative al monitoraggio degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI Comune di Desenzano del Garda REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI Approvato con deliberazione di C.C. n. 13 del 15/1/1999 Modificato con deliberazione di C.C.

Dettagli

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE

INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE HOLDING DI FAMIGLIA E INDAGINI FINANZIARIE Gruppo di Lavoro Rapporti Internazionali INCONTRO INFORMATIVO E DI CONFRONTO ITALO - FRANCESE Ordine dei Dottori Commercialisti Ivrea Pinerolo Torino Torino,

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI A PERSONALE ESTERNO ALL AMMINISTRAZIONE

REGOLAMENTO AZIENDALE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI A PERSONALE ESTERNO ALL AMMINISTRAZIONE REGOLAMENTO AZIENDALE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI A PERSONALE ESTERNO ALL AMMINISTRAZIONE Articolo1. Fonti normative..1 Articolo 2. Oggetto.1 Articolo 3. Presupposti 2 Articolo 4. Procedimento per

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

PROGRAMMA DELLE PROVE D ESAME PROVA SCRITTA PROVA ORALE

PROGRAMMA DELLE PROVE D ESAME PROVA SCRITTA PROVA ORALE Allegato 4 PROGRAMMA DELLE PROVE D ESAME PROVA SCRITTA Elaborato su argomenti ricompresi tra le materie oggetto della prova orale. PROVA ORALE Diritto amministrativo - Il diritto amministrativo e le sue

Dettagli

Guardia di Finanza PREMESSO CHE

Guardia di Finanza PREMESSO CHE Guardia di Finanza PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO AI RAPPORTI DI COLLABORAZIONE TRA L ISTITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LA GUARDIA DI FINANZA l Istituto Nazionale per

Dettagli

Sviluppo Investimenti Territorio s.r.l.

Sviluppo Investimenti Territorio s.r.l. 161/13 Sviluppo Investimenti Territorio s.r.l. Regolamento per l affidamento di incarichi professionali a soggetti esterni Sommario Articolo 1 Oggetto del Regolamento... 2 Articolo 2 Presupposti e limiti...

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali INTERPELLO N. 65/2009 Roma, 31 luglio 2009 Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Al Consiglio Nazionale dell Ordine dei Consulenti del

Dettagli

SCUOLA FORENSE DI CATANIA FONDAZIONE VINCENZO GERACI

SCUOLA FORENSE DI CATANIA FONDAZIONE VINCENZO GERACI SCUOLA FORENSE DI CATANIA FONDAZIONE VINCENZO GERACI Il Ruolo e la cartella di pagamento: le impugnazioni degli avvisi di accertamento Catania, 8.02.2011 Ruolo Art. 17 D.Lgs. n. 46/1999: si effettua mediante

Dettagli

L ILLECITO TRIBUTARIO

L ILLECITO TRIBUTARIO L ILLECITO TRIBUTARIO Costituisce illecito tributario ogni inosservanza degli obblighi attinenti al rapporto giuridico d imposta. Trattasi di fatti giuridicamente rilevanti da cui l ordinamento tributario

Dettagli

Informativa. N. 10 del 15.05.2013. OGGETTO: Bonus 55% fino al 30 settembre la domanda all Enea

Informativa. N. 10 del 15.05.2013. OGGETTO: Bonus 55% fino al 30 settembre la domanda all Enea Informativa N. 10 del 15.05.2013 OGGETTO: Bonus 55% fino al 30 settembre la domanda all Enea Con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza che è ancora possibile beneficiare

Dettagli

Roma. Roma, 07 febbraio 2007

Roma. Roma, 07 febbraio 2007 CIRCOLARE N. 7/E Direzione Roma Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 07 febbraio 2007 Oggetto: Articolo 25-ter del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600 Ritenute sui corrispettivi

Dettagli

SLIDE 1 APRILE 2014 1

SLIDE 1 APRILE 2014 1 1 1 2 PRINCIPI GENERALI IL RISPETTO DI OBBLIGHI FORMALI RISPONDE ALL ESIGENZA DI TUTELA DI DUE TIPI DI INTERESSI INTERESSE COLLETTIVO PRINCIPIO DI LEGALITA Garanzia che i beneficiari delle agevolazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE COMUNE DI ADELFIA Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI (approvato con delibera Consiglio Comunale n 21 del 30/05/2014) SOMMARIO Art. 1 Introduzione

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Roma, 30 novembre 2007 CIRCOLARE N. 64/E

Roma, 30 novembre 2007 CIRCOLARE N. 64/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 30 novembre 2007 CIRCOLARE N. 64/E Oggetto: Decreto legge 3 ottobre 2006, n. 262, convertito con modificazioni dalla legge 24 novembre 2006, n. 286 - art. 1, commi

Dettagli

Le istruzioni operative fornite dalla GDF

Le istruzioni operative fornite dalla GDF Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale I controlli antiriciclaggio della GDF Le istruzioni operative fornite dalla GDF Categoria: Antiriciclaggio Sottocategoria: Varie Stanno continuando

Dettagli

fieremilia s.r.l. a socio unico Corso Garibaldi, 59 REGGIO EMILIA

fieremilia s.r.l. a socio unico Corso Garibaldi, 59 REGGIO EMILIA fieremilia s.r.l. a socio unico Corso Garibaldi, 59 REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE, STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE. 1. Premessa

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 11 11.03.2014 2 L attività degli uffici a seguito dell accesso Focus sulle verifiche fiscali 2^ parte A cura di Marco Brugnolo Categoria: Accertamento e riscossione

Dettagli

Sistema di vigilanza. Corso formazione per iscrizione Elenchi OAM

Sistema di vigilanza. Corso formazione per iscrizione Elenchi OAM Sistema di vigilanza Corso formazione per iscrizione Elenchi OAM Connessi poteri di controllo Il ruolo di Banca d Italia Formazione OAM 2 Art. 128-decies TUB Agli agenti in a.f., agenti money transfer,

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it ANTIRICICLAGGIO avv.pierluigioliva@hotmail.it Il quadro normativo!! Direttive CEE!! D. lgs. 21.11.2007 n.231!! D. lgs. 25.9.2009 n.152!! Il fine è quello di prevenire l utilizzo del sistema finanziario

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO Sede Legale ed Amministrativa: Via Biagio di Montluc 2, 53100 Siena (SI) - Tel 0577 48154 Fax 0577 42449 Capitale Sociale

Dettagli

Il ravvedimento operoso a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2015

Il ravvedimento operoso a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge di Stabilità 2015 ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 10/02/2015 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/36832-il-ravvedimento-operoso-a-seguito-dellemodifiche-introdotte-dalla-legge-di-stabilit-2015 Autore: Chiudioni Marco

Dettagli

I NUOVI ACCERTAMENTI DOPO LA FINANZIARIA

I NUOVI ACCERTAMENTI DOPO LA FINANZIARIA QUESITI: PRENOTAZIONE 0376.775130 INVIO VIA FAX 0376.770151 Argomenti di oggi Fare clic per modificare gli stili del testo dello schema Il bilancio di esercizio e le novità Secondo delle livello riforme

Dettagli

Regime contabile: ordinario o semplificato

Regime contabile: ordinario o semplificato Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 02 20.01.2014 Regime contabile: ordinario o semplificato A cura di Devis Nucibella Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI

NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI Firenze 28 gennaio 2009 Pisa 29 gennaio 2009 Arezzo 2 febbraio 2009 Le novità in materia di contenzioso con il fisco L adesione agevolata ai processi verbali di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06 Determinazione del Direttore Generale n. 25 del 5 marzo 2013 REGOLAMENTO PER

Dettagli

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4.

SOMMARIO 1. 2. 2.1. 2.2. 2.3. 2.4. SOMMARIO 1 1 1. Il Nuovo Apprendistato Professionalizzante 2 2. Riferimenti Normativi 5 2.1. D. Lgs. del 14 Settembre 2011 n. 167 e smi 5 2.2. Legge Regionale del 22 Ottobre 2012 n. 31 7 2.3. Circolare

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL POTERE DI AUTOTUTELA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL POTERE DI AUTOTUTELA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL POTERE DI AUTOTUTELA ESERCIZIO DEL POTERE DI AUTOTUTELA Art. 1 Potere di esercizio dell autotutela 1. Il comune può procedere, in tutto o in parte, all annullamento, alla

Dettagli

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014 inviata alla società OGGETTO: Richiesta di chiarimenti in merito alle attività esercitabili da parte di una SIM autorizzata a svolgere esclusivamente il servizio

Dettagli

PROVVEDIMENTO 29 dicembre 2010, prot. n. 188376 1

PROVVEDIMENTO 29 dicembre 2010, prot. n. 188376 1 PROVVEDIMENTO 29 dicembre 2010, prot. n. 188376 1 Modalità di diniego o revoca dell autorizzazione ad effettuare operazioni intracomunitarie ai sensi del comma 7-bis dell articolo 35 del D.P.R. n. 633

Dettagli

Circolare N.157 del 9 Novembre 2012. Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari

Circolare N.157 del 9 Novembre 2012. Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari Circolare N.157 del 9 Novembre 2012 Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

REGOLAMENTO DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E

REGOLAMENTO DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E Allegato A REGOLAMENTO DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER IL CONFERIMENTO A TERZI DI INCARICHI DI STUDIO, RICERCA E CONSULENZA E DI INCARICHI IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 74/E ESPOSIZIONE DEL QUESITO

RISOLUZIONE N. 74/E ESPOSIZIONE DEL QUESITO RISOLUZIONE N. 74/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 agosto 2015 OGGETTO: Interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 - Condominio minimo - Detrazione spese per interventi edilizi - art. 16-bis

Dettagli

LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI

LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI RIFERIMENTI NORMATIVI Art. 16, terzo comma, D.L.vo 18 dicembre 1997, n. 472 Art. 17, secondo comma, D.L.vo 18 dicembre 1997,

Dettagli

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento [Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento Procedimento: 6109/13 Destinatario: 427932 Spett.le SERVIZI EMITTENTI QUOTATI S.R.L. Via Privata Maria Teresa, 11 20123 MILANO

Dettagli

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito Prevenzione incendi: il Ministero dell Interno ha emanato chiarimenti in merito all applicazione del regolamento di semplificazione antincendio (lettera circolare del 18 aprile 2012 prot. n. 0005555) Canale:

Dettagli