LABORATORIO CARSOLOGICO SOTTERRANEO DI BOSSEA EXCURSUS STORICO ED ATTUALE STATO DELL ARTE (Gennaio 2015)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LABORATORIO CARSOLOGICO SOTTERRANEO DI BOSSEA EXCURSUS STORICO ED ATTUALE STATO DELL ARTE (Gennaio 2015)"

Transcript

1 LABORATORIO CARSOLOGICO SOTTERRANEO DI BOSSEA EXCURSUS STORICO ED ATTUALE STATO DELL ARTE (Gennaio 2015) EXCURSUS STORICO Un istituzione scientifica unica nel Club Alpino Italiano ha compiuto il 2 dicembre 2014 il suo 45 anno di attività. Si tratta del Laboratorio Carsologico Sotterraneo di Bossea installato nella grotta omonima e destinato allo studio dei fenomeni fisici, chimici e biologici dell ambiente ipogeo. Il laboratorio, primariamente denominato Stazione Scientifica di Bossea, è stato creato nel 1969 da una piccola equipe di ricercatori e tecnici volontari appartenenti al Gruppo Speleologico Alpi Marittime del CAI di Cuneo. Da quel tempo ormai lontano l antica stazione scientifica, grazie all impegno dei fondatori e dei nuovi operatori che si sono susseguiti nel corso dei decenni, ha realizzato una lenta ma continuativa evoluzione ed un progressivo sviluppo fino a divenire un laboratorio sperimentale di notoria importanza nell ambito della ricerca carsologica nazionale. L aspirazione ad una conoscenza scientifica più approfondita dell ambiente sotterraneo che ha animato i primi fondatori, ed anima tuttora i loro epigoni, ha trovato felice espressione nel verso virgiliano da tempo assunto come emblema del laboratorio: felix qui potuit rerum conoscere causas ( Georgiche II 489). La sede operativa La Grotta di Bossea è stata scelta quale sede del laboratorio grazie ai suoi importanti aspetti naturalistico scientifici che offrono la possibilità di studi diversificati ed approfonditi in diversi ambiti di ricerca, nonché alla disponibilità della rete elettrica, indispensabile per lo svolgimento di ricerche continuative su larga scala, ed alla custodia continuativa, entrambe legate all utilizzazione turistica della parte inferiore della cavità. Il sistema carsico di Bossea costituisce un grandioso acquifero carsico, esteso per molti chilometri, assai ricco di acque correnti e percolanti, caratterizzato da aspetti idrogeologici, geomorfologici, tettonici e litologici di grande interesse, da una peculiare situazione della radioattività naturale ora oggetto di studi avanzati, e da un eccezionale ricchezza di entità faunistiche specializzate che conferiscono a questo biotopo sotterraneo un alto valore, collocandolo fra i più importanti attualmente noti in Italia. La grotta presenta altresì splendidi aspetti estetico-paesaggistici quali i giganteschi saloni con altissime pareti scoscese e vastissime volte, il grandioso e pittoresco concrezionamento calcareo, il canyon del torrente collettore, le rapide, le cascate ed i suggestivi laghi formati da questo corso d acqua, che le conferiscono grande attrattiva e frequentazione turistica.. L attività di ricerca: i primi indirizzi di studio ed i successivi sviluppi L attività di ricerca è stata impostata a partire dal suo esordio su tre principali direttrici: Idrogeologia Carsica, Meteorologia Ipogea, Biospeleologia. A queste si è aggiunto, a partire dal 1994, come quarto fondamentale indirizzo, lo studio della Radioattività Naturale nell ambiente sotterraneo, che ha in breve tempo assunto consistenza assai rilevante.

2 Foto 1 La Cascata del Lago di Ernestina Foto 2 Il Lago Loser

3 La ricerca sperimentale è iniziata con i primi rilevamenti puntuali di alcuni importanti parametri chimico-fisici ambientali ed i primi ritrovamenti di nuove entità faunistiche endemiche della cavità. I dati e le conoscenze acquisiti nel biennio iniziale di attività, seppur quantitativamente limitati, consentirono un primo inquadramento delle caratteristiche idrogeologiche, climatologiche e biologiche del sistema carsico di Bossea, indispensabile per la successiva evoluzione degli studi. Attraverso i susseguenti decenni l attività scientifica del laboratorio ha avuto un lento ma continuativo sviluppo, con un progressivo e importante incremento quantitativo e qualitativo delle ricerche. Oggi si articola in numerosi e diversificati indirizzi di studio, assai specializzati e talora d avanguardia, forieri di importanti risultati e di nuove conoscenze. L attività svolta e le acquisizioni ottenute sono da tempo ben note ed apprezzate presso istituzioni accademiche ed organismi pubblici deputati alla ricerca e alla tutela ambientale. Ciò ha, fra l altro, sempre trovato conferma nella vasta partecipazione di questi enti di ricerca, con presentazione di importanti lavori scientifici, ai congressi nazionali od internazionali più volte organizzati dal laboratorio di Bossea. La strumentazione --La ricerca è iniziata con pochi elementari apparecchi, quasi sempre manuali, in parte concessi in prestito d uso da alcune pubbliche istituzioni. La forte scarsezza di risorse finanziarie ha ostacolato per più anni il potenziamento del laboratorio A partire dal 1980, con la disponibilità di alcuni finanziamenti, la strumentazione ha avuto un progressivo sviluppo, con un lento ma costante incremento quantitativo e qualitativo. Nel giro di qualche decennio è stato in tal modo possibile costituire un importante dotazione di attrezzature scientifiche ad alto livello di automazione ed informatizzazione. Pertanto il modesto insediamento iniziale è oggi divenuto un laboratorio carsologico sotterraneo molto avanzato, il più attrezzato esistente in Italia ed uno fra i meglio dotati anche a livello europeo. Le installazioni di ricerca presentano un alto grado di specializzazione, essendo state concepite ed elaborate specificamente in funzione degli indirizzi di studio perseguiti. delle peculiari situazioni ambientali e delle difficili condizioni operative dell ambito ipogeo. Gli operatori del laboratorio-- ll laboratorio è sempre stato gestito, attraverso i decenni, da operatori volontari appartenenti in gran prevalenza al Club Alpino Italiano. Nel 1992 l equipe della Stazione Scientifica di Bossea, staccatasi dal gruppo speleologico, è divenuta una commissione scientifica sezionale del CAI di Cuneo. Agli operatori cuneesi si sono aggiunti nel tempo ricercatori volontari appartenenti ad altre sezioni CAI piemontesi e liguri. Attualmente prestano la loro opera nel laboratorio soci delle sezioni di Cuneo, Peveragno, Savigliano, Torino, Sanremo e Bordighera. A partire dal 1983 è iniziata una collaborazione con il Dipartimento DIATI del Politecnico di Torino che impiega propri operatori scientifici e propria strumentazione nella comune ricerca. Nel corso dei decenni l equipe degli operatori ha subito, com è naturale, un marcato turnover, ma un ristrettissimo nucleo dei primi fondatori ha mantenuto la propria presenza, assicurando la continuità delle impostazioni iniziali. L equipe è stata caratterizzata in ogni periodo da una convinta condivisione degli intenti e da un forte senso di responsabilità, ed ha sempre fruito di piena autonomia operativa. Per scelta concorde gli operatori hanno rinunciato fin dall inizio a qualsiasi rimborso delle spese personali sostenute nello svolgimento dell attività di laboratorio, al fine di non sottrarre alcuna risorsa finanziaria all acquisizione della strumentazione di ricerca e dei materiali tecnici d uso.

4 Foto 3 La Galleria degli Gnomi Foto 4 Navigazione del torrente collettore Foto 5 La Galleria delle Meraviglie

5 Le collaborazioni scientifiche -- Il progresso ed il potenziamento dell attività di ricerca hanno trovato un supporto determinante nelle collaborazioni successivamente avviate in settori differenziati con diverse importanti istituzioni scientifiche: - Dipartimento DIATI del Politecnico di Torino, negli ambiti Idrogeologia, Geomorfologia e Radioattività Naturale (dal 1983) - Dipartimento Radiazioni dell ARPA Valle d Aosta, nell ambito Radioattività Naturale (dal 1994) -Dipartimento di Cuneo dell ARPA del Piemonte, nell ambito meteorologico e nella tutela ambientale del sistema carsico di Bossea (dai primi anni 90) - Comitato Scientifico Centrale del CAI (dal 1996). La collaborazione si è poi trasformata nell anno 2007 in una contitolarità del laboratorio, con la convenzione stipulata fra il CAI sede centrale e la Sezione CAI di Cuneo che ha mantenuto la proprietà delle installazioni scientifiche. - Dipartimento di Dosimetria della Facoltà di Scienze Nucleari ed Ingegneria Fisica dell Università Tecnica Ceca di Praga, nell ambito Radioattività Naturale (dal 2006) - Centro Ricerche Ambiente Marino ENEA di Lerici - S. Terenzo (SP), nell ambito Radioattività Naturale (dal 2009) -Dipartimento Radiazioni dell ARPA del Piemonte, sede di Ivrea, nell ambito Radioattività Naturale (dal 2011). Le attività congressuali e didattiche -- A partire dal 1982 il Laboratorio di Bossea ha affiancato all attività di ricerca un attività congressuale, didattica e documentativa che si è concretizzata in otto convegni a carattere nazionale od internazionale (di cui l ultimo tenutosi a Frabosa Soprana (CN) nel 2013), con pubblicazione di sei volumi di atti, e in sei corsi regionali o nazionali di formazione o di aggiornamento per operatori naturalistici CAI e docenti. Il Laboratorio di Bossea ha inoltre presentato in diverse occasioni i propri lavori di ricerca in congressi nazionali ed internazionali. Il finanziamento del laboratorio -- L attività del laboratorio, sostenuta nel primo decennio solo da un modestissimo finanziamento del gruppo speleologico e dal citato autofinanziamento degli operatori volontari, a partire dal 1980 ha potuto usufruire di alcuni contributi continuativi da parte delle pubbliche amministrazioni, erogati in riconoscimento dell oggettivo valore dell attività di ricerca, della determinante opera prestata ai fini della ristrutturazione turistica e della valorizzazione culturale della grotta, e della continuativa azione di tutela ambientale del sistema carsico nei confronti delle attività antropiche (in particolare di alpeggio) in atto nel suo bacino di alimentazione. A ciò si sono aggiunti dagli anni 90 un modesto contributo del CAI di Cuneo ed un consistente contributo permanente del CAI nazionale tramite il Comitato Scientifico Centrale. Poiché tutti i lavori inerenti le installazioni e la manutenzione del laboratorio sono sempre stati effettuati personalmente dagli operatori (spesso coadiuvati a titolo d amicizia da collaboratori volontari esterni), quasi tutte le risorse finanziarie disponibili per l attività di ricerca sono state abitualmente impiegate nell acquisizione degli apparecchi e dei materiali d uso.

6 Foto 6 Laboratorio Principale: sezione misure elettrochimiche (area idrogeologica) Foto 7 Laboratorio Principale, Sezione Radioattività Naturale: rilevamento in continuo del radon nelle acque

7 L ATTUALE STATO DELL ARTE Le installazioni sotterranee -- Oggi le installazioni scientifiche nella Grotta di Bossea sono articolate in più sedi: - il Laboratorio principale, insediato nella parte inferiore della cavità (zona turistica), suddiviso nelle sezioni Fisico-Chimica e Biospeleologica, equipaggiato con strumentazione in gran parte automatizzata ed inserita in reti telematiche. - il Laboratorio avanzato, situato nella parte superiore della cavità (Canyon del torrente), completamente automatizzato, deputato ai rilevamenti dei parametri idrogeologici e meteorologici nelle zone più impervie e meno accessibili del sistema sotterraneo - diverse stazioni periferiche, installazioni minori deputate al rilevamento di importanti parametri fisico- chimici locali in zone lontane dai due maggiori laboratori e pertanto difficilmente inseribili nelle loro reti telematiche. Le attività di ricerca in atto - Negli anni più recenti l attività di ricerca ha avuto particolare sviluppo nei settori Idrogeologia Carsica, Radioattività Naturale e Biospeleologia, mentre ha segnato il passo lo studio della meteorologia ipogea --La Ricerca idrogeologica, svolta in collaborazione con il Politecnico di Torino, realizza attualmente studi a tutto campo sulle circolazioni idriche sotterrane, concernenti sia i grandi dreni che i piccoli dreni e i micro dreni impostati sui reticoli di fratture dei calcari e delle rocce cristalline molto fratturate o cataclastiche che li contornano. Concorrono a questo fine uno studio molto approfondito della geologia e della tettonica del massiccio, la marcatura delle acque tramite traccianti per la conoscenza della geografia dei deflussi, ed il rilevamento di una vasta gamma di parametri chimici e fisici delle acque correnti e percolanti. Queste attività di ricerca sono finalizzate al conseguimento di una conoscenza sempre più estesa e dettagliata delle circolazioni idriche nei massicci carsici e degli assetti strutturali e funzionali dei sistemi di drenaggio. -- Lo studio della Radioattività naturale è condotto attualmente in collaborazione con le ARPA del Piemonte e della Valle d Aosta, con il Centro Ricerche ENEA di Lerici-S.Terenzo e con il Politecnico di Torino. La ricerca comporta il rilevamento tramite analisi con spettrometria gamma della distribuzione e della concentrazione degli isotopi radioattivi nelle diverse tipologie di rocce che delimitano la Grotta di Bossea, delle concentrazioni atmosferiche dei gas radon e toron nell ambiente sotterraneo e delle loro variazioni annuali nell ordine spaziale e temporale, dei processi di emissione, trasferimento e diffusione dei gas in oggetto nell ambito del sistema carsico. In quest ultimo settore è in corso un studio d avanguardia sulle dinamiche di scambio del Radon fra matrice rocciosa, acque ed atmosfera, realizzabile tramite la disponibilità di una strumentazione molto specializzata per la misurazione in continuo della concentrazione del radon nei flussi idrici. -- Lo studio della Meteorologia ipogea, come anzidetto, non ha avuto negli ultimi anni nuovi sviluppi, causa la scarsa disponibilità di addetti ai lavori e di strumentazioni derivanti da alcune carenze in uomini e mezzi che hanno comportato la necessità di effettuare scelte prioritarie a favore di altri ambiti di studio e che sono venute a scapito di questo settore. Si spera che a partire dall anno 2015 sarà possibile iniziare un azione rilancio in questo ambito di ricerca, sicuramente meritevole di maggiore applicazione. --La Ricerca biologica ha avuto un rilevante impulso in questi ultimi anni, soprattutto nell ambito sistematico e biogeografico, con la scoperta di molte entità faunistiche nuove per la scienza nel sistema carsico di Bossea e in diverse altre grotte del Piemonte. Alcune specie di particolare interesse sono in corso di allevamento nella sezione biologica del laboratorio, anche nella prospettiva di futuri studi di carattere etologico.

8 Foto 8 Laboratorio Principale, Sezione Radioattività Naturale: Impianto di misurazione in continuo del radon disciolto nelle acque, presso la Polla dell Orso Foto 9 Laboratorio Principale: misurazione in continuo della concentrazione del radon nell atmosfera Foto 10 Laboratorio principale: l idrometrografo per la misurazione della portata del torrente Foto 11 La stazione meteorologica di Sala delle Meraviglie

9 Le prospettive future Le future prospettive di attività del laboratorio, supportate da un complesso di importanti indirizzi di ricerca oggi già in atto od ancora allo stato potenziale, sono legate essenzialmente a due fattori: disponibilità di operatori scientifici e tecnici; disponibilità finanziarie. Disponibilità finanziarie: la crisi economica ha progressivamente comportato l esaurimento di tutti i contributi erogati dalle pubbliche amministrazioni e la continuità dell attività scientifica del laboratorio in questi ultimi anni è stata sostanzialmente supportata soprattutto dai consistenti finanziamenti del Comitato Scientifico Centrale, e da un modesto finanziamento del CAI di Cuneo e dal contributo i degli operatori. Un ponderato impiego delle ridotte risorse disponibili, basato su acquisizioni di apparecchi attentamente valutate ed indirizzate, ha tuttavia finora consentito di salvaguardare gli elevati livelli qualitativi della strumentazione scientifica, pur nella riduzione quantitativa dell acquisto di nuovi strumenti che ha comportato difficoltà e rallentamenti operativi in alcuni settori. Una situazione di maggiore difficoltà potrebbe tuttavia verificarsi negli anni a venire, in possibili condizioni di perdurante assenza di finanziamenti delle pubbliche amministrazioni, se l invecchiamento e l usura di alcune delle strumentazioni più costose ne richiedesse una sostituzione su larga scala, difficilmente effettuabile con disponibilità finanziarie dell ordine attuale. Disponibilità di operatori Gli operatori scientifici e tecnici oggi in attività, seppure ben preparati ed efficienti, sono insufficienti per una adeguata gestione di tutti gli indirizzi di studio avviati. Perciò alcune direttrici di ricerca, molto promettenti, non possono attualmente trovare adeguato sviluppo. E pertanto di grande attualità l acquisizione di nuovi collaboratori scientifici e tecnici, anche ai fini di un futuro turnover degli operatori, non ancora necessario attualmente ma inevitabile a tempi medi. L attività di ricerca del laboratorio è in grado di fornire a chi la pratichi con autentico interesse e con sufficiente impegno notevoli soddisfazioni e gratificazioni. Viene pertanto diffuso anche in questa sede un appello per l acquisizione di nuovi operatori, che avrebbero la possibilità di optare, secondo la loro disponibilità di tempo, fra livelli diversi di impegno e di assunzione di responsabilità. Eventuali offerte di collaborazione e richieste di chiarimenti potranno essere indirizzate tramite mail al recapito o ai numeri telefonici e

10 L ORGANIGRAMMA DEL LABORATORIO Gli enti ufficialmente titolari del Laboratorio Carsologico di Bossea sono attualmente la Stazione Scientifica di Bossea ed il Comitato Scientifico Centrale del CAI. Alla conduzione dell attività di ricerca partecipa da tempo, a pieno titolo, il Dipartimento DIATI del Politecnico di Torino. I due organismi scientifici operano pertanto affiancati nell ambito di una stretta collaborazione, tramite dotazioni strumentali differenziate, ai fini del rilevamento dei molteplici parametri fisico-chimici allo studio, con successiva condivisione ed interpretazione congiunta dei dati ottenuti. L organigramma complessivo del laboratorio, inclusi i collaboratori esterni, è pertanto articolato nelle modalità sottoesposte: ENTI TITOLARI: Stazione Scientifica di Bossea del CAI di Cuneo Comitato Scientifico Centrale del CAI ENTE ASSOCIATO: Dipartimento DIATI del Politecnico di Torino DIREZIONE: Guido Peano (Stazione Scientifica di Bossea CAI Cuneo) Bartolomeo Vigna (Dipartimento DIATI del Politecnico di Torino) SETTORI OPERATIVI BIOSPELEOLOGIA: Enrico Lana (Stazione Scientifica di Bossea CAI Cuneo AGSP) ELABORAZIONI INFORMATICHE: Ezechiele Villavecchia e Rosarita Gili (Stazione Scientifica di Bossea) GEOCHIMICA ED IDROCHIMICA: Adriano Fiorucci (Dipartimento DIATI del Politecnico di Torino) IDROGEOLOGIA CARSICA: B.Vigna Davide Cassini (Cai Bordighera) G. Peano E. Villavecchia METEOROLOGIA IPOGEA: Guido Peano Ezechiele Villavecchia RADIOATTIVITA NATURALE: G.Peano D.Cassini E.Lana Alessandro Pastorelli E. Villavecchia RILEVAMENTI TOPOGRAFICI: Renato Sella* (Gruppo Speleologico Biellese CAI) - Enrico Lana INSTALLAZIONI DI BASE: Renzo Camerini (Staz. Scient. di Bossea) Michelangelo Bruno* (Protezione Civile di Savigliano) Giovanni Racca* (CAI Bra) STRUMENTAZIONE ELETTRONICA E INSTALLAZIONI INFORMATICHE: Gianfranco Buscatti*, Tiziano Buscatti* e Massimo Castano* (IMAS s.r.l.) ELETTROTECNICA: Mauro Peirone* (Protezione Civile di Savigliano) Michelangelo Bruno* IDRAULICA: Alessandro Pastorelli ( Gruppo Speleologico CAI Sanremo) Guido Peano ( * Collaboratori esterni )

ALIRHYS. Val Maira 17-18 ottobre 2014 San Damiano Macra Acceglio (CN)

ALIRHYS. Val Maira 17-18 ottobre 2014 San Damiano Macra Acceglio (CN) ALIRHYS Banzato C. 1, Bianco F. 1, Fiorucci A. 1, Governa M. 2, Marchionatti F. 1, Menegatti S. 1, Moitre B., Petricig M. 2, Vigna B. 1 1- DIATI Dipartimento di Ingegneria dell Ambiente, del Territorio

Dettagli

IL LABORATORIO CARSOLOGICO SOTTERRANEO DI BOSSEA

IL LABORATORIO CARSOLOGICO SOTTERRANEO DI BOSSEA 1 Atti del Convegno Nazionale La ricerca carsologica in Italia 22-23 giugno 2013, Laboratorio carsologico sotterraneo di Bosse III IL LABORATORIO CARSOLOGICO SOTTERRANEO DI BOSSEA Il Laboratorio Carsologico

Dettagli

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 SCHEMA DI ACCORDO Tra la PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE, l AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME

Dettagli

Stazione sperimentale ipogea di monitoraggio ambientale

Stazione sperimentale ipogea di monitoraggio ambientale PROGETTO SISMA Società Adriatica di Speleologia Trieste Relatore: Sergio Dambrosi Stazione sperimentale ipogea di monitoraggio ambientale Descrizione Procedure di finanziamento Obiettivi Programma operativo

Dettagli

3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE

3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE 3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE Il Liceo Scientifico delle Scienze Applicate è un articolazione del Liceo Scientifico. Oltre agli obiettivi propri del Liceo Scientifico tradizionale, il Liceo

Dettagli

Presentazione della relazione finale progetto A.G.I.R.E. POR

Presentazione della relazione finale progetto A.G.I.R.E. POR Presentazione della relazione finale progetto A.G.I.R.E. POR Convenzione n. 1 del 19/10/2005 PROGETTO A.G.I.R.E. POR Gemellaggio tra: Offerenti: ARPA Emilia Romagna ed ARPA Piemonte Beneficiaria: ARPA

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni Data ultimo aggiornamento: 11 ottobre 2010 Progetto di filiera e realtà coinvolte 2 Sommario

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA DINAMICA DEI LITORALI PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA DINAMICA DEI LITORALI PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA TRA PROVINCIA DI GROSSETO PROVINCIA DI LIVORNO PROVINCIA DI LUCCA PROVINCIA DI MASSA - CARRARA PROVINCIA DI PISA COMUNE

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari- Settore Attività Socio-Culturali. Telefono 070/675.2420 070/675.2111 Fax 070/675.2998 E-mail acabras@amm.unica.

Università degli Studi di Cagliari- Settore Attività Socio-Culturali. Telefono 070/675.2420 070/675.2111 Fax 070/675.2998 E-mail acabras@amm.unica. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE AFFARI LEGALI SETTORE ATTIVITA SOCIO-CULTURALI Funzionario Responsabile: Angela Maria Cabras Tel 070 675.2420 Fax 070 675.2998 Ragione Sociale Università degli

Dettagli

Istituto Tecnico Superiore per l Aerospazio

Istituto Tecnico Superiore per l Aerospazio Istituto Tecnico Superiore per l Aerospazio Presentazione del nuovo corso di Istruzione Tecnica Superiore inserito nei percorsi di Alta Formazione previsti dal Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca.

Dettagli

Corso di Laurea in Fisica

Corso di Laurea in Fisica OBIETTIVI FORMATIVI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra M. Melloni Corso di Laurea in Fisica Laurea di I livello nella Classe L-30 Scienze e Tecnologie Fisiche

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

BOZZA. PATTI PARASOCIALI(rev.24/10) Tra. Il Comune di.., con sede in.., in persona di, a questo atto

BOZZA. PATTI PARASOCIALI(rev.24/10) Tra. Il Comune di.., con sede in.., in persona di, a questo atto BOZZA PATTI PARASOCIALI(rev.24/10) Tra. (di seguito definite congiuntamente come Parti e, singolarmente, come Parte ) Premesso che A) FARCOM Srl., con sede in (di seguito la Società ), è interamente partecipata

Dettagli

BO JEA MMTITITI L'AMBIENTE CARSICO E L'UOMO

BO JEA MMTITITI L'AMBIENTE CARSICO E L'UOMO BO JEA MMTITITI CONVEGNO NAZIONALE L'AMBIENTE CARSICO E L'UOMO MANIFESTAZIONE CELEBRATIVA UFFICIALE DEL CAI PER IL "2003: ANNO INTERNAZIONALE DELL'ACQUA DOLCE" LABORATORIO DIDATTICO DEL COMITATO SCIENTIFICO

Dettagli

METEOROLOGA METEOROLOGO

METEOROLOGA METEOROLOGO Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 METEOROLOGA METEOROLOGO Aggiornato il 9 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza

Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza CORSO SERALE Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza Sede e orario segreteria Sede: ITIS ROSSI Via Legione Gallieno 6100 Vicenza Orario segreteria: tutti i giorni dalle 10 alle

Dettagli

Il ruolo della PAC a sostegno del paesaggio rurale e delle risorse ambientali

Il ruolo della PAC a sostegno del paesaggio rurale e delle risorse ambientali Il ruolo della PAC a sostegno del paesaggio rurale e delle risorse ambientali Candidature UNESCO di paesaggi culturali: Paesaggi vitivinicoli del Piemonte: Langhe-Roero e Monferrato 25 maggio 2012 - Roma

Dettagli

ART. 1 COMPOSIZIONE E ARTICOLAZIONE DEL CATASTO SPELEOLOGICO REGIONALE

ART. 1 COMPOSIZIONE E ARTICOLAZIONE DEL CATASTO SPELEOLOGICO REGIONALE Allegato alla Delib.G.R. n. 44/19 del 29.9.2009 Direttiva per il funzionamento, aggiornamento e accesso al Catasto Speleologico Regionale in attuazione dell art. 9, comma 8, della L.R. n. 4/2007 recante

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE

LA GIUNTA PROVINCIALE LA GIUNTA PROVINCIALE PREMESSO: - che la Regione Piemonte, in base a quanto previsto all'art. 77 della Legge Regionale 26 aprile 2000, n. 44, modificata ed integrata dalla Legge Regionale 15 marzo 2001,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

LIBERTAS. REGOLAMENTO AREA FORMATIVA UNI EN ISO 9001: 2008 Req. 7.3. File: SPEC 01 Pagina 0 di 8 Rev. 4 del 12/12/2013

LIBERTAS. REGOLAMENTO AREA FORMATIVA UNI EN ISO 9001: 2008 Req. 7.3. File: SPEC 01 Pagina 0 di 8 Rev. 4 del 12/12/2013 0 LIBERTAS AREA FORMATIVA Pagina 0 di 8 Rev. 4 del 12/12/2013 Pagina 1 di 31 2013/2016 Revisione n. 4 approvata dalla Giunta Nazionale del 12 dicembre 2013 Pagina 2 di 31 STRUTTURA DIPARTIMENTO FORMAZIONE

Dettagli

Formazione manageriale in Trentino

Formazione manageriale in Trentino Formazione manageriale in Trentino Linee strategiche Dal 2002 il sistema istituzionale trentino ha avviato una serie di esperienze di alta formazione nel settore turistico che, seppure in mutati assetti

Dettagli

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI

QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI QUADRI ORARI E COMPETENZE SPECIFICHE DEGLI INDIRIZZI Nel nostro Istituto sono attivi i seguenti indirizzi, articolati nelle classi e nei quadri orari di cui sotto. Meccanica, Meccatronica Elettrotecnica

Dettagli

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE Di Antonella Della Rovere (luglio 2003) L ambiente accademico sta attraversando un momento di profonda trasformazione: la riforma dei corsi di studio

Dettagli

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA Protocollo d Intesa per l attuazione del Contratto del Lago di Bolsena PREMESSO CHE la Direttiva 2000/60/CE del Parlamento

Dettagli

NUOVI PROFILI DI INGEGNERE NEL TRASPORTO FERROVIARIO

NUOVI PROFILI DI INGEGNERE NEL TRASPORTO FERROVIARIO NUOVI PROFILI DI INGEGNERE NEL TRASPORTO FERROVIARIO Dipartimento di Ingegneria dell Informazione ed Ingegneria Elettrica Università degli Studi di Salerno ESIGENZE ATTUALI Aumento delle funzioni/prestazioni

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Ottone Bacaredda Sergio Atzeni. Via Grandi - 09131 - Cagliari - - 070/494354 - Fax 070/403289

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Ottone Bacaredda Sergio Atzeni. Via Grandi - 09131 - Cagliari - - 070/494354 - Fax 070/403289 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Ottone Bacaredda Sergio Atzeni Via Grandi - 09131 - Cagliari - - 070/494354 - Fax 070/403289 Sede associata di Selargius Via Bixio - - 070/840039 Sede associata di Capoterra

Dettagli

I3A LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE

I3A LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE I3A LAUREA IN INGEGNERIA CIVILE E AMBIENTALE 1. CARATTERISTICHE DEL CORSO CLASSE DI CORSO: L-7 Ingegneria civile e ambientale NORMATIVA DI RIFERIMENTO: Corso di nuova istituzione secondo DM 270 DIPARTIMENTO

Dettagli

BIENNIO COMUNE a tutti gli indirizzi DISCIPLINE. Quadro Orario BIENNIO COMUNE. Nuovi Indirizzi Istituti Tecnici Pagina 1 1 BIENNIO

BIENNIO COMUNE a tutti gli indirizzi DISCIPLINE. Quadro Orario BIENNIO COMUNE. Nuovi Indirizzi Istituti Tecnici Pagina 1 1 BIENNIO Il seguente documento, redatto per estratti da documenti del Ministero della Pubblica Istruzione, illustra in modo sintetico ma completo l Offerta Formativa dei Nuovi Indirizzi degli Istituti Tecnici.

Dettagli

CONVENZIONE. tra l Università telematica delle Scienze Umane NICCOLO CUSANO e il Comune di Roma

CONVENZIONE. tra l Università telematica delle Scienze Umane NICCOLO CUSANO e il Comune di Roma CONVENZIONE tra l Università telematica delle Scienze Umane NICCOLO CUSANO e il Comune di Roma L UNIVERSITÀ DELLE SCIENZE UMANE UNISU NICCOLO CUSANO, (P. IVA 09073721004), istituita con decreto del Ministero

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA

PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE DI INIZIATIVE NELL AMBITO DELL AGENDA DIGITALE LOMBARDA TRA REGIONE LOMBARDIA E UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA LOMBARDIA PROTOCOLLO DI INTESA PER L ATTUAZIONE

Dettagli

PATTO DI GEMELLAGGIO, COLLABORAZIONE ED AMICIZIA

PATTO DI GEMELLAGGIO, COLLABORAZIONE ED AMICIZIA PATTO DI GEMELLAGGIO, COLLABORAZIONE ED AMICIZIA tra IL PARCO DEL DELTA DEL PO dell Emilia Romagna (ITALIA) e L AGENZIA PER LA CONSERVAZIONE DELLA BIOSFERA DEL DANUBIO (ROMANIA) relativamente a cooperazione

Dettagli

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE Dipartimento Territorio e Ambiente SERVIZIO 6 Protezione Patrimonio Naturale Via Ugo La Malfa, 169 90146 Palermo Fondo Europeo di

Dettagli

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions

Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Liguria Proposte per un modello di sviluppo Nearly Zero Emissions Indice EXECUTIVE SUMMARY... 4 1. IL CONTESTO... 7 1.1 QUADRO INTERNAZIONALE DI RIFERIMENTO... 7 1.2 CONSIDERAZIONI SULLA TRANSIZIONE VERSO

Dettagli

ITS. Tra il ITS. diploma e la laurea, Tra il un nuovo percorso formativo concretamente legato al mondo del lavoro ato al mondo

ITS. Tra il ITS. diploma e la laurea, Tra il un nuovo percorso formativo concretamente legato al mondo del lavoro ato al mondo ITS. Tra il diploma e la laurea, un nuovo percorso formativo concretamente legato al mondo del lavoro Novara, 27/05/2011 ITS : la risposta a tante richieste A livello nazionale industria e istituzioni

Dettagli

Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA

Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA ORDINE DEI GEOLOGI DEL VENETO Venezi a Mestre, 01 febbraio 2014 Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA Valentina Bassan

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE SEGONI, BUSTO, DAGA, DE ROSA, MANNINO, TERZONI, TOFALO, ZOLEZZI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE SEGONI, BUSTO, DAGA, DE ROSA, MANNINO, TERZONI, TOFALO, ZOLEZZI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1233 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI SEGONI, BUSTO, DAGA, DE ROSA, MANNINO, TERZONI, TOFALO, ZOLEZZI Disposizioni concernenti

Dettagli

Schematizzazione e modelli idrogeologici concettuali degli acquiferi carsici

Schematizzazione e modelli idrogeologici concettuali degli acquiferi carsici Schematizzazione e modelli idrogeologici concettuali degli acquiferi carsici Bartolomeo Vigna Dipartimento di Ingegneria dell Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture - Politecnico di Torino L utilità

Dettagli

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che:

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU26 28/06/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 11 giugno 2012, n. 18-3996 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa tra la Citta' di Torino, la Fondazione Torino Smart City,

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

A STIPULARSI TRA. il MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA (di seguito MIUR ), rappresentato dal Capo Dipartimento, Marco MANCINI,

A STIPULARSI TRA. il MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA (di seguito MIUR ), rappresentato dal Capo Dipartimento, Marco MANCINI, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ACCORDO ATTUATIVO dell Accordo di collaborazione per la valorizzazione e l integrazione

Dettagli

PROGETTO CONFINDUSTRIA a.s. 2012 13

PROGETTO CONFINDUSTRIA a.s. 2012 13 1)Premessa PROGETTO CONFINDUSTRIA a.s. 2012 13 Ha origine con la scrittura di un Protocollo di Intesa ( 12 gennaio 2011) tra L IIS Tecnicoprofessionale Allievi Pertini e Confindustria Terni con lo scopo

Dettagli

SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE

SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE CAMPANIA E L ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI

Dettagli

Istituto Tecnico G.Galilei Livorno

Istituto Tecnico G.Galilei Livorno IL FUTURO: i quadri orari e le 4 specializzazioni della riforma PRIMO BIENNIO Il primo biennio del nostro istituto è dedicato all acquisizione di saperi e competenze di base ed ha valore orientativo e

Dettagli

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO

INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO INTRODUZIONE AL TEMA IL BENESSERE ORGANIZZATIVO www.magellanopa.it INDICE INTRODUZIONE... 3 1. IL QUADRO STORICO DI RIFERIMENTO... 5 2. IL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLA PA... 7 www.magellanopa.it 2 INTRODUZIONE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e ItaliaNostra onlus Associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale VISTO

Dettagli

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio

Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio Allegato A) Declinazione dei risultati di apprendimento in conoscenze e abilità per il primo biennio A.1 Settore economico A.2 Settore tecnologico Il presente allegato è stato redatto con riferimento alle

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO

Allegato alla Delibera n. 89 CdA del 9 luglio 2014 ACCORDO QUADRO ACCORDO QUADRO tra Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (di seguito denominato CNR), C.F. 80054330586, con sede in Roma, Piazzale Aldo Moro n. 7, rappresentato dal Prof. Luigi Nicolais, in qualità di

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI ARTICOLAZIONE ARTIGIANATO OPZIONE PRODUZIONI TESSILI - SARTORIALI

ISTRUZIONE PROFESSIONALE PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI ARTICOLAZIONE ARTIGIANATO OPZIONE PRODUZIONI TESSILI - SARTORIALI ISTRUZIONE PROFESSIONALE PRODUZIONI INDUSTRIALI E ARTIGIANALI ARTICOLAZIONE ARTIGIANATO OPZIONE PRODUZIONI TESSILI - SARTORIALI PROFILO PROFESSIONALE Il Diplomato di istruzione professionale nell indirizzo

Dettagli

CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO ECONOMICO

CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO ECONOMICO CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO ECONOMICO PROGRAMMA ACCEDO PROGETTO FACILITO DINA AVVISO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

3. PROGETTO CURRICOLARE (Nuovo Ordinamento)

3. PROGETTO CURRICOLARE (Nuovo Ordinamento) La strategia di costruzione della personalità non può essere separata dal contesto cognitivo, così come il viceversa: dare istruzione significa fornire conoscenze e strumenti per interpretare se stessi

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore C. Rosatelli - Rieti

Istituto d Istruzione Superiore C. Rosatelli - Rieti Allegato n. 7 Offerta formativa secondo gli ordinamenti preesistenti L'Istituto C. Rosatelli fornisce per gli studenti iscritti nelle classi 5 e i seguenti diplomi: Diploma di Perito industriale L ITIS

Dettagli

INFORMAZIONI ESPERIENZA. Nome ITALO PORCILE Indirizzo E-mail assambiente@comune.genova.it Tel. 010/5573184-73526-77607

INFORMAZIONI ESPERIENZA. Nome ITALO PORCILE Indirizzo E-mail assambiente@comune.genova.it Tel. 010/5573184-73526-77607 C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ITALO PORCILE Indirizzo E-mail assambiente@comune.genova.it Tel. 010/5573184-73526-77607 Nazionalità Italiana Luogo e data di nascita GENOVA, 25.04.1972

Dettagli

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI

LA SPESA AMBIENTALE DELLE AMMINISTRAZIONI REGIONALI 4. suolo e risanamento acque del sottosuolo e di superficie 10. risorse idriche 6. biodiversità e paesaggio 2. acque reflue 11. risorse forestali 3. rifiuti 13. materie prime energetiche 1. aria e clima

Dettagli

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future

Salvo Mura Coordinamento Area Didattica. Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Salvo Mura Coordinamento Area Didattica Il Coordinamento Area Didattica di Ateneo: attività e prospettive future Il Coordinamento Area Didattica è stato costituito come unità organizzativa nel 2008 e le

Dettagli

Regolamento Approvato dal Consiglio di Amministrazione del CSI-Piemonte il 16 luglio 2007

Regolamento Approvato dal Consiglio di Amministrazione del CSI-Piemonte il 16 luglio 2007 Regolamento Approvato dal Consiglio di Amministrazione del CSI-Piemonte il 16 luglio 2007 REGOLAMENTO CENTRO ON LINE STORIA E CULTURA DELL INDUSTRIA: IL NORD OVEST DAL 1850 ARTICOLO 1 Obiettivi e finalità

Dettagli

CONVENZIONE PER LA COLLABORAZIONE, IN FORMA NON ESCLUSIVA, IN ATTIVITA DI GESTIONE DEL PARCO DELLE OROBIE BERGAMASCHE. tra

CONVENZIONE PER LA COLLABORAZIONE, IN FORMA NON ESCLUSIVA, IN ATTIVITA DI GESTIONE DEL PARCO DELLE OROBIE BERGAMASCHE. tra CONVENZIONE PER LA COLLABORAZIONE, IN FORMA NON ESCLUSIVA, IN ATTIVITA DI GESTIONE DEL PARCO DELLE OROBIE BERGAMASCHE. tra il Consorzio di gestione del Parco regionale delle Orobie Bergamasche, di seguito

Dettagli

Comune di Donnas Regione Autonoma Valle d Aosta. Relazione sulla performance 2013

Comune di Donnas Regione Autonoma Valle d Aosta. Relazione sulla performance 2013 Comune di Donnas Regione Autonoma Valle d Aosta Relazione sulla performance 2013 INDICE MODALITÀ DI CONTROLLO DEI RISULTATI CONSEGUITI 3 INFORMAZIONI DI INTERESSE E RISULTATI CONSEGUITI 4 ALLEGATI 5 2

Dettagli

Campus scientifico e didattico del biomedicale Tecnologie della vita. Organi di indirizzo e gestione Piano annuale 2013-14

Campus scientifico e didattico del biomedicale Tecnologie della vita. Organi di indirizzo e gestione Piano annuale 2013-14 Campus scientifico e didattico del biomedicale Tecnologie della vita Organi di indirizzo e gestione Piano annuale 2013-14 1 Premessa Il progetto di campus biomedicale è finalizzato ad apprendere competenze

Dettagli

CONVENZIONE TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA E L Università di Camerino, Istituto Zooprofilattico del Lazio e della Toscana,

CONVENZIONE TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA E L Università di Camerino, Istituto Zooprofilattico del Lazio e della Toscana, CONVENZIONE TRA L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA E L Università di Camerino, Istituto Zooprofilattico del Lazio e della Toscana, Ministero della Salute e l Istituto Superiore di Sanità PER

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. L Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio. Club Alpino Italiano Gruppo Regionale Lazio. in tema di Collaborazione formativa

PROTOCOLLO D INTESA TRA. L Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio. Club Alpino Italiano Gruppo Regionale Lazio. in tema di Collaborazione formativa PROTOCOLLO D INTESA TRA L Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio e Club Alpino Italiano in tema di Collaborazione formativa L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO, di seguito denominato USR Lazio,

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

I LABORATORI DELLA SOSTENIBILITA TECNOLOGICA

I LABORATORI DELLA SOSTENIBILITA TECNOLOGICA I LABORATORI DELLA SOSTENIBILITA TECNOLOGICA La sostenibilità ambientale è un impegno che necessita dell impegno di tutti. L edilizia, pubblica e privata, necessita di operatori specializzati che affianchino

Dettagli

ROBOTICA A SCUOLA PROGETTI DI INNOVAZIONE DIDATTICA E DI ORIENTAMENTO IN ENTRATA E IN USCITA Edizione 2012-2013

ROBOTICA A SCUOLA PROGETTI DI INNOVAZIONE DIDATTICA E DI ORIENTAMENTO IN ENTRATA E IN USCITA Edizione 2012-2013 ROBOTICA A SCUOLA PROGETTI DI INNOVAZIONE DIDATTICA E DI ORIENTAMENTO IN ENTRATA E IN USCITA Edizione 2012-2013 Ente proponente: Provincia di Torino Assessorato Istruzione - Servizio Istruzione e Orientamento

Dettagli

SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI

SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI MISURE DI RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI Elementi di sintesi ARPA PIEMONTE DIPARTIMENTO TEMATICO SISTEMI PREVISIONALI - Struttura Semplice Qualità dell Aria

Dettagli

il Piano di Tutela delle Acque

il Piano di Tutela delle Acque Direzione centrale ambiente, energia e politiche per la montagna servizio idraulica Gestione delle acque sotterrane e superficiali in Friuli Venezia Giulia il Piano di Tutela delle Acque ing. D. Iervolino

Dettagli

IL CONSORZIO STABILE. Consorzio Valori Servizi Vantaggi Adesione Certificazioni. Agoraa.it

IL CONSORZIO STABILE. Consorzio Valori Servizi Vantaggi Adesione Certificazioni. Agoraa.it IL CONSORZIO STABILE Consorzio Valori Servizi Vantaggi Adesione Certificazioni Agoraa.it indice Cos è un consorzio pag. 4 Il Consorzio Stabile Agoraa pag. 5 Valori pag. 6 Servizi pag. 8 Vantaggi pag.

Dettagli

EMAS APO RAVENNA. Attestato EMAS all Ambito Produttivo Omogeneo costituito dall area chimica e industriale di Ravenna

EMAS APO RAVENNA. Attestato EMAS all Ambito Produttivo Omogeneo costituito dall area chimica e industriale di Ravenna EMAS APO RAVENNA Attestato EMAS all Ambito Produttivo Omogeneo costituito dall area chimica e industriale di Ravenna Luglio 2006 Attestato EMAS all Ambito Produttivo Omogeneo costituito dall area chimica

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO la legge regionale n.1 del 5 gennaio 2001 recante Norme per la valorizzazione e lo sviluppo del litorale del Lazio ;

LA GIUNTA REGIONALE. VISTO la legge regionale n.1 del 5 gennaio 2001 recante Norme per la valorizzazione e lo sviluppo del litorale del Lazio ; OGGETTO: PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTI PER LO SVILUPPO DEL LITORALE DEL LAZIO, DI CUI ALLA LEGGE REGIONALE N.1 DEL 5 GENNAIO 2001 - AZIONE I.1.4. RAFFORZAMENTO DEGLI STRUMENTI DI VALUTAZIONE E CONTROLLO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

Arch. Giuseppe Manara, Presidente C.N.E.T.O.

Arch. Giuseppe Manara, Presidente C.N.E.T.O. Arch. Giuseppe Manara, Presidente C.N.E.T.O. Sistemi costruttivi modulari Negli anni recenti, l uso di sistemi costruttivi modulari, è cresciuto in molti settori. In particolare, a negli Ospedali e nel

Dettagli

solinfo servizi per prodotti e sistemi informatici

solinfo servizi per prodotti e sistemi informatici solinfo servizi per prodotti e sistemi informatici La nostra azienda, oltre a produrre, distribuire e installare i propri software presso la clientela, eroga a favore di quest ultima una serie di servizi

Dettagli

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE Maurizio Brown Si sviluppa a partire dalla seconda metà del XIX secolo

Dettagli

Art. 1 (Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri )

Art. 1 (Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri ) Legge regionale 21 aprile 2008, n. 9 Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione del Parco

Dettagli

L idrogeologia di Milano in una slide (!!!)

L idrogeologia di Milano in una slide (!!!) La Rete Civica di Controllo delle Acque di Falda Dott.ssa Annalisa Gussoni Dott. Alessandro Ummarino http://projectfoks.eu L idrogeologia di Milano in una slide (!!!) L idrogeologia di Milano in una slide

Dettagli

Introduzione al seminario sull utilizzo delle tecniche interferometriche satellitari: esperienze a confronto

Introduzione al seminario sull utilizzo delle tecniche interferometriche satellitari: esperienze a confronto Introduzione al seminario sull utilizzo delle tecniche interferometriche satellitari: esperienze a confronto ANGELO ROBOTTO DIRETTORE TECNICO ARPA PIEMONTE cura e alimenta il patrimonio conoscitivo, in

Dettagli

PROPOSTA PER LA FORMAZIONE SEZIONALE, REGIONALE E NAZIONALE IN AMBITO TAM E CSC

PROPOSTA PER LA FORMAZIONE SEZIONALE, REGIONALE E NAZIONALE IN AMBITO TAM E CSC PROPOSTA PER LA FORMAZIONE SEZIONALE, REGIONALE E NAZIONALE IN AMBITO TAM E CSC INDICE DEL DOCUMENTO Percorso formativo Sezionale TAM e CSC pag. 2 Base Culturale Comune pag. 2 Moduli tecnici pag. 3 Percorso

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

MODULISTICA PER LE RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER ANNO 2016 (SCADENZA 28/02/16)

MODULISTICA PER LE RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER ANNO 2016 (SCADENZA 28/02/16) MODULISTICA PER LE RICHIESTE DI CONTRIBUTO PER ANNO 2016 (SCADENZA 28/02/16) I CONTRIBUTI NON DEVONO RIGUARDARE L ATTIVITA ORDINARIA DEL SOGGETTO PROPONENTE. Per attività ordinaria a titolo esemplificativo

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA Osservatorio del Paesaggio per il Monferrato Casalese Osservatorio del Paesaggio per il Monferrato e l Astigiano Osservatorio del Paesaggio Alessandrino Osservatorio del Paesaggio

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Piano di Gestione delle Acque I Aggiornamento Rapporto tra PDGAcque e altri piani di indirizzo: PDGAlluvioni, Piano di Sviluppo Rurale, Piano di Indirizzo

Dettagli

Prospetto delle materie e del quadro orario settimanale: ISTITUTO TECNICO

Prospetto delle materie e del quadro orario settimanale: ISTITUTO TECNICO Prospetto delle materie e del quadro orario settimanale: ISTITUTO TECNICO Settore TECNOLOGICO A) MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA Titolo rilasciato: Perito in Meccanica, meccatronica ed energia MATERIE

Dettagli

Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès

Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès formazione ricerca tecnologia innovazione DOVE SIAMO Valle d Aosta Verrès Verrès (Valle d Aosta - Italia) 391 m slm, 2.677 abitanti, 39 km da Aosta, 78 km

Dettagli

Pianificazione territoriale e sviluppo economico

Pianificazione territoriale e sviluppo economico LIFE AMBIENTE ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE L ENERGIA E L AMBIENTE Pianificazione territoriale e sviluppo economico PROVINCIA DI ROVIGO INIZIATIVE IMMOBILIARI INDUSTRIALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

Dettagli

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO

REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 1/6 MANUALE INFORMATIVO MANUALE INFORMATIVO REV. 6 PAG. 2/6 1 PRESENTAZIONE DEL CONSORZIO Il Consorzio Multisettoriale Piemontese, nuova denominazione del Consorzio Aziende Metalmeccaniche

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI

PROTOCOLLO DI INTESA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E L INNOVAZIONE E IL MINISTRO PER I BENI E LE ATTIVITÀ CULTURALI per la realizzazione di un programma di innovazione per il patrimonio

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

L Ingegnere Gestionale

L Ingegnere Gestionale L Ingegnere Università degli Studi di Cassino Polo didattico di Frosinone Piazza Marzi 1 Frosinone 0775 859701 859730 www.gestionale.unicas.it L Ingegnere L Idea gestionale : applicare sistematicamente

Dettagli

Newsletter n.10. La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto

Newsletter n.10. La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto Newsletter n.10 La multifunzionalità verso Expo 2015: un bilancio del progetto Un iniziativa a sostegno delle aree rurali Con questa decima Newsletter siano giunti alla fase delle considerazioni finali

Dettagli

IL CONSORZIO ANALISI DI BILANCIO ED ELEMENTI DI RIFLESSIONE PER LA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE 2008-2011

IL CONSORZIO ANALISI DI BILANCIO ED ELEMENTI DI RIFLESSIONE PER LA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE 2008-2011 IL CONSORZIO ANALISI DI BILANCIO ED ELEMENTI DI RIFLESSIONE PER LA DEFINIZIONE DELLE STRATEGIE 2008-2011 Nell ambito di un orientamento strategico fortemente indirizzato all innovazione e allo sviluppo

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali di Laurea in Scienze e Tecnologie dell Informazione Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2009/2010

Dettagli

I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO

I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO I DIPLOMATI ECDL NEL MONDO DEL LAVORO L articolo presenta i risultati di un indagine campionaria condotta, a luglio 22, sulla popolazione di coloro che hanno acquisito il diploma ECDL essendo già occupati

Dettagli

CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE

CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE Aggiornato il 12 Marzo 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Quali competenze sono necessarie?...

Dettagli

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano

6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano 6. NORME DI ATTUAZIONE Titolo I Finalità e contenuti ed elaborati del Piano Art. 1 Finalità generali del Piano 1. Il presente Piano costituisce piano stralcio di bacino ai sensi del c.6 ter dell art.17

Dettagli