LABORATORIO CARSOLOGICO SOTTERRANEO DI BOSSEA EXCURSUS STORICO ED ATTUALE STATO DELL ARTE (Gennaio 2015)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LABORATORIO CARSOLOGICO SOTTERRANEO DI BOSSEA EXCURSUS STORICO ED ATTUALE STATO DELL ARTE (Gennaio 2015)"

Transcript

1 LABORATORIO CARSOLOGICO SOTTERRANEO DI BOSSEA EXCURSUS STORICO ED ATTUALE STATO DELL ARTE (Gennaio 2015) EXCURSUS STORICO Un istituzione scientifica unica nel Club Alpino Italiano ha compiuto il 2 dicembre 2014 il suo 45 anno di attività. Si tratta del Laboratorio Carsologico Sotterraneo di Bossea installato nella grotta omonima e destinato allo studio dei fenomeni fisici, chimici e biologici dell ambiente ipogeo. Il laboratorio, primariamente denominato Stazione Scientifica di Bossea, è stato creato nel 1969 da una piccola equipe di ricercatori e tecnici volontari appartenenti al Gruppo Speleologico Alpi Marittime del CAI di Cuneo. Da quel tempo ormai lontano l antica stazione scientifica, grazie all impegno dei fondatori e dei nuovi operatori che si sono susseguiti nel corso dei decenni, ha realizzato una lenta ma continuativa evoluzione ed un progressivo sviluppo fino a divenire un laboratorio sperimentale di notoria importanza nell ambito della ricerca carsologica nazionale. L aspirazione ad una conoscenza scientifica più approfondita dell ambiente sotterraneo che ha animato i primi fondatori, ed anima tuttora i loro epigoni, ha trovato felice espressione nel verso virgiliano da tempo assunto come emblema del laboratorio: felix qui potuit rerum conoscere causas ( Georgiche II 489). La sede operativa La Grotta di Bossea è stata scelta quale sede del laboratorio grazie ai suoi importanti aspetti naturalistico scientifici che offrono la possibilità di studi diversificati ed approfonditi in diversi ambiti di ricerca, nonché alla disponibilità della rete elettrica, indispensabile per lo svolgimento di ricerche continuative su larga scala, ed alla custodia continuativa, entrambe legate all utilizzazione turistica della parte inferiore della cavità. Il sistema carsico di Bossea costituisce un grandioso acquifero carsico, esteso per molti chilometri, assai ricco di acque correnti e percolanti, caratterizzato da aspetti idrogeologici, geomorfologici, tettonici e litologici di grande interesse, da una peculiare situazione della radioattività naturale ora oggetto di studi avanzati, e da un eccezionale ricchezza di entità faunistiche specializzate che conferiscono a questo biotopo sotterraneo un alto valore, collocandolo fra i più importanti attualmente noti in Italia. La grotta presenta altresì splendidi aspetti estetico-paesaggistici quali i giganteschi saloni con altissime pareti scoscese e vastissime volte, il grandioso e pittoresco concrezionamento calcareo, il canyon del torrente collettore, le rapide, le cascate ed i suggestivi laghi formati da questo corso d acqua, che le conferiscono grande attrattiva e frequentazione turistica.. L attività di ricerca: i primi indirizzi di studio ed i successivi sviluppi L attività di ricerca è stata impostata a partire dal suo esordio su tre principali direttrici: Idrogeologia Carsica, Meteorologia Ipogea, Biospeleologia. A queste si è aggiunto, a partire dal 1994, come quarto fondamentale indirizzo, lo studio della Radioattività Naturale nell ambiente sotterraneo, che ha in breve tempo assunto consistenza assai rilevante.

2 Foto 1 La Cascata del Lago di Ernestina Foto 2 Il Lago Loser

3 La ricerca sperimentale è iniziata con i primi rilevamenti puntuali di alcuni importanti parametri chimico-fisici ambientali ed i primi ritrovamenti di nuove entità faunistiche endemiche della cavità. I dati e le conoscenze acquisiti nel biennio iniziale di attività, seppur quantitativamente limitati, consentirono un primo inquadramento delle caratteristiche idrogeologiche, climatologiche e biologiche del sistema carsico di Bossea, indispensabile per la successiva evoluzione degli studi. Attraverso i susseguenti decenni l attività scientifica del laboratorio ha avuto un lento ma continuativo sviluppo, con un progressivo e importante incremento quantitativo e qualitativo delle ricerche. Oggi si articola in numerosi e diversificati indirizzi di studio, assai specializzati e talora d avanguardia, forieri di importanti risultati e di nuove conoscenze. L attività svolta e le acquisizioni ottenute sono da tempo ben note ed apprezzate presso istituzioni accademiche ed organismi pubblici deputati alla ricerca e alla tutela ambientale. Ciò ha, fra l altro, sempre trovato conferma nella vasta partecipazione di questi enti di ricerca, con presentazione di importanti lavori scientifici, ai congressi nazionali od internazionali più volte organizzati dal laboratorio di Bossea. La strumentazione --La ricerca è iniziata con pochi elementari apparecchi, quasi sempre manuali, in parte concessi in prestito d uso da alcune pubbliche istituzioni. La forte scarsezza di risorse finanziarie ha ostacolato per più anni il potenziamento del laboratorio A partire dal 1980, con la disponibilità di alcuni finanziamenti, la strumentazione ha avuto un progressivo sviluppo, con un lento ma costante incremento quantitativo e qualitativo. Nel giro di qualche decennio è stato in tal modo possibile costituire un importante dotazione di attrezzature scientifiche ad alto livello di automazione ed informatizzazione. Pertanto il modesto insediamento iniziale è oggi divenuto un laboratorio carsologico sotterraneo molto avanzato, il più attrezzato esistente in Italia ed uno fra i meglio dotati anche a livello europeo. Le installazioni di ricerca presentano un alto grado di specializzazione, essendo state concepite ed elaborate specificamente in funzione degli indirizzi di studio perseguiti. delle peculiari situazioni ambientali e delle difficili condizioni operative dell ambito ipogeo. Gli operatori del laboratorio-- ll laboratorio è sempre stato gestito, attraverso i decenni, da operatori volontari appartenenti in gran prevalenza al Club Alpino Italiano. Nel 1992 l equipe della Stazione Scientifica di Bossea, staccatasi dal gruppo speleologico, è divenuta una commissione scientifica sezionale del CAI di Cuneo. Agli operatori cuneesi si sono aggiunti nel tempo ricercatori volontari appartenenti ad altre sezioni CAI piemontesi e liguri. Attualmente prestano la loro opera nel laboratorio soci delle sezioni di Cuneo, Peveragno, Savigliano, Torino, Sanremo e Bordighera. A partire dal 1983 è iniziata una collaborazione con il Dipartimento DIATI del Politecnico di Torino che impiega propri operatori scientifici e propria strumentazione nella comune ricerca. Nel corso dei decenni l equipe degli operatori ha subito, com è naturale, un marcato turnover, ma un ristrettissimo nucleo dei primi fondatori ha mantenuto la propria presenza, assicurando la continuità delle impostazioni iniziali. L equipe è stata caratterizzata in ogni periodo da una convinta condivisione degli intenti e da un forte senso di responsabilità, ed ha sempre fruito di piena autonomia operativa. Per scelta concorde gli operatori hanno rinunciato fin dall inizio a qualsiasi rimborso delle spese personali sostenute nello svolgimento dell attività di laboratorio, al fine di non sottrarre alcuna risorsa finanziaria all acquisizione della strumentazione di ricerca e dei materiali tecnici d uso.

4 Foto 3 La Galleria degli Gnomi Foto 4 Navigazione del torrente collettore Foto 5 La Galleria delle Meraviglie

5 Le collaborazioni scientifiche -- Il progresso ed il potenziamento dell attività di ricerca hanno trovato un supporto determinante nelle collaborazioni successivamente avviate in settori differenziati con diverse importanti istituzioni scientifiche: - Dipartimento DIATI del Politecnico di Torino, negli ambiti Idrogeologia, Geomorfologia e Radioattività Naturale (dal 1983) - Dipartimento Radiazioni dell ARPA Valle d Aosta, nell ambito Radioattività Naturale (dal 1994) -Dipartimento di Cuneo dell ARPA del Piemonte, nell ambito meteorologico e nella tutela ambientale del sistema carsico di Bossea (dai primi anni 90) - Comitato Scientifico Centrale del CAI (dal 1996). La collaborazione si è poi trasformata nell anno 2007 in una contitolarità del laboratorio, con la convenzione stipulata fra il CAI sede centrale e la Sezione CAI di Cuneo che ha mantenuto la proprietà delle installazioni scientifiche. - Dipartimento di Dosimetria della Facoltà di Scienze Nucleari ed Ingegneria Fisica dell Università Tecnica Ceca di Praga, nell ambito Radioattività Naturale (dal 2006) - Centro Ricerche Ambiente Marino ENEA di Lerici - S. Terenzo (SP), nell ambito Radioattività Naturale (dal 2009) -Dipartimento Radiazioni dell ARPA del Piemonte, sede di Ivrea, nell ambito Radioattività Naturale (dal 2011). Le attività congressuali e didattiche -- A partire dal 1982 il Laboratorio di Bossea ha affiancato all attività di ricerca un attività congressuale, didattica e documentativa che si è concretizzata in otto convegni a carattere nazionale od internazionale (di cui l ultimo tenutosi a Frabosa Soprana (CN) nel 2013), con pubblicazione di sei volumi di atti, e in sei corsi regionali o nazionali di formazione o di aggiornamento per operatori naturalistici CAI e docenti. Il Laboratorio di Bossea ha inoltre presentato in diverse occasioni i propri lavori di ricerca in congressi nazionali ed internazionali. Il finanziamento del laboratorio -- L attività del laboratorio, sostenuta nel primo decennio solo da un modestissimo finanziamento del gruppo speleologico e dal citato autofinanziamento degli operatori volontari, a partire dal 1980 ha potuto usufruire di alcuni contributi continuativi da parte delle pubbliche amministrazioni, erogati in riconoscimento dell oggettivo valore dell attività di ricerca, della determinante opera prestata ai fini della ristrutturazione turistica e della valorizzazione culturale della grotta, e della continuativa azione di tutela ambientale del sistema carsico nei confronti delle attività antropiche (in particolare di alpeggio) in atto nel suo bacino di alimentazione. A ciò si sono aggiunti dagli anni 90 un modesto contributo del CAI di Cuneo ed un consistente contributo permanente del CAI nazionale tramite il Comitato Scientifico Centrale. Poiché tutti i lavori inerenti le installazioni e la manutenzione del laboratorio sono sempre stati effettuati personalmente dagli operatori (spesso coadiuvati a titolo d amicizia da collaboratori volontari esterni), quasi tutte le risorse finanziarie disponibili per l attività di ricerca sono state abitualmente impiegate nell acquisizione degli apparecchi e dei materiali d uso.

6 Foto 6 Laboratorio Principale: sezione misure elettrochimiche (area idrogeologica) Foto 7 Laboratorio Principale, Sezione Radioattività Naturale: rilevamento in continuo del radon nelle acque

7 L ATTUALE STATO DELL ARTE Le installazioni sotterranee -- Oggi le installazioni scientifiche nella Grotta di Bossea sono articolate in più sedi: - il Laboratorio principale, insediato nella parte inferiore della cavità (zona turistica), suddiviso nelle sezioni Fisico-Chimica e Biospeleologica, equipaggiato con strumentazione in gran parte automatizzata ed inserita in reti telematiche. - il Laboratorio avanzato, situato nella parte superiore della cavità (Canyon del torrente), completamente automatizzato, deputato ai rilevamenti dei parametri idrogeologici e meteorologici nelle zone più impervie e meno accessibili del sistema sotterraneo - diverse stazioni periferiche, installazioni minori deputate al rilevamento di importanti parametri fisico- chimici locali in zone lontane dai due maggiori laboratori e pertanto difficilmente inseribili nelle loro reti telematiche. Le attività di ricerca in atto - Negli anni più recenti l attività di ricerca ha avuto particolare sviluppo nei settori Idrogeologia Carsica, Radioattività Naturale e Biospeleologia, mentre ha segnato il passo lo studio della meteorologia ipogea --La Ricerca idrogeologica, svolta in collaborazione con il Politecnico di Torino, realizza attualmente studi a tutto campo sulle circolazioni idriche sotterrane, concernenti sia i grandi dreni che i piccoli dreni e i micro dreni impostati sui reticoli di fratture dei calcari e delle rocce cristalline molto fratturate o cataclastiche che li contornano. Concorrono a questo fine uno studio molto approfondito della geologia e della tettonica del massiccio, la marcatura delle acque tramite traccianti per la conoscenza della geografia dei deflussi, ed il rilevamento di una vasta gamma di parametri chimici e fisici delle acque correnti e percolanti. Queste attività di ricerca sono finalizzate al conseguimento di una conoscenza sempre più estesa e dettagliata delle circolazioni idriche nei massicci carsici e degli assetti strutturali e funzionali dei sistemi di drenaggio. -- Lo studio della Radioattività naturale è condotto attualmente in collaborazione con le ARPA del Piemonte e della Valle d Aosta, con il Centro Ricerche ENEA di Lerici-S.Terenzo e con il Politecnico di Torino. La ricerca comporta il rilevamento tramite analisi con spettrometria gamma della distribuzione e della concentrazione degli isotopi radioattivi nelle diverse tipologie di rocce che delimitano la Grotta di Bossea, delle concentrazioni atmosferiche dei gas radon e toron nell ambiente sotterraneo e delle loro variazioni annuali nell ordine spaziale e temporale, dei processi di emissione, trasferimento e diffusione dei gas in oggetto nell ambito del sistema carsico. In quest ultimo settore è in corso un studio d avanguardia sulle dinamiche di scambio del Radon fra matrice rocciosa, acque ed atmosfera, realizzabile tramite la disponibilità di una strumentazione molto specializzata per la misurazione in continuo della concentrazione del radon nei flussi idrici. -- Lo studio della Meteorologia ipogea, come anzidetto, non ha avuto negli ultimi anni nuovi sviluppi, causa la scarsa disponibilità di addetti ai lavori e di strumentazioni derivanti da alcune carenze in uomini e mezzi che hanno comportato la necessità di effettuare scelte prioritarie a favore di altri ambiti di studio e che sono venute a scapito di questo settore. Si spera che a partire dall anno 2015 sarà possibile iniziare un azione rilancio in questo ambito di ricerca, sicuramente meritevole di maggiore applicazione. --La Ricerca biologica ha avuto un rilevante impulso in questi ultimi anni, soprattutto nell ambito sistematico e biogeografico, con la scoperta di molte entità faunistiche nuove per la scienza nel sistema carsico di Bossea e in diverse altre grotte del Piemonte. Alcune specie di particolare interesse sono in corso di allevamento nella sezione biologica del laboratorio, anche nella prospettiva di futuri studi di carattere etologico.

8 Foto 8 Laboratorio Principale, Sezione Radioattività Naturale: Impianto di misurazione in continuo del radon disciolto nelle acque, presso la Polla dell Orso Foto 9 Laboratorio Principale: misurazione in continuo della concentrazione del radon nell atmosfera Foto 10 Laboratorio principale: l idrometrografo per la misurazione della portata del torrente Foto 11 La stazione meteorologica di Sala delle Meraviglie

9 Le prospettive future Le future prospettive di attività del laboratorio, supportate da un complesso di importanti indirizzi di ricerca oggi già in atto od ancora allo stato potenziale, sono legate essenzialmente a due fattori: disponibilità di operatori scientifici e tecnici; disponibilità finanziarie. Disponibilità finanziarie: la crisi economica ha progressivamente comportato l esaurimento di tutti i contributi erogati dalle pubbliche amministrazioni e la continuità dell attività scientifica del laboratorio in questi ultimi anni è stata sostanzialmente supportata soprattutto dai consistenti finanziamenti del Comitato Scientifico Centrale, e da un modesto finanziamento del CAI di Cuneo e dal contributo i degli operatori. Un ponderato impiego delle ridotte risorse disponibili, basato su acquisizioni di apparecchi attentamente valutate ed indirizzate, ha tuttavia finora consentito di salvaguardare gli elevati livelli qualitativi della strumentazione scientifica, pur nella riduzione quantitativa dell acquisto di nuovi strumenti che ha comportato difficoltà e rallentamenti operativi in alcuni settori. Una situazione di maggiore difficoltà potrebbe tuttavia verificarsi negli anni a venire, in possibili condizioni di perdurante assenza di finanziamenti delle pubbliche amministrazioni, se l invecchiamento e l usura di alcune delle strumentazioni più costose ne richiedesse una sostituzione su larga scala, difficilmente effettuabile con disponibilità finanziarie dell ordine attuale. Disponibilità di operatori Gli operatori scientifici e tecnici oggi in attività, seppure ben preparati ed efficienti, sono insufficienti per una adeguata gestione di tutti gli indirizzi di studio avviati. Perciò alcune direttrici di ricerca, molto promettenti, non possono attualmente trovare adeguato sviluppo. E pertanto di grande attualità l acquisizione di nuovi collaboratori scientifici e tecnici, anche ai fini di un futuro turnover degli operatori, non ancora necessario attualmente ma inevitabile a tempi medi. L attività di ricerca del laboratorio è in grado di fornire a chi la pratichi con autentico interesse e con sufficiente impegno notevoli soddisfazioni e gratificazioni. Viene pertanto diffuso anche in questa sede un appello per l acquisizione di nuovi operatori, che avrebbero la possibilità di optare, secondo la loro disponibilità di tempo, fra livelli diversi di impegno e di assunzione di responsabilità. Eventuali offerte di collaborazione e richieste di chiarimenti potranno essere indirizzate tramite mail al recapito o ai numeri telefonici e

10 L ORGANIGRAMMA DEL LABORATORIO Gli enti ufficialmente titolari del Laboratorio Carsologico di Bossea sono attualmente la Stazione Scientifica di Bossea ed il Comitato Scientifico Centrale del CAI. Alla conduzione dell attività di ricerca partecipa da tempo, a pieno titolo, il Dipartimento DIATI del Politecnico di Torino. I due organismi scientifici operano pertanto affiancati nell ambito di una stretta collaborazione, tramite dotazioni strumentali differenziate, ai fini del rilevamento dei molteplici parametri fisico-chimici allo studio, con successiva condivisione ed interpretazione congiunta dei dati ottenuti. L organigramma complessivo del laboratorio, inclusi i collaboratori esterni, è pertanto articolato nelle modalità sottoesposte: ENTI TITOLARI: Stazione Scientifica di Bossea del CAI di Cuneo Comitato Scientifico Centrale del CAI ENTE ASSOCIATO: Dipartimento DIATI del Politecnico di Torino DIREZIONE: Guido Peano (Stazione Scientifica di Bossea CAI Cuneo) Bartolomeo Vigna (Dipartimento DIATI del Politecnico di Torino) SETTORI OPERATIVI BIOSPELEOLOGIA: Enrico Lana (Stazione Scientifica di Bossea CAI Cuneo AGSP) ELABORAZIONI INFORMATICHE: Ezechiele Villavecchia e Rosarita Gili (Stazione Scientifica di Bossea) GEOCHIMICA ED IDROCHIMICA: Adriano Fiorucci (Dipartimento DIATI del Politecnico di Torino) IDROGEOLOGIA CARSICA: B.Vigna Davide Cassini (Cai Bordighera) G. Peano E. Villavecchia METEOROLOGIA IPOGEA: Guido Peano Ezechiele Villavecchia RADIOATTIVITA NATURALE: G.Peano D.Cassini E.Lana Alessandro Pastorelli E. Villavecchia RILEVAMENTI TOPOGRAFICI: Renato Sella* (Gruppo Speleologico Biellese CAI) - Enrico Lana INSTALLAZIONI DI BASE: Renzo Camerini (Staz. Scient. di Bossea) Michelangelo Bruno* (Protezione Civile di Savigliano) Giovanni Racca* (CAI Bra) STRUMENTAZIONE ELETTRONICA E INSTALLAZIONI INFORMATICHE: Gianfranco Buscatti*, Tiziano Buscatti* e Massimo Castano* (IMAS s.r.l.) ELETTROTECNICA: Mauro Peirone* (Protezione Civile di Savigliano) Michelangelo Bruno* IDRAULICA: Alessandro Pastorelli ( Gruppo Speleologico CAI Sanremo) Guido Peano ( * Collaboratori esterni )

IL LABORATORIO CARSOLOGICO SOTTERRANEO DI BOSSEA

IL LABORATORIO CARSOLOGICO SOTTERRANEO DI BOSSEA 1 Atti del Convegno Nazionale La ricerca carsologica in Italia 22-23 giugno 2013, Laboratorio carsologico sotterraneo di Bosse III IL LABORATORIO CARSOLOGICO SOTTERRANEO DI BOSSEA Il Laboratorio Carsologico

Dettagli

ALIRHYS. Val Maira 17-18 ottobre 2014 San Damiano Macra Acceglio (CN)

ALIRHYS. Val Maira 17-18 ottobre 2014 San Damiano Macra Acceglio (CN) ALIRHYS Banzato C. 1, Bianco F. 1, Fiorucci A. 1, Governa M. 2, Marchionatti F. 1, Menegatti S. 1, Moitre B., Petricig M. 2, Vigna B. 1 1- DIATI Dipartimento di Ingegneria dell Ambiente, del Territorio

Dettagli

BO JEA MMTITITI L'AMBIENTE CARSICO E L'UOMO

BO JEA MMTITITI L'AMBIENTE CARSICO E L'UOMO BO JEA MMTITITI CONVEGNO NAZIONALE L'AMBIENTE CARSICO E L'UOMO MANIFESTAZIONE CELEBRATIVA UFFICIALE DEL CAI PER IL "2003: ANNO INTERNAZIONALE DELL'ACQUA DOLCE" LABORATORIO DIDATTICO DEL COMITATO SCIENTIFICO

Dettagli

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6

ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A_ Dgr n. del pag. 1/6 SCHEMA DI ACCORDO Tra la PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE, l AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME

Dettagli

PROPOSTA PER LA FORMAZIONE SEZIONALE, REGIONALE E NAZIONALE IN AMBITO TAM E CSC

PROPOSTA PER LA FORMAZIONE SEZIONALE, REGIONALE E NAZIONALE IN AMBITO TAM E CSC PROPOSTA PER LA FORMAZIONE SEZIONALE, REGIONALE E NAZIONALE IN AMBITO TAM E CSC INDICE DEL DOCUMENTO Percorso formativo Sezionale TAM e CSC pag. 2 Base Culturale Comune pag. 2 Moduli tecnici pag. 3 Percorso

Dettagli

Stazione sperimentale ipogea di monitoraggio ambientale

Stazione sperimentale ipogea di monitoraggio ambientale PROGETTO SISMA Società Adriatica di Speleologia Trieste Relatore: Sergio Dambrosi Stazione sperimentale ipogea di monitoraggio ambientale Descrizione Procedure di finanziamento Obiettivi Programma operativo

Dettagli

Istituto Tecnico Superiore per l Aerospazio

Istituto Tecnico Superiore per l Aerospazio Istituto Tecnico Superiore per l Aerospazio Presentazione del nuovo corso di Istruzione Tecnica Superiore inserito nei percorsi di Alta Formazione previsti dal Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca.

Dettagli

CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE

CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE Aggiornato il 12 Marzo 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Quali competenze sono necessarie?...

Dettagli

Schematizzazione e modelli idrogeologici concettuali degli acquiferi carsici

Schematizzazione e modelli idrogeologici concettuali degli acquiferi carsici Schematizzazione e modelli idrogeologici concettuali degli acquiferi carsici Bartolomeo Vigna Dipartimento di Ingegneria dell Ambiente, del Territorio e delle Infrastrutture - Politecnico di Torino L utilità

Dettagli

Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès

Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès Politecnico di Torino Corsi di Laurea a Verrès formazione ricerca tecnologia innovazione DOVE SIAMO Valle d Aosta Verrès Verrès (Valle d Aosta - Italia) 391 m slm, 2.677 abitanti, 39 km da Aosta, 78 km

Dettagli

4. Elementi di valutazione della congruità e competenza delle risorse umane finalizzate alle attività di ricerca

4. Elementi di valutazione della congruità e competenza delle risorse umane finalizzate alle attività di ricerca 4. Elementi di valutazione della congruità e competenza delle risorse umane finalizzate alle attività di ricerca a. Analisi degli equilibri esistenti tra i diversi settori del personale, sulla base di

Dettagli

Cooperazione transfrontaliera INTERREG Italia / Francia

Cooperazione transfrontaliera INTERREG Italia / Francia Cooperazione transfrontaliera INTERREG Italia / Francia Contesto storico Il Programma ALCOTRA 2007-2013 Nell'ambito dell'obiettivo Cooperazione Territoriale 2007-2013 la Commissione europea ha approvato,

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA DINAMICA DEI LITORALI PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL

PROTOCOLLO DI INTESA PER IL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA DINAMICA DEI LITORALI PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL PROTOCOLLO D INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL CRSDL CENTRO REGIONALE PER LO STUDIO DELLA TRA PROVINCIA DI GROSSETO PROVINCIA DI LIVORNO PROVINCIA DI LUCCA PROVINCIA DI MASSA - CARRARA PROVINCIA DI PISA COMUNE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali. LAUREA MAGISTRALE IN Scienze e Tecnologie Geologiche

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali. LAUREA MAGISTRALE IN Scienze e Tecnologie Geologiche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali LAUREA MAGISTRALE IN Scienze e Tecnologie Geologiche REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008 DESCRIZIONE

Dettagli

PINO PACE VINCENZO MANGHISI 1. Il Museo Speleologico Franco Anelli a Castellana Grotte

PINO PACE VINCENZO MANGHISI 1. Il Museo Speleologico Franco Anelli a Castellana Grotte PINO PACE VINCENZO MANGHISI 1 Il Museo Speleologico Franco Anelli a Castellana Grotte Premessa Le Grotte di Castellana hanno finalmente il loro museo; dopo quasi cinquant anni, il 23 gennaio 2000 è stato

Dettagli

CONVENZIONE PER LA COLLABORAZIONE, IN FORMA NON ESCLUSIVA, IN ATTIVITA DI GESTIONE DEL PARCO DELLE OROBIE BERGAMASCHE. tra

CONVENZIONE PER LA COLLABORAZIONE, IN FORMA NON ESCLUSIVA, IN ATTIVITA DI GESTIONE DEL PARCO DELLE OROBIE BERGAMASCHE. tra CONVENZIONE PER LA COLLABORAZIONE, IN FORMA NON ESCLUSIVA, IN ATTIVITA DI GESTIONE DEL PARCO DELLE OROBIE BERGAMASCHE. tra il Consorzio di gestione del Parco regionale delle Orobie Bergamasche, di seguito

Dettagli

Pianificazione territoriale e sviluppo economico

Pianificazione territoriale e sviluppo economico LIFE AMBIENTE ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE L ENERGIA E L AMBIENTE Pianificazione territoriale e sviluppo economico PROVINCIA DI ROVIGO INIZIATIVE IMMOBILIARI INDUSTRIALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

Dettagli

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA

IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA GREEN ENERGY S.r.l. Vicolo del Divino Amore n 2/C, 00047 Marino (RM) IMPIANTO IDROELETTRICO ELVELLA SUD SUL TORRENTE ELVELLA Comune di Acquapendente (VT) DOMANDA DI CONCESSIONE DI DERIVAZIONE Ai sensi

Dettagli

Soccorso in sicurezza: la tutela della salute e della sicurezza dei volontari. della Protezione Civile

Soccorso in sicurezza: la tutela della salute e della sicurezza dei volontari. della Protezione Civile Soccorso in sicurezza: la tutela della salute e della sicurezza dei volontari della Protezione Civile di Paola Vitaletti (avvocato) Nel nostro Paese, da lungo tempo ormai, l intervento in emergenza è divenuto

Dettagli

SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE

SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE SISTEMA REGIONALE DI PRESIDIO TERRITORIALE IDROGEOLOGICO E IDRAULICO A SUPPORTO DELLA PIANIFICAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE CAMPANIA E L ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI

Dettagli

Il bacino urbano sperimentale di Cascina Scala (Pavia)

Il bacino urbano sperimentale di Cascina Scala (Pavia) Il bacino urbano sperimentale di Cascina Scala (Pavia) Piogge, portate e qualità dei deflussi in fognatura nel periodo 1987-2006 Sergio Papiri Professore Associato di Costruzioni Idrauliche Dipartimento

Dettagli

8. ORGANIZZAZIONE, PERSONALE E GESTIONE FINANZIARIA

8. ORGANIZZAZIONE, PERSONALE E GESTIONE FINANZIARIA 8. ORGANIZZAZIONE, PERSONALE E GESTIONE FINANZIARIA FUNZIONAMENTO E ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI 213 Le norme che disciplinano l organizzazione interna sono state adottate in base all autonomia che la legge

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Ottone Bacaredda Sergio Atzeni. Via Grandi - 09131 - Cagliari - - 070/494354 - Fax 070/403289

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Ottone Bacaredda Sergio Atzeni. Via Grandi - 09131 - Cagliari - - 070/494354 - Fax 070/403289 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Ottone Bacaredda Sergio Atzeni Via Grandi - 09131 - Cagliari - - 070/494354 - Fax 070/403289 Sede associata di Selargius Via Bixio - - 070/840039 Sede associata di Capoterra

Dettagli

METEOROLOGA METEOROLOGO

METEOROLOGA METEOROLOGO Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 METEOROLOGA METEOROLOGO Aggiornato il 9 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4

Dettagli

1.1 I corsi di laurea

1.1 I corsi di laurea 1. Didattica 1.1 I corsi di laurea All offerta formativa per l a.a. 2013/2014, in preparazione agli inizi del 2013, viene applicato il D.M. 47 del 30 gennaio 2013 Autovalutazione, accreditamento iniziale

Dettagli

Utilizzo delle risorse idriche sotterranee nella provincia di Treviso

Utilizzo delle risorse idriche sotterranee nella provincia di Treviso Consiglio Nazionale dei Geologi Fino all ultima goccia Forum Nazionale sull Acqua 18 19 ottobre 2011 Utilizzo delle risorse idriche sotterranee nella provincia di Treviso Metodologie di protezione dei

Dettagli

GRUPPO ROCCIA SU DRET

GRUPPO ROCCIA SU DRET GRUPPO ROCCIA SU DRET C H I S I A M O Il gruppo roccia Su Dret fa attività da oltre una decina d anni e conta ad oggi una cinquantina di associati. L attività del gruppo è rivolta a chi arrampica in montagna,

Dettagli

Liceo Scientifico. Diploma di Liceo Scientifico Opzione Scienze applicate

Liceo Scientifico. Diploma di Liceo Scientifico Opzione Scienze applicate Liceo Scientifico Sezione A. Maserati Diploma di Liceo Scientifico Opzione Scienze applicate Cos è il Liceo Scientifico delle Scienze Applicate La recente riforma della scuola secondaria ha ripreso la

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza

Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza CORSO SERALE Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Rossi - Vicenza Sede e orario segreteria Sede: ITIS ROSSI Via Legione Gallieno 6100 Vicenza Orario segreteria: tutti i giorni dalle 10 alle

Dettagli

DECIMA EDIZIONE. 25 settembre 2015. Alessandria - Asti - Biella Cuneo - Torino - Verbania

DECIMA EDIZIONE. 25 settembre 2015. Alessandria - Asti - Biella Cuneo - Torino - Verbania DECIMA EDIZIONE 25 settembre 2015 Alessandria - Asti - Biella Cuneo - Torino - Verbania L evento DECIMA EDIZIONE La Notte dei Ricercatori è un iniziativa promossa e co-finanziata dalla Commissione Europea,

Dettagli

In collaborazione tra Politecnico di Torino, Università degli Studi di Torino e l Accademia delle Scienze

In collaborazione tra Politecnico di Torino, Università degli Studi di Torino e l Accademia delle Scienze BANDO ALFACLASS per la partecipazione ad una Summer School per l approfondimento della Matematica per il conferimento di borse di studio ai migliori partecipanti alla stessa Summer School In collaborazione

Dettagli

Crisi idrica 2015 Relazione sugli effetti degli interventi effettuati per contrastare la crisi idrica nel bacino del Po

Crisi idrica 2015 Relazione sugli effetti degli interventi effettuati per contrastare la crisi idrica nel bacino del Po Crisi idrica 2015 Relazione sugli effetti degli interventi effettuati per contrastare la crisi idrica nel bacino del Po ex art. 4 c. 2 Deliberazione di Comitato Istituzionale n. 2/2015 del 5 agosto 2015

Dettagli

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO

Azione per il progetto strategico del sistema naturale dei SICANI ALLEGATO TECNICO REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO TERRITORIO ED AMBIENTE Dipartimento Territorio e Ambiente SERVIZIO 6 Protezione Patrimonio Naturale Via Ugo La Malfa, 169 90146 Palermo Fondo Europeo di

Dettagli

Art. 1 (Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri )

Art. 1 (Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri ) Legge regionale 21 aprile 2008, n. 9 Istituzione del Parco Marino Regionale Riviera dei Cedri. (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario n. 2 del 29 aprile 2008) Art. 1 (Istituzione del Parco

Dettagli

3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE

3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE 3.2 LICEO SCIENTIFICO DELLE SCIENZE APPLICATE Il Liceo Scientifico delle Scienze Applicate è un articolazione del Liceo Scientifico. Oltre agli obiettivi propri del Liceo Scientifico tradizionale, il Liceo

Dettagli

ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO TECNOLGICO LEONARDO DA VINCI FOLIGNO RIORDINO DEGLI ISTITUTI TECNICI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA

ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO TECNOLGICO LEONARDO DA VINCI FOLIGNO RIORDINO DEGLI ISTITUTI TECNICI MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO TECNOLGICO LEONARDO DA VINCI FOLIGNO RIORDINO DEGLI ISTITUTI TECNICI PREVISTO DALLA RIFORMA DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE ANNO SCOLASTICO 2010 2011 MECCANICA, MECCATRONICA

Dettagli

Campus scientifico e didattico del biomedicale Tecnologie della vita. Organi di indirizzo e gestione Piano annuale 2013-14

Campus scientifico e didattico del biomedicale Tecnologie della vita. Organi di indirizzo e gestione Piano annuale 2013-14 Campus scientifico e didattico del biomedicale Tecnologie della vita Organi di indirizzo e gestione Piano annuale 2013-14 1 Premessa Il progetto di campus biomedicale è finalizzato ad apprendere competenze

Dettagli

LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE

LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE TERRACQUAMBIENTE LA NOSTRA STORIA DI SINERGIA CON TERRA, ACQUA E AMBIENTE Fondata nel 1992, Sinergeo è una struttura indipendente con sede a Vicenza. Essa riunisce figure professionali altamente qualificate,

Dettagli

Presentazione della relazione finale progetto A.G.I.R.E. POR

Presentazione della relazione finale progetto A.G.I.R.E. POR Presentazione della relazione finale progetto A.G.I.R.E. POR Convenzione n. 1 del 19/10/2005 PROGETTO A.G.I.R.E. POR Gemellaggio tra: Offerenti: ARPA Emilia Romagna ed ARPA Piemonte Beneficiaria: ARPA

Dettagli

GLI INDIRIZZI DELL ISTRUZIONE PROFESSIONALE

GLI INDIRIZZI DELL ISTRUZIONE PROFESSIONALE GLI INDIRIZZI DELL ISTRUZIONE PROFESSIONALE Il secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione è costituito dai percorsi quinquennali dell istruzione secondaria superiore (licei, istituti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE SEGONI, BUSTO, DAGA, DE ROSA, MANNINO, TERZONI, TOFALO, ZOLEZZI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE SEGONI, BUSTO, DAGA, DE ROSA, MANNINO, TERZONI, TOFALO, ZOLEZZI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1233 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI SEGONI, BUSTO, DAGA, DE ROSA, MANNINO, TERZONI, TOFALO, ZOLEZZI Disposizioni concernenti

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

Nucleo di Valutazione - Relazione Annuale 1999

Nucleo di Valutazione - Relazione Annuale 1999 1. GESTIONE STRATEGICA 1.1. Il Fondo di Finanziamento Ordinario L'art. 5 della legge 537/93 prevede che nel fondo per il finanziamento ordinario delle università siano comprese:! una quota base, da ripartirsi

Dettagli

LA RETE DI MONITORAGGIO DELLE RISORSE IDRICHE SOTTERRANEE PUGLIESI

LA RETE DI MONITORAGGIO DELLE RISORSE IDRICHE SOTTERRANEE PUGLIESI GEOLOGI e TERRITORIO Periodico dell Ordine dei Geologi della Puglia - Supplemento al n. 1/2004 89 LA RETE DI MONITORAGGIO DELLE RISORSE IDRICHE SOTTERRANEE PUGLIESI Contenuti di un ipotetico Progetto Tiziano

Dettagli

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE

EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE EVOLUZIONE STORICA E PROSPETTIVE DEL RETICOLO DI DRENAGGIO DELLA CITTÀ DI MILANO GESTIONE SOSTENIBILE DELLE ACQUE METEORICHE URBANE Maurizio Brown Si sviluppa a partire dalla seconda metà del XIX secolo

Dettagli

CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO ECONOMICO

CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO ECONOMICO CITTA DI TORINO DIVISIONE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE E SVILUPPO ECONOMICO SETTORE FONDI STRUTTURALI E SVILUPPO ECONOMICO PROGRAMMA ACCEDO PROGETTO FACILITO DINA AVVISO PUBBLICO PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI

SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI MISURE DI RIDUZIONE DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO SCENARIO ESPLORATIVO DOMENICHE A PIEDI Elementi di sintesi ARPA PIEMONTE DIPARTIMENTO TEMATICO SISTEMI PREVISIONALI - Struttura Semplice Qualità dell Aria

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE

LA GIUNTA PROVINCIALE LA GIUNTA PROVINCIALE PREMESSO: - che la Regione Piemonte, in base a quanto previsto all'art. 77 della Legge Regionale 26 aprile 2000, n. 44, modificata ed integrata dalla Legge Regionale 15 marzo 2001,

Dettagli

CONVENZIONE. tra l Università telematica delle Scienze Umane NICCOLO CUSANO e il Comune di Roma

CONVENZIONE. tra l Università telematica delle Scienze Umane NICCOLO CUSANO e il Comune di Roma CONVENZIONE tra l Università telematica delle Scienze Umane NICCOLO CUSANO e il Comune di Roma L UNIVERSITÀ DELLE SCIENZE UMANE UNISU NICCOLO CUSANO, (P. IVA 09073721004), istituita con decreto del Ministero

Dettagli

il Piano di Tutela delle Acque

il Piano di Tutela delle Acque Direzione centrale ambiente, energia e politiche per la montagna servizio idraulica Gestione delle acque sotterrane e superficiali in Friuli Venezia Giulia il Piano di Tutela delle Acque ing. D. Iervolino

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010 DIRETTIVE PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE, GEOTECNICHE E SISMICHE AI SENSI DELLE NTC, D.M. 14.01.2008, E DELLA NORMATIVA NAZIONALE E PROVINCIALE COLLEGATA DOCUMENTO DI SINTESI Trento, Bolzano,

Dettagli

BOZZA. PATTI PARASOCIALI(rev.24/10) Tra. Il Comune di.., con sede in.., in persona di, a questo atto

BOZZA. PATTI PARASOCIALI(rev.24/10) Tra. Il Comune di.., con sede in.., in persona di, a questo atto BOZZA PATTI PARASOCIALI(rev.24/10) Tra. (di seguito definite congiuntamente come Parti e, singolarmente, come Parte ) Premesso che A) FARCOM Srl., con sede in (di seguito la Società ), è interamente partecipata

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA. L Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio. Club Alpino Italiano Gruppo Regionale Lazio. in tema di Collaborazione formativa

PROTOCOLLO D INTESA TRA. L Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio. Club Alpino Italiano Gruppo Regionale Lazio. in tema di Collaborazione formativa PROTOCOLLO D INTESA TRA L Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio e Club Alpino Italiano in tema di Collaborazione formativa L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO, di seguito denominato USR Lazio,

Dettagli

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici

1. Osservazioni della Regione applicabili agli elaborati idraulici Ing. Giovanni Carena - Progettazioni idrauliche Via Casa Scopelli, 4/A 15050 Carbonara Scrivia (AL) Tel: 0131 892 955 Cell: 335 6070937 E-mail: giovanni_carena@alice.it Carbonara Scrivia, 3 marzo 2011

Dettagli

A STIPULARSI TRA. il MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA (di seguito MIUR ), rappresentato dal Capo Dipartimento, Marco MANCINI,

A STIPULARSI TRA. il MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA (di seguito MIUR ), rappresentato dal Capo Dipartimento, Marco MANCINI, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ACCORDO ATTUATIVO dell Accordo di collaborazione per la valorizzazione e l integrazione

Dettagli

APPLICAZIONI GEODETICHE ALLO STUDIO DELL IDROGEOLOGIA DEL CANSIGLIO

APPLICAZIONI GEODETICHE ALLO STUDIO DELL IDROGEOLOGIA DEL CANSIGLIO APPLICAZIONI GEODETICHE ALLO STUDIO DELL IDROGEOLOGIA DEL CANSIGLIO B. GRILLO 1, C. BRAITENBERG 1, R. DEVOTI 2, D. ZULIANI 3, P. FABRIS 3, I. NAGY 1 1 Dipartimento di Geoscienze - Università degli Studi

Dettagli

INFORMAZIONI ESPERIENZA. Nome ITALO PORCILE Indirizzo E-mail assambiente@comune.genova.it Tel. 010/5573184-73526-77607

INFORMAZIONI ESPERIENZA. Nome ITALO PORCILE Indirizzo E-mail assambiente@comune.genova.it Tel. 010/5573184-73526-77607 C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ITALO PORCILE Indirizzo E-mail assambiente@comune.genova.it Tel. 010/5573184-73526-77607 Nazionalità Italiana Luogo e data di nascita GENOVA, 25.04.1972

Dettagli

Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA

Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA ORDINE DEI GEOLOGI DEL VENETO Venezi a Mestre, 01 febbraio 2014 Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA Valentina Bassan

Dettagli

ART. 1 COMPOSIZIONE E ARTICOLAZIONE DEL CATASTO SPELEOLOGICO REGIONALE

ART. 1 COMPOSIZIONE E ARTICOLAZIONE DEL CATASTO SPELEOLOGICO REGIONALE Allegato alla Delib.G.R. n. 44/19 del 29.9.2009 Direttiva per il funzionamento, aggiornamento e accesso al Catasto Speleologico Regionale in attuazione dell art. 9, comma 8, della L.R. n. 4/2007 recante

Dettagli

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che:

A relazione dell'assessore Giordano: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU26 28/06/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 11 giugno 2012, n. 18-3996 Approvazione dello schema di Protocollo d'intesa tra la Citta' di Torino, la Fondazione Torino Smart City,

Dettagli

CAPITOLO 2. L Istituto Tecnico ad indirizzo Economico Giovanni Calò

CAPITOLO 2. L Istituto Tecnico ad indirizzo Economico Giovanni Calò CAPITOLO 2 L Istituto Tecnico ad indirizzo Economico Giovanni Calò Indirizzo : Amministrazione, Finanza e Marketing Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali Indirizzo: Relazioni Internazionali Indirizzo:

Dettagli

3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO

3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO 3.4 PROGRAMMA N.13 POLIZIA PROVINCIALE AMMINISTRATORE COMPETENTE: ASSESSORE FAUSTO CARRARA RESPONSABILE: ALBERTO CIGLIANO 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA Polizia Provinciale Il presidio e controllo del

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome FARINELLI, MARIA CHIARA Indirizzo istituzionale corso Brunet 19 A Telefono istituzionale 0171643360

Dettagli

PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI. Con la presente si comunica, nell intento che ne diveniate parte attiva, l avvio di un

PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI. Con la presente si comunica, nell intento che ne diveniate parte attiva, l avvio di un Milano, 23 ottobre 2014 Avvio di un percorso di ascolto attivo e di partecipazione della cittadinanza PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI Gentili, Con la presente si comunica, nell intento

Dettagli

Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino

Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino Antonella Pannocchia Arpa Piemonte La provincia di Torino nel contesto territoriale della pianura padana La provincia di Torino è

Dettagli

40 anni di esperienza in tecnologie ambientali

40 anni di esperienza in tecnologie ambientali LSI LASTEM s.r.l. 40 anni di esperienza in tecnologie ambientali Dal 1972 LSI LASTEM di Milano (Italia) sviluppa, produce e commercializza una gamma completa di sistemi per misure ambientali per il monitoraggio

Dettagli

PROGRAMMA DI AZIONE GESTIONE IDRAULICO-MORFOLOGICA DEL FIUME TREBBIA. BOZZA DI DISCUSSIONE Marzo 2016

PROGRAMMA DI AZIONE GESTIONE IDRAULICO-MORFOLOGICA DEL FIUME TREBBIA. BOZZA DI DISCUSSIONE Marzo 2016 VERSO IL CONTRATTO DI FIUME DEL TREBBIA PROGRAMMA DI AZIONE GESTIONE IDRAULICO-MORFOLOGICA DEL FIUME TREBBIA DI DISCUSSIONE Marzo 2016 Pagina 1 1 PREMESSA... 4 2 PROGRAMMA DI AZIONE PRIMA... 5 2.1 AZIONI

Dettagli

EMAS APO RAVENNA. Attestato EMAS all Ambito Produttivo Omogeneo costituito dall area chimica e industriale di Ravenna

EMAS APO RAVENNA. Attestato EMAS all Ambito Produttivo Omogeneo costituito dall area chimica e industriale di Ravenna EMAS APO RAVENNA Attestato EMAS all Ambito Produttivo Omogeneo costituito dall area chimica e industriale di Ravenna Luglio 2006 Attestato EMAS all Ambito Produttivo Omogeneo costituito dall area chimica

Dettagli

Profili professionali

Profili professionali FONDO EUROPEO DI SVILUPPO. Prot N. _143 Rep. n. 9 del 10 gennaio 2014 Procedura di selezione comparativa pubblica per titoli per l affidamento di n. 8 incarichi di collaborazione coordinata e continuativa

Dettagli

Aree protette della Lombardia

Aree protette della Lombardia 16. Aree protette della lombardia La Lombardia è stata la prima regione in Italia a dotarsi di un sistema organico di aree protette. Già nel 1973, con la legge regionale n.58, venivano dettate le prime

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA 3.4 - PROGRAMMA N. 08 ATTIVITÀ PRODUTTIVE, TURISMO, ATTIVITÀ GIOVANILI E POLITICHE MONTANE AMMINISTRATORE COMPETENTE: GIORGIO BONASSOLI RESPONSABILE: MARIAGRAZIA FRESCURA 3.4.1 - DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

CONVENZIONE REGIONE PIEMONTE CENTRO INTERUNIVERSITARIO I.R.I

CONVENZIONE REGIONE PIEMONTE CENTRO INTERUNIVERSITARIO I.R.I CONVENZIONE REGIONE PIEMONTE CENTRO INTERUNIVERSITARIO I.R.I.S DELL UNIVERSITA DI TORINO PER LO SVILUPPO DI INIZIATIVE DI CARATTERE FORMATIVO- EDUCATIVO SUI TEMI DELLA SOSTENIBILITA AMBIENTALE PREMESSO

Dettagli

Scuola di Scienze matematiche, fisiche e naturali DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA, DELL AMBIENTE E DELLA VITA (DISTAV)

Scuola di Scienze matematiche, fisiche e naturali DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA, DELL AMBIENTE E DELLA VITA (DISTAV) ALLEGATO A Scuola di Scienze matematiche, fisiche e naturali DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA TERRA, DELL AMBIENTE E DELLA VITA (DISTAV) 05/B2 Anatomia comparata e citologia BIO/06 Anatomia comparata e citologia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE CORSI DI STUDIO IN INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Civile e Meccanica Regolamento didattico dei corsi di laurea in L7 - Classe delle Lauree

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Approvato con Delibera del Commissario Straordinario n. 15 del 01/02/2002) Art. 1 Istituzione del Servizio E istituito

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI OGGETTO PRINCIPI E OBIETTIVI art. 1 Oggetto e principi art. 2 Obiettivi TITOLO II

Dettagli

I DIPARTIMENTI DISCIPLINARI

I DIPARTIMENTI DISCIPLINARI I DIPARTIMENTI DISCIPLINARI I Dipartimenti Disciplinari, costituiti dai docenti della stessa disciplina, rappresentano, in base alla legge sull autonomia scolastica, una suddivisione del Collegio dei docenti

Dettagli

La dotazione di risorse minime necessarie per l istituzione di nuove università non statali legalmente riconosciute

La dotazione di risorse minime necessarie per l istituzione di nuove università non statali legalmente riconosciute MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario La dotazione di risorse minime necessarie per l istituzione di nuove università

Dettagli

4. M I N I S T E R O D E G L I A F F A R I E S T E R I I S T I T U T O D I P L O M A T I C O M A R I O T O S C A N O

4. M I N I S T E R O D E G L I A F F A R I E S T E R I I S T I T U T O D I P L O M A T I C O M A R I O T O S C A N O SCHEDE DESCRITTIVE DELLE SCUOLE E DEGLI ORGANISMI FORMATIVI PER LA PA ALLEGATO I 4. M I N I S T E R O D E G L I A F F A R I E S T E R I I S T I T U T O D I P L O M A T I C O M A R I O T O S C A N O L Istituto

Dettagli

ITS. Tra il ITS. diploma e la laurea, Tra il un nuovo percorso formativo concretamente legato al mondo del lavoro ato al mondo

ITS. Tra il ITS. diploma e la laurea, Tra il un nuovo percorso formativo concretamente legato al mondo del lavoro ato al mondo ITS. Tra il diploma e la laurea, un nuovo percorso formativo concretamente legato al mondo del lavoro Novara, 27/05/2011 ITS : la risposta a tante richieste A livello nazionale industria e istituzioni

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA COMUNE DI CAGLIARI I.T.G. BACAREDDA CAGLIARI PROGETTO DI SPERIMENTAZIONE METODOLOGICO-DIDATTICA INERENTE LA REALIZZAZIONE DI UNA CLASSE DIGITALE Il Dirigente Scolastico

Dettagli

CURRICOLO TRIENNALE DI GEOGRAFIA

CURRICOLO TRIENNALE DI GEOGRAFIA CURRICOLO TRIENNALE DI GEOGRAFIA La geografia contribuisce a fornire gli strumenti per formare persone autonome e critiche, che siano in grado di assumere decisioni responsabili nella gestione del territorio

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Relazione illustrativa Relazione illustrativa Schema di DPCM ai sensi del comma 10-ter dell art.2 del Dl 95/2012 Riorganizzazione del MIBACT 1. Le ragioni della riforma 1.1. L attuazione delle misure di

Dettagli

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana.

Fig.1 Mappa freatimetrica a scala regionale dell acquifero non confinato dell alta pianura friulana. ACTION 2: Banca dati e implementazione del GIS, Definizione delle caratteristiche dei siti potenziali per l applicazione del metodo di RA degli acquiferi con particolare attenzione alla metodologia di

Dettagli

27/28 MAGGIO 2015 PIEMONTE TORINO INCONTRA CENTRO CONGRESSI QUALITY WORKSHOP. Ricerca e sviluppo per la qualità delle Costruzioni

27/28 MAGGIO 2015 PIEMONTE TORINO INCONTRA CENTRO CONGRESSI QUALITY WORKSHOP. Ricerca e sviluppo per la qualità delle Costruzioni MAGGIO TORINO INCONTRA CENTRO CONGRESSI QUALITY Ricerca e sviluppo per la qualità delle Costruzioni WORKSHOP Con il Patrocinio di Media Partner WORKSHOP QUALITY Ricerca e sviluppo per la qualità delle

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA 2011-2012 NELL AMBITO DEL PROTOCOLLO D INTESA FRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA 2011-2012 NELL AMBITO DEL PROTOCOLLO D INTESA FRA PROGRAMMA DI ATTIVITA 2011-2012 NELL AMBITO DEL PROTOCOLLO D INTESA FRA L ENTE DI GESTIONE DEL PARCO FLUVIALE DEL PO TRATTO TORINESE, L ENTE DI GESTIONE DEL PARCO NATURALE DELLA COLLINA TORINESE a cui

Dettagli

The Environmental Technologies Eve

The Environmental Technologies Eve The Environmental Technologies Eve Milano, 24-27 gennaio 2006 24-27 gennaio 2006 Aria di rinnovamento a TAU, che diventa INTERNATIONAL Da quest anno la mostra si presenta completamente rinnovata: nuova

Dettagli

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA Protocollo d Intesa per l attuazione del Contratto del Lago di Bolsena PREMESSO CHE la Direttiva 2000/60/CE del Parlamento

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale

SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale SCHEDA INTERVENTO n.10.3.1.4 - Promozione del Parco fluviale QUADRO CONOSCITIVO Breve descrizione dell intervento Il parco fluviale di Cuneo trova origine in una proposta avanzata dai cittadini nel lontano

Dettagli

Proposta di legge 26918" Relazione

Proposta di legge 26918 Relazione Proposta di legge 26918" Relazione Con il presente progetto di legge la Regione Calabria stabilisce I'istituzione del Parco marino regionale Riviera dei Cedri. La presente proposta di legge rieritra in

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Studio in. INGEGNERIA INFORMATICA Sede di Como. Corso di Laurea (L)

Regolamento Didattico del Corso di Studio in. INGEGNERIA INFORMATICA Sede di Como. Corso di Laurea (L) POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dell'informazione V Facoltà di Ingegneria ANNO ACCADEMICO 2003/2004 Regolamento Didattico del Corso di Studio in INGEGNERIA INFORMATICA Sede di Como Corso di

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI " G. G A L I L E I " http://www.itcgalilei.it/ e-mail: avigalam@tin.it

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI  G. G A L I L E I  http://www.itcgalilei.it/ e-mail: avigalam@tin.it ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI " G. G A L I L E I " Via G.B. Nicol, 35-10051 AVIGLIANA (TO) - TEL. 011-9328042 - FAX 0119320988 http://www.itcgalilei.it/ e-mail: avigalam@tin.it Relazione

Dettagli

La Grotta dei Cervi di Porto Badisco in 3D: stato dell arte

La Grotta dei Cervi di Porto Badisco in 3D: stato dell arte LA GROTTA DEI CERVI DI PORTO BADISCO IN 3D Una visita virtuale nel Castello di Otranto Otranto (LE), 25-26 novembre 2010 La Grotta dei Cervi di Porto Badisco in 3D: stato dell arte Virginia Valzano (Direttore

Dettagli

Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno

Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno Emergenza idrica 2005 D.G. Agricoltura - Situazione aggiornata a seguito della riunione del 24 giugno Scenario di riferimento Il sistema irriguo della pianura lombarda è costituito da un sistema idraulico

Dettagli