L edilizia abitativa tardoantica e altomedievale. nell' Italia nord - occidentale. Status quaestionis

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L edilizia abitativa tardoantica e altomedievale. nell' Italia nord - occidentale. Status quaestionis"

Transcript

1 Gisella Cantino Wataghin 89 L' edilizia abitativa tardoantica e altomedievale nell' Italia nord - occidentale. Status quaestionis L edilizia abitativa tardoantica e altomedievale nell Italia nord-occidentale è una realtà che ancora oggi è oltremodo difficile definire: se da un lato, infatti, scarso aiuto viene dalle fonti s c r i t t e 1 dall altro i dati archeologici disponibili sono relativamente modesti, ed offrono indicazioni per lo più troppo frammentarie per consentire un analisi puntuale del fenomeno. Le informazioni più articolate sono frutto degli scavi stratigrafici condotti a partire dagli anni Settanta in numerosi punti dell area urbana di Aosta, nell ambito di un programma di ricerche sistematiche sulla città antica ed il suo territorio impostato ed attuato dalla Soprintendenza ai Beni Culturali della Regione. L attenzione portata in corso di scavo ai contesti postclassici fin dagli interventi del precoce esempio di moderna archeologia urbana in Italia - ed ancor più in quelli successivi, non hanno tuttavia trovato riscontro in pubblicazioni particolareggiate dei risultati, affidati per ora ad alcune sintesi, peraltro apprezzabili, sulle vicende urbane della città e sulla sua stratificazione archeologica 2. Nuclei abitativi tardoantichi ed altomedievali sono stati individuati nell ambito di alcune i n - s u l a e a sud del decumano principale e più recentemente nel settore sud-orientale della platea forense. Nel settore meridionale della città due isolati ad ovest del cardine massimo (i n s u l a e ) 3 risultano occupati dal periodo della fondazione della città da abitazioni a carattere popolare - coerente a quello di un isolato contiguo, scavato in anni precedenti 4 - che nel corso dell età imperiale subiscono numerosi rifacimenti, che comportano anche la verosimile destinazione di parte dei vani ad uso commerciale. Gli edifici sembrano in uso fino al IV-V sec.; sul livello del loro crollo, evidenziato nell i n s u l a 52 e datato alla fine del IV-prima metà del V sec., si inseriscono strutture a secco attribuite al V-VI sec., dalle quali, data l esiguità dei ritrovamenti, non è possibile risalire ad uno schema planimetrico organico né alla destinazione funzionale dell edificio cui appartengono. Non è chiaro d altronde in che rapporto si pongano queste murature con le strutture precedenti: se cioè la distruzione di queste ne comporti abbandono ed obliterazione totali, oppure ne ammetta un recupero parziale, limitato al caso a qualche allineamento. È tuttavia da notare la difformità dell orientamento di parte delle murature altomedievali rispetto all impianto precedente 5 nonché la loro sovrapposizione al cardine, che ne risulta occluso. 1 Ci riferiamo ovviamente a fonti specifiche per l area in esame, che, per il periodo che qui interessa, sono molto ridotte di numero, a differenza da quanto avviene per altre zone, e poco significative ai fini del problema in oggetto. Nei principali archivi della regione, pubblicati da tempo a cura della Società Storica Subalpina nei volumi della sua Biblioteca, le carte dell VIII sec. sono eccezionali, ed ancora rare quelle del IX. In esse si trovano occasionali menzioni di casae, ca - sae massaritiae, con il significato generico di struttura abitativa, che il contenuto dei documenti conservati riferisce all ambito rurale. È d altronde tratto comune ai documenti altomedievali che solo con il X sec. diventino più frequenti i riferimenti più particolareggiati agli edifici: il problema è in corso di studio da parte di A. Sereni, nell ambito di una tesi di dottorato di ricerca in Archeologia e antichità post-classiche (Università di Roma La Sapienza ), sul tema L edilizia abitativa privata nelle città dell Italia tardoantica e altomedievale. Ad una prima analisi, non sembrano più promettenti le scarse fonti ecclesiastiche e quelle agiografiche, per le quali sussiste comunque il problema della datazione, sottoposta solo in rari casi ad aggiornate revisioni critiche. 2 MOLLO MEZZENA 1982; 1987; 1992; MOLLO MEZZENA, BALISTA, PEYROT 1988; cfr. anche CAVALLARO MOLLO MEZZENA 1982, p. 249 ss. e fig. 36; una prima notizia in MOLLO BAROCELLI 1948, p. 81 ss.; FINOCCHI 1959, p. 109 ss.: è l isolato n. 59, occupato da strutture commerciali, dove peraltro al momento dello scavo non sono state messe in evidenza le fasi tarde. 5 Il testo della pubblicazione (cfr. nota 3), non è esplicito quanto all eventuale articolazione delle strutture alto-medievali in momenti successivi, come parrebbe suggerire la pianta (MOLLO , fig. 3, b).

2 90 EDILIZIA RESIDENZIALE TRA V E VIII SECOLO Il contesto tardoantico e altomedievale appare più complesso nell i n s u l a isolato prospiciente l area forense, all incrocio di cardine e decumano massimi, occupato nella prima età imperiale da una domus a peristilio, in parte modificata nell inoltrato II sec. Nel IV sec. l edificio subisce una radicale trasformazione, che senza mutarne la destinazione d uso, né variare gli allineamenti esistenti, comporta una ridistribuzione degli spazi ed in particolare l occupazione dell area del peristilio da parte di alcuni vani. In un momento successivo, genericamente indicato come altomedievale, si innestano nello stesso settore centrale dell isolato una serie di cellule abitative, che sembrano in parte sfruttare le murature precedenti, senza tuttavia che questo determini il rispetto dei loro allineamenti. Dalla pianta pubblicata 7 si desume trattarsi di vani di modeste dimensioni, organizzati in termini che appaiono più complessi di quelli di una semplice giustapposizione, ma che sarebbe imprudente voler definire, in mancanza di un testo esplicativo della planimetria. Rimangono indefiniti anche i caratteri della muratura; si ha invece notizia del riconoscimento, nel corso di una seconda fase di scavo, di un pavimento ligneo, con cui viene rialzato in questa fase il livello d uso di un vano, che non è però localizzato 8. Maggiori particolari sono noti per il settore sud-orientale della platea forense 9, dove è stato accertato che all abbandono ed al crollo del porticato e delle taberne - sopravvenuto verosimilmente nel corso del V sec, e contestuale all asportazione degli elementi architettonici e pavimentali - ha fatto seguito (VI sec.?: fase III C) una ridestinazione degli spazi di almeno alcune delle taberne ad uso abitativo, con il parziale reimpiego dei resti murari romani integrati da strutture lignee e palificazioni a sostegno delle coperture 10. In un momento successivo (fase III B: ) si affianca una costruzione definita da pareti lignee su muretti a secco, per la quale si è ugualmente supposta una funzione abitativa: i connotati più significativi sono il suo essere seminterrata, il fatto che occupi una sede stradale, il suo orientamento divergente rispetto a quello delle unità contigue. Rimane peraltro da precisare se queste ultime vengano abbandonate ed obliterate, oppure se il loro uso persista in questo periodo - compreso tra la fine del VI ed il IX sec. - e se dunque la nuova cellula ne rappresenti in qualche misura un complemento. In Piemonte le ricerche di archeologia urbana sono un fatto più recente, risalendo i primi episodi significativi solo agli inizi degli anni Ottant a 1 1 ; da allora i cantieri si sono moltiplicati, interessando in misura diversa tutti i principali centri della regione 1 2, con risultati peraltro che ai fini del problema dell edilizia abitativa altomedievale sono solo raramente di qualche rilievo. Almeno in parte ciò è dovuto al fatto che di queste indagini non sono in genere disponibili se non notizie preliminari, quando non siano completamente inedite, cosa che non può stupire, trattandosi di lavori spesso recentissimi se non addirittura in corso. È questo il caso, fra gli altri, di alcuni interventi di non piccola estensione nel centro storico di Torino, in aree destinate in età romana ad uso residenziale. Nel , in prossimità della porta nord-orientale della città romana (Porta Palatina), sovrapposto alla distruzione e all abbandono di un edificio residenziale romano è stato individuato un livello di occupazione tardoantica, testimoniato da due edifici a pianta rettangolare delimitati da murature a secco in ciottoli di grandi dimensioni, con palificazioni interne a sostegno della copertura e piano di calpestio costituito in un caso da un battuto di argilla, nell altro forse da un assito 1 4. Sembra possibile che, come ad Aosta, la muratura in ciottoli privi di legante fosse la base di un elevato ligneo: ma a questo riguardo è necessario attendere la pubblicazione dettagliata dello scavo. 6 MOLLO MEZZENA 1982, p. 255 e fig Ibid., fig. 42 a p MOLLO MEZZENA 1988, p. 93. Interventi simili, non meglio precisati, sono segnalati anche nelle i n s u l a e 32 e 22: MOLLO MEZZENA 1992, p MOLLO MEZZENA Anche nell area forense si registrano già nel IV sec. interventi di un certo rilievo, che, come nelle i n s u l a esopra ricordate, modificano la distribuzione degli spazi e quindi le modalità del loro uso, che rimane però pubblico (MOLLO MEZZENA 1992, p. 274); in questo quadro si inserisce la costruzione di un grande edificio, forse pubblico, a ridosso del lato orientale del foro, nel cui ambito viene allestita sullo scorcio del IV sec. la chiesa episcopale (BONNET, PERINETTI 1986). 11 FILIPPI 1982; per una sintesi dei problemi dell archeologia urbana nella regione cfr. FILIPPI, CORTELAZZO 1989 e FILIPPI 1991c; cfr. anche MERCANDO Diamo qui un indicazione riassuntiva dei contributi più significativi, rimandando per ulteriore bibliografia alle note successive: ZANDA, CROSETTO, PEJRANI 1986 (Asti); BRECCIAROLI TABORELLI 1987 (Ivrea); FINOCCHI (,a cura di ), 1987, (Libarna); FILIPPI, CORTELAZZO 1989 (Alba); PANTO 1991 (Chieri); BRECCIAROLI TABOREL- LI 1990, MORRA 1990, GALLESIO 1993 (Susa); FILIPPI 1991c (Torino); AA.VV (Industria); cfr. inoltre MER- CANDO Di scarso rilievo invece gli interventi nelle aree urbane di Novara, L i b a r n a e D e r t o n a: cfr. i n f r a n o t a FILIPPI, PEJRANI, SUBRIZIO Ibid., p. 292.

3 Gisella Cantino Wataghin 91 Elementi relativi al periodo tardoantico e altomedievale mancano invece in un altra insula della città, a ridosso questa del tratto nordorientale della cinta muraria, occupata anch essa in età romana da un edificio di abitazione e apparentemente abbandonata dopo il crollo di questo 15. Ugualmente negativi i diversi scavi condotti ad Asti 16, Acqui Terme 17, Ivrea 18, Industria 19 e la maggioranza di quelli, pur numerosi, di Alba 20 in questi centri il periodo tardoantico sembra aver lasciato solo tracce di frequentazione, non collegabili a strutture insediative. È emblematica la situazione messa in luce a Ivrea, nel settore orientale della città 2 1, dove sono state individuate strutture lignee probabilmente abitative, datate ad età medievale, più recenti quindi del periodo che qui interessa, nel contesto di magazzini romani; la fase altomedievale sembra testimoniata solo da interventi di spoliazione, che fanno seguito a qualche modifica dell impianto originario, intervenuta in età tardoromana, che non ne modifica la destinazione funzionale. Questo fatto non può non lasciare perplessi, dal momento che non mancano indizi che suggeriscono per quasi tutti questi centri una consistenza non del tutto trascurabile della realtà urbana: il primo e il più significativo è il costituirsi delle rispettive diocesi intorno alla metà del V sec. o nei decenni immediatamente successivi 22. Nel caso specifico di Asti poi, materiali architettonici testimoniano un attività significativa nell alto medioevo, coerente con il ruolo della città nelle vicende del tempo, quale emerge dalle fonti 23, né si può ignorare l entità dell opera di recupero di materiali edilizi romani, ampiamente documentata dagli scavi 2 4 ; è proprio in connessione con tali attività che si colloca l unica struttura altomedievale sinora individuata, un piccolo edificio a pali lignei situato all interno di un isolato romano 25. Solo Industria sembra effettivamente interessata da un precoce fenomeno di decadenza 2 6, anche se l abbandono nel V sec. dell area finitima all Iseo - l unica indagata in tempi recenti 27 - non implica automaticamente una vicenda analoga di tutto l impianto urbano; merita d altronde ricordare che la zona dell Iseo è comunque interessata tra IV e V sec. da trasformazioni, che vedono il sovrapporsi agli isolati romani distrutti di strutture in laterizi di reimpiego e ciottoli messi in opera a secco 28. Negli altri centri invece i materiali, specie ceramici, ritrovati negli strati tardoantichi, a giudicare almeno dalle indicazioni sommarie contenute nelle notizie preliminari pubblicate, paiono in netta contraddizione con un immagine di abbandono dei siti. È emblematico il caso di un contesto di Acqui Terme, dove nella fase di distruzione/abbandono di un edificio romano attivo fino al IV sec. un deposito nerastro ricco di carboni è caratterizzato da una consistente presenza di ceramica, che accanto 1 5 FILIPPI 1983 e 1991c, p. 14; cfr. anche i b i d., p. 25, per strutture tardoromane, a destinazione prevalentemente artigianale, rinvenute in area suburbana, mentre è del tutto inedito un altro scavo, condotto sempre dalla dott. Filippi in questi anni, in un contesto abitativo del centro storico della città (v. S. Agostino). 1 6 ZANDA, CROSETTO, PEJRANI 1986; ZANDA 1988a; ZANDA, GALLESIO 1988; ZANDA, CROSETTO 1991; CROSETTO 1993b; ZANDA, CROSETTO CROSETTO 1988 e 1988a; ZANDA, FILIPPI 1991; CRO- SETTO 1993 e 1993a; FILIPPI, CROSETTO BRECCIAROLI TABORELLI 1987, 1988 e 1988a. 1 9 CERESA MORI 1979; ZANDA 1982, 1983, 1984, 1986, 1988, 1990, 1991, 1992, 1992a e 1993; ZANDA, ALESSIO MANZONI 1985 e 1988; AA.VV. 1993; CRESCI MARRO- NE, MENNELLA, ZANDA FILIPPI 1988, 1989, 1991, 1991a, 1992 e 1993; FILIPPI, CORTELAZZO Mancano finora dati sui livelli tardoantichi di Susa, non individuati in alcuni recenti scavi in area urbana (BRECCIAROLI TABORELLI 1990; MORRA 1990; GALLESIO 1993; per un quadro di sintesi delle attuali conoscenze sulla città cfr. CANTINO WATAGHIN 1987 e MERCANDO 1993) così come di Novara (SCAFILE 1985 e 1987; UGLIETTI 1987; PEJRANI BARICCO 1987), D e r t o n a, centro peraltro di sicura importanza, come prova la documentazione epigrafica (MENNELLA 1990) e Libar - na. Quest ultimo centro, come Industria, è abbandonato nel passaggio dalla tarda antichità al medioevo; l assenza di informazioni sui suoi sviluppi dopo la media età imperiale (cfr. FINOCCHI (a cura di), 1987, appare però dovuta alle vicende delle indagini archeologiche (per le quali cfr. MO- NACO 1936 e FINOCCHI 1959) più che a fatti oggettivi: la continuità di vita della città in età tardoantica sembra provata da ritrovamenti monetali (FAVA 1987). Sono solo agli inizi le ricerche nel contesto di Pollentia, altro centro scomparso (FILIPPI 1991). 21 BRECCIAROLI, TABORELLI SAVIO 1898, passim; LANZONI 1927, passim; CASIRA- GHI 1979, p. 1 ss.; BOLGIANI 1982; PIETRI A questo proposito cfr. BORDONE 1980; i materiali più significativi sono costituiti da capitelli e rilievi di VII-VIII sec. reimpiegati nelle cripte di S. Anastasio e di S. Giovanni: cfr. VERZONE 1972; GABRIELLI 1977, pp. 33, 37; CRO- SETTO 1993, p Cfr. bibliografia cit. a nota 16, in particolare ZANDA, CROSETTO, PEJRANI CROSETTO 1993b, p Cfr. bibliografia cit. a nota Cfr. bibliografia a nota 19 e inoltre BARRA BAGNASCO, BONACA BOCCACCIO, MANINO 1967; una sintesi delle ricerche in ZANDA 1993, p. 32 ss. e un ipotesi di lettura dell impianto urbano ibid., p. 31 ss. 28 ZANDA 1984, 1988, 1988a e 1991.

4 92 EDILIZIA RESIDENZIALE TRA V E VIII SECOLO alla grezza vede, in proporzione non trascurabile, terra sigillata africana, invetriata e sigillata tarda di imitazione 29. È evidente che una eventuale destinazione a coltivo, quale è stata ipotizzata per quest area, precedentemente destinata ad uso abitativo, non solo non escluderebbe, ma al contrario presupporrebbe un occupazione delle aree viciniori, ancorché non individuata. Anche altri contesti presentano situazioni simili, che rimandano ad una fenomenologia ben conosciuta per le aree urbane nel passaggio dall antichità al medioevo 3 0. La peculiarità del quadro piemontese sembra essere, al caso, il precoce avvio del processo di trasformazione, che almeno in alcuni dei centri meridionali della regione si manifesta già con il IV sec; distruzioni ed abbandoni del III sec. non sono infatti seguiti da recuperi e ripristini, come si constata invece altrove in circostanze analoghe a partire dall età tetrarchica 3 1 ; ma ciò non significa necessariamente che la destrutturazione non si accompagni ad una ristrutturazione secondo forme nuove, che solo fattori contingenti non hanno finora consentito di cogliere. In particolare, i limiti e la dislocazione degli interventi, originati dalle esigenze degli sviluppi urbani contemporanei e non da uno specifico programma di ricerca, possono non aver consentito di localizzare le unità abitative in tessuti urbani che dobbiamo ragionevolmente ipotizzare a trama più larga di quelli romani ed eventualmente con aree di più consistente abbandono, che possono essere state casualmente privilegiate dagli scavi. Non sembra fuori luogo a questo proposito richiamare le sensibili differenze nella stratificazione di due aree molto prossime nel centro urbano di Aosta: quanto accertato nell i n s u l a 3 5 sopra ricordata ha scarsi riscontri con i risultati dei più recenti scavi nella cappella di S. Grato, situata nell isolato corrispondente a nord del decumano massimo 32 : qui infatti mancano livelli di occupazione intermedi fra la fase romana, testimoniata dai resti di un muro di fondazione parallelo al decumano, forse pertinente al limite meridionale dell area forense, e la cappella costruita nel XV sec. 33. La cautela, d altronde, è necessaria anche nei confronti dei contesti romani, in genere più omogenei: ad Acqui un sito contiguo all area termale di età romana si è rivelato del tutto privo di livelli di frequentazione di quel periodo 34. A questo proposito - e pur con tutte le riserve in ordine alla legittimità di deduzioni troppo stringenti - si può aggiungere che dal generale quadro negativo proposto dagli scavi di Alba si distaccano i risultati dell unico intervento finora condotto nel settore sud-occidentale della città, mentre gli altri si collocano piuttosto in quello s u d - o r i e n t a l e 3 5. L intervento in questione 3 6 h a interessato un area di 400 mq circa, prossima alla linea delle mura, dove è stata messa in luce parte di un isolato romano, occupato da un edificio residenziale organizzato intorno ad un peristilio e da ambienti, prospicienti la strada, a possibile destinazione commerciale. Dopo una fase di abbandono, prodottosi forse già nel III sec. 3 7, 29 ZANDA, FILIPPI 1991; FILIPPI Gli strati neri sono una presenza costante nei centri urbani piemontesi, ad eccezione di Vercelli (cfr. VASCHETTI 1983; BRECCIAROLI TABORELLI, PANTO, GALLO OR- SI 1984; BRECCIAROLI TABORELLI, PANTO 1984; SPA- GNOLO GARZOLI 1991; per una sintesi della bibliografia sull argomento cfr. CANTINO WATAGHIN 1992, p CANTINO WATAGHIN 1992, 1992a e in c.d.s. Sul problema del precoce degrado delle città del Piemonte meridionale, che si accompagna ad un tasso elevato di abbandoni nel corso dell alto medioevo, cfr. il sempre stimolante SCH- MIEDT 1974 e più recentemente LA ROCCA 1992 e FILIP- PI, ZANDA 1993, con ipotesi di lettura che andrebbero peraltro discusse più a fondo di quanto sia opportuno fare in questa sede. Ci limitiamo a ribadire come le situazioni di abbandono messe in luce negli scavi siano contraddette da altri dati; a quanto già rilevato nel testo, si può aggiungere il caso di Chieri, dove all apparente, precoce abbandono dei contesti abitati (ZANDA 1987; PANTO 1991 e 1991a; PAN- TO, ZANDA, CAMPARI 1991; ZANDA, PANTO, SCIAVO- LINO 1993; ZANDA, PANTO, FOZZATI, BERTONE 1993) fa riscontro una documentazione epigrafica tardoantica non trascurabile, per la quale cfr. CRESCI MARRONE 1984 e 1991 e MENNELLA, COCCOLUTO in c.d.s. Non è forse da escludere che questi strati ammettano anche letture diverse. 32 CAVALLARO, DE GATTIS, SERGI, VANNI DESIDERI 1992; CAVALLARO, DE GATTIS, SERGI CAVALLARO, DE GATTIS, SERGI, VANNI DESIDERI 1992 p. 188 ss. 34 CROSETTO FILIPPI, CORTELAZZO 1989, fig. 15 a p. 44. Gli interventi effettuati nell area del Duomo (nn. 7 e 9), dove è ipotizzata la cattedrale paleocristiana (CANTINO WATA- GHIN 1985, p. 100 ss. e 1989, p. 164 ss.) non sono significativi, poiché si è trattato di semplici accertamenti legati ad esigenze di cantieri in corso, cui non hanno fatto seguito campagne di scavi regolari (FILIPPI, CORTELAZZO 1989, p. 52 ss.). Nel contesto del Duomo in anni passati erano state messe in luce delle sepolture, attribuite al V-VI sec. (MACCARIO 1982): questa cronologia è però discutibile e non ha comunque implicazioni dirette sui modi di occupazione delle aree circostanti: al riguardo e sul problema generale delle sepolture urbane, cfr. LAMBERT Va d altro canto osservato che anche nel settore sud-orientale non sono del tutto assenti segni di occupazione altomedievale: ricordiamo l intervento al pozzo della casa romana individuata nell area del Teatro Sociale (FILIPPI, CORTELAZZO 1989, p. 46). 36 Ibid., p. 48.

5 Gisella Cantino Wataghin 93 in corrispondenza del peristilio si forma un nuovo nucleo abitativo; questo recupera il muro perimetrale del peristilio stesso, usandolo come base di una muratura ad ossatura lignea, dei cui elementi portanti rimangono gli alloggiamenti quadrangolari realizzati nel muro romano. La pianta del nuovo edificio non è definita, ed è del resto evidente che esso si sviluppa al di fuori dei limiti dello scavo; è però verosimile uno schema quadrangolare, più o meno coincidente con l area scoperta del peristilio della d o m u s, il cui lato evidenziato misura m 7,50. Questa struttura si colloca, in termini generali, in età altomedievale 3 8 ; il materiale ritrovato in associazione, costituito da ceramica grezza, depurata, sigillata tarda di imitazione e, in quantità minima, da invetriata e sigillata grigia decorata a stampigliatura (un frammento), oltre ad anforacei e ceramica romana residua, trova confronti con altri contesti di Alba e Acqui, per i quali ultimi è stata proposta una datazione al V sec Un nucleo abitativo altomedievale è stato messo in luce recentemente a Vercelli 4 0, in un area occupata in età romana da almeno due edifici contigui, di cui uno a carattere forse pubblico, che mostrano più fasi, tra il I sec. d.c. e l età tardoantica. All abbandono di queste strutture fa seguito una nuova occupazione, testimoniata da una serie di buche da palo che definiscono uno spazio rettangolare, entro cui si colloca, apparentemente contestuale, una fossa anch essa rettangolare, che sembra essere stata coperta da un assito ligneo. Nella notizia preliminare non sono precisate le dimensioni del vano, né il suo rapporto con i livelli di calpestio e le murature degli edifici precedenti, che, per quanto non riutilizzate per la definizione delle sue strutture perimetrali, non sembrano completamente obliterate. I termini cronologici sono molto ampi: l attribuzione ad epoca altomedievale si colloca infatti fra due estremi di riferimento costituiti dalle strutture romane da un lato, e dall altro da strutture e suoli di XV-XVI sec. 41. Bisogna evidentemente attendere la pubblicazione dello scavo per approfondirne la valutazione. Lo stesso vale per i ritrovamenti del c a s t r u m di Belmonte, dove gli scavi della Soprintendenza Archeologica del Piemonte stanno faticosamente recuperando il contesto insediativo, pressoché ignorato dai primi scavi, che hanno messo in luce il sito negli anni Le schede preliminari più recenti 4 3 segnalano strutture, in cui la delimitazione dei vani è affidata a muri con basamento in scapoli di pietra legati da malta povera e verosimile sviluppo in elevato in legno o strutture leggere; serie di buche da pali all interno di questi vani, a ridosso dei muri perimetrali, sembrano testimoniare l affermarsi dell uso di tecniche a struttura portante lignea, dapprima in associazione alla muratura - a somiglianza forse di quanto è segnalato a Torino e quindi autonoma, come indicano le varie buche relative a piani d uso successivi 4 5. Frammenti di tegole ritrovati in quantità rilevante e, sembra, su vasto raggio - in assenza di reimpieghi nella muratura, se non occasionali - attestano l adozione regolare della copertura laterizia, mentre i suoli sono normalmente in terra battuta, con l unica eccezione di un pavimento a lastre di pietra. I materiali ritrovati consentono di fissare l orizzonte cronologico dell insediamento tra V e VII s e c. 4 6 ; entro questo arco di tempo si collocano le fasi edilizie dell abitato, che accompagnano almeno tre ricostruzioni della cinta muraria, senza peraltro che se ne possano definire le scansioni, né proporre per ora un preciso collegamento con fatti storici, nonostante la presenza significativa di materiali longobardi di VII sec Una fase insediativa forse altomedievale - unico indicatore cronologico il terminus ante q u e m della fine del X sec. - caratterizzata da strutture lignee, associate a focolari con piano di cottura in pietra, è stata messa in luce recentemente anche nel sito del castello di Manzano, presso Cherasco (Cuneo) 4 8. Sono invece datate 37 FILIPPI 1992, p FILIPPI, CORTELAZZO FILIPPI 1992, p SPAGNOLO GARZOLI 1991; un precedente intervento in una zona centrale della città antica (p. Cavour) aveva messo in luce strati con una notevole quantità di ceramica tardoromana; non è significativo che non fossero state individuate strutture, data l estensione limitatissima dello scavo: VASCHETTI SPAGNOLO GARZOLI 1991, p CARDUCCI 1970 e ; ZAMBELLI PEJRANI BARICCO 1984, 1986 e 1991; PEJRANI BARIC- CO, GALLESIO 1988; PEJRANI BARICCO, PANTO L analogia dei due casi è da verificare, poiché per quanto riguarda Torino si dispone solo di una descrizione; sarebbe inoltre da controllare se a Belmonte le stratigrafie provino la contestualità d uso dei perimetrali in muratura e dei pali lignei interni, o se non ci si trovi di fronte ad un uso successivo, con esiti, per quanto riguarda le tracce messe in luce dallo scavo, simili a quelle di Vercelli (cfr. supra, nota 40). 45 PEJRANI BARICCO 1991, p. 203 e PEJRANI BARICCO, PANTO 1992, p PEJRANI BARICCO, PANTO 1992, p. 159 ss. 47 SCAFILE 1970, 1971, 1972 e 1978; VON HESSEN 1974; PEJRANI BARICCO MICHELETTO 1990, 1992, 1994; BEDINI, MICHELET- TO 1992; CERRATO, CORTELAZZO, MICHELETTO 1990.

6 94 EDILIZIA RESIDENZIALE TRA V E VIII SECOLO Fig. 1 - Aosta, insula 35: planimetria (da Mollo Mezzena 1982). Fig. 2 - Aosta, platea forense: planimetria generale (da Mollo Mezzena 1988).

7 Gisella Cantino Wataghin 95 Fig. 3 - Aosta, platea forense: planimetria della fase III B (da Mollo Mezzena 1988). Fig. 4 - Aosta, platea forense: planimetria della fase III C (da Mollo Mezzena 1988).

8 96 EDILIZIA RESIDENZIALE TRA V E VIII SECOLO Fig. 6 - Alba, via Gioberti, particolare: interventi altomedievali sulle strutture romane (da Filippi, Cortelazzo 1989). Fig. 5 - Alba, via Gioberti: planimetria (da Filippi, Cortelazzo 1989). Fig. 7 - Belmonte: vano abitativo (da Pejrani Baricco). Fig. 8 - Gattico: veduta generale dello scavo (da Spagnolo Garzoli 1988).

9 Gisella Cantino Wataghin 97 con buona approssimazione al V-VI sec. le unità abitative individuate in frazione S. Giorgio di Brignano Frascata (Val Curone, Alessandria) 49, riferite ad un insediamento agricolo succeduto nella tarda antichità ad una prima occupazione di età romana. I vani, di planimetria imprecisabile, sono definiti da perimetrali con zoccolo in ciottoli e sviluppo in elevato con struttura portante lignea tamponata con argilla e paglia e con copertura in tegole. Questo insieme di dati suggerisce alcune considerazioni. Entro l arco cronologico considerato sembra di poter cogliere due ordini di fenomeni distinti e sostanzialmente successivi. Il primo si colloca nel IV-V sec. ed è caratterizzato da trasformazioni e adattamenti degli edifici romani, che si inseriscono entro le linee planimetriche preesis t e n t i 5 0 ; non è chiaro se queste modifiche, che interessano l articolazione interna degli spazi, intervengano in maniera significativa anche sugli alzati e quindi sulla volumetria degli edifici; potrebbe essere un indizio in questo senso la qualità delle murature, poco curate e in genere di spessore ridotto, che può comportare una diversa organizzazione del sistema di copertura anche quando non vi siano vistose alterazioni a livello planimetrico. Purtroppo non si dispone in nessun caso di planimetrie organiche, che consentano di giudicare la funzione relativa delle singole murature: non è quindi possibile sviluppare l argomento, che è tuttavia fondamentale per valutare l incidenza di queste trasformazioni sul paesaggio urbano 51. All apparenza questi interventi non modificano l uso abitativo complessivo, ma indubbiamente essi incidono e in misura non trascurabile sulla destinazione funzionale e sui modi d uso dei singoli vani. Ciò implica dei mutamenti nello stile di vita: rimane da chiarire se questi siano legati di volta in volta a singole situazioni socio-economiche o non abbiano piuttosto una valenza più ampia, nel quadro di trasformazioni strutturali della società tardoantica. La vastità della fenomenologia, che non è solo piemontese 52, orienta a favore di questa seconda ipotesi. In un momento successivo (VI sec.?) intervengono modifiche più radicali, che investono la tecnica costruttiva, la formulazione degli spazi e la loro organizzazione, non senza incidere anche sull articolazione del tessuto urbano. Sul piano costruttivo, si rileva l adozione sistematica dell elemento ligneo in funzione portante; le formulazioni non sono sempre chiare, ma appaiono comunque diversificate, in particolare in ragione del suo impiego esclusivo o della sua associazione con parti strutturali in muratura e delle sue modalità. Ai casi di zoccolo in pietre, a secco oppure legate con malta povera o argilla, e sovrastante struttura in traliccio ligneo tamponato da argilla, tecnica di largo impiego in periodo romano 53, fa riscontro infatti l inserimento di pali portanti già nella base in muratura attestato ad Alba 5 4 ; qui si è operato un adattamento di strutture preesistenti, probabilmente degradate, almeno in parte, al momento del loro recupero; la soluzione corrisponde però puntualmente a quella adottata a S. Stefano Belbo, in una costruzione che appartiene al periodo più recente di occupazione del sito da parte di un insediamento fortificato di IV-VI sec. 55. Anche la soluzione adottata a Belmonte, di una struttura portante lignea collocata all interno di muri di chiusura in pietra, sembra frutto di una successione di interventi 5 6, mentre una integrazione apparentemente analoga è indicata a Torino come pertinente ad un unica fase edilizia 57. Pur nell ampia approssimazione di molte cronologie, sembra che l uso esclusivo del legno sia un fatto in genere più recente rispetto alle tecniche miste: la sequenza è chiara a Belmonte 58. Sugli organismi definiti da queste murature non si può dire molto; i vani individuati sono in genere di ridotte dimensioni e si presentano isolati o, nel solo caso dell i n s u l a 35 di Aosta, raggruppati per giustapposizione in nuclei di modesta entità; ciò implica una destinazione polifunzionale dei singoli vani, sulla quale non è però particolarmente illuminante l occasionale, e in certa misura scontata, individuazione di focolari. Si deve rilevare infine che gli interventi tar- 49 PANTO 1992: la cronologia è assicurata dai materiali ceramici e dalla loro associazione con una moneta della seconda metà del IV sec., ed è confermata da analisi al C A quelli già ricordati si possono aggiungere ancora gli interventi individuati a Caraglio, per i quali cfr. PELLEGRI- NO 1990 e MICHELETTO, MOLLI BOFFA CANTINO WATAGHIN 1992 e 1992a. 52 Cfr. bibliografia cit. alla nota precedente. 53 CANTINO WATAGHIN 1992a, p. 23 ss. 54 Cfr. supra e nota MICHELETTO 1992, figg. 3-4; non è invece chiaro il rapporto fra murature romane ed elementi lignei successivi nell adattamento tardo delle taberne dell area forense di Aosta (cfr. supra e nota 10). 56 PEJRANI BARICCO 1992, p FILIPPI 1993; da ricordare ancora la tecnica mista messa in opera in un contesto nei pressi di Caraglio, dove il trave ligneo è impiegato come orizzontale nello zoccolo di fondazione in muratura di un alzato forse in crudo (PELLE- GRINO 1990). 58 PEJRANI BARICCO 1992.

10 98 EDILIZIA RESIDENZIALE TRA V E VIII SECOLO doantichi comportano non di rado delle variazioni di allineamento più o meno sensibili rispetto agli impianti precedenti. Alle testimonianze dei contesti urbani 5 9 si affiancano quelle di alcuni siti rurali. A Gattico l ultima fase di utilizzo di un area occupata tra il II e il IV sec. da due edifici a verosimile destinazione rustica è costituita da una struttura che si sovrappone alle murature preesistenti, reimpiegandone i materiali di crollo, con un orientamento del tutto indipend e n t e 6 0. Lo stesso avviene a Lenta 6 1, anche qui in un momento posteriore al IV sec., ma anteriore alla costruzione della chiesa battesimale, attribuita al V-VI sec., perché le strutture in questione sono sigillate dallo stesso strato alluvionale che precede quest ultima 6 2. In termini diversi, la rottura degli schemi romani è palesata ad Alba dall occupazione per la costruzione medievale dell area scoperta del peristilio della d o - m u s romana, a preferenza delle parti già edificat e 6 3. Le ragioni di queste scelte non sono chiare, specie considerando che non è verosimile una totale obliterazione delle strutture romane, anche nel caso in cui siano state soggette a periodi di abbandono, che rimangono comunque da quantificare quanto a durata, e prima ancora, almeno in certi casi, da verificare. In termini diversi lo stesso problema di rapporto con il contesto preesistente si pone, indipendentemente dalla questione degli allineamenti, per l inserimento di strutture lignee entro edifici romani, come avviene a Vercelli 6 4 : non c è che da auspicare che la pubblicazione completa degli scavi e/o il loro proseguimento forniscano ulteriori dati all analisi. (Gisella Cantino Wataghin) 59 Cfr. in particolare Aosta: supra e note 5 e SPAGNOLO GARZOLI SARDO 1988 e 1988a. 62 GARERI CANIATI Cfr. supra e nota Cfr. supra e nota 40.

11 Gisella Cantino Wataghin 99 BIBLIOGRAFIA AA.VV. 1993, Studi su Industria, QuadAPiem, 11, pp AMed = Archeologia medievale. G. BANTERLA 1987, Il vasellame ceramico da mensa e da cucina, in Libarna, a cura di S. Finocchi, Torino, pp P. BAROCELLI 1948, Forma Italiae. Regio XI.I. Augusta Praetoria, Roma. M. BARRA BAGNASCO, L. BONACA BOCCACCIO, L. MANINO 1967, Scavi nell area dell antica Indu - s t r i a, Memorie dell Accademia delle Scienze di Torino, 13. BdA = Bollettino d Arte. E. BEDINI. E. MICHELETTO 1992, Indagine archeologica al castello di Manzano. Secondo rapporto prelimi - nare ( ), AMed, XIX, pp V. BIERBRAUER 1987, Invillino-Ibligo in Friaül.I, Romi - sche Siedlung und das spätantik-frühmittelalter - liche Castrum (Beiträge zur Vor - und Frühgeschichte, 33), München. F. BOLGIANI 1982, La penetrazione del cristianesimo in Piemonte, Atti del V Congresso Nazionale di Archeologia Cristiana (Torino-Valle di Susa-Cuneo- Asti-Valle d Aosta-Novara 1979), Roma, pp Ch. BONNET, R. PERINETTI 1986, Aoste aux premiers temps chrétiens, Aosta. R. BORDONE 1980, Città e territorio nell alto medioevo. La società astigiana dal dominio dei Franchi all af - fermazione comunale, Torino. L. BRECCIAROLI TABORELLI 1983, Ivrea, piazza Balla- Vicolo dell Arco. Resti di un decumano e di un iso - lato urbano di Eporedia, QuadAPiem, 2, N o t i - ziario, pp L. BRECCIAROLI TABORELLI 1985, Ivrea, piazza Ballav i c o l o dell Arco, Scavo di un isolato urbano di Eporedia, QuadAPiem, 4, Notiziario, pp L. BRECCIAROLI TABORELLI 1987, Un contributo alla conoscenza dell impianto urbano di Eporedia (Ivrea): lo scavo di un isolato a Porta Vercelli, QuadAPiem, 6, pp L. BRECCIAROLI TABORELLI 1988, Ivrea. Scavo di una trincea nei giardini pubblici, QuadAPiem, 8, Notiziario, pp L. BRECCIAROLI TABORELLI 1989, Ivrea. Saggi nell area archeologica dell Hotel La Serra, QuadAPiem, 8, Notiziario, pp L. BRECCIAROLI TABORELLI 1990, Segusio: nuovi dati e alcune ipotesi, QuadAPiem, 9, pp L. BRECCIAROLI TABORELLI, G. PANTÓ 1984, Vercelli, via Bozzi, largo d Azzo, corso Garibaldi, corso Li - bertà, QuadAPiem, 3, Notiziario, pp L. BRECCIAROLI TABORELLI, G. PANTÓ, M.C. GALLO ORSI 1984, Vercelli, piazza Cavour n. 4, QuadA- Piem, 3, Notiziario, p G. CANTINO WATAGHIN 1985, Appunti per una topogra - fia cristiana: i centri episcopali piemontesi, Atti del VI Congresso Nazionale di Archeologia Cristiana (Pesaro-Ancona 1983), Ancona, pp G. CANTINO WATAGHIN 1987, Archeologia a Susa tra tarda antichità e medioevo, Segusium, 24, pp G. CANTINO WATAGHIN 1989, L Italia settentrionale, in P. TESTINI, G. CANTINO WATAGHIN, L. PA- NI ERMINI, La cattedrale in Italia, Actes du XIe Congrès International d Archéologie Chrétienne (Lyon-Vienne-Grenoble-Genève-Aoste 1986), a cura di P. Demeglio e C. Lambert, pp e schede relative. G. CANTINO WATAGHIN 1992, Urbanistica tardoantica e topografia cristiana: termini di un problema, i n Felix temporis reparatio, Atti del Convegno archeologico internazionale Milano capitale dell Impero romano (Milano 1990), a cura di G. Sena Chiesa e E.A. Arslan, Milano, pp G. CANTINO WATAGHIN 1992a, Urbs e civitas nella tarda antichità: linee di ricerca, in La civitas christia - na. Urbanistica delle città italiane fra tarda an - tichità e altomedioevo - Aspetti di archeologia ur - bana, (I Seminario di Studio. Torino 1991), a cura di P. Demeglio e C. Lambert, Torino, pp G. CANTINO WATAGHIN in c.d.s., Contributo allo studio della città tardoantica, IV Reuniò d Arquelogia Cristiana Hispanica, Lisboa G.P. CASIRAGHI 1979, La diocesi di Torino nel medioevo, Biblioteca della Società Storica Subalpina, CLXXXXVI. A.M. CAVALLARO 1989, Aosta: dall epoca romana al X se - colo, i n : Le piazze. Storia e progetti, Milano, pp A.M. CAVALLARO, G. DE GATTIS, A. SERGI (a cura di), 1993, La cappella di San Grato ad Aosta. Indagi - ne stratigrafica e storico documentaria su un sito urbano, Aosta. A.M. CAVALLARO, G. DE GATTIS, A. SERGI, VANNI DE- SIDERI, 1992, Aosta. Cappella di San Grato. Ri - sultati dell indagine stratigrafica e contributo al - la topografia di Aosta medievale, AMed, XIX, pp A. CERESA MORI 1979, Industria. Campagne di scavo : rapporto preliminare, BdA, 2, pp N. CERRATO, M. CORTELAZZO, E. MICHELETTO 1990, Indagine archeologica al castello di Manzano (Comune di Cherasco, prov. di Cuneo). Rapporto preliminare ( ), AMed, XVII, pp G. CRESCI MARRONE 1984, Le iscrizioni di Chieri roma - na, Chieri. G. CRESCI MARRONE 1991, Carreum Potentia, Supple - menta Italica, n.s., 8, pp

12 100 EDILIZIA RESIDENZIALE TRA V E VIII SECOLO G. CRESCI MARRONE 1993, Cenni di prosopografia indu - striense, in AA.VV., Studi su Industria, QuadA- Piem, 11, pp G. CRESCI MARRONE, G. MENNELLA, E. ZANDA 1993, Industria, Supplementa Italica, n.s., 12. A. CROSETTO 1988, Acqui Terme, centro urbano, Siti plu - ristratificati nell area dell antica Aquae Statiel - lae, QuadAPiem, 7, Notiziario, pp A. CROSETTO 1988a, Acqui Terme, piazza della Bollente. Sito pluristratificato urbano, QuadAPiem, 8, Notiziario, pp A. CROSETTO 1993, Acqui Terme, piazza della Bollente Edifici tardo-medievali, QuadAPiem, 11, Notiziario, pp A. CROSETTO 1993a, Acqui Terme. Cripta della Cattedra - le, QuadAPiem, 11, Notiziario, pp A. CROSETTO 1993b, Indagini archeologiche nel medioevo astigiano. 1. Il cimitero di San Secondo, QuadA- Piem, 11, pp A.S. FAVA 1987, Le monete, in Libarna, a cura di S. Finocchi, Torino, pp F. FILIPPI 1982, Risultati e significato di un intervento ar - cheologico in piazza Castello a Torino, in Torino nel basso medioevo: castello, uomini, oggetti. Catalogo della Mostra, Torino, pp F. FILIPPI 1983, Torino, isolato di Santo Stefano. Strutture di età romana, QuadAPiem, 2, N o t i z i a r i o, p F. FILIPPI 1988, L intervento di archeologia urbana nell area del Teatro Sociale di Alba: motivazioni storico scientifiche emetodologia di ricerca, Alba Pompeia, n.s. IX, 1, pp F. FILIPPI 1989, L indagine archeologica nell ambito dell intervento di restauro di palazzo Calissano, in Giorgio Busca architetto e la città di Alba nell 800, a cura di M. Viglino Davico e G. Parusso, Alba, pp F. FILIPPI 1991, Bra, fraz. Pollenzo. Città romana di Pol - lentia. Ritrovamento dell acquedotto, della necro - poli di cascina Pedaggera e di strutture urbane nel concentrico, QuadAPiem, 10, Notiziario, pp F. FILIPPI 1991a, Frammenti archeologici di Alba antica. Rapporto preliminare sui dati emersi dal control - lo della trincea del teleriscaldamento in centro storico, Alba Pompeia, n.s. XII, 1, pp F. FILIPPI 1991b, Alba. Interventi di archeologia urbana in centro storico, QuadAPiem, 10, N o t i z i a r i o, pp F. FILIPPI 1991c, Palazzo Carignano di Torino. Nota preli - minare sullo scavo ( ) e appunti sull ar - cheologia della città, QuadAPiem, 10, pp F. FILIPPI 1992, Ceramica invetriata tardoantica da un con - testo stratigrafico di Acqui Terme (Al), in La cera - mica invetriata tardoantica e altomedievale in I t a l i a, Atti del Seminario (Certosa di Pontignano 1990), a cura di L. Paroli, Firenze, pp F. FILIPPI 1992a, Ceramica invetriata da due contesti stra - tigrafici di Alba (Cn), in La ceramica invetriata tardoantica e altomedievale in Italia, Atti del Seminario (Certosa di Pontignano 1990), a cura di L. Paroli, Firenze, pp F. FILIPPI 1993, Alba. Interventi di archeologia urbana in centro storico, QuadAPiem, 11, N o t i z i a r i o, pp F. FILIPPI, M. CORTELAZZO 1989, L archeologia urbana e gli interventi albesi. Riflessioni e primi dati sulle indagini, Alba Pompeia, n.s. X, 1, pp F. FILIPPI, A. CROSETTO 1993, Acqui Terme, via Emilia. Indagine archeologica nel cortile del Palazzo Bruz - z o n e, QuadAPiem, 11, N o t i z i a r i o, pp F. FILIPPI, L. PEJRANI, M. SUBBRIZIO 1993, Torino, via Basilica angolo via Conte Verde. Indagine archeo - l o g i c a, QuadAPiem, 11, N o t i z i a r i o, pp F. FILIPPI, E. ZANDA 1993, Problemi cronologici e funzio - nali nella trasformazione di alcune città romane della Regio IX Liguria, XIV Congreso Internacional de Arqueologia Clasica, Tarragona 1993, Pre- Actas, II, p S. FINOCCHI 1959, Scavi e scoperte nel territorio di Aosta, in Cisalpina, Istituto Lombardo di Scienze e Lettere, Milano. S. FINOCCHI 1959a, Problemi di topografia e urbanistica romana in Piemonte, Atti del X Congresso di Storia dell Architettura (Torino 1957), Roma, pp S. FINOCCHI (a cura di), 1987, Libarna, Torino. E. GABBA Le fonti storiche, la romanizzazione e l età impe - r i a l e, i n L i b a r n a, a cura di S. Finocchi, Torino, pp N. GABRIELLI 1977, Arte e cultura ad Asti attraverso i se - coli, Torino. S. GALLESIO 1993, Il lato occidentale delle mura: saggi di s c a v o, in La Porta del Paradiso. Un restauro a Susa, a cura di L. Mercando, Torino, pp E. GARERI CANIATI 1986, La pieve di S. Stefano di Lenta: nota preliminare sui risultati di scavo, in Arte e storia di Lenta, Vercelli, pp C. LAMBERT 1994, Sepolture e pratiche funerarie in conte - s t o urbano tra tarda antichità e altomedioevo in Italia settentrionale, Tesi di Dottorato di ricerca in Archeologia e antichità post-classiche (III-XI sec.), Università di Roma La Sapienza. F. LANZONI 1927,Le diocesi d Italia dalle origini al princi - pio del sec. VII (a. 604), Faenza. C. LA ROCCA 1992, Fuit civitas prisco in tempore. Tra - sformazione dei municipia abbandonati dell Italia occidentale nel secolo XI, in La contessa Adelaide e la società del secolo XI, Atti del Convegno (Susa 1991), Segusium, XXXII, pp Libarna = S. FINOCCHI (a cura di), 1987 L. MACCARIO 1982, Antiche tombe nella cattedrale di S. Lorenzo, Alba Pompeia, II, 1, p. 72-ss. G. MENNELLA 1990, Dertona - Libarna - Forum Iulii Irien - sium, ICI, 7, Bari. G. MENNELLA, G. COCCOLUTO, in c.d.s., Liguria reliqua trans et cis Appenninum, ICI, IX. L. MERCANDO 1992, Testimonianze tardoantiche nell odierno Piemonte, in Felix temporis repara - tio. Atti del Convegno archeologico internazionale Milano capitale dell impero romano (Milano 1990), a cura di G. Sena Chiesa e E.A. Arslan, Milano, pp

13 Gisella Cantino Wataghin 101 L. MERCANDO 1993, La città, le mura, le porte, in La por - ta del Paradiso. Un restauro a Susa, a cura di L. Mercando, Torino, pp E. MICHELETTO 1990, Il castello di Manzano. Note su uno scavo in corso nel territorio di Cherasco, Alba Pompeia, XI, 2. E. MICHELETTO 1992, Un insediamento tardo romano e altomedievale nell area della torre di S. Stefano Belbo. Primi dati dallo scavo, Alba Pompeia, n.s. XIII, 1, pp E. MICHELETTO 1992a, La struttura materiale del castel - l o : profilo archeologico per il Piemonte sud-occi - dentale, in Architettura castellana: storia, tutela, riuso, Atti delle giornate di Studio (Carrù 1991), a cura di M.C. Visconti Cherasco, Farigliano, pp E. MICHELETTO 1994, Il castello di Manzano, in C h e r a - sco. Origine e sviluppo di una villanova, Atti del Convegno per il 750 anniversario della fondazione della villanova, Cherasco 1993, a cura di F. Panero, Cuneo, pp E. MICHELETTO, G. MOLLI BOFFA 1991, Caraglio. In - terventi di scavo nel territorio comunale, QuadA- Piem, 10, Notiziario, pp R. MOLLO , Nuove indagini e ritrovamenti archeo - logici in Aosta, Bulletin de l Académie St-Anselme, XLVI, pp R. MOLLO MEZZENA 1982, Augusta Praetoria. Aggiorna - mento sulle conoscenze archeologiche della città e del suo territorio, Atti del Congresso sul Bimillenario della città di Aosta (Aosta 1975), Bordighera, pp R. MOLLO MEZZENA 1987, Strutturazione urbanistica di Aosta romana, in Aosta. Progetto per una storia della città, a cura di M. Cuaz, Aosta, pp R. MOLLO MEZZENA 1988, La stratificazione archeologi - ca di Augusta Praetoria, in Archeologia strati - grafica dell Italia Settentrionale, Como, pp R. MOLLO MEZZENA 1990, Ricerche archeologiche in Val - le d Aosta ( ), in La Venetia nell area pa - d a n o - d a n u b i a n a, Convegno Internazionale (Venezia 1988), Padova, pp R. MOLLO MEZZENA 1992, Augusta Praetoria tardoanti - ca. Viabilità e territorio, in Felix temporis repara - tio. Atti del Convegno archeologico internazionale Milano capitale dell impero romano (Milano 1990), a cura di A. Sena Chiesa e E.A. Arslan, Milano, pp R. MOLLO MEZZENA, C. BALISTA, E. PEYROT 1988, Analisi stratigrafica preliminare del deposito ur - bano di Augusta Praetoria, in Archeologia strati - grafica dell Italia Settentrionale, 1, Como, pp G. MONACO 1936, Forma Italiae. Regio IX: Liguria. I. Li - barna, Roma. C. MORRA 1990, I livelli tardomedievali dello scavo di via al Castello a Susa, QuadAPiem, 9, pp M.M NEGRO PONZI MANCINI 1989, Campagne di scavo , in San Michele di Trino. Un villaggio, un castello, una pieve tra età romana e Medioevo, Studi Trinesi, 8, Trino, pp G. PANTÓ 1991, Fonti e strategie per l archeologia nella città, in Una chiesa, la sua storia. Monumenti sto - rici e sviluppo artistico della Chiesa di San Do - menico a Chieri. Settimana domenicana (Chieri 1990), Chieri, pp G. PANTÓ 1991a, Chieri. Battistero, QuadAPiem, 10, No - tiziario, pp G. PANTÓ 1992, La media valle Curone (Al), in La cerami - ca invetriata tardoantica e altomedievale in Ita - l i a, Atti del Seminario (Certosa di Pontignano 1990), a cura di L. Paroli, Firenze, pp G. PANTÓ, E. ZANDA, G. CAMPARI 1991, Chieri, Isolato del complesso di S. Antonio. Strutture di età ro - mana, basso medievale e moderna, QuadA- Piem, 10, Notiziario, pp L. PEJRANI BARICCO 1984, Pertusio-Prascorsano-Valper - ga, loc. Belmonte. Insediamento di età longobar - da, QuadAPiem, 3, Notiziario, pp L. PEJRANI BARICCO 1986, Pertusio-Prascorsano-Valper - ga, loc. Belmonte. Insediamento di età longobar - da, QuadAPiem, 5, Notiziario, p L. PEJRANI BARICCO 1987, Il Medioevo, in Museo novare - se. Documenti, studi e progetti per una nuova im - magine delle collezioni civiche, a cura di M.L. Tomea Gavazzoli, Novara, pp L. PEJRANI BARICCO 1990, Schede, in I Longobardi. Catalogo della mostra, a cura di G.C. Menis, Milano, nn. IX.1-16, pp L. PEJRANI BARICCO 1991, Pertusio-Prascorsano-Valper - ga, loc. Belmonte. Insediamento di età longobar - da, QuadAPiem, 10, Notiziario, pp L. PEJRANI BARICCO, S.GALLESIO1988, P e r t u s i o - P r a - scorsano-valperga, loc. Belmonte. Insediamento di età longobarda, QuadAPiem, 7, Notiziario, p L.PEJRANI BARICCO, G. PANTO 1992, Il castrum di Belmonte (To), in La ceramica invetriata tar - doantica e altomedievale in Italia. Atti del Seminario (Certosa di Pontignano 1990), a cura di L. Paroli, Firenze pp M. PELLEGRINO 1990, Saggi di scavo a Caraglio (anni ), QuadAPiem, 9, pp Ch. PIETRI 1987, Note sur la christianisation de la Ligu - r i e, in Studi lunensi e prospettive sull occidente romano (Atti del Convegno, Lerici 1985), Quaderni del Centro Studi Lunensi, , , II, pp M.C. PREACCO 1987, La suppellettile di uso quotidiano, in L i b a r n a, a cura di S. Finocchi, Torino, pp QuadAPiem = Quaderni della Soprintendenza Archeologica del Piemonte M.T. SARDO 1988, Lenta. Area limitrofa alla Pieve di S. Stefano. Insediamento tardo-antico, QuadA- Piem, 7, Notiziario, pp M.T. SARDO 1988a, Lenta. Area limitrofa alla Pieve di S. Stefano. Insediamento tardo-antico, QuadA- Piem, 8, Notiziario, p F. SAVIO 1898, Gli antichi vescovi d Italia dalle origini al 1300 descritti per regioni. Il Piemonte, Torino.

14 102 EDILIZIA RESIDENZIALE TRA V E VIII SECOLO F. SCAFILE 1985, Novara, v. Avogadro 7, QuadAPiem, 4, Notiziario, pp G. SCHMIEDT 1974, Città scomparse e città di nuova fon - dazione in Italia in relazione al sistema di comu - nicazione, XXI Settimana CISAM, 1973, pp G. SPAGNOLO GARZOLI 1988, Gattico, loc. Cascina Rei - na. Edifici tardo-romani, QuadAPiem, 8, Noti - ziario, pp G. SPAGNOLO GARZOLI 1991, Vercelli, via Ara Vecchia. Strutture extraurbane di età romana, QuadA- Piem, 10, Notiziario, pp G. SPAGNOLO GARZOLI 1991a, Vercelli, piazza Mazzini 15. Rinvenimento di edifici romani, QuadA- Piem, 10, Notiziario, pp M.C. UGLIETTI 1987, Ricerche, studi e conservazione dell archeologia locale degli ultimi cento anni, in Museo novarese. Documenti, studi e progetti per una nuova immagine delle collezioni civiche, a cura di M.L. Tomea Gavazzoli, Novara, pp L. VASCHETTI 1983, Saggio archeologico nel centro storico di Vercelli, QuadAPiem, 2, pp P. VERZONE 1972, La cappella di San Giovanni presso la cattedrale di Asti, Felix Ravenna, pp E. ZANDA 1982, Monteu da Po. Scavi nella zona archeologi - ca di Industria, QuadAPiem, 1, Notiziario, pp E. ZANDA 1983, Monteu da Po. Industria. Iseion e aree li - mitrofe, QuadAPiem, 2, Notiziario, pp E. ZANDA 1984, Monteu da Po. Industria. Iseion e aree li - mitrofe, QuadAPiem, 3, Notiziario, pp E. ZANDA 1986, Industria. Scavo di un isolato presso l I s e i o n. Nota preliminare, in Da Quadrata alla R e s t a u r a z i o n e. Giornata di Studio (Brusasco 1986), Brusasco, pp E. ZANDA 1987, Il Chierese: problemi di tutela e ricerca ar - cheologica, in Museo archeologico di Chieri. Con - tributi alla conoscenza del territorio in età roma - na, Torino, pp E. ZANDA 1988, Monteu da Po. Industria, QuadAPiem, 8, Notiziario, pp E. ZANDA 1988a, Asti, via dei Varroni. Strutture romane e medievali, QuadAPiem, 8, Notiziario, p E. ZANDA 1990, Ricerche ad Industria, in La città nell Ita - lia Settentrionale in età romana. Morfologia, struttura e funzioni dei centri urbani delle Regio - nes X e XI. Atti del Convegno (Trieste 1987), Trieste-Roma, pp E. ZANDA 1991, Monteu da Po. Industria. Iseion e aree li - m i t r o f e, QuadAPiem, 10, N o t i z i a r i o, pp E. ZANDA 1992, Industria (To), in La ceramica invetriata tardoantica e altomedievale in Italia, Atti del Seminario (Certosa di Pontignano 1990), a cura di L. Paroli, Firenze, pp E. ZANDA 1992a, Recenti scavi ad Industria, in VI Congresso Internazionale di Egittologia. Atti. I, pp E. ZANDA 1993, Lo stato delle ricerche, in AA.VV., Studi su Industria, QuadAPiem, 11, pp E. ZANDA, M. ALESSIO 1988, Monteu da Po. Industria, Area a S dell Iseion, QuadAPiem, 7, Notiziario, pp E. ZANDA, M.ALESSIO MANZONI 1985, Monteu da Po. Industria. Insula, QuadAPiem, 4, N o t i z i a r i o, pp e E. ZANDA, A. CROSETTO 1991, Asti, piazza Cattedrale. Strutture di età romana, Quad A Piem, Notizia - rio, 10, pp E. ZANDA, A. CROSETTO 1993, Asti, via Carducci-via Ma - meli. Strutture romane e medievali, QuadA- Piem, 11, Notiziario, pp E. ZANDA, A. CROSETTO, L. PEJRANI 1986, Asti. Inter - venti archeologici e ricerche in centro storico , QuadAPiem, 5, pp E. ZANDA, F. FILIPPI 1991, Acqui Terme, corso Roma. Im - pianto di età romana con sovrapposizioni medie - vali, QuadAPiem, 10, pp E. ZANDA, S.GALLESIO 1988, Asti, via Massimo d Azeglio. Edificio pubblico di età romana, QuadAPiem, 8, Notiziario, p E. ZANDA, G. PANTÓ, L. FOZZATI, A.BERTONE 1993, Chieri, via Palazzo di Città 12. Struttura preisto - rica e resti di età romana e medievale, QuadA- Piem, 11, Notiziario, pp E. ZANDA, G. PANTO, I. SCIAVOLINO 1993, Chieri, vico - lo Tre Re. Strutture romane e medievali, QuadA- Piem, 11, Notiziario, pp

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e

I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e Pannello 1 I lavori per la realizzazione di un parcheggio nel centro storico, nei pressi di Palazzo de Curtis e nelle vicinanze della strada basolata di età imperiale messa in luce negli anni 60 del secolo

Dettagli

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino

Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Piazza Sant Antonino Piacenza. Scavo in prossimità di Porta del Paradiso a nord dell ingresso della chiesa di Sant Antonino Dai dati di scavo è stato possibile ipotizzare quanto segue: Fase I: IX-X sec.

Dettagli

Parco Novi Sad. Analisi preventive del rischio archeologico

Parco Novi Sad. Analisi preventive del rischio archeologico MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO ETNOLOGICO Parco Novi Sad Analisi preventive del rischio archeologico Analisi dei campioni indisturbati dei sondaggi meccanici a carotaggio continuo luglio 2007 Parco Novi Sad

Dettagli

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica

Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica Concorso di idee per la Copertura dell Auditorium dell imperatore Adriano in piazza Madonna di Loreto (ROMA) Relazione Storica La campagna archeologica preventiva per la realizzazione delle opere di risalita

Dettagli

LE INDAGINI ARCHEOLOGICHE ALL INTERNO DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA

LE INDAGINI ARCHEOLOGICHE ALL INTERNO DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA LE INDAGINI ARCHEOLOGICHE ALL INTERNO DELL OSPEDALE DI SANTA MARIA DELLA SCALA A SIENA In questo volume, frutto del lavoro di dottorato di Federico Cantini, sono presentati i risultati dell elaborazione

Dettagli

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico

Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO COMUNE DI FALVATERRA PROVINCIA DI FROSINONE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI PASTENA Fabrateria Nova: la rinascita di una città scomparsa del Lazio antico Indagini topografiche

Dettagli

IL QUARTIERE DI SAN LORENZO AD ALBA (SECOLI V-XIII) di EGLE MICHELETTO

IL QUARTIERE DI SAN LORENZO AD ALBA (SECOLI V-XIII) di EGLE MICHELETTO IL QUARTIERE DI SAN LORENZO AD ALBA (SECOLI V-XIII) di EGLE MICHELETTO La recente pubblicazione di un volume dedicato all archeologia medievale della città di Alba (MICHELETTO 1999a) ha costituito l occasione

Dettagli

Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia

Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia COMUNE DI BRESCIA Settore manutenzione edifici pubblici Servizio edilizia monumentale Progetto per il recupero e la valorizzazione del teatro romano di Brixia anno 2014 Il progetto che si presenta in questa

Dettagli

PARCHEGGIO. Verifica preventiva

PARCHEGGIO. Verifica preventiva FIRENZE Piazzaa del Carmine PARCHEGGIO INTERRATO PROGETTO PRELIMINARE 0 Verifica preventiva dell interesse archeologico (d. Lgs. 163/2006, art. 95 96) SOMMARIO Premessa... 1 Inquadramento archeologico...

Dettagli

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI)

INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) INDAGINE ARCHEOLOGICA IN LOCALITA PODERE FONTE RINALDI PECCIOLI (PI) Nei primi mesi del 2004 la sezione pecciolese del Gruppo Archeologico Tectiana, fino a qual momento presente come realtà locale ma ancora

Dettagli

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014.

I lavori sono stati affidati alla ditta Moranda Geom. Alfredo di Corteno Golgi (BS), con contratto d appalto del 14 marzo 2014. Il progetto di Risanamento e restauro conservativo dell ex sede della Società Operaia di Mutuo soccorso a Breno (BS) in Via Prudenzini è nato dalla necessità di recuperare un immobile di ampie dimensioni

Dettagli

GUIDE TURISTICHE G.I.A. ASCOM

GUIDE TURISTICHE G.I.A. ASCOM Con il sostegno di ==============================comunicato stampa Torino, 14 febbraio 2013 GUIDE TURISTICHE G.I.A. ASCOM DOMENICA 17 FEBBRAIO TOUR GUIDATI E GRATUITI CON LE GUIDE TURISTICHE DELL ASCOM

Dettagli

LA FORNACE DI SANT'ARPINO*

LA FORNACE DI SANT'ARPINO* LA FORNACE DI SANT'ARPINO* * L'articolo è tratto da uno dei cartelli esplicativi preparati dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle province di Caserta e Benevento in collaborazione con l'architetto

Dettagli

AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174.

AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174. AA.VV., Entella. Ricognizioni topografiche e scavi 1983-1986, Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, S. III, XVI, 1986, 1075-1174. M. Giangiulio - M. Lombardo, Ricognizione esplorativa 1983 G.

Dettagli

COMUNE DI SPILAMBERTO

COMUNE DI SPILAMBERTO COMUNE DI SPILAMBERTO PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE LAVORI PUBBLICI C O P I A SERVIZIO MATERIA DI LAVORI PUBBLICI APPALTI, LICITAZIONI, TRATTATIVE PRIVATE LAVORI DI RECUPERO E RESTAURO DELLA CHIESA

Dettagli

U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E. AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Ufficio Patrimonio Immobiliare

U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E. AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Ufficio Patrimonio Immobiliare U N I V E R S I T A' D E G L I S T U D I D I F I R E N Z E AREA SERVIZI TECNICI SICUREZA E PATRIMONIO Alloggio di civile abitazione ubicato in Firenze Via dei Serragli n. 76. (N.C.E.U. Foglio di mappa

Dettagli

BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI

BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI BASILICA DI SANTA SOFIA LA NECROPOLI L odierna basilica di Santa Sofia si erge nel centro della principale necropoli dell antica città di Serdica. Questa zona presenta

Dettagli

COMUNE DI BUCCINO Provincia di Salerno

COMUNE DI BUCCINO Provincia di Salerno Pagina1 SCHEDA UNITA IMMOBILIARE Pianta stato di fatto Localizzazione Comune: BUCCINO c.a.p : 84021 Provincia: Salerno Zona: Centro storico denominazione stradale: Via Roma/Q. Di Vona n civico: s.n.c Superficie

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione

3) Consistenza planimetrica dei locali posti a concessione di valorizzazione Il mobile 4 incorpora la porta da cui si accede al corridoio di servizio e ad un vano scale; sulla parete di destra l arredo è composto da più elementi di mobili (5, 6, 7, 8) e risulta più eterogeneo.

Dettagli

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi Relazione di stima del valore del complesso immobiliare sito in fregio alle vie G. Matteotti, N. Sauro, Como, in Lissone distinto al catasto al Fg. 15 Mapp. 23 Data 21.7. 11 il Dirigente del settore Patrimonio,

Dettagli

P.R.G. del comune di BOCENAGO PIANO INSEDIAMENTI STORICI Unita Edilizia Nr.: 41

P.R.G. del comune di BOCENAGO PIANO INSEDIAMENTI STORICI Unita Edilizia Nr.: 41 P.R.G. del comune di BOCENAGO PIANO INSEDIAMENTI STORICI Unita Edilizia Nr.: 41 Comprensorio C8 - Giudicarie N. particella ed. o fond..132 Comune Amministrativo Bocenago Data rilievo 21/06/07 Comune Catastale

Dettagli

-.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO

-.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO -.11 RISTRUTTURAZIONE EDIFICIO DI CIVILE ABITAZIONE NEL CENTRO STORICO DI VOCOGNO Comune di (Borgata/Frazione) CRAVEGGIA VOCOGNO Classificazione dell intervento RISTRUTTURAZIONE Opere interne ed esterne

Dettagli

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore)

Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Novembre 2009 Laurea Specialistica Prova Pratico/Grafica (6 + 2 ore) Tema N.1. Complesso residenziale

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA PREMESSA Lo scrivente Ufficio Lavori Pubblici è stato incaricato dall Amministrazione Comunale della progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva dei lavori di ristrutturazione

Dettagli

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità.

OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE. Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. OSTIA ANTICA DAL CASTRUM ALLA CITTA IMPERIALE Un viaggio nel tempo tra Storia e curiosità. Prof.sse Cinque Caterina, Martani Rita, Rossi Francesca V., Sabatini Francesca, Tarsi Stefania Ficana e il re

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI

UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI UFFICIO DI SOVRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI Il Direttore dei Musei Vaticani in cantiere L ufficio di Sovrintendenza ai Beni Architettonici, istituito con il regolamento promulgato dal Cardinale Governatore

Dettagli

SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST

SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST SCHEDA IMMOBILE ALIENAZIONE ZONA CENTRO STORICO Via Defendente Sacchi,31 FOGLIO 3 MAPPALE 913 CATEGORIA B/1-A/2-A/3-A/4-C/6 PIANO S1-T-1-2-ST CONSISTENZA (mq) 5.000 circa CONSISTENZA RAGGUAGLIATA 3.805

Dettagli

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA,

RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, SILVANO PIROTTA RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI DI EPOCA PROTOSTORICA, ROMANA E LONGOBARDA LUNGO I CANTIERI AUTOSTRADALI E DELL ALTA VELOCITÀ 2012 I RITROVAMENTI ARCHEOLOGICI NEL TERRITORIO DELLA MARTESANA I

Dettagli

Massarosa (LU). Massaciuccoli romana : ricerca e valorizzazione nell area archeologica

Massarosa (LU). Massaciuccoli romana : ricerca e valorizzazione nell area archeologica Massarosa (LU). Massaciuccoli romana : ricerca e valorizzazione nell area archeologica 1 Ufficio Lavori Pubblici. 2 Società per lo sviluppo dell arte, della cultura e dello spettacolo. 3 A supporto e promozione

Dettagli

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate

3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate 339 3. Un abaco dei mutamenti strutturali: la rilevanza del fenomeno delle coree nello sviluppo urbano di Limbiate Osservando lo sviluppo strutturale di Limbiate dal punto di vista storico, urbano e sociale

Dettagli

Vengono richiesti alcuni distinti pareri su questioni attinenti all edificazione nel territorio agricolo.

Vengono richiesti alcuni distinti pareri su questioni attinenti all edificazione nel territorio agricolo. Parere n. 50/2010 - Edificazione su territorio agricolo Vengono richiesti alcuni distinti pareri su questioni attinenti all edificazione nel territorio agricolo. Si precisa che le risposte ai quesiti posti

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO COMUNE DI GALLIO VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA N. 182 UNITA DI RILEVAMENTO / CENTRO STORICO del Capoluogo della frazione

Dettagli

franter6@hotmail.com TRRFNC81L19I804S 01792630665 Da settembre 2011 e tutt'ora in corso

franter6@hotmail.com TRRFNC81L19I804S 01792630665 Da settembre 2011 e tutt'ora in corso F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome TERRACCIANO, FRANCESCO Indirizzo 91, via S. Maria Maggiore, 67030, Pacentro, Italia Telefono 0864/41353 cellulare 3406346337 Fax E-mail

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE RELAZIONE TECNICA GENERALE - Premessa Il Peu n. 16 è costituito da un unico sottoprogetto e consta catastalmente di due unità immobiliari ubicate in via Borgo da Piedi: 1. Fg. 20, P.lla 1069, Piano S-T-1,

Dettagli

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI 1 1.1 Comune di Cismon, Cismon. Fabbrica ex Lancia. (ora in parte adibita a fungaia) ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI LUOGO. Cismon, OGGETTO. Fabbrica ex

Dettagli

Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia

Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia Università degli Studi di Lecce Soprintendenza Archeologica della Puglia Provincia di Lecce Inaugurazione della Mostra Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia Intervento

Dettagli

150.000,00. Rif 0348. Vecchia Cantina in vendita. www.villecasalirealestate.com/immobile/348/vecchia-cantina-in-vendita

150.000,00. Rif 0348. Vecchia Cantina in vendita. www.villecasalirealestate.com/immobile/348/vecchia-cantina-in-vendita Rif 0348 Vecchia Cantina in vendita www.villecasalirealestate.com/immobile/348/vecchia-cantina-in-vendita 150.000,00 Area Comune Provincia Regione Nazione Torrita di Siena Siena Toscana Italia Superficie

Dettagli

Repertorio dei beni storico ambientali 1

Repertorio dei beni storico ambientali 1 Repertorio dei beni storico ambientali 1 Indice Casate... 3 Oberga... 4 Pagliarolo... 5 Fontanelle... 6 Travaglino... 7 Oratorio di San Rocco... 8 Calvignano... 9 Castello... 10 Valle Cevino... 11 Repertorio

Dettagli

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA

IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA IL MUSEO AQUARIA SI PRESENTA Il Museo Archeologico Aquaria è molto giovane ed è nato per l intraprendenza di un gruppo di appassionati di archeologia di Gallignano, piccola frazione di Soncino. Anche i

Dettagli

Fig. 1 Guesdon, Padova a volo d uccello, 1849

Fig. 1 Guesdon, Padova a volo d uccello, 1849 Fig. 1 Guesdon, Padova a volo d uccello, 1849 Fig. 2 Aree centrali di Padova, Pianta di Giovanni Valle, 1784 Fig. 3 V. Dotto, Pianta di Padova circondata dalle mura vecchie, pubblicata dal Portenari, 1623

Dettagli

Le aree europee orientali nel Tre-Quattrocento1

Le aree europee orientali nel Tre-Quattrocento1 Vittorio Franchetti Pardo Le aree europee orientali nel Tre-Quattrocento Illustrazioni Uno dei castelli che marca la presenza dell Ordine Teutonico nei territori russi (da V. Kostosin, Architettura russa

Dettagli

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO

COMUNE DI GALLIO Provincia di Vicenza PIANO REGOLATORE GENERALE VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO COMUNE DI GALLIO VARIANTE PER I CENTRI STORICI DEL CAPOLUOGO E DELLA FRAZIONE DI STOCCAREDDO SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA N. 143 UNITA DI RILEVAMENTO / CENTRO STORICO del Capoluogo della frazione

Dettagli

GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA

GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA In collaborazione con: COMUNE DI BOLOGNA GIOVANNI MOCHI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA GIORGIA PREDANI DA UNIVERSITA DI BOLOGNA IL TOTAL LOOK DEGLI EDIFICI Bologna 15 aprile 2015 In partnership con: PRESUPPOSTI

Dettagli

UNITA MINIMA D INTERVENTO N. 29

UNITA MINIMA D INTERVENTO N. 29 1.a UNITA MINIMA D INTERVENTO N. 29 nome Via Fiorentina n. civico 18 agno di Romagna Catasto Toscano Mappe 1826 (stralcio dall originale) scala 1:1.000 (scala originale 1:1.250) sezione R di agno e di

Dettagli

CURRICULUM VITAE di Lorenzo RAMACCIATO

CURRICULUM VITAE di Lorenzo RAMACCIATO CURRICULUM VITAE di Lorenzo RAMACCIATO Indirizzo: via Gioberti 43 50121 FIRENZE Tel.: 055/679885 e 333/3698798 E-mail: l.ramacciato@inwind.it Informazioni personali Stato civile: Celibe Data di nascita:

Dettagli

P.I. 1 - Piano degli Interventi Art. 17 LR n 11/2004

P.I. 1 - Piano degli Interventi Art. 17 LR n 11/2004 Comune di Farra di Soligo Re gione del Veneto Pr ovincia di Treviso P.I. 1 - Piano degli Interventi Art. 17 LR n 11/2004 elaborato P-06 D A p r i l e 2 0 1 4 A d o z i o n e D. C. C. n 1 d e l 9. 0 1.

Dettagli

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO

UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO UNA SINOPIA IN SANT ANTONIO A BRENO Datazione: fine XV inizio XVI secolo Collocazione: Breno, chiesa di Sant Antonio, parete nord-est Proprietà: Comune di Breno Autore : Ambito di Giovanni Pietro Da Cemmo

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

COMUNE DI LANGHIRANO PROVINCIA DI PARMA. ALIENAZIONE DI FABBRICATO DI PROPRIETA COMUNALE denominato ex-scuola di Castrignano Costa

COMUNE DI LANGHIRANO PROVINCIA DI PARMA. ALIENAZIONE DI FABBRICATO DI PROPRIETA COMUNALE denominato ex-scuola di Castrignano Costa COMUNE DI LANGHIRANO PROVINCIA DI PARMA ALIENAZIONE DI FABBRICATO DI PROPRIETA COMUNALE denominato ex-scuola di Castrignano Costa Contatti Ufficio Tecnico Comunale Settore Gestione del Territorio Responsabile

Dettagli

LE TORRI CAMPANARIE CORSO DI FORMAZIONE. in collaborazione con l Associazione Guarino Guarini

LE TORRI CAMPANARIE CORSO DI FORMAZIONE. in collaborazione con l Associazione Guarino Guarini 0 V CORSO DI FORMAZIONE LE TORRI CAMPANARIE in collaborazione con l Associazione Guarino Guarini TORINO DALL'ANTICHITÀ AL MEDIOEVO: UNA PROSPETTIVA ARCHEOLOGICA Prof.ssa Gisella Cantino Wataghin 1 Due

Dettagli

Pompei: Progetto Regio VI Filippo Coarelli-Fabrizio Pesando

Pompei: Progetto Regio VI Filippo Coarelli-Fabrizio Pesando The Journal of Fasti Online Published by the Associazione Internazionale di Archeologia Classica Piazza San Marco, 49 I-00186 Roma Tel. / Fax: ++39.06.67.98.798 / 06.69.78.91.19 http://www.aiac.org; http://www.fastionline.org

Dettagli

D- Localizzazione La zona è vicina al centro storico di Schio, ed è situata tra la Fabbrica Alta e il torrente Leogra.

D- Localizzazione La zona è vicina al centro storico di Schio, ed è situata tra la Fabbrica Alta e il torrente Leogra. Il Quartiere operaio Nuova Schio di Schio ( Vicenza ) A- Indirizzo del sito Via Maraschin/ Torrente Leogra I-36015 SCHIO B- Contatto Arch. Farida Cavedon, Comune di Schio, Servizio Urbanistica Via Pasini

Dettagli

Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s)

Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s) Università di Camerino Esame di Stato di Abilitazione ad Esercizio della Professione di Architetto Sessione Giugno 2009 (Laurea Specialistica 4/s) Tema N.1 Il candidato imposti il progetto di un complesso

Dettagli

VERSO IL RESTAURO DELLA CHIESA DI S. MARIA DEL QUARTIERE

VERSO IL RESTAURO DELLA CHIESA DI S. MARIA DEL QUARTIERE VERSO IL RESTAURO DELLA CHIESA DI S. MARIA DEL QUARTIERE LA FONDAZIONE CARIPARMA PER IL PATRIMONIO ARTISTICO E MONUMENTALE DELIBERATI SINO AD OGGI 59 MILIONI DI EURO Credo sia ormai un concetto condiviso,

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO SINTESI OSSERVATORIO MEDIA NIMBY FORUM - III EDIZIONE Dall analisi dell Osservatorio

Dettagli

KOS: VIII/IX ΜISSIONE (2008)

KOS: VIII/IX ΜISSIONE (2008) KOS: VIII/IX ΜISSIONE (2008) Nel corso del 2008 sono state svolte due diverse missioni, in primavera (dal 27 marzo al 6 aprile) e in estate (dal 1 agosto al 2 settembre). Le due campagne sono state dirette

Dettagli

L'archeologia. Ed in effetti è la scienza che studia le civiltà e le cultre umane del

L'archeologia. Ed in effetti è la scienza che studia le civiltà e le cultre umane del L'archeologia Archeologia significa discorso (logos) sull'antico (archeos) ed è una parola di derivazione greca. Infatti si suole ritenere che il primo scavo archeologico sia stato quello condotto dagli

Dettagli

Ceramiche invetriate tardo antiche ed alto medievali da Genova

Ceramiche invetriate tardo antiche ed alto medievali da Genova * Ceramiche invetriate tardo antiche ed alto medievali da Genova Da più di 20 anni si conducono a Genova ricerche di archeologia urbana che hanno permesso di delineare un quadro pur lacunoso delle fasi

Dettagli

Alla Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio Via Pompeo Magno, 2 00192 Roma

Alla Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio Via Pompeo Magno, 2 00192 Roma Al Sindaco del Comune di Ciampino All Assessore all Assetto del Territorio All Assessore al Patrimonio All Assessore all Ambiente All Assessore alle Infrastrutture All Assessore alla Cultura All Assessore

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1449 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore VACCARI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 12 MARZO 2009 Disposizioni per la valorizzazione del Santuario dei SS. Vittore

Dettagli

DOTT. ARCHITETTO CESARE ROTA NODARI. COMUNE DI CORNA IMAGNA Via Finilgarello, 9 24030 Corna Imagna (Bergamo)

DOTT. ARCHITETTO CESARE ROTA NODARI. COMUNE DI CORNA IMAGNA Via Finilgarello, 9 24030 Corna Imagna (Bergamo) DOTT. ARCHITETTO CESARE ROTA NODARI 24030 ALMENNO SAN BARTOLOMEO (BG) / VIA G. FALCONE, 1 / TEL./ FAX 035/540020 E-MAIL: crnarch@tiscalinet.it / COD. FISC. : RTN CSR 35D11 A216P / PARTITA IVA 00041690165

Dettagli

Terza Conferenza Italiana di Archeologia Medievale. L Archeologia Medievale in Italia nell ultimo trentennio: un bilancio

Terza Conferenza Italiana di Archeologia Medievale. L Archeologia Medievale in Italia nell ultimo trentennio: un bilancio Università degli Studi di Cassino Dipartimento di Filologia e Storia Cattedra di Archeologia Medievale Terza Conferenza Italiana di Archeologia Medievale L Archeologia Medievale in Italia nell ultimo trentennio:

Dettagli

Progetto Cascine Conoscenza e consistenza del patrimonio rurale storico piemontese

Progetto Cascine Conoscenza e consistenza del patrimonio rurale storico piemontese Assessorato Urbanistica Pianificazione Territoriale e dell area metropolitana, Edilizia Residenziale Progetto Cascine Conoscenza e consistenza del patrimonio rurale storico piemontese Progetto Cascine

Dettagli

IL SITO UNESCO MODENA: CATTEDRALE, TORRE CIVICA E PIAZZA GRANDE (1997)

IL SITO UNESCO MODENA: CATTEDRALE, TORRE CIVICA E PIAZZA GRANDE (1997) IL SITO UNESCO MODENA: CATTEDRALE, TORRE CIVICA E PIAZZA GRANDE (1997) Corso di formazione per insegnanti 2 incontro Francesca Piccinini Coordinatrice del sito UNESCO di Modena 22 ottobre 2013 Modena nel

Dettagli

finita el tutto et di pittura et di stucco La Rustica, Palazzo ducale di Mantova Greta Bruschi

finita el tutto et di pittura et di stucco La Rustica, Palazzo ducale di Mantova Greta Bruschi A.A. 2012-2013 Corso di Consolidamento degli edifici storici Prof. Paolo Faccio finita el tutto et di pittura et di stucco La Rustica, Palazzo ducale di Mantova Greta Bruschi 1. La Rustica e il cortile

Dettagli

PIANO DEL COLORE (compilazione obbligatoria per interventi nel centro storico) A - Documentazione da allegare

PIANO DEL COLORE (compilazione obbligatoria per interventi nel centro storico) A - Documentazione da allegare COMUNE DI SAN GIOVANNI LIPIONI PIANO DEL COLORE (compilazione obbligatoria per interventi nel centro storico) allegati A Scheda da allegare alla richiesta di Permesso di costruire SCIA o CIL A - Documentazione

Dettagli

FORMAZIONE PROFESSIONALE. Laurea in Architettura conseguita presso il Politecnico di Torino in data 22 Febbraio 1988;

FORMAZIONE PROFESSIONALE. Laurea in Architettura conseguita presso il Politecnico di Torino in data 22 Febbraio 1988; FORMAZIONE PROFESSIONALE NOME: Paolo COGNOME: Negri DATA DI NASCITA: 31.05.1960 LUOGO DI NASCITA: Govone (CN) CITTADINANZA: italiana INDIRIZZO: via G. Rossini, 10/1 14015 San Damiano d Asti Iscritto all

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

Studio Tecnico Barbero Associati

Studio Tecnico Barbero Associati Dott. Arch. Luigi Barbero Dott. Ing. Arch. Giuseppe Barbero Spett.le Comune di Valenza OGGETTO: Relazione tecnico-illustrativa dell area a Valenza, SUE C25 del PRGC. L area SUE C25, oggetto del presente

Dettagli

CHIGIANO IL BORGO ROSA

CHIGIANO IL BORGO ROSA CHIGIANO IL BORGO ROSA Un angolo di serenità tra le colline marchigiane Vista del borgo dalla strada provinciale Siamo nelle Marche, tra le colline dell Appennino, a 40 minuti dal mare Adriatico e altrettanti

Dettagli

FOTO D'INSIEME VISTA AEREA DATA CENSIMENTO GIUGNO 2009. COMUNE: BONDENO, loc. Burana TOPONIMO: INDIRIZZO: VIA PONTE SANTI BURANA DATI CATASTALI 35/11

FOTO D'INSIEME VISTA AEREA DATA CENSIMENTO GIUGNO 2009. COMUNE: BONDENO, loc. Burana TOPONIMO: INDIRIZZO: VIA PONTE SANTI BURANA DATI CATASTALI 35/11 TOPONIMO: DATI CATASTALI 35/11 Edificio residenziale isolato, attualmente non abitato e in disuso, il cui stato di conservazione è tuttavia discreto. L'impianto planimetrico è a in linea, con cellule a

Dettagli

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2

Planimetria Unità Organica. Iconografia. Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 N 14 Planimetria Unità Organica Iconografia Cono di ripresa n. 1 Cono di ripresa n. 2 Cono di ripresa n.3 PIANO di GOVERNO del TERRITORIO di PALOSCO- Nuclei di Antica Formazione N.14 Disciplina Spazi Edificati

Dettagli

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA

IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA IL DUOMO RACCONTA LA SUA STORIA C a l e n da r i o 2 0 1 2 Nel 1481 il neoeletto vescovo di Pavia, Ascanio Sforza, presentò un progetto di ampliamento e rinnovo delle due cattedrali gemelle di Santo Stefano

Dettagli

Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia

Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia 1 Lo scavo della villa romana di San Felice, territorio di Gravina in Puglia, giugno e luglio 2010. Rapporto preliminare alla Soprintendenza Archeologica per la Puglia La campagna di scavo effettuata durante

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA Prova pratico-grafica (6 ore) 1 Tema Progetto di Villa Urbana

Dettagli

Parere n. 2/2010 P.R.G. del Comune. Applicazione norme di attuazione in assenza di disposizioni normative nazionali e regionali

Parere n. 2/2010 P.R.G. del Comune. Applicazione norme di attuazione in assenza di disposizioni normative nazionali e regionali Parere n. 2/2010 P.R.G. del Comune. Applicazione norme di attuazione in assenza di disposizioni normative nazionali e regionali Vengono chiesti quattro distinti pareri su specifiche questioni in materia

Dettagli

Inquadramento territoriale 2 NOTE STORICHE 3 LO STATO DEI LUOGHI 5 INTERVENTI DI PROGETTO 6. Allegato 1 - DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

Inquadramento territoriale 2 NOTE STORICHE 3 LO STATO DEI LUOGHI 5 INTERVENTI DI PROGETTO 6. Allegato 1 - DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA INDICE Inquadramento territoriale 2 NOTE STORICHE 3 LO STATO DEI LUOGHI 5 INTERVENTI DI PROGETTO 6 Allegato 1 - DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA Inquadramento territoriale NOTE STORICHE Il monastero benedettino

Dettagli

CARMELA SIRELLO RESTAURO ARCHEOLOGICO E CONSERVAZIONE OPERE D ARTE

CARMELA SIRELLO RESTAURO ARCHEOLOGICO E CONSERVAZIONE OPERE D ARTE CARMELA SIRELLO RESTAURO ARCHEOLOGICO E CONSERVAZIONE OPERE D ARTE La ditta Carmela Sirello Restauro Archeologico e Conservazione Opere d Arte opera dal 1991 nel settore della valorizzazione e della conservazione

Dettagli

GLI SCRITTI DI TOBIA ALDINI

GLI SCRITTI DI TOBIA ALDINI LORENZO ALDINI GLI SCRITTI DI TOBIA ALDINI Mi è sembrato doveroso ricordare la figura di Tobia Aldini, mio padre, nell anno della sua scomparsa, attraverso il profilo bibliografico da cui si legge il percorso

Dettagli

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala A, piano terra, int. 2

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala A, piano terra, int. 2 UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala A, piano terra, int. 2 E POSTO AUTO SCOPERTO SITO IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala A, piano terra, int.1 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE

Dettagli

Laboratori didattici per bambini e ragazzi

Laboratori didattici per bambini e ragazzi Laboratori didattici per bambini e ragazzi SCUOLA DELL INFANZIA/SCUOLA PRIMARIA (I CICLO) TEMATICA: ARCHEOLOGIA PER I Più PICCOLI Favole in museo Obiettivi: l'approccio alla storia avviene attraverso la

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Oggetto: Lavori di miglioramento sismico dell ex convento di San Biagio Importo intervento 120.000,00 RELAZIONE GENERALE DEL PROGETTO ESECUTIVO Articolo 34 del Regolamento approvato con D.P.R.207/2010

Dettagli

Gargnano, 14 agosto 2013

Gargnano, 14 agosto 2013 Gargnano, 14 agosto 2013 Alla Soprintendenza dei Beni Architettonici e del Paesaggio delle Province di Brescia, Mantova e Cremona all attenzione del Soprintendente, arch. Andrea Alberti Palazzo Porro Schiaffinati

Dettagli

RTP - Architetti Giorgio Rossi, Chiara Avagnina, Paolo Bovo Saluzzo (CN) Pag. 1

RTP - Architetti Giorgio Rossi, Chiara Avagnina, Paolo Bovo Saluzzo (CN) Pag. 1 Saluzzo (CN) Pag. 1 Saluzzo (CN) Pag. 2 La proposta di recupero della manica (o castello) di mezzo è destinata a completare i restauri conservativi avviati precedentemente sull edificio nel corso delle

Dettagli

Ferrara 2002 Massimo e Gabriella Carmassi

Ferrara 2002 Massimo e Gabriella Carmassi Studio della collocazione urbana del polo museale d arte moderna e contemporanea di Ferrara e per la redazione dei rilievi degli edifici costituenti il polo museale Ferrara 2002 Massimo e Gabriella Carmassi

Dettagli

Il rilievo ai fini del progetto di restauro

Il rilievo ai fini del progetto di restauro Il rilievo ai fini del progetto di restauro A. Rilievo Grafico 1. Cartografia a. Corografia in scala 1/25.000, 1/10.000 b. Planimetria urbana (pianta catastale) in scala 1/2.000, 1/1.000 c. Planimetria

Dettagli

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1

UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1 UNITÀ ABITATIVA SITA IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, int.1 E BOX AUTO SITO IN Roma, Via Monti Parioli n.62, scala B, piano terra, n.2 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELLE UNITÀ

Dettagli

versus strutture intelaiate in c.a.

versus strutture intelaiate in c.a. Costruire oggi: muratura portante versus strutture intelaiate in c.a. DI M. Boscolo Bielo Godega di S. Urbano (TV) L analisi dei costi per la realizzazione di un edificio per il terziario a Godega di S.

Dettagli

Nell ambito della missione archeologica del sito di Paikuli, si è scelto di utilizzare una metodologia di rilievo finalizzata sia allo studio del

Nell ambito della missione archeologica del sito di Paikuli, si è scelto di utilizzare una metodologia di rilievo finalizzata sia allo studio del La prima fase dell attività topografica e di rilevamento si é svolta nel periodo che va dal 25 Settembre al 25 Ottobre 2006 ed é stata realizzata da Angela Bizzarro e Alessandro Tilia. L immagine rappresenta

Dettagli

Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria

Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria Introduzione all archeologia percorso per le classi terze della scuola primaria SINTESI DEL PRIMO INCONTRO Nel presentare ai bambini la parola archeologia, si scopre che essi l associano, quasi invariabilmente,

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Camillo Riccio Architetto di Monica Montesi, Relatore: Micaela Viglino Correlatore: Elena

Dettagli

I BORGHI DELLA VALNERINA

I BORGHI DELLA VALNERINA CASTELDILAGO E VALNERINA 1 I BORGHI DELLA VALNERINA PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E RIQUALIFICAZIONE DELL OFFERTA TURISTICA La Cooperativa Ergon, attuale proprietaria di un consistente patrimonio

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO

DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO DESCRIZIONE DEL SITO TIPO D INTERVENTO Il complesso immobiliare, oggetto di richiesta di variante, è ubicato in Comune di CAVOUR, Via Gioberti - Piazza San Martino n 2, ed è costituito da un area si sui

Dettagli

USO ATTUALE. Museo, ingresso al parco delle Grotte, punto di ristoro con servizio di bar, sala per conferenze o esposizioni.

USO ATTUALE. Museo, ingresso al parco delle Grotte, punto di ristoro con servizio di bar, sala per conferenze o esposizioni. 2.3 Comune di Valstagna, Oliero, Grotte di Oliero. Cartiera Parolini e area degli antichi opifici. LUOGO. Comune di Valstagna, Grotte di Oliero. OGGETTO. Cartiera Parolini. CATASTO. CRONOLOGIA. Fine XVII

Dettagli

Complesso Reniccioli

Complesso Reniccioli Complesso Reniccioli Alcune informazioni sui restauri del complesso Reniccioli. Il primo restauro effettuato sotto la direzione dell arch. A. Tosatti, nel 1970 riporta allo splendore iniziale, la villa.

Dettagli

OGGETTO: SEGNALAZIONE E RICHIESTA DI INTERVENTO RIGUARDO L ADOZIONE DEL PIANO DI RECUPERO PR18 VIA BORGO SOTTO IN SONCINO (CR)

OGGETTO: SEGNALAZIONE E RICHIESTA DI INTERVENTO RIGUARDO L ADOZIONE DEL PIANO DI RECUPERO PR18 VIA BORGO SOTTO IN SONCINO (CR) ROBERTO MARONI Presidente Regione Lombardia Piazza Città di Lombardia, 1 20124 MILANO VIVIANA BECCALOSSI Assessore Territorio, Urbanistica e Difesa del suolo Piazza Città di Lombardia, 1 20124 MILANO MASSIMILIANO

Dettagli