Fondazione Rosselli Torino, 5 dicembre Marco Morganti Amministratore Delegato Banca Prossima Responsabile Laboratorio Banca e Società

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fondazione Rosselli Torino, 5 dicembre 2007. Marco Morganti Amministratore Delegato Banca Prossima Responsabile Laboratorio Banca e Società"

Transcript

1 Fondazione Rosselli Torino, 5 dicembre 2007 Marco Morganti Amministratore Delegato Banca Prossima Responsabile Laboratorio Banca e Società

2 Premessa Oggi il nonprofit italiano, per numero di imprese, persone e volumi di attività, è primo in Europa insieme a quello inglese. Una parte sempre più importante del welfare in Italia sarà resa possibile -direttamente o indirettamente- da organizzazioni nonprofit. Le dinamiche economiche, sociali e istituzionali in corso e la nuova normativa dell Impresa Sociale indirizzano il nonprofit verso forme organizzative più strutturate e verso un più adeguato accesso al credito. Tale evoluzione sfida una grande banca come Intesa Sanpaolo, vicina da sempre a questo settore, a rafforzare la sua capacità di supportare lo sviluppo delle imprese sociali e di tutto il nonprofit. 2

3 Impresa sociale: il nuovo spazio legislativo Legge n Dlgs n Disciplina dell Impresa Sociale Art.1 Definizione Acquisiscono la qualifica di Impresa Sociale tutte le organizzazioni private che esercitano in via stabile e principale una attività economica organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o servizi di utilità sociale diretta a realizzare finalità di interesse nazionale. Agli Enti Ecclesiastici ed alle altre confessioni religiose che hanno stipulato patti con lo Stato si applicano le norme previste dal Decreto Art.2 Aree d intervento Assistenza sociale Assistenza sanitaria Assistenza Socio Sanitaria Turismo sociale Formazione extra scolastica Formazione universitaria e post universitaria Servizi strumentali alle imprese Educazione, Istruzione e formazione Tutela ambientale ed ecosistema Valorizzazione del patrimonio culturale Ricerca ed erogazione di servizi culturali Art.3 Assenza di lucro Destina gli utili e gli avanzi di gestione allo svolgimento delle attività statutarie o all incremento del patrimonio Art.13 Devoluzione del Patrimono In caso di cessazione dell impresa, il patrimonio è devoluto a organizzazioni non lucrative di utilità sociale 3

4 Le dimensioni del nonprofit in Italia In Italia operano organizzazioni nonprofit, con entrate complessive per 45 miliardi di euro. Il nonprofit è il più vasto ambito lavorativo in Italia, con di operatori, di cui oltre retribuiti e 3,3 milioni volontari. Ha la maggiore partecipazione femminile (60%) e giovanile (65% sotto i 40 anni). Dopo la Scuola, ha la più alta densità di persone con istruzione superiore e universitaria (70%). 4

5 La distribuzione geografica del nonprofit italiano Nord Organizzazioni nonprofit sul totale NP Italia 52,0% Organizzazioni su abitanti 50 Centro ,6% 51 Sud ,3% 28 Italia

6 La presenza nei principali settori Settori Organizzazioni Dipendenti Volume d'affari (mld ) Cultura, sport e ricreazione ,8 Assistenza sociale ,9 Relazioni sindacali ,6 Istruzione e ricerca ,6 Sanità ,5 Tutela diritti ,6 Promozione e formazione religiosa ,7 Sviluppo economico ,0 Ambiente ,2 Cooperazione e solidarietà ,6 Altri ,1 Totali ,6 6

7 Imprese sociali: segnali di una crescita costante 1. NOVITA DEL FENOMENO Oltre la metà delle imprese sociali attive in Italia sono nate dopo il CRESCITA NUMERICA DELLE STRUTTURE 3. SVILUPPO DI STRUTTURE IMPRENDITORIALI 4. AMPLIAMENTO DEGLI AMBITI DI INTERVENTO 5. MAGGIORE ATTENZIONE ALLA QUALITA Dal 1991 l incremento delle organizzazioni è costante ( l anno). Le organizzazioni nonprofit stanno modificando la propria struttura per essere più imprenditoriali e più competitive Attività ricreative, culturali, ambientali, turistiche, sanitarie, assistenziali Miglioramento qualitativo dei servizi prodotti e maggiore professionalizzazione degli addetti 7

8 Il destino di crescita dell impresa sociale Un riequilibrio dei nostri livelli di spesa pubblica con quelli medi europei appare difficilmente sostenibile per il Paese (...) Molti dei servizi di welfare possono dunque transitare dal pubblico al privato sociale. I cittadini che accedono ai servizi offerti da Imprese Sociali riducono stabilmente il ricorso a strutture pubbliche, come se già esistesse una separazione per funzioni e il loro grado di soddisfazione fosse elevato Ricerca ISSAN Banca Intesa, 2006 Le cooperative sociali, che restano le maggiori fornitrici di servizi a pagamento, sono cresciute del 19% dal 2003 al 2005 (Istat, 2007) L Impresa Sociale dipende sempre di meno dal finanziamento pubblico. Oltre un quarto delle entrate delle cooperative di tipo A deriva da clienti privati. La percentuale sale al 50% per quelle di tipo B* (Istat, 2007). * Le cooperative di tipo A sono quelle che agiscono negli ambiti sociali (slide 3); le cooperative di tipo B sono quelle di inserimento lavorativo di persone svantaggiate 8

9 Il Destino di crescita dell impresa sociale: una proiezione economica Un confronto tra la spesa italiana e quella media UE in soli 4 settori del welfare mostra una potenzialità di crescita a breve di 40 miliardi di. Spesa media procapite UE Handicap 493 Anziani Casa (*) 126 Infanzia e 491 famiglia Spesa pro-capite Italia Spazio di crescita in Italia 8,5 mld 10 mld (**) 7,3 mld 15,3 mld (*) housing sociale + servizi di accompagnamento e accoglienza (**) 5mld da riduzione degenze ospedaliere attraverso sanità domiciliare + 5mld da organizzazione di badanti in cooperative sociali L Impresa Sociale può contribuire non solo a garantire un adeguato livello di servizi, ma anche a ridurre gli spazi del sommerso 9

10 Le banche possono contribuire alla crescita dell impresa sociale Le imprese sociali considerate in una ricerca del 2001*: lamentano l impossibilità di raccogliere capitale di rischio a causa del vincolo di non distribuzione dei profitti (contrariamente a quanto accade in UK e USA) coprono gli investimenti a medio lungo termine con autofinanziamento o con sussidi pubblici e privati utilizzano strumenti a breve, soprattutto il fido di cassa accedono con difficoltà al credito per la mancanza di interlocutori specializzati e presenti sul territorio rilevano eccessiva richiesta di garanzie e tempi lunghi di erogazione non si ritengono adeguatamente valutate da strumenti dedicati di rating dichiarano una scarsa attenzione da parte del mondo profit e in particolare delle banche * Unicattolica per Banca Intesa 10

11 La tradizione dei rapporti con le Imprese Sociali e le Comunità Intesa Sanpaolo ha una indiscussa posizione di leader del settore in Italia. Nel tradizionale segmento Enti Religiosi e Nonprofit serve oggi quasi Organizzazioni. Il totale dei crediti erogati supera 800 milioni di euro. Enti Religiosi 35% Enti Religiosi 24% 65% Nonprofit 76% Nonprofit per impieghi per numero di Organizzazioni servite 11

12 ...e un Laboratorio specializzato nel sociale Il Laboratorio Banca e Società è la struttura di progettazione sociale di Intesa Sanpaolo Attivo dal 2003, ha realizzato numerosi progetti finalizzati a rendere possibile o a facilitare l accesso al credito di persone o imprese sociali Per le persone - prevenzione dell usura - imprenditoria immigrata - prestito universitario - housing universitario - mutui per lavoratori discontinui - famiglie con anziani disabili Per le imprese sociali - turismo sociale - asili nido - Dopo di noi (case famiglia per i figli con handicap psichici che sopravvivono ai genitori) - commercio equo e solidale -Fondazione Talenti (patrimonio e missione degli Ordini Religiosi) - consorzio fidi sociale del territorio Dal febbraio 2006, il Laboratorio ha lavorato per trasformare questi progetti in impresa, dando vita a una banca esclusivamente dedicata al nonprofit. 12

13 L identità di Banca Prossima Banca Prossima è la prima banca europea specializzata nel nonprofit. Essa nasce dal patrimonio delle relazioni di Intesa Sanpaolo con le Organizzazioni nonprofit laiche e religiose e dalle esperienze innovative del Laboratorio, Banca Prossima ha come obiettivo statutario la creazione di valore sociale, secondo quattro linee sinergiche di azione: innalzare il livello di soddisfazione delle Organizzazioni clienti (e acquisirne di nuove) attraverso strumenti, prodotti, professionisti interamente dedicati; interpretare e condividere da pari a pari i bisogni del mondo nonprofit facendone proprie per quanto possibile le caratteristiche. essere banca, ossia agire con la leva del credito e non con quella dell erogazione a fondo perduto; aggregare tutte le forze disponibili e interessate (Impresa Sociale, PA, Fondazioni) in progetti multistakeholder più efficaci per la Società. 13

14 Banca Prossima: i punti di forza 1 - prodotti per rispondere ai bisogni finanziari dell Impresa Sociale 2 - la capillarità e le capacità di un grande Gruppo 3 - strumenti nuovi per valutare l impresa sociale 4 - veri specialisti del nonprofit 5 - il Fondo per lo sviluppo dell impresa sociale 6 - una governance inclusiva 7 - le stesse regole del nonprofit 14

15 1 prodotti per rispondere ai bisogni finanziari dell Impresa Sociale In collaborazione con le imprese sociali sono stati rilevati 20 principali bisogni finanziari: sostegno alla liquidità sostegno alla crescita supporto allo start up aziendale sostegno alla capitalizzazione servizi di tesoreria anticipo contributi pubblici strumenti di finanza strumenti di finanza straordinaria prestito ai soci strumenti di capitalizzazione leasing e factoring strumenti di incasso e pagamento prodotti per la raccolta consulenza immobiliare e fiscale di impresa fondi previdenziali credito al consumo per l acquisto di servizi prestiti d onore microcredito Banca Prossima rende disponibili prioritariamente 4 famiglie di prodotti: Prossima Sistema Conti (persone fisiche, piccole imprese, medie imprese) Prossima Anticipazione (anticipazione di contributi da PA e Privato) Obbligazione solidale (emissioni di titoli istituzionali e retail) Prossima Orizzonti (finanziamenti a medio/lungo termine) 15

16 2 la capillarità e le capacità di un grande Gruppo Le esigenze dell Impresa Sociale non sono meno complesse di quelle dell impresa profit. Il supporto di una banca dedicata deve essere completo e accessibile ovunque. Banca Prossima valorizza tutte le capacità e tutta la presenza territoriale del Gruppo Intesa Sanpaolo. 100 Responsabili di relazione Gestione della relazione Consulenza Attività commerciale che non richiede l accesso a sedi attrezzate CLIENTE 2 sedi operative Prossima (Milano e Roma) Attività bancaria completa 50 Filiali locali Gestione della relazione Consulenza Attività commerciale che richiede l accesso a sedi attrezzate Canali diretti Internet banking Banca telefonica 6000 Filiali Intesa Sanpaolo Operatività completa di sportello 16

17 3 strumenti nuovi per valutare l impresa sociale Le imprese sociali, poco patrimonializzate e non sempre dotate di professionalità adeguate nell ambito finanziario, necessitano di strumenti specialistici di valutazione. Il modello di valutazione di Banca Prossima non è in contrasto con i tradizionali metodi di analisi bancaria ma li integra con elementi importanti per il nonprofit (la capacità di fund raising, il successo nei progetti finanziati da PA e Fondazioni, la percentuale di commesse da privati, la governance interna) e apre così un nuovo capitolo nei sistemi di valutazione dell impresa sociale. Il modello originale di Rating dell Impresa Sociale messo a punto da Banca Prossima considera l impresa al centro della complessa rete di relazioni di servizio che la legano alla società. 17

18 4 veri specialisti del nonprofit Per ridurre la distanza culturale rispetto alle imprese sociali, Banca Prossima ha scelto i suoi responsabili territoriali di relazione fra i dipendenti Intesa Sanpaolo secondo criteri del tutto nuovi: una capacità professionale che consenta di rispondere a tutto tondo ai bisogni dei clienti le esperienze personali maturate, come volontari, in organizzazioni nonprofit. la candidatura volontaria ad entrare in Banca Prossima 18

19 5 il Fondo per lo sviluppo dell impresa sociale Strumenti di rating, prodotti specialistici e persone che vivono il nonprofit possono non bastare quando le imprese sociali sono troppo piccole o troppo giovani o hanno progetti con un difficile break even o infine quando operano in contesti non favorevoli. Per questo Banca Prossima è dotata di uno speciale fondo rischi ( Fondo per lo sviluppo dell impresa sociale ) alimentato dagli utili della società e in grado di consentire interventi su soggetti e progetti altrimenti esclusi dal credito. Così, il Fondo realizza un principio di mutualità fra tutte le Organizzazioni. 19

20 6 una governance inclusiva Banca Prossima accoglie rappresentanti del nonprofit nei propri organi societari. Il Comitato per la solidarietà e lo sviluppo è un board formato da studiosi, manager o professionisti di spicco del mondo nonprofit. Loro compito principale è contribuire a disegnare le strategie di utilizzo del Fondo, assegnare degli obiettivi e valutare pubblicamente ex post l efficacia dell azione di Banca Prossima. 20

21 7 le stesse regole del nonprofit Banca Prossima trattiene nel patrimonio solo il costo del capitale; tutto l eccedente è destinato a dividendi (non più del 50%) o al Fondo (non meno del 50%). Nei primi 10 anni di attività gli azionisti rinunciano ai dividendi, che vanno integralmente ad alimentare il Fondo. Come un Impresa Sociale, Banca Prossima si impegna in caso di cessazione dell attività a devolvere il Fondo in beneficenza. 21

22 I primi obiettivi di Banca Prossima Banca Prossima si è posta importanti obiettivi per il suo primo triennio: portare in Banca Prossima imprese sociali attualmente servite da Intesa Sanpaolo, e acquistarne di nuove alimentare il fondo per lo sviluppo delle imprese sociali fino a 20 milioni di, che potrebbero consentire 80 milioni di di prestiti a imprese sociali escluse dal credito in tutti i settori di attività del nonprofit, dare vita a progetti-rete con caratteristiche e risultati simili a quelli di PAN (Progetto Asili Nido). 22

23 Progetti-rete. L esperienza di PAN PAN - Progetto Asili Nido comincia a operare nel Obiettivo: far nascere 500 asili nido cooperativi in tutta Italia, con un giusto rapporto qualità-prezzo. Intesa Sanpaolo crea un Consorzio con le maggiori Reti di Cooperazione Sociale: FIS CdO, Legacoop, CGM. Il Consorzio seleziona, forma, accompagna i neoimprenditori fino all apertura del nido, e si pone come loro garante verso la banca per il 5% dei prestiti da erogare. La banca completa la formazione per gli aspetti finanziari e concede fino a di prestito per struttura, senza garanzie personali. In poco più di 2 anni sono stati aperti 260 asili nido in tutta Italia. Non si registra nessun default nella restituzione del prestito. Nelle strutture PAN operano 1600 educatrici (età media 30 anni, tutte laureate) e sono accolti i bambini di 6000 famiglie. PAN è la più grande rete di servizi per l infanzia in Italia 23

24 Progetti-rete. La sfida del Dopo di noi La prossima applicazione del modello PAN riguarda un altra e ben più drammatica emergenza italiana: l accoglienza dei ragazzi portatori di handicap psichici che sopravvivono ai propri genitori. La novità dell esperienza, l estrema delicatezza della materia, la lunghissima prospettiva della tutela delle persone disabili fino ad età avanzata rendono la casa famiglia per il Dopo di noi il più difficile tipo di iniziativa: un autentica frontiera dell Impresa Sociale. ANFFAS (maggiore organizzazione italiana di famiglie con disabili psichici) Comunità Solidali (rete di Imprese Sociali specializzate nel disagio psichiatrico) e Banca Prossima hanno creato ALFA, ALtra FAmiglia dopo di noi, prima impresa sociale italiana, con l obiettivo di attivare in due anni 100 case-famiglia per ragazzi. 24

Milano, 29 ottobre 2007 - Presentazione di

Milano, 29 ottobre 2007 - Presentazione di Milano, 29 ottobre 2007 - Presentazione di Premessa Oggi il nonprofit italiano, per numero di imprese, persone e volumi di attività, è primo in Europa insieme a quello inglese. Una parte sempre più importante

Dettagli

Nonprofit: un pilastro del Paese

Nonprofit: un pilastro del Paese Banca Prossima 1 Nonprofit: un pilastro del Paese Il mondo nonprofit è fondamentale per l economia e la società italiane 250.000 organizzazioni «laiche» 26,4 milioni di utenti diretti (il 45% della popolazione)

Dettagli

Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali

Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Sociologia Corso di laurea in Servizio Sociale Anno Accademico 2008/09 Corso Organizzare un servizio Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali

Dettagli

Il modello cooperativo e l accesso al credito: criticità e soluzioni. Lorenzo Mancini Responsabile Regionale Toscana, Umbria, Lazio e Sardegna

Il modello cooperativo e l accesso al credito: criticità e soluzioni. Lorenzo Mancini Responsabile Regionale Toscana, Umbria, Lazio e Sardegna Il modello cooperativo e l accesso al credito: criticità e soluzioni Lorenzo Mancini Responsabile Regionale Toscana, Umbria, Lazio e Sardegna Bologna, 23 gennaio 2015 Nonprofit: un pilastro del Paese Il

Dettagli

A cura di. Roberto Randazzo,, Docente Università Bocconi e Avvocato

A cura di. Roberto Randazzo,, Docente Università Bocconi e Avvocato Impresa sociale: che fare? A cura di Roberto Randazzo,, Docente Università Bocconi e Avvocato Il Terzo Settore: una visione d insieme ¾5/6% del PIL ¾Quasi un milione di occupati ¾Oltre 4 milioni di volontari

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova solidar Chi siamo La mission Sol.Co. Mantova (Solidarietà e Cooperazione) è un consorzio di cooperative sociali impegnate nella

Dettagli

REGIONE PUGLIA AVVISO PUBBLICO N. 2/2015 FINANZIAMENTO DI STRUTTURE E INTERVENTI SOCIALI E SOCIOSANITARI PER SOGGETTI BENEFICIARI PRIVATI

REGIONE PUGLIA AVVISO PUBBLICO N. 2/2015 FINANZIAMENTO DI STRUTTURE E INTERVENTI SOCIALI E SOCIOSANITARI PER SOGGETTI BENEFICIARI PRIVATI REGIONE PUGLIA AVVISO PUBBLICO N. 2/2015 FINANZIAMENTO DI STRUTTURE E INTERVENTI SOCIALI E SOCIOSANITARI PER SOGGETTI BENEFICIARI PRIVATI OBIETTIVI Favorire, attraverso il supporto agli investimenti di

Dettagli

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè

Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè Un progetto per l autonomia dei giovani: perchè I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: il prolungamento della gioventù, il ritardo nell accesso

Dettagli

Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire,

Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire, Avviso pubblico n. 2/2015 - Finanziamento di strutture e interventi sociali e sociosanitari per soggetti beneficiari privati OBIETTIVI Favorire, attraverso il supporto agli investimenti di organizzazioni

Dettagli

Fa La Cosa Giusta Fieramilanocity 30 marzo 1 aprile 2012 IL GRUPPO COOPERATIVO NAZIONALE CGM PER LA PRIMA VOLTA PARTNER DI FA LA COSA GIUSTA

Fa La Cosa Giusta Fieramilanocity 30 marzo 1 aprile 2012 IL GRUPPO COOPERATIVO NAZIONALE CGM PER LA PRIMA VOLTA PARTNER DI FA LA COSA GIUSTA Fa La Cosa Giusta Fieramilanocity 30 marzo 1 aprile 2012 IL GRUPPO COOPERATIVO NAZIONALE CGM PER LA PRIMA VOLTA PARTNER DI FA LA COSA GIUSTA CONSORZI E COOPERATIVE SOCIALI ESPORRANNO, IN UNO STAND DI 90MQ,

Dettagli

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida

Regione Toscana. Regione Toscana. Guida Regione Toscana Regione Toscana Guida Indice Presentazione Un progetto per l autonomia dei giovani Le opportunità di Giovanisì Tirocini Casa Servizio civile Fare impresa Lavoro Studio e formazione Info

Dettagli

31 dicembre 2010. 14 marzo 2010. Non è stabilita alcuna scadenza per la presentazione delle richieste

31 dicembre 2010. 14 marzo 2010. Non è stabilita alcuna scadenza per la presentazione delle richieste Soggetti finanziatori Progetto Scadenza ALLEANZA ASSICURAZIONI Iniziative che hanno come scopo: 1. progetti di formazione e/o inserimento professionale dei giovani finalizzati all'uscita da situazioni

Dettagli

Chi siamo Associazione PerMicroLab Onlus non ha scopo di lucro finalità solidarietà sociale

Chi siamo Associazione PerMicroLab Onlus non ha scopo di lucro finalità solidarietà sociale Indice Chi siamo La nostra mission La nostra storia I soci Con chi collaboriamo Il programma Youth Business Italy Il Mentoring I Mentor volontari Contatti Chi siamo L Associazione PerMicroLab Onlus, già

Dettagli

EURO P.A. Salone delle autonomie locali Rimini 29 marzo 2007

EURO P.A. Salone delle autonomie locali Rimini 29 marzo 2007 EURO P.A. Salone delle autonomie locali Rimini 29 marzo 2007 Presentazione di Coopfond Fondo Mutualistico di Legacoop di Gianluca Laurini Area Capitale di Rischio LE ORIGINI I Fondi mutualistici nascono

Dettagli

ore Sala Consiliare del Comune di Bellano

ore Sala Consiliare del Comune di Bellano ore Sala Consiliare del Comune di Bellano IL PERCORSO Valutazione del Piano di Zona 2009/2011 Definizione regole di partecipazione del Terzo Settore Definizione della nuova governance Definizione delle

Dettagli

SCHEDA SINTETICA Legge 8 novembre 2000, n. 328 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali"

SCHEDA SINTETICA Legge 8 novembre 2000, n. 328 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali SCHEDA SINTETICA Legge 8 novembre 2000, n. 328 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali" SCOPO E OBIETTIVO La Legge 328/2000 intitolata "Legge quadro per

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI GLI STRUMENTI DI ACCESSO AL CREDITO DI RILIEVO NAZIONALE FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Il Fondo di garanzia per le PMI, gestito dal Medio Credito Centrale-Unicredit e istituito con la L. 662/96 ha conosciuto

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NO-PROFIT APRILE 2011 LIVELLO NAZIONALE

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NO-PROFIT APRILE 2011 LIVELLO NAZIONALE NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NO-PROFIT APRILE 2011 LIVELLO NAZIONALE BENEFICIARI DESCRIZIONE SINTETICA DEL BANDO TERMINI DI PRESENTAZIONE Centri di ricerca, Enti pubblici, Imprese, PMI, Università,

Dettagli

Rapporto Irisnetwork seconda edizione Questionario potenziali imprese sociali

Rapporto Irisnetwork seconda edizione Questionario potenziali imprese sociali Rapporto Irisnetwork seconda edizione Questionario potenziali imprese sociali nome e cognome intervistato: indirizzo email di contatto: sito internet dell impresa: I sezione: Costituzione dell impresa

Dettagli

LE POLITICHE GIOVANILI IN ITALIA: ESPERIENZE E PROSPETTIVE

LE POLITICHE GIOVANILI IN ITALIA: ESPERIENZE E PROSPETTIVE www.riccardograssi.it info@riccardograssi.it Master interuniversitario Joventut i Societat Condizione giovanile e politiche giovanili nel sud Europa LE POLITICHE GIOVANILI IN ITALIA: ESPERIENZE E PROSPETTIVE

Dettagli

Banca Dati Rete Consortile. Questionario raccolta dati cooperative di tipo A

Banca Dati Rete Consortile. Questionario raccolta dati cooperative di tipo A Pagina 1 di 14 Questionario raccolta dati cooperative di tipo A Il presente questionario intende promuovere un indagine finalizzata a rilevare le informazioni necessarie per la redazione del bilancio sociale

Dettagli

LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A

LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A Cooperazione Sociale di tipo A Impresa tra: Welfare Non Profit Occupazione di genere "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 2 Primo Censimento

Dettagli

3 slide: CGM s partners

3 slide: CGM s partners PRESENTAZIONE CGM Intervento Susanna Rognini: testo per lettura Slide di copertine Mi presento brevemente: mi chiamo Susanna Rognini: sono un cooperatore, presidente di una cooperativa sociale attiva sul

Dettagli

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale

CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE. Proposta di azione sociale CENTRO SOCIO CUTURALE IL PALAZZONE Proposta di azione sociale Breve descrizione dell Idea / Progetto /Proposta Il Centro Socio Culturale Il Palazzone nasce in una zona della città legata a doppio filo

Dettagli

Circolo Culturale Giovanile di Porta Romana Onlus

Circolo Culturale Giovanile di Porta Romana Onlus Circolo Culturale Giovanile di Porta Romana Onlus OSTELLO INTEGRATO VITA AUTONOMA CURATA PER PERSONE CON SINDROME DI DOWN L OSTELLO Totale 380 mq I NOSTRI tot. 8 camere PARTNER da letto tot. 22-24 posti

Dettagli

L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini

L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini Mestre, 3 luglio 2013 AGENDA 1. Cosa è Euricse 2. La Social Economy Guide 3. L Impresa Sociale in Europa COSA E EURICSE Euricse

Dettagli

Carta dei servizi della Cooperativa Sociale Novo Millennio

Carta dei servizi della Cooperativa Sociale Novo Millennio Carta dei servizi della Cooperativa Sociale Novo Millennio Sede Legale : Via Zucchi, 22/B - 20900 Monza Segreteria Operativa: Via Montecassino, 8-20900 Monza info@novomillennio.it - www.novomillennio.it

Dettagli

LE ISTITUZIONI NON PROFIT IN PUGLIA

LE ISTITUZIONI NON PROFIT IN PUGLIA Censimento dell industria e dei servizi 2011 LE ISTITUZIONI NON PROFIT IN PUGLIA Massimo Lori Direzione Centrale delle rilevazioni censuarie e dei registri statistici Istat Il Censimento delle Istituzioni

Dettagli

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali

Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali Fund raising: una sfida (possibile) per le cooperative sociali di Giosué Pasqua L appromento Le cooperative sociali, protagoniste nella creazione della coesione sociale e del welfare state, avvertono sempre

Dettagli

ALLEGATO B UNA DEFINIZIONE DI DISTRETTO DI WELFARE: una offerta ampia e diversificata di servizi; una capacità di costruire filiere

ALLEGATO B UNA DEFINIZIONE DI DISTRETTO DI WELFARE: una offerta ampia e diversificata di servizi; una capacità di costruire filiere ALLEGATO B UNA DEFINIZIONE DI DISTRETTO DI WELFARE: una offerta ampia e diversificata di servizi; una capacità di costruire filiere (dal Bilancio Sociale di sistema del Consorzio Comunità Brianza 2012)

Dettagli

BILANCIO SOCIALE 2011

BILANCIO SOCIALE 2011 BILANCIO SOCIALE 2011 Estratto del Bilancio Sociale 2011 1 Il Consorzio Farsi Prossimo è costituito da 11 cooperative sociali (al 31/12/2011), che operano sul territorio della Diocesi di Milano, unite

Dettagli

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T.

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. SEZIONE 1. DATI ANAGRAFICI DELL ORGANIZZAZIONE Denominazione dell Organizzazione Acronimo (Sigla) Indirizzo della sede Presso¹ CAP Telefono Comune Fax E-mail PEC Sito web

Dettagli

Supply demand gap analysis. Cinzia Pollio - Koinon

Supply demand gap analysis. Cinzia Pollio - Koinon Supply demand gap analysis Cinzia Pollio - Koinon Presentazione dei risultati del progetto Attracting communities towards social enterprise investment - ACT SOCIAL 23 giugno 2015 - Università degli Studi

Dettagli

Progetti ad oggi finanziati Ad oggi, grazie al risparmio raccolto con Ethical Banking, è stato possibile finanziare i seguenti progetti:

Progetti ad oggi finanziati Ad oggi, grazie al risparmio raccolto con Ethical Banking, è stato possibile finanziare i seguenti progetti: Premessa Ethical Banking è il nome che la Bcc di Filottrano ha dato ad una nuova proposta di finanza etica locale per un utilizzo solidale del credito e del risparmio. Cos è e come funziona Ethical Banking

Dettagli

DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE 2013

DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE 2013 DOCUMENTO PROGRAMMATICO PREVISIONALE 2013 II Documento programmatico previsionale annuale determina le finalità, le priorità, le risorse disponibili e le modalità operative della Fondazione nello svolgimento

Dettagli

Cassa depositi e prestiti

Cassa depositi e prestiti Cassa depositi e prestiti Il Gruppo Cassa depositi e prestiti opera a sostegno della crescita del Paese ed impiega le sue risorse, prevalentemente raccolte attraverso il Risparmio Postale (Buoni fruttiferi

Dettagli

Piano di azione Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma Bando senza scadenza

Piano di azione Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma Bando senza scadenza Piano di azione Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma Bando senza scadenza SOSTENERE IL DOPO DI NOI DURANTE NOI IL PROBLEMA La famiglia non riesce a

Dettagli

PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI. Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA

PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI. Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA PARTE II: IMPRENDITORI ESTERNI Cap. 8: GLI INCUBATORI D IMPRESA Introduzione «Imprenditori di imprenditori» Definizione incubatore Per INCUBATORE D IMPRESA si intende un istituzione che interagisce con

Dettagli

GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI: OPPORTUNITA NEL MONDO NON PROFIT

GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI: OPPORTUNITA NEL MONDO NON PROFIT 1 GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI: OPPORTUNITA NEL MONDO NON PROFIT di Cecchetto Andrea U.G.D.C.E.C. di Vicenza Premessa Il mondo del «Terzo Settore» 1 o «non profit» rappresenta un

Dettagli

Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza

Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza Il Gruppo Banca Popolare di Vicenza a sostegno delle PMI Costante Turco Responsabile Direzione Regionale Centro Sud Italia di Banca Popolare di Vicenza Prato, 9 maggio 2013 La Storia e le caratteristiche

Dettagli

Attività 2011. www.fondazioneintesasanpaoloonlus.org

Attività 2011. www.fondazioneintesasanpaoloonlus.org Attività 011 www.fondazioneintesasanpaoloonlus.org c.f. 9749736015 Finalità statutarie La Fondazione Intesa Sanpaolo Onlus persegue scopi di utilità e solidarietà sociale: opera a favore di dipendenti

Dettagli

IMPEGNI DI MIGLIORAMENTO

IMPEGNI DI MIGLIORAMENTO IMPEGNI DI MIGLIORAMENTO Le ipotesi di miglioramento individuate lo scorso anno nel nostro primo Bilancio Sociale tracciano le linee di un percorso che abbiamo intrapreso nel 2002 e che intendiamo proseguire

Dettagli

promozione sociale Le associazioni e le associazioni di Requisiti per diventare associazioni...28 Articolazione del registro dell associazionismo...

promozione sociale Le associazioni e le associazioni di Requisiti per diventare associazioni...28 Articolazione del registro dell associazionismo... Le associazioni e le associazioni di promozione sociale ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE Requisiti per diventare associazioni...28 Articolazione del registro dell associazionismo...30 Procedura per l

Dettagli

OPPORTUNITÀ E FUTURO. Glossario

OPPORTUNITÀ E FUTURO. Glossario OPPORTUNITÀ E FUTURO Glossario A Acceleratore d impresa L acceleratore d impresa è una struttura di supporto alle start-up. Simile all incubatore, l acceleratore supporta le imprese nel passaggio dalla

Dettagli

SCHEDA Offerta formativa FIDET COOP Basilicata

SCHEDA Offerta formativa FIDET COOP Basilicata SCHEDA Offerta formativa FIDET COOP Basilicata 1) Corso in: GESTIONE ED ORGANIZZAZIONE DI IMPRESA SOCIALE: MANAGER DEL SOCIALE Cod. 1 - I.S. 2) Corso in GESTIONE AVANZATA DI IMPRESA SOCIALE: ECONOMIA,

Dettagli

S T A T U T O. ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE DI TUTTI I COLORI Occhiobello (RO) ART. 1 (Denominazione e sede)

S T A T U T O. ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE DI TUTTI I COLORI Occhiobello (RO) ART. 1 (Denominazione e sede) S T A T U T O ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE DI TUTTI I COLORI Occhiobello (RO) ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita, nel rispetto del Codice Civile e della normativa in materia, l associazione

Dettagli

Comune di Nave. TITOLO BANDO: Fondazione della Comunità bresciana: 1 bando 2014 Area Sociale (ASSOCIAZIONI-ENTI) - Scadenza 31/03/14.

Comune di Nave. TITOLO BANDO: Fondazione della Comunità bresciana: 1 bando 2014 Area Sociale (ASSOCIAZIONI-ENTI) - Scadenza 31/03/14. Comune di Nave CONTRIBUTI ALLE IMPRESE/ENTI/ASSOCIAZIONI AGGIORNAMENTO TERZO AGGIORNAMENTO FEBBRAIO 2014 Consulta l archivio completo sul sito del Comune: http://www.comune.nave.bs.it nella home page in

Dettagli

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA

NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI E IL LAVORO 1. PIANO GIOVANI SICILIA La Regione Siciliana in collaborazione con Italia Lavoro ha destinato 19.250.000 euro per l avviamento di percorsi di tirocinio per

Dettagli

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it

www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it www.mutuaperlamaremma.it info@mutuaperlamaremma.it 1 La Mutua per la Maremma La Banca della Maremma che, coerentemente con i propri principi ispiratori, valorizza la centralità della persona, ha deli berato

Dettagli

RICOMPORRE LA FRAMMENTAZIONE DEL SISTEMA DI WELFARE: L ESPERIENZA DEI PATTI DI SUSSIDIARIETA

RICOMPORRE LA FRAMMENTAZIONE DEL SISTEMA DI WELFARE: L ESPERIENZA DEI PATTI DI SUSSIDIARIETA WELFARE DI SECONDA GENERAZIONE PER IL BENESSERE E LA SALUTE RICOMPORRE LA FRAMMENTAZIONE DEL SISTEMA DI WELFARE: L ESPERIENZA DEI PATTI DI SUSSIDIARIETA Mission del Forum Terzo Settore, ruolo e responsabilità

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NON-PROFIT AGOSTO 2011 LIVELLO NAZIONALE

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NON-PROFIT AGOSTO 2011 LIVELLO NAZIONALE NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NON-PROFIT AGOSTO 2011 LIVELLO NAZIONALE BENEFICIARI DESCRIZIONE SINTETICA DEL BANDO TERMINI DI PRESENTAZIONE Aziende operanti nei seguenti settori prioritari: -

Dettagli

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 SERVIZIO/UFFICIO Servizi alla Persona RESPONSABILE dott.ssa Silvana Casamassima OBIETTIVO N. 1 PESO 20 SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 4.3.1- Investimento: - avvio della Comunità socio- educativa per persone

Dettagli

Imprese sociali e politiche di welfare: l esperienza della cooperazione sociale italiana

Imprese sociali e politiche di welfare: l esperienza della cooperazione sociale italiana Imprese sociali e politiche di welfare: l esperienza della cooperazione sociale italiana Carlo Borzaga Incontro bilateriale Italia/Albania su Il modello cooperativo italiano come strumento di sviluppo

Dettagli

I TAGLI AI FONDI PER LE POLITICHE SOCIALI E AI SERVIZI DI WELFARE LOCALE

I TAGLI AI FONDI PER LE POLITICHE SOCIALI E AI SERVIZI DI WELFARE LOCALE I TAGLI AI FONDI PER LE POLITICHE SOCIALI E AI SERVIZI DI WELFARE LOCALE La politica di riduzione delle risorse per il welfare e per i servizi sociali locali si sta realizzando attraverso la combinazione

Dettagli

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014.

È finanziato con risorse del Fondo sociale europeo pari a 74 milioni di euro. Ha avvio il I maggio 2014. La Garanzia Giovani è un progetto che intende assicurare ai ragazzi e alle ragazze tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano opportunità per acquisire nuove competenze e per entrare nel mercato

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NON-PROFIT DICEMBRE 2011 LIVELLO NAZIONALE

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NON-PROFIT DICEMBRE 2011 LIVELLO NAZIONALE NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA SETTORE NON-PROFIT DICEMBRE 2011 LIVELLO NAZIONALE BENEFICIARI DESCRIZIONE SINTETICA DEL BANDO TERMINI DI PRESENTAZIONE Enti locali; Fondazioni; ONG; ONLUS; Cooperative;

Dettagli

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione

Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione Identikit startup: giovani, orientate all estero e pronte a investire su lavoro e innovazione - 26 maggio 2015 - Continua a crescere il numero di start-up innovative nel nostro Paese: a fine aprile avevano

Dettagli

NUMERO VALORE PERCENTUALE

NUMERO VALORE PERCENTUALE Le istituzioni non profit in provincia di Cremona al Censimento del 2011 L Istat ha svolto il 9 Censimento generale dell industria e dei servizi ed il Censimento delle istituzioni non profit, rilevando

Dettagli

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012

ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 ACCORDO PIANI TRIENNALI DI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE 2010-2012 In vista della predisposizione e dell approvazione dei Piani triennali di Ambito territoriale sociale 2010-2012, le Segreterie provinciali

Dettagli

Stefano Barrese Responsabile Area Sales e Marketing Intesa Sanpaolo

Stefano Barrese Responsabile Area Sales e Marketing Intesa Sanpaolo Stefano Barrese Responsabile Area Sales e Marketing Intesa Sanpaolo Agenda Accordo tra ISP e Confindustria Piccola Industria: punti chiave Crescita: nuovo modello di servizio e specializzazione Credito:

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo

Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo Modulo 2 Principi e Tecniche di Fund Raising d.ssa Marta Buzzatti Fonte: Manuale di fund raising F. Ambrogetti, M.Coen Cagli, R. Milano FUND

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO LINEE DI INDIRIZZO DEL CICS PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO DA PARTE DELLE REGIONI, DELLE

Dettagli

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità Servizi Sociali in evoluzione: da selettività ad universalità Complessità Non Non si si limitano ad ad un un tempo preciso della della vita vita Pluralità di di interventi Personalizzazione degli degli

Dettagli

Domanda e offerta di credito

Domanda e offerta di credito 2/5/2013 Domanda e offerta di credito La situazione registrata nel 2012 in provincia di Nel 2012 si è registrata una contrazione della domanda di credito. Rispetto alla media regionale le imprese modenesi

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Si è riunita oggi la Cabina di Regia per l attuazione del Piano di azione per l occupabilità dei

Dettagli

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese

Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese II Conferenza regionale sul credito e la finanza per lo sviluppo Le iniziative del settore bancario a favore della patrimonializzazione delle imprese David Sabatini Resp. Ufficio Finanza Il sistema industriale

Dettagli

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti

PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti PIANO STRATEGICO DI SVILUPPO DEL TURISMO IN ITALIA (2016-2021) Primi Orientamenti 1. MOTIVAZIONI E SCELTE ESSENZIALI La capacità competitiva dell Italia nel mercato internazionale del turismo è largamente

Dettagli

Bilancio dei Bambini

Bilancio dei Bambini Asili nido comunali: n iscritti 2009 2010 2011 Var. % anno 2011-2010 Numero di strutture Asili nido Capienza dei posti disponibili Numero posti attivati Numero iscritti 27 28 28-1.214 1.254 1.258 0,32%

Dettagli

per micro PERCORSI DI MICROCREDITO

per micro PERCORSI DI MICROCREDITO per micro PERCORSI DI MICROCREDITO Siamo nati per accompagnare, fianco a fianco, con competenza ed entusiasmo, chi ha deciso di investire su se stesso, di intraprendere un attività di impresa un percorso

Dettagli

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO

PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO Allegato alla deliberazione n. 43/1 del 25.10.2007 PROGRAMMA DI INTERVENTI FINALIZZATI ALL'OCCUPAZIONE STABILE E AL SUPERAMENTO DELLA PRECARIETÀ DEL LAVORO LEGGE REGIONALE 29 MAGGIO 2007, N. 2 - (LEGGE

Dettagli

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1

RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 Raccomandazione 193 RACCOMANDAZIONE RELATIVA ALLA PROMOZIONE DELLE COOPERATIVE, 2002 1 La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, Convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

STATUTO. Articolo 2 Sede La sede dell Associazione è in Roma e possono istituirsi sedi secondarie sia in Italia sia all estero.

STATUTO. Articolo 2 Sede La sede dell Associazione è in Roma e possono istituirsi sedi secondarie sia in Italia sia all estero. STATUTO Articolo 1 Denominazione E costituita in Roma un Associazione avente la seguente denominazione: Nessun luogo è Lontano. Tale Associazione si costituisce per iniziativa di un Comitato di soci fondatori

Dettagli

1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE AMICI DELL ORCHESTRA - SCUOLA MEDIA STATALE COSTANTINO NIGRA - TORINO

1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE AMICI DELL ORCHESTRA - SCUOLA MEDIA STATALE COSTANTINO NIGRA - TORINO 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE AMICI DELL ORCHESTRA - SCUOLA MEDIA STATALE COSTANTINO NIGRA - TORINO Art. 1 Costituzione, denominazione, sede, durata 1.1 È costituita in data 15 giugno 2002 l Associazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA

COMUNICATO STAMPA DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE PER LA CRESCITA COMUNICATO STAMPA Siglato il quinto accordo tra il Gruppo bancario e Piccola Industria Confindustria DA INTESA SANPAOLO NUOVE RISORSE PER LA PICCOLA E MEDIA IMPRESA: UN PLAFOND DI 10 MILIARDI E INIZIATIVE

Dettagli

PIANO D IMPRESA 2013-2015

PIANO D IMPRESA 2013-2015 PIANO D IMPRESA 2013-2015 Poca favilla, gran fiamma seconda Dante, Paradiso I, 37 Le cooperative ricordano alla comunità internazionale che è possibile conciliare la produttività economica con la responsabilità

Dettagli

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO risorsa economica e sociale del VCO TERZO SETTORE: risorsa economica e sociale per il territorio Il censimento 2011, a 10 anni di distanza dal precedente, ci restituisce informazioni che mettono in luce

Dettagli

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza.

INSIEME PER L IMPRESA. La forma e la sostanza. INSIEME PER L IMPRESA La forma e la sostanza. 2 La cultura d impresa è un patrimonio prezioso come i capitali e le buone consulenze. BANCA D IMPRESA SI NASCE ESPERIENZA, SPECIALIZZAZIONE E ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE

Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Programma Operativo della Regione Lombardia 2000-2006 Obiettivo 3 Fondo FSE Il programma Operativo del FSE Obiettivo 3 è strutturato per Assi a ciascuno dei quali corrisponde l attuazione degli obiettivi

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia. regolamento. Asili nido Arcobaleno L arca di Noè

Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia. regolamento. Asili nido Arcobaleno L arca di Noè Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia regolamento Asili nido Arcobaleno L arca di Noè regolamento Documento aggiornato a febbraio 2013 Indice capo 1 art. 1 art. 2 art. 3 capo 2 art. 4 art.

Dettagli

Indice. Convenzioni in essere e in fase di attivazione. Chi siamo. Il processo di espansione. Opportunità create da Basilea 2

Indice. Convenzioni in essere e in fase di attivazione. Chi siamo. Il processo di espansione. Opportunità create da Basilea 2 Company Profile 1 Indice Chi siamo Il processo di espansione Opportunità create da Basilea 2 Modalità operative: approccio utilizzato I Servizi offerti Convenzioni in essere e in fase di attivazione 2

Dettagli

Domande pervenute Domande valide Contratti stipulati

Domande pervenute Domande valide Contratti stipulati Giovanisì è il progetto della Regione Toscana per l autonomia dei giovani, per ridare loro un futuro sulla base del merito nello studio e nell attività lavorativa. Un pacchetto di opportunità di livello

Dettagli

Donne in impresa, una grande risorsa per il Paese

Donne in impresa, una grande risorsa per il Paese FORUM RIVISTA DELLA CNA DI EMILIA ROMAGNA MARCHE TOSCANA UMBRIA Le politiche femminili nelle regioni del centro nord Donne in impresa, una grande risorsa per il Paese a cura di Paola Morini Responsabile

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato JANNONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato JANNONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2680 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato JANNONE Disposizioni per favorire l avvio di nuove attività imprenditoriali da parte dei

Dettagli

L offerta di servizi sociali: reti ed organizzazioni

L offerta di servizi sociali: reti ed organizzazioni Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Sociologia Corso di laurea in Servizio Sociale Anno Accademico 2009/2010 Corso di Organizzazione dei servizi sociali L offerta di servizi sociali: reti

Dettagli

BUSINESS PLAN e FINANZIAMENTI

BUSINESS PLAN e FINANZIAMENTI BUSINESS PLAN e FINANZIAMENTI 1 PREVENIRE I RISCHI si può? Sì, prima di avviare l impresa, con realismo e piedi per terra business plan (fatto da soli, vedi sito www. pd.camcom.it, miniguide) 2 PREVENIRE

Dettagli

il welfare fa bene include unifica e crea lavoro

il welfare fa bene include unifica e crea lavoro il welfare fa bene include unifica e crea lavoro 1 WELFARE, DI COSA SI TRATTA?. di servizi rivolti alle persone (gratuiti o no che siano). di trasferimenti in denaro (pubblici o privati). di agevolazioni

Dettagli

BANDI EUROPEI I. FONDO EUROPEO PER I RIFUGIATI

BANDI EUROPEI I. FONDO EUROPEO PER I RIFUGIATI BANDI EUROPEI I. FONDO EUROPEO PER I RIFUGIATI Sostegno a progetti transnazionali riguardanti almeno una delle seguenti priorità e relativi obiettivi specifici. Priorità 1. Migliorare la qualità della

Dettagli

COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI. Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali

COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI. Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali Premessa COMUNE DI MESSINA ASSESSORATO AI SERVIZI SOCIALI Per un welfare di comunità partecipato: verso gli stati generali dei servizi sociali In un contesto di forte difficoltà economica e finanziaria

Dettagli

Fund raising e Crowdfunding: denaro etico ed importanza del terzo settore nel sociale

Fund raising e Crowdfunding: denaro etico ed importanza del terzo settore nel sociale Fund raising e Crowdfunding: denaro etico ed importanza del terzo settore nel sociale Relatore: Diego Bevilacqua Centro di Sviluppo Politico e Sociale 1. Fund raising: una definizione Il fund rainsing

Dettagli

Lezione 6 Il terzo settore

Lezione 6 Il terzo settore N O E Percorso B Le società Lezione 6 Il terzo settore Cosa studieremo In questa lezione ci occuperemo del terzo settore. Per esso si intendono le organizzazioni di volontariato, ONLU (organizzazioni non

Dettagli

Welfare ed il welfare del Comune di Torino

Welfare ed il welfare del Comune di Torino Welfare ed il welfare del Comune di Torino a cura di Barbara Graglia Il welfare del Comune il sistema cittadino dei servizi sociali offre prestazioni aventi molto spesso caratteristiche di assoluta necessità

Dettagli

Seminario conclusivo del Progetto Conciliare si può Pescara, 21 novembre 2008

Seminario conclusivo del Progetto Conciliare si può Pescara, 21 novembre 2008 Seminario conclusivo del Progetto Conciliare si può Pescara, 21 novembre 2008 La Priorità Donna nel PO FSE Abruzzo 2007/2013 e nel Piano 2007/08: il tema della Conciliazione Presentazione a cura di Antonio

Dettagli

3. SOCIALE. 3.3 Politiche abitative

3. SOCIALE. 3.3 Politiche abitative 3. SOCIALE 3.3 Politiche abitative INDICE Inquadramento strategico..................... pag. 65 Risorse impiegate........................ pag. 66-67 I progetti innovativi....................... pag. 68-69

Dettagli