Una accolta firme promossa dalla Federazione Cure Palliative

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Una accolta firme promossa dalla Federazione Cure Palliative"

Transcript

1 17/11/2014 Giornale di Lecco Pag. 7 (diffusione:10589, tiratura:12238) Una accolta firme promossa dalla Federazione Cure Palliative (miu) Martedì scorso, 11 novembre (San Martino), l'associazione per la cura dei malati in trattamento palliativo (ACMT), in occasione della XV Giornata Nazionale per le Cure Palliative, ha aderito alla campagna di raccolta firme promossa dalla Federazione Cure Palliative e indirizzata al Ministro della Sanità Beatrice Lorenzin. Lo scopo è quello di esortare le istituzioni affinché le Regioni attuino la legge 38/2010, garantendo a tutti i malati incurabili l'accesso a questa forma di assistenza. Negli ultimi 15 anni le cure palliative si sono affermate come la risposta più efficace alle esigenze dei malati terminali: la legge 38/2010 rappresenta un'eccellenza a livello internazionale, gli hospice sono passati da 5 a 234 e le Unità di cure palliative domiciliari sono 118 in tutto il Paese. Eppure resta ancora molto da fare, perché la scarsa omogeneità nella distribuzione di queste cure impedisce al 70% dei malati di accedere all'assistenza. «È fondamentale il ruolo delle organizzazioni per la sensibilizzazione e la diffusione delle cure palliative a livello locale spiega Francesca Biorcio Mauri, presidente di ACMT - Le iniziative organizzate contribuiscono ad aumentare la consapevolezza dei cittadini rispetto a questo diritto, spesso negato, e a sensibilizzarli rispetto alle politiche regionali in tema di salute». Quanti volessero aderire alla campagna possono farlo accedendo al sito per apporre la propria firma: c'è tempo sino alla fine di dicembre per supportare l'acmt in questa azione di s ensibilizzazione. TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 18/11/2014 8

2 18/11/2014 La Nuova Sardegna - Ed. nazionale Pag. 34 (diffusione:59819, tiratura:72030) Cure palliative, aiuto diverso per i malati Bonnanaro, illustrate in un convegno organizzato dall'associazione "Amici di Gianni Brundu" Cure palliative, aiuto diverso per i malati Cure palliative, aiuto diverso per i malati Bonnanaro, illustrate in un convegno organizzato dall'associazione "Amici di Gianni Brundu" URI. A seguito del forte disagio lamentato dai cittadini che hanno visto recapitare presso le proprie abitazioni e attività commerciali, bollette con importi esorbitanti, l'amministrazione comunale prende in carico il problema e si mobilita per trovare una soluzione. Per questo, appunto, il Comune ha programmato per oggi alle 16 un incontro nella sala consiliare tra Abbanoa, Federconsumatori e i cittadini vessati dalle cosiddette "bollette pazze". (f.c.)bonnanaro "Palliativo", secondo l'accezione comune, è un qualcosa che serve a ben poco, un farmaco che attenua i sintomi di una malattia ma non ne rimuove la causa. Praticamente inutile. Oggi invece il termine ha subito una trasformazione e "palliativo" assume un significato positivo. Le cure palliative sono «procedure che si occupano in maniera attiva di pazienti colpiti da malattie che non rispondono più a trattamenti specifici e la cui diretta evoluzione è la morte». Se ne è parlato in un convegno organizzato dall'associazione Amici di Gianni Brundu, Pro loco e Comune. Dopo la presentazione della presidente della Pro loco, Bastianina Pintori, e il saluto del sindaco Francesco Spanu, ha preso la parola la presidente dell'associazione, Angela Azzori, che ha illustrato gli obiettivi dell'associazione. Questi consistono nella divulgazione delle finalità e dell'utilità delle cure palliative. «Esse - ha spiegato - sono procedure che si occupano di pazienti colpiti da malattie che non rispondono più a trattamenti specifici e la cui diretta evoluzione è la morte. Lo scopo di queste terapie non consiste nell'accelerare o differire la morte, ma nel preservare la migliore qualità della vita». Coloro che se ne occupano hanno anche «il preciso dovere di alleviare il disagio sociale. Aiutare quindi anche la famiglia dell'ammalato a convivere con la malattia e poi con il lutto». L'articolazione della rete che si prende carico di assistere i malati può essere ricondotta a tre nodi fondamentali: l'abitazione del malato, l'ospedale e l'hospice. Quest'ultimo è una struttura residenziale in cui il malato e la sua famiglia possono trovare un sollievo per un periodo circoscritto e poi fare ritorno a casa. In Sardegna esistono tre hospice: due a Cagliari e uno a Nuoro. «Siamo nati come Associazione - ha concluso Angela Azzori - con l'intento di onorare la memoria di Gianni e allo stesso tempo con l'impegno sociale di esaudire il suo desiderio, espresso nei suoi ultimi giorni "...nessuno deve essere lasciato solo ad affrontare una prova come questa, tutti devono avere la possibilità, come ce l'ho io, di essere assistiti dagli operatori sanitari, dalla propria famiglia e dagli amici"». Sergio Cuccureddu TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 18/11/2014 7

3 19/11/2014 La Stampa - Ed. nazionale Pag. 27 (diffusione:309253, tiratura:418328) MEDICINA / FISIOLOGIA Un pacemaker un po' speciale contro il dolore neuropatico NICLA PANCIERA Può essere descritto come una scossa, una fitta o un bruciore, continuo o intermittente: il dolore neuropatico è una malattia che nasce in seguito a lesioni del sistema nervoso, quando la trasmissione degli stimoli dolorosi smette di funzionare e al cervello giungono segnali ingannevoli di lesione o infiammazione in atto. È innescato da alcune malattie, come herpes zoster, diabete o sclerosi multipla, o essere provocato dalla compressione su una radice nervosa. Un caso su tre, poi, è idiopatico, senza cause note. «Nelle neuropatie non c'è alcuna lesione ai tessuti: gli impulsi che trasmettono l'informazione di un danno originano, per un cortocircuito, direttamente dalle fibre nervose. La diagnosi è complicata e quindi i dati epidemiologici - ne soffrirebbe l'8% degli europei - vanno presi con cautela», spiega il neurofisiologo Michelangelo Buonocore, responsabile del Servizio di Neurofisiopatologia dell'ircss Fondazione Maugeri di Pavia, dove dirige il Laboratorio di Biopsia Cutanea Neurodiagnostica. Il dolore non si vede, non è misurabile e la sua percezione è soggettiva: la sofferenza che procura e la sopportabilità sono determinate dalle sue tre componenti, sensitiva, emozionale e cognitiva, tutte fortemente variabili. Ora, per aggirare la refrattarietà ai farmaci, si può ricorrere alla neurostimolazione spinale: attraverso l'impianto di un «pacemaker del dolore» - spiega Buonocore - «si stimola direttamente la parte posteriore del midollo, là dove decorrono fasci nervosi sensitivi, evitando quindi interferenze con la mobilità». Lo stimolatore attiva le fibre della sensibilità tattile e non quelle dolorifiche, provocando una sorta di formicolio. È un po' come nel caso di un trauma: per attenuare il dolore si strofina la parte colpita, affinché lo stimolo entri in conflitto con quello doloroso e lo attenui. L'uso del «pacemaker» varia nel tempo con l'evolvere della malattia, ma i risultati sono soddisfacenti, sebbene ci siano notevoli differenze individuali. E infatti alla Fondazione Maugeri si impiantano una settantina di stimolatori ogni anno. Se la storia della lotta contro il dolore che non passa è antica quanto l'uomo, ancora oggi, nonostante i successi clinici e il miglioramento della qualità della vita dei pazienti, i meccanismi dell'effetto antalgico dell'elettricità non sono del tutto noti. «L'interpretazione più recente è che la corrente elettrica, che attiva direttamente le fibre nervose (esattamente come succede nel dolore neuropatico), induce un'inibizione di quelle che veicolano il dolore - sottolinea Buonocore -. Come e dove avvenga questo processo, però, non è noto». Purtroppo - conclude lo specialista - «il test della neurostimolazione spinale viene in genere eseguito alla fine di un iter terapeutico insoddisfacente. Ma la terapia va mirata non alla patologia, piuttosto al dolore sotteso. E lenire la sofferenza dev'essere la priorità: di neurofisiologi, antalgologi, immunologi e neurologi». Michelangelo Buonocore Neurofisiologo RUOLO : È RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI NEUROFISIOPATOLOGIA DELL'IRCSS FONDAZIONE MAUGERI DI PAVIA Foto: TETRA IMAGES/CORBIS TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 19/11/2014 5

4 20/11/ :57 IlFarmacistaOnline.it Sito Web Roma. Si chiude domani il 'Congresso Europeo sulle Cure Palliative Pediatriche - A global Gathering'. Oltre 460 delegati da 54 Paesi I lavori hanno rappresentato l'occasione per migliorare la conoscenza e l'applicazione delle cure palliative, con la missione di riconoscere dignità e rispetto a ogni persona malata, in special modo i bambini, ponendo al centro i loro bisogni e quelli della loro famiglia e non la patologia che li ha colpiti. 20 NOV - Terminerà domani 21 novembre 2014 presso l'auditorium Antonianum di Viale Manzoni, a Roma, il 'Congresso Europeo sulle Cure Palliative Pediatriche - A global Gathering', giunto alla sua seconda edizione. Con oltre 460 delegati provenienti da 54 paesi del mondo, tra i quali Ann Goldmane Katye Foley, guru delle cure pediatriche palliative riconosciuti a livello internazionale, questo secondo Congresso, è nato l'obiettivo di coinvolgere un più vasto numero di professionisti impegnati a vario titolo nell'assistenza di bambini con malattie inguaribili, fonte di sofferenza e che ne minacciano la sopravvivenza e l'aspettativa di vita. Nel complesso è stata l'occasione per migliorare la conoscenza e l'applicazione delle cure palliative, con la missione di riconoscere dignità e rispetto a ogni persona malata - in special modo i bambini - ponendo al centro i loro bisogni e quelli della loro famiglia e non la patologia che li ha colpiti. La Fondazione sostiene che ogni bambino abbia diritto al gioco, all'interazione con i propri coetanei, così come ogni mamma e papà hanno il diritto di vivere la vita anche oltre la malattia dei propri figli. Quando un bambino colpito da una grave malattia è vicino alla fine, realtà questa contro natura e, di fatto, difficile da accettare, la società civile ha il dovere di intervenire per sostenere dal punto di vista medico, psicologico e spirituale il bambino e il suo nucleo familiare. Ecco perché Fondazione Maruzza da anni si impegna a favore dei bambini inguaribili e del loro diritto ad essere adeguatamente assistiti nel percorso della malattia, riuscendo tra l'altro a ottenere la definizione di norme specifiche all'interno della legge 38/2010, relativa al diritto di accesso da parte dei cittadini alle cure palliative. Per Franca Benini, Chairman del Congresso "Il lavoro da fare è ancora molto lungo. E' come percorrere una lunga scala. Guardando verso il basso, vediamo che è stato fatto molto, ma è volgendo il nostro sguardo verso l'alto che ci accorgiamo che la strada è ancora lunga e che molto è ancora da fare. Solo lavorando insieme potremo dare una risposta concreta al problema che, con sfumature diverse, è presente in tutte le realtà del mondo". Silvia Lefebvre D'Ovidio di Fondazione Maruzza infine afferma che "Sia che la vita di un bambino sia lunga un giorno sia che duri svariati anni, è importante che al bambino sia garantita la miglior qualità di vita possibile. Parliamo di qualità di vita, non di morte". TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 21/11/

5 20/11/2014 Corriere della Sera - Milano Pag. 14 (diffusione:619980, tiratura:779916) La lettera di Isabella Bossi Fedrigotti terapia del dolore, L'ODISSEA DEGLI ANZIANI SENZA INFORMAZIONI Annalisa De Nucci Gentile signora, sono un medico e mi occupo di terapia del dolore cronico, vale a dire che curo i pazienti affetti da patologie benigne che causano dolori persistenti e invalidanti. Lavoro all'ospedale Fatebenefratelli e penso che il mio ambulatorio possa essere un osservatorio speciale sugli anziani. La maggior parte dei miei pazienti ha più di 75 anni, arrivano spesso accompagnati dal coniuge, più raramente da badanti o figli e molto spesso soli. Migrano tra un ospedale e l'altro alla ricerca di un sollievo dal loro dolore: è difficile anche solo prendere i mezzi pubblici e arrivare in ospedale quando si è «pieni di artrosi e di dolori», ma anche di amarezza. Spesso la visita esordisce così: cartelletta di visite specialistiche ed esami fatti e il seguente dialogo: «Mi racconti cosa la porta da me, dove ha male?». Risposta: «Mi fa male da tutte le parti, le ginocchia, le spalle, riposo poco e sono andato dall'ortopedico, dal neurologo e dal farmacista, poi il mio medico mi ha mandato qui!». Lasciando da parte il mio scoramento quando mi dicono: «Mi fa male tutto!», credo che questi pazienti abbiano necessità che il nostro servizio sanitario non sa affrontare costringendoli ad inutili calvari di attese, numerosissime visite specialistiche senza fornire adeguata informazione sull'offerta di servizi presenti. Anche raggiungere l'ospedale per i pazienti anziani rappresenta un problema: molti non sono a conoscenza delle risorse disponibili quali, ad esempio, associazioni di volontariato e ambulanze che forniscono il servizio di accompagnamento in ospedale. Non ci si può aspettare che i medici di base gestiscano da soli la complessità clinica e sociale degli anziani, che dovrebbero poter avere accesso a percorsi che prevedano la stretta collaborazione di fisiatri, fisioterapisti, medici di base, geriatri, psicologi, terapeuti del dolore e operatori sociali per progettare percorsi riabilitativi in una rete flessibile che si estenda in modo continuo dal domicilio all'ospedale. Forse il numero di visite diminuirebbe, ma soprattutto con un progetto integrato i nostri anziani starebbero meglio. Lei ha ragione. Ma mi viene il dubbio che, ancora più del dolore, il grande, vero nemico sia la solitudine, l'isolamento che esclude molti anziani dall'accesso alle informazioni sui molteplici, preziosi servizi gratuiti, su base volontaria, che Milano in realtà offre (e a questo proposito le segnalo, per esempio, quello promosso dall'associazione Quartieri Tranquilli assieme al Centro di accoglienza presso la parrocchia di San Marco e il poliambulatorio dei Medici italiani volontari in via Padova). TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 20/11/2014 5

6 20/11/2014 Avvenire - Ed. nazionale Pag. 27 (diffusione:105812, tiratura:151233) il tema «Cure palliative, servono specialisti» Adriana Turriziani, primaria all' hospice Villa Speranza di Roma: il tragico caso di Brittany ci dice che urge una formazione dedicata Francesca Lozito La formazione delle generazioni future di palliativisti. Ovvero di coloro che si prenderanno cura del necessario accompagnamento delle persone che, seppur affette da malattie inguaribili, hanno il diritto di essere assistite con cura e professionalità fino alla fine nel proprio percorso naturale di vita. Per Adriana Turriziani, già presidente della Società italiana di cure palliative, primario dell'hospice Villa Speranza dell'università Cattolica di Roma, questa è la prima esigenza concreta su cui impegnarsi. Individuando una soluzione al più presto. Nel nostro Paese infatti manca una specializzazione post-laurea in cure palliative. Secondo la legge 38 del 2010 sulle cure palliative e la terapia del dolore sono infatti nove le specializzazioni (tra cui geriatria, oncologia e anestesia) che i medici possono intraprendere per esercitare le cure palliative. Ma a differenza di Paesi come Francia e Gran Bretagna, l'italia non ha un percorso di studi specifico dopo il conseguimento della laurea. «Eppure in nessuna di queste specializzazioni sono previste ore di formazione in cure domiciliari o hospice, o un tirocinio specifico - spiega ancora Turriziani - e nemmeno nel corso di laurea magistrale in medicina». er ovviare a questa carenza Turriziani chiede prima di tutto la piena attuazione, concreta, dell'articolo 8 della legge 38 sulle cure palliative che disegna la formazione del palliativista. Il motivo per tornare a insistere, e con maggior forza che mai, su questa sua battaglia per il riconoscimento delle cure palliative in Italia è la recente, tragica conclusione della vicenda di Brittany Mainard: il suicidio della giovane californiana affetta da un tumore cerebrale ha spinto Adriana Turriziani a chiedersi se non stiamo correndo il rischio di far passare una cultura della morte come unica scelta per porre fine alle sofferenze: «Ogni giorno noi palliativisti incontriamo le storie di tante famiglie che vengono da un percorso complesso - racconta -. Occorre accostarsi a tutto questo con scienza e umanità». Ecco perché è necessaria un'accurata formazione specifica. Forse non tutti sanno che negli ultimi anni la tendenza è di anticipare il momento della presa in carico del malato cronico da parte del medico palliativista: «Non si parla più solo di cure di fine vita: le cure palliative stanno diventando per il malato sempre più precoci. Per fare questo abbiamo dovuto intraprendere un importantissimo lavoro con i medici di medicina generale». ll'interno della Società europea di cure palliative (Eapc) sta girando un questionario online in cui si chiede agli operatori specializzati quali sono i loro orientamenti in merito all'eutanasia e al suicidio assistito. La consultazione terminerà lunedì prossimo. È un modo per interrogare la comunità scientifica all'indomani dell'eclatante caso di cronaca di Brittany, anche se sondaggi di questo tipo si prestano anche a interpretazioni strumentali. Al Gemelli, per potenziare il fronte della formazione, proprio Adriana Turriziani ha iniziato con i medici della sua équipe un percorso di approfondimento sul tema della sofferenza insopportabile con un approccio multidisciplinare: antropologico, filosofico, clinico e giuridico: «Credo infatti che la testimonianza non basti più, serve la formazione tempestiva. Altrimenti medici e infermieri non saranno mai sensibilizzati sull'approccio palliativo». n questi giorni la Federazione delle cure palliative, che raccoglie le associazioni di volontariato impegnate nell'ambito dell'assistenza sanitaria specializzata, sta promuovendo una petizione che chiede proprio la piena attuazione della legge 38. Una gestione lungimirante e saggia della sanità consiglierebbe di attivarsi ora, per evitare di fare i conti presto o tardi anche da noi con i frutti avvelenati della «cultura dello scarto». TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 20/11/2014 9

7 21/11/2014 La Gazzetta di Parma Pag. 31 (diffusione:42090, tiratura:51160) CONVEGNO ORGANIZZATO DAL CENTRO CURE PROGRESSIVE «CORUZZI» Malattia e dolore, come cambiano le cure palliative LANGHIRANO II Nei giorni scorsi al centro culturale di Langhirano si è svolto il convegno dal titolo «La gestione del dolore globale», realizzato dal centro cure progressive «Coruzzi», servizio gestito dall ' Azienda sociale Sud-Est, in collaborazione con l ' Azienda Usl distrettuale. L ' iniziativa va ad inserirsi all ' interno delle attività previste dalle norme applicative della legge che regola il diritto all ' ac cesso e all ' erogazione delle cure palliative, ed è il secondo appuntamento dopo quello dell ' anno scorso, in cui era stato trattato il tema della comunicazione come strumento terapeutico nel fine vita. La scelta del giorno non è stata casuale dal momento che proprio San Martino è il patrono delle cure palliative. Dopo il saluto di benvenuto da parte dell ' assessore ai Servizi Sociali del Comune di Langhirano Daniela Conti ha preso la parola il direttore generale dell ' Asp azienda sociale Sud-Est Stefania Miodini, che ha sottolineato l ' importanza ed il valore dell ' iniziativa. Entrando nel vivo del convegno, coordinato dal responsabile sanitario del centro, Giampaolo Bacchini, il tema è stato sviluppato secondo una prospettiva multidisciplinare grazie ai contributi di Maurizio Leccabue medico del servizio di terapia antalgica dell ' Azienda ospedaliero universitaria di Parma, che ha trattato il tema del «Paziente con dolore cronico» secondo il punto di vista anestesiologico. Carlo Pruneti, responsabile dell ' unità di Psicologia Clinica presso il dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell ' Università degli studi di Parma, ha arricchito la tematica mettendo in evidenza gli aspetti psicofisiologici ed affettivo-emozionali legati alla percezione, alla definizione e al trattamento del dolore. L ' intervento della dottoressa Tanzi, medico palliativista presso il Centro cure progressive, ha approfondito le caratteristiche e le modalità di costruzione degli interventi clinici di palliazione. La giornata ha visto inoltre gli interventi della professoressa Taralli, professore ordinario alla Scuola di Giurisprudenza dell ' Università di Bologna, e della dottoressa De Panfilis, dottoranda di ricerca in filosofia ed etica. Il loro intervento ha lanciato numerosi spunti di riflessione sulla cornice legislativa ed etica legata alle decisioni nel fine vita ma ancor più in generale alle decisioni in campo medico e di cura della persona. u TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 21/11/

8 21/11/2014 Vero Salute - N.12 - dicembre 2014 Pag. 84 BUONO A SAPERSI Quando il dolore è sottostimato en il 70 per cento dei medici 'palliativisti e il 79 per cento degli infermieri palliativisti dichiara che il dolore episodico intenso o breakthrough cancer pain (BTcP), viene sottostimato. Inoltre, secondo gli specialisti, il 46 per cento dei pazienti a cui viene diagnosticato il BTcP e il 33 secondo gli infermieri, non accetta di essere trattato farmacologicamente. Sono questi i dati emersi dall'indagine condotta da Doxapharma sul BTcP presentata al XXI congresso nazionale della Società Italiana Cure Palliative, che si è tenuto ad Arezzo, con il supporto incondizionato di Teva Italia. TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 24/11/

9 21/11/2014 Settegiorni - Sud Milano Pag. 57 IMPORTANTE RICONOSCIMENTO Regione Lombardia ha inserito il Dipartimento nel quattro centri «hub» lombardi Garbagnate al top per le cure palliative e la terapia del dolore RIPRODUZIONE RISERVATA Il dottor Michele Sofia GARBAGNATE MILANESE (tur) Un altro importante riconoscimento per il Dipartimento Interaziendale per le Cure palliative e per la Terapia del dolore che interessa tutto il territorio dell'asl Milano 1, comprese le Aziende Ospedaliere di Garbagnate, Legnano e la clinica San Carlo di Paderno. Grazie al lavoro svolto quotidianamente da questo «centro», la Regione Lombardia ha inserito il Dipartimento nei quattro centri «hub» lombardi, con funzioni di coordinamento della rete regionale di terapia del dolore. L'ide ntifi cazione di questi quattro centri, (Azienda Ospedaliera «Salvini» di Garbagnate, Ospedale di Niguarda, Azienda Ospedaliera Macchi di Varese e Fondazione Maugeri di Pavia), si è basata sulla valutazione del possesso di requisiti organizzativi e quali-quantitaivi precedentemente individuati dal Gruppo di approfondimento tecnico (Gat). Il dottor Michele Sofia, direttore di questo Dipartimento interaziendale, ha espresso grande soddisfazione per il risultato raggiunto affermando che il riconoscimento: «E' la conferma, una volta di più, di essere eccellenza nel panorama regionale e nazionale, grazie anche al grande lavoro svolto in questi ultimi anni da parte di tutti gli operatori. La lungimiranza e l'attenzione delle attuali direzioni strategiche dell'azienda Salvini e di chi ha posto le basi organizzative affinchè questa struttura crescesse in competenza ed operatività, ha consentito il raggiungimento di questo importante obiettivo di cui ne beneficeranno in primo luogo tutti quei pazienti che quotidianamente si confrontano e lottano contro la s offerenza». Soddisfazione per il riconoscimento è stata espressa anche dal direttore generale de ll'azienda Ospedaliera «Salvini» Ermenegildo Malatag liati e dai direttori sanitario Tiziana Caldarulo e amministrativo L oredana Luz zi. TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 21/11/

10 23/11/2014 QN - Il Resto del Carlino - Ed. nazionale Pag. 13 (diffusione:165207, tiratura:206221) Diritti della persona con dolore Ecco la Carta europea degli over 65 Un europeo su 5 soffre di dolore cronico. Una Carta europea dei diritti dei cittadini over 65 è stata sottoscritta da organizzazioni di pazienti e anziani e consegnata al ministro della Salute Lorenzin TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 24/11/

11 23/11/2014 Unione Sarda Pag. 14 (diffusione:68332, tiratura:81580) Correre insieme in città per sensibilizzare la gente Manifestazione "Karalis 30" a febbraio 2015 "Karalis 30, corriamo insieme liberi dal dolore". Una bella corsa per rivendicare il diritto a dire no alla sofferenza inutile. L'ha organizzata l'associazione "Insieme contro il dolore" per il prossimo 15 febbraio 2015, a Cagliari. Quindi, chi ha gambe buone e un briciolo di sensibilità sociale inizi a prepararsi, perché si possono fare solo 4 chilometri di passeggiata, ma sono previsti anche percorsi competitivi di 10 e 30 chilometri con traguardo nel campo "Riccardo Santoru" (Coni). Promotore della manifestazione, Sergio Mameli ( nella foto ), l'infaticabile direttore del Centro per la terapia del dolore dell'ospedale Businco (che dicono buon maratoneta), impegnato nel sensibilizzare la gente all'importante problema: anche una corsa può schiudere nuovi orizzonti sul mondo della sofferenza. Una recente ricerca ha evidenziato che appena il 30 per cento della popolazione è informata sull'argomento. Pochi sanno dell'esistenza di una legge che delinea una strategia contro la sofferenza. «Legge - spiega Mameli - che impone di monitorare il dolore negli ospedali, quinto segno vitale, come la temperatura, la pressione arteriosa, la frequenza cardiaca, la respirazione. E l'intensità del dolore dovrebbe essere riportata nella cartella clinica, insieme alla terapia praticata, la risposta analgesica e la soddisfazione del paziente». La corsa del 15 febbraio sarà un'occasione per parlare, in un contesto sportivo, del diritto a non soffrire. Tutti possono partecipare, in particolare le associazioni di atleti e pazienti. ( l. s. ) RIPRODUZIONE RISERVATA TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 24/11/

12 23/11/2014 Unione Sarda Pag. 14 (diffusione:68332, tiratura:81580) CAGLIARI BUSINCO DI. I CENTRO AL TERAPIA DEL DOLORE Il diritto a non soffrire Il dolore cronico colpisce in Sardegna circa mila persone Il dottor Sergio Mameli guida un reparto che ha solo 6 posti letto l dolore cronico è una malattia, non un sintomo. Parola di Sergio Mameli, 60 anni, direttore del reparto di Terapia del dolore all'ospedale Businco di Cagliari. Che chiarisce subito un equivoco: «Non bisogna confondere la terapia del dolore con le cure palliative, riservate ai pazienti con modeste aspettative di vita». Il dolore cronico nasce invece da una malattia degenerativa, che col passare del tempo crea invalidità. Può essere anche una forma di mal di schiena, che si aggrava sino a provocare nel paziente una perdita del ruolo familiare e sociale. Con isolamento, depressione, inabilità al lavoro ed enormi costi sociali, legati alle giornate di inattività e alle spese sanitarie nella ricerca della cura giusta. Altissima l'incidenza. Secondo una ricerca condotta a livello europeo, il dolore cronico colpisce il per cento della popolazione. In Italia, un paziente su 4, pari a 16 milioni di persone; in Sardegna da 3 a 400 mila. «Forse nessun'altra patologia ha un'incidenza così grave. Eppure, la legge n. 38 del 2010 è ancora largamente inapplicata. Non esiste infatti una rete coordinata di presidi regionali». Il reparto del Businco può contare su 4 medici, 7 infermieri e 6 posti letto. Numeri insufficienti, rispetto alle richieste, per un centro che, ovviamente, dà la precedenza ai malati oncologici. E la lista d'attesa si allunga. Mesi su mesi, con frustrazione per medici e pazienti. Così la regola è tentare l'arrembaggio, nella speranza di conquistare un posto a bordo «ma noi decidiamo solo in base alla gravità del paziente» Dietro la pressante domanda, c'è anche la buona qualità dell'assistenza nel praticare la cosiddetta Medicina del dolore (Mameli la chiama Algologia): «Eseguiamo la diagnosi e la terapia, utilizzando tutte le strategie farmacologiche e chirurgiche, con i relativi interventi, dai nervi periferici al midollo spinale». Che significa neurochirurgia. Fra le operazioni di terapia antalgica, il top è rappresentato dalla Cordotomia cervicale. Si esegue quando il dolore violento e improvviso, scatenato da un movimento o da un carico, non può essere fronteggiato con nessun altro metodo. Riguarda soprattutto il paziente oncologico, nel quale sono interessate grosse articolazioni, con dolore toracico ogni volta che respira, o quello che presenta ulcere cutanee non medicabili senza sofferenze atroci. «Eseguiamo l'intervento per via percutanea (senza tagliare) inserendo un ago introduttore, attraverso il quale passa un elettrodo che va a interrompere la via del dolore a livello del midollo spinale». È considerata la metodica più avanzata. In Italia, si esegue solo a Cagliari e in un centro di Tortona. Dello stesso livello la Stimolazione midollare, «attraverso interventi neurolesivi, cioè di distruzione di strutture nervose, oppure di neuromodulazione (elettrica o farmacologica) interveniamo sul midollo spinale con impulsi elettrici o farmaci che immettiamo direttamente nel canale midollare, in corrispondenza dei centri del dolore». L'immissione avviene attraverso una pompa innestata sotto la pelle, collegata con un tubicino al midollo spinale. «Questo ci consente di usare dosaggi di farmaci sino a 300 volte inferiori a quelli che si assumono per via orale, ma soprattutto di ottenere maggiore efficacia e minori effetti collaterali». Non sempre la lotta contro il male si conclude con una vittoria: «Succede quando intervengono fenomeni di plasticità neuronale. Cioè se il dolore, non controllato per lungo tempo, manda continui stimoli e interessa i centri nervosi, che finiscono per esserne influenzati. Come se, in qualche modo, acquisissero il meccanismo del dolore». Ma si può vivere tante ore a contatto della sofferenza senza essere coinvolti? «Se ti fai coinvolgere non puoi essere d'aiuto». Ma voi, chi vi aiuta? «Nessuno». Lucio Salis RIPRODUZIONE RISERVATA TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 24/11/

13 23/11/2014 Unione Sarda Pag. 14 (diffusione:68332, tiratura:81580) La n.38 del marzo 2010 Una bella legge che nell'isola resta inapplicata na bella legge quella del 10 marzo 2010 (n. 38) che garantisce il diritto dei cittadini alla terapia del dolore. Appena 12 articoli, 7 paginette nelle quali è articolata la strategia contro la sofferenza. Ci sono le cure palliative e la terapia del dolore, da prestare attraverso reti di presìdi nel territorio, l'"ospedale senza dolore", l'obbligo di riportare il livello di sofferenza nella cartella clinica e le campagne di informazione. Non manca il monitoraggio ministeriale sull'applicazione delle terapie. C'è proprio tutto, peccato che, almeno in Sardegna, la legge sia largamente inapplicata. Almeno secondo Sergio Mameli, direttore del reparto di Terapia del dolore all'ospedale Businco di Cagliari. Intanto, proprio al Businco non è stato istituito il "Comitato dell'ospedale senza dolore". Una delibera regionale ha designato il presidio di via Yenner come Centro di riferimento e ha individuato una rete di 7 reparti distribuiti nel territorio: Policlinico universitario di Cagliari, ospedali di Iglesias, Lanusei, Nuoro, Oristano, Tempio, Sassari, «ma non esiste alcun collegamento organico, se non a livello amichevole, tra i responsabili. Fare Rete - spiega Mameli - significa che il paziente, da qualunque parte arrivi, deve contare su un percorso diagnostico-terapeutico garantito e condiviso fra i componenti delle strutture. Quindi, ci vuole formazione di base nei centri e personale destinato solo alla terapia. Per tutto l'anno. Senza chiusure estive per garantire l'operatività delle sale operatorie». Manca, per ora, anche il coinvolgimento dei medici di famiglia «se non a titolo personale. La legge prevede la formazione dei medici come primo punto di riferimento per i pazienti. Ho presentato un progetto alla Regione. Se verrà realizzato, altri corsi saranno poi organizzati dalle associazioni di categoria. Attendo una risposta». ( l.s. ) RIPRODUZIONE RISERVATA TERAPIA DEL DOLORE - Rassegna Stampa 24/11/

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

La Fondazione Floriani Francesca Crippa Floriani

La Fondazione Floriani Francesca Crippa Floriani La Fondazione Floriani Francesca Crippa Floriani Il Volontario per la Salute e per la Famiglia Piazza Duca D Aosta, 3 Palazzo Pirelli Auditorium Gaber Milano, 5 dicembre 2014 Era una sera del 1976. Floriani,

Dettagli

MEDICINA DEL DOLORE E TERAPIA ANTALGICA

MEDICINA DEL DOLORE E TERAPIA ANTALGICA STRUTTURA SEMPLICE DIPARTIMENTALE MEDICINA DEL DOLORE E TERAPIA ANTALGICA legge 38/2010 AOU San Luigi Gonzaga - Orbassano Struttura Semplice Dipartimentale di Medicina del Dolore e Terapia Antalgica Tel.

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite. Federazione Cure Palliative Onlus

LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite. Federazione Cure Palliative Onlus LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite Federazione Cure Palliative Onlus Cure Palliative - Definizione Le Cure Palliative sono la cura

Dettagli

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi

Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi 3 per Toscana: la Salute Il controllo e la cura del dolore Evitare il dolore è un diritto universale. Richiamandosi a questo fondamentale principio etico, il Progetto speciale Il controllo e la cura del

Dettagli

ASSOCIAZIONE CURE PALLIATIVE ONLUS BERGAMO

ASSOCIAZIONE CURE PALLIATIVE ONLUS BERGAMO CURE PALLIATIVE Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite ASSOCIAZIONE CURE PALLIATIVE ONLUS BERGAMO Aderente alla Federazione Cure Palliative Onlus

Dettagli

Malattia incurabile: domande incalzanti

Malattia incurabile: domande incalzanti Malattia incurabile: domande incalzanti Quando si è colpiti da una grave malattia che non concede speranze di guarigione, sorgono inevitabilmente molte domande, la maggior parte delle quali emotivamente

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite. Federazione Cure Palliative Onlus

LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite. Federazione Cure Palliative Onlus LO SAPEVI? Le cure al malato inguaribile e il supporto alla sua famiglia sono un diritto e sono gratuite Federazione Cure Palliative Onlus Cure Palliative - Definizione Le Cure Palliative sono la cura

Dettagli

Non più solo assistenza ma anche comunicazione e ricerca

Non più solo assistenza ma anche comunicazione e ricerca Non più solo assistenza ma anche comunicazione e ricerca Archivio Fondamentale ottobre 2013 L'infermiere che lavora nei reparti di oncologia ricopre un ruolo di primo piano nel percorso di cura e assistenza:

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AMBULATORIO DI TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE. ASP di Enna Presidio Ospedaliero Umberto I. Responsabile Dott.ssa P.

CARTA DEI SERVIZI AMBULATORIO DI TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE. ASP di Enna Presidio Ospedaliero Umberto I. Responsabile Dott.ssa P. CARTA DEI SERVIZI AMBULATORIO DI TERAPIA ANTALGICA E CURE PALLIATIVE ASP di Enna Presidio Ospedaliero Umberto I Responsabile Dott.ssa P. Viola Edvard Munch - The Silk Child -!907 Tate Gallery London 1

Dettagli

NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Serie Generale - n. 149 del 29-06-2001

NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Serie Generale - n. 149 del 29-06-2001 NORMATIVA SULL OSPEDALE SENZA DOLORE GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie Generale - n. 149 del 29-06-2001 Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome

Dettagli

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari

Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto. Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari Comunicato stampa Oggi in via Sant Eufemia la firma del progetto Piacenza e provincia avranno un équipe specializzata nelle cure palliative domiciliari grazie ad una convenzione tra Ausl, Fondazione e

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna.

DELIBERAZIONE N. 5/31 DEL 11.2.2014. Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. Oggetto: Istituzione della rete per la terapia del dolore della Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 53/60 DEL 20.12.2013

DELIBERAZIONE N. 53/60 DEL 20.12.2013 Oggetto: Finanziamento a favore delle Aziende Sanitarie Locali per gli interventi finalizzati allo sviluppo del sistema dell Assistenza Domiciliare Integrata. Ripartizione fondo regionale 2013. L Assessore

Dettagli

Health technology assessment sul dolore da cancro

Health technology assessment sul dolore da cancro RASSEGNA STAMPA aggiornata al 29 Maggio 2012 Rassegna stampa HEALTH TECHNOLOGY ASSESSMENT: UN PROGRAMMA DI FORMAZIONE ILLUSTRA LE BUONE PRATICHE PER COMBATTERE IL DOLORE EPISODICO INTENSO Roma, 9 Maggio

Dettagli

Ospedali, hospice, assistenza domiciliare: una rete di servizi sensibili alla sofferenza. L Emilia-Romagna contro il dolore

Ospedali, hospice, assistenza domiciliare: una rete di servizi sensibili alla sofferenza. L Emilia-Romagna contro il dolore Ospedali, hospice, assistenza domiciliare: una rete di servizi sensibili alla sofferenza. L Emilia-Romagna contro il dolore Perch Perché la cura del dolore e della sofferenza Prendersi cura della persona

Dettagli

Progetto NON LASCIAMOLI SOLI. Contro la sofferenza inutile e per la dignità della vita del malato inguaribile

Progetto NON LASCIAMOLI SOLI. Contro la sofferenza inutile e per la dignità della vita del malato inguaribile Progetto NON LASCIAMOLI SOLI Contro la sofferenza inutile e per la dignità della vita del malato inguaribile Con la collaborazione dell Associazione Nazionale Alpini Sezione di Lecco PROGETTO NON LASCIAMOLI

Dettagli

FAND SULCIS ASSOCIAZIONE DIABETE MELLITO

FAND SULCIS ASSOCIAZIONE DIABETE MELLITO FAND SULCIS ASSOCIAZIONE DIABETE MELLITO Via Dante, 22 09017 Sant Antioco Tel. 347.5565658 fandsulcis@tiscali.it www.fandsulcis.org IO DIAB E..TE? Campagna di informazione sul Diabete e screening per gli

Dettagli

HOSPICE: CHE COSA ASPETTARSI? COME E DOVE TROVARLE CHI HA BISOGNO DI QUESTE STRUTTURE SPESSO NON SA

HOSPICE: CHE COSA ASPETTARSI? COME E DOVE TROVARLE CHI HA BISOGNO DI QUESTE STRUTTURE SPESSO NON SA DALL PARTE DEL MALATO HOSPICE: CHE COSA ASPETTARSI? CHI HA BISOGNO DI QUESTE STRUTTURE SPESSO NON SA COME E DOVE TROVARLE NÉ A CHE COSA HA DIRITTO. ECCO ALLORA LA RISPOSTA ALLE DOMANDE PIÙ FREQUENTI È

Dettagli

Caratteristiche dell indagine

Caratteristiche dell indagine L indagine condotta dall Associazione Vivere senza dolore Negli ultimi mesi si è parlato spesso di dolore in vari contesti, dove è stato possibile ascoltare la voce di esperti, medici, politici, aziende

Dettagli

Associazione CON NOI Via Risorgimento, 2 06081 Assisi (PG) Tel./Fax 075 8044336 email: info@associazioneconnoi.it Cod.Fisc.

Associazione CON NOI Via Risorgimento, 2 06081 Assisi (PG) Tel./Fax 075 8044336 email: info@associazioneconnoi.it Cod.Fisc. www.associazioneconnoi.it Associazione CON NOI Via Risorgimento, 2 06081 Assisi (PG) Tel./Fax 075 8044336 email: info@associazioneconnoi.it Cod.Fisc. 94050740540 Chi siamo "CON NOI" è un'associazione di

Dettagli

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011

III COMMISSIONE TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 III COMMISSIONE TESTO UNIFICATO DELLE PROPOSTE DI LEGGE NN. 117, 127 TESTO ELABORATO DAL COMITATO RISTRETTO FEBBRAIO 2011 SERVIZIO PER L'ASSISTENZA GIURIDICO-LEGISLATIVA IN MATERIA DI ATTIVITÀ SOCIALI

Dettagli

Puglia: dolore oncologico, tappa a Bari per progetto Behta. Progetto Behta_Terapia del dolore_corso per medici. 1.309.

Puglia: dolore oncologico, tappa a Bari per progetto Behta. Progetto Behta_Terapia del dolore_corso per medici. 1.309. RASSEGNA STAMPA aggiornata al 27 Aprile 2012 Rassegna stampa PROGETTO BEHTA, SPECIALISTI DEL DOLORE RIUNITI OGGI A BARI PER FORMARSI ED INFORMARE SUL BREAKTHROUGH CANCER PAIN " Bari, 26 Aprile 2012 Testata

Dettagli

La sedazione terminale nelle malattie neurodegenerative?

La sedazione terminale nelle malattie neurodegenerative? Cure palliative in Geriatria: la sedazione terminale? La sedazione terminale nelle malattie neurodegenerative? Evelina Bianchi Geriatria di Vicenza SEDAZIONE TERMINALE (ST) le mie convinzioni e la premessa

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

UO di Anestesia Rianimazione e Terapia del Dolore direttore Dr. Maria i. Lucia. La rete di Terapia. le cefalee: prospettive

UO di Anestesia Rianimazione e Terapia del Dolore direttore Dr. Maria i. Lucia. La rete di Terapia. le cefalee: prospettive UO di Anestesia Rianimazione e Terapia del Dolore direttore Dr. Maria i Lucia i La rete di Terapia del Dolore e le cefalee: stato attuale e prospettive Epidemiologia del dolore cronico In occidente: 39%

Dettagli

AISM. Associazione Italiana Sclerosi Multipla

AISM. Associazione Italiana Sclerosi Multipla AISM Associazione Italiana Sclerosi Multipla La sclerosi multipla La sclerosi multipla è una malattia cronica del sistema nervoso centrale spesso progressivamente invalidante. Un processo infiammatorio

Dettagli

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus

Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus Proposte per una legge che tuteli le donne affette da endometriosi Associazione Italiana Endometriosi Onlus La risoluzione dell enigma endometriosi. Per affrontare con successo l enigma endometriosi, occorre

Dettagli

Trattamento del dolore acuto e cronico, palliazione

Trattamento del dolore acuto e cronico, palliazione LE CURE PALLIATIVE - 2013 Non è sufficiente aggiungere giorni di vita, bisogna aggiungere vita ai giorni che rimangono Life before death : l importanza di cura della Sintomatologia Palliativa VEN-FOR54048

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative

Terapia del dolore e cure palliative Terapia del dolore e cure palliative { Legge 38/10 e alcuni dati sulla sua applicazione Dott. Angelo G. Virtuani Ordine dei Medici Chirurghi Monza Sabato 9 novembre 2013 Legge N.38 del 15/03/2010 - G.U.

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 305 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 APRILE 2008 Disposizioni per l assistenza globale dei pazienti

Dettagli

CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO

CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO DOLORE FederAnziani

Dettagli

Indirizzi regionali e la legge 38/2010. DGR 996 del 26/09/2000 DGR 467 del 25/06/2007 Legge 38 del 15/03/2010

Indirizzi regionali e la legge 38/2010. DGR 996 del 26/09/2000 DGR 467 del 25/06/2007 Legge 38 del 15/03/2010 Indirizzi regionali e la legge 38/2010 DGR 996 del 26/09/2000 DGR 467 del 25/06/2007 Legge 38 del 15/03/2010 Settore Servizi alla Persona sul territorio Hospice e Cure Palliative 1 Diritto Diritti di cittadinanza

Dettagli

Le cure palliative domiciliari

Le cure palliative domiciliari Le cure palliative domiciliari Associazione per l Assistenza Domiciliare Oncologica - ONLUS VERONA Medicina palliativa...il meglio possibile, quando tutto ormai sembra impossibile... CHE COSA SONO LE CURE

Dettagli

OSPEDALE SENZA DOLORE 1 edizione 2010

OSPEDALE SENZA DOLORE 1 edizione 2010 OSPEDALE SENZA DOLORE 1 edizione 2010 DOLORE/SOFFERENZA: IMPLICAZIONI ETICHE Piera Boeris:Coordinatore Dipartimento Medico DOLORE Epoca preistorica: causato da spiriti maligni. Età del bronzo (1000 a.c.):

Dettagli

Seminario Dagli hospice al volontariato: esperienze di fine vita

Seminario Dagli hospice al volontariato: esperienze di fine vita Seminario Dagli hospice al volontariato: esperienze di fine vita Sabato 21 febbraio si è svolto a Mestre il Seminario dal titolo Dagli hospice al volontariato: esperienze di fine vita. Si è trattato, come

Dettagli

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali

Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali Terapia del dolore e cure palliative: il progetto sperimentale per la creazione di reti assistenziali 2/5 La Conferenza Stato Regioni il 25 marzo scorso ha approvato la proposta per la realizzazione degli

Dettagli

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere Studi clinici tutto quello che bisogna sapere Prefazione Questo opuscolo intende fornire ai pazienti, ai loro familiari e a tutti coloro che se ne prendono cura, gli elementi fondamentali per comprendere

Dettagli

fenomeno nuovo e potenzialmente distinto da esse?

fenomeno nuovo e potenzialmente distinto da esse? { Il dolore cronico in Medicina Generale -Approccio al sintomo/malattia dolore : osservatorio privilegiato del MG, basso impatto tecnologico, alta componente relazionale. L episodio algico si inquadra

Dettagli

Riflessioni etiche e professionali. Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano

Riflessioni etiche e professionali. Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano Riflessioni etiche e professionali Dr. L. Fabbro 1. Servizio di Anestesia e Rianimazione - Bolzano Progressi nella scienza e ricerca miglior cura delle malattie allungamento della vita miglioramento qualità

Dettagli

Linee guida per i diritti dei malati di cancro in Europa

Linee guida per i diritti dei malati di cancro in Europa LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI Linee guida per i diritti dei malati di cancro in Europa A cura della Rete europea per i diritti e i doveri dei pazienti e degli operatori sanitari della Association

Dettagli

C A R T A D E I S E R V I Z I CURE DOMICILIARI

C A R T A D E I S E R V I Z I CURE DOMICILIARI C A R T A D E I S E R V I Z I D E L L E CURE DOMICILIARI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Via Maresciallo Giardino 20 20037 Paderno Dugnano MI tel. 02/99038571 fax 02/9186247 E-mail: curedomiciliari@clinicasancarlo.it

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

Come persone. Come professionisti

Come persone. Come professionisti Come persone Come professionisti PER PROMUOVERE LA QUALITA DELLA VITA PER FRONTEGGIARE SITUAZIONI DI DIFFICOLTA E DISAGIO -AUTODETERMINAZIONE DELLA PERSONA IL SERVIZIO SOCIALE, LA BIOETICA E LA RELAZIONE

Dettagli

Epidemiological Study of Pain in Oncology ESOPO. 1. Quadro generale

Epidemiological Study of Pain in Oncology ESOPO. 1. Quadro generale Epidemiological Study of Pain in Oncology ESOPO 1. Quadro generale Il dolore in ambito oncologico è diventato una questione sociale, una sfida per la persona che lo vive, ma anche per il mondo medico e

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 19/20/21 Settembre 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 19/20/21 Settembre 2015 Pagina 1 di 7 rassegna stampa 19/20/21 Settembre 2015 IL CITTADINO Lodi La lotta contro il tumore al seno, un esame che può salvare la vita (19/09/2015) Alao in piazza per ricordare Elisa Votta (19/09/2015)

Dettagli

Documento preparatorio

Documento preparatorio Documento preparatorio Cure palliative, Cure palliative pediatriche, terapia del dolore (Umanizzazione delle cure) ROMA 31 MARZO 2015 GRUPPO DI LAVORO Ministero della Salute Regioni: Basilicata, Calabria,

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO

PROTOCOLLO OPERATIVO PIANO DI ZONA DEI SERVIZI ALLA PERSONA 2003-2005 progetto: SOSTEGNO A MINORI AFFETTI DA PATOLOGIE GRAVI O TERMINALI E ALLE LORO FAMIGLIE Referente: dott.ssa Anna Dalla Colletta PROTOCOLLO OPERATIVO Premessa

Dettagli

A.N.I.Ma.S.S. ONLUS. Associazione Nazionale Italiana Malati di Sindrome di Sjögren CHI SIAMO

A.N.I.Ma.S.S. ONLUS. Associazione Nazionale Italiana Malati di Sindrome di Sjögren CHI SIAMO A.N.I.Ma.S.S. ONLUS Associazione Nazionale Italiana Malati di Sindrome di Sjögren CHI SIAMO >> CHI SIAMO L Associazione A.N.I.Ma.S.S. ONLUS Associazione Nazionale Italiana Malati Sindrome di Sjögren, è

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO Testo aggiornato al 6 luglio 2012 Accordo 16 dicembre 2010, n. 239/Csr Gazzetta Ufficiale 18 gennaio 2011, n. 13 Accordo, ai sensi dell articolo 4 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, tra il

Dettagli

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO

SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO SERVIZIO CURE DOMICILIARI ASL7 CARBONIA LIBRETTO INFORMATIVO Rev. 01 del 21.10.2014 1. Presentazione del libretto informativo Dal 1999 ci occupiamo di assistenza domiciliare ed il nostro intento è stato

Dettagli

Progetto alternanza scuola-lavoro

Progetto alternanza scuola-lavoro Progetto alternanza scuola-lavoro OSPEDALI RIUNITI DI BERGAMO Gastroenterologia Abbiamo visto il reparto di gastroenterologia in due aspetti: L ambulatorio dove si effettuano tutti giorni visite ed esami

Dettagli

Prof. Tarcisio Niglio CURE PALLIATIVE

Prof. Tarcisio Niglio CURE PALLIATIVE Prof. Tarcisio Niglio Anno Accademico 2012-2013 Corso Triennale in Scienze Infermieristiche III anno 2 semestre CURE PALLIATIVE Troverete copia di queste diapositive nel sito internet: www.tarcisio.net

Dettagli

Titolo del Workshop. La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad. Abstract / sintesi degli interventi

Titolo del Workshop. La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad. Abstract / sintesi degli interventi Titolo del Workshop La Rete delle Cure Palliative nel Panorama Sanitario In collaborazione con Antea Formad Abstract / sintesi degli interventi Presentazione Il workshop, partendo dalla presentazione dei

Dettagli

Non siamo nati per soffrire

Non siamo nati per soffrire Non siamo nati per soffrire Dolore cronico e percorsi assistenziali ABSTRACT con il sostegno di Non siamo nati per soffrire. Dolore cronico e percorsi assistenziali ABSTRACT Non siamo nati per soffrire.

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

ATTO N. 866. dei Consiglieri GALANELLO e LOCCHI

ATTO N. 866. dei Consiglieri GALANELLO e LOCCHI MOZIONE ATTO N. 866 http://www.consiglio.regione.umbria.it e-mail: atti@crumbria.it dei Consiglieri GALANELLO e LOCCHI ESTENSIONE DELLA SPERIMENTAZIONE DI INTERVENTI DI ASSISTENZA INDIRETTA A FAVORE DI

Dettagli

"Scaccomatto al Dolore", Formazione e informazione in 33 tappe in tutta Italia Bologna, 19 Aprile 2013

Scaccomatto al Dolore, Formazione e informazione in 33 tappe in tutta Italia Bologna, 19 Aprile 2013 RASSEGNA STAMPA aggiornata al 28 Aprile 2013 Rassegna stampa "Scaccomatto al Dolore", Formazione e informazione in 33 tappe in tutta Italia Bologna, 19 Aprile 2013 Testata Agenzie stampa Lettori Ascoltatori

Dettagli

Progetto Mattone Internazionale Sotto-progetto Semestre di Presidenza italiano 2014 POSITION PAPER

Progetto Mattone Internazionale Sotto-progetto Semestre di Presidenza italiano 2014 POSITION PAPER POSITION PAPER 1 CURE PALLIATIVE, CURE PALLIATIVE PEDIATRICHE, TERAPIA DEL DOLORE: UMANIZZAZIONE DELLE CURE GROUP LEADER: Regione Basilicata REGIONI PARTECIPANTI: Calabria; Campania; Lazio; Marche; Piemonte;

Dettagli

Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore. Informazioni per i pazienti

Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore. Informazioni per i pazienti Clinica universitaria di anestesiologia e terapia del dolore Informazioni per i pazienti Breve introduzione generale Sala di risveglio centrale Nel laboratorio di ricerca La clinica universitaria di anestesiologia

Dettagli

LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010

LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010 Leggi e normative LEGGE 38 DEL 15 MARZO 2010 DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE Articolo 1 Finalità 1. La presente legge tutela il diritto del cittadino

Dettagli

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo

PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE. Dr Mauro Bandera Oncologo PROGETTO SIMULTANEOUS HOME CARE Dr Mauro Bandera Oncologo I progressi nella terapia dei tumori hanno portato ad una sopravvivenza a 5 anni dei 2/3 dei pazienti e di circa la metà a 10 anni dalla diagnosi.

Dettagli

L arte dell assistere per accompagnare: Il bisogno dei Pazienti

L arte dell assistere per accompagnare: Il bisogno dei Pazienti Corso specialistico Assistenti familiari per Pazienti con malattie avanzate e/o terminali Cascina Brandezzata - Milano 24 Gennaio 2015 L arte dell assistere per accompagnare: Il bisogno dei Pazienti Dr.

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d

DELIBERAZIONE N. 33/32. Istituzione della rete di cure palliative della d 32 Oggetto: Istituzione della rete di cure palliative della d Regione Sardegna. L Assessore dell'igiene e Sanità e dell'assistenza Sociale ricorda che la legge 15 marzo 2010, n. 38, tutela il diritto del

Dettagli

La distinzione non è di poco conto perché costituisce, anche per il legislatore, il punto di partenza della disciplina.

La distinzione non è di poco conto perché costituisce, anche per il legislatore, il punto di partenza della disciplina. Con legge n. 7 del 19 marzo 2009 la Regione Veneto ha implementato la tutela dei diritti dei malati terminali grazie alla quale viene garantito, sin dal 1998[1], un sistema di prestazioni sanitarie dedicate

Dettagli

Malattia inguaribile e adesso?

Malattia inguaribile e adesso? Malattia inguaribile e adesso? Quando si è colpiti da una grave malattia che non concede speranze di guarigione, sorgono inevitabilmente molte domande difficili e importanti: > Quanto tempo mi rimane?

Dettagli

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Legge regionale 19 marzo 2009, n. 7 (BUR n. 25/2009) DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Art. 1 - Finalità.

Dettagli

Non poter avere figli: il supporto che cura

Non poter avere figli: il supporto che cura Non poter avere figli: il supporto che cura Sterilità, infertilità, fecondazione assistita: diagnosi pesanti, appesantite dal dubbio di non poter avere (mai) figli. Si supera? Ne parliamo con Emilse Dumit,

Dettagli

Associazione per le cure palliative (onlus)

Associazione per le cure palliative (onlus) CON NOI Associazione per le cure palliative (onlus) CON NOI Associazione per le cure palliative Organizzazione non lucrativa di utilità sociale (ONLUS) Chi siamo "CON NOI" è un'associazione di volontariato

Dettagli

ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO

ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO ASSISTENZA AL PAZIENTE TERMINALE: L ESPERIENZAL DELL HOSPICE CASA MADONNA DELL ULIVETO ULIVETO Mariangela Piacentini Casa Madonna dell Uliveto Albinea - Reggio Emilia In quel tempo che viene definito dai

Dettagli

Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di dolore, non il piacere

Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di dolore, non il piacere Focus su... Il saggio cerca di raggiungere l'assenza di, non il piacere Aristotele 2 Il può essere definito come un campanello d allarme che ci avverte quando qualcosa nel nostro organismo non funziona

Dettagli

Titolo: La Rete Ligure di Cure Palliative

Titolo: La Rete Ligure di Cure Palliative Titolo: La Rete Ligure di Cure Palliative Partecipanti al gruppo di redazione: Massimo Costantini, Responsabile SC Coordinamento Regionale Cure Palliative, Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro,

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

LA RETE ONCOLOGICA LAZIALE

LA RETE ONCOLOGICA LAZIALE LA RETE ONCOLOGICA LAZIALE LA PERCEZIONE DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE Dott.Antonio Verginelli MMG DOVRESTI GUARDARE IL CANCRO COME L INIZIO DI UNA NUOVA VITA: DAL MOMENTO DELLA SUA SCOPERTA NULLA SARA,

Dettagli

L esperienza del medico di medicina generale

L esperienza del medico di medicina generale L INFORMAZIONE INDIPENDENTE SUL FARMACO: I FARMACI NEL DOLORE ONCOLOGICO Tavola rotonda: L esperienza del medico di medicina generale Sassari 21 Giugno 2008 Chiara Musio Il Sole 24 ore Sanità 10-16 Aprile

Dettagli

Le Cure Palliative. Dr.ssa M.Grazia Rusconi. UniTre 2013

Le Cure Palliative. Dr.ssa M.Grazia Rusconi. UniTre 2013 Le Cure Palliative Dr.ssa M.Grazia Rusconi UniTre 2013 DEFINIZIONE L Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) definisce le Cure Palliative come la cura totale prestata alla persona affetta da una malattia

Dettagli

Fondazione Ariel. 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili

Fondazione Ariel. 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili Fondazione Ariel 2003-2013: da 10 anni stella guida delle famiglie con bambini disabili La Paralisi Cerebrale Infantile Una malatti a non prevenibile In Italia, un bambino su 500 nuovi nati è affetto da

Dettagli

Excursus legislativo sulla palliazione. Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011

Excursus legislativo sulla palliazione. Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011 Excursus legislativo sulla palliazione Francesca Nardi Assistenti Sociali e Psicologi a confronto sui temi di fine vita e palliazione 19 Aprile 2011 1 Legge 39/99 Stabilisce l adozione di un programma

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE

LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE LA NECESSITA DI INCREMENTARE LE CURE PALLIATIVE RIVOLTE AL NEONATO, AL BAMBINO E ALL ADOLESCENTE E parte dell esperienza quotidiana che anche i bambini e gli adolescenti vengano colpiti da patologie a

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino

Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino Tribunale per i diritti del malato Cittadinanzattiva Francesca Moccia Benevento, 20 ottobre 2006 Cittadinanzattiva - Movimento di partecipazione civica che

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA

CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE DELLA BASILICATA IX LEGISLATURA PROPOSTA DI LEGGE Disposizioni in materia di utilizzo di farmaci cannabinoidi nell ambito del servizio sanitario regionale Iniziativa del Consigliere

Dettagli

Le Cure Palliative a Milano

Le Cure Palliative a Milano Le cure palliative per il malato oncologico A.O. H S. Paolo, 11 maggio 2002 Le Cure Palliative a Milano Ruolo del non profit: la formazione degli operatori e l informazione l della cittadinanza Bruno Andreoni

Dettagli

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO -

CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - CENTRO RESIDENZIALE CURE PALLIATIVE - HOSPICE SAN MARCO - PERCORSO ASSISTENZIALE PER PAZIENTI TERMINALI Indice 2 1. Premessa 3 2. Attività dell Hospice San Marco 3 3. Obiettivi 4 4. Criteri di Ammissione

Dettagli

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer

la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer Gruppo di studio SIGG LA CURA NELLA FASE TERMINALE DELLA VITA la comunicazione della diagnosi al malato di Alzheimer evelina bianchi Firenze 53 Congresso nazionale SIGG 2008 Firenze 53 congresso SIGG evelina

Dettagli

Il dolore cronico in Sicilia. Il punto della situazione 2015

Il dolore cronico in Sicilia. Il punto della situazione 2015 Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Villa Sofia/Cervello. Palermo U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia del Dolore Dott.ssa M.Lucia Il dolore cronico in Sicilia. Il punto della situazione 2015 DECRETO

Dettagli

LA SALUTE. La malattia di Alzheimer: il progetto Cronos del Ministero della Salute. obiettivo sicurezza. a cura di Pompeo Pindozzi

LA SALUTE. La malattia di Alzheimer: il progetto Cronos del Ministero della Salute. obiettivo sicurezza. a cura di Pompeo Pindozzi a cura di Pompeo Pindozzi La malattia di Alzheimer: COS E IL PROGETTO CRONOS LA RETE ASSISTENZIALE DEL PROGETTO CRONOS: OPERATORI E STRUTTURE COINVOLTE Il progetto cronos è il più ampio studio clinico-epidemiologico

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO

REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO REGIONE PIEMONTE A.O.U. Maggiore della Carità - Novara SC CURE PALLIATIVE e HOSPICE Direttore: dr. Aurelio PRINO STANDARD DI SERVIZIO SOMMARIO SOMMARIO... 1 PRESENTAZIONE SC CURE PALLIATIVE... 2 LA MISSION...

Dettagli

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di

Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di FORUMPA SANITA' 2001 A.S.L. della Provincia di Milano n 1 Dipartimento ASSI Assistenza domiciliare integrata (A.D.I.) cure palliative a favore di pazienti terminali residenti nei distretti di Corsico e

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Dipartimento cure primarie 1/7 Premessa L'Assistenza Domiciliare Integrata (ADI) è una forma di assistenza rivolta a persone residenti o domiciliate a Bologna e provincia,

Dettagli

con la presente propongo la mia candidatura a Presidente Eletto della Società Italiana di Neurologia.

con la presente propongo la mia candidatura a Presidente Eletto della Società Italiana di Neurologia. Dipartimento di Neuroscienze, Riabilitazione, Oftalmologia, Genetica e Scienze Materno-Infantili Università degli Studi di Genova Largo Paolo Daneo, 3-16132 Genova Tel. 010/3537040 Fax 010/3538631 E-mail:

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PEZZOLI, SCARPA BONAZZA BUORA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PEZZOLI, SCARPA BONAZZA BUORA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 7384 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PEZZOLI, SCARPA BONAZZA BUORA Istituzione di centri a carattere scientifico per la prevenzione

Dettagli

CONVEGNO SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA (SLA): I MALATI E LA RICERCA

CONVEGNO SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA (SLA): I MALATI E LA RICERCA ISTITUTO DI RICERCHE FARMACOLOGICHE MARIO NEGRI Dr. Paola Mosconi Dipartimento di Oncologia Laboratorio di ricerca sul coinvolgimento dei cittadini in sanità Via Giuseppe La Masa, 19-20156 Milano Italy

Dettagli

CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA. Furio Zucco

CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA. Furio Zucco CURE PALLIATIVE MODELLI APPLICATIVI E LINEE DI SVILUPPO IN ITALIA Furio Zucco Past President SICP Direttore Dipartimento Gestionale Anestesia Rianimazione Terapia del dolore e Cure palliative AO G.Salvini

Dettagli

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 SAVONESE Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia L analgesia nel travaglio di parto AZIENDA SANITARIA LOCALE

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Sede legale e amministrativa: Via Salvatore Maugeri 4, 27100 Pavia Italy Tel. 0382 592504 Fax 0382 592576 www.fsm.it C.F. e P. IVA 00305700189 Registro Persone Giuridiche Private della Regione Lombardia

Dettagli