PROGRAMMAZIONE DI CLASSE 5A ODONTOTECNICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGRAMMAZIONE DI CLASSE 5A ODONTOTECNICI"

Transcript

1 PROGRAMMAZIONE DI CLASSE 5A ODONTOTECNICI

2 CLASSE 5 A ODONTO Anno scolastico LINEE GENERALI PER LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA : 1. ANALISI DELLA SITUAZIONE DELLA CLASSE 2. OBIETTIVI EDUCATIVI 3. OBIETTIVI DIDATTICI COGNITIVI 4. METODI E STRUMENTI 5. CONTENUTI DI CIASCUNA DISCIPLINA (cfr allegati dei docenti) 6. ATTIVITA COMUNI (recupero e sostegno, percorsi pluri/interdisciplinari, terza area, stage e/o viaggi d istruzione, alternanza scuola/lavoro, visite guidate, ecc. allegare eventuali progettazioni) 7. VERIFICHE (numero e tipologia) E CRITERI DI VALUTAZIONE 8. MODALITA DI INFORMAZIONE E CONFRONTO CON LE FAMIGLIE ANALISI DELLA SITUAZIONE DELLA CLASSE La classe è composta dagli studenti provenienti dalla 4 A dello scorso anno, da una nuova iscritta e da due studentesse ripetenti, provenienti dalla stessa sezione. È presente uno studente con DSA. La classe ha in genere un comportamento corretto. Le lezioni sono seguite con sufficiente attenzione e un discreto numero di studenti interviene spesso e in modo abbastanza appropriato. Occorre insistere sull importanza del lavoro di rielaborazione personale necessario per consolidare le conoscenze. Il livello di partenza delle conoscenze sembra sufficiente in quasi tutte le discipline. La classe è poco numerosa e ciò facilita il lavoro e il recupero delle eventuali lacune. Mod D1 Rev 1 del 7/10/2009 2

3 OBIETTIVI EDUCATIVI Conoscenza di sé: Riconoscere le proprie attitudini, autovalutare le proprie abilità e scoprire le proprie potenzialità. Rapporti con gli altri: Gestire rapporti interpersonali improntati a rispetto e collaborazione. Effettuare scelte personali e metodologiche. Riconoscere le differenze e apprezzarle come fonte di arricchimento. Rapporto con le istituzioni: Utilizzare appieno e con rispetto le risorse della scuola come strumento per una crescita intellettuale ed umana Essere consapevole di diritti, doveri e ambiti di competenza delle componenti della scuola, come contributo alla formazione di cittadino consapevole del suo ruolo nella società e nel mondo OBIETTIVI DIDATTICI E COGNITIVI Conoscere i contenuti delle singole discipline e iniziare a cogliere l interazione tra i diversi ambiti del sapere. Individuare e utilizzare gli strumenti di comunicazione e di gruppo di lavoro più appropriati per intervenire nei contesti organizzativi e professionali di riferimento Iniziare a formulare giudizi autonomi, fondati sull analisi dei fatti e sullo scambio dialettico. Saper comunicare in modo semplice, ma con sufficiente sicurezza e correttezza sia nell ambito della quotidianità, che in aree volte all ampliamento degli orizzonti culturali. Acquisire un lessico di base relativo alla professione. Accrescere la propria competenza tecnica sapendosi rapportare in modo corretto a compagni, docenti e altri soggetti. Per lo studente con DSA sono elencati, per ogni disciplina, gli obiettivi minimi previsti dai singoli docenti. Mod D1 Rev 1 del 7/10/2009 3

4 METODI E STRUMENTI Il consiglio di classe riconosce validità didattica, al fine di perseguire gli obiettivi trasversali e disciplinari, alle modalità di lavoro sottoelencate, lasciando al singolo docente la libertà di scegliere tre queste quelle più consone alla disciplina e al proprio metodo di lavoro: Lezione frontale Lezione con esperti Lezione multimediale Lezione pratica Problem solving Metodo induttivo Lavoro gruppo Discussione guidata CONTENUTI DI CIASCUNA DISCIPLINA (cfr programmazioni dei docenti) ATTIVITÀ COMUNI (recupero e sostegno, percorsi pluri/interdisciplinari, terza area, stage e/o viaggi d istruzione, alternanza scuola/lavoro, visite guidate, ecc. allegare eventuali progettazioni) Ciascun docente attiverà iniziative di recupero delle difficoltà che potranno emergere in itinere secondo una o più delle seguenti modalità: Recupero in itinere Recupero individuale (correzione esercizi, assegnazione individuale ) Corso di recupero pomeridiano Al momento non sono previsti viaggi d istruzione di più giorni, mentre saranno possibili uscite didattiche. VERIFICHE (numero e tipologia) E CRITERI DI VALUTAZIONE Ciascun docente, in coerenza con la propria programmazione, sceglierà gli strumenti di valutazione tra i seguenti: colloquio, interrogazione breve, elaborazione di temi o altre tipologie testuali, prova di laboratorio, prova pratica, risoluzione di casi/problemi, prova strutturata o semi strutturata, questionario, trattazione sintetica di argomenti, relazione Valutazione Il numero delle verifiche è esposto nei piani di lavoro allegati. Mod D1 Rev 1 del 7/10/2009 4

5 Il Consiglio di classe ritiene come criterio fondante il fatto che gli esiti delle singole prove debbano essere utilizzati da parte dello studente come indice in itinere del livello di competenza raggiunto. Nell ottica di una valutazione formativa, lo studente deve essere indotto a rivalutare l errore in modo costruttivo, come momento didattico di ripensamento sul lavoro svolto. I docenti non si limiteranno alla valutazione aritmetica dei risultati conseguiti nelle diverse discipline, ma intendono cogliere il processo globale di maturazione del singolo alunno. Contribuirà alla valutazione finale del percorso il ruolo attivo assunto dallo studente nell attività in classe, nel lavoro a casa, nella disponibilità a seguire le indicazioni del docente. Le valutazioni saranno sempre chiaramente documentate e articolate secondo modalità riconoscibili da parte dello studente. I docenti del Consiglio di classe, al fine di assicurare omogeneità nelle decisioni e di garantire uniformità di giudizio, dichiarano di condividere nella valutazione delle singole prove i seguenti criteri: adottare per intero la scala decimale ( 1 10 ) tenere conto dei vari livelli raggiunti nell acquisizione delle conoscenze, nella capacità di applicazione rielaborazione complessiva delle stesse, nelle abilità linguistico espressive e nella capacità tecnico-operativa evidenziata nelle attività pratiche. Strumenti di valutazione utilizzati dal consiglio di classe Ciascun docente, in coerenza con la propria programmazione, sceglierà gli strumenti di valutazione tra i seguenti: colloquio; compiti in classe; interrogazione breve; elaborazione di temi o altre tipologie testuali; prova di laboratorio; prova pratica; risoluzione di casi/problemi; prova strutturata o semistrutturata; questionario; trattazione sintetica di argomenti; relazione; Per quanto attiene i criteri e le griglie di valutazione ciascun docente farà riferimento a quanto concordato nelle riunioni per materia. Le valutazioni saranno comunicate tempestivamente e registrate sul registro elettronico. La famiglia potrà prenderne visione online/sul libretto dello studente. Mod D1 Rev 1 del 7/10/2009 5

6 MODALITA DI INFORMAZIONE E CONFRONTO CON LE FAMIGLIE Strumenti di comunicazione e confronto tra i docenti e le famiglie sono il libretto dello studente, che lo studente è tenuto a portare sempre con sé, i colloqui individuali, le pagelle di fine trimestre, i consigli di classe aperti. I docenti del consiglio di classe sono comunque disponibili ad ogni ulteriore momento di colloquio e confronto con le famiglie e gli studenti, quando una delle parti ne ravvisi la necessità e compatibilmente con le disponibilità del docente previste dalla normativa vigente. Seguono le singole programmazioni per materia. Mod D1 Rev 1 del 7/10/2009 6

7 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DISCIPLINE GIURIDICO-ECONOMICHE Art. 4 e 6 D.P.R. 416/74 Art. 3 D.P.R. 417/74 Programmazione disciplinare H Programmazione disciplinare del Prof Graziano Paola Disciplina Discipline giuridico-economiche Classe 5 odontotecnici 1. Livello di partenza della classe 2. Finalità educative 3. Obiettivi disciplinari 4. Obiettivi minimi 5. Contenuti 6. Metodi e strumenti 7. Verifiche 8. Valutazione: criteri e griglie (prove orali e scritte) Mod D1 Rev 1 del 7/10/2009 7

8 1.Livello di partenza della classe L insegnante non ha utilizzato griglie di osservazioni iniziali; non si sono eseguiti test d ingresso perché la docente ha iniziato il corso curricolare con un breve e sostanziale ripasso degli elementi giuridico-economici trattati nel biennio. La classe, sollecitata da domande pertinenti il programma di prima e seconda, ha mostrato d aver assimilato i concetti base. La docente intende recuperare eventuali lacune in itinere 2.Finalità educative Lo studio delle discipline giuridico economiche ha lo scopo di trasmettere agli studenti il senso del rispetto delle regole e della loro doverosa operatività all interno di una comunità. Il principio di legalità, se compreso, implica l osservanza delle norme giuridiche e delle regole economiche, basi e fondamento di una cittadinanza matura, corretta e consapevole. 3.Obiettivi disciplinari Gli studenti alla fine del corso di studi, in sede di esame di maturità, dovranno essere in grado di: Individuare e rielaborare gli argomenti ed i temi studiati; Utilizzare adeguatamente i termini e delle locuzioni giuridiche ed economiche apprese, nel mondo del lavoro, a dipendenza o in modo autonomo; Consolidare nell esperienza quotidiana le nozioni studiate. 4.Obiettivi minimi Gli studenti alla fine della quinta, dovranno essere in grado di conoscere e spiegare i seguenti argomenti: Economia La banca e le sue funzioni nel circuito economico I titoli di credito: struttura, funzioni e modalità di circolazione Diritto Natura giuridica, struttura organizzativa e organi fondamentali delle società commerciali Caratteristiche salienti del rapporto di lavoro Elementi di legislazione sociale: caratteristiche e funzionamento del sistema sanitario nazionale 5.Contenuti Mod D1 Rev 1 del 7/10/2009 8

9 1 quadrimestre Diritto commerciale L imprenditore e le imprese L imprenditore commerciale L azienda Cenni sul contratto in generale Le società commerciali 2 quadrimestre I contratti dell imprenditore; L impresa artigiana odontotecnica Le banche e l attività creditizia; I titoli di credito L attività finanziaria dello stato Legislazione sociale La previdenza sociale, il contratto di lavoro e le assicurazioni obbligatorie Le professioni sanitarie Il servizio sanitario nazionale Mod D1 Rev 1 del 7/10/2009 9

10 6.Metodi e strumenti L insegnante usa prevalentemente la lezione frontale supportata da periodiche ed interessanti discussioni guidate. In qualche caso le lezioni sono arricchite dalla visione di video-cassette pertinenti agli argomenti studiati. Il libro di testo Messori, Razzoli Percorsi di diritto e legislazione socio-sanitaria Ed. Zanichelli, vol U. 7.Verifiche La verifica formativa si sostanzia in interrogazioni,orali, brevi dal posto. Per la verifica sommativa, invece, l insegnante utilizza verifiche scritte ed interrogazioni lunghe, periodiche, almeno 2 ( scritte oppure orali) per ogni trimestre/pentamestre. 8.Valutazione: criteri La docente precisa che alla valutazione periodica e finale, concorrono i seguenti fattori: metodo di studio, impegno, situazione personale,progresso, partecipazione all attività scolastica, livello della classe. Mod D1 Rev 1 del 7/10/

11 Griglia di valutazione (prove orali e scritte) /1 L alunno ha raggiunto gli obiettivi in modo eccellente: ha una visione globale dei problemi e li affronta con mentalità interdisciplinare, sa valutare criticamente e apportare contributi personali. L alunno ha raggiunto tutti gli obiettivi in modo ottimale: ha una visione globale dei problemi, sa valutare criticamente e apportare contributi personali. L alunno ha raggiunto tutti gli obiettivi in modo completo: sa collegare tra loro gli argomenti, li rielabora e li applica anche a situazioni non note. L alunno ha raggiunto gli obiettivi: conosce in modo preciso e comprende gli argomenti proposti, li collega, e li rielabora applicandoli a situazioni note L alunno ha raggiunto gli obiettivi essenziali: conosce e comprende gli argomenti, applica in. situazioni note le regole e comunica correttamente. L alunno ha parzialmente raggiunto gli obiettivi: conosce e comprende gli argomenti, ma li applica con difficoltà anche in situazioni note. L alunno non ha raggiunto gli obiettivi: conosce in modo frammentario gli argomenti, commette gravi errori nelle applicazioni e nella comunicazione. L alunno non ha raggiunto nessun obiettivo: non conosce argomenti, applicazioni e terminologia basilari. L alunno non ha raggiunto alcun obiettivo ed evidenzia totale disinteresse: rifiuta di partecipare alle attività. Mod D1 Rev 1 del 7/10/

12 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ED. FISICA Art. 4 e 6 D.P.R. 416/74 Art. 3 D.P.R. 417/74 Programmazione disciplinare H Programmazione disciplinare del Prof. Antonio Borrelli Disciplina Educazione fisica Classe 5 A ODON. Livello di partenza della classe Finalità educative Obiettivi disciplinari Obiettivi minimi Contenuti Metodi e strumenti Verifiche Valutazione: criteri e griglie (prove orali e scritte) Mod D1 Rev 1 del 7/10/

13 Livello di partenza della classe La classe dal punto di vista disciplinare non presenta particolari problematiche, La partecipazione alle lezioni è collaborativa e interessata per quanto riguarda l aspetto pratico e i livelli di partenza sono sufficienti per la maggior parte del gruppo classe. Dal punto di vista didattico si sottolinea una scarsa propensione a prendere appunti durante le spiegazioni nelle ore dedicate alla teoria. Si richiede pertanto un maggior impegno nello studio individuale degli argomenti teorici. Finalità educative - Sostenere un atteggiamento dialogante con gli studenti al fine di permettere la costruzione di un clima sereno e favorevole all apprendimento, ad una crescita culturale, civile, sociale equilibrata degli studenti e alla costruzione di rapporti di fiducia e di rispetto reciproci. Obiettivi disciplinari Favorire l armonico sviluppo psico-fisico dell allievo agendo sull area corporea e motoria Rendere cosciente l allievo della propria corporeità, sia come padronanza corporea che come capacità relazionale Favorire la socializzazione, il senso di responsabilità, lo spirito do collaborazione Facilitare l acquisizione di una cultura dell attività motoria e sportiva Educare alla pratica corretta del movimento Obiettivi minimi Conoscere e controllare il proprio corpo Sviluppare e coordinare gli schemi motori di base Conoscere ed effettuare i fondamentali individuali e di squadra delle principali discipline sportive Conoscere a livello teorico i principali effetti che l attività fisica produce a livello fisiologico Partecipare alle attività proposte in maniera attiva, dimostrando interesse ed impegno Contenuti - Esercizi di coordinazione dinamica generale Mod D1 Rev 1 del 7/10/

14 - Esercizi di coordinazione segmentaria - Esercizi per l incremento della velocità di base - Esercizi per l incremento della resistenza organica e muscolare - Esercizi di mobilità articolare e allungamento muscolare - Esercizi di potenziamento degli arti sup., inf., addome - Fondamentali individuali e di squadra di volley-basket-uni hockey-ultimate-calcetto - Test motori - Nozioni sulla prevenzione degli infortuni (stretching e riscaldamento) Lezioni teoriche: a) educazione alla salute b) regolamenti degli sport di squadra c) sistema scheletrico d) sistema muscolare e) video sportivi Metodi e strumenti Esercitazioni guidate e libere con l utilizzo delle attrezzature presenti nelle palestre e nei campi esterni Libro di testo consigliato Audiovisivi Lezioni frontali Esercitazioni libere, individuali e di gruppo Esercitazioni pratiche nelle varie discipline e specialità Nozioni teoriche durante le lezioni pratiche Lezioni teoriche effettuate in aula Verifiche Trattazione sintetica di argomenti Quesiti a risposta singola Quesiti a risposta multipla Test motori Mod D1 Rev 1 del 7/10/

15 Valutazione: criteri e griglie (prove orali e scritte) Batterie di test divisi per età con annesse tabelle di valutazione Mod D1 Rev 1 del 7/10/

16 PIANO DI LAVORO ANNUALE - GNATOLOGIA Art. 4 e 6 D.P.R. 416/74 Art. 3 D.P.R. 417/74 Piano di lavoro H Piano di lavoro della Prof. Rosalia Spallina Materia Anatomia Classe 5 A odonto 9. Livello di partenza della classe 10. Obiettivi minimi 11. Criteri di valutazione 12. Contenuti che si proporranno agli alunni 13. Metodologia 14. Altro Classe 5A od. a.s Prof. Rosalia Spallina La classe è composta da studenti provenienti dalla 4A dello scorso anno più due ragazze ripetenti. Alcuni studenti mostrano impegno e si auspica riescano a trainare tutto il gruppo, in modo da poter affrontare serenamente il programma dell ultimo anno. Obiettivi didattici di gnatologia Obiettivo finale della disciplina è l acquisizione da parte dell allievo dell anatomia, della fisiologia e biomeccanica dell apparato stomatognatico e della biomeccanica dell odontoprotesi, studio comprende anche la patologia dell apparato in questione. Mod D1 Rev 1 del 7/10/

17 I contenuti minimi riguardano l essenziale delle conoscenze dei singoli argomenti trattati nel corso gnatologia. metodi Si prevede di utilizzare l aula di anatomia con tutto il materiale a disposizione: libri, riviste, cd multimediali, pc, lucidi, videocassette, modelli, tavole. In modo da poter vivacizzare la materia di studio e renderla il più interessante possibile. Si prevede di trattare gli argomenti seguenti. Ripasso degli argomenti studiati in quarta Criteri fisiopatologici nella progettazione di una protesi totale mobile Cenni sullo sviluppo del cranio e lo sviluppo anormale della faccia (schisi) Elementi di fisiopatologia generale I tumori HIV- AIDS Anatomia e fisiopatologia del tessuto osseo, patologia delle ossa mascellari Fisiopatologia dell articolazione temporo-mandibolare Fisiopatologia dell apparato dento-parodontale: malattie parodontali, malattie della polpa, malattia cariosa Profilassi delle malattie dell apparato dento-parodontale Implantoprotesi Ortognatodonzia Oltre al libro di testo gli studenti potranno consultare vari lavori su cd-rom preparati negli anni precedenti (su carie, parodontopatie, patologie del cavo orale da alcol e fumo, Herpes labialis, impianti, protesi, AIDS). La classe partecipa al progetto Educhange (futuro), è prevista una uscita attinente agli argomenti trattati. Mod D1 Rev 1 del 7/10/

18 si prevedono uscite: lezioni per la settimana sul cervello (Università di Milano), Forum Barilla Cave di gesso di Moncalvo, Osservatorio astronomico e pernottamento (con la classe 4 A). Viaggio di istruzione Orientamento in entrata- stage per gli studenti di terza media e orientamento in uscita. visite o conferenze che verranno programmate PER QUANTO RIGUARDA I CRITERI DI VALUTAZIONE E LE VERIFICHE SI RIMANDA ALLA RIUNIONE PER MATERIA: prove scritte di diversa tipologia per preparazione agli esami, almeno due valutazioni scritte e due orali nel primo trimestre e tre-quatttro nel secondo. Milano, Prof. Rosalia Spallina Mod D1 Rev 1 del 7/10/

19 Programmazione disciplinare della Prof.ssa Rita Poma Disciplina: Lingua Inglese Classe 5 A Odontotecnico 15. Livello di partenza della classe 16. Finalità educative 17. Obiettivi disciplinari 18. Obiettivi minimi 19. Contenuti 20. Metodi e strumenti 21. Verifiche 22. Valutazione: criteri e griglie (prove orali e scritte) PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE - LINGUA INGLESE LINGUA INGLESE CLASSE 5 A Odontotecnico (3h settimanali) a.s Prof. Rita Poma TESTI IN ADOZIONE: 1) DENTAL TOPICS C.Radini, V.Radini Ed. Hoepli 2) GRAMMAR SPECTRUM GOLD A.Amendolagine, N.Coe, M.Harrison, K.Paterson Ed. Oxford 1. LIVELLO DI PARTENZA DELLA CLASSE La preparazione è, complessivamente, sufficiente anche se permangono delle lacune di base, anche gravi, nella preparazione di alcuni. Il comportamento è corretto, ma la partecipazione non è sempre attiva e l impegno di alcuni nello studio non è sempre adeguato. Un primo modulo iniziale di ripasso delle strutture grammaticali, delle funzioni comunicative e degli argomenti riguardanti l area professionalizzante, trattati negli anni precedenti, verrà proposto per consolidare la preparazione di base complessiva e favorire il recupero. 2. FINALITA EDUCATIVE Mod D1 Rev 1 del 7/10/

20 Con l ampliamento delle conoscenze della L2 si intende valorizzare sempre più la conoscenza di culture diverse per la condivisione di valori comuni. Inoltre, lo sviluppo della competenza comunicativa afferente il linguaggio settoriale intende avvicinare gli studenti al mondo del lavoro per una sempre maggiore consapevolezza riguardo alle competenze linguistiche e alle aspettative a livello professionale. La classe partecipa al progetto Educhange. 3. OBIETTIVI DISCIPLINARI Consolidamento dell'autonomia comunicativa nell esprimere esperienze presenti, passate e future relative al proprio e all altrui vissuto. Ampliamento e consolidamento della conoscenza degli elementi sostanziali della microlingua per la comprensione di testi tecnici, per la conversazione guidata e per la produzione di brevi testi relativi al linguaggio settoriale. 4. OBIETTIVI MINIMI Saper comunicare con un linguaggio coerente e sufficientemente articolato, seppur con qualche errore formale, in contesti riguardanti principalmente l ambito professionale e la cultura anglofona. Comprendere il contenuto di testi tecnici e materiale autentico relativi all ambito professionale. Produrre brevi testi, soprattutto inerenti l area professionale, utilizzando un lessico specifico funzionale al contesto professionale. 5. CONTENUTI MODULO 1- REVISIONE Con riferimento ai testi in adozione verranno revisionati e consolidati i contenuti grammaticali e quelli delle letture tecniche trattate lo scorso anno. MODULO 1 PARLARE CON AUTONOMIA DELLA REALTA QUOTIDIANA Consolidamento della competenza comunicativa attraverso la lettura di articoli riguardanti l attualità e/o la cultura anglofona. Progetto Educhange. MODULO 3- MICROLINGUA Con riferimento al testo in adozione, Dental Topics, verranno trattate le seguenti letture tecniche: Unit 6 - Text 1. Partial crowns Text 2. Full crowns Text 3. Dowel crowns Unit 7 - Text 1. Fixed partial dentures Text 2. Removable partial dentures Text 3. Full dentures Dental caries Unit 10 - Text 1. Plaster Text 2. Dental waxes Text 3. Investment materials Unit 11 - Text 1. Impression materials - Text 2. Rigid impression materials Text 3. Elastic impression materials Unit 12 - Text 1. Dental metals Text 2. Dental alloys Text 3. Titanium Unit 13 Text 1. Prosthetic resins Text 2. Dental porcelain Unit 15 - Text 1. Tooth carving Unit 19 - Text 1. Implants MODULO 4 ATTIVITA INERENTI ALLA DIMENSIONE LAVORATIVA Mod D1 Rev 1 del 7/10/

21 - analisi di materiale informativo autentico (depliant, brochure) - il curriculum vitae - simulazione del colloquio di lavoro 6. METODI E STRUMENTI Verrà utilizzata una metodologia fondata sulla prassi comunicazionale, favorendo una sincronica riflessione grammaticale: - lezioni frontali - lezioni interattive - attività di ascolto e comprensione, conversazione guidata, note-taking, riassunti, stesura di brevi paragrafi, tecniche di lettura (skimming, scanning). Strumenti: testi in adozione, cassette e/o CD per l ascolto e la comprensione, fotocopie, brochure, depliant. 7. VERIFICHE Si effettueranno due verifiche orali e due scritte nel trimestre e due verifiche orali e tre scritte nel pentamestre. La prima verifica scritta del trimestre e una delle tre verifiche del pentamenstre saranno una prova comune per classi parallele. Tipologia dei test: scritto - test a risposta aperta e/o chiusa, traduzione, comprensione, scelta multipla, stesura di brevi testi inerenti all area professionalizzante, test sul lessico. orale comprensione, lettura, conversazione guidata, esercizi grammaticali, domande aperte. Per lo studente DSA verranno proposte strategie didattiche e test scritti adeguati, unitamente a verifiche orali compensative dello scritto. 8. VALUTAZIONE: CRITERI E GRIGLIE (prove orali e scritte) La valutazione dei test a risposta chiusa richiederà il raggiungimento del 60% di risposte corrette per la sufficienza. Per i test a risposta aperta la sufficienza sarà raggiunta anche con qualche errore di forma se il contenuto del testo presenterà una valenza comunicativa sufficiente. Se necessario, verranno proposte attività volte al recupero di eventuali lacune evidenziate, ovvero corsi pomeridiani o in itinere con stop didattico, sportello help. La valutazione globale si baserà, oltre che sulle capacità e competenze emerse dalle verifiche, sull impegno profuso e sulla partecipazione attiva. Per valutare le competenze di cittadinanza attiva, si terrà conto del comportamento degli studenti, del rispetto delle regole e si proporranno letture e/o ricerche per attuare un percorso di sensibilizzazione alla multietnicità. Griglie di valutazione: Mod D1 Rev 1 del 7/10/

22 VOTO GIUDIZIO PROVE SCRITTE 1/2 Conoscenze pressoché nulle 3 Conoscenze del tutto insufficienti con errori molto gravi nell uso della lingua. 4 Conoscenze gravemente insufficienti con errori significativi. Difficoltà nell uso delle strutture linguistiche. Lessico carente. 5 Conoscenze superficiali con uso della lingua comprensibile, ma con errori diffusi, non particolarmente gravi. Lessico poco vario. 6 Conoscenze di base. Uso della lingua in forma semplice, seppur con qualche errore. Lessico di base. 7 Conoscenze adeguate con uso delle strutture linguistiche abbastanza sicuro e un lessico vario. 8 Conoscenze complete con uso della lingua sicuro, chiaro e preciso. 9 Conoscenze complete e approfondite. Uso fluido della lingua con rielaborazioni personali. Buone capacità critiche. 10 Conoscenze complete e approfondite. Uso eccellente della lingua con particolari capacità di rielaborazione personale. Ottime capacità critiche. VOTO GIUDIZIO PROVE ORALI 1/2 Conoscenze pressoché nulle.incapacità di sostenere un minimo colloquio in lingua. 3 Conoscenze del tutto insufficienti con errori molto gravi nell uso della lingua. Capacità di esprimersi in lingua in modo poco comprensibile. Pronuncia gravemente difettosa. 4 Conoscenze gravemente insufficienti con errori significativi. Difficoltà nell uso delle strutture linguistiche. Lessico carente.capacità di esprimersi in lingua in modo frammentario. Pronuncia approssimativa. 5 Conoscenze superficiali con uso della lingua comprensibile, ma con errori diffusi, non particolarmente gravi. Lessico poco vario. Capacità di sostenere un colloquio in lingua semplice, ma che raggiunge un livello di comunicazione quasi adeguato, anche per la pronuncia. 6 Conoscenze di base. Uso della lingua in forma semplice, seppur con qualche errore. Lessico di base. Livello comunicativo sostanzialmente adeguato. Pronuncia solo lievemente imprecisa. 7 Conoscenze adeguate con uso delle strutture linguistiche abbastanza sicuro e un lessico vario. Capacità di esprimersi con una certa scioltezza. Pronuncia discreta 8 Conoscenze complete con uso della lingua sicuro, chiaro e preciso. Buone le capacità di comunicazione e la pronuncia. 9 Conoscenze complete e approfondite. Uso fluido della lingua con rielaborazioni personali. Buone capacità critiche. Ottime le capacità di comunicazione e la pronuncia. 10 Conoscenze complete e approfondite. Uso eccellente della lingua con particolari capacità di rielaborazione personale. Ottime capacità critiche. Eccellenti le capacità di comunicazione e la pronuncia. Mod D1 Rev 1 del 7/10/

23 Griglie di valutazione per lo studente DSA: Voto GIUDIZIO PROVE SCRITTE 3/ 4 Conoscenze del tutto insufficienti con errori molto gravi nell uso della lingua. 5 Conoscenze insufficienti con errori significativi. Difficoltà nell uso delle strutture linguistiche. Lessico carente. 6 Conoscenze superficiali con uso della lingua comprensibile, ma con errori diffusi, non particolarmente gravi. Lessico poco vario. 7 Conoscenze accettabili. Uso della lingua in forma semplice, seppur con qualche errore. 8 Conoscenze adeguate con uso delle strutture linguistiche abbastanza sicuro e un lessico vario. 9 Conoscenze complete con uso della lingua sicuro, chiaro e preciso. Uso fluido della lingua con rielaborazioni personali. Buone capacità critiche. 10 Conoscenze complete e approfondite. Uso eccellente della lingua con particolari capacità di rielaborazione personale. Ottime capacità critiche. Voto GIUDIZIO PROVE ORALI 3/4 Conoscenze gravemente insufficienti con errori molto gravi nell uso della lingua. Capacità di esprimersi in lingua in modo poco comprensibile. Pronuncia gravemente difettosa. 5 Conoscenze lievemente insufficienti con errori non particolarmente gravi. Difficoltà nell uso delle strutture linguistiche. Lessico carente. Capacità di esprimersi in lingua in modo frammentario. Pronuncia approssimativa. 6 Conoscenze superficiali con uso della lingua comprensibile, con pochi errori. Lessico poco vario. Capacità di sostenere un colloquio in lingua semplice, ma che raggiunge un livello di comunicazione sufficiente, anche per la pronuncia. 7 Conoscenze accettabili. Uso della lingua in forma semplice, seppur con qualche errore. Lessico di base. Livello comunicativo sostanzialmente adeguato. Pronuncia lievemente imprecisa. 8 Conoscenze adeguate con uso delle strutture linguistiche abbastanza sicuro e un lessico vario. Capacità di esprimersi con una certa scioltezza. Pronuncia discreta 9 Conoscenze complete con uso della lingua sicuro, chiaro e preciso. Soddisfacenti le capacità di comunicazione e la pronuncia. 10 Conoscenze complete e approfondite. Uso eccellente della lingua con particolari capacità di rielaborazione personale. Ottime capacità critiche. Eccellenti le capacità di comunicazione e la pronuncia. Mod D1 Rev 1 del 7/10/

24 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE - ITALIANO Art. 4 e 6 D.P.R. 416/74 Art. 3 D.P.R. 417/74 Programmazione disciplinare H Programmazione disciplinare del Prof. Dario Generali Disciplina: Italiano Classe 5 A Odont. Livello di partenza della classe Finalità educative Obiettivi disciplinari Obiettivi minimi Contenuti Metodi e strumenti Verifiche Valutazione: criteri e griglie (prove orali e scritte) Programmazione di italiano Anno scolastico Testo in adozione Mod D1 Rev 1 del 7/10/

25 A. Roncoroni - M.M. Cappellini - A. Dendi - E. Sada - O. Tribulato, Il rosso e il blu. Letteratura, lingua, arte. Dalla fine dell'ottocento a oggi, Edizione rossa, 3, Milano, C. Signorelli Scuola, 2012 Situazione di partenza La classe è composta dagli studenti della IV A Od. dell'a.s , con l'aggiunta di tre studentesse che non hanno superato la quinta nel medesimo a.s. In tal senso l'immagine della classe non differisce in modo sostanziale da quella della quarta dell'anno precedente e si caratterizza per eterogeneità di attenzione, comportamento e motivazione. Gli sforzi compiuti dall'insegnante lo scorso anno scolastico hanno permesso agli studenti di superare solo in parte le proprie lacune linguistiche e concettuali e non hanno ottenuto significativi miglioramenti rispetto all'episodicità di motivazione e partecipazione di un gruppo di studenti. Una parte della classe mostra di aver tratto maggior profitto dal lavoro svolto lo scorso anno, mentre l'altra continua a mostrare impegno e attenzione in modo discontinuo, solo in occasione delle verifiche e nel tentativo di conseguire risultati sufficienti, ma con esiti a volte non soddisfacenti a causa delle modalità affrettate e delle conoscenze non sufficientemente sedimentate. Le principali linee di intervento del docente dovranno quindi ancora concentrarsi nel tentativo di indurre la parte meno motivata della classe a una maggiore attenzione e a un maggiore impegno e nello sforzo di favorire un arricchimento lessicale degli allievi e una loro crescita culturale, che gli possa permettere un maggiore padroneggiamento concettuale e linguistico dei temi di volta in volta affrontati. Come concordato nella programmazione di dipartimento, seguendo le indicazioni ministeriali, nel quinto anno, i docenti di Materie letterarie pongono come obiettivo il raggiungimento delle seguenti competenze,conoscenze e abilità: ITALIANO Competenze * individuare e utilizzare gli strumenti di comunicazione e di lavoro di gruppo più appropriati per intervenire nei contesti organizzativi e professionali *redigere relazioni tecniche e documentare le attività individuali e di gruppo relative a situazioni professionali *utilizzare laddove possibile strumenti di comunicazione visiva e multimediale anche con riferimento alle strategie espressive e agli strumenti tecnici della comunicazione in rete Conoscenze Lingua: Abilità Lingua: Mod D1 Rev 1 del 7/10/

26 * tecniche compositive per diverse tipologie di produzione scritta anche professionale * strumenti per l analisi e l interpretazione di testi letterari e per l approfondimento di tematiche coerenti con l indirizzo di studio * struttura di un curriculum vitae e modalità di compilazione del CV europeo * tecniche di ricerca e catalogazione di produzioni multimediali e siti web Conoscenze Letteratura: * processo storico e tendenze evolutive della letteratura italiana dall Unità d Italia ad oggi, a partire da una selezione di autori e testi emblematici che caratterizzano l identità nazionale * significative produzioni letterarie, artistiche e scientifiche anche di autori internazionali * elementi di identità e diversità tra la cultura italiana e le culture di altri paesi con riferimento al periodo studiato * rapporto tra opere letterarie ed altre espressioni artistiche * redigere testi anche a carattere professionale utilizzando un linguaggio tecnico specifico *utilizzare i linguaggi settoriali nella comunicazione in contesti professionali *interloquire e argomentare anche con i destinatari del servizio in situazioni professionali del settore di riferimento *scegliere e utilizzare le forme di comunicazione multimediale maggiormente adatte all ambito professionale di riferimento *elaborare un curriculum vitae in formato europeo Abilità Letteratura: *contestualizzare l evoluzione della civiltà artistica e letteraria italiana dall Unità ad oggi in rapporto ai principali processi sociali, culturali, politici e scientifici di riferimento *identificare relazioni tra i principali autori della tradizione italiana e altre tradizioni culturali anche in prospettiva interculturale *utilizzare laddove possibile le tecnologie digitali in funzione di presentazione di un progetto o di un prodotto *interpretare un opera d arte visiva e cinematografica Obiettivi minimi Saper ascoltare: Mod D1 Rev 1 del 7/10/

27 presta attenzione durante le spiegazioni si rende conto quando non capisce e chiede spiegazioni intervenendo a proposito distingue le informazioni essenziali da quelle secondarie Saper leggere/saper studiare comprende l argomento e ne distingue gli aspetti secondari analizza e comprende i testi letterari sa consultare il libro di testo sa schematizzare e prendere appunti Saper scrivere Sa elaborare testi corretti dal punto di vista grammaticale e sintattico e di diverso tipo in relazione agli scopi indicati Sa esporre in modo chiaro e con lessico appropriato le proprie opinioni personali e le proprie interpretazioni sapendole argomentare Saper parlare (avendo studiato) Sa esporre in modo chiaro, corretto e con buona varietà lessicale contenuti disciplinari e non Sa riformulare ciò che è stato detto, letto,ascoltato Studia gli argomenti e di conseguenza sa contestualizzare testi ed autori Metodi, strumenti L insegnamento dell Italiano seguirà un impostazione modulare. Ciascun modulo sarà organizzato in sequenze di conoscenze, di abilità e di competenze che consentano agli allievi di sviluppare un progressivo itinerario di apprendimento. Alla lezione frontale si affiancheranno discussioni guidate, lavori individuali e di gruppo, esercitazioni ecc. Oltre al manuale, potranno essere di valido supporto audiovisivi, film, visite guidate soprattutto a mostre artistiche che permettano di collegare le diverse espressioni culturali del medesimo periodo storico. Si ritiene anche utile educare gli studenti ad una fruizione più preparata del cinema, proponendo opere cinematografiche in genere non prescelte dai ragazzi. Si proporranno spettacoli teatrali anche in orario serale. Per lo svolgimento del programma è possibile prevedere circa 132 ore di lezione, salvo interruzioni dell attività didattiche non programmate e dovute a cause contingenti. Verifiche e Valutazione Le verifiche consisteranno in: Interrogazioni brevi e lunghe Mod D1 Rev 1 del 7/10/

28 Prove strutturate e semistrutturate Analisi e commenti scritti Testi argomentativi ed espositivi Articoli di giornale e saggi brevi Nella valutazione dei testi scritti saranno considerati: - conoscenza degli argomenti correttezza formale chiarezza espositiva rispondenza ai caratteri delle diverse tipologie testuali aderenza allo scopo preposto organicità e completezza delle argomentazioni Nella valutazione dell esposizione orale : conoscenza degli argomenti capacità di esprimersi in modo chiaro e corretto capacità di usare la terminologia adeguata capacità di esprimere giudizi personali e motivati I criteri di valutazione si baseranno su: conseguimento degli obiettivi prefissati partecipazione ed interesse per le attività proposte continuità e sistematicità dell impegno conoscenza degli argomenti svolti Verranno proposti interventi di recupero a fine quadrimestre o verrà proposta l attività di sportello Help,qualora emergessero carenze non dovute solo a mancanza di impegno da parte degli studenti. GIUDIZIO DESCRIZIONE GRIGLIA DI VALUTAZIONE PROVE ORALI VOTO VOTO /10 /15 Mod D1 Rev 1 del 7/10/

29 Del tutto INSUF. Conoscenze, competenze, abilità: conoscenze, competenze e capacità del tutto inconsistenti; mancato svolgimento della prova 1-3 < / = 4-5 Gravemente insufficiente INSUF. SUFFICIENTE/ PIÙ CHE SUFFICIENTE conoscenze:scarsa acquisizione di elementi essenziali, diffuse carenze nei contenuti disciplinari competenze:argomentazione parziale, incoerente e/o erronea; competenza linguistica specifica della disciplina lacunosa; difficoltà espressive abilittà:esposizione mnemonica, incapacità di contestualizzazione e di rielaborazione personale conoscenze:incerta acquisizione di elementi essenziali, carenze nei contenuti disciplinari competenze:argomentazione parziale, incoerente e/o erronea; competenza linguistica specifica della disciplina lacunosa; difficoltà espressive abiliità:esposizione mnemonica, difficoltà di contestualizzazione e di rielaborazione personale conoscenze:conoscenza e comprensione dei contenuti disciplinari essenziali competenze:capacità di analisi e sintesi discreta, pur con qualche errore o imprecisione; argomentazione elementare ma corretta; capacità di collegamento solo su sollecitazione; competenza linguistica specifica della disciplina accettabile. abiliità:esposizione mnemonica; capacità di contestualizzazione ed elaborazione personale solo su sollecitazione Mod D1 Rev 1 del 7/10/

30 DISCRETO- BUONO BUONO- OTTIMO ECCELLENTE conoscenze: conoscenze disciplinari complete, proprie e sicure competenze: capacità di argomentazione corretta, coerente e convincente; chiarezza e diligente precisione nell esposizione; competenza linguistica specifica della disciplina buona abilità:capacità di contestualizzazione e rielaborazione personale autonoma, sebbene con qualche imprecisione conoscenze:conoscenza dei contenuti disciplinari profonda e solida competenze: capacità di analisi e sintesi buone;argomentazione convincente e supportata da buona documentazione; capacità di collegamento disciplinare e multidisciplinare brillanti; competenze linguistiche ed espressive ottime abilità:capacità di contestualizzazione e rielaborazione personale autonoma ed appropriata conoscenze:conoscenze complete, ampie e approfondite competenze:spiccate capacità di analisi, sintesi e argomentazione, supportate da ampia documentazione; capacità di personali collegamenti disciplinari e multidisciplinari abilità:capacità di contestualizzazione e rielaborazione personale autonoma ed appropriata; originalità critica Il livello di sufficienza è determinato dall acquisizione minima delle conoscenze,competenze e delle abilità. griglia di valutazione per la prima prova scritta Mod D1 Rev 1 del 7/10/

31 A) ANALISI DEL TESTO punteggio/1 0 5 punteggio/1 ALE TOT Conoscenze - correttezza - completezza - pertinenza Competenze - Analisi - sintesi - argomentazione - Linguistiche: punteggiatura, ortografia, sintassi lessico coerenza, coesione Abilità - rielaborazione critica - collegamento - originalità Totale punteggio / Voto B) SAGGIO BREVE / ARTICOLO DI GIORNALE punteggio / 10 io /15 puntegg TALE TO Conoscenze Mod D1 Rev 1 del 7/10/

32 - completezza e correttezza - integrazione dei dati forniti con informazioni congruenti Competenze - analisi, sintesi - argomentazione - Linguistiche: punteggiatura, ortografia, sintassi lessico coerenza, coesione, efficacia Competenze rispetto al genere testuale - rispetto dei vincoli comunicativi: destinatario, scopo, collocazione editoriale, misura, titolo - Utilizzo delle fonti: comprensione, selezione, interpretazione Abilità - rielaborazione critica - collegamento - originalità Totale punteggio / Voto C) TEMA DI STORIA / ATTUALITA punteggio / 10 punt eggio /15 TOTALE Mod D1 Rev 1 del 7/10/

33 Conoscenze - pertinenza e completezza - approfondimento personale Competenze - Linguistiche punteggiatura, ortografia, sintassi lessico efficacia espressiva - di organizzazione testuale articolazione in paragrafi coerenza e coesione Abilità - rielaborazione critica Totale punteggio / Voto Per la VALUTAZIONE più specifica del SAGGIO BREVE e dell ARTICOLO DI GIORNALE si aggiungono i seguenti criteri: Conoscenze Integrazione dei dati forniti con informazioni congruenti (conoscenze disciplinari) Competenze - Rispetto dei vincoli comunicativi: destinatario, scopo, collocazione editoriale, misura, titolo (competenze rispetto al genere testuale) - Utilizzo delle fonti rispetto alla comprensione, selezione, interpretazione (competenze rispetto al genere testuale) Contenuti Sulla base delle indicazioni ministeriali, i contenuti si articoleranno in moduli selezionati anche secondo i seguenti criteri: Sviluppo di precise competenze linguistico - espressive Mod D1 Rev 1 del 7/10/

34 Motivazione e interesse degli allievi Analisi di argomenti ritenuti di particolare valenza formativa Testo in adozione: Roncoroni,Cappellini,Dendi, Sada, Tribulato,Il rosso e il blu, Signorelli Scuola Durante l intero anno scolastico verranno svolte lezioni ed esercitazioni di preparazione alla produzione di testi scritti anche di carattere professionale, in particolare del C.V. Modulo 1 L età del positivismo Naturalismo, Positivismo, evoluzionismo Romanzo realista e naturalista Il romanzo verista Giovanni Verga: biografia, opere, poetica Lettura di testi antologici Conoscenze Contesto storico culturale ideologico nella seconda metà dell Ottocento Caratteri essenziali delle poetiche legate alla rappresentazione del vero nella letteratura Abilità Riconoscere elementi di identità e diversità tra cultura italiana e culture straniere Individuare i rapporti tra letteratura e altre espressioni artistiche e culturali Orientarsi nel processo di sviluppo della cultura letteraria e artistica italiana Riconoscere i caratteri stilistici e strutturali di un testo letterario Modulo 2 L età del decadentismo La lirica simbolista Il romanzo decadente Letture di testi tratti dalle opere di Baudelaire, Rimbaud, Verlaine, Mallarmé Conoscenze Caratteri essenziali delle poetiche legate al clima culturale del Decadentismo nella letteratura europea Mod D1 Rev 1 del 7/10/

35 Significative produzioni letterarie di autori internazionali Rapporto tra letteratura e altre espressioni artistiche Abilità Contestualizzare fenomeni letterari e altre espressioni artistiche Riconoscere i caratteri stilistici e strutturali di un testo letterario Individuare rapporti tra la letteratura italiana e quella di altri paesi Modulo 3 Figure emblematiche del decadentismo italiano Giovanni Pascoli: vita, opere, poetica. Lettura di testi tratti dalle raccolte poetiche e da testi in prosa Gabriele D Annunzio: vita, opere, poetica. Lettura di brani tratti dalle opere poetiche e narrative. Conoscenze Testi e autori fondamentali che caratterizzano l identità culturale Linee di evoluzione della cultura italiana Abilità Orientarsi nel processo di sviluppo della cultura letteraria italiana Contestualizzare testi letterari della tradizione italiana Riconoscere i caratteri stilistici e strutturali di un testo letterario Modulo 4 L età delle avanguardie Espressionismo, futurismo, surrealismo F.T. Marinetti, A. Palazzeschi Lettura di testi antologici Conoscenze Contesto storico culturale ideologico del primo ventennio del Novecento Significative produzioni letterarie e artistiche di autori italiani e internazionali Elementi di identità e diversità tra cultura italiana e culture di altri paesi Rapporto tra letteratura e altre espressioni artistiche Abilità Mod D1 Rev 1 del 7/10/

36 Contestualizzare fenomeni letterari e altre espressioni artistiche Riconoscere i caratteri stilistici e strutturali di un testo letterario Individuare rapporti tra la letteratura italiana e quella di altri paesi Modulo 5 Il figlio del caos : Luigi Pirandello Biografia dell autore, opere e poetica La poetica dell umorismo Da Novelle per un anno, lettura di alcune novelle Lettura antologica di brani da Il fu Mattia Pascal Visione a teatro di un opera teatrale dell autore Conoscenze Linee di evoluzione della cultura italiana Testi e autori fondamentali che caratterizzano l identità culturale Abilità Orientarsi nel processo di sviluppo della cultura letteraria italiana Contestualizzare testi letterari della tradizione italiana Riconoscere i caratteri stilistici e strutturali di un testo letterario Modulo 6 Uno scrittore europeo : Italo Svevo Biografia dell autore, poetica Lettura antologica di brani da La coscienza di Zeno Conoscenze Linee di evoluzione della cultura italiana Testi e autori fondamentali che caratterizzano l identità cultural Abilità Orientarsi nel processo di sviluppo della cultura letteraria italiana Contestualizzare testi letterari della tradizione italiana Mod D1 Rev 1 del 7/10/

37 Riconoscere i caratteri stilistici e strutturali di un testo letterario Modulo 7 Il romanzo della crisi : nuovi temi e nuove forme della narrativa novecentesca Lettura di brani tratti da opere di Joyce, Proust, Woolf, Kafka Conoscenze Significative produzioni letterarie e artistiche di autori internazionali Elementi di identità e diversità tra cultura italiana e culture di altri paesi Rapporti tra letteratura e altre espressioni artistiche Abilità Contestualizzare fenomeni letterari e altre espressioni artistiche Riconoscere i caratteri stilistici e strutturali di un testo letterario Individuare rapporti tra la letteratura italiana e quella di altri paesi Modulo 8 La lirica del Novecento Ungaretti, Quasimodo, Saba, Montale: biografie e poetica Scelta di testi poetici Conoscenze Testi e autori fondamentali Linee di evoluzione della lirica italiana Abilità Orientarsi nel processo di sviluppo della cultura letteraria italiana Contestualizzare testi letterari della tradizione italiana Riconoscere i caratteri stilistici e strutturali di un testo letterario Modulo 9 Mod D1 Rev 1 del 7/10/

38 Narrativa italiana tra impegno civile e testimonianza Letture di brani tratti da opere di autori del Neorealismo Conoscenze Contesto storico culturale ideologico della seconda metà del Novecento Significative produzioni letterarie e artistiche di autori italiani Rapporto letteratura e cinema Abilità Contestualizzare fenomeni letterari e altre espressioni artistiche Individuare caratteri stilistici di un opera cinematografica Operare confronti tra opere letterarie e altre espressioni artistiche Milano, 13 ottobre 2015 L insegnante Prof. Dario Generali Mod D1 Rev 1 del 7/10/

39 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE - STORIA Art. 4 e 6 D.P.R. 416/74 Art. 3 D.P.R. 417/74 Programmazione disciplinare H Programmazione disciplinare del Prof. Dario Generali Disciplina: Storia Classe 5 A Odont. Livello di partenza della classe Finalità educative Obiettivi disciplinari Obiettivi minimi Contenuti Metodi e strumenti Verifiche Valutazione: criteri e griglie Programmazione di storia Anno scolastico Testo in adozione Mod D1 Rev 1 del 7/10/

40 E.B. Stumpo - S. Cardini - F. Onorato - S. Fei, Le forme della storia. Dalla società industriale alla globalizzazione, Edizione rossa, 3, Milano, Mondadori (con il marchio Le Monnier Scuola), 2012 Situazione di partenza La classe è composta dagli studenti della IV A Od. dell'a.s , con l'aggiunta di tre studentesse che non hanno superato la quinta nel medesimo a.s. In tal senso l'immagine della classe non differisce in modo sostanziale da quella della quarta dell'anno precedente e si caratterizza per eterogeneità di attenzione, comportamento e motivazione. Gli sforzi compiuti dall'insegnante lo scorso anno scolastico hanno permesso agli studenti di superare solo in parte le proprie lacune linguistiche e concettuali e non hanno ottenuto significativi miglioramenti rispetto all'episodicità di motivazione e partecipazione di un gruppo di studenti. Una parte della classe mostra di aver tratto maggior profitto dal lavoro svolto lo scorso anno, mentre l'altra continua a mostrare impegno e attenzione in modo discontinuo, solo in occasione delle verifiche e nel tentativo di conseguire risultati sufficienti, ma con esiti a volte non soddisfacenti a causa delle modalità affrettate e delle conoscenze non sufficientemente sedimentate. Le principali linee di intervento del docente dovranno quindi ancora concentrarsi nel tentativo di indurre la parte meno motivata della classe a una maggiore attenzione e a un maggiore impegno e nello sforzo di favorire un arricchimento lessicale degli allievi e una loro crescita culturale, che gli possa permettere un maggiore padroneggiamento concettuale e linguistico dei temi di volta in volta affrontati. Secondo le indicazioni ministeriali e in base a quanto concordato tra i docenti di Materie letterarie nel quinto anno si stabilisce la programmazione delle seguenti competenze, conoscenze e abilità: Competenze * Riconoscere gli aspetti geografici, ecologici e territoriali dell ambiente naturale, le connessioni con le strutture demografiche, economiche, sociali e le trasformazioni intervenute nel corso del tempo. * Correlare la competenza storica generale agli sviluppi delle tecnologie e delle tecniche nello specifico campo professionale Conoscenze Abilità Il Novecento Principali persistenze e processi di * Riconoscere nella storia del Mod D1 Rev 1 del 7/10/

41 Cultura materiale e ideologia Storia locale Metodo storiografico trasformazione tra il secolo XIX e il secolo XXI in Italia, in Europa, nel mondo * Aspetti caratterizzanti la storia del Novecento ed il mondo attuale ( quali in particolare : industrializzazione e società post-industriale, limiti dello sviluppo, violazioni e conquiste dei diritti, nuovi soggetti e movimenti, stato, società e sua crisi, globalizzazione * Modelli culturali a confronto: conflitti, scambio e dialogo interculturale * Innovazioni scientifiche e tecnologiche e relativo impatto su modelli e mezzi di comunicazione, condizioni socio-economiche e assetti politico-istituzionali * Territorio come fonte storica: tessuto socio-economico e patrimonio ambientale, culturale e artistico * Categorie, lessico, strumenti e metodi della ricerca storica *Radici storiche della Costituzione italiana *Carte internazionali dei diritti. Principali istituzioni internazionali, europee e nazionali Novecento e nel mondo attuale le radici storiche del passato, cogliendo gli elementi di continuità e discontinuità *Analizzare problematiche significative del periodo considerato * Riconoscere la varietà e lo sviluppo storico dei sistemi economici e politici e individuare i nessi con i contesti internazionali * Effettuare confronti tra diverse tradizioni culturali in un ottica interculturale * Riconoscere le relazioni fra evoluzione scientifica e tecnologica e contesti ambientali, demografici, socio-economici, politici e culturali * Inquadrare beni ambientali e artistici nel periodo storico di riferimento * Utilizzare fonti storiche di diversa tipologia per ricerche su specifiche tematiche anche interdisciplinari * Utilizzare categorie metodi e strumenti della ricerca storica in contesti laboratoriali per affrontare situazioni e problemi anche in relazione agli indirizzi di studio ed ai campi professionali Mod D1 Rev 1 del 7/10/

42 Obiettivi minimi Saper ascoltare: presta attenzione durante le spiegazioni si rende conto quando non capisce e chiede spiegazioni intervenendo a proposito distingue le informazioni essenziali da quelle secondarie Saper leggere/saper studiare comprende qual è un fatto e ne distingue gli aspetti secondari sa consultare il libro di testo per rintracciare informazioni e/o dati sa schematizzare e prendere appunti Saper parlare (avendo studiato) si esprime in modo chiaro, comprensibile dal destinatario riformula ciò che è stato detto,letto, ascoltato studia gli argomenti e di conseguenza: sa collocare gli eventi nel tempo e nello spazio sa esporre in forma chiara,coerente fatti e/o problemi relativi agli eventi studiati sa utilizzare un linguaggio appropriato. Metodi, strumenti e tempi L insegnamento della Storia seguirà un impostazione modulare. Ciascun modulo sarà organizzato in sequenze di conoscenze e di competenze operative che consentano agli allievi di sviluppare un progressivo itinerario di apprendimento. Alla lezione frontale si affiancheranno discussioni guidate, lavori individuali e di gruppo, esercitazioni, ecc. Oltre al manuale, si useranno altri testi e/o fotocopie per approfondire; inoltre audiovisivi, filmati, visite guidate. Per lo svolgimento del programma è possibile prevedere circa 66 ore di lezione, salvo interruzioni dell attività didattiche non programmate e dovute a cause contingenti. Verifiche e valutazione Durante lo svolgimento di ciascun modulo verranno svolte verifiche formative sotto forma di brevi questionari scritti ed orali, non sempre traducibili in voti, da utilizzare soprattutto come indicatori del processo di apprendimento. Al termine di ogni modulo la valutazione sommativa si svolgerà sotto forma di prove strutturate e interrogazioni orali. Mod D1 Rev 1 del 7/10/

43 Verranno effettuati interventi brevi di recupero in orario extracurricolare, qualora da queste verifiche emergessero carenze non dovute solo a mancanza di impegno da parte degli studenti. GIUDIZIO Del tutto INSUF. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PROVE ORALI DESCRIZIONE VOTO VOTO /10 /15 Conoscenze, competenze, abilità: conoscenze, 1-3 < / = competenze e capacità del tutto inconsistenti; 4-5 mancato svolgimento della prova Gravemente insufficiente INSUF. conoscenze:scarsa acquisizione di elementi essenziali, diffuse carenze nei contenuti disciplinari competenze:argomentazione parziale, incoerente e/o erronea; competenza linguistica specifica della disciplina lacunosa; difficoltà espressive abilittà:esposizione mnemonica, incapacità di contestualizzazione e di rielaborazione personale conoscenze:incerta acquisizione di elementi essenziali, carenze nei contenuti disciplinari competenze:argomentazione parziale, incoerente e/o erronea; competenza linguistica specifica della disciplina lacunosa; difficoltà espressive abiliità:esposizione mnemonica, difficoltà di contestualizzazione e di rielaborazione personale Mod D1 Rev 1 del 7/10/

44 SUFFICIENTE/ PIÙ CHE SUFFICIENTE DISCRETO- BUONO BUONO- OTTIMO conoscenze:conoscenza e comprensione dei contenuti disciplinari essenziali competenze:capacità di analisi e sintesi discreta, pur con qualche errore o imprecisione; argomentazione elementare ma corretta; capacità di collegamento solo su sollecitazione; competenza linguistica specifica della disciplina accettabile. abiliità:esposizione mnemonica; capacità di contestualizzazione ed elaborazione personale solo su sollecitazione conoscenze: conoscenze disciplinari complete, proprie e sicure competenze: capacità di argomentazione corretta, coerente e convincente; chiarezza e diligente precisione nell esposizione; competenza linguistica specifica della disciplina buona abilità:capacità di contestualizzazione e rielaborazione personale autonoma, sebbene con qualche imprecisione conoscenze:conoscenza dei contenuti disciplinari profonda e solida competenze: capacità di analisi e sintesi buone;argomentazione convincente e supportata da buona documentazione; capacità di collegamento disciplinare e multidisciplinare brillanti; competenze linguistiche ed espressive ottime abilità:capacità di contestualizzazione e rielaborazione personale autonoma ed appropriata Mod D1 Rev 1 del 7/10/

45 ECCELLENTE conoscenze:conoscenze complete, ampie e approfondite competenze:spiccate capacità di analisi, sintesi e argomentazione, supportate da ampia documentazione; capacità di personali collegamenti disciplinari e multidisciplinari abilità:capacità di contestualizzazione e rielaborazione personale autonoma ed appropriata; originalità critica Primo Novecento Modulo 1 La Grande guerra come svolta storica Obiettivi - Conoscere nei suoi caratteri generali il contesto storico di inizio Novecento - Collocare nel contesto la particolare situazione dell Italia giolittiana - Analizzare le cause della Prima guerra mondiale e conoscerne gli eventi fondamentali - Ricostruire le dinamiche della stagione rivoluzionaria russa - Ricostruire i principali effetti della Grande guerra, sia in termini geopolitici sia in termini sociali e culturali Contenuti * inizio della società di massa in Occidente * l Italia industriale e l età giolittiana * il secolo breve * la prima guerra mondiale * la rivoluzione russa e la nascita dell Unione sovietica Modulo 2 Mod D1 Rev 1 del 7/10/

46 Fra le due guerre: totalitarismi e democrazie Obiettivi - Comprendere le fasi dell economia postbellica tra grande sviluppo e brusca rottura - Ricostruire le tensioni dell Italia postbellica e collocare in questo contesto l ascesa del fascismo - Individuare i fattori di ascesa del fascismo e le fasi fondamentali nel corso del ventennio - Comprendere le ragioni dell ascesa di Hitler nella Germania weimariana - Analizzare i caratteri generali dei regimi totalitari - Analizzare le modalità con cui gli Stati Uniti affrontarono la crisi economica e sociale degli anni 30 Contenuti * la crisi del dopoguerra * il fascismo * la crisi del 29 e le sue conseguenze negli Stati Uniti e nel mondo * il nazismo * lo stalinismo * l alternativa democratica: il New Deal americano Modulo 3 La seconda guerra mondiale Obiettivi - Comprendere le cause della seconda guerra mondiale - Capire l importanza della guerra civile spagnola come anteprima del conflitto mondiale - Ricostruire la logica dell aggressività del nazismo, le dinamiche e le fasi della guerra - Analizzare le caratteristiche del secondo conflitto mondiale con particolare riguardo alla dominazione nazista dell Europa e alle pratiche di sterminio degli ebrei e di altri gruppi sociali e nazionali - Analizzare la complessità e le motivazioni della Resistenza europea e italiana in particolare Contenuti * i fascismi in Europa e la guerra civile spagnola * le aggressioni hitleriane e lo scoppio del conflitto Mod D1 Rev 1 del 7/10/

47 * la shoah e gli altri genocidi del XX secolo * la Resistenza in Europa e in Italia Secondo Novecento Modulo 4 Il mondo diviso: il lungo dopoguerra Obiettivi - Comprendere concetti quali bipolarismo, guerra fredda, conflitto est/ovest - Confrontare l evoluzione politica all interno dei due blocchi - Analizzare le ragioni della decolonizzazione e individuarne le fasi salienti - Analizzare il crollo dei regimi comunisti dell Europa orientale e dell URSS - Conoscere le tappe del processo di costruzione dell Unione Europea e le sue istituzioni - Comprendere le cause storiche del conflitto arabo-israeliano-palestinese Contenuti * il mondo bipolare e la guerra fredda * il processo di formazione dell Unione europea * decolonizzazione e lotta per lo sviluppo in Asia, Africa, America latina * la nascita dello Stato Israele e la questione palestinese * il crollo del muro di Berlino e la dissoluzione dell Unione sovietica Modulo 5 L Italia repubblicana Obiettivi - Radici storiche della Costituzione italiana - Conoscere i principali eventi politici economici sociali dell Italia dal dopoguerra agli anni 70 Contenuti * le tappe di costruzione della democrazia repubblicana * ricostruzione, boom economico, terrorismo Mod D1 Rev 1 del 7/10/

48 Milano, 13 ottobre 2015 L insegnante Prof. Dario Generali Mod D1 Rev 1 del 7/10/

49 MATEMATICA 5AOD Contenuti e Obiettivi minimi MODULO UNITA DIDATTICHE MESI OBIETTIVI Disequazioni razionali intere di 1 e 2 e fratte RIPASSO Sistemi di disequazioni settembre Disequazioni irrazionali Disequazioni esponenziali e logaritmiche ottobre Concetto intuitivo di limite di funzione Le varie definizioni di limite Teoremi sui limiti: unicità, confronto, novembre Eseguire le operazioni sui limiti riconoscendo LIMITI permanenza del segno le forme indeterminate Le operazioni sui limiti Definizione di funzione continua Conoscere la definizione di funzione continua Il calcolo dei limiti e le forme di novembre in un punto e in un intervallo indeterminazione dicembre Saper calcolare limiti di funzioni algebriche LE FUNZIONI I punti di discontinuità di una funzione algebrica anche quelli di forma indeterminata. CONTINUE E IL CALCOLO DEI LIMITI Asintoti: verticale, orizzontale, obliquo Classificare i punti di discontinuità e determinarli Individuare gli asintoti di una funzione e determinare la relativa equazione Problemi alla base del concetto di derivata: Conoscere la definizione: di rapporto tangente in un punto ad una curva, velocità incrementale, derivata e relativo significato istantanea geometrico DERIVATA DI UNA FUNZIONE STUDIO DI FUNZIONI ALGEBRICHE Definizione e significato geometrico di derivata Teoremi sul calcolo delle derivate Gennaio Equazione della retta tangente ad una curva febbraio Derivate di ordine superiore Definizione di punti di massimo, minimo e flessi di funzioni algebriche Intervalli di crescenza, decrescenza, concavità marzo Saper calcolare la derivata di funzioni algebriche Saper determinare l equazione della retta tangente ad una curva in un punto Saper definire i punti di massimo, minimo, flessi e la loro determinazione Saper calcolare gli intervalli di crescenza e Mod D1 Rev 1 del 7/10/

50 E TRASCENDENTI Studio del grafico di una funzione algebrica. aprile concavità Saper rappresentare graficamente una funzione CALCOLO INTEGRALE Integrale indefinito Integrali immediati Integrale definito Il teorema fondamentale del calcolo integrale aprile maggio Saper determinare la primitiva di una funzione Saper utilizzare le regole di integrazione Saper calcolare aree e volumi utilizzando le regole di integrazione STANDARD MINIMI Conosce il significato funzione continua Sa calcolare i limiti di semplici funzioni algebriche Conosce la definizione di derivata prima e sa calcolare la derivata di semplici funzioni algebriche Conosce il significato di funzione crescente e decrescente, di punto di massimo e di minimo Sa analizzare il grafico di una funzione Sa calcolare integrali immediati PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE SCIENZE DEI MATERIALI DENTALI E LABORATORIO Art. 4 e 6 D.P.R. 416/74 Mod D1 Rev 1 del 7/10/

51 Art. 3 D.P.R. 417/74 Programmazione disciplinare H Programmazione disciplinare del Prof. DONATO MAZZUCCA PATERNOSTER Disciplina SCIENZE DEI MATERIALI DENTALI Classe 5 A Livello di partenza della classe Finalità educative Obiettivi disciplinari Obiettivi minimi Contenuti Metodi e strumenti Verifiche Valutazione: criteri e griglie (prove orali e scritte) Mod D1 Rev 1 del 7/10/

52 SCIENZE DEI MATERIALI DENTALI A. s PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Classe 5 A 1) Il livello di preparazione iniziale, appurato per mezzo di colloqui informali, è sufficiente per affrontare gli argomenti previsti per l anno scolastico in corso. 2) Finalità educative: Fornire agli allievi una esauriente conoscenza dei materiali, degli strumenti di lavoro nonché della terminologia specialistica che si richiede per il raggiungimento di una adeguata preparazione tecnico-professionale; Sviluppare collegamenti con le discipline affini; Apprendere i criteri di scelta dei materiali e le tecniche di lavorazione più adatte per la realizzazione dei dispositivi odontoiatrici. 3) Obiettivi disciplinari: sono riportati in corrispondenza di ogni modulo. 4) Obiettivi minimi: Conoscere gli effetti della corrosione e le tecniche di prevenzione; Conoscere vantaggi e svantaggi delle saldature; Apprendere gli impieghi delle resine e delle ceramiche nella costruzione delle protesi; d) Valutare le proprietà del titanio e della zirconia per usi dentali; e) Conoscere i concetti di base dell estetica dentale. 5) Contenuti. Obiettivi disciplinari. Modulo 1 Corrosione dei materiali metallici UD 1 UD 2 Corrosione chimica ed elettrochimica. Passivazione Corrosione nella cavità orale Obiettivi:

53 - individuare le possibili cause dei processi corrosivi; - prevenire la corrosione dei materiali metallici dentali. Modulo 2 Resine sintetiche per protesi UD 1 UD 2 UD 3 UD 4 UD 5 UD 6 Strutture e proprietà. Polimerizzazione. Resine per basi protesiche. Formatura e rifinitura delle basi protesiche. Denti artificiali in resina. Protesi in resina Protesi in metallo-resina Obiettivi: - apprendere le caratteristiche generali delle resine sintetiche per protesi; - descrivere le fasi delle lavorazioni e le apparecchiature utilizzate per la realizzazione dei restauri dentali; - scegliere i materiali e le tecniche di lavorazione al fine di ottenere restauri esenti da difetti; - confrontare le protesi in resina integrale con le protesi in metallo-resina. Modulo 3 Ceramica e metallo-ceramica UD 1 UD 2 UD 3 UD 4 UD 5 UD 6 Struttura, composizione e proprietà delle ceramiche Protesi in ceramica La zirconia Leghe e ceramiche per protesi in metallo-ceramica Costruzione della struttura metallica, applicazione della ceramica e rifinitura della protesi Denti artificiali in ceramica

54 Obiettivi: - conoscere le proprietà generali delle ceramiche, delle leghe nobili, delle leghe non nobili e delle leghe del titanio utilizzate per la costruzione dei restauri in ceramica e in metallo-ceramica; descrivere i procedimenti di lavorazione e le apparecchiature usate; confrontare le protesi in ceramica con le protesi in metallo-ceramica. Modulo 4 Leghe del titanio UD 1 UD 2 Composizione, proprietà ed impieghi Tecniche di lavorazione Obiettivi: - confrontare le leghe del titanio con le leghe nobili e non nobili; - apprendere i processi di lavorazione e l uso delle apparecchiature necessarie. Modulo 5 Il colore dei restauri dentali UD 1 UD 2 Le dimensioni del colore. Le scale colori C.I.E. e Munsell Valutazione e riproduzione del colore Obiettivi: - comprendere i meccanismi fisici alla base della percezione del colore; - conoscere le proprietà ottiche dei materiali protesici rispetto ai denti naturali nell ambiente orale; - individuare correttamente le specifiche estetiche e cromatiche di un dente naturale in riferimento ad una scala di colori per poterle riprodurre con un materiale ceramico o resinoso. 6) Metodi e strumenti: - Lezione frontale; - Lezione interattiva; - Lavoro di gruppo;

55 - Uso di riviste e audiovisivi; - Consultazione dei siti Internet delle aziende dentali. 7) Verifiche Le verifiche saranno sia scritte che orali ed almeno in numero di due per tipo e per quadrimestre. 8) Valutazione Per la valutazione si terrà conto dei seguenti parametri: a) Conoscenza: capacità di richiamare e riprodurre informazioni; b) Comprensione: capacità di utilizzare correttamente conoscenze e abilità in un contesto noto: - comprendere le informazioni essenziali in un testo; - tradurre i contenuti nei diversi codici (verbale, grafico) c) Applicazione: capacità di utilizzare correttamente conoscenze e abilità in un contesto nuovo; capacità di usare consapevolmente gli elementi di diversi codici per comunicare. d) Analisi: capacità di suddividere un informazione complessa in più parti e di trovare le relazioni fra esse; capacità di individuare, selezionare e classificare gli elementi di un contesto secondo un criterio noto e concordato; capacità di confrontare gli elementi e le parti, distinguendo marginale-essenziale ed esplicitando le relazioni esistenti. e) Sintesi: capacità di organizzare in modo autonomo le conoscenze e le procedure acquisite; capacità di individuare le procedure più idonee alla soluzione di situazioni problematiche. VALUTAZIONE SCIENZE DEI MATERIALI DENTALI ORALE VOTO Conoscenze pressoché nulle 1-2 Conoscenze molto lacunose su parti fondamentali delle richieste, interpretazioni del tutto erronee dei 3 concetti base, incoerenza Conoscenze lacunose su parti fondamentali degli argomenti richiesti e/o errori gravi o numerosi 4 nell interpretazione e/o incoerenza

56 Conoscenze superficiali e/o con lacune non gravi, interpretazioni semplicistiche o non sempre 5 consapevoli ma non contraddittorie dei contenuti, linguaggio semplice non sempre corretto Conoscenze delle linee fondamentali dei temi, interpretazione corretta dei contenuti principali o con errori marginali, trattazione lineare anche se semplicistica, linguaggio semplice ma complessivamente 6 adeguato Conoscenza adeguata dei temi, interpretazione corretta dei contenuti, linguaggio appropriato o con 7 errori poco rilevanti, trattazione chiara ed efficace o con incertezze limitate Conoscenza completa dei temi, interpretazione sicura dei contenuti, linguaggio specifico preciso, 8 trattazione articolata, riferimenti e collegamenti chiari su richiesta Conoscenza completa dei temi, interpretazione sicura e/o personale dei contenuti, collegamenti effettuati in modo autonomo e sicuro, linguaggio specifico preciso e ricco, capacità di muoversi 9-10 nell ambito di discipline affini quali gnatologia, esercitazioni pratiche, chimica VALUTAZIONE SCIENZE DEI MATERIALI DENTALI SCRITTO VOTO Prova non aderente alla traccia con numerosi e gravi errori e terminologia non adeguata 1-3 Prova non completamente aderente alla traccia con errori non particolarmente gravi e terminologia 4-5 non sempre adeguata Prova aderente alla traccia con alcuni lievi errori e terminologia adeguata 6 Prova aderente alla traccia con qualche imprecisione e terminologia adeguata 6-7 Prova completamente aderente alla traccia non priva di dati, con qualche collegamento 7-8 interdisciplinari e terminologia adeguata Prova completamente aderente alla traccia non priva di dati, con collegamenti interdisciplinari e 8-9 terminologia adeguata e trattazione organica, consequenziale Prova completamente aderente alla traccia ricca di dati, con collegamenti interdisciplinare e 10 terminologia adeguata e trattazione organica, consequenziale sintetica non priva di rielaborazione personale

57 ANNO SCOLASTICO CLASSE 5... SEZIONE A OD... DOCENTE Maria Emanuela Lucchin. MATERIA I.R.C.... Livello di partenza della classe Finalità Gli alunni presentano un adeguato livello di approfondimento in relazione agli argomenti delle attività didattiche La progettazione qui proposta vuole tener conto dei motivi offerti dalle ricorrenze civili ed ecclesiali, considerandole opportunità per l organizzazione di un itinerario di IRC centrato sulla persona chiamata a costruire il futuro, per sé e per tutti (identità/diversità, progetto di vita, responsabilità e partecipazione, speranza, pace e giustizia) ed aperta al confronto con la proposta cristiana per la vita. La programmazione annuale è articolata nell indicazione dei traguardi per lo sviluppo delle competenze (alla fine del primo biennio, poiché rientrante nell obbligo di istruzione e della conclusione del percorso di studi) e nella sequenza delle unità di lavoro ciascuna costituita da abilità, conoscenze e indicazioni didattiche sulla strategia e/o sul mezzo da privilegiare. Obiettivi minimi generali Si rimanda agli obiettivi formativi trasversali comuni a cui i docenti danno la loro piena adesione. Obiettivi triennio Considerate l attenzione, la partecipazione e il contributo al dialogo educativo, la sufficienza sarà raggiunta quando lo studente sarà in grado di:

58 Confrontare la confessione cattolica con le altre confessioni cristiane, con le religioni e con altri sistemi di significato Saper collocare nella giusta visione il rapporto ragione e fede Essere consapevoli dei principi e dei valori del cristianesimo in ordine alla sua incidenza sulla cultura italiana ed europea e sulla vita individuale e comunitaria Saper comprendere il cammino della Chiesa, le tappe più significative della sua storia Conoscere alcune figure di rilievo del cristianesimo Criteri di valutazione cognitivi Criteri di valutazione comportamentali X conoscenza X comprensione X applicazione X analisi X sintesi X capacità critica e di elaborazione.... X frequenza X partecipazione X impegno X rispetto delle scadenze X organizzazione del lavoro X regolarità nel portare il materiale richiesto

59 Metodologia didattica Tipologia di verifica X Lezione frontale X Lavori di gruppo X Lettura e analisi di testi Esercitazioni guidate x Appunti di approfondimento X Mappe concettuali X Problem solving rale O X Domande dal posto X Esposizione argomento Interrogazione X Discussione guidata critta S St rutturata S emistruttu-rata E sercizi P roblema R elazione T ema. ratica P Libri di testo (autore titolo casa editrice) Solinas: Tutti i colori della vita vol. unico S.E.I

60

61 CONTENUTI DISCIPLINARI classe 5 A OD MATERIA: I.R.C. Monte ore settimanale: 1 I docenti aderiscono alla programmazione comune di disciplina concordata in sede di dipartimento; nel seguito vengono elencate le attività che costituiscono un percorso specifico previsto per la classe. Il problema etico I diritti umani fondamentali Alcuni temi di bioetica Intercultura Confronto con le altre religioni riguardo a: Il significato di:coscienza,libertà,legge,autorità Contributo cristiano ai problemi etici più diffusi Pena di morte Libertà religiosa Aborto Il problema e il termine:cenni storici della disciplina Procreazione assistita Trapianti Eutanasia Cure palliative Testamento biologico Accanimento terapeutico Tradizioni culturali e religiose dell Europa Dialogo interreligioso Società multietniche,multiculturali,multirreligiose Aldilà Preghiera Digiuno Alimentazione Festività

62 Milano, li. Il Docente:...

63 Programmazione disciplinare del Prof Galli Luigi Disciplina: Esercitazioni pratiche Classe 5 A Odontotecnico 23. Livello di partenza della classe 24. Finalità educative 25. Obiettivi disciplinari 26. Obiettivi minimi 27. Contenuti 28. Metodi e strumenti 29. Verifiche 30. Valutazione: criteri e griglie (prove orali e scritte) Esercitazioni pratiche prof. Galli PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ESERCITAZIONI PRATICHE 1. Livello di partenza della classe La classe si presenta omogenea, in quanto gli studenti presentano mediamente le stesse abilità. Tutti gli alunni sono in grado di svolgere le lavorazioni proposte, alcuni con qualche difficoltà. 2. Finalità educative Accrescere la propria competenza tecnica sapendosi rapportare in modo corretto a compagni, docenti e altri soggetti. 3. Obiettivi disciplinari Acquisire una sufficiente manualità e la necessaria competenza tecnica necessarie per la realizzazione di lavorazioni complesse. 4. Obiettivi minimi 1. Saper realizzare protesi totali mobili in antagonismo e overdenture Saper collocare i denti preformati in resina sulle placche di base in cera.

64 Saper rispettare l arco. Saper rispettare gli stop centrici. Saper rifinire la flangia: falsa radice e falsi colletti. Conoscere i principi fondamentali della protesi totale. 2. Saper realizzare elementi di protesi fissa tipo veener. Conoscere le caratteristiche delle corone. Saper eseguire la scavatura. Saper collocare le ritenzioni. Saper collocare le spine di fusione. Saper rivestire il cilindro. Conoscere il ciclo termico del cilindro.. Conoscere i vari tipi di fusione e colata delle leghe. Conoscere la tecnica di raffreddamento. 3. Saper applicare rivestimenti estetici sulle strutture metalliche. Conoscere la metodica di esecuzione. Saper impastare modellare le parti anatomiche estetiche. Saper rifinire, levigare e lucidare le resine. 4. Saper costruire protesi combinate Saper classificare i vari tipi di attacchi. Utilizzare in modo adeguato il parallelometro Saper saldare gli attacchi 5. Ceramica Conoscenza ed esecuzione della stratificazione di colletto, dentina e smalto. Conoscere i programmi di cottura della ceramica. Caratterizzazioni con super colori interni ed esterni saper rifinire e lucidare con glasure la ceramica. Cenni sulle saldature secondarie

65 Obiettivi ulteriori 6. Saper realizzare apparecchi ortodontici (placche, espansori). Conoscere, i concetti fondamentali dell ortodonzia. Saper piegare archi e ganci di Adams. saper utilizzare la tecnica diretta a spruzzo. Saper rifinire e lucidare gli apparecchi ortodontici. 7. Implantologia Conoscenza dei diversi tipi di impianto Conoscenza della componentistica degli impianti Colatura di modelli con analogo e transfert Scelta ed esecuzione e del moncone 6. Metodi e strumenti Esercitazioni pratiche, dimostrazioni, visura video, studio individuale, altro 7. Verifiche Minimo due per quadrimestre, con valutazione degli elaborati pratici da parte del docente. Almeno un test in forma scritta. 8. Valutazione: criteri e griglie V. POF e programmazione per materia IL DOCENTE Prof. Galli Luigi IL DIRIGENTE SCOLASTICO Prof. Sergio Colella

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti)

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti) 1 di 6 09/12/2013 12.23 PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA TECNICO MATERIA: TEDESCO (2^Lingua straniera) ANNO SCOLASTICO:2013/2014 1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) Revisione e completamento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno*

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno* Programmazione di Dipartimento (Area 1) Lettere Programmazione di Lingua Letteratura Italiana Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico II Biennio A. S. 2013-2014 Programmazione disciplinare per anno

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO SETTORI: ECONOMICO - TURISTICO - TECNOLOGICO INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING - SISTEMI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE LICEO CLASSICO CAVOUR TORINO DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE Documento programmatico Anno scolastico 2014-15 1. DOCUMENTO PROGRAMMATICO DEI DOCENTI DI LINGUA INGLESE. Gli insegnanti di Lingua Inglese del

Dettagli

Istituto tecnico Luigi Sturzo

Istituto tecnico Luigi Sturzo Istituto tecnico Luigi Sturzo Settore Tecnologico Biotecnologie Ambientali e Biotecnologie Sanitarie Anno Scolastico 2012/ 2013 Programmazione dipartimentale Area scientifica (Matematica, Disegno, Informatica)

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del Quadro Comune

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 3AS Indirizzo di studio Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Silvia Carminati

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 PREMESSA Questa programmazione si ispira ai seguenti criteri: 1. riconsiderare il ruolo dello

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO

CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO CERTIFICAZIONE DELLE COMPETENZE ITALIANO Livello di base non raggiunto Non ha raggiunto tutte le competenze minime previste nel livello di base Riconosce ed utilizza le strutture linguistiche di base Comprende

Dettagli

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe:

Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016. Docenti: Disciplina: Firma: 1. Analisi della Classe: Programmazione Attività del Consiglio di Classe (2 Biennio e 5 anno) Anno Scolastico 2015/2016 Consiglio della Classe Sez. Indirizzo Scenografia Coordinatore: Data di approvazione: Docenti: Disciplina:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Vania Minichiello Materia Psicologia Classe IV Sez. Lsu Testo adottato M. Bernardi, A. Condolf, Psicologia, Clitt Data presentazione

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO CLASSICO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

LICEO STATALE G. GUACCI

LICEO STATALE G. GUACCI LICEO STATALE G. GUACCI BENEVENTO Programmazione Didattica Modulare di Lingua e Letteratura Italiana Classe III sezione B Ind. Scienze Applicate Anno scolastico 2015 2016 Presentazione della classe: La

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello

I.I.S Niccolò Machiavelli Pioltello Pagina 1 di 6 Materia Lingua e cultura greca Anno Scolastico 2015-2016 secondo biennio Componenti del Consiglio di Materia: Docente Prof.ssa Lucia Piga (Coordinatore di Materia) Prof.ssa Enrica Piano Prof.ssa

Dettagli

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G. GALILEI" AREZZO Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 Classi del Biennio FINALITÀ EDUCATIVE Concorrere alla formazione e allo sviluppo dell area corporea e motoria della

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola: Liceo D. Alighieri INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Italiano CLASSE:IV A DOCENTE: Marcella Ferrini Obiettivi

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI

SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE GUIDO CAVALCANTI SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO STATALE "GUIDO CAVALCANTI Via G. Guerrazzi 178, 50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel 055/4210541/2 FAX 055/4200419 E-mail: fimm495000x@istruzione.it Sito Web: www.scuolacavalcanti.gov.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Federico II di Svevia Indirizzi: Liceo Scientifico Classico Linguistico Artistico e Scienze Applicate PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA CLASSE 3 AS ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 I BIENNIO (CLASSI 1^ E 2^) Competenze disciplinari Specifiche 1) Conoscere e utilizzare il proprio corpo

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/1 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti LA VALUTAZIONE Valutazione degli apprendimenti Le verifiche hanno da sempre la duplice funzione di controllare il grado di apprendimento degli allievi e la validità dell azione educativa e didattica. Infatti,mentre

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez.

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez. PROGETTAZIONE ANNUALE CORSO: A. S. 200_/0_ Classe sez. Disciplina: ANALISI DELLA CLASSE: Situazione di partenza Descrivere tipologia, (caratteristiche cognitive, comportamentali, atteggiamento verso la

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2014-2015 CLASSE III L Indirizzo Linguistico COORDINATORE: JESSICA NARDO 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragene Filippo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14 1 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14 LINGUA: correttezza morfo-sintattica//competenza lessicale e stilistica Numerosi e ripetuti errori in ambito ortografico

Dettagli

Curricolo di LINGUA INGLESE

Curricolo di LINGUA INGLESE Curricolo di LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 I traguardi sono riconducibili ai livelli A1 e A2 del Quadro Comune Europeo

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI CLASSE I LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE A.S.2015/2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia

Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Anno scolastico 2013/2014 Istituto Superiore d Istruzione Statale Margherita di Savoia Napoli Dipartimento di Disegno e Storia dell Arte Obiettivi Gli alunni saranno guidati a rafforzare la conoscenza

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi.

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "MARCO POLO - VIANI" LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI La valutazione è un elemento pedagogico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 OBIETTIVI GENERALI Educare al rispetto di sé e degli altri, delle cose, delle norme che regolano la comunità scolastica e la convivenza

Dettagli

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua Modalità di verifica e criteri di valutazione MODALITA DI VERIFICA BIENNIO Le verifiche, frequenti e diversificate,

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. Classe V sez. B corso Odontotecnico. Redatto il 10/05/2013. Anno scolastico 2012/2013

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. Classe V sez. B corso Odontotecnico. Redatto il 10/05/2013. Anno scolastico 2012/2013 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE V sez. B corso Odontotecnico Redatto il 10/05/2013 Anno scolastico 2012/2013 1 ISTITUTO PROFESSIONALE PER I SERVIZI SOCIALI GALILEO GALILEI DI ORISTANO CLASSE 5 A ODONTOTECNICO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECO... PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO https://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/.. 1 di 5 26/01/2015 14.06 PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SECONDO BIENNIO

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli LICEO DELLE SCIENZE UMANE ed OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE DI SANGANO Sez. associata del Liceo Scientifico Darwin di Rivoli via San Giorgio 10090 Sangano - TO - tel. 011 90 87 184. e-mail: darwin@liceodarwin.rivoli.to.it

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LINGUA E CIVILTA FRANCESE CLASSE SECONDA

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LINGUA E CIVILTA FRANCESE CLASSE SECONDA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PARITARIO ANTONIO GRAMSCI Piazza A.Gramsci, 15 00041 Albano Laz. (RM) Tel./Fax 06.9307310 Distretto Scolastico 42 - Cod.Ist.: RMTD00500C SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

Dettagli

Lo schema di Unità Didattica di Apprendimento proposto è strutturato in più parti

Lo schema di Unità Didattica di Apprendimento proposto è strutturato in più parti Lo schema di Unità Didattica di Apprendimento proposto è strutturato in più parti 1. Una prima parte descrittiva e informativa costituita dalle seguenti voci Denominazione Il nome dell unità Compito prodotto

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Unione Europea Fondi strutturali 2007-2013 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Regione Sicilia ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE GAETANO CURCIO ISPICA Liceo Classico -

Dettagli

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015

Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE "G. GALILEI" AREZZO Programmazione Scienze Motorie 2014/2015 Classi del Triennio Anno scolastico 2014/2015 FINALITÀ EDUCATIVE Concorrere alla formazione e allo sviluppo dell

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI ANNO SCOLASTICO 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ASSE DEI LINGUAGGI INDIRIZZO CLASSE SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE SERVIZI COMMERCIALI - QUINTO ANNO INGLESE QUADRO ORARIO N. ore 3 1. IDENTITA

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima

Lingua Straniera: FRANCESE Prima, Seconda, Terza, Quarta, Quinta PIANO DI LAVORO. Classe Prima Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 e-mail: info@istitutocalvino.gov.it Codice Fiscale: 97270410158 internet: www.istitutocalvino.gov.it

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI"

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI" Indirizzi: Scienze applicate- Scienze umane- Economico-sociale - Linguistico- Classico-Musicale Via Roma, 66-81059 VAIRANO PATENORA-SCALO (CE) Tel.-fax- 0823/988081

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. ANNALISA

Dettagli

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E

Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 2015/16 Classe 1 E Istituto Tecnico Economico Statale Gino Zappa Anno Scolastico 201/1 Classe 1 E COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE ITALIANO STORIA INGLESE MATEMATICA 2 LINGUA STRANIERA SCIENZE DELLA TERRA GEOGRAFIA FISICA

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio

DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio Livelli di competenza A= Esperto (Livello 1) B= Competente (Livello 2) C= Principiante (Livello 3) ASSE LINGUAGGI DIPARTIMENTO DI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Programmazione disciplinare biennio FORMAT UNITARIO

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA Telefono: 051/4298511 - Fax: 051/392318 - Codice fiscale: 80074870371 Sede Associata: Via Nazionale Toscana, 1-40068 San Lazzaro

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA

CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSI PRIME E SECONDE VOTI COMPETENZE -ha ottime capacità di ascolto; riconosce, scrive e legge correttamente parole\frasi in

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2012/2013 CLASSE 2^ SEZ. G Indirizzo LICEO SCIENTIFICO Coordinatore

Dettagli

Dipartimento di Lingue Straniere Inglese Francese Programmazione didattico educativa A.S. 2012-2013

Dipartimento di Lingue Straniere Inglese Francese Programmazione didattico educativa A.S. 2012-2013 Allegato N 11 Dipartimento di Lingue Straniere Inglese Francese Programmazione didattico educativa A.S. 2012-2013 Finalità Le finalità generali dell insegnamento della lingua straniera comprendono: l acquisizione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA COMPETENZE (1)

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA COMPETENZE (1) http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 8 15/11/2013 154 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO

Dettagli

VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA. Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde

VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA. Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde ALLEGATO2 VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde Impegno a) Negativo Non rispetta le scadenze Non esegue

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE Classe 4 a C A.S. 2015/2016 Disciplina: Italiano Docente: prof. ssa Anna Schiavo Ore settimanali: quattro Libro di

Dettagli

PIANO DI LAVORO. Prof. STEFANO CONSANI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSE 4ASI

PIANO DI LAVORO. Prof. STEFANO CONSANI SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE CLASSE 4ASI Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. STEFANO

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA

PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA ALLEGATO N 2 AL VERBALE N. 1 PROGRAMMAZIONE D AREA DI GEOGRAFIA SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO TURISMO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 IN STAMPATELLO BONALUMI ANTONELLA FIRMA Presezzo, 28 settembre 2015 Programmazione

Dettagli

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano

a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano a. s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 3B DOCENTE Coordinatore Teresa Persiano 1. PROFILO DELLA CLASSE La classe, formata quest anno da 25 alunni, comprende 20 alunne e 1 alunno

Dettagli

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI

METODI E STRUMENTI. METODI e STRUMENTI E LETTERE BIENNIO ITALIANO e 3. lavoro individuale 4. lavoro di gruppo 5. laboratorio di lettura e scrittura 6. correzione sistematica collettiva e individualizzata degli esercizi eseguiti a casa e delle

Dettagli

Programmazione Didattica del Dipartimento di Lingua e civiltà spagnola

Programmazione Didattica del Dipartimento di Lingua e civiltà spagnola Programmazione Didattica del Dipartimento di Lingua e civiltà spagnola A.S. 2015/2016 CLASSE: PRIMA INDIRIZZO DI STUDI: LINGUISTICO COMPETENZE LINGUISTICHE Alla fine del primo anno di studio della lingua

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO

IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO MATERIA: ITALIANO IIS FERMI GALILEI CIRIE TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE CLASSI: SECONDO BIENNIO INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO A.S. 2013-2014 Competenze chiave trasversali di cittadinanza

Dettagli

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LETTERE AL GINNASIO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza adeguata

Dettagli

LICEO GINNASIO DANTE ALIGHIERI ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

LICEO GINNASIO DANTE ALIGHIERI ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA LICEO GINNASIO DANTE ALIGHIERI ANNO SCOLASTICO 2015/16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA CLASSE 4 A (n.o.) DISCIPLINA: ITALIANO PROF. GLORIA VERGANTINI PROFILO DELLA CLASSE Quest'anno seguirò la classe 4A oltre

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi)

Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO Prof. DI

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli