Legge Regionale 23 giugno 1998, n. 18

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Legge Regionale 23 giugno 1998, n. 18"

Transcript

1 Legge Regionale 23 giugno 1998, n. 18 Nuove norme per l'esercizio dell'agriturismo e del turismo rurale - Abrogazione della legge regionale 20 giugno 1986, n. 32 e modifiche alla legge regionale 23 novembre 1979, n. 60. Il Consiglio Regionale ha approvato Il Presidente della Regione promulga la seguente legge: TITOLO I (NORME PER L'ESERCIZIO DELL'AGRITURISMO) Art.1 Finalità 1. La Regione Autonoma della Sardegna, in attuazione della Legge 5 dicembre 1985, n. 730, disciplina e promuove l'agriturismo, integrandolo con l'offerta turistica regionale, al fine di salvaguardare e valorizzare il patrimonio socioeconomico, culturale e ambientale del proprio territorio e di promuovere lo sviluppo rurale. Art.2 Definizione di attività agrituristiche 1. Per attività agrituristiche si intendono esclusivamente le attività di ricezione ed ospitalità esercitate dagli imprenditori agricoli di cui all'articolo 3, attraverso l'utilizzazione della propria azienda, in rapporto di connessione e complementarità rispetto alle attività di coltivazione del fondo, silvicoltura, allevamento del bestiame, che devono comunque rimanere principali. 2. Rientrano tra tali attività: a) ospitare in locali situati nell'ambito dei fondi facenti parte dell'azienda agricola, e nei locali di abitazione dell'imprenditore anche se ubicati in un centro abitato, nonché l'ospitalità in azienda, in spazi aperti attrezzati per l'agricampeggio; b) somministrare pasti e bevande costituiti prevalentemente da prodotti propri, ivi compresi quelli a carattere alcolico e superalcolico. Il requisito di cui sopra si intende soddisfatto anche attraverso l'integrazione parziale di prodotti provenienti da altre aziende agricole sarde collegate per l'esercizio delle attività agrituristiche. Sono considerati di propria produzione le bevande e i cibi prodotti e lavorati nell'azienda agricola, nonché quelli ricavati da materie prime dell'azienda agricola anche attraverso lavorazioni esterne; c) vendere direttamente i prodotti di cui alla precedente lettera b); d) organizzare attività ricreative e culturali nell'ambito dell'azienda. 3. Lo svolgimento di attività agrituristiche, nel rispetto delle norme di cui alla presente legge, non costituisce distrazione della destinazione agricola dei fondi e degli edifici interessati. Art.3 Soggetti legittimati all'esercizio dell'agriturismo 1. L'esercizio dell'agriturismo è riservato agli imprenditori agricoli singoli o associati di cui all'articolo 2135 del codice civile e ai familiari di cui all'articolo 230 bis del codice civile, regolarmente iscritti nei relativi ruoli previdenziali ai sensi della Legge 2 agosto 1990, n Art.4 Denominazione delle attività agrituristiche 1. I termini "agriturismo" e "agrituristico" sono riservati esclusivamente alle attività agrituristiche svolte ai sensi della presente legge. Art.5 Connessione e complementarità tra l'attività agricola e quella agrituristica 1. Il rapporto di connessione e complementarità tra l'attività agricola e quella agrituristica si realizza allorché l'azienda agricola, in relazione alle sue dotazioni strutturali, alla natura e alla varietà delle coltivazioni e degli allevamenti praticati, agli spazi abitativi disponibili e al numero degli addetti impiegati nelle diverse attività agricole, sia idonea a svolgere l'attività agrituristica nel rispetto delle disposizioni della presente legge. 2. Il requisito di principalità delle attività di coltivazione, allevamento e silvicoltura rispetto all'attività agrituristica si intende garantito quando il tempo-lavoro impiegato nell'attività agricola sia superiore a quello impiegato nell'attività agrituristica. 3. La sussistenza delle condizioni di cui ai commi 1 e 2 va dimostrata dall'interessato mediante una specifica relazione sull'attività agrituristica prevista per il triennio successivo in rapporto all'attività agricola principale e con la presentazione annuale di una dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà attestante l'esistenza delle condizioni stesse. Art.6 Limiti per l'esercizio dell'agriturismo 1. Per le aziende aventi superficie minore o uguale a 10 ettari il limite massimo per l'ospitalità presso l'abitazione

2 dell'imprenditore agricolo e in altri fabbricati situati nell'azienda agricola è di 6 camere e 10 posti letto. Per lo stesso tipo di azienda il limite massimo per l'ospitalità è di 5 piazzole e 15 campeggiatori. 2. Per le aziende di dimensioni superiori è stabilito un incremento di un posto letto e di un campeggiatore per ogni ettaro oltre i 10, con il limite massimo di 12 camere e 20 posti letto e di 10 piazzole e 30 campeggiatori. 3. In aggiunta agli ospiti di cui ai commi 1 e 2, possono essere ospitate persone singole, comitive o gruppi organizzati per il solo consumo dei pasti, e comunque in numero non superiore a 80 coperti per pasto. Art.7 Norme igienico-sanitarie 1. I locali adibiti ad uso agrituristico devono avere i requisiti strutturali ed igienico-sanitari previsti dal Regolamento edilizio comunale per i locali di civile abitazione. Nella valutazione di tali requisiti per gli edifici già esistenti, compresi quelli da ristrutturare o adeguare, sono ammesse deroghe ai limiti di altezza e agli indici di illuminazione e di aerazione previsti dalle normative vigenti. Le deroghe devono essere motivate e concesse dai Comuni nel rispetto delle caratteristiche tipologiche e architettoniche degli edifici esistenti e delle caratteristiche ambientali delle zone interessate. 2. Gli alloggi agrituristici devono essere dotati di idonei servizi igienico-sanitari in ragione di almeno uno ogni quattro persone o frazioni di quattro, comprese le persone appartenenti al nucleo familiare o conviventi. 3. Per i campeggiatori che utilizzano gli spazi aperti, in assenza di servizi igienici adeguati nelle piazzole di sosta, l'autorizzazione per il campeggio è concessa a condizione che il campeggiatore possa usufruire dei servizi dell'abitazione. In tal caso deve essere comunque garantito che il rapporto tra persone e servizi igienico-sanitari sia quello indicato nel comma 2. All'interno della struttura edilizia aziendale, inoltre, deve essere previsto un ambiente attrezzato di lavello per stoviglie e lavatoio per panni. 4. Negli spazi aperti la superficie da destinare a tenda o altro mezzo autonomo di soggiorno deve essere non inferiore a 40 mq. La sistemazione di tale superficie deve essere a prova di acqua e di polvere, realizzabile anche con inerbimento del terreno. 5. I locali per l'agriturismo devono essere dotati di acqua corrente potabile. 6. Per le norme igieniche riguardanti la preparazione e la somministrazione di spuntini, pasti e bevande, la normativa di riferimento è quella contenuta nella Legge 30 aprile 1962, n. 283 e nel DPR n. 327 del In ogni caso è stabilito il principio che le attività di cui alla lettera b), comma 2, dell'articolo 2 della presente legge, non sono parificabili alla ristorazione o alla manipolazione, preparazione e somministrazione di alimenti a scopo commerciale. 7. La macellazione ad uso familiare e per la somministrazione dei pasti agrituristici è consentita, in deroga alle vigenti norme, previa autorizzazione e controllo delle autorità competenti, in locali aziendali polifunzionali, entro i limiti mensili indicati in una direttiva emanata dell'assessore regionale dell'agricoltura e riforma agropastorale, di concerto con l'assessore regionale dell'igiene e sanità e dell'assistenza sociale e comunque nel rispetto dei seguenti limiti massimi mensili: a) volatili: 150 capi; b) conigli: 75 capi; c) UGB - capi bovini equivalenti: 3 capi. 8. La produzione e la vendita delle sostanze alimentari e delle bevande sono soggette alle disposizioni di cui alla Legge n. 283 del 1962, e successive modifiche e integrazioni. Art.8 Autorizzazione per l'esercizio dell'agriturismo 1. I soggetti di cui all'articolo 3, che intendono esercitare attività agrituristiche, devono presentare, al Sindaco del comune nel cui territorio è ubicata l'azienda, domanda di autorizzazione corredata: a) da una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, relativa al possesso dei requisiti di cui all'articolo 3; b) dalla relazione prevista dal comma 3 dell'articolo 5, nella quale devono essere altresì indicate le tariffe che saranno praticate; c) dalla copia del libretto di idoneità sanitaria, rilasciato dalla azienda USL al personale addetto alla preparazione ed alla somministrazione di pasti, alimenti e bevande; d) dal parere della azienda USL relativo ai locali da adibire all'attività agrituristica; e) dalla copia della concessione o autorizzazione edilizia, ove richiesta. 2. Il Sindaco, in applicazione dell'articolo 688 del codice di procedura penale e dell'articolo 10 della Legge 4 gennaio 1968, n. 15, accerta il possesso da parte del richiedente dei requisiti di cui all'articolo 5 della Legge 9 febbraio 1963, n. 59, e agli articoli 11 e 92 del T.U. approvato con R.D. 18 giugno 1931, n Il Sindaco accerta il possesso dei requisiti previsti dagli articoli 3, 5 e 6 avvalendosi degli uffici periferici dell'ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in agricoltura (ERSAT). 4. Il Sindaco decide sulla domanda di autorizzazione entro sessanta giorni dalla data della sua presentazione; scaduto tale termine l'autorizzazione si intende concessa. 5. Il provvedimento che accoglie o respinge la domanda è comunicato all'interessato entro dieci giorni dall'adozione. 6. Il Sindaco, entro trenta giorni dalla data d'accoglimento della domanda, rilascia - in duplice copia autentica - il certificato di "operatore agrituristico", nel quale devono essere indicati l'oggetto delle attività praticabili e le modalità e i

3 limiti del loro esercizio. 7. L'operatore agrituristico interessato, una volta in possesso dei due certificati rilasciati dal Sindaco, ne invierà uno all'assessorato regionale della agricoltura e riforma agropastorale unitamente alla domanda di iscrizione all'elenco regionale degli operatori agrituristici della Sardegna, di cui all'articolo L'autorizzazione è sostitutiva di ogni altro provvedimento amministrativo. Art.9 Elenco regionale degli operatori agrituristici della Sardegna 1. E' istituito l'elenco regionale degli operatori agrituristici della Sardegna, al quale devono obbligatoriamente essere iscritti, prima dell'inizio delle attività, i soggetti già in possesso dell'autorizzazione comunale. 2. L'iscrizione all'elenco è richiesta dall'interessato secondo le modalità previste dal comma 7 dell'articolo La tenuta dell'elenco è demandata all'assessorato regionale dell'agricoltura e riforma agropastorale che cura l'istruttoria delle domande pervenute e provvede all'iscrizione nell'elenco ed al rilascio del relativo attestato di iscrizione. 4. L'elenco regionale degli operatori agrituristici della Sardegna è pubblico ed è lo strumento attraverso il quale l'assessorato dell'agricoltura e riforma agropastorale esercita le funzioni di gestione e controllo dell'agriturismo regionale. Copia dell'elenco è trasmessa all'assessorato regionale del turismo, artigianato e commercio. Art.10 Obblighi dell'operatore agrituristico 1. Il soggetto autorizzato all'esercizio dell'attività agrituristica ha l'obbligo di: a) iniziare l'attività entro il termine massimo di un anno dalla data stabilita nell'autorizzazione comunale; b) esporre al pubblico il certificato di cui al comma 6 dell'articolo 8, rilasciato dal Sindaco, l'attestato di iscrizione all'elenco regionale, di cui al comma 3 dell'articolo 9 e le tariffe praticate; c) esercitare le attività consentite, nei limiti e nei modi indicati nell'autorizzazione comunale; d) tenere un registro con le generalità delle persone alloggiate e comunicare l'arrivo e la partenza degli ospiti alla locale autorità di Pubblica Sicurezza; e) comunicare - entro il 15 gennaio di ogni anno - al Comune e all'assessorato regionale dell'agricoltura e riforma agropastorale quali tariffe saranno applicate nell'anno in corso; f) rispettare le tariffe comunicate al Comune e alla Regione; g) esporre al pubblico l'elenco dei prodotti utilizzati con l'indicazione della provenienza. Art.11 Sospensione e revoca dell'autorizzazione 1. Il Sindaco, qualora accerti che l'operatore agrituristico sia venuto meno ad uno o più obblighi di cui all'articolo 10, può sospendere, con provvedimento motivato, l'autorizzazione all'esercizio delle attività agrituristiche per un periodo variabile tra due e trenta giorni. 2. L'autorizzazione è revocata dal Sindaco, con provvedimento motivato, quando sia stato accertato dal Comune stesso che l'operatore: a) non abbia intrapreso l'attività entro un anno dalla data di notifica dell'autorizzazione, ovvero abbia sospeso l'attività da almeno un anno, sempre che l'interessato non abbia comunicato al Comune, entro i primi quindici giorni, il ritardo o la sospensione, indicando motivi obiettivamente verificabili; b) abbia perso i requisiti soggettivi di cui all'articolo 3 o non rispetti il criterio di principalità delle attività di coltivazione, allevamento e silvicoltura rispetto all'attività agrituristica di cui all'articolo 5; c) abbia subìto nel corso dell'anno tre provvedimenti di sospensione. 3. La contestazione dei motivi di revoca deve essere comunicata per iscritto all'interessato, il quale ha trenta giorni di tempo per rispondere e controdedurre. Il Comune delibera in via definitiva sulla revoca entro i successivi trenta giorni. 4. Del provvedimento di revoca va data dal Sindaco immediata comunicazione all'assessorato regionale dell'agricoltura e riforma agropastorale il quale dispone la cancellazione dell'interessato dall'elenco regionale degli operatori agrituristici. Art.12 Vigilanza, controllo e sanzioni amministrative pecuniarie 1. La vigilanza e il controllo sull'applicazione delle disposizioni della presente legge sono esercitati dagli organi di polizia municipale e dai Servizi di igiene delle Aziende Sanitarie Locali territorialmente competenti, oltre che dagli altri soggetti indicati dalle norme vigenti. 2. Chiunque trasgredisce le disposizioni di cui all'articolo 4 della presente legge, utilizzando impropriamente i termini "agriturismo" o "agrituristico" a fini di lucro, è soggetto al pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria variante da lire a lire Chiunque intraprende o svolge in forma continuativa od occasionale le attività agrituristiche essendo sprovvisto dell'autorizzazione di cui all'articolo 8 della presente legge e senza essere iscritto all'elenco regionale di cui all'articolo

4 9, è soggetto al pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria variante da lire a lire Il Sindaco, con propria ordinanza, dispone la chiusura dell'esercizio illegalmente aperto, e l'autorizzazione non può essere rilasciata per il periodo di un anno dal provvedimento di chiusura. 4. Il titolare di impresa agrituristica, che utilizza i locali e gli spazi destinati all'alloggio o alla ristorazione degli ospiti per un numero superiore a quello autorizzato, è soggetto - oltre che ai provvedimenti di sospensione previsti dal comma 1 dell'articolo 11 - anche al pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria variante da lire a lire Il titolare di impresa agrituristica è soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria variante da lire a lire , nei seguenti casi: a) attribuzione al proprio esercizio, con scritti, stampati ovvero pubblicazione con qualsiasi altro mezzo, di attrezzature qualitativamente o quantitativamente superiori a quelle esistenti; b) mancata esposizione al pubblico dell'autorizzazione comunale, dell'attestato di iscrizione all'elenco regionale e delle tariffe praticate. Art.13 Incentivi per l'attività agrituristica 1. A favore degli imprenditori agricoli - singoli o associati - che intendono praticare l'attività agrituristica e sono in possesso dei requisiti di cui all'articolo 3, può essere concesso un contributo per i seguenti scopi: a) restauro, adeguamento, ristrutturazione, ampliamento e nuova costruzione dei locali da destinare all'attività agrituristica; b) realizzazione delle opere relative: 1) alle strade poderali di accesso, all'approvvigionamento idrico e all'eventuale impianto di potabilizzazione delle acque; 2) all'adduzione e distribuzione dell'energia elettrica per usi domestici; 3) al trattamento e allo smaltimento delle acque luride; 4) ai locali polifunzionali per la macellazione e lavorazione delle carni; 5) ai collegamenti telefonici; c) allestimento di piazzole attrezzate per l'agricampeggio e relativi servizi; d) realizzazione di strutture per le attività ricreative, ivi compresi i recinti e le scuderie per le attività di turismo equestre; e) arredamento delle stanze da letto, delle cucine e dei posti di ristoro; f) restauro e ristrutturazione di strutture tipiche del paesaggio agricolo tradizionale sardo, tra le quali: muretti a secco di recinzione, chiudende con siepi di essenze autoctone, piantagioni domestiche, filari alberati; g) sistemazione di cartelli e indicazioni stradali; h) locali e attrezzature per la lavorazione, manipolazione e conservazione dei prodotti aziendali; i) realizzazione e allestimento di locali adibiti a esposizioni etnografiche permanenti; l) laboratori e attrezzature destinate a lavorazioni tradizionali riguardanti la cultura della famiglia rurale. 2. Il contributo indicato nel comma 1 è concesso nella misura del 45 per cento degli investimenti in beni immobili e del 30 per cento per gli altri tipi di investimenti a favore degli imprenditori le cui aziende siano situate in aree definite svantaggiate ai sensi del regolamento CE 950/97 del 20 maggio Il contributo indicato nel comma 1 è concesso nella misura del 35 per cento degli investimenti in beni immobili e del 20 per cento per gli altri investimenti a favore degli imprenditori le cui aziende non siano situate in aree definite svantaggiate ai sensi del citato regolamento CE 950/ Il contributo può essere concesso: a) sotto forma di contributo in conto capitale; b) sotto forma di mutui a tasso agevolato; c) sotto forma di una combinazione delle tipologie previste dalle lettere a) e b). 4. I mutui sono concessi per una durata massima di dodici anni, al tasso applicato ai mutui di miglioramento fondiario, disciplinati dalla legislazione vigente in materia di credito agrario. 5. Le provvidenze di cui al presente articolo sono concesse entro un massimale di 300 milioni di lire di spesa ammessa per singola azienda. 6. Gli incentivi previsti dalla presente legge sono concessi ai sensi della normativa in materia di opere di miglioramento fondiario e non sono cumulabili con altri contributi regionali, statali e comunitari afferenti le stesse opere. Art.14 Vincolo di destinazione e restituzione dei contributi 1. I locali, gli impianti e le attrezzature realizzati con il concorso finanziario regionale ai sensi dell'articolo 13 non possono essere distolti dall'utilizzazione agrituristica prima di dodici anni dalla erogazione dell'ultima rata di contributo. 2. La violazione della norma di cui al comma 1 comporta la revoca del provvedimento di concessione dei contributi regionali e la conseguente restituzione delle somme percepite. 3. L'eventuale provvedimento di revoca dell'autorizzazione comunale all'esercizio dell'attività agrituristica comporta

5 ugualmente l'obbligo della restituzione delle provvidenze percepite ai sensi della presente legge, qualora sia disposto prima che siano trascorsi dodici anni dalla loro erogazione. Art.15 Attività di studio, di ricerca e formazione professionale 1. La Regione: a) promuove attività di studio e di ricerca sull'agriturismo; b) cura la formazione professionale degli operatori agrituristici, dei tecnici e del personale delle organizzazioni e delle associazioni interessate alla promozione e allo sviluppo dell'agriturismo; c) incentiva e coordina, anche mediante la promozione di idonee forme di pubblicità e propaganda, la formazione e lo sviluppo dell'offerta agrituristica regionale; d) sostiene la realizzazione di 'progetti pilota' per iniziative, aziendali e interaziendali, a carattere sperimentale, con particolare attenzione per le zone interne e per le aree prive d'insediamenti industriali. Art.16 Classificazione delle aziende agrituristiche 1. L'Assessorato regionale dell'agricoltura e riforma agropastorale provvede a classificare le aziende agrituristiche sulla base di direttive approvate dalla Giunta regionale, sentito il parere della Commissione consiliare competente in materia di agricoltura e delle associazioni agrituristiche maggiormente rappresentative. Art.17 Modifica all'articolo 3 della legge regionale n. 8 del Il massimale previsto dal comma 2 dell'articolo 3 della legge regionale 11 marzo 1998, n. 8, "Norme per l'accelerazione delle spese delle risorse del FEOGA - Orientamento e interventi urgenti per l'agricoltura", è rideterminato in lire TITOLO II (DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI) Art.18 Modifiche e integrazioni alla legge regionale n. 60 del 1979 concernente l'acquisto di fondi rustici 1. I mutui disciplinati dalla legge regionale 23 novembre 1979, n. 60 "Concessioni di mutui per l'acquisto di fondi rustici" e successive modifiche e integrazioni, sono concessi per il pagamento del prezzo di acquisto dei terreni, nella misura stabilita congrua dal Servizio provinciale dell'agricoltura ai sensi degli articoli 5 e 10 della citata legge regionale, e per il pagamento delle imposte e delle spese, relative alla stipula del contratto di compravendita, che gravano sull'acquirente dei terreni. 2. Nel comma 1 dell'articolo 31 della legge regionale 29 aprile 1994, n. 18, così come sostituito dal comma 1 dell'articolo 4 della legge regionale 5 dicembre 1995, n. 33, sono soppresse le parole: "a prevalente indirizzo serricolo". Art.19 Abrogazione della legge regionale n. 32 del E' abrogata, con esclusione dei commi 2 e 3 dell'articolo 10, la legge regionale 20 giugno 1986, n. 32, recante "Disciplina e incentivazione dell'agriturismo". Art.20 Attuazione degli aiuti 1. Agli aiuti previsti dall'articolo 18 della presente legge è data attuazione a partire dalla data di pubblicazione sul BURAS della decisione favorevole della Commissione CE ovvero della scadenza del sessantesimo giorno dalla notifica della proposta. 2. Gli aiuti alle imprese previsti dagli articoli 13 e 15 non possono comunque eccedere l'importo consentito dalle norme comunitarie sugli aiuti de minimis di cui alla decisione 96/C 68/CE della Commissione del 6 marzo Art.21 Norma transitoria 1. Gli operatori agrituristici autorizzati ai sensi della legge regionale n. 32 del 1986 possono continuare a esercitare, in via provvisoria, l'attività agrituristica per un periodo di 24 mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge. Entro tale termine i Comuni, anche avvalendosi degli uffici periferici dell'ente Regionale di Sviluppo e Assistenza Tecnica in Agricoltura (ERSAT), accertano il possesso dei requisiti soggettivi ed oggettivi di cui agli articoli 3, 5 e 6. Se viene accertato il possesso di tali requisiti il Sindaco rilascia una nuova autorizzazione ai sensi dell'articolo 8 della presente legge e ne dà comunicazione all'assessorato regionale dell'agricoltura e riforma agropastorale. 2. Gli operatori agrituristici già iscritti nell'elenco regionale degli operatori agrituristici di cui all'articolo 1 della legge

6 regionale n. 32 del 1986, transitano nell'elenco regionale degli operatori agrituristici della Sardegna istituito con l'articolo 9 della presente legge, mantenendo il numero progressivo d'iscrizione a ciascuno a suo tempo attribuito. Trascorsi 24 mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge gli operatori agrituristici iscritti provvisoriamente nell'elenco e ai quali non è stata rilasciata l'autorizzazione prevista dal comma 1 del presente articolo sono cancellati dall'elenco stesso. 3. Gli imprenditori agrituristici autorizzati ai sensi della legge regionale 32 del 1986 possono continuare a utilizzare, per un periodo massimo di 24 mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, gli edifici e gli spazi destinati ad agricampeggio indicati nelle autorizzazioni, anche in assenza dei requisiti igienici-sanitari indicati dall'articolo 8, commi 2 e I Comuni, entro sessanta giorni dall'entrata in vigore della presente legge, trasmettono all'assessorato regionale dell'agricoltura e riforma agropastorale, l'elenco nominativo di tutti gli operatori agrituristici da essi autorizzati e in attività, con indicazione del domicilio legale delle aziende. 5. Le domande di finanziamento presentate dagli imprenditori agrituristici a valere sulla legge regionale 32 del 1986 mantengono la loro validità nel caso in cui siano rispettati i requisiti previsti dagli articoli 3, 5 e 6 e sono liquidate con le risorse previste per l'attuazione della presente legge. Art.22 Norma finanziaria 1. Alle spese derivanti dagli articoli: a) 15, lett. a), si fa fronte mediante utilizzo delle disponibilità stanziate nel capitolo del bilancio della Regione per gli anni e successivi; b) 15, lett. b), si fa fronte con le risorse già destinate agli interventi di cui alla legge regionale 1 giugno 1979, n fondo per la formazione professionale; c) 15, lett. c), si fa fronte mediante utilizzo delle disponibilità stanziate sul capitolo del bilancio della Regione per gli anni e successivi; d) 13, commi 1, 2 e 3, 15, lett. d), si fa fronte con l'utilizzo delle risorse già destinate agli interventi di cui alla legge regionale 20 giugno 1986, n abrogata dall'articolo 19 - e con le variazioni di cui al comma 2; e) 18, si fa fronte mediante l'utilizzo delle risorse destinate alla legge regionale 23 novembre 1979, n. 60 (cap ). 2. Nei bilanci della Regione per l'anno 1998 e per gli anni sono introdotte le seguenti variazioni: In diminuzione: 03 - PROGRAMMAZIONE Cap Fondo speciale per fronteggiare spese correnti dipendenti da nuove disposizioni legislative (art. 30, L.R. 5 maggio 1983, n. 11, art. 4, L.R. 15 aprile 1998, n. 11 e art. 34, comma 2, L.R. 15 aprile 1998, n. 12) 1998 lire lire lire mediante pari riduzione della riserva di cui alla voce 8 della tabella A allegata alla legge finanziaria. Cap Fondo speciale per fronteggiare spese in conto capitale dipendenti da nuove disposizioni legislative (art. 30, L.R. 5 maggio 1983, n. 11, art. 4, L.R. 15 aprile 1998, n. 11 e art. 34, comma 2, L.R. 15 aprile 1998, n. 12) 1998 lire lire lire mediante pari riduzione della riserva di cui alla voce 9 della tabella B allegata alla legge finanziaria AGRICOLTURA Cap /06 - Spese per l'attuazione di programmi di promozione dell'agriturismo (artt. 13 e 14, L.R. 20 giugno 1986, n. 32 e art. 32, L.R. 30 aprile 1991, n. 13) 1998 lire lire lire In aumento: 06 - AGRICOLTURA Cap /04 - (D.V.) - Contributi in conto capitale per la realizzazione di opere agrituristiche (art. 13, commi 1, 2 e 3, della presente legge) 1998 lire lire lire Cap /05 - (D.V.) Somme da versare al fondo di rotazione per la concessione di mutui agrituristici (art. 10, commi 2 e 3, L.R. 20 giugno

7 1986, n. 32 e art. 13, commi 1, 2 e 3, della presente legge) 1998 lire lire lire Cap /07 - (N.I.) (02.01) Contributi per la realizzazione di progetti pilota per iniziative aziendali e interaziendali a carattere sperimentale (art. 15, lett. d), della presente legge) 1998 lire lire lire Le spese derivanti dall'attuazione della presente legge gravano sui citati capitoli dei bilanci per gli anni e sui corrispondenti capitoli dei bilanci per gli anni successivi. La presente legge sarà pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Regione. Data a Cagliari, addì 23 giugno 1998

8 Legge Regionale 19 gennaio 2010, n.1 Norme per la promozione della qualità dei prodotti della Sardegna, della concorrenza e della tutela ambientale e modifiche alla legge regionale 23 giugno 1998, n. 18 (Nuove norme per l esercizio dell agriturismo e del turismo rurale). LEGGE REGIONALE 19 gennaio 2010, n. 1 Norme per la promozione della qualità dei prodotti della Sardegna, della concorrenza e della tutela ambientale e modifiche alla legge regionale 23 giugno 1998, n. 18 (Nuove norme per l esercizio dell agriturismo e del turismo rurale). Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 3 del 28 gennaio Il Consiglio Regionale ha approvato Il Presidente della Regione promulga la seguente legge Art. 1 Finalità 1. La Regione, ai sensi della presente legge, promuove: a) il consumo dei prodotti agroalimentari di qualità, locali e a filiera corta nell ambito della ristorazione collettiva, dell attività agrituristica e del turismo rurale, in un ottica di riduzione degli impatti ambientali; b) l incremento dell offerta di prodotti agricoli e agroalimentari di origine regionale da parte della distribuzione e degli esercenti attività di ristorazione nell ambito del territorio regionale; c) l informazione ai consumatori sull origine e le specificità dei prodotti agricoli e agroalimentari regionali; d) la tutela del consumatore attraverso la promozione della libertà dell offerta; e) l incremento della vendita diretta dei prodotti agricoli e agroalimentari regionali da parte degli imprenditori agricoli; f) il consumo di alimenti privi di organismi geneticamente modificati (OGM). Art. 2 Qualificazione dei servizi di ristorazione collettiva - forniture e loro aggiudicazione 1. La Regione promuove il consumo di prodotti tipici, DOP e IGP, prodotti provenienti da agricoltura biologica e/o integrata, prodotti tradizionali, prodotti locali e a filiera corta all interno dei servizi di ristorazione collettiva, dando priorità a quelli di cui si garantisca l assenza di organismi geneticamente modificati. 2. Ai sensi della presente legge, s intendono servizi di ristorazione collettiva i servizi di ristorazione prescolastica, scolastica, universitaria, ospedaliera, delle strutture residenziali e semiresidenziali per anziani e di altre categorie svantaggiate gestiti da enti pubblici o da soggetti privati in regime di convenzione. 3. La Regione promuove la conclusione di accordi tra gli enti pubblici titolari dei servizi di ristorazione collettiva e gli altri soggetti interessati, con cui vengono disciplinate le modalità operative per promuovere il consumo dei prodotti di cui al comma La Regione promuove percorsi formativi, informativi e di aggiornamento rivolti ai titolari di aziende agrituristiche e agli operatori dei servizi di ristorazione collettiva a vario titolo coinvolti, appartenenti agli stessi enti pubblici o a soggetti privati in regime di convenzione e prevede incontri per lo scambio delle migliori pratiche tra i soggetti interessati e incontri di sensibilizzazione con gli insegnanti, i genitori, ovvero con i fruitori dei pasti in genere. 5. In conformità a quanto disposto dall articolo 59, comma 4 della legge 23 dicembre 1999, n. 488 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato), e dall articolo 2 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 (Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE), le pubbliche amministrazioni, quando procedono all acquisto di derrate alimentari per i servizi di ristorazione direttamente gestiti o predispongono capitolati per servizi di ristorazione collettiva aggiudicati con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa, subordinano l economicità a criteri di qualità, nonché alla tutela della salute e difesa dell ambiente, ad esigenze sociali e alla promozione dello sviluppo sostenibile, con l introduzione dei prodotti di cui al comma 1. Predispongono, inoltre, menù che tengano conto della stagionalità delle produzioni. 6. Per le finalità di cui al presente articolo la Giunta regionale promuove anche appositi protocolli d intesa con le amministrazioni civili e militari dello Stato.

9 Art. 3 Modifiche alla legge regionale 23 giugno 1998, n. 18 (Nuove norme per l esercizio dell agriturismo e del turismo rurale) 1. La lettera b) del comma 2 dell articolo 2 è così sostituita: b) somministrare pasti e bevande costituiti da prodotti di propria produzione o provenienti da fornitori iscritti all elenco regionale, compresi i prodotti a carattere alcolico e superalcolico. Sono considerati di propria produzione le bevande e i cibi prodotti e lavorati nell azienda agricola, nonché quelli ricavati da materie prime dell azienda agricola anche attraverso lavorazioni esterne. 2. Le lettere c) e d) del comma 2 dell articolo 2 sono così sostituite: c) organizzare degustazioni e vendere direttamente i prodotti di cui alla lettera b); d) organizzare attività ricreative, culturali, sociali, didattiche, di pratica sportiva, escursionistiche e di ippoturismo, anche in convenzione con enti pubblici, finalizzate alla valorizzazione del territorio, delle attività e del patrimonio rurale. 3. All articolo 6, comma 3, le parole 80 coperti per pasto sono sostituite con le seguenti: 1800 coperti mensili esclusi i pasti forniti attraverso le fattorie didattiche iscritte all albo regionale delle fattorie didattiche della Sardegna. 4. All articolo 10, comma 1, dopo la lettera g) è inserita la seguente lettera: g bis) approvvigionarsi, per la quota parte non prodotta direttamente in azienda, esclusivamente dai fornitori iscritti all Elenco regionale dei fornitori delle aziende agrituristiche.. 5. Dopo l articolo 10 è inserito il seguente: Art. 10 bis (Istituzione dell Elenco regionale dei fornitori delle aziende agrituristiche) 1. Al fine di completare l offerta dei prodotti non disponibili nell azienda agrituristica, è istituito l Elenco regionale dei fornitori delle aziende agrituristiche, costituito dai produttori e dai trasformatori operanti nel territorio regionale che manifestano l interesse a fornire tali prodotti. La Giunta regionale, sentito il parere della competente Commissione consiliare, da esprimersi entro 15 giorni dalla data di presentazione, definisce, con successiva delibera, le modalità di istituzione e tenuta del suddetto elenco.. 6. L articolo 12 è così sostituito: Art. 12 (Vigilanza, controllo e sanzioni amministrative pecuniarie) 1. La vigilanza e il controllo sull applicazione delle disposizioni della presente legge sono esercitati dagli organi di polizia municipale, dal Corpo forestale e di vigilanza ambientale della Regione e dai servizi di igiene delle aziende sanitarie locali territorialmente competenti, oltre che dagli altri soggetti indicati dalle norme vigenti. 2. Chiunque trasgredisce le disposizioni di cui all articolo 4, utilizzando illegittimamente i termini agriturismo o agrituristico o similari, è soggetto al pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria variante da euro a euro Chiunque intraprende o svolge in forma continuativa od occasionale le attività agrituristiche essendo sprovvisto dell apposito titolo autorizzatorio di cui all articolo 1, commi dal 16 al 32 della legge regionale 5 marzo 2008, n. 3 e senza essere iscritto all elenco regionale di cui all articolo 9, è soggetto al pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria variante da euro a euro Il sindaco, con propria ordinanza, dispone la chiusura dell esercizio illegalmente aperto, e l attività non può essere autorizzata per un periodo di sei mesi dal provvedimento di chiusura. 4. Il titolare di impresa agrituristica, che utilizza i locali e gli spazi destinati all alloggio o alla ristorazione degli ospiti per un numero superiore a quello autorizzato, è soggetto - oltre che ai provvedimenti di sospensione previsti dal comma 1 dell articolo 11 - anche al pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria variante da euro 300 a euro Il titolare di impresa agrituristica è soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria variante da euro 200 a euro 2.000, nei seguenti casi: a) attribuzione al proprio esercizio, con scritti, stampati ovvero pubblicazione con qualsiasi altro mezzo, di attrezzature qualitativamente o quantitativamente superiori a quelle esistenti; b) mancata esposizione al pubblico del titolo autorizzatorio, dell attestato di iscrizione all elenco regionale e delle tariffe praticate; c) violazioni dell articolo 2, comma 2, lettera b).. 7. Dopo l articolo 12 è inserito: Art. 12 bis (Controlli sull attività agrituristica) 1. L Assessorato regionale dell agricoltura e riforma agro-pastorale elabora annualmente un piano di controlli a campione per la verifica del rispetto delle disposizioni di cui alla presente legge. 2. Nel primo triennio di applicazione della presente legge il controllo è effettuato sul 100 per cento delle aziende iscritte all elenco regionale degli operatori agrituristici della Sardegna; a regime è previsto un controllo del 5 per cento annuo su scala provinciale delle aziende iscritte all elenco suddetto. 3. I controlli sono eseguiti dal Corpo forestale e di vigilanza ambientale della Regione che provvede all irrogazione delle sanzioni di cui all articolo 12 per le violazioni accertate nell attuazione del piano. 4. L Amministrazione regionale destina gli introiti derivanti dalle sanzioni amministrative pecuniarie al conseguimento

10 delle finalità di cui alla presente legge.. Art. 4 Interventi di educazione alimentare 1. L Assessorato regionale dell agricoltura e riforma agro-pastorale promuove, attraverso l agenzia regionale competente, anche in collaborazione con le province e i comuni, eventi, scambi e gemellaggi, progetti educativi, concorsi, laboratori e percorsi di educazione alimentare diretti prevalentemente al mondo della scuola, in particolare attraverso le fattorie didattiche iscritte all Albo regionale delle fattorie didattiche della Sardegna. Art. 5 Interventi riservati all esercizio della vendita diretta 1. Ai sensi dell articolo 1, comma 1065 della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (Disposizioni per la formazione del bilancio pluriennale dello Stato), e del decreto ministeriale 20 novembre 2007 (Attuazione dell art. 1, comma 1065 della L. 27 dicembre 2006, n. 296, sui mercati riservati all esercizio della vendita diretta da parte degli imprenditori agricoli), al fine di incoraggiare i consumatori all acquisto di prodotti agricoli e agroalimentari che abbiano un diretto legame con il territorio di produzione, la Regione promuove la vendita diretta con la realizzazione di aree attrezzate, attraverso l erogazione di finanziamenti a favore dei comuni. 2. La Giunta regionale definisce le modalità di attuazione dell intervento di cui al comma 1 e i relativi controlli. 3. I comuni riservano agli imprenditori agricoli esercenti la vendita diretta di prodotti agricoli regionali almeno il 30 per cento del totale dei posteggi nei mercati al dettaglio in aree pubbliche e possono istituirne di nuovi fino al raggiungimento di tale percentuale. 4. Per la realizzazione delle iniziative di cui ai commi 1 e 3 è autorizzata, a decorrere dal 2010, la spesa annua di euro Art. 6 Elenco delle imprese sostenitrici dei prodotti locali 1. È istituito, presso l Assessorato regionale del turismo, artigianato e commercio, l Elenco regionale delle imprese sostenitrici dei prodotti locali. 2. Nell Elenco sono iscritte, a richiesta, le imprese esercenti attività di ristorazione o di vendita al pubblico operanti nel territorio regionale che, nell ambito degli acquisti di prodotti agro-alimentari effettuati nel corso dell anno, si impegnino ad approvvigionarsi per almeno il 50 per cento, in termini di valore di prodotti agroalimentari di origine regionale. 3. L Assessorato regionale del turismo, artigianato e commercio cura l istruttoria delle domande, provvede all iscrizione nell elenco ed al rilascio del relativo attestato di iscrizione. 4. L approvvigionamento dei prodotti di cui al comma 2, nella percentuale ivi indicata, è documentato nelle fatture di acquisto, che devono riportare l indicazione dell origine, natura, qualità e quantità dei prodotti acquistati. 5. La Giunta regionale, sentito il parere della competente Commissione consiliare, da esprimersi entro quindici giorni dalla data di presentazione, definisce il procedimento di iscrizione all elenco di cui al comma 1, le modalità di verifica del rispetto dell impegno di cui al comma 2 e delle prescrizioni di cui al comma 4 e la procedura di revoca dell iscrizione in caso di accertata violazione. 6. Le imprese iscritte nell elenco di cui al comma 1 sono inserite in un apposito circuito regionale veicolato nell ambito delle attività promozionali della Regione Sardegna. Art. 7 Promozione dell offerta di prodotti agricoli e agroalimentari di origine regionale 1. Agli esercizi di vicinato che destinino una quota non inferiore al 50 per cento della superficie di vendita ai prodotti di origine regionale, è riconosciuto un incremento del 30 per cento della superficie massima di vendita di cui all articolo 4, comma 2, della legge regionale 18 maggio 2006, n. 5 (Disciplina generale delle attività commerciali). 2. L Amministrazione regionale finanzia i comuni fino al 50 per cento della spesa per l acquisto o la locazione di appositi spazi commerciali presso le medie e le grandi strutture di vendita di cui all articolo 4, commi 3 e 5, della legge regionale n. 5 del 2006, che esplicitino nello scontrino fiscale rilasciato al consumatore la percentuale di spesa relativa all acquisto di prodotti di origine regionale. I comuni assegnano tali spazi in gestione ai produttori e ai commercianti singoli o associati per la vendita di prodotti di origine regionale. La Giunta regionale, sentito il parere della competente Commissione consiliare, da esprimersi entro quindici giorni dalla data di presentazione, definisce i criteri di selezione delle richieste e le modalità di accesso al finanziamento da parte dei comuni. 3. Per le finalità di cui al comma 2 è autorizzata, a decorrere dal 2010, la spesa annua di euro L Amministrazione regionale concede un contributo fino alla misura massima delle spese sostenute dagli esercizi commerciali che adottino opportune misure di riduzione della produzione dei rifiuti e degli imballaggi. 5. Per le finalità di cui al comma 4 è autorizzata, a decorrere dal 2010, la spesa annua di euro

11 6. I programmi annuali di attuazione del presente articolo sono approvati con deliberazione della Giunta regionale previo parere della Commissione consiliare competente, da rendersi entro trenta giorni, decorsi i quali il parere si intende acquisito. Art. 8 Promozione della libertà dell offerta 1. É istituito, presso la Presidenza della Regione, l Osservatorio regionale della concorrenza. 2. L Osservatorio regionale della concorrenza è costituito da un unico componente nominato dal Presidente della Regione tra i magistrati in quiescenza. 3. La Giunta regionale disciplina il funzionamento dell Osservatorio; le funzioni di segretario sono svolte da un funzionario della Presidenza della Regione. 4. L Osservatorio elabora annualmente il rapporto sul mercato interno della Sardegna e vigila, all interno del territorio regionale, sul rispetto di quanto previsto dagli articoli 2 e 3 della legge 10 ottobre 1990, n. 287 (Norme per la tutela della concorrenza e del mercato), in materia di intese restrittive della libertà di concorrenza e di abuso di posizione dominante. Qualora riscontri la sussistenza di possibili infrazioni, ne effettua immediata comunicazione all Autorità garante della concorrenza e del mercato di cui all articolo 10 della legge n. 287 del 1990, per l adozione dei provvedimenti di competenza. 5. La Regione informa i cittadini, con capillari campagne di informazione, delle sanzioni applicate dall Autorità garante della concorrenza e del mercato a seguito delle segnalazioni di cui al comma Il componente dell Osservatorio è soggetto alle seguenti incompatibilità: a) componente del Parlamento europeo o nazionale del Governo, di un consiglio o di una giunta regionale o provinciale, componente di un consiglio o di una giunta di un comune con popolazione superiore a abitanti, presidente della Regione, presidente della provincia, sindaco; b) titolare di incarichi elettivi o di rappresentanza in partiti e movimenti politici, a livello nazionale, regionale, provinciale e comunale; c) presidente, componente di organismi direttivi o direttore di un ente pubblico o di società a prevalente capitale pubblico, nominati da organi governativi, regionali, provinciali e comunali. 7. Le cause di incompatibilità previste dal comma 6 non hanno effetto se l interessato provvede, entro venti giorni dall avvenuta comunicazione dell elezione, a dichiarare l accettazione dell incarico e a dare atto dell avvenuta rimozione di ogni causa di incompatibilità. Art. 9 Entrata in vigore del comma 4 dell articolo 3 1. Il comma 4 dell articolo 3 entra in vigore decorsi quattro mesi dalla pubblicazione della presente legge nel Bollettino ufficiale della Regione autonoma della Sardegna. Art. 10 Norma finanziaria 1. Gli oneri derivanti dall attuazione della presente legge sono valutati in complessivi euro annui a decorrere dall anno Nel bilancio di previsione per gli anni sono apportate le seguenti variazioni: In diminuzione UPB S FNOL parte corrente 2010 euro euro euro euro mediante riduzione della riserva di cui alla voce 4 (interventi vari) della tabella A allegata alla legge regionale 28 dicembre 2009, n. 5 (legge finanziaria 2010) in aumento UPB S Trasferimenti agli enti locali - Investimenti 2010 euro euro euro euro in aumento UPB S

12 Sostegno alle attività commerciali - Spese correnti 2010 euro euro euro euro Alle spese previste per l attuazione della presente legge si fa fronte con le suddette UPB del bilancio della Regione per gli anni e alle rispettive UPB dei bilanci per gli anni successivi. La presente legge sarà pubblicata nel Bollettino ufficiale della Regione. E fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Regione. Data a Cagliari, addì 19 gennaio 2010 Cappellacci

LEGGE REGIONALE N. 1 DEL 19-01-2010 REGIONE SARDEGNA

LEGGE REGIONALE N. 1 DEL 19-01-2010 REGIONE SARDEGNA LEGGE REGIONALE N. 1 DEL 19-01-2010 REGIONE SARDEGNA Norme per la promozione della qualità dei prodotti della Sardegna, della concorrenza e della tutela ambientale e modifiche alla legge regionale 23 giugno

Dettagli

Nuove norme per l'esercizio dell'agriturismo e del turismo rurale - Abrogazione della legge regionale 20 giugno

Nuove norme per l'esercizio dell'agriturismo e del turismo rurale - Abrogazione della legge regionale 20 giugno Legge Regionale 23 giugno 1998, n. 18 Nuove norme per l'esercizio dell'agriturismo e del turismo rurale - Abrogazione della legge regionale 20 giugno 1986, n. 32 e modifiche alla legge regionale 23 novembre

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA L.R.

REGIONE LOMBARDIA L.R. REGIONE LOMBARDIA L.R. 31 gennaio 1992, n. 3: Disciplina regionale dell'agriturismo e valorizzazione del territorio rurale. (Pubblicata nel Suppl. Ord. del B.U.R. n. 6 del 4 febbraio 1992) Art. 1 - Finalità

Dettagli

Legge 5 dicembre 1985, n. 730: Disciplina dell'agriturismo. (Pubblicata nella G.U. n. 295 del 16 dicembre 1985)

Legge 5 dicembre 1985, n. 730: Disciplina dell'agriturismo. (Pubblicata nella G.U. n. 295 del 16 dicembre 1985) Legge 5 dicembre 1985, n. 730: Disciplina dell'agriturismo. (Pubblicata nella G.U. n. 295 del 16 dicembre 1985) Art. 1 - Finalità dell'intervento L'agricoltura, in armonia con gli indirizzi di politica

Dettagli

LEGGE 5 dicembre 1985, n. 730 (pubblicata sulla G.U. 16 dicembre 1985, n. 295) Disciplina dell'agriturismo.

LEGGE 5 dicembre 1985, n. 730 (pubblicata sulla G.U. 16 dicembre 1985, n. 295) Disciplina dell'agriturismo. LEGGE 5 dicembre 1985, n. 730 (pubblicata sulla G.U. 16 dicembre 1985, n. 295) Disciplina dell'agriturismo. Testo coordinato e aggiornato alla legge 27 luglio 1999, n. 268 Attività agrituristiche Si intendono

Dettagli

Regione Puglia: Legge regionale 22/05/1985 N. 34 Bollettino Ufficiale Regionale N. 72 del 04/06/1985 Interventi a favore dell'agriturismo.

Regione Puglia: Legge regionale 22/05/1985 N. 34 Bollettino Ufficiale Regionale N. 72 del 04/06/1985 Interventi a favore dell'agriturismo. Regione Puglia: Legge regionale 22/05/1985 N. 34 Bollettino Ufficiale Regionale N. 72 del 04/06/1985 Interventi a favore dell'agriturismo. Preambolo IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL COMMISSARIO

Dettagli

Regione Piemonte. Legge regionale del 23 marzo 1995, n. 38. Bollettino Ufficiale Regionale del 24 marzo 1995, n. 12. Disciplina dell'agriturismo.

Regione Piemonte. Legge regionale del 23 marzo 1995, n. 38. Bollettino Ufficiale Regionale del 24 marzo 1995, n. 12. Disciplina dell'agriturismo. Regione Piemonte Legge regionale del 23 marzo 1995, n. 38 Bollettino Ufficiale Regionale del 24 marzo 1995, n. 12 Disciplina dell'agriturismo. Preambolo IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL COMMISSARIO

Dettagli

AGRITURISMO DESCRIZIONE

AGRITURISMO DESCRIZIONE AGRITURISMO DESCRIZIONE L'attività di agriturismo nella Regione Veneto è stata regolata con Legge Regionale 18 aprile 1997, n. 9 che stabiliva i principi, le finalità e le condizioni per lo svolgimento

Dettagli

Titolo I. Generalita' Art. 1. (Finalita')

Titolo I. Generalita' Art. 1. (Finalita') Legge regionale 23 marzo 1995, n. 38. (Testo coordinato) Disciplina dell'agriturismo. (B.U. 24 marzo 1995, suppl. al n. 12) Modificata da l.r. 38/2009 Art. 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10 Titolo I. Generalita'

Dettagli

Disciplina delle fattorie didattiche e degli agrinido, agriasilo e agritata. Indice

Disciplina delle fattorie didattiche e degli agrinido, agriasilo e agritata. Indice Consiglio Regionale Disciplina delle fattorie didattiche e degli agrinido, agriasilo e agritata Indice CAPO I... 2 DISPOSIZIONI GENERALI... 2 Art. 1... 2 Finalità... 2 CAPO II... 2 FATTORIE DIDATTICHE...

Dettagli

NORME IN MATERIA DI AGRITURISMO E TURISMO RURALE

NORME IN MATERIA DI AGRITURISMO E TURISMO RURALE VIII LEGISLATURA R E G I O N E L A Z I O CONSIGLIO REGIONALE Si attesta che il Consiglio regionale l 11 ottobre 2006 ha approvato la deliberazione legislativa d iniziativa della Giunta regionale: NORME

Dettagli

Bollettino Ufficiale Regionale 16 luglio 2002, n. 16. [Preambolo] Finalità. Definizione e caratteristiche. Esercizio dell'attività

Bollettino Ufficiale Regionale 16 luglio 2002, n. 16. [Preambolo] Finalità. Definizione e caratteristiche. Esercizio dell'attività www.sistema24edilizia.ilsole24ore.com Regione Molise Legge regionale 12 luglio 2002, n. 13 Bollettino Ufficiale Regionale 16 luglio 2002, n. 16 Norme in materia di attività ricettiva alla produzione di

Dettagli

DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA ( D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE. Il / La sottoscritto/a.. Codice fiscale... Data di nascita./. /...Cittadinanza...

DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA ( D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE. Il / La sottoscritto/a.. Codice fiscale... Data di nascita./. /...Cittadinanza... AL COMUNE DI AZZATE Ufficio Commercio DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA ( D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE Il / La sottoscritto/a.. Codice fiscale........ Data di nascita./. /.....Cittadinanza....... Luogo

Dettagli

L. 20/02/2006, n. 96 Disciplina dell'agriturismo. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 16 marzo 2006, n. 63.

L. 20/02/2006, n. 96 Disciplina dell'agriturismo. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 16 marzo 2006, n. 63. L. 20/02/2006, n. 96 Disciplina dell'agriturismo. Pubblicata nella Gazz. Uff. 16 marzo 2006, n. 63. Epigrafe Premessa Art. 1. Finalità Art. 2. Definizione di attività agrituristiche Art. 3. Locali per

Dettagli

L.R. 20 novembre 2007, n. 17 (1).

L.R. 20 novembre 2007, n. 17 (1). L.R. 20 novembre 2007, n. 17 (1). Disciplina dell'attività di acconciatore e di estetista. (1) Pubblicata nel B.U. Marche 29 novembre 2007, n. 104. Il Consiglio regionale ha approvato; Il Presidente della

Dettagli

Art. 1. Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Art. 1. Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 14 aprile 2004, n. 8#LR-ER-2004-8# MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 10 GENNAIO 2000, N. 1 RECANTE "NORME IN MATERIA DI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA" (Legge di pura modifica.

Dettagli

Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a KM 0

Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a KM 0 Le Politiche della Regione nell ambito dei consumi e alimentazione a Valorizzazione produzioni agro alimentari di qualità Premessa Cosa si intende per consumo a KM 0? prodotti provenienti da areali di

Dettagli

N.B. Testo coordinati con le modifiche apportate, successivamente dalla L.R. 16 febbraio 2010, n. 15; e dalla L.R. 25 novembre 2010, n. 23.

N.B. Testo coordinati con le modifiche apportate, successivamente dalla L.R. 16 febbraio 2010, n. 15; e dalla L.R. 25 novembre 2010, n. 23. REGIONE UMBRIA L.R. 4 aprile 1990, n. 10: Norme di attuazione della legge 4 gennaio 1990, n. 1: «Disciplina delle attività di estetista». (B.U.R.U. n. 15 dell'11 aprile 1990). N.B. Testo coordinati con

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 12 DEL 11-05-1995 REGIONE BOLZANO (Prov.) Disciplina dell' affitto di camere ed appartamenti ammobiliati per ferie

LEGGE PROVINCIALE N. 12 DEL 11-05-1995 REGIONE BOLZANO (Prov.) Disciplina dell' affitto di camere ed appartamenti ammobiliati per ferie LEGGE PROVINCIALE N. 12 DEL 11-05-1995 REGIONE BOLZANO (Prov.) Disciplina dell' affitto di camere ed appartamenti ammobiliati per ferie Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BOLZANO (Prov.) N. 25 del

Dettagli

NUOVA DISCIPLINA DELL AGRITURISMO Le due leggi a confronto

NUOVA DISCIPLINA DELL AGRITURISMO Le due leggi a confronto NUOVA DISCIPLINA DELL AGRITURISMO Le due leggi a confronto L. 5 dicembre 1985, n. 730: Disciplina dell'agriturismo. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 16 dicembre 1985, n. 295) Art. 1. Finalità dell'intervento.

Dettagli

SCHEDE OPERATIVE IN MATERIA DI AGRITURISMO (di cui al comma 4 dell art. 23 L.R. 30/03 s.m.i.)

SCHEDE OPERATIVE IN MATERIA DI AGRITURISMO (di cui al comma 4 dell art. 23 L.R. 30/03 s.m.i.) SCHEDE OPERATIVE IN MATERIA DI AGRITURISMO (di cui al comma 4 dell art. 23 L.R. 30/03 s.m.i.) PARTE OPERATIVA INDICE PARTE II VERBALI DI CONTROLLO SCHEDA PRINCIPALITA SCHEDA CLASSIFICAZIONE SCHEDA NATURA

Dettagli

DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE promulga

DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE promulga Parte I N. 24 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA - 16-6-2008 4401 Legge Regionale 4 giugno 2008, n. 8. DISCIPLINA DELL ATTIVITÀ DI BED & BREAKFAST IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato IL PRESIDENTE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 0029 DEL 04 11 2002 EMILIA-ROMAGNA ( VII LEGISLATURA)

LEGGE REGIONALE N. 0029 DEL 04 11 2002 EMILIA-ROMAGNA ( VII LEGISLATURA) LEGGE REGIONALE N. 0029 DEL 04 11 2002 EMILIA-ROMAGNA ( VII LEGISLATURA) NORME PER L'ORIENTAMENTO DEI CONSUMI E L'EDUCAZIONE ALIMENTARE E PER LA QUALIFICAZIONE DEI SERVIZI DI RISTORAZIONE COLLETTIVA BOLLETTINO

Dettagli

Regione Veneto. Legge regionale del 18 aprile 1997, n. 9. Bollettino Ufficiale Regionale del 22 aprile 1997, n. 33

Regione Veneto. Legge regionale del 18 aprile 1997, n. 9. Bollettino Ufficiale Regionale del 22 aprile 1997, n. 33 Regione Veneto Legge regionale del 18 aprile 1997, n. 9 Bollettino Ufficiale Regionale del 22 aprile 1997, n. 33 Nuova disciplina per l'esercizio dell'attività agrituristica. Preambolo Il Consiglio Regionale

Dettagli

Art. 1. (Finalità) Art. 2. (Integrazione dell'offerta turistica)

Art. 1. (Finalità) Art. 2. (Integrazione dell'offerta turistica) 1 di 5 05/01/2009 22.14 Legge regionale 8 luglio 1999, n. 18. (Testo coordinato) Interventi regionali a sostegno dell'offerta turistica. (B.U. 14 luglio 1999, n. 28) Modificata da l.r. 20/2000, l.r. 22/2002,

Dettagli

2. Per quanto non previsto dalla presente legge si applicano le leggi 1/1990 e 174/2005.

2. Per quanto non previsto dalla presente legge si applicano le leggi 1/1990 e 174/2005. LEGGE REGIONALE 20 novembre 2007, n. 17 Disciplina dell'attività di acconciatore e di estetista (B.U. 29 novembre 2007, n. 104) INDICE DELLA LEGGE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Competenze della Regione, delle

Dettagli

Legge Regionale del 8 giugno 2007 n. 10. Disciplina regionale dell'agriturismo ( BURL del 12 giugno 2007 n. 24, 1 suppl. ord. )

Legge Regionale del 8 giugno 2007 n. 10. Disciplina regionale dell'agriturismo ( BURL del 12 giugno 2007 n. 24, 1 suppl. ord. ) Legge Regionale del 8 giugno 2007 n. 10 Disciplina regionale dell'agriturismo ( BURL del 12 giugno 2007 n. 24, 1 suppl. ord. ) Art. 1 (Finalità) La presente legge, nel rispetto della programmazione regionale

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 5 DEL 10-05-2001 REGIONE CAMPANIA "DISCIPLINA DELL'ATTIVITA' DI BED AND BREAKFAST"

LEGGE REGIONALE N. 5 DEL 10-05-2001 REGIONE CAMPANIA DISCIPLINA DELL'ATTIVITA' DI BED AND BREAKFAST LEGGE REGIONALE N. 5 DEL 10-05-2001 REGIONE CAMPANIA "DISCIPLINA DELL'ATTIVITA' DI BED AND BREAKFAST" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA N. 26 del 14 maggio 2001 IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Art.3 Dalle provvidenze della presente legge sono esclusi gli alberghi e le altre opere che siano classificabili superiori alla seconda categoria.

Art.3 Dalle provvidenze della presente legge sono esclusi gli alberghi e le altre opere che siano classificabili superiori alla seconda categoria. Legge Regionale 18 marzo 1964, n. 8 Provvidenze a favore dell industria alberghiera e turistica. Il Consiglio Regionale ha approvato Il Presidente della Giunta Regionale promulga la seguente legge: Art.1

Dettagli

Legge Regionale 18 dicembre 2013 n. 48 Disciplina delle fattorie didattiche, agrinido, agriasilo e agritata.

Legge Regionale 18 dicembre 2013 n. 48 Disciplina delle fattorie didattiche, agrinido, agriasilo e agritata. Legge Regionale 18 dicembre 2013 n. 48 Disciplina delle fattorie didattiche, agrinido, agriasilo e agritata. (BUR Abruzzo 27 dicembre 2013, n. 127 speciale) IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato; IL PRESIDENTE

Dettagli

Legge 09-01-1989, n. 13 Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati

Legge 09-01-1989, n. 13 Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati Legge 09-01-1989, n. 13 Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Finalità 1. La regione del Veneto promuove

Dettagli

Legge regionale 23 giugno 2003, n. 30 Disciplina delle attività agrituristiche in Toscana

Legge regionale 23 giugno 2003, n. 30 Disciplina delle attività agrituristiche in Toscana Legge regionale 23 giugno 2003, n. 30 Disciplina delle attività agrituristiche in Toscana *** Testo coordinato con le modifiche introdotte dalla l.r. 28 maggio 2004, n. 27 e dalla l.r. 3 gennaio 2005,

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 03-04-2002 - REGIONE MARCHE - 03/04/2002, 3 - B.U.R.

LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 03-04-2002 - REGIONE MARCHE - 03/04/2002, 3 - B.U.R. LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 03-04-2002 - REGIONE MARCHE - 03/04/2002, n. 3 - B.U.R. 11/04/2002, n.52 NORME PER L'ATTIVITÀ AGRITURISTICA E PER IL TURISMO RURALE Art.1 (Finalità) 1. La Regione, in armonia con

Dettagli

LEGGE REGIONALE 21 NOVEMBRE 2007 N. 37

LEGGE REGIONALE 21 NOVEMBRE 2007 N. 37 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte I 28.11.2007 - pag. 404 LEGGE REGIONALE 21 NOVEMBRE 2007 N. 37 Disciplina dell attività agrituristica, del pescaturismo e ittiturismo. Il Consiglio regionale

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 26-02-2003 REGIONE CALABRIA

LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 26-02-2003 REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE N. 2 DEL 26-02-2003 REGIONE CALABRIA Disciplina dell'attività di accoglienza ricettiva a conduzione familiare denominata "Bed and Breakfast" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CALABRIA

Dettagli

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano Regolamento comunale per la disciplina del mercato per la vendita diretta dei prodotti agricoli. Approvato con delibera C.C. n 06 del 28.01.2011 (allegato

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA Legge 1980033 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

Dettagli

2002 - Aggiornamento CE0601ur11 VOCE E 6.1 LRG/XI,1. TURISMO ED INDUSTRIA ALBERGHIERA L.R. 27 giugno 1988,n. 36

2002 - Aggiornamento CE0601ur11 VOCE E 6.1 LRG/XI,1. TURISMO ED INDUSTRIA ALBERGHIERA L.R. 27 giugno 1988,n. 36 LEGGE REGIONALE 27 giugno 1988,n. 36 «Incentivi per l ammodernamento,potenziamento e qualificazione delle strutture ed infrastrutture turistiche in Lombardia». (B.U. 29 giugno 1988, n. 26, 2º suppl. ord.)

Dettagli

LEGGE REGIONALE 6 MARZO 2015, N. 6.

LEGGE REGIONALE 6 MARZO 2015, N. 6. LEGGE REGIONALE 6 MARZO 2015, N. 6. NORME PER IL SOSTEGNO DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALE (GAS) E PER LA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI AGROALIMENTARI DA FILIERA CORTA E DI PRODOTTI DI QUALITÀ E MODIFICHE ALLA

Dettagli

I AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONAMENTO

I AUTORIZZAZIONE AL FUNZIONAMENTO 1 1 LEGGE REGIONALE 12 ottobre 1998, n. 34 #LR-ER-1998-34# NORME IN MATERIA DI AUTORIZZAZIONE E ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE SANITARIE PUBBLICHE E PRIVATE IN ATTUAZIONE DEL D.P.R. 14 GENNAIO 1997, NONCHE'

Dettagli

COD. PRATICA: 2014-003-8 LA GIUNTA REGIONALE

COD. PRATICA: 2014-003-8 LA GIUNTA REGIONALE MODULO DL LA GIUNTA REGIONALE Vista la relazione illustrativa avente ad oggetto Disciplina delle sagre, delle feste popolari e dell'esercizio dell attività temporanea di somministrazione di alimenti e

Dettagli

Interventi per la promozione e lo sviluppo della pratica sportiva e delle attività motorio-ricreative. Art. 1

Interventi per la promozione e lo sviluppo della pratica sportiva e delle attività motorio-ricreative. Art. 1 L.R. 1 agosto 1997, n. 47 ( 1). Interventi per la promozione e lo sviluppo della pratica sportiva e delle attività motorio-ricreative. Art. 1 Finalità e programmazione degli interventi. 1. La Regione,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 50 DEL 13-04-1995 REGIONE MARCHE. Norme di attuazione per la promozione e lo sviluppo della cooperazione sociale.

LEGGE REGIONALE N. 50 DEL 13-04-1995 REGIONE MARCHE. Norme di attuazione per la promozione e lo sviluppo della cooperazione sociale. LEGGE REGIONALE N. 50 DEL 13-04-1995 REGIONE MARCHE Norme di attuazione per la promozione e lo sviluppo della cooperazione sociale. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MARCHE N. 29 del 27 aprile

Dettagli

L.R. 06 Novembre 2006, n. 15 Disposizioni urgenti in materia di organismi geneticamente modificati (1) SOMMARIO

L.R. 06 Novembre 2006, n. 15 Disposizioni urgenti in materia di organismi geneticamente modificati (1) SOMMARIO L.R. 06 Novembre 2006, n. 15 Disposizioni urgenti in materia di organismi geneticamente modificati (1) SOMMARIO Art. 1 Oggetto e finalità Art. 2 Divieti di coltivazione e di allevamento di OGM. Disposizioni

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 32 DEL 30-12-1985 REGIONE SARDEGNA. Fondo per l' edilizia abitativa.

LEGGE REGIONALE N. 32 DEL 30-12-1985 REGIONE SARDEGNA. Fondo per l' edilizia abitativa. Legge 1985032 Pagina 1 di 7 LEGGE REGIONALE N. 32 DEL 30-12-1985 REGIONE SARDEGNA Fondo per l' edilizia abitativa. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 53 del 30 dicembre 1985 Il Consiglio

Dettagli

Regione Lazio. Leggi Regionali 28/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 98

Regione Lazio. Leggi Regionali 28/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 98 Regione Lazio Leggi Regionali Legge Regionale 27 novembre 2013, n. 8 Disposizioni di semplificazione relative alle strutture ricettive. Modifiche alle leggi regionali 6 agosto 2007, n. 13, concernente

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1382 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore RIPAMONTI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA L 8 MARZO 2007 (*) Disciplina dell agriturismo (*) Testo ritirato dal presentatore.

Dettagli

DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA (D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE

DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA (D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA (D.A.A.) (ai sensi L.R. n. 31/2008 art. 154) E COMUNICAZIONI VARIE Al Comune di... Il /La sottoscritto/a Codice ISTAT Comune A cura degli Uffici Comunali Cognome........

Dettagli

CAPO I. Interventi regionali per il diritto allo studio. Art. 1

CAPO I. Interventi regionali per il diritto allo studio. Art. 1 Legge regionale 26 maggio 1980, n. 10 Norme regionali in materia di diritto allo studio. 1 Quando le disposizioni della presente legge menzionano un Assessorato, la menzione si intende riferita alla Direzione

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 02-08-1993 REGIONE PUGLIA. Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere.

LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 02-08-1993 REGIONE PUGLIA. Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere. LEGGE REGIONALE N. 12 DEL 02-08-1993 REGIONE PUGLIA Disciplina delle strutture ricettive extralberghiere. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA N. 108 del 6 agosto 1993 Il Consiglio Regionale

Dettagli

Incentivi all'autoimprenditorialità e all'autoimpiego, in attuazione dell'articolo 45, comma 1, della L. 17 maggio 1999, n. 144 (2).

Incentivi all'autoimprenditorialità e all'autoimpiego, in attuazione dell'articolo 45, comma 1, della L. 17 maggio 1999, n. 144 (2). D.Lgs. 21 aprile 2000, n. 185 (1). Incentivi all'autoimprenditorialità e all'autoimpiego, in attuazione dell'articolo 45, comma 1, della L. 17 maggio 1999, n. 144 (2). (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 6

Dettagli

DI M O N D R A G O N E (P R O V I N C I A D I C A S E R T A) C I T T À BED AND BREAKFAST REGOLAMENTO COMUNALE PER ATTIVITÀ DI

DI M O N D R A G O N E (P R O V I N C I A D I C A S E R T A) C I T T À BED AND BREAKFAST REGOLAMENTO COMUNALE PER ATTIVITÀ DI C I T T À DI M O N D R A G O N E (P R O V I N C I A D I C A S E R T A) REGOLAMENTO COMUNALE PER ATTIVITÀ DI BED AND BREAKFAST Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 56 del 04.11.2003 1 INDICE

Dettagli

Consiglio regionale del Molise IX Legislatura

Consiglio regionale del Molise IX Legislatura Consiglio regionale del Molise IX Legislatura Proposta di legge regionale n.69 concernente Norme per l esercizio del turismo rurale in Molise. di iniziativa dei consiglieri regionali Camillo Di Pasquale,

Dettagli

h) sviluppare il turismo sociale e giovanile per consentire una migliore conoscenza dell'ambiente, degli usi e delle tradizioni rurali.

h) sviluppare il turismo sociale e giovanile per consentire una migliore conoscenza dell'ambiente, degli usi e delle tradizioni rurali. Legge Regione Marche: Legge regionale 03/04/2002 N. 3 Bollettino Ufficiale Regionale N. 52 del 11/04/2002 Norme per l'attività agrituristica e per il turismo rurale. Preambolo Il Consiglio Regionale ha

Dettagli

Art. 2 Modifica all articolo 4 della l.r. 34/2007. LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6

Art. 2 Modifica all articolo 4 della l.r. 34/2007. LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6 7213 LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 6 Modifiche e integrazioni alle leggi regionali 15 novembre 2007, n. 34, 7 agosto 2013, n. 27 e 11 febbraio 1999, n. 11. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO Art.

Dettagli

l applicazione della disciplina regionale delle attività

l applicazione della disciplina regionale delle attività 14 7.6.2004 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 21 i) le condizioni inerenti l attività di macellazione di animali allevati in azienda e utilizzati per l attività agrituristica di somministrazione

Dettagli

e il reinserimento di disoccupati, anche in mobilità, nonché di lavoratori sospesi in regime di cassa integrazione.

e il reinserimento di disoccupati, anche in mobilità, nonché di lavoratori sospesi in regime di cassa integrazione. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 109 suppl. del 07-08-2013 9 LEGGE REGIONALE 5 agosto 2013, n. 23 Norme in materia di percorsi formativi diretti all orientamento e all inserimento nel mercato

Dettagli

Legge regionale 18 dicembre 2006, n. 20

Legge regionale 18 dicembre 2006, n. 20 Legge regionale 18 dicembre 2006, n. 20 Riordino delle professioni turistiche di accompagnamento e dei servizi. LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2006, n. 20 Riordino delle professioni turistiche di accompagnamento

Dettagli

legge n.730 del 5 dicembre 1985 Disciplina dell'agriturismo.

legge n.730 del 5 dicembre 1985 Disciplina dell'agriturismo. Na.sa.ta. segue i suoi soci da tutti i punti di vista. Le convenzioni con gli agriturismi vengono stipulate nel pieno rispetto della legge in vigore. Ogni agriturismo che aderisce a Na.sa.ta. risponde

Dettagli

PROVINCIA DI TRIESTE

PROVINCIA DI TRIESTE PROVINCIA DI TRIESTE Regolamento di esecuzione della legge regionale 8 agosto 2000, n. 15 per l'introduzione dei prodotti biologici, tipici e tradizionali nelle mense pubbliche e per iniziative di educazione

Dettagli

promulga Art. 1. (Inserimento dell'articolo 15 bis nella legge regionale 22 ottobre 1996, n. 75)

promulga Art. 1. (Inserimento dell'articolo 15 bis nella legge regionale 22 ottobre 1996, n. 75) Legge regionale 7 gennaio 2002, n. 1. Interventi a sostegno dei prodotti turistici di interesse regionale ed a sostegno del turismo piemontese in caso di eventi eccezionali. Modifiche ed integrazioni alla

Dettagli

6. La presente legge non si applica alle attività di medicina estetica in quanto rientranti nell'esercizio della professione medica.

6. La presente legge non si applica alle attività di medicina estetica in quanto rientranti nell'esercizio della professione medica. Legge regionale 31 maggio 2004, n. 28 Disciplina delle attività di estetica e di tatuaggio e piercing. Bollettino Ufficiale n. 21, parte prima, del 07.06.2004 Art. 01 - Oggetto e definizioni 1. La presente

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA

LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 19-05-2006 REGIONE VALLE D'AOSTA Disciplina del sistema regionale dei servizi socio-educativi per la prima infanzia. Abrogazione delle leggi regionali 15 dicembre 1994, n. 77,

Dettagli

Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 40 Disposizioni in materia di riordino territoriale e di incentivazione delle forme associative di comuni.

Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 40 Disposizioni in materia di riordino territoriale e di incentivazione delle forme associative di comuni. Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 40 Disposizioni in materia di riordino territoriale e di incentivazione delle forme associative di comuni. Bollettino Ufficiale n. 27, parte prima, del 27.08.2001 Art.

Dettagli

Visto l'articolo 3, comma 3, l'articolo 4, comma 1, lettera q), e l'articolo 59 dello Statuto;

Visto l'articolo 3, comma 3, l'articolo 4, comma 1, lettera q), e l'articolo 59 dello Statuto; Legge Regionale 1 ottobre 2014 n. 57 Riconoscimento del ruolo sociale e culturale delle società di mutuo soccorso ed interventi a tutela del loro patrimonio. (Toscana, BUR 8 ottobre 2014, n. 48, parte

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 35 del 4 maggio 2012 15

Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 35 del 4 maggio 2012 15 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 35 del 4 maggio 2012 15 LEGGE REGIONALE 27 aprile 2012, n. 17 Disposizioni in materia di risorse idriche. Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente

Dettagli

L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica)

L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica) L.R. n.27 del 28. 12.2006 Legge finanziaria regionale per l esercizio 2007 (estratto degli articoli riguardanti l Edilizia Residenziale Pubblica) CAPO III Edilizia residenziale pubblica Art. 48 (Alienazione

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA XV LEGISLATURA

CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA XV LEGISLATURA 1 di 5 04/05/2016 07:48 CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA XV LEGISLATURA LEGGE REGIONALE 21 MARZO 2016, N. 4 Disposizioni in materia di tutela della panificazione e delle tipologie da forno tipiche della

Dettagli

Bollettino Ufficiale Regionale 1 marzo 2003, n. 4 - Supplemento Straordinario 3 marzo 2003, n. n. 1. [Preambolo] Finalità

Bollettino Ufficiale Regionale 1 marzo 2003, n. 4 - Supplemento Straordinario 3 marzo 2003, n. n. 1. [Preambolo] Finalità www.lex24.ilsole24ore.com Regione Calabria Legge regionale 26 febbraio 2003, n. 2 Bollettino Ufficiale Regionale 1 marzo 2003, n. 4 - Supplemento Straordinario 3 marzo 2003, n. n. 1 Disciplina dell'attività

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 1-02-1977 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 1-02-1977 REGIONE PUGLIA Legge 1977003 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 1-02-1977 REGIONE PUGLIA

Dettagli

LEGGE 20 febbraio 2006, n. 96: Disciplina dell'agriturismo. (Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 63 del 16 marzo 2006)

LEGGE 20 febbraio 2006, n. 96: Disciplina dell'agriturismo. (Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 63 del 16 marzo 2006) LEGGE 20 febbraio 2006, n. 96: Disciplina dell'agriturismo. (Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 63 del 16 marzo 2006) Art. 1. Finalita' 1. La Repubblica, in armonia con i programmi di sviluppo rurale

Dettagli

B.U.R.V. 67 17-8-2.012 TITOLO IV

B.U.R.V. 67 17-8-2.012 TITOLO IV LR(5) 28_12 A Pag: 1 Legge Regionale Veneto n. 28 del 10 agosto 2012 Disciplina dell'agriturismo, ittiturismo e pescaturismo. N.B. aggiornata con le modifiche della L:R: 14 del 6/8/2015- ANCORA DA INSERIRE

Dettagli

INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI

INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI INCENTIVI A FAVORE DELL AUTOIMPRENDITORIALITÀ NEL SETTORE DELLA PRODUZIONE DEI PRODOTTI AGRICOLI adeguamento ai sensi di quanto previsto dal Regolamento (CE) N. 1857/2006 del 15 dicembre 2006, relativo

Dettagli

Testo unico delle norme regionali in materia di promozione di servizi a favore delle persone anziane ed inabili.

Testo unico delle norme regionali in materia di promozione di servizi a favore delle persone anziane ed inabili. 4.4.58 - Legge regionale 15 dicembre 1982, n. 93. Testo unico delle norme regionali in materia di promozione di servizi a favore delle persone anziane ed inabili. (B.U. 24 dicembre 1982, n. 19). Art. 1

Dettagli

Le strutture agrituristiche. la domanda reale ALBERGHI 75% AGRITURISMI 10% ALTRE STRUTTURE RICETTIVE 15%

Le strutture agrituristiche. la domanda reale ALBERGHI 75% AGRITURISMI 10% ALTRE STRUTTURE RICETTIVE 15% Le strutture agrituristiche la domanda reale ALBERGHI 75% AGRITURISMI 10% ALTRE STRUTTURE RICETTIVE 15% Finalità dell agriturismo Legge 5.12.1985 n.730 Disciplina dell agriturismo Sostegno all agricoltura

Dettagli

Art. 2 (Soggetti destinatari)

Art. 2 (Soggetti destinatari) Testo vigente LEGGE REGIONALE 6 novembre 2002, n. 20 Disciplina in materia di autorizzazione e accreditamento delle strutture e dei servizi sociali a ciclo residenziale e semiresidenziale ( B.U. 14 novembre

Dettagli

promulga CAPO II. Modifiche all'ordinamento delle professioni di maestro di sci e di guida alpina

promulga CAPO II. Modifiche all'ordinamento delle professioni di maestro di sci e di guida alpina PIEMONTE Legge regionale 26 novembre 2001, n. 33. "Disciplina delle professioni turistiche e modifiche della legge regionale 23 novembre 1992, n. 50 'Ordinamento della professione di maestro di sci' e

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 13-12-2001 REGIONE LAZIO. Norme in materia di attività di estetista.

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 13-12-2001 REGIONE LAZIO. Norme in materia di attività di estetista. Pagina 1 di 6 LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 13-12-2001 REGIONE LAZIO Norme in materia di attività di estetista. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO N. 36 del 29 dicembre 2001 SUPPLEMENTO ORDINARIO

Dettagli

Testo ddl CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, CARATTERISTICHE. Art. 1 Generalità

Testo ddl CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, CARATTERISTICHE. Art. 1 Generalità Disegno di legge concernente Disciplina dell attività ricettiva di bed and breakfast (B&B B&B). Testo ddl CAPO I GENERALITÀ, DEFINIZIONI, CARATTERISTICHE Art. 1 Generalità 1. La Regione Sardegna al fine

Dettagli

3. Gli atti di trasformazione e di 3. Identico.

3. Gli atti di trasformazione e di 3. Identico. Pag. 142-143 Decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, pubblicato nel supplemento ordinario n. 152/L alla Gazzetta Ufficiale n. 147 del 25 giugno 2008. Testo del decreto-legge Testo del decreto-legge comprendente

Dettagli

d) definisce le misure di promozione, sostegno e sviluppo della cooperazione sociale;

d) definisce le misure di promozione, sostegno e sviluppo della cooperazione sociale; Legge Regionale 17 febbraio 2005, n. 9 "Norme sulla cooperazione sociale" B.U.R. 4 marzo 2005, n. 10 Art.1 (Oggetto e finalità) 1. Con la presente legge la Regione riconosce il rilevante valore e la finalità

Dettagli

Capo I Norme per l'esercizio dell'agriturismo

Capo I Norme per l'esercizio dell'agriturismo REGIONE MARCHE L.R. 3 aprile 2002, n. 3 - Norme per l'attivita' agrituristica e per il turismo rurale. (Pubblicata nel Bollettino ufficiale della Regione Marche n. 2 del 28 febbraio 2003 e sulla G.U. n.

Dettagli

AGRITURISMO: DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA (D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE

AGRITURISMO: DICHIARAZIONE DI AVVIO ATTIVITA (D.A.A.) E COMUNICAZIONI VARIE Comune di Mantova SPORTELLO UNICO PER LE IMPRESE E I CITTADINI Via Gandolfo, 11-46100 Mantova Tel.(+39) 0376338666 - Fax (+39)0376338633-(+39)0376338685 E-mail: sportellounico@domino.comune.mantova.it

Dettagli

COMUNE DI PALMI Provincia di Reggio Calabria

COMUNE DI PALMI Provincia di Reggio Calabria COMUNE DI PALMI Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ACCOGLIENZA RICETTIVA A CONDUZIONE FAMILIARE DENOMINATA "BED AND BREAKFAST" Approvato con Deliberazione

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI AMPLIAMENTO ATTIVITA AGRITURISTICA L.R. 22.07.1996 n.25 modificata ed integrata da L.R. 17/10/2007 n.

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI AMPLIAMENTO ATTIVITA AGRITURISTICA L.R. 22.07.1996 n.25 modificata ed integrata da L.R. 17/10/2007 n. Spazio riservato al Comune N. reg. Data Al Comune di PAVIA DI UDINE Ufficio Attività Produttive P.E.C. comune.paviadiudine@certgov.fvg.it SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI AMPLIAMENTO ATTIVITA AGRITURISTICA

Dettagli

13 giugno 2005. disegno di legge sull'agriturismo approvato dalla Camera nel 2005 - allegato circolare Fipe SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

13 giugno 2005. disegno di legge sull'agriturismo approvato dalla Camera nel 2005 - allegato circolare Fipe SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA 13 giugno 2005 disegno di legge sull'agriturismo approvato dalla Camera nel 2005 - allegato circolare Fipe SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 3438 DISEGNO DI LEGGE approvato dalla Camera dei deputati

Dettagli

TESTO COORDINATO. L.R. 16 giugno 2008, n. 36.

TESTO COORDINATO. L.R. 16 giugno 2008, n. 36. TESTO COORDINATO L.R. 16 giugno 2008, n. 36. Disciplina dell attività di trasporto di viaggiatori effettuato mediante noleggio di autobus con conducente. Art. 1 Oggetto. 1. La presente legge disciplina,

Dettagli

Il presente Regolamento è pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Toscana.

Il presente Regolamento è pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione Toscana. notificazione della cartella di pagamento a pena di decadenza, allegando copia della documentazione attestante il reddito di cui al comma 2. 4. Sulle somme il cui pagamento è stato rateizzato si applicano

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008

BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008 ASSESSORATO DELL INDUSTRIA SERVIZIO ENERGIA BANDO PUBBLICO PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 2008 PERSONE FISICHE E SOGGETTI GIURIDICI PRIVATI DIVERSI DALLE IMPRESE Art. 24, L.R. 29 maggio 2007, n. 2 (LEGGE FINANZIARIA

Dettagli

Decreto Legislativo 21 aprile 2000, n. 185

Decreto Legislativo 21 aprile 2000, n. 185 1 di 8 26/02/2008 17.12 Decreto Legislativo 21 aprile 2000, n. 185 "Incentivi all'autoimprenditorialita' e all'autoimpiego, in attuazione dell'articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144"

Dettagli

coltivazione del fondo, alla selvicoltura, all'allevamento del bestiame e alle attività connesse" (art. 2135, I comma, del Codice civile).

coltivazione del fondo, alla selvicoltura, all'allevamento del bestiame e alle attività connesse (art. 2135, I comma, del Codice civile). L Agriturismo Dott.ssa Chiara Mazzocchi Corso PSR 2010-20112011 Università degli studi Milano-Bicocca Agriturismo: è l'attività di un imprenditore agricolo che offre ai turisti, nei propri fondi, vitto

Dettagli

TAVOLO MENSE SCOLASTICHE

TAVOLO MENSE SCOLASTICHE TAVOLO MENSE SCOLASTICHE SANLURI Sala Giunta Provincia 9 MAGGIO 2011- ore 10,00 Gruppo operativo Provincia del Medio Campidano ASL n. 6 Agenzia LAORE Sardegna Comuni Medio Campidano Gestori Mense COME

Dettagli

Provvedimenti per il finanziamento dell'attività agricola nelle regioni. Art. 1.

Provvedimenti per il finanziamento dell'attività agricola nelle regioni. Art. 1. L. 1 luglio 1977, n. 403. Provvedimenti per il finanziamento dell'attività agricola nelle regioni. (G.U.R.I. 16-07-1977, n. 194). Art. 1. Il fondo per il finanziamento dei programmi regionali di sviluppo

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it Regione Sicilia Legge Regionale n. 40 del 21 aprile 1995 Provvedimenti per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani e dei rifiuti speciali inerti. Disposizioni varie in materia urbanistica. L'Assemblea

Dettagli

Allegato B PARTE I 1. Requisiti per ottenere una spiga

Allegato B PARTE I 1. Requisiti per ottenere una spiga PARTE I Allegato B Criteri generali per la classificazione delle strutture ricettive agrituristiche 1. Le strutture ricettive agrituristiche autorizzate vengono classificate con l'attribuzione di un numero

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli

COMUNE DI VILLATA Provincia di Vercelli

COMUNE DI VILLATA Provincia di Vercelli COMUNE DI VILLATA Provincia di Vercelli Approvato con deliberazione consiliare n. 25 del 25 novembre 2002 Ripubblicato dal 05.04.2003 al 19.04.2003 INDICE - SOMMARIO Art. 1 - Premessa Art. 2 - Autorizzazione

Dettagli

Proposta di legge n.192/9^ di iniziativa del Consigliere Imbalzano recante: Misure a favore dei Consorzi di garanzia collettiva fidi in agricoltura"

Proposta di legge n.192/9^ di iniziativa del Consigliere Imbalzano recante: Misure a favore dei Consorzi di garanzia collettiva fidi in agricoltura Consiglio regionale della Calabria Seconda Commissione Proposta di legge n.192/9^ di iniziativa del Consigliere Imbalzano recante: Misure a favore dei Consorzi di garanzia collettiva fidi in agricoltura"

Dettagli

LINEE GUIDA PER Il FINANZIAMENTO DI AREE ATTREZZATE DESTINATE ALLA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI AGRICOLI IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19

LINEE GUIDA PER Il FINANZIAMENTO DI AREE ATTREZZATE DESTINATE ALLA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI AGRICOLI IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 LINEE GUIDA PER Il FINANZIAMENTO DI AREE ATTREZZATE DESTINATE ALLA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI AGRICOLI IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE 19 GENNAIO 2010 N.1. INDICE 1. Premessa 2. Riferimenti normativi

Dettagli