Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "http://quizmedicinaveterinaria.altervista.org/index.html"

Transcript

1 Ipersensibilità Reazione indesiderata (provoca danneggiamento e alle volte morte) prodotta dal normale sistema immunitario. Il contatto con l antigene provoca: 1. induzione di una risposta immunitaria per proteggere i tessuti; 2. reazioni che possono danneggiare i tessuti. Riconosce due fasi: 1. sensibilizzazione; 2. scatenante. Le reazioni di ipersensibilità vengono classificate in 4 tipi: dal tipo I al III sono anticorpo-mediate e si sviluppano velocemente; il IV tipo è cellulo-mediata (linfociti T e macrofagi) ed è una reazione ritardata. Sono quindi basate sul tipo di anticorpi e cellule coinvolti. Una particolare malattia può basarsi su più di un tipo di ipersensibilità. In molte forme, diversi tipi si presentano simultaneamente. Tipo TipoI Tipo II Tipo III Tipo IV Mediatore immunologico IgE IgG, IgM IgG, IgM Linfociti T sensibilizzati Meccanismo Rilascio mediatori Citotossico Immunocomplessi Ipersensibilità ritardata Esempio Anafilassi Anemia emolitica Glomerulonefrite Tubercolosi Ipersensibilità di Tipo I (immediata) Si verifica in secondi o minuti da che un animale sensibilizzato viene ri-esposto allo stesso antigene. È nota anche come immediata o anafilattica. Frequenti localizzazioni sono: 1. cute orticaria, eczemi; 2. occhi congiuntivite; 3. naso-faringe rinorrea, rinite; 4. tessuto broncopolmonare asma; 5. tratto gastrointestinale gastroenterite. Le reazioni possono causare da piccoli inconvenienti alla morte. L Ag assorbito si lega con IgE specifiche legate a mastociti tessutali o a basofili e eosinofili circolanti innescando il rilascio di mediatori preformati e stimolando la sintesi e la secrezione di altri mediatori. Questi mediatori stimolano reazioni infiammatorie acute e causano i sintomi e le lesioni associate con la reazione di ipersensibilità. Le più comuni reazioni di ipersensibilità di tipo I riflettono la distribuzione tessutale di mastociti; dato che le maggiori concentrazioni di mastociti si hanno in cute, apparato respiratorio e apparato gastro-enterico, questi sono i più colpiti. Le IgE prodotte in risposta a certi antigeni o allergeni (1) si legano ad essi (2) mediante la loro frazione Fab (Fragment Antigen Binding). Le IgE hanno elevata affinità per i loro recettori posti sulla superficie dei mastociti, eosinofili e basofili. Una successiva esposizione allo stesso antigene promuove il legame tra la frazione Fc (Frazione cristallizzabile) delle IgE e i recettori posti sulle membrane delle cellule sopracitate (3). Il legame crociato IgE Fc-recettore è fondamentale per l attivazione (6) dei mastociti e la loro degranulazione (4, 5 e 7). I tessuti comunemente coinvolti riflettono la distribuzione dei mastociti, che sono cellule derivate dal midollo osseo e si reperiscono vicino ai vasi ematici, nervi e sotto gli epiteli (cute, sistema gastro-intestinale e respiratorio). I mastociti hanno granuli citoplasmatici contenenti amine vasoattive. Le IgE prodotte in risposta all iniziale esposizione all Ag, si legano prontamente con il frammento Fc ai mastociti tissutali, eosinofili e basofili. L emivita delle IgE circolanti è 2 giorni; delle legate giorni. La sensibilità è geneticamente determinata. Il termine atopia si riferisce alla predisposizione a sviluppare reazioni di ipersensibilità di I tipo localizzate. Individui atopici tendono ad avere: 1. alti livelli sierici di IgE; 2. elevati numeri di TH2 producenti IL-4. 1

2 Esempi di ipersensibilità di I tipo: 1. rinite allergica; 2. febbre da fieno; 3. asma bronchiale; 4. orticaria; 5. atopia; 6. anafilassi. Anafilassi sistemica (shock) penicillina, vaccini. Allergia al latte nelle bovine Jersey. L α-caseina del latte, in caso di ritardata mungitura entra nel circolo a causa dell aumento di pressione intra-mammaria. Nel circolo viene riconosciuta come elemento estraneo e stimola la risposta anticorpale. Se si verifica un altro ritardo nella mungitura la α-caseina stimola la reazione scatenante (da comparsa di lesioni urticariodi cutanee, a edemi multifocali, a shock e morte). Reazioni di ipersensibilità di tipo I c.d. bifasiche Reazione scatenante immediata che avviene entro minuti dalla degranulazione dei mastociti seguita da una c.d. reazione tardiva dopo 8-12 ore. La reazione immediata è caratterizzata da: 1. aumento permeabilità vascolare (vasodilatazione, congestione e edema); 2. contrazione del muscolo liscio. È mediata da istamina rilasciata dai granuli dei mastociti e da PGD2, LTB4, LTC4 e PAF (fattore attivante piastrine) rapidamente sintetizzati dopo attivazione dei mastociti. La reazione tardiva è caratterizzata da infiltrato infiammatorio ricco di eosinofili, neutrofili e linfociti T; è causata da mediatori sintetizzati e rilasciati dai mastociti attivati e includono: leucotrieni e citochine. Le lesioni sono: edema imponente, contrazione muscolo liscio e accumulo tessutale di neutrofili, basofili, eosinofili e linfociti T che promuovono l amplificazione e la permanenza della risposta di fase tardiva, senza il bisogno di una riesposizione all antigene. L accumulo di eosinofili e cellule T H2 è importante per la perpetuazione della reazione tardiva, dato che: 1. le cellule TH2 promuovono la sintesi di IgE aggiuntive; 2. gli eosinofili attivati sintetizzano LTC4 e PAF. Inoltre, la degranulazione degli eosinofili nei siti di infiammazione promuove il rilascio di major basic protein e eosinophilic cationic protein, che promuovono l ulteriore degranulazione dei mastociti e dei basofili e sono tossiche per gli epiteli. Esempi di reazioni di I tipo bifasiche: 1. atopia canina è una dermatite molto pruriginosa. Particolarmente colpiti: Cairn Terrier, West Highland White Terrier, Setter (Inglesi e Irlandesi), Dalmata, Boxer, Labrador; esposizione per via epidermica (lesioni simili alla dermatite da contatto); 2

3 2. atopia felina si manifesta come prurito lesionale e non. Importanti le allergie alimentari e le allergie alle pulci. Lesioni associate: complesso granuloma eosinofilico, otite esterna; 3. ipersensibilità respiratoria COPD, asma felina. Ipersensibilità II tipo Fenomeno caratterizzato da reazioni citolitiche, mediate da anticorpi (IgG o IgM), e aventi come effettori: 1. il complemento; 2. l ADCC. Le reazioni di ipersensibilità di II tipo rappresentano l evenienza negativa sulle cellule dei meccanismi effettori rivolti verso i microrganismi patogeni. Anche per queste reazioni si distinguono una fase sensibilizzante ed una scatenante. L ipersensibilità di II tipo è alla base delle reazioni indesiderate che si registrano: 1. nelle trasfusioni di sangue incompatibile; 2. nelle malattie c.d. da isoimmunizzazione materno-fetale: a) eritroblastosi fetale; b) isoeritrolisi neonatale; 3. nelle anemie agranulocitosi, trombocitopenie autoimmunitarie, o conseguenti ad antigeni esogeni (farmaci, parassiti). Trasfusione di sangue incompatibile I globuli rossi hanno Ag di superficie che caratterizzano i gruppi sanguigni; nell uomo il più noto è il sistema AB0. Gli antigeni dei gruppi sanguigni hanno la caratteristica di contenere epitopi che sono molto comuni in natura, quindi anche se non è presente l antigene sull eritrocita è molto facile avere l anticorpo anti Ag nel sangue pur non avendo mai ricevuto una trasfusione. Ad esempio il fenotipo AA o A0 avrà Ab-anti-B; BB o B0 avrà Ab-anti-A; 00 potrà avere sia Ab-anti-A che anti-b; AB è tollerante verso gli epitopi e non potrà produrre Ab. Trasfusione compatibile: 1. da 00 a 00 o AB o A0 o B0 o AA o BB; 2. da AB a AB; 3. da A0 o AA a A0 o AA o AB; 4. da B0 o BB a B0 o BB o AB. Trasfusione incompatibile: 1. da AB o A0 o B0 o AA o BB a 00; 2. da AB a A0 o AA o BB o B0; 3. da A0 o AA a B0 o BB; 4. da B0 o BB a A0 o AA. La conseguenza di una trasfusione incompatibile è: 1. agglutinazione di emazie nel microcircolo 2. emolisi intravasale con: a) emoglobinemia; b) emoglobinuria; c) ittero. 3

4 Isoimmunizzazioni c.d. materno-fetali Sono malattie emolitiche che si manifestano nel feto (uomo) o nel neonato (animali) in conseguenza del trasferimento di Ab materni anti-eritrociti del feto/neonato. Eritroblastosi fetale Avviene nell uomo come conseguenza di incompatibilità tra antigeni eritrocitari del feto (ereditati dal padre) e il sistema immunocompetente della madre. La sensibilizzazione si realizza in una gravidanza in cui madri Rhconcepiscono figli Rh+. In gravidanze successive, se concepiranno di nuovo figli Rh+, possono trasmettere al feto, per via transplacentare, anticorpi anti fattore Rh. In questa evenienza il feto nasce con i postumi di crisi emolitiche subite in utero. Normalmente il fattore Rh è distribuito con 85% di Rh + e 15% di Rh-. Si rileva però, rispetto a quanto atteso, una bassa frequenza del fenomeno (effetto dose e protezione da incompatibilità AB0). Isoeritrolisi neonatale Interessa cavalli, bovini, suini, ovi-caprini come conseguenza di incompatibilità tra antigeni eritrocitari del feto (ereditati dal padre) e il sistema immunocompetente della madre. La placenta di queste specie non consente il passaggio di anticorpi, per cui la trasmissione avviene dopo la nascita con il colostro. I soggetti colpiti presentano sintomatologia riferibile ad una crisi emolitica. Negli animali la fase sensibilizzante è dovuta a vaccini (peste suina, anaplasmosi del bovino, aborto virale del cavallo). Nel cavallo è più frequente (0,05-2%) che nelle altre specie: 1. circa 14% delle gravidanze sono incompatibili; 2. emorragie placentari verso fine gravidanza; 3. a rischio madri negative per l antigene A; % nei muletti (Ag eritrocitari dell asino non posseduti dalla cavalla). Una figliata di gattini con isoeritrolisi neonatale. Osservare i nasi itterici e il sanguinamento della coda del gattino bianco. La zampa di un gattino con isoeritrolisi neonatale. Notare il livello di ittero. Il gatto, in linea generale, ha due gruppi sanguigni: A e B (anche se, raramente, c è anche un terzo gruppo, AB, che è una combinazione dei due gruppi precedenti). Le proteine dei globuli rossi sono A in un gruppo e B nell altro. In effetti, anche se le proteine sulla superficie dei globuli rossi dei tipi A e B sono solo leggermente diverse, naturalmente, il sistema immunitario è in grado di rilevare queste piccole differenze Gruppi sanguigni negli animali: bovini: 11; pecora: 7; maiale: 15; cavallo: 7; cane: 8.

5 Ipersensibilità III tipo Processo che coinvolge: antigene; anticorpo; complemento; leucociti; piastrine. I complessi immuni si formano per il legame Ag-Ab in circolo o in situ (Ab circolanti si legano a Ag-self o Agesterni legati ai tessuti). Gli immunocomplessi che si formano in circolo sono generalmente rimossi da cellule fagocitarie e catabolizzati a prodotti finali inermi; però quelli di piccole e medie dimensioni tendono ad evadere la fagocitosi Siti di deposizione Sono governati per lo più da caratteri anatomici e fisiologici dei tessuti. Gli immunocomplessi si accumulano in aree deputate alla filtrazione: vasi, glomeruli, membrane sinoviali, plessi coroidei. La lesione da IC non risulta dalla deposizione fisica nei tessuti, ma dall attivazione del complemento e risposte innescate. Patogenicità degli Ab circolanti La patogenicità degli Ab circolanti è in rapporto al numero di Ab e Ag e al tipo di Ab coinvolti. Gli IC formatisi in eccesso di Ab tendono a essere grandi e insolubili e sono rapidamente rimossi dai fagociti (non responsabili di lesioni). Gli IC formatisi in eccesso di Ag sono generalmente troppo piccoli per essere intrappolati nei filtri fisiologici e non sono in grado di attivare il complemento. Gli IC formatisi in lieve eccesso di Ag sono da piccoli a intermedi e sono dotati del maggiore potere patogeno perché rimangono intrappolati nei filtri. Gli anticorpi responsabili della reazione sono in maggioranza IgM e IgG. Reazioni da complessi immuni: 1. locali fenomeno di Arthus; 2. generalizzate malattia da siero. Fenomeno di Arthus Per deposizione in situ di IC. L Ag sembra possa essere totalmente innocuo da solo o in molti casi rimane non conosciuto. Gli Ag più coinvolti sono: 1. Ag ripetutamente inalati IC depositati a vari livelli dell albero bronchiale e negli alveoli (alveolite allergica estrinseca del bovino; inalazione di spore di Micropolyspora faeni causa di polmonite interstiziale); 2. Autoantigeni frequentemente implicati sono quelli che si legano con autoanticorpi (Lupus erythematosus sistemico); 3. Ag causa di malattie infettive persistenti: a. dermatite cronica da stafilococco; b. peritonite infettiva felina; c. leucemia felina; d. malattia del visone aleutino; e. peste suina africana; f. peste suina classica; g. malrosso; h. epatite infettiva del cane; i. malattia di Lime; j. anemia infettiva del cavallo. Localmente (cute) si manifesta una reazione edematoso-emorragica seguita da necrosi. La lesione tissutale è dovuta ad una microvasculite. I complessi immuni si formano nella parete vasale: 1. attivano il complemento: a. richiama neutrofili (C5a, C567); b. attiva meccanismi istaminergici dei mastociti (iperemia-edema); 2. stimolano l attività di macrofagi (IL-1, TNF-, PAF): a. intensificano l espressione di selectine sull endotelio; b. richiamano neutrofili. 5

6 I neutrofili richiamati, ed in minore misura i macrofagi, liberano sostanze nocive per i tessuti (proteasi, radicali liberi, ossido nitrico) e sono responsabili della microvasculite e delle emorragie. Alla microvasculite segue microtrombosi con conseguente necrosi del tessuto. Il fenomeno di Arthus ha come principali effettori i neutrofili e il tempo di insorgenza è 3-8 ore. Malattia da siero Si manifesta (oggigiorno raramente) a seguito di grandi q di siero iperimmune eterologo (generalmente equino) in soggetti a seguito di esposizione al virus della rabbia o al tetano. È quindi la conseguenza negativa della somministrazione di sieri iperimmuni o comunque di forti quantità di antigene. I sintomi sono sistemici (febbre, tumefazione dei linfonodi, dolorabilità articolare, albuminuria) con prevalenza delle conseguenze renali (glomerulonefrite). La reazione immunitaria non riconosce organi-bersaglio, ma le lesioni derivano dalla deposizione di immunocomplessi. La reazione è largamente mediata dal complemento. I neutrofili sono i principali responsabili del danno. Fenomeno di Sanarelli-Schwartzman Mostra somiglianza con il fenomeno di Arthus, ma se ne differenzia per il meccanismo patogenetico e perché è una reazione sistemica. Il fenomeno sperimentale si manifesta a ore dalla seconda inoculazione di endotossine ( E. coli, Serratia marcescens, Salmonella). I soggetti muoiono a causa di necrosi corticale renale conseguente a microtrombosi glomerulare e emorragie intestinali per coagulopatia da consumo. Il fenomeno non ha una base immunologica e può essere provocato anche da una seconda inoculazione di endotossine diverse da quelle della prima sensibilizzazione (c.d. reazione parallergica). Le due somministrazioni (sensibilizzante e scatenante) devono però essere vicine (12-24 ore). Nel fenomeno di Sanarelli Schwartzman cooperano due eventi: 1. ipercoagulabilità con microtrombosi del microcircolo, prima (necrosi); 2. ipocoagulabilità da iperconsumo, poi (emorragie). Malattie spontanee in cui il danno tissutale è dovuto ad un fenomeno S-S: necrosi corticale bilaterale nell infezione da Haemophilus del suino. Ipersensibilità di IV tipo o ritardata Sostenuta, e trasmessa passivamente, da cellule (risposta cellulo-mediata). Il danno tissutale è indotto da una reazione infiammatoria innescata da linfociti sensibilizzati ed attivati in risposta ad un antigene. Il limite tra reazione immunitaria (utile) e immunopatologica (ipersensibilità IV tipo) non è sempre facilmente delineabile (due diversi effetti dello stesso meccanismo). La reazione non può venire trasmessa col siero, bensì dai linfociti T. Le cellule coinvolte sono linfociti T, monociti/macrofagi. I linfociti T citotossici (Tc) causano danneggiamento diretto, mentre i linfociti nt helper (T H1) secernono le citochine per l attivazione dei T citotossici e reclutano e attivano monociti e macrofagi (responsabili del danno). Le principali linfochine coinvolte sono: fattore chemiotattico per i monociti, interleuchina 12( potente attivatore di cellule TH1), interferone-γ, interleuchina 2, TNF. 6

7 Tra le reazioni di ipersensibilità di IV tipo si considerano: 1. c.d. allergia microbica ; 2. dermatite da contatto. Allergia microbica In alcune malattie da agenti infettivi il danno tissutale non è conseguente all azione patogena dell agente eziologico ma all instaurarsi e al perdurare della risposta cellulo-mediata. Gli agenti eziologici in questione hanno la caratteristica di essere resistenti alla fagocitosi dei macrofagi; ne consegue che: 1. l agente eziologico è sempre presente; 2. il meccanismo effettore sempre stimolato; 3. i mediatori liberati causano accumulo di nuove cellule (effettrici) e del danno tissutale; 4. tipicamente inducono una reazione infiammatoria cronica granulomatosa. Agente eziologico Brucella abortus Corynebacterium pseudotuberculosis Listeria monocytogenes Micobacterium tuberculosis Salmonella typhimurium Rhodococcusequi Blastomices dermatitidis, Cryptococcus neoformans, Histoplasma capsulatum Toxoplasma gondii Leishmaniaspp Trypanosoma cruzi 7 Meccanismo di resistenza Parete cellulare resistente agli enzimi lisosomiali, blocco della fusione fagosoma lisosoma Lipidi della parete cellulare conferiscono resistenza agli enzimi lisosomiali, contiene lipidi tossici per il macrofago Neutralizza i prodotti dello scoppio respiratorio Lipidi della parete cellulare conferiscono resistenza agli enzimi lisosomiali, blocco della fusione fagosoma lisosoma Resistenza dovuta a lipopolisaccaridi della parete È capace di sopravvivere nei fagosomi Capsula difficile da degradare Blocco della fusione fagosoma lisosoma Resistente alla digestione lisosomiale Sfuggono ai fagosomi e sono in grado di vivere liberi nel citoplasma

8 Le c.d. intradermoreazioni diagnostiche sfruttano l esistenza di uno stato di ipersensibilità ritardata verso determinati agenti microbici e consentono di svelare, nell ospite, lo stato di sensibilizzazione inoculando l antigene: 1. tubercolina (oggi PPD); 2. malleina; 3. brucellina; 4. Johnneina; 5. istoplasmina, ecc. All inoculazione dell antigene segue: 1. un ispessimento locale (accumulo di linfociti e macrofagi, essudazione fibrinosa); 2. eventualmente una linfoadenite regionale(ag drenati da linfatici e qui proliferazione di linfociti); 3. talvolta una reazione generale (febbre dovuta a IL-1). Dermatite da contatto Un agente sensibilizzante è in grado di indurre una reazione eccessiva del sistema immunocompetente. Alcuni hanno bisogno di essere attivati dal metabolismo della cute prima di diventare sensibilizzanti. L agente si combina con cellule immunitarie della cute (cellule del Langerhans), che poi lasciano la cute e si spostano ai linfonodi. Nei linfonodi reagiscono con un altra cellula immunitaria (linfocita T) che si riproduce e produce cellule memoria per l agente specifico. Dopo la sensibilizzazione, un successivo contatto provoca il riconoscimento dell Ag e la moltiplicazione dei l.t. Abbiamo quindi rilascio di istamina e innesco di processo infiammatorio. La seconda fase si può manifestare dopo ore o giorni e si denomina ritardata. 8

9 Trapianto Consiste nel trasporto di un organo o di un tessuto da un donatore ad un ricevente Denominazione Relazione tra donatore (D) e ricevente (R) T. autologo o autotrapianto D e R sono lo stesso organismo T. isologo o isotrapianto o omotrapianto singenico D e R sono della stessa specie e singenici (geneticamente uguali) tra loro T. omologo o allotrapianto o omotrapianto D e R sono della stessa specie e allogenici (geneticamente diversi) tra allogenico loro T. eterologo o xenotrapianto D e R sono di specie diversa Omotrapianti singenici e autotapianti sono coronati da successo. Omotrapianti allogenici e xenotrapianti vengono eliminati dalla reazione di rigetto (eccezione per i gemelli sincoriali). Reazione di rigetto del trapianto Ha una base immunitaria (reazione secondaria accelerata) e la risposta immunitaria è diretta verso Ag dell MHC del donatore non posseduti dal ricevente. È sostenuta dalla reazione cellulo-mediata (almeno nel c.d. rigetto acuto). È l evento negativo del meccanismo di sorveglianza immunitaria preposto al controllo di cellule infettate da virus o trasformate. Ruolo dei sistemi effettori nel rigetto tutti i meccanismi effettori sono in realtà reclutati, prevale però l attività citotossica mediata da linfociti T (c.d. forme acute) Nel rigetto iperacuto (entro 48 ore dal trapianto) hanno un ruolo preminente Ab; nel rigetto acuto (7-15 giorni a seconda dei tessuti) ha un ruolo preminente la risposta cellulo mediata; nel rigetto cronico (dopo mesi) hanno un ruolo preminente Ab verso i complessi c.d. minori di istocompatibilità. 9

10 Patogenesi della reazione di rigetto La reazione di rigetto iperacuto o acuto è dovuta ad una microtrombosi vasale con conseguente ischemia e necrosi del tessuto o organo trapiantato. La microtrombosi è dovuta a lesioni endoteliali e conseguente attivazione della coagulazione. Le lesioni endoteliali conseguono a: 1. citolisi mediata dal complemento quando Ab si legano a allotipi MHC non self (r. iperacuto e cronico); 2. citolisi mediata da Tc, NK e macrofagi verso allotipi MHC non self (r. acuto). Nel rigetto cronico si sviluppa una infiammazione cronica che porta il tessuto trapiantato ad atrofia sclerotica. I meccanismi effettori non sono diretti solo verso le cellule endoteliali del donatore: verso di esse l incontro con le cellule immunocompetenti del ricevente è più immediato e le conseguenze più devastanti. Reazione del trapianto contro l ospite (GVH) Quando vengono trasferite cellule immunocompetenti allogeniche in soggetti immunologicamente immaturi o depressi: 1. i linfociti allogenici riconoscono come non self gli Ag MHC del ricevente; 2. viene indotta una malattia cachettizzante con morte dell animale. È l evento negativo del trapianto di midollo osseo. Inoculando linfociti allogenici nel sottocute si provoca un fenomeno infiammatorio acuto (GVH) autolimitante per l intervento di linfociti propri (soggetto non immunodepresso. 10

11 Immunopatologia: reazioni verso gli elminti Questi organismi si sono adattati al ruolo di parassiti obbligati per cui hanno sviluppato meccanismi di superamento o evasione della risposta immunitaria: cambiamenti di struttura antigenica e variazioni della struttura di membrana. Di conseguenza le infestazioni parassitarie sono di media gravità. La carica infestante è controllata da fattori genetici dell ospite e dalla natura della risposta verso quei parassiti. La risposta immunitaria verso gli elminti è relativamente inefficace perché: 1. fattori innati influenzanti il decorso di delle infestazioni da elminti (specie, sesso, età): a. influenza di età e sesso è largamente ormonale; in animali a ciclo stagionale, i parassiti tendono a organizzare il loro ciclo riproduttivo con il loro ospite. Es.: le pecore mostrano un innalzamento primaverile di uova nelle feci coincidente con il parto e l inizio della lattazione; b. influenza di fattori genetici superiore resistenza di pecore con emoglobina A alle infestioni da Haemonchus contortus rispetto ai soggetti con emoglobina B; 2. influenza di elminti a diverse fasi di sviluppo all interno dello stesso ospite la presenza di adulti nell intestino può ritardare lo sviluppo di stadi larvali dello stesso parassita. Es. vitelli infestati da Cysticercus bovis mostrano resistenza verso ulteriori infestioni dello stesso parassita. Immunità acquisita Gli elminti hanno una cuticola spessa di protezione che non può essere penetrata dal complemento o dalle perforine derivate dai linfociti T. Per combattere gli elminti, il sistema immunitario deve ricorrere a cellule (es. eosinofili, mastociti) che possano distruggere la cuticola del parassita o attaccarlo attraverso punti deboli della superficie (orifizi app. digerente). Risposta Immunitaria La prima linea d azione contro i parassiti è indotta da: eosinofili, macrofagi e citochine della risposta innata (IL 1, IL 6, IL 12 e TNF). I monociti-macrofagi, assieme alle cellule dendritiche presentano sulla loro superficie antigeni di istocompatibilità verso i linfociti T helper CD4+. Sono note come cellule presentanti l Ag(APC). Anche gli eosinofili possiedono capacità fagocitarie, ma non contengono lisozima. Hanno grandi quantità di fosfatasi acida e diperossidasi. Sono molto efficaci verso i parassiti. Molte infestioni sono associate con i tipici sintomi (eosinofilia, edema, asma e orticaria); elminti che stimolano una risposta di ipersensibilità di Tipo I sono: Ascarissuum (Suini), Strongili,Tenie, Fasciola. Ipersensibilità di Tipo I non è l unico tipo di immunità innescata dagli elminti: nelle infestioni da platelminti (es. Taeniasolium): 1. le cisti vitali innescano una iperproduzione di IgE (risposta Th2); 2. con la morte della cisti, stimolano una risposta granulomatogena (risposta Th1), cioè una ipersensibilità di Tipo IV (immunità cellulo-mediata). Questo starebbe a significare che una risposta Th1 si verifica quando il parassita non è più in grado di modulare la 11

12 risposta immunitaria dell ospite. Nella dictiocaulosi polmonare del cavallo sembra che la risposta evocata dai linfociti T helper(th1) si verifichi una volta che il parassita non sia più in grado di modulare la risposta immunitaria dell ospite. I Linfociti T sensibilizzati deprimono l attività degli elminti mediante: 1. lo sviluppo di ipersensibilità ritardata (Tipo IV) attrae mononucleati nel sito di invasione larvale e rende l ambiente locale inadatto alla crescita e alla migrazione; 2. Linfociti T citotossici possono causare la distruzione larvale. Nelle infestioni da vermi piatti, dove la ciste cresce all internodei tessuti, il parassita ha bisogno diproteine per nutrimento: il parassita possiede recettori Fc per le immunoglobuline dell ospite, ed è possibile che le immunoglobuline costituiscano la fonte proteica per il parassita. Dato che il fluido all interno delle cisti contiene mitogeni per i linfociti, si suppone che stimolino la produzione dei linfociti che possono essere utilizzati come nutrimento. Quando la ciste muore, si forma un granuloma che tiene i linfociti lontani. Evasione della risposta immunitaria: 1. perdita di potere antigenico: è presumibile che avvenga una selezione naturale (residuano i parassiti a bassa antigenicità); Hemonchus contorto diventa meno antigenico per la pecora (ospite naturale) che per il coniglio (ospite casuale); 2. espressione di antigeni dell ospite sulla membrana del parassita (es. gruppi sanguigni) i parassiti possono ridurre la loro antigenicità assorbendo proteine dell ospite sulla superficie; Fasciola epatica secerne proteasi per la distruzione delle immunoglobuline; 3. variazioni antigeniche gli antigeni della cuticola delle larve di Trichinella spiralis presentano notevoli differenze tra i vari stadi; Ostertagia ostertagi deprime la risposta di blasti linfocitari; Oesophagostomum radiatum secerne fattori solubili che inibiscono la risposta dei linfociti. 4. immunosoppressione pecore infettate da H. contortus; induzione di specifiche sostanze che riducono la risposta immunitaria (F. hepatica). 12

La parte Fc delle Ig regola la vita media delle Ig, e quindi la quantità di Ig presenti in circolo e nei tessuti.

La parte Fc delle Ig regola la vita media delle Ig, e quindi la quantità di Ig presenti in circolo e nei tessuti. La parte dell Ig che non lega l antigene (la parte Fc, viola chiaro nel disegno) è responsabile delle funzioni effettrici dell Ig e quindi ne determina l attività biologica. Quando un Ig ha legato un antigene,

Dettagli

In alcuni casi, il sistema immunitario di un individuo reagisce verso un antigene in modo eccessivo e causa danno. Queste reazioni eccessive,

In alcuni casi, il sistema immunitario di un individuo reagisce verso un antigene in modo eccessivo e causa danno. Queste reazioni eccessive, In alcuni casi, il sistema immunitario di un individuo reagisce verso un antigene in modo eccessivo e causa danno. Queste reazioni eccessive, definite reazioni di ipersensibilità, sono mediate dagli anticorpi

Dettagli

Ipersensibilità e Autoimmunità

Ipersensibilità e Autoimmunità Ipersensibilità e Autoimmunità Gli effetti delle risposte immunitarie Effetti fisiologici (Benefici) - Attivazione dell immunità specifica per eliminare i patogeni infettanti (batteri, virus e tossine)

Dettagli

INFIAMMAZIONE. Leucocita polimorfonucleato (PMN) Macrofago. Eosinofilo Cellule tumorali Virus. Piastrina Batterio. Fungo Antigeni estranei

INFIAMMAZIONE. Leucocita polimorfonucleato (PMN) Macrofago. Eosinofilo Cellule tumorali Virus. Piastrina Batterio. Fungo Antigeni estranei Leucocita polimorfonucleato (PMN) Macrofago Eosinofilo Cellule tumorali Virus Piastrina Batterio Fungo Antigeni estranei Tessuti necrotici Mastocita Linfocita Plasmacellula INFIAMMAZIONE STIMOLO DANNOSO

Dettagli

IMMUNITA = CAPACITA DI DIFENDERSI (particolarmente sviluppata nei Mammiferi)

IMMUNITA = CAPACITA DI DIFENDERSI (particolarmente sviluppata nei Mammiferi) SISTEMA IMMUNITARIO INSIEME DI ORGANI E CELLULE CHE CONTRIBUISCONO ALLA RISPOSTA IMMUNITARIA: capacità di conoscere le proprie cellule (self) e di riconoscere come estranee le cellule di un altro organismo

Dettagli

IMMUNOLOGIA. L IMMUNOLOGIA studia i meccanismi messi in atto dal sistema immunitario nella protezione dell'organismo.

IMMUNOLOGIA. L IMMUNOLOGIA studia i meccanismi messi in atto dal sistema immunitario nella protezione dell'organismo. IMMUNOLOGIA L IMMUNOLOGIA studia i meccanismi messi in atto dal sistema immunitario nella protezione dell'organismo. L'IMMUNOPATOLOGIA analizza i casi in cui il sistema immunitario non funziona correttamente:

Dettagli

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO

ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO ELEMENTI DI FISIOPATOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO FUNZIONI DEL SISTEMA IMMUNITARIO difesa contro le infezioni difesa contro i tumori riconoscimento dei tessuti trapiantati e di proteine estranee CD34

Dettagli

Allergie, ipersensibilità, reazioni avverse ai cibi, intolleranze. Alterazioni della risposta immunitaria e del metabolismo

Allergie, ipersensibilità, reazioni avverse ai cibi, intolleranze. Alterazioni della risposta immunitaria e del metabolismo Allergie, ipersensibilità, reazioni avverse ai cibi, intolleranze Alterazioni della risposta immunitaria e del metabolismo 1 Categorie di reazioni ai cibi reazioni immunologiche mediate da anticorpi IgE

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene

Il TCR è un eterodimero costituito da due catene polipeptidiche chiamate catena α ecatenaβ legate insieme da un ponte disolfuro. Entrambe le catene I linfociti T sono le cellule dell immunità adattativa responsabili della protezione verso le infezioni ad opera dei microbi intracellulari. Essi derivano da cellule staminali del midollo osseo che si

Dettagli

Tipi di immunità acquisita. www.uniroma2.it/didattica/immunotlb

Tipi di immunità acquisita. www.uniroma2.it/didattica/immunotlb Tipi di immunità acquisita Caratteristiche dell immunità acquisita Espansione clonale Fasi della risposta immunitaria acquisita Specificità, memoria, risoluzione delle risposte immunitarie acquisite Immunità

Dettagli

Classi e sottoclassi di anticorpi

Classi e sottoclassi di anticorpi Classi e sottoclassi di anticorpi Anticorpi: classi e sottoclassi In base alla catena pesante gli anticorpi sono divisi in classi e sottoclassi Classi o isotipi IgA, IgD, IgE, IgG, IgM Sottoclassi IgA1

Dettagli

Seconda parte. Prof. Leonardo Della Salda

Seconda parte. Prof. Leonardo Della Salda Seconda parte Prof. Leonardo Della Salda Immunopatologia Lesioni immunomediate Classificazione Tipo I: anafilassi Tipo II: citotossico (anticorpo-mediato) Tipo III: patologia da immuno-complessi Tipo IV:

Dettagli

Danno cellulare ipossico ed ischemico

Danno cellulare ipossico ed ischemico Danno cellulare ipossico ed ischemico ipossia: meno ossigeno, ma nutrienti costanti ischemia: mancato apporto ematico = ossigeno + nutrienti (substrati glicolisi), oppure ostacolo al deflusso venoso in

Dettagli

Il sistema immunitario: LE MALATTIE CHIARA SARACENI 3B A.S.2011-2012

Il sistema immunitario: LE MALATTIE CHIARA SARACENI 3B A.S.2011-2012 Il sistema immunitario: LE MALATTIE CHIARA SARACENI 3B A.S.2011-2012 DIFESA DELL ORGANISMO IMMUNITA INNATA IMMUNITA ACQUISITA Immunità innata IMMUNITA ACQUISITA IMMUNITA CELLULO-MEDIATA IMMUNITA UMORALE

Dettagli

III. IL SISTEMA IMMUNITARIO

III. IL SISTEMA IMMUNITARIO III. IL SISTEMA IMMUNITARIO 0) Che cos è il sistema immunitario? Il sistema immunitario serve a proteggere il corpo da tutti gli agenti patogeni, capaci cioè di provocare una malattia. Le cellule funzionalmente

Dettagli

Regione cerniera monomero regione cerniera

Regione cerniera monomero regione cerniera Regione cerniera Tutte le Ig, sia quelle secrete che quelle presenti sulla membrana plasmatica dei linfociti B, sono costituite da quattro catene proteiche, due pesanti (H, da heavy, in rosso nel disegno)

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Elementi di immunologia

Elementi di immunologia Elementi di immunologia La guarigione è una questione di tempo, tuttavia è a volte anche una questione di fatalità Ippocrate, 460-377 a.c. Complesso.. Naturalmente il sistema immunitario è complesso. Se

Dettagli

Difese dell organismo

Difese dell organismo Difese dell organismo Gli organismi hanno essenzialmente 3 tipi di difese, disposte sequenzialmente, che il virus deve superare: Difese di superficie Barriere fisiche Difese sistemiche Immunità innata

Dettagli

Le reazioni d ipersensibilità sono reazioni infiammatorie dovute a risposte immunitarie di tipo umorale o cellulo-mediata che possono causare estesi

Le reazioni d ipersensibilità sono reazioni infiammatorie dovute a risposte immunitarie di tipo umorale o cellulo-mediata che possono causare estesi Le reazioni d ipersensibilità sono reazioni infiammatorie dovute a risposte immunitarie di tipo umorale o cellulo-mediata che possono causare estesi danni ai tessuti e perfino la morte. Le reazioni di

Dettagli

Prima parte. Prof. Leonardo Della Salda

Prima parte. Prof. Leonardo Della Salda Prima parte Prof. Leonardo Della Salda Modalità di difesa dell organismo Aspetti essenziali della risposta immunitaria Fattori che influenzano l antigenicità Antigeni Apteni Penicillina-albumina (ipersensibilità

Dettagli

IMMUNOPATOLOGIA VETERINARIA

IMMUNOPATOLOGIA VETERINARIA IMMUNOPATOLOGIA VETERINARIA Immunopatologia studio delle disfunzioni del sistema immunitario Risposte aberranti del sistema immunitario: Ipersensibilità immunitaria (eteroantigeni) Autoimmunità (autoantigeni)

Dettagli

INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Epidemiologia

INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Epidemiologia INFEZIONI DA CITOMEGALOVIRUS Infezione primaria: Quasi sempre asintomatica Talora sindrome mononucleosica Riattivazione Nel soggetto normale Nei pazienti trapiantati Nei pazienti con infezione da HIV Infezione

Dettagli

DERMATITE ATOPICA NEL CANE: TERAPIA NATURALE

DERMATITE ATOPICA NEL CANE: TERAPIA NATURALE DERMATITE ATOPICA NEL CANE: TERAPIA NATURALE La Dermatite Atopica e un'ipersensibilità ereditaria verso allergeni inalatori L'età di insorgenza della malattia è compresa tra 1 e 3 anni nel 75% dei cani

Dettagli

Verifica. Tutto il materiale informativo per gli studenti. Riferimento. Gli studenti svolgono la verifica. Compito. Foglio di esercizio Soluzione

Verifica. Tutto il materiale informativo per gli studenti. Riferimento. Gli studenti svolgono la verifica. Compito. Foglio di esercizio Soluzione Livello 1 07 / Il sangue Informazione per gli insegnanti 1/5 Riferimento Tutto il materiale informativo per gli studenti Compito Gli studenti svolgono la verifica. Materiale Soluzione Forma sociale Lavoro

Dettagli

Corso di Immunologia A.A. 2009-10. Il Sistema del Complemento

Corso di Immunologia A.A. 2009-10. Il Sistema del Complemento Corso di Immunologia A.A. 2009-10 Il Sistema del Complemento 1 IL COMPLEMENTO: Background Il plasma dei vertebrati contiene diverse proteine che, attivandosi sequenzialmente, svolgono una determinata funzione

Dettagli

Immunità. Caratteristiche generali e malattie del sistema immunitario

Immunità. Caratteristiche generali e malattie del sistema immunitario Immunità Caratteristiche generali e malattie del sistema immunitario Il Sistema Immunitario (SI) è composto da diversi tipi di cellule, capaci di riconoscere (e neutralizzare) strutture molecolari 1 estranee

Dettagli

Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative. Manuele Ongari

Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative. Manuele Ongari Citotossicità mediata dai linfociti T CD8 + nell eziologia eziologia di patologie neurodegenerative Manuele Ongari Esame di Immunologia Scuola di specializzazione in Biochimica clinica I LINFOCITI T CD8

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche

Allergia da alimenti. Cause. Manifestazioni cliniche Allergia da alimenti Il problema delle reazioni avverse agli alimenti era noto fin dai tempi degli antichi greci e particolari manifestazioni erano già state associate all ingestione di cibi. Tutti gli

Dettagli

Verifica. Tutto il quaderno di lavoro. Riferimento. Gli studenti svolgono la verifica. Compito. Foglio di esercizio Soluzione.

Verifica. Tutto il quaderno di lavoro. Riferimento. Gli studenti svolgono la verifica. Compito. Foglio di esercizio Soluzione. Livello 2 07 / Il sangue Informazione per gli insegnanti 1/6 Riferimento Tutto il quaderno di lavoro Compito Gli studenti svolgono la verifica. Materiale Soluzione Forma sociale Lavoro individuale Tempo

Dettagli

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie

L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie L immunoterapia specifica nelle allergie respiratorie Nelle ultime decadi la prevalenza delle malattie allergiche dell apparato respiratorio (asma bronchiale e rinite allergica) è progressivamente aumentata.

Dettagli

FORMAZIONE DELL ESSUDATO

FORMAZIONE DELL ESSUDATO FORMAZIONE DELL ESSUDATO del flusso della permeabilità vascolare P idrostatica intravascolare fuoriuscita di proteine plasmatiche TRASUDAZIONE ESSUDAZIONE TUMOR Effetti della formazione dell essudato

Dettagli

INFIAMMAZIONE ACUTA. Dott.ssa Erminia La Camera

INFIAMMAZIONE ACUTA. Dott.ssa Erminia La Camera INFIAMMAZIONE ACUTA Dott.ssa Erminia La Camera INFIAMMAZIONE La reazione locale ad un danno è chiamata infiammazione. Segni caratteristici dell infiammazione sono: rossore (rubor) rigonfiamento (tumor)

Dettagli

Terza parte. Prof. Leonardo Della Salda

Terza parte. Prof. Leonardo Della Salda Terza parte Prof. Leonardo Della Salda Rigetto del trapianto Si definisce trapianto la procedura dell espianto di cellule, tessuti o organi da un individuo ed il loro innesto, solitamente in un soggetto

Dettagli

LE MALATTIE INFETTIVE

LE MALATTIE INFETTIVE LE MALATTIE In base alla loro eziologia (cioè alle loro cause) le malattie possono essere distinte in e NON. Le malattie infettive sono causate da microrganismi, specialmente batteri e virus. Le malattie

Dettagli

Danno tessutale. Infiammazione. Meccanismo di difesa. Circoscrizione Eliminazione Riparazione agente agente danni eziologico eziologico tessutali

Danno tessutale. Infiammazione. Meccanismo di difesa. Circoscrizione Eliminazione Riparazione agente agente danni eziologico eziologico tessutali Danno tessutale Infiammazione Meccanismo di difesa Circoscrizione Eliminazione Riparazione agente agente danni eziologico eziologico tessutali Guarigione Danno tessutale Infiammazione Meccanismo di difesa

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario 1 Il sistema immunitario COMPONENTI MOLECOLARI E CELLULARI. Meccanismi e caratteristiche delle risposte immunitarie; Risposte umorali e cellulari; Teoria della selezione clonale; Versatilità, specificità

Dettagli

Ascaridi nel cane: come affrontare questi parassiti?

Ascaridi nel cane: come affrontare questi parassiti? Ascaridi nel cane: come affrontare questi parassiti? Gli ascaridi sono i parassiti intestinali più frequenti nel cane e nel gatto, in questo articolo ci si propone come scopo quello di approfondire l argomento

Dettagli

1 Capitolo 19. Ipersensibilità immediata

1 Capitolo 19. Ipersensibilità immediata 1 Capitolo 19. Ipersensibilità immediata Alcune malattie umane sono causate da risposte immunitarie ad antigeni ambientali che portano alla differenziazione CD4 + T H 2 e alla produzione di anticorpi IgE

Dettagli

La risposta immunitaria di tipo umorale

La risposta immunitaria di tipo umorale La risposta immunitaria di tipo umorale Linfociti B, Plasmacellule ed Anticorpi 1 2 L IMMUNITA UMORALE (mediata da anticorpi) Questo tipo di immunità protegge dagli antigeni circolanti, quali: batteri

Dettagli

Che cosa sono le allergie?

Che cosa sono le allergie? Che cosa sono le allergie? IL SISTEMA DI DIFESA DELL ORGANISMO Il corpo umano è dotato di un sofisticato sistema di difesa che si è evoluto per proteggere l organismo da una serie di minacce, tra cui i

Dettagli

Parte I Cenni di immunologia 1

Parte I Cenni di immunologia 1 P00Cap00-Patologia 13-01-2009 11:30 Pagina V Autori Nota dell editore Presentazione Introduzione XI XIII XV XVII Parte I Cenni di immunologia 1 1 Immunologia e immunopatologia 3 La difesa contro le aggressioni:

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA

EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA EPIDEMIOLOGIA DELLE INFEZIONI CORRELATE ALL ASSISTENZA 1 INTRODUZIONE 2 Le infezioni correlate all assistenza (ICA) rappresentano una complicanza frequente. In media il 5-10% dei pazienti ricoverati in

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

Corso di Laurea in Infermieris0ca. Disciplina: Anatomia Patologica Docente: Prof. Santo Giovanni LIO

Corso di Laurea in Infermieris0ca. Disciplina: Anatomia Patologica Docente: Prof. Santo Giovanni LIO Corso di Laurea in Infermieris0ca Disciplina: Anatomia Patologica Docente: Prof. Santo Giovanni LIO L anatomia patologica studia le alterazioni di cellule e tessu? provocate dalle mala@e, allo scopo d

Dettagli

Agenda. Immunizzazione. Vaccini. Antisieri. Anticorpi monoclonali

Agenda. Immunizzazione. Vaccini. Antisieri. Anticorpi monoclonali Agenda Immunizzazione Vaccini Antisieri Anticorpi monoclonali Agenda Immunizzazione Vaccini Antisieri Anticorpi monoclonali IMMUNIZZAZZIONE ATTIVA Vaccinazione: Pratica di profilassi immunitaria cioè di

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata - Corso di Laurea in Scienze Biologiche - Immunologia Molecolare - dott. Claudio PIOLI - a.a.

Università di Roma Tor Vergata - Corso di Laurea in Scienze Biologiche - Immunologia Molecolare - dott. Claudio PIOLI - a.a. Anticorpi generalità Riconoscimento antigene Anticorpi Molecole MHC Recettore per l Ag dei linfociti T (TCR) Anticorpi riconoscono diversi tipi di strutture antigeniche macromolecole proteine, lipidi,

Dettagli

ELEMENTI DI EZIOPATOGENESI DELLE MALATTIE UMANE. Corso di Laurea Magistrale in Farmacia

ELEMENTI DI EZIOPATOGENESI DELLE MALATTIE UMANE. Corso di Laurea Magistrale in Farmacia ELEMENTI DI EZIOPATOGENESI DELLE MALATTIE UMANE Corso di Laurea Magistrale in Farmacia INFIAMMAZIONE O FLOGOSI FLOGOSI La flogosi è un processo morboso che si manifesta, negli organismi forniti di un sistema

Dettagli

PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari. www.fisiokinesiterapia.biz

PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari. www.fisiokinesiterapia.biz PATOLOGIA POLMONARE Le infezioni polmonari www.fisiokinesiterapia.biz Infezioni polmonari Vie di ingresso dei microorganismi: Inalazione (attraverso le alte vie respiratorie): batteri e virus Aspirazione

Dettagli

REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI

REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI REAZIONI AVVERSE AGLI ALIMENTI Allergie alimentari : si manifestano con reazione immediata (orticariaangioedema ) e produzione di IgE. Pseudo allergie : dovute a deficit enzimatici (lattosio,fruttosio,sorbitolo)

Dettagli

Verifica livello 3. Tutto il quaderno di lavoro. Riferimento. Gli studenti risolvono gli esercizi. Compito. Foglio di esercizio Soluzione.

Verifica livello 3. Tutto il quaderno di lavoro. Riferimento. Gli studenti risolvono gli esercizi. Compito. Foglio di esercizio Soluzione. Livello 3 07 / Il sangue Informazione per gli insegnanti 1/7 Riferimento Tutto il quaderno di lavoro Compito Gli studenti risolvono gli esercizi. Materiale Foglio di esercizio Forma sociale Lavoro individuale

Dettagli

TOXOPLASMOSI SIAV ASL NO - NOVARA 1

TOXOPLASMOSI SIAV ASL NO - NOVARA 1 TOXOPLASMOSI 1 La toxoplasmosi è una malattia data da un protozoo (essere unicellulare) parassita obbligato: il Toxoplasma gondii. Questa malattia è una zoonosi perché può essere trasmessa anche all'uomo.

Dettagli

Allergene - Molecola con la capacità di stimolare il sistema immunitario a produrre anticorpi IgE, propri della reazione allergica.

Allergene - Molecola con la capacità di stimolare il sistema immunitario a produrre anticorpi IgE, propri della reazione allergica. A Allergene - Molecola con la capacità di stimolare il sistema immunitario a produrre anticorpi IgE, propri della reazione allergica. Allergia - Ipersensibilità dell'organismo verso una sostanza di origine

Dettagli

Le malattie parassitarie vengono convenzionalmente riconosciute come infestazioni.

Le malattie parassitarie vengono convenzionalmente riconosciute come infestazioni. Le malattie parassitarie vengono convenzionalmente riconosciute come infestazioni. I parassiti possono trovarsi all'interno dell'organismo ( endoparassiti ) o sulla superficie esterna (ectoparassiti).

Dettagli

IMMUNOGLOBULINE CH2, CH3.

IMMUNOGLOBULINE CH2, CH3. ANTICORPI La funzione di un Anticorpo (Ab) è stimolata dal suo legame con l antigene (Ag): Gli Ab possono essere considerati come Adattatori flessibili tra l Ag ed un effettore. Le funzioni possono essere

Dettagli

Prevenzione delle malattie da infezione

Prevenzione delle malattie da infezione Prevenzione delle malattie da infezione Obiettivi della prevenzione allungare la vita; ridurre l'invalidità (disabilità) 3 livelli di prevenzione Primaria: pre-malattia; adozione di specifiche protezioni,

Dettagli

Parto e prime cure al vitello

Parto e prime cure al vitello Parto e prime cure al vitello VARIAZIONI ORMONALI IN PROSSIMITÀ DEL PARTO PROGESTERONE PLACENTA ESTROGENI + stimoli da pressione nella cervice e vagina IPOFISI MATERNA OSSITOCINA MIOMETRIO UTERINO + PLACENTOMI

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

Patologia infettiva oculare coesistente

Patologia infettiva oculare coesistente Azienda Ospedaliera Pediatrica SANTOBONO PAUSILIPON ANNUNZIATA S.S.D. Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi ed il Trattamento della Retinopatia della Prematurità Direttore dott. Salvatore Capobianco

Dettagli

Downloaded from. www.immunologyhomepage.com. Migrazione cellulare

Downloaded from. www.immunologyhomepage.com. Migrazione cellulare Downloaded from www.immunologyhomepage.com Migrazione cellulare Migrazione dei leucociti I leucociti migrano nei diversi tessuti dell organismo l interazione tra le cellule migranti e le cellule dei tessuti

Dettagli

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono:

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono: CROCE ROSSA ITALIANA Corso TSSA LO STATO DI SHOCK LO STATO DI SHOCK Lo stato di shock o IPOPERFUSIONE è determinato dalla incapacità dell apparato cardio- circolatorio di irrorare in modo adeguato i tessuti.

Dettagli

INTOLLERANZE ALIMENTARI

INTOLLERANZE ALIMENTARI Dott. Lorenzo Grandini Naturopata iridologo Biologo nutrizionista INTOLLERANZE ALIMENTARI VERO O FALSO? LA STORIA Hare (1905) pubblica The food factor in Disease Shannon (1922) e Duke (1925) pubblicano

Dettagli

La catena Epidemiologica

La catena Epidemiologica La catena Epidemiologica STORIA NATURALE DELLE MALATTIE esposizione al/ai fattori di rischio insorgenza della malattia esito guarigione cronicizzazione decesso Principali differenze tra malattie infettive

Dettagli

La mammella e il latte

La mammella e il latte La mammella e il latte Cenni di anatomia della ghiandola mammaria e suo sviluppo L escrezione e la secrezione dei componenti del latte L eiezione e la modalità di mungitura e i riflessi sulla qualità del

Dettagli

La regolazione genica nei virus

La regolazione genica nei virus La regolazione genica nei virus Lic. Scientifico A. Meucci Aprilia Prof. Rolando Neri I VIRUS INDICE Caratteristiche dei virus: il capside e il genoma virale Classificazione virale Fasi del ciclo riproduttivo

Dettagli

ALLERGIA RESPIRATORIA? Consigli utili.

ALLERGIA RESPIRATORIA? Consigli utili. ALLERGIA RESPIRATORIA? Consigli utili. MED Utile nella protezione delle mucose nasali in caso di congestioni rino-faringee. Think Green. Live Green. Cos è l allergia. L allergia è un disturbo del sistema

Dettagli

Allergico o no? Patient Diagnostics Test Rapidi per Allergie

Allergico o no? Patient Diagnostics Test Rapidi per Allergie Allergico o no? Patient Diagnostics Test Rapidi per Allergie Gli unici test rapidi a domicilio per allergie Test allergico generico (IgE) Test allergico alle uova Test intolleranza al glutine Test allergico

Dettagli

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI

INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI INFEZIONI VIRALI A TRASMISSIONE MATERNO-FETALI Alcune malattie infettive ad eziologia virale e andamento benigno nei soggetti immunocompetenti, se sono contratte durante la gravidanza, possono rappresentare

Dettagli

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE)

ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ENDOCRINOLOGIA E NUTRIZIONE UMANA LEZIONE 9 GHIANDOLE SESSUALI (SECONDA PARTE) ORMONI FEMMINILI Altri effetti Gli estrogeni hanno inoltre importanti effetti metabolici: ad alte concentrazioni riducono

Dettagli

+'-' - :,.+.%' '2E 2. E -- 2.?? 2 ++ : 2.+.3' 0.+,.- 2 J K 2E 2+. < ' WWW.SUNHOPE.IT

+'-' - :,.+.%' '2E 2. E -- 2.?? 2 ++ : 2.+.3' 0.+,.- 2 J K 2E 2+. < ' WWW.SUNHOPE.IT La via di penetrazione più comune per il M.T. è quella aerogena Goccioline di Pflügge Sospensione nell aria Evaporazione e riduzione a dimensioni di 1-5 μ con bacilli vivi e vitali.possibilità di essere

Dettagli

DIABETE MELLITO DISORDINE CRONICO DEL METABOLISMO DEI CARBOIDRATI CHE DETERMINA ALTERAZIONI ANCHE NEGLI ALTRI METABOLISMI

DIABETE MELLITO DISORDINE CRONICO DEL METABOLISMO DEI CARBOIDRATI CHE DETERMINA ALTERAZIONI ANCHE NEGLI ALTRI METABOLISMI DIABETE MELLITO DISORDINE CRONICO DEL METABOLISMO DEI CARBOIDRATI CHE DETERMINA ALTERAZIONI ANCHE NEGLI ALTRI METABOLISMI CARATTERIZZATO DA: IPERGLICEMIA STABILE GLICOSURIA PREDISPOSIZIONE A COMPLICANZE

Dettagli

IMMUNOPATOLOGIA VETERINARIA

IMMUNOPATOLOGIA VETERINARIA IMMUNOPATOLOGIA VETERINARIA AUTOIMMUNITÀ insieme di reazioni immunopatologiche messe in atto da un organismo contro i propri componenti antigenici (autoantigeni) e che causano le c.d. MALATTIE AUTOIMMUNI

Dettagli

L allergia L allergia è una reazione eccessiva del sistema immunitario verso una sostanza, detta allergene, che solitamente non dà alcun problema nella maggior parte della popolazione. L allergia può essere

Dettagli

APPARATO CIRCOLATORIO

APPARATO CIRCOLATORIO APPARATO CIRCOLATORIO 1 FUNZIONI F. respiratoria e nutritiva F. depuratrice F. di difesa (trasporto di O 2, principi alimentari...) (trasporto di CO 2 e altre sostanze di scarto) (nei confronti dei batteri

Dettagli

Ossigeno Ozono Terapia in Pazienti con Insufficienza Respiratoria Cronica: studio pilota

Ossigeno Ozono Terapia in Pazienti con Insufficienza Respiratoria Cronica: studio pilota Ossigeno Ozono Terapia in Pazienti con Insufficienza Respiratoria Cronica: studio pilota N. Dardes MD FCCP, V. Covi, M.F. Vaccaro, G. Tabaracci Istituto di Ricerca Clinica San Biagio - Roma PAZIENTI N

Dettagli

IPERSENSIBILITÀ AI FARMACI Protocollo N.: Data del protocollo:

IPERSENSIBILITÀ AI FARMACI Protocollo N.: Data del protocollo: IPERSENSIBILITÀ AI FARMACI Protocollo N.: Data del protocollo: MEDICO: Nome: Indirizzo: Centro: Tel/Fax/E-mail: PAZIENTE: Nome: Data di nascita: Età: anni Peso: kg Altezza: cm Professione: Provenienza:

Dettagli

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente

Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore. Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Foglio illustrativo: Informazioni per l utilizzatore Atosiban Ibisqus 6,75 mg/0,9 ml soluzione iniettabile Medicinale equivalente Legga attentamente questo foglio prima di usare questo medicinale perché

Dettagli

Da che cosa è composto il sangue?

Da che cosa è composto il sangue? DONAZIONE DEL SANGUE La donazione di sangue non è solo un gesto di altruismo, ma soprattutto una necessità per l intera collettività. A tutt oggi non esiste sangue artificiale, cioè un sostituto con le

Dettagli

Definizione. L Asma bronchiale professionale è causata da agenti specifici presenti in ambiente di lavoro

Definizione. L Asma bronchiale professionale è causata da agenti specifici presenti in ambiente di lavoro ASMA PROFESSIONALE Definizione L Asma bronchiale è una malattia respiratoria caratterizzata da broncocostrizione totalmente o parzialmente reversibile, iperreattività bronchiale e infiammazione delle vie

Dettagli

International Congress of the Italian Association of Companion Animal Veterinarians

International Congress of the Italian Association of Companion Animal Veterinarians Close this window to return to IVIS www.ivis.org International Congress of the Italian Association of Companion Animal Veterinarians May 19 21 2006 Rimini, Italy Next Congress : 62nd SCIVAC International

Dettagli

Parvovirus in gravidanza

Parvovirus in gravidanza Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi D.A.I. Specialità Medico-Chirurgiche S.O.D. Malattie infettive e Tropicali C.R.R. Malattie Infettive in Gravidanza Parvovirus in gravidanza Beatrice Borchi - EZIOLOGIA

Dettagli

FISIOPATOLOGIA. dello SHOCK

FISIOPATOLOGIA. dello SHOCK FISIOPATOLOGIA dello SHOCK SHOCK O COLLASSO CARDIOCIRCOLATORIO insufficienza acuta del circolo periferico, causata da uno squilibrio tra massa liquida circolante e capacità del letto vascolare Si verificano:

Dettagli

ANEMIA INFETTIVA DEL CAVALLO

ANEMIA INFETTIVA DEL CAVALLO ANEMIA INFETTIVA DEL CAVALLO Retrovirus RNA virale DNA Virale (integrato nel genoma dell ospite) mrna virale, genoma - trasferimento invertito (retro) dell informazione genetica - solitamente, ben adattati

Dettagli

ANALISI GRUPPO SANGUIGNO E FATTORE Rh CAPILLARE

ANALISI GRUPPO SANGUIGNO E FATTORE Rh CAPILLARE Cod. ID: Data: Paziente: ANALISI GRUPPO SANGUIGNO E FATTORE Rh CAPILLARE Test reagente del Gruppo Sanguigno per test in provetta piastra/vetrino GRUPPO SANGUIGNO COS E IL TEST PER L ANALISI DEL GRUPPO

Dettagli

LE INFESTAZIONI DA PULCI E ZECCHE

LE INFESTAZIONI DA PULCI E ZECCHE LE INFESTAZIONI DA PULCI E ZECCHE Ogni anno, con l avvento della bella stagione, arrivano anche i problemi legati alle infestazioni da parte di pulci e zecche. Per qualunque possessore di cani o gatti,

Dettagli

da protozoi criptosporidiosi, leishmaniosi, sarcosporidiosi, toxoplasmosi, tripanosomosi.

da protozoi criptosporidiosi, leishmaniosi, sarcosporidiosi, toxoplasmosi, tripanosomosi. in base all agente eziologico Batteriche: borreliosi di Lyme, brucellosi, carbonchio, clamidiosi, febbre bottonosa, febbre Q, leptospirosi, listeriosi, salmonellosi, tbc, tularemia... Virali: coriomeningite

Dettagli

Intolleranze Alimentari

Intolleranze Alimentari Nell'ambito delle "reazioni avverse al cibo" è opportuno schematizzare quanto classificato dall'accademia Europea di Allergologia ed Immunologia Clinica. L'allergia alimentare è mediata immunologicamente

Dettagli

Immunità umorale = immunità mediata dagli anticorpi ADCC

Immunità umorale = immunità mediata dagli anticorpi ADCC Immunità umorale = immunità mediata dagli anticorpi ADCC 1 2 Necessari 2 segnali per attivare i linfociti B Primo segnale: BCR Secondo segnale = - Antigeni timo-dipendenti (TD):. cellule T adiuvanti (T

Dettagli

Le allergie alimentari

Le allergie alimentari Le allergie alimentari A cura del Dott. Renato Caviglia, MD, PhD Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva Dottore di Ricerca in Scienze Epato-Gastroenterologiche Introduzione L'allergia

Dettagli

LAUREA TRIENNALE IN TECNICHE DI NEUROFISIOPATOLOGIA AUDIOMETRICHE E AUDIOPROTESICHE. Anno accademico 2007-2008 C.I. SCIENZE BIOMEDICHE II

LAUREA TRIENNALE IN TECNICHE DI NEUROFISIOPATOLOGIA AUDIOMETRICHE E AUDIOPROTESICHE. Anno accademico 2007-2008 C.I. SCIENZE BIOMEDICHE II LAUREA TRIENNALE IN TECNICHE DI NEUROFISIOPATOLOGIA AUDIOMETRICHE E AUDIOPROTESICHE Anno accademico 2007-2008 C.I. SCIENZE BIOMEDICHE II PATOLOGIA GENERALE Prof. Lina Matera Lezione 7 L infiammazione cronica

Dettagli

IPERSENSIBILITÀ DI TIPO III O MEDIATA DA IMMUNOCOMPLESSI

IPERSENSIBILITÀ DI TIPO III O MEDIATA DA IMMUNOCOMPLESSI MALATTIE AUTOIMMUNI REAZIONI DI TIPO II POSSONO AVVENIRE ANCHE QUANDO LA TOLLERANZA AL SELF VIENE INTERROTTA E VENGONO PRODOTTI Ab CONTRO I TESSUTI PROPRI DELL ORGANISMO ES. AUTOANTICORPI CONTRO LE CELLULE

Dettagli

Funzioni delle proteine del sangue:

Funzioni delle proteine del sangue: PROTEINE DEL SANGUE Funzioni delle proteine del sangue: 1. Funzioni nutrizionali 2. Regolazione dell equilibrio acido base 3. Ripartizione dell acqua nei vari distretti 4. Funzione di trasporto 5. Coagulazione

Dettagli

sonoallergico.it CURA LE ALLERGIE RESPIRATORIE, SCOPRI L IMMUNOTERAPIA CON ALLERGENI

sonoallergico.it CURA LE ALLERGIE RESPIRATORIE, SCOPRI L IMMUNOTERAPIA CON ALLERGENI sonoallergico.it CURA LE ALLERGIE RESPIRATORIE, SCOPRI L IMMUNOTERAPIA CON ALLERGENI LE ALLERGIE RESPIRATORIE Cosa sono e come si manifestano LA REAZIONE ALLERGICA Le allergie sono una reazione eccessiva

Dettagli

Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale

Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Versione: 09.10.2013 Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale 1. Cos è il sistema immunitario?

Dettagli

La diagnosi immunologica. dell infezione tubercolare

La diagnosi immunologica. dell infezione tubercolare Diagnostica di laboratorio della tubercolosi: le antiche certezze e le nuove frontiere La diagnosi immunologica dell infezione tubercolare Dr. Chiara Agrati, PhD Laboratorio di Immunologia cellulare INMI

Dettagli

Abitudini di vita. Tumori delle vie respiratorie (fumo) Cancro della cervice uterina (età del primo rapporto, numero di partners/ Papillomavirus-HPV-)

Abitudini di vita. Tumori delle vie respiratorie (fumo) Cancro della cervice uterina (età del primo rapporto, numero di partners/ Papillomavirus-HPV-) Abitudini di vita Tumori delle vie respiratorie (fumo) Cancro della cervice uterina (età del primo rapporto, numero di partners/ Papillomavirus-HPV-) Alterazioni preneoplasiche acquisite Iperplasia

Dettagli

BIOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO CELLULE T E IMMUNITA' CELLULARE

BIOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO CELLULE T E IMMUNITA' CELLULARE BIOLOGIA DEL SISTEMA IMMUNITARIO CELLULE T E IMMUNITA' CELLULARE Le cellule T maturano, acquistano capacità funzionali e apprendono il concetto di self all'interno del timo. Il timo svolge il duplice compito

Dettagli

Malattie ematologiche maligne

Malattie ematologiche maligne Malattie ematologiche maligne Sono tutte condizioni di crescita cellulare incontrollata di cellule emopoietiche. Malattie quindi di notevole gravità. CELLULA MIELOIDE CELLULA LINFOIDE Malattie mieloproliferative

Dettagli