Contenuti: Discussione e valutazione di proposte di adeguamento degli strumenti di controllo edilizio vigenti e di nuovi strumenti di promozione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Contenuti: Discussione e valutazione di proposte di adeguamento degli strumenti di controllo edilizio vigenti e di nuovi strumenti di promozione"

Transcript

1 PARCO NAZIONALE DEL LOCARNESE GRUPPO DI LAVORO AMBIENTE COSTRUITO ATTUAZIONE PROGETTO PNL 2.32 "Gestione del costruito" DOCUMENTAZIONE - PRESENTAZIONE Workshop 3 Discussione e valutazione di proposte Giovedì 14 novembre 2013, 17:00-19:00, Sala comunale Cavigliano Contenuti: Discussione e valutazione di proposte di adeguamento degli strumenti di controllo edilizio vigenti e di nuovi strumenti di promozione Obiettivi/risultati: Indicazioni al Consiglio del Parco sui modelli di adeguamento delle norme comunali e di strumenti da inserire nella carta del Parco

2 PARCO NAZIONALE DEL LOCARNESE GRUPPO DI LAVORO AMBIENTE COSTRUITO WORKSHOP 3 DISCUSSIONE E VALUTAZIONE DI PROPOSTE Giovedì 14 novembre 2013, 17:00-19:00, Sala comunale Cavigliano Programma Saluto e sintesi delle risultanze del workshop 2 Fabio Giacomazzi Presentazione del modello di promozione per il PNL Fabio Giacomazzi 17:30 Discussione Tutti 18:50 Conclusioni e prossimi passi Fabio Giacomazzi 19:00 Fine e spuntino offerto dal Progetto di Parco nazionale 1

3 Sintesi risultanze workshop 2 Lavoro di gruppo 1 Le realizzazioni Indicatori di qualità riferimento a tipologie storiche, reinterpretate in chiave moderna relazione con strutture esistenti e con il paesaggio uso corretto dei materiali dimensione dei nuovi volumi rapportata a quelli esistenti Condizioni che favoriscono la qualità sensibilizzazione degli attori coinvolti (committente, progettista, autorità) regole semplici, efficaci e chiare che impediscano deturpamenti, ma lasciano sufficiente libertà per soluzioni di qualità consulenza a committenti e progettisti per le opere pubbliche i concorsi portano a confronti interessanti e soluzioni qualificate 2

4 Sintesi risultanze workshop 2 Lavoro di gruppo 2 Gli strumenti Bisogna valutare i modelli in base agli esiti che hanno dato Evitare manuali pronti per l uso che classificano le soluzioni in sbagliato / giusto I manuali devono sostenere la lettura del contesto, dalla quale poi far scaturire le soluzioni Preparare schede descrittive dei diversi contesti, o anche di singoli fondi, che possano servire come criteri di progettazione La consulenza, affiancata a linee-guida, permette di sensibilizzare anche sui casi concreti singoli I premi di architettura tendono ad evidenziare singole opere ambiziose, ma non hanno presa sul costruito ordinario Più interessante e utile è un label di qualità dell architettura, sulla base di criteri da stabilire 3

5 Gestione della qualità del costruito - obiettivi 1. Promuovere, sensibilizzare, informare la popolazione in generale. 2. Formare, accompagnare sostenere e fornire consulenze specifiche per chi lavora al fronte nella valutazione e preavviso dei progetti. 3. Offrire in maniera semplice e veloce a proprietari, progettisti e Municipi consulenza tecnica per i casi concreti. 4. Accompagnare e sostenere gli enti pubblici (Comuni, Patriziati, Parrocchie, Consorzi, Fondazioni, Enti, Cantone) per garantire la qualità degli interventi concernenti stabili e spazi pubblici. 5. Conoscere, monitorare e sapere per tempo quanto avviene sul territorio per poter agire con prontezza e definire con anticipo modalità di sostegno alle comunità locali (progetti pilota, ricerca fondi, ) 4

6 Modello A Gruppo qualità del costruito PNL a supporto, informazione e consulenza dei Municipi e di Commissioni edilizie comunali Gruppo qualità del costruito PNL Commissione edilizia comunale o regionale Municipio A UTC Rappresentanti Direzione Parco Informazione, scambio, supporto, consulenza Commissione edilizia comunale o regionale Municipio B UTC Esperti esterni Commissione edilizia comunale o regionale Municipio C UTC Municipio D Commissione edilizia comunale o regionale UTC 5

7 Modello A Competenze e funzionamento del Gruppo qualità del costruito PNL È formato da esperti esterni e rappresentante/i della Direzione del Parco. Fornisce ai membri Commissioni edilizie locali/regionali dei momenti di scambio reciproco delle esperienze e di interscambio con gli esperti esterni relativamente alla loro attività pratica. Deve permettere di trasmettere i criteri, le linee guida, direttive alle Commissioni edilizie locali/ regionali e armonizzarne l operato. Può se ritenuto necessario e opportuno - elaborare manuali per committenti e progettisti. È competente per l attribuzione del label di qualità dell architettura del Parco. 6

8 Modello A Competenze e funzionamento delle Commissioni edilizie comunali o regionali Sono nominate dai Municipi (Commissione municipale secondo LOC art. 91) e formate da persone che operano nella regione come autorità, progettisti, artigiani o attivi negli enti culturali (presi dalla stessa cerchia di persone che hanno partecipato ai workshop). Hanno il compito di esaminare progetti (edifici, sistemazioni, infrastrutture e spazi pubblici, pianificazioni) in una fase preliminare di sviluppo, in modo da orientarli verso soluzioni adeguate e di qualità. A questo scopo interloquiscono tempestivamente con proprietari e progettisti. Devono coordinare il loro preavviso con eventuali preavvisi di competenza della Commissione del paesaggio del Cantone. In conclusione esprimono il loro preavviso ai Municipi prima del rilascio della licenza edilizia. Si riuniscono a seconda delle necessità; si organizzano al loro interno per distribuirsi i compiti e i progetti. Partecipano agli incontri di coordinamento e di formazione della Gruppo qualità del costruito PNL. 7

9 Modello B Gruppo paesaggio PNL con funzione di supporto ai Municipi tramite consulenti integrati negli Uffici tecnici Gruppo qualità del costruito PNL Municipio A Consulente UTC Rappresentanti Direzione Parco Esperti esterni Municipio B Consulente Municipio C Consulente Municipio D Consulente UTC UTC UTC 8

10 Modello B Competenze e funzionamento del Gruppo qualità del costruito PNL Riunisce esperti esterni, rappresentante/i della Direzione del Parco e i consulenti dei Municipi, affiancati agli UT comunali. È luogo di scambio delle esperienze dei consulenti regionali relativamente alla loro attività pratica e di interscambio con gli esperti esterni. Deve permettere di trasmettere i criteri, le linee guida, direttive ai membri dei gruppi di consulenza regionali e armonizzarne l operato. Può se ritenuto necessario e opportuno - elaborare manuali per committenti e progettisti. È competente per l attribuzione del label di qualità dell architettura del Parco. 9

11 Modello B Ruolo e funzione dei consulenti comunali e regionali Sono professionisti qualificati, designati dai rispettivi Municipi (nomina o mandato esterno) e affiancano l UT nelle loro mansioni di esame delle procedure edilizie e di gestione del territorio con il compito di verificare la qualità dell inserimento paesaggistico dei progetti privati e di promuovere pianificazioni, una gestione pubblica del territorio e progetti di edilizia e spazi pubblici consoni al contesto. A questo scopo interloquiscono tempestivamente con proprietari e progettisti e coordinano il preavviso dell UT con eventuali preavvisi di competenza della Commissione del paesaggio del Cantone. Non è esclusa la possibilità per i Municipi di dotarsi di una Commissione edilizia comunale ai sensi dell art. 91 LOC. Sono integrati nel Gruppo qualità del costruito PNL. 10

12 Label di qualità dell architettura del Parco Non è un premio per segnalare realizzazioni di carattere eccezionale. Deve invece stimolare la ricerca di una buona qualità diffusa dell edificato nel territorio del Parco. Non è obbligatorio e non è condizione per il rilascio della licenza edilizia. Può essere richiesto facoltativamente dal proprietario dell opera. È attribuito dalla Direzione del Parco su proposta della Commissione del costruito. Va coordinato con il marchio Parco. Criteri di valutazione della qualità (a titolo esemplificativo, non esaustivo): > rispetto della tipologia, dei dettagli e dei materiali per la trasformazione di edifici storici > nuovi edifici che reinterpretano in chiave moderna le tipologie dell architettura locale > relazione spaziale e volumetrica significativa tra edifici nuovi ed edifici esistenti > rapporto significativo con il paesaggio > impego moderno di materiali locali tradizionali > buon inserimento di elementi moderni in strutture edili tradizionali > soluzioni ecologiche (materiali, impiantistica, energia) con qualità architettonica. Consente di affiggere sull opera una targa che attesta il label. Una scheda sull opera sarà inserita in una piattaforma informatica con link sul sito web del Parco. 11

13 Contributi del Cantone per la copertura dei tetti in piode - premessa La Direttiva cantonale sull assegnazione di contributi per la copertura di tetti con piode prevede incentivi nei seguenti casi: In zona edificabile: edifici appartenenti ad un insediamento contemplato nella lista allegata alla Direttiva; edifici appartenenti ad un nucleo costituito per almeno 3/4 da edifici con tetti in piode; come casi eccezionali singoli edifici che presentano caratteristiche architettoniche o paesaggistiche eccezionali. Fuori zona edificabile: edifici singoli o in gruppo, appartenenti ad un paesaggio protetto PUC-PEIP, la cui copertura originale è costituita in piode; edifici appartenenti ad un paesaggio protetto PUC-PEIP la cui copertura originale non è costituita da piode, che si trovano in un contesto paesaggistico che richiede una copertura in materiale tradizionale (ad esempio in un gruppo di edifici di cui 3/4 con tetto in piode); come casi eccezionali edifici censiti IEFZ 1a, 1b, 1c e 1d non appartenenti ad un paesaggio protetto, che presentano una sostanza edilizia o una valenza paesaggistica rilevante. > È da rilevare che le norme del PUC-PEIP stabiliscono l'obbligo di conservare e/o ripristinare il materiale di copertura originario. Il contributo è di CHF/mq

14 Incentivo tetti in piode supplementare al contributo del Cantone - proposta Prevedere contributi analoghi a quelli della Direttiva cantonale per alcuni altri nuclei abitati pregiati, ma che non rientrano nei criteri di sussidiamento della Direttiva. > in tal caso lo strumento andrebbe agganciato all'obbligo della copertura in piode; se in questo modo si raggiungesse la quota dei 3/4, rientrerebbero in gioco i criteri della direttiva; pensabile per gli altri nuclei non inseriti nella lista della Direttiva che la scheda PD P10 "Beni culturali" designa come d'importanza nazionale: Borgnone, Golino, Palagnedra, Gresso, Auressio, Berzona, Loco, Mosogno di sotto, Comologno e Russo. Prevedere contributi analoghi a quelli della Direttiva cantonale per alcuni gruppi fuori zona particolarmente meritevoli (v. progetti pilota), anche se non dovessero rientrare nei criteri di sussidiamento della Direttiva, ciò nell'ottica di un ricupero. 13

15 Qualità degli spazi e dei progetti pubblici - premesse I progetti pubblici non sono tanti nel comprensorio, ma sono decisivi per la sua immagine paesaggistica. Uno dei principali problemi per la qualità degli spazi pubblici nel comprensorio del PNL è dovuto alla difficoltà di trovare spazi idonei per la sosta degli autoveicoli nello stretto corridoio in cui la morfologia del territorio permette di inserire le strutture di posteggio lungo le strade e in prossimità degli abitati. Un altro problema per la qualità degli spazi pubblici nel comprensorio del PNL è dato dai manufatti (guardrail, parapetti, segnaletica, ecc ) per la sicurezza del traffico non in sintonia con il contesto paesaggistico lungo le strade cantonali. Spesso i Comuni non hanno i mezzi finanziari per migliorare la qualità delle sistemazioni e delle pavimentazioni delle piazze e dei percorsi pedonali nei nuclei, anche quando sono chiamati ad intervenire per posare condotte o a rifare il manto d asfalto. 14

16 Qualità degli spazi e dei progetti pubblici - proposta Gruppo qualità del costruito PNL Rappresentanti Direzione Parco Esperti esterni Municipi Altri enti pubblici Cantone Informazione, scambio, supporto, consulenza Funzionari Uffici tecnici Consulenti Pianificatori Progettisti Ditte esecutrici I progetti pubblici dei Comuni, Patriziati e altre corporazioni pubbliche vengono sottoposti al preavviso del Gruppo qualità del costruito PNL, già nella fase preliminare di impostazione. Prevedere contributi ai Comuni per i maggiori costi dei loro progetti dovuti all esigenza di un migliore inserimento nel contesto (posteggi inseriti in terreni difficili, percorsi pedonali, arredi urbani, qualità delle pavimentazioni, ecc ). Coinvolgere i servizi cantonali preposti agli interventi di loro competenza (ad es. strade cantonali, arginature, altre opere cantonali) nei meccanismi di valutazione della qualità del costruito. 15

17 Manuale di qualità del costruito del Parco È un opzione futura nei compiti del Gruppo qualità del costruito PNL. Deve nascere da alcuni anni di esperienza dell attività della Commissione del costruito e dei gruppi di consulenza regionali. Il manuale deve sostenere la lettura del contesto, dalla quale poi far scaturire le soluzioni. Il manuale potrebbe contenere anche schede descrittive dei diversi contesti, o anche di singoli fondi, che possano servire come criteri di progettazione 16

18 Necessità di adattamento dei piani regolatori dei Comuni del Parco Di principio nell immediato non necessitano modifiche dei contenuti dei piani regolatori; le disposizioni vigenti non impediscono la realizzazione di buone soluzioni e non obbligano soluzioni inadeguate. Nelle norme di attuazione o regolamenti edilizi è da introdurre la base legale per rendere operative le Commissioni consultive, stabilendo le relative disposizioni procedurali e per definire i criteri di qualità sulla base dei quali possono/devono preavvisare le domande di costruzione. Adattamenti di contenuto dei PR (ad es. estensione di talune zone edificabili, ubicazioni di aree per edifici e attrezzature pubbliche, infrastrutture stradali, affinamenti delle disposizioni di zona, piani particolareggiati e/o piani di quartiere), potranno essere attuati nell ambito di future revisioni o adeguamenti dei PR, attingendo alle competenze e all esperienza delle Commissioni edilizie consultive comunali o intercomunali e del costruito e del Gruppo qualità del costruito PNL. 17

19 PARCO NAZIONALE DEL LOCARNESE GRUPPO DI LAVORO AMBIENTE COSTRUITO WORKSHOP 3 DISCUSSIONE E VALUTAZIONE DI PROPOSTE Giovedì 14 novembre 2013, 17:00-19:00, Sala comunale Cavigliano Domande per la discussione e valutazione delle proposte Condividete gli obiettivi alla base della qualità del costruito? Condividete l istituzione e la composizione di una Commissione del costruito (Modelli A e B)? Quale dei due modelli A o B ritenete più idoneo per raggiungere gli obiettivi di qualità del costruito indicati e nel contempo un corretto svolgimento dei compiti di gestione dell edilizia privata a livello comunale? Condividete il principio di un sussidio supplementare, a complemento dei contributi cantonali, per favorire la copertura di tetti in piode in alcuni nuclei e gruppi edificati pregiati in cui non è previsto dal Cantone? Condividete il principio di sottoporre ad una verifica preliminare da parte del Gruppo qualità del costruito PNL i progetti di edilizia e degli spazi pubblici? Condividete il principio di contributi alle corporazioni pubbliche per aumentare la qualità dell edilizia e degli spazi pubblici? Condividete la creazione di un label per la qualità del costruito del Parco? Condividete i criteri indicati per la definizione dei criteri di qualità per il conferimento del label? Ritenete utile l elaborazione di un manuale per la qualità del costruito, nel senso come proposto? Ritenete che si possa ancora attendere con l adattamento dei PR o intravvedete della necessità di modifiche nell immediato? 18

20 PARCO NAZIONALE DEL LOCARNESE GRUPPO DI LAVORO AMBIENTE COSTRUITO WORKSHOP 3 DISCUSSIONE E VALUTAZIONE DI PROPOSTE Giovedì 14 novembre 2013, 17:00-19:00, Sala comunale Cavigliano Formazione dei gruppi Gruppo 1 Gruppo 2 Gruppo 3 Gruppo 4 Walter Buzzini, Vergeletto Marco Garbani Nerini, Gresso Venanzio Terribilini, Vergeletto Rita Remonda, Onsernone Luca Maggetti, Centovalli Giampiero Forzoni, Losone Franco Gambonini, Centovalli Mario Ferrari, Mosogno Martina Meier, Onsernone Raffaele Dellamora, Isorno Daniele Pinoja, Losone Alberto Tomamichel, Bosco Gurin Ivan Catarin, Losone Mario Canevascini, Brissago Roberto Carazzetti, Isorno Matteo Chiosi, SST, Bellinzona Fabrizio Garbani Nerini, Pedemonte Laura Bordonzotti, UNP, Bellinzona Gabriella Tomamichel, Architetto, APAV, Moghegno Fabiano Mellini, UTC Pedemonte Mario Manfrina, Museo Regionale Centovalli e Pedemonte Maria Rosaria Regolati Duppenthaler, Architetto, Fondazione Cinque Terre, Comologno Peter Pisoni, Architetto, Ascona Corrado Cavalli, Museo Regionale Centovalli e Pedemonte Lino Tomamichel, Bosco Gurin Massimo Biffi, Architetto, Brissago Elisa Padovan, Dionea SA, Locarno Enrico Primo, Museo Vallemaggia Urs Plank, Architetto, Intragna Franco Varini, Artigiano, Mosogno Sandra Giovannacci, Architetto, Verdasio Nicoletta Dutlly- Bondietti, Pro Linescio, Cevio 19

RAPPORTO FINALE RISULTATI DEI WORKSHOP PARCO NAZIONALE DEL LOCARNESE GRUPPO DI LAVORO AMBIENTE COSTRUITO

RAPPORTO FINALE RISULTATI DEI WORKSHOP PARCO NAZIONALE DEL LOCARNESE GRUPPO DI LAVORO AMBIENTE COSTRUITO PARCO NAZIONALE DEL LOCARNESE GRUPPO DI LAVORO AMBIENTE COSTRUITO ATTUAZIONE PROGETTO PNL 2.32 "Gestione del costruito" RAPPORTO FINALE RISULTATI DEI WORKSHOP Manno/Locarno, dicembre 2013 Gruppo di progetto

Dettagli

MESSAGGIO MUNICIPALE Nr. 649. MM no. 649 Richiesta di un credito di Fr.55 000 per l aggiornamento del Piano regolatore

MESSAGGIO MUNICIPALE Nr. 649. MM no. 649 Richiesta di un credito di Fr.55 000 per l aggiornamento del Piano regolatore MESSAGGIO MUNICIPALE Nr. 649 MM no. 649 Richiesta di un credito di Fr.55 000 per l aggiornamento del Piano regolatore Signor Presidente, Signore e Signori Consiglieri comunali, il Municipio di Pura vi

Dettagli

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013

relativo alla Seconda Soluzione Agosto 2013 COMUNE DI FOSDINOVO Località CANIPAROLA PIANO DI RECUPERO CASA ALBACHIARA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITÀ A V.A.S. ai sensi dell art. 22, L.R.T. n 10/2010 RAPPORTO AMBIENTALE PRELIMINARE relativo alla Seconda

Dettagli

Premio OAB architettura 2012. Architettura e Paesaggio

Premio OAB architettura 2012. Architettura e Paesaggio Premio OAB architettura 2012 Architettura e Paesaggio L Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori della Provincia di Bergamo d intesa con l Ordine degli Ingegneri, con l Amministrazione

Dettagli

Patto di collaborazione aperto tra Comune di Bologna e Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna PROGRAMMA CO-BOLOGNA

Patto di collaborazione aperto tra Comune di Bologna e Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna PROGRAMMA CO-BOLOGNA Patto di collaborazione aperto tra Comune di Bologna e Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna PROGRAMMA CO-BOLOGNA 1 PREMESSO: che il Consiglio Comunale di Bologna nella seduta del 19 maggio 2014 ha

Dettagli

VARIANTE DI PIANO REGOLATORE

VARIANTE DI PIANO REGOLATORE VARIANTE DI PIANO REGOLATORE COMPARTO VALERA NORME DI ATTUAZIONE DEL PR (Estratto) Versione per la prima consultazione Studi Associati sa via Zurigo 19 CP 4046 CH-6904 Lugano tel. +41 091 910 17 30 fax

Dettagli

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA

Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA Scuola di Architettura e Design Eduardo Vittoria UNICAM Esame di Abilitazione all esercizio della professione di Architetto LAUREA SPECIALISTICA Prova pratico-grafica (6 ore) 1 Tema Progetto di Villa Urbana

Dettagli

COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE

COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE REGOLAMENTO URBANISTICO COMUNE DI MASSA PROGRAMMA DI ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED URBANISTICHE pag.1 INDICE PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHIETTONICHE ED

Dettagli

Definizione, quantificazione e trasferimento dei «crediti edilizi»

Definizione, quantificazione e trasferimento dei «crediti edilizi» Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Bologna INU Istituto Nazionale di Urbanistica - Sezione Emilia Romagna Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bologna Definizione,

Dettagli

Cancelleria comunale Via Municipio 13 6850 Mendrisio

Cancelleria comunale Via Municipio 13 6850 Mendrisio Cancelleria comunale Via Municipio 13 6850 Mendrisio 058 688 31 10 cancelleria@mendrisio.ch mendrisio.ch Comunicato stampa Gennaio 2014 Incentivi della per iniziative nel campo della mobilità aziendale.

Dettagli

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016

PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 PROPOSTA DI MANDATO PER IL GRUPPO DI LAVORO TURISMO SOSTENIBILE per il periodo 2015-2016 1. Istituzione del gruppo di lavoro Decisione della Conferenza delle Alpi in merito all istituzione del Gruppo di

Dettagli

CITTA' DI LOCARNO PIANO REGOLATORE PARTICOLAREGGIATO DEL QUARTIERE MORETTINA

CITTA' DI LOCARNO PIANO REGOLATORE PARTICOLAREGGIATO DEL QUARTIERE MORETTINA CITTA' DI LOCARNO PIANO REGOLATORE PARTICOLAREGGIATO DEL QUARTIERE MORETTINA NORME DI ATTUAZIONE Il Consiglio Comunale, vista la Legge d'applicazione della legge federale sulla pianificazione del territorio

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO

STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO Art. 1 - Natura e fondatori La Fondazione Orchestra di Padova e del Veneto (di seguito indicata come Fondazione) è un istituzione di alta cultura,

Dettagli

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI RIF. D. LGS. 81/08 s.m.i. Articolo 26 - Obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione Titolo IV Cantieri

Dettagli

Regolamento dell Istituto (del 2 agosto 2005)

Regolamento dell Istituto (del 2 agosto 2005) 2.1 Regolamento dell Istituto (del 2 agosto 2005) TITOLO I Disposizioni generali Art. 1 Denominazione Istituto scolastico di Losone. Art. 2 Composizione dell'istituto L'Istituto scolastico del Comune di

Dettagli

Documenti per i corsi

Documenti per i corsi Descrizione dell offerta Applicazione della formazione professionale di base Documenti per i corsi inter a ziendali (CI): Corsi interaziendali progr amma di forma zione per i corsi inter a ziendali, controlli

Dettagli

Camposaz WORKSHOP DI PROGETTAZIONE IN SCALA 1:1 AI PIEDI DELLE DOLOMITI. Oggetto del bando

Camposaz WORKSHOP DI PROGETTAZIONE IN SCALA 1:1 AI PIEDI DELLE DOLOMITI. Oggetto del bando Camposaz WORKSHOP DI PROGETTAZIONE IN SCALA 1:1 AI PIEDI DELLE DOLOMITI Oggetto del bando Il bando mira a selezionare 12 persone al fine di costruire un gruppo che possa partecipare con motivazione, interesse

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA

7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7. LA STRUTTURA URBANA CONSOLIDATA 7.1. Premessa La qualità dell ambiente e lo stile di vita sono strettamente correlati alle caratteristiche specifiche della struttura urbana locale. In una fase in cui

Dettagli

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 2 di 7 Denominazione del presidio: CAD Laboratori via Pio Ubicazione/Indirizzo: via PIO VII, 61 (zona lingotto) Come si raggiunge: linee

Dettagli

CONCORSO DI IDEE DI LIGHTING DESIGN. ROMA BY LIGHT raccontare Roma usando la luce. Un progetto ideato ed organizzato da Patrocinio

CONCORSO DI IDEE DI LIGHTING DESIGN. ROMA BY LIGHT raccontare Roma usando la luce. Un progetto ideato ed organizzato da Patrocinio CONCORSO DI IDEE DI LIGHTING DESIGN ROMA BY LIGHT raccontare Roma usando la luce Un progetto ideato ed organizzato da Patrocinio Capitolo I - DEFINIZIONE E OBIETTIVI DEL CONCORSO Art. 1 Tipologia e tema

Dettagli

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France

Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France 27 Novembre 2012 Il piano della mobilità urbana nella regione Ile-de-France Laurence Debrincat, STIF Workshop sui Piani Urbani della Mobilità Sostenibile - Milano 2 Sommario Il contesto delle politiche

Dettagli

Legge sulla formazione continua dei docenti 1 (del 19 giugno 1990)

Legge sulla formazione continua dei docenti 1 (del 19 giugno 1990) Legge sulla formazione continua dei docenti 1 (del 19 giugno 1990) 5.1.4.3 IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 15 novembre 1989 n. 3528 del Consiglio di Stato, d e c

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA - ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Francesco D Este MASSA LOMBARDA (RA) PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Il PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA è un documento che viene deliberato

Dettagli

Comune di Praiano Provincia di Salerno

Comune di Praiano Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE LOCALE PER IL PAESAGGIO Art. 1. Composizione 1. La Commissione Locale per il Paesaggio, di seguito denominata per brevità Commissione, è un organo collegiale

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DICHIARAZIONE DI CONFORMITA E RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA, DI CONFORMITA ALLA NORMATIVA IN MATERIA DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Il sottoscritto.progettista delle opere suddette, nato

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 21/04/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI

QUESTIONARIO PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI Comune di Empoli INDAGINE CONOSCITIVA FINALIZZATA ALLA COSTRUZIONE DI UN QUADRO DI CONOSCENZA DEL TERRITORIO PRELIMINARE ALLA REVISIONE DELLA STRUMENTAZIONE URBANISTICA QUESTIONARIO PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI

Dettagli

M.M. no. 53 concernente il nuovo regolamento sulla videosorveglianza

M.M. no. 53 concernente il nuovo regolamento sulla videosorveglianza M.M. no. 53 concernente il nuovo regolamento sulla videosorveglianza Locarno, 31 luglio 2014 Al Consiglio Comunale L o c a r n o Egregi Signori Presidente e Consiglieri, 1. Premessa. Purtroppo da tempo

Dettagli

visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea,

visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea, 17.11.2012 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 320/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1077/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 novembre 2012 relativo a un metodo di sicurezza comune per la supervisione da parte delle

Dettagli

Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV)

Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV) 4.3.3.1.5. Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV) del 10 giugno 1999 1. Statuto Le scuole universitarie d arti visive 1 e d arti applicate (SUAAV) rientrano nella

Dettagli

Locarno, 10 agosto 2015. Al Consiglio Comunale. L o c a r n o. Egregi Signori Presidente e Consiglieri, Premesse

Locarno, 10 agosto 2015. Al Consiglio Comunale. L o c a r n o. Egregi Signori Presidente e Consiglieri, Premesse M.M. no. 78 Concernente la richiesta di un credito di fr. 100'000. per l organizzazione di un concorso d architettura relativo al nuovo autosilo del quartiere di Locarno Monti Locarno, 10 agosto 2015 Al

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 08/10/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o

Stabio, 07 maggio 2014. Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o COMUNE DI STABIO MUNICIPIO Stabio, 07 maggio 2014 Al CONSIGLIO COMUNALE di S t a b i o MESSAGGIO MUNICIPALE No. 04/2014 Chiedente lo stanziamento di un credito d investimento di 50 000 Chf (iva esclusa)

Dettagli

STATUTO DELL ISTITUTO UNIVERSITARIO DI STUDI SUPERIORI IUSS FERRARA 1391. Art. 1. Costituzione

STATUTO DELL ISTITUTO UNIVERSITARIO DI STUDI SUPERIORI IUSS FERRARA 1391. Art. 1. Costituzione SENATO ACCADEMICO 20/04/206 CONSIGLIO AMMINISTRAZIONE 27/04/2016 DECRETO RETTORALE Rep. n. 873/2016 Prot. n. 45381 del 01/06/2016 UFFICIO COMPETENTE Ufficio Dottorato di Ricerca Pubblicato all Albo informatico

Dettagli

Allegato parte integrante ALLEGATO 1 - Bando "Premio APE - concorso per la realizzazione di edifici sostenibili quarta edizione"

Allegato parte integrante ALLEGATO 1 - Bando Premio APE - concorso per la realizzazione di edifici sostenibili quarta edizione Allegato parte integrante ALLEGATO 1 - Bando "Premio APE - concorso per la realizzazione di edifici sostenibili quarta edizione" Provincia Autonoma di Trento Agenzia Provinciale per l Energia Premio APE

Dettagli

Progetto N 7 : ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE EDIFICI E STRADE COMUNALI

Progetto N 7 : ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE EDIFICI E STRADE COMUNALI P23 MODULISTICA MD04 Rev. 2 del 07/03/07 Progetto N 7 : ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE EDIFICI E STRADE COMUNALI Oggetto: Edifici e strade varie Importo quadro economico:. 800.000,00 DOCUMENTI PROGETTO

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI

SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDIVIDUALE DEI DIPENDENTI FINALITA' DELLA VALUTAZIONE Il processo di valutazione dei dipendenti dei servizi persegue differenti finalità, prima fra tutte quella

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROGETTO FASE 2. Adesione Comuni Schede Comuni

AGGIORNAMENTO PROGETTO FASE 2. Adesione Comuni Schede Comuni Parco Nazionale del Locarnese AGGIORNAMENTO PROGETTO FASE 2 DIONEA S.A. CONSULENZA AMBIENTALE, PIANIFICAZIONE E INGEGNERIA FORESTALE Lungolago Motta 8, c.p. 36 6600 LOCARNO TI CH Tel: ++41 / 91 / 751'51'20

Dettagli

Art. 1. Composizione. Art. 2. Nomina, durata e compensi

Art. 1. Composizione. Art. 2. Nomina, durata e compensi REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER IL PAESAGGIO (art. 81 della L.R. 11 marzo 2005 n. 12 e art. 148 del D.Lgs. 22 gennaio 2004 n. 42 D.G.R. n. VIII/7977 del 6 agosto 2008 e D.G.R. n. VIII/8139 del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DEI SINGOLI VOLONTARI CIVICI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DEI SINGOLI VOLONTARI CIVICI COMUNE DI GAZZO VERONESE Provincia di Verona All. 1 alla delibera di C.C. n. del REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DEI SINGOLI VOLONTARI CIVICI 1 INDICE ART. 1 DEFINIZIONE DI VOLONTARIATO

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

3. Passando all illustrazione di dettaglio dell articolato si precisa quanto segue.

3. Passando all illustrazione di dettaglio dell articolato si precisa quanto segue. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CONCERNENTE REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA DELL'ELENCO DEI FUNZIONARI INTERNAZIONALI DI CITTADINANZA ITALIANA, A NORMA DELL'ARTICOLO 2, COMMA 7, DELLA LEGGE 17 DICEMBRE

Dettagli

PREMESSO TENUTO CONTO

PREMESSO TENUTO CONTO CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI PROTOCOLLO D INTESA TRA CONFERENZA DEI RETTORI DELLE UNIVERSITÀ ITALIANE E CONSIGLIO NAZIONALE DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI

Dettagli

Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a.

Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. 15 settembre 2015 1 Regolamento del Comitato Rischi di UBI Banca s.c.p.a. Compiti e regole di funzionamento (ex art. 49 dello Statuto) Premessa Ai

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3;

PROTOCOLLO D INTESA. lo Statuto della Regione Autonoma della Sardegna, approvato con Legge costituzionale 26 febbraio 1948, n. 3; REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA DIREZIONE GENERALE DELLA PIANIFICAZIONE URBANISTICA TERRITORIALE E DELLA VIGILANZA EDILIZIA MINISTERO PER I BENI E

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI

AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI PROPOSTE PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI DELLE CAMERE DI COMMERCIO PREMESSA Con l approvazione del Decreto legislativo n. 23 del 15 febbraio 2010 è stata varata

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 Adottato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 14 in data 09 maggio 2011 1 1. OGGETTO E OBIETTIVI La trasparenza consiste nella

Dettagli

Bando di Finanziamento in servizi per concorsi di idee e di progettazione BANDO BANDO

Bando di Finanziamento in servizi per concorsi di idee e di progettazione BANDO BANDO BANDO BANDO edizione 2015 Indice Articolo 1 - Premessa... 2 Articolo 2 - Finalità e obiettivi del bando... 2 Articolo 3 - Ente banditore ed erogatore del sostegno... 3 Articolo 4 - Il sostegno messo a

Dettagli

EL PSC 4 COMUNE DI MONZUNO (BO) RISTRUTTURAZIONE DEL MUNICIPIO CON MIGLIORAMENTO SISMICO E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA. oggetto : Modulistica

EL PSC 4 COMUNE DI MONZUNO (BO) RISTRUTTURAZIONE DEL MUNICIPIO CON MIGLIORAMENTO SISMICO E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA. oggetto : Modulistica COMUNE DI MONZUNO (BO) RISTRUTTURAZIONE DEL MUNICIPIO CON MIGLIORAMENTO SISMICO E RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Il Progettista Coordinatore Ing. VITO MARCHIONNA STEP ENGINEERING VIA PERSICETANA VECCHIA,

Dettagli

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO

MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO LINEE DI INDIRIZZO DEL CICS PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITA DI COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO DA PARTE DELLE REGIONI, DELLE

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Disegnatrice/Disegnatore con attestato federale di capacità (AFC) nel campo professionale pianificazione del territorio e della costruzione del

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 COMUNE DI VILLANOVA DEL GHEBBO P R O V I N C I A D I R O V I G O C.F. 82000570299 P.I. 00194640298 - Via Roma, 75 - CAP 45020 - Tel. 0425 669030 / 669337 / 648085 Fax 0425650315 info-comunevillanova@legalmail.it

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N

SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 23 DELLA LEGGE N.262 DEL 28 DICEMBRE 2005 CONCERNENTE I PROCEDIMENTI PER L ADOZIONE DI ATTI DI REGOLAZIONE Il presente documento, recante lo schema di

Dettagli

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI

COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI COMUNE DI LAJATICO PROVINCIA DI PISA PIANO DI ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE PIANO DELLA DISTRIBUZIONE E LOCALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI PIANO D INDIRIZZO E REGOLAZIONE DEGLI ORARI PIANO MOBILITÀ

Dettagli

PIANO DI RECUPERO. RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA ED AMPLIAMENTO DI UN EDIFICIO AD USO SINGOLA ABITAZIONE ai sensi dell'art.3 della L.R.

PIANO DI RECUPERO. RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA ED AMPLIAMENTO DI UN EDIFICIO AD USO SINGOLA ABITAZIONE ai sensi dell'art.3 della L.R. COMUNE DI ROVIGO PROVINCIA DI ROVIGO PIANO DI RECUPERO E ubicazione: committente: RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA ED AMPLIAMENTO DI UN EDIFICIO AD USO SINGOLA ABITAZIONE ai sensi dell'art.3 della L.R. 13/11

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

del 5 maggio 2011 (Stato 1 gennaio 2013) Sezione 1: Oggetto, indirizzi professionali e durata

del 5 maggio 2011 (Stato 1 gennaio 2013) Sezione 1: Oggetto, indirizzi professionali e durata Ordinanza della SEFRI 1 sulla formazione professionale di base Artigiana del cuoio e dei tessili/ Artigiano del cuoio e dei tessili con attestato federale di capacità (AFC) 412.101.221.62 del 5 maggio

Dettagli

Richiesta del parere preventivo della Commissione per la Qualità Architettonica e il Paesaggio (ai sensi dell art. 18 del Regolamento Edilizio)

Richiesta del parere preventivo della Commissione per la Qualità Architettonica e il Paesaggio (ai sensi dell art. 18 del Regolamento Edilizio) COMUNE DI FERRARA Città patrimonio dell Umanità Marca da Bollo PG Allo Sportello Unico per l Edilizia PR Ufficio Ricezione Data di arrivo Richiesta del parere preventivo della Commissione per la Qualità

Dettagli

REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI

REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI REGOLAMENTO FORUM DEI GIOVANI ART. 1 ISTITUZIONE Il Consiglio Comunale di Monte di Procida riconosciuto: l importanza di coinvolgere i giovani e le aggregazioni giovanili quale presenza attiva e propositiva

Dettagli

SELEZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE PER LA COSTRUZIONE DI SCUOLE INNOVATIVE, AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 153, DELLA LEGGE 13 LUGLIO 2015, N. 107.

SELEZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE PER LA COSTRUZIONE DI SCUOLE INNOVATIVE, AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 153, DELLA LEGGE 13 LUGLIO 2015, N. 107. Allegato A alla DGR n. --- del --- SELEZIONE DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE PER LA COSTRUZIONE DI SCUOLE INNOVATIVE, AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 153, DELLA LEGGE 13 LUGLIO 2015, N. 107. Indice 1. Obiettivi

Dettagli

ORDINANZA MUNICIPALE

ORDINANZA MUNICIPALE Comune di Castel San Pietro telefono 091 646 15 62 / fax 091 646 89 24 e-mail info@castelsanpietro.ch ORDINANZA MUNICIPALE concernente gli incentivi per il risparmio energetico e l utilizzo di energia

Dettagli

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014

Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Prot. n. 56 /14 UL/RG/dlm Roma, 29 maggio 2014 Alle Aziende ed Enti Associati Loro Sedi FEDERCULTURE SERVIZIO LEGISLATIVO CIRCOLARE 3/14 Oggetto: Disposizioni urgenti per la tutela del patrimonio culturale,

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

Delib. n. 187-30.11.2012 N. 27219 P.G.

Delib. n. 187-30.11.2012 N. 27219 P.G. Delib. n. 187-30.11.2012 N. 27219 P.G. OGGETTO: Adozione di modifiche del Regolamento Edilizio - Titolo V relativamente alla Commissione per il Paesaggio. La Giunta comunale propone al Consiglio l adozione

Dettagli

Acustica in edilizia: Corso per Tecnico Acustico Edile ANIT Febbraio marzo aprile 2012

Acustica in edilizia: Corso per Tecnico Acustico Edile ANIT Febbraio marzo aprile 2012 Acustica in edilizia: Corso per Tecnico Acustico Edile Febbraio marzo aprile 2012 In collaborazione con Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della provincia di Bergamo e Scuola

Dettagli

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI LECCE

AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI LECCE CONSULTAZIONE PUBBLICA Pianificazione Urbanistica Partecipata La Città non è fatta di soli edifici e piazze, ma è fatta di memoria, di segni, di linguaggi, di desideri, che sono a loro volta l espressione

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

Statuto della Fondazione dell Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Milano

Statuto della Fondazione dell Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Milano Statuto della Fondazione dell Ordine degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Milano 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione

Dettagli

DIMISSIONI E AMMISSIONI PROTETTE PER DONNE CON GRAVIDANZE PROBLEMATICHE

DIMISSIONI E AMMISSIONI PROTETTE PER DONNE CON GRAVIDANZE PROBLEMATICHE ACCORDO DI COLLABORAZIONE/INTEGRAZIONE ASL DI BRESCIA / STRUTTURE DI RICOVERO E CURA DIMISSIONI E AMMISSIONI PROTETTE PER DONNE CON GRAVIDANZE PROBLEMATICHE A.O. Spedali Civili di Brescia A.O. Desenzano

Dettagli

Gli obblighi in materia di valutazione dei rischi. Lazzarotto Walter - Tecnico della prevenzione

Gli obblighi in materia di valutazione dei rischi. Lazzarotto Walter - Tecnico della prevenzione Gli obblighi in materia di valutazione dei rischi Lazzarotto Walter - Tecnico della prevenzione SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE Per quanto riguarda l organizzazione interna della sicurezza nei singoli

Dettagli

ORDINANZA CHE REGOLA LA PROCEDURA PER LA POSA DI IMPIANTI PUBBLICITARI, DI INSEGNE E DI SCRITTE DESTINATE AL PUBBLICO

ORDINANZA CHE REGOLA LA PROCEDURA PER LA POSA DI IMPIANTI PUBBLICITARI, DI INSEGNE E DI SCRITTE DESTINATE AL PUBBLICO COMUNE DI COLDRERIO ORDINANZA CHE REGOLA LA PROCEDURA PER LA POSA DI IMPIANTI PUBBLICITARI, DI INSEGNE E DI SCRITTE DESTINATE AL PUBBLICO Il Municipio di Coldrerio Richiamati - la Legge cantonale sugli

Dettagli

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI Pagina:1 di 6 MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI INDICE 1. INTRODUZIONE...1 2. ATTIVITÀ PRELIMINARI ALL INIZIO DELLE VERIFICHE...2 3. PIANO OPERATIVO DELLE ATTIVITÀ...2

Dettagli

. C U R R I C U L U M V I T A E

. C U R R I C U L U M V I T A E . C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo abitazione Indirizzo studio Telefono SENSINI MARIO 25, VIA SAN GIORGIO, 62020 BELFORTE DEL CHIENTI (MC) ITALIA 92, VIA NAZIONALE, 62029

Dettagli

Marzo Maggio 2014 ATTUAZIONE DELLA DELIBERA N. 77/2013 SUGLI OBBLIGHI DI TRASPARENZA. Comune di Bari

Marzo Maggio 2014 ATTUAZIONE DELLA DELIBERA N. 77/2013 SUGLI OBBLIGHI DI TRASPARENZA. Comune di Bari Marzo Maggio 2014 ATTUAZIONE DELLA DELIBERA N. 77/2013 SUGLI OBBLIGHI DI TRASPARENZA Comune di Bari 1 INTRODUZIONE Il presente documento contiene schede sintetiche relative agli esiti delle verifiche condotte

Dettagli

COMUNE DI AROGNO. Tutti questi dati sono informatizzati ed esportabili in qualsiasi banca dati.

COMUNE DI AROGNO. Tutti questi dati sono informatizzati ed esportabili in qualsiasi banca dati. Arogno, 19 giugno 2012 / av Ris. Mun. 18.06.12, no. 452 Messaggio municipale no. 09/2012 concernente la richiesta di un credito di Fr. 37'000.- da destinare all acquisto di un programma per la gestione

Dettagli

RIQUALIFICARE IL CONDOMINIO: I nuovi obblighi di legge e le opportunità per amministratori, gestori, progettisti

RIQUALIFICARE IL CONDOMINIO: I nuovi obblighi di legge e le opportunità per amministratori, gestori, progettisti RIQUALIFICARE IL CONDOMINIO: I nuovi obblighi di legge e le opportunità per amministratori, gestori, progettisti Per. ind. Fabio Bonalumi -consigliere Collegio Periti Industriali delle province di Milano

Dettagli

Provincia di Cremona

Provincia di Cremona Provincia di Cremona REGOLAMENTO DELLA CONSULTA PROVINCIALE PER IL COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI CREMONA Approvato con Delibera di Consiglio Provinciale N 17 del

Dettagli

Sostegno e Accompagnamento Educativo

Sostegno e Accompagnamento Educativo Sostegno e Accompagnamento Educativo 1. Definizione La prestazione sostegno e accompagnamento educativo consiste nel fornire sia un supporto e una consulenza ai genitori nello svolgimento della loro funzione

Dettagli

TRA I. RIFERIMENTI GIURIDICI: EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA

TRA I. RIFERIMENTI GIURIDICI: EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ACCORDO DI PROGRAMMA DELLA PROVINCIA DI COMO PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP (artt. 12 e 13 L. 104/92 e art. 2 D.P.R. del 24/2/94) TRA IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

Efficienza - Progresso - Risparmio

Efficienza - Progresso - Risparmio Efficienza - Progresso - Risparmio Un approccio multidisciplinare integrato che garantisce la massima efficienza nell affrontare tutte le problematiche di sicurezza, progettazione e risparmio energetico

Dettagli

Comune di Monserrato Provincia di Cagliari Settore Urbanistica ed Edilizia Privata

Comune di Monserrato Provincia di Cagliari Settore Urbanistica ed Edilizia Privata Comune di Monserrato Provincia di Cagliari Settore Urbanistica ed Edilizia Privata DETERMINAZIONE DEL CAPO SETTORE N 61 DEL 10.12.2009 OGGETTO: Proroga contratti di collaborazione coordinata e continuativa

Dettagli

Oggetto: ISTITUZIONE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E ASSEGNAZIONE RELATIVI INCARICHI AREA TECNICA TERRITORIO AMBIENTE IL DIRIGENTE

Oggetto: ISTITUZIONE POSIZIONI ORGANIZZATIVE E ASSEGNAZIONE RELATIVI INCARICHI AREA TECNICA TERRITORIO AMBIENTE IL DIRIGENTE COMUNE DI SENIGALLIA AREA TECNICA, TERRITORIO, AMBIENTE U F F I C I O DIRIGENTE AREA TECNICA, TERRITORIO, AMBIENTE DETERMINAZIONE DIRIGENTE n 29 del 23/01/2014 Oggetto: ISTITUZIONE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

Dettagli

REGOLE DI BUONA PRASSI PER IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA

REGOLE DI BUONA PRASSI PER IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA REGOLE DI BUONA PRASSI PER IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN RIFERIMENTO DELLA DIRETTIVA CANTIERI D.L.vo 494/96 e D.L.vo 528/99; DPR 222/03; D.L.vo 276/03 Le regole di seguito indicate rappresentano un

Dettagli

Provincia di Ferrara. Direttiva per l adeguamento dei RUE della Provincia di Ferrara -Requisiti-

Provincia di Ferrara. Direttiva per l adeguamento dei RUE della Provincia di Ferrara -Requisiti- Direttiva per l adeguamento dei RUE della Provincia di Ferrara -Requisiti- OTTOBRE 2007 1 Partendo dalla proposta di direttiva per l adeguamento dei RUE, elaborata dal gruppo sull Efficienza Energetica

Dettagli

P.R. LOCARNO PIANO PARTICOLAREGGIATO ZCP

P.R. LOCARNO PIANO PARTICOLAREGGIATO ZCP P.R. LOCARNO PIANO PARTICOLAREGGIATO ZCP PRIMA FASE: COMPRENSORIO LUNGOLAGO - VIA DELLA POSTA VECCHIA VIA TREVANI NORME DI ATTUAZIONE NORME DI ATTUAZIONE TITOLO PRIMO NORME INTRODUTTIVE Art. 1 Base legale

Dettagli

Servizi alle aziende. Chiavenergia. Professionisti per l'ambiente

Servizi alle aziende. Chiavenergia. Professionisti per l'ambiente Servizi alle aziende Chiavenergia Professionisti per l'ambiente Su di noi... I nuovi mercati energetici offrono interessanti opportunità alle aziende nell'ottica di riduzione dei costi e di investimento

Dettagli

Linee Guida Valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio Roma, 11.02.2014

Linee Guida Valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio Roma, 11.02.2014 LINEE GUIDA 1 per le valutazioni pre- attivazione dei Corsi di Studio da parte delle Commissioni di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale 30 gennaio 2013

Dettagli

Progetto N 8 : ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE EDIFICI E STRADE COMUNALI

Progetto N 8 : ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE EDIFICI E STRADE COMUNALI P23 MODULISTICA MD04 Rev. 2 del 07/03/07 Progetto N 8 : ABBATTIMENTO BARRIERE ARCHITETTONICHE EDIFICI E STRADE COMUNALI Oggetto: Edifici e strade varie Importo quadro economico:. 3.350.000,00 DOCUMENTI

Dettagli

CARRELLI ELEVATORI E VIABILITÀ SICURA IN AZIENDA

CARRELLI ELEVATORI E VIABILITÀ SICURA IN AZIENDA Piano Mirato di Prevenzione CARRELLI ELEVATORI E VIABILITÀ SICURA IN AZIENDA RELAZIONE SULL ANALISI DEI RISULTATI OTTENUTI DALLE SCHEDE DI AUTOVALUTAZIONE COMPILATE DALLE DITTE SELEZIONATE Documento a

Dettagli

COMUNE DI SOLBIATE ARNO

COMUNE DI SOLBIATE ARNO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 98 del 14.11.2013 1 GLI ELEMENTI DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE Oggetto della valutazione:obiettivi

Dettagli

QUIZ A TEMA: DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 Quiz estratti dalla banca dati del sito www.infermiereonline.altervista.org e

QUIZ A TEMA: DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 Quiz estratti dalla banca dati del sito www.infermiereonline.altervista.org e QUIZ A TEMA: DECRETO LEGISLATIVO N. 81/08 Quiz estratti dalla banca dati del sito www.infermiereonline.altervista.org e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 48/54 DEL 1.12.2011

DELIBERAZIONE N. 48/54 DEL 1.12.2011 Oggetto: Progetto integrato per la tutela attiva dei locali storici del commercio: censimento dei negozi storici in Sardegna. L Assessore del Turismo, Artigianato e Commercio evidenzia che l'attuale crisi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 36 del 04.05.2006 Indice ART. 1 - OBIETTIVI...2 ART. 2 - FUNZIONI DELLA CONSULTA...2

Dettagli

MESSAGGIO MUNICIPALE NO. 66

MESSAGGIO MUNICIPALE NO. 66 Comune di Cugnasco-Gerra Via Locarno 7 6516 Cugnasco Telefono 091 850.50.30 www.cugnasco-gerra.ch comune@cugnasco-gerra.ch Municipio Cugnasco, Risoluzione municipale 17 febbraio 2015 3732 16.2.2015 MESSAGGIO

Dettagli