chiede la concessione del contributo di cui all'art,5, comma 2, L.R.24/2003 per la realizzazione del progetto in allegato:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "chiede la concessione del contributo di cui all'art,5, comma 2, L.R.24/2003 per la realizzazione del progetto in allegato:"

Transcript

1 MODULO DI DOMANDA DA REDIGERSI IN CARTA SEMPLICE PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DELLE ASSOCIAZIONI/ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO ( ART. 5, COMMA 2, L.R.24/2003) Alla Regione Emilia Romagna Presidenza della Giunta Servizio "Promozione e sviluppo delle politiche per la sicurezza e della polizia locale" Viale Aldo Moro Bologna La sottoscritta Sabrina Olivè in qualità di presidente e legale rappresentante del Comitato Provinciale UISP - Unione Italiana Sport per Tutti di Piacenza, con sede in: via IV Novembre 168, Piacenza Tel Cell Fax chiede la concessione del contributo di cui all'art,5, comma 2, L.R.24/2003 per la realizzazione del progetto in allegato: "A scuola di antirazzismo: il calcio come strumento di mediazione interculturale" Piacenza 18 maggio 2006 Sabrina Olivè Presidente UISP Piacenza

2 SCHEDA DI PROGETTO PER LE ASSOCIAZIONI ED ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO. Organizzazione richiedente COMITATO PROVINCIALE UISP - UNIONE ITALIANA SPORT PER TUTTI, DI PIACENZA. Attività principale del richiedente Attività principale del "Comitato Provinciale UISP Unione Italiana Sport per Tutti" è rilanciare il valore sociale dello "sport per tutti", incentivando e garantendo il diritto alla pratica motoria per cittadini di ogni età, oltre ogni barriera di classe, di sesso, di razza, di condizione fisica. UISP promuove altresì la difesa dell'ambiente e i valori della solidarietà attraverso attività sportive che favoriscono la interculturalità e la conoscenza reciproca, in un'ottica di prevenzione delle devianze minorili. Data di iscrizione ai registri di cui alla L.R. 21 febbraio 2005, n.12 ( per le organizzazioni di volontariato). Iscritta dal 16/10/96 all'albo delle associazioni di promozione sociale della Provincia di Piacenza. Da quanto tempo opera nel settore Dal 1983 opera come "UISP-Comitato Provinciale di Piacenza", in precedenza come "Arci UISP" Piacenza (cfr. Allegato B) Denominazione del progetto: "A scuola di antirazzismo: il calcio come strumento di mediazione interculturale." Responsabile del progetto: Antonella Liotti, Responsabile settore progetti e comunicazione UISP Piacenza, Tel ; Cell ; Fax ) Descrizione dello specifico problema di sicurezza che si vuole affrontare ( tipo di problema, contesto territoriale in cui si è sviluppato, natura oggettiva e/o soggettiva, ecc..) Negli ultimi decenni l Italia si è trasformata da paese di emigrazione in paese di immigrazione. Dopo una prima fase di accoglienza, tesa al superamento dell emergenza, si è passati ad una seconda fase che è caratterizzata da problematiche nuove, con una presenza straniera nel paese, ed in particolare nella scuola, sempre più significativa e radicata. A tale situazione corrispondono problematiche di integrazione di tipo nuovo, che segnalano condizioni di disagio derivanti dalla difficile integrazione tra diverse culture che possono condurre a fenomeni di intolleranza e razzismo. Da un recente rapporto MIUR, l Emilia Romagna risulta essere, con presenze, la seconda regione per numero assoluto di alunni stranieri, ma è al primo posto per presenza percentuale di alunni stranieri sul totale dei frequentanti (5,93%). Anche Piacenza presenta percentuali elevate (6,44% sul totale degli studenti), che la pongono tra i primi posti in Regione. 1

3 Si evidenzia inoltre che tale fenomeno ha assunto particolare rilevanza negli ultimi anni, con indici di variazione tra gli anni scolastici 2000/01 e 2002/03 superiori al 200%, in particolare nelle scuole superiori (Regione Emilia-Romagna. DG Cultura Formazione Lavoro. Sistemi informativi/informatici su dati Rilevazioni integrative MIUR). Più specificamente, nell'itis G. Marconi di Piacenza, uno dei partner del progetto, la presenza di alunni stranieri si è incrementata da 25 unità nell'anno scolastico 1999/00 a 119 nell'anno scolastico 2004/05, con un incremento della percentuale di stranieri sul totale degli allievi passata nel medesimo periodo dall'1,6% all'8,6% (dati statistici regionali). Da dati del MIUR si deduce inoltre che gli studenti stranieri soffrono di una disagio scolastico superiore a quelli italiani, con tassi superiori di insuccesso e abbandono scolastico. E' significativo inoltre che il tasso di alunni stranieri non promossi aumenti passando dalla scuola primaria a quella secondaria inferiore e superiore. Gli insuccessi scolastici possono essere ricollegati alle difficoltà di integrazione, in particolare linguistica e culturale, e costituiscono un rischio potenziale per una effettiva integrazione nella società locale, con conseguenze negative in termini di sicurezza del territorio. Da segnalazioni dell'amministrazione Comunale di Piacenza e dalla stampa locale si riscontra infine che in alcuni quartieri cittadini, con elevati tassi di presenza straniera, si riscontrano frequenti situazioni di criticità. In uno di questi casi, l'amministrazione Comunale, attraverso la Cooperativa L'Arco, anch'essa partner nel progetto, ha attivato un centro di aggregazione giovanile frequentato prevalentemente da immigrati. Nell'ambito più specificatamente sportivo, alcune scuole di calcio associate a UISP Piacenza hanno segnalato alcune difficoltà emerse nella gestione dei gruppi multietnici, richiedendo una consulenza specifica per affrontare il problema prima che questo possa sfociare in espliciti episodi di intolleranza. In questo caso, per giovani calciatori della scuola calcio, discutere ed approfondire il problema del razzismo negli stadi costituirebbe uno strumento per affrontare, e si auspica risolvere, problemi di convivenza che sperimentano nella loro quotidianità. 2) Descrizione dettagliata del progetto specificando: Tipologia degli interventi, obiettivi specifici del progetto Obiettivo del progetto A scuola di antirazzismo: il calcio come strumento di mediazione interculturale è aumentare la consapevolezza del problema razzismo in tre realtà giovanili piacentine che a diverso titolo stanno sperimentando la compresenza di culture diverse, effetto dei processi migratori. In particolare saranno coinvolti, in questo primo anno: un Istituto superiore secondario nel Comune di Piacenza (ITIS G. Marconi), con una significativa percentuale di alunni di origine extracomunitaria, una scuola di calcio gestita dalla Associazione Sportiva dilettantistica Besurica, un centro di aggregazione presente sul territorio, gestito dalla Cooperativa L'Arco, che si occupa anche di giovani immigrati. Di fronte a questi nuovi fenomeni di convivenza i ragazzi si dimostrano impreparati e spesso necessitano di nuovi strumenti culturali per gestire realtà nuove, a volte anche conflittuali. Al tempo stesso però i giovani possono essere un fattore di cambiamento: da questo naturale bacino d utenza per futuri sportivi e tifosi può infatti scaturire un recupero di valori di rispetto e tolleranza, 2

4 sportività, legalità, in un ottica di limitazione delle discriminazioni presenti nella società civile e di riduzione della violenza. La conoscenza e l analisi del fenomeno del tifo calcistico ed in particolare degli episodi di tipo razzistico, può quindi stimolare nei ragazzi coinvolti un processo di rivalutazione dei valori educativi dello sport, valori che consentono la prevenzione e/o la mediazione dei conflitti e l accettazione e valorizzazione della diversità. Il progetto nasce dalla convinzione che la conoscenza reciproca, il coinvolgimento e l integrazione tra più realtà rappresentino una risorsa imprescindibile per la comprensione dei fenomeni sociali e del comportamento individuale, come per una profonda acquisizione dei valori positivi legati allo sport. La quotidiana osservazione e l analisi critica del fenomeno del tifo calcistico, come dello sport più in generale, ed in particolare il purtroppo frequente ripetersi in tali ambiti di episodi di razzismo, trovano il loro naturale sviluppo nel coinvolgimento dei giovani e degli studenti. Proprio i giovani infatti devono essere i soggetti principali di un processo di rivalutazione dei valori educativi dello sport. L attività sportiva, oggi, sembra infatti aver perso i suoi principi originari, sempre più spesso sopraffatti da una competizione sfrenata che rende lecito qualsiasi mezzo per massimizzare le prestazioni, da tensioni e violenza dentro e fuori i campi di gioco. Troppo spesso, le diversità diventano così causa di discriminazioni e razzismo, dentro e fuori i campi di gioco. L avversario che ha un colore della pelle differente diventa unicamente nemico, diverso; lo sport perde i suoi valori originari di aggregazione ed integrazione, valori per i quali è veicolo dalle potenzialità incredibili, essendo linguaggio universale e immediato. Sulla base di quanto sopra esposto, all'interno di un sistema nel quale lo sport diventa contenitore/veicolo, gli obiettivi specifici del progetto sono: miglioramento dei processi di comunicazione e comprensione, prevenzione o risoluzione delle situazioni di conflitto, promozione della convivenza interculturale e integrazione sociale. Modalità organizzative di realizzazione (tempi, fasi, metodologia) Il progetto si avvale della consulenza e della professionalità del "Progetto Ultrà", organizzazione che da dieci anni si occupa del fenomeno sociale del tifo sportivo, studiandone dinamiche e comportamenti ed elaborando strategie per favorire una limitazione della violenza e dell intolleranza attraverso un lavoro di tipo sociale rivolto ai tifosi e portato avanti insieme a loro. A livello europeo, il Progetto Ultrà è inoltre membro fondatore della Rete FARE (Football Against Racism in Europe). Il progetto si configura in n 4 incontri della durata di 2/3 ore ciascuno, a seconda della disponibilità delle realtà coinvolte, di cui uno comune a tutte esse, in cui verranno affrontate le seguenti tematiche: 1 incontro (in sede) Le culture giovanili Presentazione dei moduli e prima discussione del lavoro di gruppo da realizzare nel corso del progetto (fanzine, video, mostra fotografica, elaborazioni grafiche/artistiche). Analisi della nascita delle culture giovanili in Europa ed in Italia, fondamenti ideologici, rilevanza dei gruppi nelle forme di aggregazione nelle varie epoche. 2 incontro (in sede): Razzismo ed antirazzismo nel calcio e negli stadi Cenni antropologici sul razzismo nella società; il razzismo nello sport e nel calcio; lo sport come veicolo di integrazione sociale; attività antirazziste nel calcio e sugli spalti. La discriminazione delle 3

5 donne nelle attività sportive e la presenza ed il ruolo delle donne all'interno dei fenomeni di aggregazione sportiva giovanile: esempi stranieri e problematiche italiane. 3 incontro (in sede): Riflessioni ed elaborazioni Riflessioni sulle tematiche emerse, elaborazione del lavoro di gruppo svolto nel periodo che intercorre tra le lezioni e nelle lezioni stesse. 4 incontro (esterna): Incontro finale comune a tutte le realtà coinvolte con esposizione degli elaborati preparati da parte degli alunni Incontro dibattito con la presenza di esperti sul tema, calciatori che narrino la loro esperienza, rappresentanti di comunità di immigrati, società calcistiche locali. Nel periodo che intercorre tra i vari incontri, tutti all'insegna dell'interattività, con l auspicata collaborazione e partecipazione del personale docente e degli istruttori, si prevede la preparazione da parte di ogni realtà coinvolta di un elaborato finale, quale ad esempio un giornalino, una fanzine, una ricerca o un breve elaborato video. In occasione degli incontri e delle lezioni, si contempla inoltre la proiezione di brevi filmati e di presentazioni video, così come l utilizzo di pannelli informativi appositamente preparati, in modo da favorire il dibattito ed il coinvolgimento degli alunni. L'intervento avrà luogo durante l'anno scolastico 2006/07 e sarà preceduto da una riunione organizzativa cui parteciperanno rappresentanti di: UISP Piacenza, Progetto Ultrà, Comune di Piacenza, Provincia di Piacenza, ITIS G. Marconi, Cooperativa L'Arco, Associazione Sportiva dilettantistica Besurica. In tale riunione saranno fissati i calendari degli interventi, le modalità di presentazione del progetto nelle tre diverse realtà coinvolte, gli aspetto logistici ed organizzativi e si formulerà una prima ipotesi riguardante l'incontro finale condiviso, da sottoporre a verifica nel corso dello svolgimento del progetto. 3) Il progetto adotta interventi basati sulla differenza di genere? Si (X) No ( ) Se si, descrivere le modalità con cui la differenza di genere viene considerata: Verrà affrontato il problema della discriminazione delle donne nelle attività sportive e la presenza ed il ruolo delle donne all'interno dei fenomeni di aggregazione sportiva giovanile. 4

6 4) Indicare e descrivere le relazioni del progetto con altre attività generali dell'associazione e con i progetti per la sicurezza delle amministrazioni locali eventualmente esistenti nel territorio dove si intende realizzare il progetto. Come richiamato nella descrizione della attività principale svolta dalla associazione richiedente, la UISP si pone come obiettivo "rilanciare il valore sociale dello "sport per tutti", incentivando e garantendo il diritto alla pratica motoria per cittadini di ogni età, oltre ogni barriera di classe, di sesso, di razza, di condizione fisica". A partire dalla sua costituzione infatti UISP ha promosso attività sportive rivolte ai diversamente abili, agli anziani, ai ragazzi e bambini, pur mantenendo operative attività dedicate ad atleti di diverse discipline che operano sia a livello agonistico che amatoriale. In particolare i campionati di calcio organizzati da UISP Piacenza hanno coinvolto 4000 tesserati, con una significativa presenza di atleti stranieri nelle squadre iscritte, nonchè di intere squadre "nazionali" interamente composte da stranieri. Questa esperienza ha permesso a UISP di sperimentare come il calcio amatoriale possa essere uno strumento di mediazione culturale importante, soprattutto in un momento come l'attuale in cui i valori dello sport sembrano essere messi in discussione a livello delle leghe calcistiche maggiori, che evidenziano preoccupanti fenomeni di razzismo e corruzione, potenziali modelli negativi per i giovani. Invece a parer nostro, come sostiene Paul Eliot, ex giocatore di colore della nazionale inglese, "Occorre iniziare dalla educazione, educare i giovani alla multiculturalità, cominciando dalle scuole, cominciando dalle azioni concrete.... Servirebbe che anche le società di calcio, le federazioni nazionali e la scuola lavorassero insieme per progetti comuni, che usano il calcio come uno strumento di socializzazione e di educazione. Il calcio usa il linguaggio comune dello sport, sul campo non esiste la distinzione di pelle, di cultura, di lingua, esiste solo la tecnica e la passione". Relativamente alle collaborazioni in atto con le amministrazioni locali, il nostro progetto è coerente con gli obiettivi della Amministrazione Comunale di Piacenza per quanto concerne gli interventi sociali e di mediazione interculturale. In particolare, ci è stata fornita una significativa consulenza dall'ufficio "Piacenza sicura", facente parte dello staff del Sindaco, che ha segnalato come possibile ambito di intervento il centro di aggregazione giovanile CAPRASQUARE, gestito dalla Cooperativa Sociale "L Arco". Tale centro si occupa dell integrazione di giovani immigrati, anche con interventi di animazione di quartiere e mediazione culturale, ed è già oggetto di interventi programmati dall'ufficio "Piacenza sicura". Inoltre l'ufficio ha svolto interventi di coordinamento e promozione presso gli altri partner del progetto: Amministrazione Provinciale di Piacenza, l'itis G. Marconi e la Cooperativa L'Arco. 5) Il progetto rappresenta la puntuale ripetizione di iniziative già avviate negli anni precedenti? Si ( ) No (X) Se si, allegare obbligatoriamente una relazione documentata che documenti in maniera chiara ed evidente i risultati positivi ottenuti nelle precedenti sperimentazioni e le ragioni della ripetizione puntuale dell'iniziativa. 5

7 6) Indicatori di verifica attraverso i quali il proponente intende misurare i risultati dell'iniziativa, in relazione agli obiettivi che si intende perseguire. Descrizione generale del sistema di valutazione Il sistema di valutazione riguarderà da un lato il livello di partecipazione e il gradimento dei ragazzi coinvolti e dall'altro l'efficacia degli interventi di mediazione culturale e prevenzione dei fenomeni di razzismo e di violenza. Verranno adottati due tipi di valutazione, una di processo ed una di risultato. Indicatori 1. Gli indicatori di processo riguarderanno in generale gli strumenti che governano il progetto e ne seguono l'evoluzione. In particolare lo sguardo sarà rivolto all analisi dei tempi e delle fasi del processo; delle modalità di realizzazione; del grado di partecipazione dei ragazzi. Indicatori che rilevano il rispetto della programmazione temporale (attraverso la registrazione del calendario di attività svolte rispetto a quanto programmato) Indicatori che rilevano il grado di partecipazione, anche in progresso di tempo, dei giovani coinvolti (attraverso la registrazione delle presenze agli incontri) 2. Gli indicatori di risultato rileveranno l'efficacia gestionale e la capacità di raggiungere i risultati attesi. Nello specifico riguarderanno: Indicatori che esprimono il livello di gradimento e di qualità percepita dai ragazzi nel progetto (attraverso appositi questionari e interviste) Indicatori che misurano i mutamenti intervenuti nella percezione del fenomeno "razzismo" da parte dei ragazzi coinvolti (attraverso l'analisi degli elaborati finali compilati dai ragazzi) Metodologie e strumenti La metodologia per le valutazioni utilizzata, basata su criteri di trasparenza, si sostanzierà nell utilizzo dei suddetti strumenti: Calendari delle attività Fogli presenze Verbali degli incontri Questionari e interviste Elaborati finali Ragazzi X X X Operatori X X X Team responsabile X X X Le presenze saranno rilevate per ciascun incontro al quale parteciperanno ragazzi, operatori e componenti il team responsabile della valutazione del progetto. I calendari delle attività saranno stilati dagli operatori incaricati, per ciò che attiene le fasi realizzative del progetto, e dal team responsabile della valutazione del progetto per quanto attiene l attività di programmazione e di verifica finale di competenza. Lo stesso per ciò che riguarda i verbali degli incontri sia degli operatori che del team responsabile della valutazione del progetto. I questionari e le interviste, finalizzati all individuazione del livello di gradimento e di qualità percepita dai ragazzi coinvolti nel progetto, saranno effettuati e gestiti dagli operatori incaricati. Gli elaborati finali prodotti dai ragazzi (fantine, video, fotografie, illustrazioni grafiche/artistiche e altro che i ragazzi avranno voluto suggerire nel corso del primo dei quattro incontri previsti) saranno analizzati dal team responsabile della valutazione, al quale competerà trarre le indicazioni 6

8 conclusive circa i mutamenti intervenuti nella percezione del fenomeno "razzismo" da parte dei ragazzi nello spazio intercorrente tra il prima e il dopo l attuazione del progetto. Responsabilità della valutazione Si prevede la costituzione di un team che comprenda rappresentanti di: - UISP Piacenza - Comune di Piacenza - Provincia di Piacenza - ITIS G. Marconi - Cooperativa L'Arco - Associazione Sportiva dilettantistica Besurica, responsabile della scuola calcio. Tale team si farà carico della verifica degli indicatori di processo e di risultato, nonchè di una valutazione complessiva dell'intervento e della sua applicabilità, in anni successivi, in analoghi contesti locali. 7) Il progetto prevede il coinvolgimento di altri soggetti, pubblici e/o privati, estranei alla associazione proponente, tenendo conto che non si intendono come collaborazioni le prestazioni remunerate rese da eventuali soggetti partecipanti all'attuazione del progetto? Si (X) No ( ) Se si, indicare: Altri soggetti coinvolti nella realizzazione: Comune di Piacenza (Allegato D) Provincia di Piacenza (Allegato E) ITIS G. Marconi (Allegato F) Cooperativa L'Arco (Allegato G) Associazione Sportiva dilettantistica Besurica (Allegato H) Caratteristiche, natura e modalità della collaborazione (obiettivi comuni, forme di coordinamento, suddivisione dei compiti ecc..): I soggetti sopra elencati condividono la necessità di affrontare con i ragazzi le problematiche del razzismo per favorire una migliore integrazione sociale e superare le conflittualità esistenti nel contesto giovanile. Inoltre ritengono che la conoscenza e l'analisi del fenomeno del razzismo negli stadi stimolerà nei ragazzi coinvolti un processo di rivalutazione dei valori educativi dello sport, che permettono la prevenzione del conflitto e l accettazione e valorizzazione della diversità. Il coordinamento del progetto è assunto da UISP Piacenza. Si prevede inoltre la costituzione di una equipe scientifica cui parteciperanno tutti partner del progetto e un rappresentante del Progetto Ultrà, in qualità di docente ed esperto qualificato nel settore. Come precedentemente riportato al punto (6), il team si assumerà inoltre la responsabilità della valutazione complessiva circa l'efficacia del progetto. 7

9 8) Piano delle risorse finanziarie necessarie alla realizzazione del progetto Costo del progetto: Euro Si dichiara l'impegno a realizzare il progetto anche in caso di riduzione della quota percentuale di cofinanziamento regionale e si indica la percentuale minima del 70% della spesa ammissibile al di sotto della quale si rinuncia all'attuazione dell'iniziativa. Si allega preventivo di spesa (Allegato I) 9) Il richiedente fruisce di contributi accordati da altre Amministrazioni pubbliche per le attività previste dal progetto? Si ( ) No (X) Se si, indicare il concedente, l'ammontare del contributo (anche in percentuale) e le attività finanziate attraverso quel contributo 10) Il richiedente ha già usufruito di contributi regionali per azioni di miglioramento della sicurezza, ex art. 220 bis, comma 2, L.R. 3/99 e/o art.5, comma 2 L.R. 24/03? Si ( ) No (X) Se si, in che anno/i? Eventuali note 8

10 ALLEGATI: Facoltativi: Allegato A Relazione illustrativa dettagliata del progetto Obbligatori: Allegato B Atto Costitutivo UISP Comitato Provinciale di Piacenza Allegato C Copia dello statuto UISP Allegato D Lettera di Adesione del Comune di Piacenza Allegato E Lettera di adesione della Provincia di Piacenza Allegato F Lettera di Adesione dell'itis G. Marconi AllegatoG Lettera di Adesione della Cooperativa L'Arco, che gestisce il centro di aggregazione giovanile Allegato H Lettera di adesione della Associazione Sportiva dilettantistica Besurica. responsabile della scuola calcio Allegato I Preventivo di spesa 9

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà

Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società Modena Calcio - rappresentanze di tifosi UISP Modena Progetto Ultrà Progetto/azione Il tifoso protagonista della sicurezza Responsabilità Gabinetto del Sindaco Politiche per la Sicurezza Urbana Soggetti coinvolti Settore Sport - Prefettura e Forze dell Ordine - Società

Dettagli

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado

Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Corsi di aggiornamento interregionali per insegnanti della scuola primaria e secondaria di I grado Decreto MIUR, 2 agosto 2005 Premessa generale L associazione S.O.S.- il Telefono Azzurro, accreditata

Dettagli

La Casa delle Culture -Progetto-

La Casa delle Culture -Progetto- CONSULTA PROVINCIALE DELL IMMIGRAZIONE (Provincia di Modena) OGGETTO: Progetto "La Casa delle Culture". Il carattere strutturale che il fenomeno immigratorio ha assunto anche in Italia sollecita fortemente

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi ASSEMBLEA LEGISLATIVA Atto del Dirigente: DETERMINAZIONE n 732 del 28/11/2013 Proposta: DAL/2013/783 del 26/11/2013 Struttura proponente: Oggetto: Autorità emanante:

Dettagli

CENTRO SPORTIVO SCOLASTICO

CENTRO SPORTIVO SCOLASTICO MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANZIO III Via Machiavelli s.n.c. tel.06/9873212 - Fax 06/9873540 rmic8c700e@istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI SCUOLA MEDIA ARMANDO DIAZ OLBIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI PREMESSA Da alcuni anni la nostra scuola è frequentata da alunni stranieri provenienti da paesi europei ed extraeuropei, da

Dettagli

Provincia di Parma Assessorato Coordinamento Politiche Sociali e Sanitarie

Provincia di Parma Assessorato Coordinamento Politiche Sociali e Sanitarie Prot. n. 20905 del 07/03/2007 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE ASSOCIAZIONI PROMOSSE DA CITTADINI STRANIERI PER LA REALIZZAZIONE DELLA MANIFESTAZIONE LE SETTIMANE DEL MIGRANTE ATTO DI G.P.117

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Allegato 6 Progetti con Enti Esterni A) Progetti in atto sostenuti da protocolli d intesa e accordi La Scuola ha firmato Protocolli d intesa con la città di Torino grazie ai quali il Comune mette a disposizione

Dettagli

TUTTI I COLORI DEL CALCIO

TUTTI I COLORI DEL CALCIO S e t t o r e G i o v a n i l e e S c o l a s t i c o TUTTI I COLORI DEL CALCIO P r o g r a m m a d i s e n s i b i l i z z a z i o n e 2 0 1 5 / 2 0 1 6 p e r l i n t e g r a z i o n e e l a l o t t a

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 REQUISITI

ART. 1 FINALITA ART. 2 REQUISITI REGOLAMENTO COMUNALE DELL ALBO DELLE ASSOCIAZIONI E DEL VOLONTARIATO E DELLA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI AD ENTI PUBBLICI E PRIVATI. ART. 1 FINALITA 1. Ai sensi

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA

UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE DELLA SARDEGNA PROGETTO DI FORMAZIONE PER DOCENTI E DIRIGENTI - A.S. 2012-2013 Curricolo,apprendimenti e valutazione nelle nuove indicazioni nazionali per il primo ciclo dell

Dettagli

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO

4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO 4. PROGETTI FORMATIVI IN ATTO NELL ISTITUTO Il sistema scolastico deve essere efficace ed efficiente affinché l alunno raggiunga il successo formativo e sia in grado di decodificare ed interagire in modo

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA. tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO, CARPI, NOVI DI MODENA E SOLIERA

PROTOCOLLO D'INTESA. tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO, CARPI, NOVI DI MODENA E SOLIERA PROTOCOLLO D'INTESA RELATIVO AL SERVIZIO DI MEDIAZIONE LINGUISTICO- CULTURALE NEGLI ISTITUTI COMPRENSIVI E DIREZIONI DIDATTICHE DELL UNIONE TERRE D ARGINE tra L UNIONE TERRE D ARGINE, I COMUNI DI CAMPOGALLIANO,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI

PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Inserire il Logo del Comune PROTOCOLLO D INTESA PROGETTO CITTA SOSTENIBILI E AMICHE DEI BAMBINI E DEGLI ADOLESCENTI Seconda annualità 2014/15 Premesso che i diritti dell Infanzia e dell Adolescenza sono

Dettagli

PROGETTO ORIENTAMENTO

PROGETTO ORIENTAMENTO PROGETTO Istituto Comprensivo F. De Andrè San Frediano a Settimo ANNO SCOLASTICO 2015 2016 REFERENTE Prof. Maurizio Anna Maria PROGETTO CLASSI PRIME a. s. 2015/2016 REFERENTE: Prof.ssa Maurizio DESTINATARI

Dettagli

INTRODUZIONE emozioni, di cooperazione, di contatto raggiungimento degli obiettivi della Scuola Educatore devono conformarsi gestione del gruppo

INTRODUZIONE emozioni, di cooperazione, di contatto raggiungimento degli obiettivi della Scuola Educatore devono conformarsi gestione del gruppo DISPOSIZIONI GENERALI PER IL SETTORE SCUOLA F.I.R. 2014-2015 1 INTRODUZIONE Il Rugby è uno sport di emozioni, di cooperazione, di contatto ed è convinzione della Federazione Italiana Rugby che ciò lo renda

Dettagli

Anno scolastico 2015/2016 Nuove offerte formative proposte da Enti e Associazioni UISP PER LA SCUOLA

Anno scolastico 2015/2016 Nuove offerte formative proposte da Enti e Associazioni UISP PER LA SCUOLA Anno scolastico 2015/2016 Nuove offerte formative proposte da Enti e Associazioni UISP PER LA SCUOLA UISP COMITATO PROVINCIALE DI PESARO E URBINO L.go Aldo Moro 12 61121 Pesaro PREMESSA Per meglio comprendere

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi

REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi REGIONE EMILIA-ROMAGNA Atti amministrativi ASSEMBLEA LEGISLATIVA Atto del Dirigente a firma unica: DETERMINAZIONE n 124 del 25/02/2015 Proposta: DAL/2015/128 del 24/02/2015 Struttura proponente: Oggetto:

Dettagli

INTRODUZIONE emozioni, di cooperazione, di contatto raggiungimento degli obiettivi della Scuola Educatore devono conformarsi gestione del gruppo

INTRODUZIONE emozioni, di cooperazione, di contatto raggiungimento degli obiettivi della Scuola Educatore devono conformarsi gestione del gruppo DISPOSIZIONI GENERALI PER IL SETTORE SCUOLA F.I.R. 2014-2015 1 INTRODUZIONE Il Rugby è uno sport di emozioni, di cooperazione, di contatto ed è convinzione della Federazione Italiana Rugby che ciò lo renda

Dettagli

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture)

AREA IMMIGRATI. Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) AREA IMMIGRATI Azione 1: CENTRO SERVIZI IMMIGRATI (Servizi per l integrazione e il rispetto delle diverse culture) A - DESCRIZIONE SINTETICA DELL AZIONE Le finalità principali che il Centro Servizi Immigrati

Dettagli

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015

La compilazione del RAV: una riflessione condivisa Milazzo 8 giugno 2015 Proviamo a vedere quali sono gli obiettivi finali del RAV: Migliorare gli apprendimenti, assumendo decisioni adeguate; Rendicontare le scelte compiute; Promuovere strategie innovative attraverso la partecipazione

Dettagli

Al Dirigente Scolastico dell I.C. G. Verdi di Firenze prof. GIACOMO FORTI

Al Dirigente Scolastico dell I.C. G. Verdi di Firenze prof. GIACOMO FORTI Al Dirigente Scolastico dell I.C. G. Verdi di Firenze prof. GIACOMO FORTI progetto ATTIVITA SPORTIVE per il triennio 2013-2016 POF anno scolastico 2014/2015 DENOMINAZIONE PROGETTO: CENTRO SPORTIVO SCOLASTICO

Dettagli

PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008

PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008 PROGETTO DI MEDIAZIONE INTERCULTURALE ANNO 2008 1) DENOMINAZIONE DEL PROGETTO Mediazione interculturale nelle strutture ospedaliere dell Azienda USL 2) SOGGETTO PROPONENTE Azienda USL Valle d Aosta 2.1)

Dettagli

PIANO DI INTERVENTO PER CONTRASTARE LA DISPERSIONE SCOLASTICA - LINEE GUIDA -

PIANO DI INTERVENTO PER CONTRASTARE LA DISPERSIONE SCOLASTICA - LINEE GUIDA - PROVINCIA DI PIACENZA PIANO DI INTERVENTO PER CONTRASTARE LA DISPERSIONE SCOLASTICA - LINEE GUIDA - PREMESSA ED OBIETTIVI OPERATIVI: Al fine di perseguire gli obiettivi individuati dal patto territoriale,

Dettagli

giovani l opportunità di un sereno e armonioso sviluppo;

giovani l opportunità di un sereno e armonioso sviluppo; Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Protocollo d Intesa tra MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE PER LO STUDENTE e CSI CENTRO SPORTIVO ITALIANO

Dettagli

SARDEGNA. Cagliari, 21 novembre 2015

SARDEGNA. Cagliari, 21 novembre 2015 Per Direzione Generale dell Ufficio Scolastico della Sardegna e, p.c.: Dirigenti e Reggenti degli ambiti territoriali della Sardegna Coordinatori di educazione fisica e sportiva Prot. 245 b / IC-15 Oggetto:

Dettagli

Uff. I. - OLIMPIADI DI PROBLEM SOLVING - Informatica e pensiero algoritmico nella scuola dell'obbligo

Uff. I. - OLIMPIADI DI PROBLEM SOLVING - Informatica e pensiero algoritmico nella scuola dell'obbligo Uff. I - OLIMPIADI DI PROBLEM SOLVING - Informatica e pensiero algoritmico nella scuola dell'obbligo Il Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Direzione Generale per gli Ordinamenti

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA

PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROMOZIONE DI STRATEGIE CONDIVISE FINALIZZATE ALLA PREVENZIONE ED AL CONTRASTO DEL FENOMENO DELLA VIOLENZA DI GENERE TRA Provincia di Lucca Prefettura di Lucca Procura della

Dettagli

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado

Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado ESTRATTO Educazione e relazioni: la necessità di formazione e interventi nella scuola secondaria di primo grado SCHEDA TECNICA DELL INTERVENTO (novembre 2010) I. PRESENTAZIONE DELLA ATTIVITA (FORMAZIONE

Dettagli

Io tifo positivo nel segno di Candido

Io tifo positivo nel segno di Candido BRUGHERIO Io tifo positivo nel segno di Candido La PROPOSTA parte da un lavoro che ha visto in questi anni coinvolti circa 10000 ragazzi delle scuole primarie e secondarie di molti comuni della provincia

Dettagli

Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive

Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive Progetto per la Scuola Primaria Attività motorie e sportive Premessa La Scuola Primaria di Casamicciola Terme è una realtà educativa che da sempre pone l alunno al centro del processo di apprendimento

Dettagli

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011

Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 Istituto Comprensivo Aldo Moro Saronno OPEN DAY 2011 L alunno al centro RISPETTO DELLE INDIVIDUALITA ATTENZIONE ALLE SPECIFICITA PERSONALI ATTENZIONE AI DIVERSI STILI DI APPRENDIMENTO CURA DELLE RELAZIONI

Dettagli

progetto educativo per uno stile di vita sano, attivo e sostenibile

progetto educativo per uno stile di vita sano, attivo e sostenibile progetto educativo per uno stile di vita sano, attivo e sostenibile. anno scolastico 2013 2014 Il programma Coca-Cola Cup propone alle prime due classi delle scuole secondarie di secondo grado un articolata

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA STUDENTI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA STUDENTI STRANIERI RETE SIRQ ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE ALBERTO CASTIGLIANO Sede Amministrativa: Via Martorelli, n.1 14100 Asti Tel. 0141 352984/33429 - Fax 0141 352984 - Cod.Fiscale 80005080058 E-Mail: segreteria@ipsiacastigliano.it

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO DI ALANNO (PE) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di Primo Grado, Istituto Tecnico Agrario Statale, Istituto

Dettagli

LINEE GUIDA. Premessa

LINEE GUIDA. Premessa LINEE GUIDA Premessa Poste Insieme Onlus nasce il 16 aprile 2015 dalla volontà di Poste Italiane SpA di promuovere e sviluppare una organica presenza istituzionale di ambito nazionale e territoriale a

Dettagli

Comunicare la legalità attraverso l educazione stradale

Comunicare la legalità attraverso l educazione stradale Percorso formativo nell ambito del progetto Educazione alla legalità Attività formative di accompagnamento in attuazione della l.r. 2/ 2011: Azioni orientate verso l educazione alla legalità Comunicare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA

ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA ISTITUTO COMPRENSIVO NORD 1 BRESCIA Codice fiscale : 98156990172 SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2013/2014 SINTESI PROGETTO / ATTIVITA Sezione 1 Descrittiva 1.1 Denominazione progetto Indicare codice

Dettagli

A cura di Maria Alessandra

A cura di Maria Alessandra PROGETTO GENITORI: - CORSO DI FORMAZIONE ED. AFFETTIVO-RELAZIONALE - CINEFORUM A cura di Maria Alessandra PREMESSA L'ipotesi di questo progetto nasce da una visione più ampia e integrativa dell'educazione

Dettagli

4. Linee guida per la formazione nei progetti di Servizio Civile Regionale di Garanzia Giovani

4. Linee guida per la formazione nei progetti di Servizio Civile Regionale di Garanzia Giovani 4. Linee guida per la formazione nei progetti di Servizio Civile Regionale di Garanzia Giovani (Approvate con dal DDPF n. 4/OSV/2014) I progetti di SCR devono prevedere al loro interno due percorsi formativi:

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

la Legge 15 marzo 1997, n. 59 e in particolare l'art. 21, che consente alla scuola

la Legge 15 marzo 1997, n. 59 e in particolare l'art. 21, che consente alla scuola Prefettura di Forlì Cesena Amministrazione Provinciale Ministero dell Istruzione, Ufficio Territoriale del Governo di Forlì - Cesena dell Università e della Ricerca Centro Servizi Amm.vi di Forlì - Cesena

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE

PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE PROTOCOLLO D INTESA OSSERVATORIO INTEGRATO D AREA IN MATERIA DI PREVENZIONE E RECUPERO DEL DISAGIO MINORILE E DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA ISTITUZIONI SCOLASTICHE DEL TERRITORIO DI SCORDIA AZIENDA UNITÀ

Dettagli

LE CULTURE SI INCONTRANO

LE CULTURE SI INCONTRANO LE CULTURE SI INCONTRANO per far conoscere ed interagire il microcosmo familiare e le istituzioni educative Centro Educativa Gianfranco Zavalloni Comune di Cesena su proposta dei dirigenti scolastici Insegnanti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIUSEPPE MONTEZEMOLO - Roma. Progetti CONSULENZA PSICOLOGICA e ORIENTAMENTO SCOLASTICO 2012/2013 RELAZIONE FINALE

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIUSEPPE MONTEZEMOLO - Roma. Progetti CONSULENZA PSICOLOGICA e ORIENTAMENTO SCOLASTICO 2012/2013 RELAZIONE FINALE Dr. Giulio CASINI Psicologo, psicoterapeuta Via Chieti, 6 00161 ROMA Tel. 347 9392922 E-mail: giuliocasini@libero.it ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE GIUSEPPE MONTEZEMOLO - Roma Progetti CONSULENZA PSICOLOGICA

Dettagli

DIPARTIMENTO LICEO ECONOMICO SOCIALE VERBALE N.1

DIPARTIMENTO LICEO ECONOMICO SOCIALE VERBALE N.1 DIPARTIMENTO LICEO ECONOMICO SOCIALE VERBALE N.1 Nei giorni nove, dieci e undici settembre 2013 alle ore 9,00, nei locali dell IIS Telesi@ in Viale Minieri, si è riunito il Dipartimento del Liceo Economico

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Comune di Urbino Provincia di Pesaro e Urbino Prefettura - U.t.G. di Pesaro e Urbino Comune di Pesaro Comune di Fano

Comune di Urbino Provincia di Pesaro e Urbino Prefettura - U.t.G. di Pesaro e Urbino Comune di Pesaro Comune di Fano PROTOCOLLO D'INTESA SULLA RETE PER LA SICUREZZA E LA QUALITA DELLA VITA tra la Prefettura di Pesaro e Urbino, la Provincia di Pesaro e Urbino, i Comuni di Pesaro, Urbino, Fano. Il Prefetto di Pesaro e

Dettagli

Roma, 14 gennaio 2010 Prot. n 20. 3691. Alla Commissione Nazionale Attività di Base

Roma, 14 gennaio 2010 Prot. n 20. 3691. Alla Commissione Nazionale Attività di Base Roma, 14 gennaio 2010 Prot. n 20. 3691 Alla Commissione Nazionale Attività di Base FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Ai Coordinatori Federali Regionali per l Attività Giovanile

Dettagli

- PROGETTO D INSERIMENTO ED INTEGRAZIONE DI ALUNNI STRANIERI IN UNA SCUOLA PLURALISTA

- PROGETTO D INSERIMENTO ED INTEGRAZIONE DI ALUNNI STRANIERI IN UNA SCUOLA PLURALISTA - PROGETTO D INSERIMENTO ED INTEGRAZIONE DI ALUNNI STRANIERI IN UNA SCUOLA PLURALISTA A cura di - 1 Soggetto proponente e attuatore I.T.C. P.A.C.L.E. e ITER M. Luther King di Muggiò (MI) Via Allende, 3

Dettagli

Anno Scolastico 2015-2016

Anno Scolastico 2015-2016 Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni Pascoli Via Tagliamonte, 21 80058 Torre Annunziata (Na) POF Anno Scolastico 2015-2016 PREMESSA L istituzione scolastica effettua la programmazione triennale dell

Dettagli

Tutelare l infanzia negata e garantire il diritto del minore alla famiglia

Tutelare l infanzia negata e garantire il diritto del minore alla famiglia Piano d azione: Garantire e tutelare il diritto all infanzia Area SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Tutelare l infanzia negata e garantire il diritto del minore alla famiglia Procedura per la

Dettagli

Comune di Coccaglio Provincia di Brescia. Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI

Comune di Coccaglio Provincia di Brescia. Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI Comune di Coccaglio Provincia di Brescia Regolamento Comunale PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E SUSSIDI AD ENTI, ASSOCIAZIONI E PRIVATI Approvato con delibera C.C. n 34 del 21.06.2010 Deliberazione C.C.

Dettagli

alunni stranieri speciali sostegni servizi al suo interno laboratori didattici Situazione della scuola 3 Finalità del progetto 4.

alunni stranieri speciali sostegni servizi al suo interno laboratori didattici Situazione della scuola 3 Finalità del progetto 4. Istituto Omnicomprensivo Statale Beato Simone Fidati Scuola d Infanzia, Primaria, Secondaria primo grado e Secondaria Superiore (IPSIA) Località La Stella - 06043 Cascia (PG) 074376203 0743751017 074376180

Dettagli

Target Persone straniere vittime di tratta e sfruttamento sessuale, lavativo, accattonaggio

Target Persone straniere vittime di tratta e sfruttamento sessuale, lavativo, accattonaggio Titolo DIVENTARE PROTAGONISTI DELLA PROPRIA STORIA Servizi di riferimento 1. Sportello Accoglienza vittime di tratta SEDE TORINO CORSO TRAPANI 91 B Il Servizio prevede l accoglienza delle persone in un

Dettagli

LINEE PROGRAMMATICHE FUNZIONE STRUMENTALE N. 3 «INTERVENTI E SERVIZI PER GLI STUDENTI

LINEE PROGRAMMATICHE FUNZIONE STRUMENTALE N. 3 «INTERVENTI E SERVIZI PER GLI STUDENTI ISTITUTO STATALE d ISTRUZIONE SUPERIORE P. Branchina - Adrano ANNO SCOLASTICO 2014-2015 LINEE PROGRAMMATICHE FUNZIONE STRUMENTALE N. 3 «INTERVENTI E SERVIZI PER GLI STUDENTI orientamento in entrata e in

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Settore Istruzione, Sport, Cultura, Associazionismo OGGETTO : APPROVAZIONE DEL NUOVO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI BENEFICI E CONTRIBUTI AGLI

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Campagna informativa nazionale Il corretto uso dei servizi di emergenza urgenza Proposta per la realizzazione di interventi di promozione ed educazione alla salute nella Scuola Il Ministero della Salute,

Dettagli

Carta dei servizi Onda Società Cooperativa Sociale

Carta dei servizi Onda Società Cooperativa Sociale Carta dei servizi 1 INDICE Presentazione...p. 3 Principi fondamentali...p. 3 A chi ci rivolgiamo...p. 4 Il nostro assetto istituzionale: ruoli e funzioni...p. 4 Progetti e Servizi...p. 6 Standard di qualità...

Dettagli

YZ Volley A.S.Dilettantistica Via Filippo De Pisis, 9 40133 Bologna P.IVA 03226041204 Progetto per la pallavolo nelle scuole di Bologna. Pag.

YZ Volley A.S.Dilettantistica Via Filippo De Pisis, 9 40133 Bologna P.IVA 03226041204 Progetto per la pallavolo nelle scuole di Bologna. Pag. Premessa... 3 Le società sportive coinvolte nel progetto... 3 Obiettivi... 4 Il progetto... 4 Obiettivi didattici nelle scuole... 5 Gli eventi... 5 La visibilità del progetto... 6 I coordinatori del progetto...

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Repubblica Italiana Regione Siciliana Primo Istituto Comprensivo di Scuola Materna, Elementare e Media Leonardo Da Vinci Via Concetto Marchesi

Dettagli

PROGETTI SPECIFICI. I PROGETTI svolti da personale esperto del settore SARANNO EFFETTUATI A CONDIZIONE CHE SUSSISTANO LE RISORSE ECONOMICHE E UMANE.

PROGETTI SPECIFICI. I PROGETTI svolti da personale esperto del settore SARANNO EFFETTUATI A CONDIZIONE CHE SUSSISTANO LE RISORSE ECONOMICHE E UMANE. PROGETTI SPECIFICI Scuola dell infanzia di Cuasso al Monte I PROGETTI svolti da personale esperto del settore SARANNO EFFETTUATI A CONDIZIONE CHE SUSSISTANO LE RISORSE ECONOMICHE E UMANE. Attività psicomotoria

Dettagli

Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca

Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ALFREDO FIORINI S c u o l a d e l l I n f a n z i a, S c u o l a P r i m a r i a e S c u o

Dettagli

di cucina, estetica, maglia e cucito, ginnastica dolce, musicoterapia);

di cucina, estetica, maglia e cucito, ginnastica dolce, musicoterapia); ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: PERUGIA - DADI: disabili anziani diritti inclusione SETTORE e Area di Intervento: Settore: Assistenza Area d intervento: Disabilità (prevalente)

Dettagli

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio

Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio Allegato 1 REVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE DEL COMPARTO Progetto per la valutazione dei comportamenti organizzativi del personale del comparto in Arpa Repertorio SINTESI DEI COMPORTAMENTI ORGANIZZATIVI

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO IRECOOP VENETO

CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO IRECOOP VENETO CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO IRECOOP VENETO disegniamo insieme a te il futuro sede Via Savelli, 128-35129 Padova - tel. +39 049 8076143 - fax +39 049 8076136 - sito www.irecoop.veneto.it mail info@irecoop.veneto.it

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 49/8 DEL 6.10.2015

DELIBERAZIONE N. 49/8 DEL 6.10.2015 Oggetto: Progetto Tutti a Iscol@. Azioni di contrasto alla dispersione scolastica e per il miglioramento delle competenze di base degli studenti. Anno scolastico 2015/2016. L'Assessore della Pubblica Istruzione,

Dettagli

- OLIMPIADI DI PROBLEM SOLVING - Informatica e pensiero algoritmico nella scuola dell'obbligo

- OLIMPIADI DI PROBLEM SOLVING - Informatica e pensiero algoritmico nella scuola dell'obbligo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema

Dettagli

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1.

Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Castelfranco E., 13 04-2013 Oggetto: descrizione dettagliata del progetto Un curricolo verticale per il successo formativo, Linea 1. Come già specificato il progetto, parte integrante del POF della scuola,

Dettagli

IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ;

IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ; IL CALCIO È UN GIOCO PER TUTTI; IL CALCIO DEVE POTER ESSERE PRATICATO DOVUNQUE; IL CALCIO È CREATIVITÀ; IL CALCIO È DINAMICITÀ; IL CALCIO È ONESTÀ; IL CALCIO È SEMPLICITÀ; IL CALCIO DEVE ESSERE SVOLTO

Dettagli

AUDIT 5. Rapporto della valutazione. Prof.ssa Lia Maida

AUDIT 5. Rapporto della valutazione. Prof.ssa Lia Maida AUDIT 5. Rapporto della Campo dell audit (Istituto / Centro di formazione) Estensione temporale Responsabile del Progetto ValeRIA Responsabile del progetto di Istituto Prof.ssa Lia Maida Responsabile dell

Dettagli

GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLE SECONDARIE DI I E II GRADO A.S. 2009/2010. Progetto Tecnico

GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLE SECONDARIE DI I E II GRADO A.S. 2009/2010. Progetto Tecnico GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI SCUOLE SECONDARIE DI I E II GRADO A.S. 2009/2010 Progetto Tecnico I Giochi Sportivi Studenteschi (GSS) sono promossi ed organizzati dal Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

COMUNE DI TRIGGIANO Provincia di Bari Servizio Pubblica Istruzione, Sport e Tempo Libero

COMUNE DI TRIGGIANO Provincia di Bari Servizio Pubblica Istruzione, Sport e Tempo Libero BANDO PUBBLICO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE OPERANTI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI TRIGGIANO - INDIVIDUAZIONE DEI CRITERI - Art. 1 FINALITA Il Comune di Triggiano

Dettagli

ASS.ONLUS PICCOLI AMICI. COSTITUITA IL 2 OTTOBRE 2000 Via del Carabiniere 6 33170 Pordenone c.f: 91049500936 Aggiornamento 27 marzo 2014

ASS.ONLUS PICCOLI AMICI. COSTITUITA IL 2 OTTOBRE 2000 Via del Carabiniere 6 33170 Pordenone c.f: 91049500936 Aggiornamento 27 marzo 2014 ASS.ONLUS PICCOLI AMICI COSTITUITA IL 2 OTTOBRE 2000 Via del Carabiniere 6 33170 Pordenone c.f: 91049500936 Aggiornamento 27 marzo 2014 LA NOSTRA STORIA L Associazione ONLUS Piccoli Amici nasce il 2 ottobre

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

Progetto Lingua Comune: l italiano per stranieri

Progetto Lingua Comune: l italiano per stranieri Parte Seconda: Relazione illustrativa del progetto Titolo del progetto Progetto Lingua Comune: l italiano per stranieri Settore ed area di intervento del progetto (barrare le tematiche prevalenti nel progetto,

Dettagli

e dal quale emerga chiaramente:

e dal quale emerga chiaramente: LINEE GUIDA PER LA CONCESIONE DI CONTRIBUTI PER LE ATTIVITA SPORTIVE Art. 1: PRINCIPI Il Comune di Fabriano intende valorizzare la socializzazione attraverso lo sport e sostenere la crescita dei luoghi

Dettagli

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA

Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA SCHEDA INFORMATIVA Il progetto elaborato dall ISTITUTO PERTINI DI AFRAGOLA Per l iniziativa ministeriale nazionale PON C3 LE(G)ALI AL SUD. UN PROGETTO PER LA LEGALITA IN OGNI SCUOLA moduli didattici: Ambientiamoci

Dettagli

Scheda sintetica. (8 ottobre 2003)

Scheda sintetica. (8 ottobre 2003) INDAGINE SUL PARTENARIATO GENITORI-SCUOLA Scheda sintetica (8 ottobre 2003) 1. E la prima indagine sociologica sul campo effettuata in Italia. E stata basata su una ricognizione delle esperienze di partenariato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA Scopo del presente regolamento è di favorire e promuovere l apertura delle palestre scolastiche comunali al

Dettagli

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Obiettivi del workshop Fornire stimoli di riflessione e suscitare domande

Dettagli

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15

Neoassunti 2015/16. BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale. Versione del 09/12/15 Neoassunti 2015/16 BOZZA :Il bilancio di competenze iniziale Versione del 09/12/15 Sommario Sommario Sommario... 1 Introduzione... 2 La guida per la compilazione del Bilancio di Competenze... 2 A cosa

Dettagli

Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta. Piano di Integrazione di Istituto

Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta. Piano di Integrazione di Istituto Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta Piano di Integrazione di Istituto Valido per il triennio scolastico 2015 / 2018 PREMESSA Con il Progetto d Istituto per l Integrazione Scolastica degli

Dettagli

In collaborazione con:

In collaborazione con: In collaborazione con: Rete tante tinte I.C. VR 11 BORGO ROMA OVEST BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI PRESENTATI DA ASSOCIAZIONI DI STRANIERI ai sensi del: Programma Regionale di iniziative e interventi

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA La scuola si impegna a: PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA organizzare l orario su 5 giorni in settimana per favorire le attività di allenamento e la partecipazione alle competizioni sportive degli studenti;

Dettagli

Settore Formazione Corso di informazione/formazione per gli insegnanti delle Scuole Medie Inferiori sull utilizzo di Lezioni di fiducia

Settore Formazione Corso di informazione/formazione per gli insegnanti delle Scuole Medie Inferiori sull utilizzo di Lezioni di fiducia Corso di informazione/formazione per gli insegnanti delle Scuole Medie Inferiori sull utilizzo di Lezioni di fiducia e approfondimento delle problematiche relative all abuso e al maltrattamento all adolescenza

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GlocalzzAzione SETTORE e Area di Intervento: ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Educazione e Promozione culturale. Interventi di animazione nel territorio OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PROGETTO : SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Dottor. ssa Valentina Cerri Psicologa e Psicoterapeuta PREMESSA L adolescenza e la preadolescenza costituiscono fasi

Dettagli

LO PSICOLOGO IN AZIENDA L analisi e la promozione di un buon clima aziendale

LO PSICOLOGO IN AZIENDA L analisi e la promozione di un buon clima aziendale LO PSICOLOGO IN AZIENDA L analisi e la promozione di un buon clima aziendale Associazione DAGUS www.associazionedagus.it associazione.dagus@gmail.com. 1 Lo psicologo in azienda L analisi e la promozione

Dettagli

AREA 3: HANDICAP, DISAGIO, INTERCULTURA Funzione Strumentale: TUSCANO MARIA ROSA

AREA 3: HANDICAP, DISAGIO, INTERCULTURA Funzione Strumentale: TUSCANO MARIA ROSA AREA 3: HANDICAP, DISAGIO, INTERCULTURA Funzione Strumentale: TUSCANO MARIA ROSA 1. Le diversità: handicap Offrire agli alunni diversamente abili maggiori opportunità di potenziare le capacità. gli apprendimenti

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale C. Govoni:

Istituto Comprensivo Statale C. Govoni: Istituto Comprensivo Statale C. Govoni: Scuola secondaria di primo grado T. Tasso Scuola primaria C. Govoni Scuola Primaria M. Poledrelli Scuola Primaria G. Leopardi Scuola Primaria A. Volta-Doro 1 PREMESSA

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BALANGERO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA Scuola Primaria Anno scolastico 2013/2014 Il Collegio dei Docenti della Scuola Primaria dell Istituto Comprensivo di Balangero condivide

Dettagli

L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE NEI CENTRI AGGREGATIVI

L ACCOGLIENZA E L INTEGRAZIONE NEI CENTRI AGGREGATIVI ASSOCIAZIONE INTERCULTURALE NARRAMONDI onlus Sede Legale: Via L. Settembrini, n 14 90145 Palermo Via Mario Rapisardi n 68/A 90144 Palermo Codice Fiscale: 97148690825 Partita IVA: 05187110829 telefono e

Dettagli

Genova 13 Settembre 2010

Genova 13 Settembre 2010 Genova 13 Settembre 2010 Progetto Giovani Matteo Quarantelli 2 La percezione della qualità di un servizio è generato dalla corrispondenza con le aspettative (bisogni) degli utenti. I nostri utenti sono

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli