Dal 12 al 18 dicembre 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dal 12 al 18 dicembre 2015"

Transcript

1 SELEZIONE DELLA RASSEGNA STAMPA GARDESANA Dal 12 al 18 dicembre 2015 da BRESCIA OGGI dal GIORNALE DI BRESCIA da L ARENA da L ADIGE dal TRENTINO dalla GAZZETTA DI MANTOVA dal CORRIERE DELLA SERA ALTRE FONTI da BRESCIA OGGI mercoledì 16 dicembre 2015 SPORT Pagina 32 LEGA PRO. Al MuSa la cena di Natale dei gardesani che stanno vivendo un periodo magico L'augurio della Feralpi Salò «Per un posto nella storia» Sergio Zanca Il presidente Giuseppe Pasini applaude: «Siamo al livello delle grandi» E Diana pensa positivo: «Una rosa di livello: si può dare il massimo»

2 Un anno da incorniciare festeggiato tra opere d'arte. La Feralpi Salò ha brindato al 2015 che volge al termine nel museo di Salò, tra capolavori e pezzi di storia. Autorità, soci, sponsor, fornitori, dirigenti, calciatori, staff tecnico e collaboratori sono stati accolti nel salone principale del MuSa per la cena natalizia e il tradizionale scambio di auguri. Il museo locale, inaugurato recentemente, è stato concesso dal presidente-direttore Giordano Bruno Guerri, che si avvale della collaborazione di Annarita Della Penna, responsabile dei progetti speciali. L'occasione, dunque, per uno spumeggiante brindisi al 2015, l'anno di tante vittorie. Ne ha conquistate 13, la squadra verde azzurra: 5 nel girone di ritorno dello scorso campionato, con Beppe Scienza (il 10 gennaio a Vicenza, contro il Real di Marcolini, poi col Venezia di Serena, a Bolzano col Sudtirol, a Gorgonzola col Giana e nel derby col Lumezzane) e 8 in questo avvio di stagione (con Serena in panchina, al Moccagatta, contro l'alessandria dell'ex Scienza, a Busto Arsizio con la Pro Patria, a Cremona, e, dopo l'arrivo di Aimo Diana, a Bergamo con l'albinoleffe, col Lumezzane, a Mantova, col Pordenone e domenica a Cittadella). Per completare il tabellone manca il confronto di sabato col Giana.«UN 2015 DA RICORDARE - ripete il presidente Giuseppe Pasini-, coni l risultato storico del sesto posto di maggio, traguardo mai raggiunto in Lega Pro. E poi la soddisfazione riguardante il piazzamento attuale. Siamo terzi, in compagnia delle grandi. Abbiamo allestito una bella squadra, e possiamo giocarcela con chiunque. Il campionato è lungo, non esistono formazioni materasso, e qualsiasi partita è difficilissima, ma noi sogniamo un posto nella storia. La novità per il 2016? Sarà creata un'area hospitality all'interno dello sadio Turina».«Un plauso va ai ragazzi e, soprattutto, alla società, che ha costruito questa rosa, dai valori molto alti - sostiene Diana-. Io do il massimo per farli andare bene. Però sono un primino, e da loro imparo tanto. Il girone è molto difficile, e ogni giornata riserva risultati sorprendenti. L'importante è mantenere la testa sulle spalle». Sul MuSa, lo splendido contenitore della serata, Pasini afferma che «dopo il Vittoriale, anche questa location è un regalo per chi ci sostiene, e per quanti vorranno unirsi in futuro. La nostra zona regala perle che hanno scritto pagine di cultura. Vogliamo rimanere legati al territorio, continuando a crescere e a sorridere». L'EX CONVENTO di Santa Giustina, recuperato nell'ambito di un intervento di project financing, accoglie diverse sezioni: la storia e i suoi protagonisti, l'osservatorio meteo sismico, la nascita di una piccola capitale, l'età veneziana, la liuteria, il periodo della Repubblica sociale italiana, la Civica raccolta del disegno. Prima della cena, i presenti (130) hanno compiuto un cammino tra personaggi come Anton Maria Mucchi, che ha lasciato tele, ceramiche e capitelli, Jacopo Bonfadio, umanista, Sebastiano Paride da Lodrone, Giuseppe Zanardelli, Gabriele D'Annunzio, Benito Mussolini. Nella sezione dedicata a Gasparo, maestro di violini, sono esposti il contrabbasso Colonna e strumenti antichi, provenienti da collezioni private: anche la Feralpi Salò vuole continuare a suonare musica deliziosa per i suoi tifosi domenica 13 dicembre 2015 CRONACA Pagina 13 SANITÀ. Il «quizzone» per la selezione dei direttori generali di aziende sanitarie e ospedaliere lombarde provoca una strage: bocciati metà dei partecipanti Nomine: Belleri, Borelli e Scarcella in corsa Fuori nomi eccellenti anche bresciani. Romele (Fi): «Bocciati perché non avvezzi alla tastiera del Pc» Il «quizzone» voluto dal governatore Roberto Maroni sta provocando un vero terremoto nella sanità lombarda. Dei trentasei direttori generali che hanno partecipato al test (gli altri tredici sono stati esclusi perché sulla via del pensionamento) solo in 18 sono stati promossi. Tra i bresciani resta fuori una mezza dozzina di nomi eccellenti, e qualcuno di essi scatena le ire di Forza Italia. Soprattutto l'esclusione del direttore generale dell'ospedale Montecroce di Desenzano Marco Votta si rivela un boccone difficile da digerire per l'onorevole Giuseppe Romele (Forza Italia), che avanza persino riserve sulla legittimità dell'atto promosso da Maroni. IL TRIO DI SAGGI Francesco Longo, Gianluca Vago e Cristina Masella, incaricato di scegliere i candidati migliori da inserire in una short list di cento nomi tra i quali il governatore potrà scegliere nelle prossime settimane i quaranta che saranno ai vertici delle strutture sanitarie

3 lombarde, ha fatto una strage. Solo tra i bresciani, oltre a Votta ha bocciato Francesco Vassallo direttore sanitario dell'asl di Brescia, Danilo Gariboldi direttore generale del Mellino Mellini di Chiari, Pier Mario Azzoni direttore amministrativo Asl Brescia, Renato Pedrini Asl Vallecamonica e Fabio Russo già direttore del Mellino Mellini. Dei bresciani restano in pista solo Renato Scarcella, che dopo due mandati alla Asl bresciana dovrebbe passare a Desenzano, il direttore generale degli Spedali Civili Ezio Belleri che resterebbe al suo posto, e Mauro Borelli direttore generale dell'asl di Mantova e già direttore dell'azienda ospedaliera di Desenzano dove potrebbe tornare. QUESTO secondo le indiscrezioni, ma sarà Maroni a decidere. Tra gli altri promossi eccellenti, tutti in corsa per nuove nomine da farsi entro Natale, il maroniano Giuseppe Rossi direttore generale dell'ospedale di Lodi, l'attuale direttore generale di Areu Alberto Zoli, il direttore generale del San Carlo Germeno Pellegatta, Luigi Ablondi, direttore a Crema, Mara Azzi alla guida di Ats Bergamo, Marco Onofri del Sant'Anna di Como e via dicendo. L'esame con il test c'è stato sabato scorso, e solo due giorni fa sono stati resi noti i risultati. Che stanno suscitando un vero polverone. Romele tuona soprattutto contro l'esclusione di Votta, determinata a quanto pare dalla scarsa dimestichezza con il computer. «Non si capisce a che titolo e per quale motivo si siano fatte selezioni tramite test - dice l'onorevole -, quando c'è una testimonianza di lavoro vero. Votta è uno dei primi dirigenti a livello lombardo e la sua bocciatura non ha senso. Come per tutti gli altri imprenditori, contano il fatturato e la produzione, e anche se qualcuno non è particolarmente versato al Pc non può essere cancellato dal sistema. Alcuni manager sono di riconosciuta capacità, sebbene non avvezzi alla tastiera». ROMELE indica pure l'esclusione di Armando Gozzini, secondo in classifica tra i dg ospedalieri con un punteggio di e a capo dell'azienda di Busto, Tradate e Saronno. E ha qualcosa da ridire anche sul sistema utilizzato per la selezione della short list, «praticata da una società esterna e costata 12 mila euro». Al di là della legittimità del test «sul quale avrei qualche riserva», l'onorevole azzurro precisa che il problema è a monte. «Non escludo una valutazione tramite test - dice -, ma questo non può essere l'unico elemento». Tra gli esclusi eccellenti, figura pure l'ex assessore regionale leghista Maria Cristina Cantù, rientrata da settembre al Trivulzio e data in corsa per la direzione del neurologico Besta. È in buona compagnia con il salviniano Enzo Brusini, attuale direttore generale del San Paolo, scivolato agli ultimi posti della classifica, e con Giovanni Michiara direttore generale del Fatebenefratelli, vicino a Paolo Berlusconi domenica 13 dicembre 2015 PROVINCIA Pagina 25 LA NUOVA NORMA. Contributo fino a 780 euro Ticket sui soccorsi l'alto Garda è pronto alla rivoluzione Luciano Scarpetta Nel mirino gli sport estremi e gli escursionisti imprudenti Il soccorso alpino e speleologico, d'ora in poi, costerà davvero caro ai novelli «Indiana Jones» e agli «sportivi della domenica»: fino a un esborso massimo di 780 euro. DOPO VALLE D'AOSTA, Veneto e Trentino, anche la Regione Lombardia, da mercoledì 25 novembre ha approvato il piano tariffario dei servizi di soccorso alpino e speleologico che graveranno sugli escursionisti per il recupero e salvataggio in zone impervie, infortunate o in situazione di emergenza. Casi del genere in alto Garda, con il proliferare della moda delle «vacanze attive» all'aria aperta, sono negli ultimi tempi sempre più frequenti per non dire quasi sistematici durante i fine settimana, nella bella stagione. A poco sono serviti fino ad ora gli appelli alla prudenza o le ordinanze sindacali emanate per disciplinare alcune pratiche, prima fra tutte il canyoning, in alcune zone degli altopiani gardesani. Il piano tariffario in vigore prevede per un mezzo di soccorso di «base» (ambulanza con soccorritori certificati di cui un autista) la compartecipazione per l'escursionistaalpinista di 56 euro all'ora. Per un mezzo di soccorso «intermedio» (ambulanza con infermiere e autista-soccorritori certificati) la compartecipazione di spesa è invece di 70 euro, mentre per il soccorso «avanzato» (ambulanza con

4 autista-soccorritore certificato, medico e infermiere) la cifra da sborsare è di 115 euro all'ora. Più cospicuo il valore dell'elisoccorso (equipaggio di volo, medico, infermiere e tecnico di elisoccorso del Soccorso Alpino) che si aggira attorno ai 1500 euro. Per quanto riguarda la cifra che l'utente deve pagare le nuove regole prevedono che sia calcolata in base ai minuti di effettivo impegno della risorsa messa a disposizione dai soccorsi. Da notare che a favore dei residenti in Lombardia la riduzione delle tariffe è del 30 per cento, mentre è della stessa percentuale l'incremento in caso di comportamento imprudente. sabato 12 dicembre 2015 PROVINCIA Pagina 25 DESENZANO. Per gli ex allievi del «Caterina de' Medici» sembra che la disoccupazione non esista: dalla cucina all'accoglienza i ragazzi si «sistemano» con facilità L'Istituto alberghier o manda tutti a lavorare Alessandro Gatta Il 56% trova il posto entro un mese dal diploma: in un anno la percentuale di occupati sale all'84% Il 12% sceglie di proseguire gli studi all'università Nel 1979 c'era una sola classe, meno di 30 studenti. Nel 1996 gli iscritti erano 270. Ora sono più di 700 e c'è la coda: altri 100 ragazzi in attesa, richieste che arrivano addirittura da Milano.Il motivo è concreto: il 56% degli studenti trova lavoro subito, il primo mese dopo il diploma, mentre l'85% si «sistema» entro il primo anno, di cui uno su otto all'estero. Ci sono poi quelli che si iscrivono all'università, il 12%. La somma è che quasi nessuno resta a spasso, con in tasca un diploma di questa scuola.sono I NUMERI dell'istituto alberghiero di Desenzano, il Caterina de Medici (sezione staccata dell'originale di Gardone Riviera) annunciati ieri mattina al convegno su turismo e accoglienza organizzato da Ezio Campagnola di Amira, l'associazione dei Maitres italiani, a cui hanno partecipato Valentino Righetti e Maria Sole Broglia, assessori a Desenzano e Sirmione, gli albergatori Vittorio Cerini e Marco Polettini.L'alberghiero vera fucina di talenti. La giovanissima Sara Rinaldo - seguita da professor Orazio Saretto - si è guadagnata il secondo posto al concorso nazionale dell'accademia di Forlimpopoli a suon di luccio del Garda e vini della Valtenesi. I ragazzi della 4C, 5E e 5D che insieme alla professoressa Concetta Grosso hanno imbastito una vera «azienda in azione», capitale sociale da 1000 euro e soci tra studenti e genitori, impegnati nel realizzare il CaDeMe (Caterina de Medici), un cioccolatino ripieno con un'oliva del Garda.Tanto orgoglio, anche se gli spazi cominciano ad essere stretti: «Questa scuola, che è in carico alla provincia, è stata progettata per 300 studenti, adesso siamo osserva il professor Osvaldo Zucchelli -. E meno male che il Comune ci ha concesso 12 aule extra».«per stare comodi - incalza il dirigente Daniele Toccacieli - avremmo bisogno di nuovi spogliatoi, di un paio di laboratori d'informatica, di nuovi laboratori e di almeno una decina di nuove aule. Ma non siamo arrabbiati: ai nostri ragazzi insegniamo anche che il sorriso fa parte del mestiere» Torna all elenco dei quotidiani

5 dal GIORNALE DI BRESCIA Rassegna stampa gardesana

6

7

8 Torna all elenco dei quotidiani da L ARENA martedì 15 dicembre 2015 PROVINCIA Pagina 39 SAN ZENO DI MONTAGNA e BRENZONE. La nuova normativa che elimina la «vita tecnica» non basta a sciogliere i nodifunivia, corsa contro il tempo e un'altra estate senza risalite Per conoscere il futuro della funivia di Prada si dovrà attendere, ancora una volta. Non sarà infatti sufficiente il decreto attuativo dell'articolo 31 bis della legge 164/14, di imminente pubblicazione in Gazzetta ufficiale, che sancisce definitivamente l'eliminazione del concetto di «vita tecnica» degli impianti di risalita italiani. In sostanza d'ora in poi si valuterà il livello di sicurezza delle strutture e non l'anzianità dei manufatti. Il provvedimento era atteso da anni in tutto il Paese. Tuttavia per Prada l'iter per la riapertura non si ferma qui: sugli impianti a fune situati sulle pendici meridionali del Baldo, chiusi dall'agosto 2013 proprio per la scadenza delle proroghe della vita tecnica, infatti, pendono ancora come una spada di Damocle le irregolarità su alcuni piloni e plinti riscontrate dai tecnici ministeriali inviati dal Tar nel novembre In quella verifica di due anni fa, voluta dal ministero delle Infrastrutture e dei trasporti su indicazione del Tar del Veneto dopo il ricorso presentato dalla società di gestione Prada-Costabella srl, contro il provvedimento dell'ustif, Ufficio speciale trasporti impianti fissi del Veneto, che aveva negato un'altra proroga alla vita tecnica, i super tecnici avevano decretato che i basamenti non erano stati finiti ed erano stati costruiti con troppo poco cemento. Risultato: gli impianti non erano sicuri.da allora sono cambiate le amministrazioni comunali dei due paesi proprietari dell'impianto, San Zeno di Montagna e Brenzone, come due consigli di amministrazione della società, ma la funivia rimane ancora ferma al palo, bloccata da quello che appare quasi come un sortilegio.negli ultimi anni sono spuntati nuovi progetti per rifare la struttura. L'ultimo in ordine di tempo, presentato «in extremis» poche settimane fa per mantenere almeno uno dei due milioni di euro previsti dagli ex fondi Fas, prevede il rifacimento del secondo troncone, che dal baito Turri (ex rifugio Mondini) va a cima Costabella, attraverso una nuova seggiovia biposto ad agganciamento fisso. Per il primo tratto, la bidonvia che inizia dalla stazione di partenza, invece è prevista solo una profonda manutenzione. Il costo totale previsto si aggira attorno ai tre milioni di euro.nel frattempo Atf, Azienda trasporti funicolari di Malcesine prosegue nel lavoro di redazione del piano definitivo per la gestione della funivia di Prada, che tra l'altro prevede la sostituzione dei plinti, e su cui puntano anche le due amministrazioni comunali. Sulle tempistiche per una possibile riapertura degli impianti anche i più ottimisti sembrano ormai escludere la prossima estate. Più verosimile, sebbene non certa, l'ipotesi dell'estate 2017.Sull'altro fronte intanto prosegue l'iter per concretizzare quel protocollo d'intesa tra la Provincia e i Comuni di San Zeno di Montagna, Brenzone e Malcesine per la creazione di un gruppo di lavoro «che formuli azioni per lo sviluppo del monte Baldo», approvato a fine novembre in Consiglio provinciale. E nell'ottica del rilancio di tutto il territorio del Baldo, in cima alle priorità del piano c'è proprio la riapertura degli impianti di Prada. In una riunione informale avvenuta nei giorni scorsi in Provincia, si sono definiti i primi nomi di chi formerà il «tavolo di lavoro». Per l'ente provinciale è stata indicata Elisabetta Pellegrini, ingegnere e dirigente della Provincia, che sarà anche il coordinatore del gruppo. Per San Zeno di Montagna ci sarà il vice sindaco Piergiorgio Schena, mentre per Brenzone è stato scelto l'avvocato Rinaldo Sartori, già sindaco dello stesso paese gardesano e che per anni come primo cittadino ha seguito da vicino la questione di Prada e di temi legati al Baldo. Il Comune di Malcesine dovrebbe aderire al protocollo d'intesa nei prossimi giorni individuando a sua volta il proprio candidato, che potrebbe essere lo stesso sindaco Nicola Marchesini. L'obiettivo dei promotori

9 dell'intesa è chiudere il cerchio entro Natale, anche perché il tempo stringe. Entro il 31 gennaio infatti il gruppo di lavoro dovrà presentare una proposta su Prada e sulla valorizzazione del Baldo. sabato 12 dicembre 2015 PROVINCIA Pagina 48 PESCHIERA. Gettate le basi per l'operatività della Destination Management Organization per il comprensorio del Garda Turismo, tre milioni in tre anni La Dmo ha il piano di sviluppo La gestazione è stata lunga e un po' travagliata, ma alla fine ha visto la luce: la Dmo (Destination Management Organization) del lago di Garda, riconosciuta sulla carta dalla Regione Veneto a marzo, ha gettato le basi per diventare operativa. L'acronimo inglese (tradotto «Organizzazione di gestione della destinazione turistica») non aiuta a capire la funzione di questo nuovo organismo introdotto dalla Regione con la legge 11 del 2013 con lo scopo di coordinare promozione, commercializzazione e informazione turistica in specifici ambiti territoriali accomunati da particolarità paesaggistiche e culturali, come il lago di Garda. CABINA DI REGIA. Per farlo nei mesi scorsi è stata creata la «cabina di regia» della Dmo gardesana, formata da Camera di commercio, Provincia di Verona, Aeroporto Catullo, Verona Fiere e i Comuni gardesani, poi allargata ad altri Comuni dell'entroterra, alla Fondazione Arena e alle associazioni di categoria Federalberghi Garda Veneto e AssogardaCamping. Dopo il «contenitore» è arrivato il «contenuto»: si è deciso di affidare al Consorzio di promozione il ruolo di «braccio operativo» della Dmo, confermandone la funzione di promozione della destinazione lago di Garda sui mercati esteri e interni, ma inquadrandola all'interno di questa nuova cabina di regia.ieri A PESCHIERA è stato presentato alla stampa il piano marketing per il triennio , prosecuzione delle attività portate avanti in questi anni dal Consorzio. Un programma ambizioso, per cui serviranno 3 milioni di euro (uno all'anno) per i prossimi tre anni: finanziamenti che verranno coperti per la maggior parte dai Comuni attraverso una quota della tassa di soggiorno (sei centesimi per ogni presenza turistica registrata), in parte dalla Regione e in parte (e questa è la novità) dalla Camera di commercio, a cui spetta la funzione di monitoraggio della Dmo. Da definire le ripartizioni delle quote: la Regione non ha ancora stabilito lo stanziamento per il 2016, mentre bisognerà decidere in che forma contribuiranno i Comuni dell'entroterra che non hanno introdotto la tassa di soggiorno. «Uno dei principali ostacoli allo sviluppo del turismo è stato il mancato coordinamento tra gli attori della filiera», ha spiegato il presidente della Camera di commercio Giuseppe Riello, sottolineando che il primo passo concreto è arrivato dalla condivisione del piano predisposto dal Consorzio. «La capacità di collaborare tra pubblico e privato ci aiuterà a consolidare il marchio, il potenziale di richiamo, le presenze e l'economia del territorio», ha rimarcato Silvia Nicolis, membro della giunta della Camera di commercio. Il presidente dell'aeroporto Paolo Arena ha elogiato la sinergia che si è creata attorno alla Dmo, specificando che le prime risorse serviranno ad «attaccare alcuni mercati, con l'obiettivo di incrementare i 13 milioni di presenze registrati sulla sponda veronese del Garda. Dobbiamo lavorare insieme, senza divisioni, pensando a un territorio unico». Oltre al sindaco di Peschiera Orietta Gaiulli, che ha fatto gli onori di casa, erano presenti altri primi cittadini e assessori al turismo dei Comuni che hanno deciso di entrare nella Dmo. L'ALTRO NODO è dato dagli uffici di informazione e accoglienza turistica (Iat), con la confusione che si è registrata già quest'anno in seguito alle disposizioni previste dalla legge regionale e che ha comportato disomogeneità nella loro gestione. «Stiamo studiando un coordinamento anche per l'informazione e l'accoglienza turistica», ha anticipato il presidente del Consorzio Paolo Artelio, specificando che saranno necessari ulteriori finanziamenti per questa finalità Torna all elenco dei quotidiani

10 da L ADIGE «Il Garda patrimonio dell'umanità» In consiglio provinciale passa la proposta Patt Il lago di Garda «patrimonio mondiale dell'umanità dell'unesco». Più che un sogno, una speranza. Rispetto alla quale la giunta provinciale dovrà cominciare a muoversi nei prossimi mesi in accordo con Veneto e Lombardia «per proporre formalmente questa candidatura». Questo il succo dell'ordine del giorno presentato ieri dai consiglieri provinciale del Patt Manuela Bottamedi, Luca Giuliani e Walter Kaswalder nella discussione collegata alla manovra di bilancio e approvato all'unanimità dal consiglio provinciale. Un passo in avanti di un percorso che ha un obiettivo ambizioso, rispetto al quale i consigli regionali del Veneto e della Lombardia, e con essi la Comunità del Garda, si sono mossi da tempo. All'appello mancava solo la Provincia di Trento che ieri ha accettato la sfida e che nei prossimi mesi dovrà muoversi concretamente di conseguenza. L'ordine del giorno autonomista (prima firmataria Manuela Bottamedi) impegna formalmente la giunta provinciale a «ad avviare, utilizzando le risorse rese disponibili nel bilancio di previsione della Provincia , in particolare quelle relative alle missioni di tutela e valorizzazione dei beni e delle attività culturali, turismo e sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell'ambiente, un percorso formale e nelle sedi opportune, in collaborazione con le Regioni Veneto e Lombardia, per proporre la candidatura del territorio del Lago di Garda quale "Patrimonio mondiale dell'umanità dell'unesco"; e a coinvolgere, fin dalle fasi iniziali, le amministrazioni e le popolazioni locali - si legge ancora nel dispositivo della mozione - compresi gli attori turistici ed economici, nonché le numerose associazioni da tempo impegnate nella difesa e nella valorizzazione del lago». Il documento sottolinea come «se è vero che il Garda vanta bellezze paesaggistiche, culturali e architettoniche come pochi altri luoghi al mondo, c'è anche il problema di una tutela del territorio che negli scorsi anni non sempre è stata all'altezza. L'economia turistica che caratterizza il territorio del Garda necessita di un reale sostegno da parte degli enti di riferimento, al fine di disporre di adeguate risorse per interventi di carattere strategico, con particolare riferimento alla tutela del paesaggio, della qualità delle acque e regolazione dei livelli, della mobilità, della navigazione e della valorizzazione del patrimonio storico, archeologico, artistico e culturale. Il riconoscimento Unesco? Patrimonio dell'umanità - prosegue la mozione dei tre consiglieri autonomisti - non è solo un marchio di qualità, bensì un impegno concreto a sviluppare strategie e progetti coordinati, condivisi e partecipati fra i diversi territori, per uno sviluppo sociale ed economico sostenibile e durevole delle comunità. Nella piena consapevolezza che detto riconoscimento non rappresenta un punto di arrivo, ma piuttosto il primo passo di un percorso di responsabilità e di crescita culturale, sociale ed economica del territorio». 17/12/15 L'iniziativa. «Sì» all'ordine del giorno di Viola: sul lago l'alta formazione L'impegno è di quelli ambiziosi: costituire nell'alto Garda un polo formativo del turismo e del benessere, nell'ambito del quale proporre, già a partire dall'anno prossimo, corsi di alta formazione professionale. Questo è ciò che ha approvato ieri all'unanimità il consiglio provinciale, dando mandato alla giunta Rossi perché traduca in azioni concrete il progetto. L'iniziativa, resa possibile grazie ad un ordine del giorno allegato alla manovra finanziaria in queste ore in discussione in aula, è merito del consigliere Walter Viola, primo firmatario dell'ordine del giorno, sottoscritto anche dai colleghi Zanon, Simoni, Giovanazzi, Bottamedi e Giuliani. Per l'alto Garda, un'opportunità. Perché la formazione professionale in materia turistica è già realtà a queste latitudini da tempo. L'istituzione di corsi di alta formazione - a cui si accede dopo il diploma superiore - permette di immaginare un percorso da cui dovrebbero uscire figure professionali dotate di elevata preparazione tecnico gestionale, in questo caso nel settore del turismo. Banalizzando molto, manager turistici. Per questo è stato individuato l'alto Garda. Buono

11 per due motivi: per la tradizione decennale nel settore ma anche per la presenza sul territorio di soggetti che sulla formazione turistica si spendono da anni. «Da tempo si è costituita una forte rete che raccoglie i maggiori protagonisti dell'economia turistica del Garda Trentino - si legge nella premessa dell'ordine del giorno - rete che ha saputo sviluppare un'accurata proposta di progetto per la realizzazione del polo del turismo e del benessere e che vede all'attivo, oltre ai centri di formazione professionale Varone - Riva del Garda, Gardascuola di Arco, anche soggetti altamente qualificati: Ingarda Spa, Fiere e Congressi Spa, Hotel Du Lac, hotel Lido Palace, Asat Alto Garda e Ledro, Ucts, coordinamento degli imprenditori Alto Garda e Ledro». Da qui l'ordine del giorno: polo del turismo e del benessere e corsi di alta formazione professionale da realizzare mettendo in rete questi soggetti, partendo naturalmente da Varone Riva e Gardascuola. 17/12/15 Torna all elenco dei quotidiani dal TRENTINO L incontro di Rossi e Gilmozzi con i consigli comunali: prima il tunnel da 1,7 chilometri, poi la bonifica della Maza «La Loppio-Busa in quattro tappe» Ieri sera presso la sala assembleare della Comunità di Valle a Riva c erano davvero tutti i consiglieri comunali ad ascoltare l ultima proposta di progetto per il collegamento che da decenni tutto l Alto Garda attende con ansia. Presente il presidente della Provincia, Ugo Rossi, per dimostrare che questa volta si fa sul serio e che finalmente il futuro prossimo potrà vedere l avvio dei lavori della Loppio Busa. «È un tema di grande attenzione - ha esordito Rossi - e siamo qui oggi per presentare questa nuova proposta di progetto e per ascoltare in presa diretta le vostre reazioni e cercare insieme di arrivare a un progetto definitivo.» Il presidente della Provincia ha poi assicurato che le risorse per l attuale disegno sono già a bilancio, 127 milioni spendibili che si devono cominciare a usare già in questa legislatura. «Dobbiamo dimostrare che stiamo facendo sul serio perché questa non sarà un opera solo per l Alto Garda, ma per tutto il Trentino.» Dopo le rassicurazioni di Rossi l attenzione di tutti gli astanti si è rivolta sulla parte tecnica che già nei giorni scorsi aveva fatto storcere il naso a molti. L assessore provinciale alle infrastrutture e all ambiente, Mauro Gilmozzi ha così spiegato come l intero progetto sarà diviso in 4 lotti in modo da agevolare le tempistiche di tutte le opere. Un primo lotto riguarderà l appalto dei lavori per quanto concerne la galleria che rispetto alla proposta C del 2013 passa da 3300 metri a Il secondo lotto vedrà il recupero e la bonifica delle discarica alla Maza. Un lavoro importante che sfrutterà il nuovo bacino di raccolta, già predisposto all interno della stessa discarica prima della sua chiusura, per effettuare i lavori di bonifica e permettere in contemporanea al materiale di traforo del tunnel di essere riposizionato all uscita dello stesso. Gli ultimi due lotti riguardano la viabilità che troverà posto al di sopra del terreno bonificato e che nel nuovo progetto consta in due tornanti ad ampio raggio che dallo sbocco del tunnel raggiungeranno il fondovalle fino all allaccio già ponderato nella vecchia soluzione C e l ampliamento del corridoio comunicativo in via S.Isidoro e Aldo Moro. Lotto, quest ultimo particolarmente importante per garantire alla mobilità dall Alto Garda di essere fluida al pari di quella proveniente dal collegamento Loppio Busa. Il Tunnel, fulcro del progetto vedrà il suo imbocco a passo S.Giovanni, prima in galleria artificiale, pianeggiante, per circa 500 metri e poi in galleria naturale, scavata nella roccia con una pendenza del 5%, per i già citati 1750 metri. Sull imbocco del tunnel sarà inoltre prevista una bretella che garantisca il collegamento con il nascente hotel e che non vada a intralciare la ciclabile, importante collegamento per i mezzi a due ruote. Fuori dal tunnel e prima dei tornanti la nuova soluzione opta per una rotatoria. 15/12/15

12 Il 54% di chi sceglie il Garda per praticare sport, è appassionato della due ruote Al secondo posto c è l arrampicata, con il 20%, poi il windsurf con l 11% Turismo outdoor, domina la bicicletta RIVA. All'ex cinema Roma sono esposti fino al 6 gennaio i presepi della «Preseperia San Gregorio» di Michele De Vito, realizzati con le tecniche dell'antico artigianato napoletano. L'esposizione, realizzata dall'associazione Amici del Trentino, vuole accostare alla valenza culturale e artistica la sensibilizzazione sui temi della pace, dell'integrazione e della convivenza. Tutti i giorni dalle 10 alle e dalle alle Ingresso liberodi Leonardo Omezzolli walto GARDA Sul Garda Trentino il settore turistico trainante per chi sceglie l outdoor è senza dubbio il mondo del bike. A dirlo è il Rapporto 2015 stilato dal Servizio turismo e sport della Provincia autonoma di Trento che ha catalogato e analizzato i dati raccolti nelle varie Apt provinciali. Un riscontro importante che si inserisce nell ormai continua discussione sull accesso ai sentieri montani, oggi frequentati sia dai bikers che dai normali usufruitori della montagna. Emblematica la presa di posizione, soprattutto della Sat di Arco, che questa estate aveva apposto provocatoriamente dei cartelli su alcuni sentieri per vietare ai mezzi a due ruote l accesso a queste vie. Ora i numeri parlano chiaro e sembra che la questione non possa più essere ignorata e che si debba attuare un attenta gestione del patrimonio sentieristico altogardesano. Secondo i dati raccolti per quanto riguarda l area territoriale sottoposta a Ingarda si segnalano un totale di 700 mila presenze capaci di generare 2 milioni e 800 mila pernottamenti. Il flusso turistico è a prevalenza tedesca per una permanenza media sul territorio non superiore alle 4 notti. Indice questo di una scelta focalizzata e mirata. Della totalità degli arrivi un generoso 65%, anche in questo caso a prevalenza straniera e in particolare tedesca, dichiara di scegliere il Garda Trentino per la sua ampia gamma di offerte sportive legate all outdoor. Andando alla ricerca di qualche dato più specifico si può notare come per il 54% di questi sportivi l attività prescelta risulta essere proprio la bicicletta. In tutte le sfumature, sia di strada che Mtb. Risultano a maggior ragione più incisive le dichiarazioni di Elisa Ressegotti, presidente Asat Alto Garda e Ledro, espresse durante la conferenza sullo Sviluppo, ambiente territorio svoltasi alcuni giorni fa presso la sala consiliare nel Centro culturale di Dro. Parole che avevano espresso la necessità, proprio dal punti di vista alberghiero di accrescere e valorizzare il sistema delle ciclabili locali con la speranza di una, ad oggi futuristica, circumlacuale, un percorso ciclabile che possa costeggiare tutto il lago di Garda «Non avremmo competitor di alcun tipo a livello internazionale - aveva commentato Ressegotti - Sarebbe un attrattiva unica a livello mondiale.» L indagine provinciale sarà sicuramente impugnata dal neonato Bgt per fare forza su quanti hanno creduto il mondo del bike marginale per il tessuto turistico dell Alto Garda. Seguono a ruota l arrampicata con un importante 20% localizzata in maggior parte attorno all abitato di Arco ricco di falesie e importanti strutture, il windsurf con un 14% e il trekking con l 11%. Nell intervento di apertura al Report, l assessore provinciale al turismo, Michele Dallapiccola, sottolinea l importanza di rimanere competitivi sui mercati internazionali adeguandosi alle nuove richieste con proposte mirate e di qualità. 12/12/15 la novità Silvio Rigatti, presidente di Bike Garda Trentino, sta contattando tutti i comuni per aumentare l attenzione verso una pratica sportiva che attira sempre più turisti ALTO GARDA Il Bike Garda Trentino, guidato da Silvio Rigatti, presidente Bgt e titolare dell Aktiv Hotel Santalucia, non ha intenzione di starsene con le mani in mano e già dai giorni successivi la fondazione (la presentazione della nuova realtà è di poche settimane fa) si è mosso per sensibilizzare la comunità dell Alto Garda e Ledro sul tema turistico territoriale delle due ruote. «Stiamo andando di comune in comune - spiega Rigatti - per far firmare un protocollo

13 d intesa che ci riconosca come partner ufficiale sul territorio e per dimostrare così il nostro impegno a riguardo.» Il direttivo Bgt si ritrova regolarmente e carte alla mano mappa e studia i sentieri sparsi sul territorio altogardesano e non solo. «Con l avvento delle Mtb elettriche è chiaro che i km percorribili dai singoli sportivi aumenteranno notevolmente e questo implica di entrare in contatto con i territori limitrofi, come Fiavè e Brentonico.» Mezzi nuovi che impongono ulteriori riflessioni e che per il Bgt porteranno il Garda Trentino a un costante e intenso rapporto con l entroterra. «Dobbiamo far capire ai comuni - continua Rigatti - quanto è importante il bike per il nostro tessuto turistico, l attenzione per questa attività è in aumento e lo dimostrano i dati del Rapporto 2015 stilato dalla Provincia.» La proposta di Rigatti e del Bgt è semplice e si fonda sull aumento della quota parte nella manutenzione dei sentieri. «In questo modo non avremmo necessità di fare promozione sulle riviste specializzate - chiarisce Silvio Rigatti - Se offriamo dei sentieri ben mantenuti, messi in sicurezza e puliti saranno le riviste a venire da noi per sponsorizzare i loro marchi.» L impegno del Bgt appare concreto e non si limita a un studio cartografico, ma anche attraverso sopralluoghi mirati, non ultimo quello appena effettuato sul Baldo a seguito di un incontro con le autorità di Brentonico. ( 12/12/15 Torna all elenco dei quotidiani dalla GAZZETTA DI MANTOVA Viadana. Previsti sbarramenti con produzione di energia e conche per le navi Presenti molti tecnici, ma sulla motonave la politica è la grande assente Po navigabile sulla carta Ma i soldi sono un rebus VIADANA Rendere il Po navigabile tutto l anno? I progetti (come anticipato ieri dalla Gazzetta) ci sono, e anche adattabili alle necessità degli enti pubblici di risparmiare. Ora, però, mancano i soldi per trasformare ciò che è su carta in realtà. Serve un aiuto dall Europa, ma soprattutto servono le istituzioni, i politici che tengano i rapporti tra il territorio (anzi, i territori) e Roma, e Bruxelles. Ma proprio ieri, quando il nuovo studio sulla navigabilità del Po è stato presentato sulla motonave Stradivari ormeggiata al molo viadanese di via Al Ponte, i politici non c erano. L incontro, organizzato dall Aipo, dalle Regioni Lombardia, Emilia Romagna, Veneto, Piemonte e Unioncamere Veneto, si è tenuto ieri mattina. La presentazione del progetto riconduceva all ormai ultradiscusso problema della navigazione fluviale su quella che è, e rimane, la principale via d acqua d Italia. Si è parlato di sbarramenti trasversali sull asta del fiume e di opere necessarie alla navigabilità per 360 giorni all anno. Di sbarramenti con produzione di energia e di conche in grado di far risalire e scendere le imbarcazioni fluviali come avviene, anche, sui grandi fiumi europei. Il congresso non poteva essere ospitato in una sede più consona: un imbarcazione. Un ottantina di persone, per lo più addetti ai lavori, hanno preso parte al meeting. C erano Alfeo Brognara, responsabile regionale dell Emilia Romagna della navigazione interna, Giancarlo Mantovani, direttore del Consorzio di bonifica Delta Po, Franco Tiana, presidente della Commissione ambiente della Provincia di Mantova, Giovanni Veronesi del consorzio di bonifica Adige Po, Raffaele Monica del consorzio di Bonifica Destra Po e il sindaco di Pomponesco Giuseppe Baruffaldi. Ad aprire la giornata di studi sono stati gli ingegneri Luigi Mille, Paolo Ferrecchi, Ivano Galvani e Tiziano Binini, dell Aipo, che hanno riassunto la complessità del progetto di navigabilità del più importante corso d acqua d Italia. Nel merito tecnico sono intervenuti, in sequenza, il professor Alessandro Paoletti, sullo stato geofisico del fiume, illustrando le varie analisi riguardanti la sedimentologia e i trasporti solidi del fiume. A sua volta, l'ingegner Binini, prendendo la parola, ha

14 illustrato la situazione attuale del Po distinguendo le soluzioni di regimazione del fiume sia nello stato di sbarramento che in quello di corrente libera. È stato, quindi, il turno di Francesca Ramazzina, la quale ha illustrato i modelli idraulici che hanno permesso la realizzazione degli studi esposti. È seguito l intervenuto dell ingegner Ivo Frisia sugli aspetti ambientali del progetto. L ultimo intervento, riguardante il rapporto costi-benefici, è stato quello di Lorenzo Carapellesi. Il dibattito ha visto vari interventi: chi si è dichiarato critico sulla regimazione del fiume che si ripercuoterebbe negativamente sull innalzamento della falda derivante dagli sbarramenti, chi ha aggiunto: «Ci sono possibilità di attingere risorse dal piano Juncker che mette in campo la cifra di 21 miliardi per tutti i progetti europei. Anche a noi spetterà una quota. Vogliamo perderla?». La decisione passa, ora, dai tecnici ai politici la cui assordante assenza rappresenta un punto preoccupante nell'evoluzione del sistema dei trasporti del nord Italia. L Europa attende una risposta. Tullio Casilli 17/12/15 Bene la sperimentazione dell aumento della portata d acqua nei mesi estivi Pastacci: «Grandi risultati, ora però bisogna pensare ad un azione permanente» Lago e Mincio respirano Ma il problema sono i soldi Da giugno a settembre l'acqua nel Mincio è stata aumentata a beneficio delle Valli e del lago Superiore di Mantova. L'incremento della portata ha migliorato la qualità dell'acqua, producendo ottimi risultati, al punto tale che adesso si pensa di proseguire le operazioni, ma lo scoglio da superare sarà quello di riuscire a reperire le risorse, perché fino a questo momento tutto si è svolto quasi a costo zero. I dati dell'indagine sono stati illustrati ieri in Provincia. Grazie alla sinergia che si era instaurata per l'esperimento con i Consorzi di Bonifica ed Aipo, si è riusciti a fare transitare nel fiume e nei laghi cittadini una media di venti metri cubi di acqua al secondo. Regolando i flussi non si è quindi più scaricato nel canale Diversivo, recuperando una quantità idrica notevole, considerata tra l'altro maggiormente pulita in quanto proveniente da monte, nella zona di Sacca di Goito. «Questa sperimentazione è stata importante ed è nata da una problematica che da anni si sentiva sul territorio -ha affermato il presidente della Provincia Alessandro Pastacci-. Tutti gli Enti hanno fatto la loro parte con risorse scarsissime, quasi zero. L'interesse scientifico che si è sollevato è notevole. Occorre adesso pensare ad un'azione permanente. Serviranno anche dei finanziamenti». Ha quindi precisato che verranno sensibilizzati tutti i soggetti che ruotano attorno alle tematiche ambientali. Inoltre presenteranno il progetto alla regione Lombardia in quanto si ritiene debba diventare di sistema e continuativo. L'ingegnere Sandro Bellini, responsabile provinciale del servizio Acque e Suolo, ha però affermato che in questo momento «non è possibile subito pensare alla regolazione delle quote». «Se si faranno interventi strutturali su alcuni edifici collocati vicino al lago si potrebbero ottenere dei vantaggi alla vegetazione», ha ribattuto. Proprio riguardo la vegetazione acquatica è stato proposto di individuare una modalità di gestione per evitare la continua proliferazione, operando tagli selettivi ed asportando i materiali che si depositano sul fondo del fiume. Accorgimenti che dovranno essere parte integrante del contratto del fiume Mincio. «C'è un estrema proliferazione di alghe e piante acquatiche nel Mincio -ha spiegato Monica Pinardi del Cnr di Milano che ha effettuato lo studio in collaborazione all'università di Parma-. Un eccesso di azoto di circa seimila tonnellate all'anno. Se da un lato va bene per l'agricoltura, dall'altro non aiuta a mantenere il fiume in salute». Alla sperimentazione hanno contribuito anche Università di Pavia e Parco del Mincio. Graziella Scavazza 12/12/15 Torna all elenco dei quotidiani

15 dal CORRIERE DELLA SERA Martedì 15 Dicembre, 2015 CORRIERE DEL VENETO VERONA La Regione: «Dalla tassa di soggiorno i soldi per la promozione del Veneto» Caner: «Bastano 20 cent a turista». Insorgono gli albergatori: «I Comuni la alzeranno» VENEZIA Le casse piangono, negli ultimi dieci anni lo Stato ha tagliato i trasferimenti al Veneto per il Turismo da 37 miliardi di euro a 5,8 (1,8 dei quali vanno alle comunità montane), ma una promozione internazionale efficace costa almeno 30 milioni l anno. Per non parlare di tutti i progetti da finanziare e che possono contare solo su 40 milioni scarsi sui 600 corrisposti dall Unione Europea per il periodo 2014/2020. Come fare allora per lanciare adeguatamente la prima industria regionale, che per il 2015 conta 17 milioni di arrivi e 63 di presenze (+5,7% sul 2014) e fattura 17 miliardi di euro? «Ho chiesto ai sindaci di devolvere alla Regione una parte della tassa di soggiorno, variabile tra 1 e 5 euro al giorno a persona e che in totale vale 62 milioni di euro l anno, 20 dei quali incassati dalla sola Venezia annuncia Federico Caner, assessore al Turismo. Basterebbero 20 centesimi a persona per ricavare i fondi necessari a organizzare una promozione unitaria del Veneto, che non è solo Venezia ma è anche Dolomiti e lago di Garda, gli altri due punti di forza, e poi mare, città d arte, montagna, circuiti enogastronomici e ciclabili. Questi ultimi molto amati da bavaresi e austriaci ma da proporre pure ai tedeschi del Nord e ai danesi. La sfida è portare i turisti sull intero territorio». Tendenza già in essere: il 2015 registra un +10% di presenze in montagna, un +8,7% al lago, un +5% al mare e nelle città d arte e un +6% alle terme. Il tutto incorniciato da un +3,7% di presenze degli italiani e dal massimo storico degli stranieri: oltre 10,5 milioni (+1,2%). Caner ha parlato con i sindaci ieri, in un incontro a Venezia allargato a tutti gli operatori di settore. «So che la Tassa di soggiorno serve ai Comuni per compensare i buchi di bilancio e realizzare fognature, strade, ciclabili nota l assessore pur essendo pagata solo dai visitatori non viene reimpiegata nel turismo. E del resto la Regione non può imporre una tassa di scopo, perché la legge vieta due prelievi per il medesimo obiettivo. Si potrebbe allora creare un tavolo di coordinamento e decidere quale percentuale dedicare alla promozione del Veneto come brand unico (c è già il marchio con il leone stellato «Veneto tra terra e cielo, ndr»). Non ha senso che il singolo Comune partecipi alla tal fiera, dobbiamo andare insieme nella stessa direzione, fare sistema sotto il cappello della Regione. Se ci presentiamo uniti potremmo attirare più risorse da Roma e dalla Ue, se resiste la vecchia logica della distribuzione a pioggia non andiamo da nessuna parte». Così da fine gennaio verranno attivati nei sette capoluoghi tavoli provinciali con sindaci, albergatori, cooperative, associazioni dei coltivatori, consorzi per trovare una quadra e poi pubblicarne gli esiti su una piattaforma web, aperta al confronto tra circa 200 operatori. A fine marzo ci sarà una seconda convocazione, necessaria a concordare una strategia comune. Ma Confturismo storce il naso. «Sulla Tassa di soggiorno ci ha già messo gli occhi il ministero, per finanziare l Enit (l Agenzia nazionale del Turismo, ndr) spiega il presidente Marco Michielli, che è a capo anche di Federalberghi storia vecchia. E comunque i Comuni risponderanno picche, perché usano quei soldi per integrare la fiscalità ordinaria e quindi fare strade, illuminazione, ponti. Fa bene Caner a riproporre il tema ma non avrà successo, servirà solo a indurre i sindaci ad aumentare l imposta, marginalizzandoci ancora di più sul mercato del Mediterraneo. La crisi dei competitor danneggiati dal terrorismo finirà e noi dobbiamo essere all altezza, non massacrarci ulteriormente con una tassa che i Paesi concorrenti, come l Egitto, non hanno». Michela Nicolussi Moro Sabato 12 Dicembre, 2015 CORRIERE DEL VENETO - VERONA

16 Il Garda insieme per promuoversi Ma (per ora) i soldi sono pochi Turismo, al via al piano investimenti per la Dmo. Riello: gli imprenditori mettano risorse PESCHIERA Un milione l anno, dal 2016 al 2018, per la promozione turistica del lago di Garda con il compito di razionalizzare l offerta, concentrarla e presentarla all estero nei principali mercati internazionali. È l impegno di enti istituzionali e associazioni di categoria, che hanno aderito al piano di investimenti triennale della Dmo del Garda, (Destination Management Organization, la nuova azienda del turismo). È stata la prima ad essersi costituita in Veneto, il 31 marzo 2015: ne fanno parte Camera di Commercio, Provincia, Aeroporto, Fondazione Arena, Ente Fiera e 19 Comuni del Baldo-Garda. Ed ora vi sono entrate ufficialmente anche le associazioni di categoria di Federalberghi Garda Veneto e Assocamping. Il piano strategico di marketing della destinazione Lago di Garda è stato presentato ieri mattina nella Palazzina storica di Peschiera, con al tavolo il sindaco Orietta Gaiulli, il presidente della Camera di Commercio di Verona Giuseppe Riello e i suoi due delegati di giunta per la Dmo: Paolo Arena e Silvia Nicolis. La relazione del piano strategico è stata presentata da Paolo Artelio, presidente del Consorzio Lago di Garda Veneto. Il Consorzio, infatti, è il braccio operativo della Dmo. «Oggi si inizia a lavorare su un progetto concreto ha esordito Riello con un attività coordinata migliore del passato». L obiettivo è quello di confermare le presenze di alcuni mercati esteri già consolidati, in primis Germania, Austria, Svizzera, Italia, Olanda, Gran Bretagna, ma anche Paesi importanti e appetibili come la Russia o altri Paesi emergenti del mercato globale. Insomma, puntare sul «sistema Verona», come ha sottolineato Paolo Arena, a cui far aderire più soggetti possibile, anche privati come Confindustria, Confcommercio, Federalberghi e Assocamping, o altri, per «fare cassa» da investire nella promozione dell intero territorio gardesano. «Gli imprenditori dovranno metterci le risorse se vorranno entrare nella promozione della Dmo precisa Riello altrimenti rimarranno fuori». Soldi cash, infatti, per ora non ce ne sono tanti nel piatto, sebbene gli enti si siano impegnati per i prossimi tre anni a versare contributi alla Dmo, come anche la Regione Veneto che nel messaggio inviato dall assessore al Turismo, Federico Caner precisa: «Ci sarà il mio personale impegno per la promozione della sponda veneta del lago di Garda». L azione della Dmo, punta, così, al potenziamento della piattaforma web, con uffici stampa in Italia, ma anche in Olanda, Inghilterra e Germania, per massificare la presenza del Garda anche su Tv e internet, con visibilità organica su Google, Trivago, Tripadvisor e altri. Annamaria Schiano Torna all elenco dei quotidiani A cura dell Ufficio Stampa della COMUNITÀ DEL GARDA Villa Mirabella Via dei Colli Gardone Riviera (BS) Tel Fax

PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO

PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO Comunicato stampa PROVINCIA, DISTRETTO CULTURALE, COMUNE E TERME: INSIEME PER UN PROGETTO DI RILANCIO TURISTICO Presentato a Darfo Boario Terme il programma che apre nuove opportunità turistiche Da cento

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA

LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA LA MONTAGNA COME LUOGO DELL ACCESSIBILITA PER PERSONE CON DIVERSE ABILITA L ACCADEMIA DELLA MONTAGNA, CON IL COMITATO MONDIALI DELLA VALLE DI FIEMME E L APT LOCALE, PROMUOVE IL PROGETTO PILOTA FIEMME ACCESSIBILE

Dettagli

Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future

Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future INTERGRUPPO PARLAMENTARE SUL TERZO SETTORE Roma, 31 luglio 2013 ore 10:00-13:00 Sala delle Colonne Via Poli, 19 Seminario Il Servizio Civile Nazionale: problemi e prospettive future Il contributo di ASC

Dettagli

COMITATO PROVINCIALE DI VERONA Unità Bardolino Baldo Garda Via Gardesana dell'acqua 10 37011 Bardolino (Vr) Email

COMITATO PROVINCIALE DI VERONA Unità Bardolino Baldo Garda Via Gardesana dell'acqua 10 37011 Bardolino (Vr) Email COMITATO PROVINCIALE DI VERONA Unità Bardolino Baldo Garda ESTATE SUL GARDA 2013 Bardolino, lì 2 Febbraio 2013 Oggetto: Estate sul Garda 2013 - Servizio estivo presso la sede CRI Bardolino Baldo Garda

Dettagli

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo

Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo Il debutto pubblico del Comitato di Coordinamento del Volontariato lombardo REGIONE LOMBARDIA 38 Con la nascita del CCV-Lombardia, il volontariato PC della Regione compie un importante salto di qualità,

Dettagli

UN NUOVO PROGETTO PER IL TURISMO TERMALE DI DARFO BOARIO TERME

UN NUOVO PROGETTO PER IL TURISMO TERMALE DI DARFO BOARIO TERME La Valle dei Segni 3 marzo 2012 Capo di Ponte UN NUOVO PROGETTO PER IL TURISMO TERMALE DI DARFO BOARIO TERME Arch. Michela Vielmi Presidente Consorzio Turistico Terme di Boario I TEMI 1. CONTESTO: Valle

Dettagli

I quaderni di ED n.1. ed- energia pulita e dintorni. Il fotovoltaico in Emilia-Romagna I dati e le classifiche a giugno 2010

I quaderni di ED n.1. ed- energia pulita e dintorni. Il fotovoltaico in Emilia-Romagna I dati e le classifiche a giugno 2010 I quaderni di ED n.1 Il fotovoltaico in Emilia-Romagna I dati e le classifiche a giugno 2010 Chiuso in redazione il 20 luglio 2010 ed- energia pulita e dintorni direttore responsabile Giuseppe Musilli

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo

Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano - Pescara Intervento del Dott. Pier Giorgio Togni Direttore Generale Turismo III CONFERENZA ITALIANA PER IL TURISMO 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano-Pescara

Dettagli

ADESSO!PISTOIA QUALI POLITICHE PER IL CENTRO STORICO

ADESSO!PISTOIA QUALI POLITICHE PER IL CENTRO STORICO ADESSO!PISTOIA QUALI POLITICHE PER IL CENTRO STORICO Queste brevi riflessioni vogliono costituire uno stimolo al dibattito su un tema centrale per la vita di Pistoia, vale a dire sulla questione dell assetto

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/6 MISSIONE IN CALABRIA 11 marzo 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 15.00. PRESIDENTE. Buongiorno. La Commissione la ringrazia. Ci scusiamo, ma come sempre siamo in

Dettagli

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010

TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE. 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 TURISMO SOCIALE E FAMIGLIE 3 Workshop preparatorio al Congresso BITES Rimini 31 luglio 2010 Chi siamo? Nuova Planetario Viaggi spa, è un azienda autonoma, che opera nel settore del turismo, ma è anche

Dettagli

La domanda tiene, ma la crisi emerge

La domanda tiene, ma la crisi emerge La domanda tiene, ma la crisi emerge Sintesi del II Rapporto sulla Competitività e attrattività del sistema turistico Gardesano Roberta Apa Luciano Pilotti, Alessandra Tedeschi-Toschi Università di Milano

Dettagli

LA PICCOLA BASILICATA GIOCA LA CARTA DELL INNOVAZIONE

LA PICCOLA BASILICATA GIOCA LA CARTA DELL INNOVAZIONE L intervista LA PICCOLA BASILICATA GIOCA LA CARTA DELL INNOVAZIONE IL PRESIDENTE DELLA REGIONE, VITO DE FILIPPO, SPIEGA LE RAGIONI CHE HANNO SPINTO IL GOVERNO REGIONALE A PROMUOVERE UNA LEGGE PER IL SOSTEGNO

Dettagli

Designer e professione

Designer e professione Designer e professione di Filippo Bich Introduzione Cosa vuol dire oggi essere designer in Italia? Significa essere protagonisti di una professione conosciuta a tutti e amata dai più. Il designer però,

Dettagli

A Levico Terme la 3. edizione della Fiera delle vacanze in bici DUE GIORNI DI FESTA PER CONOSCERE I TERRITORI AMICI DELLE BICICLETTE

A Levico Terme la 3. edizione della Fiera delle vacanze in bici DUE GIORNI DI FESTA PER CONOSCERE I TERRITORI AMICI DELLE BICICLETTE A Levico Terme la 3. edizione della Fiera delle vacanze in bici DUE GIORNI DI FESTA PER CONOSCERE I TERRITORI AMICI DELLE BICICLETTE La 3. edizione della Fiera delle vacanze in bici si svolgerà a Levico

Dettagli

L affascinante Lago di Garda e l Opera lirica di Verona

L affascinante Lago di Garda e l Opera lirica di Verona L affascinante Lago di Garda e l Opera lirica di Verona Taste and Slow Italy - Trasimeno Travel Sas, Via Novella 1/F, 06061 Castiglione del Lago, Perugia. Tel. 075-953969, Fax 075-9652654 www.tasteandslowitaly.com

Dettagli

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà.

RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA. Sono diversi anni che la nostra economia attraversa una fase di grande e diffusa difficoltà. CONVEGNO IL FUTURO DEL LAVORO SI CHIAMA FORMAZIONE Roma, 19 aprile, Auditorium Parco della Musica RELAZIONE DEL PRESIDENTE FONDIMPRESA, GIORGIO FOSSA Sono diversi anni che la nostra economia attraversa

Dettagli

Verso una nuova leadership, su nuovi Mercati

Verso una nuova leadership, su nuovi Mercati GRUPPO AGENTI A tutti gli Agenti FONDIARIA SAI - Divisione SAI Loro Sedi Cari Colleghi, Il 13-14 -15 e 16 Ottobre 2011, ci incontriamo a Sirmione, per celebrare il nostro XXVI CONGRESSO NAZIONALE A questa

Dettagli

Programma di lavoro anni 2014/2015

Programma di lavoro anni 2014/2015 GIUDICARIE ESTERIORI TERME DI COMANO Provincia autonoma di Trento Agenzia per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili ACCORDO DI AREA PER LO SVILUPPO DEL DISTRETTO FAMIGLIA GIUDICARIE ESTERIORI

Dettagli

ANNI DI LEGA IN LOMBARDIA

ANNI DI LEGA IN LOMBARDIA 2 ANNI DI LEGA IN LOMBARDIA 1 Massimiliano Romeo Monzese, 44 anni, ha lavorato fino al 2010 presso lo studio di consulenza automobilistica di famiglia. Iscritto alla Lega Nord dal 1992, Responsabile del

Dettagli

Ogni viaggio nasce da un sogno, vive nella realtà, si perpetua nel ricordo ed è inscindibile dal suo racconto!

Ogni viaggio nasce da un sogno, vive nella realtà, si perpetua nel ricordo ed è inscindibile dal suo racconto! Ogni viaggio nasce da un sogno, vive nella realtà, si perpetua nel ricordo ed è inscindibile dal suo racconto! Solidità e passione Il gruppo Frigerio Viaggi Facciamo muovere il mondo Frigerio Ugo e C.

Dettagli

CONSIDERAZIONI GENERALI

CONSIDERAZIONI GENERALI CONSIDERAZIONI GENERALI In questo momento di forte cambiamento della scuola e di un accresciuto bisogno di orientamento il Salone dello Studente ha proposto una formula completamente nuova al fine di rispondere

Dettagli

Lega Nord per l indipendenza della Padania

Lega Nord per l indipendenza della Padania Lega Nord per l indipendenza della Padania Gruppo Consiliare di Desenzano del Garda (BS) Desenzano d/g., lì 02/10/2014 E-mail: segreteria@comune.desenzano.brescia.it Lettera inviata solo tramite e-mail

Dettagli

PEDALA PARCO La Lessinia in bici

PEDALA PARCO La Lessinia in bici Associazione Sportiva Dilettantistica PEDALA PARCO La Lessinia in bici PRESENTAZIONE PROGETTO: Alla scoperta della Lessinia ed il suo Parco Naturale in sella alla bicicletta. PREMESSE L idea di questo

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLA PROVINCIA DI BRESCIA

CARATTERISTICHE DELLA PROVINCIA DI BRESCIA MAPPATURE PIAZZOLE PROVINCIA DI BRESCIA Inf. F. ARRIGHINI - SSUEM BRESCIA L elisoccorso è una realtà ormai consolidata in Lombardia, a Brescia questo servizio ha preso avvio nel 1986, ed è stato interrotto

Dettagli

costruitevi il vostro evento

costruitevi il vostro evento In questa brochure vogliamo parlarvi dei nostri spazi, delle nostre persone, del nostro ambiente. Poi, immaginate voi cosa potrete fare dentro questa straordinaria struttura e cominciate a costruirlo.

Dettagli

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA

EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa EMBARGO FINO A SABATO 20 LUGLIO ORE 9.00 COMUNICATO STAMPA TURISMO ESTERO, CONFESERCENTI- REF: GLI STRANIERI CONTINUANO A SCEGLIERE L ITALIA, MA CONOSCONO POCO IL SUD: PREFERITO IL CENTRO-

Dettagli

COMITATO LOCALE C.R.I. BARDOLINO BALDO-GARDA Via Gardesana dell'acqua 10 37011 Bardolino (VR) Email cl.bardolinobaldogarda@cri.it Tel.

COMITATO LOCALE C.R.I. BARDOLINO BALDO-GARDA Via Gardesana dell'acqua 10 37011 Bardolino (VR) Email cl.bardolinobaldogarda@cri.it Tel. COMITATO LOCALE C.R.I. BARDOLINO BALDO-GARDA Bardolino (VR) Email Tel. 045 6212133 WEEK END SUL GARDA Bardolino, lì 10 marzo 2014 Oggetto: Week end sul Garda - Servizio presso la sede C.R.I Bardolino Baldo

Dettagli

RASSEGNA STAMPA UNIONE VENETA BONIFICHE TESTATE:

RASSEGNA STAMPA UNIONE VENETA BONIFICHE TESTATE: RASSEGNA STAMPA UNIONE VENETA BONIFICHE TESTATE: 28 GENNAIO 2014 UFFICIO COMUNICAZIONE UVB comunicazione@bonifica-uvb.it OGGI NOTIZIE SU: Consorzio/Pag. 1 2 3 4 5 6 7 Veronese Adige Po Delta del Po Alta

Dettagli

APERTURA DELL ASSESSORE MICHELA STANCHERIS

APERTURA DELL ASSESSORE MICHELA STANCHERIS Titolo documento: Progetto: ALL.1 Introduzione alla riunione di confronto con il partenariato politicoistituzionale e socio economico sui documenti di preparazione al Programma Triennale di Sviluppo Turistico

Dettagli

Dopo 30 anni una nuova legge resiliente

Dopo 30 anni una nuova legge resiliente Dopo 30 anni una nuova legge resiliente In Regione Lazio arrivano l'agenzia, la Consulta del volontariato e nuovi obiettivi sul fronte della formazione. Ne abbiamo parlato con Carlo Rosa, responsabile

Dettagli

III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI

III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI Alessandro PROFUMO: Sarebbe stato un grande piacere essere qui con voi questa mattina, ma il Comitato esecutivo dell ABI mi ha impegnato

Dettagli

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE

XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE XVII MEETING REGIONALE CNA PENSIONATI EMILIA ROMAGNA TURISMO SOCIALE E MARKETING TERRITORIALE Relazione del Presidente Regionale CNA Pensionati- Giovanni Giungi A noi viene voglia, nonostante questa valle

Dettagli

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI

INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI INTERVENTO PROF. GIORGIO BARBA NAVARETTI Grazie mille Gianni e grazie mille alla fondazione Italcementi Pesenti per questo invito. Credo che oggi il punto fondamentale sia cercare di ragionare su quella

Dettagli

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa

Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Finanziamenti comunitari Castelfranco città d Europa Lo scenario: Il punto di partenza L isolamento che Castelfranco Veneto soffre da anni è testimoniato anche dalla mancanza di strategia e di progettualità

Dettagli

RICICLO, TECNOLOGIA, passione. Verona. www.metalriciclo.com. METEF+FOUNDEQ e ALUMOTIVE. In contemporanea con: Main sponsor

RICICLO, TECNOLOGIA, passione. Verona. www.metalriciclo.com. METEF+FOUNDEQ e ALUMOTIVE. In contemporanea con: Main sponsor F I E R A D E L R I C I C L O I N D U S T R I A L E RICICLO, TECNOLOGIA, passione. 11-13 giugno 2014 Verona www.metalriciclo.com In contemporanea con: METEF+FOUNDEQ e ALUMOTIVE Main sponsor F I E R A D

Dettagli

Bilanci di Giustizia

Bilanci di Giustizia Bilanci di Giustizia_numero 05-06/12 - maggio-giugno Bilanci di Giustizia lettera di informazione tra gli aderenti alla campagna n 179 maggio-giugno2013 -In questo numero: - Incontro Annuale - Fuorirotta

Dettagli

martedì 27 marzo 2012

martedì 27 marzo 2012 martedì 27 marzo 2012 Rassegna del 27/03/2012 ENIT - AGENZIA Italia Oggi Indiscrezionario D'Aniello Puccio 1 Travel Non se ne può più... 2 Travel Squitt... 3 La voce della Andare in Sardegna... 4 Russia

Dettagli

CONFERENZA NAZIONALE FEDERCULTURE Le città della cultura

CONFERENZA NAZIONALE FEDERCULTURE Le città della cultura CONFERENZA NAZIONALE FEDERCULTURE Le città della cultura Il valore economico della cultura: come reinvestire l indotto generato dalla produzione culturale Intervento del Sindaco di Siena Franco Ceccuzzi

Dettagli

per fidelizzare i clienti

per fidelizzare i clienti 24 Aumentare i servizi per fidelizzare i clienti Offrire il servizio di revisione dei veicoli può essere un opportunità per raggiungere diversi obiettivi: aumentare e saturare il lavoro, impiegare meglio

Dettagli

VALE IL DISCORSO ORALE

VALE IL DISCORSO ORALE VALE IL DISCORSO ORALE Convegno SUPSI-SIA/TI-ATG-Rotary Club Mendrisiotto AlpTransit 2019: un futuro ad alta velocità per il Ticino? «Una rivoluzione per la mobilità e un opportunità per il territorio»

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Il Comune di Ravenna a-

Il Comune di Ravenna a- "Sicurezza dei pedoni": ecco la risposta di Ravenna LA CAMPAGNA REGIONALE II Comune aderisce a "Nati per Camminare" e il sindaco scrive una lettera che verrà distribuita nelle scuole: "L'auto non deve

Dettagli

Fondazione per l Università a Brindisi

Fondazione per l Università a Brindisi Fondazione per l Università a Brindisi Una Fondazione gestita dagli Enti pubblici e privati del territorio brindisino per il coordinamento e la promozione dell offerta formativa universitaria che altre

Dettagli

Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO

Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO ELENCO CANDIDATI Candidato alla carica di Presidente Fabio Colaiacomo nato a Roma il 14 marzo 1969 residente a Campagnano

Dettagli

VERSO IL CONTRATTO DI FIUME

VERSO IL CONTRATTO DI FIUME ACCORDO OPERATIVO TRA Parco del Mincio (Soggetto Promotore) Regione Lombardia - STER Mantova Regione Veneto ERSAF ARPA Lombardia AIPo Provincia di Mantova, Provincia di Brescia, Provincia di Verona Amministrazioni

Dettagli

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it Mercoledì 24 luglio 2013 1 2 Data: 18 /07/2013 Diffusione: PROGRAMMA OPERATIVO FESR, VIA ALLE CONSULTAZIONI Spacca: Innovazione e Macroregione, le strade da seguire per recuperare le risorse - Ancona -

Dettagli

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO REGIONE VENETO PROVINCIA DI BELLUNO COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO C. A. P. 3 2 0 4 3 C o r s o I t a l i a n. 3 3 T e l. 0 4 3 6 / 4 2 9 1 f a x 0 4 3 6 / 8 6 8 4 4 5 SERVIZIO CULTURA TURISMO E SPORT DETERMINAZIONE

Dettagli

Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale

Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale Il turismo sportivo nello sviluppo del marketing territoriale Caorle, 25 maggio 2013 Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Srl Il mestiere di promuovere i territori (città, province,

Dettagli

Una nuova grande fiera internazionale sulla bici. Una sede fieristica e un organizzazione forti

Una nuova grande fiera internazionale sulla bici. Una sede fieristica e un organizzazione forti Una nuova grande fiera internazionale sulla bici Una sede fieristica e un organizzazione forti La vita è come andare in bicicletta. Per mantenere l equilibrio devi muoverti. 1 SCENARIO La bicicletta è

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Intervento del Dott. Marco Di Lello Assessore al Turismo Regione Campania

Intervento del Dott. Marco Di Lello Assessore al Turismo Regione Campania 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano - Pescara Intervento del Dott. Marco Di Lello Assessore al Turismo Regione Campania III CONFERENZA ITALIANA PER IL TURISMO 30 settembre 1 ottobre 2006 Montesilvano-Pescara

Dettagli

Donne in impresa, una grande risorsa per il Paese

Donne in impresa, una grande risorsa per il Paese FORUM RIVISTA DELLA CNA DI EMILIA ROMAGNA MARCHE TOSCANA UMBRIA Le politiche femminili nelle regioni del centro nord Donne in impresa, una grande risorsa per il Paese a cura di Paola Morini Responsabile

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE RASSEGNA STAMPA

CONVEGNO NAZIONALE RASSEGNA STAMPA CONVEGNO NAZIONALE PRIMA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA ASILI NIDO, NIDI INTEGRATI, SEZIONI PRIMAVERA, ANTICIPO SCOLASTICO VERSO UN SISTEMA INTEGRATO FIRENZE, 12 GIUGNO 2010 RASSEGNA STAMPA RADIOGIORNALE RADIOVATICANA

Dettagli

PROGETTO OSTELLO Quella che stiamo presentando non è solo una semplice richiesta di poter gestire una splendida struttura di accoglienza; la gestione

PROGETTO OSTELLO Quella che stiamo presentando non è solo una semplice richiesta di poter gestire una splendida struttura di accoglienza; la gestione PROGETTO OSTELLO Quella che stiamo presentando non è solo una semplice richiesta di poter gestire una splendida struttura di accoglienza; la gestione di questa attività deve essere considerata anche l

Dettagli

L Euro e i consumatori

L Euro e i consumatori XII Edizione del Forum della Pubblica Amministrazione EURO, CITTADINI, PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Roma, 9 maggio 2001 L Euro e i consumatori Intervento di Giustino Trincia (procuratore nazionale dei cittadini

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE IL E IL SERVIZIO CIVILE POSITION PAPER Approvato dall assemblea del 14-15 Dicembre 2013 INTRODUZIONE Il Forum Nazionale dei Giovani nella transizione italiana Il Forum Nazionale dei Giovani ha, in questi

Dettagli

camping village LA GARDIOLA LAGO DI GARDA - San Felice d/b (BS) HHH campinglagardiola.com

camping village LA GARDIOLA LAGO DI GARDA - San Felice d/b (BS) HHH campinglagardiola.com camping village LAGO DI GARDA - San Felice d/b (BS) HHH campinglagardiola.com Sole, lago e tranquillità Il Camping Village si trova di fronte all isola del Garda, immerso in un atmosfera di pace e tranquillità

Dettagli

BILANCIO 2014, PER CVS 11,3 MILIONI DI EURO DI INVESTIMENTI REALIZZATI

BILANCIO 2014, PER CVS 11,3 MILIONI DI EURO DI INVESTIMENTI REALIZZATI BILANCIO CVS E BOLLETTA SOCIALE 28/04/2015 BILANCIO 2014, PER CVS 11,3 MILIONI DI EURO DI INVESTIMENTI REALIZZATI Il consuntivo 2014 approvato oggi dall assemblea dei Sindaci: 55,73 euro di investimenti

Dettagli

M079 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE (1999)

M079 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO PROFESSIONALE (1999) (1999) CORSO DI NUOVO ORDINAMENTO Per il nostro Paese il turismo è una delle attività più importanti dal punto di vista economico. Con il passare del tempo e con le profonde modificazioni sociali, culturali

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

Prevenzione incendi: una soluzione è possibile

Prevenzione incendi: una soluzione è possibile N.29-1-15 dicembre 2011 - Quindicinale online di informazione tecnico-professionale per FEDERALBERGHI EDIZIONE QUADRI Prevenzione incendi: una soluzione è possibile La 61a edizione del Sia Guest, Salone

Dettagli

GIUNTA REGIONE MARCHE

GIUNTA REGIONE MARCHE Come noto, Recanati è il paese natale di Giacomo Leopardi. Il suo centro caratteristico, gli itinerari culturali e artistici e la vicinanza con alcune delle più note località balneari della riviera Marchigiana,

Dettagli

Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace

Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi alla Conferenza Internazionale Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace Padova, 15 giugno 2007 1 Il servizio civile come celebrazione del 50 dei trattati

Dettagli

LA SCUOLA IN ITALIA UNITÁ 20

LA SCUOLA IN ITALIA UNITÁ 20 LA SCUOLA IN ITALIA In Italia, l istruzione è obbligatoria per otto anni, dai sei ai quattordici anni di età. La scuola dell obbligo inizia con la scuola elementare, che dura cinque anni, e continua con

Dettagli

Stella (Confprofessioni): bene incentivi Mise ma partita su fondi Ue

Stella (Confprofessioni): bene incentivi Mise ma partita su fondi Ue 16 aprile 2015 Stella (Confprofessioni): bene incentivi Mise ma partita su fondi Ue Articolo pubblicato il: 16/04/2015 "Benissimo gli incentivi e gli strumenti per la crescita, ma lo strumento principe

Dettagli

Costruiamo insieme una nuova cultura!

Costruiamo insieme una nuova cultura! Cittadinanza &Costituzione - Programma nazionale di EducAzione alla pace e ai Diritti Umani La mia scuola per la pace promosso dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani

Dettagli

PROGETTO SPERIMENTALE DI VALORIZZAZIONE E GESTIONE CONDIVISA DEL CENTRO STORICO DI BUSSETO. Relazione Tecnica

PROGETTO SPERIMENTALE DI VALORIZZAZIONE E GESTIONE CONDIVISA DEL CENTRO STORICO DI BUSSETO. Relazione Tecnica PROGETTO SPERIMENTALE DI VALORIZZAZIONE E GESTIONE CONDIVISA DEL CENTRO STORICO DI BUSSETO Relazione Tecnica Settembre 2014 SOMMARIO 2 1 PREMESSA Il presente documento rappresenta la Relazione tecnica

Dettagli

Il tempo misura la nostra Qualità

Il tempo misura la nostra Qualità azienda Il tempo misura la nostra Qualità DANTE BIANCHI Realizziamo opere fatte per durare. L esperienza ci sostiene, l innovazione ci guida. Perché l oggi e lo ieri sono le pietre con cui costruiamo il

Dettagli

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni culturali e delle attività culturali. Noi Dottori Commercialisti

Dettagli

Roberto Astuni. [albergatore per passione]

Roberto Astuni. [albergatore per passione] Roberto Astuni [albergatore per passione] Roberto Astuni general manager Bike Hotel Alla Corte «Perchè sono convinto che oggi il cicloturismo sia la priorità più innovativa e strategica in un processo

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO Bergamo, 22 ottobre 2012

PROVINCIA DI BERGAMO Bergamo, 22 ottobre 2012 PROVINCIA DI BERGAMO Bergamo, 22 ottobre 2012 IL PATTO DEI SINDACI Raccogliere la sfida della riduzione del 20% delle emissioni di CO2 entro il 2020 sul proprio territorio: questo, in estrema sintesi,

Dettagli

Formazione manageriale in Trentino

Formazione manageriale in Trentino Formazione manageriale in Trentino Linee strategiche Dal 2002 il sistema istituzionale trentino ha avviato una serie di esperienze di alta formazione nel settore turistico che, seppure in mutati assetti

Dettagli

COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi

COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi COM-PA 8 novembre 2006 Sintesi dell intervento del Dott. Carlo Bianchessi Ringrazio per l invito a partecipare a questo convegno. Nel mio intervento, svilupperò la case-history di un progetto su cui stiamo

Dettagli

RASSEGNA STAMPA LOCALE

RASSEGNA STAMPA LOCALE IL GAZZETTINO.IT 29 novembre 2010 RASSEGNA STAMPA LOCALE Scuole cattoliche in rivolta: «I debiti aumentano, così lo Stato ci fa chiudere» Il coordinatore contro Sacconi e il governo: «Avanziamo 400mila

Dettagli

Modelli di sviluppo del turismo montano Il caso Madonna di Campiglio. by Graziano Molon

Modelli di sviluppo del turismo montano Il caso Madonna di Campiglio. by Graziano Molon Modelli di sviluppo del turismo montano Il caso Madonna di Campiglio by Graziano Molon Madonna di Campiglio l Centro turistico rinomato del Trentino occidentale l 73 Km da Trento l 127 Km da Brescia l

Dettagli

La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale

La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale del loro contenuto per fini che esulano da un utilizzo

Dettagli

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato,

Per distinguersi in un mercato fortemente concentrato, DALLE TARIFFE ALLA CRESCITA UN ASSICURATORE GLOBALE CHE COPRE I BISOGNI DEL CLIENTE ANCHE IN AMBITI COME LA SALUTE, L ABITAZIONE, LA SICUREZZA PATRIMONIALE. TRA RIGORE TECNICO, RICHIESTA DI FLESSIBILITÀ

Dettagli

EXPO MILANO 2015 Expo Milano 2015 1,1 milioni di metri quadri 20 milioni di visitatori Expo Milano 2015 Expo Milano 2015

EXPO MILANO 2015 Expo Milano 2015 1,1 milioni di metri quadri 20 milioni di visitatori Expo Milano 2015 Expo Milano 2015 EXPO MILANO 2015 Expo 2015 è l Esposizione Universale che l Italia ospita a, una vetrina mondiale in cui i Paesi mostreranno il meglio delle proprie tecnologie in campo alimentare. Un area espositiva di

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle MISSIONE A CROTONE 17 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle PRESIDENTE. Signor sindaco, la ringraziamo per la presenza. Stiamo completando l inchiesta sulla Calabria.

Dettagli

UISP Emilia-Romagna APERTA, INTEGRATA E INNOVATIVA

UISP Emilia-Romagna APERTA, INTEGRATA E INNOVATIVA UISP Emilia-Romagna APERTA, INTEGRATA E INNOVATIVA Sintesi del Documento Programmatico in occasione dei Congressi Territoriali UISP in Emilia Romagna gennaio 2013 - Mauro Rozzi 1. Premessa: le riflessioni/visione

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

Il Consiglio Comunale di Seravezza

Il Consiglio Comunale di Seravezza Oggetto: Delibera della Giunta Regione Toscana di Proposta di deliberazione al Consiglio Regionale avente ad oggetto Adozione dell integrazione del PIT con valenza di Piano Paesaggistico - Approvazione

Dettagli

Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini

Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini Indagine sul futuro dei Giovani Albergatori Trentini Risultati dell indagine 2014 Ricerca commissionata dalla Presidente Giovani Albergatori Trentini dott. Francesca Maffei a cura dell Ufficio Marketing

Dettagli

FUNICOLARI, FUNIVIE E CREMAGLIERE: 130 ANNI DI TRASPORTI DI MONTAGNA A TORINO

FUNICOLARI, FUNIVIE E CREMAGLIERE: 130 ANNI DI TRASPORTI DI MONTAGNA A TORINO FUNICOLARI, FUNIVIE E CREMAGLIERE: 130 ANNI DI TRASPORTI DI MONTAGNA A TORINO 24 ottobre 2014 L OVOVIA DI ITALIA 61 E L ASCENSORE DELLA MOLE Simone Schiavi Socio fondatore e Consigliere ATTS Italia 61

Dettagli

CLIDA P3 ESAME 0307 FASE UNO PROVE SCRITTE FASE DUE PROVE ASCOLTO. Esami CLIDA. centro linguistico italiano dante alighieri Firenze.

CLIDA P3 ESAME 0307 FASE UNO PROVE SCRITTE FASE DUE PROVE ASCOLTO. Esami CLIDA. centro linguistico italiano dante alighieri Firenze. centro linguistico italiano dante alighieri Firenze Esami CLIDA CLIDA P3 ESAME 0307 FASE UNO PROVE SCRITTE FASE DUE PROVE ASCOLTO Sede esame Cognome Nome Firma... Prove scritte Inizio della fase uno Leggi

Dettagli

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA IN 11 PAESI DEL MONDO

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA IN 11 PAESI DEL MONDO L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA IN 11 PAESI DEL MONDO (ricerca di mercato condotta da GPF e ISPO) 15 dicembre 2005 Mezzogiorno d Italia 2004 1/18 SCOPO DELL INDAGINE Analizzare presso la Business Community

Dettagli

STRUTTURE TURISTICO ALBERGHIERE SELEZIONATE E GARANTITE RAINBOW NEL TRENTINO ALTO ADIGE

STRUTTURE TURISTICO ALBERGHIERE SELEZIONATE E GARANTITE RAINBOW NEL TRENTINO ALTO ADIGE 1 STRUTTURE TURISTICO ALBERGHIERE SELEZIONATE E GARANTITE RAINBOW NEL TRENTINO ALTO ADIGE Indice 1.Riva del Garda alcune delle 175 strutture disp.selezionate Rainbow pag. 2 1.1.Du Lac et Du Parc Grand

Dettagli

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE

SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE SINDACATI SVEDESI IL POSTO DELLE FAVOLE Di Alberto Nerazzini MILENA GABANELLI IN STUDIO Di solito quando si è in difficoltà è sempre propositivo andare a vedere come sono organizzati gli altri, non necessariamente

Dettagli

Veneto cantiere cultura energia creativa

Veneto cantiere cultura energia creativa Veneto cantiere cultura energia creativa Atlante Veneto della Cultura FEDERCULTURE statistiche e analisi sulle dinamiche del settore cultura in Veneto Roberto Grossi, Presidente Federculture L ATLANTE

Dettagli

Promuovere il territorio per promuovere il turismo

Promuovere il territorio per promuovere il turismo Promuovere il territorio per promuovere il turismo Da territorio a destinazione turistica Dare risposte alla domanda di sviluppo di un territorio A livello nazionale A livello locale Per uno sviluppo a

Dettagli

Mozione per la creazione di un vero Dicastero Turismo (Art. 67 LOC)

Mozione per la creazione di un vero Dicastero Turismo (Art. 67 LOC) Partito Liberale Radicale Sezione Brissago CH-6614 Brissago E-Mail: plrt.brissago@hotmail.com Brissago, 11 giugno 2012 Mozione per la creazione di un vero Dicastero Turismo (Art. 67 LOC) I sottoscritti

Dettagli

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana.

Come italiani, salviamo esseri umani, perché crediamo nei valori umani e nel rispetto della vita umana. signore e signori, è un grande onore per il mio Paese, per l Italia, essere qui oggi. Vorrei ringraziare la Repubblica Federale Democratica d Etiopia e il Presidente dell Assemblea Generale, Sam Kutesa,

Dettagli

LA VOGLIA E LA FORZA DI ESSERE I PRIMI

LA VOGLIA E LA FORZA DI ESSERE I PRIMI LA CERTIFICAZIONE LA VOGLIA E LA FORZA DI ESSERE I PRIMI ECOEVENTS è la prima società di eventi italiana certificata ISO 14001. La prima ad offrirvi la progettazione e la realizzazione di eventi che fanno

Dettagli

FORNITORI DI SOLUZIONI GLOBALI

FORNITORI DI SOLUZIONI GLOBALI A Carla Casartelli FORNITORI DI SOLUZIONI GLOBALI Con una radicata tradizione di servizio al cliente e una profonda esperienza nel mondo degli stampi, una realtà che offre una risposta globale in grado

Dettagli

Il Canton Ticino a Expo 2015

Il Canton Ticino a Expo 2015 Il Canton Ticino a Expo 2015 Paolo Beltraminelli Presidente del Consiglio di Stato Luigi Pedrazzini Delegato cantonale Expo 2015 del Consiglio di Stato Giampiero Gianella Cancelliere dello Stato Il Canton

Dettagli