Ad Aprile inizieranno i lavori per la metanizzazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ad Aprile inizieranno i lavori per la metanizzazione"

Transcript

1 Direzione e Redazione: C/da S. Donato (Pz) - Autorizzazione del Tribunale di Potenza n. 301 del 24/10/ Stampa grafiche Miglionico - Pz - Poste Italiane - Spedizione in A.P. 70% Potenza ANNO V N 1 Febbraio 2006 Ad Aprile inizieranno i lavori per la metanizzazione Lo ha stabilito la Conferenza di servizi svoltasi al Comune di il 9 gennaio 2006 La metanizzazione rappresenta la priorità programmatica dell Amministrazione Comunale e come tale viene affrontata dalla compagine guidata da Giovanni Petruzzi, che, dopo essere riuscita nel giro di pochi mesi dal suo insediamento ad ottenere la promulgazione del decreto di concessione del finanziamento ( ,00) per la realizzazione della nuova rete urbana di distribuzione del gas metano nel centro abitato, sta continuando ad aggredire la questione sia sul fronte della sollecitazione alla ditta concessione ad avviare i lavori- i cui termini di ultimazione sono fissati ad agosto 2007 dal Decreto di concessione del Comune di n dell emanato dal Ministero dell Economia- che su quello dell erogazione materiale del finanziamento assegnato dalla Regione Basilicata, con Deliberazione di G.R. n 2822 del , per la realizzazione della rete adduttrice, dalla quale ricevere il tubo del gas. In merito a quest ultimo aspetto il Sindaco Petruzzi, tra l altro, ha inviato una lettera al Presidente della Regione De Filippo (trasmessa, per conoscenza, agli assessori regionali Salvatore e Mollica, ai deputati Luongo e Molinari, ai consiglieri regionali Folino e Restaino) per sollecitare l accreditamento di tale finanziamento Nella missiva, Petruzzi rivolgendosi a De Filippo testualmente scrive: nel quadro del programma regionale di metanizzazione ed in particolare del protocollo d intenti Regione Basilicata- ENI s.p.a- art. 3 punto V., da tempo è in corso di definizione la procedura finalizzata alla realizzazione della rete di raccordo tra il punto di riconsegna previsto dalla SNAM nel Comune di Corleto Perticara in catasto al foglio di mappa n 90 particella n 51 ed il punto di connessione per i Comuni di e Calvello ubicato nell agro di nell area PIP della Comunità Montana Camastra- Alto Sauro in località Camastra.Si rammenta che la precedente Giunta Regionale ha provveduto all assegnazione delle risorse economiche ai Comuni di, Calvello e Laurenzana per la realizzazione delle reti di distribuzione del gas metano, ai sensi dell art. 3 punto V del protocollo d intenti Regione Basilicata- ENI s.p.a., per un importo complessivo di ,10 di cui ,70 al Comune di. Nella medesima Delibera di Giunta Regionale è precisato che l impegno di spesa delle somme assegnate verrà effettuato sulla scorta delle risorse finanziarie che l Eni erogherà per effetto del Protocollo d Intenti e che saranno allocate sul cap (ex 6890) della U.P.B del Bilancio Regionale. Si sollecita, pertanto, la S.V. e gli amministratori regionali e parlamentari, a cui la presente è indirizzata per conoscenza, ad adoperarsi affinché celermente venga sottoscritto il protocollo d intenti specifico Eni-Regione e venga adottato il secondo emendamento che permette l erogazione della somma residua per finanziare la metanizazzione nel bacino delle estrazioni petrolifere. Ciascuno di questi Comuni ha conferito incarichi di progettazione preliminare e definitiva della rete adduttrice per i territori di rispettiva competenza. Il progetto preliminare relativo alla rete adduttrice del metanodotto percorso Camastra- è stato già predisposto dall Ufficio Tecnico Comunale di sin dallo scorso mese di luglio Rappresentando la metanizzazione un significativo contributo alla modernizzazione ed al miglioramento della qualità della vita dei cittadini, sono certo, Signor Presidente, che Ella si adopererà con tempestività ed efficacia per fornire una concreta e positiva risposta alla presente istanza. Il 10 gennaio si è tenuta a Laurenzana una riunione congiunta degli amministratori e dei tecnici incaricati di redigere i progetti dei vari lotti funzio- >> continua a pag. 16

2 P agina 2 A N Z I N E W S Commozione ad per la barbara uccisione del carabiniere Fezzuoglio, il cui fratello era in servizio nella locale stazione dell Arma Ha destato profonda commozione, nella comunità anzese, la tragica notizia dell uccisione durante una rapina in banca ad Umbertide (PG) del giovane carabiniere Donato Fezzuoglio, 30enne originario di Bella, il cui fratello minore, Mario, di 25 anni, anch egli carabiniere, era provvisoriamente in servizio presso la stazione dei Carabinieri di, sebbene fosse in organico al comando dell Arma di Balvano. Particolarmente colpiti e costernati per la tragedia i colleghi di caserma di Mario, a partire dal comandante maresciallo Rocco De Nicola. Anche il Sindaco di, Giovanni Petruzzi, è rimasto scosso dall evento ed, interpretando i sentimenti di cordoglio dell intera comunità anzese, ha inviato un telegramma di sentite condoglianze per il terribile lutto alla famiglia della vittima, all Arma dei Carabinieri ed all Amministrazione Comunale di Bella, nel quale, tra l altro, sostiene che nonostante l incolmabile dolore che vi ha colpito negli affetti più cari siate perennemente fieri di aver avuto come congiunto, collega e cittadino un servitore dello Stato che è caduto sul campo per difendere inermi cittadini e la pubblica sicurezza. Graziantonio Romano segretario dei Liberaldemocratici di Potenza L avvocato Graziantonio Romano, nativo di, è il nuovo segretario cittadino dei Liberaldemocratici di Potenza, raggruppamento politico che a livello nazionale fa capo a Mario Segni ed in Basilicata all ex consigliere regionale Agostino Pennacchia ed al Comune di Potenza esprime l assessore alla Pubblica Istruzione Giuseppe Ferraro. A febbraio all Annunziata spettacolo teatrale di una compagnia di Avigliano ed iniziativa del Forum della Gioventù Sarà un mese di febbraio ricco di iniziative d intrattenimento, che avranno quale luogo di svolgimento il salone dell Annunziata. Sabato 11, alle ore 18,30, per iniziativa dell Amministrazione Comunale di, sarà inscenata una rappresentazione teatrale ad opera di una compagnia di Avigliano, già lo scorso anno protagonista della rappresentazione ad della commedia Natale in casa Cupiello. Sabato 25 febbraio, invece, si terrà una manifestazione carnascialesca promossa dal Forum Comunale della Gioventù di. Sono previsti balli in maschera e la degustazione di pietanze gastronomiche tradizionalmente cucinate nel periodo di Carnevale. Uno chef di al Grand Hotel Michelacci Si consolida la fertile tradizione anzese nel mondo della ristorazione. Il 22enne Mario Romano, figlio di Giuseppe, svolge le mansioni di chef- capo cuoco presso il prestigioso Michelacci Hotels di Gabicce Mare (PS), una rinomata struttura alberghiera a 5 stelle, appartenente alla catena dei Grand Hotel Michelacci. La nevicata di gennaio La neve è tornata a far capolino sul territorio anzese, determinando disagi ed inconvenienti di varia natura fronteggiati con immediatezza ed incisività dal piano anti neve predisposto dall Amministrazione Comunale. Uomini e mezzi dell associazione di volontariato Monte Siri Protezione Civile di sono intervenuti per sgomberare la neve dal manto stradale delle principali arterie comunali, utilizzando un mezzo spartineve di proprietà della Attualit Comunità Montana Camastra Alto Sauro con la quale l associazione di protezione civile ha stipulato un apposita convenzione, una terna, uno spargisale e due fuoristrada. All opera anche i lavoratori socialmente utili, coordinati dal dipendente comunale Donato Benedetto e due addetti della società SMA residenti ad. Per sgomberare la neve in alcune isolate contrade rurali si è reso necessario il ricorso a ditte private, che hanno operato con propri mezzi. Le scuole di ogni ordine e grado presenti sul territorio comunale sono rimaste chiuse nei giorni 24, 25 e 26 gennaio. Pubblicati i bandi per le piccole e medie imprese del bacino petrolifero Sono stati recentemente pubblicati i bandi a sostegno delle piccole e medie imprese del bacino petrolifero, tra cui rientra anche, che scadono il prossimo 19 aprile. Si tratta di questi tre bandi: 1) incentivi per realizzare nuove strutture per il tempo libero; 2) incentivi per il miglioramento dell offerta ricettiva esistente; 3) interventi per la rivitalizzazione dei centri storici. E stato, altresì, pubblicato un altro bando riguardante attività di promozione e commercializzazione dell offerta turistica, che scade il 18 febbraio Sul sito internet del Comune di (www.comune.anzi.pz.it), nella sezione BANDI, sono pubblicati integralmente questi bandi, insieme a quello per la promozione della cittadinanza solidale, che scade il 23 marzo

3 Taccuino P agina 3 Nozze d avorio per i coniugi Lorenzo Il 28 gennaio 2006 i coniugi Giuseppe Lorenzo (nato il ) e Maria Lucia Vaccaro (nata il ) hanno festeggiato le nozze d avorio, raggiungendo il ragguardevole traguardo di 55 anni trascorsi insieme. Essi convolarono a giuste nozze il ed ebbero come testimoni (ritratti con loro nella foto a fianco) Carmelina Colasurdo e Giuseppe Giacoia. Felice e commosso per il lieto evento del compimento del 55 anniversario di matrimonio dei genitori, il figlio Gianfranco, il quale, insieme alla consorte Maria Teresa ed alle figlie Luciana e Tonia, augura loro un mondo di bene. Nozze d oro per i coniugi Pietrafesa e Romano Per il consigliere comunale Paolo Pietrafesa il mese di dicembre dell anno di grazia 1955 rappresenta una insostituibile stella polare di riferimento. Fu in quel periodo che si unirono in matrimonio sia i genitori che i suoceri. Entrambe le sempreverdi coppie, infatti, lo scorso dicembre hanno raggiunto l ambito traguardo delle nozze d oro. Il 5 dicembre 1955 salirono sull altare per giurarsi amore eterno Rocco Pietrafesa (nato il ) e Giuseppa Cutro (nata il ), mentre il 28 dicembre del medesimo anno tocc a Nicola Romano (nato il ) e a Maria Pompea Giorgio (nata il ) pronunciare il fatidico SI e scambiarsi le fedi nuziali. Paolo stato l unico frutto dell amore dei suoi genitori, mentre dall armoniosa unione coniugale di Nicola e Maria sono nati Giuseppe, Filomena, Giuliano e Graziella. Rocco e Giusy sono i nipoti in comune delle due coppie di nonni, con Maira ed Eliana che rinforzano la squadra dei Romano. Circondati dall affetto di figli e nipoti, nei rispettivi giorni di ricorrenza, le coppie d oro hanno festeggiato il loro 50 anniversario di matrimonio. I figli di entrambe le coppie ringraziano i loro genitori per l operosit, la bont ed i sacrifici che hanno caratterizzato la loro esistenza, nella speranza che i sogni ancora non realizzati possano ancora avverarsi. LAUREA Due nuovi dottori rinforzano l esercito dei laureati anzesi. Si tratta della signora CARMEN BONOMO in Sarli, laureatasi il in lettere moderne presso l Università agli Studi della Basilicata con il punteggio di 100/110 discutendo la seguente tesi: La cima di Potenza in età napoleonica. Istituzioni e ceti dirigenti, e di GIOVANNI PECORA, laureatosi il in Scienze Forestali ed Ambientali moderne presso l Università agli Studi della Basilicata con il punteggio di 97/110 discutendo la seguente tesi: L economia dei piccoli comuni: il valore dei beni demaniali e riscatto degli usi civici. Ai neo dottori le più fervide congratulazioni dalla redazione de L Alternativa Riformista. Per stipulare un abbonamento associativo a l Alternativa effettuate un versamento sul c.c. postale n intestato a Giovanni Petruzzi Via Bellini, ANZI o rivolgetevi direttamente a lui. NASCITE Francesco Ciliberti di Rocco Mario e di Ungaro Antonietta

4 P agina 4 M U N I C I P I O N E W S Il Sindaco Petruzzi nomina i nuovi responsabili dei servizi comunali. Alla scadenza del é cessato il rapporto di collaborazione con l ingegnere Felice Cavallo. Con l avvento del 2006 importanti novità sono state introdotte negli assetti degli uffici comunali. La riorganizzazione funzionale dell apparato burocratico comunale si é resa necessaria per il pensionamento del responsabile dei servizi demografici ed ufficiale di Stato Civile Nicola Angarola, per quello imminente, che decorrerà dall , dell addetto all ufficio tributi Antonio Romano e per la scadenza, al , del rapporto di collaborazione coordinata e continuativa con l ingegnere Felice Cavallo. Il Sindaco, Giovanni Petruzzi, in data ha promulgato un decreto in cui conferisce le seguenti responsabilità di servizio: geom. Savino Sblendido (Ufficio Tecnico), geom. Nicola Sarli (Ufficio Tributi), rag. Biagio Giorgio (Finanziario ed economato), rag. Rocco Motta (socio-educativo, demografici, affari generali). Ai destinatari delle specifiche responsabilità verrà corrisposta un indennità annua di euro. Pubblichiamo, di seguito, la lettera di commiato dell ing. Cavallo Caro Sindaco, ringraziandoti per la fiducia accordatami e prendendo atto che il contratto di collaborazione coordinata e continuativa stipulato con il sottoscritto stabiliva la durata dell incarico al , ti comunico la mia decisione di non proporre una proroga e di interrompere, a decorrere dall , suddetto rapporto perché gli accresciuti impegni di libero professionista e di tesoriere dell Ordine degli Ingegneri della Provincia di Potenza non mi consentono di fornire quel quotidiano e totalizzante contributo a servizio del Comune di, che i delicati compiti assegnatimi richiede. Ti prego di estendere i miei sinceri ringraziamenti per la fiducia datami e la collaborazione prestata agli altri componenti della Giunta e del Consiglio Comunale, nonché ai geometri dell Ufficio Tecnico Comunale ed a tutti gli altri dipendenti e lavoratori socialmente utili del Comune di. Con rinnovata stima ed amicizia e restando professionalmente a disposizione per eventuali altre forme di consulenza e di collaborazione, porgo i più cordiali saluti. In funzione in Piazza il Totem multimediale Pochi giorni prima dello scorso Natale è entrato in funzione il TOTEM MULTIMEDIALE, ubicato in Piazza Dante Alighieri, ove permanentemente scorrono immagini dei comuni dell area leader Alto Basento-Camastra (vengono trasmesse anche quelle che hanno ripreso il suggestivo Presepe Vivente di ) e vengono riportate notizie di pubblica utilità locali e regionali, nonché le previsioni metereologiche. Si tratta di un iniziativa del GAL ALTO BASENTO-CAMASTRA, che ha installato analoghe strutture in tutti i 16 comuni che lo compongono, gestita in collaborazione con il Comune di. Scadono il 23 marzo le domande per la cittadinanza solidale E operativo il programma regionale di promozione della cittadinanza solidale, ai sensi della L.R. n 3/2005. Le domande possono essere presentate entro il 23 marzo Gli interessati possono rivolgersi in Municipio per acquisire ulteriori informazioni in merito. Dal canto suo l Amministrazione Comunale ha promulgato gli avvisi pubblici per la costituzione del Comitato Locale di Garanzia Sociale e per l individuazione del Garante dei contratti d inserimento. Municipio LE DELIBERE ADOTTATE DALLA GIUNTA COMUNALE Seduta del N.138 Legge Regionale 19 gennaio 2005, n.3 Promozione della cittadinanza solidale Attivazione procedure di competenza comunale. Seduta del N.139 Tariffe servizi a domanda individuale anno Provvedimenti. Seduta del N.140 Patrimonio immobiliare comunale ed altri immobili di propriet privata Stima effettuata dalla Agenzia del Territorio di Potenza Presa d atto. Provvedimenti. Seduta del N.141 Proroga L.S.U.. Provvedimenti. N.142 Proroga L.S.U. Comunit Montana Camastra Alto Sauro. Provvedimenti. N.143 Prelevamento dal fondo di riserva. Seduta del N.1 Realizzazione rete adduttrice metanodotto Finanziamento risorse da parte della Regione Basilicata Progetto preliminare. Approvazione. Provvedimenti. N.2 Smaltimento rifiuti solidi urbani presso la Discarica di Montegrosso Pallareta. Provvedimenti. N.3 Erogazione dei servizi socio assistenziali per l anno 2006 Reperimento personale esterno per supporto e collaborazione ai servizi socio assistenziali comunali Atto di indirizzo. N.4 Contratti di appalto servizi Scadenza Atto di indirizzo. Seduta del N.5 Reintegro normative in materia di stabilizzazione lavoratori socialmente utili. Seduta del N.6 Patrocinio progetto Museo archeologico virtuale di Provvedimenti. N.7 Sportello Unico delle Attivit Produttive (SUAP). Provvedimenti. N.8 Opere pubbliche Responsabile del procedimento. Subentro. Seduta del N.9 Approvazione del progetto preliminare dei lavori di ripristino della pavimentazione lungo Via Lacava, Piazza D.Alighieri e Via Garibaldi. N.10 Fondo nazionale e regionale per il sostegno all accesso alle abitazioni in locazione. Atto di indirizzo.

5 Municipio P agina 5 LE RIUNIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE DI ANZI Nell arco di un mese il Consiglio Comunale si è riunito per ben tre volte. La seduta del 27 dicembre con la presenza di tutti i consiglieri eletti, oltre al Sindaco Petruzzi ed all assessore esterno Berterame- è stata interamente dedicata all esame di alcuni regolamenti comunali. All unanimità, sono stati approvati i nuovi regolamenti per la fida pascolo, Consiglio Comunale ed uso civico e raccolta del legnatico. A maggioranza, invece, con i voti favorevoli dei 9 appartenenti al gruppo consiliare Per il futuro di -Ds-Verdi e contrari dei 4 consiglieri di minoranza, é stato modificato il regolamento per i lavori in economia. La consigliere Filomena Graziadei aveva proposto il rinvio dell esame di questo argomento e, successivamente al voto che ha respinto tale proposta, ha presentato un interpellanza consiliare sul regolamento per lavori, forniture e servizi in economia, che pubblichiamo con la relativa risposta in un altra parte del giornale. Il 2 gennaio 2006 l assemblea municipale è tornata a riunirsi, in seduta aperta al pubblico, per discutere sulla condizione giovanile ad e sul transito delle autocisterne cariche di petrolio (quest ultimo argomento lo trattiamo in un altra parte del giornale). Erano assenti i consiglieri Andriuzzi, Michele Romano e Graziadei. Il Presidente del Forum Comunale della Gioventù, Antonio Cafarella, ha relazionato sull esito dei questionari elaborati dall organismo e distribuiti tra i giovani locali di età compresa tra i 14 ed i 29 anni. E emerso uno spaccato molto attendibile della variegata realtà giovanile, sulla base del quale si é sviluppata una proficua e propositiva discussione, che ha visto tutti i consiglieri comunali prendere la parola e sottolineare positivamente il buon lavoro svolto dal Forum con il questionario. Sono intervenire anche alcuni giovani tra il pubblico, tra cui Carmine Casella, membro del Senato accademico dell Università di Bologna, e Giovanni Casaletto, Presidente del Forum Regionale dei giovani lucani, i quali hanno sottolineato la valenza positiva dell iniziativa che dimostra l attenzione con la quale le istituzioni guardano alle problematiche giovanili. Nel dibattito, il consigliere Rocco De Asmundis ha sostenuto che i risultati del questionario potranno certamente essere analizzati anche dai genitori dei giovani per trarre le opportune conclusioni ed ha invitato tutta l amministrazione a farsi carico delle richieste dei giovani, rendendosi disponibile a qualsiasi forma di collaborazione con il Forum. A vivacizzare la discussione ci ha pensato il consigliere Vito Tortorelli, il quale, tra l altro, ha detto che i giovani di devono sicuramente partecipare di più alla vita sociale e politica del nostro paese, e non solo usati come dei numeri nelle liste da presentare alle elezioni. Ricordo alle scorse elezioni comunali, in ogni lista vi erano almeno due giovani, DOVE SONO FINITI? Si interessano ancora di politica? Si impegnano per costruire intorno a loro un futuro migliore? Beh, non li vedo, pensano a tutt altro anche perché la loro comparsa è finita. E per questo che credo nelle organizzazioni giovanili, qual è la Sinistra Giovanile, nella quale ci sono momenti di confronto e discussione fra più ragazzi anche di diversa età, che mettono insieme idee per realizzare progetti comuni di miglioramento della loro vita sociale nel nostro piccolo paese. E qualsiasi possa essere lo scenario politico si battono sempre e comunque per quello in cui credono. A questo ragionamento ha replicato il consigliere Vincenzo Passarella, il quale ha invitato a non produrre polemiche strumentali ed ha detto che il lavoro realizzato dal Forum non può essere considerato il frutto dell impegno della sola Sinistra Giovanile, ma di tutti i giovani che vogliono impegnarsi per un cambiamento in positivo della loro situazione e del luogo in cui vivono, mentre la consigliere Marilena Albano ha difeso il collega di maggioranza, sostenendo che Tororelli è stato frainteso e che lo scopo del suo intervento era quello di stimolare i giovani ad impegnarsi per il proprio futuro. Dal canto suo, Gerarda Setaro ha rilevato di ritenere indispensabile realizzare il quarto spazio, dove le regole vengono imposte dagli stessi giovani, tenendo anche come punto di riferimento il mondo cattolico e soprattutto nostro Signore che dà risposte sul concreto senso della vita. Secondo l assessore Gerardo Sarli i giovani, ai quali bisogna dare fiducia, senza colpevolizzarli, devono essere capaci anche di proporsi presso l Amministrazione Comunale con idee e progetti concreti, mentre il consigliere Paolo Pietrafesa si è soffermato sull esigenza di elevare la qualità della vita anche attraverso la diffusione della pratica sportiva ed a riguardo ha annunciato che nella prossima primavera-estate l Amministrazione Comunale renderà perfettamente funzionale il campo sportivo di località Santa Caterina, la cui sistemazione è stata oggetto di gara di appalto. Il consigliere Mario Romano, invece, ritiene indispensabile per la buona riuscita delle iniziative a favore dei giovani il coinvolgimento della scuola, delle famiglie, del parroco e di esperti in sociologia e psicologia. Il Vice Sindaco Franco Libonati ha evidenziato l avvicinamento dei giovani alla politica che si registra, a livello generale, negli ultimi tempi ed ha evidenziato la necessità che l Amministrazione Comunale si faccia carico delle opportune iniziative per soddisfare le richieste che emergono dal questionario informativo. Concludendo il dibattito, il Sindaco Giovanni Petruzzi, nel congratularsi per l ottimo lavoro svolto dal Forum Comunale della Gioventù, ha evidenziato la valenza positiva e storica di una discussione consiliare, aperta al pubblico e sviluppatasi per circa 3 ore, sulla condizione giovanile, analizzata lucidamente in tutti i suoi aspetti, sulla scorta di un questionario conoscitivo di elevata qualità scientifica, dai cui dati partire per sviluppare nel territorio iniziative in cui le giovani generazioni svolgano un ruolo da protagonisti. La forte consapevolezza delle potenzialità e delle criticità che contraddistinguono le condizioni di vita dei giovani ad, influenzati negli stili di vita e nei comportamenti sociali, nel bene e nel male, dagli effetti di un mondo globalizzato- ha detto il primo cittadino- deve indurre tutti gli attori della vita politica e sociale di ad adoperarsi concretamente per fornire risposte concrete alle diversificate esigenze giovanili. L Amministrazione Comunale- ha assicurato Petruzzi- farà la sua parte in tale direzione. Il 28 gennaio 06, assente la consigliere Albano,si è tenuta una nuova riunione del Consiglio Comunale, che ha proceduto all elezione della Commissione Elettorale Comunale presieduta dal Sindaco e composta da tre consiglieri (Gerarda Setaro, Vito Tortorelli e Filomena Graziadei) quali membri effettivi e da tre consiglieri (Albano, Pietrafesa e Mario Romano) quali membri supplenti. E stata, altresì, data comunicazione del prelevamento dal fondo di riserva della somma di 4.409,94 per fronteggiare sopravvenute esigenze di spesa di carattere straordinario ed imprevedibile ed è stata esaminata l interrogazione della consigliere Graziadei sui lavori in economia.

6 P agina 6 PER ANZI Dopo gli appassionati, ma strumentali ed incerti fraseggi di stile di Rocco De Asmundis, le supposizioni e i teoremi sofisticizzanti, avventurieri ed un po forzati della Redazione de l Alternativa, nasce il sospetto di una comunicazione viziata dall atavico vizietto politico del voler portare acqua al proprio mulino, a prescindere da una effettiva e seria ricerca della verità dei fatti e delle intenzioni ed a tutto scapito della sensibilità e dell intelligenza dei lettori ed elettori. Quanto a me preferisco un linguaggio semplice, volgare che nasca dal cuore prima ancora che dalla testa e che abbia un contenuto non solamente speculativo. Eppoi, mi piace pensare che la comunicazione, di qualsiasi tipo, a maggior ragione se politica, debba contenere non risposte preconfezionate quanto piuttosto la possibilità per i destinatari di compiere delle scelte ideologiche, quantunque non coincidenti con quelle di chi trasmette il messaggio. Non sarà più una verità in politica, ma per me uno più uno da ancora due; se è pur vero che, in linea generale, vale il principio della relatività che ci consente di attribuire al reale i suoi mille e + uno volti e di dimostrare tutto ed il contrario di tutto (semplicemente spostandoci da un punto all altro dello spazio), è altrettanto vero che certi comportamenti, a prescindere dai fini che li originano, che possono essere i più nobili come i più abietti (ma chi scrive non è machiavellico), possono essere considerati e vissuti solo per quello che sono (nella specie, dei tradimenti!). Il riferimento, è ovvio, è alla improvvisa(almeno per chi scrive, ma di sicuro ponderata, conoscendo l assennatezza del De Asmundis) decisione di aderire ad un partito politico, quale la Margherita, indipendentemente ed a prescindere dalle opinioni (non necessariamente dal consenso) e dalla sensibilità ideologica e politica di quanti avevano sperato che il buon seme piantato dalla lista Per potesse crescere e dare i suoi frutti. E evidente che tale decisione di transitare alla Margherita rappresenta, come dice il Lauletta, una truffa politica (per di + presumibilmente di sicuro vantaggio, date le tendenze attuali della politica regionale e nazionale), che va a raddoppiare in Consiglio i sostenitori della Margherita stessa, lasciando del tutto priva di rappresentanza gli elettori della lista Per che, di certo, non hanno votato per quel gruppo politico. Ma ciò che ancora sconcerta è il modo della comunicazione effettuata da Rocco De Asmundis! Asettica ed assolutamente non partecipata. Nulla di nuovo, però, se si pensa al totale silenzio di durata biennale del post-elezioni! Parlavo prima di comunicazione preconfezionata che non da possibilità di scelta, proprio come quella di certi regimi, tristemente noti! Chi si propone come rappresentante di un gruppo, di una comunità politica, in un certo senso dovrebbe spersonalizzarsi, mettere da parte i propri personali intenti e velleità di ogni genere, e ricercare sempre la volontà comune che egli stesso dovrebbe rappresentare, in virtù del ruolo conferitogli. Per me questa è una delle verità della democrazia. Il mezzo di comunicazione scelto dal De Asmundis (lettera dai toni di definitivo addio fatta consegnare agli ex candidati della lista Per ) non consente e non vuole alcun tipo di confronto, se non quello a distanza (come questo) ed è espressione di una volontà già formatasi e del tutto individuale. Sono assolutamente convinta di quanto declarato all art.13 della Costituzione circa la libertà di ognuno di manifestare il proprio Politica pensiero con la parola, lo scritto o qualsiasi ottimo mezzo di comunicazione, ma chi ricopre ruoli di rappresentanza politica in un contesto democratico è vincolato a scegliere mezzi di comunicazione partecipativi, cioè democratici. E quindi, incontestabile, alla luce dei fatti, che il comportamento del De Asmundis contrasta con il ruolo dallo stesso ricoperto per volontà, ormai caduca, degli elettori della lista Per ; è chiaro che egli è interessato a rappresentare se stesso a spese del gruppo che lo ha eletto. Poiché uno + uno, come dicevo, per me almeno, da 2, e a meno di non voler scendere a patti con la propria coscienza, la decisione di Rocco De Asmundis di voler percorrere, da solista, personalissimi iter politico-ideologici, deve essere coerentemente accompagnata dalle DIMISSIONI dal Consiglio, non potendo un consigliere essere lì dov è, in rappresentanza solo di se stesso. Da parte mia ho già revocato (almeno idealmente, non potendo fare di più) il mandato (finora inadempiuto) a Rocco De Asmundis. Distintamente Piera Cilibrizzi Candidata della lista Per. Periodico d informazione, cultura, attualità e politica. Direttore: Giovanni Petruzzi Direttore responsabile: Giovanni Lacorazza. Editore: Associazione Culturale L ALTERNATIVA - C/da San Donato ANZI (Pz) - Tel. (0971) Fax La collaborazione a L ALTERNATIVA è libera a tutti ed è completamente gratuita. I lavori pubblicati riflettono il pensiero dei singoli autori, i quali ne assumono la responsabilità di fronte alla legge. Attività editoriale di natura non commerciale nei sensi previsti dall art. 4 del DPR n 633 e successive modifiche.

7 Politica P agina 7 I probabili candidati alle elezioni politiche ed i riflessi sulla politica anzese Lo scenario politico in costante movimento, particolarmente alla vigilia del decisivo voto del 9 e 10 aprile che determiner il nuovo governo dell Italia. La nuova legge elettorale, prevalentemente proporzionale, voluta da Berlusconi per tentare disperatamente di arginare le dimensioni di una sconfitta che appare certa ed inequivocabile, ha determinato dei sommovimenti all interno del quadro politico regionale, con riflessi anche di carattere locale. Le principali forze del centro-sinistra, Ds e Margherita, che molto probabilmente all indomani delle elezioni politiche promuoveranno la fase costituente per la nascita del partito democratico, si presenteranno insieme nella lista dell Ulivo all elezione della Camera dei Deputati e ciascuno per conto suo alle elezioni del Senato della Repubblica. In Basilicata la lista dell Ulivo verr guidata dal futuro premier Romano Prodi, con il deputato diessino Antonio Luongo al n 2 della lista, immediatamente seguito da un esponente della Margherita (il pi accreditato il segretario regionale Salvatore Margiotta). Al Senato, invece, la lista della Quercia sar capeggiata dal Presidente del Consiglio Regionale Filippo Bubbico (proiettato verso un prestigioso incarico nel futuro Governo Prodi), con i parlamentari uscenti Piero Di Siena e Salvatore Adduce al n 2 e 3. Nella Margherita i giochi ancora non sono fatti. Il pi accreditato a capeggiare la lista al Senato l on. Antonio Boccia, con l assessore regionale Carlo Chiurazzi ad aspirare ad un altro seggio. Pu darsi che in lista trovino spazio anche i parlamentari uscenti Molinari, Lettieri e D Andrea, ma la loro rielezione improbabile e qualcuno di loro spera di essere candidato fuori dai confini della Basilicata, mentre altri aspirano ad un ruolo di sottosegretario o di futuro assessore regionale. L unit fra Ds e Margherita avr, senz altro, dei risvolti anche a livello locale, ove i segretari dei due partiti, rispettivamente Ettore Andriuzzi e Gerardo Cicchetti, hanno gi messo in agenda un imminente riunione congiunta per delineare un percorso politico comune a partire dalle prossime elezioni politiche. La lista dei Verdi alla Camera sar capeggiata dal leader nazionale Pecoraro Scanio, con l assessore al Comune di Potenza, Anna Fulgione, al secondo posto, con la speranza che una buona affermazione possa far scattare un resto elettorale in grado di determinare la sua elezione. Al Senato i Verdi correranno insieme ai Comunisti Italiani ed probabile la candidatura di qualche esterno di prestigio. Intanto, c curiosit ad per i risvolti che avr a livello locale la spaccatura che si determinata in Basilicata nello Sdi in relazione alla nascita del nuovo soggetto politico della rosa nel pugno che aggrega i socialisti di Boselli con i radicali di Pannella. Salvatore Blasi, precedentemente sostituito dal sindaco di Castelmezzano Nicola Valluzzi quale segretario regionale dello Sdi, in contrasto con questa linea politica non ha aderito alla Rosa nel pugno e si dimesso da Vice Sindaco di Potenza a causa di un avvertito disagio derivante da alcune scelte e posizioni che caratterizzano la rivisitata linea politica del mio partito. Bench restino ancora forti e immutati i miei ideali di socialista, che da sempre e coerentemente hanno accompagnato il mio impegno in politica, intendo rifuggire da alcune posizioni che non si coniugano con i miei principi, evitando cos di sacrificare l ascolto della mia coscienza. Blasi, anche in virt della sua estrazione socialdemocratica (intesa come ex Psdi), da sempre il punto di riferimento politico della sezione Mim Leopardi di. Un dato riaffermato anche nella circostanza di un recente incontro che egli ha tenuto con i socialisti di Bobo Craxi guidati in Basilicata dall ex consigliere regionale Antonio Pisani, quando met delegazione dei seguaci di Blasi era composta da anzesi, ovvero dai fratelli Donato e Giuseppe Cutro e da Rocco Licastro. Che faranno costoro? Seguiranno Blasi nella nuova federazione laicosocialista con il Nuovo Psi di Bobo Craxi ed i Liberaldemocratici di Pennacchia o resteranno con Boselli? E come si comporteranno la segretaria sezionale Melina Fistetti e la consigliere comunale Filomena Graziadei? Agli sviluppi politici dei prossimi giorni l ardua sentenza. Intanto, certa la candidatura nella Rosa nel Pugno dell assessore regionale Donato Salvatore. L Udeur al Senato punter sul parlamentare uscente Antonio Potenza, mentre alla Camera potrebbero essere candidati la Vice Presidente del Consiglio Regionale Rosa Mastrosimone ed il Vice Presidente della Giunta Regionale Gaetano Fierro. Per quanto riguarda il centro-destra, la lista di Forza Italia alla Camera sar capeggiata da Berlusconi, seguito dal sottosegretario Guido Viceconte e dal deputato uscente Gianfranco Blasi, il quale, molto probabilmente, nelle prossime settimane presenter ad il suo ultimo libro Se io fossi foco per iniziativa dell insegnante in pensione Rocco Cilibrizzi, promotore della rinnovata presenza degli azzurri in terra anzese. Officina Meccanica di Giuseppe CUTRO vendita moto - cicli - gomme Equilibratura e convergenza elettronica Via Campitelli, 3 - MARSICONUOVO (Potenza) tel. 0975/342272

8 P agina 8 Quarantenni alla riscossa Grande festa per gli anzesi nati nel 1965 Anniversari Le adesioni sono state raccolte dalla signora Filomena Buchicchio, infaticabile organizzatrice dell evento, ed all appello hanno risposto in 28 (quelli segnati in grassetto nell elenco che segue, mentre l asterisco è stato posto a fianco di coloro che sono prematuramente scomparsi). E stata una giornata fantastica, spensierata ed allegra, come non succedeva da un pacco di tempo per dirla in sintonia con gli 883 e vagamente somigliante (a parte i chili in più ed i capelli in meno per tanti maschi ed i primi accenni di rughe per qualche femmina) a quelle vissute un quarto di secolo fa. Non fosse altro per il clima, i balli, le risate e le parodie del meraviglioso tempo che fu. Le presenze di Sosia D ed Antonio Leopardi, trapiantati a Potenza da tempo immemorabile, e di Gino Brienza, che vive a Tito, hanno dato all evento il particolare sapore della rimpatriata fra coetanei che hanno trascorso tante avventure insieme e riscoprono il piacere e l orgoglio di una comune appartenenza generazionale. L invito ai nati dell anno di grazia 1965 lo ha diramato il più illustre di loro, il primo cittadino Giovanni Petruzzi, scrivendo questa missiva: Cari coetanei, l anno che volge al termine segna per noi tutti il raggiungimento di un importante traguardo, che merita di essere adeguatamente festeggiato. Pertanto, tutti quanti voi siete invitati a partecipare alla giornata di commemorazione dei nostri primi 40 anni che avrà luogo il giorno presso il Ristorante Agrisarli secondo il seguente programma: ore 13,30 pranzo riservato esclusivamente agli appartenenti alla classe di ferro 1965; ore 20,00 serata di gala con la partecipazione di tutti i nostri familiari. Questo l elenco dei nati nel 1965, recuperato all anagrafe del Comune di. 1) Lorenzo Lucia 2) Sarli Giambattista 3) Petruzzi Giovanni 4) Buchicchio Vincenzo 5) Buchicchio Donato 6) Romaniello Raffaele 7) Sarli Donata Antonietta 8) Carbone Salvatore 9) Colasurdo Carmela * 10) Rivelli Lucia 11) Romano Maria * 12) Romano Rosetta * 13) Benedetto Giuseppe 14) Sabatella Raffaele 15) Rivelli Antonietta 16) Bellettieri Egidio Donato 17) Leopardi Barra Antonio Francesco 18) Blasi Maria * 19) Caivano Rocco 20) Raimondi Maria Carmela 21) Sarli Francesco Paolo 22) Cilibrizzi Antonio 23) Bellettieri Maria Rosaria 24) Nigro Maria Teresa 25) Castrignano Carmela Lucia 26) Giuzio Rocco Antonio 27) Di Melfi Francesco Antonio Domenico 28) Brienza Luigi Carmine 29) Castrignano Rocco Luciano 30) Colasurdo Rocco * 31) Rosa Giuseppe * 32) Ruggieri Teresa 33) Ciani Donato 34) Passarella Paolo 35) Caivano Vincenzo 36) Ventura Giuseppe Raffaele 37) Sarli Teresa 38) Carbone Antonio 39) Albano Anna 40) Romano Michele 41) Cutro Maria Lucia Carmela 42) D Sosio Francesco 43) Sarli Rosa 44) Sarli Raffaele 45) Passarella Antonietta 46) Castrignano Paolo 47) Lauria Antonio 48) Castrignano Grazia 49) Romano Michele 50) Tortorelli Angela 51) Casella Michele 52) Sarli Michele 53) Passarella Giuseppe 54) Casella Carmela 55) Martinelli Leonardo 56) Motta Salvatore 57) Buchicchio Filomena 58) Palorcia Donato 59) Castrignano Michele 60) Libonati Paolo 61) Colucci Rocco Salvatore 62) Benedetto Paola Mirella Elena 63) Casella Vincenzo * 64) Fieno Teresa 65) Tito Pompea Franca* 66) Cutro Mario 67) Cutro Giuseppe 68) Buchicchio Vincenzo 69) Casella Nicola Carmelo Antonio 70) Di Melfi Giovanni* 71) Di Melfi Maria* 72) Andrisani Serafina 73) Libonati Maria Rocchina 74) Urgo Giuseppe

9 Anniversari P agina 9 Son solo 50 e ci si incontra Rocco Ciani, Santino Cilibrizzi, Rocco Giorgio, Giovanni Lorenzo, Donato Marcogiuseppe e, dulcis in fundo, il celebre barbiere Pietro Sarli. E stata una giornata davvero particolare per i 50enni di, quella tenutasi presso il Ristorante- Pizzeria San Donato lo scorso 29 dicembre. In una giornata tipicamente invernale (ha fatto persino capolino la neve), come api alla ricerca del miele, 15 dei nati nell anno 1955 si sono ritrovati all insegna del motto son solo 50 e ci si incontra. Essi avevano il loro appuntamento di classe a cui non si doveva e poteva di certo mancare. Entusiasti e con grande partecipazione hanno aderito all iniziativa alcuni anzesi trapiantati nel Centro-Nord: da mister Ciabattino, al secolo Francesco Albano proveniente da Trezzano sul Naviglio (MI) all inseparabile Gna Rocco, ovvero Rocco Rossini, residente a Montevarchi (AR), mentre da Fucecchio (FI) sono arrivati in tandem Serafino Lauria e Donato Ruggieri, meglio noto come Iascaridd. Da Potenza è giunta Tersa Casella, la quale ha rinforzato la piccola pattuglia femminile insieme a Lucia Lorenzo e Caterina Sabatella. Gli altri indigeni presenti erano: Michele Benedetto, Franco Calabrese, Di seguito riportiamo l elenco completo dei nati ad nel 1955, avvertendo che le persone indicate con l asterisco sono prematuramente scomparse. 1) Terminio Giuseppina Antonietta 2) Benedetto Domenico 3) Giorgio Antonella 4) Cinefra Margherita 5) Libonati Maria Antonietta * 6) Terminio Nicola Carmelo 7) Colasurdo Rocco * 8) Rossini Michele 9) Grillo Giuseppe Salvatore Biagio 10) Bellezza Maria Francesca Antonietta 11) Colasurdo Gerardo 12) Lauletta Maria 13) Signore Nicola * 14) Castrignano Mario 15) Starna Maria 16) Lauletta Maria * 17) Benedetto Teresa 18) Lorenzo Giovanni 19) Pecora Teresa 20) Giordano Gerardo * 21) Padula Giuseppina 22) Telesca Gerardo * 23) Lauletta Pasquale 24) Sarli Filomena 25) Fanelli Angela 26) Passarella Maria * 27) Castrignano Lucia 28) Giorgio Maria 29) Sblendido Anna Maria 30) Lauria Carmela Antonietta * 31) Pecoraro Maria Antonietta 32) Rubolino Angelina Pompea 33) Tito Pompea Carmela 34) Sarli Rosa 35) Sarli Anna 36) Benedetto Teresa 37) Benedetto Michele Arcangelo 38) Casella Teresa 39) Tito Vincenzo 40) Cutro Francesco Giovanni 41) Abbate Domenica Maria 42) Sarli Pietro 43) Giorgio Cristina 44) Pecora Donato 45) Tabino Mario Carmine Giuseppe * 46) Castrignano Rocco 47) Dabbene Maria Carmela 48) Lorusso Maria * 49) Zito Paolo 50) Colasurdo Prospero Donato 51) Albano Donato * 52) Lorenzo Lucia Donata 53) Pecoraro Filomena 54) Dragonetti Antonio * 55) Dragonetti Carmine * 56) Sabatino Salvatore 57) Lavanga Maria 58) Giorgio Francesco 59) Giorgio Rocco Salvatore 60) Giorgio Rosa 61) Giorgio Raffaele 62) Albano Francesco 63) Marcogiuseppe Donato 64) Ciani Angelina 65) Pavese Amelia Rinetta 66) Peloso Angela * 67) Cilibrizzi Santino 68) Fucci Santino Domenico 69) Passarella Filomena 70) Bellettieri Maddalena Cristina 71) Cilibrizzi Carmela 72) Calabrese Francesco 73) Lavanga Celestina Maria 74) Lorenzo Franceco 75) Lauria Serafino Donato 76) Ciani Rocco 77) D Elia Domenico 78) Sabatella Caterina 79) Ruggieri Donato 80) Lauletta Maria Carmela * 81) Colasurdo Antonio * 82) Lauletta Antonietta 83) Casella Domenica 84) Rivelli Rocco 85) Dragonetti Angela Lucia Cristina 86) Di Blasio Anna * 87) Marmo Cristina 88) Soldo Palma 89) Bonomo Antonietta* 90) Montuori Angela 91) Di Nuzzo Mario 92) Lorenzo Lucia

10 P agina 10 Tanta cultura e molta partecipazione popolare alle iniziative natalizie Circa visitatori si sono registrati dallo scorso 8 dicembre ad oggi al Presepe Poliscenico Stabile di. Quasi tutta questa formidabile massa critica ha assistito anche alla rappresentazione del Presepe vivente nel centro storico di, ha visitato il caratteristico presepio realizzato alla frazione San Donato ed ha visionato le varie mostre allestite nell ambito della rassegna Paese Presepe : dalle opere di scultura di Antonio Vertulli presso il Municipio a quella di artigianato artistico femminile esposta in via Garibaldi dall associazione Ago, filo e colori, sino a quella dei presepi artigianali di Egidio Lauria nella sede della Pro Loco. Il Sindaco Petruzzi si è detto soddisfatto per questo incoraggiante risultato ottenuto grazie all azione promozionale attivata dall Amministrazione Comunale, che, durante lo scorso periodo natalizio, ha organizzato anche altre iniziative culturali, tra cui la riuscita tombolata di solidarietà svoltasi presso il salone dell Annunziata il 30 dicembre, per iniziativa della Commissione Comunale per le pari opportunità. L la sala consiliare del Comune di era gremita di gente, che ha assistito con interesse e passione alla presentazione del libro Fiabe lucane di Francesca Amendola. I racconti fiabeschi, diversi dei quali raccolti proprio ad dove l autrice ha vissuto la sua infanzia, sono stati letti, sotto il coordinamento della consigliere Laurenzana Eventi comunale Geararda Setaro, da diverse persone di, appartenenti a tutte le fasce d età: dagli insegnanti Mario Romano, Rosalba Colasurdo e Filomena Sarli agli alunni delle elementari Michele Buchicchio, Rossella Colasurdo, Elsa Fanelli, Maria Giorgio, Maria Teresa Petruzzi, Federica Sarli; dalle veterane Caterina Bonomo e Lucia Cilibrizzi agli studenti delle superiori o universitari quali Carmen Buchicchio, Rocco De Stefano, Mariano Marcogiuseppe. Sino al maturo Tonino Laurenzana ed al giovane papà Donato Giorgio. I numerosi presenti hanno apprezzato l iniziativa ed il valore pedagogico dei racconti. Il 15 gennaio, invece, mentre fuori nevicava, nella Chiesa Madre di San Donato in Piazza Dante Alighieri di è stato rappresentato il Recital Angeli di Michele Paolicelli, inscenato dalla Associazione Scuola di Musica Luciana Leggeri Buccico di Potenza, con il consigliere comunale di Potenza Giuseppe Messina nell inedita veste di direttore artistico. Tra i componenti del coro vi erano i coniugi Andrea Leo e Pina Colasurdo con i figli Angela e Massimiliano, oltre ad Antonella Nicastro ed alla sua nidiata di figli: Vincenzo, Claudia e Silvia De Luca. Complessivamente erano circa 50 le persone che hanno partecipato al Recital, fra attori, cantanti e musicisti, tutti appartenenti alla comunità parrocchiale di San Giuseppe di Potenza. Partendo da alcune delle più significative parabole del Vangelo, da semplici canzoni e candide situazioni teatrali, è scaturita un affettuosa modernizzazione del messaggio evangelico, che racchiude in sé un bisogno d amore prorompente e che si manifesta senza sottintesi, riaffermando la speranza, la gioia e la solidarietà come valori irrinunciabili. un amico che vi dà sicurezza, semplicità, trasparenza, rapidità,... simpatia Sede: LAURENZANA - Via SS. 92, n Tel. 0971/ Fax 0971/ D IPENDENZE: ANZI - Via Umberto I, n. 1 - Tel. 0971/ POTENZA - Via N. Sauro, 130/132 - Tel. 0971/ CALVELLO - C.so Vittorio Emanuele, n Tel. 0971/ CORLETO PERTICARA - Via Nazionale, n. 1 - Tel. 0971/ VILLA D AGRI - Via Roma - Tel. 0975/ TUTTE LE OPERAZIONI DI BANCA ALLE PIU FAVOREVOLI CONDIZIONI

11 Eventi P agina 11 Foto del Presepe vivente di organizzato dall Unione ex allieve/i F.M.A.

12 P agina 12 Questa la richiesta del Consiglio Comunale di, che approva un ordine del giorno Le autocisterne non le vogliamo Mentre il transito è sospeso, si è costituito un comitato cittadino e si è sviluppata una querelle tra il Sindaco Petruzzi e gli autotrasportatori Dal 27 dicembre 2005 il Consorzio di autotrasportatori S.T.L. non effettua alcun tipo di trasporto dalle postazioni di Cerro Falcone in Calvello al centro oli di Viggiano in seguito alla decisione dell Eni che comunicava la sospensione delle attività estrattive con decorrenza in agro di Calvello a causa di alcuni problemi autorizzativi insorti con tale Comune. Ragion per cui, per il momento, non transitano più sulle nostre strade i bisonti del petrolio. Nella stessa giornata del , il Sindaco di Giovanni Petruzzi diramava gli avvisi di convocazione del Consiglio Comunale, in seduta aperta, per il giorno con all ordine del giorno la condizione giovanile e l autotrasporto di petrolio. Dopo un articolata discussione (sono intervenuti i consiglieri Libonati, Sarli, Mario Romano, Passarella ed alcuni cittadini, tra i quali l ing. Tortorelli, Tonino Fanelli e gli ex Sindaci Cicchetti e Cutro) sviluppatasi sulla scorta della dettagliata relazione del Sindaco, è stato approvato all unanimità il seguente ordine del giorno: IL CONSIGLIO COMUNALE DI ANZI CONSIDERATO che il quotidiano transito di autocisterne cariche di petrolio lungo la Strada Provinciale n 16 (tratto Abriola-) e la Strada Statale n 92 (tratto -Potenza) Ambiente costituisce una fonte di rischio per la pubblica e privata incolumità nonché un costante pericolo per la sicurezza degli automobilisti che percorrono tali arterie; CONSIDERATO che su tali arterie negli ultimi due anni, in concomitanza con la circolazione dei tir che trasportano greggio, si sono verificati incidenti di varia natura, ivi compreso quello verificatosi il giorno all altezza del Km. 18 della S.S. 92 in agro di, che ha causato il decesso di un pensionato nativo di ; CONSIDERATO che le autocisterne cariche di petrolio producono un notevole inquinamento ambientale, transitando su aree sottoposte a vincolo paesistico ed attigue ai rigogliosi boschi di, Abriola e Pignola; CONSIDERATO che l itinerario stradale seguito dal prelevamento del prodotto petrolifero nei pozzi di località Cerro Falcone di Calvello alla consegna del Centro Oli di Viaggiano è lungo e tortuoso e supera i 150 Km. di percorrenza snodandosi sul seguente tragitto: Calvello, Abriola,, Potenza, Sicignano, Atena Lucana, Viaggiano, quando in linea d aria la distanza tra Calvello e Viaggiano è di circa 10 km. ; PRESO ATTO delle reiterate proteste dei cittadini, delle prese di posizioni a mezzo di formali lettere alle autorità competenti e comunicati stampa da parte del Sindaco di, delle iniziative assunte da movimenti ambientalisti ed organismi associativi di varia natura, della recente azione di sensibilizzazione promossa dall Associazione Culturale IL CIRCOLO attraverso la quale sono state inviate a vari organi centinaia di Letterine di Babbo Natale chiedendo che le cisterne non passino più dal territorio comunale di ; CONSTATATO che lo stato della viabilità attraversata dalla percorrenza delle autocisterne che trasportano il petrolio non è delle migliori e che la lunga stagione invernale che si vive dalle nostre parti determina condizioni di avversità atmosferiche (nevicate, piogge, nebbia) che rendono ulteriormente pericoloso il transito di questi pesanti mezzi SI APPELLA ALLE AUTORITÀ COMPETENTI affinché vengano adottati provvedimenti che salvaguardino la sicurezza degli automobilisti e preservino l integrità dell ambiente che ci circonda. In particolare, si chiede in via prioritaria la sospensione della circolazione delle autocisterne di petrolio lungo la S.P. n 16 e la S.S. n 92. In subordinata alla sovrastante proposta si chiede: - di valutare l opportunità di effettuare un alternanza dei percorsi e dei territori interessati al trasporto del greggio; - di consentire il transito delle autocisterne cariche di petrolio solo in limitate fasce orarie, escludendo quelle a più alta densità di traffico ed in particolare non consentendo che esso avvenga tra le ore 7,00 e le ore 10,00 e tra le ore 13,00 e le ore 20,00; - di ultimare in tempi rapidi, che non oltrepassino il prossimo mese di giugno, la realizzazione dell oleodotto in maniera tale che non vi sia più la necessità del trasporto stradale del petrolio. A tale riguardo si invita il Presidente della Giunta Regionale di Basilicata a promuovere un apposito incontro con la partecipazione di tutti gli attori del processo di realizzazione dell oleodotto (Imprese, Concessionaria,Regione, Comuni interessati, ecc.); - di valutare la praticabilità della realizzazione di un collegamento viario diretto tra Calvello e Viggiano. Alla Regione Basilicata, il Consiglio Comunale di chiede di finanziare, nell ambito delle risorse rivenienti dal Programma Operativo Val d Agri, interventi di sistemazione, messa in sicurezza ed ammodernamento della S.S. 92 ed opere di valorizzazione del bosco di quale compensazione per i danni ambientali subiti dall attraversamento delle autocisterne cariche di petrolio. Copia del presente ordine del giorno viene trasmesso anche ai Sindaci dei Comuni di Abriola, Calvello, Laurenzana e Pignola al fine di concordare la convocazione di una seduta congiunta dei Consigli Comunali della Val Camastra che esamini la questione del transito delle autocisterne cariche di petrolio e definisca l adozione delle opportune iniziative in materia. Successivamente alla divulgazione a mezzo stampa di tale presa di

13 Ambiente P agina 13 posizione, il Consorzio di autotrasportatori S.T.L., in un comunicato, ha espresso sconcerto di come un amministrazione, come quella di, riesca a trovare il tempo per discutere e deliberare su un attività che é stata di per sé sospesa. Gli autotrasportatori affermano, inoltre, di restare meravigliati dal fatto che un amministrazione espressione di una cultura popolare qual é quella di supporti gli interessi di una multinazionale qual é l Eni e non quelli di propri conterranei e lavoratori (circa 110) che con una decisione qual é stata quella dell Eni si sono trovati a non avere più alcuna possibilità di guadagno. L S.T.L. si augura che in futuro questo linciaggio mediatico continuo, da parte di alcune amministrazioni, nei propri confronti abbia termine e che la definizione dell altro accordo di programma con Total possa ricomprendere il trasporto di greggio fino alla messa in produzione del centro oli di Corleto Perticara. A tale dura presa di posizione ha replicato il Sindaco di, Giovanni Petruzzi, con la seguente dichiarazione: Sorprende ed amareggia il fuorviante e strumentale accostamento, effettuato dal Consorzio S.T.L., tra la decisione dell Eni di sospendere le attività estrattive a Calvello ed il deliberato del Consiglio Comunale di del 2 gennaio scorso che ha chiesto l adozione di provvedimenti che salvaguardino la sicurezza degli automobilisti e preservino l integrità dell ambiente che ci circonda rispetto alla circolazione delle autocisterne che trasportano petrolio lungo la S.P. n 16 e la S.S. 92. Quando il sottoscritto, con nota n 6865 del , interpretando un diffuso sentimento popolare e sulla scorta dell iniziativa promossa dall Associazione Culturale Il Circolo che ha inondato la scrivania del Sindaco di letterine di Babbo Natale nelle quali si chiedeva di far cessare il transito di autocisterne di petrolio sulla strada -Potenza, ha convocato il Consiglio Comunale per il giorno né lui né l opinione pubblica regionale erano a conoscenza della sospensione della circolazione delle autocisterne. L assise municipale, in maniera responsabile, ponderata ed equilibrata, durante una seduta aperta all intervento del pubblico, ha esaminato la problematica ed ha deciso di assumere iniziative di natura esclusivamente istituzionale per continuare a porre all attenzione degli organi competenti le richieste della popolazione anzese, escludendo di promuovere eclatanti manifestazioni di protesta, come pure veniva proposto dai promotori delle citate letterine. Tant è che tra le varie proposte formulate dal Consiglio Comunale di, ve ne sono due che si fanno direttamente carico delle peculiari esigenze degli autotrasportatori, prevedendo un prosieguo della loro attività o valutando l opportunità di effettuare un alternanza dei percorsi e dei territori interessati al trasporto del greggio o consentendo il transito delle autocisterne cariche di petrolio solo in limitate fasce orarie, escludendo quelle a più alta densità di traffico ed in particolare non consentendo che esso avvenga tra le ore 7,00 e le ore 10,00 e tra le ore 13,00 e le ore 20,00. Ci tengo, altresì, a precisare che anche il sottoscritto ha partecipato alla riunione convocata dal Presidente della Regione De Filippo svoltasi a Guardia Perticara il dei 30 Sindaci del Comitato di Coordinamento e monitoraggio del Programma Operativo Val d Agri, che, all unanimità, ha stabilito Buon 2006 di soddisfare tutte le domande delle imprese di autotrasporto che hanno lavorato con Eni che intendono riconvertirsi, integrando le risorse del bando di circa un milione e 400mila euro. Ritengo a questo punto inderogabile che sulla questione dell autotrasporto di petrolio il Presidente della Giunta Regionale di Basilicata promuova un apposito incontro con tutti i soggetti interessati, a partire dagli autotrasportatori e dai Sindaci dei Comuni attraversati dai percorsi delle autocisterne. Il 14 gennaio, per iniziativa dell Associazione Il Circolo di Tonino Fanelli, si è tenuta, presso la sala consiliare, un assemblea popolare per la costituzione di un comitato cittadino NO CISTERNE e per la definizione delle opportune iniziative da assumere. Il comitato si è costituito, con l adesione dei presenti, fra i quali anche il parroco Don Nicola Scioia ed il Sindaco Giovanni Petruzzi, e con il compito di approfondire gli elementi di conoscenza della questione, rinviando all eventuale ripristino del transito di autocisterne l adozione di incisive iniziative di protesta e di mobilitazione popolare. Navigate sul sito internet: Ai lettori dell alternativa l augurio per l anno che viene é che sia ancora possibile coltivare speranze, o anche illusioni. Augurio dedicato a tutti quelli che hanno cominciato ad arrancare sul versante più scosceso della vita e che hanno già dovuto contare i loro morti, ma che non vogliono ancora arrendersi. Augurio di riuscire a tenere vivo il ricordo delle illusioni, delle fresche energie dei giorni a perdere. Non sorridete di me! io credo che i sentimenti o si dicono (e succede sempre più raramente) o si affidano alla bottiglia gettata in mare. Queste righe sono il mio messaggio nella bottiglia. Che il 2006 sia un anno sereno magari nato sulla tomba dell egoismo. Pasquale Zito

14 P agina 14 Lutto Agennaio 4 decessi di residenti ad e le premature scomparse della napoletana Maria Raffaella Bonomo e del romano Giuseppe Bellettieri La catena non si spezza. Continuano inesorabili ad essere celebrati funerali nella Chiesa Madre di. Nel 2005 si sono contati 33 decessi di residenti. Nella sola prima met del mese di gennaio 2006 se ne sono registrati 4 (ci hanno lasciato Antonio Marino, Ferdinando Bonomo, Pasquale Tito e Carmela Ciammella). Ad essi ne vanno aggiunti altri di persone originarie del nostro paese, che vivevano fuori e che, purtroppo, ci hanno abbandonato. Il 7 gennaio Scambio di auguri tra i Sindaci della Diocesi ed il Vescovo Giovanni Ricchiuti, il quale tornato ad il giorno di San Giovanni Bosco E stato un incontro cordiale ed amichevole quello che, lo scorso 30 dicembre, si svolto -per circa 3 ore- presso la sede Arcivescovile di Acerenza fra il Vescovo Mons. Giovanni Ricchiuti e 13 dei 17 Sindaci dei Comuni che compongono la Diocesi Acheruntina. Fra i presenti, il Sindaco di, Giovanni Petruzzi, che, per nome e per conto della comunit anzese, ha esternato i migliori auguri di sereno e prospero 2006 al presule, il quale ha ringraziato gli amministratori per aver accolto l invito a partecipare all incontro, voluto sia per formulare gli auguri di buon anno che per consolidare il dialogo con le istituzioni. Nel ringraziare personalmente i Sindaci per l accoglienza datagli durante le visite pastorali iniziate dopo l insediamento a nuovo Vescovo di Acerenza, Ricchiuti si detto disponibile ad ascoltare i Sindaci e le loro proposte in modo tale da compiere un virtuoso percorso insieme. A tutti gli amministratori presenti, il Vescovo ha fatto dono di una pubblicazione di Don Tonino Bello, dove sono riportate parole e frasi di augurio per il lavoro che viene svolto dai Sindaci. Il Vescovo ha sottolineato di non voler invadere campi che non mi competono e soprattutto rispetto il Vostro lavoro che viene svolto Non si spezza la catena dei lutti deceduta a Napoli, dov era nata il , Maria Raffaella Bonomo, seppellita nel cimitero di, ove l inclemenza del tempo ha fatto s che, per il momento, non giungesse la salma di Giuseppe Bellettieri, scomparso a poco pi di 50 anni lo scorso 22 gennaio e che desiderava essere tumulato nella tomba di famiglia, accanto al padre Paolo Bellettieri, indimenticabile maestro, per lunghi anni Fiduciario della Scuola Elementare di, e alla madre, Anna Pomarici. Pinuccio Papaiulo, pseudonimo con il quale era conosciuto nel nostro paese, era tra i principali animatori di meravigliose e spensierate estati anzesi degli anni 70. Insieme ai tarantini della famiglia Sarli, ai napoletani delle famiglie Gammaldi, D Aloia, Mocciola, Bonomo, ecc, ai milanesi delle famiglie Bellettieri e Mente ed a tanti altri anzesi doc., lui e gli altri romani della sua genia formavano una memorabile comitiva, che sicuramente ha notevolmente contribuito alla modernizzazione, emancipazione e sprovincializzazione degli stili di vita anzesi. Giuseppe Bellettieri abitava a Roccapriora (Roma) e nonostante la vendita della casa nel caratteristico portone di via Gioberti, ha mantenuto saldo e sanguigno il suo legame con. L ultimo atto d amore verso la nostra terra, pochi giorni prima del suo decesso, stato la stipula di un abbonamento associativo al nostro giornale. Con infinito rimpianto, ai suoi familiari ed a quelli di Maria Raffaella Bonomo la redazione de L Alternativa Riformista porge le pi sentite condoglianze. per il bene delle comunit che amministrate. Tengo a sottolineare che quando mi sono insediato ho notato che intercorre un ottimo rapporto tra Sindaci e parroci dei singoli paesi e ci mi riempie di gioia, in quanto il cammino comune pu portare risultati positivi e concreti. Per me- ha continuato il Vescovoquesto primo incontro deve rappresentare l inizio di un dialogo fruttuoso fra Chiesa e Istituzioni, che spero e mi auguro possa continuare nel futuro, magari anche con l istituzione di momenti di riflessione su argomenti di pubblico interesse. Rispetto Voi Sindaci- ha continuato Mons. Ricchiuti- in quanto fate un lavoro impegnativo e duro, qual quello di servire le comunit.. Il presule, su invito delle Figlie di Maria Ausiliatrice di, il 31 gennaio, in occasione della festa di San Giovanni Bosco, tornato ad, ove ha officiato una solenne messa presso la Chiesa Madre ed ha successivamente partecipato ad un momento di gioia e di festa presso l oratorio ed al conviviale banchetto sapientemente allestito dalle nostre insostituibili suore guidate dalla direttrice Ida Serafino e dall Unione delle Ex allieve/i FMA, alla presenza del Sindaco Giovanni Petruzzi, del suo Vice Libonati, dei sacerdoti Don Nicola Scioia e Don Nicola Moles e dei componenti il consiglio direttivo delle Ex Allieve/i guidati dal Presidente Michele Cutro. Il Vescovo, durante l omelia, si soffermato sulla grandiosa figura di San Giovanni Bosco, sull attualit del suo insegnamento pedagogico e del metodo preventivo da lui elaborato, nonch sull importanza della funzione educativa, che deve quotidianamente essere testimoniata dai genitori, dagli insegnanti, dai sacerdoti.

15 Lutto P agina 15 E scomparsa la dr. Isa Monacella, per lunghi anni medico di base ad Profonda commozione ha destato la notizia dell improvvisa scomparsa della dr. Isa Monacella, per lunghi anni medico di base ad. Il decesso si é verificato domenica 15 gennaio, a Tramutola, dove dal si era trasferita per esercitare la professione medica e dove, al cospetto di una folla attonita e commossa, il 16 gennaio sono stati celebrati i funerali. La salma è stata seppellita a Corleto Perticara, paese in cui nacque il Affranti dal dolore i due figli, Michele ed Ernesto Lauletta, e tutti gli altri familiari ed amici, che ne hanno apprezzato le indubitabili qualità umane e le eccellenti doti professionali e sociali. La dr. Isa Monacella, oltre a caratterizzarsi per l infaticabile impegno professionale e sociale a servizio soprattutto delle fasce più deboli ed in particolare delle donne, è stata da sempre un appassionata militante della sinistra. Negli anni 80 ha aderito al P.S.I., candidandosi nel 1985 alle elezioni regionali nelle liste del garofano, riscuotendo un ottimo successo personale ad e nel Camastra-Alto Sauro e figurando tra i fondatori della sezione del PSI di, all interno della quale riuscì attivamente a coinvolgere nella militanza politica diverse donne. I compagni dell ex sezione PSI di, nella luttuosa circostanza, l hanno omaggiata con un toccante manifesto commemorativo. La Dottoressa ISA MONACELLA é deceduta ( ). Alla donna, alla madre, alla professionista ROCCO LAULETTA già compagno di vita e di lotta Le rende l ultimo omaggio e l estremo saluto per la dignità, la generosità e l altruismo sconfinato sempre manifestato, Addio IL SINDACO E L AMMINISTRAZIONE DEL COMUNE DI ANZI, INTERPRETANDO I SENTI- MENTI DI CORDOGLIO E DI DOLORE DELL IN- TERA POPOLAZIONE, PARTECIPANO COMMOS- SI AL LUTTO PER LA SCOMPARSA DELLA Dottoressa ISA MONACELLA INDIMENTICABILE E GENEROSO MEDICO DI BASE DI QUESTO COMUNE, COSTANTEMENTE AL SERVIZIO DEL PROSSIMO E DELLA COMUNITA. Isabella, del tutto impreparati, dobbiamo salutarti, ma vogliamo farlo dicendoti un Grazie immenso, Grazie per le cure, il conforto, la stima che ci hai dato, doni grandi che abbiamo potuto apprezzare in questi anni della tua permanenza qui, e che di più apprezziamo ora che ci mancheranno: la tua dolcezza, la tua pazienza, la tua finissima sensibilità, la tua colta conversazione. Questi doni rimarranno dentro di noi e ci aiuteranno. Ad andare avanti, a credere nella bontà e nella Sacralità della vita. Avere il privilegio gratuito della tua amicizia schietta, vera, è stato un dono prezioso di Dio. E il carissimo ricordo che lasci sono già una vittoria sulla morte e su tutte le amarezze della vita. Che il Padre Creatore che così bella ti ha prestato ai tuoi cari e a noi, ti riprenda e ti avvolga nel suo Amore Perfetto. E ora che ti abbiamo detto e ci siamo detti quanto bene ti vogliamo, siamo certi che lo sai anche tu. DECESSI Ciao Isabella. I tuoi pazienti Giuseppe Blasi di 55 anni Antonio Marino di 83 anni Fernando Antonio Bonomo di 68 anni Pasquale Tito di 73 anni Carmela Ciammella, vedova Marcogiuseppe di 67 anni

16 P agina 16 nali delle reti adduttrici dei Comuni di, Calvello e Laurenzana, al termine della quale è stato definito un crono programma mirato ad accelerare l iter procedurale per la realizzazione della rete adduttrice. Ma l iniziativa più importante è stata la convocazione, da parte del Sindaco Giovanni Petruzzi, della Conferenza di Servizi, ai sensi dell art.14 della Legge n 241/90, avente ad oggetto: interventi di riqualificazione del centro storico e realizzazione della rete gas metano. Il , attorno al tavolo della sala consiliare del Comune di si sono ritrovati il Sindaco Giovanni Petruzzi, l Assessore Franco Libonati, il Rappresentata della Telecom Antonio NICASTRO, Domenico SOLDO in rappresentanza della ditta Francesco SOLDO, l Ing. Armando MAGGI - Tecnico incaricato relazione programmatica P.O. Val d Agri, l Ing. Bruno GALDIERO - Gruppo progettazione rete interna gas metano, il Rappresentato di Acquedotto Lucano- Geom. Ricci Michele ed il rappresentato dell Enel Vincenzo ORLANDO. Dopo ampio approfondimento sull argomento oggetto della conferenza, la Ditta SOLDO ha dichiarato la propria disponibilità alla p r o p o s t a dell Amministrazione Comunale di circa l inizio dei lavori di propria competenza, relativi alla realizzazione della rete interna di gas metano riferita al tratto interessato dall intervento di riqualificazione urbana, da iniziare entro il 1 Aprile del corrente anno. Nel corso della conferenza dei servizi è stato, altresì, valutato il progetto preliminare dei lavori di rifacimento della pavimentazione ed i relativi sottoservizi di competenza comunale, interessante le strade di Via Lacava, Piazza Dante e Via Garibaldi, con l Amministrazione Comunale che ha chiesto a Enel, Telecon ed Acquedotto Lucano di varare gli interventi di canalizzazione dei sottoservizi e delle varie reti tecnologiche contestualmente Territorio all esecuzione dei lavori di riqualificazione urbana e di realizzazione del primo tratto funzionale della rete di metanizzazione. A riguardo, la TELECOM ha assicurato ampia disponibilità con gli altri enti interessati ai sottoservizi, previo esperimento di sopralluoghi tecnici al fine di procedere a sviluppare rapporti di collaborazione circa eventuali spostamenti di linee di propria competenza, mentre l ACQUEDOTTO LUCANO ha videnziato che già nel corso di interventi effettuati sulla rete idrica e fognaria esistente, si è potuto verificare la fatiscenza delle stesse e che intende procedere alla sua sostituzione. Dal canto suo, l ENEL ha detto che nel tratto interessato dai lavori di riqualificazione non ci sono linee di alta tensione. Viceversa esistono linee di bassa tensione interrate che attraversano via Lacava ed è auspicabile che durante le opere di scavo vengano disposti opportuni sopralluoghi tecnici al fine di procedere ad eventuali spostamenti di tratti di linea di bassa tensione. Officina Meccanica Gommista Diagnosi computerizzata Autorizzato Magneti Marelli Buchicchio Francesco Antonio C.da San Donato - ANZI Tel Cell

17 Municipio Inserto Interrogazione di Graziadei sui lavori in economia Al Sindaco di Oggetto: regolamento per lavori, forniture e servizi in economia, approvato con deliberazione di C.C. n. 36 del In riferimento all oggetto, Considerato che con deliberazione di C.C. n. 36 del 30 settembre 2004 stato approvato il vigente regolamento per lavori, forniture e servizi in economia; Che nel corso della seduta di approvazione ( ) ho formulato una serie di emendamenti, tutti respinti con entusiasmo da stadio, tra i quali la riduzione dei limiti massimi di importo per le diverse ipotesi di interventi; Preso atto che alcune delle mie proposte, allora respinte, dopo un anno di applicazione del regolamento, vengono fatte proprie, tant che propone, ad esempio, la riduzione da Euro a Euro dell importo massimo per i lavori assunti in amministrazione diretta sottoponendo all approvazione di Questo Onorevole Consiglio la modifica dell art. 4 comma 4 del regolamento, che solo per un banale refuso tipografico, risulta gi modificato con deliberazione di C.C. n. 45 del , quindi, ancor prima che il Consiglio si svolga e decida; Preso atto, altres, che propone la eliminazione all art. 2 Modalit di esecuzione in economia del sistema misto; Preso atto che propone la riduzione da 5 a 3 del numero delle ditte da invitare alla gara informale per l affidamento dei servizi e delle forniture in economia ( art 7 comma 1); Ritenendo essenziale ed indispensabile, ad un anno dall approvazione del regolamento, verificare in concreto la sua applicazione; Preso atto che Questo Onorevole Consiglio ha respinto la mia proposta di rinviare alla prossima seduta utile la modifica del regolamento previa verifica consiliare della sua attuazione; chiedo a tutela della trasparenza dell attivit amministrativa, 1) l elenco di tutti gli interventi eseguiti in economia dall approvazione del regolamento ad oggi, con l indicazione per ciascun tipo di intervento,del sistema adottato (amministrazione diretta, cottimo, sistema misto) dell importo previsto e poi liquidato, del nominativo dell imprenditore, degli estremi dell atto di affidamento; 2) l elenco degli interventi eseguiti con urgenza (art. 21 del regolamento), dall approvazione del regolamento ad oggi, con l indicazione dell importo previsto e poi liquidato, dell imprenditore e degli estremi del verbale; 3) l elenco degli interventi eseguiti con somma urgenza (art. 22 del regolamento), dall approvazione del regolamento ad oggi, con l indicazione dell importo previsto e poi liquidato, dell imprenditore e degli estremi del verbale. In attesa di riscontro, porgo i migliori saluti. Filomena Graziadei La risposta del Sindaco all interrogazione regolamento per lavori, forniture e servizi in economia, approvato con deliberazione di C.C. n. 36 del In riferimento all interrogazione riportata in oggetto, consegnata a mano dalla consigliere Filomena Graziadei durante la seduta del Consiglio Comunale del , in allegato alla presente si riportano i prospetti predisposti dall Ufficio Tecnico Comunale relativi all elenco degli interventi eseguiti in economia, con urgenza e con il sistema del cottimo fiduciario mediante affidamento diretto dall approvazione del regolamento ad oggi. Non sono stati effettuati interventi con il sistema della somma urgenza. Giovanni Petruzzi

18 Inserto Municipio ELENCO INTERVENTI ESEGUITI IN ECONOMIA MEDIANTE AFFIDAMENTO DIRETTO N. Descrizione Tipo intervento Determina affidamento Climatizzazione locali comunali Sostituzione bruciatore centrale termica scuole e sonde caserma C.C. Sostituzione porta locale di propriet comunale Adeguamento vano bagno alloggio popolare in via Madonna delle Grazie Manutenzione ordinaria infissi alloggi popolari via Madonna delle Grazie Manutenzione straordinaria alloggi popolari via Madonna delle Grazie Portale vecchio fontanino piazza Fittipaldi 8 Manutenzione straordinaria piazza San Donato, villetta San Donato e muro protezione via Umberto I Fornitura e posa discendente in rame 9 e sistemazione ringhiere in ferro 10 Manutenzione straordinaria impianto centrale termica caserma C.C. economia diretto - art.4 e 7 Reg. economia diretto - art.4 e 7 Reg. economia diretto - art.3 Reg. economia diretto - art.3 e 9 Reg. economia diretto - art.9 Reg. economia diretto - art.9 Reg. economia diretto - art.3 e 9 Reg. economia. diretto art.3 Reg. economia affidamento diretto - art.3 e 9 Reg. economia diretto - art.9 Reg. n.167 del Importo affidato IVA compresa n.17 del ,00 n.45 del n.55 del ,00 n.59 del ,00 n.67 del _.600,00 n.101 del n.140 del n.154 del Ditta esecutrice.2.040,00 Telesca Donato Potenza Pace Vincenzo Potenza.552,00 Artmetal di Giorgio Salvatore Potenza Castrignano Paolo Marcogiuseppe Rocco Benedetto Giuseppina.3.600,00 Lauria Luigi Gorgoglione ,65 n.198 del ,00 Benedetto Giuseppina Ciani Rocco n.230 del ,00 Pace Vincenzo Potenza Determina liquidazione Importo liquidato IVA compresa n.192bis del ,00 n.40 del ,00 n.90 del ,00 n.75 del ,00 n.72 del ,00 n.84 del ,00 n.225 del ,00 n.212 del ,00 n.248 del ,00 * * * Note Note: * L intervento riportato al n.8 del presente elenco risulta ancora non ultimato ed i relativi lavori non contabilizzati

19 Municipio Inserto ELENCO INTERVENTI ESEGUITI CON URGENZA N. Descrizione Tipo intervento Determina affidamento Note : Sostituzione griglie di scolo via Garibaldi ed altre Eliminazione pericoli a seguito avversit atmosferiche su strade e aree pubbliche Frana in localit Macinile-Dissesti strada accesso Caserma e Santa Maria Manutenzione straordinaria copertura palazzo municipale Urgenza diretto - art.21 Reg. Urgenza affidamento diretto - art.21 Reg. Urgenza diretto - art.21 Reg. Urgenza cottimo fiduciario - artt.88 e 144 D.P.R. 554/99 e art.21 Reg. n.34 del Importo affidato IVA compresa Ditta esecutrice.400,00 Falvella Agostino n.56 del ,00 Casella Giuseppe n.70 del n.93 del , ,00 Ciciani Riccardo n.257 del _ ,63 Sabato Tommaso Ruoti Determina liquidazione n.57 del Importo liquidato IVA compresa.400,00 No te A n.79 del ,00 B n.95 del ,00 C D * * * A)- Verbale lavori di urgenza in data ; B)- Verbale lavori di urgenza in data ; C)- Verbale lavori di urgenza in data ; D)- Verbale lavori di urgenza in data ; * I lavori pur essendo iniziati non hanno potuto proseguire per le avverse condizioni meteorologiche ELENCO INTERVENTI AFFIDATI AI SENSI DEL REGOLAMENTO APPROVATO CON D.P.R. N.554/99. N. Descrizione Tipo intervento Determina affidamento Sistemazione manto stradale a n.4 strade comunali rurali Completamento lavori cucina piano terra centro socio sanitario Completamento impianto elettrico esterno centro socio sanitario diretto a seguito di gara deserta Art.146 D.P.R. 554/99 e art.21 Reg. economia cottimo fiduciario - artt.88 e 144 D.P.R. 554/99 economia cottimo fiduciario artt.88 e 144 D.P.R. 554/99 n.214 del Importo affidato IVA compresa ,31 + I.V.A. n.220 del l ,83 n.221 del ,40 Ditta esecutrice Quagliano Francesco Edil Tre di Casella Vincenzo Colasurdo Antonio Determina liquidazione 1 SAL n.262 del SAL n.263 del Importo liquidato IVA compresa.7.252, ,58 Note A * * * Note: A)-Verbali di sopralluogo e di urgenza del 5, 14 e 16 marzo * I lavori a seguito di espletamento di gara di appalto andata deserta sono stati affidati mediante cottimo fiduciario. Gli stessi non hanno potuto avere inizio, in quanto le avverse condizioni climatiche non consentono la regolare esecuzione trattandosi di opere di bitumazione stradale.

REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (modificato con delibera di C.C. n. 77 del 26.10.2015) 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 PRINCIPI L Amministrazione

Dettagli

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO Art. 1 Istituzione ed impegni dell Amministrazione Comunale Il Consiglio Comunale di Santa Maria a Vico, riconosciuta

Dettagli

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 23.01.2015 Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo.

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo. REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Art.1 Finalità 1. Allo scopo di promuovere i diritti, accrescere le opportunità e favorire una idonea crescita socio-culturale dei ragazzi, nella piena consapevolezza

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA Premessa Il Comune di Colonna istituisce il "Consiglio Comunale dei Ragazzi" (CCR), come previsto dall'art. 5 Bis dello Statuto Comunale

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Provincia di Varese) STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 in data 16 aprile 2012 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

LA PICCOLA BASILICATA GIOCA LA CARTA DELL INNOVAZIONE

LA PICCOLA BASILICATA GIOCA LA CARTA DELL INNOVAZIONE L intervista LA PICCOLA BASILICATA GIOCA LA CARTA DELL INNOVAZIONE IL PRESIDENTE DELLA REGIONE, VITO DE FILIPPO, SPIEGA LE RAGIONI CHE HANNO SPINTO IL GOVERNO REGIONALE A PROMUOVERE UNA LEGGE PER IL SOSTEGNO

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI PREMESSA 1. La Regione Lazio, in attuazione dei principi statutari e al fine della concreta applicazione della Carta europea riveduta di partecipazione

Dettagli

Regolamento Comunale. Istituzione Consiglio Comunale dei Ragazzi

Regolamento Comunale. Istituzione Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di Laterza Provincia di Taranto Regolamento comunale Istituzione Consiglio Comunale dei ragazzi Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.27 del 5 Giugno 2007 1 REGOLAMENTO COMUNALE ISTITUZIONE

Dettagli

C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~

C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Approvato con deliberazione del

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Introduzione Che cos è il Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)? Si tratta di uno degli istituti di partecipazione all amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI 1 TITOLO I 3 Disposizioni Generali 3 Art. 1 3 Finalità 3 Art. 2 3 Obiettivi 3 Art. 3 3 Funzionamento del Regolamento del C.C.R. 3 TITOLO II 4 Il Consiglio

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO TITOLO I Denominazione - durata - sede - scopi ART 1. Per iniziativa dello Sma (Sistema Museale d'ateneo) e del Museo di Palazzo Poggi, è costituita l Associazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Città di Somma Lombardo Provincia di Varese REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 63 del 15 ottobre 2007 ) P.zza Vittorio

Dettagli

STATUTO FORUM DEI GIOVANI

STATUTO FORUM DEI GIOVANI STATUTO FORUM DEI GIOVANI ART.1 ADOZIONE DELLO STATUTO L Amministrazione Comunale di Osimo, con deliberazione del Consiglio Comunale del 3.8.2011, riconosciute: - l importanza di coinvolgere i giovani

Dettagli

Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO

Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO Lista n. 3 UNITI PER L AGRARIA PROGRAMMA ELETTORALE TRADIZIONE INNOVAZIONE SVILUPPO ELENCO CANDIDATI Candidato alla carica di Presidente Fabio Colaiacomo nato a Roma il 14 marzo 1969 residente a Campagnano

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E CULTURALI. (Approvato con Deliberazione di C.C. n. del ) 1 INDICE

Dettagli

CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE

CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE CERIMONIA DI GIURAMENTO DEGLI ALLIEVI DELL ACCADEMIA NAVALE Intervento del Capo di Stato Maggiore della Difesa Generale Biagio ABRATE Livorno, 3 dicembre 2011 Signor Ministro della Difesa, Ammiraglio Giampaolo

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991)

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) CAPO I DELLA COSTITUZIONE E DEL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE ART. 1 Insediamento del Consiglio - Entrata in carica

Dettagli

Comune di Polverara Provincia di Padova. Consiglio Comunale dei Ragazzi

Comune di Polverara Provincia di Padova. Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di Polverara Provincia di Padova Consiglio Comunale dei Ragazzi Premessa La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia (28.11.89) ratificata a tutt'oggi da ben 191 paesi, racchiude

Dettagli

Statuto dell Associazione Naturalistica e Culturale PASSIFLORA

Statuto dell Associazione Naturalistica e Culturale PASSIFLORA Statuto dell Associazione Naturalistica e Culturale PASSIFLORA Art. 1 COSTITUZIONE E SEDE E costituita l Associazione Naturalistica e Culturale denominata P.ass.i.flora con sede a Sassari, in Strada Vic.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola dell Infanzia di VESTRENO A.S. 2013/2014 Insegnante: BARINDELLI PAOLA PREMESSA: L insegnamento della Religione Cattolica nella scuola dell Infanzia

Dettagli

Associazione SEMI Onlus. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SEMI Onlus. Denominazione Sede Durata

Associazione SEMI Onlus. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SEMI Onlus. Denominazione Sede Durata STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SEMI Onlus Denominazione Sede Durata Art. 1 E costituita l Associazione SEMI Onlus secondo gli art. 11 e seguenti del c.c. e nello spirito della Costituzione repubblicana. Art.2

Dettagli

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 17.09.2012 INDICE Art.

Dettagli

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari

COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari COMUNE DI QUARTU SANT'ELENA Provincia di Cagliari REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE DEL REGISTRO COMUNALE DEL VOLONTARIATO, DELLE CONSULTE TEMATICHE E DEL FORUM DEL VOLONTARIATO. Approvato con deliberazione

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI ORZIVECCHI PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI ED AUSILI FINANZIARI E L ATTRIBUZIONE DI VANTAGGI ECONOMICI DI QUALUNQUE GENERE A PERSONE

Dettagli

Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità

Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità Regolamento generale dell associazione di volontariato Sant'Andrea Apostolo della Carità I SOCI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 I SOCI che intendono iscriversi all Associazione, condividendone gli scopi, compilano

Dettagli

La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze

La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze SOCIETA DELLA SALUTE DI FIRENZE La costituzione degli Organismi della Partecipazione della SdS di Firenze Gruppo di lavoro: Andrea Aleardi Assessorato alla Partecipazione Comune di Firenze Roberto Bocchieri

Dettagli

STATUTO A.N.P.AS. Comitato Regionale Liguria

STATUTO A.N.P.AS. Comitato Regionale Liguria Adottato con delibera assembleare del 27 giugno 1999 e modificato con delibera assembleare 29/04/2007 Depositato Notaio Bechini Ugo 8/11/2007 Repertorio Numero 8369 / Numero 4889 di raccolta. STATUTO A.N.P.AS.

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO. 1..(cognome, nome,luogo e data di nascita, residenza, attività, nazionalità) 2..

ATTO COSTITUTIVO. 1..(cognome, nome,luogo e data di nascita, residenza, attività, nazionalità) 2.. (Schema atto costitutivo) ATTO COSTITUTIVO Addì.(giorno in lettere) del mese di.(in lettere) dell anno.(in lettere) nella.. di in via..di.(indicare il comune e lo Stato), si sono riuniti i signori: 1..(cognome,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti

REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE - atti REGOLAMENTO DEI CONSIGLI DI QUARTIERE INDICE SISTEMATICO ART.1 CONSIGLI DI QUARTIERE ART.2 COMPOSIZIONE E NOMINA DEI CONSIGLI DI QUARTIERE E DETERMINAZIONE

Dettagli

COMUNE DI TERLIZZI Provincia di Bari

COMUNE DI TERLIZZI Provincia di Bari REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI ^^^^^^^^^^^^^^ INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI 1 - PRINCIPIO DI SUSSIDIARIETA 2 - REQUISITI FONDAMENTALI

Dettagli

COMUNE DI CERRETO LAZIALE

COMUNE DI CERRETO LAZIALE COMUNE DI CERRETO LAZIALE REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO SOCIALE PER ANZIANI - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

STATUTO FEDERAZIONE COORDINAMENTI DI VOLONTARIATO SICILIANO (VOL.SI.)

STATUTO FEDERAZIONE COORDINAMENTI DI VOLONTARIATO SICILIANO (VOL.SI.) STATUTO FEDERAZIONE COORDINAMENTI DI VOLONTARIATO SICILIANO (VOL.SI.) Articolo 1 (Costituzione Denominazione Sede) 1. È costituita la Federazione Coordinamenti di Volontariato Siciliano, in breve VOL.SI.,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO

REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO ART. 1 - FINALITA L Asilo Nido è un servizio educativo e sociale di interesse collettivo che garantisce alla prima infanzia le condizioni di un armonico sviluppo psico-fisico

Dettagli

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO ITACA ASTI S T A T U T O

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO PROGETTO ITACA ASTI S T A T U T O 1//7 S T A T U T O Art. 1 Costituzione, denominazione, sede e durata. a E costituita in Asti l Associazione di Volontariato denominata e più avanti chiamata Associazione, con sede legale in Asti in via

Dettagli

ATTO NORMATIVO DELL ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI VERONA

ATTO NORMATIVO DELL ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI VERONA AZIONE CATTOLICA ITALIANA ATTO NORMATIVO DELL ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI VERONA Approvato dall assemblea diocesana del 1 aprile 2006 Dichiarato conforme dal consiglio nazionale del 10-11 giugno 2006 Integrato

Dettagli

Comune di Paduli Provincia di Benevento

Comune di Paduli Provincia di Benevento Comune di Paduli Provincia di Benevento Regolamento di funzionamento del Forum dei giovani di Paduli (BN) per la partecipazione giovanile, in attuazione della carta europea della partecipazione dei giovani

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE

REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE REGOLAMENTO DEI GIOVANI IMPRENDITORI EDILI DELL ANCE - Approvato dal Consiglio Direttivo dell ANCE il 28 aprile 1992 - Modificato dal Consiglio Direttivo dell ANCE il 29 aprile 1993 - Modificato dal Comitato

Dettagli

Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI Comune di Casaluce REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 14 del 22/7/2009 1 REGOLAMENTO FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE

Dettagli

6. Il Presidente, Sig. Giovanni Cibrario, viene delegato a richiedere la registrazione del presente Atto Costitutivo e dell allegato Statuto.

6. Il Presidente, Sig. Giovanni Cibrario, viene delegato a richiedere la registrazione del presente Atto Costitutivo e dell allegato Statuto. ATTO COSTITUTIVO Il giorno 26 del mese di Ottobre dell anno duemilasette, alle ore 18:30, nel locale di Pianezza (TO), via Almese 6, si riuniscono i seguenti Signori: sig. Giovanni Cibrario, nato a Torino

Dettagli

SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE

SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE SCHEMA ESEMPLIFICATIVO DI STATUTO ASSOCIAZIONE La formulazione del testo del presente statuto-tipo è puramente esemplificativa. Nell ambito dell esercizio del proprio potere di autonomia privata, i costituenti

Dettagli

1. Nell anno 2011 addì 14 del mese di Giugno, in Monza, i sottoscritti signori

1. Nell anno 2011 addì 14 del mese di Giugno, in Monza, i sottoscritti signori 1. Nell anno 2011 addì 14 del mese di Giugno, in Monza, i sottoscritti signori - Arbizzoni Diego; - Arena Fabio; - Calabrese Michele; - Lauria Emanuele; - Moriggi Andrea; - Natale Giuseppe; - Santi Francesca;

Dettagli

Enti e Territorio. Classe III AN anno scolastico 2012/2013 Referente: Prof.ssa Angela Mancini

Enti e Territorio. Classe III AN anno scolastico 2012/2013 Referente: Prof.ssa Angela Mancini Enti e Territorio Classe III AN anno scolastico 2012/2013 Referente: Prof.ssa Angela Mancini Progetto di alternanza scuola lavoro realizzato dagli alunni di una classe terza del Liceo economico sociale

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico

COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico Analisi del procedimento di variante urbanistica accelerata di Claudio Facchini, dirigente del Settore Sviluppo economico del Comune di Faenza Edizione 1/CF/cf/11.04.2011

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO II Municipalità Avvocata - Montecalvario Mercato - Pendino Porto - San Giuseppe REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI E DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO approvato nella seduta del Consiglio

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Art. 1 Denominazione Sede - Durata E costituita l Associazione di volontariato denominata Unione Samaritana ONLUS, con sede in Milano piazza Ospedale Maggiore 3, presso l Azienda

Dettagli

STATUTO. Articolo 1. Rete Comuni Solidali

STATUTO. Articolo 1. Rete Comuni Solidali ALL. A) STATUTO Articolo 1. Rete Comuni Solidali E istituita a tempo indeterminato l associazione denominata Rete Comuni Solidali: Comuni della terra per il mondo (da ora in poi chiamata per abbreviazione

Dettagli

STATUTO. Titolo Primo Principi

STATUTO. Titolo Primo Principi STATUTO Titolo Primo Principi Art. 1 - L «Associazione Italiana Guide e Scouts d Europa Cattolici» (della Federazione dello Scoutismo Europeo - Fédération du Scoutisme Européen), costituita a Roma il 14

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE PRO-LOCO AIRUNO. Costituzione e scopi. Art.1

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE PRO-LOCO AIRUNO. Costituzione e scopi. Art.1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE PRO-LOCO AIRUNO Costituzione e scopi Art.1 È costituita con sede in Airuno, P.za Fenaroli, l Associazione denominata Pro loco Airuno. Art. 2 La Pro loco Airuno è un Associazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA BOXRALLYCLUB

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA BOXRALLYCLUB S T A T U T O Articolo 1 - Denominazione e sede E costituita in Azzano San Paolo (Bg), Via I Maggio n.15, l associazione sportiva denominata: ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA BOXRALLYCLUB. Articolo

Dettagli

COMITATO PER IL RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO

COMITATO PER IL RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO ASSOCIAZIONE PRO LOCO SANLURI ASSOCIAZIONE PRO LOCO VILLANOVAFORRU COMITATO PER IL RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO RESTAURO E RECUPERO DELLA CHIESA DI SANT ANTIOCO VALORIZZAZIONE AMBIENTALE DELL

Dettagli

COMUNE DI LANUSEI Provincia dell'ogliastra

COMUNE DI LANUSEI Provincia dell'ogliastra COPIA COMUNE DI LANUSEI Provincia dell'ogliastra DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 15 DEL 25/06/2015 OGGETTO: ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI - APPROVAZIONE REGOLAMENTO

Dettagli

Regolamento del Coordinamento CARE

Regolamento del Coordinamento CARE Regolamento del Coordinamento CARE (a completamento di quanto indicato nello Statuto) Il presente Regolamento attua, definisce e disciplina gli aspetti organizzativi interni, così come i diritti e i doveri

Dettagli

STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA

STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA 1 STATUTO DELLA FEDERCONSUMATORI DI PAVIA COSTITUZIONE E SCOPI Art. 1 La Federconsumatori di Pavia ha sede a Pavia in via G.Cavallini 9 Art. 2 La Federconsumatori di Pavia è una Associazione senza fini

Dettagli

Grave lutto colpisce il tiro a volo piemontese Immaturamente è mancato Enzo Peroglio storico Dirigente del Tav Baldissero Canavese

Grave lutto colpisce il tiro a volo piemontese Immaturamente è mancato Enzo Peroglio storico Dirigente del Tav Baldissero Canavese Grave lutto colpisce il tiro a volo piemontese Immaturamente è mancato Enzo Peroglio storico Dirigente del Tav Baldissero Canavese Profonda commozione dei dirigenti Fitav, del settore giovanile e di Johnny

Dettagli

Per coloro che ancora non mi conoscono mi presento: io sono Piero Casoli, Presidente dell Associazione Il Mulino Onlus.

Per coloro che ancora non mi conoscono mi presento: io sono Piero Casoli, Presidente dell Associazione Il Mulino Onlus. Relazione introduttiva del nostro Presidente Buonasera a tutti, per prima cosa desidero ringraziare sentitamente tutti i presenti ed anche chi, purtroppo, per impedimenti personali non è potuto intervenire

Dettagli

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI ASSESSORATO ALLA PARTECIPAZIONE STATUTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I - NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI Art. 1 - Istituzione...

Dettagli

UNIONE CIECHI D EUROPA Onlus STATUTO TITOLO I COSTITUZIONE SEDE SCOPI ART. 1

UNIONE CIECHI D EUROPA Onlus STATUTO TITOLO I COSTITUZIONE SEDE SCOPI ART. 1 UNIONE CIECHI D EUROPA Onlus STATUTO TITOLO I COSTITUZIONE SEDE SCOPI ART. 1 1. L Unione Ciechi d Europa Onlus è una libera Associazione di Ciechi e Ipovedenti residenti in Italia o nei Paesi dell Unione

Dettagli

CONSORZIO TOPIX TORINO E PIEMONTE EXCHANGE POINT, con attività. numero di iscrizione e codice fiscale e partita IVA 08445410015 * * * * *

CONSORZIO TOPIX TORINO E PIEMONTE EXCHANGE POINT, con attività. numero di iscrizione e codice fiscale e partita IVA 08445410015 * * * * * CONSORZIO TOPIX TORINO E PIEMONTE EXCHANGE POINT, con attività esterna, con sede in Torino, Via Bogino n. 9, con il fondo consortile di 1.600.000.=, versato per 1.570.000.=, iscritto al Registro Imprese

Dettagli

TITOLO I DENOMINAZIONE-SEDE-SCOPI. AccompagNatur GUIDE ESCURSIONISTICHE AMBIENTALI DELLA VAL D OSSOLA

TITOLO I DENOMINAZIONE-SEDE-SCOPI. AccompagNatur GUIDE ESCURSIONISTICHE AMBIENTALI DELLA VAL D OSSOLA Art. 1 E costituita l associazione: TITOLO I DENOMINAZIONE-SEDE-SCOPI AccompagNatur GUIDE ESCURSIONISTICHE AMBIENTALI DELLA VAL D OSSOLA Associazione fra Guide Escursionistiche Ambientali o Accompagnatori

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DELL ASSOCIAZIONE GIRO GIRO TONDO ONLUS ATTO REGISTRATO PRESSO L'AGENZIA DELLE ENTRATE DI ROMA 7 IL 12.01.

ATTO COSTITUTIVO DELL ASSOCIAZIONE GIRO GIRO TONDO ONLUS ATTO REGISTRATO PRESSO L'AGENZIA DELLE ENTRATE DI ROMA 7 IL 12.01. ATTO COSTITUTIVO DELL ASSOCIAZIONE GIRO GIRO TONDO ONLUS ATTO REGISTRATO PRESSO L'AGENZIA DELLE ENTRATE DI ROMA 7 IL 12.01.2010 CON IL N 162 In Grottaferrata (Roma), si sono riuniti il giorno 18 Dicembre

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

La Gazzetta di Emmaus

La Gazzetta di Emmaus E D I T O R E E M M A U S S P A A N N O 2 N U M E R O 3 3 Ad Emmaus si canta che è una bellezza S O M M A R I O In Prima 1 Caro amico 2 ti scrivo Eventi 3 Articolo 4 Fashion Lavelli 5 LA SETTIMANA SCORSA

Dettagli

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO COMUNE DI CESENA Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ 2 Art. 1 - Principi 2 Art. 2 - Istituzione 2 Art. 3 Finalità 2 TITOLO II ORGANI E FUNZIONI 3

Dettagli

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014. V SETTORE Scuola, Cultura, Turismo, Comunicazione, Urp

PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014. V SETTORE Scuola, Cultura, Turismo, Comunicazione, Urp PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE 2014 V SETTORE Scuola, Cultura, Turismo, Comunicazione, Urp Programma del SERVIZIO COMUNICAZIONE DEL SERVIZIO: Promuovere l immagine e le iniziative del Comune, promozione e

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA

M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA M.A.S.C.I. R E G I O N E CAMPANIA REGOLAMENTO REGIONALE Articolo 1 Finalità Il presente Regolamento Regionale del M.A.S.C.I. della Regione Campania, redatto in attuazione dell'art. 9 dello Statuto Nazionale

Dettagli

- COMUNE DI AULETTA - Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

- COMUNE DI AULETTA - Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI - COMUNE DI AULETTA - Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con delibera di C.C. n. 16 del 13/05/2003 - Art. 1 - Allo scopo

Dettagli

COMUNE DI SICIGNANO DEGLI ALBURNI

COMUNE DI SICIGNANO DEGLI ALBURNI COMUNE DI SICIGNANO DEGLI ALBURNI Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con delibera di C.C. n. 05 del 17/03/2005 - Art.

Dettagli

TITOLO I : DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO I : DISPOSIZIONI GENERALI TITOLO I : DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 E costituita l Associazione denominata Associazione Culturale Punto in Movimento, con sede legale in Verona, Vicolo Madonnina n.9. ARTICOLO 2 L Associazione

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE EASYMAMMA. (approvato dall Assemblea straordinaria del 24 maggio 2013)

STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE EASYMAMMA. (approvato dall Assemblea straordinaria del 24 maggio 2013) STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE EASYMAMMA (approvato dall Assemblea straordinaria del 24 maggio 2013) Art. 1 Denominazione, sede, carattere, durata. E costituta l Associazione di promozione

Dettagli

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO

CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE. CRALPoste REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO CIRCOLO RICREATIVO AZIENDALE LAVORATORI DI POSTE ITALIANE CRALPoste REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO Roma, 31 Marzo 2005 INDICE Art. 1 Denominazione e logo dell Associazione pag. 3 Art. 2 Scopi

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO LA RETE MAGICA - Amici per l Alzheimer e il Parkinson

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO LA RETE MAGICA - Amici per l Alzheimer e il Parkinson STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO LA RETE MAGICA - Amici per l Alzheimer e il Parkinson Art.1 Costituzione, denominazione e sede 1. E costituita con sede in Forlì, l Associazione di volontariato

Dettagli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli

Regolamento per l elezione di Segretari e Assemblee delle Unioni provinciali/territoriali, dei Segretari e dei Direttivi dei Circoli Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; gli articoli 4, 5, 6, 7 dello Statuto regionale del PD dell Umbria; l articolo 12 del Regolamento per l elezione del Segretario e dell

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE L ARTERÌA

STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE L ARTERÌA STATUTO ASSOCIAZIONE CULTURALE L ARTERÌA Art.1 Denominazione-Sede-Durata E costituita, nel rispetto delle norme della Costituzione Italiana, della Legge 383/00, del Codice Civile e della normativa in materia,

Dettagli

Favorire l inserimento umano delle giovani leve nel mondo del lavoro

Favorire l inserimento umano delle giovani leve nel mondo del lavoro I giovani non sono otri da riempire ma lampade da accendere Igino Petrone Federazione Maestri del lavoro d Italia Consolato Regionale del Molise Il Progetto Pianeta Giovani in tutto il suo percorso, è

Dettagli

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE

ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE ASSOCIAZIONE DEI COMUNI DEL MIRANESE PER IL COORDINAMENTO DELLE POLITICHE GIOVANILI CONVENZIONE 2015 2017 Testo approvato con deliberazioni consiliari di Martellago del, n., Mirano del, n., Noale del,

Dettagli

Statuto del Gruppo Mineralogico Lombardo. Associazione Italiana di Mineralogia

Statuto del Gruppo Mineralogico Lombardo. Associazione Italiana di Mineralogia Statuto del Gruppo Mineralogico Lombardo Associazione Italiana di Mineralogia Titolo I Denominazione, oggetto, durata e sede Art.1 Il Gruppo Mineralogico Lombardo è stato fondato nel 1965 presso il Museo

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 43

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 43 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 43 OGGETTO: PARTECIPAZIONE ATTIVA DEI CITTADINI AI PROCESSI DECISIONALI DELL'ENTE LOCALE. APPROVAZIONE REGOLAMENTO 'BILANCIO PARTECIPATIVO' L anno 2013,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI SALO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 07 del 25.03.2013 Pubblicato all Albo pretorio

Dettagli

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18

SOMMARIO PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 PARTE SECONDA: RELAZIONE SOCIALE 18 SOMMARIO LETTERA DEL PRESIDENTE 4 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA 6 IL COINVOLGIMENTO DEGLI STAKEHOLDER 7 PARTE PRIMA: IDENTITÀ DEL COMITATO ITALIANO PER L UNICEF ONLUS 8 1.1 CONTESTO DI RIFERIMENTO 9

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di L E C C E REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 39 del 04-12-2014 1 PRINCIPI GENERALI Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA --------------------------------------------------- Provincia di Treviso VIA VITTORIO EMANUELE, 13 31040 MEDUNA DI LIVENZA C.F.: 8001 237 0260 P.IVA: 0049 741 0266 WWW.COMUNE.MEDUNADILIVENZA.TV.IT

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

Art. 4 - DIRITTI E DOVERI DEGLI ADERENTI

Art. 4 - DIRITTI E DOVERI DEGLI ADERENTI Art. 1 - COSTITUZIONE 1.1 E costituita l associazione Immagine Pensiero il Prato di Assio che in seguito sarà denominata l associazione. L associazione adotta come riferimento la legge quadro del volontariato

Dettagli

DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI

DELIBERAZIONE del COMITATO DEI SINDACI Ambito Sociale Territoriale n 3 Ente capofila Comunità Montana Catria e Nerone - Cagli Comuni di Acqualagna, Apecchio, Cagli, Cantiano, Piobbico DELIBERAZIONE COMITATO DEI SINDACI N 26 13.10.2003 Oggetto

Dettagli

Visitate il Presepio artistico nella Cappellina Parrocchiale

Visitate il Presepio artistico nella Cappellina Parrocchiale CIRCOLO SANTA MARIA ASSUNTA - Rubano, 27 dicembre 2015 Anno 2 n 48 - Pag. 1 Circolo SANTA MARIA ASSUNTA Rubano Via Brescia, 1 - Tel. 049 897 72 36 Eventi, date, avvenimenti e notizie per le prossime settimane:

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE *************** ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE DENOMINAZIONE SEDE SCOPO DURATA ***** ARTICOLO 1

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE *************** ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE DENOMINAZIONE SEDE SCOPO DURATA ***** ARTICOLO 1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE *************** ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA SOCIALE DENOMINAZIONE SEDE SCOPO DURATA ***** ARTICOLO 1 E costituita L Associazione, senza fini di lucro, denominata:

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI FLUMINIMAGGIORE PROVINCIA DI Carbonia Iglesias REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del INDICE Art. 1 Principi ispiratori Art. 2

Dettagli

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel.0831-955400 Fax 0831-955429

CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel.0831-955400 Fax 0831-955429 CITTÀ DI SAN VITO DEI NORMANNI (Provincia di Brindisi) Assessorato ai Servizi Sociali Via De Gasperi - Tel.0831-955400 Fax 0831-955429 REGOLAMENTO COMUNALE DEL CENTRO APERTO POLIVALENTE ANZIANI ART. 1

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE...

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... ARTICOLO N 1 - Costituzione dell ASSOCIAZIONE. A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D/Lgs 460/97, della Legge 383/2000

Dettagli

Allegato "A" al n.30506 di raccolta S T A T U T O "OLTRE IL GIARDINO ONLUS o ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA'SOCIALE" S t a t u t o

Allegato A al n.30506 di raccolta S T A T U T O OLTRE IL GIARDINO ONLUS o ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA'SOCIALE S t a t u t o Allegato "A" al n.30506 di raccolta S T A T U T O "OLTRE IL GIARDINO ONLUS o ORGANIZZAZIONE NON LUCRATIVA DI UTILITA'SOCIALE" S t a t u t o Costituzione - Denominazione - Sede Art.1. E' costituita, ai

Dettagli

Milano, 25.11.2014. Presidente di assemblea: Costanza Papagno. Segretario verbalizzante: Michela Paulin. La Presidente dichiara aperta la riunione:

Milano, 25.11.2014. Presidente di assemblea: Costanza Papagno. Segretario verbalizzante: Michela Paulin. La Presidente dichiara aperta la riunione: Milano, 25.11.2014 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO AITA ONLUS LOMBARDIA Il giorno 25.11. 2014 alle ore 17.00 nella sede di via Cadamosto, 5 Milano si è riunito il Consiglio Direttivo di AITA

Dettagli