NOTIZIE DAL MONDO CAMERALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTIZIE DAL MONDO CAMERALE"

Transcript

1 ============================================================================= Luglio n. 07/2009 NOTIZIE DAL MONDO CAMERALE INSIEME IN EUROPA PER AFFRONTARE LA CRISI E TROVARE NUOVE STRATEGIE PER RIMETTERE IN MOTO L ECONOMIA Si è tenuta giovedì 18 giugno u.s. a Bruxelles, presso la sede comune delle Regioni e delle Camere di Commercio regionali dell Euroregione Alpi Mediterraneo (composta da Piemonte, Liguria, Valle d Aosta, Paca Corse e Rhône-Alpes) di Rue du Trône 62, la Conferenza sul ruolo delle Euroregioni in Europa di fronte alla crisi economica e la manifestazione di chiusura del mandato di presidenza del Rhône- Alpes. Desidero ringraziare il Presidente della Regione Rhône-Alpes Jean-Jack Queyranne per l impegno profuso in questi mesi di presidenza. Attraverso la nostra presenza comune a Bruxelles, abbiamo la possibilità di lavorare nella maniera più efficace possibile, mondo politico ed economico fianco a fianco, al servizio dei territori e delle imprese - ha dichiarato Ferruccio Dardanello, Presidente di Unioncamere Piemonte, a nome di 34 Camere di commercio locali che rappresentano 1 milione e 500mila imprese -. L Euroregione è un territorio transfrontaliero ricco e dalle mille potenzialità di sviluppo internazionale: è qui il motore di crescita economica. È da qui che, unendo le forze nei confronti delle istituzioni europee, possiamo creare occasioni ed opportunità di crescita che servano concretamente al mondo delle imprese. Durante la Conferenza europea, alla quale era presente la Presidente della Regione Piemonte Mercedes Bresso e che ha riunito gli alti rappresentanti delle Regioni europee e l insieme delle Euroregioni d Europa, il Presidente Dardanello ha aggiunto: Con la collaborazione all interno dell Euroregione intendiamo dare una risposta alla crisi attuale che ha colpito interamente un'area abitata da 17 milioni di persone e con un Pil di 490 miliardi di euro: il nostro obiettivo è trovare gli strumenti adeguati per rispondere con celerità a questa sfida economica. Potenziare la rete infrastrutturale, lavorare per una maggior internazionalizzazione dei nostri territori e favorire le imprese nel campo dell innovazione sono le priorità su cui programmare iniziative di sviluppo economico integrato. Per informazioni: Annalisa D Errico, Ufficio stampa Unioncamere Piemonte Tel. 011/ E- mail: Sommario Notizie dal mondo camerale Pag. n. 1 Indici dei prezzi Istat Pag. n. 11 Sportello Internazionalizzazione Pag. n. 12 Qui Regione Pag. n. 15 Notizie dalla Comunità Europea Pag. n. 16

2 PROROGA ISCRIZIONE AL REGISTRO DEI PRODUTTORI DI PILE E ACCUMULATORI Entro il 18 settembre 2009 le imprese produttrici di pile ed accumulatori hanno l obbligo di iscriversi ad un Registro, previsto dal D.Lgs. n. 188 del 20 novembre 2008, istituito presso il Ministero dell Ambiente. Sono tenuti all iscrizione i produttori di pile e accumulatori ovvero chiunque immetta sul mercato nazionale per la prima volta pile e accumulatori, anche se incorporati in apparecchi o veicoli. L iscrizione al Registro deve essere effettuata presso la Camera di Commercio dove ha sede legale l impresa. L iscrizione avviene esclusivamente per via telematica, collegandosi al portale o direttamente al sito L accesso al sistema telematico deve essere effettuato tramite il dispositivo di firma digitale (CNS-BK). Il legale rappresentante può delegare un altro soggetto, anch esso dotato di firma digitale, alla compilazione e alla trasmissione dell istanza. Gli importi da versare sono: tassa di concessione governativa pari a Euro 168,00 sul C/C postale n.8003 intestata a Agenzia delle entrate -Ufficio di Roma 2 Centro Operativo di Pescara Tasse Concessioni Governative codice causale 8617 altri atti ; imposta di bollo pari a Euro 14,62 da assolvere tramite versamento sul C/C postale 8284 intestato a Camera di Commercio di Vercelli Piazza Risorgimento, 12, oppure scansionando la marca da bollo debitamente annullata. Le attestazioni di avvenuto pagamento dei bollettini devono essere scansionate come richiede il programma e conservate dall impresa per eventuali controlli. Una volta effettuata l iscrizione, a ciascun produttore viene rilasciato un numero di iscrizione tramite il sistema informatico delle Camere di Commercio. Entro 30 giorni dal suo rilascio, il numero di iscrizione deve essere indicato dal produttore in tutti i documenti di trasporto e nelle fatture commerciali. Il produttore che immette sul mercato pile o accumulatori, senza aver provveduto all iscrizione presso la Camera di Commercio, è punito con sanzione amministrativa pecuniaria. Informazioni dettagliate sulla normativa, sui soggetti obbligati all iscrizione e i manuali per l iscrizione sono disponibili accedendo al sito: E inoltre possibile ottenere informazioni in merito all argomento all indirizzo: II edizione Il Giro d'italia delle donne che fanno impresa Ha preso il via da Isernia il 2 luglio scorso, alla presenza del Presidente di Unioncamere Ferruccio Dardanello, la seconda edizione del Giro d Italia delle donne che fanno impresa. L'obiettivo dell'iniziativa alla sua seconda edizione - è di proseguire nel valorizzare l impegno del sistema camerale e della rete dei Comitati per la promozione dell imprenditoria femminile, a 10 anni esatti dalla firma del primo protocollo d intesa tra Unioncamere e Ministero dello Sviluppo Economico che ha sancito la nascita dei Comitati presso tutte le Camere di Commercio. Le tappe del Giro d Italia, distribuite su tutto il territorio nazionale, sono progettate d intesa con i Comitati per la promozione dell imprenditoria femminile: la partenza ad Isernia è prevista per il 2 luglio e il Giro andrà avanti fino alla metà di luglio fermandosi a Verona, Perugia, Cuneo, Salerno, Crotone, Bergamo. Il Giro si è concluso a L Aquila il 18 luglio con una conferenza stampa, nel corso della quale si svolgerà la premiazione del Concorso Maglia Rosa. Quattro imprese, femminili e non femminili, saranno valorizzate con l assegnazione delle maglie: la rosa alla vincitrice, la verde a quella più attenta all ambiente; la ciclamino alla più innovativa e dinamica; la bianca a quella condotta dalla migliore giovane promessa, ovvero all imprenditrice più sensibile ai temi lanciati dal concorso e sotto i 30 anni. 2

3 Revisione Ruolo degli agente e rappresentante di commercio E' in corso la revisione quinquennale del Ruolo Agenti e Rappresentanti di Commercio, prevista dall'art. 5 della Legge n. 204/1985. La conferma nel Ruolo è effettuata previa verifica della sussistenza dei requisiti soggettivi in capo agli iscritti. Per effettuare la revisione occorre far pervenire all'ufficio Albi e Ruoli di questa Camera la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà debitamente compilata e sottoscritta, nonché. 31,00 (quali diritti di segreteria) in contanti allo sportello o mediante attestazione del relativo versamento sul c/c.p. n intestato alla CCIAA di Vercelli. Tutti gli iscritti nel Ruolo hanno ricevuto, all'indirizzo indicato al momento dell'iscrizione, lettera di invito ad effettuare la revisione quinquennale con allegata dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà per la conferma dell'iscrizione nel Ruolo L ufficio Albi e Ruoli tel. 0161/ rimane a disposizione per eventuali informazioni o chiarimenti. 43 Edizione Douja d Or Enogastronomia, cultura e arte sono gli ingredienti del Salone Nazionale di Vini Selezionati Douja d Or, la Camera di Commercio di Asti, attraverso la sua Azienda Speciale, organizza dall 11 al 20 settembre Per informazioni: Tel: 0141/ oppure La settimana del riso In occasione della Douja d Or il riso diventa protagonista dei menù dei ristoranti astigiani che aderiscono all iniziativa promozionale organizzata dall ASFIM, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Vercelli, in collaborazione con i produttori vercellesi. Per informazioni: Ufficio Promozione Economica Tel: 0161/ it 3

4 Un contributo attivo al rilancio del made in Abruzzo Unioncamere e Autogrill si alleano per sostenere le imprese di un settore primario per l economia dell Abruzzo, quello agroalimentare. Ha preso il via a luglio, infatti, l iniziativa di promozione dei prodotti di qualità dell agroalimentare abruzzese in 40 punti vendita di Autogrill su tutto il territorio nazionale. Con la collaborazione anche di Coldiretti e Parco del Gran Sasso, le aziende abruzzesi produttrici di 17 prodotti tipici, per un totale di 10 tonnellate, potranno così avvalersi di una vetrina privilegiata e di un canale di vendita aggiuntivo. "Si tratta di una iniziativa importante ed altre ne seguiranno, per dare un aiuto concreto alle imprese abruzzesi che stanno dimostrando la loro grande capacità di reazione, ha commentato il presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello. Nonostante le difficoltà del momento, i nostri dati ci mostrano che la nati-mortalità delle imprese abruzzesi non flette. Secondo l'ultima rilevazione, in Abruzzo, nel secondo trimestre di quest anno, 922 imprese in più (143 delle quali appartenenti al settore agricolo) si sono aggiunte alla cospicua platea imprenditoriale, composta da quasi 150mila aziende. E la testimonianza del vigore tradizionalmente riconosciuto a queste popolazioni, che va sostenuto affinché al più presto riparta l economia locale. Il sostegno fornito al settore agroalimentare abruzzese si spiega alla luce delle caratteristiche economiche della regione. La filiera agroalimentare è infatti strategica per l economia locale dal momento che essa rappresenta: il 24,4% delle imprese della regione (circa 36mila imprese) contro il 18,8% delle imprese italiane; il 5% delle esportazioni regionali totali (7% in Italia) Le imprese della filiera agroalimentare in Abruzzo (Anno 2008) Settori Numero imprese Agricoltura,caccia e relativi servizi Industrie alimentari e delle bevande TOTALE IMPRESE Incidenza Agroalimentare su Totale 24,1 Fonte: Unioncamere, Movimprese, 2008 Esportazioni dell'agroalimentare in Abruzzo 2008 Valori assoluti (in euro) e composizione percentuale sul totale export provinciale Agricoltura Alimentare Totale Agroalimentare Totale export L'AQUILA , , ,0 1, TERAMO , , , PESCARA , , , CHIETI , , , ABRUZZO , , , ITALIA , , , Fonte: Elaborazione Unioncamere su dati Istat 4

5 L inflazione torna ai livelli degli anni 60 A giugno il tasso di inflazione è sceso al +0,5% annuo rispetto al +0,9% registrato a maggio. Lo ha comunicato l Istat, in base alla stima provvisoria. Su base mensile, i prezzi al consumo sono aumentati dello 0,1%. Il tasso annuo è il più basso dal settembre 1968, quando si attestò al +0,4%. L inflazione acquisita per il 2009 (che si avrebbe, cioè, se si continuasse a registrare lo stesso livello rilevato a giugno), è pari al +0,7%. Sempre in base alla stima provvisoria, l indice armonizzato dei prezzi al consumo (Ipca, che tiene conto anche di saldi, sconti e vendite promozionali) ha registrato a giugno una variazione di +0,2% rispetto a maggio e una variazione di +0,6% rispetto allo stesso mese del L inflazione di fondo, al netto dell energia e degli alimentari lavorati, si è invece attestata all 1,6% (dall 1,9% di maggio); lo stesso dato per l inflazione al netto dei soli energetici. Sulla base dei dati preliminari, gli aumenti congiunturali più significativi dell indice per l intera collettività si sono verificati per i capitoli Trasporti (+0,9%) e Ricreazione, spettacoli e cultura (+0,6%); variazioni nulle si sono registrate nei capitoli Bevande alcoliche e tabacchi e Istruzione. Variazioni negative si sono verificate nei capitoli Comunicazioni (-1,2%), Servizi sanitari e spese per la salute (- 0,5%), Prodotti alimentari e bevande analcoliche e Servizi ricettivi e di ristorazione (-0,1% per entrambi). Gli incrementi tendenziali più elevati si sono registrati nei capitoli Bevande alcoliche e tabacchi (+4,9%), Altri beni e servizi (+2,4%) e Istruzione (+2,1%). Variazioni tendenziali negative nei capitoli Trasporti (-4%), Comunicazioni (-0,9%) e Abitazione, acqua, elettricità e combustibili (-0,1%). Turismo, la crisi non intacca il primato del Bel Paese Anche in tempo di crisi, l Italia resta in cima alla classifica delle mete di viaggio più desiderate all estero, ma riduce la sua quota. Nel 2009, un viaggio nel Bel Paese è stato richiesto all 80,9% dei Tour operator europei e all 89% di quelli statunitensi. Una flessione più decisa ha riguardato il mercato del Vecchio Continente (88,7% il dato del 2008), più contenuta quello americano (93% lo scorso anno). Malgrado l evidente appeal del nostro Paese, i progetti di viaggio in Italia si trasformano in viaggi venduti solo nel 34% dei casi, con una flessione di 1,6 punti percentuali rispetto a quanto registrato nel E quanto emerge dalla analisi sull andamento del turismo organizzato, curata da Unioncamere Isnart, in collaborazione con l Osservatorio nazionale sul turismo. La crisi investe anche il turismo, ma la flessione del nostro Paese a livello internazionale è tutto sommato contenuta. Questo è dovuto anche agli sforzi che stanno facendo le imprese del settore, ha evidenziato il presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello. Le politiche di contenimento dei prezzi degli hotel, soprattutto di categoria superiore, sono state una scelta efficace per fronteggiare il calo generalizzato della domanda. Non dimentichiamo poi che le previsioni di vacanza degli italiani sembrano migliorare. Al momento, già 22,6 milioni di connazionali hanno pianificato una vacanza. Di questi tempi, nel 2008, l avevano fatto solo 16 milioni. Insomma, la buona richiesta del prodotto Italia proveniente dal resto del mondo, unita all aumento del numero di turisti italiani, inducono a sperare si confermi quanto meno l andamento dello scorso anno, in attesa di una ripresa nel

6 Restano, comunque, molte potenzialità ancora non sfruttate del settore turistico, che, insieme al suo indotto, incide per il 9,7% sul Pil nazionale. Ecco perché, soprattutto in questa fase, è indispensabile potenziare la promozione dell immagine del Paese. Inoltre, una politica di riduzione dell Iva, analoga a quella adottata da Francia e Spagna, potrebbe funzionare come leva per non lasciare l intero peso della riduzione dei prezzi sulle spalle delle imprese. La sostanziale tenuta del prodotto Italia assume un valore particolare se inquadrata all interno di un calo internazionale dei viaggi organizzati, che colpisce molto severamente alcuni dei nostri più diretti competitor. E il caso della Spagna che, se si considera la domanda europea, risulta fortemente penalizzata. Seconda dopo l Italia dal 2006, scende quest anno al terzo posto con il 32,4% di consensi, circa 10 punti percentuali in meno del Tiene al contrario la Francia (36,1% le richieste nel 2009, erano il 34% nel 2008), confermandosi al secondo posto, mentre aumenta la quota di clientela che richiede la Germania (22,7% contro il 17,6% del 2008) e l Austria, che, con il 17,3%, si aggiunge alla classifica delle prime 5 destinazioni richieste ai grossisti dell intermediazione internazionale. Per informazioni: Ufficio stampa Unioncamere, tel. 06/ , 6

7 OSSERVATORIO PREZZI A maggio, l'inflazione italiana risulta superiore a quella dei Paesi dell'area Euro; l'indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) scende a 0,8% (1,2% ad aprile), mentre nei paesi dell'unione Monetaria i prezzi sono fermi (0%, a fronte del +0,6% di aprile). L'inflazione è inferiore alla media europea in Francia (-0,3%) e in Spagna (-0,9%). Dall'analisi dei dati Istat (NIC), a maggio, risultano in aumento i prezzi di alcuni generi alimentari di prima necessità, come i pomodori, il riso, l'aceto, l'olio di mais ed il miele; si registrano, al contempo, significative riduzioni tendenziali dei prezzi degli apparecchi per la telefonia mobile, dell'olio di oliva e del burro. Un'analisi di lungo periodo rivela che, negli ultimi cinque anni, il prezzo della pasta ha avuto una volatilità sensibilmente maggiore rispetto a quello del riso, presentando tassi di crescita anche del 30% nel corso del 2008, per poi ridiscendere intorno al 5% nel mese di maggio del corrente anno. Il prezzo del riso, al contrario, dopo essere salito a tassi prossimi al 13% negli ultimi mesi, pare ora avviarsi verso una fase di stabilità evidenziando, comunque, un aumento superiore a quello della pasta. Rispetto all'ultimo trimestre del 2008, i consumi dei primi tre mesi del 2009 indicano una lieve ripresa riguardo ai beni non-durevoli ed ai servizi. Complessivamente, tuttavia, rispetto all'ultimo trimestre 2008, i consumi delle famiglie risultano diminuiti dello 0,8%. La diminuzione si concentra sui beni semi-durevoli (abbigliamento, calzature ecc.), -6,1%, mentre rallenta il calo dei beni durevoli (autoveicoli, elettrodomestici ecc), -3,6%. Il clima di fiducia delle famiglie, rilevato dall'isae, è in miglioramento. Il dato, al netto della componente stagionale e di quella irregolare, è aumentato in giugno di 0,4 punti su maggio e di 6,9 punti rispetto al minimo registrato a luglio 2008, collocandosi appena 5 decimi al di sotto della media degli ultimi quattro anni. Il petrolio Brent è tornato a costare 70 dollari al barile, evidenziando una flessione di 70 dollari rispetto ai valori raggiunti a luglio 2008, ma una crescita di 30 dollari rispetto ad inizio Sul mercato dei cambi, da maggio, si assiste a un consolidamento dell'euro rispetto al dollaro; il rapporto tra le due valute è tornato a quota 1,39 $/, rispetto all'1,3 della seconda metà di aprile. I dati di giugno confermano la crescita del prezzo industriale della benzina (0,509 /lt. rispetto a 0,459 di maggio) e del gasolio (0,484 /lt. dai 0,462 /lt. di maggio); tali variazioni si traducono in una crescita del differenziale della benzina rispetto alla media UE, mentre è stabile lo stacco del gasolio. La benzina alla pompa costa 1,288 /lt. segnalando una flessione del 15% rispetto a giugno 2008; il gasolio al consumo costa 1,088 /lt. (equivalente ad una flessione del 28% rispetto ad un anno fa). L'andamento dei prezzi delle materie prime internazionali fornisce un segnale duplice, da un lato i prezzi di molte commodities (alimentari, riso e metalli) hanno ripreso a crescere, circostanza che può essere interpretata come un segnale di ripresa della domanda; dall'altro alimentano l'insorgere di nuove tensioni inflazionistiche, per la possibile ricomparsa di una domanda di beni-rifugio degli investitori scoraggiati dalla volatilità dei mercati finanziari. 7

8 ComUnica Pubblicato il decreto che fissa le regole tecniche Al via la Comunicazione Unica per la nascita dell impresa E stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 152 del 3 luglio 2009, il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 6 maggio 2009, contenente le regole tecniche per l attuazione della Comunicazione Unica d Impresa, previsto dall art. 9, comma 7, del D.L. 31 gennaio 2007, n. 7, convertito, con modificazioni, nella Legge 2 aprile 2007, n. 40. Pertanto, a decorrere dal 20 luglio 2009, avrà avvio la Comunicazione Unica d Impresa, come unico adempimento obbligatorio per l invio telematico delle pratiche che hanno come destinatari l Agenzia delle Entrate, l Ufficio del Registro Imprese, l INPS e l INAIL e non sarà più consentito l invio delle stesse con le attuali modalità. Tale procedura riguarderà tutte le imprese, comprese quelle individuali, le quali dovranno, pertanto, essere in possesso della firma digitale. Si invitano quindi gli intermediari, professionisti ed associazioni economiche di categoria, ad attivarsi con sollecitudine al fine della predisposizione delle pratiche suindicate con la nuova procedura della Comunicazione Unica. Ulteriore proroga dell avvio obbligatorio della Comunicazione Unica al 1 aprile 2010 L art. 23, comma 13, del D.L. n. 78 del 1 luglio 2009 (cd. decreto anticrisi ), prevede una ulteriore proroga dell'entrata a regime della "Comunicazione Unica". Viene, infatti disposta la modifica all'articolo 9, comma 8, del D.L 31 gennaio 2007 n. 7, successivamente convertito dalla legge 2 aprile 2007, n. 40, con la sostituzione del termine di entrata a regime della disciplina della "Comunicazione Unica" alla data del 1 ottobre Tuttavia il D.L. n. 78/2009, non modifica il successivo comma 9 del citato articolo 9, che prevede un periodo transitorio di sei mesi dal termine ora modificato nel 1 ottobre 2009, nel quale è consentito presentare le comunicazioni alle competenti Amministrazioni in base alla normativa previgente. Se ne deve pertanto concludere che solo a partire dal 1 aprile 2010 la Comunicazione Unica potrà divenire obbligatoria. Naturalmente si dovrà ora attendere la conversione in legge del citato D.L. n. 78/2009. Tabaccherie aperte e raccolta del lotto consentita anche nei giorni festivi E stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 146 del 26 giugno 2009, il decreto 10 giugno 2009, a firma del Direttore Generale dell Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, con il quale si autorizza l apertura delle tabaccherie anche nei giorni festivi. Il riposo infrasettimanale facoltativo rimane disciplinato dalla procedura di cui all art. 2, comma 1, della legge 14 novembre 1967, n. 1095, indipendentemente dal luogo di ubicazione delle tabaccherie stesse. Viene inoltre autorizzata la raccolta del gioco del lotto anche nei giorni di apertura festiva. Passaporto ordinario elettronico Nuovi modelli e nuove caratteristiche di sicurezza Sono stati pubblicati, sulla Gazzetta Ufficiale n. 147 del 27 giugno 2009, due decreti del Ministero degli Affari Esteri del 23 giugno 2009, che dettano, rispettivamente le "Disposizioni relative ai libretti di passaporto ordinario elettronico. (Decreto n. 303/015) e le Disposizioni relative al modello e alle caratteristiche di sicurezza del passaporto ordinario elettronico. (Decreto n. 303/014). I due decreti, che abrogato rispettivamente, il decreto 29 novembre 2005 e 31 marzo 2006, si sono resi necessari per l adeguamento della nostra normativa al regolamento (CE) n. 2252/2004, del 13 dicembre 2004, relativo alle norme sulle caratteristiche di sicurezza e sugli elementi biometrici dei passaporti e dei documenti di viaggio rilasciati dagli Stati membri e dopo l emanazione del Regolamento del Consiglio dell'unione Europea n. 444/2009 del 28 maggio Codice di Procedura Civile Al via le modifiche apportate dalla legge n. 69/2009 La legge 18 giugno 2009, n. 69, negli articoli dal 45 al 60 (in vigore dal 4 luglio 2009) apporta importanti modifiche al codice di procedura civile e contiene due deleghe al Governo rispettivamente per la riduzione e semplificazione dei procedimenti speciali di cognizione e per l adozione di norme in materia di mediazione e conciliazione in ambito civile e commerciale. Gli aspetti principali interessati dalla riforma sono i seguenti: più spazio ai giudici di pace; sanzioni alle parti che puntano solo a perdere tempo; testimonianze anche in forma scritta; limiti precisi per i ricorsi in Cassazione. Nel nostro sito proponiamo tre tabelle comparative riportanti i nuovi articoli del Codice di Procedura Civile modificati dalla legge n. 69/2009 a confronto con gli articoli nella loro precedente formulazione: 8

9 Circolare dell IRDCEC sulle nuove procedure di valutazione dei conferimenti diversi dal denaro nelle S.p.A. Con l emanazione del D. Lgs. 4 agosto 2008, n. 142, in vigore dal 30 settembre 2008, è stata recepita la Direttiva 2006/68/CE, che modifica la Direttiva 77/91/CEE in materia di costituzione delle società per azioni, nonché di salvaguardia e modificazioni del loro capitale sociale. Il decreto attuativo apporta significative modifiche alle disposizioni del Codice Civile inerenti ai conferimenti di beni in natura o crediti, all acquisto e alle altre operazioni sulle proprie azioni, nonché all aumento di capitale mediante conferimento di beni in natura e di crediti nell ambito delle società per azioni. L'IRDCEC, nella Circolare n. 11/IR del 29 giugno 2009, circoscrive l attenzione alla nuova disciplina dei conferimenti di beni in natura o crediti in sede di costituzione e di aumento del capitale sociale delle società per azioni, contenuta negli artt ter e 2343-quater C.C., introdotti dall art. 1 del D. Lgs. n. 142/2008. Intermediari assicurativi e riassicuratiti Periti assicurativi - Fissati gli importi del contributo di vigilanza per l anno 2009 Con due decreti del Ministro dell Economia e delle Finanze del 18 giugno 2009, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 149 del 30 giugno 2009, sono stati fissati la misura e le modalità di versamento all ISVAP del contributo di vigilanza dovuto per l anno 2009 rispettivamente, dalle imprese esercenti attività di assicurazione e riassicurazione e dagli intermediari di assicurazione e riassicurazione e dai periti assicurativi. Pratiche on-line con il portale dell automobilista Realizzato dal Dipartimento Trasporti del Ministero Infrastrutture e trasporti, è on-line il Portale dell'automobilista che offre un'ampia serie di servizi per cittadini, operatori professionali e imprese. In pratica, tramite registrazione al portale, si potrà. accedere on-line ai servizi di pagamento per oltre 200 tipologie di pratiche; consultare lo stato dei punti patente; consultare le modalità di duplicazione in caso di furto o smarrimento della patente; verificare la lista dei veicoli di proprietà e le pratiche in corso. Il portale, che potrà gestire 40 milioni di pagamenti e 25 milioni di pratiche l'anno, propone una sezione dedicata alle novità che riguardano il mondo dei trasporti e un'altra dedicata a specifiche tipologie di utenza come cittadini, imprese, agenzie, autoscuole, istituti scolastici, medici, case costruttrici e altro. Per le imprese è previsto il pagamento online dei bollettini relativi alle pratiche Dtt, la compilazione della modulistica, oltre a numerosi servizi informativi, quali la ricerca delle officine autorizzate o il tariffario pratiche. Nasce un centro nazionale per la protezione delle infrastrutture critiche - CNAIPIC Prevenire e reprimere i crimini informatici indirizzati verso le infrastrutture critiche o di rilevanza nazionale, rispondere alle sfide di una criminalità sempre più agguerrita con strumenti sofisticati e competenze professionali qualificate. Questi gli obiettivi del Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche (CNAIPIC), struttura operativa della polizia postale e delle comunicazioni, istituito con decreto del capo della Polizia il 7 agosto 2008 e inaugurata il 23 giugno 2009 dal ministro dell'interno Roberto Maroni. Il CNAIPIC è composto da due settori principali: uno operativo e uno tecnico - si avvale di tecnologie a elevato livello e di personale altamente qualificato e specializzato. tre articoli (34, 36 e 37), che vanno a modificare alcuni articoli del D. Lgs. n. 82/2005 (Codice dell amministrazione digitale) e del D.P.R. n. 117/2004 (Regolamento concernente la diffusione della carta nazionale dei servizi, a norma dell'articolo 27, comma 8, lettera b), della legge 16 gennaio 2003, n. 3) e Oltre a riportare i testi dei provvedimenti citati nella loro redazione aggiornata, proponiamo anche una scheda comparativa delle modifiche che vengono proposte dalla legge n. 69 del 18 giugno Le modifiche entreranno in vigore dal 4 luglio Obbligo di indicare l indirizzo di posta elettronica certificata nella pagina iniziale dei siti della Pubblica Amministrazione Entro il 30 giugno 2009, le amministrazioni pubbliche che già dispongono di propri siti sono tenute a pubblicare nella pagina iniziale del loro sito un indirizzo di posta elettronica certificata a cui il cittadino possa rivolgersi per qualsiasi richiesta ai sensi del presente codice. Le amministrazioni devono altresì assicurare un servizio che renda noti al pubblico i tempi di risposta, le modalità di lavorazione delle pratiche e i servizi disponibili. Lo ha stabilito l art. 34 della legge 18 giugno 2009, n. 69, recante Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitivita` nonché in materia di processo civile, aggiungendo il comma 2-ter all art. 54 del D. Lgs. n. 82/20905 (Codice dell Amministrazione Digitale). 9

10 Possibilità di rilascio della CNS anche a chi è in possesso della CIE Fino al 31 dicembre 2010, la carta nazionale dei servizi e le altre carte elettroniche ad essa conformi possono essere rilasciate anche ai titolari di carta di identità elettronica. Al momento dell'emissione o del rinnovo della Carta Nazionale dei Servizi (CNS) non deve più essere accertato se il soggetto richiedente sia o meno in possesso della Carta d Identità Elettronica (CIE). Queste le novità apportate dall articolo 37, commi 1 e 2, della legge 18 giugno 2009, n. 69, recante Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile. Il portale di informazione sulla Camera di Commercio per i professionisti e le imprese. I contenuti del sito riguardano principalmente la tenuta, da parte della Camera di Commercio, di Registri, Ruoli, Albi ed Elenchi. Particolare attenzione viene dedicata alla riforma del diritto societario e all invio telematico delle denunce e degli atti al Registro delle imprese. Tutti i documenti sono liberamente scaricabili e stampabili, previa registrazione gratuita, grazie alla quale poter ricevere anche la newsletter via , per essere sempre aggiornati sui nuovi contenuti del sito. 10

11 INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO PER LE FAMIGLIE DI OPERAI E IMPIEGATI (FOI) al netto dei consumi di tabacchi Dati nazionali ANNO MESE INDICE 2008 base anno (1995= 100) MEDIA: ANNO 2008= +3,2 Variazione percentuale rispetto al corrispondente periodo di due anni dell anno precedente precedenti % ridotto Intero% 75% affitti LUGLIO 135,40 4,0 3,075 5,6 AGOSTO 135,50 3,9 2,925 5,5 SETTEMBRE 135,20 3,7 2,775 5,3 OTTOBRE 135,20 3,4 2,55 5,5 NOVEMBRE ,6 1,95 5,0 DICEMBRE ,0 1,5 4, GENNAIO 134,20 1,5 1,125 4,4 FEBBRAIO 134,50 1,5 1,125 4,4 MARZO 134,50 1,0 0,75 4,3 APRILE 134,80 1,0 0,75 4,3 MAGGIO 135,10 0,7 0,525 4,2 GIUGNO 135,30 0,4 0,3 4,2 11

12 SPORTELLO PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE PRESSO LA CCIAA ATTIVITÀ PER SETTORI PRODUTTIVI / THE BIG DUBAI, NOVEMBRE Su incarico della Camera di Commercio di Torino, Ceipiemonte organizza la partecipazione piemontese a THE BIG (Dubai, novembre), l evento fieristico annuale più imponente di tutta la regione del Golfo per i settori: edilizia, rubinetteria e valvolame, sistemi di sicurezza, ambiente e trattamento acque. Nel corso degli anni THE BIG 5 è cresciuta a ritmi costanti non solo come presenza di espositori, ma anche a livello di rinomanza internazionale. Contractor, architetti, ingegneri, buyer e professionisti del settore giungono a Dubai per questo evento annuale da tutti i paesi della penisola arabica, area che, nello scenario della crisi finanziaria mondiale, rappresenta un eccezione. Le prospettive di crescita dell economia emiratina infatti, appaiono ben al di sopra di quelle degli altri paesi sviluppati, benché la difficile situazione economica globale abbia colpito in particolare il settore del real estate e l emirato di Dubai, portando alla sospensione di circa la metà dei lavori di costruzione in progetto. Negli EAU inoltre, dopo il successo di Dubai, anche altri sultanati vogliono aprirsi agli investitori stranieri offrendo buone occasioni d affari alle aziende italiane. Prima fra tutti la città di Abu Dhabi, la cui leadership nell alta tecnologia e nel turismo di elite si sta affermando sempre di più. Il governo locale ha annunciato, per i prossimi cinque anni, investimenti per un valore complessivo di 150 miliardi di dollari, di cui 90 destinati al settore delle costruzioni e 30 allo sviluppo e all espansione del comparto turistico. Per informazioni e/o richieste moduli di adesione potete contattare lo Sportello per l Internazionalizzazione della Camera di Commercio di Vercelli: Rag.a Elena Baldin 0161/ / /

13 La Camera di Commercio di Torino ed il Centro Estero per l Internazionalizzazione non assumono responsabilità in merito agli annunci pubblicati. Prima di avviare relazioni d affari, si consiglia di provvedere a richiedere informazioni alle competenti rappresentanze italiane all estero. Alcune segnalazioni sono a cura dell'euro Info Centre della Camera di commercio di Torino che si propone di fornire alle PMI informazioni e assistenza in materia comunitaria tramite la Banca Dati Cooperazione Internazionale - Business Cooperation Database delle rete degli oltre 200 Euro Info Centre europei e tramite i centri di corrispondenza extra-europei. ARREDAMENTO ESTERNI Francia Impresa che ha intrapreso un'attività di vendita al dettaglio ricerca fornitori di ceramiche, porcellane e decorazioni da giardino (in ceramica o legno) di elevata qualità per allargare la propria gamma di prodotti. L'azienda offre inoltre servizi di intermediazione commerciale. Anno di fondazione: 2004; Fatturato: inferiore a 2 milioni di Euro; Addetti: da 1 a 9; Lingue di contatto: inglese, tedesco. Info: Enterprise Europe Network, Rif. N. ALPS COMPONENTI INDUSTRIALI Danimarca Distributore di diffusori di calore, pompe, macchinari di controllo e altri componenti industriali ricerca prodotti da inserire in Danimarca ed eventualmente su altri mercati. Anno di fondazione: 1990; Fatturato: inferiore a 2 milioni di Euro; Addetti: da 1 a 9; Lingue di contatto: tedesco, norvegese, svedese. Info: Enterprise Europe Network, Rif. N. ALPS PRODOTTI DELLA CARTA Romania Azienda che si occupa della vendita di diversi beni ricerca produttori o fornitori di carta offset, carta da fotocopia, carta da stampa, impacchettata in rotoli per rispondere alle esigenze del mercato locale. Anno di fondazione: 2003; Fatturato: da 2 a 10 milioni di Euro; Addetti: da 10 a 49; Lingua di contatto: inglese, francese, tedesco, rumeno. Info: Enterprise Europe Network, Rif. N. ALPS ABBIGLIAMENTO Ungheria Impresa specializzata nella produzione di guanti in pelle di elevata qualità ricerca distributori e rappresentanti. L azienda, che adotta diversi tipi di pelle e fodere, progetta autonomamente i propri articoli, ma è aperta a collaborazioni finalizzate al disegno di nuovi modelli. Anno di fondazione: 1994; Fatturato: inferiore a 2 milioni di Euro; Addetti: da 10 a 49; Lingue di contatto: inglese, ungherese. Info: Enterprise Europe Network, Rif. N. ALPS

14 ARTICOLI DA REGALO E CONFEZIONE Polonia Azienda produttrice di articoli vari (borse e carta da regalo, nastri, borse pubblicitarie ecc.) ricerca venditori all ingrosso e agenzie pubblicitarie. L impresa si offre, inoltre, per accordi reciproci di produzione e subfornitura e come distributore. Anno di fondazione: 1997; Fatturato: inferiore a 2 milioni di Euro; Addetti: da 1 e 9; Lingue di contatto: inglese, russo. Info: Enterprise Europe Network, Rif. N. ALPS EDILIZIA Francia Aziendaspecializzata nel decapaggio chimico industriale di legno e metallo ricerca con urgenza impresa edile per la costruzione di un nuovo stabilimento a La Rivoire (Savoia). L azienda dovrà occuparsi degli aspetti legati all edificazione: sbancamento del terreno, fondamenta, costruzione in cemento armato, rivestimenti, impianto elettrico, idrico e termico, spazi e impianti destinati al decapaggio. Anno di fondazione: 1999; Fatturato: inferiore a 1 milione di Euro; Addetti: da 1 a 10; Lingua di contatto: francese. Riferimento: Yves Dupont, 424, rue de la concorde, La RavoireTel / Lituania Impresa specializzata nella produzione di cottage, case vacanze in legno, cabine e altri articoli da giardino cerca distributori per i propri prodotti. L azienda, interessata a una collaborazione duratura, offre serietà e flessibilità rispetto agli interessi della controparte. Anno di fondazione: 1992; Fatturato: inferiore a 2 milioni di Euro; Addetti: da 10 a 49; Lingue di contatto: inglese, russo. Info: Enterprise Europe Network, Rif. N. ALPS MACCHINARI PER L'INDUSTRIA ALIMENTARE Lituania Azienda specializzata nella produzione artigianale di macchinari in acciaio per industria alimentare, lavorazione di carne e pesce, panifici e ristoranti, cerca intermediari commerciali. Anno di fondazione: 2003; Fatturato: inferiore a 2 milioni di Euro; Addetti: da 10 a 49; Lingua di contatto: inglese. Info: Enterprise Europe Network, Rif. N. ALPS PRODOTTI ALIMENTARI E BEVANDE Germania Impresa con lunga esperienza nel settore dell'erboristeria ricerca agenti, rappresentanti e distributori qualificati nel settore alberghiero e nel catering per lanciare prodotti a base di spezie ed erbe di elevata qualità. Anno di fondazione: 2003; Fatturato: inferiore a 2 milioni di Euro; Addetti: da 1 a 9; Lingue di contatto: inglese, tedesco. Info: Enterprise Europe Network, Rif. N. ALPS Polonia Azienda produttrice di alimenti liofilizzati offre servizi di subfornitura a produttori alimentari. Il processo di produzione dell'impresa segue gli standard GHP, GMP e HACCP, che garantiscono un offerta e un servizio tecnologico di elevata qualità e uno staff competente. Anno di fondazione: 1990; Fatturato: da 2 a 10 milioni di Euro; Addetti: tra 10 e 49;Lingue di contatto: inglese, russo. Info: Enterprise Europe Network, Rif. N. ALPS PRODOTTI DELLA PLASTICA Francia Impresa leader specializzata nella produzione di materiali bio-plastici grezzi ricerca agenti in vari Paesi europei. L'azienda è inoltre interessata a collaborare con altre imprese del settore per progetti di ricerca comuni sui materiali bio-plastici. Anno di fondazione: 2006; Fatturato: inferiore a 2 milioni di Euro; Addetti: da 1 a 9; Lingue di contatto: inglese, francese. Info: Enterprise Europe Network, Rif. N. ALPS PRODOTTI IN CERAMICA Francia Produttore di servizi da tavola e articoli decorativi in ceramica di elevata qualità ricerca distributori, in particolare ristoranti e hotel. L impresa lavora da tempo per ristoranti esclusivi e hotel di prima classe (Robuchon, Inaki, Senderens, The Brown a Barcellona ecc.). Anno di fondazione: 1947; Fatturato: inferiore a 2 milioni di Euro; Addetti: da 1 a 9; Lingue di contatto: inglese, francese, tedesco. Info: Enterprise Europe Network, Rif. N. ALPS

15 PRODOTTI PER PIANTE E COSMETICI Germania Azienda specializzata nella produzione di prodotti per la protezione delle piante e cosmetici (shampoo per pidocchi con autorizzazione del Ministero della Sanità - Presidio Medico Chirurgico) ricerca distributori in Italia. Anno di fondazione: 1985; Fatturato: da 2 a 10 milioni di Euro; Addetti: da 10 a 49; Lingue di contatto: inglese, tedesco. Info: Enterprise Europe Network, Rif. N. ALPS TRATTAMENTO RIFIUTI Austria Produttore di macchinari certificati ISO9000 non metallici per il trattamento dei rifiuti in stabilimenti pubblici e industriali cerca distributori in Europa. Il partner potrebbe essere coinvolto nella progettazione di nuovi macchinari per il trattamento rifiuti. Anno di fondazione: 1999; Fatturato: inferiore a 2 milioni di Euro; Addetti: da 1 a 9; Lingue di contatto: inglese, tedesco. Info: Enterprise Europe Network, Rif. N. ALPS Belgio Impresa attiva nel settore ambientale e specializzata nella produzione di macchinari agricoli personalizzati ricerca risorse umane e imprese agricole per promuovere e distribuire il proprio impianto di trattamento rifiuti e attrezzatura di compostaggio. Da oltre 20 anni l impresa si occupa delle tecnologie di compostaggio e produce macchinari di riciclaggio per la produzione di concime derivante dai rifiuti urbani (trinciatrice, tornitori, schermi, ecc.). Anno di fondazione: 1961 Fatturato: da 2 a 10 milioni di Euro Addetti: da 10 a 49 Lingue di contatto: inglese, francese, olandese, tedesco, portoghese Info: Enterprise Europe Network, Rif. N. ALPS ARREDAMENTO E DESIGN Germania Impresa specializzata in design e decorazioni di interni ricerca acquirente con esperienza e istruzione professionale in questi settori. L azienda, che possiede una sala d esposizione moderna e ha una clientela numerosa, un buon turnover e un'ottima localizzazione, progetta e produce arredamento, tappezzerie, parquet in legno, rivestimenti per pavimenti in pelle e pietra naturale, carta da parati, design di cucine e bagni, sistemi di illuminazione e protezione solare di interni/esterni ecc. Anno di fondazione: Fatturato: inferiore a 2 milioni di Euro. Addetti: da 1 a 9. Lingue di contatto: inglese, tedesco. Info: Enterprise Europe Network, Rif. N. ALPS ICT Regno Unito Azienda con buona conoscenza del mercato Ict, specializzata in progettazione di siti web ed marketing, ricerca partner operanti nello stesso settore per accordi di produzione reciproca. Anno di fondazione: 2003 Fatturato: inferiore a 2 milioni di Euro Addetti: da 1 a 9 Lingua di contatto: inglese Info: Enterprise Europe Network, Rif. N. ALPS PRODOTTI ALIMENTARI E BEVANDE Romania Impresa romena specializzata nella vendita all ingrosso di zucchero, cioccolato e dolciumi di zucchero, caffè, tè, cacao, spezie, profumi e cosmetici, è interessata ad accordi di joint venture. L azienda importa e distribuisce i prodotti a livello nazionale e per grandi reti di vendita al dettaglio (tra cui Metro, Ipermercato Real, Ipermercato Auchan e Spar). Inoltre, per soddisfare le richieste del mercato, l impresa prevede di allargare la propria attività. Anno di fondazione: 1994 Fatturato: inferiore a 2 milioni di Euro Addetti: tra 10 e 49 Lingue di contatto: inglese, romeno Info: Enterprise Europe Network, Rif. N. ALPS Euro Info Centre (settore certificato UNI EN ISO 9001:2000) Via San Francesco da Paola 24 - terzo piano Torino Telefono / Fax /

16 Progetto Piemonte Fotovoltaico Il progetto Piemonte fotovoltaico, patrocinato dalla Regione Piemonte e nato da un accordo tra le Agenzie per l Energia (Agenzia per Energia e Ambiente di Torino, Agenzia per l energia della Provincia di Cuneo Agengranda e Agenzia Provinciale dell Energia del Vercellese e della Valsesia), promuove la produzione di energia elettrica rinnovabile attraverso la tecnologia fotovoltaica. L iniziativa si basa su convenzioni integrate tra i soggetti proponenti (le tre agenzie), le società del settore delle energie rinnovabili (soggetti attuatori) e il sistema bancario locale (soggetti finanziatori), per la realizzazione di sistemi fotovoltaici chiavi in mano indirizzati ad un pubblico diversificato. Il progetto si sviluppa intorno a 4 punti focali: 1. Adesione da parte dei soggetti interessati attraverso la presentazione della domanda alle Agenzie per l energia competenti, secondo il proprio comune di residenza; 2. Analisi di fattibilità che si effettua previo invio all Agenzia di riferimento di alcuni documenti quali foto panoramiche del sito d installazione, planimetrie, bollette etc. fornendo ai richiedenti un plico contenente: l analisi di fattibilità dell impianto; i moduli per le richieste delle autorizzazioni necessarie; i nominativi delle società installatrici candidate a realizzare l impianto; i prospetti informativi delle banche aderenti al progetto; 3. Selezione dell offerta, una volta che il richiedente ha selezionato la più interessante, in breve tempo, la banca completa la pratica di istruttoria del finanziamento sulla base della documentazione fornita all Agenzia, consentendo al richiedente di procedere con la fornitura immediata dell impianto; 4. Verifica finale nella quale l Agenzia controllerà sia che i progetti degli impianti fotovoltaici rispettino i migliori standard europei e che i componenti offrano garanzie tecniche minime sia la regolarità dell operato di installazione controllando la garanzia di risultato solare. Durata: triennale (dal 2009 al 2012). Beneficiari: privati imprese condomini soggetti pubblici e/o esercenti di pubblici servizi Risorse finanziarie: plafond di 50 milioni di euro spendibili concesso dal sistema bancario locale. Per maggiori informazioni: 16

17 Mercato del lavoro: situazione preoccupante in tutto il Piemonte Aumento senza precedenti della cassa integrazione Aumento senza precedenti della cassa integrazione (+1351% l ordinaria, +72% la straordinaria), tasso di disoccupazione più alto nel Centro-Nord, persone in mobilità (+65%), flessione verticale delle assunzioni: i dati sul mercato del lavoro in Piemonte e sull utilizzo degli ammortizzatori sociali descrivono una situazione preoccupante, che interessa tutto il territorio. Scendendo nel dettaglio delle cifre fornite il 10 luglio dall assessore regionale al Welfare e Lavoro, Teresa Angela Migliasso, si riscontra che la disoccupazione è salita al livello più alto del Centro Nord: dal 4% del 2007 si passa al 5% del 2008, al 6% nell ultimo trimestre 2008 fino al 7% attuale. Da le persone in cerca di lavoro sono ora Si tratta in prevalenza di maschi, a causa delle difficoltà dell industria, tanto che il divario di genere, che ancora nella prima metà del 2008 era netto (4,8% contro 6,5%) si è sensibilmente ridotto: sempre nel primo trimestre 2009 il valore maschile era 6,7%, a fronte del 7,3% femminile. Nel primo semestre 2009 sono state oltre le iscrizioni nelle liste di mobilità: erano nell analogo periodo L aumento è del 65% circa. Le assunzioni rilevate dai Centri per l Impiego hanno registrato una flessione verticale da ottobre 2008 ed a maggio 2009 si evidenzia un ulteriore caduta del 30% circa, ma con punte di -50% nell industria, specie metalmeccanica. Solo l agricoltura sembra esente, mentre le occasioni nei servizi, in relativa tenuta nel 2008, sono anch esse in marcata diminuzione. La cassa integrazione ordinaria registra da ottobre 2008 un aumento eccezionale e assolutamente senza precedenti, con un picco a maggio 2009 di ben 17 milioni di ore, mentre a giugno si constata una lieve contrazione a 12 milioni. Nel primo semestre 2009 l Inps ha autorizzato più di 62 milioni di ore (negli ultimi vent anni il picco massimo raggiunto è stato nel 1993 con 52 milioni di ore). La cassa straordinaria è più sotto controllo, anche se anch essa in tendenziale crescita: +72% nel primo semestre 2009 sull analogo periodo 2008, un tasso consistente, ma poca cosa rispetto al +1351% dell ordinaria. Il Piemonte diventa così la regione italiana dove l aumento è più rilevante: le ore medie autorizzate per occupato nei primi sei mesi del 2009 sono state 155, rispetto alle 77 della Lombardia e alle 35 di Veneto ed Emilia Romagna, con una media nazionale inferiore a 70. Su base provinciale, si evidenziano le particolari criticità delle province di Asti e Torino, dove maggiore è la presenza del metalmeccanico, ma la situazione è ovunque preoccupante, con un tasso di aumento molto sostenuto a Cuneo e indici elevati anche a Vercelli e Biella. Il ricorso alla cassa in deroga, che con l accordo Regione-Inps-parti sociali del 27 maggio è stato estesa a tutti i settori e a tutte le tipologie di impresa, registra un impressionante accelerazione delle domande: tra gennaio e giugno 2009 ne sono pervenute (per gran parte dalle aziende artigiane, con una forte prevalenza di metalmeccanico e un incidenza rilevante di tessile e orafo) contro le dell intero 2008, e coinvolgono oltre lavoratori con un impegno di spesa che a preventivo supera i 100 milioni di euro. Regione e Inps hanno potenziato le proprie strutture per accelerare il più possibile i pagamenti, che procederanno in ordine cronologico a partire dalle domande di marzo. Siamo molto preoccupati - ha affermato l assessore Migliasso - per la gravità della situazione e per l entità delle risorse che dovranno ancora essere messe a disposizione dal Governo per affrontarla. Solo tre giorni fa è stato finalmente firmato dal ministro Tremonti il decreto che assegna i primi 50 milioni al Piemonte, con i quali copriremo solo parzialmente le richieste già pervenute. Abbiamo già chiesto al ministro Sacconi di provvedere ad ulteriori assegnazioni per rispondere alla esigenze delle lavoratrici e dei lavoratori piemontesi e delle loro famiglie. La Regione ha impegnato le risorse di propria competenza per l erogazione degli ammortizzatori sociali in deroga: 100 milioni del Fondo sociale europeo e 15 del proprio bilancio, ai quali si aggiungono ulteriori 22,5 milioni per sostenere i lavoratori in particolare situazioni di difficoltà. Inoltre, si stanno studiando tecnicamente le modalità per poter anticipare la cassa integrazione straordinaria ai lavoratori coinvolti da fallimento o chiusura di azienda. REGIONE PIEMONTE: Piazza Castello, Torino Centralino: 011/

18 NOTIZIE DALLA COMUNITÀ EUROPEA Unioncamere Piemonte ha aperto nel 1995 un ufficio di rappresentanza a Bruxelles, con un duplice obiettivo: farsi portavoce degli interessi del sistema economico e sociale piemontese e facilitarne l accesso alle informazioni su temi comunitari. Una delle attività dell ufficio di Bruxelles è, infatti, proprio quella di fornire informazioni aggiornate sulle opportunità di finanziamento e le politiche comunitarie. A partire dal mese di giugno 2008, i diversi bollettini informativi sono stati uniformati in un'unica edizione, che contiene informazioni relative ai bandi comunitari, alle opportunità di finanziamento, alle novità legislative e alle attività del network ERRIN per la ricerca e innovazione. La notizia del mese Speciale Elezioni al Parlamento Europeo 2009 Le elezioni europee del 2009 sono state caratterizzate da una bassa affluenza al voto in quasi tutti gli Stati membri, segno che l'interesse per l'europa è in flessione e che malgrado gli sforzi per comunicare l'europa a livello locale la conoscenza che i cittadini hanno delle istituzioni e del loro operato è ancora scarsa. E un'analisi approfondita permetterebbe di portare in luce ben altre cause di questo risultato poco lusinghiero per l'europa. La percentuale media di partecipazione é stata del 43.1% nel 2009 mentre nel 1979, primo anno delle elezioni europee a suffragio universale, era stata del %. Ci sono Stati storicamente euroscettici, è il caso del Regno Unito, mentre altri continuano a esprimere un sostanziale sostegno all'idea di Europa Unita. Lussemburgo, Estonia, Lettonia e Bulgaria hanno invece fatto registrare un aumento del numero dei votanti. Ma su cosa sono chiamati a confrontarsi e a legiferare i 785 deputati eletti in rappresentanza dei 27 Stati membri? I deputati europei, eletti o confermati in occasione delle recenti elezioni europee di giugno, si troveranno ad affrontare delle problematiche in parte rimaste in sospeso dalla prima legislatura. Primo impegno di rilievo le nomine dei membri della Commissione Europea per il periodo I principali dossier in discussione a Strasburgo, durante le plenarie, e a Bruxelles, in occasione dei lavori delle Commissioni parlamentari e dei Gruppi politici, sono riportati in sintesi per permettere ai lettori di individuare eventuali temi di specifico interesse e di seguire quindi l'evoluzione della norma europea a seconda dei settori di attività. Attività industriali meno inquinanti Il Parlamento si è pronunciato in prima lettura su una direttiva volta a attualizzare, semplificare e rafforzare le norme vigenti relative alla prevenzione e alla riduzione delle emissioni inquinanti di decine di migliaia di industrie nell'ue.. Prima lettura del PE: Votazione finale: prossima legislatura Efficienza energetica nell'edilizia Dopo aver approvato la sua posizione in prima lettura, il Parlamento proseguirà l'esame della proposta volta a migliorare le prestazioni energetiche dei nuovi edifici. Dovrà anche approvare delle proposte sull'efficienza energetica delle costruzioni esistenti. 18

19 Etichette degli alimenti più chiare Il Parlamento dovrà approvare una proposta destinata ad attualizzare e migliorare le norme relative all'etichettatura dei prodotti alimentari, compresi quelli venduti nei ristoranti e da altre società di catering. Proposta di regolamento adottata dalla Commissione il Congedo maternità e misure per conciliare vita familiare e professionale Il Parlamento dovrà esaminare una direttiva che intende migliorare la conciliazione della vita lavorativa con quella familiare. La commissione parlamentare per le pari opportunità ha chiesto di portare fino a 20 le settimane di congedo maternità (contro le 14 attuali e le 18 proposte dalla Commissione), di cui sei da prendere obbligatoriamente dopo il parto e da remunerare al 100% dell'ultimo stipendio. Ha chiesto poi di prevedere un congedo paternità obbligatorio di due settimane. Nuove norme sulla politica di asilo Si dovranno approvare una serie di proposte legislative volte a migliorare il sistema di asilo UE e i diritti di richiedere la protezione internazionale. In prima lettura, ha proposto degli emendamenti alla proposta della Commissione che intendono rafforzar ulteriormente la tutela dei rifugiati e la solidarietà tra gli Stati membri. Prima lettura del PE: Il nuovo quadro finanziario per il dopo 2013 Il Parlamento sarà coinvolto nelle decisioni in merito al futuro quadro finanziario che fisserà i limiti della spesa europea per i sette anni successivi al 2013 e l'allocazione delle risorse per le diverse priorità politiche. Anche l'assegno britannico sarà posto in discussione. Nuova Commissione, membri della Banca Centrale Europea e Mediatore europeo Il Parlamento sarà chiamato ad approvare la nuova Commissione europea e la nomina dei membri della BCE. Dovrà anche eleggere il nuovo Mediatore europeo. Processo di adesione L'esame del processo di adesione di Croazia e Turchia proseguirà anche durante la prossima legislatura, così come la domanda avanzata dalla Macedonia. Il Parlamento studierà anche la possibilità di allargamento dell'ue ad altri paesi dei Balcani, come la Serbia, il Montenegro e il Kosovo. Riforma della PAC per il 2013 Nella prossima legislatura il Parlamento sarà coinvolto nelle decisioni relative alla ulteriore riforma della Politica agricola comune. Il trattato di Lisbona: maggiori poteri al Parlamento europeo Il trattato prevede di attribuire maggiori poteri in materia di: visti; asilo (alcuni aspetti, incluse le condizioni di accoglimento dei richiedenti); immigrazione legale (incluse le condizioni di ingresso e residenza); cooperazione giudiziaria in materia penale, cooperazione di polizia, Eurojust e decisioni relative a Europol; norme minime in materia di sanzioni penali per gravi casi di criminalità transfrontaliera; disposizioni finanziarie comuni; misure necessarie per l'uso dell'euro; fondi strutturali; agricoltura e pesca. Per una panoramica sullo stato dell arte della ratifica: 19

20 Vetrina sull Europa: Legislazione, iniziative, programmi e ricerche partner I ministri dell'ue adottano un quadro giuridico per l istituzione di infrastrutture di ricerca europee I ministri europei per la ricerca hanno trovato un accordo sul quadro giuridico per l'istituzione di infrastrutture di ricerca europee. L accordo è stato raggiunto durante l ultimo incontro del Consiglio sul tema della Competitività tenutosi il maggio a Bruxelles. La decisione permetterà di creare nuovi istituti di ricerca europei che avranno una rilevanza mondiale sia da un punto di vista giuridico sia delle attività di ricerca svolte. Difatti gli Stati membri che intendono ospitare un'infrastruttura di ricerca europea dovranno dichiarare nella loro candidatura depositata alla Commissione che riconoscono la nuova infrastruttura in quanto organizzazione internazionale. Il nuovo inquadramento giuridico permetterà di abbattere i costi finanziari e amministrativi e chiarirà finalmente lo statuto legale degli istituti di ricerca europei. La nuova trasparenza raggiunta stimolerà di conseguenza la collaborazione scientifica tra gli Stati membri. Per maggiori informazioni: Guida sull ecoinnovazione La Camera di Commercio di Torino e Unioncamere Piemonte, partner della rete Enterprise Europe Network, hanno pubblicato la guida Ecoinnovazione. Politiche europee e programmi di finanziamento nell ambito della collana Unione europea - Istruzioni per l uso, guide gratuite di facile consultazione in cui trovare informazioni aggiornate sulle principali normative e finanziamenti dell UE. Iniziative L Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) incontra le imprese per fare ricerca L Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, ente Pubblico di Ricerca, intende promuovere entro il mese di luglio una iniziativa di respiro nazionale rivolta alla valorizzazione, in ambito produttivo, delle metodologie e delle tecnologie legate alle attività di ricerca dell INFN, per favorire l inserimento, nel mondo produttivo, di Ricercatori e Tecnologi qualificati. I campi di intervento di tale iniziativa riguardano sia le attività industriali cosiddette High-Tech sia l industria tradizionale interessata ad una accelerazione della innovazione dei propri processi produttivi. Fulcro dell iniziativa è il trasferimento, per un periodo fino a due anni presso le industrie che manifesteranno il loro interesse, di personale INFN già impegnato con contratti di lavoro subordinato a tempo determinato in recenti attività scientifiche di rilevanza nazionale ed internazionale. L assegno sarà a totale carico dell INFN per il primo anno e soggetto a co-finanziamento al 50% per un eventuale secondo anno. Le imprese sono invitate a far pervenire una manifestazione di interesse, anche via , specificando i settori d interesse espressi in ordine di priorità. Si consiglia di consultare attentamente le disposizioni sul sito Nuovo portale Your Europe-Business E nato il nuovo portale Your Europe-Business che si rivolge agli imprenditori che desiderano condurre attività economiche in altri paesi europei. Il portale offre una guida pratica ed è stato creato in maniera congiunta dalla Commissione europea e dalle autorità nazionali. Le schede tecniche si occupano dell intero ciclo di vita di un impresa e sono disponibili in diverse lingue. Per informazioni: IMI: Innovative Medecine Initiative La Commissione Europea ha selezionato 15 progetti destinatari di un finanziamento pari a 246 milioni di euro per sostenere la partenrhip e la cooperazione tra gli istituti di ricerca pubblici e privati impegnati nello sviluppo di prodotti farmaceutici e nella loro rapida introduzione al mercato. I progetti sono stati selezionati a seguito del primo invito a presentare proposte lanciato dall IMI ottenuto grazie ad un azione congiunta tra l UE e l industria farmaceutica. Per la prima volta si tenta di creare una rete strutturata tra istituti di ricerca, aziende farmaceutiche e pazienti al fine di migliorare non solo la qualità dei farmaci, ma anche per rendere più competitivo il settore. Per maggiori informazioni: 20

Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 marzo 2015 Marzo 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di marzo 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi,

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO. Gennaio 2012. Dati provvisori. 3 febbraio 2012

PREZZI AL CONSUMO. Gennaio 2012. Dati provvisori. 3 febbraio 2012 3 febbraio 2012 Gennaio 2012 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di gennaio, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo dei

Dettagli

PROSPETTO 3. INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO NIC, PER PRODOTTI A DIVERSA FREQUENZA DI ACQUISTO Giugno 2014, variazioni percentuali (base 2010=100)

PROSPETTO 3. INDICI DEI PREZZI AL CONSUMO NIC, PER PRODOTTI A DIVERSA FREQUENZA DI ACQUISTO Giugno 2014, variazioni percentuali (base 2010=100) 30 giugno 2014 Giugno 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di giugno 2014, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 settembre 2013 Settembre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di settembre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al

Dettagli

Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 ottobre 2015 Ottobre 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di ottobre 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 30 maggio 2014 Maggio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di maggio 2014, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo dei

Dettagli

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei pacchetti vacanza...7. I prezzi più caldi e più freddi...

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei pacchetti vacanza...7. I prezzi più caldi e più freddi... Indice Presentazione............................................................. 3 In sintesi................................................................. 4 Confronto con l Europa......................................................5

Dettagli

Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 3 febbraio 2015 Gennaio 2015 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di gennaio 2015, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 4 gennaio 2012 Dicembre 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di dicembre, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), comprensivo

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Tuttocamere.it - Newsletter n. 10 del 3 Dicembre 2007

Tuttocamere.it - Newsletter n. 10 del 3 Dicembre 2007 Tuttocamere.it - Newsletter n. 10 del 3 Dicembre 2007 1. Il TAR del Lazio sospende il decreto che aumenta i costi per il rilascio della Carta di identità elettronica (CIE) Il TAR del Lazio Sezione Terza,

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 28 febbraio 2014 Febbraio 2014 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di febbraio 2014, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 31 ottobre 2013 Ottobre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di ottobre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

La misurazione degli investimenti nel turismo

La misurazione degli investimenti nel turismo OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE Novembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine rilevazione: ottobre 2013 Casi: 352 Periodo

Dettagli

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click

Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click Per l Expo tutto l agroalimentare italiano in un click - 14 gennaio 2015 - L Italia, campione del mangiar bene e del buon vino, leader mondiale nella sicurezza alimentare e nell eco-sostenibilità delle

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori

PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori 3 gennaio 2014 Dicembre 2013 PREZZI AL CONSUMO Dati provvisori Nel mese di dicembre 2013, secondo le stime preliminari, l indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC), al lordo

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

08.15 RAPPORTO MENSILE

08.15 RAPPORTO MENSILE 08.15 RAPPORTO MENSILE Agosto Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11 Autori Luciano

Dettagli

Snellito l iter di deposito e pagamento per istanze e diritti su marchi e brevetti

Snellito l iter di deposito e pagamento per istanze e diritti su marchi e brevetti Snellito l iter di deposito e pagamento per istanze e diritti su marchi e brevetti Decreto del ministero dello Sviluppo economico 21 marzo 2013 (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 2 luglio 2013 n.

Dettagli

LINEA R&S PER AGGREGAZIONI

LINEA R&S PER AGGREGAZIONI NEWSLETTER n. 1 FEBBRAIO 2016 Pubblichiamo un estratto delle ultime notizie relative alle opportunità offerte da bandi e finanza agevolata. CHIARI SERVIZI Srl è a Vostra disposizione per fornire l idonea

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008 La situazione dell'import/export della provincia di Ancona del 1 semestre 2008 fotografata dalla Camera di Commercio di Ancona IN FLESSIONE LE ESPORTAZIONI PROVINCIALI (-13,9%) IN DIFFICOLTA LA MECCANICA,

Dettagli

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012)

Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) Il settore metalmeccanico veneto aziende e lavoratori nella crisi (2009-2012) report marzo 2013 IX congresso regionale Veneto Dal lavoro rinasce il futuro Dolo (Venezia) 4-5 aprile 2013 - 2 - Il quadro

Dettagli

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011

AZIENDE INTERESSATE DALLA CIGS NEL 2011 IL MERCATO DEL LAVORO NELLA PROVINCIA DI MODENA: ANDAMENTO CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI STRAORDINARIA E DEGLI AMMORTIZZATORI IN DEROGA (CIGS E CIGO) NEL 2011 L andamento del mercato del lavoro nella provincia

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

Spazio riservato all ufficio. Provv. n. del

Spazio riservato all ufficio. Provv. n. del MARCA DA BOLLO 14,62 Protocollo Spazio riservato all ufficio N. Sez. Provv. n. del Timbro d entrata ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA CORSO VITTORIO EMANUELE, 36 93100 CALTANISSETTA

Dettagli

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Premessa. Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per interventi relativi alla progettazione in materia di efficienza energetica con elevati standard di qualità (es. CasaClima, Leed e simili) superiori

Dettagli

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico

2. Una economia equilibrata con un cuore pulsante industriale e turistico L analisi che il CRESME ha condotto, sulla base dell incarico ricevuto da ANCE COMO, con il contributo dalla CAMERA DI COMMERCIO DI COMO e sostenuto da Ordine degli Architetti, Ordine degli Ingegneri di

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 15 - Martedì 10 aprile 2012

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 15 - Martedì 10 aprile 2012 7 D.g.r. 4 aprile 2012 - n. IX/3225 Determinazioni in merito al settore produttivo della moda con particolare riferimento all imprenditoria giovanile e femminile. Istituzione linea di azione Start up moda

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

Approfondimenti: Provincia di Cuneo

Approfondimenti: Provincia di Cuneo Approfondimenti: Provincia di Cuneo Premessa Contesto e attività/1 Nel generale contesto di crisi che ha continuato a caratterizzare il sistema economico italiano nel 2013 i dati relativi al Piemonte hanno

Dettagli

AI CONSORZI E ALLE COOPERATIVE DI GARANZIA COLLETTIVA FIDI

AI CONSORZI E ALLE COOPERATIVE DI GARANZIA COLLETTIVA FIDI Roma, 4 gennaio 2010 LETTERA CIRCOLARE REGIONE ABRUZZO ALLE BANCHE ALLE SOCIETA DI LEASING AI CONSORZI E ALLE COOPERATIVE DI GARANZIA COLLETTIVA FIDI operanti con Artigiancassa S.p.A. nella Regione Abruzzo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE ART. 1 Oggetto La Camera di Commercio di Mantova, nel quadro delle proprie iniziative istituzionali,

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

Produzione di beni e servizi.

Produzione di beni e servizi. Produzione di beni e servizi. Dalla tua idea alla tua impresa. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo I e Capo II Le norme nazionali e comunitarie hanno

Dettagli

CAMPO DI APPLICAZIONE

CAMPO DI APPLICAZIONE Campo di applicazione - CAMPO DI APPLICAZIONE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Articoli da 1742 a 1752 del Codice civile; Legge 3 maggio 1985, n. 204 Disciplina dell attività di agente e rappresentante di commercio

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili Fondo Centrale di Garanzia Sezione speciale per le imprese femminili Aprile 2013 Crisi e imprenditoria femminile: quale risposta Nel momento di difficoltà che il nostro Paese sta attraversando, l imprenditoria

Dettagli

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO

ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO Ufficio Comunicazione&Studi Confartigianato del Veneto ARTIGIANATO E PICCOLA IMPRESA NEL VENETO INDAGINE CONGIUNTURALE ANDAMENTO 2 SEMESTRE 2010 PREVISIONE 1 SEMESTRE 2011 In collaborazione con INDAGINE

Dettagli

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale

Art. 1 Oggetto, importo e spese ammissibili al contributo camerale Bando per la concessione di contributi alle imprese per la realizzazione o integrazione di siti web con sistemi di gestione completa della transazione e pagamento elettronico (e-commerce) 1. La Camera

Dettagli

Banca e Finanza in Europa

Banca e Finanza in Europa Università degli Studi di Parma Banca e Finanza in Europa Prof. 1 2. EUROPA: PROFILI ISTITUZIONALI Le tappe Le istituzioni La Banca centrale europea 2 2. Europa: profili istituzionali 3 2. Europa: profili

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia

Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia Dati statistici sull energia elettrica 2009 in Italia Introduzione 1. Premessa Terna Rete Elettrica Nazionale (Terna) cura la raccolta dei dati statistici del settore elettrico nazionale, essendo il suo

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli

Grazie per la collaborazione.

Grazie per la collaborazione. Non visualizza le immagini? Apra il messaggio nel browser Indice Il Parlamento europeo vota la fiducia alla nuova Commissione Agevolazioni e Finanziamenti > Supporto al trasferimento tecnologico attraverso

Dettagli

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA

OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA OSSERVATORIO COOPERAZIONE AGRICOLA ITALIANA 2015 Cooperazione agroalimentare La cooperativa è un associazione autonoma di persone unite volontariamente per soddisfare le loro aspirazioni e bisogni economici,

Dettagli

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario;

Ai fini dell ammissibilità al contributo, le spese rendicontate dovranno: a) essere pagate a mezzo di bonifico bancario; BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA PREVENZIONE ANTISISMICA, LA SICUREZZA E LA TUTELA DELLA SALUTE NEGLI AMBIENTI DI LAVORO. Periodo di apertura per la presentazione delle domande telematiche:

Dettagli

La revisione della procedura di calcolo e del software CENED+

La revisione della procedura di calcolo e del software CENED+ INNOVAZIONE E RICERCA CIRCOLARE N. 174 31.07.2015 ALLE IMPRESE ASSOCIATE LORO SEDI Oggetto: Recepimento della nuova normativa nazionale in merito all efficienza energetica degli edifici e relativo Attestato

Dettagli

Bando BANDO PER L INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI IDONEI ALLA PARTECIPAZIONE

Bando BANDO PER L INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI IDONEI ALLA PARTECIPAZIONE BANDO PER L INDIVIDUAZIONE DEI SOGGETTI IDONEI ALLA PARTECIPAZIONE AL PROGETTO PIEMONTE FOTOVOLTAICO" (per la diffusione degli impianti fotovoltaici incentivati in conto energia DM 19.02.2007) Premessa

Dettagli

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DELLE MISURE DI SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI NEI RAPPORTI CONTRATTUALI TRA IMPRESE DI ASSICURAZIONI, INTERMEDIARI

Dettagli

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali

Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Comunicato stampa RISULTATI DEL 1 SEMESTRE DEL GRUPPO CARIPARMA FRIULADRIA Il Gruppo Cariparma FriulAdria consolida la crescita e il sostegno a famiglie e imprese, rafforzando i fondamentali Utile Netto

Dettagli

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività

Indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività 23 febbraio 2011 Gennaio 2011 PREZZI AL CONSUMO Dati definitivi A partire dai dati di gennaio 2011, la base di riferimento dell indice nazionale dei prezzi al consumo per l intera collettività (NIC) e

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

Regione. Abruzzo Incubatore di imprese di Mosciano S.A.

Regione. Abruzzo Incubatore di imprese di Mosciano S.A. Regione Abruzzo Incubatore di imprese di Mosciano S.A. REGOLAMENTO L incubatore d imprese consente di favorire il processo di sviluppo imprenditoriale, fornendo un sostegno che prevede: la disponibilità

Dettagli

Prodotti tipici classificati negli elenchi D.L. n. 173/1998 e D.MIPAF n. 350/1999.

Prodotti tipici classificati negli elenchi D.L. n. 173/1998 e D.MIPAF n. 350/1999. Bando per la partecipazione delle imprese agricole al Progetto Vetrina Toscana Internazionale. Filiera agroalimentare per favorire l export delle imprese Metropoli, Azienda Speciale della CCIAA di Firenze,

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Le principali linee del nuovo regolamento dell Albo di prossima emanazione. Eugenio Onori Presidente dell Albo nazionale gestori ambientali

Le principali linee del nuovo regolamento dell Albo di prossima emanazione. Eugenio Onori Presidente dell Albo nazionale gestori ambientali Roma. 6 giugno 2014 Le principali linee del nuovo regolamento dell Albo di prossima emanazione Eugenio Onori Presidente dell Albo nazionale gestori ambientali Il nuovo regolamento, oltre ad introdurre

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV

Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV Le norme nazionali e comunitarie hanno la prevalenza sui contenuti

Dettagli

LA COMUNICAZIONE UNICA

LA COMUNICAZIONE UNICA LA COMUNICAZIONE UNICA Come e quando nasce la Riferimenti normativi Il D.L. 31 gennaio 2007, n. 7 - art. 9 (Convertito, con modificazioni, dalla Legge 2 aprile 2007, n. 40) ha previsto e introdotto nel

Dettagli

Ministero delle Attività Produttive

Ministero delle Attività Produttive Ministero delle Attività Produttive DIREZIONE GENERALE PER IL COMMERCIO, LE ASSICURAZIONI E I SERVIZI Servizio centrale Camere di commercio Ufficio B4 * * * Roma, 29 novembre 2002 prot. n. 514886 Alle

Dettagli

Flash Industria 4.2011

Flash Industria 4.2011 15 febbraio 2011 Flash Industria 4.2011 Nel quarto trimestre 2011, sulla base dell'indagine VenetoCongiuntura, la produzione industriale ha registrato una flessione del -1,4 per cento rispetto allo stesso

Dettagli

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015

COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 COMUNICATO STAMPA N. 12 DEL 10 GIUGNO 2015 Presidenza Comm. Graziano Di Battista Positive anche le previsioni degli imprenditori per il futuro. Unico elemento negativo l occupazione che da gennaio alla

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015

L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Maggio 2015 L industria dentale italiana e il mercato di riferimento Maggio 2015 Presentazione Rapporto UNIDI definitivo sul mercato 2013 e stima 2014 Il progetto KEY-STONE Presentazione rapporto sul periodo

Dettagli

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 -

MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - MOVIMPRESE NATALITA E MORTALITA DELLE IMPRESE ITALIANE REGISTRATE PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO DI BOLOGNA - 2 TRIMESTRE 2015 - Sono 96.369 le imprese registrate alla Camera di commercio al 30 giugno 2015,

Dettagli

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO

IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO IL SETTORE DELL'ARTIGIANATO NELLA PROVINCIA DI AREZZO Avvertenze Il presente documento è stato realizzato da CNA FORMAZIONE srl utilizzando anche fonti istituzionali comunitarie, nazionali, regionali e

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

Premessa generale ANALISI PUNTI PRINCIPALI

Premessa generale ANALISI PUNTI PRINCIPALI LE NORME DEL DECRETO COMPETITIVITA' N. 91-2014 CONVERTITO NELLA LEGGE N. 116 DEL 11 AGOSTO 2014 : ANALISI DEI PUNTI PRINCIPALI a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Con il Decreto Competitività n.

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

STARTUP SOCIALI. di Carmen Morrone

STARTUP SOCIALI. di Carmen Morrone STARTUP SOCIALI di Carmen Morrone Sono il fenomeno dell anno: le start up innovative in Italia sfiorano quota 2mila e crescono al ritmo di una trentina a settimana. Fra queste ci sono anche quelle a vocazione

Dettagli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli

Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna. Marco Sassatelli Osservatorio Economia e Lavoro in Emilia-Romagna Marco Sassatelli Il quadro - Produzione industriale ed export - 60 Produzione Fatturato Ordini 40 20 0-20 2003 - I 2003 - II 2003 - III 2003 - IV 2004 -

Dettagli

PRESENTAZIONE ALLA STAMPA

PRESENTAZIONE ALLA STAMPA Torino, 17/7/2015 ore 10,30 Sala E. Vaglio Via Pietro Micca 17 FISAC/CGIL Torino e Piemonte PRESENTAZIONE ALLA STAMPA ANALISI CONGIUNTURALE DEL SISTEMA DEL CREDITO LOCALE IN PIEMONTE A cura di Francesco

Dettagli

proposta di legge n. 302

proposta di legge n. 302 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 302 a iniziativa della Giunta regionale presentata in data 17 febbraio 2009 NORME IN MATERIA DI TUTELA DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI (669) REGIONE

Dettagli

%$1'2 3(5 / $66(*1$=,21( ( / (52*$=,21( ', &2175,%87, $ )21'2 3(5'872 3(5 /$ 5($/,==$=,21( ',,03,$17, 62/$5, 3(5 862 7(50,&2 &ULWHULH3URFHGXUH

%$1'2 3(5 / $66(*1$=,21( ( / (52*$=,21( ', &2175,%87, $ )21'2 3(5'872 3(5 /$ 5($/,==$=,21( ',,03,$17, 62/$5, 3(5 862 7(50,&2 &ULWHULH3URFHGXUH %$1'2 3(5 / $66(*1$=,21( ( / (52*$=,21( ', &2175,%87, $ )21'2 3(5'872 3(5 /$ 5($/,==$=,21( ',,03,$17, 62/$5, 3(5 862 7(50,&2 &ULWHULH3URFHGXUH *HQHUDOLWj Sono aperti i termini per la presentazione delle

Dettagli

Pierfrancesco Pacini. Pisa, 30 giugno g 2014

Pierfrancesco Pacini. Pisa, 30 giugno g 2014 Relazione sull andamento dell economiaeconomia pisana nel 2013 Pierfrancesco Pacini Pisa, 30 giugno g 2014 Economia internazionale Andamento del PIL nel 2013 (variazioni i i % a valori costanti) Fonte:

Dettagli

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei servizi dentistici...7. I prezzi più caldi e più freddi...

Presentazione... 3. In sintesi... 4. Confronto con l Europa...5. Le tariffe dei servizi dentistici...7. I prezzi più caldi e più freddi... Indice Presentazione............................................................. 3 In sintesi................................................................. 4 Confronto con l Europa......................................................5

Dettagli

R E L A Z I O N E. Si illustrano di seguito i singoli articoli del decreto in esame.

R E L A Z I O N E. Si illustrano di seguito i singoli articoli del decreto in esame. DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2006/66/CE CONCERNENTE PILE, ACCUMULATORI E RELATIVI RIFIUTI E CHE ABROGA LA DIRETTIVA 91/157/CEE. \ R E L A Z I O N E Il decreto legislativo in esame

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI

PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI PROCEDURE PER LE AUTORIZZAZIONI ALLA GESTIONE E ALLO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SPECIALI Principale normativa di riferimento - decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22 (legge quadro, attuativa di tre direttive

Dettagli

Euroindustria Bollettino Numero 4 Anno 18

Euroindustria Bollettino Numero 4 Anno 18 Euroindustria Bollettino Numero 4 Anno 18 OPPORTUNITA DI COOPERAZIONE COMMERCIALE, PRODUTTIVA, TECNOLOGICA Indice MECCANICO, METALMECCANICO & AUTOMAZIONE... 1 AMBIENTE & ENERGIA, EDILIZIA... 2 ALIMENTARE

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

Aggiornamento luglio 2009

Aggiornamento luglio 2009 - Ufficio Studi - Aggiornamento luglio 2009 Confartigianato Imprese Piemonte Via Andrea Doria, 15-10123 Torino - Tel. 011/8127500 011/8127416 Fax 011/8125775 www.confartigianato.piemonte.it e-mail: info@confartigianato.piemonte.it

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI La riconfigurazione del mercato delle costruzioni Lo scenario delle costruzioni

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

100 milioni di euro per i nuovi bandi

100 milioni di euro per i nuovi bandi Seminario - Lamezia Terme - venerdì 28 gennaio 2011 100 milioni di euro per i nuovi bandi Misure 1.2.1 e 1.2.3 Miglioramento della competitività del settore agricolo e forestale BANDI 121-123 ISTRUZIONI

Dettagli

Le aree di Innovazione per la crescita

Le aree di Innovazione per la crescita Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione

Dettagli

Scenari petroliferi ed energetici

Scenari petroliferi ed energetici Confindustria Siracusa Scenari petroliferi ed energetici A cura dell Area comunicazione ed organizzazione Ufficio studi e statistiche Elaborazione su dati dell Unione Petrolifera IL MERCATO PETROLIFERO

Dettagli

Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte

Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte Dicembre 2014 Ufficio Studi Confartigianato Imprese Piemonte Via Andrea Doria, 15-10123 Torino - Tel. 011/8127500 011/8127416 Fax 011/8125775 www.confartigianato.piemonte.it e-mail: info@confartigianato.piemonte.it

Dettagli

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 i principali indicatori A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Il contesto internazionale Stime

Dettagli

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014 Strumenti per il rilancio dell impresa Ditte individuali I progetti di investimento non devono superare 25.823. La o il titolare della ditta individuale deve aver compiuto 18 anni e deve essere inoccupato.

Dettagli

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 REGIONE LIGURIA Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE ASSE 1 INNOVAZIONE E COMPETITIVITA

Dettagli