PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI RIMINI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI RIMINI"

Transcript

1 PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI RIMINI e per quanto di competenza alla: CORTE D'APPELLO DI BOLOGNA, PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI PISA Atto di denuncia-querela La sottoscritta Szyszkowska Maria Janina nata a Polanica Zdroj in Polonia il 19 settembre 1953 e residente a Pisa in via Repetti 13 espone quanto segue: Il giorno 14 settembre 2010 tramite mio figlio Marek Szyszkowski, anch'egli cittadino polacco, residente a Pisa in via Repetti 13, sono entrata in possesso di un documento inquietante denominato RAPPORTO INFORMATIVO Nr. 10/306 I di prot. (All.1) che di seguito cercherò di descrivere con l'aiuto di relativi allegati che spiegano meglio il contesto nel quale è avvenuto il reato contro la mia persona e contro l'amministrazione della Giustizia. Premetto che trattasi di contenuto del documento proveniente dalla C.I.O. S.p.A. di San Marino quasi integralmente inventato a danno della sottoscritta, redatto presumibilmente dal titolare della suddetta agenzia investigativa, un certo Salvatore Vargiu o Salvatore Bargiu - com'è stato identificato dall'ufficiale di Polizia Giudiziaria M.llo Capo Gregoracci Eugenio del Comando Provinciale Carabinieri di Rimini in data 26 agosto 2010 alle ore (All.2) Premetto altresì che sono venuta a conoscenza tramite il mio soprannominato figlio della mia condanna in un processo che si è svolto a mia insaputa davanti al Tribunale di Rimini, nr. atti 6047/2006, nr. sent. 1007/2010. La sottoscritta è stata per 2 anni creduta colpevole di presunto concorso in sottrazione dei propri nipotini minori, affinchè dopo le lunghe indagini e rogatorie internazionali è stata prosciolta dal Tribunale di San Marino in data 5 agosto 2008 perchè in mancanza di univoci elementi a carico di Szyszkowski Maria Janina non può che procedersi all'archiviazione della posizione dell'imputata - (Tribunale Unico della Repubblica di San Marino 5 agosto 2008) - (All.3). Il mio figlio Szyszkowski Marek Norbert per non farmi preoccupare e turbare ulteriormente dopo le violente perdite di entrambi i nipotini sequestrati separatamente nei modi violenti, non mi ha mai messo al corrente di quanto si procedesse contro di me da parte dell'autorità Giudiziaria riminese. Nel mese di giugno 2010 sono venuta al corrente della suddetta condanna a mio carico in primo grado, dalla quale mi sto appellando dinanzi alla Corte d'appello di Bologna nei termini previsti per Legge. Nutro un forte sospetto quindi che il Tribunale di Rimini erroneamente mi aveva ritenuto colpevole di un presunto concorso in sottrazione dei miei nipotini a causa della condotta descritta nel suddetto RAPPORTO INFORMATIVO Nr. 10/306 I di prot. (All.1) fortemente calunnioso e diffamatorio presente nella requisitoria, indirizzata alla: DIREZIO E I TERPOL - Dott. M. Faraone, viale J.F. Kennedy, San Marino COMA DO GE DARMERIA Dott. A. Zecchini, viale J.F. Kennedy, San Marino e per conoscenza a

2 STUDIO LEGALE AVV. PETRILLO ALESSANDRO F. - Via Circonvallazione Occidentale, Rimini. Va tenuto conto che finora le Istituzioni riminesi e sammarinesi, la Stampa di Rimini, la stampa di Pisa oltre chè quasi tutti i mass media sammarinesi hanno preso per oro colato ciò che è stato riferito nel suddetto rapporto investigativo e nessuno ha sospettato di calunnia di queste dimensioni. Nel verbale di assunzione informazioni ai sensi dell'art. 351 c.p.p. redatto dal suddetto Ufficiale di Polizia Giudiziaria M.llo Capo Gregoracci Eugenio del Comando Provinciale Carabinieri di Rimini in data 26 agosto 2010 alle ore si legge che lo stesso giorno 26 agosto 2008, presso questi Uffici la Sig.ra VALENZUELA RIVERA Yudelka presentava atto di denuncia querela allegando il RAPPORTO INFORMATIVO della Società Investigativa CENTRAL INFORMATION OFFICE. In qualità di presidente della suddetta Società il suindicato Salvatore Bargiu conferma l'autenticità di RAPPORTO INFORMATIVO in questione e che le informazioni contenute sono veritiere (All.2). Dal suddetto RAPPORTO INFORMATIVO risulta che il mandato investigativo è stato ricevuto in data 12 luglio 2008 dalla Sig.ra VALENZUELA RIVERA Yudelka. Nell'oggetto del mandato viene citato che Szyszkowski Ambra Isabella è stata sottratta da Szyszkowski Marek Norbert e da Szyszkowski Maria Janina. La redazione del RAPPORTO INFORMATIVO risale al 22 agosto 2008, mentre già dapprima le autorità sammarinesi sapevano della mia innocenza, che soltanto in data 5 agosto 2008 è stata confermata dal Commissario della Legge Roberto Battaglino nel decreto basato sui soffisticati rilevamenti tecnici, testimonianze dei terzi nel contesto ben preciso (All.3). Di seguito cito le affermazioni contenute nel RAPPORTO INFORMATIVO Nr. 10/306 I di prot. non corrispondenti al vero ovvero strumentalmente false: 1. Si evinceva che Szyszkowski Marek aveva volutamente e più volte rilasciato un falso indirizzo alle Forze di Polizia in quanto a Tirrenia, Viale del Tirreno, non risulta essere nessuna abitazione ne tantomeno nessuna struttura ricettiva. 2. Szyszkowski Marek Norbert aveva svolto l'attività lavorativa in qualità di pizzaiolo per alcuni mesi, e successivamente lasciava l'attività senza ragione, per trasferirsi altrove tanto da intuire, che anche in detta circostanza aveva indicato un falso indirizzo (via Stazione 105 a Pisa). 4. Venivano pertanto eseguite accurati accertamenti presso l'ufficio anagrafe del Comune di Rimini, dal quale si appurava che Szyszkowski Maria Janina, madre del Norbert Marek trasferiva la sua residenza da Rimini a quella di Pisa e precisamente in via Emanuele Repetti 2/B. 5. Informazioni riservate assunte comunicavano che da qualche mese Norbert Marek, la madre Maria Janina, e la figlia Ambra, si erano trasferiti da qualche mese in altra abitazione e precisamente al civico 28. Ulteriori accertamenti confermavano che i predetti sono domiciliati a SAN PIERO A GRADO, VIA EMANUELE REPETTI Per quanto sopra, ed alla luce dei fatti, si può evincere che Szyszkowski Marek Norbert unitamente alla mamma Maria Janina con più azioni esecutive, volontariamente nascondevano la figlia minore Ambra, ponendola in condizione di non frequentare bambini della stessa età Non a caso, volontariamente comunicava ai Carabinieri in sede di contatto, una via diversa dall'attuale dimora, al fine di non essere immediatamente rintracciato in fase di probabile ricerca. 8. Anche le diverse abitazioni utilizzate dal Marek sono state sempre affittate a nome della madre Janina, per non lasciare traccia del suo passaggio unitamente alla figlia Ambra. 9. Appare pertanto evidente che Norbert Marek mantiene la figlia Ambra nascosta all'interno dell'abitazione... Va ricordato che RAPPORTO INFORMATIVO viene redatto con lo scopo di screditare e sminuire

3 la figura di padre Szyszkowski Marek Norbert e della nonna paterna Szyszkowska Maria Janina rispetto al loro vero comportamento nei confronti delle Autorità e rispetto al dovere di protezione e miglior cura della gemella minore Szyszkowski Ambra Isabella. Non vi è alcun dubbio che suddetta serie di affermazioni false e strumentali contenute nel suddetto RAPPORTO INFORMATIVO avevano tra l'altro compito di apparire vere essendo interconnesse con informazioni ben conosciute dalle Forze dell'ordine come quella che mio figlio lavorava come pizzaiolo, che utilizzava per i propri spostamenti l'autovettura di marca Ford Mondeo blù targata Polonia, che prima era domiciliato in viale del Tirreno 205 a Tirrenia(PI). Vengono inoltre indicati i cantieri edili come presunti posti di lavoro dei cittadini Polacchi presumibilmente per aggiungere ulteriore credibilità al racconto. Viene appurato anche che ogni lunedì sera il Polacco si reca in detta pizzeria per acquistare due pizze d'asporto Nemmeno questa informazione corrisponde al vero. E vero invece che il figlio Szyszkowski Marek Norbert lavorava per molti anni con qualifica di pizzaiolo ed ha svolto regolare attività lavorativa a Marina di Pisa nel Ristorante Gambero Blù ed in Pisa Centro in Ristorante Lissus. Questo viene confermato dal Suo contratto d'assunzione (All.4). Rispetto al p.1 affermo con assoluta certezza che mio figlio Szyszkowski Marek Norbert non aveva mai dichiarato falsi indirizzi alle Forze di Polizia. Anzi, ha sempre rilasciato a tutte le Autorità in sede di contatto un attuale indirizzo e validi numeri di telefono in caso di necessità mostrando sempre piena disponibilità in ogni circostanza (All. 5). Peraltro la presunta volontà del mio figlio di rilasciare i falsi indirizzi viene addirittura motivata con la presunta assenza di abitazioni o strutture ricettive in Viale del Tirreno in località Tirrenia. Basterebbe, senza dover recarsi in quel luogo, effetuando una ricerca su internet per rendersi conto che è la zona turistica ben sviluppata e frequentata dai turisti fornita di ristoranti, alberghi, negozi, spazi giochi per bambini e adolescenti, e tantissimi appartamenti in affitto disponibili tutto l'anno. Rispetto al p.2 affermo con assoluta certezza che il mio figlio non aveva mai svolto nessun attività lavorativa ne presso i cantieri edili ne presso la Pizzeria LA BASILICA sita in San Piero a Grado. Anche questo presunto passaggio di mio figlio è strumentalmente falso a meno che l'investigatore Salvatore Vargiu non disponga di una documentazione che dimostri il contrario. Dato che trattasi di un investigatore privato si presume che i dati da lui forniti debbano essere accertati e supportati dal materiale di prova. Rispetto al p.3 io stessa non riesco a capire quale ruolo avrebbe dovuto svolgere presunto l'indirizzo di Via Stazione 105 a Pisa. Sono assolutamente certa che il mio figlio non aveva mai dichiarato un falso indirizzo a nessuna Istituzione. Non ne avrebbe il minimo bisogno, dato che le Autorità, come detto sopra erano sempre informate dallo stesso Marek su ogni cambiamento inerente al nucleo famigliare. Questa presunta dichiarazione dell indirizzo soprammenzionato non avrebbe alcun senso in quanto disponeva di una casa regolarmente affittata a San Piero a Grado in Via Repetti 13 già a partire dal 15 aprile 2008, cosa risulta dal CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO E dalla sua registrazione all'agenzia DELLE ENTRATE DI PISA. (All.6) Rispetto al p.4 smentisco categoricamente l'informazione fornita dal Salvatore Vargiù in quanto nemmeno conosco il presunto numero civico 2/B di Via Emanuele Repetti a Pisa e non ho mai trasferito la mia residenza al suddetto indirizzo. Dall'ATTESTATO DI RICEVUTA DELLA RICHIESTA DI ISCRIZIONE ANAGRAFICA al COMUNE DI PISA (All.9) risulta l'indirizzo di Via Repetti 13. Il numero civico di mia residenza è il 13 ed era l'unico indirizzo da me utilizzato. Dato che trattasi di un informazione appurata si presume che gli investigatori privati si siano più che accertati che si trattava della porta di ingresso apropriata. Rispetto al p.5 affermo con assoluta certezza di non essermi mai trasferita al presunto indirizzo di Via Repetti 28. Pur considerando gli ulteriori accertamenti dell'investigatore Salvatore Vargiu ribadisco che nessuna delle tre persone da lui indicate aveva mai abitato all'indirizzo da lui indicato. Rispetto al p.6 ritengo che sia un'affermazione che offende l'onore non solo mio ma anche quello di mio figlio e di Sua bambina Szyszkowski Ambra Isabella, considerando le testimonianze dei vicini di casa e conoscenti che hanno assistito alla Sua corretta crescita. Il Szyszkowski Marek Norbert si era recato più volte assieme alla bambina all'anagrafe di Pisa per regolarizzare la residenza della

4 bambina, ma il responsabile un certo Sig. Corrucci, non ha mai voluto accettare la pratica dicendo che la figlia di Marek non è riconoscibile. Mi sono recata assieme al mio figlio 2 o più volte nei mesi luglio-agosto 2008 anche all'asl di zona per chiedere l'assegnazione di un medico di base per la nipotina Ambra, giusto per poter effettuare dei semplici controlli di routine, ma Le è stato negato. Il rifiuto del personale sanitario responsabile era giustificato con la presunta impossibilità di procedere della pratica a causa della residenza mancante. Esistono inoltre numerosi filmati di quel periodo dei quali alcuni presenti su canale babboperbene del portale Youtube, i quali rappresentano un ulteriore prova contro le false affermazioni del Sig Salvatore Vargiù. Presenti nel rapporto investigativo della C.I.O. Considerando la presenza dei suoi uomini che tenevano sotto osservazione i spostamenti del mio figlio nei mesi luglio e agosto, quando assieme alla bambina pressochè tutti i giorni andava al mare e in altri posti carini dove poteva socializzare con altri bambini e gioire della Sua felice infanzia, l'affermazione di Vargiu risulta ancora più volutamente calunniosa. Rispetto al p.7 con assoluta certezza smentisco categoricamente quanto attribuito al comportamento del mio figlio sia mai avvenuto. Innanzitutto mi pongo la domanda legittima di quali Carabinieri stava parlando investigatore Vargiu visto che nella vicenda erano coinvolti soltanto quelli della Stazione di Marina di Pisa che hanno già rilasciato la Loro versione dei fatti. (All.5) Il figlio ha sempre dichiarato l'indirizzo vero ai Carabinieri e sarebbe sufficiente interrogarli in merito a quanto detto nel RAPPORTO INFORMATIVO del Sig.Vargiu. Rispetto al p.8 Sig. Vargiu fornisce semplicemente un'altra informazione volutamente falsa. Il mio Figlio Marek ha affittato l'unica abitazione ed esclusivamente a nome Suo (All.6). Non vi era motivo per nascondersi in quanto tutto ciò che faceva il figlio era sempre regolare e per dire di più aveva persino preso gli accordi con la Scuola Materna di San Piero a Grado secondo i quali la figlia Ambra l'avrebbe dovuto iniziare a frequentare dai primi di settembre Tutto questo può significare una cosa soltanto che Marek ha sempre lasciato molte tracce dei suoi trasparenti passaggi con la figlia in quanto per la Sua natura è una persona retta. Rispetto al p.9 devo dire che la falsità dell'affermazione sconfina nel grottesco in quanto è ormai evidente che tutti questi presunti rilevamenti, gli accertamenti e le appurazioni degli uomini del Sig. Vargiu non hanno fatto altro che portarli alla conclusione che Marek mantiene la figlia Ambra nascosta all'interno dell'abitazione... in quanto l'abitazione al civico 28 risultava con i balconi chiusi ed apparentemente disabitata, non venivano notate luci o spiragli, non veniva mai notata la presenza ne tantomeno le voci di bambini, giocare all'interno del piccolo giardino prospiciente l'abitazione. Si parla anche di alte siepi che circondavano gli appartamenti a schiera in fase di ultimazione, ad esclusione del civico 28 che risulta ultimato. Sarà vero tutto questo? L'investigatore si riferiva agli indirizzi ed alle persone precisamente appurate e non se n'era accorto che le presunte abitazioni sotto osservazione sarebbero comunque situate lontano dall'unica abitata da Szyszkowski Marek Norbert cioè quella invia Repetti al civico nr. 13??? Anche se fossero vicine non sarebbe mai sufficiente da permettere le valutazioni e la stesura degli errori di redazione del RAPPORTO INFORMATIVO tanto macroscopici anche per il semplice fatto delle numerazioni 28 e 2/B che si troverebbero comunque sul lato opposto della via. E' possibile redigere un RAPPORTO INFORMATIVO con tanti elementi falsi e farli passare inosservati persino alle Forze dell'ordine, Procuratori e Giudici? Evidentemente si. Questo rapporto ha svolto un esemplare opera di convincimento su tutte le persone che ne sono entrate in possesso. Per quanto riguarda molti degli aspetti della condotta degli accusati descritta nei punti da 1 a 9 si trovano in netto contrasto con le dichiarazoni rilasciate dagli abitanti della zona residenziale di San Piero a Grado rispettabilissimi padri, madri e nonni (All.7). Al fine di dimostrare la dubbia natura dell'indagine svolta sul territorio pisano dalla suddetta agenzia investigativa sammarinese che accusa me e mio figlio Szyszkowski Marek Norbert di voler nascondere se stessi e la minore, propongo il verbale della Gendarmeria di San Marino, con relativa registrazione audio del 15 agosto 2008 riguardante un ulteriore tentativo del mio figlio di dialogo con la moglie VALENZUELA RIVERA Yudelka, del quale ero testimone. Tale comportamento

5 dovrebbe escludere ulteriormente qualsiasi dubbio sulla buona fede e sulla trasparente condotta anche nei confronti della moglie, la quale ha invece sempre usato tale buona fede del marito per aggredirlo in tutti i modi, fornendo sempre una versione della condotta del marito mai corrispondente alla realtà dei fatti (All.10). Intendo quindi allegare alla presente summenzionata registrazione audio di quanto il mio figlio riferisce alla moglie durante la chiamata avvenuta il 15 agosto 2008 (All.11). Che fine hanno fatto le informazioni trasmesse dal marito alla moglie VALENZUELA RIVERA Yudelka? Voglio precisare che per individuare i veri responsabili della gigantesca calunnia descritta nella presente denuncia-querela bisognerebbe capire chi è il vero accusante in questo fantasioso racconto il Sig. Vargiù o la Sig.ra VALENZUELA RIVERA Yudelka, la quale ha dato incarico all' agenzia investigativa sammarinese di cui il suddetto era presidente (e anche titolare?)? Chi ci teneva ad ottenere dei vantaggi da queste false accuse riferite all'autorità Giudiziaria di Rimini e di San Marino oltre che ad altre Istituzioni non meno rilevanti, al fine di condannare gli coimputati in un processo per sottrazione? Dal contesto generale emerge chiaramente il fatto d'indagine svoltasi regolarmente sull'incarico investigativo regolare eseguito dagli investigatori della Società Investigativa CENTRAL INFORMATION OFFICE. Non sembra nemmeno tanto rilevante chi aveva scritto tali mostruosità, finchè non erano presentati nelle opportune sedi giudiziarie con precisa volontà di accusare la sottoscritta assieme al figlio Szyszkowski Marek Norbert di avere commesso dei fatti, dalla interpretazione dei quali era probabile aspettarsi una condanna. La pluralità di false affermazioni e circostanze descritte nel RAPPORTO INFORMATIVO avevano evidentemente la precisa intenzione di dipingere gli coimputati in un processo per sottrazione dei minori come le MENTI CRIMINALI, aggravando con lo stesso pesantemente Loro posizione legale. L'attenta analisi di ESSO dimostra l'indiscutibile sussistenza della coscienza e consapevolezza in capo all'accusante, dell'innocenza degli accusati, rispetto ai fatti, alle condotte od agli eventi attribuitili. Di fatto per quanto riguarda la permanenza della minore sul territorio pisano l'autorità giudiziaria locale non ha mosso contro di me alcuna accusa (all.8), nonostante le richieste della VALENZUELA RIVERA Yudelka, mentre quella di Rimini, dove nella requisitoria era contenuto il suddetto RAPPORTO INFORMATIVO Nr. 10/306 I di prot. vengo condannata in contumacia. Se avessi saputo dell'udienza probabilmente avrei potuto spiegare la mia innocenza rispetto alle strumentali accuse contro la mia persona. La Sig.ra VALENZUELA RIVERA Yudelka non si era mai rassegnata con il fatto che le Autorità di San Marino e di Pisa non hanno proceduto penalmente nei miei confronti, cosa che risulta dalla sua volontà di procedere davanti il Tribunale di Rimini per il medesimo fatto per il quale ero prosciolta dal Tribunale di San Marino in data 5 agosto 2008 (All.3). La Sig.ra Valenzuela Rivera con questo gesto fa intendere che non accettarebbe le sentenze e/o decreti del Tribunale di San Marino o di un'altro Stato che non le piacciono. Lei di fatto è l'unica persona che potrebbe aver cercato in tutti i modi di trarre dei vantaggi anche da un atto delittuoso come descritto nella presente denunciaquerela. Per togliere ogni dubbio sulla persona che ha sempre cercato in tutti i modi trovare il modo per perseguitare il marito e suoi più stretti famigliari, ritengo doveroso menzionare un altro procedimento penale instaurato dalla VALENZUELA RIVERA Yudelka nella Repubblica di San Marino contro il marito Szyszkowski Marek Norbert in data 22 settembre 2008 (All.12) e relativa archiviazione. Per quanto specificato nella presente denuncia-querela chiedo espressamente che si proceda nei confronti del Sig. Salvatore Vargiu e/o eventuali complici responsabili per i reati di cui all' art. 368 c.p., nonché per ogni altro delitto che fosse meglio ravvisato dall'autorità giudiziaria nei fatti esposti. Si producono i seguenti documenti:

6 1. All.1 - RAPPORTO INFORMATIVO Nr. 10/306 I di prot. 2. All.2 - Verbale di assunzione informazioni ai sensi dell'art. 351 c.p.p. redatto dal suddetto Ufficiale di Polizia Giudiziaria M.llo Capo Gregoracci Eugenio del Comando Provinciale Carabinieri di Rimini in data 26 agosto 2010 alle ore All.3 Decreto di proscioglimento di Szyszkowska Maria Janina del 5 agosto All.4 Contratto di assunzione in Ristorante Lissus a Pisa Centro, P.zza Guerrazzi 5. All.5 - Trasmissione atti di Polizia Giudiziaria inerenti al rintraccio di Szyszkowski Marek Norbert, Carabinieri Marina di Pisa, il 19 dicembre All.6 - CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO E dalla sua registrazione all'agenzia DELLE ENTRATE DI PISA 7. All. 7 Testimonianze scritte da abitanti di San Piero a Grado e Marina di Pisa 8. All. 8 Sentenza Tribunale di Pisa in merito alla sottrazione di figlia minore Ambra Isabella 9. All. 9 - ATTESTATO DI RICEVUTA DELLA RICHIESTA DI ISCRIZIONE ANAGRAFICA al COMUNE DI PISA 10. All. 10 Trasmissione ulteriore integrazione di denuncia di Yudelka presso Gendarmeria di San Marino, 21 agosto All Registrazione audio chiamata di Szyszkowski Marek Norbert verso la moglie Yudelka, 15 agosto 2008, Pisa-San Marino. 12. Gli atti del procedimento penale 50 RNR 08 per libello famoso sulla presunta pedopornografia del padre Szyszkowski Marek Norbert. Si richiede comunicazione in caso di archiviazione.

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte.

N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte. N. 00244/2015 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA ex art. 60 cod. proc.

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Modulo "Dichiarazione di residenza" per soggetti senza fissa dimora abituale

Modulo Dichiarazione di residenza per soggetti senza fissa dimora abituale ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 12/02/2013 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/34613-modulo-dichiarazione-di-residenza-persoggetti-senza-fissa-dimora-abituale Autori: Modulo "Dichiarazione di residenza"

Dettagli

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari.

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Preambolo La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Cybermobbing: tutto ciò prevede la legge

Cybermobbing: tutto ciò prevede la legge Cybermobbing: tutto ciò prevede la legge Informazioni sul tema del cybermobbing e relativo quadro giuridico Una pubblicazione della polizia e della Prevenzione Svizzera della Criminalità (PSC) un centro

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA

RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA RP 04/14 AVVISO DI SELEZIONE PER INFORMATORE TURISTICO ALTA VALSUSA Si rende noto che è indetta una procedura selettiva per individuare un soggetto idoneo a ricoprire la posizione di Informatore/trice

Dettagli

Copia tratta da: SanzioniAmministrative.it

Copia tratta da: SanzioniAmministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 20 novembre 1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari Preambolo (G.U.

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

D.P.R. 15 luglio 1988, n. 574

D.P.R. 15 luglio 1988, n. 574 D.P.R. 15 luglio 1988, n. 574 NORME DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO SPECIALE PER LA REGIONE TRENTINO- ALTO ADIGE IN MATERIA DI USO DELLA LINGUA TEDESCA E DELLA LINGUA LADINA NEI RAPPORTI DEI CITTADINI CON

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

POSIZIONE MATRIMONIALE

POSIZIONE MATRIMONIALE Mod. I Prot. n. DIOCESI DI PARROCCHIA Via Comune Cap Provincia POSIZIONE MATRIMONIALE GENERALITÀ Fidanzato Fidanzata Cognome e nome 1 Luogo e data di nascita Luogo e data di battesimo Religione Stato civile

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all Indagine Fort Knox Roma, 08 aprile 2014 Indagine Fort Knox Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE

GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE GLOSSARIO DI ALCUNI TERMINI USATI NELLA PUBBLICAZIONE Altre forme giuridiche (A.F.) Tipologia che raccoglie tutte le imprese aventi forma giuridica diversa da quelle che rientrano nei seguenti raggruppamenti:

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

di un Accusa di discriminazione Ai sensi della Legge sui diritti umani dell'illinois Che cosa prevede la legge

di un Accusa di discriminazione Ai sensi della Legge sui diritti umani dell'illinois Che cosa prevede la legge Stato dell Illinois Dipartimento dei diritti umani di un Accusa di discriminazione Ai sensi della Legge sui diritti umani dell'illinois Che cosa prevede la legge ITALIAN Come presentare un Accusa di discriminazione

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 A TUTTE LE IMPRESE ISCRITTE - LORO SEDI- Oggetto: Lavoro part-time. In seguito alle comunicazioni CNCE n. 433 del 27 luglio 2010, n. 436 del 29 settembre 2010, n.

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE. TITOLO I Giudicato. Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali.

CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE. TITOLO I Giudicato. Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali. CODICE DI PROCEDURA PENALE PARTE SECONDA LIBRO DECIMO: ESECUZIONE TITOLO I Giudicato Art. 648. Irrevocabilità delle sentenze e dei decreti penali. 1. Sono irrevocabili le sentenze pronunciate in giudizio

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE

MODELLO D - DICHIARAZIONI PROGETTISTI MANDANTI R.T.I. o di cui si AVVALE IL CONCORRENTE Al Comune di Lamporecchio Ufficio Tecnico Lavori Pubblici - Piazza Berni, 1-51035 Lamporecchio (PT) OGGETTO: CONCESSIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE E GESTIONE DI UN IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO ALIMENTATO

Dettagli

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Nel 2014 l'ai ha avviato indagini in 2200 casi per sospetto abuso assicurativo e ne ha concluse 2310. In 540

Dettagli

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34 TIMBRO PROTOCOLLO MODULO DI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (SUBINGRESSO NUOVA APERTURA (di cui art. 4 comma 5^ L.R. 14/2003) - CESSAZIONE VARIAZIONI

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli