PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI RIMINI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI RIMINI"

Transcript

1 PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI RIMINI e per quanto di competenza alla: CORTE D'APPELLO DI BOLOGNA, PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI PISA Atto di denuncia-querela La sottoscritta Szyszkowska Maria Janina nata a Polanica Zdroj in Polonia il 19 settembre 1953 e residente a Pisa in via Repetti 13 espone quanto segue: Il giorno 14 settembre 2010 tramite mio figlio Marek Szyszkowski, anch'egli cittadino polacco, residente a Pisa in via Repetti 13, sono entrata in possesso di un documento inquietante denominato RAPPORTO INFORMATIVO Nr. 10/306 I di prot. (All.1) che di seguito cercherò di descrivere con l'aiuto di relativi allegati che spiegano meglio il contesto nel quale è avvenuto il reato contro la mia persona e contro l'amministrazione della Giustizia. Premetto che trattasi di contenuto del documento proveniente dalla C.I.O. S.p.A. di San Marino quasi integralmente inventato a danno della sottoscritta, redatto presumibilmente dal titolare della suddetta agenzia investigativa, un certo Salvatore Vargiu o Salvatore Bargiu - com'è stato identificato dall'ufficiale di Polizia Giudiziaria M.llo Capo Gregoracci Eugenio del Comando Provinciale Carabinieri di Rimini in data 26 agosto 2010 alle ore (All.2) Premetto altresì che sono venuta a conoscenza tramite il mio soprannominato figlio della mia condanna in un processo che si è svolto a mia insaputa davanti al Tribunale di Rimini, nr. atti 6047/2006, nr. sent. 1007/2010. La sottoscritta è stata per 2 anni creduta colpevole di presunto concorso in sottrazione dei propri nipotini minori, affinchè dopo le lunghe indagini e rogatorie internazionali è stata prosciolta dal Tribunale di San Marino in data 5 agosto 2008 perchè in mancanza di univoci elementi a carico di Szyszkowski Maria Janina non può che procedersi all'archiviazione della posizione dell'imputata - (Tribunale Unico della Repubblica di San Marino 5 agosto 2008) - (All.3). Il mio figlio Szyszkowski Marek Norbert per non farmi preoccupare e turbare ulteriormente dopo le violente perdite di entrambi i nipotini sequestrati separatamente nei modi violenti, non mi ha mai messo al corrente di quanto si procedesse contro di me da parte dell'autorità Giudiziaria riminese. Nel mese di giugno 2010 sono venuta al corrente della suddetta condanna a mio carico in primo grado, dalla quale mi sto appellando dinanzi alla Corte d'appello di Bologna nei termini previsti per Legge. Nutro un forte sospetto quindi che il Tribunale di Rimini erroneamente mi aveva ritenuto colpevole di un presunto concorso in sottrazione dei miei nipotini a causa della condotta descritta nel suddetto RAPPORTO INFORMATIVO Nr. 10/306 I di prot. (All.1) fortemente calunnioso e diffamatorio presente nella requisitoria, indirizzata alla: DIREZIO E I TERPOL - Dott. M. Faraone, viale J.F. Kennedy, San Marino COMA DO GE DARMERIA Dott. A. Zecchini, viale J.F. Kennedy, San Marino e per conoscenza a

2 STUDIO LEGALE AVV. PETRILLO ALESSANDRO F. - Via Circonvallazione Occidentale, Rimini. Va tenuto conto che finora le Istituzioni riminesi e sammarinesi, la Stampa di Rimini, la stampa di Pisa oltre chè quasi tutti i mass media sammarinesi hanno preso per oro colato ciò che è stato riferito nel suddetto rapporto investigativo e nessuno ha sospettato di calunnia di queste dimensioni. Nel verbale di assunzione informazioni ai sensi dell'art. 351 c.p.p. redatto dal suddetto Ufficiale di Polizia Giudiziaria M.llo Capo Gregoracci Eugenio del Comando Provinciale Carabinieri di Rimini in data 26 agosto 2010 alle ore si legge che lo stesso giorno 26 agosto 2008, presso questi Uffici la Sig.ra VALENZUELA RIVERA Yudelka presentava atto di denuncia querela allegando il RAPPORTO INFORMATIVO della Società Investigativa CENTRAL INFORMATION OFFICE. In qualità di presidente della suddetta Società il suindicato Salvatore Bargiu conferma l'autenticità di RAPPORTO INFORMATIVO in questione e che le informazioni contenute sono veritiere (All.2). Dal suddetto RAPPORTO INFORMATIVO risulta che il mandato investigativo è stato ricevuto in data 12 luglio 2008 dalla Sig.ra VALENZUELA RIVERA Yudelka. Nell'oggetto del mandato viene citato che Szyszkowski Ambra Isabella è stata sottratta da Szyszkowski Marek Norbert e da Szyszkowski Maria Janina. La redazione del RAPPORTO INFORMATIVO risale al 22 agosto 2008, mentre già dapprima le autorità sammarinesi sapevano della mia innocenza, che soltanto in data 5 agosto 2008 è stata confermata dal Commissario della Legge Roberto Battaglino nel decreto basato sui soffisticati rilevamenti tecnici, testimonianze dei terzi nel contesto ben preciso (All.3). Di seguito cito le affermazioni contenute nel RAPPORTO INFORMATIVO Nr. 10/306 I di prot. non corrispondenti al vero ovvero strumentalmente false: 1. Si evinceva che Szyszkowski Marek aveva volutamente e più volte rilasciato un falso indirizzo alle Forze di Polizia in quanto a Tirrenia, Viale del Tirreno, non risulta essere nessuna abitazione ne tantomeno nessuna struttura ricettiva. 2. Szyszkowski Marek Norbert aveva svolto l'attività lavorativa in qualità di pizzaiolo per alcuni mesi, e successivamente lasciava l'attività senza ragione, per trasferirsi altrove tanto da intuire, che anche in detta circostanza aveva indicato un falso indirizzo (via Stazione 105 a Pisa). 4. Venivano pertanto eseguite accurati accertamenti presso l'ufficio anagrafe del Comune di Rimini, dal quale si appurava che Szyszkowski Maria Janina, madre del Norbert Marek trasferiva la sua residenza da Rimini a quella di Pisa e precisamente in via Emanuele Repetti 2/B. 5. Informazioni riservate assunte comunicavano che da qualche mese Norbert Marek, la madre Maria Janina, e la figlia Ambra, si erano trasferiti da qualche mese in altra abitazione e precisamente al civico 28. Ulteriori accertamenti confermavano che i predetti sono domiciliati a SAN PIERO A GRADO, VIA EMANUELE REPETTI Per quanto sopra, ed alla luce dei fatti, si può evincere che Szyszkowski Marek Norbert unitamente alla mamma Maria Janina con più azioni esecutive, volontariamente nascondevano la figlia minore Ambra, ponendola in condizione di non frequentare bambini della stessa età Non a caso, volontariamente comunicava ai Carabinieri in sede di contatto, una via diversa dall'attuale dimora, al fine di non essere immediatamente rintracciato in fase di probabile ricerca. 8. Anche le diverse abitazioni utilizzate dal Marek sono state sempre affittate a nome della madre Janina, per non lasciare traccia del suo passaggio unitamente alla figlia Ambra. 9. Appare pertanto evidente che Norbert Marek mantiene la figlia Ambra nascosta all'interno dell'abitazione... Va ricordato che RAPPORTO INFORMATIVO viene redatto con lo scopo di screditare e sminuire

3 la figura di padre Szyszkowski Marek Norbert e della nonna paterna Szyszkowska Maria Janina rispetto al loro vero comportamento nei confronti delle Autorità e rispetto al dovere di protezione e miglior cura della gemella minore Szyszkowski Ambra Isabella. Non vi è alcun dubbio che suddetta serie di affermazioni false e strumentali contenute nel suddetto RAPPORTO INFORMATIVO avevano tra l'altro compito di apparire vere essendo interconnesse con informazioni ben conosciute dalle Forze dell'ordine come quella che mio figlio lavorava come pizzaiolo, che utilizzava per i propri spostamenti l'autovettura di marca Ford Mondeo blù targata Polonia, che prima era domiciliato in viale del Tirreno 205 a Tirrenia(PI). Vengono inoltre indicati i cantieri edili come presunti posti di lavoro dei cittadini Polacchi presumibilmente per aggiungere ulteriore credibilità al racconto. Viene appurato anche che ogni lunedì sera il Polacco si reca in detta pizzeria per acquistare due pizze d'asporto Nemmeno questa informazione corrisponde al vero. E vero invece che il figlio Szyszkowski Marek Norbert lavorava per molti anni con qualifica di pizzaiolo ed ha svolto regolare attività lavorativa a Marina di Pisa nel Ristorante Gambero Blù ed in Pisa Centro in Ristorante Lissus. Questo viene confermato dal Suo contratto d'assunzione (All.4). Rispetto al p.1 affermo con assoluta certezza che mio figlio Szyszkowski Marek Norbert non aveva mai dichiarato falsi indirizzi alle Forze di Polizia. Anzi, ha sempre rilasciato a tutte le Autorità in sede di contatto un attuale indirizzo e validi numeri di telefono in caso di necessità mostrando sempre piena disponibilità in ogni circostanza (All. 5). Peraltro la presunta volontà del mio figlio di rilasciare i falsi indirizzi viene addirittura motivata con la presunta assenza di abitazioni o strutture ricettive in Viale del Tirreno in località Tirrenia. Basterebbe, senza dover recarsi in quel luogo, effetuando una ricerca su internet per rendersi conto che è la zona turistica ben sviluppata e frequentata dai turisti fornita di ristoranti, alberghi, negozi, spazi giochi per bambini e adolescenti, e tantissimi appartamenti in affitto disponibili tutto l'anno. Rispetto al p.2 affermo con assoluta certezza che il mio figlio non aveva mai svolto nessun attività lavorativa ne presso i cantieri edili ne presso la Pizzeria LA BASILICA sita in San Piero a Grado. Anche questo presunto passaggio di mio figlio è strumentalmente falso a meno che l'investigatore Salvatore Vargiu non disponga di una documentazione che dimostri il contrario. Dato che trattasi di un investigatore privato si presume che i dati da lui forniti debbano essere accertati e supportati dal materiale di prova. Rispetto al p.3 io stessa non riesco a capire quale ruolo avrebbe dovuto svolgere presunto l'indirizzo di Via Stazione 105 a Pisa. Sono assolutamente certa che il mio figlio non aveva mai dichiarato un falso indirizzo a nessuna Istituzione. Non ne avrebbe il minimo bisogno, dato che le Autorità, come detto sopra erano sempre informate dallo stesso Marek su ogni cambiamento inerente al nucleo famigliare. Questa presunta dichiarazione dell indirizzo soprammenzionato non avrebbe alcun senso in quanto disponeva di una casa regolarmente affittata a San Piero a Grado in Via Repetti 13 già a partire dal 15 aprile 2008, cosa risulta dal CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO E dalla sua registrazione all'agenzia DELLE ENTRATE DI PISA. (All.6) Rispetto al p.4 smentisco categoricamente l'informazione fornita dal Salvatore Vargiù in quanto nemmeno conosco il presunto numero civico 2/B di Via Emanuele Repetti a Pisa e non ho mai trasferito la mia residenza al suddetto indirizzo. Dall'ATTESTATO DI RICEVUTA DELLA RICHIESTA DI ISCRIZIONE ANAGRAFICA al COMUNE DI PISA (All.9) risulta l'indirizzo di Via Repetti 13. Il numero civico di mia residenza è il 13 ed era l'unico indirizzo da me utilizzato. Dato che trattasi di un informazione appurata si presume che gli investigatori privati si siano più che accertati che si trattava della porta di ingresso apropriata. Rispetto al p.5 affermo con assoluta certezza di non essermi mai trasferita al presunto indirizzo di Via Repetti 28. Pur considerando gli ulteriori accertamenti dell'investigatore Salvatore Vargiu ribadisco che nessuna delle tre persone da lui indicate aveva mai abitato all'indirizzo da lui indicato. Rispetto al p.6 ritengo che sia un'affermazione che offende l'onore non solo mio ma anche quello di mio figlio e di Sua bambina Szyszkowski Ambra Isabella, considerando le testimonianze dei vicini di casa e conoscenti che hanno assistito alla Sua corretta crescita. Il Szyszkowski Marek Norbert si era recato più volte assieme alla bambina all'anagrafe di Pisa per regolarizzare la residenza della

4 bambina, ma il responsabile un certo Sig. Corrucci, non ha mai voluto accettare la pratica dicendo che la figlia di Marek non è riconoscibile. Mi sono recata assieme al mio figlio 2 o più volte nei mesi luglio-agosto 2008 anche all'asl di zona per chiedere l'assegnazione di un medico di base per la nipotina Ambra, giusto per poter effettuare dei semplici controlli di routine, ma Le è stato negato. Il rifiuto del personale sanitario responsabile era giustificato con la presunta impossibilità di procedere della pratica a causa della residenza mancante. Esistono inoltre numerosi filmati di quel periodo dei quali alcuni presenti su canale babboperbene del portale Youtube, i quali rappresentano un ulteriore prova contro le false affermazioni del Sig Salvatore Vargiù. Presenti nel rapporto investigativo della C.I.O. Considerando la presenza dei suoi uomini che tenevano sotto osservazione i spostamenti del mio figlio nei mesi luglio e agosto, quando assieme alla bambina pressochè tutti i giorni andava al mare e in altri posti carini dove poteva socializzare con altri bambini e gioire della Sua felice infanzia, l'affermazione di Vargiu risulta ancora più volutamente calunniosa. Rispetto al p.7 con assoluta certezza smentisco categoricamente quanto attribuito al comportamento del mio figlio sia mai avvenuto. Innanzitutto mi pongo la domanda legittima di quali Carabinieri stava parlando investigatore Vargiu visto che nella vicenda erano coinvolti soltanto quelli della Stazione di Marina di Pisa che hanno già rilasciato la Loro versione dei fatti. (All.5) Il figlio ha sempre dichiarato l'indirizzo vero ai Carabinieri e sarebbe sufficiente interrogarli in merito a quanto detto nel RAPPORTO INFORMATIVO del Sig.Vargiu. Rispetto al p.8 Sig. Vargiu fornisce semplicemente un'altra informazione volutamente falsa. Il mio Figlio Marek ha affittato l'unica abitazione ed esclusivamente a nome Suo (All.6). Non vi era motivo per nascondersi in quanto tutto ciò che faceva il figlio era sempre regolare e per dire di più aveva persino preso gli accordi con la Scuola Materna di San Piero a Grado secondo i quali la figlia Ambra l'avrebbe dovuto iniziare a frequentare dai primi di settembre Tutto questo può significare una cosa soltanto che Marek ha sempre lasciato molte tracce dei suoi trasparenti passaggi con la figlia in quanto per la Sua natura è una persona retta. Rispetto al p.9 devo dire che la falsità dell'affermazione sconfina nel grottesco in quanto è ormai evidente che tutti questi presunti rilevamenti, gli accertamenti e le appurazioni degli uomini del Sig. Vargiu non hanno fatto altro che portarli alla conclusione che Marek mantiene la figlia Ambra nascosta all'interno dell'abitazione... in quanto l'abitazione al civico 28 risultava con i balconi chiusi ed apparentemente disabitata, non venivano notate luci o spiragli, non veniva mai notata la presenza ne tantomeno le voci di bambini, giocare all'interno del piccolo giardino prospiciente l'abitazione. Si parla anche di alte siepi che circondavano gli appartamenti a schiera in fase di ultimazione, ad esclusione del civico 28 che risulta ultimato. Sarà vero tutto questo? L'investigatore si riferiva agli indirizzi ed alle persone precisamente appurate e non se n'era accorto che le presunte abitazioni sotto osservazione sarebbero comunque situate lontano dall'unica abitata da Szyszkowski Marek Norbert cioè quella invia Repetti al civico nr. 13??? Anche se fossero vicine non sarebbe mai sufficiente da permettere le valutazioni e la stesura degli errori di redazione del RAPPORTO INFORMATIVO tanto macroscopici anche per il semplice fatto delle numerazioni 28 e 2/B che si troverebbero comunque sul lato opposto della via. E' possibile redigere un RAPPORTO INFORMATIVO con tanti elementi falsi e farli passare inosservati persino alle Forze dell'ordine, Procuratori e Giudici? Evidentemente si. Questo rapporto ha svolto un esemplare opera di convincimento su tutte le persone che ne sono entrate in possesso. Per quanto riguarda molti degli aspetti della condotta degli accusati descritta nei punti da 1 a 9 si trovano in netto contrasto con le dichiarazoni rilasciate dagli abitanti della zona residenziale di San Piero a Grado rispettabilissimi padri, madri e nonni (All.7). Al fine di dimostrare la dubbia natura dell'indagine svolta sul territorio pisano dalla suddetta agenzia investigativa sammarinese che accusa me e mio figlio Szyszkowski Marek Norbert di voler nascondere se stessi e la minore, propongo il verbale della Gendarmeria di San Marino, con relativa registrazione audio del 15 agosto 2008 riguardante un ulteriore tentativo del mio figlio di dialogo con la moglie VALENZUELA RIVERA Yudelka, del quale ero testimone. Tale comportamento

5 dovrebbe escludere ulteriormente qualsiasi dubbio sulla buona fede e sulla trasparente condotta anche nei confronti della moglie, la quale ha invece sempre usato tale buona fede del marito per aggredirlo in tutti i modi, fornendo sempre una versione della condotta del marito mai corrispondente alla realtà dei fatti (All.10). Intendo quindi allegare alla presente summenzionata registrazione audio di quanto il mio figlio riferisce alla moglie durante la chiamata avvenuta il 15 agosto 2008 (All.11). Che fine hanno fatto le informazioni trasmesse dal marito alla moglie VALENZUELA RIVERA Yudelka? Voglio precisare che per individuare i veri responsabili della gigantesca calunnia descritta nella presente denuncia-querela bisognerebbe capire chi è il vero accusante in questo fantasioso racconto il Sig. Vargiù o la Sig.ra VALENZUELA RIVERA Yudelka, la quale ha dato incarico all' agenzia investigativa sammarinese di cui il suddetto era presidente (e anche titolare?)? Chi ci teneva ad ottenere dei vantaggi da queste false accuse riferite all'autorità Giudiziaria di Rimini e di San Marino oltre che ad altre Istituzioni non meno rilevanti, al fine di condannare gli coimputati in un processo per sottrazione? Dal contesto generale emerge chiaramente il fatto d'indagine svoltasi regolarmente sull'incarico investigativo regolare eseguito dagli investigatori della Società Investigativa CENTRAL INFORMATION OFFICE. Non sembra nemmeno tanto rilevante chi aveva scritto tali mostruosità, finchè non erano presentati nelle opportune sedi giudiziarie con precisa volontà di accusare la sottoscritta assieme al figlio Szyszkowski Marek Norbert di avere commesso dei fatti, dalla interpretazione dei quali era probabile aspettarsi una condanna. La pluralità di false affermazioni e circostanze descritte nel RAPPORTO INFORMATIVO avevano evidentemente la precisa intenzione di dipingere gli coimputati in un processo per sottrazione dei minori come le MENTI CRIMINALI, aggravando con lo stesso pesantemente Loro posizione legale. L'attenta analisi di ESSO dimostra l'indiscutibile sussistenza della coscienza e consapevolezza in capo all'accusante, dell'innocenza degli accusati, rispetto ai fatti, alle condotte od agli eventi attribuitili. Di fatto per quanto riguarda la permanenza della minore sul territorio pisano l'autorità giudiziaria locale non ha mosso contro di me alcuna accusa (all.8), nonostante le richieste della VALENZUELA RIVERA Yudelka, mentre quella di Rimini, dove nella requisitoria era contenuto il suddetto RAPPORTO INFORMATIVO Nr. 10/306 I di prot. vengo condannata in contumacia. Se avessi saputo dell'udienza probabilmente avrei potuto spiegare la mia innocenza rispetto alle strumentali accuse contro la mia persona. La Sig.ra VALENZUELA RIVERA Yudelka non si era mai rassegnata con il fatto che le Autorità di San Marino e di Pisa non hanno proceduto penalmente nei miei confronti, cosa che risulta dalla sua volontà di procedere davanti il Tribunale di Rimini per il medesimo fatto per il quale ero prosciolta dal Tribunale di San Marino in data 5 agosto 2008 (All.3). La Sig.ra Valenzuela Rivera con questo gesto fa intendere che non accettarebbe le sentenze e/o decreti del Tribunale di San Marino o di un'altro Stato che non le piacciono. Lei di fatto è l'unica persona che potrebbe aver cercato in tutti i modi di trarre dei vantaggi anche da un atto delittuoso come descritto nella presente denunciaquerela. Per togliere ogni dubbio sulla persona che ha sempre cercato in tutti i modi trovare il modo per perseguitare il marito e suoi più stretti famigliari, ritengo doveroso menzionare un altro procedimento penale instaurato dalla VALENZUELA RIVERA Yudelka nella Repubblica di San Marino contro il marito Szyszkowski Marek Norbert in data 22 settembre 2008 (All.12) e relativa archiviazione. Per quanto specificato nella presente denuncia-querela chiedo espressamente che si proceda nei confronti del Sig. Salvatore Vargiu e/o eventuali complici responsabili per i reati di cui all' art. 368 c.p., nonché per ogni altro delitto che fosse meglio ravvisato dall'autorità giudiziaria nei fatti esposti. Si producono i seguenti documenti:

6 1. All.1 - RAPPORTO INFORMATIVO Nr. 10/306 I di prot. 2. All.2 - Verbale di assunzione informazioni ai sensi dell'art. 351 c.p.p. redatto dal suddetto Ufficiale di Polizia Giudiziaria M.llo Capo Gregoracci Eugenio del Comando Provinciale Carabinieri di Rimini in data 26 agosto 2010 alle ore All.3 Decreto di proscioglimento di Szyszkowska Maria Janina del 5 agosto All.4 Contratto di assunzione in Ristorante Lissus a Pisa Centro, P.zza Guerrazzi 5. All.5 - Trasmissione atti di Polizia Giudiziaria inerenti al rintraccio di Szyszkowski Marek Norbert, Carabinieri Marina di Pisa, il 19 dicembre All.6 - CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO E dalla sua registrazione all'agenzia DELLE ENTRATE DI PISA 7. All. 7 Testimonianze scritte da abitanti di San Piero a Grado e Marina di Pisa 8. All. 8 Sentenza Tribunale di Pisa in merito alla sottrazione di figlia minore Ambra Isabella 9. All. 9 - ATTESTATO DI RICEVUTA DELLA RICHIESTA DI ISCRIZIONE ANAGRAFICA al COMUNE DI PISA 10. All. 10 Trasmissione ulteriore integrazione di denuncia di Yudelka presso Gendarmeria di San Marino, 21 agosto All Registrazione audio chiamata di Szyszkowski Marek Norbert verso la moglie Yudelka, 15 agosto 2008, Pisa-San Marino. 12. Gli atti del procedimento penale 50 RNR 08 per libello famoso sulla presunta pedopornografia del padre Szyszkowski Marek Norbert. Si richiede comunicazione in caso di archiviazione.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 Codice di Procedura Penale articoli: 723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 723. Poteri del ministro di grazia e giustizia. 1. Il ministro di grazia e giustizia

Dettagli

Corso Avvocato 2013. Il METODO Neldiritto. NOME Angelo Mattia COGNOME Greco

Corso Avvocato 2013. Il METODO Neldiritto. NOME Angelo Mattia COGNOME Greco NOME Angelo Mattia COGNOME Greco Corso Avvocato 2013 Il METODO Neldiritto Applicazione del metodo Parere motivato in materia regolata dal diritto penale Traccia da consegnare entro il 13/09/2013 Tizio

Dettagli

SPETT.LE COMANDO STAZIONE CARABINIERI SANT ELIA A PIANISI Per SPETT.LE PROCURA DELLA REPUBBLICA presso il TRIBUNALE DI CAMPOBASSO

SPETT.LE COMANDO STAZIONE CARABINIERI SANT ELIA A PIANISI Per SPETT.LE PROCURA DELLA REPUBBLICA presso il TRIBUNALE DI CAMPOBASSO SPETT.LE COMANDO STAZIONE CARABINIERI SANT ELIA A PIANISI Per SPETT.LE PROCURA DELLA REPUBBLICA presso il TRIBUNALE DI CAMPOBASSO Atto di denuncia-querela Io sottoscritto Dott. Luigi SAURO, in qualità

Dettagli

Formula 79 ILL.MO SIGNOR PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI... ILL.MO G.I.P./G.U.P. PRESSO IL TRIBUNALE DI...

Formula 79 ILL.MO SIGNOR PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI... ILL.MO G.I.P./G.U.P. PRESSO IL TRIBUNALE DI... Formula 79 Difensore 149 FORMULA 79 VERBALE DI ASSUNZIONE DI INFORMAZIONI DA PERSONE INFORMATE SUI FATTI (artt. 327 bis e 391 bis c.p.p.) R.G. n.... ILL.MO SIGNOR PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL

Dettagli

circonvenzione di persone incapaci CORTE DI APPELLO -

circonvenzione di persone incapaci CORTE DI APPELLO - 1 circonvenzione di persone incapaci CORTE DI APPELLO - atto di impugnazione proposto nell interesse del sig. MARIO BIANCHI, relativo alla sentenza pronunciata il dal giudice per l udienza preliminare

Dettagli

Delitti contro l attività giudiziaria

Delitti contro l attività giudiziaria Capitolo II Delitti contro l attività giudiziaria SOMMARIO: 2.1. Generalità. 2.2. Nozione di pubblico ufficiale. 2.3. Nozione di incaricato di pubblico servizio. 2.4. Nozione di esercente un servizio di

Dettagli

Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, art. 13;

Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 62, art. 13; Direzione generale Direzione centrale risorse umane Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza Circolare n. 64 Roma, 28 luglio 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili

Dettagli

ECC.MA CORTE D APPELLO L AQUILA. Atto di appello penale. PELLEGRINI Dora, nata a Orbetello (GR) il 27.11.1942, residente in Sulmona

ECC.MA CORTE D APPELLO L AQUILA. Atto di appello penale. PELLEGRINI Dora, nata a Orbetello (GR) il 27.11.1942, residente in Sulmona ECC.MA CORTE D APPELLO L AQUILA Atto di appello penale PELLEGRINI Dora, nata a Orbetello (GR) il 27.11.1942, residente in Sulmona (AQ) in Viale Stazione Centrale n. 52, domiciliata in Sulmona in Via Aragona

Dettagli

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela SOMMARIO Ipotesi di attacco informatico La procedibilità su querela o d ufficio La querela: contenuto e modalità di presentazione Cosa è la denuncia Brevi cenni sull esposto Le ipotesi di attacco informatico

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

ORDINANZA DEL TRIBUNALE DELLA FUNZIONE PUBBLICA. DELL UNIONE EUROPEA (Seconda Sezione) 28 aprile 2015 (*)

ORDINANZA DEL TRIBUNALE DELLA FUNZIONE PUBBLICA. DELL UNIONE EUROPEA (Seconda Sezione) 28 aprile 2015 (*) ORDINANZA DEL TRIBUNALE DELLA FUNZIONE PUBBLICA DELL UNIONE EUROPEA (Seconda Sezione) 28 aprile 2015 (*) «Articolo 34, paragrafi 1 e 2, del regolamento di procedura Pregiudizio alla corretta amministrazione

Dettagli

PARERE NON AVENTE VALORE GIURIDICO VINCOLANTE TRIBUNALE DEI DIRITTI DEI DISABILI 9^ SESSIONE MANFREDONIA 23/09/2006

PARERE NON AVENTE VALORE GIURIDICO VINCOLANTE TRIBUNALE DEI DIRITTI DEI DISABILI 9^ SESSIONE MANFREDONIA 23/09/2006 PARERE NON AVENTE VALORE GIURIDICO VINCOLANTE TRIBUNALE DEI DIRITTI DEI DISABILI 9^ SESSIONE MANFREDONIA 23/09/2006 3 CASO: UNA PERSONA CON GRAVE DISABILITA E RESPONSABILE PER IL RISARCIMENTO E PERSEGUITAMENTO

Dettagli

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67.

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. di G. MAZZI (Intervento al Corso avvocati presso Il Tribunale militare di Roma il 20 novembre 2014) 1. Considerazioni generali.

Dettagli

Il testamento olografo alla luce della l. 218/1995.

Il testamento olografo alla luce della l. 218/1995. Il testamento olografo alla luce della l. 218/1995. Avv. Monica La Rocca monica.larocca@ssalex.com In data 19 luglio 2010, alle ore 14.40 decedeva presso l ospedale di Weill Cornell Medical Center di Manhattan,

Dettagli

SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la

SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la SENTENZA n REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Brindisi, in persona del giudice Dott. Antonio Ivan Natali, ha emesso la seguente S E N T E N Z A nella causa civile iscritta

Dettagli

SUA MAESTA... LA NOTIZIA OVVERO ALLA RICERCA DELLE FONTI

SUA MAESTA... LA NOTIZIA OVVERO ALLA RICERCA DELLE FONTI SUA MAESTA... LA NOTIZIA OVVERO ALLA RICERCA DELLE FONTI LE FONTI DIRETTE: CIO CHE IL CRONISTA VEDE (O APPRENDE DIRETTAMENTE: testimonianze, documenti...) INDIRETTE: CIO CHE IL GIORNALISTA APPRENDE (PER

Dettagli

La domanda di iscrizione all Albo degli Psicologi e le risultanze del casellario giudiziale del richiedente

La domanda di iscrizione all Albo degli Psicologi e le risultanze del casellario giudiziale del richiedente L impossibilità di iscrivere all Ordine degli Psicologi -a causa della mancanza dei requisiti previsti dall art. 7, lett. b), Legge 56/89 (che individua fra i questi l assenza di condanne penali passate

Dettagli

Oggetto: AVVISO E NOTIFICA DI ISCRIZIONE A RUOLO GIUDIZIARIO. NR. 20120804 FDR.

Oggetto: AVVISO E NOTIFICA DI ISCRIZIONE A RUOLO GIUDIZIARIO. NR. 20120804 FDR. Oggetto: AVVISO E NOTIFICA DI ISCRIZIONE A RUOLO GIUDIZIARIO. NR. 20120804 FDR. L anno 2012 addì 4 del mese di agosto si dà atto di aver proceduto alla notifica del presente avviso di iscrizione a ruolo

Dettagli

ATTI DI P.G. ISPEZIONE ART. 103 D.P.R. 9.10.1990 n. 309

ATTI DI P.G. ISPEZIONE ART. 103 D.P.R. 9.10.1990 n. 309 ISPEZIONI PERSONALI IN MATERIA DI STUPEFACENTI Norme di riferimento Art. 103 D.P.R. 309/90 Organo procedente Documentazione Garanzie di difesa Utilizzabilità Ufficiali di p.g. Delle operazioni è redatto

Dettagli

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI OPPOSIZIONE ALLA RICHIESTA DI ARCHIVIAZIONE EX ART. 410 C.P.P. Proc. Pen. N. 21752/08 Mod. 21 c/ Antonio Il sottoscritto Avv. Francesco Ettore, quale difensore di Giuseppina,

Dettagli

REGOLAMENTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE.

REGOLAMENTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE. REGOLAMENTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE DEL CONTENZIOSO E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI PATROCINIO LEGALE. *********************** Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI

DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 5 dell 11.1.2012 DISCIPLINARE PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI LEGALI ART. 1 PREMESSA 1. Il presente documento disciplina il conferimento degli incarichi per

Dettagli

Allegato alla Delib.G.R. n. 30/15 del 16.6.2015

Allegato alla Delib.G.R. n. 30/15 del 16.6.2015 Linee guida per la tutela dipendente della Regione Autonoma della Sardegna, degli Organismi del Sistema Regione e delle Aziende del Servizio Sanitario Regionale, che segnala illeciti (c.d. whistleblower)

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA Il Giudice dott. cons. Massimo Moriconi nella causa tra Società in persona del suo legale rappresentante

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

Legge 7 dicembre 2000, n. 397 "Disposizioni in materia di indagini difensive"

Legge 7 dicembre 2000, n. 397 Disposizioni in materia di indagini difensive Legge 7 dicembre 2000, n. 397 "Disposizioni in materia di indagini difensive" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 2 del 3 gennaio 2001 Capo I MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA PENALE Art. 1 1. All'articolo

Dettagli

QUESTIONI SOSTANZIALI E PROCESSUALI IN TEMA DI IMPUGNAZIONE DEL TESTAMENTO OLOGRAFO

QUESTIONI SOSTANZIALI E PROCESSUALI IN TEMA DI IMPUGNAZIONE DEL TESTAMENTO OLOGRAFO Prof. Avv. Michele Sesta Ordinario nell' Università di Bologna Avvocato in Bologna www.studiosesta.it sesta@studiosesta.it Scuola Superiore di Studi Giuridici Bologna 6 aprile 2013 QUESTIONI SOSTANZIALI

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Terza) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Terza) SENTENZA N. 02810/2011 N. 01748/2011 REG.PROV.COLL. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia ha pronunciato la presente (Sezione

Dettagli

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III LIBRO SECONDO Dei delitti in particolare TITOLO III Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III Della tutela arbitraria delle private ragioni Articolo 392 Esercizio arbitrario delle proprie

Dettagli

Il rischio di un affievolimento procedurale dei reati per la tutela giuridica degli animali

Il rischio di un affievolimento procedurale dei reati per la tutela giuridica degli animali Il rischio di un affievolimento procedurale dei reati per la tutela giuridica degli animali L applicazione della non punibilità (no assoluzione ) per la particolare tenuità del fatto non può certo inibire

Dettagli

Programmi scaricati da emule contenenti immagini pedopornografiche - Accesso al file solo dopo il down

Programmi scaricati da emule contenenti immagini pedopornografiche - Accesso al file solo dopo il down L'utente che voglia effettuare il download del file dal titolo "A" si rende conto, solo dopo averlo effettivamente scaricato, che esso contiene in realtà filmati pornografici o pedo. Tribunale Penale di

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO INDICE-SOMMARIO Introduzione... Avvertenze e abbreviazioni... XV XIX Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO 1.1.1. Sistemainquisitorioedaccusatorio...

Dettagli

www.dirittoambiente.net

www.dirittoambiente.net DOCUMENTI INformazione 2009 E vietato il plagio e la copiatura integrale o parziale di testi e disegni a firma degli autori - Dal volume Tutela Giuridica degli Animali di Maurizio Santoloci e Carla Campanaro

Dettagli

Casi Transfrontalieri Il Diritto Penale Europeo per gli avvocati difensori. Avv. Vania Cirese. info@studiocirese.com

Casi Transfrontalieri Il Diritto Penale Europeo per gli avvocati difensori. Avv. Vania Cirese. info@studiocirese.com Casi Transfrontalieri Il Diritto Penale Europeo per gli avvocati difensori Avv. Vania Cirese info@studiocirese.com Il 24 marzo 2009 l'autorità spagnola consegnava un soggetto all'autorità giudiziaria italiana

Dettagli

Cassazione penale sez.vi sent. n.6597.

Cassazione penale sez.vi sent. n.6597. Cassazione penale sez.vi sent. n.6597. LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE SESTA PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. DE ROBERTO Giovanni - Presidente - Dott. GARRIBBA Tito - Consigliere

Dettagli

Indice dei quesiti di diritto Penale per la preselezione informatica del concorso a 350 posti di uditore giudiziario. Da 300 a 399 Liv. N.

Indice dei quesiti di diritto Penale per la preselezione informatica del concorso a 350 posti di uditore giudiziario. Da 300 a 399 Liv. N. 300 Nel concorso di più persone nel reato, la rinuncia al diritto di querela da parte di colui al quale ne spetta l'esercizio, si estende a tutti i concorrenti? 301 Il diritto di querela può esercitarsi

Dettagli

PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA VOLONTARIA VENATORIA E ITTICA

PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA VOLONTARIA VENATORIA E ITTICA REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA VOLONTARIA VENATORIA E ITTICA Approvato con Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 42 del 14.04.2009 Art. 1 Finalità ed ambito

Dettagli

La prova documentale

La prova documentale La prova documentale lezione del 22 aprile 2015 nel corso di Diritto processuale civile I del Prof. G. Trisorio Liuzzi - Dipartimento di Giurisprudenza -Università degli Studi di Bari «Aldo Moro» L atto

Dettagli

Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora

Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora Diritto alla residenza per gli occupanti un alloggio senza titolo e per le persone senza fissa dimora 1. Il punto di partenza indiscutibile è quello, sottolineato più volte da tutti, che l iscrizione anagrafica

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 1020/13 Reg.Sent. N. 8765/10 N.R. Il Giudice REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Ha pronunciato la seguente Nei confronti di: - P. J. Il Tribunale Penale di Treviso - Sezione Penale - S

Dettagli

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI OGGETTO: RICORSO AVVERSO ACCERTAMENTO DI INFRAZIONE VERBALE N / DEL VEICOLO TARG. I sottoscritti: - nato a NAPOLI il / /, C.F. e residente in alla VIA n, nella qualità di

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA UNICA RESA DALL IMPRESA CONCORRENTE PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA Al Comune di Ventimiglia Piazza Libertà, 3 Oggetto: procedura negoziata per l affidamento dei

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 281 sexies c.p.c., la seguente

Dettagli

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA

VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Direzione Regionale del Veneto Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi VADEMECUM PER OTTENERE L ABILITAZIONE AL RILASCIO DEL VISTO DI CONFORMITA Il visto di conformità di cui all articolo

Dettagli

Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria

Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria n. 11/12 A. Repubblica Italiana In nome del popolo italiano Il tribunale per i minorenni di Reggio Calabria, riunito in camera di consiglio, con l intervento

Dettagli

Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella seduta del 17 giugno 1998, ha adottato la seguente deliberazione:

Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella seduta del 17 giugno 1998, ha adottato la seguente deliberazione: Impiego dei componenti privati del Tribunale per i minorenni in attività istruttoria e nella redazione di provvedimenti collegiali (Risposta a quesito del 17 giugno 1998) Il Consiglio Superiore della Magistratura,

Dettagli

All Ill.mo Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Roma Palazzo di Giustizia DENUNCIA QUERELA

All Ill.mo Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Roma Palazzo di Giustizia DENUNCIA QUERELA All Ill.mo Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Roma Palazzo di Giustizia DENUNCIA QUERELA dei Signori Davide BARILLARI, nato a Milano il 26.02.1974, Devid PORRELLO, nato a Civitavecchia

Dettagli

2 3 SET.2015. AMERADEIDEPUTAI -SENATODELAREPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA ^ p7 u^nf MILLA MORTE DI ALDO MORO ARRIVO

2 3 SET.2015. AMERADEIDEPUTAI -SENATODELAREPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA ^ p7 u^nf MILLA MORTE DI ALDO MORO ARRIVO AMERADEIDEPUTAI -SENATODELAREPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA ^ p7 u^nf MILLA MORTE DI ALDO MORO 2 3 SET.2015 Prof. N. ARRIVO PROCURA GENERALE DELLA REPUBBLICA presso la CORTE DI APPELLO

Dettagli

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE BT (Andria Barletta Bisceglie Canosa Margherita di S. - Minervino S. Ferdinando di P. - Spinazzola Trani - Trinitapoli) 76123 A N D

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

BA.ST., nata ad (...), dom. eletto ex art. 161 c.p.p. in Roma Via (...) presso lo studio dell'avv. Da.Ma. del Foro di Roma;

BA.ST., nata ad (...), dom. eletto ex art. 161 c.p.p. in Roma Via (...) presso lo studio dell'avv. Da.Ma. del Foro di Roma; Tribunale di Ivrea Sen. n. 549 del 08 gennaio 2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI IVREA Il Giudice del Tribunale di Ivrea Dr.ssa Marianna Tiseo alla pubblica udienza del 10

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Filiazione naturale Riconoscimento del figlio naturale: impugnazione Convivenza more uxorio Impotentia generandi al tempo del concepimento Qualificazione dell azione: a) disconoscimento di paternità esclusione

Dettagli

Le notificazioni all imputato in caso di irreperibilita'

Le notificazioni all imputato in caso di irreperibilita' Le notificazioni all imputato in caso di irreperibilita' In via del tutto preliminare, osservo che il procedimento penale è una serie di attivita e di attidocumenti susseguentisi nel tempo. Ovviamente,

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 16/06/2016 Pagina 21 PIER LUIGI TROMBETTA Dipendente in prova denuncia il titolare:

Dettagli

SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di

SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di 1 SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI DICHIARAZIONE DOGANALE L art. 303 TULD è la norma sanzionatoria applicata con più frequenza nell attività di controllo del settore doganale. Il nuovo testo è stato

Dettagli

Aspetti specifici della deontologia. Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012

Aspetti specifici della deontologia. Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012 + Aspetti specifici della deontologia Valeria La Via- coordinatrice commissione Etica e Deontologia Lecco- 3 ottobre 2012 + Programma Il segreto professionale, la testimonianza, l obbligo di denuncia/referto

Dettagli

ORDINANZA N. 378 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente -

ORDINANZA N. 378 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - ORDINANZA N. 378 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - Giovanni Maria FLICK Giudice - Francesco AMIRANTE " -

Dettagli

UDIENZA 5.11.2008 SENTENZA N. 1153 REG. GENERALE n.22624/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

UDIENZA 5.11.2008 SENTENZA N. 1153 REG. GENERALE n.22624/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La carta da macero che presenta in modo evidente una rilevante quantità di impurità, superiori alla misura dell'1% prescritto dalla normativa vigente in materia (D.M. 05/02/98 Allegato 1 n. 1) costituisce

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MONZA SEZIONE PENALE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MONZA SEZIONE PENALE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MONZA SEZIONE PENALE il giudice per le indagini preliminari dr. Claudio Tranquillo, all'udienza del 24.10.2012 ha pronunciato mediante lettura

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO Articolo 1 Servizio degli Ausiliari del traffico 1. Il servizio degli Ausiliari del Traffico è disciplinato dal presente regolamento nel rispetto

Dettagli

MASSIME PENALI. Corte di Cassazione Sez. II Penale 10 Giugno 2013, n 25412 (Pres. Penale Delitti contro la fede pubblica Certificati medici

MASSIME PENALI. Corte di Cassazione Sez. II Penale 10 Giugno 2013, n 25412 (Pres. Penale Delitti contro la fede pubblica Certificati medici MASSIME PENALI Corte di Cassazione Sez. II Penale 10 Giugno 2013, n 25412 (Pres. Gallo; Rel. Carrelli Palombi di Montrone) Penale Delitti contro la fede pubblica Certificati medici contraffatti Invio per

Dettagli

--www.minoriefamiglia.it -

--www.minoriefamiglia.it - &RUWHGLFDVVD]LRQHSULPDVH]LRQHFLYLOHVHQWHQ]DQGHOO 6YROJLPHQWRGHOSURFHVVR P.G. in data 27 settembre 2000, con il consenso della moglie, chiese al Tribunale per i minorenni di Roma l autorizzazione ad inserire

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA DI TORINO, ordinanza 19 giugno 2013; Pres. VIGLINO, Est. VIGNERA; ric. B.

TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA DI TORINO, ordinanza 19 giugno 2013; Pres. VIGLINO, Est. VIGNERA; ric. B. TRIBUNALE DI SORVEGLIANZA DI TORINO, ordinanza 19 giugno 2013; Pres. VIGLINO, Est. VIGNERA; ric. B. ORDINAMENTO PENITENZIARIO BENEFICI PENITENZIARI MISURE ALTERNATIVE ALLA DETENZIONE AFFIDAMENTO IN PROVA

Dettagli

Articolo 1 Campo di applicazione del Regolamento

Articolo 1 Campo di applicazione del Regolamento REGOLAMENTO DI PROCEDURA dell organismo di mediazione MediaTorino s.r.l., istituito ai sensi del D. Legisl. 4 marzo 2010, n. 28 e del D.M. del 18 ottobre 2010, n. 180 così come modificato dal D.L. 21.06.13

Dettagli

ESPOSTO AVANTI ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI BERGAMO

ESPOSTO AVANTI ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI BERGAMO STUDIO LEGALE AVV. ALESSANDRO BRESMES Viale Vittorio Emanuele II n. 23 24121 BERGAMO Tel. 035/215593 Fax 035/4133657 avvbresmes@bergamo.pecavvocati.it ESPOSTO AVANTI ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO

Dettagli

TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica)

TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica) 1 irreperibilità TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica) udienza del Faccio seguito a quanto esposto oralmente nell interesse del sig. MARIO BIANCHI, per ribadire e produrre quanto segue, con le richieste

Dettagli

Vademecum per il Testimone nel processo civile

Vademecum per il Testimone nel processo civile Vademecum per il Testimone nel processo civile 10 regole da conoscere per non sbagliare 1 1) A ciascuno di noi può capitare di essere citato davanti al Giudice per rendere testimonianza di un fatto conosciuto.

Dettagli

Gara per l acquisto di materiale informatico, accessori per PC e cartucce per stampanti

Gara per l acquisto di materiale informatico, accessori per PC e cartucce per stampanti ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ANTONIO PACINOTTI Via don Angelo Pagano n. 1 84018 SCAFATI (SA) Tel 0818507590 Fax 0818563324 C.F. 80024370654 http://www.itipacinotti.gov.it e-mail satf04000d@istruzione.it

Dettagli

CITTA DI ERACLEA. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale DELIBERAZIONE N. 24 DEL03/06/2011

CITTA DI ERACLEA. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale DELIBERAZIONE N. 24 DEL03/06/2011 CITTA DI ERACLEA Provincia di Venezia ORIGINALE Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale DELIBERAZIONE N. 24 DEL03/06/2011 OGGETTO: CONVALIDA DEGLI ELETTI ALLA CARICA DI SINDACO E DI CONSIGLIERE

Dettagli

Ad un avvocato conviene oggi seguire clienti col patrocinio a spese dello Stato? di Tiziano Solignani*

Ad un avvocato conviene oggi seguire clienti col patrocinio a spese dello Stato? di Tiziano Solignani* Ad un avvocato conviene oggi seguire clienti col patrocinio a spese dello Stato? di Tiziano Solignani* Ciao Tiziano, disturbo per chiederti cortesemente alcune indicazioni in merito alla Vostra esperienza

Dettagli

PROCEDURA NEGOZIATA IN ECONOMIA PER L AFFIDAMENTO DI UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA PER LA PROMOZIONE DELLA DONAZIONE DI ORGANI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

PROCEDURA NEGOZIATA IN ECONOMIA PER L AFFIDAMENTO DI UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA PER LA PROMOZIONE DELLA DONAZIONE DI ORGANI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA PROCEDURA NEGOZIATA IN ECONOMIA PER L AFFIDAMENTO DI UNA CAMPAGNA PUBBLICITARIA PER LA PROMOZIONE DELLA DONAZIONE DI ORGANI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA (la presente dichiarazione, rilasciata anche ai sensi

Dettagli

WHISTLEBLOWING. procedura per la gestione delle segnalazioni

WHISTLEBLOWING. procedura per la gestione delle segnalazioni All. DEL G.M. n. 42/21.04.2015 WHISTLEBLOWING procedura per la gestione delle segnalazioni 1. la segnalazione Il segnalante invia una segnalazione compilando il modulo reso disponibile dall amministrazione

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE Effetti s.r.l.

CODICE DISCIPLINARE Effetti s.r.l. CODICE DISCIPLINARE Effetti s.r.l. Approvato all unanimità dagli Amministratori con decisione del 21 aprile 2009 SOMMARIO Art. 1 PREMESSA Art. 2 ILLECITI DISCIPLINARI E CRITERI SANZIONATORI Art. 3 LAVORATORI

Dettagli

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RISARCIMENTO DANNO DERIVANTE DA DIFFAMAZIONE CON IL MEZZO DELLA STAMPA

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RISARCIMENTO DANNO DERIVANTE DA DIFFAMAZIONE CON IL MEZZO DELLA STAMPA MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RISARCIMENTO DANNO DERIVANTE DA DIFFAMAZIONE CON IL MEZZO DELLA STAMPA QUESTA GUIDA, SEMPLICE E ALLA PORTATA DI TUTTI, VUOLE FORNIRE AL MEDIATORE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Ufficio Appalti Allegato A al disciplinare ISTANZA DI AMMISSIONE Nella forma di dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà ai sensi degli artt.

Dettagli

LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547

LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547 LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547 Modificazioni ed integrazioni delle norme del codice penale e del codice di procedura penale in tema di criminalità informatica. La Camera dei Deputati e il Senato della Repubblica

Dettagli

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI INDICE Presentazione... Avvertenza... pag VII XIII Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI 1. Costituzione della Repubblica Italiana... 3 2. Convenzione per la salvaguardia dei diritti

Dettagli

PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E

PROCEDURA PER LE SEGNALAZIONI DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ ( WHISTLEBLOWING POLICY ) Disciplina della tutela del dipendente che segnala illeciti e/o irregolarità (c.d. whistleblower) Redatta da: Paolo Zanoni, Anna Teneggi Codice procedura: PG004 Approvata

Dettagli

AREA ECONOMICO-AMMINISTRATIVA

AREA ECONOMICO-AMMINISTRATIVA COMUNE DI SANT EGIDIO ALLA VIBRATA (Provincia di Teramo) Tel. 0861/846511 Fax 0861/840203 Part. IVA: 00196900674 e-mail: info@comune.santegidioallavibrata.te.it AREA ECONOMICO-AMMINISTRATIVA DETERMINAZIONE

Dettagli

Associazione professionale Petracci Marin - www.petraccimarin.it

Associazione professionale Petracci Marin - www.petraccimarin.it SEGRETARIO COMUNALE: QUALI COMPITI? Di seguito un parere dell Avvocato Fabio Petracci in materia di compiti accessori e responsabilità del segretario comunale. Solo eccezionalmente possono essere affidati

Dettagli

Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della Giunta Municipale

Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della Giunta Municipale Proposta N 130 / Prot. Data 31/03/2014 Inviata ai capi gruppo Consiliari il Prot.N L impiegato responsabile Comune di Alcamo PROVINCIA DI TRAPANI Copia deliberazione della Giunta Municipale N 93 del Reg.

Dettagli

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!!

1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! 1930 ECCO IL PRATO SUL QUALE NEGLI ANNI 70 STATA COSTRUITA LA NOSTRA SCUOLA!!!!!! Dalla testimonianza di Alessandro: ho 15 anni, abito a Milano dove frequento il liceo. Vivo con i miei genitori ed una

Dettagli

MODELLO B - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DELL ATTO DI NOTORIETA. Il sottoscritto... nato il. a...nella qualità di. dell impresa...

MODELLO B - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DELL ATTO DI NOTORIETA. Il sottoscritto... nato il. a...nella qualità di. dell impresa... MODELLO B - DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DELL ATTO DI NOTORIETA Il sottoscritto... nato il. a...nella qualità di legale rappresentante... procuratore... dell impresa... con sede legale

Dettagli

CONVENZIONE SULLA RIDUZIONE DELLA APOLIDIA

CONVENZIONE SULLA RIDUZIONE DELLA APOLIDIA CONVENZIONE SULLA RIDUZIONE DELLA APOLIDIA Traduzione italiana non ufficiale a cura dell UNHCR CONVENZIONE sulla Riduzione dell Apolidia Adottata il 30 agosto 1961 da una Conferenza di Plenipotenziari

Dettagli

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE

SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE SCHEDA MONOGRAFICA TMG SOTTRAZIONE FRAUDOLENTA AL PAGAMENTO DELLE IMPOSTE Data aggiornamento scheda 15 novembre 2013 Redattore Ultimi interventi normativi Davide David D.L. 78/2010 (modifica dell art.

Dettagli

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE E CONTESUTALE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA CHIEDE

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE E CONTESUTALE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA CHIEDE Marca da bollo da Euro 16,00 Al Comune di Volvera Via Ponsati 34 10040 VOLVERA (TO) Oggetto : Affidamento in concessione del servizio di informazione e comunicazione mediante la redazione, la stampa e

Dettagli

Tribunale di Livorno. Ufficio Giudice Indagini Preliminari. Sentenza 31 dicembre 2012, n. 38912 IL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI

Tribunale di Livorno. Ufficio Giudice Indagini Preliminari. Sentenza 31 dicembre 2012, n. 38912 IL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI Tribunale di Livorno Ufficio Giudice Indagini Preliminari Sentenza 31 dicembre 2012, n. 38912 IL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI Presso il Tribunale di Livorno Dr. Antonio Pirato all udienza in Camera

Dettagli

Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746

Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746 Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 1. Con decreto del 27 novembre 2008 il G.i.p. del Tribunale di Roma disponeva il sequestro preventivo delle somme giacenti

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Inizio a lavorare come consulente a questo progetto per tutto il 1997 senza nessuna copertura di contratto.

Inizio a lavorare come consulente a questo progetto per tutto il 1997 senza nessuna copertura di contratto. SINTESI VICENDA GRAPPOLINI FRIGO Fase iniziale. Frigo insieme alla figlia con il marito ed un italiano come interprete vengono in visita presso l azienda alla fine del 1996. Dopo l incontro-intervista

Dettagli

Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese. Il nuovo procedimento di separazione e divorzio

Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese. Il nuovo procedimento di separazione e divorzio Emilio Curtò Presidente di Tribunale Tribunale di Varese Il nuovo procedimento di separazione e divorzio Testo vigente Testo in vigore dal 1 marzo 2006 Art. 706. Forma della domanda. La domanda di separazione

Dettagli

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA riunita in Camera di Consiglio, e composta dai seguenti magistrati : Dott. ROSA CASABUR I PRESIDENTE Dott. FAUSTA PALAZZO CONSIGLIERE Dott. MAURIZIO PETRELLI

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA LIBERA COLLABORAZIONE TRA CITTADINI E AMMINISTRAZIONE PER LA CURA DEL PATRIMONIO COMUNALE

REGOLAMENTO SULLA LIBERA COLLABORAZIONE TRA CITTADINI E AMMINISTRAZIONE PER LA CURA DEL PATRIMONIO COMUNALE REGOLAMENTO SULLA LIBERA COLLABORAZIONE TRA CITTADINI E AMMINISTRAZIONE PER LA CURA DEL PATRIMONIO COMUNALE Approvato con delibera di C.C. n. 64 del 29 novembre 2014 Pubblicato all Albo Web dal 12.12.2014

Dettagli