Bollettino Antifrode

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bollettino Antifrode"

Transcript

1 Bollettino Antifrode Ed. N. 5 Marzo 2013 Rassegna stampa mensile sul mondo delle frodi assicurative A cura della Gamma Informazioni e del C.I.R.S. Il Bollettino Antifrode è uno strumento a disposizione dei clienti della Gamma Investigazioni e degli operatori del settore. Il Bollettino può essere ricevuto via mail periodicamente o si può scaricare dal sito alla sezione bollettino.

2 da (1 marzo 2013) GIOIA DEL COLLE: 42 DENUNCE PER TRUFFE ASSICURATIVE BARI - complessa ed articolata attività di polizia giudiziaria, delegata dalla procura della repubblica presso il tribunale di Bari e coordinata dal sost. Proc. d.ssa Carmela Bruna Manganelli, hanno individuato un gruppo criminale dedito alla commissione di truffe in danno di imprese di assicurazione. 42 sono i soggetti denunziati all autorità giudiziaria; tra questi tre titolari di agenzie disbrigo pratiche auto che operavano in diversi comuni della provincia, chiedendo ed ottenendo risarcimenti a fronte di sinistri costruiti a tavolino. Tredici sono stati gli incidenti stradali di cui le predette indagini ne hanno accertato la falsità. La scelta dei soggetti da coinvolgere nei falsi sinistri veniva operata dalle agenzie di disbrigo pratiche automobilistiche tra persone in difficoltà economiche che venivano ricompensate secondo un tariffario fissato dalla stessa organizzazione a seconda del ruolo ricoperto; i professionisti coinvolti assistevano tali ultimi soggetti per tutti gli aspetti legali afferenti l ottenimento degli indennizzi risarcitori.

3 dal 2 marzo 2013 ACI: GUERRA APERTA AI FURBETTI DELLE POLIZZE ll costo delle assicurazioni continua a crescere e a farne le spese sono sempre gli automobilisti onesti. Per questo l Aci continua a chiedere il pugno di ferro contro chi circola senza Rc auto, o truffa le Compagnie, e un nuovo metodo per calcolare i rimborsi dei danni provocati dagli incidenti. Una ricetta ribadita dal presidente dell Automobile Club d Italia, Angelo Sticchi Damiani, commentando i dati dell indagine svolta dall Antitrust. Indagine che conferma una triste realtà: in Italia le assicurazioni sono le più care d Europa. Questo dicono i dati raccolti dall Autorità garante della concorrenza e del mercato: i prezzi medi delle polizze sono oltre il doppio di quelli applicati in Germania e Portogallo, superano dell 80% quelli dei tedeschi e del 70% se confrontati a quelli degli olandesi. E crescono a ritmi da capogiro: in quattro anni ( ) l aumento dei premi sfiora il 100% rispetto alla crescita registrata nei paesi dell'euro. Rispetto alla sola Francia è di tre volte in più. Non solo caro-polizze, ma il Belpaese si distingue anche per maggiore frequenza di incidenti rispetto ai principali partner comunitari: frequenza doppia rispetto a Francia e Olanda e il 30% in più nel confronto coi tedeschi. Il costo medio dei sinistri è più alto di quello liquidato in Francia (+13%), Germania (+20%) e Portogallo (oltre il doppio).viceversa, l Italia è meno efficiente nello scovare le (numerose) frodi: le truffe ai danni delle assicurazioni accertate lungo la penisola sono quattro volte più basse rispetto al Regno Unito e la metà rispetto alla Francia. L Aci: 4 milioni di auto senza assicurazione Questa è una piaga per l Italia che si traduce in circa due miliardi di danni per le Compagnie. Ma quel che è peggio, sottolinea il presidente dell Aci, è che questa gran mole di quattrini pesa sui conducenti onesti che con la loro polizza assorbono anche i costi imputabili ai furbetti dell assicurazione. Gli italiani spendono in media 740 euro l anno per assicurare l auto puntualizza il presidente Aci, Sticchi Damiani quasi il doppio degli altri europei. Come colmare questo spread della Rc auto tra l Italia e il resto d Europa? Secondo l Automobile Club d Italia serve una nuova norma. Due i principali obiettivi: maggiori controlli e pugno duro contro chi evade l'obbligo assicurativo e un sistema diverso per il calcolo dei rimborsi. In Italia ha sottolineato il presidente Aci - 25 incidenti su 100 generano danni fisici, contro i 10 di Francia, Germania e Belgio e gli 11 del Regno Unito. Un sinistro che sulle nostre strade porta a un risarcimento di oltre euro non supera i euro in Francia e i nel Regno Unito. Differenze che pesano sulle tasche degli italiani, costretti a pagare polizze in alcuni casi insostenibili. Stando così le cose, c'è da stupirsi se, in questo periodo di vacche magre, aumenta il numero di chi gira senza assicurazione per mancanza di quattrini? Alla faccia della sicurezza sulle strade..

4 da 2 marzo 2013 MANFREDONIA: CACCIA ALL UOMO, TRUFFA ALLE ASSICURAZIONI Ancora truffe ai danni di anziani, attraverso finte rate per l assicurazione. Secondo il racconto di un testimone diretto, martedì mattina un individuo ha cercato di raggirare la signora, con un auto all altezza della Banca Carime di Corso Roma, con a bordo un uomo sulla quarantina dal viso gonfio e grasso spacciatosi per un amico di scuola del nipote dell anziana signora. L uomo avrebbe cercato di circuire la donna per una quota in denaro di una fantomatica assicurazione, mentre fingeva di parlare al telefono con il nipote dell anziana. L uomo avrebbe riferito alla donna, che non sarebbe tuttavia caduta nel raggiro: andavamo a scuola assieme, ci conosciamo bene. Con la stessa tecnica è stato truffato di recente un anziano signore.

5 da 2 marzo 2013 FALSI INCIDENTI PER OTTENERE RIMBORSI DALLE ASSICURAZIONI: 42 DENUNCE Simulavano falsi incidenti stradali per chiedere e ottenere risarcimenti dalle assicurazioni. La truffa, scoperta a Gioia del Colle dai militari della Guardia di Finanza, ha portato alla denuncia di 42 persone. Tra queste, tre titolari di agenzie di disbrigo pratiche che operavano in diversi comuni del barese. LE INDAGINI - Secondo quanto accertato nell'inchiesta condotta dal pm della Procura di Bari, Carmela Bruna Manganelli, i falsi incidenti denunciati sarebbero almeno 13. Le persone da coinvolgere nei falsi sinistri venivano scelte dai titolari delle agenzie automobilistiche tra persone in difficoltà economiche, più facilmente disposte ad accettare di partecipare alla truffa in cambio di un compenso economico. Ciascun complice, infatti, veniva ricompensato in base ad un tariffario legato al ruolo ricoperto nella truffa. I professionisti coinvolti fornivano poi la loro assistenza per tutti gli aspetti legali circa l'ottenimento degli indennizzi risarcitori.

6 da 2 marzo 2013 TRUFFE ASSICURATIVE: 42 DENUNCE GIOIA DEL COLLE - I militari della tenenza della Guardia di Finanza di Gioia del Colle, all esito di una complessa e articolata attività di polizia giudiziaria, delegata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Bari e coordinata dal sostituto procuratore Carmela Bruna Manganelli, hanno individuato un gruppo criminale dedito alla commissione di truffe in danno di imprese di assicurazione. 42 sono i soggetti denunciati all autorità giudiziaria, tra questi tre titolari di agenzie disbrigo pratiche auto che operavano in diversi comuni della provincia, chiedendo e ottenendo risarcimenti a fronte di sinistri costruiti a tavolino. Tredici sono stati gli incidenti stradali di cui le predette indagini ne hanno accertato la falsità. La scelta dei soggetti da coinvolgere nei falsi sinistri veniva operata dalle agenzie di disbrigo pratiche automobilistiche tra persone in difficoltà economiche che venivano ricompensate secondo un tariffario fissato dalla stessa organizzazione a seconda del ruolo ricoperto, i professionisti coinvolti assistevano tali ultimi soggetti per tutti gli aspetti legali afferenti l ottenimento degli indennizzi risarcitori.

7 da 2 marzo 2013 TRUFFE ASSICURATIVE, INCIDENTI INVENTATI E FALSI SINISTRI. DENUNCIATA BANDA CRIMINALE Gioia del Colle - Le truffe ai danni delle compagnie assicurative abbondano e i falsi sinistri non accennano a fermarsi. La Guardia di Finanza, coordinata dal Sost. Proc. Carmela Bruna Manganelli, ha denunciato ben 42 individui per aver costituito un sodalizio criminale, tra cui si contano tre titolari di agenzie operanti in materia di pratiche automobilistiche che, ottemperando ad un tariffario già stabilito dall'organizzazione, retribuivano individui in difficoltà economiche ai fini della truffa assicurativa.

8 da Ilmondo.it 6 marzo 2013 RC AUTO TROPPO CARE, L ANIA RISPONDE ALL ANTITRUST: IN ITALIA TROPPE FRODI Non si è fatta attendere la risposta dell ANIA all ormai famosa indagine dell Antitrust che ha rilevato come le tariffe italiane della RC auto siano le più alte d Europa e, in qualche caso, superiori addirittura del doppio rispetto agli altri Paesi. L ANIA, pur concordando con l Antitrust sull identificazione dei fattori che determinano forti differenze di prezzo della RC auto tra l Italia e le altre nazioni europee (in primis il costo più elevato dei risarcimenti che caratterizza il nostro Paese) e ritenendo che le sue proposte per far fronte al problema costituiscano una buona base di partenza, ha voluto comunque sottolineare alcuni importanti aspetti della questione. L ANIA è d accordo con l Antitrust sulla modifica del meccanismo di calcolo dei forfait nel sistema del risarcimento diretto, visto che la legge già prevede la necessità di rivederlo. La questione fondamentale è consentire a ogni singola impresa di controllare come e quanto è stato liquidato per i danni causati dal proprio assicurato. La Confindustria delle assicurazioni ritiene convincente anche la richiesta di introdurre nuove forme contrattuali che determinino la riduzione dei prezzi, ferma restando la libertà delle imprese di offrire tali modelli contrattuali. L ANIA propone anche di eliminare qualunque elemento di incertezza sulle lesioni micropermanenti, rendendo risarcibili solo quelle che emergano da indagini strumentali, e chiede di rivedere il sistema bonus-malus, reso ormai obsoleto dagli interventi normativi che sono stati sviluppati nel tempo. Infine l ANIA chiede che si lavori con urgenza su un paio di interventi strutturali, colpevolmente trascurati dall indagine dell Antitrust. Emanazione di una tabella per la valutazione economica delle lesioni più gravi, inspiegabilmente ferma da mesi dopo aver completato l iter necessario. Il costo delle lesioni gravi in Italia è il doppio che in altri Paesi. Lotta senza quartiere alle frodi assicurative, vera piaga del nostro sistema. Le imprese italiane vorrebbero infatti disporre degli stessi strumenti e modalità di indagine utilizzati dalle imprese di tutti gli altri Paesi e poter contare su un sistema investigativo e giudiziario efficiente. La legge attribuisce all IVASS nuovi poteri in materia, che vanno nella giusta direzione di favorire il coordinamento delle attività delle compagnie con quelle delle forze dell ordine, anche al fine di superare i problemi sollevati in passato in materia di privacy. L ANIA sta collaborando con l IVASS per costruire i database informatici necessari per identificare la mancata assicurazione (in Italia circolano 4 milioni di veicoli senza copertura) e gli elementi di frode. Si tratta di un indispensabile azione di recupero della legalità che andrà a vantaggio dell intera collettività.

9 da assicurazioni.consigli.blogspot 6 marzo 2013 TRUFFE ALLE ASSICURAZIONI: OPERAZIONE PONCIO, CHIUSE LE INDAGINI Dei recenti casi di frode assicurazioni, uno dei casi a cui i mass media hanno dato maggiore spazio è l Operazione Poncio, giunta di recente a conclusione di un indagine della Procura di Brindisi su presunte frodi sulle assicurazioni: nel dettaglio, le compagnie assicurative venivano truffate mediante simulazione di falsi incidenti e di gonfiamenti dei referti in occasione di lievi sinistri. L obiettivo dei truffatori era quello di ricevere risarcimenti più cospicui da parte delle compagnie assicurative. Ciò che sostengono i p Milto De Nozza e Nicolangelo Ghizzardi, è che gli incidenti erano scritti a tavolino con tanto di prove rappresentate da referti medici fasulli, fatture false e tutta una serie di intercettazioni telefoniche. L indagine ebbe inizio nel 2008, a seguito di una denuncia di Allianz Assicurazioni che faceva presente come gran parte dei sinistri, in cui venivano richiesti risarcimenti, presentavano alcune stranezze: nessun intervento sul posto da parte delle forze dell ordine, difficoltà nel riscontro dei colpi di frusta, firma sul referto a nome dell ortopedico fasanese Franco Zizzi e pratiche legali seguite dagli avvocati Belillo e Scuteri. Insomma, delle anomalie in comune. Le indagini concluse dai pm riguardano al momento 221 persone, 15 delle quali furono arrestate (8 ai domiciliari e 7 in carcere). Gli indagati inizialmente erano 225: uno è però deceduto con l inizio delle indagini e per altri tre il caso è stato archiviato. Nell operazione Poncio riferita alle truffe assicurazioni, tocca ora agli indagati procedere alle controdeduzioni del caso. Dopodiché, dovranno decidere i pm con l eventuale richiesta di rinvio a giudizio.

10 da 11 marzo 2013 DENUNZIATI IN 42 PER TRUFFE ASSICURATIVE I Militari della Tenenza Guardia di Finanza di Gioia del Colle, all'esito di una complessa ed articolata attività di Polizia Giudiziaria, delegata dalla procura della Repubblica presso il Tribunale di Bari e coordinata dal Sostituto Procuratore Dottoressa carmela Bruna Manganelli, hanno individuato un gruppo criminoso debito alla commissione di truffe in danno di imprese si assicurazione. 42 sono i soggetti denunziati all'autorità giudiziara; tra questi tre titoalri di agenzie dibrigo pratiche auto che operavano in diversi comuni della Provincia di Bari, chidendo e d ottenendo risarcimenti a fronte di sinsitri costruiti a" Tavolino". Tredici sono stati gli incidenti stradali di cui le predette indagini ne hanno accertato la falsità. La scelta dei soggeti da " Coinvolgere" nei falsi sinistri veniva operata dalle agenzie di disbrigo pratiche automobilistiche tra persone in difficoltà economiche che venivano " ricompensate" secondo un" Tariffario" fissato dalla stessa organizzazione secondo del ruolo ricoperto : I professionisti coinvolti assistevano tali ultimi soggetti per tutti gli aspetti legali afferenti l'ottenimento degli indennizzi risarcitori.

11 da 11 marzo 2013 FRODI ASSICURATIVE: UN PROBLEMA CHE RIGUARDA TUTTI I sinistri falsi e fraudolenti comportano alle compagnie un esborso economico che negli anni successivi ricade su tutti, compresi gli assicurati onesti. Da un recente studio è emerso che l Italia è uno dei paesi al Mondo con i più alti costi per l assicurazione auto, in particolare per la responsabilità civile obbligatoria. Parte della colpa di questo ennesimo triste primato è da attribuire alle frodi assicurative, tema di grande attualità e che gli organi competenti stanno cercando in tutti i modi di combattere, a tal punto che è al vaglio della Commissione Finanze della Camera un Disegno di Legge che prevede una maggior trasparenza e comunicazione da parte delle compagnie assicurative che sono tenute a fornire le informazioni sulle frodi assicurative, ma soprattutto a denunciare i sinistri ritenuti sospetti. Un ulteriore novità è l istituzione presso l IVASS di una vera e propria Agenzia antifrode, costituita da rappresentanti dei Ministeri competenti e da altri soggetti interessati tra cui le Forze di Polizia. Nonostante che i dati relativi alle frodi assicurative mostrino un trend in leggera diminuzione negli ultimi anni, un indagine condotta tra i principali gruppi assicurativi ha rivelato come il 3% dei sinistri denunciati siano dei tentativi di frode ai danni delle compagnie, valore che per alcune imprese sfiora il 5%, mentre per altre si arriva addirittura al 10%. L ampiezza della forbice non è data dalla discrezionalità nella rilevazione dei dati, ma è la conseguenza delle numerose difficoltà nello scoprire le frodi assicurative, le quali diventano sempre più sottili, ma soprattutto messe in atto da vere e proprie organizzazioni criminali che vedono le compagnie assicurative come una fonte di arricchimento continuo. I principali campi di applicazione delle frodi assicurativi sono sinistri falsi, tra cui si includono anche le migliaia di inesistenti distorsioni del rachide cervicale che si verificano ogni anno, le denuncie di furto per veicoli che sono stati venduti all estero, principalmente nei paesi dell est Europa e per le auto di lusso nei paesi Arabi, e l utilizzo di contrassegni falsi o finte polizze stipulate con compagnie fantasma. Il fenomeno non deve assolutamente essere sottovalutato, in quanto ricade inevitabilmente sull aumento dei premi assicurativi che ogni anno si verifica per tutti gli assicurati, soprattutto quelli onesti. Si tenga presente che nel solo 2006 le frodi accertate sono state circa , quindi ipotizzando, estremamente per difetto, un esborso economico medio di 1.000,00 ad evento, in quell anno le compagnie avrebbero pagato, oltre all esborso per i sinistri reali, l importo di circa 89 milioni di euro solo per sinistri falsi. Tale somma sarebbe inevitabilmente ricaduta su tutti assicurati, compresi quelli onesti, la cui polizza avrebbe subito un aumento rispetto all anno precedente, innescando in tal modo un circolo vizioso in alcuni soggetti, i quali proprio a causa della maggiorazione, ritengono di dover e poter truffare la compagnia assicurativa. Nonostante gli enormi sforzi delle Forze dell Ordine e delle persone preposte all interno delle compagnie assicurative, purtroppo il numero delle frodi assicurative accertate è ancora basso rispetto al totale, pertanto ogni assicurato non si deve sentire autorizzato a riprendersi in modo fraudolento i soldi, ma deve contribuire affinché l esborso delle compagnie assicurative diminuisca, ottenendo quindi come vantaggio diretto ed immediato l abbassamento del premio di polizza.

12 da 11 marzo 2013 RC AUTO: LE ASSICURAZIONI SONO CONTRO LE SCATOLE NERE Un risultato opposto a quello preventivato. Ecco l accusa da parte delle compagnie assicurative in merito al montaggio delle scatole nere Il nuovo "contratto base" dell'assicurazione prevista dalla legge, avanzato nei giorni scorsi dal ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera, costringe indirettamente le compagnie ad proporre ai loro clienti quei congegni di controllo a distanza, atti a abbattere truffe e comportamenti azzardati. I costi sarebbero a carico delle stesse compagnie che dovrebbero anche concedere una "riduzione significativa" dei premi. Un risultato tuttavia per niente scontato «Se per ipotesi tutti gli automobilisti decidessero di installare le "scatole nere" - obietta Alessandro Santoliquido, direttore generale di Sara Assicurazioni e responsabile della commissione Rc Auto dell'aria, l'associazione delle compagnie - il costo per il sistema sarebbe di circa 3,1 miliardi considerando che ciascuno di qui congegni ha un costo d'esercizio annuo di 75 euro. Ebbene a Napoli, dove le tariffe automobilistiche sono più elevate, raggiungere il break even sarebbe forse fattibile se attraverso le black box il costo dei sinistri scendesse del 13 per cento. Ma per centrare lo stesso obiettivo il risparmio dei sinistri dovrebbe attestarsi a 131% ad Aosta e al 26% a Trieste, ciò che è chiaramente irrealistico. La legge da cui il decreto governativo ha preso spunto lascia le compagnie libere di decidere se e dove offrire i nuovi dispositivi. Rendere obbligatoria l'offerta finirebbe per snaturarne la natura e causare l'effetto perverso di un incremento tariffario, proprio l'opposto di quello che si vuole ottenere». Nel contratto base della rc auto lo standard che dovrebbe rendere le polizze più confrontabili tra loro permettendo agli automobilisti di orientarsi meglio nelle scelte - l'offerta di dispositivi telematici a distanza non è esplicitamente indicata come obbligatoria ma soltanto perchè, si fa presente al dicastero, non sono ancora disponibili i regolamenti attuativi che regolano la materia. Il ministero di via Veneto condivide comunque le posizioni sostenute nei mesi scorsi dall'isvap, l'ex regulator assicurativo (da gennaio sostituito dall'ivass). Quell'authority in una lettera inviata al mercato nell'aprile del 2012, aveva imposto alle imprese di offrire la black box ai loro clienti, interpretando a suo modo lo spirito della legge ma senza svolgere alcuna analisi costi-benefici. Contro una simile lettura l'ania era ricorsa al tribunale amministrativo e la questione è tuttora pendente di fronte al Tar del Lazio. Sulla materia anche le associazioni dei consumatori sono perplesse. «In effetti - spiega Francesco Avallone, vice presidente della Federconsumatori - almeno per una fase iniziale il provvedimento potrebbe essere circoscritto a quelle zone dove è maggiore il rischio di frodi assicurative e di comportamenti scorretti".

13 da 11 marzo 2013 TRUFFE ALLE ASSICURAZIONI, DOPO I 5 ARRESTI, SI COSTITUISCE IL SESTO INDAGATO Sviluppi nell'inchiesta sulle truffe alle assicurazioni che lo scorso 26 febbraio ha portato all'arresto di 5 persone, con le accuse a vario titolo che vanno dall'associazione per delinquere finalizzata alla truffa aggravata e al riciclaggio di denaro di provenienza illecita, al trasferimento fraudolento di valori al patrocinio o consulenza infedele. Nella tarda serata di ieri, presso il carcere di Velletri si è costituito il sesto e ultimo degli indagati, irreperibile ormai da diversi giorni. A. T., 40enne residente a Latina, infatti, aveva fatto perdere le sue tracce proprio dallo scorso 26 febbraio quando il nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza aveva dato esecuzione alle ordinanze di custodia - anche nei confronti del padre, del fratello e di un avvocato del capoluogo emesse dal gip del tribunale di Latina, Costantino De Robbio, su richiesta del sostituto procuratore Cristina Pigozzo. Ora il 40enne è ancora rinchiuso presso il carcere di Velletri, e nei prossimi giorni sarà ascoltato dal gip per l'interrogatorio di garanzia..

14 da interno18.it 12 marzo 2013 MONDRAGONE: TRUFFE ALLE ASSICURAZIONI, ENCOMIO ALLE FIAMME GIALLE L Amministrazione comunale di Mondragone guidata dal Sindaco Giovanni Schiappa ha ritenuto opportuno esprimere un formale e pubblico encomio all'indirizzo della Compagnia di Mondragone della Guardia di Finanza, nella persona del Capitano Marco Biondi, per l'intensa attività d'indagine, ancora in corso, che sta consentendo di verificare la veridicità di numerosi sinistri stradali verificatisi sul territorio comunale, onde scoprire eventuali truffe ai danni dell'ente. Il risarcimento in sede civile per sinistri stradali rappresenta, da tempo, uno dei capitoli di spesa per l'ente più onerosi e la citata attività di indagine ha già comportato un notevole decremento delle cause di risarcimento intentate contro l'ente per sinistri stradali, con conseguenti notevoli risparmi a favore del Comune di Mondragone, recuperando risorse finanziarie significative. "Abbiamo voluto esprimere, con la delibera di encomio, il nostro ringraziamento e la nostra vicinanza a chi ogni giorno, con impegno e professionalità, lavora sul territorio per garantire legalità, sicurezza e tutela dell ordine pubblico" afferma il sindaco Giovanni Schiappa.

15 da 15 marzo 2013 TRUFFE ASSICURATIVE, SE LE CONOSCI LE EVITI Truffe Rca in crescita, il fenomeno delle compagnie fasulle sta infatti dilagando in questo ultimo periodo, con sempre nuovi casi segnalati dalle autorità competenti. Tra i maggiori responsabili di questo aumento ci sono la crisi e l indebolimento delle capacità di spesa delle famiglie, che spingono a una impellente esigenza di risparmiare. I continui aumenti dei premi da parte delle compagnie di assicurazione hanno infatti portato la voce assicurazioni obbligatorie Rca a costituire un vero e proprio salasso. Risparmiare si può, ma quando ci si trova di fronte a delle proposte eccessivamente basse, rispetto alla media del mercato allora bisogna muoversi con estrema cautela. Le truffe assicurative possono essere effettuate sia utilizzando i canali tradizionali che online. Nel primo caso la truffa si basa sulla creazione di un agenzia fittizia, che viene ben pubblicizzata nell ambito della zona in cui andrà ad operare, con tanto di agenti assicurativi (ovviamente fasulli) e l impiego di loghi o nomi che richiamano compagnie di assicurazioni generalmente note, ma con qualche piccola differenza, appena percettibile solo alle persone più attente. Normalmente queste restano aperte per un breve periodo di tempo, ma coloro che hanno stipulato la polizza, di fatto circolano con un pezzo di carta che non ha nessun valore. Non solo non si gode di copertura assicurativa, ma nel caso in cui ciò risultasse ad un controllo di un normalissimo posto di blocco si andrebbe incontro al sequestro del veicolo (con conseguenti spese per il dissequestro) più una multa che va da un minimo di 798 a un massimo di euro. Le truffe più semplici da mettere in atto sono però quelle relative alle assicurazioni online (http://www.assicurazioneonline.com), perché basta allestire un sito ben confezionato per trarre in inganno. Il funzionamento è simile alle altre truf ù usati, e il nome della compagnia rimanda a un nome già sentito o conosciuto, ma ovviamente con qualche minima differenza (come ad esempio Axa belgium sa). Bisogna tener presente che ci sono delle compagnie straniere che non sono abilitate ad operare in Italia, oppure lo sono ma per rami assicurativi diversi (ad esempio nel ramo delle assicurazioni mediche e sanitarie solamente). Non importa che si tratti di compagnie di assicurazioni esistenti, ciò che fa fede è l esistenza dell autorizzazione da parte dell Ivass (che ha sostituito l Isvap) ad operare e per il ramo della Rca in Italia. Quindi, per evitare brutte sorprese, il sistema migliore è quello di andare sul sito dell Ivass (http://www.ivass.it/ivass/imprese_jsp/homepage.jsp) dove ci sono due elenchi: uno è quello delle compagnie che risultano non in regola e che stanno operando (da questo si può procedere ad un primo controllo), e l altro che invece riguarda le compagnie autorizzate nel ramo delle assicurazioni online o tradizionali obbligatorie Rca in Italia (più lungo ma che garantisce un controllo molto più esaustivo). Se il nome di una compagnia di assicurazione non è riportato alla lettera in questo secondo elenco, allora si tratta di una compagnia non autorizzata.

16 da 18 marzo 2013 CASERTA, UOMO ARRESTATO PER TRUFFE ALLE ASSICURAZIONI E stato arrestato un uomo per truffa. Si tratta di Stefano Russo di 44 anni al quale sono scattate le manette nella mattinata di oggi a Caserta dai carabinieri di Sessa Aurunca in base a un ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip presso il tribunale di Santa aria Capua Vetere su richiesta del pm della locale procura. L uomo e accusato di associazione per delinquere finalizzata alla truffa e al falso. Russo e indagato nell ambito dell indagine sulla truffa alle assicurazioni che a gennaio di quest anno ha portato all arresto di 17 persone. Gli investigatori sono convinti che sarebbe il promotore e capo indiscusso del sodalizio criminale dedito alle truffe assicurative.

17 da Repubblica.it 18 marzo 2013 CASERTA: TRUFFE ALLE ASSICURAZIONI, UN ARRESTO Caserta, 17 mar. (Adnkronos) - Stefano Russo di 44 anni e' stato arrestato nella mattinata di oggi a Caserta dai carabinieri di Sessa Aurunca in base a un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip presso il tribunale di Santa aria Capua Vetere su richiesta del pm della locale procura. Russo e' accusato di associazione per delinquere finalizzata alla truffa e al falso. Russo e' indagato nell'ambito dell'indagine sulla truffa alle assicurazioni che a gennaio di quest'anno ha portato all'arresto di 17 persone. Secondo gli investigatori sarebbe "il promotore e capo indiscusso del sodalizio criminale dedito alle truffe assicurative".

18 da 18 marzo 2013 CHIOGGIA, TRUFFA 70 CLIENTI CON UNA RC AUTO FASULLA E INTASCA I SOLDI Incassava il premio delle polizze, ma non comunicava il contratto alla compagnia. Una truffa aggravata quella messa in atto da un 21enne di Chioggia, agente di una filiale in via Colombo a Sottomarina, in base alla quale i suoi clienti restavano senza alcuna copertura. Le indagini sono state avviate dai carabinieri di Chioggia dopo che era stato riscontrato che un automobilista, pur essendo provvisto di tutti i documenti assicurativi da un accertamento presso la banca dati dell Ania, Associazione nazionale imprese assicuratrici, risultava che la sua auto non fosse coperta da assicurazione. I militari hanno così deciso di estendere gli accertamenti anche ad un altra decina di automobilisti che avevano già preso accordi con il 21enne: anche in questi casi di fatto non esisteva alcuna copertura assicurativa Rca dei loro mezzi. Da lì alla perquisizione della casa e all'ufficio del giovane agente il passo è stato breve: dalle indagini sono così emersi numerosi contratti assicurativi, stipulati prevalentemente con automobilisti di Chioggia. In particolare i carabinieri veneziani hanno scovato un grosso sacco di plastica pieno di certificati e contrassegni di assicurazione, tagliati con il tritacarte o semplicemente stracciati. Il modus operandi con il quale l'assicuratore operava si è fatto via-via più chiaro: dopo aver stipulato il contratto e aver ricevuto il premio dal cliente, comunicava alla propria società assicurativa la disdetta della polizza motivandola nella maggior parte dei casi con la vendita, cessazione, demolizione o espatrio del mezzo. In questo modo si tratteneva quindi l intero importo della rata. Finora i casi riscontrati sono circa settanta, ma sono destinati sicuramente ad aumentare, anche in considerazione del fatto che l assicuratore allettava i clienti con proposte economicamente molto vantaggiose. I carabinieri di Chioggia hanno invitato le persone che hanno stipulato un contratto di assicurazione Rca con l'agente assicurativo, di recarsi presso gli uffici del Comando compagnia, per verificare la posizione delle proprie autovetture. Il 21enne è stato denunciato e piede libero per truffa aggravata, falsità ideologica e appropriazione indebita aggravata.

19 da marzo 2013 SESSA AURUNCA. FALSE ASSICURAZIONI AUTO, UN ARRESTO Nel corso della mattinata di domenica 17 marzo i carabinieri della stazione di Sessa Aurunca hanno eseguito un ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere,per il reato di associazione per delinquere finalizzata alla truffa e falso nei confronti di S.R., 44 anni, di Caserta. Dagli accertamenti e dalle risultanze investigative dei militari dell Arma, l uomo è risultato essere il promotore e capo indiscusso del sodalizio criminale dedito alle truffe assicurative, già in gran parte disarticolato nell ambito dell operazione Cinque Giorni, eseguita lo scorso 23 gennaio dai carabinieri della compagnia di Sessa Aurunca, nel corso della quale furono arrestate 17 persone e sequestrati oltre 2000 contrassegni perfettamente riprodotti recanti i loghi delle più importanti società nazionali ed estere del settore. Nell ambito dell indagine veniva accertato che l organizzazione si avvaleva anche di un call-center, collegato ad un numero verde, per la stipula di contratti online. Si stima, inoltre, che nel solo arco temporale oggetto delle investigazioni, ovvero poco più che quattro mesi, l associazione abbia immesso sul mercato oltre 20mila polizze contraffatte, riferibili principalmente alle compagnie Direct Line, Ina Assitalia, Generali Assicurazioni, Sara Assicurazioni, Milano Assicurazioni, Fondiaria Sai, Unipol ed Ugf, conseguendo profitti, nel solo periodo considerato, superiori ad 800mila euro. Sottoposto a sequestro preventivo un immobile nella disponibilità dell uomo, a Caserta, nei pressi di Corso Trieste, del valore commerciale di circa 600mila euro, ritenuto dagli investigatori provento dell illecita attività. L arrestato è stato associato alla casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere a disposizione dell autorità giudiziaria.

20 da 18 marzo 2013 SI INTASCAVA I SOLDI DELLE POLIZZE, AGENTE DENUNCIATO PER TRUFFA Almeno settanta automobilisti che giravano senza copertura assicurativa, perché il premio della loro polizza, regolarmente pagato, se lo era intascato il subagente. L'hanno scoperto i carabinieri, durante un controllo di routine, e il furbetto che si sarebbe impossessato dei soldi potrebbe passare alla storia come il più giovane truffatore chioggiotto di sempre, dato che ha solo 21 anni. Matteo Biston conduce la sub agenzia della Hdi Assicurazioni, con ufficio in via Colombo, da poco più di un anno. Un'impresa in cui si è, probabilmente, gettato anima e corpo con tanto di profilo facebook dell'agenzia, per entrare in un mercato, le assicurazioni auto low cost, che promette bene, in questi tempi di crisi. Se l'idea gli sia venuta perché il settore tirava poco o perché tirava fin troppo e i guadagni potevano crescere rapidamente, è una cosa che potrà spiegare solo lui. Sta di fatto che il giovane, ad un certo punto, ha cominciato a incassare i premi, rilasciando ai contraenti il regolare contrassegno e il contratto, ma senza versare i soldi alla società assicurativa. Per il mancato versamento trovava svariate giustificazioni: vendita all'estero dell'auto, demolizione, ecc. tutte evenienze che, stranamente, si verificavano pochissimi giorni dopo la stipula dell'assicurazione. Ma non è stata questa stranezza a rivelare la truffa. Se ne sono accorti i carabinieri che, dopo un controllo stradale di routine, hanno verificato la copertura assicurativa di un automobilista alla banca dati dell'ania, l'associazione di tutte le imprese del settore. Si tratta di una misura precauzionale usata, a campione, contro i falsi tagliandi assicurativi che, in quel caso, appariva un semplice pro forma. Invece è saltato fuori che l'automobilista non era assicurato, anche se tutti i suoi documenti apparivano in regola. Di qui è partito l'accertamento sulle altre auto di famiglia, anch'esse assicurate dallo stesso sub agente Hdi: inesistenti anche quelle polizze. Ulteriori controlli su altri clienti hanno portato allo stesso risultato: polizza pagata, ma assicurazione inesistente. I militari, quindi, hanno perquisito domicilio e ufficio di Biston, trovando, oltre a molti contratti intestati, per lo più, a cittadini di Chioggia, un sacco di plastica con numerosi frammenti di certificati e contrassegni tagliati e stracciati (forse con l'intenzione di disfarsene in seguito) da cui è stato ricostruito il presunto meccanismo truffaldino. Il giovane è stato denunciato per truffa e appropriazione indebita aggravate e falso ideologico. Ora i carabinieri invitano tutti coloro che si fossero assicurati in quell'agenzia a recarsi in comando per le verifiche del caso. Da parte sua il legale di Biston nega ogni addebito: «Il mio cliente non ha truffato nessuno». L'avvocato Giorgio Muccio difende il giovane dalle accuse dei carabinieri. «Le polizze sotto esame», dice Muccio, «sono 62 (per circa 30 mila euro) e non ce ne sono altre. Si tratta di errori dovuti all'inesperienza del ragazzo con il sistema informatico, già segnalati alla società assicuratrice prima dell'inizio delle indagini. Abbiamo consegnato la documentazione proprio ai carabinieri in occasione della perquisizione e nessun automobilista è mai stato privo di copertura. Le accuse (tutte ancora da dimostrare) come risultano dal mandato di perquisizione, sono la truffa semplice (non aggravata), la falsità in scrittura privata e non c'è l'appropriazione indebita».

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all Indagine Fort Knox Roma, 08 aprile 2014 Indagine Fort Knox Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA Roma 9 marzo 2015 Prot. n. 45-15 001407 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c.

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

Volare low cost LA NOSTRA INCHIESTA

Volare low cost LA NOSTRA INCHIESTA Volare low cost Q uanto tempo prima della partenza bisogna acquistare il biglietto aereo, per assicurarsi la tariffa più bassa? La domanda ce la siamo posta tutti, innumerevoli volte, senza capire nulla

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Fascicolo informativo

Fascicolo informativo Polizza Auto Fascicolo informativo Contratto di Assicurazione per Autovetture Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Nota Informativa comprensiva del Glossario e le Condizioni di Assicurazione,

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Proprietario Sì! ma solo sulla carta! Divieto di intestazione fittizia dei veicoli, art. 94-bis C.d.S.

Proprietario Sì! ma solo sulla carta! Divieto di intestazione fittizia dei veicoli, art. 94-bis C.d.S. codice della strada di Raffaele Chianca* e Gianluca Fazzolari** Proprietario Sì! ma solo sulla carta! Divieto di intestazione fittizia dei veicoli, art. 94bis C.d.S. Nel non troppo lontano 2009 il nostro

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Nel 2014 l'ai ha avviato indagini in 2200 casi per sospetto abuso assicurativo e ne ha concluse 2310. In 540

Dettagli

La Truffa Che Viene Dal Call Center

La Truffa Che Viene Dal Call Center OUCH! Luglio 2012 IN QUESTO NUMERO Introduzione La Truffa Come Proteggersi La Truffa Che Viene Dal Call Center L AUTORE DI QUESTO NUMERO A questo numero ha collaborato Lenny Zeltser. Lenny si occupa normalmente

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 5 giugno 2013; SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 101

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI TERMINI E CONDIZIONI GENERALI Leggere attentamente Termini e Condizioni prima di noleggiare una vettura con Atlaschoice. I Termini si applicano a qualsiasi prenotazione effettuata con Atlaschoice tramite

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE

TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE TARIFFE LUCE E GAS: CONFRONTO INTERNAZIONALE Italiani Energia elettrica e metano costano poco, rispetto al resto d Europa, solo per livelli bassi di consumo. Man mano che l utilizzo aumenta, diventiamo

Dettagli

Guida pratica alle Assicurazioni

Guida pratica alle Assicurazioni Guida pratica alle Assicurazioni Le regole delle Assicurazioni R.C. Auto, Vita, Previdenziali e Malattia spiegate dall Autorità di vigilanza del settore Sommario Che cosa è l ISVAP 5 Assicurazioni R.C.

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE AREZZO

GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE AREZZO GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE AREZZO SENATO DELLA REPUBBLICA X COMMISSIONE (INDUSTRIA, COMMERCIO E TURISMO) INDAGINE FORT KNOX AUDIZIONE DEL Colonnello t.issmi Dario Solombrino Comandante Provinciale

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli

Contratto di assicurazione per autovetture

Contratto di assicurazione per autovetture Contratto di assicurazione per autovetture Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Nota Informativa comprensiva del Glossario, le Condizioni di Assicurazione e, dove prevista, la Proposta, deve

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 Nel 2014 la raccolta premi complessiva realizzata dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra europee continua il trend

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo

Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo Approvazione del CDA del 06/08/2014 Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo (ai sensi del D.Lgs. 231/2001) Indice PARTE GENERALE... 3 1 INTRODUZIONE... 4 1.1 DEFINIZIONI... 4 1.2 IL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

www.pwc.com PwC Forensic Services La nostra esperienza 5 novembre 2014

www.pwc.com PwC Forensic Services La nostra esperienza 5 novembre 2014 www.pwc.com La nostra esperienza 5 novembre 2014 La nostra esperienza Quando intervenire? 1. Preventivamente, nel caso in cui l'azienda operi in misura rilevante con soggetti che si dichiarano esportatori

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU

Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU Allianz S.p.A. Divisione Allianz Subalpina Società appartenente al gruppo Allianz SE CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI GLOBAL FUTURO PIU IL PRESENTE FASCICOLO

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli