Il Bilancio Sociale 2007

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Bilancio Sociale 2007"

Transcript

1 Il Bilancio Sociale 2007 Associazione nazionale carabinieri protezione civile

2

3 Il Bilancio Sociale 2007 Associazione Associazione nazionale carabinieri protezione civile Questa pubblicazione del bilancio sociale è stata curata dal Centro di Servizio per il volontariato della provincia di Chieti a conclusione del progetto di ricerca-intervento Il Bilancio sociale e di missione per le organizzazioni di volontariato promosso dalla FIVOL (Fondazione Italiana per il Volontariato), dall IREF (Istituto di Ricerche Educative e Formative) e CSV.net (Coordinamento Nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato).

4 Sommario Lettera del Presidente Introduzione Nota metodologica L identità Il governo e le risorse umane Le risorse economico-finanziarie e la dotazione patrimoniale Il perseguimento della missione

5 Lettera del Presidente Gentili lettori, questa è l edizione numero zero del Bilancio Sociale del Nucleo di Protezione Civile dell Associazione Nazionale Carabinieri, Sezione di Chieti. Con la realizzazione di questo documento abbiamo voluto darci l opportunità di presentarci a tutti coloro che vivono il mondo del Volontariato ed in modo particolare quello della Protezione Civile, anche se spero che ci darà anche l occasione di avvicinare e sensibilizzare anche chi Volontario non è, e magari vorrà diventarlo. Quello che vi racconteremo è il nostro settimo anno di vita e quindi, alla fine di questo primo percorso di sviluppo e di crescita, credo sia giunto il momento di guardarsi, anche se solo per un attimo, indietro per vedere cosa siamo riusciti a concretizzare e dove, invece, siamo stati carenti nel perseguire la realizzazione delle nostre finalità. Per fare questo abbiamo voluto, con forza, utilizzare questo strumento nella consapevolezza che saprà darci i mezzi, le conoscenze e la spinta giusta per tornare a guardare avanti e riprendere, nella giusta direzione, la corsa. Il 2007 è stato per noi contemporaneamente un anno di stabilizzazione dei risultati ottenuti e di programmazione di nuovi obiettivi per il futuro. Spero nella partecipazione di tutti coloro che desiderano avvicinarsi alla nostra realtà, chi partecipando attivamente e chi partecipando con aiuti esterni, accrescendo così la disponibilità delle risorse sia umane che economiche, entrambe necessarie al nostro sviluppo. Voglio infine cogliere l occasione per ringraziare il Presidente della Sezione di Chieti dell ANC, Cav. Paolo Bonomo che ha voluto, nell ormai lontano anno 2000, la costituzione del Nucleo di Protezione Civile ed il mio più stretto collaboratore, Alessandro Gattone, che ha lavorato accanto a me. Senza il primo la nostra realtà non sarebbe nata e senza il secondo al mio fianco non si sarebbe realizzata e sviluppata con i valori e la professionalità di cui oggi possiamo fregiarci. Ovviamente senza dimenticare tutti, e dico davvero tutti, i volontari che hanno voluto contribuire, anche con un solo attimo del loro tempo, alla crescita del Nucleo. Umberto Spineti 5

6 Introduzione 6 Quando nel Dicembre 2007 il Centro Servizi per il Volontariato di Chieti ha proposto a tutte le Associazioni di Volontariato il progetto per la realizzazione di questo documento, molti di noi ne ignoravano l esistenza pertanto ne disconoscevano le finalità. Nonostante tutto il nostro Comitato Esecutivo (assimilabile al Consiglio di Amministrazione di una Azienda con fini di lucro) ha deciso di far partecipare due nostri rappresentanti al corso di formazione propedeutico alla eventuale successiva realizzazione del progetto; nel corso degli incontri settimanali, sono apparse subito chiare le finalità e l importanza che un simile strumento avrebbe potuto avere per la nostra organizzazione, perché è di strumento che bisogna parlare quando si parla del BSM, in quanto nel corso della sua realizzazione e della sua successiva attenta lettura si può giungere ad una ottimizzazione dell utilizzo delle risorse, sia umane che economiche a disposizione, oltre che ad un miglioramento delle metodologie per il loro reperimento, in modo di poter meglio inquadrare il nostro vero obiettivo, che oltre ad essere la realizzazione del nostro sogno, è sicuramente la realizzazione della nostra missione. E proprio per i motivi sopra esposti che il Comitato Esecutivo ha voluto con forza che si producesse il BSM, individuando in Carla D Emilio e Davide Mauro Benigni i responsabili del progetto. Essi, coordinando i gruppi di lavoro costituiti tra i nostri volontari ed utilizzando i mezzi e le informazioni necessarie che la nostra Organizzazione ha messo a loro disposizione, sono giunti alla stesura definitiva del Bilancio Sociale e di Missione. E però doveroso ricordare che tutti gli sforzi da noi profusi sarebbero stati vani senza la guida e l essenziale punto di riferimento che è stato il CSV di Chieti, il quale dopo aver organizzato il corso di formazione, ha profuso tempo, energie, qualificatissime risorse umane ed economiche affinché questo documento vedesse la luce, ed al quale va il nostro più vivo ringraziamento. Appare quasi superfluo evidenziare, agli occhi di chi ben ci conosce e quindi consapevole delle risorse a nostra disposizione, che l impegno è stato sicuramente grande ed il risultato ottenuto è in linea con i sacrifici fatti. Sacrifici sicuramente ben ripagati dal fatto che già durante il percorso siamo riusciti ad evidenziare

7 molte delle nostre lacune organizzative ed operative (soprattutto per quanto riguarda le modalità della raccolta fondi) e quindi ci sta dando la possibilità, già oggi, di porre le basi indispensabili per migliorarci. A chi invece non ci conosce possiamo sicuramente dire che, se ci concederete l onore di impiegare un po del vostro tempo nella lettura del BSM che segue, avrete modo di conoscere la nostra storia; la nostra attualità fatta di formazione e di professionalità; le nostre modiche disponibilità economiche contro cui spesso lottiamo; ma soprattutto avrete modo di conoscere ciò che ci ha spinti ed ancora ci spinge a dedicarci alla Protezione Civile; di sapere da dove nasce la forza che ci permette di impiegare il nostro tempo libero per essere pronti ad intervenire in caso di ogni calamità naturale, per partecipare attivamente alla salvaguardia dell ambiente, della cultura e della storia della nostra Nazione, per difendere i diritti e la salute delle persone in difficoltà. Avrete modo di capire, in sintesi, che noi ci siamo posti una missione ed è per essa che noi, ogni volta che ne abbiamo la possibilità, indossiamo una divisa e lottiamo per voi e con voi affinché tutto ciò che questa semplice parola contiene possa concretizzarsi. 7

8 Nota metodologica 8 Il punto di partenza Questa prima edizione del Bilancio Sociale (o Bilancio di Missione) è il risultato di un percorso di formazione e accompagnamento che il Centro di Servizio per il volontariato della provincia di Chieti ha inteso effettuare con alcune Organizzazioni di volontariato che ne hanno fatto espressa richiesta a partire da gennaio Dopo aver costatato l esistenza di un fabbisogno di conoscenze e competenze in tema di rendicontazione economica e sociale da parte delle Organizzazioni di Volontariato della provincia di Chieti, il CSVCH, al fine di rispondere a detto bisogno emergente, ha deciso di partecipare al progetto di ricerca-intervento promosso dalla FIVOL (Fondazione Italiana per il Volontariato), dall IREF (Istituto di Ricerche Educative e Formative) e CSV.net (Coordinamento Nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato) Il Bilancio sociale e di missione per le organizzazioni di volontariato. Tutte le Organizzazioni di Volontariato hanno la necessità di operare in modo efficiente e trasparente per garantire la qualità degli interventi ed un buon uso delle risorse nonché per potersi avvantaggiare di finanziamenti esterni sia pubblici che privati. Pertanto dotarsi di uno strumento in grado di descrivere l attività svolta, i risultati ottenuti e la capacità degli stessi di dare attuazione alla propria missione nell ambito di un quadro di principi, valori e strategie sociali chiaramente definiti assume una importanza strategica per tutte le OdV ed, in particolare, per quelle cui il CSV di Chieti rivolge il proprio servizio. Con la partecipazione al progetto di ricerca-intervento della FIVOL, dell IREF e di CSV.net, il CSVCH ha inteso perseguire lo scopo di promuovere nelle OdV della provincia di Chieti maggiore consapevolezza sulla utilità del Bilancio Sociale e di Missione e di diffonderne l adozione attraverso la sperimentazione di modelli riferiti alla specificità delle OdV. Detti modelli, elaborati nell ambito della ricerca-intervento nazionale, sono stati calati nella realtà operativa di ciascuna OdV partecipante attraverso un percorso formativo guidato di cui hanno beneficiato le OdV della provincia di Chieti attraverso la formazione di responsabili e tecnici delle stesse.

9 Il processo di realizzazione Durante la prima fase, di formazione dei responsabili della rendicontazione sociale delle OdV della provincia di Chieti, sono stati organizzati moduli formativi di 4 mezze giornate (gennaiofebbraio 2008). Ogni OdV è stata presente con almeno un responsabile del consiglio direttivo ed un referente tecnico, i quali hanno avuto il compito di implementare il percorso di Bilancio Sociale e di Missione nella propria organizzazione. La formazione per le OdV della provincia di Chieti è stata realizzata da una figura esperta e consulente dell area rendicontazione sociale del CSVCH. Durante i 4 incontri formative sono stati trattati i seguenti temi: Il progetto e un po di teoria (19 gennaio 2008); Le linee guida (26 gennaio 2008); Le buone prassi (2 febbraio 2008); La cassetta degli attrezzi (9 febbraio 2009). Dopo la fase di formazione si è proceduto alla seconda fase di avvio della sperimentazione e alla attività di accompagnamento delle OdV realizzata dal CSVCH attraverso:

10 uno sportello del CSVCH appositamente dedicato (venerdì pomeriggio dalle ore 15,00 alle ore 18,00); una risorsa interna al CSVCH (Responsabile della Formazione del CSVCH, Piero Stanchi) dedicata a supportare e supervisionare il lavoro del gruppo di responsabili e tecnici interni alle OdV che hanno svolto il lavoro in assoluta autonomia; incontri periodici (n 15), collettivi ed individuali, a stati di avanzamento del lavoro prestabiliti, tutti svoltisi alla presenza dell esperto (Laura Berardi dell Università G. d Annunzio di Chieti Pescara) e del Responsabile della Formazione del CSVCH. Lo schema che segue riassume le tappe del percorso di progetto: Tappe del processo di rendicontazione gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic preparazione e programmazione definiz. del sistema di rendicontazione raccolta delle informazioni redazione I parte approvazione 2 parte 3 parte comunicazione valutazione finale Formazione Accompagnamento Supporto alla comunicazione Valutazione finale mar apr mag Identità+Governo e Risorse umane I parte Risorse economiche-finanziarie e dotazione patrimoniale 2 parte Perseguimento della mission+attività strumentali+altri stakeholders 3 parte 10 Per la costruzione ed elaborazione del Bilancio sociale o Bilancio di missione è stato creato, in ciascuna OdV, un gruppo di lavoro costituito da soggetti interni all organizzazione stessa. Il coordinamento del progetto - affidato a persona esterna al

11 CSVCH e alle singole OdV, già impegnata in attività di ricerca sui temi della rendicontazione economica e sociale delle Organizzazioni non profit (Laura Berardi) - è stato condotto in maniera integrata con tutta l organizzazione in modo da salvaguardare la natura interna di tutto il processo di realizzazione ed implementazione dello strumento. La metodologia seguita è basata sulla partecipazione costante di tutti i soggetti coinvolti, ciascuno per la parte di sua competenza. Si è cercato, inoltre, di coinvolgere sin dalla prima fase di formazione la dirigenza e gli organi di vertice di ciascuna OdV al fine di consentire una corretta e completa rappresentazione dell identità e delle strategie dell organizzazione e per far si che il processo di analisi attivato si possa effettivamente tradurre in iniziative di miglioramento della gestione dell organizzazione. La partecipazione ed il coinvolgimento degli stakeholder (portatori di interesse), in questa preliminare versione del BS o BdM, è realizzata solo parzialmente e riguarda principalmente gli interlocutori interni e quelli esterni più vicini. Ciascuna OdV ha scelto quindi di adottare un approccio graduale che prevede un coinvolgimento via via più ampio già a partire dalla edizione del prossimo anno. A molti degli interlocutori esterni verrà presentato lo strumento, attraverso i vari canali attivati per la diffusione di questa prima edizione, il loro coinvolgimento avverrà attraverso incontri, raccolta ed analisi dei feed-back rielaborazione dei contributi di ciascuno per la redazione di un Bilancio Sociale e di Missione sempre più partecipato. Obiettivi di miglioramento Questa prima edizione del BS o BdM serve principalmente a far conoscere lo strumento a tutti gli stakeholder sia interni che esterni alle OdV partecipanti. Nelle successive edizioni ciascuna OdV si deve porre due obiettivi fondamentali: il coinvolgimento di tutti i portatori di interesse nel processo di elaborazione del documento; l attivazione di un vero e proprio sistema di contabilità sociale atto a rilevare i dati e le informazioni, utile a dare conto della propria capacità di dare attuazione alla propria mission (BdM) estendendo, eventualmente, l ambito di analisi agli aspetti rilevanti per tutti gli stakeholder interessati (BS). Grazie per aver partecipato! Laura Berardi 11

12 L identità PROFILO GENERALE Profilo giuridico: Associazione di volontariato Iscrizione al n 17 in data 08/03/2001 del Registro Regionale di Protezione Civile Non riconosciuta secondo ex art. 12 c.c. Iscrizione al prot. N. DPC/VRE/ in data nell elenco delle Organizzazioni Nazionali di Volontariato ai sensi dell art. 1 comma 4 del DPR 194/01. Iscritta al SECOV dell Associazione Nazionale Carabinieri di Roma al numero 46. Appartenenza a gruppi nazionali: A.N.C. (Associazione Nazionale Carabinieri) Profilo fiscale: Onlus Sede principale: CHIETI via Arninense 100 Sede principale nazionale: ROMA via Carlo Alberto Dalla Chiesa 1/A Ambito territoriale di operatività: regione ABRUZZO Settore di appartenenza: Protezione Civile Scopi: Protezione conservazione e valorizzazione dell ambiente della cultura e patrimonio storico ed artistico Target di riferimento: la cittadinanza e l ambiente E mail: 12

13 LA STORIA L Associazione Nazionale Carabinieri ha il compito di promuovere e cementare i vincoli di cameratismo e di solidarietà tra i soci e gli appartenenti alle Forze Armate ed alle rispettive Associazioni. Tenere vivo il sentimento di devozione alla Patria, il culto delle gloriose tradizioni dell Arma dei Carabinieri e la memoria dei loro caduti. Realizzare l assistenza morale, culturale, ricreativa a favore dei soci e delle loro famiglie, nonché impegno nel volontariato sociale. I suoi iscritti si dividono i Soci effettivi, Soci familiari e Soci simpatizzanti. I soci effettivi sono da ricercare tra i militari in servizio e in congedo; i soci familiari li troviamo nella loro parentela entro il 3 grado; mentre i soci simpatizzanti vanno ricercati tra coloro che per spirito di appartenenza e condivisione dei principi sono vicini all Arma dei Carabinieri, in possesso di requisiti di buona condotta ed immuni da pregiudizi e pendenze penali. All interno dell ANC troviamo oltre alle Benemerite, gruppo costituito nel 1996, ovvero le madri, mogli, figlie e sorelle dei Carabinieri, le quali operano nel volontariato sociale, anche gruppi legalmente costituiti di Protezione Civile di cui fanno parte soci effettivi, famigliari, e simpatizzanti che operano nell ambito locale, regionale e nazionale, sempre a richiesta degli organi istituzionali. E proprio in questo spirito di solidarietà e di impegno nel volontariato sociale che in seno alla locale Sezione di Chieti dell ASSOCIAZIONE NAZIONALE CARABINIERI nasce il NUCLEO di PRO- TEZIONE CIVILE, che viene costituito ufficialmente il 14 maggio 2000 ma muove i primi passi, presentandosi alle autorità e alla cittadinanza, nell ottobre dello stesso anno. Nasce per volontà del Presidente della Sezione di Chieti, M.M. Bonomo Cav. Paolo e di alcuni suoi stretti collaboratori ai quali ne viene affidata, fin dalla costituzione a tutt oggi la guida, questi grazie al loro entusiasmo e volontà sono riusciti a contagiare un gruppo di altri soci, facendo crescere lentamente ma efficacemente la nostra O.d.V. Gli attori principali, oltre al già citato Presidente della Sezione M.M. Bonomo Cav. Paolo, possono essere identificati, scorrendo l elenco dei ventidue soci fondatori, nei nomi di Umberto Spineti Presidente, di Alessandro Gattone e della moglie Tosolina Lenti, di Davide Mauro Benigni, Gianni Di Muzio, Dario Iezzi e Albino Melchiorre ai quali si sono aggiunti, nel naturale avvicendamento nel corso degli ormai otto anni di vita, altri validi elementi che stanno contribuendo attivamente alla vita ed alla crescita del Nucleo. 13

14 14 L idea nasce e si sviluppa grazie alla sempre più diffusa necessità da parte della cittadinanza di avere un Nucleo di PROTEZIONE CIVILE che rappresentasse la Città di CHIETI. Il gruppo nasce con il compito di collaborare nelle attività di prevenzione e soccorso nell ambito provinciale e regionale e di fornire un supporto al pronto intervento nazionale ed internazionale. Al fine del perseguimento della propria missione, il Nucleo di Protezione Civile attraverso le prestazioni volontarie e gratuite dei propri aderenti ha provveduto a formare i suoi volontari attraverso la partecipazione ai corsi organizzati dalla Regione Abruzzo e più specificatamente: Corsi di BLS e BTLS (corsi di primo intervento sanitario); Corsi di A.I.B. (Antincendio Boschivo) suddivisi in: - Corso di Primo Livello, Avvistamento e avvicinamento incendi; - Corso di Secondo Livello, Supporto e ausilio allo spegnimento degli incendi; - Corso di Terzo Livello, Familiarizzazione all Elicottero in Attività A.I.B.. Corso N.B.C.R. (Nucleare, Biologico, Chimico e Radiologico). Il nucleo di Protezione Civiel ha partecipato a diversi campi addestrativi di Protezione Civile tra cui i più importanti possono essere: ETNA 2001, VITO D ASIO (PN) 2003, SINELLO 2004, SENIGALLIA 2004, AVENTINO 2005, UDINE 2006, TEATE Inoltre ha in corso le seguenti attività: una Convenzione Biennale con la Regione Abruzzo per l espletamento di Servizi di Avvistamento Incendi Boschivi; un accordo con l Università G. D Annunzio per la vigilanza presso il Museo delle Scienze Biomediche di Chieti; una collaborazione con l Associazione Culturale Teate Nostra, per la cura di servizi di vigilanza e di ordine pubblico durante le manifestazioni del Presepe Vivente, della Settimana Mozartiana ed altre; Infine nel corso del 2007 ha partecipato alla realizzazione di un calendario fotografico per l anno 2007 per la raccolta fondi a favore del Canile Rifugio Achille Bonincontro di Chieti.

15 LA MISSIONE Il Nucleo di PROTEZIONE CIVILE dell Associazione Nazionale Carabinieri è un Associazione di Volontariato senza scopo di lucro che ha la finalità di: protezione civile, nell ambito della normativa vigente, in tutte le sue caratteristiche e forme e cioè la previsione, prevenzione e soccorso in occasione di calamità naturali in ausilio alle forze dell ordine; protezione, conservazione e valorizzazione dell ambiente, della cultura e della tutela del patrimonio storico- artistico ed ambientale; la promozione e la tutela dei diritti della persona mediante l assistenza e/o la vigilanza, prioritariamente nei confronti di portatori di handicap, anziani, emarginati, minori. 15

16 GLI STAKEHOLDER Figura 1: Mappa degli STAKEHOLDER 16

17 Di seguito si illustrano i diversi stakeholder. SOCI e VOLONTARI Rappresentano i maggiori portatori di interesse perchè sono coloro che autofinanziandosi contribuiscono alla vita e all attività dell associazione. FONDAZIONE CARICHIETI Ha dato un notevole contributo per l acquisto di attrezzature e materiali per lo svolgimento delle attività dell associazione. REGIONE ABRUZZO Contribuisce all attività dell associazione con l erogazione di contributi a progetto e a rimborsi per servizi A.I.B. con convenzione biennale. ORGANI ISTITUZIONALI Regione-Provincia-Comune Sono gli organi che richiedono l intervento della nostra Associazione per servizi di varia natura (servizi di A.I.B., servizi di assistenza ai caselli autostradali, servizi di supporto all ordine pubblico, nonchè i servizi di Protezione Civile) ORGANI PRIVATI Tutti coloro che anno bisogno del nostro supporto e dei nostri servizi inerenti alla protezione civile. PROCIVIL (Coordinamento Provinciale Protezione Civile) Organo non istituzionale atto a coordinare le attività di tutte le Associazioni di volontariato ad esso facenti capo nei casi di emergenza. 17

18 Il governo e le risorse umane LA COMPAGINE SOCIALE Il Nucleo di Protezione Civile dell Associazione Nazionale Carabinieri è una organizzazione di volontariato, indipendente, apolitica, con autonomia patrimoniale ed amministrativa ispirata ai principi contenuti nello Statuto dell Associazione Nazionale Carabinieri. E una libera espressione di partecipazione, solidarietà e pluralismo per il conseguimento delle finalità di carattere sociale, civile e culturale nel rispetto delle leggi. Esso è composto da soci effettivi, soci familiari e simpatizzanti già iscritti alla Sezione di Chieti dell Associazione Nazionale Carabinieri. I Soci effettivi sono coloro che hanno prestato servizio nell Arma dei Carabinieri; i familiari ed i Soci simpatizzanti sono coloro che, familiari o affini, ne richiedono l iscrizione che dovrà essere approvata dal Comitato Esecutivo. Dopo un periodo di continuo fermento, comune a tutte le associazioni di volontariato, negli ultimi anni la compagine sociale ha trovato una sua stabilità nel numero degli aderenti, avendo ormai terminato il periodo di grande entusiasmo iniziale che ha portato ad un gran numero di adesioni accompagnato però da una scarsa partecipazione, seguito poi dal fisiologico deciso calo di iscritti. Il Nucleo in questi ultimi due anni si è attestato su un numero di iscritti variabile tra i 13 ed i 18, alla data odierna conta 15 componenti oltre a due domande di ammissione in corso di valutazione da parte del Comitato Esecutivo. I quindici iscritti, residenti nella città di Chieti e nel suo circondario, sono prevalentemente di sesso maschile,mentre le fasce di età maggiormente rappresentate sono quella compresa tra i 30 ed i 40 anni oltre a quella oltre i 50. IL SISTEMA DI GOVERNO 18 L Assemblea degli Aderenti è l organo sovrano del Nucleo ed è costituita da tutti gli iscritti all organizzazione, ha il compito di

19 eleggere il Comitato Esecutivo, il Collegio dei Revisori dei Conti, approvare o rigettare le proposte di attività sociali proposta dal Comitato Esecutivo oltre che approvare il bilancio consuntivo e preventivo. Statutariamente deve riunirsi almeno una volta l anno in via ordinaria per le normali approvazioni e straordinariamente ogni volta che il Presidente ne ritiene necessaria la sua convocazione. Il nostro Nucleo, allo scopo di rendere la gestione la più trasparente e collegiale possibile, favoriti anche dal numero complessivo degli aderenti, propende alla convocazione dell Assemblea degli Aderenti in luogo di quella del Comitato Esecutivo per ogni decisone programmatica ed economica che dovesse presentarsi nel corso della ordinaria gestione, a riprova di ciò il Registro dei Verbali delle Assemblee conta ben nove convocazioni negli ultimi due anni. Il sistema di Governo del Nucleo è così composto: Assemblea degli Aderenti; Comitato Esecutivo composto da 5 elementi (di cui almeno tre debbono essere soci effettivi); Il Collegio dei Revisori dei Conti composto da 3 elementi; Il Collegio dei Probiviri composto da 3 elementi. La composizione del Comitato Esecutivo al 31/12/2007 COMITATO ESECUTIVO NOMINATIVO DATA NOMINA Presidente Umberto Spineti 14/05/2000 Tesoriere Alessandro Gattone 14/05/2000 Vice Presidente Davide Mauro 14/05/2000 Benigni Vice Presidente Gianni Di Muzio 14/12/2003 Segretario Carla D Emilio 16/06/2006 Tabella 1: composizione organi sociali 19

20 STRUTTURA ORGANIZZATIVA Il Comitato esecutivo ha il compito di gestire la vita quoitidiana del nucleo come da organigramma che segue: ASSEMBLEA degli ADERENTI CONSIGLIO DIRETTIVO PRESIDENTE VICE PRESIDENTE TESORIERE con delega di VICE PRESI- DENTE VICARIO SEGRETARIO. SEGRETERIA. GRUPPO DI LAVORO attivita aib GRUPPO DI LAVORO addestramento di base dei volontari GRUPPO DI LAVORO ATTIVITA DI supporto alle Forze Pubbliche GRUPPO DI LAVORO Attività di supporto a Organi Privati Figura 2: organigramma associazione L assemblea degli aderenti, che si riunisce almeno 2 volte l anno, ha la funzione di controllo e verifica della gestione del Nucleo tramite la nomina con validità triennale del consiglio direttivo. Nonché di decidere sull ammissione e l esclusione dal Nucleo degli aderenti. Il consiglio direttivo composto da 5 elementi (di cui almeno 3 devono essere soci effettivi) ha il compito di gestire l ordinaria amministrazione, redigere i bilanci, istituire gruppi di lavoro per l ordinaria gestione di specifici settori di attività. Il presidente viene eletto dal consiglio direttivo ed ha funzioni di legale rappresentanza con firma sociale, convocare e presiedere le assemblee degli aderenti e del consiglio direttivo, può effettuare incassi e pagamenti ed accettare donazioni in denaro. Infine, può adottare provvedimenti unilaterali di urgenza sottoponendoli a ratifica alla prima riunione utile del consiglio direttivo. 20

21 LE RISORSE UMANE Nel corso degli ultimi due anni i volontari del Nucleo sono stati n. 15 e tutti non retribuiti e soci del Nucleo. 2006(n.) 2007(n.) Volontari Personale retribuito 0 0 Giovani servizio civile 0 0 Tot Tabella 2: risorse umane Analisi delle risorse umane rispetto ad alcune variabili significative Sesso N. % Femmine 2 10 Maschi Tot Titolo di studio N. % Diploma scuola media inferiore 3 20 Diploma scuola media superiore Tot Fasce di età da 20 a 30 da 31 a 40 da 41 a 50 oltre % 0 10 Figura 3: risorse umane per fasce di età 21

22 Le risorse economico-finanziarie e la dotazione patrimoniale Il Nucleo di Protezione Civile che il Comitato Esecutivo è chiamato a guidare per raggiungere l obiettivo dei propri fini statutari, continua, con costanza a lavorare per mettere a disposizione della comunità la disponibilità e l esperienza dei propri aderenti. L anno 2007, come anche il precedente 2006, ha visto la prosecuzione del periodo di stabilizzazione nel numero di aderenti, consentendo una sempre maggiore amalgama del personale e quindi dando un servizio sempre più efficiente e qualificato. Analizzando nel dettaglio le poste del bilancio redatto si può evidenziare come la stabilità economica, rispetto allo scorso anno, passi attraverso la riproposizione delle entrate regionali relative ai servizi di AIB e da quelle volontarie degli aderenti. Questo stabilizzarsi delle entrate nel corso degli ultimi anni e la certezza dell erogazione dei contributi per i progetti sopra descritti, ci permette di prevedere una gestione per l anno fiscale 2008 molto più tranquilla dei precedenti. STATO PATRIMONIALE ATTIVO DATI IN EURO ANNO 2007 A) Crediti verso associati per versamento quote 0 B) Immobilizzazioni I - Immobilizzazioni immateriali: II - Immobilizzazioni materiali: 5497,27 III -Immobilizzazioni finanziarie Totale immobilizzazioni (B) 5497,27 C) Attivo circolante I - Rimanenze: II - Crediti: 4080,12 III - Attività finanziarie non immobilizzazioni IV - Disponibilità liquide 1161,75 Totale attivo circolante (C) 5241,87 D) Ratei e risconti 0 Totale attivo 10739,14 22

23 A) Patrimonio netto PASSIVO DATI IN EURO ANNO 2007 I - Patrimonio libero II - Fondo di dotazione dell'ente 8860,49 III - Patrimonio vincolato Totale A) 8860,49 B) Fondi per rischi ed oneri C) Trattamento di fine rapporto di lavoro subordinato D) Debiti 1878,65 E) Ratei e risconti Totale passivo 10739,14 RENDICONTO DEGLI INCASSI, DEI PAGAMENTI E SITUAZIONE PATRIMONIALE Periodo amministrativo 2007 SEZIONE A Incassi e Pagamenti A1 Incassi della gestione Attività tipiche 1774,16 Raccolta di fondi Attività accessorie 243,40 Incassi straordinari 8000,00 Dotazione Altri incassi 615,50 Sub totale 10633,06 A2 Incassi in c/capitale Incassi derivanti da disinvestimenti Incassi da prestiti ricevuti Sub totale A3 Totale incassi 10633,06 A4 Pagamenti della gestione Attività tipiche 7162,79 Attività promozionali e di raccolta fondi Attività accessorie Attività di supporto generale Pagamenti straordinari 3611,26 Altri pagamenti 760,29 Sub totale 11534,34 A5 Pagamenti in conto capitale Investimenti Rimborso debiti Sub totale A6 Totale pagamenti 11534,34 Differenza tra incassi e pagamenti 1271,15 A7 Fondi liquidi iniziali 2172,43 A8 Fondi liquidi a fine anno 1161,75 23

24 SEZIONE B Situazione attività e passività al termine dell'anno Categorie Dettagli Euro B1 Fondi liquidi Cassa 745,05 c/c postale 416,70 Totale fondi liquidi 1161,75 B2 Attività monetari e finanziarie B3 Attività detenute per la gestione dell'ente Contributi regione per servizi e finanziamenti a progetto Contributi per servizi 9774,16 243,40 vari Contributi da aderenti 615,50 Varie 5,37 Dettagli Costo (optional) Valore spese ordinarie nucleo corrente(optional) 7022,54 pc Spese automezzi 4511,80 B4 Passività Dettagli Ammontare dovuto Scadenza (optional) Debiti verso 1878,65 aderenti(2007) Accantonamento finanziamento Nucleo Accantonamento acquisto attrezzature e automezzo 3360, ,00 24

25 RENDICONTO DI GESTIONE Rendiconto gestionale 2007 Attività istituzionali: Proventi (entrate) Oneri (uscite) Risultato delle attività istituzionali Attività promozionali e raccolta fondi: Proventi (entrate) Oneri (uscite) Risultato delle attività promozionali e di raccolta fondi Attività accessorie: Proventi (entrate) Oneri (uscite) Attività di supporto generale: Proventi (entrate) Oneri (uscite) Risultato delle attività accessorie Risultato delle attività di supporto generale Attività di gestione finanziaria e patrimoniale: Proventi (entrate) Oneri (uscite) Risultato delle attività di gestione finanziaria e patrimoniale Attività di natura straordinaria: Proventi (entrate) Oneri (uscite) 2.017, , , ,00-280, , , , , ,76 Risultato delle attività di natura straordinaria 3.155,24 Risultato di periodo 1271,15 25

26 INDICI DI BILANCIO Grado di dipendenza da uno specifico soggetto Proventi o entrate provenienti da uno specifico soggetto Regione Abruzzo Contributo a Progetto 8.000, ,49 (Totale Proventi) x100 =62,47 Regione Abruzzo Convenzione A.I.B , ,49 (Totale Proventi) x100 =13,85 Contributi degli Aderenti 615, ,49 (Totale Proventi) x100 =4,80 Contributi Straordinari 243, ,49 (Totale Proventi) x100 =1,90 26

27 Grado di utilizzo delle risorse raccolte Risorse utilizzate , ,06 Totale risorse raccolte x 100 = 103 Grado di incidenza oneri per attività istituzionali Oneri attività istituzionali 9.735, ,34 x 100 = 84,40 Totale oneri Grado di incidenza oneri per attività promozionali e di raccolta fondi Oneri attività promozionali e di raccolta fondi 431, ,34 x 100 = 3,74 Totale oneri 27

28 Il perseguimento della missione IL PERSEGUIMENTO DELLA FINALITA DI PROTEZIONE DEL TERRITORIO I boschi e le montagne sono un patrimonio ambientale e turistico di valore inestimabile per la Regione Abruzzo in quanto essi rappresentano gran parte del nostro territorio. In questi ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento rilevante degli incendi nelle aree boschive tale da spingere l Assessorato alla Protezione Civile della Regione Abruzzo a coinvolgere i volontari di Protezione Civile a preservare il territorio attraverso la loro formazione ed il loro successivo impiego, attraverso apposite convenzioni stipulate con le singole Associazioni, nella prevenzione di incendi boschivi. La formazione dei volontari avviene attraverso i seguenti corsi: Corso di Primo Livello, Avvistamento e avvicinamento incendi; Corso di Secondo Livello, Supporto e ausilio allo spegnimento degli incendi; Corso di Terzo Livello, Familiarizzazione all Elicottero in Attività A.I.B. (Avvistamento Incendi Boschivi). 28 Il nostro gruppo di lavoro conta al proprio interno 2 volontari che hanno terminato l intero percorso formativo e pertanto sono abilitati allo spegnimento degli incendi e all avvicinamento all elicottero; 5 volontari che hanno concluso la seconda parte del percorso e quindi sono abilitati allo spegnimento degli incendi boschivi ed infine altri 5 volontari che si trovano agli inizi del percorso formativo e sono abilitati al solo avvistamento degli incendi boschivi ed alla conseguente allerta della S.O.U.P. (Sala Operativa Unificata Permanente della Regione Abruzzo). In forza della convenzione stipulata, quindi, nel corso del 2007 sono stati eseguiti 14 servizi di A.I.B. impiegando 90 volontari e percorrendo 4899 Km, nel corso dei suddetti servizi circa il 48 % di essi hanno richiesto l intervento dei nostri volontari nello spegnimento di incendi che si erano sviluppati. Tali interventi sono stati espletati con l ausilio di automezzi

29 privati (GRAN CHEROKEE) e dell automezzo di proprietà del nucleo (FIAT CAMPAGNOLA). Impegni ed obiettivi per il futuro Obiettivo primario per il nostro nucleo è quello di far completare il percorso formativo a tutti i nostri aderenti partecipando ai corsi già istituiti ed a quelli che eventualmente la Regione Abruzzo avrà in progetto di organizzare. Potenziare le attrezzature necessarie per il perseguimento dell attività di A.I.B. A tal fine si è provveduto del 2005 ad inoltrare domanda, ai sensi del DPR 194 dell , al Dipartimento della Protezione Civile per l assegnazione di fondi atti all acquisto di un automezzo provvisto di modulo per lo spegnimento degli incendi, in modo tale da poter intervenire immediatamente ed autonomamente sull incendio cercando di evitarne il propagarsi. E di questi giorni la notizia dell erogazione dei fondi e quindi per il prossimo periodo di emergenza potremo contare sull utilizzo del citato automezzo. Il perseguimento della finalita di gestione dell emergenza Il territorio nazionale per la sua costituzione morfologica è soggetto a fenomeni di esondazioni e terremoti. Per questo motivo è stato disposto un piano di emergenza per gli interventi in caso di calamità naturali. A tal proposito in occasione dell esercitazione a rischio sismico AVENTINO 2005 il servizio di Protezione Civile della Provincia di Chieti ha dettato delle linee guida di intervento in caso di terremoto. Nel corso degli anni i nostri volontari hanno avuto modo di approcciarsi alle tecniche di intervento nelle diverse emergenze partecipando tra gli altri, ai seguenti campi di addestramento ETNA 2001, VITO D ASIO (PN) 2003, SINELLO 2004, SENIGALLIA 2004, UDINE 2006 (manifestazione per il trentennale del terremoto del FRIULI) TEATE Impegni ed obiettivi per il futuro Il nostro nucleo non essendo nella condizione di poter organizzare campi addestrativi, a causa di mancanza di sufficienti 29

30 risorse umane ed economiche, si prefigge l obiettivo di partecipare attivamente ai campi di addestramento che in futuro verranno organizzati nel nostro territorio. A puro titolo esemplificativo riportiamo di seguito uno schema secondo il quale siamo organizzati a procedere agli interventi in caso di calamità naturali. CALAMITA NATURALI ED ALTRI EVENTI ORGANI ISTITUZIONALI REGIONALE ANC NUCLEO DI PROTEZIONE CIVILE NAZIONALE PROTEZIONE CIVILE ANC ROMA EMERGENZA NAZIONALE CALAMITA NATURALI E ALTRI EVENTI DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE NAZIONALE 30

31 IL PERSEGUIMENTO DELLA FINALITA DI CONSERVA- ZIONE E VALORIZZAZIONE DELLA CULTURA, DEL PATRIMO- NIO ARTISTICO E STORICO La nostra Nazione è tra le più ricche di storia, di cultura, di patrimoni artistici ed architettonici del mondo, e la nostra Regione ed in particolare la Città di Chieti è da considerarsi sicuramente un patrimonio per la storia e la cultura nazionale. Testimonianza sicura ne è la presenza di importanti resti romani e di diversi musei che si sono assunto l onere di conservare, valorizzare e divulgare la nostra storia. La Sezione di Chieti dell ANC ha stipulato una convenzione (a titolo gratuito) con l Università D Annunzio di Chieti per la collaborazione con il personale alla vigilanza ed alla valorizzazione del Museo di Scienze Biomediche di Chieti; il Nucleo di Protezione Civile con il proprio personale collabora con i soci dell ANC e con le Benemerite al raggiungimento di questo obiettivo. Nel corso del 2007 sono stati espletati 37 servizi di vigilanza, utilizzando 72 volontari per un totale di circa 360 ore di servizio. Impegni ed obiettivi per il futuro Obiettivo primario è quello di migliorare l offerta di vigilanza fornita con la Convenzione in corso. Inoltre è nostra volontà impegnarci a fornire la nostra collaborazione alle Amministrazioni competenti affinché si possa giungere alla valorizzazione di altri patrimoni della città ad oggi abbandonati, quali possono essere i siti archeologici ed i patrimoni artistici di proprietà di Amministrazioni pubbliche e private che ad oggi non sono a disposizione della cittadinanza. 31

32 IL PERSEGUIMENTO DELLA FINALITA DI PREVENZIONE E SOCCORSO IN OCCASIONE DI EVENTI SOCIO CUTURALI IN AUSILIO ALLE FORZE DELL ORDINE Tra i compiti marginali del volontariato di Protezione Civile rientra senz altro anche l intervento sulla viabilità stradale in occasione di eventi socio culturali al fine di vigilare sulla pubblica incolumità della cittadinanza. Il nostro Nucleo annoverando per la maggior parte Carabinieri in congedo e pertanto avendo al proprio interno personale già qualificato ed esperto, è particolarmente sensibile a questo tipo di interventi, e nello stesso tempo è particolarmente ricercato dai comitati organizzatori di manifestazioni di vario genere. Il nostro intervento, ovviamente, in questi casi può avvenire solo ed esclusivamente in ausilio e supporto alle forze dell ordine ed alla Polizia Municipale, senza la presenza dei quali altrimenti non sarebbe possibile alcun intervento sulla circolazione stradale. Nel corso degli anni la nostra presenza si è ormai consolidata in occasione di particolari eventi quali Il Presepe Vivente, evento di rievocazione della natività di Gesù; la Notturna di Chieti, gara podistica che si svolge lungo le strade cittadine nelle ore serali; La Miglianico Tour, altra manifestazione podistica che si svolge nel Comune di Miglianico; La Settimana Mozartiana; il Maggio Teatino; oltre a tutte le altre manifestazioni che non hanno una cadenza annuale come gare ciclistiche a livello dilettantistico e locale, manifestazioni canore, concerti ed altro. In occasione di queste manifestazioni la nostra presenza può essere quantificata in un numero variabile di volontari che va da un minimo di 8 ad un massimo di 12 a seconda dell estensione del territorio da vigilare, e l impegno di ognuno varia da un minimo di 7 ore fino ad un massimo di circa 9/10 ore giornaliere. Impegni ed obiettivi per il futuro L obiettivo della nostra organizzazione per gli intereventi in queste manifestazioni è quello di riuscire a formare adeguatamente i volontari che non avendo prestato servizio nell Arma dei Carabinieri non hanno le conoscenze necessarie per intervenire sulla viabilità stradale, seppur in ausilio alle forze dell ordine, e pertanto ci stiamo adoperando per organizzare, nel prossimo periodo invernale, dei corsi di formazione specifici. 32

33 33

34

35

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE ROMANDANDO - Associazione senza scopo di lucro ARTICOLO 1. E costituita l Associazione "ROMANDANDO Associazione senza scopo di lucro", in forma abbreviata: "ROMANDANDO". La durata

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE IL BASTIONE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE IL BASTIONE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE IL BASTIONE Logo regolarmente registrato presso C.C.I.A.A. della Spezia Il giorno 01 maggio 2001 alla Spezia in Via Cadorna 24, viene costituita l Associazione Culturale

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli.

1 Associazione Internazionale delle Carità fondate da San Vincenzo dè Paoli. STATUTO GRUPPI DI VOLONTARIATO VINCENZIANO AIC ITALIA Approvato dal Comitato di Presidenza nazionale il 10 maggio 2007 Approvato dal Consiglio nazionale il 10 maggio 2007 Art. 1 - Costituzione I Gruppi

Dettagli

Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età

Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età Statuto della Sede Locale di Cormòns dell'università della Terza Età - UNITRE - Università delle Tre Età Approvato dal Consiglio Nazionale del 21/10/2006 Art. 1. Denominazione 1) È costituita la Sede Locale

Dettagli

Associazione. Amici dell Archivio Fotografico Lucchese STATUTO. Amici dell. Archivio Fotografico Lucchese

Associazione. Amici dell Archivio Fotografico Lucchese STATUTO. Amici dell. Archivio Fotografico Lucchese Associazione Amici dell Archivio Fotografico Lucchese STATUTO Amici dell Archivio Fotografico Lucchese 4 Maggio 2010 STATUTO Associazione Amici dell Archivio Fotografico Lucchese Art. 1 E costituita in

Dettagli

Associazione Nazionale Scuola Italiana STATUTO

Associazione Nazionale Scuola Italiana STATUTO Associazione Nazionale Scuola Italiana STATUTO 3 4 Capo I Natura e scopi dell A.N.S.I. Art. 1 È costituita l Associazione Nazionale Scuola Italiana (A.N.S.I.) con sede centrale in Roma. Art. 2 L A.N.S.I.

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi

Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Statuto dell Associazione LAUS Vol. LAUS Volontariato della Provincia di Lodi Art.1 - Costituzione e sede E costituita, con sede legale a Lodi, l Associazione denominata: LAUS Volontariato della Provincia

Dettagli

STATUTO I. NOME, SEDE, FINI, STRUMENTI

STATUTO I. NOME, SEDE, FINI, STRUMENTI STATUTO I. NOME, SEDE, FINI, STRUMENTI Art. 1 - E costituita, ai sensi degli artt. 36 e ss. c.c., l'associazione culturale AEQUA Associazione per l Efficienza e la QUalità nell Amministrazione). Art. 2

Dettagli

Bilancio al 31 dicembre 2011. Relazione Morale

Bilancio al 31 dicembre 2011. Relazione Morale Bilancio al 31 dicembre 2011 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Maurizio Armandi Silingardi Sergio Gennari Mario Presidente Vice presidente Consigliere Bilancio al 31 dicembre 2011 Relazione Morale 1 Introduzione

Dettagli

CENTRO ANZIANI DI PORCIA

CENTRO ANZIANI DI PORCIA Centro anziani di Porcia Associazione di volontariato O.N.L.U.S Iscritto al n 930 del Registro del Volontariato F.V.G Decreto iscrizione n. 1574 del 23.04.2015 Via delle Risorgive, 3-33080 Porcia (PN)

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento consulta comunale delle associazioni di volontariato di protezione civile Approvato con D.C.C. n. 32 del 24/04/2008 Modificato con D.C.C. n. 9 del 14/04/2011 Art. 1 - Istituzione

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS

STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE CASA DEL GIRASOLE ONLUS Art. 1 - DENOMINAZIONE SEDE DURATA E costituita una associazione di volontariato ai sensi della legge 11 agosto 1991 n. 266. L Associazione è denominata Casa

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO TITOLO I Denominazione - durata - sede - scopi ART 1. Per iniziativa dello Sma (Sistema Museale d'ateneo) e del Museo di Palazzo Poggi, è costituita l Associazione

Dettagli

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO

COMUNE DI CESENA. Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO COMUNE DI CESENA Settore Servizi Sociali COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO STATUTO TITOLO I PRINCIPI E FINALITÀ 2 Art. 1 - Principi 2 Art. 2 - Istituzione 2 Art. 3 Finalità 2 TITOLO II ORGANI E FUNZIONI 3

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE COSTITUZIONE E FINALITA Articolo 1. E costituita un Associazione di Promozione Sociale, senza fini di lucro, denominata Il Laghetto Cantone. L Associazione

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI Art. 1 DENOMINAZIONE 1. E costituita la fondazione denominata Fondazione Ascolta e Vivi, in seguito chiamata per brevità fondazione, con sede legale a Milano via Foppa

Dettagli

Tutte le cariche sociali sono assunte e assolte a totale titolo gratuito.

Tutte le cariche sociali sono assunte e assolte a totale titolo gratuito. ALLEGATO A STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE E CULTURALE CARPE DIEM. Art. 1 - DENOMINAZIONE E' costituita nel rispetto del codice civile e della L 383/2000 l'associazione di promozione sociale

Dettagli

LA COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. Lo statuto. Art. 1- Costituzione E costituita l associazione denominata COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO.

LA COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. Lo statuto. Art. 1- Costituzione E costituita l associazione denominata COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. LA COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO Lo statuto Art. 1- Costituzione E costituita l associazione denominata COMUNITA INTERNAZIONALE DI CAPODARCO. Art. 2- Sede L associazione ha sede legale, in Italia,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MAD EVENTI. ARTICOLO 1 - E costituita l associazione di promozione sociale di

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MAD EVENTI. ARTICOLO 1 - E costituita l associazione di promozione sociale di STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MAD EVENTI ARTICOLO 1 - E costituita l associazione di promozione sociale di tipo culturale denominata MAD EVENTI con sede in Lucca, frazione Monte San Quirico, Via

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri.

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. Articolo 1 COSTITUZIONE SEDE STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. 2) La Fondazione ha sede in Mede, Piazza della Repubblica

Dettagli

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO

ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ASSOCIAZIONE GENITORI ISTITUTO MONTESSORI BOLLATE STATUTO ARTICOLO 1 Costituzione dell Associazione Genitori È costituita l Associazione Genitori Istituto Montessori. Ne fanno parte i genitori degli alunni

Dettagli

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO

STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO STATUTO DELLA ASSOCIAZIONE CULTURALE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA STATUTO ART. l DENOMINAZIONE E SEDE È costituita l Associazione culturale denominata ASSOCIAZIONE PICCOLI CANTORI DI TORRESPACCATA,

Dettagli

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE.

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. INDICE TITOLO I ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI art. 1 Finalità

Dettagli

A.I.C.S. - Solidarietà

A.I.C.S. - Solidarietà STATUTO ART.1 COSTITUZIONE E DENOMINAZIONE E costituita l Associazione Regionale fra Comitati Provinciali della Toscana dell A.I.C.S. che operano nel campo delle attività culturali, sportive e sociali

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015

COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015 Com.stampa coordinamenti 2015 Raggruppamento Coordinamenti Regionali Volontariato Protezione Civile L A Z I O COMUNICATO STAMPA DEL 13.08.2015 Il volontariato di protezione civile è fra le più importanti

Dettagli

MEDIFUTURO ASSOCIAZIONE CULTURALE Via E. A. Mario n. 10 80021 AFRAGOLA (NA) Cell. 320/ 7221687 e-mail: asso.medifuturo@libero.

MEDIFUTURO ASSOCIAZIONE CULTURALE Via E. A. Mario n. 10 80021 AFRAGOLA (NA) Cell. 320/ 7221687 e-mail: asso.medifuturo@libero. STATUTO Art. 1 - Costituzione, denominazione e durata È costituita, nel rispetto degli artt. 36 e seguenti del Codice Civile, l Associazione denominata MEDIFUTURO L Associazione ha durata illimitata, salvo

Dettagli

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE COME PROCEDERE PER COSTITUIRE UN GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Indire un assemblea pubblica per pubblicizzare l intenzione dell Amministrazione Comunale di costituire un Gruppo Comunale

Dettagli

Statuto dell Associazione Culturale Fatti d Arte

Statuto dell Associazione Culturale Fatti d Arte Sede legale: via Bertoni, 224 Faenza (RA) C.F.: 90033970394 P.I.: 02527530394 www.fattidarteassociazione.it info@fattidarteassociazione.it Statuto dell Associazione Culturale Fatti d Arte Sede, costituzione,

Dettagli

STATUTO Il Sole Onlus

STATUTO Il Sole Onlus STATUTO Il Sole Onlus Titolo 1 Denominazione- Sede Art. 1 E costituita un associazione denominata : IL SOLE ASSOCIAZIONE per la cooperazione internazionale e le adozioni a distanza Onlus L associazione

Dettagli

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009)

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Articolo 1 Finalità e oggetto della legge 1. La Regione,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA ASSOCIAZIONE NAZIONALE TERZA ETÀ ATTIVA PER LA SOLIDARIETÀ SONDRIO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA ASSOCIAZIONE NAZIONALE TERZA ETÀ ATTIVA PER LA SOLIDARIETÀ SONDRIO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DENOMINATA ASSOCIAZIONE NAZIONALE TERZA ETÀ ATTIVA PER LA SOLIDARIETÀ SONDRIO Approvato dall Assemblea il 10 marzo 2011 Art. 1 Costituzione 1. È costituita l associazione di volontariato

Dettagli

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione)

STATUTO TIPO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO. Art. 1 (Costituzione) Il presente schema di Statuto viene proposto, a mero titolo indicativo, non potendo, né volendo, limitare la libertà delle Organizzazioni di darsi autonomamente le norme disciplinanti il proprio ordinamento.

Dettagli

2) Sede legale La Fondazione ha sede in Verona.

2) Sede legale La Fondazione ha sede in Verona. 1) Costituzione, denominazione, natura E costituita una fondazione, a norma degli artt. 14 e segg. del codice civile, denominata Fondazione Cattolica Assicurazioni. La Fondazione è persona giuridica di

Dettagli

unione regionale istituzioni e iniziative pubbliche e private di assistenza agli anziani STATUTO

unione regionale istituzioni e iniziative pubbliche e private di assistenza agli anziani STATUTO unione regionale istituzioni e iniziative pubbliche e private di assistenza agli anziani STATUTO in vigore dal 7 Aprile 2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Unione Regionale Istituzioni e Iniziative Pubbliche

Dettagli

STATUTO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ASSOCIAZIONE PER LA DECRESCITA

STATUTO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ASSOCIAZIONE PER LA DECRESCITA STATUTO ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ASSOCIAZIONE PER LA DECRESCITA ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della L. 382/2000 e della normativa in materia, l organizzazione

Dettagli

CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI del COMUNE di BORGOFORTE STATUTO. Art. 1 COSTITUZIONE E SCOPO

CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI del COMUNE di BORGOFORTE STATUTO. Art. 1 COSTITUZIONE E SCOPO CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI del COMUNE di BORGOFORTE STATUTO Art. 1 COSTITUZIONE E SCOPO 1. E costituita con sede legale a Borgoforte, in via Parmense n.26, la Consulta delle Associazioni del Comune di

Dettagli

FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE

FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE Statuto STATUTO FONDAZIONE GRUPPO CREDITO VALTELLINESE Articolo 1 È costituita ai sensi dell art. 12 e seguenti del Codice Civile per volontà del CREDITO VALTELLINESE

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE...

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... ARTICOLO N 1 - Costituzione dell ASSOCIAZIONE. A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D/Lgs 460/97, della Legge 383/2000

Dettagli

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA Kayak Club Gallipoli STATUTO TITOLO I. Costituzione e scopo dell Associazione

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA Kayak Club Gallipoli STATUTO TITOLO I. Costituzione e scopo dell Associazione ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA Kayak Club Gallipoli STATUTO TITOLO I Costituzione e scopo dell Associazione Art. 1 (Costituzione dell Associazione) E costituita l Associazione Sportiva Dilettantistica,

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse

STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION. Art. 1 Costituzione. Art. 2 Scopi. Art. 3 Attività strumentali accessorie e connesse STATUTO FONDAZIONE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE-EDUCATION Art. 1 Costituzione 1. E costituita dall Università degli Studi Roma Tre una Fondazione di diritto privato denominata Fondazione Università

Dettagli

L Associazione ha sede in Favria, Via Canavere 19D.

L Associazione ha sede in Favria, Via Canavere 19D. ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO BUONI AMICI STATUTO Art. 1 - Costituzione, denominazione, sede e durata. a - E costituita l Associazione di Volontariato BUONI AMICI. L Associazione ha sede in Favria, Via

Dettagli

Comitato di Coordinamento

Comitato di Coordinamento Coomitaatoo t ddi i Coooorddi r i nnaamenntoo e t ddeel llee Orrggaannizzzaazioonni i z zi i ddi i Vooloonntaarri l t i aatoo t ddellaa PPrrootezioonnee Civvili ill ee Reggoolaameenntoo e l t Art. 1 Premessa

Dettagli

COMUNE DI SAN DONATO DI LECCE

COMUNE DI SAN DONATO DI LECCE INDICE INDICE...1 Articolo 1 - Denominazione e sede...2 Articolo 2 Durata...2 Articolo 3 Finalità ed attività...2 Articolo 4 Requisiti dei volontari...3 Articolo 5 Diritti dei volontari...3 Articolo 6

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA-MENTE LIBERI no profit

ATTO COSTITUTIVO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA-MENTE LIBERI no profit ATTO COSTITUTIVO DELL ASSOCIAZIONE SPORTIVA-MENTE LIBERI no profit L anno 2006 il giorno 27 maggio alle ore 15:00 in via Roma, 5 a Remedello (BS), ora trasferitasi in via Visano, 70 a Isorella (BS) sono

Dettagli

FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE. TITOLO I Norme Generali. Articolo 1-Premessa Generale

FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE. TITOLO I Norme Generali. Articolo 1-Premessa Generale FONDAZIONE CALABRIA - ROMA - EUROPA REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE TITOLO I Norme Generali Articolo 1-Premessa Generale Il presente Regolamento è adottato dal CdA della FONDAZIONE Calabria Roma Europa, nei

Dettagli

STATUTO Associazione Regionale Veneti a Milano TITOLO I

STATUTO Associazione Regionale Veneti a Milano TITOLO I STATUTO Associazione Regionale Veneti a Milano TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA Art. 1) Denominazione È costituita l Associazione denominata Associazione Veneti a Milano O.N.L.U.S. Art. 2) Sede L Associazione

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DANEO

STATUTO ASSOCIAZIONE DANEO STATUTO ASSOCIAZIONE DANEO Art. 1 Costituzione, democraticità della struttura e assenza del fine di lucro 1. È costituita con sede nella scuola elementare Giovanni Daneo in Genova, Salita Concezione 2,

Dettagli

PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE

PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE Circolo 25 Aprile del Partito Democratico di Bareggio INDICE PROPOSTA ORGANIZZATIVA E INDICAZIONE DELLE COMPETENZE (approvato nella seduta del coordinamento del Giorno 14-11.2013) 1. Oggetto 2. Funzioni

Dettagli

Art. 4 - DIRITTI E DOVERI DEGLI ADERENTI

Art. 4 - DIRITTI E DOVERI DEGLI ADERENTI Art. 1 - COSTITUZIONE 1.1 E costituita l associazione Immagine Pensiero il Prato di Assio che in seguito sarà denominata l associazione. L associazione adotta come riferimento la legge quadro del volontariato

Dettagli

STATUTO AMICIZIA MISSIONARIA ONLUS. Art.1

STATUTO AMICIZIA MISSIONARIA ONLUS. Art.1 STATUTO AMICIZIA MISSIONARIA ONLUS Art.1 E costituita ai sensi degli articoli 36, 37 e 38 del Codice civile, nonchè del D. Lgs. 4 dicembre 1997 n. 460, una associazione denominata AMICIZIA MISSIONARIA

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CULTURALE ONLUS 'PUNTO A CAPO'

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CULTURALE ONLUS 'PUNTO A CAPO' STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CULTURALE ONLUS 'PUNTO A CAPO' Modificato e registrato il 02/10/2008 presso l'agenzia delle Entrate di Albano (RM) Registrazione n. 5089 serie III. Art. 1 È costituita un associazione

Dettagli

STATUTO di ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA

STATUTO di ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA STATUTO di ASSOCIAZIONE NON RICONOSCIUTA ART. 1 Denominazione e sede E' costituita, ai sensi degli articoli 36 e seguenti dei Codice Civile, l'associazione culturale e sociale denominata "Training Management

Dettagli

1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto. una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di

1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto. una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di STATUTO COSTITUZIONE E SCOPI 1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di solidarietà e con durata illimitata,

Dettagli

CIRCOLO LEGAMBIENTE REGIONE VALLE D AOSTA ADERENTE ALLA FEDERAZIONE LEGAMBIENTE VOLONTARIATO STATUTO

CIRCOLO LEGAMBIENTE REGIONE VALLE D AOSTA ADERENTE ALLA FEDERAZIONE LEGAMBIENTE VOLONTARIATO STATUTO CIRCOLO LEGAMBIENTE REGIONE VALLE D AOSTA ADERENTE ALLA FEDERAZIONE LEGAMBIENTE VOLONTARIATO Art. 1 STATUTO Il circolo Legambiente della Valle d Aosta è costituito ad Aosta, con sede in via delle Betulle

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI VOLONTARIATO SOCIALE

REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI VOLONTARIATO SOCIALE REGOLAMENTO ALBO E CONSULTA DEGLI ORGANISMI ASSOCIATIVI E DI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO L Amministrazione Comunale di Trapani - ai sensi della L.r. n 10/91, della L.r. n 22/94 e del vigente

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI AMERICANI DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI AMERICANI DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE CENTRO STUDI AMERICANI DENOMINAZIONE, SEDE E SCOPO Art. 1) 1.1 È costituita una Associazione denominata Centro Studi Americani (di seguito il Centro ). L Associazione non ha scopi

Dettagli

Associazione Volontari per Policlinico Tor Vergata. O.N.L.U.S. sede Viale Oxford, 81-0133 Roma Codice fiscale e P. IVA 08385151009.

Associazione Volontari per Policlinico Tor Vergata. O.N.L.U.S. sede Viale Oxford, 81-0133 Roma Codice fiscale e P. IVA 08385151009. Associazione Volontari per Policlinico Tor Vergata O.N.L.U.S. sede Viale Oxford, 81-0133 Roma Codice fiscale e P. IVA 08385151009 Statuto Art.1 DENOMINAZIONE E costituita una associazione avente le caratteristiche

Dettagli

STATUTO DEL CIRCOLO SCANDINAVO

STATUTO DEL CIRCOLO SCANDINAVO VIA DELLA LUNGARA 231 00165 ROMA director@skandinaviskforening.org DIRECTOR +39 0668975092 SECRETARY (9-15) +39 066875705 FAX +39 0668131690 DIRECTOR +39 0668975092 www.skandinaviskforening.org SKANDINAVISK

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in

STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in STATUTO ASSOCIAZIONE ITALIANA PAZIENTI ANTICOAGULATI A.I.P.A. ****** Art.1 Ragione Sociale e Sede Premesso che è costituita in Parma, con sede in Parma Via Gramsci,14 presso il Centro per le Malattie dell

Dettagli

STATUTO. Associazione Culturale. MONTEFORTIANA Scienza, Salute, Società

STATUTO. Associazione Culturale. MONTEFORTIANA Scienza, Salute, Società STATUTO Associazione Culturale MONTEFORTIANA Scienza, Salute, Società Art. 1. - E' costituita l'associazione Culturale "MONTEFORTIANA Scienza, Salute, Società" quale libera Associazione di fatto, apartitica

Dettagli

STATUTO. Assonautica Euro-Mediterranea Assonautique Euro-Méditerannéenne Assonautic of Euro-Mediterranean

STATUTO. Assonautica Euro-Mediterranea Assonautique Euro-Méditerannéenne Assonautic of Euro-Mediterranean STATUTO Assonautica Euro-Mediterranea Assonautique Euro-Méditerannéenne Assonautic of Euro-Mediterranean STATUTO Assonautica Euro-Mediterranea Assonautique Euro-Méditerannéenne Assonautic of Euro-Mediterranean

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE IL CORTILE. Costituzione - Denominazione Sede

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE IL CORTILE. Costituzione - Denominazione Sede STATUTO DELL ASSOCIAZIONE IL CORTILE Costituzione - Denominazione Sede Art. 1. E' costituita con sede in Varese l associazione di promozione sociale denominata IL CORTILE ai sensi della Legge 383/2000

Dettagli

Statuto Associazione RIOLO Associazione Volontari Protezione Civile

Statuto Associazione RIOLO Associazione Volontari Protezione Civile Statuto Associazione RIOLO Associazione Volontari Protezione Civile Art. 1 Costituzione, denominazione e sede 1) E costituita in San Giorgio di Piano l Associazione denominata Riolo Associazione Volontari

Dettagli

Provincia di Cremona

Provincia di Cremona Provincia di Cremona REGOLAMENTO DELLA CONSULTA PROVINCIALE PER IL COORDINAMENTO DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI CREMONA Approvato con Delibera di Consiglio Provinciale N 17 del

Dettagli

Amici dei Pompieri di Zoldo - STATUTO -

Amici dei Pompieri di Zoldo - STATUTO - Amici dei Pompieri di Zoldo - STATUTO - ART. 1 (Denominazione e sede) 1. E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in materia, l associazione di promozione sociale

Dettagli

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO

Istituto Galileo. CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Istituto Galileo CRFF (Centro di Ricerca e Formazione Frosinone) STATUTO Approvato con delibera del Consiglio Comunale di Frosinone n. 6 del 2.3.2011 Art. 1 Costituzione e sede. Il Comune di Frosinone

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ESPRIT GRESSAEN GRESSAN NEL CUORE

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ESPRIT GRESSAEN GRESSAN NEL CUORE STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ESPRIT GRESSAEN GRESSAN NEL CUORE Articolo 1 Denominazione, sede E costituita, ai sensi dell articolo 36 e seguenti del Codice Civile, l Associazione politico culturale non riconosciuta

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE HUMAN GENETICS FOUNDATION - TORINO

STATUTO DELLA FONDAZIONE HUMAN GENETICS FOUNDATION - TORINO STATUTO DELLA FONDAZIONE HUMAN GENETICS FOUNDATION - TORINO Articolo 1 - Denominazione È costituita dalla Compagnia di San Paolo, dall Università degli Studi di Torino e dal Politecnico di Torino una Fondazione

Dettagli

STATUTO SCUOLA DI ARTI MARZIALI SHODAN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISITCA TITOLO I TITOLO II

STATUTO SCUOLA DI ARTI MARZIALI SHODAN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISITCA TITOLO I TITOLO II STATUTO SCUOLA DI ARTI MARZIALI SHODAN ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISITCA TITOLO I Denominazione - sede ART. 1 Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto

Dettagli

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2013

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2013 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2013 31/12/2012 31/12/2013 A ATTIVO Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti B Immobilizzazioni 204.984,48 328.310,48 I Immobilizzazioni immateriali II Immobilizzazioni

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO CROCE D ORO PADOVA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO CROCE D ORO PADOVA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO CROCE D ORO PADOVA ART. 1 (Denominazione e sede) L associazione di volontariato, denominata CROCE D ORO PADOVA assume la forma giuridica di associazione non riconosciuta

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE POLETTI LUIGI- EDEN PER LA TERZA ETA

REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE POLETTI LUIGI- EDEN PER LA TERZA ETA COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE POLETTI LUIGI- EDEN PER LA TERZA ETA Approvato atto C.C. 25-3.3.1995 Modificato atto C.C. 9-10.3.2005 1 Art.1: Denominazione, origini,

Dettagli

STATUTO. Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti

STATUTO. Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti STATUTO Associazione ANCeSCAO Lazio Coordinamento Regionale del Lazio dell Associazione nazionale centri Sociali, Comitati Anziani e Orti Articolo1 COSTITUZIONE E costituita l Associazione ANCeSCAO Lazio,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MUSICALE AMICI DEL ROCK

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MUSICALE AMICI DEL ROCK STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MUSICALE AMICI DEL ROCK Art. 1. Costituzione e denominazione È costituita l Associazione culturale musicale senza scopo di lucro denominata: Amici del rock. L Associazione

Dettagli

Statuto dell associazione nazionale di promozione sociale. Art. 1 Costituzione

Statuto dell associazione nazionale di promozione sociale. Art. 1 Costituzione Statuto dell associazione nazionale di promozione sociale Art. 1 Costituzione 1. E costituita l associazione di promozione sociale a carattere nazionale denominata ANTEAS Servizi (Associazione nazionale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GREGORIO FONTANA, DE ANGELIS, GIDONI, FAVA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GREGORIO FONTANA, DE ANGELIS, GIDONI, FAVA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3442 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GREGORIO FONTANA, DE ANGELIS, GIDONI, FAVA Disposizioni concernenti le associazioni di interesse

Dettagli

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO A REGOLAMENTO DEL COORDINAMENTO PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con Delibera di Consiglio n. 29 del 19 maggio 2011 INDICE REGOLAMENTO...1 Art. 1 Oggetto...1 Art. 2

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD)

STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD) STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD) ALLEGATO A DELL ATTO N. 83436/22560 REP. Art. 1 - Costituzione E legalmente costituita, nel rispetto del codice

Dettagli

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio.

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio. STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. A norma degli articoli 4 e ss. del Codice Civile è costituita la Fondazione denominata Fondazione Studi Oreste Bertucci Art. 2 - Sede legale. La Fondazione

Dettagli

COMUNE DI IGLESIAS REGOLAMENTO SULLA CONSULTA DEI GIOVANI

COMUNE DI IGLESIAS REGOLAMENTO SULLA CONSULTA DEI GIOVANI COMUNE DI IGLESIAS REGOLAMENTO SULLA CONSULTA DEI GIOVANI TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Costituzione, sede e durata Il Comune di Iglesias attiva, ai sensi dell art. 11, dello Statuto, la Consulta

Dettagli

Statuto. Art. 1 - Costituzione. Art. 2 - Sede. Art. 3 - Scopi dell Associazione

Statuto. Art. 1 - Costituzione. Art. 2 - Sede. Art. 3 - Scopi dell Associazione Statuto Associazione per il Gemellaggio Prato - Ebensee Art. 1 - Costituzione Per iniziativa del Comune di Prato e dell ANED sezione di Prato è costituita, ai sensi dell art. 14 e seguenti del Codice Civile,

Dettagli

Rendiconto Gestionale al 31/12/2014

Rendiconto Gestionale al 31/12/2014 Rendiconto Gestionale al 31/12/2014 ONERI Anno Anno PROVENTI E RICAVI Anno Anno 2014 2013 2014 2013 1) Oneri da attività tipiche 1) Proventi e ricavi da attività tipiche 1.1) Oneri su progetti 2.423.268

Dettagli

Associazione SEMI Onlus. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SEMI Onlus. Denominazione Sede Durata

Associazione SEMI Onlus. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SEMI Onlus. Denominazione Sede Durata STATUTO DELL ASSOCIAZIONE SEMI Onlus Denominazione Sede Durata Art. 1 E costituita l Associazione SEMI Onlus secondo gli art. 11 e seguenti del c.c. e nello spirito della Costituzione repubblicana. Art.2

Dettagli

Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto del Consorzio cui è

Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto del Consorzio cui è Febbraio 2009 C o n s o r z i o I n t e r u n i v e r s i t a r i o I t a l i a n o p e r l A r g e n t i n a CUIA N EWS Come già comunicato, lʹassemblea straordinaria del CUIA ha approvato il nuovo Statuto

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI

STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI STATUTO ASSOCIAZIONE SOCI GIOVANI BCC DON RIZZO CAPO I - PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 1 Costituzione e sede L Associazione SOCI GIOVANI BCC Don Rizzo costituitasi in Alcamo per volere di un gruppo di giovani

Dettagli

La rendicontazione e il controllo indipendente degli enti non profit

La rendicontazione e il controllo indipendente degli enti non profit Bergamo 28 Giugno 2011 Rendicontazione economico-finanziaria e sociale degli enti non profit Prof. Matteo Pozzoli Ufficio studi della Presidenza del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli

Dettagli

STATUTO dell Ente Nazionale per il Tempo Libero (E.N.Te.L. -M.C.L.)

STATUTO dell Ente Nazionale per il Tempo Libero (E.N.Te.L. -M.C.L.) STATUTO dell Ente Nazionale per il Tempo Libero (E.N.Te.L. -M.C.L.) Art. 1 In aderenza ai principi ispiratori del Movimento Cristiano Lavoratori (M.C.L.) per il settore del tempo libero è costituito in

Dettagli

STATUTO. DENOMINAZIONE-SEDE-DURATA ART. 1 E costituita un associazione religiosa denominata ASSOCIAZIONE OPERA SALESIANA DEL SACRO CUORE

STATUTO. DENOMINAZIONE-SEDE-DURATA ART. 1 E costituita un associazione religiosa denominata ASSOCIAZIONE OPERA SALESIANA DEL SACRO CUORE STATUTO DENOMINAZIONE-SEDE-DURATA ART. 1 E costituita un associazione religiosa denominata ASSOCIAZIONE OPERA SALESIANA DEL SACRO CUORE ART.2 L Associazione ha sede legale in Bologna, via G. Matteotti

Dettagli

STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI NEFROPATICI, TRAPIANTATI D ORGANO E DI VOLONTARIATO

STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI NEFROPATICI, TRAPIANTATI D ORGANO E DI VOLONTARIATO STATUTO CONFEDERAZIONE FORUM NAZIONALE delle ASSOCIAZIONI di NEFROPATICI, TRAPIANTATI d ORGANO e di (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale ONLUS) Articolo 1 DENOMINAZIONE E SEDE E costituita

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE In data 06/08/2001 presso la sede in via A. Moro 11, nei locali della Biblioteca Comunale di Casalgrande si sono riuniti i sigg. Essi dichiarano di costituire una associazione

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE EASYMAMMA. (approvato dall Assemblea straordinaria del 24 maggio 2013)

STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE EASYMAMMA. (approvato dall Assemblea straordinaria del 24 maggio 2013) STATUTO ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE EASYMAMMA (approvato dall Assemblea straordinaria del 24 maggio 2013) Art. 1 Denominazione, sede, carattere, durata. E costituta l Associazione di promozione

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE AL JALIL.

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE AL JALIL. STATUTO DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE AL JALIL. COSTITUZIONE-DENOMINAZIONE SOCIALE-SEDE ART.1 È costituita con sede in Via San Pietro in Caveoso, 6 75100 Matera (MT) l associazione di promozione

Dettagli

ANZIANO & QUARTIERE ONLUS.

ANZIANO & QUARTIERE ONLUS. STATUTO DELL ORGANIZZAZIONE DI VOLONTARIATO ANZIANO & QUARTIERE ONLUS. ART. 1 (Denominazione e sede) 1. L organizzazione di volontariato, denominata: ANZIANO & QUARTIERE - Onlus, assume la forma giuridica

Dettagli

COMUNE DI BRUSASCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI BRUSASCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI BRUSASCO P. zza San Pietro, 1 10020 Brusasco (TO) Tel. (011) 91.51.101 Fax (011) 91.56.150 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

Dettagli

SERVIZIO VOLONTARIO INTERNAZIONALE VIALE VENEZIA, 116-25123 BRESCIA - ITALIA TEL. 030/3367915 - FAX. 030/3361763 C.F. 80012670172

SERVIZIO VOLONTARIO INTERNAZIONALE VIALE VENEZIA, 116-25123 BRESCIA - ITALIA TEL. 030/3367915 - FAX. 030/3361763 C.F. 80012670172 SERVIZIO VOLONTARIO INTERNAZIONALE VIALE VENEZIA, 116-25123 BRESCIA - ITALIA TEL. 030/3367915 - FAX. 030/3361763 C.F. 80012670172 SERVICE VOLONTAIRE INTERNATIONAL INTERNATIONAL VOLUNTARY SERVICE SERVICIO

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Eccomi. Eccomi

STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO. Eccomi. Eccomi STATUTO ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO Eccomi Eccomi 1 ART. 1 (Denominazione e sede) L organizzazione di volontariato, denominata: Eccomi assume la forma giuridica di associazione apartitica e aconfessionale.

Dettagli