Congresso Nazionale della Sezione di Psicologia Sperimentale. Chieti settembre 2012 PROGRAMMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Congresso Nazionale della Sezione di Psicologia Sperimentale. Chieti 20-22 settembre 2012 PROGRAMMA"

Transcript

1 Congresso Nazionale della Sezione di Psicologia Sperimentale Chieti settembre 2012 PROGRAMMA

2 Registrazione Giovedì 20 settembre Aula B1-Geo METODI E MODELLI ( ) Moderatore: Franca Agnoli (Università di Padova) L utilizzo della statistica e la comunicazione dei risultati: una fotografia degli ultimi 15 anni di pubblicazioni nel Giornale Italiano di Psicologia M. Nucci, M. Pastore La significatività che non c è: il problema grave dei falsi positivi in psicologia F. Agnoli, S. Furlan Il ruolo della numerosità campionaria nella verifica di ipotesi: due approcci a confronto M. Pastore, G. Altoè, L. Finos Promuovere l apprendimento del ragionamento statistico e probabilistico degli studenti di psicologia attraverso un training Testare l assunzione di indipendenza fra i parametri del Basic Local Independence Model C. Primi, F. Chiesi D. de Chiusole, L. Stefanutti, P. Anselmi, E. Robusto Aula D-Geo INVECCHIAMENTO E COGNIZIONE ( ) Moderatore: Fabio Lucidi (Sapienza Università di Roma) La relazione tra abilità uditive e cognitive in giovani, giovani-anziani e grandi-vecchi M. Grassi, E. Borella Quali sono i meccanismi neurali alla base delle difficoltà degli anziani nel ricordare di compiere intenzioni future? G. Cona, G. Arcara, V. Tarantino, P. S. Bisiacchi Credenze sulla memoria negli anziani: uno studio sui sardi S. Bottiroli, E. Cavallini, T. Vecchi L invecchiamento sano in Sardegna: effetto dei fattori socio-culturali e dell invecchiamento sul benessere percepito, sull efficienza mnestica e metacognitiva Potenziamento della memoria di lavoro e effetti di generalizzazione ad abilità complesse nell'invecchiamento M. P. Penna, M. C. Fastame, E. S. Rossetti, M. Agus E. Borella, B. Carretti, M. Zavagnin, R. De Beni

3 Aula C-Geo MEMORIA I ( ) Moderatore: Maria A. Brandimonte (Università Suor Orsola Benincasa, Napoli) Cosa differenzia il pensiero episodico futuro dalla costruzione di scene complesse? Immaginare di migliorare il passato e il futuro: un asimmetria temporale nel pensiero ipotetico Ricordare il passato e immaginare il futuro: differenze di età tra giovani, giovani anziani e anziani anziani Il pensiero futuro nella malattia di Parkinson: una funzione esecutiva? N. Gamboz, S. de Vito, G. Nigro, M. A Brandimonte D. Ferrante, V. Girotto, M. Stragà, C. Walsh R. De Beni, B. Carretti, A. Cantarella, M. Zavagnin S. de Vito, N. Gamboz, M. A. Brandimonte, P. Barone, M. Amboni, G. Nigro, S. Della Sala, Memoria episodica ed immaginazione del futuro: dove sono le differenze? P. Palladino, M. Ferrari, D. Basso Aula Magna di Psicologia SIMPOSIO DI PSICOLOGIA DEL LINGUAGGIO ( ) Moderatore: Alessandro Laudanna (Università di Salerno) Introduzione A. Laudanna Contesto di lista e lettura lessicale in italiano C. Burani La comprensione di espressioni idiomatiche nei pazienti schizofrenici: un nuovo test per l Ipotesi della Configurazione La produzione dei nomi e dei verbi: differenze ed analogie S. Collina Modelli di lettura di parole: il passo successivo R. Job Neuropsicologia delle parole composte C. Semenza Discussione C. Cacciari, F. Pesciarelli, T. Gamberoni, F. Ferlazzo, L. Lo Russo, F. Pedrazzi, E. Melati

4 COFFEE BREAK ( ) Aula Magna di Psicologia ATTENZIONE ( ) Moderatore: Francesco Pavani (Università di Trento) L integrazione multisensoriale della rappresentazione corporea non è modulata da un compito concorrente interocettivo o esterocettivo L Attentional Network Test: l intensità del conflitto modula l'efficienza e le interazioni dei sistemi attenzionali Asimmetria parietale nella selezione di informazioni globali e locali in stimoli complessi: uno studio TDCS Overlapping tra frequenze di oscillazione di TR e rapporto QEEG theta/beta frontale in pazienti pediatrici con deficit dell attenzione sostenuta da lesione cerebrale acquisita S. Cannella, A. Folegatti, M. Zampini, F. Pavani A. Spagna, D. Martella, M. Sebastiani, L. Maccari, A. Marotta, M. Casagrande L. Bardi, R. Kanai, W. Walsh, D. Mapelli S. Gazzellini, F. Benso, G. Bauleo, E. Bisozzi, V. Clavarezza, A. Napolitano Influenza contestuale dei sistemi di letto-scrittura nei processi di attenzione visuo-spaziale L. Rinaldi, S. Di Luca, A. Henik, L. Girelli Effetti di corrispondenza spaziale in un compito Simon go/no-go L. Lugli, C. Iani, R. Nicoletti, S. Rubichi Aula B1-Geo LINGUAGGIO I ( ) Moderatore: Cristina Cacciari (Università di Modena e Reggio Emilia) Priming semantico e modulazione degli effetti di frequenza delle parole e qualità visiva degli stimoli M. Scaltritti, D. Balota, F. Peressotti Effetto della lingua sulla scelta della metafora: essere acido A. Goldberg, F. M. M. Citron Informazione segmentale e soprasegmentale in lettura ad alta voce: effetti nella codifica fonologica o fonetica? S. Sulpizio, R. Job Frequenza sillabica e apprendimento dell'ordine seriale F. Postiglione, W. M. Hachmann, R. Job La rilevanza delle componenti morfologiche in nomi e verbi: un esperimento di segment shifting in italiano G. Bracco, F. Postiglione, A. Laudanna

5 Aula C-Geo COGNIZIONE SOCIALE ( ) Moderatore: Marcello Costantini (Università "G. d'annunzio", Chieti) Correlati neurali del pointing dichiarativo e richiestivo Dissociazione dell'empatia cognitiva ed emozionale nei soggetti con sindrome di Asperger mediante compiti di cognizione sociale Indicatori embodied di impegno congiunto: comportamenti non verbali nella negoziazione e emozioni relate alla sua violazione Società e morale nel sistema motorio: il ruolo delle differenze individuali Basi neurali dell'elaborazione di azioni comunicative: uno studio con risonanza magnetica funzionale È davvero il volto l elemento preferenziale per la comprensione di scene sociali complesse? G. Committeri, S. Cirillo, M. Costantini, G. L. Romani, G. Galati, T. Aureli S. Tripaldi, M. Mariano, M. C. Pino, M. Mazza, R. Cerbo F. Morganti, A. Carassa, P. Braibanti, A. Preziosa M. T. Liuzza, M. Candidi, A. L. Sforza, S. M. Aglioti F. Riva, B. Vander Wyk, A. M. Proverbio, R. Adorni, K. Pelphrey D. Villani, F. Morganti, S. Ruggi, S. Menici, G. Gilli, G. Riva Aula D-Geo PENSIERO E DECISIONE ( ) Moderatore: Alessandro Antonietti (Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano) L effetto del formato 1-su-X sulla valutazione soggettiva delle probabilità in medicina Uno studio di risonanza magnetica funzionale dell'influenza dell'appartenenza religiosa sulle scelte intertemporali S. Pighin, L. Savadori, E. Barilli, L. Cremonesi, M. Ferrari, J. F. Bonnefon V. Viola, R. Azevedo, V. Santangelo, E. Macaluso, S. M. Aglioti Soldi sonanti : influsso della musica sulle decisioni economiche A. Antonietti, E. Bottan, P. Iannello Verifica dell efficacia di un training per la prevenzione del problem gambling negli adolescenti M. Donati, F. Chiesi, C. Primi Ristrutturazione come interpretazione nella soluzione di problemi insight. Il logos come relazione tra pensiero e linguaggio La presa di decisione in condizioni di potenziale pericolo: la decisione di sparare o non sparare L. Macchi, M. Bagassi L. P. Luini, F. S. Marucci, S. Mastroberardino, T. Labellarte

6 Venerdì 21 settembre Aula B1-Geo MISURAZIONE DELL'INTELLIGENZA ( ) Moderatore: Aristide Saggino (Università "G. d'annunzio", Chieti) L effetto della scolarità dei genitori sul campione italiano di standardizzazione della WISC-III L. Cianci, L. Pezzuti, A. Orsini La struttura della scala WISC-IV sul campione di standardizzazione italiano L. Pezzuti, L. Cianci, A. Orsini Un nuovo test di intelligenza fluida secondo la teoria di risposta all item R. Romanelli, A. Saggino, D. J. Weiss Le Standard Progressive Matrices: contributo preliminare alla taratura italiana L. Picone, R. Romanelli, L. Cianci, A. Saggino Aula D-Geo MOTIVAZIONE ( ) Moderatore: Stefano Puglisi-Allegra (Sapienza Università di Roma) Percezione dei feromoni nell'uomo e regolazione della temperatura corporea Ruolo di un ambiente stressante precoce nell'insorgenza dei disturbi da dipendenza Ricompensa immediata o differita? Preferenza dei soggetti obesi per gratificazioni immediate specifiche per il cibo Un modello animale di "food addiction": ruolo del sistema catecolaminergico cerebrale A. Mazzatenta, M. Corbetta, L. Tommasi, G. L. Romani, A. Merla V. Carola, F. Visco Comandini, P. Caputo, M. G. Alari, T. Pascucci, S. Puglisi-Allegra S. Schiff, M. Sellitto, D. Vego Scocco, M. T. Nardi, L. Caregaro, G. Di Pellegrino L. Patella, M. Di Segni, E. Patrono, S. Puglisi-Allegra, R. Ventura

7 Aula C-Geo EMOZIONI I ( ) Moderatore: Michela Sarlo (Università di Padova) Bias attentivi verso stimoli minacciosi L. Sagliano, F. D'Olimpio, L. Trojano Il senso di colpa nei comportamenti di controllo Devianza e criminalità minorile: il ruolo della cognizione sociale V. Tarantino, F. Mancini, M. Migliozzi, R. Cerisoli, F. D'Olimpio M. Mariano, S. Peretti, E. Caparello, S. Tripaldi, D. De Berardis, M. Mazza Disposizioni di attaccamento, autostima e sentimenti di vergogna A. Passanisi, A. Schimmenti Lavare le proprie colpe: emozioni nell effetto Ponzio Pilato M. Migliozzi, L. Sagliano, V. Tarantino, F. D'Olimpio, F. Mancini Aula Magna di Psicologia PERCEZIONE ( ) Moderatore: Anna Maria Giannini (Sapienza Università di Roma) La stimolazione elettrica transcranica offre nuove prospettive per studiare i meccanismi di neuroplasticità in un compito di apprendimento percettivo visivo L'illusione pentola/coperchio La musica migliora le capacità spaziali e numeriche: evidenze a favore della teoria ATOM dai musicisti professionisti L esperienza estetica di opere d arte ambigue: uno studio fmri C. Pirulli, A. Fertonani, C. Miniussi S. Mastandrea, S. Hammad, J. M. Kennedy C. Agrillo, L. Piffer M. Boccia, F. Nemmi, E. Tizzani, C. Guariglia, F. Ferlazzo, G. Galati, A. M. Giannini Prosopoagnosia congenita: che cosa può dirci sul riconoscimento di volti? R. Daini, A. Albonico, M. Malaspina COFFEE BREAK ( )

8 Aula Magna di Psicologia SIMPOSIO INTER-SEZIONE DI COGNIZIONE SOCIALE ( ) Moderatore: Luigi Castelli (Università di Padova) Introduzione L. Castelli Il ruolo degli epiteti omofobi nella stigmatizzazione dei gay e nella costruzione dell identità eterosessuale Sulla sincronia e le relazioni sociali: il ruolo dell integrazione multisensoriale in cognizione sociale A. Carnaghi M. P. Paladino, M. Mazzurega, F. Pavani, T. W. Schubert Le misure implicite come un segnale: un nuovo meccanismo per l'apprendimento valutativo M. Perugini, J. Richetin, C. Zogmaister Dallo sguardo oggettivante alla de-umanizzazione: quando la donna oggetto perde la sua umanità J. Vaes Discussione Aula C-Geo RAPPRESENTAZIONE SPAZIALE ( ) Moderatore: Francesca Pazzaglia (Università di Padova) Movimenti oculari alterati nella dislessia da neglect S. Primativo, L. S. Arduino, M. De Luca, R. Daini, M. Martelli Il neglect dipende da uno squilibrio attenzionale interemisferico? C. Bagattini, S. Mele, S. Savazzi Il ruolo delle coordinate egocentriche ed allocentriche nell'apprendimento di ambienti di grandi e piccole dimensioni Correlati neurali dell'apprendimento di sequenze nello spazio di reaching e nello spazio navigazionale Rappresentazioni route e survey: il ruolo delle strategie Memoria di descrizioni spaziali: analisi dell'orientamento della rappresentazione mentale e contributo delle abilità visuo-spaziali L. Piccardi, F. Bianchini, R. Nori, F. Iachini, L. Lasala, C. Guariglia F. Nemmi, M. Boccia, L. Piccardi, G. Galati, C. Guariglia M. Fantino, S. Schmidt, C. Tinti, I. Mammarella, C. Cornoldi C. Meneghetti, R. De Beni, F. Pazzaglia

9 Aula B1-Geo MEMORIA ED EMOZIONI ( ) Moderatore: Nicola Mammarella (Università "G. d'annunzio", Chieti) Un crimine più testimoni: il ruolo del retelling sul ricordo E. Soleti, A. Bianco, A. Curci Ruolo della regolazione delle emozioni e del comportamento sull'accesso semantico: uno studio correlazionale Falsi ricordi inferenziali: quando le emozioni negative ingannano di meno Il ruolo della memoria di lavoro nella ruminazione mentale e intrusione di esperienze emozionali negative La stimolazione rtms della DLPFC sinistra favorisce la memoria di riconoscimento per stimoli verbali a valenza positiva A. Mattiassi, J. Marino, F. Campanella, C. Urgesi C. Mirandola, E. Toffalini, C. Cornoldi, A. Melinder A. Curci, T. Lanciano C. Ferrari, M. Balconi Possono le associazioni mentali automatiche individuare un ricordo flashbulb? T. Lanciano, A. Curci, S. Mastandrea Aula D-Geo STRUMENTI E TEST I ( ) Moderatore: Marco Perugini (Università di Milano-Bicocca) Contributo alla validazione italiana della Disgust Scale-R Standardizzazione e validazione del Teate Depression Inventory: ulteriori studi M. Giampietro, S. Ruggi, L. Colombo, M. Gatti, G. Gilli M. Balsamo, M. R. Sergi, A. Macchia, A. Saggino Contributo alla validazione italiana della Post-critical belief scale - forma breve L. Carlucci, L. Picconi Una nuova scala di misura dello stress lavorativo negli operatori bancari M. Tommasi, A. Saggino L analisi dell Implicit Association Test con il Discrimination-Association Model Lo State-Trait Anxiety Inventory: misura di ansia o di depressione? P. Anselmi, M. Vianello, E. Robusto, L. Stefanutti, G. Ciccarese, R. Romanelli, M. Balsamo, A. Macchia, M. R. Sergi, L. Picconi, A. Saggino

10 PAUSA PRANZO ( ) SESSIONE POSTER ( ) COFFEE BREAK ( ) Aula Magna di Psicologia SIMPOSIO DI PSICOLOGIA DELLA PERCEZIONE ( ) Moderatore: Walter Gerbino (Università di Trieste) Introduzione W. Gerbino Lo spazio di Massironi U. Savardi Manfredo Massironi da un punto di vista non-accidentale N. Bruno Quante gocce di percezione nel cocktail di un immagine mentale? F. Giusberti Immagini e dimostrazioni per assurdo W. Gerbino Il contributo di Manfredo Massironi alla neuropsicologia G. Antonucci, D. Spinelli, P. Zoccolotti Discussione Aula B1-Geo STRUMENTI E TEST II ( ) Moderatore: Massimiliano Pastore (Università di Padova) Gli stati di deprivazione modulano la validità dell'implicit Association Test C. Zogmaister, M. Perugini Pregiudizio e credenze eziologiche dei disturbi mentali: misurazione implicita ed esplicita M. Boffo, S. Mannarini Pur di vincere, va bene tutto: modelli di misura e aspetti causali del cheating nello sport L. Mallia, F. Lucidi, G. Nicolais, A. Baldacci Percezione del rischio d'impianto bio-tecnologico in soggetti esperti e non esperti E. Nicotra, P. Grassi Tre brevi scale per misurare restorativeness, livability, liveliness degli ambienti fisici: un confronto Italia-USA M. Pasini, A. Paolillo, J. L. Nasar

11 Aula C-Geo MEMORIA II ( ) Moderatore: Tomaso Vecchi (Università di Pavia) Updating in memoria di lavoro: analisi delle strategie impiegate M. Botto, D. Basso, M. Ferrari, P. Palladino Memoria di lavoro e differenze individuali nella codifica di stimoli simmetrici C. Rossi-Arnaud Memoria di lavoro e abilità spaziali nell'apprendimento di percorsi E. Labate, F. Pazzaglia, M. Hegarty Ricordi flashbulb e ricordi dell'evento: quali processi e quale relazione? S. Schmidt, C. Tinti, S. Testa, L. Levine Tra memoria ed emozioni: il caso dell'effetto di spaziatura N. Mammarella, B. Fairfield, M. E. Frisullo Aula D-Geo APPRENDIMENTO ( ) Moderatore: Alice Mado Proverbio (Università di Milano-Bicocca) Uso dei movimenti oculari per esaminare l elaborazione cognitiva di testi scientifici illustrati P. Pluchino, M. C. Tornatora, L. Mason Leggere le note o suonare le parole? Come un training musicale influenza e modifica i processi di codifica ortografica Rappresentare i concetti attraverso i gesti favorisce l apprendimento: una spiegazione in termini di modelli mentali M. Manfredi, R. Adorni, A. M. Proverbio I. Cutica, M. Bucciarelli Precoci deficit di sviluppo in un modello animale di ritardo mentale: prospettive per il futuro E. Fiori, D. Oddi, F. D'Amato, T. Pascucci

12 Sabato 22 settembre Auditorium del Rettorato e Aula Magna di Psicologia EVENTO COMUNE: CELEBRAZIONE DEL VENTENNALE DELL'AIP Auditorium del Rettorato e Aula Magna di Psicologia EVENTO COMUNE: LEZIONE MAGISTRALE - Lamberto Maffei (Presidente Accademia dei Lincei) Cervello e Ambiente COFFEE BREAK ( ) Auditorium del Rettorato e Aula Magna di Psicologia EVENTO COMUNE: TAVOLA ROTONDA - Il ruolo della psicologia italiana nella ricerca europea PAUSA PRANZO ( ) Auditorium del Rettorato LEZIONE MAGISTRALE AIP SPERIMENTALE Cesare Cornoldi (Università di Padova) :45 L organizzazione gerarchica dell Intelligenza e della Memoria di lavoro: un approccio basato sullo studio delle differenze fra gruppi Auditorium del Rettorato 14: ASSEGNAZIONE PREMI E ANNUNCIO LEZIONE MAGISTRALE 2013

13 COFFEE BREAK ( ) Auditorium del Rettorato MEMORIA III ( ) Moderatore: Rossana De Beni (Università di Padova) Valutazione di un ricordo o ricordo di una valutazione: cosa influenza le intenzioni future? Interferenza con il recupero dalla memoria episodica causato da stimolazione magnetica transcranica del giro angolare sinistro Uso delle differenti associazioni semantiche nell'età adulta M. Stragà, F. Marcatto, F. Del Missier, D. Ferrante C. Sestieri, P. Capotosto, A. Tosoni, G. Committeri, G. L. Romani, M. Corbetta D. Di Giacomo, L. S. De Federicis, M. Palmiero, D. Passafiume Disturbo dell'apprendimento non verbale e mental imagery D. Giofrè, C. Cornoldi La procedura di fabbricazione forzata di ricordi: l efficacia dell istruzione di chiudere gli occhi sulla memoria a lungo termine V. Natali S. Mastroberardino, F. S. Marucci Aula D-Geo EMOZIONI II ( ) Moderatore: Francesca D'Olimpio (Seconda Università di Napoli) Un "holter" per il monitoraggio giornaliero del tono dell'umore: studio preliminare in soggetti con danno cerebellare Elaborazione di espressioni facciali emozionali in soggetti disforici: uno studio ERP Sintomi depressivi si associano a ridotta variabilità della frequenza cardiaca in soggetti sottoposti a cardiochirurgia Illuminazione solare e aggressività: un test ecologico della facial feedback hypothesis È più restorative un ambiente naturale o costruito? Uno studio sugli skyline urbani notturni Studio di connettività funzionale regionale durante l'osservazione di stimoli emozionali negativi in soggetti con disturbo post-traumatico da stress S. Clausi, F. Aloise, M. P. Contento, M. Molinari, L. Pizzamiglio, M. G. Leggio G. Buodo, G. Mento, M. Sarlo, D. Palomba S. Messerotti Benvenuti, E. Patron, G. Favretto, R. Gasparotto, D. Palomba D. Marzoli, M. Custodero, A. Pagliara, L. Tommasi A. Paolillo, M. Pasini, R. Burro, J. L. Nasar M. Mazza, M. C. Pino, A. Catalucci, D. Tempesta, M. Ferrara

14 Aula C-Geo MOVIMENTO E AZIONE ( ) Moderatore: Giorgia Committeri (Università "G. d'annunzio", Chieti) Adattamento motorio e percezione di affordance oggettuali F. Tangari, L. Tommasi, M. Costantini Effetto Simon vs effetto affordance: il ruolo di risposte motorie complesse ed orientamento dello stimolo A. Pellicano, F. Binkofski Guardare per agire E. Ambrosini, M. Martino, M. Costantini Ti porgo un oggetto, prendo un oggetto: uno studio cinematico sull'intenzione sociale C. Scorolli, M. Miatton, L. A. Wheaton, A. M. Borghi Percezione e potenzialità d'azione: evidenze nello spazio extrapersonale C. Fini, G. Committeri Specializzazione funzionale e connettività intrinseca nella corteccia parieto-occipitale umana A. Tosoni, G. Committeri, S. Pitzalis, P. Fattori, C. Galletti, G. Galati Aula B1-Geo LINGUAGGIO II ( ) Moderatore: Cristina Burani (ISTC-CNR, Roma) Disturbo del network semantico nell'afasia e nella demenza: informazioni complementari? Valutazione di un training per la riabilitazione delle abilità comunicativo-pragmatiche in individui con trauma cranio-encefalico Decorso temporale e correlati neurali dell'elaborazione di parole emozionali: effetti di valenza e attivazione Deficit dello stato di coscienza e processi semantici. Il ruolo del biomarcatore ERP N Rileggere quanto e rileggere come Il ruolo del timing nell'induzione di effetti di facilitazione linguistica: uno studio con stimolazione transcranica a corrente continua D. Passafiume, D. Di Giacomo, L. S. De Federicis I. Gabbatore, M. Zettin, A. Ruzzini, R. Angeleri, K. Sacco, F. M. Bosco F. M. M. Citron, B. S. Weekes, E. C. Ferstl M. Balconi, C. Guarnerio, D. Cattaneo, R. Arangio S. Mocci, S. Solinas, P. Deledda, C. Sechi, M. P. Penna A. Fertonani, M. Brambilla, M. Cotelli, C. Miniussi

15 PROGRAMMA SESSIONE POSTER Venerdì 21 settembre ( ) - CORRIDOI ESTERNI AULA MAGNA DI PSICOLOGIA APPRENDIMENTO Collocazione 1 2 Strategie di memoria e di metamemoria: processi motivazionali e autoefficacia nell ambito dell educazione nella terza età Effetti di un training di potenziamento delle abilità nell ambito della prematematica A. Giallongo, L. Pezzuti C. Meloni, S. Berretti, R. Fanari Collocazione 3 4 ATTENZIONE Effetto della TMS ripetuta in compiti di attenzione sostenuta. Il contributo della corteccia dorsolaterale prefrontale sinistra Funzioni attentive ed acquisizione e padroneggiamento delle abilità di calcolo A. Segurini, M. Balconi E. Commodori, M. Di Blasi 5 La ricerca visiva nell autismo: influenza della valenza emotiva degli stimoli L. Maccari, A. Pasini, E. Caroli, C. Rosa, A. Spagna, A. Marotta, M. Casagrande 6 Effetti di interferenza nel controllo attentivo M. Torrieri, M. Brunetti, R. Di Matteo 7 8 Gli effetti dell orientamento esogeno dell attenzione scompaiono in condizione di deprivazione di sonno Gli effetti attenzionali elicitati dallo sguardo e dalle frecce all interno di un display dinamico D. Martella, A. Marotta, L. J. Fuentes, M. Casagrande A. Marotta, J. Lupiáñez, D. Martella, L. Maccari, A. Spagna, M. Casagrande

16 9 10 Come cambia il fluire dei pensieri all'avanzare dell'età? Il mind wandering nell'invecchiamento La compatibilità spaziale S-R e l effetto affordance sono regolati da meccanismi comuni? M. Zavagnin, E. Borella, R. De Beni M. Ambrosecchia, B. F. M. Marino, L. G. Gawryszewski, L. Riggio 11 Come la valenza emotiva delle immagini interferisce con l abilità di ricerca visiva E. Caroli, L. Maccari, D. Martella, A. Marotta, A. Spagna, M. Casagrande Collocazione COGNIZIONE SOCIALE 12 Contesti ingroup e outgrup: quanto ci fidiamo? R. Morese, D. Rabellino, A. Ciaramidaro, M. R. Elena, R. Rosato, F. M. Bosco 13 L'aggiornamento della direzione dello sguardo e dell'espressione del volto in memoria di lavoro C. Artuso, P. Palladino, P. Ricciardelli 14 Migliorare la prestazione motoria attraverso la suggestione M. Fiorio, M. Emadi Andani, M. Tinazzi 15 L'inibizione di ritorno nel contesto d'interazione sociale D. R. Mussi, B. F. M. Marino, P. Groppi, L. Riggio 16 Correlati magnetoencefalografici dell'intenzione del gesto di indicare M. Brunetti, F. Zappasodi, L. Marzetti, M. G. Perrucci, G. L. Romani, V. Pizzella, T. Aureli Un nuovo strumento di analisi delle intenzioni private e sociali altrui. Studio preliminare La rotazione mentale di mani, corpi ed oggetti: studio su un campione di soggetti autistici ad alto funzionamento S. Garofalo, L. De Lucia, G. Finotti, R. Nappo, L. Trojano M. Conson, N. Marino, E. Mazzarella, G. Gison, N. Aprea, D. Grossi

17 Collocazione EMOZIONI L orientamento dell attenzione mediato dallo sguardo in soggetti con fobia specifica: il ruolo dell espressione facciale Modificazione dell attivita corticale alfa in risposta a stimoli emotivi positivi vs negativi in contesti reali o virtuali Voce ed empatia: differenze nell'espressione sovrasegmentale di empatia verso la tristezza e verso la collera Priming tra espressioni facciali e oggetti? Modulazioni differenti in base all'età C. Pletti, M. Sarlo, G. Galfano Y. Canavesio, M. Balconi, P. Cipresso, F. Giaimo, S. Triberti, S. Serino F. Biassoni, R. Ciceri P. Ricciardelli, L. Lugli, C. Iani, R. Nicoletti 23 Disconnessione emisferica ed elaborazione di emozioni subliminali S. D'Ascenzo, G. Prete, E. Meraglia, M. Fabri, N. Foschi, B. Laeng, L. Tommasi 24 Alessitimia, riconoscimento emotivo e bias attentivi nelle condotte alimentari: uno studio su adolescenti M. Ciccarelli, F. Mancini, F. D'Olimpio 25 Ruolo delle emozioni di colpa e vergogna sulla percezione corporea F. Oropallo, S. Paradisi, R. Cerisoli, F. Mancini, F. D'Olimpio LINGUAGGIO Collocazione 26 Abilità di Associazione semantica nella degenerazione corticale e sottocorticale L. S. De Federicis, D. Di Giacomo, M. Pistelli, D. Fiorenzi, A. Lera, D. Passafiume

18 27 Violazioni di struttura sintagmatica che non elicitano una elan F. Zandomeneghi, C. Deguchi, R. Zamparelli, F. Vespignani 28 Polarità degli effetti nel paradigma di interferenza figura - parola F. De Simone, S. Collina, L. Donsi 29 Ampiezza del vocabolario e lettura ad alta voce in bilingui adulti P. Rinaldi, S. Primativo, L. S. Arduino, S. O.Brien, D. Paizi, C. Burani 30 Il ruolo della trasparenza del suffisso di genere grammaticale nell'elaborazione lessicale dei sostantivi italiani M. De Martino, A. Laudanna 31 La frequenza influenza l'elaborazione dei nomi ambigui? A. Mancuso, A. Laudanna 32 Regolarità e irregolarità dei verbi italiani: una banca dati lessicale V. Amore, G. Bracco, M. Carastro, M. De Martino, F. Postiglione, A. Laudanna 33 Stroop: la solitudine del target F. Biondi, C. Mulatti Effetti ERP precoci dell'età di acquisizione e della frequenza d'uso nella lettura di parole L'effetto di interferenza cumulativa semantica negli anziani con e senza MCI/AD R. Adorni, M. Manfredi, A. M. Proverbio C. Calia, C. Mulatti, M. Fara De Caro, S. Della Sala 36 L effetto di età di acquisizione in compiti di denominazione ritardata E. Navarrete, M. Scaltritti, C. Mulatti, F. Peressotti 37 L attivazione del genere stereotipico delle parole: una prospettiva life-span A. Siyanova-Chanturia, F. Pesciarelli, C. Cacciari MEMORIA Collocazione 38 Effetti interattivi dell età di acquisizione e del priming nel test di decisione lessicale V. Rezende Silva Marques, P. Spataro, C. Rossi-Arnaud

19 Processi di integrazione di informazioni emotive e neutre in un compito di memoria di lavoro: uno studio su un gruppo di anziani Memoria pupillare e falsi ricordi per i verbi di manipolazione: l'occhio sa quel che la mano fa Gli effetti dell interferenza fonologica e visuo-spaziale nel calcolo mentale in età scolare M. E. Frisullo, N. Mammarella, B. Fairfield, A. Di Domenico M. Montefinese, B. Fairfield, N. Mammarella V. Melis, M. P. Penna, M. C. Fastame, A. Furia Collocazione 42 MOTIVAZIONE Pausa al lavoro, prestazione e sicurezza: la potenzialità rigenerativa dell ambiente fisico M. Brondino, J. L. Nasar, A. Paolillo, M. Pasini 43 Effetti a lungo termine di uno stress post-natale precoce in un modello animale R. Ventura, R. Coccurello, D. Andolina, E. C. Latagliata, C. Zanettini, V. Lampi, M. Battaglia, F. R. D'Amato, A. Moles 44 Motivazione accademica e drop-out C. Sechi, M. L. Mascia, S. Mocci, E. Pessa, M. P. Penna 45 Peer-attachment e autostima A. Gorrese, R. Ruggieri 46 Biofeedback competitivo: è possibile competere per ridurre l'attivazione vegetativa? M. Munafò, D. Palomba, L. Stegagno Collocazione 47 MOVIMENTO E AZIONE Effetto della stimolazione corticale (TDCS) sull'eeg nella rappresentazione dell'azione S. Vitaloni, M. Balconi 48 Performance profiling nel biliardo sportivo: applicazione con un giocatore D. Di Corrado, L. Bortoli, C. Robazza

20 49 Inventario psicologico della prestazione sportiva (IPPS-48) nel calcio giovanile O. Capparuccini, C. Robazza 50 Agente o osservatore: differenti dinamiche spettrali V. Sebastiani, F. de Pasquale, M. Costantini, D. Mantini, V. Pizzella, G. L. Romani, S. Della Penna 51 Effetti dell'expertise nel riconoscimento dell'intenzione di gesti interpersonali M. Mancini, I. Cutica, A. Antonietti 52 Discriminazione tra un movimento possibile e impossibile della mano alla nascita: integrazione tra rappresentazione motoria e visiva I. Senna, E. Longhi, M. Addabbo, H. Bulf, N. Bolognini, V. Macchi Cassia, P. Tagliabue, C. Turati Collocazione PENSIERO E DECISIONE 53 Effetto dell'ipossia sulla presa di decisione in condizione di rischio L. Savadori, S. Pighin, N. Bonini, CK. Hadjichristidis, F. Schena 54 Differenze individuali e decisioni finanziarie di vita reale E. Gambetti, R. Nori, F. Giusberti 55 Emozioni e mind reading nell'ultimatum game L. Pancani, A. Greco, M. D'Addario, P. Steca Il ruolo del sistema dopaminergico nella decisione: uno studio con pazienti Parkinson durante l'iowa Gambling Task Il ruolo della corteccia prefrontale dorsolaterale in un compito di apprendimento probabilistico: uno studio pilota con la tdcs D. Mapelli, S. Schiff, M. Cavalletti, E. Di Rosa, S. Tamburin M. Forgione, S. Schiff, D. Mapelli 58 Omicidio doloso o colposo? R. Nori, E. Gambetti, F. Giusberti

21 59 Homo oeconomicus e agente narrativo. Un approccio narrativo sperimentale alla decisione in ambito finanziario G. Finotti, S. Garofalo, L. De Lucia, R. Nappo, R. Boero, M. Tirassa 60 Un approccio empirico per una tassonomia dei bias cognitivi A. Ceschi, R. Sartori, E. Rubaltelli, J. Weller PERCEZIONE Collocazione Ruolo dell extrastriate body area e della corteccia premotoria nell elaborazione del giudizio estetico di corpi: uno studio rtms Magro o grasso? L'importanza dell'adattamento del peso corporeo nella percezione estetica L asimmetria delle previsioni sullo specchio: dall oggetto al riflesso, dal riflesso all oggetto. New drivers e strategie di monitoraggio del campo visivo in presenza di hazard V. Cazzato, S. Mele, C. Urgesi S. Mele, V. Cazzato, C. Urgesi I. Bianchi, M. Braga, U. Savardi M. R. Ciceri, F. Confalonieri 65 Effetto dell inversione del volto su ritratti fotografici e pittorici L. Giannandrea, S. D'Ascenzo, R. Palumbo, L. Tommasi 66 Consonanza e dissonanza nei due emisferi: uno studio su un paziente splitbrain G. Prete, M. Fabri, N. Foschi, A. Brancucci, L. Tommasi 67 Illusione di Ponzo: la prospettiva del neglect A. Sedda, E. R. Ferrè, C. L. Striemer, R. Sterzi, G. Bottini Adattamento e aftereffect nella percezione della valenza di scene complesse La personalità influenza la percezione del tempo? L effetto tau come possibile paradigma sperimentale The winner takes it all: la cecità al cambiamento indotta dalla detezione di elementi socialmente rilevanti R. Palumbo, S. D'Ascenzo, A. Quercia, L. Tommasi R. Cermisoni, R. Actis-Grosso F. Bracco, C. Chiorri, M. Manzone

22 71 Correlati elettrofisiologici della percezione del contrasto P. Mauri, M. Ruzzoli, C. Miniussi, D. Brignani 72 La stimolazione transcranica elettrica modula i processi neurali sottostanti la percezione uditiva? A. D'Anselmo, G. Prete, V. Lugli, L. Tommasi, A. Brancucci PERSONALITA' E DIFFERENZE INDIVIDUALI Collocazione 73 L'influenza della desiderabilità sociale sulle misure autovalutative del benessere psicologico e della metacognizione B. Leone, M. P. Penna, M. C. Fastame 74 Rapporti tra cognitive reflection test e bias decisionali P. L. Baldi, P. Iannello, A. Antonietti Il ruolo dell'intelligenza emotiva nell'ansia e nella depressione: uno studio preliminare Uno studio longitudinale sulle modifiche degli aspetti di personalità in bambini sottoposti alla Teatroterapia M. Sergi, L. Picconi, M. Balsamo P. Puliga, S. Conte Collocazione RAPPRESENTAZIONE SPAZIALE La linea mentale dei numeri nei bambini: uno studio di bisezione di intervalli numerici e posizionamento numerico Predizione di collisioni tra oggetti nello spazio peripersonale ed extrapersonale Linee e spazi vuoti: l effetto crossover nella negligenza spaziale unilaterale L effetto di facilitazione delle rappresentazioni grafiche nella risoluzione dei problemi statistici F. Rotondaro, S. Gazzellini, M. Peris, S. Merola, F. Doricchi M. Vinciguerra, T. Iachini, G. Ruggiero, T. Ruotolo, V. P. Senese, O. D'Errico F. Scarpina, C. Danelli, A. Toraldo M. Agus, M. P. Penna, M. Peró-Cebollero, J. Guàrdia-Olmos, E. Pessa

23 Collocazione STRUMENTI E METODI Validazione di una forma breve dell'object-spatial Imagery and Verbal Questionnaire (OSIVQ) Adattamento italiano di una misura multidimensionale per l'autovalutazione dell'intelligenza emotiva Qualità della vita di adulti con disabilità intellettiva: accordo tra individuo e altri valutatori C. Scarfì, C. Chiorri, M. Vannucci, G. Barresi C. Modafferi, C. Chiorri, A. Russo A. Coscarelli, G. Balboni 84 Artefatto EEG e potenziali evocati dalla TMS: esiste una relazione? E. P. Casula, V. Tarantino, D. Basso, P. S. Bisiacchi Le funzioni di mental imagery nell anziano con e senza deterioramento: uno strumento di valutazione psicometrica Sottocomponenti della ruminazione: analisi fattoriale confermativa della versione italiana del Ruminative Response Scale S. Castellano, M. Guarnera, S. Di Nuovo A. Macchia, M. Balsamo, R. Romanelli, A. Saggino 87 Mettersi nei panni dell altro: una questione anche relazionale M. Lanz, S. Tagliabue, F. G. Paleari Misurare i Big Five in meno di un minuto si può! Adattamento italiano del Ten Item Personality Inventory (TIPI) di Gosling et al. (2003) L utilizzo della realtà virtuale immersiva nella valutazione degli effetti psicologici di una centrale eolica C. Chiorri, F. Bracco, T. Piccinno, B. Fogli V. P. Senese, F. Ruotolo, G. Ruggiero, L. Maffei, M. Masullo, T. Iachini

Giovedì 20 settembre

Giovedì 20 settembre 9.00-14.00 Registrazione Giovedì 20 settembre METODI E MODELLI (14.00-15.40) Moderatore: Franca Agnoli (Università di Padova) 14.00-14.20 L utilizzo della statistica e la comunicazione dei risultati: una

Dettagli

Programma della Sezione di Psicologia Sperimentale

Programma della Sezione di Psicologia Sperimentale Programma della Sezione di Psicologia Sperimentale h 14.00 Giovedì 20 h 15.45 h 16.15 Simposio Psicologia del linguaggio (Aula Magna di Psicologia) Metodi e modelli (Aula B1-GEO) Memoria 1 (Aula C-GEO)

Dettagli

Lo sviluppo emotivo e relazionale. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1!

Lo sviluppo emotivo e relazionale. Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1! Lo sviluppo emotivo e relazionale Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia 1! Che cos è un emozione? EMOZIONE Esperienza complessa, multidimensionale, che svolge un ruolo

Dettagli

NUOVE RICHIESTE AL 15/06/2010. Aspiranti soci affiliati (scadenza ratifica 30.06.2010)

NUOVE RICHIESTE AL 15/06/2010. Aspiranti soci affiliati (scadenza ratifica 30.06.2010) NUOVE RICHIESTE AL 15/06/2010 Aspiranti soci affiliati (scadenza ratifica 30.06.2010) BOVE EGIDIO Università degli Studi di Urbino LA MARCA SARAH Università di Parma MARTINA MARIANGELA MUZZATTI BARBARA

Dettagli

ELENCO ELABORATI SCRITTI PRESENTATI DAGLI STUDENTI PER LA PROVA FINALE IN DUE ANNI ACCADEMICI. Cognizione sociale e iperattività

ELENCO ELABORATI SCRITTI PRESENTATI DAGLI STUDENTI PER LA PROVA FINALE IN DUE ANNI ACCADEMICI. Cognizione sociale e iperattività Cognizione sociale e iperattività La riabilitazione delle anomie per mezzo del condizionamento classico : uno studio sperimentale Recepire, controllare,suscitare e interpretare le emozioni nella relazione

Dettagli

Neuropsicologia della comunicazione

Neuropsicologia della comunicazione Neuropsicologia della comunicazione Michela Balconi Neuropsicologia della comunicazione 123 Michela Balconi Dipartimento di Psicologia, Università Cattolica del Sacro Cuore, Milano michela.balconi@unicatt.it

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN NEUROPSICOLOGIA CLINICA. Età Evolutiva, Adulti e Anziani. Anno accademico 2011-12

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN NEUROPSICOLOGIA CLINICA. Età Evolutiva, Adulti e Anziani. Anno accademico 2011-12 ISTITUTO SKINNER Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Comportamentale e Cognitiva MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN NEUROPSICOLOGIA CLINICA Età Evolutiva, Adulti e Anziani Anno accademico 2011-12

Dettagli

Capitolo 1 Neuropsicologia: introduzione e cenni storici 1 1.1 Ambito della neuropsicologia 1 1.2 Nascita della neuropsicologia: cenni storici 2

Capitolo 1 Neuropsicologia: introduzione e cenni storici 1 1.1 Ambito della neuropsicologia 1 1.2 Nascita della neuropsicologia: cenni storici 2 9788871929422 I_XX_Layout 1 13/02/13 15:56 Pagina V Prefazione Introduzione all edizione italiana XV XVII Capitolo 1 Neuropsicologia: introduzione e cenni storici 1 1.1 Ambito della neuropsicologia 1 1.2

Dettagli

Disturbi dello Spettro Autistico: l intervento su: intersoggettività e abilità sociali. comunicazione

Disturbi dello Spettro Autistico: l intervento su: intersoggettività e abilità sociali. comunicazione DIPARTIMENTO SALUTE MENTALE PROGRAMMA AUTISMO SPOKE REGGIO EMILIA HUB AREA VASTA EMILIA NORD Diettore: Dott.ssa Maria Linda Gallo Viale Umberto I, 50-42100 Reggio Emilia Segreteria: Tel. 0522/339038 Reggio

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dislessia disgrafia disortografia - discalculia

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dislessia disgrafia disortografia - discalculia DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Dislessia disgrafia disortografia - discalculia Come si sviluppa un abilità Predisposizione innata: le funzioni superiori si insediano nell uomo per sola esposizione

Dettagli

Insegnamento: Il costruttivismo I presupposti epistemologici dell'approccio costruttivista alla clinica. Docenti Giorgio Rezzonico

Insegnamento: Il costruttivismo I presupposti epistemologici dell'approccio costruttivista alla clinica. Docenti Giorgio Rezzonico Psicologia Generale Gli Insegnamenti di Psicologia Generale consistono complessivamente di 92 ore di attività di aula nel corso del percorso formativo, si svolgono durante le prime due annualità per consentire

Dettagli

Riconoscimento e categorizzazione delle emozioni nei Disturbi dello Spettro Autistico

Riconoscimento e categorizzazione delle emozioni nei Disturbi dello Spettro Autistico UNIVERSITÀ DI PADOVA Scuola di Specializzazione in Psicologia Clinica Riconoscimento e categorizzazione delle emozioni nei Disturbi dello Spettro Autistico TESI DI SPECIALIZZAZIONE Relatore Prof. Daniela

Dettagli

Vademecum per la richiesta di progetti di tesi di laurea magistrale presso il Centro studi e ricerche in Neuroscienze Cognitive (CsrNC)

Vademecum per la richiesta di progetti di tesi di laurea magistrale presso il Centro studi e ricerche in Neuroscienze Cognitive (CsrNC) Università degli Studi di Bologna Laurea Magistrale in Neuroscienze e riabilitazione neuropsicologica Vademecum per la richiesta di progetti di tesi di laurea magistrale presso il Centro studi e ricerche

Dettagli

Dottorando presso l Università Cattolica del Sacro Cuore - Scuola di Dottorato di

Dottorando presso l Università Cattolica del Sacro Cuore - Scuola di Dottorato di Marzo 2015 Piercarlo Mauri Curriculum Vitae Dati personali: Data di nascita: 23/12/1983 Luogo di nascita: Tradate (VA) - Italia Nazionalità: Italiana Telefono: +39 0303501594 E-mail: piercarlo.mauri@cognitiveneuroscience.it

Dettagli

GLI EFFETTI DELL INSEGNAMENTO SULL APPRENDIMENTO. Valentina Tobia Università degli Studi di Milano-Bicocca

GLI EFFETTI DELL INSEGNAMENTO SULL APPRENDIMENTO. Valentina Tobia Università degli Studi di Milano-Bicocca GLI EFFETTI DELL INSEGNAMENTO SULL APPRENDIMENTO Valentina Tobia Università degli Studi di Milano-Bicocca DI COSA PARLEREMO? Struttura del cervello e tecniche per studiarlo Processi cognitivi implicati

Dettagli

LO SVILUPPO COGNITIVO

LO SVILUPPO COGNITIVO LO SVILUPPO COGNITIVO Corso di Disabilità Cognitive Prof. Renzo Vianello Università di Padova power-point per le lezioni, a cura di: Manzan Dainese Martina Riccoldo Monica Argomenti trattati Problemi metodologici

Dettagli

NEPSY Second Edition

NEPSY Second Edition NEPSY Second Edition 3 Autori Marit Korkman, Ursula Kirk e Sally Kemp Data di pubblicazione 2011 Range di età Da 3 a 16 anni Tempo di somministrazione 90 minuti ca. per i soggetti in età prescolare 2-3

Dettagli

UNIVERSITA DELLA CALABRIA A.A

UNIVERSITA DELLA CALABRIA A.A UNIVERSITA DELLA CALABRIA A.A. 2012/2013 CORSO AGGIUNTIVO PER LE ATTIVITÀ FORMATIVE PER GLI ALUNNI IN SITUAZIONE DI HANDICAP NELLA SCUOLA DELL INFANZIA (MATERNA) E NELLA SCUOLA PRIMARIA (ELEMENTARE) Educazione

Dettagli

ANCHE L OCCHIO VUOLE LA SUA PARTE : correlazioni tra dislessia e disturbi visivi

ANCHE L OCCHIO VUOLE LA SUA PARTE : correlazioni tra dislessia e disturbi visivi ANCHE L OCCHIO VUOLE LA SUA PARTE : correlazioni tra dislessia e disturbi visivi Castelfranco Emilia 23/04/2008 Dr.ssa Roberta Leonetti Neuropsichiatra Infantile Anna Maggiani Ortottista Difficoltà scolastiche:

Dettagli

DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it

DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it

Dettagli

Disturbi dello Sviluppo (DS): approccio riabilitativo in età scolare

Disturbi dello Sviluppo (DS): approccio riabilitativo in età scolare Disturbi dello Sviluppo (DS): approccio riabilitativo in età scolare Caterina D Ardia Neuropsichiatria Infantile Università Sapienza, Roma Disturbi dello Sviluppo Sono Disturbi che accompagnano la persona

Dettagli

DSA DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO

DSA DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO DSA DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO LETTURA DISLESSIA SCRITTURA DISORTOGRAFIA, DISGRAFIA CALCOLO DISCACULIA COMORBILITA Presenza di più di questi disturbi nella

Dettagli

DAI SOCIAL SKILLS TRAINING ALLE

DAI SOCIAL SKILLS TRAINING ALLE PSICOTERAPIA E COMPETENZE SOCIALI: DAI SOCIAL SKILLS TRAINING ALLE TERAPIE DI TERZA GENERAZIONE Luigi Gastaldo, Antonella Bressa, Romina Castaldo, Viola Galleano, Elvezio Pirfo Dipartimento di Salute Mentale

Dettagli

Indice tematico CORSO DI SCIENZE UMANE E SOCIALI

Indice tematico CORSO DI SCIENZE UMANE E SOCIALI Indice tematico CORSO DI SCIENZE UMANE E SOCIALI Il presente indice dispone gli argomenti contenuti nel volume Corso di scienze umane e sociali in base alle indicazioni fornite dal Ministero dell Istruzione

Dettagli

Laboratori pratici Strategie educative e didattiche per l autismo. Autismo ad alto funzionamento e sindrome di Asperger. Apprendere le abilità sociali

Laboratori pratici Strategie educative e didattiche per l autismo. Autismo ad alto funzionamento e sindrome di Asperger. Apprendere le abilità sociali Centro Territoriale per l Integrazione di Feltre Laboratori pratici Strategie educative e didattiche per l autismo Autismo ad alto funzionamento e sindrome di Asperger. Apprendere le abilità sociali Dott.ssa

Dettagli

Progetto di supervisione e consulenza per insegnanti sui disturbi di apprendimento e difficoltà scolastiche

Progetto di supervisione e consulenza per insegnanti sui disturbi di apprendimento e difficoltà scolastiche Progetto di supervisione e consulenza per insegnanti sui disturbi di apprendimento e difficoltà scolastiche Il progetto si propone la promozione del successo formativo per minori con difficoltà di apprendimento,

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

NEUROPSICOLOGIA CLINICA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGIA Test e dipendenze

NEUROPSICOLOGIA CLINICA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGIA Test e dipendenze NEUROPSICOLOGIA CLINICA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGIA Test e dipendenze Franca Stablum Dipartimento di Psicologia Generale Università degli Studi di Padova 1 Neuropsicologia clinica = scienza applicata Problemi

Dettagli

ESAME DI STATO PER PSICOLOGI

ESAME DI STATO PER PSICOLOGI ESAME DI STATO PER PSICOLOGI I PROVA (CASI CLINICI) PROVE USCITE NELL ANNO 2015 PRIMA SESSIONE la personalità. Non estratte: motivazione ed aggressività. ruolo delle interazioni primarie nello sviluppo

Dettagli

LAUREA IN SCIENZE PSICOLOGICHE COGNITIVE E PSICOBIOLOGICHE I SEMESTRE A.A. 2015/2016 PRIMO ANNO SECONDO ANNO TERZO ANNO

LAUREA IN SCIENZE PSICOLOGICHE COGNITIVE E PSICOBIOLOGICHE I SEMESTRE A.A. 2015/2016 PRIMO ANNO SECONDO ANNO TERZO ANNO LAUREA IN SCIENZE PSICOLOGICHE COGNITIVE E PSICOBIOLOGICHE I SEMESTRE A.A. 2015/2016 (L1) ANTROPOLOGIA CULTURALE ZOLA 6 PSICOLOGIA GENERALE Mod. A C.so integrato di Psicologia generale Mod. A+B (12 cfu)

Dettagli

Linguaggio orale & Linguaggio scritto. Diversità funzionale Diversità temporali di acquisizione

Linguaggio orale & Linguaggio scritto. Diversità funzionale Diversità temporali di acquisizione Linguaggio orale & Linguaggio scritto Diversità funzionale Diversità temporali di acquisizione Linguaggio orale & Linguaggio scritto All'età di sei anni un bambino è in grado di capire 14.000 parole circa

Dettagli

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Mira, 27 marzo 2015 Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Dott.ssa Barbara Longhi Psicologa Psicoterapeuta Ulss13 Servizio Età Evolutiva Cosa sono i DSA? Disturbi dello sviluppo che riguardano

Dettagli

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE A.A. 2012-2013 SCIENZE INFERMIERISTICHE POLO DI PISA II ANNO V LEZIONE Dott.ssa Chiara Toma I DISTURBI DELLO SVILUPPO Disturbi del linguaggio Autismo e disturbi pervasivi

Dettagli

N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri,

N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri, N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri, con sostegno e casi di bullismo 002 Insieme per crescere Troppo teorico 003 Costruire una comunità accogliente

Dettagli

INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO

INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO Chiara Cantiani Psicologa Dottore di ricerca in Psicologia chiara.cantiani@bp.lnf.it chiara.cantiani@lanostrafamiglia.it IRCCS «E. Medea» Associazione La Nostra

Dettagli

La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella

La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella Facoltà di Psicologia 2 La disregolazione emozionale nei disturbi dell alimentazione Caterina Lombardo, Lucrezia Maccioli, Assunta Pierotti, Aldo Stella Disturbi dell alimentazione (DSM-IV-TR): Anoressia

Dettagli

RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione

RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione PAOLO CANGIANO DISCIPLINE DELLA RICERCA PSICOLOGICO SOCIALE (Nettuno) Matricola nr 710756 RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione Aprile 2012 Indice 1. Introduzione p. 2 2. Procedura di raccolta dati

Dettagli

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo Corso Dsa - I disturbi specifici dell apprendimento: dall

Dettagli

I Disturbi Specifici di Apprendimento. Brembati Federica Roberta Donini

I Disturbi Specifici di Apprendimento. Brembati Federica Roberta Donini I Disturbi Specifici di Apprendimento Dott.ssa Brembati Federica Dott.ssa Roberta Donini Il disturbo specifico di apprendimento L uso del termine disturbo specifico dell apprendimento si riferisce a difficoltà

Dettagli

CURRICULUM V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Psicologa Albo di appartenenza Indirizzo E-mail Sito web Nazionalità Luogo e data di nascita Patente DR.SSA Mariapaola Bianchini Ordine degli Psicologi del Lazio.

Dettagli

Disturbi Specifici dell apprendimento. Dott.ssa Valentina Genitori D Arrigo Psicologa e Psicoterapeuta

Disturbi Specifici dell apprendimento. Dott.ssa Valentina Genitori D Arrigo Psicologa e Psicoterapeuta Disturbi Specifici dell apprendimento Dott.ssa Valentina Genitori D Arrigo Psicologa e Psicoterapeuta Con il termine Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) vengono indicate una serie di difficoltà

Dettagli

disturbo del linguaggio

disturbo del linguaggio DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO INTRODUZIONE Difficoltà scolastiche: Sintomi comuni MA cause diverse, didattica diversa, diversi obiettivi Disturbi specifici: disturbo specifico apprendimento disturbo

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NEI BAMBINI SORDI: LE LORO STORIE. Francesca Baruffaldi, Maria Cristina Caselli

LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NEI BAMBINI SORDI: LE LORO STORIE. Francesca Baruffaldi, Maria Cristina Caselli LO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO NEI BAMBINI SORDI: LE LORO STORIE Francesca Baruffaldi, Maria Cristina Caselli Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione ISTC - CNR Trento, 21 maggio 2011

Dettagli

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca.

La rappresentazione nella pubblicità. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1. Premessa. Le azioni della ricerca. Università di Roma La Sapienza (Prof. Maria D Alessio) 1 La rappresentazione nella pubblicità Premessa La letteratura internazionale ha affrontato negli ultimi anni la pubblicità che utilizza i bambini

Dettagli

Modelli di riabilitazione lessicali e sublessicali San Marino 2012 Convegno: «Imparare, questo è il problema»

Modelli di riabilitazione lessicali e sublessicali San Marino 2012 Convegno: «Imparare, questo è il problema» Modelli di riabilitazione lessicali e sublessicali San Marino 2012 Convegno: «Imparare, questo è il problema» Francesca Scortichini psicologa Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Riabilitazione

Dettagli

Fattori neuro-cognitivi alla base dello sviluppo della competenza plurilingue

Fattori neuro-cognitivi alla base dello sviluppo della competenza plurilingue Fattori neuro-cognitivi alla base dello sviluppo della competenza plurilingue Andrea Marini Universita degli Studi di Udine IRCCS La Nostra Famiglia PFVG IRCSS Santa Lucia, Roma andrea.marini@uniud.it

Dettagli

Programmi di intervento per il Disturbo Non Verbale

Programmi di intervento per il Disturbo Non Verbale Programmi di intervento per il Disturbo Non Verbale Caratteristiche professionista Gravità e pervasività disturbo Motivazione al cambiamento EFFICACIA TRATTAMENTO Tipo di trattamento Durata del trattamento

Dettagli

IL PROBLEMA DISLESSIA. Spagnoletti Maria, Stella www.studiodipsicologia.com

IL PROBLEMA DISLESSIA. Spagnoletti Maria, Stella www.studiodipsicologia.com IL PROBLEMA DISLESSIA Spagnoletti Maria, Stella www.studiodipsicologia.com LA DISLESSIA, QUESTA SCONOSCIUTA LA DISLESSIA, QUESTA SCONOSCIUTA La dislessia è una disabilità invisibile per questo i genitori

Dettagli

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento Chiara Trubini Consultorio CEAF di Vimercate, Comune di Ornago e Università di Parma trubini.chiara@libero.it F 81.0 Disturbo specifico

Dettagli

*DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO

*DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO *DISTURBI DELLO SPETTRO DELL AUTISMO *DSM: Manuale Diagnostico e Statistico delle malattie mentali APA *DSM IV : DISARMONIE COGNITIVE DELLO SVILUPPO *DSM-5: DISTURBO DEL NEUROSVILUPPO *DISTURBO NEUROBIOLOGICO

Dettagli

ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO

ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO Vineland Le Vineland Adaptive Behavior Scales valutano

Dettagli

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE MUSICA, CORPO E CERVELLO (PARTE SECONDA) PROF. MAURIZIO PISCITELLI Indice 1 LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE ------------------------------------------------------------------------ 3 2 NEUROLOGIA DELLA

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

Fondamenti metodologici della neuropsicologia. Il metodo neuropsicologico. Dai dati alla teoria. Il metodo della correlazione anatomo-clinica

Fondamenti metodologici della neuropsicologia. Il metodo neuropsicologico. Dai dati alla teoria. Il metodo della correlazione anatomo-clinica FUNZIONI ESECUTIVE E MISURE ELETTROFISIOLOGICHE PATRIZIA S. BISIACCHI DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA GENERALE PADOVA Fondamenti metodologici della neuropsicologia Studio delle basi neurali delle funzioni mentali

Dettagli

dr.ssa Fernanda Bernabei

dr.ssa Fernanda Bernabei I disturbi specifici dell apprendimento dr.ssa Fernanda Bernabei 1 IL DISTURBO SPECIFICO DELL APPRENDIMENTO Il disturbo specifico si presenta in genere come una difficoltà specifica isolata, in contrasto

Dettagli

COMUNICO PER MOTIVARE

COMUNICO PER MOTIVARE COMUNICO PER MOTIVARE Motivare allo studio e promuovere l autoefficacia degli studenti attraverso una comunicazione efficace Corso di Alta Formazione Facoltà di Psicologia SPAEE - Servizio di Psicologia

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

Disturbi specifici di apprendimento su base disprattica: LA DISGRAFIA

Disturbi specifici di apprendimento su base disprattica: LA DISGRAFIA Disturbi specifici di apprendimento su base disprattica: LA DISGRAFIA Castelfranco Emilia 10/03/2008 Dr.ssa Roberta Leonetti Neuropsichiatra Infantile Anna Maggiani ortottista Scrittura: Apprendimento

Dettagli

AGGIORNAMENTO INSEGNANTI

AGGIORNAMENTO INSEGNANTI AGGIORNAMENTO INSEGNANTI Vengono proposti moduli di aggiornamento destinati a insegnanti, dalla scuola per l infanzia alla scuola secondaria. Questi corsi possono essere realizzati all interno di una singola

Dettagli

ABSTRACT DELLA TESI DI LAUREA: IL SISTEMA DEI NEURONI SPECCHIO: QUALI IMPLICAZIONI PER IL LINGUAGGIO. STUDIO DI TRE QUADRI DI AFASIA NON-FLUENTE.

ABSTRACT DELLA TESI DI LAUREA: IL SISTEMA DEI NEURONI SPECCHIO: QUALI IMPLICAZIONI PER IL LINGUAGGIO. STUDIO DI TRE QUADRI DI AFASIA NON-FLUENTE. ABSTRACT DELLA TESI DI LAUREA: IL SISTEMA DEI NEURONI SPECCHIO: QUALI IMPLICAZIONI PER IL LINGUAGGIO. STUDIO DI TRE QUADRI DI AFASIA NON-FLUENTE. Premesse teoriche Nella letteratura recente si trovano

Dettagli

BES e DSA: Lettura della relazione diagnostica

BES e DSA: Lettura della relazione diagnostica BES e DSA: Lettura della relazione Dott.ssa Anna Bruno Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Chiara Izzo Logopedista Chi effettua la diagnosi? DISABILITÀ Servizio pubblico specialistico che ha in carico il

Dettagli

L OGGETTIVAZIONE DELLA DONNA

L OGGETTIVAZIONE DELLA DONNA L OGGETTIVAZIONE DELLA DONNA Secondo Martha Nussbaum (1999) il concetto di oggettivazione comprende sette dimensioni: 1. Strumentalità: l oggetto è uno strumento per gli scopi altrui; 2. Negazione dell

Dettagli

STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA. Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013

STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA. Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013 STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013 PRINCIPALI DIFFICOLTA NEL PORRE LA DIAGNOSI (ICD-10) 1. Distinguere il disturbo dalle normali variazioni del rendimento

Dettagli

Ciclo di conferenze e workshop IDIPSI. Sabato 12 e Domenica 13 Marzo 2016 Workshop

Ciclo di conferenze e workshop IDIPSI. Sabato 12 e Domenica 13 Marzo 2016 Workshop Ciclo di conferenze e workshop IDIPSI Direttore scientifico Mirco Moroni Sabato 12 e Domenica 13 Marzo 2016 Workshop Interventi terapeutici in psicotraumatologia Tecniche di intervento presentate: Psicoterapia

Dettagli

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013

Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico. Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 Educazione Pedagogia Didattica in un asilo nido Lo scenario psicologico Dott.ssa Adriana Lafranconi 11 marzo 2013 PIAGET VYGOTSKY NELSON Bambino diverso dall adulto Bambino diverso dall adulto Continuità

Dettagli

Introduzione. Un nuovo modo di pensare al disagio psicologico in età evolutiva 15

Introduzione. Un nuovo modo di pensare al disagio psicologico in età evolutiva 15 Indice Prefazione n di Giovanni Liotti Introduzione. Un nuovo modo di pensare al disagio psicologico in età evolutiva 15 Parte prima. Gli approcci teorici allo studio dello sviluppo e della psicopatologia

Dettagli

Che cos è la teoria della mente

Che cos è la teoria della mente Che cos è la teoria della mente La teoria della mente è la capacità di intuire o comprendere gli stati mentali propri e altrui, i pensieri, le credenze, i ragionamenti, le inferenze, le emozioni, le intenzioni

Dettagli

XVII CONGRESSO NAZIONALE DELLA SEZIONE DI PSICOLOGIA SPERIMENTALE. Catania, 14-16 Settembre 2011

XVII CONGRESSO NAZIONALE DELLA SEZIONE DI PSICOLOGIA SPERIMENTALE. Catania, 14-16 Settembre 2011 XVII CONGRESSO NAZIONALE DELLA SEZIONE DI PSICOLOGIA SPERIMENTALE Catania, 14-16 Settembre 2011 Struttura didattica di Psicologia Facoltà di Scienze della Formazione, Lettere e Filosofia, Medicina Dipartimento

Dettagli

FUNZIONI ESECUTIVE E DISPRASSIA

FUNZIONI ESECUTIVE E DISPRASSIA IX Congresso nazionale AIDAI-AIRIPA AIRIPA Perugia, 30-31 maggio 2013 FUNZIONI ESECUTIVE E DISPRASSIA M.Margheriti, M.Baciarelli, M.T.Barberini, M.S. Ghilardi, G.Tinarelli, L.Michelazzo Associazione Italiana

Dettagli

Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta

Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta Disturbi Specifici del Linguaggio - DSL - Dott.ssa Camilla Fagetti Psicologa Psicoterapeuta Novate, 20 Aprile 2015 Programma 1 parte Competenza linguistica Sviluppo linguistico Indici di riferimento Parlatori

Dettagli

La risposta dell attività cerebrale alle stimolazioni verbali

La risposta dell attività cerebrale alle stimolazioni verbali La risposta dell attività cerebrale alle stimolazioni verbali Differenze nel processamento lessicale e semantico in bambini con disturbo dello spettro autistico Giancarlo Zito, Magda Di Renzo, Federico

Dettagli

come migliorare la PRESTAZIONE

come migliorare la PRESTAZIONE .... BIOFEEDBACK E SPORT:. come migliorare la PRESTAZIONE Ogni stimolo, ogni situazione scaturisce in noi una risposta a livello fisiologico, mentale ed emozionale. Questa risposta influenza il nostro

Dettagli

Gabriele Baldo CV. Attività di ricerca e attività clinica

Gabriele Baldo CV. Attività di ricerca e attività clinica Gabriele Baldo CV Dati personali:gabriele Baldo Luogo e data di nascita: Rovereto (TN) 14-11-1979 Psicologo-Psicoterapeuta, collaboratore ODFLab, Università di Trento via Matteo del Ben, 5 38065 Rovereto

Dettagli

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento

ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento ANALISI DELLE DIAGNOSI di Disturbo Specifico dell Apprendimento Chiara Trubini Psicologa, Psicoterapeuta, PhD in psicologia dell educazione e delle disabilità trubini.chiara@libero.it Con la pubblicazione

Dettagli

FORMAZIONE 2015-2016 FORMAZIONE SPECIALISTICA PER EDUCATORI, TERAPISTI OCCUPAZIONALI, TECNICI DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA

FORMAZIONE 2015-2016 FORMAZIONE SPECIALISTICA PER EDUCATORI, TERAPISTI OCCUPAZIONALI, TECNICI DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA FORMAZIONE 2015-2016 FORMAZIONE SPECIALISTICA PER EDUCATORI, TERAPISTI OCCUPAZIONALI, TECNICI DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA CHE LAVORANO NELL AMBITO DELLE DEMENZA SOSTEGNO PSICOLOGICO E RIABILITAZIONE

Dettagli

ALESSANDRA LUCI LOGOPEDISTA E PSICOLOGA

ALESSANDRA LUCI LOGOPEDISTA E PSICOLOGA DATI ANAGRAFICI Data di Nascita: 25/03/1976 Roma Codice Fiscale: LCULSN76C65H501V Partita Iva: 07777691002 TITOLI DI STUDIO 1990-1995 Liceo Ginnasio Statale Platone Roma Diploma di Maturità Classica Votazione

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Si parla di disturbo specifico di apprendimento quando un soggetto in età evolutiva presenta difficoltà isolate e circoscritte

Dettagli

MEMORIA. La memoria umana è definita come la capacità di riattivare, in modo parziale o totale, gli avvenimenti del passato;

MEMORIA. La memoria umana è definita come la capacità di riattivare, in modo parziale o totale, gli avvenimenti del passato; MEMORIA La memoria umana è definita come la capacità di riattivare, in modo parziale o totale, gli avvenimenti del passato; La memoria umana è definita anche come la capacità di generare nuove conoscenze,

Dettagli

Psicologia dello Sviluppo

Psicologia dello Sviluppo Psicologia dello Sviluppo DESCRIVE i cambiamenti dell essere umano nei comportamenti e nelle competenze (motorie, percettive, sociali, emotive, comunicativo-linguistiche, cognitive) in funzione del trascorrere

Dettagli

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016

Psicopatologia dell anziano. Prof.ssa Elvira Schiavina 02 marzo 2016 Psicopatologia dell anziano 02 marzo 2016 Invecchiamento e Psicopatogia Salute mentale dell anziano: nuovo campo della psicopatologia. Affinamento dei criteri di diagnosi, costruzione e validazione di

Dettagli

Anno Scolastico 2014/2015

Anno Scolastico 2014/2015 I.P.S.S.C.T. L. Einaudi - FOGGIA Anno Scolastico 2014/2015 Classe IV^ D Indirizzo: Servizi socio-sanitari Programma svolto di: Psicologia generale ed applicata Docente: Pellegrini Raffaele Testo di riferimento:

Dettagli

PROGRAMMA PRELIMINARE

PROGRAMMA PRELIMINARE XVII CONGRESSO NAZIONALE DELLA SEZIONE DI PSICOLOGIA SPERIMENTALE Catania, 14-16 Settembre 2011 PROGRAMMA PRELIMINARE INFORMAZIONI GENERALI LOCATION I lavori del congresso si svolgeranno presso il complesso

Dettagli

57 CONGRESSO NAZIONALE SIGM VENERDI 10 MAGGIO 2013 GENOVA AC HOTEL (SALA B)

57 CONGRESSO NAZIONALE SIGM VENERDI 10 MAGGIO 2013 GENOVA AC HOTEL (SALA B) 57 CONGRESSO NAZIONALE SIGM VENERDI 10 MAGGIO 2013 GENOVA AC HOTEL (SALA B) UPDATING E PROGETTI DEL CONI LIGURIA Processi motivazionali e prevenzione dell abbandono sportivo giovanile Francesca Vitali

Dettagli

12/5/12 I CRITERI DIAGNOSTICI: DSM-IV (APA) CAUSE DELL AUTISMO CRITERI DEL DSM-IV LE NOVITÀ DEL DSM-V (2013) 1. COMUNICAZIONE SOCIALE

12/5/12 I CRITERI DIAGNOSTICI: DSM-IV (APA) CAUSE DELL AUTISMO CRITERI DEL DSM-IV LE NOVITÀ DEL DSM-V (2013) 1. COMUNICAZIONE SOCIALE OBIETTIVI DELL INCONTRO AUTISMO A SCUOLA Strategie educative e didattiche per l inclusione in classe Conoscere cos è l autismo Conoscere quali sono le strategie educative più valide CTRH Monza Centro 13

Dettagli

Dott.ssa Francesca De Rosi

Dott.ssa Francesca De Rosi Dott.ssa Francesca De Rosi Neuroscienze Studiano il funzionamento del sistema nervoso. Collaborano con: Anatomia Fisiologia Biologia Molecolare Genetica Biochimica Psicologia Pedagogia Tecniche d indagine

Dettagli

Tecnologie per la riduzione degli handicap - Laurea in Pedagogia

Tecnologie per la riduzione degli handicap - Laurea in Pedagogia Provate a leggere Probabilmente risulterà difficile leggere queste poche righe. Qualcuno si appellerà agli errori di stampa. Effettivamente abbiamo sostituito qualche lettera, omesso qualcosa, aggiunto

Dettagli

L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini

L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Dipartimento di Scienze Umane L autismo: questo conosciuto Lucio Cottini L AUTISMO: COS È Disturbo dell Interazione Disturbo della Comunicazione Ridotto repertorio di attività

Dettagli

La Valutazione Neuropsicologica in età Evolutiva

La Valutazione Neuropsicologica in età Evolutiva La Valutazione Neuropsicologica in età Evolutiva Cos è la Neuropsicologia E la disciplina che studia i rapporti tra cervello e funzioni cognitive. Disciplina che studia i rapporti tra il cervello (strutture

Dettagli

Corteccia cerebrale aree del linguaggio e asimmetria emisferica

Corteccia cerebrale aree del linguaggio e asimmetria emisferica Corteccia cerebrale aree del linguaggio e asimmetria emisferica Asimmetria emisferica Esplorazione della asimmetria emisferica a) anatomica (autoptica e neuro-immagini) b) studio di lesioni c) test di

Dettagli

Master Universitario di primo livello METODOLOGIA DELL INTERVENTO LOGOPEDICO NEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO

Master Universitario di primo livello METODOLOGIA DELL INTERVENTO LOGOPEDICO NEI DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Master Universitario di primo livello METODOLOGIA DELL INTERVENTO Direttore: Prof. Alessandro MARTINI OBIETTIVI DEL MASTER Il Master è finalizzato al conseguimento di conoscenze e competenze specifiche

Dettagli

DALLA DIAGNOSI AL PDP. TORINO 12 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Azia M Sammartano

DALLA DIAGNOSI AL PDP. TORINO 12 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Azia M Sammartano DALLA DIAGNOSI AL PDP TORINO 12 NOVEMBRE 2015 Dott.ssa Azia M Sammartano SU COSA CI SI BASA PER LA DIAGNOSI? QUALI BASI? QUALI TEST? QUALI ANALISI? Le basi! Criterio della discrepanza! Il principale criterio

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO E I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: SCREENING, DIAGNOSI E INTERVENTO

I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO E I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: SCREENING, DIAGNOSI E INTERVENTO IRCCS OASI MARIA SS CONVEGNO I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO E I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: SCREENING, DIAGNOSI E INTERVENTO D.ssa Giuseppa Cifalà, Pedagogista clinico Direttore ANPEC Prov. Enna

Dettagli

Giovani Adulti con DSA: diagnosi e problemi psicologici

Giovani Adulti con DSA: diagnosi e problemi psicologici Dipartimento Educazione e Scienze Umane E Servizio Accoglienza Studenti Disabili e Dislessici VII Seminario sulle tematiche della dislessia evolutiva nell adulto Giovani Adulti con DSA: diagnosi e problemi

Dettagli

Lo sviluppo della comunicazione sociale nei primi anni di vita

Lo sviluppo della comunicazione sociale nei primi anni di vita Lo sviluppo della comunicazione sociale nei primi anni di vita Antonia Parmeggiani UO di Neuropsichiatria Infantile Policlinico S. Orsola-Malpighi Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Università

Dettagli

LAVORI A TAVOLINO. B) APPRENDIMENTO

LAVORI A TAVOLINO. B) APPRENDIMENTO COGNITIVA GIOCO B) APPRENDIMENTO LAVORI A TAVOLINO. insegnamento di attività da eseguire successivamente in modo indipendente, che comprende attività come descritto prima. Si lavora anche su attività da

Dettagli

Metodo SaM (Sense and Mind)

Metodo SaM (Sense and Mind) Corso Base Metodo SaM (Sense and Mind) Intervento riabilitativo dei disturbi delle abilità spaziali Direzione scientifica: prof. Alessandro Antonietti, ordinario di Psicologia cognitiva applicata presso

Dettagli

APPRENDIMENTO MEMORIA MOTIVAZIONE EMOZIONI SONNO VEGLIA LINGUAGGIO

APPRENDIMENTO MEMORIA MOTIVAZIONE EMOZIONI SONNO VEGLIA LINGUAGGIO La NEUROPSICOLOGIA studia le relazioni tra i COMPORTAMENTI e l attività del SISTEMA NERVOSO APPRENDIMENTO MOTIVAZIONE SONNO MEMORIA EMOZIONI VEGLIA LINGUAGGIO Parti del Sistema Nervoso Centrale Encefalo

Dettagli

Corso di Psicologia Generale e dello Sport. Corso di Psicologia Generale e dello Sport. Corso del 2 anno, I e II semestre 10 crediti formativi (CFU)

Corso di Psicologia Generale e dello Sport. Corso di Psicologia Generale e dello Sport. Corso del 2 anno, I e II semestre 10 crediti formativi (CFU) Università di Roma Foro Italico Anno Accademico 2010-11 Corso di Psicologia Generale e dello Sport Corso del 2 anno, I e II semestre 10 crediti formativi (CFU) 4 Docenti Università di Roma Foro Italico

Dettagli