Il Piccolo 25 gennaio 2016

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Piccolo 25 gennaio 2016"

Transcript

1 Il Piccolo 25 gennaio 2016 Attualità Virus Zika, quattro casi in Italia Sono tutti uomini rientrati dal Brasile e che ora stanno bene ROMA. Dopo aver colpito 22 Paesi dell America Latina, facendo scattare l allarme rosso per i rischi alla salute pubblica, il virus Zika, associato alla comparsa di gravi patologie nei neonati, ha raggiunto anche l Italia: 4 casi di contagio sono stati segnalati nel nostro Paese, tutti uomini che rientravano dal Brasile. «I casi sono relativi alla Primavera del 2015 ed ora - ha spiegato il direttore scientifico dell Istituto nazionale per le malattie infettive Spallanzani di Roma, Giuseppe Ippolito - i pazienti stanno bene. Tre di loro sono stati trattati allo Spallanzani ed uno a Firenze». Pur trattandosi di un virus meno letale del temutissimo Ebola, la preoccupazione delle autorità sanitarie mondiali per il diffondersi di Zika aumenta: i primi tre casi di contagio sono stati registrati anche in Gran Bretagna e due casi sarebbero stati segnalati in Spagna, mentre almeno due casi (di cui uno è un bimbo nato con microcefalia) sono stati rilevati negli Stati Uniti. Gli epidemiologi tranquillizzano, sottolineando che questo virus, trasmesso attraverso le zanzare del genere Aedes, non è naturalmente presente in Europa e non vi sono evidenze di trasmissione da uomo a uomo. Il motivo per cui Zika sta però allarmando le autorità sanitarie è che sembra colpire in maniera grave i feti nel grembo di donne infettate: gli esperti indicano infatti un possibile legame del virus con la comparsa di gravi patologie nei neonati, come la microcefalia fetale che, caratterizzata da uno sviluppo minore del cranio, può determinare seri ritardi cognitivi e problemi alla vista e all udito. In Brasile sono 3.893, ad oggi, i casi sospetti di microcefalia causata da Zika, mentre in Colombia esiste finora solo un caso confermato. Tanto è bastato per spingere il governo brasiliano a misure drastiche, sconsigliando alle donne di rimanere incinte almeno fino al prossimo luglio. Analoghe avvertenze sono state diffuse dalle autorità colombiane e del Salvador. Una minaccia che non va dunque sottovalutata, come ammonisce anche la rivista scientifica Lancet, secondo cui il virus - scoperto per la prima volta nella foresta di Zika in Uganda nel potrebbe diventare una emergenza sanitaria globale nel Anche perchè, al possibile legame del virus alle malformazioni fetali, si è aggiunta la possibilità, secondo ricercatori brasiliani, che l infezione virale possa causare negli adulti la Sindrome di Guillaume- Barrè, in cui il sistema immunitario attacca i neuroni causando paralisi temporanee. Al momento, non esiste una cura per l infezione da virus Zika. Regione Impennato delle dichiarazioni Isee : + 20% Le 96mila Dsu fanno del Fvg l unica regione del Nord con un incremento così sensibile, il maggiore registrato in Italia di Marco Ballico. TRIESTE. In Friuli Venezia Giulia aumentano le dichiarazioni Isee, le pratiche necessarie ad accedere a una ventina di misure del welfare regionale: dall'edilizia popolare all abbattimento rette asili nido, dal contributo badanti al bonus affitti, fino al più recente reddito integrato che interviene nella fascia della povertà. Nei primi nove mesi del 2015 si sono contate 96mila Dsu (Dichiarazione sostitutiva unica), il 20% in più dell anno precedente, l incremento più elevato tra le regioni italiane (a crescere con il Fvg, in realtà, è solo il Trentino Alto Adige; a livello nazionale, 3,5 milioni di Dsu, la flessione è del 25%). Stando a quanto reso noto dal ministero del Lavoro, il Fvg è l unica regione del Nord nelle prime posizioni: le 96mila pratiche Isee coprono il 21,5% della popolazione residente, percentuale inferiore solo al Centro- Sud: Sardegna (27,2%), Basilicata (24%), Calabria (23,8%), Campania (22,5%) e Sicilia (22,3%). All ultimo posto della classifica (la media italiana è del 16,7%) si 1

2 colloca il Trentino Alto Adige (6,3%), territorio che si è però dotato, prima della riforma Isee scattata l anno scorso, di strumenti propri per la selezione dei beneficiari. L analisi dei numeri non può però essere semplificata, avverte Maria Sandra Telesca (i cui uffici sono impegnati a raccogliere i dati degli esclusi dai provvedimenti sociali a causa delle maglie più strette del nuovo Isee, se ne saprà qualcosa entro qualche settimana). Perché, se da un lato si può ritenere che l alta percentuale di Dsu in regione sia conseguenza della crisi, l assessore a Salute e Protezione sociale non dimentica di rilevare che, ad alzare la statistica, è anche un offerta di welfare «superiore alla quasi totalità delle regioni». Tanto più che nel corso del 2015 si sono aggiunte altre due voci: a maggio la possibilità di esenzione dal superticket sanitario da 10 euro per chi sta sotto i 15mila euro e a ottobre (e dunque inciderà sui dati dell ultimo trimestre) l assegno di integrazione del reddito per chi non raggiunge i 6mila euro annui. Di qui la sintesi di Telesca: «Le 96mila Dsu da gennaio a settembre e il conseguente aumento del 20% dall anno precedente mi sembrano un trend fisiologico». Il report evidenzia inoltre la posizione da primato del Fvg sull importo medio di Isee delle Dsu. I quasi 14mila euro rappresentano la cifra più alta assieme a quella della Toscana, mentre il minimo (7mila euro) lo fa segnare la Sicilia. Significative anche le differenze nelle quote di Isee nulli, da meno del 10% in Fvg, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Toscana e Marche a valori superiori al 15% in Campania e Sicilia. Differenze che riguardano anche il patrimonio mobiliare, che risulta nullo nel 6% delle Dsu Fvg e invece quasi un quarto del totale nelle dichiarazioni in Calabria e Sicilia e prossimo al 30% in Campania. Pochi Isee nulli, pochi poveri? Conseguenza logica, ma non è detto che le risorse siano comunque sufficienti. Il 4,8% di indicatori a quota zero registrato nei primi nove mesi del 2015 significa che ci sarebbero circa nuclei familiari in Fvg a poter beneficiare degli importi più alti del reddito integrato (dai euro all anno delle famiglie senza figli a carico ai di chi ha due o più figli). In sostanza, se tutti i nuclei con Isee nullo facessero domanda per il sostegno ci vorrebbero, a essere prudenti, circa 23 milioni, una cifra superiore ai 21,5 milioni stanziati in Finanziaria dal Consiglio regionale. Senza contare che il massimo lo prendono anche gli utenti con Isee fino a euro e che si devono conteggiare pure le erogazioni, seppure inferiori, per chi ha Isee da a euro. Se nei soli primi due mesi dall avvio del provvedimento si sono contate quasi 9mila domande, la Regione sarà costretta a incrementare la previsione di spesa nel prossimo assestamento di bilancio? «Al momento non pare necessario dice Telesca, ma siamo pronti ai correttivi». Senza dimenticare che in primavera entrerà in vigore pure il reddito integrato nazionale: «Vedremo come si integrerà con il nostro». Gorizia AZIENDA SANITARIA Ziberna: «Procedure sospette per un architetto del welfare» «Non solo l azienda per assistenza sanitaria n. 2 "Bassa Friulana- Isontina" ha deciso di assumere un architetto del welfare, ma lo fa anche con procedure assai sospette». A rimarcarlo Rodoldo Ziberna, consigliere regionale di Fi, che annuncia: «Ho rivolto un interrogazione alla presidente Debora Serracchiani ed all assessore competente per conoscere per quali ragioni si sia voluto addirittura assumere un architetto in esclusiva per l Aas2, quando sarebbe stato assai più agevole e meno costoso, ammesso che vi fosse reale necessità, dare vita ad una specifica consulenza oppure assumere un solo architetto da condividere tra tutte le aziende. Il bando prevedeva che le domande di ammissione e la documentazione ad esse allegate potessero essere inoltrate a mezzo del servizio pubblico postale, ovvero presentate presso gli uffici di Gorizia dal lunedì al venerdì (e giorni prefestivi) dalle 9 alle 13, il mercoledì dalle 9 alle 13 e dalle ore alle ore o infine essere inviate con posta elettronica certificata personale e con le modalità di firma previste dall art.65 del D.Lgs. n.82/2005). Considerato che pochi posseggono una Pec ed una firma 2

3 digitale si può supporre che pertanto l invio a mezzo servizio postale o consegna presso gli uffici si sarebbe trasformata in scelta praticamente obbligata. Sul sito dell Aas2 il bando è stato pubblicato venerdì 18, che anche per informazioni o quant altro gli uffici sarebbero stati aperti esclusivamente da lunedì 21 a mercoledì 23 (giovedì 24 orario prefestivo, venerdì 25 e sabato 26 festivo come peraltro domenica 27) e che il lunedì successivo, 28 dicembre, scadeva già... il termine entro cui poter presentare domanda». Monfalcone Universitò di Udine >> Lo studio epidemiologico sulle donne isontine Nel Monfalconese più tumori alla vescica Tendenza all aumento quasi doppia rispetto all Alto Isontino. Incremento anche della neoplasia alla mammella di Laura Borsani. Nuovi casi di tumore nelle donne in aumento nella provincia di Gorizia. Con il Basso Isontino a trainare l incidenza dei rischi. Ma ciò che emerge su tutto dallo studio epidemiologico prodotto dal professore Fabio Barbone, dell Università di Udine, è il valore relativo al tumore alla vescica nella popolazione femminile residente nel Monfalconese. Il tasso di incidenza è quasi il doppio rispetto all Alto Isontino. Se la provincia di Gorizia evidenzia valori comunque tendenzialmente più alti rispetto al resto del Friuli Venezia Giulia, il Basso Isontino rileva una criticità ancora superiore. Lo studio epidemiologico sull incidenza dei tumori nelle donne dell Isontino è stato commissionato dalla Regione all Università di Udine, condotto dal professor Barbone, che si è avvalso di un equipe composta da Diego Serraino, Ettore Bidoli, Andrea Gini del Centro di riferimento oncologico di Aviano, nonchè da Luigi Castriotta dell Azienda Ospedaliero- Universitaria Santa Maria della Misericordia di Udine, e da Valentina Rosolen dell Università degli studi di Udine. Il tumore alla vescica, dunque, rappresenta un caso Monfalconese, proprio in ordine alla tendenza a una maggiore incidenza, tanto che lo studio parla di «eccesso di rischio che andrebbe approfondito». Secondo l Agenzia Internazionale Iarc, tra i fattori cancerogeni rientrano arsenico, vernici, composti organici, tra cui i derivati del carbone. La popolazione di riferimento è quella femminile del Friuli Venezia Giulia residente al primo gennaio 2010 che, secondo i dati Istat, è pari a abitanti, mentre quella della provincia di Gorizia è di abitanti. L età media è di 50 anni, il 27% della popolazione femminile residente in regione è costituita da persone di 65 anni e più, rispetto al 28% a Gorizia e al 22,9% a livello nazionale. Sotto esame tre tipi di tumori L obiettivo principale dello studio è quello di analizzare l incidenza di tre particolari tumori, al polmone, alla mammella e alla vescica nella popolazione femminile della provincia di Gorizia, divisa nei distretti Basso e Alto Isontino, utilizzando come confronto la Regione Friuli Venezia Giulia e l area Ovest della Slovenia. Il periodo considerato è dal 1995 al 2009, analizzando i tassi di incidenza per ogni quinquennio. Tutti i tassi di incidenza sono espressi per 100mila abitanti. Fumo, alcol e attività lavorativa Vengono considerati i cosiddetti fattori confondenti o modificatori di effetto, dati da fumo, consumo di bevande alcoliche, esposizione lavorativa e status economico- sociale. Rientrano anche, in relazione in particolare ai rischi di tumore alla mammella, le donne con il primo parto dopo i 30 anni e le donne senza figli dopo i 30 anni. Casi di tumori in aumento Per i nuovi casi di tumore, in termini generali, i tassi di incidenza nella provincia Isontina rilevano una tendenza in aumento dei rischi nei tre quinquenni considerati, passati da 367,9 casi per 100mila abitanti tra il 1995 e il 1999, a 377,6 tra il 2000 e il 2004, fino a 392,4 tra il 2005 e il Nel resto della regione, quindi escluso l Isontino, la tendenza all aumento si attesta a 378,4 casi nell ultimo quinquennio. Nel raffronto delle aree distrettuali della provincia di Gorizia, il dato maggiore, con 396,2 casi, è appannaggio del Basso Isontino, a fronte dei 390,7 casi per l Alto Isontino. L aumento è più evidente nel tumore alla mammella. In particolare, il tasso di 3

4 incidenza nel Basso Isontino è di 138,3 casi, rispetto ai 137,8 nell Alto Isontino. Neoplasia alla vescica Ma è proprio in ordine al tumore alla vescica che il Monfalconese emerge proporzionalmente con chiarezza. Perché se nel quinquennio il tasso di incidenza per questa neoplasia è già superiore nella popolazione femminile isontina, pari a 11,5 casi, rispetto a quella del resto della regione, pari a 9,6 casi, nelle donne del Basso Isontino si parla di 15,2 casi rispetto agli 8,1 per l Alto Isontino. Interessante anche il raffronto transfrontaliero: il tasso di incidenza è di 4,4 casi nell area Ovest della Slovenia. I rischi relativi di tumore sono stati controllati stimando i fattori confondenti. Per la neoplasia alla vescica, considerando in particolare l effetto del fumo, il tasso di incidenza è di 1,2 casi per l Isontino, a fronte di un aumento di rischio del 20%. Per le donne del Basso Isontino il rischio relativo è tra 1,4 e 1,6 casi, anche escludendo il fumo. Le donne del Basso Isontino, che siano o meno fumatrici, hanno un rischio relativo di ammalarsi tra il 40 e il 60%. Conclusioni dello studio Queste le conclusioni dello studio: «I tassi di incidenza mostrano una certa propensione all incremento nel corso degli anni, per tutti i tumori e in particolare questo aumento appare più evidente per quanto riguarda il tumore maligno della mammella; queste rilevazioni si rilevano sia nella provincia di Gorizia che nel resto del Friuli Venezia Giulia. I dati sul tumore alla vescica, sia quelli riferiti all intero periodo che suddivisi per quinquennio, sembrerebbero suggerire una tendenza alla maggiore incidenza di questa neoplasia tra le donne residenti nella provincia di Gorizia e in particolare nel Basso Isontino. Tale possibile eccesso di rischio andrebbe approfondito. Allo stesso modo, andrebbero verificate le differenze che emergono confrontando i tassi di incidenza della provincia di Gorizia e del Friuli Venezia Giulia con quelli dell area Ovest della Slovenia. M5S: troppi ritardi nella comunicazione dei dati prodotti Il Movimento 5 Stelle, attraverso la portavoce Paola Gandin, evidenzia il ritardo nella comunicazione dei dati dello studio epidemiologico elaborato dal team diretto da Fabio Barbone, consegnato alla Regione il 31 luglio «Pur essendo stati analizzati dati sulla popolazione femminile fermi all anno osserva -, emergono segnali preoccupanti sulla quantità di tumori della vescica nel Basso Isontino rispetto all Alto Isontino e nella Provincia, piuttosto che nella Regione Fvg. Emergono anche alti valori nel numero dei tumori alla mammella nelle donne, che sicuramente andranno approfonditi con i dati che dovranno essere forniti dal Registro Tumori del Fvg dal 2009 al 2014». M5S fa riferimento anche all analisi delle urine dei monfalconesi. Quindi chiede l aggiornamento tempestivo dei dati del Registro Tumori Fvg fino al 2014, l avvio (non oltre febbraio) dell analisi delle urine degli abitanti di Monfalcone e una mappatura della presenza di metalli nell aria del Monfalconese tramite l uso dei licheni. Cauci: «Va approfondito il dato dell arsenico» La docente universitaria ricorda lo studio sui licheni: «Valori alti a Panzano, Staranzano e Turriaco» Lo studio epidemiologico commissionato dalla Regione all Università di Udine, ha fatto seguito alla richiesta che era stata presentata dalla professoressa Sabina Cauci, docente e ricercatrice di biochimica clinica e biologia molecolare dello stesso Ateneo udinese. «A quel tempo - spiega la docente universitaria - avevo avuto il sostegno dei consiglieri regionali Franco Brussa e Diego Moretti». La professoressa Cauci, alla luce degli esiti dello studio prodotto dal professor Barbone, ha da parte sua, osservato: «Riteniamo che sia opportuno approfondire se l aumento in ordine ai tumori alla vescica nelle donne sia o meno, almeno in parte, associabile all inquinamento dell aria da arsenico rilevato nell ambito del biomonitoraggio con i licheni che era stato condotto dal professor Mauro Tretiach, docente di biomonitoraggio degli ambienti terrestri e botanica del Dipartimento di Scienze della vita dell Università di Trieste, in collaborazione con l Agenzia regionale per la protezione 4

5 dell ambiente del Friuli Venezia Giulia. In quello studio - ricorda la Cauci - erano stati rilevati, attraverso i licheni, valori molto alti di arsenico a Monfalcone, in particolare a Panzano, in zona Staranzano e Turriaco». Nello studio venivano considerati anche altri metalli pesanti, riconducibili ad una serie di possibili lavorazioni. La ricerca messa a punto dal professor Tretiach assieme all Arpa Fvg aveva tuttavia evidenziato che il territorio monfalconese, pur ad alta presenza industriale, gode sostanzialmente di buona salute. La professoressa Cauci intanto aggiunge: «Alla luce dei risultati relativi allo studio epidemiologico presentato dal professor Barbone in Regione lo scorso 31 luglio, sembrerebbe appropriata la richiesta espressa dai cinque Comitati di rione di Monfalcone che era stata inoltrata il 13 luglio scorso all ente regionale, al fine di eseguire un biomonitoraggio di metalli cancerogeni nelle urine dei monfalconesi, comprendendo arsenico, berillio, cadmio, cromo, ferro, nichel e altri metalli». La Cauci esprime, nel frattempo, una ulteriore proposta: «Ritengo che il territorio monfalconese, proprio per la particolare caratteristica contrassegnata dalla presenza di attività produttive, del porto e dell aeroporto, nonchè dalla questione dell amianto, a cui peraltro vanno considerati, tra gli altri, anche gli effetti del traffico veicolare, abbia diritto ad una sorta di risarcimento sanitario. È auspicabile che venga predisposto un sistema utile a permettere un monitoraggio continuo degli effetti a medio e lungo termine dell esposizione agli inquinanti ambientali, attraverso la possibilità per la popolazione di eseguire esami diagnostici gratuiti». 5

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future

I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future 8 maggio 2008 I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti: i dati epidemiologici recenti come base per le prospettive future Il volume I tumori negli adolescenti e nei giovani adulti presentato oggi,

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO SINTESI OSSERVATORIO MEDIA NIMBY FORUM - III EDIZIONE Dall analisi dell Osservatorio

Dettagli

Indagine per stimare l incidenza relativa di mesotelioma e cancro del polmone nella Regione Friuli Venezia Giulia. Fabio Barbone

Indagine per stimare l incidenza relativa di mesotelioma e cancro del polmone nella Regione Friuli Venezia Giulia. Fabio Barbone Indagine per stimare l incidenza relativa di mesotelioma e cancro del polmone nella Regione Friuli Venezia Giulia Fabio Barbone Dip. di Scienze Mediche e Biologiche Università di Udine SOC Igiene ed Epidemiologia

Dettagli

La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005

La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005 4 dicembre 2006 La prevenzione dei tumori femminili in Italia: il ricorso a pap test e mammografia Anni 2004-2005 Ufficio della comunicazione Tel. 06 4673.2243-2244 Centro di informazione statistica Tel.

Dettagli

Capitolo 4 La mortalità per tumori

Capitolo 4 La mortalità per tumori Capitolo 4 La mortalità per tumori Introduzione I tumori causano circa un terzo dei decessi tra i residenti nella regione Veneto. ei maschi il numero di decessi per tumore è superiore a quello per disturbi

Dettagli

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008

I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali Anno 2008 I Costi Sociali degli Incidenti Stradali La stima dei costi sociali intende quantificare il danno economico subito dalla società, e conseguentemente dal

Dettagli

SET DI INDICATORI PROXY PER L INQUINAMENTO INDOOR

SET DI INDICATORI PROXY PER L INQUINAMENTO INDOOR SET DI INDICATORI PROXY PER L INQUINAMENTO INDOOR A. LEPORE, V. UBALDI APAT Dipartimento Stato dell Ambiente e Metrologia Ambientale La conoscenza delle problematiche relative all inquinamento indoor,

Dettagli

Punto tesoreria: dati sull autofinanziamento al 13 febbraio 2009

Punto tesoreria: dati sull autofinanziamento al 13 febbraio 2009 Punto tesoreria: dati sull autofinanziamento al 13 febbraio Nota autofinanziamento Radicali Italiani febbraio 1 I SOSTENITORI DI RADICALI ITALIANI Nelle pagine seguenti verranno analizzate le caratteristiche

Dettagli

Lavoro occasionale Di tipo accessorio

Lavoro occasionale Di tipo accessorio Lavoro occasionale Di tipo accessorio PRIMO TRIMESTRE/ 211 Lavoro occasionale di tipo accessorio I trim 211 gennaio 212 Il Report è stato realizzato da Giorgio Plazzi e Chiara Cristini, ricercatori dell

Dettagli

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

L età dei vincitori La presenza femminile. L età dei vincitori La presenza femminile. Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato Premessa Corso-concorso ordinario L età dei vincitori La presenza femminile Corso-concorso riservato L età dei vincitori La presenza femminile Confronto tra il concorso ordinario ed il concorso riservato

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

PICCOLE IMPRESE ARTIGIANE; IL GRADO DI INNOVAZIONE NELLE REGIONI ITALIANE*

PICCOLE IMPRESE ARTIGIANE; IL GRADO DI INNOVAZIONE NELLE REGIONI ITALIANE* 108 Quaderni di ricerca sull artigianato 109 muovono in ambito internazionale, per come affrontano criticità o opportunità offerte del nuovo contesto. Da una parte l evoluzione dei sistemi di comunicazione,

Dettagli

Dir. Resp.: Annalisa Monfreda. 07-APR-2015 da pag. 46

Dir. Resp.: Annalisa Monfreda. 07-APR-2015 da pag. 46 Tiratura 01/2015: 302.629 Diffusione 01/2015: 226.145 Lettori III 2014: 1.869.000 Dati rilevati dagli Enti certificatori o autocertificati Dir. Resp.: Annalisa Monfreda 07-APR-2015 da pag. 46 Tiratura

Dettagli

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008

Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 Numero 22 /2015 Prime analisi dei dati desunti dall Allegato 3B del D.Lgs 81/2008 L art. 40 ha introdotto per il medico competente, al fine di favorire un utile rapporto di questi con il SSN, l obbligo

Dettagli

Analisi socio-economica delle famiglie del Lazio

Analisi socio-economica delle famiglie del Lazio Riflettori sulle difficoltà delle famiglie: tra crisi ed opportunità Stati Generali del Sistema Acli del Lazio Analisi socio-economica delle famiglie del Lazio 18 aprile 2009 Cristina Morga Prima di iniziare

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE IN VENETO

I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA POPOLAZIONE GIOVANILE IN VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Programmazione Socio Sanitaria, Volontariato e Non Profit Newsletter dell Anno 5, N 64 novembre 2007 - SPECIALE I NUMERI DEI GIOVANI: UNA MAPPATURA DELL EVOLUZIONE DELLA

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri

Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente voucher o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli stranieri Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Il lavoro occasionale accessorio (o conosciuto più semplicemente o buoni lavoro) come modalità di occupazione degli Anni 2009, 2010, 2011 Cos è il lavoro

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

DISSAL - Dipartimento di Scienze della Salute, Università di Genova

DISSAL - Dipartimento di Scienze della Salute, Università di Genova DISSAL - Dipartimento di Scienze della Salute, Università di Genova Marina VERCELLI Dipartimento Scienze della Salute, Università di Genova S.S. Epidemiologia Descrittiva, IST Genova I NUMERI DEL CANCRO

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA Le famiglie con un reddito principale da lavoro autonomo presentano un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti.

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali PRIMA INDAGINE NAZIONALE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DELLE RETI ONCOLOGICHE REGIONALI (Dicembre 2014 - Febbraio 2015) Programma Azioni Centrali: DEFINIRE

Dettagli

ANNO XXXII - NUMERO 05 26 marzo 2014. dies 21/27

ANNO XXXII - NUMERO 05 26 marzo 2014. dies 21/27 ANNO XXXII - NUMERO 05 26 marzo 2014 dies 21/27 agenzia giornalistica della CISL sarda DIRETTORE EDITORIALE ORIANA PUTZOLU DIRETTORE RESPONSABILE MARIO GIRAU REDAZIONE CAGLIARI - VIA ANCONA 1-09125 Tel.

Dettagli

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani

Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il ruolo dei generi: Indagine sul rapporto tra genere e professioni tra gli italiani Il campione 2 Chi è stato intervistato? Un campione di 100 soggetti maggiorenni che risiedono in Italia. Il campione

Dettagli

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano?

Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Gli studenti universitari di quali aiuti beneficiano? Il quadro attuale (e uno sguardo al futuro) Federica Laudisa La dimensione sociale degli studi in Europa e in Italia: quali risposte alle nuove domande?

Dettagli

PROCEDURE PER LA SELEZIONE DI 54 VOLONTARI FORMATORI PER LA CAMPAGNA IO NON RISCHIO

PROCEDURE PER LA SELEZIONE DI 54 VOLONTARI FORMATORI PER LA CAMPAGNA IO NON RISCHIO PROCEDURE PER LA SELEZIONE DI 54 VOLONTARI FORMATORI PER LA CAMPAGNA IO NON RISCHIO 1. Il contesto del nuovo processo formativo Il nuovo processo formativo nell ambito della Campagna nazionale Io non rischio

Dettagli

bambini con meno di 6 anni appartenenti ad un nucleo familiare con un

bambini con meno di 6 anni appartenenti ad un nucleo familiare con un ESENZIONE TICKET PRESTAZIONI E SERVIZI SANITARI DI DIAGNOSTICA STRUMENTALE, LABORATORIO E ALTRE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE DIRETTIVA NAZIONALE: E01 E01 E02 E03 E04 bambini con meno di 6 anni appartenenti

Dettagli

TAB. 2.2.1 QUOZIENTE DI MORTALITA' (decessi per 1000 abitanti): CONFRONTO CON I PAESI DELLA COMUNITA' EUROPEA (*)

TAB. 2.2.1 QUOZIENTE DI MORTALITA' (decessi per 1000 abitanti): CONFRONTO CON I PAESI DELLA COMUNITA' EUROPEA (*) 2.2. MORTALITÀ 2.2.1. Mortalità generale Risultano 203 i decessi di persone residenti nella Repubblica di San Marino avvenuti nel 2002 (114 maschi e 89 femmine) con un tasso grezzo di mortalità del 7,1.

Dettagli

Numero 20 /2013 Le malattie professionali nell anno 2012 nelle statistiche INAIL

Numero 20 /2013 Le malattie professionali nell anno 2012 nelle statistiche INAIL Numero 20 /2013 Le malattie professionali nell anno 2012 nelle statistiche INAIL L'INAIL ha presentato i dati degli infortuni e delle malattie professionali relativi all'anno 2012. Nel 2012 si è avuto

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali)

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali) LA POVERTÀ IN ITALIA, 198-2 (valori percentuali) 3 3 25 25 2 Mezzogiorno 2 15 Italia 15 1 5 Nord Centro 1 5 198 1982 1984 1986 1988 199 1992 1994 1996 1998 2 vecchia serie nuova serie Fonte: Commissione

Dettagli

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012)

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012) Le biblioteche degli enti territoriali (anno 2012) Roma, 11 luglio 2013 L indagine Promossa dal Centro per il Libro e la Lettura e dall Associazione Italiana Biblioteche, in collaborazione con ANCI e ISTAT,

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia

Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia Osservatorio banda larga e ultralarga e digital divide regioni Italia Qual è la percentuale di popolazione in Italia raggiunta da servizi di accesso a Internet a banda larga e a banda ultralarga? Quanto

Dettagli

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015

Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità. Ferrara - Novembre 2015 Azioni e strumenti per la nuova l imprenditorialità Ferrara - Novembre 2015 1 Invitalia per la crescita e la competitività del sistema produttivo Sosteniamo la nascita di nuove imprese la realizzazione

Dettagli

Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato

Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato Capitolo 6 La mortalità per malattie del fegato Introduzione In questo capitolo viene presentata la mortalità per malattie epatiche. Si è scelto di aggregare patologie classificate in diverse parti della

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI I dati della Banca d Italia sul mercato del credito mostrano un diverso andamento per quanto riguarda i mutui

Dettagli

Oltre il Pil 2013: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane

Oltre il Pil 2013: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane Venezia, 13 dicembre 2013 Oltre il Pil 2013: la geografia del benessere nelle regioni italiane e nelle città metropolitane Presentazione Rapporto Oltre il Pil 2013 Serafino Pitingaro Responsabile Area

Dettagli

20/07/2014 TUMORI DEL SANGUE, MIGLIORA LA SOPRAVVIVENZA IN EUROPA MAGGIOR PARTE PATOLOGIE ITALIA E' IN MEDIA O SUPERIORE

20/07/2014 TUMORI DEL SANGUE, MIGLIORA LA SOPRAVVIVENZA IN EUROPA MAGGIOR PARTE PATOLOGIE ITALIA E' IN MEDIA O SUPERIORE 20/07/2014 TUMORI DEL SANGUE, MIGLIORA LA SOPRAVVIVENZA IN EUROPA MAGGIOR PARTE PATOLOGIE ITALIA E' IN MEDIA O SUPERIORE (ANSA) - ROMA, 20 LUG - Negli ultimi 11 anni e' cresciuta in Europa la sopravvivenza

Dettagli

PENSIONI E PENSIONATI DEL PUBBLICO IMPIEGO IN LOMBARDIA

PENSIONI E PENSIONATI DEL PUBBLICO IMPIEGO IN LOMBARDIA 90025 1 Osservatorio previdenza Spi-Cgil Lombardia scheda nr. 45 aprile 2010 PENSIONI E PENSIONATI DEL PUBBLICO IMPIEGO IN LOMBARDIA P più di 2 milioni e mezzo i pensionati pubblici, più di 300 mila in

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali L utilizzo dei voucher per le prestazioni di lavoro accessorio (Fonti: Dati MLPS e INPS) REPORT Roma, 22 marzo 2016 L utilizzo dei voucher per le prestazioni

Dettagli

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO

I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO SECO STATISTICHE E COMUNICAZIONI OBBLIGATORIE I MERCATI REGIONALI DEL LAVORO Le dinamiche trimestrali Aggiornamento al 1 trimestre 2015 a cura del NETWORK SECO Giugno 2015 Il Network SeCO è costituito

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

Sezione F. Conclusioni generali

Sezione F. Conclusioni generali Sezione F Conclusioni generali CONCLUSIONI L indagine è stata condotta nell area geotermica toscana, che interessa 16 comuni e 43.400 abitanti, distribuiti nell area Nord o Tradizionale ed in quella Sud

Dettagli

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013 L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL Confronto con il 2012 ed il 2008 e focus su amministratori e titolari d azienda febbraio 2014 P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture

In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture In Toscana diminuiscono adozioni e minori affidati a famiglie e strutture FIRENZE Diminuisce il numero dei bambini e ragazzi in strutture di accoglienza e in afidameno familiare, così come le adozioni

Dettagli

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale

Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Il mercato del credito tra sviluppo economico ed equità sociale Le innovazioni di prodotto e di processo per il credito ai progetti di vita Roma, Palazzo Altieri 24 novembre 2010 Primi risultati del Fondo

Dettagli

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005)

Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Sintesi ragionata del Documento AIRTUM 2009 (I nuovi dati di incidenza e mortalità Periodo 2003-2005) Documento a cura della Dr. Maria Vincenza Liguori Settore Epidemiologia Ambientale Direttore Dr. Laura

Dettagli

BOOM DI MINI-JOBS ==================

BOOM DI MINI-JOBS ================== BOOM DI MINI-JOBS Nel 2014 la CGIA prevede una vendita di oltre 71.600.000 ore di lavoro: interessato un milione di persone. Commercio, ristorazione/turismo e servizi i settori più interessati ==================

Dettagli

7-8 dicembre 2014 FACTORY 365 TAVOLO DIRITTO ALLO STUDIO. Situazione Generale

7-8 dicembre 2014 FACTORY 365 TAVOLO DIRITTO ALLO STUDIO. Situazione Generale 7-8 dicembre 2014 FACTORY 365 TAVOLO DIRITTO ALLO STUDIO Ospiti: Federica Laudisa (Osservatorio per il Diritto allo Studio del Piemonte), Maurizio Natali (presidente Fondazione Andisu) Coordinatori tavolo:

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413 ...... Osservatorio sui protesti...... G e n n a i o 2 0 1 4 Osservatorio sui protesti In calo i mancati pagamenti e i gravi ritardi delle imprese... Sintesi dei risultati Nel terzo trimestre del i dati

Dettagli

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità

L integrazione scolastica degli alunni con disabilità L integrazione scolastica degli alunni con disabilità dati statistici A.S. 2012/2013 (ottobre 2013) La presente pubblicazione fa riferimento ai dati aggiornati a ottobre 2013. I dati elaborati e qui pubblicati

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 0004776-19/02/2016-DGPRE-COD_UO-P Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA A UFFICIO V MALATTIE INFETTIVE E PROFILASSI INTERNAZIONALE UFFICIO III COORDINAMENTO USMAF -SASN

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

BREVE ANALISI COMPARATA SU NUMERI DI INCIDENZA E MORTALITA TUMORI A ROCCHETTA SANT ANTONIO, IL RESTO D ITALIA E 6 REGIONI TIPO.

BREVE ANALISI COMPARATA SU NUMERI DI INCIDENZA E MORTALITA TUMORI A ROCCHETTA SANT ANTONIO, IL RESTO D ITALIA E 6 REGIONI TIPO. BREVE ANALISI COMPARATA SU NUMERI DI INCIDENZA E MORTALITA TUMORI A ROCCHETTA SANT ANTONIO, IL RESTO D ITALIA E 6 REGIONI TIPO. NUMERI Dopo l incontro tenutosi a Rocchetta il giorno 22/11/2012 sulle Politiche

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili

Fondo Centrale di Garanzia. Sezione speciale per le imprese femminili Fondo Centrale di Garanzia Sezione speciale per le imprese femminili Aprile 2013 Crisi e imprenditoria femminile: quale risposta Nel momento di difficoltà che il nostro Paese sta attraversando, l imprenditoria

Dettagli

Report incentivi ISI 2012

Report incentivi ISI 2012 Report incentivi ISI 2012 Il 18 aprile 2013 si è conclusa regolarmente la procedura telematica per l'assegnazione dei 155 milioni di euro stanziati a fondo perduto dall INAIL nell ambito del bando degli

Dettagli

Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ).

Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ). Il Turismo Degli Appartamenti Per Vacanza ( SECONDE CASE ). (febbraio 2008) Codice Prodotto- OSPS13-R01-D01 Copyright 2008 Osservatorio del Turismo della Campania Tutti i diritti riservati Osservatorio

Dettagli

Report trimestrale Indicatori di indebitamento, vulnerabilità e patologia finanziaria delle famiglie italiane

Report trimestrale Indicatori di indebitamento, vulnerabilità e patologia finanziaria delle famiglie italiane Indicatori di indebitamento, Dicembre 2010 n. 3 Ufficio Analisi Economiche Lista degli indicatori 2 Sommario e conclusioni Indicatori di indebitamento A.1 - Incidenza del debito A.2 - Dinamica dei mutui

Dettagli

Dossier sulla non autosufficienza

Dossier sulla non autosufficienza 1 Dossier sulla non autosufficienza Tanti soldi (quasi 30 mld) ma spesi male E al Sud boom di invalidità ma niente servizi La spesa, la domanda di assistenza, le strutture e i servizi. La situazione nelle

Dettagli

Roma, 20 dicembre 2010. Principali evidenze

Roma, 20 dicembre 2010. Principali evidenze Roma, 20 dicembre 2010 Principali evidenze Indice 2 Capitolo 1: Rapporto cittadino-pa: principali evidenze Capitolo 2: Sanità digitale: principali evidenze e Capitolo 3: Scuola e Università digitale: principali

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia 17 marzo 2014 Bollettino Flash

Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia 17 marzo 2014 Bollettino Flash Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia Bollettino Flash 17 marzo 2014 Confagricoltura ha espresso più volte la propria preoccupazione

Dettagli

9. Assistenza ospedaliera

9. Assistenza ospedaliera 9. Assistenza ospedaliera Keystone LaPresse Assistenza ospedaliera 9.1. Assistenza ospedaliera per acuti e lungodegenti Il sistema SSN si avvale per l assistenza ospedaliera di 1.410 Istituti di ricovero

Dettagli

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE

PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE PARTE II LA VALUTAZIONE DEI LIVELLI DI SALUTE DELLA POPOLAZIONE a cura di Anna Bonini e Carmen Calabrese Nell ambito della valutazione multidimensionale della performance, sono stati definiti alcuni indicatori

Dettagli

Zika virus: domande a risposte

Zika virus: domande a risposte Zika virus: domande a risposte 1. LA MALATTIA Che cos è la malattia da Zika virus? Zika è una malattia causata dal virus Zika che appartiene alla famiglia dei Flaviviridae. Non è un nuovo virus. E stato

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

Lavoro Salute Sicurezza Ambiente Brescia28 Aprile 2015 Marina Mastrantonio ENEA UTTAMB-BRA

Lavoro Salute Sicurezza Ambiente Brescia28 Aprile 2015 Marina Mastrantonio ENEA UTTAMB-BRA Analisi dei dati epidemiologici Lavoro Salute Sicurezza Ambiente Brescia28 Aprile 2015 Marina Mastrantonio ENEA UTTAMB-BRA La metodologia epidemiologica che si utilizza per indagare sui rapporti tra fattori

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione Generale per la politica industriale, la competitività e le piccole e medie imprese ex DIV.VIII PMI e artigianato IL CONTRATTO DI RETE ANALISI QUANTITATIVA

Dettagli

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487

ANNO MASCHI FEMMINE TOTALE TOTALE 1974 2513 4487 MORTALITÀ Tra i residenti della ULSS n. 1 nel corso del triennio 2010-2012 si sono verificati 4487 decessi (1974 nei maschi e 2513 nelle femmine, media per anno 1496), in leggero aumento rispetto al dato

Dettagli

Report incentivi ISI 2011

Report incentivi ISI 2011 Report incentivi ISI 2011 Il 28 giugno 2012 si è conclusa regolarmente la procedura telematica che nell'arco di tre giorni ha coinvolto circa 20.600 imprese per l'assegnazione dei 205 milioni di euro stanziati

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 30 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 29 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani

I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli italiani I LIVELLI RETRIBUTIVI DEI DIPENDENTI STRANIERI e i differenziali con gli ITALIA II trimestre 2009 Ottobre 2009 Livelli retributivi dei in Italia La presenza straniera nel nostro Paese è in continua evoluzione

Dettagli

Indagine sulla procreazione medicalmente assistita

Indagine sulla procreazione medicalmente assistita Indagine sulla procreazione medicalmente assistita L indagine relativa alla procreazione medicalmente assistita ha prodotto solo 96 risposte, che è la percentuale del 27% rispetto al totale di 351 dei

Dettagli

IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE FONDAZIONE BRUNO KESSLER. Garanzia Giovani in Trentino

IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE FONDAZIONE BRUNO KESSLER. Garanzia Giovani in Trentino FONDAZIONE BRUNO KESSLER IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE Garanzia Giovani in Trentino Rapporto di monitoraggio 2015 1 Aprile 2014 - Giugno 2015 FBK-IRVAPP in collaborazione

Dettagli

La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future

La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future La sicurezza stradale in Italia: stato dell arte e prospettive future Ing. Valentino Iurato Direzione Generale Sicurezza Stradale DIMENSIONI QUANTITATIVE In Italia, nel 2011, si sono registrati 205.638

Dettagli

U.O. di Chirurgia Proctologica e Riabilitazione del Pavimento Pelvico Nuovo Ospedale Civile di Sassuolo (MO) Responsabile: Dott. Roberto Dino Villani

U.O. di Chirurgia Proctologica e Riabilitazione del Pavimento Pelvico Nuovo Ospedale Civile di Sassuolo (MO) Responsabile: Dott. Roberto Dino Villani U.O. di Chirurgia Proctologica e Riabilitazione del Pavimento Pelvico Nuovo Ospedale Civile di Sassuolo (MO) Responsabile: Dott. Roberto Dino Villani Unità di Colonproctologia SASSUOLO Coordinatore: R.D.Villani

Dettagli

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse di Giancarlo Dosi L utilità dei dispositivi di sicurezza L utilità del casco e delle cinture di sicurezza è ormai fuori discussione.

Dettagli

Le patologie tumorali nel VCO: il quadro epidemiologico. Valutazione epidemiologica

Le patologie tumorali nel VCO: il quadro epidemiologico. Valutazione epidemiologica Verbania 22 febbraio 2003 Le patologie tumorali nel VCO: il quadro epidemiologico Ennio Cadum Area di Epidemiologia Ambientale ARPA Piemonte Valutazione epidemiologica È È stata condotta un analisi descrittiva

Dettagli

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia.

Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione di nuovi casi di tumore al seno e 400.000 donne muoiono per questa malattia. IL TUMORE AL SENO in EMILIA ROMAGNA I dati epidemiologici. La rete di assistenza 1. EPIDEMIOLOGIA del tumore al seno Lo scenario in italia Ogni anno in tutto il mondo vengono diagnosticati più di un milione

Dettagli

Discarica di Ginestreto e possibili effetti sullo stato di salute dei residenti

Discarica di Ginestreto e possibili effetti sullo stato di salute dei residenti Discarica di Ginestreto e possibili effetti sullo stato di salute dei residenti Negli ultimi anni i cittadini residenti nel territorio vicino all area della discarica di Ginestreto del comune di Sogliano,

Dettagli

ESITI SCOLASTICI E COMPORTAMENTALI, FAMIGLIA E SERVIZI PER L INFANZIA. Fondazione Giovanni Agnelli

ESITI SCOLASTICI E COMPORTAMENTALI, FAMIGLIA E SERVIZI PER L INFANZIA. Fondazione Giovanni Agnelli ESITI SCOLASTICI E COMPORTAMENTALI, FAMIGLIA E SERVIZI PER L INFANZIA di Daniela Del Boca e Silvia Pasqua (Università di Torino, CHILD e Collegio Carlo Alberto) Sintesi della ricerca Dicembre 2010 1 Con

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

2.3 Le rimesse degli immigrati all estero

2.3 Le rimesse degli immigrati all estero 2.3 Le rimesse degli immigrati all estero L importanza crescente che il fenomeno migratorio sta assumendo comporta la necessità di considerare la funzione economica svolta dai cittadini stranieri inseriti

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010

IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 IL MERCATO DEI MUTUI NEL 2010 Nel IV trimestre del 2010 le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 15.041,15 milioni di euro. Rispetto allo stesso trimestre del

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013

IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013 IL MERCATO DEI MUTUI IN ITALIA NEL III TRIMESTRE 2013 MERCATO DELLE EROGAZIONI ITALIA III trimestre 2013 Le famiglie italiane hanno ricevuto finanziamenti per l acquisto dell abitazione per 4.958,08 milioni

Dettagli

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali Indagine Link-Marche : ricerca e azione sociale per favorire l inclusione delle persone in condizioni di marginalità e di disagio a cura di David Recchia 1 Link è un progetto nazionale che le Acli hanno

Dettagli

NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO

NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO NOTIZIARIO UNIVERSITÀ LAVORO Ottobre 2012 Indice Notiziario Corriere della Sera Quando il lavoro aiuta gli studi La Repubblica Precari under 35 raddoppiati in 8 anni e la laurea vale come un diploma tecnico

Dettagli

Presidente SINPIA AUSL Ravenna Responsabile Comitato Scientifico Programma Autismo Regione Emilia-Romagna

Presidente SINPIA AUSL Ravenna Responsabile Comitato Scientifico Programma Autismo Regione Emilia-Romagna Centro Studi Erickson Autismi. Dai bambini agli adulti, dalla famiglia alla società I Servizi per l Autismo: la situazione italiana Franco Nardocci Presidente SINPIA AUSL Ravenna Responsabile Comitato

Dettagli