RUOLO E COMPITI DELLA COMUNITÀ MONTANA IN AMBITO FORESTALE. Sondrio 27 settembre 2oo6

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RUOLO E COMPITI DELLA COMUNITÀ MONTANA IN AMBITO FORESTALE. Sondrio 27 settembre 2oo6"

Transcript

1 RUOLO E COMPITI DELLA COMUNITÀ MONTANA IN AMBITO FORESTALE Sondrio 27 settembre 2oo6

2 Riferimenti normativi L.R. 10/98 Disposizioni per la valorizzazione, lo sviluppo e la tutela del territorio montano in attuazione della legge 97/1994 e succ. mod. ed integr. art. 7: La Regione affida alle Comunità montane il compito di manutenzione e di conservazione del patrimonio silvo-pastorale, nonché quelli di tutela, assistenza tecnica, monitoraggio, ricomposizione ambientale e sorveglianza dei boschi art. 14: Le Comunità montane ed i Comuni classificati montani promuovono la gestione del patrimonio agro-silvo-pastorale L.R. 11/98 Riordino delle competenze regionali e conferimento di funzioni in materia di agricoltura e succ. mod. ed integr. art. 3, comma 3: Sono trasferite alle comunità montane nell ambito dei rispettivi territori,, le funzioni amministrative concernenti: - le sistemazioni idraulico-agrario-forestali e le manutenzioni di piccola entità delle aree boscate; - gli interventi in materia di forestazione, silvicoltura ed arboricoltura, ivi compresi l assestamento e la pianificazione dei beni silvo-pastorali, nonché l organizzazione delle squadre antincendi boschivi; - il vincolo idrogeologico, fatte salve le competenze poste in capo ai comuni; - gli interventi per la realizzazione, il ripristino e la manutenzione di infrastrutture al servizio delle attività agrosilvopastorali. art. 3, comma 4: Sono delegate alle comunità montane nell ambito dei rispettivi territori,, le funzioni amministrative concernenti: - l erogazione dell indennità compensativa; - i contributi per l acquisto di macchine per la meccanizzazione forestale; - i contributi per l abbandono produttivo dei terreni coltivati e gli incentivi per il rimboschimento.

3 Riferimenti normativi L.R. 27/2004 Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale e succ. modif. ed integraz. art.2: Le funzioni amministrative relative al settore silvo-pastorale sono esercitate dalla Regione, dalle province, dalle comunità montane, dagli enti gestori dei parchi e dai comuni secondo i principi di semplificazione, sussidiarietà e decentramento recepiti dalla L.R. 11/98 art. 4: Gli interventi di trasformazione del bosco sono vietati, fatte salve le autorizzazioni rilasciate dalle provincie, dalle comunità montane e dagli enti gestori dei parchi per i territori di rispettiva competenza art. 5: le comunità montane, per il territorio di rispettiva competenza, rilasciano le autorizzazioni alla trasformazione d uso del suolo nei casi non compresi nel comma 3. art. 6: La Regione attua direttamente o tramite le province, le comunità montane,, le iniziative di previsione, prevenzione e lotta attiva agli incendi boschivi,, avvalendosi anche del supporto del volontariato art. 8: le comunità montane predispongono, per i territori di competenza, sentiti i comuni interessati, i piani di indirizzo forestale per la valorizzazione delle risorse silvopastorali I piani di assestamento forestale e relative varianti sono approvati dalle comunità montane nel territorio di rispettiva competenza art. 21: Per il territorio di rispettiva competenza, le comunità montane predispongono piani di viabilità agro-silvo-pastorale, nell ambito dei piani di indirizzo forestale

4 Territorio

5 Molteplici sono quindi i compiti assegnati dalla normativa vigente alla Comunità Montana Questo al fine di garantire il presidio del territorio (art. 3 Statuto CM Sondrio) fornire alla popolazione gli strumenti necessari a superare le condizioni di disagio che possono derivare dall'ambiente montano e ad impedire lo spopolamento del territorio predisporre, attuare e partecipare a programmi ed iniziative intesi a: - difendere il suolo, - proteggere la natura - dotare il territorio di infrastrutture, di servizi sociali, atti a consentire migliori condizioni di vita ed a promuovere la crescita culturale e sociale della popolazione individuare ed incentivare le iniziative idonee alla valorizzazione delle risorse attuali e potenziali della zona, nell'intento di sostenere, sviluppare ed ammodernare l'agricoltura del territorio di competenza tutelare il paesaggio, il patrimonio storico, artistico e culturale, ivi comprese le espressioni di cultura locale e tradizionale, promuovendo Anche il censimento dei nuclei di più antica formazione promuovere e coordinare iniziative di Protezione Civile (Antincendio boschivo, Guardie ecologiche, Protezione civile)

6 fornire alla popolazione gli strumenti necessari a superare le condizioni di disagio che possono derivare dall'ambiente montano e ad impedire lo spopolamento del territorio

7 predisporre, attuare e partecipare a programmi ed iniziative intesi a: difendere il suolo, proteggere la natura

8 dotare il territorio di infrastrutture, di servizi sociali, atti a consentire migliori condizioni di vita ed a promuovere la crescita culturale e sociale della popolazione

9 individuare ed incentivare le iniziative idonee alla valorizzazione delle risorse attuali e potenziali della zona, finalizzate ad una gestione ottimale del patrimonio silvo-pastorale

10 promuovere e coordinare iniziative di Protezione Civile (Antincendio boschivo, Guardie ecologiche, Protezione civile)

11 La C.M. promuove e coordina su tutto il suo territorio l operato delle Guardie Ecologiche Volontarie (43 iscritti) (L.R. n. 9 del ) Attualmente prestano servizio nella C.M. di Sondrio 25 GEV che si occupano di: 1. promuovere l informazione sulla legislazione vigente in materia di tutela ambientale, nonchè sui criteri, mezzi e comportamenti atti a realizzarla; 2. vigilanza al fine di prevenire, segnalare o accertare, fatti e comportamenti dei singoli che si pongono in contrasto dalla normativa ambientale; 3. raccolta di dati e monitoraggio ambientale; 4. collaborare con le autorità competenti per le operazioni di pronto intervento e di soccorso in caso di emergenza o disastri di carattere ecologico.

12 La C.M. promuove e coordina su tutto il suo territorio l operato delle squadre volontarie Antincendio Boschivo (AIB) I gruppi volontari AIB riconosciuti in seno alla Comunità Montana Valtellina di Sondrio sono 6: 1. Berbenno di V.na 2. Lanzada 3. Ponte in V.na 4. Postalesio 5. Sondrio 6. ANA (Ass. Naz. Alpini) per un totale di circa 200 unità

13 Alla C.M. è stato delegato dai comuni la predisposizione e l aggiornamento periodico del Piano Intercomunale di Protezione Civile I comuni del mandamento che dispongono (o stanno costituendo) di un gruppo volontario di Protezione Civile sono 15. Albosaggia Berbenno di Valtellina Caiolo Caspoggio Castione Andevenno Chiesa in Valmalenco Chiuro Cedrasco Colorina Faedo V.no Montagna in V.na; Piateda Torre di S. Maria Tresivio Sondrio

14 Ruolo della comunità montana La Comunità Montana ha per fine essenziale la valorizzazione delle zone montane e la promozione dell'esercizio associato delle funzioni comunali. Garantisce: il presidio del territorio

15 Conoscenza del territorio e del patrimonio agro-silvo silvo-pastorale Alla base di una corretta gestione del territorio vi è sicuramente la sua conoscenza Alcuni dati riportati di seguito potranno meglio chiarire il contesto in cui la Comunità Montana Valtellina di Sondrio si trova a dover operare nel comparto agroforestale

16 Appartengono alla Comunità Montana Valtellina di Sondrio 21 comuni che interessano tre areali differenti per caratteristiche geo-morfologiche e forestali: Valmalenco Versante Orobico Versante Retico Tutti i 21 comuni hanno proprietà silvo-pastorali pubbliche assestate, per una superficie totale assestata pari a circa ha (su un totale di ha); della superficie assestata il 43% è boscata (più di ha). Gli alpeggi occupano una superficie pari a circa ha, di cui oltre il 97% di proprietà comunale.

17 Riparto della superficie Comunità Montana Valtellina di Sondrio * ettari superficie tot % rispetto alla sup totale CMSO % rispetto alla sup totale assestata % rispetto alla sup forestale assestata tot sup boscata sup non boscata tot sup assestata tot sup bosc ass sup non boscata sup A.F. ass ,09 sup bosco misto ass ,44 sup. Ceduo ass ,47

18 Circa il 90% del territorio si trova oltre i 600 m s.l.m. Comunità Montana Valtellina di Sondrio riparto superficie 65% 35% tot sup boscata sup non boscata

19 Comunità Montana Valtellina di Sondrio riparto superficie forestale (ha) 3% 17% 1% 13% 66% cedui semplici cedui composti fustaie resinose fustaie miste fustaie latifoglie Il 35% della superficie totale della C.M. Valtellina di Sondrio è costituita da boschi di cui: - 70% fustaie - 30% cedui

20 Il 56% della superficie agricola della C.M. Valtellina di Sondrio è di proprietà pubblica Riparto superficie agro-forestale della Comunità Montana Valtellina di Sondrio seminativi 35% 1% 5% 2% 22% prati maggenghi pascoli frutteti 21% 11% 1% 2% vigneti bosco ceduo bosco alto fusto incolti

21 Altri dati significativi più del 30% dell intero territorio della Comunità Montana Valtellina di Sondrio ricade in ambito parco (Parco delle Orobie Valtellinesi e il costituendo Parco del Disgrazia - Bernina) la presenza di riserve naturali regionali (Bosco dei Bordighi e Piramidi di Postalesio) la presenza di ben 9 SIC (Siti di Interesse Comunitario) e 2 ZPS (Zone a Protezione Speciale), per una superficie rispettivamente pari a circa e ettari

22 E a tutti noto che l operato della Comunità Montana in ambito agro-forestale consiste nell attivazione di iniziative autonome e nell integrazione e potenziamento dei finanziamenti comunitari per i comparti ritenuti più significativi e meritevoli, sia attraverso la gestione degli interventi finanziati con fondi comunitari e/o regionali es. L.R. 10/98, L.R. 7/ (secondo modalità e criteri da questi stabiliti), sia attraverso fondi propri. La Comunità Montana Valtellina di Sondrio ha in tal senso avviato iniziative: di tipo indiretto di tipo diretto

23 Allo scopo di favorire una conoscenza puntuale del territorio e una capillare diffusione della stessa, la Comunità Montana ha avviato iniziative di tipo indiretto Alla base di una corretta gestione del territorio vi è la conoscenza aggiornata del territorio. Per tale ragione la Comunità Montana Valtellina di Sondrio ha sempre investito risorse ed energie nella realizzazione di: Censimenti (per es.: censimento delle opere di SIF, censimento delle strutture ed infrastrutture presenti in alpeggio, censimento della viabilità agro-silvopastorale) Studi di settore Sperimentazioni mirate

24 Censimento delle Sistemazioni Idraulico Forestali

25 Censimento delle infrastrutture d alped Prendendo spunto da un iniziativa avviata dalla Regione Lombardia si è realizzato il censimento delle infrastrutture d alpe (per tipologia e stato di conservazione).

26 Censimento della Viabilità Agro-Silvo Silvo-Pastorale

27 Predisporre censimenti, studi e sperimentazioni non è sufficiente pubblicazioni sperimentazioni convegni Progetti pilota Altro elemento cardine per una corretta gestione del territorio è la diffusione e l uso della conoscenza attraverso la realizzazione di: Giornate studio Corsi di aggiornamento Corsi di formazione

28 Realizzazione di materiale didattico-informativo informativo Manuale Forestale finalizzato ad una corretta gestione e valorizzazione degli alberi forestali

29 Realizzazione di materiale didattico-informativo informativo Pubblicazione divulgativa e tecnica finalizzata al recupero dei castagneti da frutto

30 Organizzazione di convegni e giornate studio

31 Realizzazione di corsi di aggiornamento e di formazione Con cadenza biennale vengono organizzati corsi di aggiornamento rivolti alle guardie boschive e tecnici comunali ed aperti anche agli operatori di tutta la Provincia di Sondrio per consentire un costruttivo confronto fra le diverse realtà locali

32 Progetto Pilota Recupero castagneti da frutto in Comune di Castello dell Acqua (con ERSAF )

33 Le iniziative di tipo diretto attivate dalla Comunità Montana di Sondrio per la gestione del territorio, in ambito specificatamente forestale, sono riconducibili prevalentemente a 4 progetti che riguardano la filiera bosco-legno Progetto valorizzazione risorsa legno Piano della Viabilità Agro-Silvo- Pastorale Convenzione per la gestione e la valorizzazione del patrimonio agro-forestale comunale (ad oggi 16 adesioni su 21+1 comuni) Centro servizi per le foreste e la montagna

34 Obiettivi che si cerca di prefiggere con tali iniziative Assicurare una corretta e continua assistenza tecnica ai proprietari dei boschi sia pubblici sia privati Garantire il coordinamento dei vari operatori legati alla filiera forestalegno (proprietari dei boschi, operatori forestali, segherie, tecnici e professionisti...) Garantire una pronta diffusione, a tutti i livelli, delle innovazioni tecnologiche in ambito forestale (garantendo livelli sempre più alti in termini di sicurezza del lavoro, professionalità degli addetti, produttività e nuove possibilità imprenditoriali...) Valorizzare le molteplici attività tipiche dell ambiente montano connesse al bosco, alla lavorazione del legno, all agricoltura di montagna (alpeggi), alla protezione civile ed antincendio, alla difesa del suolo ed alla produzione energetica

35 Prevenire un eccessivo, quanto rischioso, invecchiamento dei boschi al fine di evitare l insorgere di eventuali situazioni di degrado che nel lungo periodo renderebbero necessari interventi pubblici ben più consistenti (recupero aree oggetto di schianti, incendi, attacchi parassitari, etc.) Ottenere un graduale miglioramento della qualità del legname ritraibile dai boschi pubblici assestati Promuovere una politica di filiera del legno locale attraverso la rinascita di un mercato locale del legno, ad oggi quasi inesistente, creando le basi per garantire alle industrie di prima lavorazione una fornitura costante di materia prima locale (effetto volano sull intera filiera del legno) Creare nuovi sbocchi professionali grazie alla reintroduzione di professionalità in via d abbandono (operatori forestali, alpeggiatori,...)

36 Qualificare le risorse umane operanti nel settore agro-forestale attraverso una puntuale formazione professionale ed un adeguata assistenza tecnica (incentivo occupazionale, crescita professionale, creazione di manodopera specializzata) Aumentare l interesse, anche nelle nuove generazioni, ai lavori forestali ed ai problemi legati al governo dei boschi Garantire la permanenza, nelle aree montane svantaggiate, di attività rurali, indispensabile strumento di tutela e di salvaguardia del territorio attraverso il suo presidio Assicurare che il territorio sia correttamente gestito al fine di garantire il presidio e la tutela ambientale Assicurare all agricoltore di ricavare il proprio reddito da una multifunzionalità operativa derivante: dall attività agricola, dagli interventi di manutenzione territoriale e dalla salvaguardia delle tradizioni storico-culturali

37 Progetto valorizzazione risorsa legno Tale progetto è stato finanziato con fondi propri della Comunità Montana Valtellina di Sondrio per il triennio (per totali ), ed integrato con fondi della L.R. 10/98 per il biennio (per totali ). Come si evince dalla tabella successiva, allo stato attuale nel mandamento della Comunità Montana di Sondrio, sono state finanziate 15 utilizzazioni boschive per un totale di quasi mc. Si prevede che tra il 2006 e il 2007 le utilizzazioni vengano ultimate.

38 beneficiario anno finanziario fonte di finanziamento finanziamento ( ) fase d'attuazione utilizzazione (mc) comune di ALBOSAGGIA 2003 fondi propri CM ,00 CONCLUSO comune di CASTIONE 2003 fondi propri CM ,00 LAVORI APPALTATI comune di PONTE IN v fondi propri CM ,00 SOSPESO comune di CEDRASCO 2004 fondi propri CM ,88 CONCLUSO 836 comune di BERBENNO IN V fondi propri CM ,00 LAVORI IN CORSO comune di PIATEDA 2005 fondi propri CM ,80 LAVORI APPALTATI 832 CONSORZIO MASLINO 2005 fondi propri CM ,00 LAVORI APPALTATI 900 comune di PONTE IN v fondi propri CM ,00 PROGETTAZIONE 900 comune di ALBOSAGGIA 2004 l.r.10/98 - es ,13 LAVORI APPALTATI comune di LANZADA 2004 l.r.10/98 - es ,12 LAVORI ESEGUTI 813 comune di TORRE 2004 l.r.10/98 - es ,79 LAVORI ESEGUTI 520 comune di MONTAGNA 2004 l.r.10/98 - es ,00 LAVORI ESEGUTI 656 comune di CEDRASCO 2004 l.r.10/98 - es ,00 RINUNCIA comune di BERBENNO IN V l.r.10/98 - es ,00 LAVORI APPALTATI comune di POSTALESIO 2004 l.r.10/98 - es ,00 PROGETTAZIONE TOTALE

39 Nuovo programma di attuazione comune di ALBOSAGGIA 2005 l.r.10/98 - es , comune di LANZADA 2005 l.r.10/98 - es , comune di FUSINE 2005 l.r.10/98 - es , comune di TORRE 2005 l.r.10/98 - es ,00 PROGRAMMA D'ATTUAZIONE 671 comune di BERBENNO IN V l.r.10/98 - es ,00 IN FASE DI 525 APPROVAZIONE IN comune di CAIOLO 2005 l.r.10/98 - es ,00 CM comune di CHIURO 2005 l.r.10/98 - es , comune di CAIOLO 2005 l.r.10/98 - es , comune di CHIESA IN VALM l.r.10/98 - es , fondi cm ,68 economie fondi cm ,32 fondi lr 10/ ,91 tot ,91 mc

40 Piano della Viabilità Agro-Silvo Silvo-Pastorale Non è possibile una programmazione degli interventi in ambito montano se non si può contare su un adeguata rete viaria. Le infrastrutture sono indispensabili La C.M. Valtellina di Sondrio ha già completato il censimento della viabilità agro-silvo-pastorale esistente e delle nuove necessità. A breve sarà consegnato il Piano della Viabilità Agro-Silvo- Pastorale, che dovrebbe costituire specifico piano di settore del Piano di Indirizzo Forestale

41 Convenzione per la gestione e la valorizzazione del patrimonio agro-forestale comunale La Comunità Montana si è offerta di attivare un servizio di assistenza tecnica in ambito forestale per i comuni del mandamento mediante la sottoscrizione di una specifica convenzione. Ciò nella consapevolezza (convinzione) che per migliorare la qualità e conseguentemente la redditività dei boschi di proprietà pubblica e privata, sono necessari interventi mirati ad una corretta gestione del patrimonio forestale.

42 corretta gestione dei Piani di Assestamento forestale di proprietà comunale ampliare le funzioni dei boschi e degli alpeggi valorizzando gli aspetti naturalistici, ambientali, paesaggistici e ricreativi stimolare funzioni alternative della risorsa legno (bosco-legno-energia) Tale iniziativa èmirata al raggiungimento di più obiettivi tra loro complementari recupero della ripresa prevista da singoli piani d assestamento, nonché di quella eventualmente ritraibile da boschi di proprietà comunale non assestati; esecuzione di lavori di sistemazione, manutenzione e valorizzazione del territorio montano (interventi di forestazione, viabilità silvo-pastorale, S.I.F. ecc.) fornire supporto tecnico-formativo

43 Ad oggi hanno ufficialmente aderito al tale Convenzione 16 Comuni (sui 21+1 del nostro mandamento): Albosaggia Berbenno di Valtellina Caiolo Caspoggio Castello dell Acqua Chiesa in Valmalenco Colorina Faedo Valtellino Fusine Lanzada Montagna in Valtellina Piateda Sondrio Spriana Torre S. Maria Tresivio

44 Centro servizi per le foreste e la montagna L iniziativa è mirata alla realizzazione una struttura idonea per assicurare: la formazione e l aggiornamento professionale del personale comunale (guardie boschive comunali, tecnici, operai, volontari, ) un aumento dell occupazione in ambito forestale l assistenza tecnica in ambito montano

45 Offrire la formazione professionale ai privati che possiedono boschi e sono residenti nel mandamento Incoraggiare la formazione e l aggiornamento professionale degli operatori forestali (operai imprese boschive...) Promuovere la formazione professionale fra i giovani (tirocini/apprendistato..) Diffondere e promuovere la sicurezza e l antinfortunistica in ambito forestale Diffondere e promuovere le innovazioni tecnologiche in ambito silvopastorale

46 In particolare si è previsto di ricorrere a: Per quanto riguarda le figure professionali che s intendono impiegare, sia per le attività di assistenza tecnica sia per le attività di formazione ed aggiornamento professionale, si prevede di usufruire del personale proprio dell Area Agricoltura della Comunità Montana Valtellina di Sondrio e di collaboratori esterni specializzati nei diversi settori. liberi professionisti (periti e laureati in scienze forestali e scienze agrarie) Istruttori Forestali Qualificati tecnici dell Associazione Svizzera per l Economia Forestale (E.F.A.S.) operatori d imprese boschive locali tecnici ERSAF sede operativa di Morbegno tecnici IREALP

47 Nell ambito del Centro Servizi per le Foreste e la Montagna tra i mesi di luglio e settembre 2006 si sono svolti: corsi di formazione relativi all uso appropriato della motosega e alla sicurezza e tecnica dell abbattimento degli alberi forestali avvalendosi di istruttori forestali qualificati (Cooperativa Istruttori Forestali Lombardi di Tirano e Ditta Granello Doro di Trento) corso di aggiornamento La nuova normativa regionale in ambito forestale ed ambientale

48 Tali corsi hanno visto la partecipazione di più di 90 persone tra : tecnici comunali e guardie boschive, dipendenti della Provincia dipendenti di ditte boschive volontari di antincendio boschivo e protezione civile guardie ecologiche volontarie operatori privati

49 Altre iniziative avviate in ambito agro-forestale dalla COMUNITA MONTANA VALTELLINA DI SONDRIO Sfalcio dei terreni marginali Gregge di servizio Riqualificazione di sentieri con funzione agroforestale Progetto Bosco-Legno-Energia Realizzazione Centrale Operativa di Coordinamento Redazione Piano di Antincendio boschivo

50 Concludendo Il ruolo ed i compiti della Comunità Montana in ambito forestale sono svariati, ma tutti mirati alla gestione del proprio territorio. Tali iniziative, se ben condotte e avviate, non possono che apportare benefici diretti ed indiretti sul territorio. Tutto al fine di assicurare: presidio del territorio

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA

QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA QUADRO DI SINTESI POTENZIALITA E CRITICITA CONTRATTO DI PAESAGGIO FINALIZZATO ALLA DEFINIZIONE DI UNA STRATEGIA DI SVILUPPO TERRITORIALE E DI RIQUALIFICAZIONE PAESAGGISTICA DEI TERRITORI MONTANI DI COMUNANZA

Dettagli

ALBO REGIONALE DELLE IMPRESE BOSCHIVE E PERCORSI FORMATIVI Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Dario Curti - Luisa Cagelli

ALBO REGIONALE DELLE IMPRESE BOSCHIVE E PERCORSI FORMATIVI Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Dario Curti - Luisa Cagelli ALBO REGIONALE DELLE IMPRESE BOSCHIVE E PERCORSI FORMATIVI Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Dario Curti - Luisa Cagelli Barzio 6 ottobre 2011 Quanto legname possono fornirci? Incremento corrente

Dettagli

LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste. Milano 19 ottobre 2011

LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste. Milano 19 ottobre 2011 LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste Milano 19 ottobre 2011 I BOSCHI IN LOMBARDIA SUPERFICIE FORESTALE Il 26% della

Dettagli

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Assessorato allo Sviluppo della Montagna e alle Foreste Incontro

Dettagli

SERVIZIO AGRICOLTURA E FORESTAZIONE

SERVIZIO AGRICOLTURA E FORESTAZIONE BANDO 2012 ARTT. 25 E 26 L.R. 31/08 MISURE FORESTALI RELAZIONE PREMESSA La Regione Lombardia con DGR. n 3363 del 9 maggio 2012(pubblicata sul BURL serie Ordinaria n 21 del 22 maggio 2012) ha approvato

Dettagli

Le proprietà collettive: una risorsa per la gestione del paesaggio montano

Le proprietà collettive: una risorsa per la gestione del paesaggio montano Piano paesaggistico regionale Il paesaggio montano Prato Carnico, 13 aprile 2015 Le proprietà collettive: una risorsa per la gestione del paesaggio montano Nadia Carestiato La proprietà collettiva Istituzione

Dettagli

Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013

Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 Il Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013 Le opportunità per le aziende agricole FINANZIAMENTI IN AGRICOLTURA FINANZIAMENTI COMUNITARI I PILASTRO Politica dei Mercati OCM PAC II PILASTRO Sviluppo rurale -

Dettagli

Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo

Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo 27 del Reg. (CE) n. 1698/2005. Giustificazione logica

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo

LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo LEGGE REGIONALE N. 28 del 16 Settembre 1996 REGIONE LOMBARDIA Promozione, riconoscimento e sviluppo dell' associazionismo Pubblicata sul BOLLETTINO UFFICIALE della REGIONE LOMBARDIA n 38 del 21 settembre

Dettagli

sis i tema m o ga g ni n c i o o d i d i a ree p r p ot o ette

sis i tema m o ga g ni n c i o o d i d i a ree p r p ot o ette La Lombardia è stata la prima regione a dotarsi di un sistema organico di aree protette (l.r. 86/1983), che comprende: 24 Parchi regionali, 13 Parchi naturali, 65 Riserve naturali, 32 Monumenti naturali.

Dettagli

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE

GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE GLI INTERVENTI DI SISTEMAZIONE IDRAULICO-FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEI RISCHI NATURALI LE LINEE DI AZIONE DELLA REGIONE PIEMONTE G. Cacciabue, V.Debrando 1 La mitigazione degli effetti prodotti sul territorio

Dettagli

Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25

Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25 Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25 PREMESSA La Regione Lombardia, con deliberazione di Giunta regionale del 28 novembre 2003 n. 7/15276,

Dettagli

RELAZIONE FINALE A. ATTIVITA REALIZZATE

RELAZIONE FINALE A. ATTIVITA REALIZZATE A. ATTIVITA REALIZZATE RELAZIONE FINALE 1. Incontro informativo - LAVORO SICURO IN AGRICOLTURA: UN OPPORTUNITA DI INVESTIMENTO - La valutazione dei rischi per la salute e la sicurezza e gli aspetti autorizzativi

Dettagli

MISURE DI SOSTEGNO A FAVORE DEI PICCOLI COMUNI DELLA LOMBARDIA.

MISURE DI SOSTEGNO A FAVORE DEI PICCOLI COMUNI DELLA LOMBARDIA. LEGGE REGIONALE N. 11 DEL 05-05-2004 REGIONE LOMBARDIA MISURE DI SOSTEGNO A FAVORE DEI PICCOLI COMUNI DELLA LOMBARDIA. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LOMBARDIA N. 19 del 7 maggio 2004 SUPPLEMENTO

Dettagli

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014

IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 IL PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 2020 della Regione Friuli Venezia Giulia SETTEMBRE 2014 Attività di preparazione Ottobre 2010: La Commissione licenzia il Documento Europa 2020: per una crescita intelligente,

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 4 5 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE

APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE Torna all indice De Luca, E.* *CO.GE.FOR. Consorzio Gestione Forestale Il CO.GE.FOR. Il Consorzio di Gestione Forestale

Dettagli

La formazione professionale forestale in Piemonte

La formazione professionale forestale in Piemonte La formazione professionale forestale in Piemonte V. Debrando 1, V. Motta Fre 1, P. Brenta 2 1 Regione Piemonte, Dir. Opere Pubbliche, Difesa del Suolo, Economia Montana e Foreste 2 Istituto per le Piante

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 268 del 15/03/2011 pag. 1/3

ALLEGATO A Dgr n. 268 del 15/03/2011 pag. 1/3 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 268 del 15/03/2011 pag. 1/3 1. MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLE NORME DI PIANIFICAZIONE FORESTALE DI CUI ALL DGR 158 del 21 gennaio 1997. Le Direttive e

Dettagli

Energia da Biomasse. Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili

Energia da Biomasse. Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili Energia da Biomasse Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili Accordo di Programma Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Regione Abruzzo Iris Flacco Energy Manager Regione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome BUZZETTI ITALO Indirizzo Telefono 0342605585 - mobile 3387276718 Fax 0342605599 E-mail italo.buzzetti@ersaf.lombardia.it

Dettagli

PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori"

PSR: Misura 112 Insediamento di giovani agricoltori PSR: Misura 112 "Insediamento di giovani agricoltori" La misura 112 concede un aiuto all insediamento dei giovani agricoltori attraverso l attivazione di un piano di sviluppo aziendale e l utilizzo di

Dettagli

Workshop fa.re.na.it 7 marzo 2014. RN 2000: stato dell arte in Regione Veneto e PAF come strumento di programmazione delle politiche naturalistiche

Workshop fa.re.na.it 7 marzo 2014. RN 2000: stato dell arte in Regione Veneto e PAF come strumento di programmazione delle politiche naturalistiche Workshop fa.re.na.it 7 marzo 2014 RN 2000: stato dell arte in Regione Veneto e PAF come strumento di programmazione delle politiche naturalistiche 1 Sezione Parchi Biodiversità Programmazione Silvopastorale..

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ANAGRAFE AGRICOLA UNICA DEL PIEMONTE. Art.1. (Finalità)

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ANAGRAFE AGRICOLA UNICA DEL PIEMONTE. Art.1. (Finalità) LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ANAGRAFE AGRICOLA UNICA DEL PIEMONTE Art.1. (Finalità) 1. Le presenti linee guida disciplinano l anagrafe agricola unica del Piemonte ed il fascicolo aziendale, istituiti

Dettagli

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia

La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia La politica di sviluppo rurale e il PSR 2007-2013 della Lombardia Roberto Pretolani Dipartimento di Economia e Politica Agraria, Agro-alimentare e Ambientale Università degli Studi di Milano La politica

Dettagli

Toscana: Insediamento giovani agricoltori Misura 112 PSR 2007-2013 - Pacchetto Giovani

Toscana: Insediamento giovani agricoltori Misura 112 PSR 2007-2013 - Pacchetto Giovani Toscana: Insediamento giovani agricoltori Misura 112 PSR 2007-2013 - Pacchetto Giovani Descrizione In breve La misura è finalizzata a favorire l occupazione e il ricambio generazionale nel settore agricolo.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 - PSR CALABRIA

PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 - PSR CALABRIA PROGRAMMAZIONE COMUNITARIA 2007-2013 - PSR CALABRIA IL PIANO DI SVILUPPO LOCALE (PSL) DELL ALTO JONIO COSENTINO FEDERICO II : Un percorso tra storia, profumi e sapori Presentazione risultati di fine programmazione

Dettagli

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale Il percorso logico Interventi Strategie siamo qui Fabbisogni Punti forza/debolezza/opportunità/minacce Contesto generale Analisi di contesto Indicatori di contesto (individuati dall UE obbligatori) Valutazione

Dettagli

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato

PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato PSR 2014-2020: le prospettive provinciali Incontro con il partenariato Costruiamo la strategia: dall analisi di contesto ai fabbisogni Luca Cesaro INEA Trentino Alto Adige Trento, 6 marzo 2014 Fasi di

Dettagli

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C

MISURA 312 MISURA 312 MISURA 312 - C MISURA 312 I BANDI Sostegno allo sviluppo di attività economiche Le opportunità disponibili da Lunedì 11 Ottobre 1 Beneficiari: : Microimprese (Partita iva e Registro Imprese Camera Commercio) Obiettivi:

Dettagli

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020

Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) FEASR 2014 2020 PROGRAMMAZIONE 2014 2020 Valutazione Ambientale Strategica Programma Operativo Regionale FESR Programma di Sviluppo Rurale FEASR Forum Pubblico e prima Conferenza di Valutazione Il Programma di Sviluppo

Dettagli

Il PEAR punta a un tendenziale pareggio del deficit elettrico al 2015 e nello stesso tempo a ridurre le emissioni di CO 2

Il PEAR punta a un tendenziale pareggio del deficit elettrico al 2015 e nello stesso tempo a ridurre le emissioni di CO 2 Il PEAR punta a un tendenziale pareggio del deficit elettrico al 2015 e nello stesso tempo a ridurre le emissioni di CO 2 nel rispetto degli obiettivi di Kyoto A solo due anni dalla sua approvazione è

Dettagli

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Piano di Gestione delle Acque I Aggiornamento Rapporto tra PDGAcque e altri piani di indirizzo: PDGAlluvioni, Piano di Sviluppo Rurale, Piano di Indirizzo

Dettagli

CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE

CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE Dopo la positiva esperienza della prima fase di vita (2008 luglio 2014, portati

Dettagli

Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi

Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi Franco Licini Direzione opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi IL VALORE DEL BOSCO PER IL PAESAGGIO Giovedì

Dettagli

"Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale".

Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale. LEGGE REGIONALE 28 ottobre 2004, N. 27 "Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale". (BURL n. 44, 1 suppl. ord. del 29 Ottobre 2004 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2004-10-28;27

Dettagli

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni Data ultimo aggiornamento: 11 ottobre 2010 Progetto di filiera e realtà coinvolte 2 Sommario

Dettagli

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE VISTA DAL BASSO, L OPINIONE DEI COMUNI. A cura dell Arch.

Dettagli

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile

Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile L. 18 giugno 2009, n. 69 1 e 2 Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile (Estratto relativo all Amministrazione digitale) Art. 24

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

Programmazione finanziaria 2007-2013 e gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida

Programmazione finanziaria 2007-2013 e gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida Regione Lazio Area Natura 2000 e Osservatorio Regionale per l Ambiente Roma 27 marzo 2008 Programmazione finanziaria 2007-2013 e gestione dei Siti Natura 2000 D.ssa Tina Guida SITI NATURA 2000 LAZIO DGR

Dettagli

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto

Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Aree Natura 2000 nella Regione del Veneto Mauro De Osti Sezione Parchi, Biodiversità, Programmazione Silvopastorale e Tutela dei Consumatori Regione del Veneto Iniziativa finanziata dal Programma di Sviluppo

Dettagli

Custodia del Territorio

Custodia del Territorio Custodia del Territorio Il ruolo chiave delle aziende agricole nella tutela idraulica e idrogeologica dei territori montani. Dott. Agronomo Pamela Giani WHAT IS THE TERRITORY ADDRESSED? Notevole estensione:

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GIANNI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4536 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GIANNI Disposizioni per ridurre il disagio abitativo mediante la partecipazione delle regioni

Dettagli

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE

ASSOCIAZIONE 100 CASCINE ASSOCIAZIONE 100 CASCINE RIQUALIFICAZIONE E MESSA A SISTEMA DELLE CASCINE LOMBARDE ACCOGLIENZA PER EXPO 2015 V. 20110926 IL PATRIMONIO: LA RETE 320 Cascine hanno manifestato il loro interesse 106 Cascine

Dettagli

Modello di sviluppo delle aree infrastrutturali. Progetto di ricerca e studio di fattibilità

Modello di sviluppo delle aree infrastrutturali. Progetto di ricerca e studio di fattibilità Modello di sviluppo delle aree infrastrutturali Progetto di ricerca e studio di fattibilità Consumo di suolo Processo antropogenico che prevede la progressiva trasformazione di superfici naturali o agricole

Dettagli

QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI

QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI QUADRO NORMATIVO DI PROTEZIONE CIVILE - COMPITI DEI COMUNI PROTEZIONE CIVILE La normativa nazionale sulla protezione civile Legge n. 225 del 24 febbraio 1992 (Istituzione del Servizio Nazionale di Protezione

Dettagli

DIREZIONE GENERALE SISTEMI VERDI E PAESAGGIO Dott. Giorgio Bonalume Il Patto di Filiera bosco legno energia in Regione Lombardia.

DIREZIONE GENERALE SISTEMI VERDI E PAESAGGIO Dott. Giorgio Bonalume Il Patto di Filiera bosco legno energia in Regione Lombardia. DIREZIONE GENERALE SISTEMI VERDI E PAESAGGIO Dott. Giorgio Bonalume Il Patto di Filiera bosco legno energia in Regione Lombardia 16 Novembre 2011 Biodiversità Seguiti Calendario lavori II semestre Nuove

Dettagli

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno

Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI. Convegno Rilancimpresa FVG convergenza e sinergia di misure legislative con le misure nazionali per le PMI Convegno «LE PMI INNOVATIVE - LEGGE SULLE AGEVOLAZIONI» Pordenone, 28 aprile 2015 1 Obiettivi della Riforma

Dettagli

4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE

4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE 4.1 REGOLAMENTO PER LA MANUTENZIONE DELLO SPAZIO RURALE PREMESSA L amministrazione comunale di Aviatico, al fine di favorire una regolare e ordinata gestione ambientale e paesaggistica delle aree prative

Dettagli

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI

Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Direzione centrale risorse agricole, naturali, forestali e montagna S.A.R.A. SISTEMA AREE REGIONALI AMBIENTALI Roma 27 marzo 2008 workshop Financing Natura 2000 PROGRAMMA S.A.R.A. Sistema Aree Regionali

Dettagli

Quale futuro per i servizi di consulenza a supporto delle aziende agricole

Quale futuro per i servizi di consulenza a supporto delle aziende agricole Quale futuro per i servizi di consulenza a supporto delle aziende agricole Consiglio dell'ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali Alberto Giuliani Coordinatore dipartimento Sviluppo Rurale

Dettagli

Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020

Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Reg. UE 1305/2013 Bozza PSR 2014 2020 Misura 7 Servizi di base e rinnovamento dei villaggi Misura 19 LEADER Bianca Maria Eula Direzione opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Torino,

Dettagli

Misura 2 Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole

Misura 2 Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014-20 Misura 2 Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole Sottomisura 2.1 Sostegno ad avvalersi di servizi di consulenza

Dettagli

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Corso di formazione per guardie ecologiche volontarie Parco del Rio Vallone aprile 2011 LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Il bosco: unità ecologica e definizione della norma Il bosco:

Dettagli

PER FARE UN TAVOLO CI VUOLE

PER FARE UN TAVOLO CI VUOLE PER FARE UN TAVOLO CI VUOLE La riscoperta dei vecchi mestieri e nuove opportunità imprenditoriali legate al legno Partner DESTINATARI DEL PROGETTO: giovani dai 16 ai 35 anni PROVINCE COINVOLTE: n 2 province

Dettagli

Operatore agricolo. Standard della Figura nazionale

Operatore agricolo. Standard della Figura nazionale Operatore agricolo Standard della Figura nazionale 134 Denominazione della figura OPERATORE AGRICOLO Indirizzi della figura Allevamento Animali Domestici Coltivazioni Arboree, erbacee, ortifloricole Silvicoltura,

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore)

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) PROGETITO FORMATIVO MODULO 1 PRESENTAZIONE DEI PARCHI ED AREE PROTETTE (8 ore) Definizione dei concetti di Parco,

Dettagli

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente di cui all allegato A), costituisce il riferimento per tutti gli indirizzi

Dettagli

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...

1. INTRODUZIONE... 2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO... RELAZIONE SINTETICA 1. INTRODUZIONE...2 2. OBIETTIVI E SCELTE DI PIANO...3 2.1 Il sistema della residenza e dei servizi...4 2.2 Il sistema della produzione...7 2.3 Il sistema della mobilità e delle infrastrutture...9

Dettagli

Patto per il Biellese

Patto per il Biellese Patto per il Biellese INTEGRAZIONE TRA I PIANI DI SVILUPPO SOCIO ECONOMICO DELLE COMUNITA MONTANE DOCUMENTO REDATTO DAL GRUPPO DI LAVORO INTEGRAZIONE TRA I PSSE DELLE COMUNITÀ MONTANE (Approvato dal Tavolo

Dettagli

Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona.

Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona. LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 22-12-2009 REGIONE PIEMONTE Istituzione del Parco naturale dell Alta Valle Antrona. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 51 del 24 dicembre 2009 ARTICOLO 1 (Istituzione)

Dettagli

Linee Guida per la Formazione dei Volontari di Protezione Civile sul Rischio incendi

Linee Guida per la Formazione dei Volontari di Protezione Civile sul Rischio incendi Linee Guida per la Formazione dei Volontari di Protezione Civile sul Rischio incendi LA FORMAZIONE DEL VOLONTARIATO SPECIALIZZATO AIB Tra coloro che operano nella protezione civile, il Volontariato riveste

Dettagli

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI

ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI ALLEGATO B INDIRIZZI, PROFILI E QUADRI ORARI DEL SETTORE SERVIZI Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente di cui all allegato A), costituisce il riferimento per tutti gli indirizzi

Dettagli

Il sistema di gestione delle emergenze della Provincia di Roma

Il sistema di gestione delle emergenze della Provincia di Roma Il sistema di gestione delle emergenze della Provincia di Roma Alessio Argentieri Dirigente Servizio 1 Difesa del suolo - Dipartimento IV Servizi di tutela e valorizzazione dell ambiente PROVINCIA DI ROMA

Dettagli

INTESA PROGRAMMATICA D AREA DELLA PEDEMONTANA DEL GRAPPA E DELL ASOLANO NOVITA

INTESA PROGRAMMATICA D AREA DELLA PEDEMONTANA DEL GRAPPA E DELL ASOLANO NOVITA NEWSLETTER N. 5 del 6 settembre 2007 NOVITA INIZIATIVE ED INTERVENTI REGIONALI A FAVORE DELL'EDILIZIA SOSTENIBILE (BUR N. 72/07) SCADENZA: 16/10/2007 Con la delibera Regionale del 31 luglio 2007 la Giunta

Dettagli

LEGGE REGIONALE 28 ottobre 2004, n. 27 «Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale».

LEGGE REGIONALE 28 ottobre 2004, n. 27 «Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale». LEGGE REGIONALE 28 ottobre 2004, n. 27 «Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale». Capo I Finalità e norme generali Art. 1. Finalità e obiettivi. 1. Le disposizioni

Dettagli

Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola

Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola Nomina delle figure del sistema sicurezza della scuola Il dirigente scolastico, nel suo ruolo di Datore di lavoro ai sensi dell art. 17, comma 1, lettera b del D.Lgs. 81/2008, è obbligato (si tratta di

Dettagli

Ai Presidenti delle Commissioni Consiliari Permanenti VIII e Il. Ai Consiglieri Regionali. Al Settore Legislativo. Studi e Ricerche IL PRESIDENTE

Ai Presidenti delle Commissioni Consiliari Permanenti VIII e Il. Ai Consiglieri Regionali. Al Settore Legislativo. Studi e Ricerche IL PRESIDENTE Consiglio Regionale della ai ipi Prot.n. 31082/A Al Signor Presidente della Giunta Regionale della Campania Via S. Lucia. 81 NAPOLI Ai Presidenti delle Commissioni Consiliari Permanenti VIII e Il Ai Consiglieri

Dettagli

Dsa3 Università di Perugia

Dsa3 Università di Perugia Dsa3 Università di Perugia Perugia, 3 ottobre 2014 Seminario Agricoltura familiare: riflessioni per una società più sostenibile La PAC 2014-2020 e l agricoltura familiare Angelo Frascarelli Docente di

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante:

Schema di decreto legislativo recante: Schema di decreto legislativo recante: Incentivi all autoimprenditorialità e all autoimpiego, in attuazione della delega conferita dall articolo 45, comma 1, della legge 17 maggio 1999, n. 144. Visti gli

Dettagli

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA

QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA QUADRO NORMATIVO IN TEMA DI CONCILIAZIONE VITA LAVORO. LA RATIO DI UN ANALISI NORMATIVA Come è noto la programmazione dei fondi comunitari trae sempre origine da una analisi del contesto territoriale a

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI

REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI 79 REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE SVANTAGGIATE E DISABILI ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 84 REG./29 PROP.DEL. NELLA SEDUTA DEL 12/04/2006 LINEE PROGRAMMATICHE

Dettagli

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013

La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 La Politica Agricola Comune, i Programmi di Sviluppo Rurale e la Rete Natura 2000 Stato attuale e quadro post 2013 Luigi Servadei Ministero Luogo e delle datapolitiche Agricole, D.G. Sviluppo Rurale Rete

Dettagli

5.3.1.1.4 Utilizzo di servizi di consulenza

5.3.1.1.4 Utilizzo di servizi di consulenza 5.3.1.1.4 Utilizzo di servizi di Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (iv) e 24 del Reg. (CE) N 1698/2005 Articolo 15 e punto 5.3.1.1.4. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06 1.1.4.

Dettagli

L INIZIATIVA DI COOPERAZIONE NAZIONALE PER IL MIGLIORAMENTO CONTINUO DELLA SICUREZZA LOGISTICA CHIMICA

L INIZIATIVA DI COOPERAZIONE NAZIONALE PER IL MIGLIORAMENTO CONTINUO DELLA SICUREZZA LOGISTICA CHIMICA L INIZIATIVA DI COOPERAZIONE NAZIONALE PER IL MIGLIORAMENTO CONTINUO DELLA SICUREZZA LOGISTICA CHIMICA Febbraio 2014 I DUE PARTNERS Federchimica è la Federazione nazionale dell Industria Chimica, a cui

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

I Distretti Rurali Paolo Lassini

I Distretti Rurali Paolo Lassini Progetto FILARE AGRICOLTURA E BIODIVERSITÁ I Distretti Rurali Paolo Lassini Martedì 3 Dicembre 2013 h. 20.30 USMATE VELATE Via Luini Martedì 3 Dicembre 2013 h. 20.30 Aula Magna scuola media B. Luini Il

Dettagli

SCHEDA TECNICA. ALLEGATO n. 2

SCHEDA TECNICA. ALLEGATO n. 2 ALLEGATO n. 2 REGIONE LIGURIA REPUBBLICA ITALIANA COMMISSIONE EUROPEA Programma Regionale di Sviluppo Rurale 2007-2013 della Regione Liguria Misura 124 Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi

Dettagli

Il Volontariato di Protezione Civile nella Regione Lazio

Il Volontariato di Protezione Civile nella Regione Lazio Il Volontariato di Protezione Civile nella Regione Lazio Direzione regionale di Protezione Civile Lucrezia Casto Nella Regione Lazio il Volontariato di Protezione Civile è disciplinato da due Leggi regionali:

Dettagli

ALLEGATO A. Proposta di legge

ALLEGATO A. Proposta di legge ALLEGATO A Proposta di legge Modifiche alla legge regionale 19 marzo 2015, n. 30 Norme per la conservazione e la valorizzazione del patrimonio naturalistico-ambientale regionale. Modifiche alla l.r. 24/1994,

Dettagli

Obblighi di pubblicità ed informazione per i beneficiari del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013

Obblighi di pubblicità ed informazione per i beneficiari del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 Obblighi di pubblicità ed informazione per i beneficiari del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) 2007-2013 ( s i n te s i d e l R e g o l a m e n to C E 1 9 7 4 / 0 6 e d e l l a D e l i b e r a G i u n

Dettagli

Opportunità e incentivazioni per la costruzione di ambiente e di paesaggio: il Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della regione Lombardia

Opportunità e incentivazioni per la costruzione di ambiente e di paesaggio: il Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della regione Lombardia Opportunità e incentivazioni per la costruzione di ambiente e di paesaggio: il Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della regione Lombardia di Paolo Lassini, dirigente Direzione Generale Agricoltura

Dettagli

VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento. Palermo 30 novembre 2010

VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento. Palermo 30 novembre 2010 VERSO UN SISTEMA REGIONALE AMPLIATO DEI SERVIZI AL LAVORO Giornata di confronto sui sistemi di accreditamento Palermo 30 novembre 2010 Cosa si intende per accreditamento? L art. 2 del DLgs 276/2003 definisce:

Dettagli

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Dagli incentivi del prossimo P.S.R. al greening della nuova PAC Relatore: Dott. Alessandro Pasini Una nuova agricoltura compatibile con

Dettagli

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE

NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE Gruppo Consiliare NUOVE LINEE PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE DEL SETTORE COMMERCIALE INDICE Obiettivi... pag. 4 Per le imprese... pag. 5 Per i consumatori... pag. 8 Indirizzi generali per l insediamento

Dettagli

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia

Per coltivare. un futuro sostenibile. Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia Per coltivare un futuro sostenibile Breve guida al PSR 2014-2020 del Friuli Venezia Giulia CHE COS È IL PSR Il Programma di Sviluppo Rurale (PSR) è lo strumento di attuazione del Fondo Europeo Agricolo

Dettagli

PIANO DELLA PERFORMANCE 2014

PIANO DELLA PERFORMANCE 2014 PIANO DELLA PERFORMANCE 2014 Le amministrazioni pubbliche devono adottare, in base a quanto disposto dall art.3 del Decreto Legislativo 27 ottobre 2009, n.150, metodi e strumenti idonei a misurare, valutare

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 9/9^ DI INIZIATIVA DEL CONSIGLIERE REGIONALE G. NUCERA, RECANTE: TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E DELL ECONOMIA FORESTALE

PROPOSTA DI LEGGE N. 9/9^ DI INIZIATIVA DEL CONSIGLIERE REGIONALE G. NUCERA, RECANTE: TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E DELL ECONOMIA FORESTALE CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA IV COMMISSIONE ASSETTO E UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO - PROTEZIONE DELL AMBIENTE PROPOSTA DI LEGGE N. 9/9^ DI INIZIATIVA DEL CONSIGLIERE REGIONALE G. NUCERA, RECANTE:

Dettagli

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 5.3.1.1.4 Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali 1. Denominazione della Misura: Ricorso a servizi di consulenza da parte degli imprenditori agricoli e forestali

Dettagli

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta

Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Temi ambientali e tipologie di piani di area vasta Piani territoriali urbanistici regionali orientati dal punto di vista paesistico ed ecologico (ex l. 431/85) Piani paesistici regionali (ex l. 431/85)

Dettagli

Presentazione dell incontro

Presentazione dell incontro Presentazione dell incontro Giuseppe Bortone Direttore Generale Ambiente, Difesa del Suolo e della Costa 1 Realizzazione della Rete Natura 2000 in Emilia- Romagna Fasi di realizzazione: periodo 1995 2000:

Dettagli

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER

GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO Programma di Sviluppo Rurale della Regione Calabria 2007-2013 PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER GRUPPO AZIONE LOCALE BASSO TIRRENO COSENTINO PSR 2007-2013 - ASSE 4 APPROCCIO LEADER Programma di Sviluppo Locale BASSO TIRRENO COSENTINO SCHEDA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALLA PRESENTAZIONE DI PROGETTI

Dettagli

Conferenza stampa APPROVAZIONE PSR BASILICATA 2014-2020

Conferenza stampa APPROVAZIONE PSR BASILICATA 2014-2020 Conferenza stampa APPROVAZIONE PSR BASILICATA 2014-2020 Assessore Regionale Luca Braia Giovanni Oliva - Vittorio Restaino Dipartimento Politiche Agricole e Forestali - Regione Basilicata Potenza - Sala

Dettagli

1. Trasferimento di conoscenze e azioni d informazione

1. Trasferimento di conoscenze e azioni d informazione 1. Trasferimento di conoscenze e azioni d informazione La misura concorre a promuovere l acquisizione di competenze e conoscenze tecniche e manageriali, la diffusione di innovazioni nei vari ambiti aziendali

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE Art. 1 - Finalità e oggetto. 1. La Regione del Veneto promuove l agricoltura sociale quale aspetto della multifunzionalità delle attività agricole, per ampliare

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE In base all art. 19 del TUEL approvato con D. Lgs. 267 del 18 agosto 2000 spettano alla provincia le funzioni amministrative di interesse provinciale

Dettagli

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007

La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 La Rete Natura 2000 in Sicilia: tra tutela e sviluppo PALERMO, 28 NOVEMBRE 2007 I Siti Natura 2000: esperienze a confronto Dott. Giorgio Occhipinti Task Force Rete Ecologica Regione Siciliana Il Piano

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli