CITTA DI SACILE AGGIORNAMENTO RELAZIONE DI ANALISI SULLO STATO DI FATTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CITTA DI SACILE AGGIORNAMENTO RELAZIONE DI ANALISI SULLO STATO DI FATTO"

Transcript

1 REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE CITTA DI SACILE Piano comunale di settore per la localizzazione degli Impianti fissi di telefonia mobile (L.R. n. 028 del 06 dicembre 2004, art. 4) (Regolamento di attuazione D.P.G.R n. 094/Pres. del 19 aprile 2005) AGGIORNAMENTO RELAZIONE DI ANALISI SULLO STATO DI FATTO Ottobre 2011 SINTPRO sinergie integrate professionali s.r.l. Il Professionista dott. ing. Deborah Costantini Il Referente per. ind. Luigi Costantini

2 Premessa Le SRB (Stazioni di Radio Base; di seguito: Infrastrutture) esistenti sono state analizzate sia dal punto di vista documentale che da quello installativo. Le stesse sono state evidenziate, sulle Planimetrie allegate al Piano, con una mutua interdistanza di 600 m, al solo fine di meglio comprenderne l interdipendenza. Nei successivi aggiornamenti del Piano, nel valutare la localizzazione di nuovi Siti aventi strutture portanti similari a quelle esistenti, tale mutua interdistanza sarà considerata come valore ottimale nel contesto spaziale e panoramico dell intero territorio, al fine di mitigarne l impatto visivo osservabile nell avvicinamento al Centro storico (del Capoluogo e delle Frazioni) dalla viabilità principale. Saranno, comunque, da evitare distanze minori che provochino sgradevoli effetti di sovrapposizione strutturale, sopratutto nell allineamento ottico di più Siti. Catasto regionale Alla data di elaborazione del presente Piano, dal Catasto regionale dell A.R.P.A. risultano installate e/o autorizzate nel Comune di Sacile le Infrastrutture di cui alla seguente Tabella. La dicitura Da realizzare, riportata sul Catasto relativamente ad alcune Infrastrutture, è riferita, non tanto all effettiva ed attesa installazione delle stesse, quanto al fatto che i Gestori interessati hanno presentato all A.R.P.A. (eventualmente tramite il Comune) una richiesta di competente Parere sul progetto delle stesse Infrastrutture. Tali Infrastrutture saranno eventualmente ed effettivamente installate, o meno, conformemente ai procedimenti autorizzativi che saranno concretizzati, anche in termini temporali, sulla base dei disposti legislativi e regolamentari, tra l Amministrazione Comunale ed i Gestori interessati. Inoltre, sempre sul Catasto sono riportati alcuni Siti che, seppur diversi, hanno le medesime coordinate georeferenziali, in quanto il sito identificato si riferisce alle antenne (in titolarità al singolo Gestore) e non all Infrastruttura in quanto tale (possibilità di co-siting tra più Gestori sulla stessa struttura portante). Codice ID Stato Est Nord Quota Tipologia Operatore EMF sito 5a 515 DA REALIZZARE Telefonia WIND 1a 516 REALIZZATO Telefonia WIND+TELECOM 3a 517 DA REALIZZARE Telefonia TELECOM+VODAFONE 2a 518 REALIZZATO Telefonia VODAFONE 596 DA REALIZZARE Telefonia 692 DA REALIZZARE Telefonia 7a 931 REALIZZATO Telefonia TELECOM+VODAFONE Pagina 2 di 13

3 Codice EMF ID Stato Est Nord Quota Tipologia Operatore sito 2318 REALIZZATO Telefonia 11a 2363 REALIZZATO Telefonia H3G 10a 2365 REALIZZATO Telefonia H3G+VODAFONE 9a 2366 DA REALIZZARE Telefonia H3G 2493 DA REALIZZARE Telefonia 2a 2779 REALIZZATO Telefonia VODAFONE 2816 DA REALIZZARE Telefonia 2921 REALIZZATO Telefonia 8a 2988 REALIZZATO Telefonia RFI 3136 REALIZZATO Telefonia microcella 12a 3484 DA REALIZZARE Telefonia H3G 3515 DA REALIZZARE Telefonia 3541 DA REALIZZARE Telefonia 3543 DA REALIZZARE Telefonia 13a 3544 REALIZZATO Telefonia TELECOM + RICHIESTA VODAFONE 3597 DA REALIZZARE Telefonia 10a 3636 REALIZZATO Telefonia H3G+VODAFONE 9a 3651 DA REALIZZARE Telefonia H3G 10a 3652 DA REALIZZARE Telefonia H3G+VODAFONE 6a 3737 DA REALIZZARE Telefonia TELECOM+VODAFONE 7a 4045 REALIZZATO Telefonia TELECOM 3a 4231 REALIZZATO Telefonia TELECOM+VODAFONE 6a 4267 REALIZZATO Telefonia TELECOM+VODAFONE 14a 4317 REALIZZATO Telefonia VODAFONE 15a 4592 REALIZZATO Telefonia WIND 4899 DA REALIZZARE Telefonia La 1 colonna richiama il numero identificativo dell Infrastruttura riportato sulle Planimetrie del Piano con l approssimazione conseguente alla scala di stampa assegnata alla relativa Planimetria. Essendo le Planimetrie elaborate su supporto informatico è comunque possibile, tramite gli usuali strumenti applicativi (es..dwg) un maggior dettaglio territoriale. La 2 colonna indica l identificativo del Sito all interno del Catasto ed è assegnato univocamente alla singola Infrastruttura (antenna). La 3 colonna indica lo stato realizzativo dell Infrastruttura, così come desunto dal sito internet dell A.R.P.A.. Tale situazione può essere diversa rispetto al riconoscimento formale dell Infrastruttura, in quanto è relativo alla parte documentale ed autorizzativa della stessa e non al suo stato costruttivo. Pagina 3 di 13

4 La 4 e la 5 colonna riportano le coordinate UTM del Sito in cui è installata l Infrastruttura. La posizione delle Infrastrutture sulle Planimetrie di Piano sono state definite in base a tali coordinate, in quanto gli elaborati sono georeferenziati. La 6 colonna riporta la quota altimetrica del Sito. La 7 colonna identifica il tipo di servizio svolto dall Infrastruttura. L 8 colonna riporta il Nominativo del Gestore dell Infrastruttura (richiamato anche nelle Planimetrie), così come individuato negli Atti abilitativi in disponibilità dell Amministrazione comunale e noto al momento dell elaborazione del Piano. Infrastrutture installate Le Infrastrutture effettivamente presenti sul territorio del Comune al momento dell estensione del presente Piano sono riportate sugli Elaborati grafici allegati. Le stesse non corrispondono, a volte come ubicazione, a volte come stato (realizzata/da realizzare), a quelle riportate sulla sopra citata Tabella relativa al Catasto dell A.R.P.A.. Tale condizione non è pregiudizievole ai fini dell iter approvativo del Piano, in quanto il citato Catasto è uno strumento dinamico in continuo, seppur differito, aggiornamento. Alcune Infrastrutture sono in titolarità a Soggetti diversi dai Gestori di telefonia mobile come generalmente intesi e nella fattispecie alla Rete Ferroviaria Italiana. Tali Infrastrutture, pur presenti nel Catasto dell A.R.P.A. non sono sempre riconoscibili nella funzione, in quanto comprese entro assetti facenti parte dell armamento o dell architettura ferroviaria. Titolarità delle Infrastrutture E prevedibile che la titolarità della gestione delle Infrastrutture possa variare nel tempo, come già avvenuto in precedenza. Di conseguenza, l eventuale aggiornamento (per subentro, accorpamento, fusione, ecc.) del Nominativo (Ragione sociale) del Gestore, così come l eventuale dismissione di una Infrastruttura e/o la cessazione di attività dello stesso Gestore, avverrà tramite Note allegate al Piano e non rappresenterà una variante al Piano stesso. Il Piano sarà aggiornato in occasione della prima successiva procedura di aggiornamento/variante. Pagina 4 di 13

5 Stato di fatto A WIND+TELECOM L Infrastruttura A1 è installata su proprietà privata, nelle adiacenze di uno stabilimento, lungo la direttrice della S.S. 13, verso ovest, in ambito urbano, su un palo metallico poligonale autoportante, dotato di piattaforma (ballatoio) sommitale. Le antenne sono installate su sbracci sporgenti oltre il ballatoio, raggiungibili tramite scala affiancata al palo, con annesso montante portacavi.di risalita. Alla base del palo è ubicata la struttura di contenimento degli apparati, tipo shelter metallico, prefabbricato, collegata al palo tramite rastrelliera portacavi. L Infrastruttura è dotata di recinzione metallica circondata, seppur in parte, da cortina arborea. L infrastruttura è raggiungibile dalla viabilità ordinaria. A OMNITEL (ora VODAFONE) L Infrastruttura A2 è installata su proprietà privata, in sito adiacente alla ferrovia, nell immediata zona immediatamente esterna al centro storico del Capoluogo. L Infrastruttura è rappresentata da un palo metallico poligonale, privo di piattaforma sommitale, con le antenne poste in aderenza allo stesso, ed è dotata di corona intermedia di supporto delle parabole dei ponti radio. Le antenne sono raggiungibili da scala posta in aderenza al palo, con annesso montante portacavi sempre in aderenza. Alla base del palo è ubicata la struttura di contenimento degli apparati, tipo shelter rastrelliera portacavi. L Infrastruttura è ubicata all interno di un cortile recintato ed è raggiungibile attraverso la viabilità ordinaria di accesso ad una attività artigianale. Pagina 5 di 13

6 A VODAFONE + TIM (ora TELECOM) L Infrastruttura A3 è installata nelle pertinenze della Centrale Telefonica Telecom, nelle adiacenze del centro storico del Capoluogo. L Infrastruttura è rappresentata da un traliccio metallico a base quadrata, dotato di piattaforma (ballatoio) sommitale su cui sono installate le antenne, raggiungibile tramite scala posta internamente alla struttura, con annesso montante portacavi. L infrastruttura è ubicata all interno di un cortile recintato. A OMNITEL (ora VODAFONE) L Infrastruttura A4 è installata in posizione intermedia sulla ciminiera di uno stabilimento ora inattivo, riqualificato ad Istituto scolastico nel centro del Capoluogo. L Infrastruttura è composta da una piattaforma (ballatoio) circondante la ciminiera, con le antenne poste perimetralmente allo stesso. Le antenne sono raggiungibili tramite scala posta affiancata alla ciminiera, con annesso montante portacavi.di recinzione metallica non circondata da cortina arborea. L infrastruttura è raggiungibile dalla viabilità ordinaria, attraverso il cortile dell Istituto Scolastico. Pagina 6 di 13

7 A WIND L Infrastruttura A5 è installata su proprietà comunale, ai margini del Centro sportivo, nella immediata periferia a nord-est del Capoluogo, su un palo metallico poligonale autoportante, dotato di piattaforma (ballatoio) sommitale. Le antenne sono installate in aderenza al palo e sono raggiungibili tramite scala posta sempre in recinzione metallica circondata da cortina arborea. L infrastruttura è raggiungibile dalla viabilità ordinaria, attraverso il parcheggio del Centro sportivo. A TIM (ora TELECOM) + VODAFONE L Infrastruttura A6 è installata su proprietà comunale, ai margini dellla viabilità ordinaria, nella zona industriale posta a ovest del Capoluogo, su un palo metallico poligonale autoportante, privo di piattaforma (ballatoio). Le antenne sono installate in aderenza al palo, raggiungibili tramite scala posta sempre in recinzione metallica non circondata da cortina arborea. L infrastruttura è raggiungibile dalla viabilità ordinaria. Pagina 7 di 13

8 A TIM (ora TELECOM) + VODAFONE L Infrastruttura A7 è installata su proprietà comunale, ai margini del campo sportivo, nella periferia nord-est del Capoluogo, su un palo metallico poligonale autoportante, da 30 m di altezza, privo di piattaforma (ballatoio). Le antenne sono installate in aderenza, raggiungibili tramite scala posta sempre in recinzione metallica non circondata da cortina arborea. L infrastruttura è raggiungibile dalla viabilità ordinaria, attraverso breve tratto di strada interpoderale. A RFI L Infrastruttura A8 è installata all interno del sedime della ferrovia ed è posta in titolarità alla Rete Ferroviaria, su un palo metallico poligonale autoportante, privo di piattaforma (ballatoio). Le antenne sono installate in aderenza, raggiungibili tramite scala posta sempre in recinzione metallica non circondata da cortina arborea. L infrastruttura non è raggiungibile dalla viabilità ordinaria. Pagina 8 di 13

9 A H3G L Infrastruttura A9 è installata su proprietà comunale, ai margini del centro sportivo, nelle adiacenze del centro storico, lungo la direttrice della S.S. 13, su un palo metallico poligonale autoportante, privo di piattaforma (ballatoio) sommitale, però dotato di corona intermedia equipaggiata con corpi illuminanti. Le antenne sono installate in aderenza al palo e sono raggiungibili tramite scala posta sempre in recinzione metallica, in parte circondata da cortina arborea. L infrastruttura è raggiungibile dalla viabilità ordinaria. A H3G + VODAFONE L Infrastruttura A10 è installata su proprietà comunale, ai margini del Centro sportivo, nella immediata periferia a sud-est del Capoluogo, su un palo metallico poligonale autoportante, privo di piattaforma (ballatoio) sommitale, però dotato di corona intermedia equipaggiata con corpi illuminanti. Le antenne sono installate in aderenza al palo e sono raggiungibili tramite scala posta sempre in aderenza, con annesso montante portacavi.di risalita. Alla base del palo è ubicata la struttura di contenimento degli apparati, tipo shelter metallico, prefabbricato, collegata al palo tramite rastrelliera portacavi. L Infrastruttura è dotata di recinzione metallica non circondata da cortina arborea. L infrastruttura è raggiungibile dalla viabilità ordinaria. Pagina 9 di 13

10 A H3G L Infrastruttura A11 è installata su proprietà comunale, ai margini del centro storico del Capoluogo, lungo la direttrice della S.S. 13, su un palo metallico poligonale autoportante, privo di piattaforma (ballatoio) sommitale, però dotato di corona intermedia equipaggiata con corpi illuminanti. Le antenne sono installate in aderenza al palo e sono raggiungibili tramite scala posta sempre in aderenza, con annesso montante portacavi.di risalita. Alla base del palo è ubicata la struttura di contenimento degli apparati, tipo shelter metallico, prefabbricato, collegata al palo tramite rastrelliera portacavi. L Infrastruttura è dotata di recinzione metallica circondata in parte da cortina arborea. L infrastruttura è raggiungibile dalla viabilità ordinaria. A H3G L Infrastruttura A12 è installata su proprietà comunale, ai margini del campo sportivo, nella periferia a nord-est del Capoluogo, su un palo metallico poligonale autoportante, privo di piattaforma (ballatoio) sommitale. Le antenne sono installate in aderenza al palo e sono raggiungibili tramite scala posta sempre in recinzione metallica sprovvista di cortina arborea. L infrastruttura è raggiungibile dalla viabilità ordinaria. Pagina 10 di 13

11 A TELECOM L Infrastruttura A13 rappresenta l unico esempio presente sul territorio del Comune di caratterizzazione architettonico-costruttiva della struttura portante. Infatti la stessa è composta da un traliccio leggero, a impronta triangolare, formato da sostegni cilindrici posti sui vertici di base, suddivisi in setti verticali controventati con cavi d acciaio, con le antenne contenute all interno del volume della struttura stessa, racchiuse entro un profilo sommitale contornato da vele tese tra i sostegni. L armadio di contenimento degli apparati, ubicato alla base entro un area recintata priva di piantumazione perimetrale, è collegato con l Infrastruttura attraverso una rastrelliera portacavi corrente quasi a livello del terreno. L Infrastruttura è raggiungibile dalla viabilità ordinaria attraverso le aree di contorno ai campi da gioco adiacenti. A VODAFONE L Infrastruttura A14 è installata su proprietà comunale, ai margini del Cimitero in località Cavolano, nella immediata periferia a sud del Capoluogo, su un palo metallico poligonale autoportante privo di piattaforma (ballatoio) sommitale. Le antenne sono installate in aderenza al palo, mascherate da un canotto cilindrico, e sono raggiungibili tramite scala posta sempre in aderenza, con annesso montante portacavi di risalita. Alla base del palo è ubicata la struttura di contenimento degli apparati, tipo prefabbricato, collegata al palo tramite rastrelliera portacavi. L Infrastruttura è dotata di recinzione metallica. L infrastruttura è raggiungibile dalla viabilità ordinaria. Pagina 11 di 13

12 A WIND L Infrastruttura A15 è installata su proprietà comunale, ai margini del centro sportivo di via Martiri Sfrisio, nelle adiacenze del centro storico, su un palo metallico poligonale autoportante, privo di piattaforma (ballatoio) sommitale, però dotato di corona intermedia equipaggiata con corpi illuminanti. Le antenne sono installate in aderenza al palo e sono raggiungibili tramite scala accostata fino al ballatoio e poi posta in risalita. L infrastruttura è raggiungibile dalla viabilità ordinaria. Aree di ricerca Sulle Planimetrie sono evidenziati i programmi di sviluppo delle reti presentati, sotto forma di Aree di ricerca, precedentemente alla redazione del Piano, dai Gestori. Alcuni Gestori hanno presentato le proprie Aree di ricerca negli anni precedenti ed in seguito non le hanno più modificate o ripresentate, nel mentre altri Gestori, nel presentarne di nuove, aggiornano anche le precedenti, seppur con limitate modifiche di posizionamento. Nel Piano sono riportate le Aree di ricerca aggiornate all ultima presentazione temporale. Considerazioni L infrastruttura A1, installata in zona industriale, presenta una tipologia costruttiva oramai inusuale, data, soprattutto, la presenza della piattaforma sommitale con le antenne poste perimetralmente alla stessa. L Infrastruttura A3, stante le sue dimensioni e la sua complessità compositiva, è indubbiamente quella a maggior impatto nel Centro del Capoluogo, con evidente disarmonia visiva rispetto all ambiente così come percepito nel contesto urbano circostante. La presenza delle antenne installate a sbraccio provoca squilibrio formale nell insieme architettonico-costruttivo. La stessa sarà oggetto della ricerca di uno specifico accordo tra l Amministrazione Comunale ed il Gestore, per la sua riqualificazione formale che ne riduca l impatto ambientale. Pagina 12 di 13

13 L Infrastruttura A4 sarà oggetto di una ricerca di un accordo tra l Amministrazione Comunale ed i Gestori che hanno manifestato interesse per una installazione in co-siting, per la riqualificazione formale e sostanziale dell insieme formato dalla piattaforma circolare e delle antenne installate perimetralmente alla stessa. L Infrastruttura A8 è una di quelle poste in titolarità alla Rete Ferroviaria, assieme ad altre due inserite nel catasto dell A.R.P.A. ma non riconoscibili nella forma nel contesto dell armamento e delle costruzioni ferroviarie esistenti. Una di queste due ultime Infrastrutture è inserita nel citato catasto con coordinate che la posizionano all esterno del sedime ferroviario, in zona dove, però, non esiste alcuna installazione specifica. L Infrastruttura A11 è attualmente in fase di rimozione, in quanto sono scaduti i termini concessori. Il sito sarà oggetto della ricerca di uno specifico accordo tra l Amministrazione Comunale ed il Gestore, per l installazione nello stesso di una nuova infrastruttura con composizione formale diversa, cui assegnare un valore aggiunto, a ridotto impatto ambientale. L Infrastruttura A13 rappresenta il modello di una possibile soluzione estetica da eventualmente replicare, anche in contesti diversi, all interno del territorio comunale. La ricerca di un accordo, che è indubbiamente intervenuto tra l Amministrazione ed il Gestore per la caratterizzazione sia formale sia compositiva della stessa, rappresenta il soddisfacimento di quanto espressamente previsto al proposito nelle Norme tecniche di attuazione allegate al Piano. Ottobre 2011 SINTPRO sinergie integrate professionali s.r.l. Il Professionista dott. ing. Deborah Costantini Il Referente per. ind. Luigi Costantini Pagina 13 di 13

COMUNI DEL MEDIO FRIULI CODROIPO. RELAZIONE DI ANALASI SULLO STATO DI FATTO (aggiornamento Maggio 2009)

COMUNI DEL MEDIO FRIULI CODROIPO. RELAZIONE DI ANALASI SULLO STATO DI FATTO (aggiornamento Maggio 2009) REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNI DEL MEDIO FRIULI CODROIPO Piano comunale di settore per la localizzazione degli Impianti fissi di telefonia mobile (L.R. n. 028 del 06 dicembre

Dettagli

CITTÁ DI CORDENONS. Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE

CITTÁ DI CORDENONS. Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENOBE CITTÁ DI CORDENONS Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile (L.R. n. 3 del 18 marzo 2011- Capo III) REGOLAMENTO COMUNALE PER

Dettagli

COMUNE DI GONARS. Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI GONARS. Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI GONARS Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile (L.R. n. 3 del 18 marzo 2011- Capo III) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

Dettagli

CITTA DI SACILE AGGIORNAMENTO. ACCORDI CON I GESTORI PROTOCOLLO D INTESA (Regolamento di attuazione, art. 9)

CITTA DI SACILE AGGIORNAMENTO. ACCORDI CON I GESTORI PROTOCOLLO D INTESA (Regolamento di attuazione, art. 9) REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE CITTA DI SACILE Piano comunale di settore per la localizzazione degli Impianti fissi di telefonia mobile (L.R. n. 028 del 06 dicembre 2004,

Dettagli

COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE Analisi radioelettrica relativa alla realizzazione del piano comunale di settore per la localizzazione delle stazioni radio base nel Comune

Dettagli

ANALISI TERRITORIALE E PAESAGGISTICA SCHEDE VALUTAZIONE DELLA LOCALIZZAZIONE E DELLE CONDIZIONI VISUALI-PERCETTIVE.

ANALISI TERRITORIALE E PAESAGGISTICA SCHEDE VALUTAZIONE DELLA LOCALIZZAZIONE E DELLE CONDIZIONI VISUALI-PERCETTIVE. Comune di: AMARO ID struttura: 9 DATI GENERALI UBICAZIONE Comune: AMARO Posizione: A23 CAMPIOLO LATO UD VS IT - SITO GA Coordinate UTM x: 357929.6 y: 5139226.2 Quota slm (m): 280 GESTORE Denominazione:

Dettagli

ANALISI TERRITORIALE E PAESAGGISTICA SCHEDE VALUTAZIONE DELLA LOCALIZZAZIONE E DELLE CONDIZIONI VISUALI-PERCETTIVE. Comune di: TOLMEZZO

ANALISI TERRITORIALE E PAESAGGISTICA SCHEDE VALUTAZIONE DELLA LOCALIZZAZIONE E DELLE CONDIZIONI VISUALI-PERCETTIVE. Comune di: TOLMEZZO Comune di: TOLMEZZO ID struttura: 73 DATI GENERALI UBICAZIONE Comune: TOLMEZZO Posizione: VIA VAL DI GORTO centrale Enel Coordinate UTM x: 347380.8 y: 5139980.5 Quota slm (m): 309 GESTORE Denominazione:

Dettagli

ANALISI TERRITORIALE E PAESAGGISTICA SCHEDE VALUTAZIONE DELLA LOCALIZZAZIONE E DELLE CONDIZIONI VISUALI-PERCETTIVE.

ANALISI TERRITORIALE E PAESAGGISTICA SCHEDE VALUTAZIONE DELLA LOCALIZZAZIONE E DELLE CONDIZIONI VISUALI-PERCETTIVE. Comune di: SUTRIO DATI GENERALI UBICAZIONE Comune: SUTRIO Posizione: MONTE ZONCOLAN Coordinate UTM x: 341222.8 y: 5152335.0 Quota slm (m): 1720 GESTORE Denominazione: WIND id sito (Arpa): 3970 Data parere:

Dettagli

COMUNE DI GONARS. Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI GONARS. Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI GONARS Disciplina in materia di impianti per la telefonia mobile (L.R. n. 3 del 18 marzo 2011- Capo III) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA

Dettagli

Vodafone Omnitel B.V. Telecom Italia S.P.A.

Vodafone Omnitel B.V. Telecom Italia S.P.A. COMUNE DI VIGODARZERE PROVINCIA DI PADOVA Vodafone Omnitel B.V. Telecom Italia S.P.A. PROGETTO DI MODIFICA DI UN IMPIANTO FISSO DI TELEFONIA MOBILE ESISTENTE PER L INSTALLAZIONE DI UN IMPIANTO DI NUOVO

Dettagli

PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER TELEFONIA MOBILE

PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER TELEFONIA MOBILE REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MALBORGHETTO VALBRUNA PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER TELEFONIA MOBILE (L.R. 28 del 6 dicembre 2004) ELABORATO

Dettagli

Piano di settore per la localizzazione degli impianti della telefonia mobile (L.R. 28 del 6 dicembre 2004) [Norme tecniche d attuazione]

Piano di settore per la localizzazione degli impianti della telefonia mobile (L.R. 28 del 6 dicembre 2004) [Norme tecniche d attuazione] Comune di Ronchi dei Legionari Piano di settore per la localizzazione degli impianti della telefonia mobile (L.R. 28 del 6 dicembre 2004) [Norme tecniche d attuazione] Art. 1 Oggetto e contenuti del Piano

Dettagli

PROGETTO DI RICONFIGURAZIONE INFRASTRUTTURA DI STAZIONE RADIO PER RETI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICHE MOBILI LTE800/GSM900/U900/DCS1800/U2100/LTE2600

PROGETTO DI RICONFIGURAZIONE INFRASTRUTTURA DI STAZIONE RADIO PER RETI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICHE MOBILI LTE800/GSM900/U900/DCS1800/U2100/LTE2600 Provincia di Padova Comune di Cadoneghe PROGETTO DI RICONFIGURAZIONE INFRASTRUTTURA DI STAZIONE RADIO PER RETI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICHE MOBILI LTE800/GSM900/U900/DCS1800/U2100/LTE2600 Codice sito

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE LINEE GUIDA TESTO IN BOZZA PRESENTATO AL TAVOLO

PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE LINEE GUIDA TESTO IN BOZZA PRESENTATO AL TAVOLO . COMUNE DI BOLOGNA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE LINEE GUIDA TESTO IN BOZZA PRESENTATO AL TAVOLO DI PROGRAMMAZIONE PARTECIPATA Pagina 1 Capo 1 : lineamenti generali Art. 1. - Obiettivi

Dettagli

CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI

CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI COMUNE DI VIAREGGIO Area Assetto e Gestione del Territorio Ufficio Urbanistica - Ambiente Programma Comunale degli impianti (art. 9 della L.R. 49/11) CRITERI di LOCALIZZAZIONE degli IMPIANTI Viareggio,

Dettagli

Allegato C. Relazione Tecnica RT_005_12_P_02. Piani di Sviluppo. CO_005_10_P del 02/02/2012

Allegato C. Relazione Tecnica RT_005_12_P_02. Piani di Sviluppo. CO_005_10_P del 02/02/2012 Relazione Tecnica Piani di Sviluppo Comune di Tarcento CLIENTE: COMMESSA: CO_005_10_P del 02/02/2012 NORME DI RIFERIMENTO: Non Applicabile E vietata la riproduzione parziale del presente documento senza

Dettagli

ANALISI TERRITORIALE E PAESAGGISTICA SCHEDE VALUTAZIONE DELLA LOCALIZZAZIONE E DELLE CONDIZIONI VISUALI-PERCETTIVE. Comune di: VERZEGNIS

ANALISI TERRITORIALE E PAESAGGISTICA SCHEDE VALUTAZIONE DELLA LOCALIZZAZIONE E DELLE CONDIZIONI VISUALI-PERCETTIVE. Comune di: VERZEGNIS Comune di: VERZEGNIS ID struttura: 87 DATI GENERALI UBICAZIONE Comune: VERZEGNIS Posizione: VIA BELVEDERE Coordinate UTM x: 344339.0 y: 5138872.0 Quota slm (m): 563 GESTORE Denominazione: TELECOM ITALIA

Dettagli

COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE SCHEDE LOCALIZZAZIONI DI PROGETTO

COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE SCHEDE LOCALIZZAZIONI DI PROGETTO COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE SCHEDE LOCALIZZAZIONI DI PROGETTO dott. arch Lucia Sirocco aspetti urbanistico ambientali dott. Moreno Comelli aspetti radioelettrici SCHEDA

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI SAN DANIELE DEL FRIULI PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE (L.R. 6 dicembre 2004, n. 28)

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI VALUTAZIONE. per PIANO GENERALE DI LOCALIZZAZIONE. delle STAZIONI RADIO BASE

RELAZIONE TECNICA DI VALUTAZIONE. per PIANO GENERALE DI LOCALIZZAZIONE. delle STAZIONI RADIO BASE RELAZIONE TECNICA DI VALUTAZIONE per PIANO GENERALE DI LOCALIZZAZIONE delle STAZIONI RADIO BASE Città di MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza Revisione Data Descrizione - Variazioni R0 BOZZA - 25 mag

Dettagli

TELECOM ITALIA S.P.A. VODAFONE OMNITEL B.V.

TELECOM ITALIA S.P.A. VODAFONE OMNITEL B.V. COMUNE DI CADONEGHE PROVINCIA DI PADOVA TELECOM ITALIA S.P.A. VODAFONE OMNITEL B.V. PROGETTO ARCHITETTONICO PROGETTO PER LA MODIFICA DI UN IMPIANTO FISSO DI TELEFONIA MOBILE ESISTENTE PER L INSTALLAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE

COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE COMUNE DI MANCIANO Provincia di Grosseto REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Premessa Il presente schema di Regolamento verrà sottoposto all approvazione del Consiglio Comunale,

Dettagli

Art. 1 - Riferimenti normativi... 2. Art. 2 - Obiettivi generali del Regolamento... 2. Art. 3 - Definizioni... 3

Art. 1 - Riferimenti normativi... 2. Art. 2 - Obiettivi generali del Regolamento... 2. Art. 3 - Definizioni... 3 INDICE Art. 1 - Riferimenti normativi... 2 Art. 2 - Obiettivi generali del Regolamento... 2 Art. 3 - Definizioni... 3 Art. 4 - Individuazione cartografica degli impianti... 3 Art. 5 - Modalità di attuazione

Dettagli

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI RAGOGNA

REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI RAGOGNA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI RAGOGNA PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE (L.R. 6 dicembre 2004, n. 28) Aggiornato con

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE. Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE. Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI DI RADIOCOMUNICAZIONE Approvato con delibera C.C. n. 47 dell 11.6.2002 Art. 1 FINALITA E OBIETTIVI DEL REGOLAMENTO. 1. Con il presente regolamento, con riferimento

Dettagli

PP01 CADONEGHE Z.I. PROGETTO

PP01 CADONEGHE Z.I. PROGETTO Provincia di PADOVA Comune di CADONEGHE PP01 CADONEGHE Z.I. UBICAZIONE : DATI CATASTALI : VIA EINSTEIN C. C. CADONEGHE FOGLIO 1, PART. 1255 PROGETTO RICHIEDENTE: TELECOM ITALIA S.p.A. Piazza Affari, 2

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DELLE AREE DEFINITE DALLA DELIBERAZIONE N. 7/7351 DELLA GIUNTA REGIONALE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. 11/2001 nel comune di Figino Serenza

IDENTIFICAZIONE DELLE AREE DEFINITE DALLA DELIBERAZIONE N. 7/7351 DELLA GIUNTA REGIONALE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. 11/2001 nel comune di Figino Serenza Pag.1 IDENTIFICAZIONE DELLE AREE DEFINITE DALLA DELIBERAZIONE N. 7/7351 DELLA GIUNTA REGIONALE IN ATTUAZIONE DELLA L.R. 11/2001 nel comune di Figino Serenza Committente Comune di Figino Serenza Data e

Dettagli

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA STAZIONE PER LA TELEFONIA MOBILE. Nome sito: CADONEGHE EST Codice sito: PDE2

PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA STAZIONE PER LA TELEFONIA MOBILE. Nome sito: CADONEGHE EST Codice sito: PDE2 PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UNA STAZIONE PER LA TELEFONIA MOBILE Nome sito: CADONEGHE EST Codice sito: PDE2 Comune: Cadoneghe Provincia: Padova Data: Dicembre 2012 PROGETTAZIONE: Sede legale, operativa

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2011 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale ARPAM di Ancona La rete di monitoraggio Il Comune

Dettagli

PROGETTO ARCHITETTONICO

PROGETTO ARCHITETTONICO REGIONE LIGURIA PROVINCIA DI SAVONA COMUNE DI ALBISSOLA MARINA PROGETTO ARCHITETTONICO Oggetto: Nuova stazione radio base di Telecom Italia S.p.A. e adeguamento tecnologico di stazione radio base di Vodafone

Dettagli

La presente Variante V2R0 interessa prevalentemente il tracciato di nuova costruzione e consiste sostanzialmente in:

La presente Variante V2R0 interessa prevalentemente il tracciato di nuova costruzione e consiste sostanzialmente in: Premessa Il presente studio interessa la Variante V2R0 - maggio 2010 del progetto preliminare delle tratte di completamento nel territorio della Provincia di Trento, inserite nel progetto di potenziamento

Dettagli

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano

UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano UTOE 16 Barbaricina Via Andrea Pisano QUADRO CONOSCITIVO LOCALIZZATO Indice Inquadramento territoriale, descrizione e contestualizzazione...2 Pericolosità idraulica, acque superficiali e depurazione...7

Dettagli

REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE. Comune di Arco PROVINCIA DI TRENTO. Redazione: Ambiente Via dell Artigianato, 20 30030 Tombelle di Vigonovo (VE)

REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE. Comune di Arco PROVINCIA DI TRENTO. Redazione: Ambiente Via dell Artigianato, 20 30030 Tombelle di Vigonovo (VE) REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE Comune di Arco PROVINCIA DI TRENTO SETTEMBRE 2011 PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DELLE INFRASTRUTTURE PER TELEFONIA MOBILE, I PONTI RADIO E GLI IMPIANTI DVB-H

Dettagli

Piano di sviluppo della rete Vodafone del Comune di FOLLONICA

Piano di sviluppo della rete Vodafone del Comune di FOLLONICA ROMA, 10/20/2014 Spett.le Comune di Follonica Largo Cavallotti, 1 58022 Follonica (GR) Piano di sviluppo della rete Vodafone del Comune di (ai sensi dell art. 9, comma 2 della LR n. 49/2011) Vodafone Omnitel

Dettagli

Variante al Piano di Localizzazione degli Impianti di Telefonia Mobile del Comune di Prato

Variante al Piano di Localizzazione degli Impianti di Telefonia Mobile del Comune di Prato ASSESSORATO ALL AMBIENTE Servizio Ambiente e Qualità luoghi di lavoro Variante al Piano di Localizzazione degli Impianti di Telefonia Mobile del Comune di Prato NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Febbraio 2014

Dettagli

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi

Data 21.7. 11. il Dirigente del settore Patrimonio, Ambiente Valorizzazione Risorse Culturali Arch. Marco Terenghi Relazione di stima del valore del complesso immobiliare sito in fregio alle vie G. Matteotti, N. Sauro, Como, in Lissone distinto al catasto al Fg. 15 Mapp. 23 Data 21.7. 11 il Dirigente del settore Patrimonio,

Dettagli

SITE ACQUISITION REPORT (SAR) TIPOLOGIA DI SITO: ROOF TOP

SITE ACQUISITION REPORT (SAR) TIPOLOGIA DI SITO: ROOF TOP SITE ACQUISITION REPORT (SAR) TIPOLOGIA DI SITO: ROOF TOP Site ID : ROMA 011 VE Nome del Sito : PALAZZO COMUNALE Posizione del sito & contatti Site ID: ROMA 011 VE Nome del candidato: Palazzo comunale

Dettagli

COMUNE DI MONZA SETTORE AMBIENTE E QUALITÀ URBANA Ufficio Ecologia

COMUNE DI MONZA SETTORE AMBIENTE E QUALITÀ URBANA Ufficio Ecologia COMUNE DI MONZA SETTORE AMBIENTE E QUALITÀ URBANA Ufficio Ecologia REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DI IMPIANTI DI TELECOMUNICAZIONE A TECNOLOGIA CELLULARE E PER LA RADIODIFFUSIONE

Dettagli

Impianto tecnologico a servizio della rete di telefonia cellulare

Impianto tecnologico a servizio della rete di telefonia cellulare Impianto tecnologico a servizio della rete di telefonia cellulare Progetto Architettonico Regione Provincia Comune Sito H3G Indirizzo Liguria Genova Santa Margherita Ligure (GE) GE529 Santa Margherita

Dettagli

Comune di Duino Aurisina - PLITM

Comune di Duino Aurisina - PLITM Comune di Dui Aurina - PLITM Cenmento SRB estenti indice n 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 indirizzo proprietà to stato co-ting 13 Aurina cave 12 TIM 14 Dui TIM 15 Dui (bowling)

Dettagli

Comune di Albano Laziale ( Roma )

Comune di Albano Laziale ( Roma ) Comune di Albano Laziale ( Roma ) Relazione sull attuazione del Progetto P.R.A.E.E.T. per lo studio relativo alle Aree Preferenziali per Stazioni Radio Base di Telefonia Mobile. Premessa Il progetto P.R.A.E.E.T.

Dettagli

COMUNE DI CARTOCETO Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI CARTOCETO Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI CARTOCETO Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con delibera di C.C. n 31 del 03.06.2013 Redazione a cura del

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D Ai sensi art. 65 L.R. 1/2005 s.m.i. Corte Malgiacca COMUNE DI CAPANNORI Provincia di Lucca FRAZIONE DI GRAGNANO LOC. DETTA CORTE MALGIACCA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE DEL PIANO ALLEGATO D INTERVENTO DI

Dettagli

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI

COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE (L.R. 6 dicembre 2004, n. 28)

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE DEL PROGETTO PRELIMINARE PER LA REALIZZAZIONE DEL CIMITERO DEGLI ANIMALI D'AFFEZIONE E CONSEGUENTE ADOZIONE DELLA VARIANTE N. 86 AL P.R.G.C. IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che: -

Dettagli

Regolamento comunale per la telefonia mobile

Regolamento comunale per la telefonia mobile COMUNE DI UDINE Regolamento comunale per la telefonia mobile Approvato con Delibera consiliare n. 74 d ord. del 4 novembre 2013 Capo I Capo I...3 ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE...3 ART. 2 FINALITÀ E OBIETTIVI

Dettagli

SCUOLA ELEMENTARE E. DE AMICIS Viale della Libertà n.21,23,25 Forlì RELAZIONE GENERALE 1. INTRODUZIONE

SCUOLA ELEMENTARE E. DE AMICIS Viale della Libertà n.21,23,25 Forlì RELAZIONE GENERALE 1. INTRODUZIONE Il presente stralcio di relazione vuole essere di ausilio ai tecnici interessati alle verifiche tecniche, denominate anche valutazioni di sicurezza, da eseguire in conformità alle indicazioni definite

Dettagli

Studio di fattibilità per la riduzione dell impatto estetico ambientale e riduzione dell inquinamento elettromagnetico

Studio di fattibilità per la riduzione dell impatto estetico ambientale e riduzione dell inquinamento elettromagnetico Provincia di Bari Studio di fattibilità per la riduzione dell impatto estetico ambientale e riduzione dell inquinamento LA PRESENTE RELAZIONE È COMPOSTA DA N.16 PAGINE E N 4 ALLEGATI. SERVIZIO POLITICHE

Dettagli

PIANO TERRITORIALE PER L'INSTALLAZIONE DI STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA MOBILE NEL COMUNE DI BELLUNO Presentazione Preliminare 11 gennaio 05

PIANO TERRITORIALE PER L'INSTALLAZIONE DI STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA MOBILE NEL COMUNE DI BELLUNO Presentazione Preliminare 11 gennaio 05 PIANO TERRITORIALE PER L'INSTALLAZIONE DI STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA MOBILE NEL COMUNE DI BELLUNO Presentazione Preliminare 11 gennaio 05 DESCRIZIONE PARTICOLAREGGIATA DELLE SCELTE Lo studio

Dettagli

Comune di Pisa. Provincia di Pisa. Parcheggio di interscambio Pisa Sud Aurelia e viabilità di collegamento.

Comune di Pisa. Provincia di Pisa. Parcheggio di interscambio Pisa Sud Aurelia e viabilità di collegamento. Comune di Pisa Provincia di Pisa PROGETTO: Parcheggio di interscambio Pisa Sud Aurelia e viabilità di collegamento. COMMITTENTE: PROGETTISTA: Ing. Alessandro Fiorindi Ordine Ingegneri Pisa - 1066 PISAMO

Dettagli

N. del APPROVAZIONE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DELLE STAZIONI RADIOTELEVISIVE - ANNO 2013.

N. del APPROVAZIONE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DELLE STAZIONI RADIOTELEVISIVE - ANNO 2013. N. del OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO DI LOCALIZZAZIONE DELLE STAZIONI RADIO BASE PER LA TELEFONIA CELLULARE E DELLE STAZIONI RADIOTELEVISIVE - ANNO 2013. PROPOSTA DI DELIBERA Premesso: - che la Legge 28

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI INFRASTRUTTURE PER IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE. Indice :

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI INFRASTRUTTURE PER IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE. Indice : REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE DI INFRASTRUTTURE PER IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE Indice : titolo I Art. 1 Art. 2 titolo II Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 titolo III Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11

Dettagli

CITTÀ DI MORBEGNO (Prov. di Sondrio) Via S. Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO)

CITTÀ DI MORBEGNO (Prov. di Sondrio) Via S. Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO) CITTÀ DI MORBEGNO (Prov. di Sondrio) Via S. Pietro, 22-23017 MORBEGNO (SO) REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI

Dettagli

PERIZIA TECNICA DI STIMA

PERIZIA TECNICA DI STIMA Provincia di Alessandria DIPARTIMENTO AMBIENTE TERRITORIO E INFRASTRUTTURE DIREZIONE EDILIZIA - TRASPORTI UFFICIO TECNICO EDILIZIA PERIZIA TECNICA DI STIMA Ex Casa Cantoniera Lungo la ex S.S. n 35 dei

Dettagli

L INTERPORTO DI BERGAMO MONTELLO

L INTERPORTO DI BERGAMO MONTELLO LOMBARDIA Situato a est di Bergamo, l'interporto di Montello si pone come il punto di riferimento per potenzialità, posizione e rete infrastrutturale del bacino produttivo a nord est di Milano e della

Dettagli

I N T E G R A S. R. L. Via Lecco, 5/E - 22036 Erba (CO) - ITALY Tel: +39-031 3338884 Tel: +39-031 3334934 P.I. 02608090136 N CCIAA 269444

I N T E G R A S. R. L. Via Lecco, 5/E - 22036 Erba (CO) - ITALY Tel: +39-031 3338884 Tel: +39-031 3334934 P.I. 02608090136 N CCIAA 269444 I N T E G R A S. R. L. Via Lecco, 5/E - 22036 Erba (CO) - ITALY Tel: +39-031 3338884 Tel: +39-031 3334934 P.I. 02608090136 N CCIAA 269444 Sistema di Qualità Certificato secondo la Norma UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

Comune di CASORIA Analisi dei dati acquisiti nell ambito del progetto

Comune di CASORIA Analisi dei dati acquisiti nell ambito del progetto Comune di CASORIA Analisi dei dati acquisiti nell ambito del progetto Coordinatore Dott. Carlo Di Giovanni Responsabile Scientifico Prof. Rita Massa Collaboratori Sig. Roberto Cuccaro Ing. Loreto Di Donato

Dettagli

MISURE DI CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA. Comune di: Pianoro (BO)

MISURE DI CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA. Comune di: Pianoro (BO) Sezione provinciale di Bologna Servizio Sistemi Ambientali Allegato 1: Verbale di Accertamento MISURE DI CAMPI ELETTROMAGNETICI A RADIOFREQUENZA Comune di: Pianoro (BO) Siti di misura: Via Padre Marella,

Dettagli

PIANO DELLA TELEFONIA MOBILE INDIVIDUAZIONE NUOVI SITI (VALSAT)

PIANO DELLA TELEFONIA MOBILE INDIVIDUAZIONE NUOVI SITI (VALSAT) Associazione Intercomunale Reno - Galliera Comuni di Argelato, Bentivoglio, Castello D Argile, Castel Maggiore, Galliera, Pieve di Cento, San Giorgio in Piano, San Pietro in Casale. (Provincia di Bologna)

Dettagli

Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI

Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Ambito AC 11a 1. CARATTERI FISICI E CONDIZIONI AMBIENTALI Localizzazione: l ambito AC 11a è parte del settore S. Prospero che si trova a circa 2 chilometri a est dalla città in direzione Reggio Emilia.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI ARENZANO Provincia di Genova REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 22 del 26/02/2015 Indice Art. 1 Oggetto e norme

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO ESAME DI STATO ABILITAZIONE PROFESSIONE DI ARCHITETTO SECONDA SESSIONE 2014 SEZIONE A LAUREA SPECIALISTICA E LAUREA MAGISTRALE

POLITECNICO DI MILANO ESAME DI STATO ABILITAZIONE PROFESSIONE DI ARCHITETTO SECONDA SESSIONE 2014 SEZIONE A LAUREA SPECIALISTICA E LAUREA MAGISTRALE POLITECNICO DI MILANO ESAME DI STATO ABILITAZIONE PROFESSIONE DI ARCHITETTO SECONDA SESSIONE 2014 SEZIONE A LAUREA SPECIALISTICA E LAUREA MAGISTRALE SETTORE A ARCHITETTURA PROVA PRATICA E PRIMA PROVA SCRITTA

Dettagli

MOVICENTRO DI MONDOVI

MOVICENTRO DI MONDOVI PREMESSA I problemi dell accessibilità sono stati, a Mondovì come altrove, causa principale del declino del centro storico, e l invasività dei veicoli privati ha prodotto modifiche consistenti nel paesaggio

Dettagli

Ristrutturazione del campo da rugby Luciano Denti Ipotesi di fattibilità

Ristrutturazione del campo da rugby Luciano Denti Ipotesi di fattibilità SERVIZIO DECENTRAMENTO U.O. Circoscrizione Est Centro Civico: via Alcide de Gasperi, 67 59100 Prato Tel 0574.52701 Fax 0574.183.7305 circoscrizione.est@comune.prato.it Posta certificata: comune.prato@postacert.toscana.it

Dettagli

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA PROVINCIA DI ANCONA

COMUNE DI SANTA MARIA NUOVA PROVINCIA DI ANCONA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL CORRETTO INSEDIAMENTO DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E PIANO DI LOCALIZZAZIONE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n.59 del 05/10/2012 Il Segretario Comunale Il

Dettagli

COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE dott. arch Lucia Sirocco aspetti urbanistico ambientali dott Moreno Comelli aspetti radioelettrici NORME DI

Dettagli

GLOSSARIO Ampère (A): unità di misura dell intensità di corrente. In un conduttore elettrico passa la corrente di 1 Ampère quando attraverso una sua sezione trasversale passa una carica pari a 1 Coulo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA

RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA PERMESSO DI COSTRUIRE CONVENZIONATO CON PIANO DI RECUPERO RELAZIONE TECNICA E VALUTAZIONE PAESAGGISTICA Ristrutturazione edilizia con cambio di destinazione d uso e recupero del sottotetto Fabbricato sito

Dettagli

Il Tavolo di Programmazione Partecipata della telefonia mobile del Comune di Bologna

Il Tavolo di Programmazione Partecipata della telefonia mobile del Comune di Bologna Il Tavolo di Programmazione Partecipata della telefonia mobile del Comune di Bologna www.comune.bologna.it/primopiano/telefonia Giuseppe Paruolo Assessore a Salute e Comunicazione assessoresalute@comune.bologna.it

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE

PROGETTO PRELIMINARE 17/04/2009 1 PROGETTO PRELIMINARE D. Lgs. 163/2006; DM 05.11.2001 Tavola E.3 del Progetto Preliminare delle Opere di Urbanizzazione -Strada di circa 900 m con andamento Nord Sud, parallela a Via Unità

Dettagli

ELETTRODOTTI E DI IMPIANTI RADIOELETTRICI...8

ELETTRODOTTI E DI IMPIANTI RADIOELETTRICI...8 1. SOMMARIO 1. SOMMARIO...2 2. INTRODUZIONE...3 3. RIFERIMENTI NORMATIVI...3 4. INDIVIDUAZIONE DELLE AREE SENSIBILI...4 4.1 APPROCCIO METODOLOGICO...4 4.2 AREE SENSIBILI INDIVIDUATE...5 5. AREE SENSIBILI

Dettagli

VARIANTE 85 AL VIGENTE PRGC

VARIANTE 85 AL VIGENTE PRGC Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia Provincia di Udine Comune di Cervignano del Friuli VARIANTE N. 85 AL VIGENTE PRGC VARIANTE 85 AL VIGENTE PRGC Oggetto : - Relazione Tecnica e Grafici Responsabile

Dettagli

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura 01/06/2007 dei Campi Elettromagnetici 1 Normativa tecnica di riferimento Guida CEI 211-10: Guida

Dettagli

RELAZIONE TECNICA CAMPAGNA DI MISURA DI CAMPO ELETTROMAGNETICO. Comune di Bassano del Grappa (VI)

RELAZIONE TECNICA CAMPAGNA DI MISURA DI CAMPO ELETTROMAGNETICO. Comune di Bassano del Grappa (VI) Ing. Gian Luca Passarini Via Daniele Manin, 20 36061 Bassano del Grappa RELAZIONE TECNICA CAMPAGNA DI MISURA DI CAMPO ELETTROMAGNETICO Comune di Bassano del Grappa Caratteristiche della campagna di misura

Dettagli

CITTÀ DI SIRACUSA SETTORE PIANIFICAZIONE ED EDILIZIA PRIVATA Servizio Decoro Urbano

CITTÀ DI SIRACUSA SETTORE PIANIFICAZIONE ED EDILIZIA PRIVATA Servizio Decoro Urbano S. P. CITTÀ DI SIRACUSA SETTORE PIANIFICAZIONE ED EDILIZIA PRIVATA Servizio Decoro Urbano Q. S. AGGIORNAMENTO DEL PIANO ATTUATIVO PER LA LOCALIZZAZIONE DELLE SRB PER LA TELEFONIA MOBILE E DEGLI IMPIANTI

Dettagli

COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE, IL MONITORAGGIO E LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE CELLULARE E PER LA TUTELA DAI CAMPI

Dettagli

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni Empoli Centrale numero di treni e passeggeri giornalieri feriali sabato domenica 198 189 124 6.961 4.580 3.315 Localizzazione La stazione di Empoli ha una posizione molto centrale, a poca distanza dal

Dettagli

ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento gli impianti per telefonia mobile.

ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento gli impianti per telefonia mobile. REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNATICI SUL TERRITORIO COMUNALE ART.1-OGGETTO Sono oggetto del presente Regolamento

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE C O M U N E D I E M P O L I SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE S E R V I Z I O U R B A N I S T I C A SETTORE AMBIENTE, SICUREZZA E ATTIVITA PRODUTTIVE S E R V I Z I O A M B I E N T E, S I C U R E Z Z

Dettagli

SITE ACQUISITION REPORT (SAR) TIPOLOGIA DI SITO: RAW LAND

SITE ACQUISITION REPORT (SAR) TIPOLOGIA DI SITO: RAW LAND SITE ACQUISITION REPORT (SAR) TIPOLOGIA DI SITO: RAW LAND Site ID : ROMA 003 VE Nome del Sito : CIMITERO Posizione del sito & contatti Site ID: ROMA 003 VE Nome del candidato: Cimitero Coordinate della

Dettagli

TELECOM ITALIA. Progettazione Impianti di telefonia Cellulare - Stazioni Radio Base PD94 VIGODARZERE

TELECOM ITALIA. Progettazione Impianti di telefonia Cellulare - Stazioni Radio Base PD94 VIGODARZERE TELECOM ITALIA Progettazione Impianti di telefonia Cellulare - Stazioni Radio Base Comune Vigodarzere (PD) Sito PD94 VIGODARZERE Ubicazione Lungoargine Muson Rif. Catastali foglio n 20 mapp. n 2495 Proprietario

Dettagli

COMUNE DI SACILE Provincia di Pordenone

COMUNE DI SACILE Provincia di Pordenone COMUNE DI SACILE SCHEDA DI RILEVAMENTO E DI NORMATIVA Frazione: San Giovanni del Tempio Via: Strada Pedrada nn. 23-25 QUADRANTE n. III UNITA EDILIZIA n. 12 Zona Territoriale Omogenea dal P.R.G.C. vigente:

Dettagli

Piano Comunale di Settore per la Localizzazione degli Impianti fissi per la Telefonia Mobile

Piano Comunale di Settore per la Localizzazione degli Impianti fissi per la Telefonia Mobile Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia Provincia di Udine COMUNE DI PAVIA DI UDINE Piano Comunale di Settore per la Localizzazione degli Impianti fissi per la Telefonia Mobile Rapporto di verifica di assoggettabilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ATTIVAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ATTIVAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE COMUNE DI MARANELLO Provincia di Modena REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L ATTIVAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE MAGGIO 2007 adottato con delibera di Consiglio Comunale nr. -32 del 22/05/2007

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA LOCALIZAZZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E DI TELECOMUNICAZIONI RADIO TELEVISIVE, NONCHE

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA LOCALIZAZZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E DI TELECOMUNICAZIONI RADIO TELEVISIVE, NONCHE REGOLAMENTO RELATIVO ALLA LOCALIZAZZIONE PER GLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE E DI TELECOMUNICAZIONI RADIO TELEVISIVE, NONCHE INSTALLAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLE STAZIONI RADIO BASE Pag. 1 di 10 Approvato

Dettagli

AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE DI SALTARA PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO - 2 STRALCIO

AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE DI SALTARA PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO - 2 STRALCIO COMUNE DI SALTARA PROVINCIA DI PESARO E URBINO AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE DI SALTARA PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO - 2 STRALCIO Committente: COMUNE DI SALTARA RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Pesaro,

Dettagli

Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare

Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare Regolamento comunale per l installazione, il monitoraggio, il controllo e la razionalizzazione degli impianti per la telefonia mobile cellulare CAPO 1 PREMESSA Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O CITTA DI GIUGLIANO IN CAMPANIA PROVINCIA DI NAPOLI R E G O L A M E N T O PER L INSTALLAZIONE DI CHIOSCHI SU SUOLO PUBBLICO Delibera di C.C. n.44 del 22/12/2010 1 NORME PER L INSTALLAZIONE DI CHIOSCHI SU

Dettagli

COMUNE DI CHIONS. PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE (ex L.R. 6 dicembre 2004, n.

COMUNE DI CHIONS. PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE (ex L.R. 6 dicembre 2004, n. REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI PORDENONE COMUNE DI CHIONS PIANO COMUNALE DI SETTORE PER LA LOCALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI DI TELEFONIA MOBILE (ex L.R. 6 dicembre 2004, n. 28) DIAGRAMMI

Dettagli

COMUNE DI FLAIBANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE. Data: REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE 12/09/2011

COMUNE DI FLAIBANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE. Data: REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE 12/09/2011 REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE Data: 12/09/2011 COMUNE DI FLAIBANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA TELEFONIA MOBILE l.r. 3/2011 Dott. Arch. Marcello Rollo Viale della Vittoria, 7

Dettagli

COMUNE DI: SCAFA RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI: SCAFA RELAZIONE TECNICA COMUNE DI: SCAFA PROVINCIA DI: PESCARA OGGETTO: Piano Scuole Abruzzo il Futuro in Sicurezza edificio scolastico c.so I Maggio Scuola Elementare. Intervento indicato al n.132 dell allegato al D.C.D. n.

Dettagli

Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono:

Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono: Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono: La realizzazione di un nuovo asse merci Vignale-Novara. Consente di potenziare il traffico merci da e per Domodossola-Luino e di liberare

Dettagli

Aggiornamento speditivo dello stato di attuazione delle aree di espansione produttiva in provincia di Piacenza per mezzo di immagini Ikonos-PAN.

Aggiornamento speditivo dello stato di attuazione delle aree di espansione produttiva in provincia di Piacenza per mezzo di immagini Ikonos-PAN. Amministrazione Provinciale di Piacenza Area Programmazione territoriale Infrastrutture Ambiente Ufficio Staff Supporto alla Pianificazione e alla Progettazione Via Garibaldi 50, 29100 PIACENZA, tel. 0523/7951

Dettagli

COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA

COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA COMPLETAMENTO DELLA A 12 LIVORNO CIVITAVECCHIA PROGETTO DEFINITIVO della tratta TARQUINIA CIVITAVECCHIA (LOTTO 6 A) SCHEDA TECNICA Premessa In anticipazione rispetto al progetto complessivo, e analogamente

Dettagli

Via Ildebrando Vivanti 148-00144 Roma Tel:0657302234 Fax: 0657289271 Cell:3471207819 E-mail : info@aeroambiente.com Sito: www.aeroambiente.

Via Ildebrando Vivanti 148-00144 Roma Tel:0657302234 Fax: 0657289271 Cell:3471207819 E-mail : info@aeroambiente.com Sito: www.aeroambiente. Via Ildebrando Vivanti 148-00144 Roma Tel:0657302234 Fax: 0657289271 Cell:3471207819 E-mail : info@aeroambiente.com Sito: www.aeroambiente.com Data relazione: 13/11/2007 AUTORE: Ing. Valerio Briotti Firma

Dettagli

COMUNE DI MARTELLAGO

COMUNE DI MARTELLAGO Regolamentazione per l'installazione delle stazioni radio base per telefonia mobile - Aggiornamento COMUNE DI MARTELLAGO PROVINCIA DI VENEZIA Piano di localizzazione per l installazione delle stazioni

Dettagli

SCIA pratica edilizia n 5/2014 prot. n 302 del 17/01/2014 SCIA pratica edilizia n 6/2014 prot. n 418 del 22/01/2014

SCIA pratica edilizia n 5/2014 prot. n 302 del 17/01/2014 SCIA pratica edilizia n 6/2014 prot. n 418 del 22/01/2014 Decreto Legislativo n 33/2013 art. 23, comma 1, lett. A) Elenchi Autorizzazioni o concessioni Provvedimenti dei dirigenti ANNO 2014 (dal 01/01/2014 al 31/12/2014) Servizio Ufficio Edilizia Privata Responsabile

Dettagli

Inquadramento macrourbanistico dell ambito d intervento

Inquadramento macrourbanistico dell ambito d intervento CITTA DI SESTO SAN GIOVANNI Piano Particolareggiato di Recupero del comprensorio Vulcano COMPARTO PRODUZIONE E RICERCA SUD Opere p di Urbanizzazione - Progetto g preliminare p 16 Maggio 2012 Inquadramento

Dettagli

DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Seconda sessione: DATI E INFORMAZIONI INERENTI I FATTORI DI PRESSIONI SULL AMBIENTE La banca dati impianti radio-telecomunicazioni ARPA Piemonte

Dettagli

safeladder scale Scala SAFELADDER con binario integrato a norma EN 353/1 SAL004 RHF014 SAL009

safeladder scale Scala SAFELADDER con binario integrato a norma EN 353/1 SAL004 RHF014 SAL009 safeladder scale Scala SAFELADDER con binario integrato a norma EN 353/1 La scala Safeladder è un sistema di protezione contro le cadute che integra ai montanti verticali della scala un binario e garantisce

Dettagli