UNIONE EUROPEA. Un area molto vasta di libero mercato, libera circolazione delle persone, dei lavoratori, delle aziende, delle merci e dei capitali.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIONE EUROPEA. Un area molto vasta di libero mercato, libera circolazione delle persone, dei lavoratori, delle aziende, delle merci e dei capitali."

Transcript

1 UNIONE EUROPEA Un area molto vasta di libero mercato, libera circolazione delle persone, dei lavoratori, delle aziende, delle merci e dei capitali. 1

2 2

3 SVIZZERA: UNICO CONFINE RIMASTO IN EUROPA LA SVIZZERA 3

4 RISCHIO ISOLAMENTO PER EVITARE IL RISCHIO DI ISOLAMENTO LA SVIZZERA HA SOTTOSCRITTO CON L UNIONE EUROPEA GLI ACCORDI BILATERALI 4

5 ACCORDI BILATERALI TRA SVIZZERA E UNIONE EUROPEA ACCORDI BILATERALI I: 1999 Sette accordi. Il principale: LIBERA CIRCOLAZIONE DELLE PERSONE ACCORDI BILATERALI II:

6 TAPPE LIBERA CIRCOLAZIONE PERSONE VECCHI STATI A magg. MEMBRI U.E. B magg. C NUOVI STATI MEMBRI U.E. D C A B C PRIORITA' LAVORATORI INDIGENI, CONTROLLO CONDIZIONI SALARIALI E LAVORO 5 ANNI DI CONTINGENTI CLAUSOLA PROTEZIONE SPECIALE SVIZZERA, SE AUMENTO ECCEZIONALE IMMIGRAZIONE D PRIORITA' LAVORATORI INDIGENI, CONTROLLO CONDIZIONI SALARIO E LAVORO, CONTINGENTI 6

7 LE NOVITA DA GIUGNO 2004 Le persone che esercitano un attività lavorativa (siano essi dipendenti o autonomi), hanno diritto alla libera circolazione, in Svizzera e in Italia o altri paesi europei 7

8 Frontaliero dipendente rilascio 5 anni di permesso, con contratto di lavoro della durata di almeno un anno rientro settimanale al domicilio nella zona di frontiera mobilità professionale: entro le zone di frontiera svizzere procedura: domanda presentata all Ufficio regionale degli stranieri competenti (URS), prima dell inizio dell attività 8

9 LAVORO INDIPENDENTE Chi sono i lavoratori indipendenti? I titolari o i soci di un impresa che intendono prestare il proprio lavoro in Svizzera per un periodo determinato di tempo Il cittadino italiano che desideri stabilirsi in Svizzera per esercitarvi un attività indipendente, riceve una carta di soggiorno della durata di almeno cinque anni. 9

10 LAVORATORI AUTONOMI FRONTALIERI Sono i lavoratori che esercitano un attività indipendente sul territorio di un altro paese e ritornano al luogo del proprio domicilio di norma ogni giorno o almeno una volta alla settimana. non hanno bisogno di una carta di soggiorno 10

11 PRESTAZIONE DI SERVIZI Un prestatore di servizi, comprese le società, gode del diritto di fornire sul territorio dell altro paese un servizio per un attività di durata non superiore a 90 giorni di lavoro effettivo per anno civile. 11

12 Fino a 90 giorni per anno civile non vige l obbligo del permesso, ma solo la notifica all UMOE 12

13 NOTIFICA ALL UMOE: con registrazione on-line (http://www.imes.admin.ch), oppure via fax, oppure per posta, da far pervenire all autorità cantonale competente. PER LE AZIENDE NEI SEGUENTI SETTORI: EDILIZIA, INGEGNERIA E RAMI ACCESSORI EDILIZIA RISTORAZIONE E LAVORI DI PULIZIA IN AZIENDE O A DOMICILIO SERVIZIO DI SORVEGLIANZA E SICUREZZA la notifica deve avvenire prima dell inizio del lavoro a partire dall 8 giorno per consulenti aziendali, analisti economici, controller o informatici,ecc. 13

14 LAVORATORI DISTACCATI IN SVIZZERA Chi sono i lavoratori dipendenti distaccati? Sono i lavoratori che vengono distaccati in Svizzera da una ditta con sede nell Unione Europea nel contesto di un rapporto di subordinazione al fine di fornire una prestazione di servizio (esecuzione di mandati o di contratti d appalto). 14

15 LAVORATORI DISTACCATI IN SVIZZERA Per i lavoratori distaccati la notifica deve avvenire al più tardi una settimana prima del previsto inizio dei lavori in Svizzera se in casi urgenti (riparazioni, infortuni, catastrofi naturali, ecc.) non è possibile osservare il termine di una settimana, la notifica deve comunque avvenire prima dell inizio dell attività 15

16 SUCCURSALE IN SVIZZERA Utile quando si superano i 90 giorni Ogni società estera può costituire in Svizzera una succursale, che deve richiedere l'iscrizione al Registro di commercio della propria ragione sociale Gli organi sociali sono quelli della società estera, ma il responsabile della gestione deve essere domiciliato in Svizzera. 16

17 VINCOLO SOCIALE garantire le stesse condizioni di vita, di occupazione e di lavoro di cui godono i cittadini nazionali 17

18 SVIZZERA: MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO Timore dumping sociale: Norme svizzere su salario e condizioni lavoro si applicano a stranieri che operano in Svizzera. Controlli (commissione tripartita, commissioni paritetiche, ispettorato lavoro) Severe sanzioni per inadempienze. 18

19 PSEUDO INDIPENDENTI Lavoratori indipendenti: non ricevono stipendio, ma fatturano il proprio lavoro Timore di abusi Richiesto fornire prova del proprio status di indipendenti A causa di pochi furbi si penalizzano veri indipendenti: esempio LEVABOLLI 19

20 DUBBI E DOMANDE Fornisco servizi in Svizzera per un massimo di 90 giorni lavorativi all anno. Mi serve un permesso di dimora? I prestatori di servizio possono soggiornare in Svizzera senza permesso durante tre mesi per anno civile. Esiste obbligo di notifica preliminare per chi opera oltre otto giorni per anno civile. Per attività settori edilizia e genio civile, alberghiera e ristorazione, pulizia, sorveglianza e sicurezza, obbligo di notifica dal primo giorno dell impiego indipendentemente dalla durata dello stesso. Per prestazioni superiori a 90 giorni, le competenti autorità decidono liberamente circa il rilascio del permesso. Queste prestazioni sottostanno all esame delle condizioni dal profilo del mercato del lavoro (priorità degli indigeni, controllo delle condizioni salariali e lavorative) nonché ai contingenti. (fonte Ufficio federale dell immigrazione, dell integrazione e dell emigrazione) 20

21 OPPORTUNITA O MINACCIA? GLI SVIZZERI SONO DIVISI SULLA RISPOSTA IN TICINO PREVALE IL TIMORE MOLTO DIPENDE ANCHE DA COME NOI ARTIGIANI DELLE AREE DI FRONTIERA GESTIREMO QUESTA FASE DI TRANSIZIONE VALORIZZARE COLLOCAZIONE STRATEGICA DELL INSUBRIA IN EUROPA 21

22 INSUBRIA: CUORE EUROPA PRODUTTIVA L intensità di attività economica di una zona geografica può essere stimata guardando le mappe di luminosità notturna della terra vista da satellite 22

23 Considerando lo sviluppo dei nuovi Paesi UE, l area economicame nte più dinamica dell Europa ha il cuore nell Insubria 23

24 VALORIZZARE LE OPPORTUNITA PUNTIAMO SUL RECIPROCO INTERESSE ALLA COLLABORAZIONE NON VOGLIAMO INVADERE IL TICINO, RAFFORZIAMO L INTEGRAZIONE ECONOMICA TRANSFRONTALIERA PER COMPETERE MEGLIO NEL MERCATO GLOBALE, PER PRIMEGGIARE IN EUROPA 24

25 PER ARTIGIANI AREA DI CONFINE NUOVE REGOLE ACCORDI BILATERALI NON UN OCCASIONE PER RUBARE LAVORO A ARTIGIANI E PICCOLE IMPRESE DEL TICINO, MA GRANDE OPPORTUNITA CREARE ALLEANZE PER FARE CRESCERE LE NOSTRE QUOTE DI MERCATO IN SVIZZERA, NON SOLO IN TICINO, IN LOMBARDIA E IN ITALIA IN EUROPA 25

26 PROGETTO P.L.A.T. PROMOZIONE LAVORO ARTIGIANO TRANSFRONTALIERO La congiuntura economica resta difficile. Utile reagire ricercando nuovi spazi di mercato. La vicina Svizzera rappresenta un possibile importante nuovo mercato di sbocco per le attività di molte aziende artigiane di Varese. 26

27 Gli accordi bilaterali offrono al tempo stesso alle imprese ticinesi la medesima possibilità d accesso al mercato italiano. Tale accesso può essere facilitato attraverso la ricerca di collaborazioni con imprese italiane. 27

28 Le imprese artigiane di Varese potrebbero cogliere anche questa opportunità per stabilire rapporti di collaborazione con possibili partner ticinesi. 28

29 SVIZZERA: SINONIMO DI AFFIDABILITA ESEMPIO DI UTILIZZO CON SUCCESSO DELL IMMAGINE DI AFFIDABILITA DI PRODOTTI E AZIENDE SVIZZERE PRODOTTO ITALIANO, REALIZZATO A PADOVA, MA COMMERCIALIZZATO CON MARCHIO SVIZZERO GRAZIE AL DEPOSITO DEL BREVETTO A BERNA 29

30 GLI OBIETTIVI DEL PROGETTO P.LA.T. Protocolli di qualità tra C.N.A. e singole associazioni imprenditoriali del Ticino Rete di rapporti tra imprese artigiane di Como e Varese e imprese ticinesi Iniziative di promozione e diffusione in Ticino e in Lombardia 30

31 UN SITO UTILE SIA PER LE AZIENDE ARTIGIANE DI VARESE E COMO, CHE PER QUELLE DEL TICINO PER FARSI CONOSCERE PER RICERCARE DELLE COLLABORAZIONI PER CONOSCERE LE REGOLE DEL LAVORO IN SVIZZERA E IN ITALIA 31

32 CHE COSA NON CAMBIA la Svizzera continua a non essere membro dell Unione Europea pertanto: alla dogana continueranno ad essere effettuati controlli sulle persone e sulle merci; sulle merci che vengono trasportate dall UE in Svizzera e viceversa continuerà ad essere applicata l IVA; l euro non sarà la moneta ufficiale Svizzera. 32

33 ASPETTI FISCALI In Svizzera vige l IVA. E riscossa ad ogni fase di produzione e distribuzione nonché sull importazione di beni, sulle prestazioni di servizi effettuate in Svizzera e sulle prestazioni di servizi rese da imprese con sede all estero. E assoggettato all imposta chiunque svolga attività indipendente, commerciale o professionale, nella misura in cui la fornitura di beni e/o prestazioni di servizi effettuate sul territorio svizzero superi complessivamente franchi annui. Sono inoltre soggetti ad IVA tutte le importazioni di beni così come le prestazioni di servizi resi da soggetti esteri (italiani per esempio) nei confronti di soggetti committenti svizzeri qualora l importo superi i franchi per anno. Vedi sito P.L.A.T. <www.progettoplat.com> 33

Accordi bilaterali Unione Europea Svizzera: un opportunità nel cuore dell Europa. Lugano, 4 giugno 2007

Accordi bilaterali Unione Europea Svizzera: un opportunità nel cuore dell Europa. Lugano, 4 giugno 2007 Accordi bilaterali Unione Europea Svizzera: un opportunità nel cuore dell Europa Lugano, 4 giugno 2007 Obiettivo degli Accordi bilaterali: diminuire l isolamento della Svizzera Gli Accordi bilaterali sono

Dettagli

LE REGOLE PER LAVORARE IN SVIZZERA alla luce dell accordo bilaterale sulla libera circolazione delle persone

LE REGOLE PER LAVORARE IN SVIZZERA alla luce dell accordo bilaterale sulla libera circolazione delle persone LE REGOLE PER LAVORARE IN SVIZZERA alla luce dell accordo bilaterale sulla libera circolazione delle persone a cura di: Camera di Commercio di Como, Sviluppo Impresa, Confartigianato Imprese Como, Ance

Dettagli

Tuttavia, le direttive federali non vietano che le notifiche siano effettuate con procedure diverse rispetto a quella online.

Tuttavia, le direttive federali non vietano che le notifiche siano effettuate con procedure diverse rispetto a quella online. Discorso pronunciato dal Consigliere di Stato Michele Barra in occasione della Conferenza stampa Padroncini e distaccati, una situazione da correggere 26 luglio 2013 Fa stato il discorso orale Pagina 1

Dettagli

Informazioni utili per il soggiorno in Svizzera

Informazioni utili per il soggiorno in Svizzera Informazioni utili per il soggiorno in Svizzera CH-4501 Soletta Dornacherstrasse 28A Casella postale 246 Telefono 032 346 18 18 Telefax 032 346 18 02 info@ch-go.ch www.ch-go.ch Indice Introduzione... 3

Dettagli

142.203 Ordinanza. Sezione 1: Oggetto e campo d applicazione

142.203 Ordinanza. Sezione 1: Oggetto e campo d applicazione Ordinanza concernente l introduzione graduale della libera circolazione delle persone tra la Confederazione Svizzera e l Unione europea 1 e i suoi Stati membri nonché gli Stati membri dell Associazione

Dettagli

Secondo scambio di note tra la Svizzera e il Principato del Liechtenstein sulla regolamentazione della circolazione delle persone tra i due Stati

Secondo scambio di note tra la Svizzera e il Principato del Liechtenstein sulla regolamentazione della circolazione delle persone tra i due Stati Quellenweg 15 3003 Berna-Wabern Telefono +41 (0)31 325 95 11 Telefax +41 (0)31 325 96 51 www.imes.admin.ch Circolare Alle : Autorità competenti in materia di stranieri dei Cantoni, del Principato del Liechtenstein

Dettagli

Revisione della Legge sulle commesse pubbliche Consultazione

Revisione della Legge sulle commesse pubbliche Consultazione Revisione della Legge sulle commesse pubbliche Consultazione Conferenza stampa venerdì 17 ottobre 2014, ore 15.00 Bellinzona Repubblica e Cantone Ticino Consiglio di Stato Il contesto normativo Il margine

Dettagli

LE REGOLE PER LAVORARE IN ITALIA alla luce degli Accordi Bilaterali tra la Svizzera e l Unione Europea 1

LE REGOLE PER LAVORARE IN ITALIA alla luce degli Accordi Bilaterali tra la Svizzera e l Unione Europea 1 LE REGOLE PER LAVORARE IN ITALIA alla luce degli Accordi Bilaterali tra la Svizzera e l Unione Europea 1 a cura del Tavolo Permanente della Comunità di Lavoro Regio Insubric, della Camera di Commercio

Dettagli

DIRITTO DI SOGGIORNO - RILASCIO DEL PERMESSO

DIRITTO DI SOGGIORNO - RILASCIO DEL PERMESSO DIRITTO DI SOGGIORNO - RILASCIO DEL PERMESSO Chi intende assumere un impiego in Svizzera o in Italia, può inoltrare una domanda di permesso di dimora solo se dimostra che un datore di lavoro è disposto

Dettagli

Accordo sulla libera circolazione delle persone Nuova legge sugli stranieri Tassazione basata sul dispendio

Accordo sulla libera circolazione delle persone Nuova legge sugli stranieri Tassazione basata sul dispendio Accordo sulla libera circolazione delle persone Nuova legge sugli stranieri Tassazione basata sul dispendio Avv. Sharon Guggiari conferenza per il circolo dei giuristi di Lugano 14 maggio 2008 Introduzione

Dettagli

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali

Capitolo 1. Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Capitolo 1 Lavoro autonomo, attività d impresa: alcune nozioni fondamentali Il termine imprenditore esprime un concetto economico prima ancora che giuridico. L imprenditore è, infatti, colui che si pone

Dettagli

Libera circolazione delle persone

Libera circolazione delle persone Libera circolazione delle persone Giugno 2014 L Accordo sulla libera circolazione delle persone (ALC) concede agli Svizzeri e ai cittadini degli Stati membri dell Unione europea (UE) il diritto di scegliere

Dettagli

IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO Regolamento della legge di applicazione alla legislazione federale in materia di persone straniere dell 8 giugno 1998 concernente i cittadini CE-AELS e i cittadini di stati terzi beneficiari dell accordo

Dettagli

LE REGOLE PER LAVORARE IN SVIZZERA alla luce dell accordo bilaterale sulla libera circolazione delle persone 1. a cura di:

LE REGOLE PER LAVORARE IN SVIZZERA alla luce dell accordo bilaterale sulla libera circolazione delle persone 1. a cura di: LE REGOLE PER LAVORARE IN SVIZZERA alla luce dell accordo bilaterale sulla libera circolazione delle persone 1 a cura di: Camera di Commercio di Como e Sviluppo Impresa in collaborazione con: Confartigianato

Dettagli

VADEMECUM: LE REGOLE PER LAVORARE IN ITALIA alla luce degli Accordi Bilaterali tra la Svizzera e l Unione Europea 1

VADEMECUM: LE REGOLE PER LAVORARE IN ITALIA alla luce degli Accordi Bilaterali tra la Svizzera e l Unione Europea 1 VADEMECUM: LE REGOLE PER LAVORARE IN ITALIA alla luce degli Accordi Bilaterali tra la Svizzera e l Unione Europea 1 a cura del Tavolo Permanente della Camera di Commercio di Como: Euro Info Centre, Confartigianato

Dettagli

823.20 Legge federale concernente condizioni lavorative e salariali minime per lavoratori distaccati in Svizzera e misure collaterali

823.20 Legge federale concernente condizioni lavorative e salariali minime per lavoratori distaccati in Svizzera e misure collaterali Legge federale concernente condizioni lavorative e salariali minime per lavoratori distaccati in Svizzera e misure collaterali (Legge federale sui lavoratori distaccati in Svizzera) dell 8 ottobre 1999

Dettagli

Gli oneri ed adempimenti legali per le aziende estere che vogliono operare nel territorio elevetico. Vicenza - 25.05.15

Gli oneri ed adempimenti legali per le aziende estere che vogliono operare nel territorio elevetico. Vicenza - 25.05.15 Gli oneri ed adempimenti legali per le aziende estere che vogliono operare nel territorio elevetico Vicenza - 25.05.15 1. La Svizzera ed il sistema federale differenze territoriali e settoriali 2. Distinzione

Dettagli

VADEMECUM PER LE IMPRESE SVIZZERE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA IN ITALIA

VADEMECUM PER LE IMPRESE SVIZZERE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA IN ITALIA VADEMECUM PER LE IMPRESE SVIZZERE CHE INTENDONO SVOLGERE ATTIVITA IN ITALIA 1. PREMESSA Vademecum Versione RV_01_10/03/09 1.1 Generalità Il presente vademecum intende supportare le aziende svizzere che

Dettagli

Ingresso e soggiorno in Europa

Ingresso e soggiorno in Europa Ingresso e soggiorno in Europa CH-4501 Soletta Dornacherstrasse 28A Casella postale 246 Telefono 032 346 18 18 Telefax 032 346 18 02 info@ch-go.ch www.ch-go.ch Indice Introduzione... 3 1. Entrata in Europa...

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 4454 PROPOSTA DI LEGGE AL PARLAMENTO N. 0011. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale

CONSIGLIO REGIONALE ATTI 4454 PROPOSTA DI LEGGE AL PARLAMENTO N. 0011. di iniziativa del Presidente della Giunta regionale REGIONE LOMBARDIA X LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 4454 PROPOSTA DI LEGGE AL PARLAMENTO N. 0011 di iniziativa del Presidente della Giunta regionale Istituzione di una Zona Economica Speciale (ZES)

Dettagli

Internazionalizzazione: gli elementi da non trascurare nella valutazione dell insediamento in Ticino

Internazionalizzazione: gli elementi da non trascurare nella valutazione dell insediamento in Ticino Internazionalizzazione: gli elementi da non trascurare nella valutazione dell insediamento in Ticino Monica Zurfluh, Responsabile Osec Ticino Marco Passalia, Responsabile Servizio Export, Cc-Ti AZIENDE:

Dettagli

FISCALE Per Titolare/Responsabile Amministrativo LE NUOVE REGOLE PER LAVORARE IN CANTON TICINO DOPO L ENTRATA IN VIGORE DELLA LIA

FISCALE Per Titolare/Responsabile Amministrativo LE NUOVE REGOLE PER LAVORARE IN CANTON TICINO DOPO L ENTRATA IN VIGORE DELLA LIA (SB/sb) FISCALE Per Titolare/Responsabile Amministrativo LE NUOVE REGOLE PER LAVORARE IN CANTON TICINO DOPO L ENTRATA IN VIGORE DELLA LIA Lo scorso 20 gennaio 2016 gli organi cantonali ticinesi hanno deliberato

Dettagli

Si precisa inoltre che il presente decreto potrà subire variazioni in sede di conversione in legge.

Si precisa inoltre che il presente decreto potrà subire variazioni in sede di conversione in legge. Circolare del 31 Ottobre 2012 Pag. 1 di 5 Circolare Numero 43/2012 Oggetto D.L. 179/2012 C.D. NUOVO DECRETO CRESCITA Sommario Nuove misure del governo per stimolare la crescita imprenditoriale e produttiva

Dettagli

Informazione importante riguardante la costruzione di stand fieristici

Informazione importante riguardante la costruzione di stand fieristici Informazione importante riguardante la costruzione di stand fieristici Condizioni minime salariali e lavorative per i costruttori di stand fieristici In conformità alla legge sui lavoratori distaccati

Dettagli

VADEMECUM NORMATIVO PER L ESPORTATORE SUL MERCATO SVIZZERO

VADEMECUM NORMATIVO PER L ESPORTATORE SUL MERCATO SVIZZERO SUL MERCATO SVIZZERO 4 ordini di limitazioni alle transazioni economiche A) Limitazioni alle importazioni Dogana B) Limitazioni alle importazioni di carattere normativo/sanitario C) Limitazioni alle importazioni

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA Le risposte pubblicate dalla stampa specializzata Confindustria Genova - Martedì 4 maggio 2010 D Come deve comportarsi una società italiana che abbia

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO 05 2015

NEWSLETTER LAVORO 05 2015 Normativa lavoro TRIBERTI COLOMBO & ASSOCIATI AVVOCATI COMMERCIALISTI CONSULENTI del LAVORO NEWSLETTER LAVORO 05 2015 1. DISABILI IN SOMMINISTRAZIONE: COMPUTO NELLA QUOTA DI RISERVA 2. AMMORTIZZATORI SOCIALI:

Dettagli

Ai : - Servizi cantonali di migrazione. - Autorità cantonali preposte al mercato del lavoro

Ai : - Servizi cantonali di migrazione. - Autorità cantonali preposte al mercato del lavoro Dipartimento federale dell'economia DFE Segreteria di Stato dell'economia SECO Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale della migrazione UFM CH-3003 Berna, SECO-UFM Ai : - Servizi

Dettagli

Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative

Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative Tutto quello che c è da sapere sulle società cooperative lo scopo mutualistico cioè non perseguono (o non dovrebbero perseguire) il lucro o profitto come tutte le altre società/imprese, ma hanno l obiettivo

Dettagli

Libera circolazione delle persone Svizzera UE. Riconduzione dell Accordo dopo il 2009 ed estensione alla Bulgaria e alla Romania

Libera circolazione delle persone Svizzera UE. Riconduzione dell Accordo dopo il 2009 ed estensione alla Bulgaria e alla Romania Libera circolazione delle persone Svizzera UE Riconduzione dell Accordo dopo il 2009 ed estensione alla Bulgaria e alla Romania Edito da Ufficio federale della migrazione UFM Quellenweg 6 CH-3003 Berna-Wabern

Dettagli

Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento?

Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento? Può essere migliorato il funzionamento del mutuo riconoscimento? Rispondo in qualità di : % Consumatore 41 ( 31.1%) Organizzazione rappresentativa 30 ( 22.7%) Impresa 26 ( 19.7%) Organismo pubblico nazionale/regionale

Dettagli

Tutela del lavoro estero in Italia

Tutela del lavoro estero in Italia Tutela del lavoro estero in Italia La globalizzazione e la crisi economica cambiano continuamente i rapporti nel mondo del lavoro. Una parte consistente di imprenditori si sono trasferiti all estero, per

Dettagli

05. Il sistema fiscale 06. Imposizione persone fisiche 07. Imposizione persone giuridiche 09. Imposizione persone giuridiche: altri aspetti 10.

05. Il sistema fiscale 06. Imposizione persone fisiche 07. Imposizione persone giuridiche 09. Imposizione persone giuridiche: altri aspetti 10. 05. Il sistema fiscale 06. Imposizione persone fisiche 07. Imposizione persone giuridiche 09. Imposizione persone giuridiche: altri aspetti 10. Altre imposte 11. Accordi bilaterali Svizzera UE I dati contenuti

Dettagli

Attività di volontariato per i disoccupati Manuale ad uso degli uffici di collocamento e delle organizzazioni di volontariato

Attività di volontariato per i disoccupati Manuale ad uso degli uffici di collocamento e delle organizzazioni di volontariato Attività di volontariato per i disoccupati Manuale ad uso degli uffici di collocamento e delle organizzazioni di volontariato Stranieri e volontariato Beneficiari del sostegno sociale e volontariato Beneficiari

Dettagli

Il nuovo sistema di retribuzione CCNL dal 2012

Il nuovo sistema di retribuzione CCNL dal 2012 Il nuovo sistema di retribuzione CCNL dal 2012 Stato al settembre 2011 Indice Introduzione 1 I Applicabilità / entrata in vigore 2 II Salari minimi 2012 3 In generale 3 Tavola sinottica dei salari minimi

Dettagli

Direttiva concernente la «procedura di verifica dell attività lucrativa indipendente di prestatori di servizi stranieri»

Direttiva concernente la «procedura di verifica dell attività lucrativa indipendente di prestatori di servizi stranieri» Dipartimento federale dell economia DFE Segreteria di Stato dell economia SECO Libera circolazione delle persone e Relazioni di lavoro Contratti collettivi e Sorveglianza del mercato di lavoro Direttiva

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Il Consorzio CAIEC illumina l EXPO 24 marzo 2015. A cura dell Ufficio Comunicazione di CNA Forlì-Cesena

RASSEGNA STAMPA. Il Consorzio CAIEC illumina l EXPO 24 marzo 2015. A cura dell Ufficio Comunicazione di CNA Forlì-Cesena RASSEGNA STAMPA Il Consorzio CAIEC illumina l EXPO 24 marzo 2015 A cura dell Ufficio Comunicazione di CNA Forlì-Cesena COMUNICATO STAMPA Il Consorzio CAIEC illumina l EXPO 5 aziende del Consorzio stanno

Dettagli

COS È SOLVIT? SOLVIT PUÒ AIUTARE A RISOLVERE PROBLEMI

COS È SOLVIT? SOLVIT PUÒ AIUTARE A RISOLVERE PROBLEMI COS È SOLVIT? Scegliere liberamente in quale paese europeo vivere, lavorare o studiare è un diritto fondamentale per i cittadini dell Unione europea. Anche le imprese hanno il diritto di stabilirsi, fornire

Dettagli

Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero

Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero Ordinanza sulla diffusione della formazione svizzera all estero (Ordinanza sulle scuole svizzere all estero, OSSE) 418.01 del 28 novembre 2014 (Stato 1 gennaio 2015) Il Consiglio federale svizzero, visti

Dettagli

MISSIONE COMMERCIALE IN RUSSIA MOSCA + SAN PIETROBURGO (FACOLTATIVO) 30 GIUGNO/04 LUGLIO 2014

MISSIONE COMMERCIALE IN RUSSIA MOSCA + SAN PIETROBURGO (FACOLTATIVO) 30 GIUGNO/04 LUGLIO 2014 A Tutti gli Associati Data Brescia 10 Marzo 2014 Circolare N. 031/2014 MISSIONE COMMERCIALE IN RUSSIA MOSCA + SAN PIETROBURGO (FACOLTATIVO) 30 GIUGNO/04 LUGLIO 2014 A RICHIESTA SERVIZIO GRATUITO PRE-MISSIONE

Dettagli

Cassa di compensazione Swissmem. Foglio informativo affari internazionali

Cassa di compensazione Swissmem. Foglio informativo affari internazionali Cassa di compensazione Swissmem Foglio informativo affari internazionali Foglio informativo affari internazionali Al giorno d oggi, l attività lucrativa transfrontaliera fa parte della vita professionale

Dettagli

FAST QUALITY. Progetto per il Master di I Livello in Fashion Design Management. Miriam Martine Manco @: miriam-martine@live.it

FAST QUALITY. Progetto per il Master di I Livello in Fashion Design Management. Miriam Martine Manco @: miriam-martine@live.it FAST QUALITY Progetto per il Master di I Livello in Fashion Design Management Miriam Martine Manco @: miriam-martine@live.it FAST QUALITY: UNA MODA VELOCE A KM ZERO La Moda si sta direzionando sempre più

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

Svolge un attività indipendente? Consigli per accertare lo stato di indipendente

Svolge un attività indipendente? Consigli per accertare lo stato di indipendente Svolge un attività indipendente? Consigli per accertare lo stato di indipendente Non è sempre facile riconoscere a prima vista un attività indipendente Ha intenzione di mettersi in proprio? Assegna dei

Dettagli

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere

Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le frontiere Occupazione & Fondo Sociale Europeo Occupazione affari sociali Commissione europea 1 EURES Una rete che aiuta i lavoratori ad attraversare le

Dettagli

Profilo della formazione in psicologia applicata nel quadro delle scuole universitarie professionali

Profilo della formazione in psicologia applicata nel quadro delle scuole universitarie professionali 4.3.3.1.3. Profilo della formazione in psicologia applicata nel quadro delle scuole universitarie professionali (SUP-PA) del 10 giugno 1999 1. Statuto La formazione in psicologia applicata di livello SUP

Dettagli

Commissione federale delle poste PostCom. Guida destinata ai fornitori di servizi postali soggetti all obbligo di notifica

Commissione federale delle poste PostCom. Guida destinata ai fornitori di servizi postali soggetti all obbligo di notifica Commissione federale delle poste PostCom Guida destinata ai fornitori di servizi postali soggetti all obbligo di notifica Ultimo aggiornamento: 26 novembre 2013 1 INDICE I. Osservazioni generali 1. Panoramica

Dettagli

FAQ Legge sul collocamento (LC)

FAQ Legge sul collocamento (LC) Berna, 1 marzo 2012 FAQ Legge sul collocamento (LC) N. Domanda Risposta 1. Qual è la differenza fra il collocamento privato e la fornitura di personale a prestito? Collocamento privato È considerato collocatore

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Regione Puglia START UP Scheda informativa sul nuovo bando della Regione Puglia Sostegno allo start up di microimprese di nuova costituzione realizzate da soggetti svantaggiati. COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

Dettagli

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 La riforma del lavoro Legge 28 giugno 2012, n. 92 Flessibilità

Dettagli

Profilo delle scuole universitarie di teatro (SUT)

Profilo delle scuole universitarie di teatro (SUT) 4.3.3.1.4. Profilo delle scuole universitarie di teatro (SUT) del 10 giugno 1999 1. Statuto Le scuole universitarie di teatro (SUT) rientrano nella categoria delle scuole universitarie professionali. Sono

Dettagli

Profilo della formazione in linguistica applicata nel quadro delle scuole universitarie professionali

Profilo della formazione in linguistica applicata nel quadro delle scuole universitarie professionali 4.3.3.1.2. Profilo della formazione in linguistica applicata nel quadro delle scuole universitarie professionali (SUP-LA) del 10 giugno 1999 1. Statuto La formazione in linguistica applicata di livello

Dettagli

Lavori di costruzione di aziende svizzere in Germania

Lavori di costruzione di aziende svizzere in Germania Lavori di costruzione di aziende svizzere in Germania Permesso di lavoro Se la durata dell attività è inferiore ai 90 giorni per anno civile, i cittadini svizzeri non necessitano di un permesso di lavoro.

Dettagli

P R O M O S. Ruolo, servizi ed attività di supporto all operatività internazionale delle imprese. Maria Pulsana Bisceglia

P R O M O S. Ruolo, servizi ed attività di supporto all operatività internazionale delle imprese. Maria Pulsana Bisceglia Internazionalizzazione e marketing territoriale P R O M O S CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA, ARTIGIANATO E AGRICOLTURA MILANO Dal 1786 l istituzione al servizio del sistema produttivo di Milano. Ruolo, servizi

Dettagli

Cittadine e cittadini dell UE in Svizzera

Cittadine e cittadini dell UE in Svizzera Informazioni sulla libera circolazione delle persone Cittadine e cittadini dell UE in Svizzera Informazioni sulla libera circolazione delle persone 1 Cittadine e cittadini dell UE in Svizzera Impressum

Dettagli

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro

ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO TTMLM/2013/14. Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro Conclusioni 1 La Riunione Tecnica Tripartita sulla migrazione per lavoro, ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO Riunione Tecnica Tripartita sulla Migrazione per Lavoro TTMLM/2013/14 Ginevra, 4-8 novembre

Dettagli

Guida all assicurazione sociale per i dipendenti. Edizione 2015

Guida all assicurazione sociale per i dipendenti. Edizione 2015 Guida all assicurazione sociale per i dipendenti Edizione 2015 Indice Introduzione...3 Cambiamento di impiego...4 Disoccupazione...6 Congedo non pagato, perfezionamento professionale, soggiorni linguistici,

Dettagli

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza

Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza Legge federale sulla protezione dei marchi e delle indicazioni di provenienza (Legge sulla protezione dei marchi, LPM) Avamprogetto Modifica del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto

Dettagli

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi

Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Ruolo, funzionamento e politiche dell Unione europea oggi Il Trattato di Lisbona Padova, 19 marzo 2010 Istituto Tecnico Einaudi Matteo Fornara LA STORIA DELL UNIONE EUROPEA Storia breve: 50 anni Obiettivi

Dettagli

Il Consiglio federale

Il Consiglio federale Il Consiglio federale 16 ottobre 2015 Richiesta del Cantone Ticino. Situazione iniziale e prospettiva di sviluppo Rapporto del Consiglio federale in adempimento al postulato 15.3012 del 23 febbraio 2015

Dettagli

GLATI Federazione Associazioni Artigiani Ticino

GLATI Federazione Associazioni Artigiani Ticino GLATI Federazione Associazioni Artigiani Ticino Artigiano è colui che produce con lavorazione per lo più a mano o con l ausilio di macchinari semplici La Federazione delle Associazioni di Artigiani del

Dettagli

Visura ordinaria societa' di capitale

Visura ordinaria societa' di capitale Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di ROMA \ Visura ordinaria societa' di capitale Forma giuridica: SOCIETA' A RESPONSABILITA' LIMITATA CON UNICO SOCIO Sede legale: TIVOLI (RM) VIA

Dettagli

Azienda USL n. 12 di Viareggio Dipartimento di Prevenzione U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro

Azienda USL n. 12 di Viareggio Dipartimento di Prevenzione U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro Azienda USL n. 12 di Viareggio Dipartimento di Prevenzione U.F. Prevenzione Igiene e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro A dieci anni dall entrata in vigore del D.Lgs 494/96, (Attuazione della direttiva 92/57/CEE

Dettagli

STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili

STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili STUDIO ORAZI Dottori Commercialisti Revisori Contabili Dott. Marco Orazi Dott. Michele Archetti Dott.ssa Paola Porcellana Dott.ssa Mara Zanatta Dott.ssa Francesca Lodrini Dott. Massimo Colombo Dott.ssa

Dettagli

S E A V. OGGETTO: Adempimenti e clausole di salvaguardia nei contratti di appalto e subappalto.

S E A V. OGGETTO: Adempimenti e clausole di salvaguardia nei contratti di appalto e subappalto. Bergamo, settembre 2015 CIRCOLARE N. 21/Consulenza aziendale OGGETTO: Adempimenti e clausole di salvaguardia nei contratti di appalto e subappalto. Con l uscita di scena (a partire dal 2015) della responsabilità

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

MasterCard Business Card. La prima vera carta di credito per PMI

MasterCard Business Card. La prima vera carta di credito per PMI MasterCard Business Card La prima vera carta di credito per PMI Permetteteci Configurate voi di offrirvi stessi la qualcosa. vostra carta. Con la Business Card Argento potete farlo. Con una foto di vostra

Dettagli

Vicenza, Gennaio 2011

Vicenza, Gennaio 2011 AUTORIZZAZIONE AD EFFETTUARE OPERAZIONI INTRACOMUNITARIE Vicenza, Gennaio 2011 Con la presente circolare speciale lo studio intende informare i Signori Clienti di un ulteriore obbligo posto a carico dei

Dettagli

Le opportunità non hanno confini Programma Interreg Italia-Svizzera 2007-2013

Le opportunità non hanno confini Programma Interreg Italia-Svizzera 2007-2013 Le opportunità non hanno confini Programma Interreg Italia-Svizzera 2007-2013 Risorse Comuni Milano, 25 novembre 2010 Matteo Oleggini segretariato@coreti.ch 1 La politica regionale svizzera (NPR) Migliorare

Dettagli

REGIONE DEL VENETO Azienda ULSS 12 Veneziana BANDO DI GARA. Procedura aperta per l affidamento della gestione del centro diurno per

REGIONE DEL VENETO Azienda ULSS 12 Veneziana BANDO DI GARA. Procedura aperta per l affidamento della gestione del centro diurno per REGIONE DEL VENETO Azienda ULSS 12 Veneziana BANDO DI GARA Procedura aperta per l affidamento della gestione del centro diurno per disabili Bellinato. I.1) Regione del Veneto Azienda ULSS 12 Veneziana

Dettagli

REPORT METODOLOGICO SULL IMPRONTA OCCUPAZIONALE DEL PORTO DI VENEZIA E PRIMI RISULTATI QUANTITATIVI

REPORT METODOLOGICO SULL IMPRONTA OCCUPAZIONALE DEL PORTO DI VENEZIA E PRIMI RISULTATI QUANTITATIVI REPORT METODOLOGICO SULL IMPRONTA OCCUPAZIONALE DEL PORTO DI VENEZIA E PRIMI RISULTATI QUANTITATIVI NOVEMBRE 2012 A seguito della prima fase di censimento delle imprese e degli occupati del Porto di Venezia

Dettagli

Il/la sottoscritto/a... Nato/a il... a... Prov... Codice fiscale

Il/la sottoscritto/a... Nato/a il... a... Prov... Codice fiscale Domanda per il rilascio di licenza per l'autotrasporto di cose in conto proprio Alla PROVINCIA DI TRIESTE AREA AMBIENTE E MOBILITÀ U.O. Trasporti e Motorizzazione Via Giuseppe Mazzini, 14 34121 Trieste

Dettagli

Circolare N. 43 del 18 Marzo 2016

Circolare N. 43 del 18 Marzo 2016 Circolare N. 43 del 18 Marzo 2016 Attività agricole: il subentro ed il rilancio delle attività gode di un finanziamento agevolato Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con il decreto

Dettagli

Verona, 26 Settembre 2012. Atto costitutivo Verona World Made

Verona, 26 Settembre 2012. Atto costitutivo Verona World Made Verona, 26 Settembre 2012 Atto costitutivo Verona World Made ART.1 COSTITUZIONE, SEDE, DENOMINAZIONE E DURATA 1. Tra Associazioni Imprenditoriali, Ordini e Collegi Professionali, Enti Pubblici e Privati

Dettagli

Lavoratori disabili: inclusività e contrasto agli abusi

Lavoratori disabili: inclusività e contrasto agli abusi SEZIONE B DISABILI E STRANIERI Articolo 4, comma 27 Efficace attuazione del diritto al lavoro dei disabili Lavoratori disabili: inclusività e contrasto agli abusi di Maria Giovannone, Rossana Lonero, Valentina

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Nozioni TRASPORTO INTERNAZIONALE

Nozioni TRASPORTO INTERNAZIONALE Nozioni TRASPORTO INTERNAZIONALE Fanno parte dell Unione Europea 25 Stati Austria, Belgio, Cipro, Danimarca,Estonia, Finlandia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia,Lituania, Luxemburgo, Malta,Paesi

Dettagli

Ordinanza sul collocamento e il personale a prestito

Ordinanza sul collocamento e il personale a prestito Ordinanza sul collocamento e il personale a prestito (Ordinanza sul collocamento; OC) 823.111 del 16 gennaio 1991 (Stato 10 gennaio 2006) Il Consiglio federale svizzero, visto l articolo 41 capoverso 1

Dettagli

Let s Start: Introduzione a Smart&Start Italia

Let s Start: Introduzione a Smart&Start Italia Let s Start: Introduzione a Smart&Start Italia Che cos è Smart&Start Italia? Smart&Start Italia è l incentivo che supporta le start-up innovative che operano su tutto il territorio nazionale L obiettivo

Dettagli

Il supporto per eccellenza alle PMI

Il supporto per eccellenza alle PMI Tutto sul conto WIR Il supporto per eccellenza alle PMI 1 Indice La partecipazione al sistema WIR, un opportunità pagina 1 Avere successo negli affari con WIR pagina 2 Budget e piazzamento WIR pagina 2

Dettagli

RISTRUTTURAZIONE DELLE PMI - PROCESSO D INTERNAZIONALIZZAZIONE - SVIZZERA

RISTRUTTURAZIONE DELLE PMI - PROCESSO D INTERNAZIONALIZZAZIONE - SVIZZERA RISTRUTTURAZIONE DELLE PMI - PROCESSO D INTERNAZIONALIZZAZIONE - SVIZZERA In questi ultimi anni la crisi economica, in particolare europea, ha inferto colpi durissimi alle PMI. Alcune piccole e medie imprese

Dettagli

COMUNE DI CALVENE DOMANDA E DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE

COMUNE DI CALVENE DOMANDA E DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE COMUNE DI CALVENE BANDO PER LA CONCESSIONE QUINQUENNALE DELLA MALGA CIMA FONTE DA UTILIZZARE PER ATTIVITA RICREATIVE, FORMATIVE, CULTURALI E AMBIENTALI. SI RENDE NOTO che l'amministrazione Comunale di

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO ASTI E ALESSANDRIA BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO ASTI E ALESSANDRIA BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO ASTI E ALESSANDRIA BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 PREMESSA Il Centro di Servizio per il Volontariato Asti e Alessandria, nel perseguire l obiettivo di sostenere e

Dettagli

Ufficio Criminalità Organizzata e altri Servizi Extratributari I Sezione SCHEDA TABACCHI

Ufficio Criminalità Organizzata e altri Servizi Extratributari I Sezione SCHEDA TABACCHI Ufficio Criminalità Organizzata e altri Servizi Extratributari I Sezione PREMESSA SCHEDA TABACCHI Con la costituzione dello spazio unico della Comunità Europea entro il quale possono liberamente circolare

Dettagli

APPALTO E LAVORO AUTONOMO

APPALTO E LAVORO AUTONOMO APPALTO E LAVORO AUTONOMO ART. 7 Contratto di appalto o contratto d opera 1). Il datore di lavoro, in caso di affidamento dei lavori all interno dell azienda, ovvero dell unità produttiva, ad imprese appaltatrici

Dettagli

FITA Unione Nazionale Imprese di Trasporto Sede Nazionale 00162 Roma Piazza M. Armellini, 9/A Tel (06) 441881 Fax (06) 44249506 E Mail : fita@cna.

FITA Unione Nazionale Imprese di Trasporto Sede Nazionale 00162 Roma Piazza M. Armellini, 9/A Tel (06) 441881 Fax (06) 44249506 E Mail : fita@cna. FITA Unione Nazionale Imprese di Trasporto Sede Nazionale 00162 Roma Piazza M. Armellini, 9/A Tel (06) 441881 Fax (06) 44249506 E Mail : fita@cna.it Sede di Bruxelles ISB 36-38, Rue Joseph II 1000 Bruxelles

Dettagli

PROCEDURA APERTA NAZIONALE PER L ORGANIZZAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN EVENTO A MILANO NEL MESE DI NOVEMBRE 2011 CIG. n.

PROCEDURA APERTA NAZIONALE PER L ORGANIZZAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN EVENTO A MILANO NEL MESE DI NOVEMBRE 2011 CIG. n. Chiarimenti PROCEDURA APERTA NAZIONALE PER L ORGANIZZAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI UN EVENTO A MILANO NEL MESE DI NOVEMBRE 2011 CIG. n. 26709276AE riguardo al punto Gestione relatori: l individuazione e

Dettagli

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEL COMPARTO CHIMICO-FARMACEUTICO IN TICINO

STRUTTURA E EVOLUZIONE DEL COMPARTO CHIMICO-FARMACEUTICO IN TICINO 2. Chimica e farmaceutica STRUTTURA E EVOLUZIONE DEL COMPARTO CHIMICO-FARMACEUTICO IN TICINO Maggio 211 Giubiasco, 3 maggio 211 I COMPARTI ANALIZZATI SETTORE SECONDARIO 1. EDILIZIA E COSTRUZIONI 2. CHIMICA

Dettagli

Indice dei prezzi alla produzione e all importazione

Indice dei prezzi alla produzione e all importazione 05 Prezzi 983-1100 Indice dei prezzi alla produzione e all importazione Neuchâtel, 2011 Che cos è l indice dei prezzi alla produzione e all importazione? L indice dei prezzi alla produzione (IPP) misura

Dettagli

MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE

MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE Presentazione MODELLI DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE ex D.Lgs. 231/01 Pag 1 di 6 PREMESSA Con l introduzione nell ordinamento giuridico italiano del D.Lgs. 8 giugno 2001, n.231 qualsiasi soggetto giuridico

Dettagli

Ordinanza sull ammissione, il soggiorno e l attività lucrativa

Ordinanza sull ammissione, il soggiorno e l attività lucrativa Ordinanza sull ammissione, il soggiorno e l attività lucrativa (OASA) 142.201 del 24 ottobre 2007 (Stato 15 ottobre 2015) Il Consiglio federale svizzero, vista la legge federale del 16 dicembre 2005 1

Dettagli

! "!#$!#%#&''"!#$ #"!#(&$!## # $ "%% )$*#$ &$""#))# % "##$&!" #+( "

! !#$!#%#&''!#$ #!#(&$!## # $ %% )$*#$ &$#))# % ##$&! #+( La/Il sottoscritta/o! "!#$!#%#&''"!#$ #"!#(&$!## # $ "%% )$*#$ &$""#))# % "##$&!" #+( ",-/ 01-234 453-0,30-62052/1 di essere residente a Prov Via CAP Tel/Cell Codice Fiscale CHE IL NUCLEO FAMILIARE INTERESSATO

Dettagli

Un opuscolo per i disoccupati Indennità per insolvenza

Un opuscolo per i disoccupati Indennità per insolvenza Dipartimento federale dell'economia DFE Edizione 2011 Un opuscolo per i disoccupati Indennità per insolvenza 2 OSSERVAZIONI Il presente opuscolo si basa sulle disposizioni della legge sull'assicurazione

Dettagli

attività commerciali vendita della stampa quotidiana e periodica modello 2_15_05

attività commerciali vendita della stampa quotidiana e periodica modello 2_15_05 AL COMUNE DI MONTE SAN SAVINO U Sportello Unico per le Attività Produttive - Corso Sangallo, 38 52048 Monte San Savino (Arezzo) Da inoltrare utilizzando il Portale Regionale accessibile dal sito web del

Dettagli

3. SOGGETTI BENEFICIARI

3. SOGGETTI BENEFICIARI - Contributi per la creazione di start-up nel campo delle biotecnologie e delle scienze per la vita in provincia di Varese. Approvato con determinazione n.314 del 16/07/2014 1. PREMESSA Camera di Commercio

Dettagli

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016

CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO Centro Solidarietà e Sussidiarietà Servizi per il territorio CST Novara e VCO BANDO DI ASSISTENZA ANNO 2016 PREMESSA Il Centro di Servizio Centro Solidarietà e Sussidiarietà

Dettagli

Artigiancassa Progetto Key Woman. Roma, 5 Dicembre 2012

Artigiancassa Progetto Key Woman. Roma, 5 Dicembre 2012 Artigiancassa Progetto Key Woman Roma, 5 Dicembre 2012 Malgrado l attuale congiuntura economica le imprese a guida femminile fanno registrare una sostanziale tenuta nella dinamica anagrafica Le imprese

Dettagli

Ordinanza concernente il prezzo d obiettivo, i supplementi e gli aiuti nel settore lattiero

Ordinanza concernente il prezzo d obiettivo, i supplementi e gli aiuti nel settore lattiero Ordinanza concernente il prezzo d obiettivo, i supplementi e gli aiuti nel settore lattiero (Ordinanza sul sostegno del prezzo del latte, OSL) 916.350.2 del 7 dicembre 1998 (Stato 5 febbraio 2002) Il Consiglio

Dettagli