Il gioco del doppio (linguistico e narrativo) tra remake e sequel, nel border fairy tale di Robert Rodriguez

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il gioco del doppio (linguistico e narrativo) tra remake e sequel, nel border fairy tale di Robert Rodriguez"

Transcript

1 1 di 13 20/05/ Marco Cipolloni C era tre volte (e mezzo) in Messico. Il gioco del doppio (linguistico e narrativo) tra remake e sequel, nel border fairy tale di Robert Rodriguez 1. Cinelandia: Frontera y Mercado (...) la fama es una señora muy gorda que no duerme con uno, pero cuando uno despierta está siempre mirándonos frente a la cama. (Gabriel García Márquez, Memoria de mis putas tristes, Alianza, 2004, p. 68) Più di ottant anni fa, all inizio di una lunga e brillante carriera di storico dell economia spagnola della prima età moderna, Don Ramón Carande applicò al caso di Siviglia la nota teoria di Max Weber sulle città, secondo la quale la storia urbana del mondo indoeuropeo-occidentale sarebbe il risultato della sovrapposizione di due fondamentali funzioni: la fortezza e il mercato (simbolicamente: la salvaguardia dell identità e lo scambio, la sicurezza e il rischio, il solipsismo e la relazione, la tradizione e l innovazione, la difesa e la conquista, il sistema del nome e il sistema del verbo, il morro e il porto, la carta di identità e il passaporto). Nell ottica di questo mix, la modernizzazione, il transito dal mondo antico a quello moderno, attraverso varie forme di medioevo, non sarebbe che una questione di quote: sempre meno fortezza e sempre più mercato. Il fatto che un tempo i forestieri venissero per la fiera e gli abitanti si ritirassero intra moenia, mentre oggi i turisti visitano morros e alcázares e i residenti passano i loro tempo nei centri commerciali non è che un segno di questo progressivo rovesciamento di priorità funzionale. Dal punto di vista della mediazione linguistica e culturale, il mercato risulta, almeno a prima vista, assai più interessante della fortezza, sia come luogo che come funzione. Ciononostante, senza la psicologia della paura e le istituzioni della chiusura, che ogni fortezza ben rappresenta, il ruolo ed il compito del mediatore avrebbero ben poca prospettiva professionale e quasi nessuna autonomia di impresa, vedendosi ridotti a pure e semplici attività di servizio. Tanto la teoria formulata da Weber quanto l esemplare applicazione fattane da Carande al caso di una città passata in breve da roccaforte araba a centro della contratación con il Nuovo Mondo sono però il canto del cigno di una concezione della città; si riferiscono cioè alla storia urbana e al passato più che ai nuovi spazi dell interazione che proprio in quei decenni si stavano affermando. Weber formula la sua teoria retrospettiva negli anni della prima diffusione del cinematografo. Carande la applica poco prima che il cinema cominci a parlare. Nello stesso periodo le avanguardie danno la stura ad una interpretazione militarizzata e mercificata, propagandistica e del tutto nuova del rapporto tra il reale e il simbolico (rapporto di cui ogni città è sempre stata incarnazione, da S. Agostino in poi anche in modo consapevole). La disumanizzazione dell arte (per dirla con Ortega y Gasset), cioè la sua meccanizzazione (la famosa macchinetta del Serafino Gubbio, operatore di Pirandello e le ombre fatte a macchina di cui parlano le recensioni cinematografiche di Flajano) e il suo adattamento a tempi dominati dalle esigenze della propaganda e della riproducibilità tecnica (per dirla con Benjamin), trova nel cinema un campo di applicazione più che esemplare. La Cinelandia di Gómez de la Serna e La Mecca del cinema di Cendrars, cioè gli studios hollywoodiani, ma anche le installazioni di Cinecittà, che trasformano il cinema italiano in industria nazionalizzata, offrono una prima skyline in cartón piedra di questa nuova realtà: l industria della celluloide moltiplica a dismisura le valenze proiettive dell idea di città, trasformando il mondo urbano in altro da sé e in qualcosa di primitivo e quasi selvaggio, molto simile ad una variante del vecchio concetto di Wilderness e di territorio di frontiera (la metafora cinematografica della giungla d asfalto o la selva dei grattacieli in un film come King Kong, 1933, incarnano con la perfezione di un istantanea questo mito moderno). La metamorfosi regressiva dello scenario urbano e dei suoi significati implica un rovesciamento quasi completo delle dinamiche e dei ruoli di centro e periferia. In base alla visione tradizionale le città erano i centri di irradiazione della civiltà (ancor oggi centro urbano è sinonimo di città e la parola civiltà ha la radice di civitas), mentre le frontiere erano l estrema periferia, il luogo che separava la civiltà e la sua lingua dai barbari (coloro che non parlavano il greco) e dai selvaggi (coloro che vivevano allo stato di natura). Lungo le frontiere e nelle zone di frontiera la funzione di fortezza era in effetti così importante e prioritaria ( Remember Alamo! ) da ridurre al minimo indispensabile quella di mercato. Nel sistema settecentesco delle missioni del Camino Real californiano questo dato era fin troppo evidente: le reducciones e i pueblos servivano a produrre il surplus alimentare necessario al rifornimento e al mantenimento dei presidios in regime di autoconsumo, cioè di non mercato e di zona protetta e assistita, disegnata dalle fortezze e dalle loro esigenze (cioè dallo stato borbonico che tali fortezze rappresentavano). Oggi, nel mondo mediatico e globalizzato, le cose sono molto cambiate: quasi ovunque, anche se assai più di fatto che non di diritto, il contrabbando e la pirateria (anche informatica e audiovisuale, posso dirlo con cognizione di causa) hanno stravinto la loro guerra con le dogane e i presidios. Le città di frontiera contemporanee, pur conservando una retorica di paranoia e di fortezza, con reti, muri, recinti, guardie, etc., sono di fatto diventate una caricatura del mercato, un porto franco dove transita di tutto, tutto ha un prezzo e tutto è in vendita (nei film di zombi di George Romero persino la fortezza non è che un mercato: la città assediata dai dead è un grande centro commerciale supersorvegliato). Dalla Sevilla: fortaleza y mercado di Carande siamo insomma passati, grazie alla fabbrica dei sogni e ai paradossi di McLuhan, a Cinelandia: frontera y mercado. Anche a causa degli inarrestabili flussi migratori generati da una crescente iniquità nella distribuzione delle opportunità e delle ricchezze, le frontiere hanno finito per assumere i tratti che un tempo erano propri delle città di porto amuralladas. Hanno smesso di indicare la demarcazione e sono diventate centri di transito e di compostaggio, cioè verminosi luoghi metabolici di partenza e approdo, fiere internazionali permanenti e laboratori conflittuali di ibridismo linguistico e culturale. Come un nobel letterario del centro in decadenza (Iosif Brodskij) ha detto a proposito di un nobel letterario della periferia (Derek

2 2 di 13 20/05/ Walcott): Nella vita di ogni civiltà viene un momento in cui il centro non tiene più. Ciò che allora la salva dalla disintegrazione non è la forza degli eserciti, ma quella della lingua (...) Il compito di tenere, allora, ricade sugli uomini delle province, della periferia. Contrariamente a quanto si crede di solito, la periferia non è il luogo in cui finisce il mondo è invece il luogo in cui il mondo si decanta. Le novità non si irradiano dal centro, ma prendono forma ai confini dell impero, sulla soglia tra sistema e ambiente, là dove le norme indebolite di due sistemi si incontrano e si contaminano. Il potere del centro, ben studiato da Arnheim, non è solo di irradiazione, ma anche e soprattutto di attrazione. Proprio perché si è formato e diffuso come industria in questa fase postcoloniale della civiltà moderna, il cinema è stato vettore privilegiato e specchio fedele di questo gigantesco fenomeno di decantazione e ibridazione. Non solo ha esplorato e incarnato con sempre maggiore attenzione ed insistenza tutte le frontiere (linguistiche e culturali) del mondo contemporaneo, ma ne ha elaborato infinite varianti (dalla frontiera del western a quelle della fantascienza), con l evidente intento di valorizzare e sfruttare al meglio, anche in termini di mercato, le enormi potenzialità narrative e metanarrative del transito e della creatività periferica (ne è derivata una specie di picaresca postatomica, molto simile a quella descritta da un romanzo s/f come Beggars of Spain). Per Hollywood la frontiera storica e geografica più raggiungibile, vicina, naturale e permeabile è sempre stata la regione del Border messico-americano. Attraversando come una cicatrice latitudinale la geografia longitudinale dei grandi western classici (il western classico, quello che contrappone bianchi e indiani, separando stati, territori di frontiera e Wilderness, si muove verso Ovest, a nord della Línea, quello tardo, che contrappone avventurieri e fuorilegge, sceriffi e bandoleros, si spinge invece verso Sud, attraversando un fiume che separa stati), la Línea ne ripercorre la storia e l epica, rivisitandola marxianamente, in forma di farsa e finendo per mettere a confronto due diverse visioni della frontiera: la frontiera come Borderland e terra promessa del capitalismo selvaggio (di cui il mondo di Hollywood è anche geograficamente un punto di arrivo e una caricatura), cioè come territorio in via di civilizzazione, che separa la storia dalla Wilderness, la civilización dalla barbarie, lo hacer patria dalla indiada e la ferrovia dai bisonti, versus la frontiera come Borderline e paradiso dei contrabbandieri, cioè come confine tra stati che separa una bandiera da un altra, una cittadinanza da un altra (il movimento verso sud della borderline e quello verso ovest della borderland, sovrapponendosi, rendono narrabile ed esemplare la vicenda umana di Mariano Guadalupe Vallejo, protagonista del romanzo pedagogico di Esther J. Comstock, Vallejo and the Four Flags, nel quale l autrice trasforma in parabola la vita di un personaggio storico che, nato suddito spagnolo, diventa in serie cittadino messicano, cittadino della Repubblica di California e, finalmente, cittadino statunitense). Su questa geografia simbolica, tra l altro, si è di fatto costruita anche la polarizzazione fondamentale dello show biz nordamericano: teatro musicale versus cinema, New York versus Los Angeles, Broadway versus Hollywood, Tin Pan Alley versus Sunset Boulevard. Questo gioco di contrappunto (scandito da molti andirivieni di registi, musicisti, coreografi e star) ha sempre tratto stimoli e risorse creative (anche umane, cioè linguistiche e culturali) dal caleidoscopio della ethnic America (quella che un bel reading curato da Ishmael Reed, per Viking, nel 1997, ha chiamato MultiAmerica). Rispetto alle composite mappe della MultiAmerica (sorta sulle ceneri di precedenti ipotesi di Melti-America: il famoso melting pot), basate sul contrappunto tra Nuovi Americani e Natives, entrambi contrapposti, in quanto marginali, al nucleo della identità-cultura dominante e di riferimento (un tempo riassunta dall acronimo wasp: White, Anglo-Saxon, Protestant), gli Ispanici del South-West si caratterizzano per un doppio statuto: sono gli unici Ethnics a percepirsi e ad essere percepiti sia come Nuovi Americani (a causa dei molti migranti, clandestini e non), sia come popolatori originari (a causa della presenza di ispanofoni di radicamento antecedente la colonizzazione Anglo e del fatto che una percentuale rilevante di questi ispanofoni sono effettivamente dei Natives in senso etnico, sono cioè indiani o mestizos di lingua spagnola, come del resto suggerisce anche la denominazione di molti gruppi e/o tribù: Pueblo, Navajo, Apache, Comanche, Chirihauas, etc.). Non a caso un libro polemico come Borderland/La frontera di Gloria Anzaldúa aveva come sottotitolo esplicativo del proprio progetto identitario proprio un ibrido tra le due segnalate dimensioni della newness e dell ibridazione con il mondo indigeno: The New Mestiza, la nuova meticcia, la nuova aborigena. Sfruttando dunque la dialettica tra Borderland e Borderline (cioè il fatto che una sola borderline determina due borderlands, una per ciascun lato, ma entrambe ridisegnate dalla presenza del confine), l industria cinematografica americana ha potuto utilizzare le storie di sconfinamento generate dalla frontiera e dai suoi spostamenti per rivitalizzare e sottoporre a verifica una notevole quantità di simboli e miti. Per molti decenni, il tema del contatto linguistico è rimasto però abbastanza sullo sfondo, emergendo in modo più esplicito soltanto nei documentari, nelle produzioni esplicitamente incentrate sui temi dell immigrazione clandestina (come Alambrista!, 1977, di Robert Young, The Border, 1982, di Tony Richardson, e, più tardi, Bread & Roses, di Ken Loach) e nei film indipendenti di orientamento progressista come The Milagro Beanfield War di Robert Redford, Lone Star di John Sayles, o il recentissimo Bordertown, prodotto e interpretato da Jennifer López e dedicato al caso delle donne di Ciudad Juárez. Nel corso degli anni Novanta del secolo XX le cose si sono rapidamente modificate, anche perché il mercato della distribuzione cinematografica ha conosciuto profonde trasformazioni: la crisi del videotape e la diffusione dei formati del DVD e del DVIX hanno reso possibile, grazie ai menù interattivi, l offerta al circuito home video di una serie di opzioni che, oltre a permettere una combinazione abbastanza libera di versioni doppiate e sottotitoli, rendono facilmente accessibili anche una serie di contenuti speciali e featurettes. A fianco dei trailers cinematografici e televisivi, questi menù includono spesso documentari sul casting, gli effetti speciali, le locations e la lavorazione, brevi interviste con attori, registi e sceneggiatori e, soprattutto, commenti in voice-over che accompagnano la riproduzione del film sequenza per sequenza, evidenziando, sia pure in forma aneddotica, i problemi e le soluzioni, anche linguistiche, che hanno caratterizzato le riprese di ogni scena. Analizzando questo tipo di materiali, ancora poco studiati, ma a mio giudizio di grande interesse (sia dal punto di vista documentario che da quello delle strategie promozionali e di comunicazione), è a volte possibile allestire, anche per l audiovisivo, qualcosa di simile ad un abbozzo di dossier genetico promozionalmente autorizzato. In modo assai più puntuale che non le tradizionali visite agli studios o ai set,

3 3 di 13 20/05/ queste incursioni guidate nei talleres della produzione cinematografica ci mettono in contatto non solo con le pratiche, ma anche con la logica, i presupposti e gli intenti di un attività in cui l artigianato (cioè il lavoro dei tecnici, dei truccatori, dei costumisti, degli scenografi, dei fotografi, delle comparse, dei cascatori e, cosa abbastanza nuova per il cinema USA, persino dei sottotitolatori e dei doppiatori) è ormai diventato la principale camera di compensazione tra le esigenze, non sempre complementari, di arte e industria, cultura e mercato, comunicazione e intrattenimento. Viste attraverso le lenti promozionali e ironicamente autocelebrative offerte da questi materiali, le scelte di mercato compiute dall industria cinematografica statunitense [1] per riprodurre e far funzionare sullo schermo l intarsio linguistico e culturale della frontiera messico-americana, rendendolo al tempo stesso credibile e accettabile, evidenziano la natura infraideologica dell operazione e presentano due caratteristiche principali: a) sono consapevolmente artificiali e b) nascono da un compromesso tra diverse esigenze, quasi mai esclusivamente realistiche e/o documentarie. 2. Video/Cinema/Video: andata e ritorno in classe ultraeconomica Proprio nel decennio di cui stiamo parlando, segnato anche dai primi effetti del NAFTA, il texano Robert Rodríguez (nato a San Antonio nel 1968) si è affermato come cineasta professionale, dedicando alla rappresentazione del mondo della frontiera messico-americana ben quattro film la trilogia composta da El Mariachi, 1993, Desperado, 1995, e Once Upon a Time in Mexico, 2002, e il road-movie/horror From Dusk Till Dawn, realizzato in tandem con Quentin Tarantino nel Questi film, insieme ad un episodio di Four Rooms, alla popolarissima serie Spy Kids, e alla versione cinematografica della Sin City fumettistica di Frank Miller, hanno contribuito non solo a trasformare Rodríguez, come lui desiderava, in un vero e proprio Hollywood player uno dei giocatori professionisti della squadra di Hollywood, ma anche a farne uno degli Hollywood players più amati dalle case di produzione, sedotte dal suo talento per la vita da mediano, cioè dalla sua abilità nell utilizzare la creatività e l artigianato digitale per far sembrare un film molto più costoso e ricco di quanto in realtà non sia. Questa capacità di combinare logiche da cinema d azione e di intrattenimento con tecniche di contenimento delle spese tipiche delle produzioni indipendenti e low budget (riprese intensive e concentrate; stars a contratto per pochi giorni, grazie a personaggi che muoiono presto; locations economiche; effetti semplici; buoni stuntmen) nasce dalla combinazione tra un talento multiforme (Rodríguez è anche musicista, animatore, disegnatore di fumetti, scenografo e montatore) e una bruciante passione per i B-movies e, in particolare, per gli spaghetti western (molti dei quali, è bene ricordarlo, mettono in scena il Messico e il mondo della frontiera messico-americana). Per ciascuno dei film sulla frontiera che gli hanno consentito di trasformarsi in un regista di successo Rodríguez ha usato una strategia linguistica e produttiva diversa, sempre allo scopo di ottimizzare il rapporto tra costi (cioè budget) e creatività (misurata in termini di aspetto del risultato, che Rodríguez chiama look del film e che in realtà definisce il modo di porsi del film rispetto al mercato). Scegliendo di presentarsi come un low budget exportation film, cioè come lungometraggio di finzione autoprodotto a bassissimo costo (7.000 dollari!) e destinato al mercato home-video messicano, El Mariachi è di fatto un film monolingue, caratterizzato da un uso sistematico dello spagnolo, altrettanto sistematicamente sottotitolato in inglese. Il punto di vista che il racconto e la cinepresa documentano è quello di un artista marginale, mutilato nella sua creatività e nei suoi sogni di uomo tranquillo dalla violenza criminale della moderna frontiera. La massima aspirazione del Mariachi sarebbe infatti un esistenza semplice, pacifica e ultratradizionale, un'esistenza da uomo-fortezza, passata facendo la posteggia, come il padre, il nonno e il bisnonno, nei non luoghi per turisti di un México lindo da cartolina, grazie a pratiche autoesotizzanti che monetizzano la circostanza di trovarsi South of the border. Il personaggio di El Mariachi vuole insomma essere un doppio (o una copia ennesima) dei suoi antepasados, andare come loro de pueblo en pueblo, prolungando ritualmente la vigenza del loro mito. Il guaio è che i pueblos non ci sono più. Il loro posto è stato preso dalle bordertowns, cioè dalle piccole capitali della industria maquiladora e del contrabbando di droga e di uomini, ridotti simbolici e caricature bonsai del rapporto di compresenzaconcorrenza tra fortezza e mercato. L irruzione del narcotraffico e del contrabbando di immigranti clandestini, cioè del mercato e della violenza economica fronterizos, hanno stravolto le abitudini, le regole e i sogni di un microcosmo semidesertico, famigliare e folklorico. Tale contrasto è simboleggiato nel film da una tartaruga che cammina lungo l autostrada, portando con sé, dentro il carapace, tutto il suo mondo di fossile vivente. Come la tartaruga, anche El Mariachi porta con sé, sotto forma di guitarra enfundada, un intero mondo minacciato di estinzione. La guitarra enfundada rappresenta, in forma di oggetto concreto e portatile, tutto ciò che portatile non sarebbe, ma che con essa e grazie ad essa, un buon mariachi canta e sogna di costruire: un focolare completo di moglie, figli, cucina piccante, devozione alla vergine di Guadalupe e agli idoli del wrestling, ballate e corridos, altarino domestico con le immaginette dei santitos e un surtido completo di tutte le altre buone cose di pessimo gusto che definiscono i melodrammatici orizzonti del kitsch in salsa chili. Tutte queste cose vengono di colpo smentite, rese inattuali e cancellate dalla logica criminale della sopraffazione e del denaro facile. A Ciudad Acuña, stato fronterizo di Cohauila, Messico, l uomo fortezza e il suo mondo si trovano esposti alla spietata concorrenza degli uomini-mercato (i musicisti che lavorano con basi preregistrate, ma soprattutto i matones, che usano le custodie degli strumenti musicali per trasportare armi e droga). Sopravvissuto alla distruzione della sua innocenza e dei suoi sogni di felicità, ma ormai assediato dalla violenza e contagiato dal germe-demone della vendetta, il protagonista si trova costretto ad accantonare i suoi ideali di pace e ad adattarsi al nuovo scenario, trasformandosi a sua volta in un implacabile macchina ammazzacattivi, doppio non più dei suoi antepasados, ma dei suoi persecutori e dei suoi competitori. Il nucleo simbolico del destino scambiato e dello scarto tra contenitore e contenuto è cifrato nell immagine della custodia della chitarra: quella che contiene lo strumento appartiene al vero El Mariachi e lo identifica, ma può essere in ogni momento scambiata per e/o con un altra, che è piena di armi e appartiene ad Azul, un finto mariachi, che è in realtà uno spietato killer impegnato in una guerra criminale senza quartiere. Lo scambio delle custodie si sovrappone così ad uno scambio delle persone e delle personalità, generando una vera e propria tragicommedia degli equivoci, punteggiata di inseguimenti e ammazzamenti e destinata a culminare e trovare scioglimento in un finale melodrammatico, davvero degno di una canzone da mariachi.

4 4 di 13 20/05/ I due successivi episodi della trilogia ripropongono, in versioni via via più sofisticate e dispendiose, lo stesso personaggio, gli stessi scenari e lo stesso nucleo narrativo. A partire dal secondo episodio i due El Mariachi, quello vero e quello falso, l uomo pacifico e il vendicatore, diventano però un solo uomo, sempre più leggendario, triste e solitario. La vox populi della frontiera, raccolta e rilanciata di cantina in cantina, grazie ai fumi dell alcol e alle testimonianze di avventori che le sparano grosse, mescola i loro destini in un unico, interminabile corrido fronterizo. Facendo leva sui meccanismi della prenotorietà e sfruttando le amplificazioni narrative di una oralità da osteria, la resa dei conti del musicista-pistolero, che nasconde un arsenale nella custodia della chitarra, assume tratti mitici ed epico-leggendari, sconfinando nella iconologia, tipicamente messico-americana, dell eroe mascherato e giustiziere, quella, per intenderci, cui appartengono Zorro e El Santo, tricksters semidivini la cui vendetta personale trascende il loro caso e si trasforma nella vendetta di tutti i ninguneados della terra (del resto, già alla fine di El Mariachi, gli uomini che compongono la banda del perfido Moco rinunciano a vendicarne la morte, preferendo vendicarsi sul suo cadavere delle umiliazioni che il capo aveva loro inflitto quando era ancora vivo). Grazie alle nuove possibilità offerte dalla videotecnologia, sia per girare, che per ritoccare il girato, la vicenda finisce anche per diventare una occasione di coscienza critica, in cui ogni nuova versione del film diventa specchio infranto della precedente e fa da controcanto alla progressiva inclusione di Robert Rodríguez nelle mappe del sistema hollywoodiano. Attraverso l autoremake e lo pseudo-sequel della stessa storia, Rodríguez fotografa insomma ogni gradino della sua personalissima scalata a Hollywood. In fondo, proprio come il suo El Mariachi, è condannato ad una paradossale escalation della e nella dimensione, tanto caricaturale da diventare a tratti quasi metafisica, della propria marginalità. Se Santana è Supernatural, Rodríguez è Supermarginal, il Superman dei marginali, una versione da comix americano del mitico lottatore El Santo, Cara de plata, el vengador de los jodidos. [2] È vero che ha sempre più soldi a disposizione (per Desperado ha a disposizione sette milioni di dollari, cioè mille volte di più che per El Mariachi), ma è ancor più vero che la differenza tra i soldi che ha e la puntata minima della partita che deve e vuole giocare diventa ogni volta più alta. Come nel Bildungsroman ottocentesco, la ribellione del giovane Rodríguez alle leggi e ai meccanismi del sistema produttivo (efficacemente raccontata nel libro autobiografico Rebel Without a Crew e nel corto Ten Minutes Film School) non ha però alcuna finalità sovversiva. Costituisce anzi un paradossale percorso di iniziazione e integrazione. Diversamente da Corman o dal movimento degli indipendenti, Rodríguez non ha alcuna intenzione di abbattere Hollywood o di creare un circuito radicale e alternativo fuori da Hollywood. Al contrario, ciò che più gli interessa e ciò che più desidera è proprio di entrare a far parte del mondo dello show biz professionale, convincendo quelli di Hollywood a metterlo alla prova e a dargli un opportunità di dimostrare ciò che può rendere (in termini commerciali). Ciò che vuol sottolineare e tradurre in pratica è proprio la sua capacità di sopravvivere da marginale (cioè restando intimamente marginale, allo scopo di preservare il nucleo della propria creatività) dentro e non contro il sistema hollywoodiano. Questo culto della marginalità e dell autoironia (cioè delle coordinate dell identità fronteriza da cui secondo Rodríguez dipende la sua vitalità di creatore) è tale che, persino quando ha potuto permettersi una villa a Hollywood, il giovane regista ha speso gran parte dei suoi soldi e del suo tempo non in piscina o in giardino, ma in cantina e in garage, elaborando e realizzando, con i suoi Troublemakers Studios, l utopia domestica di una home-made production, un barbecue elettronico capace di mettere nel piatto dello spettatore i sapori forti di un cinema tecnologico letteralmente cucinato in casa. Mentre la strada che porta da El Mariachi a Desperado è quella di un video-maker che diventa film-maker, conquistando in un sol colpo fama, budget e pellicola, il più lungo cammino che sfocia in Once Upon a time in Mexico coincide con il percorso inverso, cioè con la volontaria rinuncia alla celluloide tanto faticosamente conquistata e con un consapevole ritorno al digitale, divenuto nel frattempo la nuova frontiera tecnologica della produzione cinematografica. La carriera del ragazzo prodigio Robert Rodríguez, per quanto folgorante, non è stata abbastanza rapida. Bob the Quick took his time. La tecnologia video è cresciuta e si è affermata a Hollywood assai più in fretta di lui. Proprio quando credeva di essersela lasciata alle spalle e cominciava a provarne nostalgia, se la è ritrovata davanti, come un nuovo orizzonte creativo, nel paradosso di un progresso che sa di ritorno alle origini, cioè a El Mariachi. Dal punto di vista della tecnica di ripresa e montaggio la trilogia si configura dunque come un curioso viaggio di andata e ritorno, dal video tradizionale al digitale evoluto, passando per uno struggente canto del cigno della pellicola ( la materia di cui sono fatti i sogni, perfetta icona del mondo degli antepasados, tanto idealizzato dal protagonista). Dal punto di vista linguistico assistiamo ad un analogo movimento di andirivieni: dal monolinguismo spagnolo di El Mariachi, film girato in Messico e con attori messicani e messico-americani, si passa al sostanziale monolinguismo inglese di Desperado, realizzato come remake hollywoodiano e in pellicola di un film messicano, indipendente e in video, per poi approdare al bilinguismo-mistilinguismo che caratterizza Once Upon a Time in Mexico, film nel quale le due lingue si intrecciano e si alternano in proporzione quasi paritaria e con relativa libertà, sia pseudo-documentaria che narrativa. Quale che sia il giudizio sul valore artistico e la qualità cinematografica di El Mariachi (a mio personale si tratta di uno action movie assolutamente compatto assai più dei suoi due remake e tutt altro che banale nel rapporto tra i significanti che nello action movie sono fondamentali e i significati che nello action movie sono, e soprattutto devono essere, meno articolati possibile), il primo episodio della nostra trilogia-tetralogia è un prodotto curioso, soprattutto per ragioni di corte y confección. Prima ancora di essere e di proporsi come home-video (in realtà si tratta in gran parte di un travestimento retorico, dato che l esibizione della condizione di videodipendenza serve a Rodríguez per arrivare a superarla, vendendo i diritti del film ad una casa di produzione, la Columbia, disposta a gonfiarlo e distribuirlo in pellicola) è e si propone come home-made-video, cioè come un esercizio di cucina casalinga, povera e artigianale, compiuto di persona, mettendo il più possibile le mani in pasta (cosa che a Rodríguez piace molto anche fuor di metafora, come documenta il corto Ten Minutes Cooking School, dove il regista tira fuori la carne dal frigo e prepara personalmente una gigantesca porzione di puerco pijil, dando prova di avere conservato negli anni una fedeltà quasi patologica alla passione, tipicamente tex-mex, per il frigo grande, i barbecue e gli home-made-dishes). Ne derivano una autorialità e una creatività artigianalmente strabordanti (dal montaggio, alle musiche, agli story-boards ai titoli di

5 5 di 13 20/05/ testa e coda, Rodríguez è un vero e proprio one-man-band), ma molto restie ad essere identificate come artistiche. Riciclando una retorica che, nella storia del cinema americano, ha precedenti più che illustri (su tutti la celebre autopresentazione Mi chiamo John Ford e ho fatto dei western ), Rodríguez non si è mai né percepito, né proposto come artist (neppure nella peculiare e meno pretenziosa accezione di American artist, cioè di pop star), ma sempre e solo come player Hollywood player e/o come maker film-maker. Lungi dall essere una mania personale, il motivo dello home-made cooking ha avuto un ruolo molto importante sia nella elaborazione del mito della identità popolare e culturale messicana (spiccatamente familista), sia nella definizione delle pratiche simboliche e simbiotiche che identificano come peculiare la cultura tex-mex, intesa come ibridazione tra cucina messicana e cucina statunitense del sudovest (un ottima introduzione alla questione è offerta, in termini di cultural studies, dalla monografia di Jeffrey M. Pilcher, Que vivan los tamales! Food and the Making of Mexican Identity, University of New Mexico Press, Albuquerque, 1998, analisi molto attenta alle intersezioni tra la strutturazione del Tortilla discourse e le riarticolazioni dell immaginario nazionalista messicano, in rapporto a processi storici di ampia portata come la Rivoluzione e la globalizzazione). Il motivo del cibo, inoltre, è fondamentale nel neorealismo e nella commedia all italiana [3] e, di conseguenza e fin dal nome, anche nello spaghetti-western, un genere che, oltre ad essere molto legato alla rappresentazione della frontiera messicostatunitense, ha una presenza e un peso fin troppo evidenti nel pantheon metacinematografico di Rodríguez (grande ammiratore di Sergio Leone, come dimostra anche la scelta di un titolo come Once Upon a Time in Mexico, calco del famoso C era una volta in America). La sequenza iniziale di uno degli ultimi cortometraggi realizzati da Rodríguez prima di El Mariachi, cioè Bedhead (1990), può essere considerata un buon esempio di questa centralità del cibo nella ritualità famigliare della comunità tex-mex. La vicenda, narrata con toni molto fumettistici (i titoli di testa sono animazioni disegnate dallo stesso Rodríguez) e con un modo di filmare visibilmente influenzato dallo spaghetti-western e dal cinema horror, racconta della rivalità e dei dispetti reciproci tra David, un fratellone sovrappeso, sporco, sciocco, crudele, volgare, rumoroso e un po bulimico, e Rebecca, una sorellina magra e sveglia, che, in seguito ad una caduta accidentale, si ritrova dotata di superpoteri, che impara prima ad usare e poi a controllare, coltivando il sogno di diventare la prima donna messico-americana a raggiungere la Presidenza USA e consumando in serie una furiosa vendetta e uno spietato perdono. La rivalità tra fratello e sorella e più in generale il sentimento di hermandad è del resto un tema tipico del cinema di Rodríguez: ricompare in From Dusk Till Dawn/Dal tramonto all alba, 1996, e costituisce uno dei motivi strutturali della serie Spy Kids. Quanto alla sequenza vendetta-perdono è appena il caso di dire che si tratta di uno dei nuclei tematico-narrativi portanti del cinema di Rodríguez e Tarantino, vertebrando tanto la serie di El Mariachi quanto quella di Kill Bill. In Bedhead la presenza familiare non si limita al racconto, ma caratterizza in modo macroscopico l intera macchina produttiva. La casa di (auto)produzione è davvero la casa di famiglia: si chiama Los Hooligans e deve il suo nome ad una pubblicazione di comix realizzata interamente da Rodríguez negli anni della high school. La serie a fumetti era specializzata in disavventure famigliari ispirate a quelle del regista e dei suoi numerosi fratelli e sorelle, quattro dei quali, David, Rebecca, Elisabeth e Maricarmen, detta The Fashion Monster, compongono in effetti l intero cast di Bedhead. Quanto al cibo, la sua presenza è evocata già nei titoli animati, con il nome del film letteralmente ruttato da un bambino che ha appena ingoiato una cucaracha. Nella sequenza di presentazione, David, copia in carne umana del bambino di carta dei titoli, reso facilmente riconoscibile dai capelli in disordine e sparati per aria (da cui il titolo del film), fa colazione con due delle sorelline, che, schifate dal suo modo di mangiare, sognano di venderlo agli arabi per potersi comprare nuove bambole, con cui sostituire quelle che lui si diverte a vandalizzargli, mutilandole e deturpandole in vario modo. Mentre loro lo guardano atterrite, David si mangia una banana e una confezione intera di cornflakes, sporca la tovaglia, si sbrodola tutto e (proprio come nei titoli di testa) ingoia persino uno scarafaggio. Il cibo e il diverso rapporto col cibo funzionano da chiave caricaturale, sia per definire la psicologia dei personaggi, sia per caratterizzare la situazione e chiarire la natura delle loro relazioni. Rispetto a Bedhead, che dura pochi minuti, El Mariachi si presenta, in ogni senso, come un progetto assai più ambizioso, ma lo spirito dell impresa, gli ingredienti e il modo di lavorare sono simili: scene di azione, effetti, evocazione esplicita dei generi e dei relativi orizzonti di aspettativa, desiderio di fare un film capace di mettere in forma ed esplorare tutti i propri limiti (artistici, economici, tecnici e imprenditoriali), ma anche (anzi, soprattutto) di metterli in scena, arrivando a contenere, come parte essenziale del proprio messaggio, una spietata parodia di se stesso e un corrosivo mockumentary del proprio making of. Se la presenza di questo effetto di doppio e triplo fondo è quasi scontata per Desperado e Once Upon a Time in Mexico, che hanno la possibilità di strizzare l occhio in modo esplicito all esistenza di una precedente testualizzazione del proprio nucleo narrativo, il fatto che la dipendenza della realtà dal racconto sia già ben percepibile e abbondantemente documentata in El Mariachi è meno ovvio e fornisce più di un motivo di riflessione. In El Mariachi il senso di un destino già scritto è innescato da quattro elementi: la voce in off del protagonista (che trasforma in voce narrante un senno di poi reticente ed ellittico); i suoi inquietanti sogni premonitori; il dolente saper vivere sedimentato nei testi delle sue canzoni e, da ultimo, un repertorio di situazioni narrative facilmente riconoscibili, perché codificate dal cinema di genere. Subito dopo l animazione del logo della Columbia, che, parola di Rodríguez, è sicuramente costata più di tutto il resto del film, le immagini ci proiettano direttamente (cioè senza titoli di testa) in medias res (tecnica che viene mantenuta anche in Desperado e in Once Upon a Time in Mexico, venendo così a costituire una costante strutturale della serie). Con molta azione e relativamente poche parole vediamo l inizio di una sfida mortale a distanza tra due antichi complici, uno dei quali, lo straniero Mauricio detto Moco, ha tradito la fiducia dell altro, un messicano conosciuto come Azul. Al pari di Mr. Blue, Mr. Brown, Mr. Orange, Mr. Pink, Mr. Black e Mr. White, i sei colorati men in black di Le iene di Quentin Tarantino, uscito l anno prima, anche Azul anda de negro ed è, a tutti gli effetti, un uomo nero, un taciturno bogeyman da cinema sul narcotraffico, armato fino ai denti, circondato da puttane bellicose e sempre attaccato ad un telefono nero. Il suo contraltare, Moco (Peter Marquardt), veste

6 6 di 13 20/05/ di bianco, vive in una villa con piscina, si circonda di giovani mantenute e sibila ordini lapidari in un telefono rigorosamente bianco, pronunciando frasi gelide e serpentine con uno spagnolo fluido e colloquiale, ma caratterizzato da un riconoscibile accento yanqui. Solo dopo i titoli di testa, che separano la scena di presentazione dal vero inizio del film, vediamo finalmente il protagonista (Carlos Gallardo), un giovane chitarrista che, in un tipico scenario da road movie, sta facendo l autostop senza troppa fortuna lungo una strada semideserta dello stato messicano di Cohauila. La sua voce in off ci informa che Ese día, al amanecer, era un día como cualquier otro, sin amor, sin suerte. Sin aventón (...) Pero lo que yo no sabía era que mi tiempo se acababa.... La strada, percorsa insieme a lui da una tartaruga dall evidente valore simbolico, lo porta dritto fino a Ciudad Acuña. Il fatto che un cartello stradale la definisca tierra de la amistad e che all ingresso della città un venditore ambulante gli regali una razione di latte di cocco gli pare decisamente di buon augurio: El coco gratis al filo de la ciudad hizo sentirme [costruzione del pronome enclitico tipicamente messicana] que era la ciudad de la buena suerte, pero estaba totalmente equivocado. Come si vede la voce in off, introducendo elementi di futurità, tende a anticipare gli eventi, producendo un effetto di prefigurazione e di destino che è essenziale per la traslazione epica ed eroicomica della vicenda. Giunto in città il giovane chitarrista inizia a cercare lavoro, andando di cantina in cantina, ma tutti lo guardano storto e ridono di lui perché non beve alcolici, ma soprattutto perché, nonostante lui continui a ripetere che lavora por casi nada (altro giro di frase molto messicano), il mercato della musica dal vivo è ormai dominato da musicisti che lavorano con tastiere elettriche e basi preregistrate. Con tono crudele e profetico, un cantinero gli dice: Si quieres ganarte una vida real, consíguete un instrumento que valga la pena, cabrón! La pianola elettronica di cui parla il cantinero non è che un simulacro provvisorio del vero strumento del destino, adatto alle nuove regole della vida real. Ben presto sarà infatti sostituito dalle armi da fuoco di Azul, tirate fuori, con evidente omaggio alla legge del contrappasso, da una custodia per chitarra. Mentre Azul suona la sua musica, facendo piazza pulita degli avventori del bar, colpevoli unicamente di lavorare per Moco, l ignaro El Mariachi va alla ricerca di un posto per dormire. Il suo credo tradizionalista, affidato ancora una volta ad una voce in off sovraccarica di senso del poi, offre al film una prima e provvisoria chiave di lettura: Qué le pasó a los días cuando los guitarristas eran dioses?...como mis antepasados... La tecnología nos comprime, robándonos la cultura, convirtiéndonos en máquinas. Nonostante la successiva trasformazione del protagonista in pistolero a su pesar sia senz altro un ottimo esempio dei devastanti effetti di questa compressione, è quantomeno curioso che sia proprio un regista tecnologicamente creativo e aperto alle innovazioni come Rodríguez a dar voce, attraverso i suoi personaggi, ad un fondamentalismo antitecnologico tanto pessimista e radicale. Il fatto di essere uno straniero senza nome e di andarsene in giro con una custodia per chitarra trasforma ben presto El Mariachi in un involontario alter ego di Azul, inseguito e perseguitato ovunque dagli uomini di Moco e salvato soltanto dalla loro imperizia e dalla protezione accordatagli dalla bella cantinera Dominó, nientemeno che la vieja de Moco (ancora una volta con un uso tipicamente messicano del termine). I messicanismi (come pendejo, güey, ahorita, estar en el teléfono, estar empiernados) e i frontierismi (come subirse en la troca, etc.) punteggiano del resto i dialoghi dell intero film, molto messicano anche nell umorismo, con battute come: Qué puta es esto? Día del mariachi? (detto dal cantiniere ad Azul, che entra nel locale poco dopo il protagonista). Y cuidado con mi pítbul (detto da Dominó a El Mariachi, dopo avergli indicato la camera in cui potrà nascondersi e riposare). Si se llama Azul... cómo no anda de azul? (detto da El Mariachi a chi gli spiega che gli sparano perché anche lui, come Azul, anda de negro ). Oppure con dialoghi pieni di sottintesi, come questo (tra El Mariachi e Dominó, sui rapporti tra la stessa Dominó e Moco): Novio? No. Gringo? Sì. Ancor più messicani sono il senso del macabro, con il bambino che, nell incubo ricorrente di El Mariachi, vuol giocare a pallone con una cabeza cortada, e i nomignoli dei guachimanes di Moco: Al Piña y al Taco los mató El Mariachi (detto da El Loco, facendo rapporto a Moco). Il concitato finale ha i toni melodrammatici di un bolero. Con una frase che è quasi una citazione da Demasiado corazón ( Nunca serás tan grande como yo. Es que tienes mucho corazón ), Moco non solo elimina Azul, ma, accecato dalla gelosia, regola i conti anche con El Mariachi, che, pur senza averne l intenzione, vino a mi tierra, mató a mis hombres e se cogió a mi

7 7 di 13 20/05/ vieja. Per vendicarsi dell occasionale rivale, Moco uccide la propria ex amante e mutila il protagonista, sparandogli alla mano per impedirgli di continuare a suonare. Con la mano rimasta El Mariachi raccoglie una delle pistole di Azul e, prendendo atto del suo nuovo destino, ammazza il boia della propria felicità. Con le armi ereditate da Azul e la moto e il cane ereditati da Dominó, El Mariachi, ormai trasformato in pistolero e in sopravvissuto, parte verso un futuro senza musica, fatto di violenza, solitudine e disperata nostalgia della pace perduta: Perdí mi guitarra, mi mano e a ella (...) y no sé si volveré a tocar, pero con el perro y las armas... estoy preparado para el futuro. Il futuro più immediato, legato al destino commerciale del film, porta la vicenda di El Mariachi molto lontano dal mercato home-video messicano al quale il film era in apparenza destinato (per raggiungere i novanta minuti necessari con soli settemila dollari e partendo da una sceneggiatura di sole quaranta pagine, Rodríguez ha girato molte sequenze in slow motion, con lunghi inseguimenti e sparatorie, pieni di short cuts e di immagini riciclate e montate più volte). Il film che racconta la storia dell eroe che suo malgrado cambia vita subisce un destino parallelo a quello del suo protagonista, cambiando pubblico e lingua. Columbia Pictures ne compra i diritti, lo gonfia, lo sottotitola e lo lancia come cult movie sul mercato statunitense. Proprio per questo il theatrical trailer non include frammenti di dialogo, ma solo musica, cartelli in lingua inglese ed immagini in slow motion. Rivolgendosi direttamente al suo pubblico (quello americano), Columbia aggiunge un anello alla catena del gioco del doppio, paragonando la scommessa fatta sul ventitreenne Rodríguez e il suo El Mariachi con quella vinta poche stagioni prima puntando sul ventitreenne John Singleton e il suo Boyz N the Hood (dramma sociologico lento,violento e sessista sull adolescenza rap e criminale dei giovani neri di Los Angeles). Prima di essere riconosciuto come una versione Tex-Mex di Tarantino, Rodríguez viene dunque lanciato come un John Singleton ispanico. Questa presentazione e il riassunto della vicenda di El Mariachi offerto dai cartelli che scandiscono il montaggio del trailer cinematografico fotografano bene gli effetti prodotti sulla ricezione del testo dal cambiamento di destinatario e di strategia commerciale: He came to town / with a guitar in his hand / and romance in his heart / He wasn t looking for troubles / but troubles came looking for him... (Era venuto in città, con la chitarra in mano e il cuore aperto all amore. Non cercava guai, ma i guai sono venuti a cercarlo). È, di fatto, il primo decisivo passo verso il professionismo cinematografico di Desperado. Nonostante il sostanziale monolinguismo narrativo che lo caratterizza, Desperado, realizzato due anni dopo il lancio di El Mariachi, è un prodotto se possibile ancor più ambiguo, ibrido e fronterizo, sempre in bilico tra remake e sequel, tra action movie e musical. A distanza di oltre dieci anni possiamo oggi tornare sulla questione del rapporto tra El Mariachi e Desperado usando come pietra di paragone il rapporto tra i due episodi di Kill Bill di Quentin Tarantino. La vendetta è ab origine, un gesto di duplicazione ( occhio per occhio, dente per dente ), in cui l elemento progressivo (il sequel) si mescola e si confonde, in itinere, con quello reiterativo (il remake). L unico segno decifrabile che consente di trasformare la copia in atto di riformulazione creativa è la coscienza della necessitàimpossibilità di proporzionare il torto subito a quello restituito. Mentre il primo danno, per quanto premeditato, non può che essere occasionale, la vendetta che ne segue e ne consegue è comunque il frutto di un percorso sistematico, deliberato e fin troppo consapevole. La memoria di ciò che si è patito si dilata e si intensifica nella coscienza dell offeso fino a diventare ossessione e rilancio (ne deriva il ben noto principio per cui a brigante, brigante e mezzo ). Il danno infatti non si limita all offesa subita, ma si amplifica per effetto della vendetta stessa, generando una escalation senza fine. Ciò che l offeso non può perdonare è il fatto che, spingendolo a vendicarsi, l offensore lo rende simile a sé, lo obbliga a farsi doppio, sosia e caricatura del suo odiato carnefice. Dovendo compensare anche questo danno morale, la violenza restituita non può che essere un po maggiore di quella subita, innescando una spirale che si autoalimenta: essendo ingiustamente violento con me, mi obblighi a diventare giustamente violento con te, cioè non solo violento, ma un po più violento con te di come tu sei stato con me; questa overdose di violenza, alla quale mi obblighi, è un ulteriore torto che mi fai, per raddrizzare il quale sono costretto a diventare ancora un po più violento con te, subendo così un nuovo danno, che mi obbliga ad una più alta dose di violenza, etc. Questa logica perversa era perfettamente illustrata dal finale di El Mariachi, là dove la vendetta di Azul nei confronti di Moco interseca quella di Moco nei confronti del protagonista, finalmente riconosciuto da lui come vero antagonista (in quanto amato da Dominó) e non più come occasionale doppio di un antagonista (in quanto involontario sosia di Azul). Uccidendo la donna, Moco avrebbe pareggiato i conti (tu hai rubato la donna a me, io rubo la donna a te), ma pareggiare i conti non basta: proprio per questo Moco ha bisogno di andare oltre e mutilare El Mariachi, obbligandolo ad entrare a sua volta nella perversa spirale della vendetta, una spirale che nel finale aperto del film diventa cifra di un destino, allorché il protagonista, prendendo con sé la custodia-arsenale di Azul, rende definitivo lo scambio di identità iniziale e si trasforma, con consapevole rassegnazione, in un cercatore di guai. Quando arriverà nella prossima città, with a gun in his hand / and no romance in his heart, i guai non dovranno più darsi la pena di andare a cercarlo. Farà lui il primo passo, andando loro incontro a braccia aperte. La logica malata di questa metamorfosi da eroe per caso a leggenda fronteriza è riassunta alla perfezione dalla promozione di Desperado: He came back to settle the score with someone. Anyone. EVERYONE (Era tornato per pareggiare i conti con qualcuno. Con non importa chi. CON TUTTI QUANTI). Dal punto di vista formale l abuso dei registri di duplicazione e l intensificazione stilistica paiono inevitabili e si configurano come una specie di destino, tragico e parodico insieme. Il risultato, sempre secondo la macchina promozionale del film, è infatti uno stylish shoot-em-up (un iperstilizzato ammazzali tutti) e una south-of-the-border Pulp Fiction, dove il lemma pulp fiction assume un fin troppo evidente doppio valore: da un lato ha come orizzonte il mondo violento ed esplosivamente seriale della letteratura pulp, cioè qualifica Desperado come una pulp fiction ambientata in Messico, dall altro rinvia alla geniale reinvenzione cinematografica fattane solo un anno prima da Quentin

8 8 di 13 20/05/ Tarantino, il che trasforma Desperado, oltre che in un remake nordamericano e hollywoodiano di El Mariachi, in un remake alla messicana del cult movie per eccellenza degli anni Novanta, facendo di Rodríguez una specie di ethnic-tarantino, un Tarantino da messico-americani. Il tutto è reso ancor più evidente dal fatto che Tarantino ha una piccola parte nel film e che la sua amicizia con Rodríguez, documentata anche da Four Rooms e dal progetto di From Dusk Till Dawn, stava notevolmente contribuendo ad amplificare la fama e ad accelerare la subida al cielo del estrellato hollywoodiense del giovane regista di San Antonio. Ne offre la riprova, ove mai ce ne fosse bisogno, il theatrical trailer del film, che anche in questo caso è quasi muto, anche se non per ragioni linguistiche. All inizio Banderas guarda in macchina e dice Let s play!, giocando ovviamente sull ambiguità semantica del verbo (che vuol dire sia Musica! che Buon divertimento ). Segue, accompagnato da suono di percussioni e non di chitarra, un montaggio mozzafiato di frammenti di sparatorie, inseguimenti e acrobazie, che si conclude con Tarantino che, in primo piano, raccomanda il film, dicendo: Uuuuh, it s real cool, you know?. Il contrappunto tra le chitarre e le percussioni nei due trailers quasi muti corrisponde perfettamente a quello tra spagnolo e inglese nei due film. In questo vero e proprio esercizio di scomposizione e ricomposizione dello stereotipo messicano, lo spagnolo e le chitarre incarnano il mito del Messico appassionato e lirico, llorón e sentimentale (il celebre Ay, ay, ay, ay! delle orchestre mariachi); l inglese e le percussioni danno invece voce al mito del Messico passionale ed eroicomico, violento ed esplosivo. Una riprova a posteriori di questo sistema di equivalenze è offerta dall accompagnamento musicale del trailer del terzo film della serie, Once Upon a Time in Mexico, dove le chitarre del trailer di El Mariachi si alternano e si sovrappongono alle percussioni di quello di Desperado, per presentare un film bilingue, in cui lo spagnolo e l inglese sono presenti in proporzione sostanzialmente paritaria, sia nei dialoghi che dal punto di vista narrativo. Quanto al rapporto di doppio, che la macchina promozionale di Columbia con insistenza suggerisce, facendo di Tarantino l originale e di Rodríguez una sua copia in salsa chili, essa è cinematograficamente discutibile (i due registi, pur essendo amici e avendo molte passioni in comune, sono diversissimi per carattere e stile di lavoro), ma sottolinea opportunamente che il tema-problema del doppio e della duplicazione è uno degli elementi chiave nella logica della serie e del film: fin da El Mariachi, l io dell eroe manifesta un compulsivo orientamento in tal senso: all inizio della propria saga egli sogna di diventare un doppio del padre, del nonno e del bisnonno. Non è ancora tan bueno como ellos, ma está avanzando mucho. Per puro caso si trova invece a diventare prima un doppio di Azul e poi un doppio di Moco. Tutta la sua evoluzione psicologica si produce per identificazione e di stanziamento, procedendo non de pueblo en pueblo, come sperava, ma di doppio in doppio. L eroe, soprattutto se è tale suo malgrado, è sempre un uomo scisso: pacifista e giustiziere, angelo e demonio, Abele e degno fratello di Caino, chitarrista e pistolero, cantore de amores e suonatore di campane a morto, performer e killer. Alla fine di Desperado, quando, dopo avere risalito la piramide dell organizzazione criminale cui ha dichiarato guerra, ammazzando criminali e guachimanes sempre più pericolosi e acrobaticamente sempre più abili, il Mariachi-Pistolero (interpretato da Banderas, che assume il ruolo che era stato di Gallardo) arriva finalmente faccia a faccia con il suo vero nemico, scopre che il terribile Bucho non è che il perfido fratello maggiore César, che, costringendolo alla violenza, ne ha macchiato l innocenza a tal punto da renderlo simile a sé, una copia di sé. Quando, nel concitato finale, Banderas preme il grilletto, spara ad uno specchio in cui vede un immagine di sé che non gli piace e quando, per effetto di quello sparo, uccide Bucho, libera César prima e più che se stesso. Il modello psicologico è già il De Niro/Noodles di Once Upon a Time, in America di Sergio Leone, mutuato negli stessi anni anche da Diegues, in Orfeu, per mettere in scena lo scontro tra il protagonista (che porta il nome e il destino del più noto mariachi del mito greco) e il boss della favela Lucinho (che invece deve a Collodi il suo nome da cattiva compagnia ). La presenza di Banderas al posto di Gallardo (che in Desperado ha una piccola parte, formando, insieme ad Enrique Iglesias, il duo musicale con cui il protagonista si esibisce) è una chiave importante per capire il riassetto simbolico e comunicativo del film: mentre Gallardo, coproduttore di El Mariachi, era un amico di Rodríguez, la star Banderas accentua i tratti che rendono il personaggio un alter ego e un doppio del regista e della sua vicenda di parvenu nel mondo del cinema professionale. Banderas non è solo un attore di lingua spagnola internazionalmente noto, ma è anche un artista che, proprio come Rodríguez, era da poco diventato uno Hollywood player (il suo primo film americano è I Mambo Kings, di Arnie Glimcher, 1992, una produzione Warner Bros. tratta dal romanzo Mambo Kings Play Songs of Love di Oscar Hijuelos) e che, tra l altro, lo aveva fatto proprio specializzandosi nel ruolo del doppio. Columbia, che lo aveva scritturato e messo sotto contratto per il doppio ruolo di Two Much (1996), esordio americano del regista spagnolo Fernando Trueba, lo propone anche a Martin Campbell come protagonista di The Mask of Zorro (1998). Alla classica doppia vita Don Diego di giorno e El Zorro di notte del celebre eroe mascherato creato nel 1919 dal romanziere Johnston McCulley per la rivista pulp All-Story Weekly e portato al cinema con enorme successo per la prima volta l anno dopo da Douglas Fairbanks Senior per la da poco fondata United Artists, il film di Campbell, sceneggiato per Columbia da Ted Elliott, John Eskow e Terry Rossio, aggiunge una inedita complicazione generazionale. Il ritorno del vendicatore mascherato è reso possibile da uno sdoppiamento, sia fisico che simbolico, del motivo della vendetta e di quello della rigenerazione. Vent anni di prigionia nelle carceri del perfido governatore hanno trasformato il vero/vecchio Zorro, tanto aristocratico da essere interpretato da Sir Anthony Hopkins, in una specie di Conte di Montecristo, costretto, per evadere, ad inscenare la propria morte e ad uscire letteralmente dalla propria tomba, come un vampiro o uno zombi. Non potendo, per ragioni anagrafiche, dare corpo di persona (cioè dare il proprio corpo) all agognata vendetta, l anziano gentiluomo deve rassegnarsi ad agire indirettamente e per farlo ha bisogno di plasmare/plagiare una controfigura idonea, cercando, adottando ed addestrando al difficile ruolo di proprio stuntman di fiducia un nuovo Zorro, più giovane e aitante. Questo secondo Zorro altri non è che l impulsivo bandolero Alejandro Murrieta (Antonio Banderas), ripulito, rieducato e iniziato dal vero Zorro ai raffinati piaceri e alla ferrea disciplina della vendetta di sangue (che solo per caso coincide con la giustizia), nonché alle norme (belliche e galanti, di duello e di corte, d onore e di comportamento a tavola) della più rigorosa cavalleria spagnola. La coppia Hopkins/Banderas di Campbell fa il verso, con cinefila ironia, a quella composta da Connery e Lambert in Highlander, l ultimo immortale, di Russell Mulcaby, 1986, consentendo alla leggenda letteraria e aristocratica del giustiziere mascherato di redimere, attraverso un vero e proprio percorso di rieducazione, la leggenda storica ed antiaristocratica del banditismo sociale di frontiera. Il giovane Alejandro infatti altri non è che un immaginario hermano menor del noto Joaquín Murrieta (un celeberrimo bandolero di origine cilena, realmente esistito e celebrato da numerosi corridos, oltre che da una pièce teatrale di nientemeno che Pablo Neruda) dal quale era stato iniziato ai rumorosi ed anarcoidi riti del banditismo e della beffa alle

9 9 di 13 20/05/ autorità. Nel corso del film Alejandro non fa che passare da un tutore all altro: dopo avere perso il fratello maggiore, conquista, grazie alle dure lezioni del padre adottivo don Diego de la Vega, una raffinata via alla vendetta. Accettando come modello di azione e reazione una figura mitica come Zorro, il giovane Alejandro tempera la brutale reattività e gli eccessi di un carattere troppo focoso, consentendo al proprio istinto e al proprio coraggio di passare dal mondo violento della vendetta a caldo a quello calcolato della vendetta a freddo, consumata prestando il proprio corpo al redde rationem di un altra e più antica vendetta, accuratamente messa in scena dal suo mentore che, potendo ormai contare sulla presenza e la prestanza fisica di una controfigura adeguata, si permette il lusso di agire per interposta persona, riservando a sé stesso la parte del fido Bernardo. Rispetto all originale, il nuovo Zorro è assai più picaresco e popolare e, proprio per questo, più portato ad abusare acrobaticamente e coreograficamente del proprio atletismo, facendo dei duelli e dei balli, delle fughe rocambolesche e delle capriole, delle incursioni e delle provocazioni il nucleo di una temerarietà essenziale per garantire un aggiornamento e una efficace sopravvivenza della leggenda. Avvalendosi di una specie di cascatore, cioè di un alter ego destinato a sostituirlo nelle acrobazie e nelle scene d azione (anche sentimentali), il vecchio Zorro prolunga così vampirescamente la vitalità della propria immagine e del proprio mito (il film, tra l altro, ha anche un sequel, nel 2005, The Legend of Zorro, che presenta vari punti di contatto con la struttura sentimentale della trilogia di Rodríguez e in particolare con il rapporto tra El Mariachi e Desperado). Contrariamente a El Mariachi e analogamente a Desperado il film di Campbell, pur non essendo un vero e proprio musical, è molto coreografico (specie nelle scene di azione, costruite come assoli e duetti/duelli) e attribuisce grande peso, anche narrativo, alla colonna sonora (di James Horner), con canzoni romantiche assai ispaneggianti (interpretate da Marc Anthony e Tina Arena). Nonostante un cast molto più spiccatamente Latino di quello del film di Campbell (oltre a Banderas ci sono la Hayek, Almeida, Trejo, Iglesias, Gallardo, etc.), anche in Desperado lo spagnolo ha una presenza abbastanza marginale ed è utilizzato, quasi esclusivamente, come lingua di ambiente e di caratterizzazione. Di fatto è poco più che una appariscente verniciatura, fatta di accenti, rumori di fondo, scritte e nomi di luoghi e persone. Un discorso a parte riguarda la colonna sonora, firmata dai Gipsy King, con interventi e orchestrazioni dello stesso Rodríguez, e i testi delle canzoni, con diversi brani interpretati personalmente da Banderas. I numeri musicali e le scene in cui il protagonista suona e canta, prendendo molto più sul serio che nel precedente film la sua vocazione di mariachi, trasformano alcune parti del film in un vero e proprio stylish shoot-em-up-musical, rendendo omaggio all enorme debito che, fin dai tempi di Carlos Gardel e di Walt Disney, l esotismo Latino di Hollywood e del pop americano ha contratto con il folklore musicale dei Caraibi e del Sudamerica. La musica, l uso di simboli più aggressivi (l eroe non è più associato alla pacifica tartaruga che gli attraversa la strada, ma allo scorpione del deserto, che campeggia ricamato sulla schiena del suo giubbotto e che diventerà una vera e propria chiave iconografica in Once Upon a Time in Mexico) e, soprattutto, l avvolgente filtro dell oralità collocano il personaggio sempre più over the top, sul piano del big myth, di cui non si può parlare che in grand. Nel suo commento a Desperado, Robert Rodríguez dichiara di avere voluto parodiare e includere nel nuovo film, in questo modo, il gran rumore che aveva circondato El Mariachi, trasformandolo in cult movie: quando nella sequenza di apertura Buscemi mitizza la figura del protagonista, non fa che parlare della percezione esagerata che il pubblico aveva avuto del primo film. Tale percezione, secondo Rodríguez, è in parte dovuta alla presenza dello spagnolo e dei sottotitoli (che in Desperado sono usati solo per pochi secondi, in una sequenza improvvisata tra due attori messicani), elementi che influenzano in modo sensibile gli orizzonti di aspettativa del pubblico americano, modificando di conseguenza, la logica di fruizione dell intero film: La mia teoria è che la gente negli Stati Uniti non è abituata a vedere i film coi sottotitoli. In altri paesi entrano molti film fatti da noi, doppiati o sottotitolati e la gente non dà peso alla cosa. Noi no. quando un americano si siede e guarda un film coi sottotitoli ne ricava la sensazione di essere uno colto e quindi di saperne abbastanza da poter comunque capire il film. Guardando El Mariachi coi sottotitoli la gente rimaneva colpita da quanto poco sforzo richiedesse, il che è ovvio, dato che in fondo si trattava solo di un low-budget exportation-film. Il fatto che c erano i sottotitoli faceva sì che la gente lo guardasse più seriamente e ci trovasse dei subtexts e degli high purposes che non c erano affatto (...) Se avessimo girato anche Desperado in spagnolo, e poi lo avessimo sottotitolato, il pubblico lo avrebbe guardato diversamente. La gente è molto più incline a perdonare, con i film stranieri. Anche per questa ragione, le scelte di lingua e trattamento linguistico sono, con ogni evidenza, circostanziali e drammaturgiche. Non servono, se non in minima misura, a rendere il film più o meno realistico e credibile (come doppio del mondo), ma a qualificarlo esteticamente come oggetto di un certo tipo su e per un mercato di un certo tipo. Lo spettatore non solo negli USA tende cioè ad attribuire a un film in lingua originale e/o con i sottotitoli una dignità artistica e una categoria intellettuale superiori, dando alle immagini significati e valori che non si sognerebbe di associare ad un comune action movie, nemmeno se e quando l action movie in questione fosse, come nel caso di Desperado, un remake abbastanza fedele di un film precedente e ripetutamente evocato, vuoi attraverso una esplicita ed autoironica ricapitolazione iniziale, vuoi con una lunga serie di gesti, personaggi, inquadrature, oggetti di scena, ambienti e situazioni, vuoi, soprattutto, grazie alla pervasiva onnipresenza simbolica del mito pseudo-epico generato dalla prima versione, divenuta nel frattempo un cult movie. Per chi filma il Border, scegliere l inglese, lo spagnolo o un intreccio tra le due lingue non significa insomma scegliere un punto di vista, o una logica di documentazione, ma un pubblico, cioè il punto di incontro tra una nicchia di mercato e un orizzonte di attesa. Rodríguez ha il merito di trasformare la consapevolezza di questo meccanismo in una scommessa e in una cifra creativa, ricavandone non solo un estetica, ma anche un metodo di lavoro e di lavorazione (cioè di produzione e postproduzione). Mentre El Mariachi, girato without a crew, utilizzava in prevalenza amici messicani, Desperado dispone di una piccola troupe anglofona e ne utilizza i componenti anche per ricoprire i ruoli di contorno. Circa un anno dopo, nel 1996, esce From Dusk Till Down/Dal tramonto all alba, che, anche dal punto di vista del gioco

10 10 di 13 20/05/ linguistico, assomiglia molto a Desperado. La presenza dello spagnolo, per quanto significativa e connotante in alcuni passaggi, non è mai narrativa e risulta tutto sommato volutamente marginale e musicale. Il film è an action extravaganza (così lo definisce una recensione del critico Roger Ebert) di cui Rodríguez firma la regia, anche se l idea e la relativa autoría sono dichiaratamente condivise, dato che la storia è concepita e sceneggiata a due mani con Tarantino, che interpreta anche una delle parti principali. Lo schema narrativo iniziale è quello di un road movie, o, meglio, di un runaway movie che, mettendo al centro della vicenda una coppia di criminali in fuga verso il Messico e il sicuro rifugio di El Rey, sembra seguire la falsariga di Getaway, il cult movie interpretato da Steve McQueen, che Don Siegel e Walter Hill avevano ricavato nel 1972 dal romanzo omonimo di Jim Thompson. A differenza dei coniugi McCoy, i fratelli Gecko del film di Rodríguez riescono però ad attraversare la frontiera (sequestrando la famigliola in vacanza di un burbero pastore protestante, interpretato da Harvey Keitel) ed a raggiungere, sul far della sera, il luogo del loro appuntamento South-of-the-Border con chi dovrà portarli a El Rey. Il luogo si chiama Titty Twister ed è una tipica location da road movie: un roadside night club, un bar de chicas per camionisti, costruito sulle rovine di un antico tempio azteco e open dusk till dawn. Proprio come nella cantina della sequenza iniziale di Desperado, anche al Titty Twister the customer is always wrong (il cliente ha sempre torto). All arrivo della notte, infatti, le ragazze, i baristi, i buttafuori e i clienti abituali si trasformano in vampiri, succhiando vita e sangue agli avventori di passaggio. L inattesa svolta della narrazione trasforma la seconda parte del film nella parodia splatter di una enorme scazzottata-sparatoria da spaghetti-western, abbastanza simile alle leggendarie mattanze da saloon che, in Desperado, vertebravano la mitologia cantinera del pistolero-mariachi, con le armi nascoste nella custodia della chitarra. Per quanto possa sembrare bizzarra ed inattesa, l irruzione dei vampiri risponde in realtà ad una rigorosa economia simbolica, offrendo al film una interessante chiave di lettura, al tempo stesso transculturale e metacinematografica. L attraversamento della frontiera viene fatto coincidere, fin troppo intenzionalmente, con un repentino cambiamento di genere: da road movie criminale il film si trasforma in pochi secondi in uno splatter demenziale o, per dirla con Peter Jackson in una notte dei morti dementi. Tutti gli spazi ne risultano violentemente connotati: gli USA sono l inferno da cui i Gecko fuggono e di cui sono il prodotto; El Rey è la terra promessa e, se non il paradiso, almeno un paradiso. Di conseguenza, il Titty Twister, nonostante le connotazioni da girone dantesco che ne caratterizzano l atmosfera, è in realtà uno specchio della frontiera: un purgatorio, una terra di mezzo, uno spazio di esodo, di prova e di rigenerazione, la noche oscura che deve essere attraversata per intero ( from dusk till dawn ) da chiunque pretenda di raggiungere il Giardino dell Eden in carne ed ossa e con tutte le lacerazioni dell anima risanate. Il fatto che questo curioso purgatorio postribolare sia popolato da vampiri (cioè da parassiti) può essere ricondotto con relativa facilità sia alla situazione economica della frontiera (intesa come spazio di sfruttamento), sia ad una vera e propria moda cinematografica del momento. Negli anni della grande paura dell AIDS e del trionfo del mercato globale la fortuna hollywoodiana dei vampiri è stata notevole. I classici della letteratura e del cinema sui vampiri si sono trovati al centro degli ambiziosi progetti di registi come Coppola (Bram Stoker s Dracula) e Jordan (Intervista col vampiro), ma il tema è stato esplorato anche da numerose produzioni indipendenti, come I vampiri di Salem Lot di Leonard Cohen o The Addiction di Abel Ferrara. Fin dal titolo, il film di Rodríguez e Tarantino suggerisce peraltro la possibilità di agganciare alla lettura metaforica un doppio fondo che rinvia al sistema testuale costituito da El Mariachi e Desperado. Lo spazio che va dal tramonto all alba è senza dubbio l orario di apertura del Titty Twister e il tradizionale orario di vita e di lavoro dei vampiri, ma l espressione from dusk till dawn è anche l indicazione di un cammino di redenzione spirituale, dalle tenebre alla luce (il film racconta la storia di una battuta d arresto, con un road movie che rischia di impantanarsi in un roadside café). La narrazione è piena di espliciti riferimenti biblici: uno dei personaggi principali, essendo, come detto, un pastore protestante, parla per parabole e citazioni; El Rey viene ripetutamente evocato sia come terra promessa che come luogo in cui sarà possibile trovare una pace definitiva (anche interiore) dopo la traversata del deserto (cioè una buona morte dopo una cattiva vita); il protagonista si chiama Seth; il nome d arte della star-vampiro dello spettacolo del Titty Twister (Salma Hayek) è Satánico Pandemonium, etc. Sulla superficie biblica si innestano, intrecciandosi tra loro, altri tre pertinenti livelli di metaforizzazione. Il primo di questi riguarda il tema del doppio; il secondo tocca il rapporto tra il cinema e il mondo del cinema; l ultimo è relativo al tema della frontiera in quanto tale: 1) l eroe senza nome di El Mariachi e Desperado consegna al contrappunto tra chitarra e pistola la propria intima lacerazione di uomo che aspira alla pace, ma è condannato dalle circostanze alla violenza e alla vendetta. In From Dusk Till Dawn il tema freudiano del doppio demoniaco (del nostro fratello psicopatico e violento e/o del vampiro che è in noi e che di notte diventiamo e dobbiamo sconfiggere e sopprimere per poter vedere l alba di un nuovo giorno e di una nuova vita) non solo si inserisce nel contrappunto tra giorno e notte (Don Diego e Zorro, la cui maschera gotica ha molto di vampiresco), ma trova piena realizzazione grazie alla possibilità di riprendere e sviluppare, dal finale di Desperado, il tema del contrappunto tra due fratelli: Clooney, la cui anima sopravvive alla buia notte del corpo posseduto, incarna la parte razionale, pacifica, cioè violenta suo malgrado e solo se necessario; è insomma una evoluzione del personaggio interpretato da Gallardo in El Mariachi e da Banderas in Desperado; Tarantino, che muore e nella morte trova l unica pace davvero possibile, rappresenta invece, fin dalla scena iniziale, un incarnazione schizoide e paranoica dell Es; è un pazzo dominato dalla violenza gratuita e liberatoria, una versione inarticolata e compulsiva della spirale di maldad di Moco e Azul in El Mariachi e soprattutto del personaggio di César/Bucho, interpretato da Almeyda in Desperado. Rodríguez e Tarantino, che a loro volta si specchiano nei fratelli Gecko, facendone una immagine trasparente dell amicizia e della collaborazione professionale da cui nasce il film, sembrano suggerirci che l Io intero, cioè il film con le sue due metà architípicas (il road movie americano e l horror messicano sono due generi stracodificati), altro non è che i due Gecko insieme: Rodríguez, tenace come Clooney, è un messicano americanizzato (l ispettore Vargas interpretato da Charlton Heston in L Infernale Quinlan), mentre Tarantino, folle come la caricatura di se stesso, è il prototipo dello yankee messicanizzato (più volte interpretato da Mitchum nel corso della sua carriera e portato al parossismo tragico dall indimenticabile Hank Quinlan di Orson Welles). I due fratelli come una sola persona e i baristi-vampiri del Titty Twister sono, dentro il film, lo specchio di questa intima doppiezza, che è poi il vero nemico il sistema contro cui i Gecko combattono e perdono (perché non riescono a sopravvivere entrambi e perché, dei due, trova la pace dolente del sopravvivente solo quello che meno ne aveva

11 11 di 13 20/05/ bisogno); 2) in quanto locale notturno, i cui fantasmi letteralmente si disfano con l arrivo della luce del sole, il grande bordello il cui banditore offre ai camionisti di passaggio pussy di ogni tipo è una fin troppo chiara metafora del cinema e dell industria cinematografica globalizzata, che diventa così la grande notte che tutti gli attori e tutti i registi devono attraversare e alla quale il talento di pochissimi riesce a sopravvivere. La notte dei morti viventi, dove impresari ed ex talenti si tengono in vita succhiando il sangue (cioè la vitalità creativa) dei fuggiaschi che arrivano fin lì è una chiara parodia dello show biz e dei suoi diabolici ingranaggi. Il fatto che sul retro del locale il pendio trasformato in discarica riveli la soggiacente presenza di una piramide azteca, evocatrice di una ritualità che ogni notte reclama sacrifici umani affinché il sole possa sorgere ancora, rende ancor più trasparente l apologo sulla proverbiale crudeltà di Hollywood e sulla sua capacità di rottamare le carcasse dei suoi players (come aveva genialmente intuito Billy Wilder); Rodríguez è insomma ben consapevole che i Latinos vengono reclutati da Hollywood come maschere della propria marginalità e che, di conseguenza, riescono a sopravvivere come Hollywood players solo fino a quando riescono a rimanere marginali e creativi, cioè capaci di essere al tempo stesso ingoiati e non del tutto digeriti dal sistema, attratti dalle sue luci; 3) poco dopo quello di Rodríguez e Tarantino, altri film, come Vampires di John Carpenter, 1997, e la coproduzione Perdita Durango di Alex de la Iglesia, 1998, hanno utilizzato la riscoperta del tema del vampirismo come chiave per rappresentare la frontiera messico-americana e le sue valenze metacinematografiche. I vampiri, infatti, sono una maschera perfetta per riassumere un mondo di caste e di mutanti, caratterizzato dalla violenza e dallo sfruttamento. In questa iconografia gotica (un Mexican-American Gothic del Southwest che rinnova i fasti dello American Gothic della East Coast, dalle streghe di Salem ai racconti di Poe e Hawthorne), notturna e delirante, gli scenari assolati, violenti e desertici del western tardo si mescolano con la memoria dell inquietante e crepuscolare Touch of Evil di Orson Welles, nonché con il recupero dei miti yaqui, navajo e apache relativi alle stregonerie, ai diableros, al Chupacabras, al Cucuy, etc. (miti ripresi, in quegli anni, anche da note serie televisive come X-files, nell episodio El cabra e utilizzati da Rodríguez per costruire molti dei personaggi interpretati nei suoi film da Danny Trejo). La notte dei morti viventi e il tema dei vampiri-zombi, intesi alla maniera di Romero (un altro autore di origini ispaniche che adora sequel e autoremake), cioè come anime in pena e come corpi assetati di sangue, più che come defunti costretti a lavorare senza posa, sono elementi di capitale importanza in From Dusk Till Dawn, ma sono fondamentali anche per comprendere la spirito di Once Upon a Time in Mexico, terzo episodio della serie inaugurata da El Mariachi. Se Desperado era uno pseudo-remake, Once Upon a Time in Mexico, girato interamente in digitale, può essere definito uno pseudo-sequel. La limitata disponibilità di Salma Hayek, impegnata con Julie Taymor nella lavorazione di Frida, induce Rodríguez a introdurre, tra il finale di Desperado e l incipit delle nuove avventure, uno iato narrativo, solo in parte colmato da una serie di flashback di dubbia attendibilità. Molti anni sono passati (in realtà sette, dal 1995 al 2002). Nel corso di questi anni, El Mariachi, che all origine della saga aveva visto morire ammazzato il suo primo amore, vede uccidere anche su segundo amor, cioè Carolina, la bella libraia interpretata da Salma Hayek in Desperado. Grazie ai flashback veniamo però a sapere che, prima di assistere impotente alla sua uccisione, El Mariachi era riuscito a fare di lei due cose tanto diverse quanto una madre (datrice di vita) e una pistolera (dispensiera di morte). La sparatoria in cui Carolina e la figlia vengono ammazzate lascia sul corpo e sull anima di El Mariachi ferite reali e psicologiche talmente profonde da fare di lui un vero e proprio zombi, un morto vivente, un demone della vendetta resuscitato, un morto che cammina (durante la sparatoria lo vediamo mentre viene ucciso e più volte nel corso del film lui stesso si dichiara muerto cioè ammazzato ). Con il passare del tempo l eroe ha smarrito persino la propria identità di mariachi. Nessuno lo chiama più così. Tutti lo conoscono ormai come él. Eroe anonimo di una leggenda fronteriza sopravvissuta a se stessa, l ex-mariachi suona ormai solo per sé e vive facendo il collaudatore di strumenti in un pueblo specializzato nella produzione di chitarre ( él, in questo senso, incarna a perfezione il Rodríguez misantropo, che detesta i grandi set e aspira a starsene rinchiuso a trafficare con immagini, suoni e nuove tecnologie nel mondo virtuale dei suoi amati Troublemaker studios, ubicati nella cantina e nel garage della sua villa hollywoodiana). Da questa situazione di stallo lo tira fuori, col ricatto e con l inganno, la cospirazione ordita da un manipolatore di destini di professione, un surreale agente della CIA, interpretato da Johnny Depp, che indossa T-shirt dell agenzia, trucca le corride, gira in mutande e indossa un braccio finto per tenersi sempre una mano libera. Questo delirante personaggio, maniaco dei cellulari e del maiale piccante ( puerco pijil ), è (o vorrebbe essere) il grande regista occulto di una trama politica complicatissima, ma in fondo degna di Bananas di Woody Allen. Informato dell esistenza di él lo vuole a tutti i costi coinvolgere nello scontro tra il governatore buono (Armendáriz Jr.) e il capo dei narcos (Dafoe), facendo leva sul suo odio per il perfido e protervo generale Márquez, assassino di Carolina. Il nome del personaggio di Depp, Julian Sands, è in realtà quello di un dirigente della Miramax, che Rodríguez aveva conosciuto a Venezia e che gli era sembrato particolarmente abile nell arte di sparare a tutti col cellulare, cioè come dice Depp di preparare le trappole per poi stare a vedere gli altri che ci cascano dentro. Ancora una volta la metafora del rapporto con l industria della celluloide, che manipola il talento disinteressato dei mariachis e dei pistoleros, è fin troppo leggibile, così come lo è la legge del contrappasso che, con esemplare crudeltà, condanna l impresario cinematografico Sands/Depp alla sopravvivenza senza occhi, cioè ad una cecità che è una beffa per chi voleva soprattutto stare a vedere. Fin dall inizio, anzi, fin dal titolo, il film gioca con i toni metanarrativi dell epica nostalgica: il pistolero non è più un giustiziere in proprio, non consuma più una vendetta esclusivamente personale, ma ha un committente, che, guarda caso, è un gringo. Pur di non diventare una copia dei narcomafiosi che nel corso degli anni hanno eliminato, Rodríguez e il suo El Mariachi hanno insomma finito per fondare una vera e propria maquiladora della vendetta. Si sono trasformati in vendicatori transfrontalieri di professione, amari specialisti di una revenge irrimediabilmente delayed, molto esplosiva, ma a scoppio per definizione più che

12 12 di 13 20/05/ ritardato. Nel frattempo, il destino si è fatto vocazione e la vocazione si è fatta mestiere. Antonio Banderas è diventato una versione ascetica di Antonio das Mortes, uno strano misto di Dragão da maldade e di Santo guerreiro. Il giovane talento della chitarra è ormai un uomo con la pistola, uno specialista dello shooting (verbo che ha anche una valenza cinematografica e che dunque sottolinea ancor di più le analogie tra il personaggio e il suo autore, tra él e Rodríguez, facendo dello shoot-em-all un filmali tutti oltre che un più che ovvio ammazzali tutti ). L ombra che lo avvolgeva in Desperado non lo accompagna più. La luce di una fama leggendaria lo investe anzi in modo accecante, rivelando a tutti che, almeno psicologicamente, non è più giovane e che, dunque, comincia ad assomigliare al don Diego interpretato da Hopkins nella saga di Zorro rivisitata da Campbell. Ancor più che all inizio della saga, la stanchezza e i cattivi sogni perseguitano il protagonista. La sua identità è ormai totalmente narrativa. Tutti quelli che lo conoscono come él sanno benissimo che è un sopravvissuto, un arlecchino nero, un re dell inferno, capace di evocare e scatenare, nel messicanissimo giorno dei morti, non una miniorchestra di pistoleros, ma la furia vendicatrice delle coorti infernali. La trama del resto è piena di zombi e di riferimenti agli zombi movies (l agente in pensione dell FBI, Depp senza occhi, Dafoe senza faccia, la mano guantata di Depp che afferra l aria spuntando dal margine inferiore dell inquadratura, ma soprattutto la rivoluzione degli uomini teschio, che, durante la processione del giorno dei morti, affogano nel sangue il golpe del perfido Márquez, etc.). Solo grazie alla presenza della frontiera él può eludere il ricordo e ritrovare il gusto della caccia. Il giorno decisivo, quello in cui la chirurgia plastica, le sparatorie, i complotti e gli inganni vedranno tutti (boss del narcotraffico, sosia, spie federali in pensione, [4] poliziotte ambiziose, etc.) alle prese con un tentativo disperato di cambiare la propria vita non può che essere il 2 di novembre, mito nazionale del cattolicesimo messicano, immortalato dal cinema grazie a grandissimi registi come Sergej Ejzenstejn e Orson Welles. 3. Conclusioni (provvisorie) Quali scelte di lingua accompagnano questa vera e propria escalation, di violenza, di budget e di significati? I primi due film sono in sostanza monolingue il primo in spagnolo, il secondo in inglese, il terzo reintroduce pesanti e sostanziali elementi di plurilinguismo e, soprattutto, di alternanza tra lingue, utilizzate come marcatori di mondi contrapposti. Il gioco è talmente fitto da lasciare spazio a molti giochi di parole legati alla pronuncia dell inglese da parte dei messicani (Mexican/Mexicat, Think/Drink, etc.). Rifacendo per tre volte e mezzo lo stesso film, con lo stesso eroe/tipo di eroe, pacifista per vocazione, ma dominato da una ostinata compulsione alla vendetta, tipica dello spaghetti-western e del cinema d azione orientale, e di recente rivisitata anche da Tarantino in Kill Bill (la cui scena madre, la sparatoria durante la cerimonia nuziale, che letteralmente genera la furia e il mito di the Bride/la Sposa, si consuma proprio in una cappella del Border), oltre a rendere un esplicito omaggio alla trilogia del dollaro di Sergio Leone, Robert Rodríguez fotografa tre momenti successivi della sua inclusione nello star system hollywoodiano e negli ingranaggi del mercato americano del cinema di intrattenimento. All inizio (El Mariachi) è, proprio come il suo eroe, il marginale ignorato e rifiutato dal sistema, il Rebel Without a Crew di cui ci parla in un divertente How to do a sfondo autobiografico (dove, a proposito di zombi e vampiri, racconta tra l altro di avere finanziato il proprio talento e la propria vocazione vendendo sangue e accettando di fare da cavia per esperimenti farmaceutici). L episodio successivo (Desperado), con mille volte più soldi e attori più famosi (la coppia Banderas/Hayek), si colloca fin dalla locandina ( Era tornato per saldare il conto. A qualcuno. Non importa a chi. A tutti quanti ) a metà strada tra sequel e remake. Il pistolero, avvolto nell ombra che lo accompagna e che, nella prima parte del film, lo trasforma in una specie di vendicatore mascherato dalla tenebra (come detto, Banderas era da poco stato messo sotto contratto per The Mask of Zorro), percorre il suo cammino di violenza, realizzando una duplicazione parodica non solo del primo film, ma anche della carriera del suo autore. Ammazzamento dopo ammazzamento si avvicina al vertice dell organizzazione mafiosa (l industria cinematografica) e all ambiguo destino di radicale solitudine dell uomo che va ad uccidere, il fratello maggiore, deprecato dalla famiglia per il suo cinismo e diventato, in quanto narcotrafficante, una perfetta metafora dell industria del denaro facile. L ultimo dialogo-duello, con i due fratelli finalmente faccia a faccia, rende la metafora del tutto trasparente. César lo dice molto chiaramente: Manito... what are you doing here? I thought I was looking for the devil himself, and all of this time it was just my own brother (...) You are a guitar player... What is a fucking guitar player doing killing my men, ruining my business (...) Look at you. You came here to kill me. Papa wouldn t be so proud of you anymore. You were his little guitarrista, his little mariachi, and now... just a piece of shit like me. You want to kill me? Let me tell you something... You have already killed me (...) I m so sorry, manito Fuor di metafora: Hollywood, con impagabile touch of evil, ha sparato alla mano di El Mariachi/Rodríguez, ha ucciso l artista e ne ha fatto un altro pistolero, un pistolero come tanti altri, just a piece of shit, un player costretto a cambiare gioco per diventare Hollywood player. Come nei videogames, distruggendo il sistema, il ribelle di talento diventa skilled e si fa sistema. Persino la rigenerazione finale, con la custodia piena d armi gettata lontano, ha le gambe cortissime: la jeep torna indietro e la recupera Just in case. I dieci anni che separano El Mariachi da Once Upon a Time in Mexico, dal 1993 al 2002, sono anni cruciali per la ridefinizione degli orizzonti di aspettativa riguardo al film multilingue e, in particolare, per ciò che riguarda le strategie di rappresentazione della convivenza tra spagnolo e inglese, sia nella zona del Border che all interno del territorio statunitense e della comunità accademica internazionale. Per quanto riguarda il cinema, vanno segnalati due fenomeni, non del tutto indipendenti tra loro: da un lato si assiste ad una riscoperta e ad un rilancio in grande stile del repertorio esotico di Hollywood riguardo al Messico e all America Latina; dall altro cominciano a trovare spazio sul mercato americano tanto una consistente ondata di nuove star ispaniche (i casi più evidenti sono quelli degli spagnoli Antonio Banderas, Penélope Cruz e Javier Bardem, ma non vanno

13 13 di 13 20/05/ dimenticati prodotti più autoctoni come Benicio del Toro, Salma Hayek e Jennifer López), quanto una serie di nuovi registi latinoamericani, che arrivano sul mercato USA per effetto delle nuove leggi sul cinema che, in molti paesi latinoamericani (soprattutto Brasile, Argentina e Messico, ma anche Cile, Perù e, dopo il periodo especial, persino Cuba, con meccanismi talmente efficaci da consentire la realizzazione di un autentico blockbuster del marketing interculturale come Buena Vista Social Club di Wim Wenders e Ry Cooder), defiscalizzano la produzione cinematografica, aprendo la strada ad un considerevole numero di accordi di coproduzione. Registi di talento come il brasiliano Salles Jr., il cubano Ichaso e i messicani González Iñárritu e Cuarón hanno ottenuto in questo modo le loro occasioni sul mercato USA, anche grazie ai circuiti di coproduzione e distribuzione del cinema indipendente, attivati soprattutto a partire dalle collaborazioni tra il Festival dell Avana e il Sundance Film Festival di Robert Redford (che nel pieno di questo periodo, nel 1989, firma The Milagro Beanfield War, vincitore quell anno dell Oscar per la migliore colonna sonora, cioè premiato proprio per l aspetto in cui la coloritura latina del prodotto è più forte). Muovendosi in bilico tra questi due fenomeni, Rodríguez costruisce una riflessione miticamente autoironica ed efficace sui limiti non dichiarati di tutte queste paradossali opportunità di carriera, sempre sospese tra gli opposti orizzonti della caricatura etnica e della totale assimilazione. Il mistilinguismo e la frontiera non sono che la maschera e lo specchio di questo paradossale tentativo di conquistare il centro restando marginali, di fare industria e intrattenimento senza rinunciare alla creatività, di andare de pueblo en pueblo senza perdere il contatto con le proprie radici, di partire con la troca portandosi dietro le mura di casa, come accade nel finale del film Santitos, di Alejandro Springall, tratto dal romanzo di María Amparo Escandón, Esperanza s Box of Saints. Note [1] In questa prospettiva può essere pertinente, possibile e significativo un confronto con la ricostruzione degli stessi orizzonti storici e geografici fatta dal cinema seriale di coproduzione italo-spagnola conosciuto in tutto il mondo come spaghetti western. Limitatamente ai film che hanno per oggetto il banditismo sociale e la rivoluzione messicana ho tentato una simile lettura alcuni anni or sono in La rivoluzione non è un pranzo di gala. Il Messico dello spaghetti western (e dintorni), in AA VV (G. Bellini ed.), Para el amigo sincero. Studi dedicati a Luis Sainz de Medrano dagli Amici Iberisti italiani, Bulzoni, Roma, 1999, pp [2] Anche in Italia, il mito del superoe Robin Hood, che ruba ai ricchi per dare ai poveri, ha trovato nel cinema di animazione e nei fumetti incarnazioni parodiche di grande vivacità, come il Minivip di Bruno Bozzetto, il Cattivik di Bonvi, il Superciuk di Magnus e Bunker e soprattutto, sulle pagine de Il Vernacoliere, il Budiùlik di Max Greggio, conosciuto come vendi atore dell allezziti, trasposizione perfetta al dialetto labronico del titolo di vengador de los jodidos esibito da El Santo. [3] Nel libro di memorie Verdade Tropical il celebre artista brasiliano Caetano Veloso ricorda che, durante la sua infanzia a Santo Amaro, nello stato di Bahía, amava particolarmente i film italiani e francesi, perché in essi venivano filmate due cose che il cinema di Hollywood tendeva invece a risolvere ellitticamente con dissolvenze al nero: nei film francesi si vedeva la gente mentre faceva sesso, in quelli italiani la gente mentre mangiava. [4] Il personaggio interpretato da Ruben Blades è ispirato ad uno zio di Rodríguez, specialista in security e agente CIA in pensione. Alla stessa figura di zio spione è ispirato anche il personaggio interpretato da Trejo nella serie Spy Kids.

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO

ANICA, TRA PASSATO E FUTURO ANICA, TRA PASSATO E FUTURO Documentario di Massimo De Pascale e Saverio di Biagio Regia di Saverio Di Biagio PREMESSA Il rischio di ogni anniversario è quello di risolversi in una celebrazione, magari

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana)

Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) FICTION DI PROTOTIPI Intervista a Fabrizio Lucherini Vicedirettore OFI (Osservatorio sulla Fiction Italiana) Le location ed i poli produttivi della serialità televisiva in Italia: un sistema romanocentrico

Dettagli

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI?

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? Lui. Tempo fa ho scritto un libro tutto parole niente immagini. Lei. Bravo. Ma non mi sembra una grande impresa. Lui. Adesso vedrai: ho appena finito un libro tutto immagini

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Percorso educativo per favorire relazioni positive nel gruppo

Percorso educativo per favorire relazioni positive nel gruppo S.p.E.S. Servizi per l educazione e la scuola - Onlus Sede legale: Corso Fanti, 89-41012 CARPI (Mo) Recapito postale: Corso Fanti, 44-41012 Carpi (Mo) Codice Fiscale: 90020120367 Tel/Fax 059.686889 Percorso

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

- 1 reference coded [1,15% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [1,15% Coverage] - 1 reference coded [1,15% Coverage] Reference 1-1,15% Coverage ok, quindi tu non l hai mai assaggiato? poi magari i giovani sono più attratti sono più attratti perché

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

Capitolo 3. La messa in scena: costruire il sogno

Capitolo 3. La messa in scena: costruire il sogno Capitolo 3 La messa in scena: costruire il sogno NATURALISTICO LA MESSA IN SCENA PROFILMICO Il profilmico è tutto ciò che si trova davanti alla cinepresa ARTIFICIALE AMBIENTE L ambiente e le figure entrano

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

ESEMPIO DELLA PROVA DI ITALIANO DI FINE AGOSTO 2005

ESEMPIO DELLA PROVA DI ITALIANO DI FINE AGOSTO 2005 ESEMPIO DELLA PROVA DI ITALIANO DI FINE AGOSTO 2005 Storie lunghe un binario E Tickets il titolo del film che Olmi, Kiarostami e Loach hanno firmato insieme. Lo hanno presentato al Festival del Cinema

Dettagli

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano

Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano Cinema, La bugia bianca : il dramma dello stupro etnico raccontato da un siciliano di Redazione Sicilia Journal - 25, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/cinema-la-bugia-bianca-il-dramma-dello-stupro-etnico-raccontato-da-unsiciliano/

Dettagli

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce

Il Cineforum. Cineforum: 25/12/2011. 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Il Cineforum prof. Fabio Sandroni - prof.ssa Nadia Ciambrignoni Cineforum: 1. Come si prepara 2. Come si realizza 3. Come si conduce Progetto: Sentieri di Cinema CGS ACEC Marche Circuito di cinema di qualità

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Lezione 10: Che tipo di film preferisci?

Lezione 10: Che tipo di film preferisci? Lezione 10: Che tipo di film preferisci? Prima di guardare A. Completa la descrizione con le forme corrette dei verbi tra parentesi, usando o il passato prossimo o l imperfetto. Davide (invitare) Sara

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 1 1 Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 2 Pag 3 La nonna: è il capostipite della famiglia Cantona, insieme al cognato Nicola ha aperto il pastificio di famiglia e lo ha gestito con

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

La Top Ten dei suggerimenti per la progettazione Web

La Top Ten dei suggerimenti per la progettazione Web In questo capitolo Impostare l obiettivo Mantenere le pagine libere e pulite Non travolgere i visitatori con i colori Usare meno di quattro tipi di carattere Essere coerenti Semplificare Essere rapidi

Dettagli

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1

Progetto costo I. O. I.A. A 5 9 4 B 8 15 9 C 4 3 3 D 9 7 1 Tecniche di Valutazione Economica Processo di aiuto alla decisione lezione 13.04.2005 Modello di valutazione Dobbiamo riuscire a mettere insieme valutazioni che sono espresse con dimensioni diverse. Abbiamo

Dettagli

Ti presentiamo un testo che parla della figura del mediatore culturale. Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire il testo.

Ti presentiamo un testo che parla della figura del mediatore culturale. Ecco alcune parole ed espressioni che possono aiutarti a capire il testo. Unità 3 Una nuova professione: il mediatore culturale CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere testi scritti in cui si parla della figura del mediatore culturale parole relative alla mediazione

Dettagli

Paolo Beneventi David Conati

Paolo Beneventi David Conati Paolo Beneventi David Conati L animazione teatrale costituisce un momento molto importante della formazione di tutti, non solo dei bambini ma anche degli adulti. IMPARIAMO LE REGOLE Il teatro è soprattutto

Dettagli

domani 1 cortometraggio Petali

domani 1 cortometraggio Petali domani 1 cortometraggio Petali regia: Giacomo Livotto soggetto: Luca Da Re sceneggiatura: Giacomo Livotto montaggio: Franco Brandi fotografia: Michele Carraro interpreti: Erika Cadorin, Fabio Degano, Giacomo

Dettagli

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Intervista iniziale Raccolta delle storie di vita Nome dell'apprendente Pablo sesso: m Data di nascita Paese di provenienza Brasile Nome dell'interprete

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΙΤΑΛΙΚΗ ΓΛΩΣΣΑ ΑΡΧΗ 1ΗΣ ΣΕΛΙΔΑΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ, ΔΙΑ ΒΙΟΥ ΜΑΘΗΣΗΣ ΚΑΙ ΘΡΗΣΚΕΥΜΑΤΩΝ ΠΑΝΕΛΛΗΝΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΕΙΣΑΓΩΓΗΣ ΣΤΗΝ ΤΡΙΤΟΒΑΘΜΙΑ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗ ΕΞΕΤΑΣΗ ΕΙΔΙΚΟΥ ΜΑΘΗΜΑΤΟΣ ΞΕΝΗΣ ΓΛΩΣΣΑΣ ΚΕΙΜΕΝΟ PERCHÉ LEGGERE I CLASSICI

Dettagli

CARTELLA STAMPA DI IN VIA SAVONA AL 57

CARTELLA STAMPA DI IN VIA SAVONA AL 57 CARTELLA STAMPA DI IN VIA SAVONA AL 57 Titolo IN VIA SAVONA AL 57 Durata 50' Anno 2013 Paese Scritto e diretto da Prodotto da Riprese di Montaggio di Voce narrante di Musica di Italia Gregory Fusaro e

Dettagli

Titolo: Guardando il mondo da una vignetta: conoscere la realtà attraverso il linguaggio del fumetto

Titolo: Guardando il mondo da una vignetta: conoscere la realtà attraverso il linguaggio del fumetto Progetto Educazione All'Immagine A.S. 2015-2016 Titolo: Guardando il mondo da una vignetta: conoscere la realtà attraverso il linguaggio del fumetto Introduzione Obiettivi Il progetto che propongo si rivolge

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed.

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed. Cristiano Carli BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com I ed. marzo 2014 Copertina: Giulia Tessari about me giulia.tessari@gmail.com DISCLAIMER

Dettagli

Il filo di Arianna Performance teatrale su nove donne ribelli

Il filo di Arianna Performance teatrale su nove donne ribelli GLI SPETTACOLI 1 Il filo di Arianna Performance teatrale su nove donne ribelli Il Filo di Arianna è una performance teatrale che si interroga sulla condizione femminile nella società contemporanea. Al

Dettagli

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI Lo scrittore Jacopo Olivieri ha incontrato gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola A. Aleardi del plesso di Quinto nelle giornate del 18 e 19 febbraio

Dettagli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli

MUSICA E IMMAGINE. musica e cinema. musica e cinema. musica e TV. musica e pubblicità. Copyright Mirco Riccò Panciroli MUSICA E IMMAGINE musica e cinema musica e TV musica e pubblicità Copyright Mirco Riccò Panciroli musica e cinema musica e cinema La colonna sonora colonna sonora Parlato inciso in varie lingue nelle sale

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 Μάθημα: Ιταλικά Ημερομηνία και ώρα εξέτασης: Σάββατο, 14 Ιουνίου 2008 11:00 13:30

Dettagli

Introduzione per il genitore o l educatore

Introduzione per il genitore o l educatore Introduzione per il genitore o l educatore Due approcci per gustare questa storia scritta con levità, realismo e poesia: introdurre i genitori e gli educatori a intravedere e rispettare il mondo interno

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Disciplina: SPAGNOLO TRAGUARDI COMPETENZE FINE SCUOLA DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA'/CAPACITA CONOSCENZE L alunno comprende oralmente e per

Dettagli

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ

INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ INTERVISTA LICIA TROISI ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi ASTROFISICA CON UNA MARCIA IN PIÙ Licia Troisi, di professione astrofisica, è senza dubbio l autrice fantasy italiana più amata. All

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

Il Neorealismo italiano

Il Neorealismo italiano Il Neorealismo italiano La realtà è là perché manipolarla? (Roberto Rossellini) Le formule in cui si è cercato di racchiudere l esperienza del Neorealismo riassumibili nella frase di Rossellini che titola

Dettagli

Tutto ciò che sappiamo di noi due

Tutto ciò che sappiamo di noi due Colleen Hoover Tutto ciò che sappiamo di noi due Traduzione di Giulia De Biase Proprietà letteraria riservata Copyright 2012 by Colleen Hoover Italian language rights handled by Agenzia Letteraria Italiana,

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI

Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI Società Cooperativa Sociale a r. l. Via Cipro 16/v 36100 VICENZA Info: C.F./P.I: 03497880249 Iscrizione Albo Cooperative: A194708 Progetto Educativo LA PEDAGOGIA DELLA FAMIGLIA E DELLE RELAZIONI FAMIGLIARI

Dettagli

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO

UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO MC n 68 I protagonisti LUCA SCOLARI UN AZIENDA E TRE FRATELLI: UN «MECCANISMO» PERFETTO di Simona Calvi Insieme a Fabio e Marco è alla guida della società creata dal padre negli anni Cinquanta, specializzata

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Capitolo 1. La realizzazione di un film: la troupe

Capitolo 1. La realizzazione di un film: la troupe Capitolo 1 La realizzazione di un film: la troupe LA REALIZZAZIONE DI UN FILM Giuseppe Bertolucci racconta Le tre scritture del cinema LA REALIZZAZIONE DI UN FILM - Le tre scritture del cinema - PRE-PRODUZIONE

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010.

INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. INTERVENTO ALLENATORI-DIRIGENTI CSR Introduzione ai tre appuntamenti di formazione 9 gennaio 2010. Introduzione E appena passato il tempo delle feste. Tradizionale è lo scambio di regali Quale il regalo

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

ECONOMIA E QUALITA DELLA VITA a misura di bambino RICORDANDO DANIELA FURLAN IL PROF. BARATELLA E TANTI ALTRI...

ECONOMIA E QUALITA DELLA VITA a misura di bambino RICORDANDO DANIELA FURLAN IL PROF. BARATELLA E TANTI ALTRI... ECONOMIA E QUALITA DELLA VITA a misura di bambino RICORDANDO DANIELA FURLAN IL PROF. BARATELLA E TANTI ALTRI... 1 2 DENARO EURO ALTRE VALUTE CAMBIO CALCOLI BANCONOTE MONETE STORIA del denaro CONIO ALTRI

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Morfologia dell auto. Automobile Tendenze

Morfologia dell auto. Automobile Tendenze Automobili Morfologia dell auto una macchina per amica simpatica e rassicurante confortevole e accogliente da sentirsi come a casa, ma anche solida e sicura massiccia e muscolosa per dominare la strada,

Dettagli

La locandiera. PERSONAGGI: Cavaliere di Ripafratta Marchese di Forlipopoli Conte d Albafiorita Mirandolina, locandiera Fabrizio, cameriere di locanda

La locandiera. PERSONAGGI: Cavaliere di Ripafratta Marchese di Forlipopoli Conte d Albafiorita Mirandolina, locandiera Fabrizio, cameriere di locanda La locandiera PERSONAGGI: Cavaliere di Ripafratta Marchese di Forlipopoli Conte d Albafiorita Mirandolina, locandiera Fabrizio, cameriere di locanda 5 10 Atto I La scena si rappresenta a Firenze, nella

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

PIRLS - ICONA 2006 QUESTIONARIO STUDENTE. Progress in International Reading Literacy Study. Indagine sulla Comprensione della lettura a Nove Anni

PIRLS - ICONA 2006 QUESTIONARIO STUDENTE. Progress in International Reading Literacy Study. Indagine sulla Comprensione della lettura a Nove Anni Ministero dell Istruzione dell Università e Ricerca Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione Progress in International Reading Literacy Study Indagine sulla

Dettagli

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe

Numero 3 Maggio 2008. A cura di Giuseppe Prencipe Numero 3 Maggio 2008 A cura di Giuseppe Prencipe Il nostro campione Meggiorini Riccardo nazionalità: Italia nato a: Isola Della Scala (VR) il: 4 Settembre 1985 altezza: 183 cm peso: 75 kg Società di appartenenza:

Dettagli

MA TU QUANTO SEI FAI?

MA TU QUANTO SEI FAI? MA TU QUANTO SEI FAI? 1. VALORIZZARE IL PASSATO PER UN FUTURO MIGLIORE a. Quante volte al mese vai a cercare notizie sulla storia del tuo paese/città nella biblioteca comunale? o 3 volte o 1 volta b. Ti

Dettagli

TESTO SCRITTO DI INGRESSO

TESTO SCRITTO DI INGRESSO TESTO SCRITTO DI INGRESSO COGNOME NOME INDIRIZZO NAZIONALITA TEL. ABITAZIONE/ CELLULARE PROFESSIONE DATA RISERVATO ALLA SCUOLA LIVELLO NOTE TOTALE DOMANDE 70 TOTALE ERRORI Test Livello B1 B2 (intermedio

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca

Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca Non parlerò mai di storia come di una cosa già tutta fatta, ma come di una cosa che si fa e che si cerca M. Bloch Tipologie di fonti Ogni epoca si dà le fonti che rispondono ai propri bisogni (M.Vovelle)

Dettagli

8. SINIF II. DÖNEM ORTAK SINAVI

8. SINIF II. DÖNEM ORTAK SINAVI T.C. 8. SINIF II. DÖNEM ORTAK SINAVI Y 1-5. sorularda boş bırakılan yere uygun gelen seçeneği işaretleyiniz. 1. Sono andata.. cinema. 8:00 A) alle / al B) del / alle C) al / alle D) nel / dalle 4. Il

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

La cultura globalizzata. Chiedigli la marca.

La cultura globalizzata. Chiedigli la marca. La cultura globalizzata. Chiedigli la marca. Uno degli aspetti più evidenti della cosiddetta globalizzazione è la diffusione di culture, mode, modi di vivere e pensare, oggetti uguali in tutto il mondo.

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Test A2 Carta CE. Prove di comprensione del testo: LETTURA. Primo esempio

Test A2 Carta CE. Prove di comprensione del testo: LETTURA. Primo esempio Test A2 Carta CE Prove di comprensione del testo: LETTURA Primo esempio 1 Secondo esempio 2 Terzo esempio Leggi attentamente il testo, poi rispondi scegliendo una delle tre proposte. Segna la risposta

Dettagli

Riassunto secondo focus (lettori forti)

Riassunto secondo focus (lettori forti) Riassunto secondo focus (lettori forti) Il focus group si è svolto sabato 8 maggio tra le 10.00 e le 11.30, avendo come partecipanti dei lettori forti, vale a dire, persone che leggono più di 20 libri

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello B1

Università per Stranieri di Siena Livello B1 Unità 4 Fare la spesa al mercato CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni e consigli su come fare la spesa al mercato e risparmiare parole relative agli acquisti e ai consumi

Dettagli

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti (riflessione di un giovane) Considerazioni in merito agli incontri con giovani di una Scuola Media della Lombardia PRIMA DELL INCONTRO Secondo

Dettagli

1. perché per il bambino è un bene avere in casa un cane? Quali sinergie si sviluppano all interno del gruppo famigliare?

1. perché per il bambino è un bene avere in casa un cane? Quali sinergie si sviluppano all interno del gruppo famigliare? Intervista all educatore cinofilo E. Buoncristiani 1. perché per il bambino è un bene avere in casa un cane? Quali sinergie si sviluppano all interno del gruppo famigliare? Gli aspetti positivi di questa

Dettagli

Riassunto. poetica (o estetica), metalinguistica, referenziale (o denotativa) e conativa (Jakobson, 1966).

Riassunto. poetica (o estetica), metalinguistica, referenziale (o denotativa) e conativa (Jakobson, 1966). Riassunto La comunicazione pubblicitaria è, nel mondo contemporaneo, una presenza costante, una realtà sempre più pervasiva che trova ampio spazio all interno dei media tradizionali e non, attraverso le

Dettagli

THE WAY OF THE LEADERS Sviluppo skill per il General Management

THE WAY OF THE LEADERS Sviluppo skill per il General Management THE WAY OF THE LEADERS Sviluppo skill per il General Management DESCRIZIONE EVENTO Project Hollywood La regia cinematografica: un esperienza di project management La produzione di un film rappresenta l

Dettagli

TITOLO. memoria collettiva, tramite la stampa del volume Ulisse es toccheddande. intensi e caratterizzanti dell intera terra di Sardegna.

TITOLO. memoria collettiva, tramite la stampa del volume Ulisse es toccheddande. intensi e caratterizzanti dell intera terra di Sardegna. Roma, 13 dicembre 2011 TITOLO Ulisse es toccheddande Le porte del vento Pietro Sotgia poeta dorgalese ESIGENZE CHE SI INTENDE AFFRONTARE: Rendere omaggio e consegnare alla memoria collettiva, tramite la

Dettagli

di Alessandro Bottero

di Alessandro Bottero di Alessandro Bottero Ciclicamente emerge il quesito: vende ciò che vale, o vale ciò che vende? Se Natale in Sudafrica ha incassato più de L Ultimo Terrestre, questo basta da solo, a poter dire che Natale

Dettagli

La non scuola al Teatro delle Albe - Aprile 2014

La non scuola al Teatro delle Albe - Aprile 2014 La non scuola al Teatro delle Albe - Aprile 2014 Intervista estratta dalla Tesi di Master in Teatro nel Sociale e Drammateriapia dal titolo: Teatro Sociale e Competenze Trasversali: per lo sviluppo degli

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Cortomania. un viaggio alla scoperta della magia del cinema

Cortomania. un viaggio alla scoperta della magia del cinema Cortomania un viaggio alla scoperta della magia del cinema CORTOMANIA: ALLA SCOPERTA DELLA MAGIA DEL CINEMA ATTRAVERSO LABORATORI FINALIZZATI ALLA PRODUZIONE DI UN AUDIOVISIVO CON GRUPPI CLASSE La Cooperativa

Dettagli

MODULO DI PROGETTAZIONE I ANNO Progettazione e realizzazione d un intervento formativo.

MODULO DI PROGETTAZIONE I ANNO Progettazione e realizzazione d un intervento formativo. PAOLA LIPAROTO Classe F3 - Anno scolastico 2008 2009 MODULO DI PROGETTAZIONE I ANNO Progettazione e realizzazione d un intervento formativo. Relazione finale Titolo del progetto: Piccoli Narratori Contenuti:

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO

LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO LEARNIT DONNE NEL SETTORE INFOMATICO SARAH (UK) Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile di questa pubblicazione (comunicazione) e la

Dettagli

P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE. ( Coro per voce sola)

P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE. ( Coro per voce sola) P R O G E T T O IL PESO DELLE PAROLE ( Coro per voce sola) Di Marco Brovia Enzo Massa Simona Colonna Mauro Fede IL LIBRO TITOLO: TESTI: IMMAGINI: FORMATO: EDITRICE: STAMPA: IL PESO DELLE PAROLE (Coro per

Dettagli

Diventano grandi: è l ora delle scelte!

Diventano grandi: è l ora delle scelte! Diventano grandi: è l ora delle scelte! 1. Il significato dell orientamento oggi 2. Quali ingredienti per un buon orientamento 3. La riforma scolastica in breve 4. Progetti di orientamento 1 1. Il significato

Dettagli

Guida didattica all unità 2 In libreria

Guida didattica all unità 2 In libreria Destinazione Italiano Livello 3 Guida didattica all unità 2 In libreria 1. Proposta di articolazione dell unità 1. Come attività propedeutica, l insegnante svolge un attività di anticipazione, che può

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

ERNEST ET CÉLESTINE Francia, Belgio, Lussemburgo 2012

ERNEST ET CÉLESTINE Francia, Belgio, Lussemburgo 2012 ERNEST ET CÉLESTINE Francia, Belgio, Lussemburgo 2012 regia: Benjamin Renner, Vincent Patar, Stéphane Aubier sceneggiatura: Daniel Pennac scenografia: Zaza e Zyk montaggio: Fabienne Albarez-Giro musica:

Dettagli

Progetto intercultura relazione finale anno scolastico 2011-2012

Progetto intercultura relazione finale anno scolastico 2011-2012 Progetto intercultura relazione finale anno scolastico 2011-2012 Scuola dell infanzia Pariani Malcesine Responsabile del progetto insegnante De Santis Maria Pia Premessa La scuola è un laboratorio di vita

Dettagli

Come si realizza uno spot pubblicitario

Come si realizza uno spot pubblicitario Come si realizza uno spot pubblicitario La realizzazione di uno spot si compone principalmente di quattro fasi: 1. Pre-produzione: la fase di scrittura 2. Lavorazione: le riprese 3. Post-produzione: il

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo adolescenti

Livello CILS A1 Modulo adolescenti Livello CILS A1 Modulo adolescenti MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli