Sommario. PRIMOPIANO 4. Approvato il nuovo stemma del Comune

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sommario. PRIMOPIANO 4. Approvato il nuovo stemma del Comune"

Transcript

1

2 Sommario Rassegna Periodica Trimestrale Anno XXVII n. 98 Marzo 2009 Direttore Anthony Emanuele Barbagallo Sindaco Direttore Responsabile Salvo De Luca PRIMOPIANO 4. Approvato il nuovo stemma del Comune AMMINISTRAZIONE 9. Il Consiglio Comunale dei Ragazzi a Palermo 10. Consiglio Comunale 10. Ecologia e Ambiente Comitato di Redazione Alfio Nicolosi, Giuseppe Distefano, Mario Calabretta, Giuseppe Pappalardo, Laura Petralia, Enza Zappalà Segretaria di Redazione Agata Petralia Testi Mario Calabretta, Salvo De Luca, Antonio Fallica, Alessandro Laudani, Mario Laudani, Emilio Mastriani, Antonino Moschetto, Giuseppe Pappalardo, Salvo Pappalardo, Laura Petralia, Angelo Pulvirenti, Giuseppe Sambataro, Enza Zappalà Hanno collaborato Rosita Pappalardo, Pina Bonanno, Milena Verdi, Alfredo Distefano, Domenico Scirè, Felice Carciola Fotografie Gianfranco Fallica, Gabriele Fasanaro, SDL Images Direzione, Redazione ed Amministrazione Sede Municipale Piazza don Bosco PEDARA (CT) Tel fax Registrazione Tribunale di Catania n. 626/ Grafica, impaginazione e stampa WE-GROUP s.r.l. Via R. Franchetti, 18/A - CT DISTRIBUZIONE GRATUITA SERVIZI SOCIALI 12. Aperto lo sportello salute 13. L integrazione della diversità 14. IX corso di primo soccorso BENI CULTURALI 15. Casa Consoli EVENTI 16. 8ª StraPedara 17. Impronte di speranza 18. Premio Quadranti d Architettura 19. Pedara-Oxford, uno scambio culturale di classe 20. Il grande sogno di Enna 22. La Via Lucis 23. La festa di Maria Ausiliatrice 23. La congregazione Salesiana 23. La Luminaria dell Ascenzione SPORT & TEMPO LIBERO 24. La 3ª Edizione del premio Sportivo Un pedarese campione regionale di scherma RUBRICHE 27. Il proverbio 27. Pillole di Storia 27. Medicina e Salute È il sito ufficiale del Comune di Pedara. All interno si possono trovare gli aggiornamenti sulle attività dell Amministrazione, i servizi, gli avvenimenti, i numeri utili e notizie sulla Città. SPORTELLO URP fax orario: dal lunedì al venerdì ore 9,00 12,00 martedì ore L elaborazione dei testi, benché scrupolosamente esaminata dalla Redazione, non può comportare responsabilità alcuna per l Editore relativamente ad eventuali errori o inesattezze. Ogni articolo firmato esprime esclusivamente le opinioni dei singoli autori che sono investiti della responsabilità personale per quanto scritto. Finito di stampare nel mese di Settembre 2009 INFORMATIVA PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Il Titolare del trattamento informa che i dati utilizzati per la redazione e l invio della rivista sono impiegati nel pieno rispetto del Decreto Legislativo 196/2003. Quanto utilizzato per uso redazionale potrà essere trattato da incaricati designati dal Titolare e da soggetti esterni che concorrono allo svolgimento del servizio. L Editore garantisce la massima riservatezza dei dati e la possibilità di richiederne la rettifica o la cancellazione.

3 Editoriale Di Anthony EmAnuElE BArBAgAllo Sindaco di Pedara Cari Concittadini, anche i mesi scorsi sono stati caratterizzati da un intensa attività per la nostra Amministrazione Comunale. Oltre alle iniziative meglio descritte nelle pagine che seguono, nello spazio che occupo abitualmente mi preme ostentare tutta la mia personale soddisfazione per l allargamento di via Rosario Toscano. È un piccolo ma significativo intervento all interno del nostro centro urbano atteso da diversi decenni, che siamo riusciti a realizzare con dedizione e fermezza. La realizzazione è diventata un esempio di legalità e trasparenza dell azione amministrativa per la regolarità delle procedure adottate, per il contraddittorio con i privati proprietari soggetti ad esproprio, per la tempistica dettata alla ditta esecutrice per la consegna dei lavori entro i termini. Per queste ragioni vanno ringraziati i progettisti, geom. Corsaro e arch. Cristaudo, il RUP, ing. Rapisarda e soprattutto il geom. Carmelo Distefano che con attenzione, pazienza e competenza ha diretto i lavori in modo egregio. Si tratta di un opera che rientra nel più ampio programma di riqualificazione del centro urbano avviato dall Amministrazione (piazza Don Diego, piazza S. Antonio, passaggio pedonale per la Posta, illuminazione artistica del corso Ara di Giove, illuminazione della Basilica, prospetto di via Ammiraglio Toscano, prospetti di corso Ara di Giove, ecc.) e che diventa propedeutica per la realizzazione di due progetti ambiziosi: il passaggio pedonale tra piazza Don Diego e piazza Del Popolo (in collaborazione con la Basilica di S. Caterina), e la riqualificazione di piazza Del Popolo. Sono obiettivi per i quali siamo impegnati Via Rosario Toscano nel programmare le strategie migliori. Credo, infatti, che una buona Amministrazione debba caratterizzarsi non solo per le capacità esecutive e realizzative (e credo che la nostra sia diventata di esempio anche per i paesi vicini), ma anche per la capacità di organizzare e programmare per coloro che verranno. A proposito di organizzazione: complimenti a tutti per la rinata Strapedara ; tradizionalmente, il rapporto di collaborazione tra Comune e Oratorio Salesiano produce sempre buoni frutti, anche se un ringraziamento particolare va ad Agostino Consoli (per fortuna ci sono i pensionati!) senza il quale lo sforzo di tutti sarebbe rimasto vano. Un caro saluto.

4 Approvato il nuovo stemma del Comune Un emblema per esprimere elementi identificativi e rappresentativi per l intera Comunità di Salvo De Luca PRIMOPIANO Con il decreto del Presidente della Repubblica, Giorgio Napoletano, trasmesso al sindaco, avv. Anthony Barbagallo, lo scorso 21 gennaio 2009 è stato approvato il nuovo stemma del nostro Comune e, conseguentemente, il nuovo gonfalone. Era da tempo che Pedara aspirava a possedere un emblema araldico che esprimesse la propria memoria storica, in sostituzione di quello in vigore dal 15 febbraio 1977 e mai ritenuto idoneo. Così, nel 2006, l Amministrazione Comunale ha dato l incarico all associazione culturale Centro Storico di Pedara di attivare e condurre l iter procedurale che portasse al cambio dello stemma e del gonfalone. Un compito inizialmente dall esito incerto, perché è assai difficile ottenere il decreto di sostituzione di uno stemma comunale già attribuito ufficialmente, se non adeguatamente supportato da più che giustificate motivazioni. L associazione Centro Storico, quindi, presi i dovuti contatti con gli esperti di araldica della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha realizzato un dettagliato profilo storico-etnografico di Pedara motivante la richiesta del Decreto, forte del fatto che le leggi in vigore danno diritto ad ogni Comune di dotarsi di uno stemma che richiami i propri trascorsi storici rappresentanti le radici e la memoria del territorio a cui appartiene. Su questi precisi presupposti, pertanto, sono state avviate tutte le procedure necessarie perchè Pedara potesse ottenere uno stemma che non fosse generico ma che contenesse ed esprimesse elementi identificativi e rappresentativi per l intera Comunità. Il primo passo è stato quello di individuare gli elementi che potessero comporre il nuovo emblema araldico da sottoporre prima all analisi del Consiglio Comunale, poi a quella della consulta araldica ministeriale. Dopo la consegna della relazione storica, si sono eseguiti alcuni bozzetti provvisori a colori dello stemma e del gonfalone ed è stata istruita la pratica di concessione. Durante le fasi di studio e di analisi, l associazione Centro Storico è stata più volte convocata dagli esperti della Presidenza del Consiglio dei Ministri per la verifica degli elaborati in modo da giungere alla realizzazione di almeno tre modelli definitivi araldicamente validi tra i quali, poi, l Amministrazione Comunale sarebbe stata chiamata a scegliere. Tra gli esemplari proposti, la scelta degli Amministratori è ricaduta su quello riprodotto a fianco. Dopo quasi due secoli, finalmente il Comune può fregiarsi di un simbolo che rappresenta le proprie radici - dichiara il sindaco Anthony Barbagallo -. Si tratta di un risultato importante, raggiunto dalla nostra Amministrazione dopo essersi prodigata affinché le richieste potessero trovare il pronto accoglimento da parte del Capo dello Stato, Giorgio Napolitano. Le motivazioni che ci hanno spinto a procedere con decisione sono le stesse che, fin dai tempi antichi, muovono sempre i popoli a darsi una propria identità, un proprio nome, un proprio simbolo. Descrizione araldica del nuovo STEMMA comunale Partito il PRIMO interzato in fascia; a) di verde, al braccio destro armato di acciaio al naturale, uscente dal lembo sinistro dello scudo, la mano di carnagione afferrante la coda posta in palo della cometa di sette raggi d oro; b) di nero, alla croce di otto punte e patente di argento; c) di rosso, al giglio di giardino reciso, gambuto di verde, fiorito di due, di argento; il SECONDO di azzurro, al leone d oro, coronato all antica, dello stesso. Ornamenti esteriori da Comune. 4

5 (non era ancora Comune) semmai con quello del suo proprietario prima, e del suo personaggio più rappresentativo dopo: Domenico Di Giovanni e don Diego Pappalardo; inoltre, soprattutto a Malta, il paese è famosissimo per la neve dell Etna, il vino e il culto a S. Caterina d Alessandria. Bisognerà attendere ancora altri 150 anni perché Pedara possa cominciare ad utilizzare uno stemma proprio. Pedara, comune del Regno delle Due Sicilie L 11 ottobre 1817, re Ferdinando IV di Borbone, da Napoli, stabilì per decreto che anche Pedara diventasse Comune autonomo, sotto l Intendenza di Catania. Mantenendo i confini decisi nel 1641, venne così in possesso di tutto il territorio non appartenente ai privati e con esso fu determinato il fondo comunale. Le vecchie autorità, come i capitani di giustizia o il corpo dei giurati, rimasero in carica provvisoriamente in attesa che il 1 gennaio 1819 entrasse in funzione il nuovo corpo amministrativo composto dal Sindaco e dagli Eletti È il periodo storico in cui il Comune inizia ad essere rappresentato anche da un simbolo. Non avendone uno proprio, fu adattato quello Borbonico (del Regno delle Due Sicilie), che per qualche decennio comparve nei documenti ufficiali del neonato Municipio (a destra, il timbro su un documento comunale di quel periodo). Descrizione araldica del nuovo GONFALONE comunale La Real Casa Savoia Il passaggio di Garibaldi e la successiva Unità d Italia comportarono una modifica della simbologia degli enti locali. Ben presto, infatti, anche il Comune di Pedara adottò lo stemma Sabaudo della Real Casa. Drappo di bianco con la bordatura di azzurro, riccamente ornato di ricami d argento e caricato dallo stemma sopra descritto con la iscrizione centrata in argento recante la denominazione del Comune. Le parti di metallo ed i cordoni saranno argentati. L asta verticale sarà ricoperta di velluto dei colori del drappo, alternati con bullette argentate poste a spirale. Nella freccia sarà rappresentato lo stemma del Comune e sul gambo inciso il nome. Cravatta con nastri ricolorati dai colori nazionali frangiati d argento. Alla ricerca di uno stemma Pedara ha una storia più che millenaria, ma delle antiche origini sono rimaste ben poche testimonianze perché sconvolgenti eventi naturali hanno cancellato ogni traccia del passato. È una delle prime comunità autonome del bosco etneo, ma è durante il Seicento che il paese esce dall oblio, riuscendo a trasformare la propria economia lenta e senza futuro in una tra le più floride e attive della zona pedemontana. È il momento in cui il paese comincia ad essere identificato anche attraverso un emblema: non con un proprio stemma L era Fascista L avvento del regime determinò un ulteriore modifica. Allo stemma Savoia si aggiunse anche l aquila con il fascio Littorio. A fianco, il timbro utilizzato dal Comune tra il 1922 e il 1943 contenente le due icone di Casa Savoia e del Regime Fascista. Giove Etneo, il primo stemma (ufficioso) Già nella metà degli anni Venti del 900, il potestà Gaetano Scandura aveva deciso di fornire il Comune di uno stemma che rappresentasse le proprie origini. Venne ricavata l icona di Giove Etneo sul trono, frutto di una fantasiosa ipotesi etimologica elaborata dal prof. Vincenzo Casagrandi nel Ma esso fu il risultato di uno studio unico riferito soltanto al toponimo ad pedes arae. Non esistono, però, precisi riferimenti etimologici benché diversi studiosi, per secoli, se ne siano interessati senza PRIMOPIANO 5

6 PRIMOPIANO riuscire a stabilirne con certezza la provenienza. Tuttavia, proponiamo due delle ipotesi finora più dibattute: Ad pedes arae, pes (pedis - piede) e ara (altare): ai piedi dell ara. Ma quale ara? Secondo una leggenda, si tratterebbe di un edificio costruito sulla sommità dell Etna (a quota 2915 m), chiamato Torre del Filosofo, corrispondente ad un ara eretta dalla regina Etnosia dedicata a Giove Etneo. Ma il prof. Casagrandi, nella pergamena che raffigura Giove Etneo - oggi conservata nell ufficio del Sindaco - afferma che il termine ad pedes arae ha origine, invece, dal colle dove attualmente sorge Trecastagni, molto vicino a Pedara. Egli sostiene questa sua teoria basandosi principalmente sulle monete coniate a Catania nel V sec. a.c. in una delle quali è riprodotta Giove Etneo. Ma quanto da lui concepito non ha mai trovato approvazione e conferma presso gli studiosi. Epidauro, sembrerebbe la teoria più credibile. Anche nel 700 ne erano d accordo. Il nome deriva dalla città greca dell antica Argolide, nei pressi di Micene, celebre per il santuario eretto in onore di Esculapio, forse il più grande centro terapeutico dell antichità, particolarmente noto per la cura delle malattie psicosomatiche. Diversi motivi giustificherebbero tali convinzioni: l assonanza del termine, alcune testimonianze credibili e il fatto che i primi coloni greci venuti in Sicilia, partiti proprio da quelle regioni elleniche, si stabilirono lungo la costa orientale dell isola e nelle colline circostanti; luoghi che, come Pedara, ricordavano loro la terra d origine per le condizioni ambientali. Una delle più Il teatro greco di Epidauro importanti testimonianze che renderebbe più credibile tale ipotesi è rappresentata dal fatto che in diversi scritti e atti ufficiali del 600 Pedara è chiamata, appunto, Epidauro. Una falsa origine Ma come è pervenuta a noi, invece, l immagine di Giove Etneo per anni simbolo ufficioso del Comune? Contrariamente a quanto affermato dal prof. Casagrandi nel 1928, probabilmente EPIDAURO La posizione geografica di Epidauro l icona rappresenta un particolare che si avvicina solo marginalmente alle origini etimologiche del paese. Torniamo un po indietro nel tempo, quando i colonizzatori greci avevano già diffuso la loro cultura tra la popolazione indigena, considerando che i Calcidesi, sicuramente, qui vivevano nell obbedienza delle proprie leggi importate dalla terra d origine ed alle quali diedero poi notevole incremento. Le città che i Greci avevano fondato in Sicilia, nella loro monetazione si ispiravano spesso all ambiente naturale del loro territorio d origine, interpretato sotto l aspetto del mito. La moneta dell Etna A n c h e l Etna ebbe una sua moneta: tra il 476 e il 461 a.c., Gerone, tiranno di Catania, fece coniare alcune monete una delle quali, la più celebre, è quella oggi esistente in un unico esemplare appartenente alla collezione belga De Hirsch e conservata nella Biblioteca Reale di Bruxelles (foto sopra). Coniata dal tiranno per commemorare la sua vittoria di auriga ai giochi di Pito, il tetradramma d argento presenta al dritto una testa di Sileno calvo e barbuto, creatura mitologica semiferina legata al vino (si vedano le foglie d edera attorno al capo); più sotto è raffigurato uno scarabeo, forse il celebre scarabeo dell Etna, noto ai Greci per le sue notevoli dimensioni; al rovescio si vede l immagine di Zeus Aitnaios (Giove Etneo) seduto sul trono mentre tiene un fulmine nella mano sinistra. Davanti a lui appare un aquila, cara a Giove stesso, che poggia sulla vetta di un pino. Nel Supplemento delle storie di Livio apprendiamo, inoltre, che in occasione della vittoria dell esercito romano nella prima Guerra Servile ( a.c.), il Senato di Roma mandò in Sicilia dieci dei componenti l assemblea dei Probiviri. Essi, per prima cosa, fecero sacrifici in onore a Cerere (dea del grano, madre di Proserpina, molto venerata soprattutto a Enna), la cui statua antichissima nessuno aveva mai osato violare. Poi viaggiarono per tutta l Isola e dedicarono altari a Giove Etneo; ne innalzarono attorno pareti, gli edificarono templi e ne vietarono l accesso ai privati in quanto edifici sacri e solenni appartenenti alla Repubblica. Alla luce di quanto emerso possiamo affermare che il culto di Giove Etneo era ben radicato in questa zona fin dal IV sec. a.c. ma, considerando che non sono emersi particolari più specifici, riteniamo che non sia esclusivamente legato a Pedara, bensì all area etnea in genere. Nel 1928, quindi, Pedara ebbe il suo primo stemma anche se ufficioso, ripreso poi nel 1969 dall artista Ranno per la vetrata di ingresso del nuovo Comune (in basso, un particolare del bozzetto preparatorio con Giove Etneo). Il primo stemma ufficiale Perché uno stemma comunale sia considerato ufficiale, occorre che una consulta araldica prima, e l apposito ufficio della Presidenza del Consiglio dei Ministri poi, stabiliscano ed approvino gli elementi caratterizzanti l emblema. Solo dopo viene emanato il decreto del Presidente della Repubblica. Intorno al 1976 si pensò di rendere ufficiale lo stemma con Giove Etneo 6

7 sottoponendolo all analisi degli esperti di araldica. Questi ultimi non conoscevano la memoria storica locale e non presero in considerazione neanche il simbolo che per 50 anni aveva rappresentato il Comune perché difficile da riprodurre araldicamente; non tentarono neanche di individuare, a livello locale, ulteriori elementi che potessero sostituirlo in maniera valida. A Pedara avrebbero certamente trovato tutto ciò che poteva essere utile al loro scopo. Gli studiosi giunsero molto presto ad una conclusione dopo aver effettuato una semplicistica ricerca presso l Archivio di Stato di Palermo, dove fu immediatamente rinvenuto un anonimo quanto singolare stemma facente parte di una simbologia generica che il governo borbonico aveva assegnato ad ognuno di quei casali che, come Pedara, erano stati creati comuni con la riforma amministrativa del 1817/18. L operazione si limitò essenzialmente a questo, senza che l esito fosse, invece, un risultato di elementi che potessero identificare il Comune di Pedara attraverso la sua vera memoria storica. Venne fornito, pertanto, uno stemma attribuito d ufficio costituito solo di figure geometriche difformi, di incerta e non provata origine e prive di valore e significato storico ed etimologico. Il 15 febbraio 1977, infatti, il Presidente della Repubblica Giovanni Leone decretò l emblema in uso fino a qualche mese fa. Solo alcuni dei suoi elementi sono riconducibili allo stemma Borbonico (particolare in alto, tra l altro riferito al Granducato di Toscana), per il resto, è un immagine completamente anonima che non esprime passato e che nessuno, infatti, ha mai riconosciuto. Da subito gli Amministratori si opposero a questa scelta, ma gli ulteriori tentativi di ripristinare la precedente icona o di modificare quella appena ottenuta risultarono vani e pertanto ci si dovette accontentare di uno stemma impossibile da collegare ai simboli e agli elementi che appartengono, invece, alla tradizione e alla cultura locale, molti dei quali ancora visibili negli edifici storici della Città. ELABORAZIONE DEL NUOVO STEMMA E GONFALONE COMUNALE La tradizione religiosa La sua origine segna quasi sempre la nascita di ogni comunità civile. A Pedara ha certamente inizio in epoca bizantina con il culto a S. Caterina. La successiva dominazione normanna portò alla diffusione del monachesimo benedettino e sull Etna nacquero le prime abbazie. Nel territorio di Pedara fu presente l insediamento rurale monastico di S. Maria del Boscochiuso e ad esso si dovette la formazione cristiana dei primi Pedaresi che, nel 1388, ottennero dal vescovo la licenza per la costruzione della loro prima chiesa parrocchiale dedicata alla Madonna Annunziata, voluta poi protettrice di queste contrade, più volte affrante dalla lava ed altrettante volte risorte. S. Caterina e l Annunziata Le violente eruzioni del 1408 e del 1444 costrinsero il primo nucleo di Pedaresi a stabilirsi più a valle e, nell attuale sito, iniziarono la costruzione della chiesa di S. Caterina. L altare maggiore di questa chiesa era però dedicato all Annunziata che, con S. Caterina, divenne poi patrona di Pedara. Il giglio appartiene alla simbologia mariana dell Annunziata, il colore rosso, invece, rappresenta il martirio di S. Caterina. I personaggi che hanno creato il passato È importante che lo stemma di un Comune contenga anche riferimenti a suoi personaggi più rappresentativi attraverso un particolare specifico della loro attività o delle loro imprese o, meglio, riproducendo in parte o per intero un eventuale loro stemma di famiglia. Normalmente viene privilegiato uno stemma nobiliare. A Pedara, nel passato, non sono esistite famiglie con tali origini, però i personaggi che hanno contribuito alla sua crescita sociale ed economica hanno fatto uso di segni distintivi dal Seicento alla metà dell Ottocento. Domenico Di Giovanni. Ricco mercante messinese, nel 1641 acquistò dalla Corona Spagnola il casale di Pedara diventandone Barone. Ritenuto ottimo feudatario, fu capace di aprire strade ai traffici e mantenere maestri di scuola, impiegando al proprio servizio molti operai che proteggeva e soccorreva. Avviato con discreti risultati il piano di risanamento economico e sociale del territorio, si ritirò a Messina dove morì il 18 maggio La sua memoria è rappresentata dallo stemma collocato sulla finestra centrale della Basilica che rappresenta due leoni controrampanti incoronati ed una spiga di grano in mezzo. Don Diego Pappalardo. È unanimemente considerato il figlio più illustre di Pedara, essendo stato un grande mecenate ed artefice di straordinarie imprese. Contribuì in prima persona e con grande ingegno alla rinascita del paese dopo il disastroso terremoto del 1693 ed alla costruzione della Basilica di S. Caterina. A lui è intitolata la piazza principale di Pedara. Nel momento in cui fu ammesso nell Ordine di Malta come cappellano conventuale, iniziò a presentarsi con un proprio emblema: il braccio con la stella e tre scaglioni (foto a sinistra); è questo lo stemma che don Diego adottò per sé e per la propria famiglia. Durante il 700 lo stemma di don Diego fu modificato dai suoi discendenti (foto a destra) con l inserimento di elementi relativi alle famiglie Di PRIMOPIANO 7

8 Giovanni e Villafranca-Alliata (leone rampante e tre torri). Questo emblema durerà fino alla morte del barone Domenico Papardo (1839), ultimo discendente diretto di don Diego Pappalardo. Malta Dall analisi del nostro passato emerge che Pedara e Malta condividono un notevole patrimonio di storia e arte. Tutto nasce dall intraprendenza di don Diego Pappalardo e dagli intensi scambi commerciali e culturali che seppe attivare con l arcipelago maltese. Fu il momento (il XVII sec.) in cui Pedara fu conosciuta ed apprezzata dalle massime autorità dell Ordine Gerosolimitano, dagli esponenti delle più ricche famiglie europee e da diversi artisti del tempo, primo fra tutti Mattia Preti, il grande maestro del barocco italiano. Don Diego fu molto legato a Valletta, anche perché era sede dell Ordine a cui apparteneva, e perché vi inviava neve e vino. Nella Basilica di S. Caterina la croce di Malta è presente ovunque, fino alla punta più alta del campanile. Ambiente e territorio Vito Amico, uno storico 700, scrive che gli antichi celebravano il territorio di Pedara per la fecondità dei vigneti, per le messi, l amenità dei luoghi, i pascoli e i boschi di faggi e castagni. Omero narra dell abbondanza di campi d orzo e di frumento nonché di turgidi grappoli di tralci frondosi. Nelle sue opere, Plinio afferma con precisione che qui si producevano vini molto famosi. Altre testimonianze sulla ricchezza dei boschi etnei si trovano anche in Ovidio e Teocrito oltre che negli scritti di molti altri storici e naturalisti. Ciò che da sempre ha sostenuto l economia di questi luoghi è stata, infatti, l agricoltura, anche se ci sono stati periodi in cui la popolazione si è dedicata quasi interamente ad altre attività come il commercio della neve e del carbone (soprattutto durante il 600). Ma esse, poi, finita l epoca di don Diego e soprattutto dopo il terremoto del 1693, persero vigore tanto che ad emergere fu soltanto la coltivazione della vite e, quindi, la produzione di vino, ottenuto in abbondanza in ogni contrada a partire dal 700. Ecco, quindi, che il colore verde rappresenta il nostro ambiente e la ricca vegetazione pedemontana etnea. Sintesi degli elementi Il verde dei boschi e dei frutteti Il braccio armato con la stella dello stemma di don Diego La croce di Malta testimonia gli antichi legami con La Valletta Il fondo azzurro simbolo dei marmi policromi della basilica Il leone rampante coronato dello stemma dei Di Giovanni Il giglio simbolo mariano dell Annunciazione PRIMOPIANO Il fondo nero è il colore dell abito dei Cavalieri di Malta Il rosso simbolo del martirio di S. Caterina 8

9 Il Consiglio Comunale dei Ragazzi in visita al Parlamento Regionale Nel quadro delle iniziative messe in atto dalla Scuola e dall Amministrazione Comunale per avvicinare i giovani alle istituzioni, lo scorso 20 maggio i ragazzi del baby Consiglio hanno visitato a Palermo la sede dell Assemblea Regionale Siciliana. La delegazione è stata accolta ed introdotta dal cerimoniere nella sala d Ercole dove si svolgono le sedute del Parlamento Concetta Montesano. Nel corso della visita, il cerimoniere ha illustrato ai ragazzi, con chiarezza e dovizia di particolari, la storia del Parlamento Siciliano, nonché le varie bellezze architettoniche del sito. La visita si è conclusa nella Cappella Palatina, nella quale sono stati ammirati i mosaici bizantini e lo splendido soffitto ligneo. Durante la mattinata, i ragazzi hanno avuto possibilità di visitare la Cattedrale e le splendide bellezze della città. Il viaggio si è concluso con una tappa al Santuario di Santa Rosalia sul Monte Pellegrino e con un evento, purtroppo, spiacevole: il decesso improvviso di una nostra concittadina, membro della comitiva di anziani che accompagnava i ragazzi. Attraverso la visita al Palazzo dei Normanni, i baby consiglieri hanno avuto modo di ripercorrere le vicende FOCUS Regionale. I baby consiglieri sono stati accompagnati dal sindaco, avv. Anthony Barbagallo, dal presidente del Consiglio Comunale, dott. Mario Laudani, dal Dirigente Scolastico, prof. Emilio Chisari, dalla vice Preside, prof.ssa Maria Pappalardo e dalle docenti Amalia Turrà e storiche e culturali del Parlamento Regionale e di ammirare il grande patrimonio artistico che vi si custodisce. L'Assemblea Regionale Siciliana è l'organo legislativo della Regione, come previsto dal suo statuto speciale. In virtù del suo particolare stato legislativo, è l'unica assemblea regionale italiana a possedere il titolo di parlamento e i suoi componenti (90) sono identificati come deputati, eletti a suffragio universale diretto ogni cinque anni. Il Parlamento Siciliano è considerato il più antico (o tra i più antichi) al mondo. Nel 1097 ci fu la prima assise a Mazara del Vallo convocata dal re Ruggero di un parlamento inizialmente itinerante. Il Parlamento siciliano era costituito da tre rami e precisamente dal Feudale, dall'ecclesiastico e dal Demaniale. Il ramo feudale era costituito dai nobili rappresentanti di contee e baronie, il ramo ecclesiastico era formato da arcivescovi, vescovi, abati e archimandriti, mentre il ramo demaniale era costituito dai rappresentanti delle 42 città demaniali della Sicilia. Dal 1130, invece, si riunisce nella Sala d'ercole all'interno del Palazzo dei Normanni di Palermo. Dal 25 maggio 1947 ad oggi si sono susseguite XV legislature, inizialmente della durata quadriennale, e dal 1971 quinquennale. Nel 1997 l'assemblea ha celebrato il suo 900 anniversario. AMMINISTRAZIONE 9

10 AMMINISTRAZIONE 10 Il Presidente del Consiglio Comunale Cari Concittadini, finalmente, dirà qualcuno, è arrivato il tanto atteso momento dell inaugurazione del centro diurno per anziani e, dopo qualche iniziale intoppo, sono iniziate subito tutte le attività ricreative: dal gioco a carte alla ginnastica, alle attività di gruppo. Si sono così infittite le occasioni di incontro e i momenti per socializzare. Tra questi, si inserisce anche la visita a Palermo e all Assemblea Regionale. Lo scorso 20 maggio, infatti, una delegazione di amministratori insieme ai componenti del Consiglio dei ragazzi e ad un folto gruppo di cittadini pedaresi si sono recati nel nostro capoluogo di regione. La mattinata è interamente trascorsa visitando il cuore di Palermo e la cattedrale, ammirando uno dei più interessanti siti di architettura medievale. Dopo una breve pausa pranzo, nel primo pomeriggio ci siamo recati all Ars dove ci attendeva la guida della fondazione Federico II per illustrarci la sede del parlamento siciliano e tutte le varie sale fino ad ammirare la cappella palatina, uno dei gioielli più pregiati della città. Il pomeriggio si è concluso con la visita al monte Pellegrino e alla chiesa di S. Rosalia, suggestivo luogo di fede e culto cristiano. Una giornata così ricca di avvenimenti che si è, purtroppo, conclusa con la tragica e prematura dipartita di una nostra concittadina recatasi in gita con noi. Alla sua famiglia rivolgo le più sentite condoglianze da parte del Consiglio Comunale. Mario Laudani Presidente del Consiglio Comunale Interventi dei Capi Gruppo MPA I funesti eventi accorsi in Abruzzo mi costringono a riflettere sulla tragedia, traendone delle conclusioni non sempre piacevoli. Nulla si deve togliere al dramma dei nostri connazionali, ma una domanda ci si deve porre da siciliani: perché la macchina della solidarietà nazionale funziona a due marce? Mi ricordo ancora della notte di Santa Lucia, quando un terremoto colpì la Sicilia orientale in maniera devastante. Dov erano erano le istituzioni nazionali, dov erano le iniziative di solidarietà spontanea che tanto stanno facendo per l Abruzzo? Andando più indietro negli anni, ricordo il terremoto del Belice, una tragedia di proporzioni ancora maggiori, con un alto numero di vittime. Ancora oggi le ferite sono evidenti con cittadini costretti a vivere in accampamenti di fortuna. Senza parlare del terremoto di Messina (ci sono ancora cittadini che dopo 100 anni vivono ancora da baraccati!!!). Forse che nella sfortuna i connazionali abruzzesi hanno la fortuna di trovarsi a 200 km da Roma? L amara considerazione è quella di sembrare cittadini di serie B, lasciati a vivere di espedienti e chiamati in causa solo quando c è bisogno del consenso elettorale. Attenzione, non dico che non sia giusto quanto stia avvenendo in Abruzzo, anzi si deve fare ancora di più, ma ho paura che la nostra lontanza fisica dai centri di potere non ci aiuta e che se eventi di tale natura occorressero nei nostri luoghi, la macchina della solidarietà non abbia le stesse funzionalità. Allora dobbiamo essere bravi noi ad evitare il peggio: come Amministrazione dobbiamo cercare di garantire strutture adeguate per le emergenze e sistemare tutte le carenze sia organizzative che strutturali. Certo, di fronte alla violenza della natura poco si può fare ma nulla deve essere lasciato al caso. L Amministrazione dovrà rivedere tutta la situazione dell edilizia scolastica prevedendo, ove necessario, anche la chiusura di plessi che non sono idonei staticamente, iniziando subito un attiva opera per la creazione di scuole più sicure (lo dobbiamo al nostro futuro). Al di là di queste considerazioni, giunga ai connazionali abruzzesi il nostro più grande augurio perché possano ritornare alla normalità nel più breve tempo possibile. Antonio Fallica Forza Italia Cari Concittadini, nell ultimo trimestre l attenzione del Consiglio Comunale è stata quasi del tutto assorbita dalle scadenze legate all approvazione del Bilancio di previsione per l esercizio 2009 e dei documenti di accompagnamento allo stesso, quali: il Piano triennale ed annuale delle opere pubbliche, il Piano triennale del fabbisogno di personale e il Piano di alienazione e valorizzazione dei beni immobili di proprietà comunale. Certamente, a nessuno sfugge il significato amministrativo, gestionale e politico di tali strumenti in grado di garantire il funzionamento della macchina amministrativa comunale e strategici per le ipotesi di sviluppo sociale ed economico che questa compagine amministrativa ha inteso intraprendere quale volano per la crescita dell intera comunità pedarese. Senza entrare nello specifico dei singoli provvedimenti, data l esiguità dello spazio concessomi e della natura prevalentemente tecnico-economica della materia in oggetto, colgo l occasione per sottolineare il lavoro di sintesi, di indirizzo e di convergenza sinergica in termini politici ed amministrativi portato avanti dal gruppo consiliare di Forza Italia non solo all interno della maggioranza, ma soprattutto in ambito consiliare e della commissione Bilancio dove si è operato con grande senso di responsabilità e avendo a cuore esclusivamente i bisogni e le necessità di Pedara e dei Pedaresi. Sento, quindi, il dovere di ringraziare i colleghi Mario Laudani e Giuseppe Deodati per l impegno, la dedizione e l unità di intenti dimostrati durante le diverse fasi che hanno portato all approvazione di questo importante strumento programmatico. Angelo Pulvirenti

11 Alleanza Nazionale pedaranotizie Cari Concittadini, è con grande piacere e orgoglio che scrivo su questa rivista dopo aver visto splendere il nostro centro storico grazie alla nuova illuminazione artistica. Orgoglio dovuto anche al fatto che questa, come altre opere, chiamano in causa i nostri assessori Roberto Laudani e Gaetano Petralia. Prosegue quindi il tenace e impegnativo volere dell amministrazione di mantenere le promesse fatte in campagna elettorale per rilanciare e dare un nuovo volto più sobrio e turistico al nostro amato paese. Il Consiglio Comunale, da parte sua, grazie al voto favorevole dei gruppi di maggioranza ha approvato il piano triennale delle opere pubbliche (triennio ) e il programma annuale del In particolare, l interessamento dei nostri assessori, oltre che per tutte le altre opere, è stato più incisivo per i seguenti progetti: la realizzazione dell impianto di pubblica illuminazione in alcune strade comunali; la costruzione di un impianto fotovoltaico, opera fortemente voluta dal nostro gruppo, che porterà notevoli vantaggi e risparmi energetici per le casse comunali; la riqualificazione urgente dei quartieri S. Caterina e S. Biagio e la ristrutturazione dei palmenti e dei percorsi pedonali siti nel centro storico. In conclusione, mi preme evidenziare gli sforzi fatti per mitigare e combattere il randagismo sul territorio. Una piaga che affligge il nostro territorio e dovuta ad alcuni insensibili e disonesti che abbandonano i loro animali. E prevista un imponente campagna di informazione al cittadino, con censimento, microchippattura e sterilizzazione dei randagi; tutto questo grazie anche alla collaborazione con la Provincia Regionale di Catania. Per qualsiasi informazione o suggerimento non esitate a contattare i consiglieri di Alleanza Nazionale Nino Moschetto e Alfio Maccarrone oppure presentate segnalazione anche telematica al nostro efficiente Ufficio Relazioni Pubblico: Comunicazione dell assessore all Ecologia e Ambiente Egregi Concittadini, col problema rifiuti, purtroppo, si è perennemente in emergenza: ormai è stato detto quasi tutto e il contrario di tutto. In questo mare magnum una sola cosa è certa: bisogna produrre meno rifiuti e bisogna differenziare di più perchè essi diventino una risorsa. Produrre meno rifiuti vuol dire ridurre i costi della discarica e quindi diminuire le spese sostenute dai cittadini. Accade spesso di sentire ragionamenti del tipo: perché dovrei comportarmi correttamente quando gli altri non lo fanno? Perché dovrei differenziare se la raccolta non viene fatta sempre? Perché dovrei aspettare che mi ritirino gli ingombranti se altri li buttano per strada o nei boschi? Purtroppo questi tipi di atteggiamento hanno contribuito a trasformare il problema rifiuti in una grande questione nazionale. Tutto ciò ci porta a riflettere sui nostri comportamenti e sul fatto che dobbiamo indirizzarli verso una modalità di gestione più consapevole e rispettosa dell ambiente e della qualità della vita che vorremmo sempre migliore. Bisogna che ognuno di noi, dal semplice cittadino al grande impresario industriale, faccia la propria parte, con la certezza di contribuire a realizzare qualcosa di davvero utile per tutti. L'obiettivo di ridurre quanto più possibile la produzione di rifiuti indifferenziati, da smaltire nelle discariche o negli inceneritori, è oggi un obbligo sancito dalla legge, ma è anche un preciso dovere civico. Questo Assessorato sta mettendo in atto degli interventi mirati a sensibilizzare i cittadini sull'importanza che assume la raccolta differenziata dei rifiuti. Pur trovandoci ancora in una fase di transizione, stiamo lavorando molto per arrivare a raggiungere obiettivi importanti. Da qualche tempo sono stati posizionati nuovi cassonetti per la indifferenziata e nuove campane utilizzate per la raccolta della carta, del vetro e della plastica/metalli. Sono state preparate anche 5000 brochure che a breve verranno distribuite; al loro interno si troveranno tutte le informazioni necessarie al giusto utilizzo dei cassonetti oltre alle notizie sulla raccolta porta a porta già istituita nel centro storico della città. Da sottolineare che sono stati consegnati agli esercenti i contenitori in cui gettare plastica e vetro e nei ristoranti e nei pub sono stati sistemati i contenitori per l'umido. Inoltre, presso la Sede Comunale è stato istituito uno sportello informativo TIA, riservato solo ai residenti, per evitare lunghe ed estenuanti code presso altre sedi comunali (Mascalucia - San Giovanni La Punta). A breve verrà aperto il CCR o centro di raccolta dei rifiuti, sito in via Teocrito, che permetterà a tutti i cittadini di differenziare i loro rifiuti ed ottenere in cambio benefici economici. Oltre a ciò, vorrei ricordare a tutti i cittadini che è attivo il numero verde , utile per coloro che hanno il bisogno di smaltire i cosiddetti rifiuti ingombranti, cioè lavatrici, frigoriferi, ect, e per richiedere la vasca ove riporre la decespugliazionepotatura che non va collocata nei cassonetti o nelle immediate vicinanze. Il servizio è assolutamente GRATIS. Inoltre, è di fondamentale importanza per l Amministrazione procedere all individuazione delle posizioni di evasione e di elusione al fine di evitare il rischio di un gravissimo danno di sperequazione tra Cittadini che adempiono il loro dovere di partecipazione alla copertura della spesa e Cittadini colpevolmente o inconsapevolmente inadempienti. Il costo del servizio va ripartito su tutti i cittadini: non possiamo tollerare che siano solo i soliti onesti a pagare per tutti! In accordo con l ATO 3 Simeto Ambiente, verranno effettuati anche severi controlli sul servizio svolto dall azienda Mosema, che gestisce il servizio di raccolta dei rifiuti sul nostro territorio, e in caso di accertati disservizi verranno richieste le dovute decurtazioni. In definitiva, si dice che il minimo battito d ali di una farfalla sia in grado di provocare un uragano dall altra parte del mondo. Questa è la famosa frase che esprime la teoria del caos ovvero, una minima variazione può produrre un grande cambiamento. Cambiamento anche in positivo!!! E allora, cari concittadini, ribaltiamo il nostro punto di vista, pensiamo diversamente, pensiamo differenziato. Crederci fa la differenza! L Assessore all Ecologia ed Ambiente Dott.sa Milena Verdi AMMINISTRAZIONE 11

12 SERVIZI SOCIALI Su iniziativa del patronato Acli di Catania e della Misericordia di Pedara Aperto lo Sportello Salute Si chiama Sportello Salute e nasce da una collaborazione fra due delle più importanti realtà associative dell hinterland dei paesi etnei: patronato Acli e Fraternita di Misericordia. Il nuovo servizio si rivolge in particolare a tutti i cittadini, lavoratori e non, che accusano problemi di salute e di invalidità e che incontrano difficoltà nell accesso ai relativi servizi di informazione, assistenza e alle conseguenti prestazioni di natura assistenziale ed economica. L idea di attivare lo sportello salute nasce dalla comune riflessione che segue l esperienza maturata da un attività di volontariato in prima linea. Per alcune categorie di soggetti come gli anziani, una semplice richiesta di informazioni per il conseguimento di una prestazione sociale può trasformarsi sempre più frequentemente in un vero e proprio calvario di viaggi e rinvii senza riuscire a trovare una soluzione. Basti pensare ai tempi oggi occorrenti per l espletamento di una pratica di invalidità civile, o all iter per richiedere protesi e/o ausili. Ecco, dunque, che il nuovo servizio non vuole essere l ennesimo centro disbrigo pratiche ma caratterizzarsi per la speciale attenzione che viene riservata nei settori delle invalidità e non autosufficienza e per le sinergie di rete che vengono attivate con tutti quei rappresentanti delle Istituzioni e del terzo settore che vogliono condividere tale azione. In sintesi, lo Sportello Salute offre servizi di informazione e assistenza nei seguenti ambiti: pensione di vecchiaia e inabilità, invalidità civile, indennità di accompagnamento e frequenza, infortuni sul lavoro, domande di indennità di disoccupazione, riconoscimento handicap e relative agevolazioni, disabilità e collocamento obbligatorio, esenzioni sanitarie e richiesta di protesi e ausili, rilascio certificazione ISEE. Sono più di 50 le persone che si sono rivolte allo Sportello Salute nel corso del primo mese di attività, richiedendo assistenza soprattutto nei settori dell invalidità civile e pensionistico. Coloro che si trovano nell impossibilità di spostarsi dalla propria abitazione, potranno richiedere l intervento degli operatori a domicilio previo appuntamento telefonico. Lo Sportello Salute è attivo presso la sede della Misericordia di Pedara in via Pizzo Ferro 5 (zona campo sportivo nuovo, accanto la palestra comunale) nei giorni di: Lunedì dalle alle Mercoledì dalle alle Venerdì dalle 9.00 alle Per ulteriori informazioni, contattare gli operatori al seguente recapito: nei regolari Attivato lo sportello Informafamiglia Dallo scorso mese di gennaio il Comune di Pedara, in collaborazione con l Associazione L Albero di Andrea Onlus e i servizi sociali territoriali, ha attivato lo Sportello Informafamiglia quale centro di informazione e di ascolto per le famiglie. Lo Sportello offre alla cittadinanza consulenza psicologica, pedagogica, mediazione familiare, orientamento scolastico e professionale e consulenza legale. Per il periodo estivo l Associazione ha organizzato il Grest R estate a Pedara per i bambini dai cinque ai dieci anni residenti sul territorio comunale al fine di offrire loro attività ludicoespressive che favoriscano la socializzazione e il lavoro di gruppo. Loredana Nicita, in qualità di presidente dell Associazione, unitamente al responsabile scientifico, dott. Gianni Panebianco, da anni opera sul territorio regionale per la promozione di attività di servizio civile, di progettazione sociale e di formazione. Obiettivo primario dell Associazione è quello di rappresentare un punto di riferimento regionale tecnico scientifico ed organizzativo per tutti gli altri Enti noprofit pubblici e privati che operano nello stesso settore. A tal fine, l Associazione si propone di continuare ad operare nel tempo in tal senso offrendo sempre maggiori servizi volti al miglioramento della qualità di vita dei cittadini. Giuseppe Sambataro Operatore dello Sportello Informafamiglia 12

13 La disabilità e la scuola: un incontro a Pedara L integrazione della diversità di Enza Zappalà Laboratorio agroalimentare Lo scorso giugno, il plesso scolastico di via Alcide De Gasperi ha realizzato un laboratorio di educazione agroalimentare Lo scorso 6 m a g g i o, presso l Istituto Comprensivo S. Casella di Pedara, si è tenuto un incontro tra le insegnanti delle 18 sezioni della scuola materna, la consulente didattica, prof.ssa Rita Puglisi, e la pedagogista Antonella Liotta, avente come tema la disabilità nelle scuole: una lodevole iniziativa che ha posto l'accento su un argomento importante e delicato, spesso affrontato pur in mancanza di mezzi adeguati. Si è voluti partire proprio dalla scuola materna - ci spiega la prof.ssa Puglisi - perché è questo il primo contatto concreto che un disabile ha con la quotidianità, con i propri coetanei; un buon approccio nella scuola materna - continua la consulente - significa gettare delle basi solide per una buona integrazione la differenza che invece degli occhi vede con le dita, con il naso, con le orecchie. E se capitasse a noi? Come ci sentiremmo? Per capire di cosa si sta parlando, si può provare ad andare al Polo Tattile Multimediale di via Etnea (è l unico centro polifunzionale d Europa che riunisce servizi e strutture pensate per non vedenti e ipovedenti; primo in Italia e terzo in Europa dopo Parigi e Londra) all'interno del quale troverete tra le altre cose lo show-room Frammenti di luce dove, chiudendo gli occhi, potrete vedere toccando e sfiorando. E' questo, infatti, un museo dove sono poste delle celeberrime opere che, ad esempio, possono essere capite toccandole con le mani, all'insegna dell'arte che non si vede. E', tuttavia, all'interno del Bar al buio che si capisce, per il tempo di un battito di ciglia, cosa vuol dire oscurità ma anche integrazione! In questo bar, infatti, dove le guide sono i non vedenti, le diversità scompaiono. Tutto questo è necessario che si dal titolo: Agrumi di Sicilia, storia, produzione, consumo, con l intento di valorizzare uno dei prodotti di qualità della nostra regione. L attenzione rivolta ad alunni ed insegnanti mira a suscitare nuovi comportamenti alimentari e a costruire abitudini alimentari legate alla propria identità culturale. Gara di solidarietà Nelle settimane precedenti la fine dell anno scolastico, i bambini e le insegnanti della scuola dell infanzia dei plessi di piazza Don Bosco ( G. Faro ), di piazza Del Popolo e del plesso scolastico di via Alcide De Gasperi hanno organizzato la Gara del dolce e il Mercatino del cuore il cui ricavato è stato interamente devoluto alle popolazioni terremotate dell Abruzzo. dove spesso, è la stessa famiglia ad avere difficoltà nell'accettare la diversità. Sono parole forti quelle utilizzate dalla prof.ssa Puglisi, che lasciano interdetti ma che, tuttavia, ci fanno riflettere sulla gravità della situazione. Lei parla da non vedente che ha imparato a vivere con queste problematiche e a rapportarsi quotidianamente si trova con genitori spaesati e impauriti. Sapevate che in Italia si stimano circa 2 milioni 824mila disabili, di cui circa 352mila ciechi totali o parziali? E ben il 33% dei disabili è portatore contemporaneamente di almeno due disabilità? Il problema della cecità, come per tutte le disabilità, è una questione che spesso si cerca di ignorare, come capita per tutte le cose di cui abbiamo paura: niente di più sbagliato! La persona non vedente è esattamente come noi, con I partecipanti all incontro realizzi in gesti concreti: ed è ciò che la prof.ssa Puglisi e la pedagogista Liotta hanno esposto alle educatrici pedaresi formulando altresì ipotesi di didattica a favore dei bambini disabili e non solo. Sono stati illustrati, quindi, dei supporti educativi utilizzabili da tutti i bambini vedenti, ipovedenti e non vedenti, come ad esempio libri di favole con personaggi intercambiabili, grafica in braille e didascalia leggibile con gli occhi e con il tatto, pallottolieri in bassorilievo per imparare a far di conto: tutto, insomma, all'insegna della integrazione della diversità e non al semplice inserimento di essa. Ci auguriamo che questo primo incontro presso la scuola di Pedara possa essere foriero di un'attività di sensibilizzazione da parte di tutte le istituzioni. Giornata della Terza Età Ha riscosso un ottimo successo la prima edizione della Giornata della Terza Età organizzata dall assessorato comunale alla Solidarietà Sociale con il contributo dell Azienda Provinciale per il Turismo presso la nuova area di Palazzo Pulvirenti. Erano presenti l assessore provinciale Pippo Pagano, il Sindaco Anthony Barbagallo, gli assessori comunali Nuccio Di Prima e Domenico Scirè e il presidente del Consiglio Comunale Mario Laudani. Dopo la messa celebrata da padre Raffaele Landolfo che ha ribadito l importante ruolo formativo ricoperto dai giovani della terza età, la giornata si è conclusa con un divertente spettacolo. SERVIZI SOCIALI 13

14 IX corso di primo soccorso Il comitato di Pedara nord SSi è concluso lo scorso 19 gennaio il IX corso di primo soccorso organizzato dalla Fraternita di Misericordia di Pedara che, come in ogni edizione, ha riscontrato una numerosa partecipazione forzando i limiti imposti dalla segreteria organizzativa dei cinquanta corsisti. Da qualche anno ormai si è cercato di garantire almeno un corso aperto a tutta la cittadinanza ed in questa missione la Misericordia di Pedara ha creduto ed investito con parecchie risorse, non deludendo mai le aspettative dei partecipanti, rispondendo sempre con professionalità e puntando anche ad una formazione personale e ad un obbligo di legge per i lavoratori (addetto al primo soccorso L. 81/2008). La voce della periferia/2 Continua il nostro viaggio all'interno delle realtà pedaresi e, dopo l'incontro con la rappresentanza di Pedara sud, ci spostiamo verso nord, a Tarderia e dintorni dove da tempo opera un organizzazione fondata dall'avv. Sebastiano Attardi e, dal 2007, anche un comitato spontaneo che si propone di mediare tra gli abitanti e l'amministrazione. Quest ultimo, costituitosi sulla spinta emotiva data dalla paura per i numerosi furti verificatisi in quel periodo, vede la luce per volontà del consigliere Monica Lombardo e oggi conta 100 iscritti che si propongono di focalizzare l'attenzione sui problemi che preoccupano la periferia nord non soltanto dal punto di SERVIZI SOCIALI L auspicio è che i partecipanti comprendano il ruolo del soccorritore e, contestualmente, si innamorino del volontariato inteso anche come dono di sè, collaborando attivamente con la locale Misericordia, dando la propria personale disponibilità entrandone attivamente a far parte e, più in generale, della catena dei Volontari di Protezione Civile. Per il 2009 è già in cantiere il X Corso di Primo Soccorso tanto che si sta definendo la calendarizzazione delle lezioni e, non appena possibile, verrà data la più ampia pubblicizzazione delle modalità operative. Servizio civile fra minori e anziani Tra i progetti approvati per il decimo bando del Servizio Civile Nazionale, vi è anche quello presentato dal Comune intitolato Insieme per un anno. L obiettivo è quello di offrire alle fasce deboli presenti sul territorio comunale (minori e anziani) servizi adeguati alla domanda in termini di efficienza, efficacia e qualità, al fine di favorire forme di socializzazione, integrazione e prevenzione del disagio sociale. Tali scopi hanno una grande valenza formativa, a maggior ragione se chi li realizza sono giovani tra 18 e 28 anni che, scegliendo di svolgere il Servizio Civile Nazionale, si mettono in gioco e offrono a favore della collettività un anno della loro vita. Grazie all iniziativa del Comune, i giovani avranno l opportunità di diventare attori protagonisti nella costruzione della società di oggi e del domani, sperimentando i valori della solidarietà e della cittadinanza attiva attraverso le molteplici attività previste nel progetto. Un particolare dei boschi di Tarderia vista della sicurezza ma anche da quello della difesa ambientale. Non scordiamo, infatti, che queste zone ricche di boschi ricadono in parte all interno del Parco dell'etna - ci dice il consigliere Lombardo - e sono visibili a tutti le innumerevoli discariche abusive disseminate ovunque, nonché il sempre crescente numero di cani randagi e la difficoltà di poter usufruire di alcuni servizi primari. Sono molti, insomma, i problemi che si presentano e lo scopo del comitato è proprio quello di veicolarli all'amministrazione con la quale, sottolinea ancora il consigliere Lombardo, si è sempre dialogato con riunioni e sopralluoghi alla presenza del sindaco Barbagallo. Il comitato non è in possesso di una propria sede ma le riunioni si svolgono in alcuni locali messi gratuitamente a disposizione da alcuni residenti. Chi vi volesse aderire, ovvero ottenere informazioni attinenti, può telefonare al numero Enza Zappalà 14

15 Itinerario nell arte Casa Consoli di Laura Petralia Il prospetto nord significative nel corso del tempo, a partire dal nucleo originario risalente alla metà del XVIII secolo e poi rimaneggiato intorno al 1879 quando fu totalmente rinnovato soprattutto nelle decorazioni interne e con l aggiunta della nuova ala orientale. Il prospetto sud Situata dove anticamente era l ingresso est del paese, anticipando le caratteristiche architettoniche dell intero corso Ara di Giove, casa Consoli si presenta con un prospetto regolare articolato in un complesso sistema spaziale dove, tra cantine, stalle, cortili, cisterne e stanze ben conservate, riecheggia ancora la storia di una casata fatta di fasti e grandi uomini. Da un punto di vista architettonico si tratta di uno dei complessi più significativi del paese, edificato da una famiglia fortemente legata alle varie vicende storiche pedaresi. L attuale struttura è il frutto di una lunga serie di sovrapposizioni e presenta il corpo principale rivolto a nord sul corso Ara di Giove e a sud su una bella corte sulla quale converge un interessante formazione di locali accessori costituenti la lavanderia, la scuderia, la carrozzeria, una serie di magazzini e la cantina, una delle più estese del paese e che si può considerare anche la parte più antica dell edificio stesso, antecedente, forse, al terremoto del Almeno dal XVII secolo, infatti, il terreno su cui sorge la struttura è proprietà della famiglia Consoli. Il corpo centrale della fabbrica è quello che ha subito le modifiche più Il balcone centrale Fra i più significativi personaggi della famiglia ricordiamo Teresa Consoli Faro ( ), benefattrice e madre della Serva di Dio Giuseppina Faro ( ) e più recentemente il prof. dott. Giuseppe Consoli Toscano ( ), illustre chirurgo e docente universitario (foto a destra). Nato a Pedara l 1 dicembre 1879, figlio di Antonino e di Giuseppina Toscano, compì i suoi brillanti studi al collegio Pennisi di Acireale e quindi a Catania dove conseguì la laurea in Medicina e Chirurgia il 7 Luglio Trasferitosi a Napoli, vi rimase nove anni durante i quali lavorò nella clinica chirurgica sotto la guida degli illustri proff. D Antona e Cardarelli, e nel 1913 conseguì la libera docenza universitaria. Tornò quindi a Pedara, dove il 12 gennaio 1913 sposò Maria Assunta Laudani (anch essa proveniente da una famiglia pedarese ricca proprietaria terriera) con una fastosa cerimonia che meritò lunghi articoli nelle cronache dell epoca. Prese parte alla Prima Guerra Mondiale svolgendo la sua opera presso l ospedale da campo 084 al fronte col grado di Capitano medico; in seguito ad un infezione contratta operando in circostanze disagevoli nei tragici giorni del 1917 dopo la battaglia di Caporetto, fu a lungo ricoverato all Ospedale di Udine. Congedato con il grado di Maggiore medico si trasferì a Palermo quale direttore dell Ospedale Rosolino Pilo. Stabilitosi poi a Catania nel 1922, aprì, insieme ai proff. Gussio e Albergo, una clinica all avanguardia nella quale operavano i più illustri professori presenti all epoca in città, fra quali il prof. Citelli. Fu assistente all Università di Catania del prof. Muscatello e lavorò con il prof. Benedetti e il prof. Francesco Greco. Nel 1935 fu nominato cavaliere della Corona d Italia. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, diminuì progressivamente la sua attività per problemi di salute. Morì nella sua Pedara il 27 giugno Svolse sempre la sua professione con grande maestria e in maniera disinteressata, specialmente verso i suoi concittadini più bisognosi. Per le sue grandi doti umane e per la sua illimitata generosità è considerato uno dei grandi benefattori della comunità locale, tanto da meritarsi l intitolazione di una strada del paese. BENICULTURALI 15

16 8ª StraPedara Alla scoperta del paesaggio locale Voluta fortemente del sindaco, Anthony Barbagallo, dopo una sosta durata circa 15 anni, lo scorso 28 giugno è tornata la StraPedara, organizzata dall oratorio salesiano in collaborazione con il Comune di Pedara e la Provincia Regionale di Catania. La marcialonga non competitiva, di oltre 4 km, è stata preparata in tutti i minimi dettagli anche per riscoprire e valorizzare tutti quei luoghi più nascosti del paesaggio pedarese. L invito è stato rivolto a tutte le famiglie che avevano il desiderio di passare una giornata fuori porta: la classica scampagnata, piena di sport, natura, sano divertimento e tanta, tanta salesianità. Per una migliore riuscita, per gli oltre 600 partecipanti sono stati previsti: postazioni sanitarie e di ristoro, servizio di protezione civile in collaborazione con la Fraternita di Misericordia, bus navetta per il trasporto di coloro che ne avessero fatto richiesta e animazione curata dal CGS Miaramandeha. La giornata è stata propiziata da uno splendido sole che ha invogliato centinaia di cittadini a scendere in piazza Don Bosco, svegliati da diversi colpi a cannone e dalle campane delle chiese cittadine. La manifestazione ha vissuto grandi momenti di aggregazione fin dall inizio, con la S. Messa celebrata davanti al monumento al santo dei giovani da don Giuseppe Di Leonforte, direttore della casa Salesiana e da don Carmelo Coco, direttore dell Oratorio; in seguito, dopo il taglio del nastro da parte del sindaco, Anthony Barbagallo, la suggestiva e colorata carovana di partecipanti, al suono della banda musicale ha attraverso il centro storico e, dirigendosi verso via Tarderia, ha raggiunto il castagneto di monte Difeso. Il terreno, gentilmente offerto, è stato adibito e perfettamente attrezzato per intrattenere i presenti con giochi ed attività campestri di vario genere: dalla gara con i sacchi al tiro alla fune, dalla corsa sino ai giochi di abilità e da tavolo. La giornata è stata un po rovinata da un improvviso acquazzone che all ora di pranzo ha colto tutti di sorpresa; nessuno, però, si è scoraggiato e, con i mezzi messi a disposizione dal Comune, nell arco di poco tempo la comitiva è riuscita a trasferirsi nel cortile dell oratorio per consumare il pranzo. L ottava StraPedara si è conclusa con giochi, canti popolari, il classico sorteggio finale e un arrivederci al prossimo anno. Giuseppe Pappalardo EVENTI 16

17 A Pedara uno spettacolo musicale per la difesa dei diritti dell infanzia Impronte di speranza di Emilio Mastriani Giovedì 11 giugno, presso il parco comunale di piazza don Bosco, l associazione culturale Centro Storico di Pedara, con il contributo del Comune (Assessorati Spettacolo e Cultura) ha realizzato uno spettacolo musicale dal titolo Impronte di Speranza in difesa dei diritti dell infanzia. L evento è stato curato dal gruppo musicale Impronte con la collaborazione dell associazione onlus Meter di don Fortunato Di Noto, il noto prete antipedofilia che da anni è impegnato contro lo sfruttamento sessuale dei bambini. Meter si pone a tutela dell infanzia rinnovando stile e metodo di lavoro contro la pedofilia e la pedopornografia. L innovazione è il frutto di una visione più ampia dei diritti dell infanzia e, soprattutto, della convinzione che non basta la repressione da parte delle sole forze di polizia per stroncare questo turpe commercio. Ci vuole anche una rete capillare di persone competenti e motivate, capaci di rapportarsi con la società in cui vivono, perché si crei una mentalità di vigilanza, sostegno e protezione dell infanzia, rendendo l abuso, e l omertà che lo copre, un crimine insopportabile per la coscienza collettiva. Da qui è nata l idea di realizzare uno spettacolo musicale per sensibilizzare anche la cittadinanza di Pedara, perché la pedofilia e gli abusi in genere non devono continuare ad essere un olocausto silenzioso". All evento sono intervenuti la dott.ssa Maria Grazia Figura, volontaria dell Associazione Meter che ha portato anche i saluti di don Fortunato Di Noto e ha presentato diverse toccanti testimonianze, alcuni bambini con i loro pensierini e l assessore Domenico Scirè a nome dell Amministrazione Comunale. Artisti di casa nostra Cristina Settembrini, giovane artista pedarese, quest anno ha ricevuto un importante premio, portando a casa il terzo posto al concorso nazionale Etichett Arte svoltosi a Roma lo scorso mese di febbraio. Dopo aver conseguito il diploma all Istituto d Arte di Catania nel 2006, si iscrive all Accademia di Belle Arti dove ancora oggi continua la sua formazione artistica. A soli ventidue anni la pittrice vanta già un copioso numero di partecipazioni artistiche, molte delle quali con buoni risultati, che le hanno permesso di vivere esperienze di notevole rilevanza e di esportare il proprio talento al di là dei confini isolani. Le sue opere, frutto di un attenta osservazione dei maestri dell arte internazionale, nascono dalla attuazione di una minuziosa ripetizione di particolari e immagini che, oltre a riprendere forme e spazi, riescono a ricreare atmosfere avvolgenti. Accanto ad una buona tecnica, Cristina dimostra una sapiente padronanza nell organizzazione spaziale, dove proporzioni e passaggi chiaroscurali non si indeboliscono ma, al contrario, diventano caratterizzanti di una pittura che è già in grado di anticipare le tracce di un linguaggio autonomo. Laura Petralia Replica di Albert Moore Midsummer EVENTI 17

18 Quadranti d Architettura Un premio sempre più conosciuto e apprezzato in Europa EVENTI Accolta nel nuovo palazzo dell Expo pedarese, la terza edizione del prestigioso premio Quadranti d'architettura si è svolta il 3 a 4 luglio u. s., organizzata dal Comune di Pedara in collaborazione con l'ordine degli Architetti e l'ordine degli Ingegneri della provincia di Catania L'evento, che annualmente ha per oggetto l'architettura contemporanea in Sicilia, nel breve volgere di poco ha raggiunto una notorietà e una risonanza su scala europea. Si tratta certamente di un appuntamento importante che fa il punto sullo stato della progettazione contemporanea in Sicilia e il gemellaggio annuale con una facoltà di Architettura Europea lo carica anche di un interesse che va oltre i confini dell'isola. L'edizione 2008 ha visto ospite il Politecnico di Varsavia, mentre quest'anno è stata la volta della Spagna con la Facoltà di Architettura di Madrid. Il gruppo di professori spagnoli della Escuela Técnica Superior de Arquitectura, Universidad Politecnica di Madrid era composto da: - Luis Moya, Catedrático di Urbanistica; - Darío Gazapo, Profesor Titular, Direttore del Dipartimento di Progettazione; - Joaquín Ibañez Montoya, Profesor Titular di Progettazione; - Marian Álvarez-Builla, Profesor Asociado di Rappresentazione; - Concha Lapayese, Profesor Asociado di Progettazione; - Graziella Trovato, Profesor Asociado Dipartimento di Composizione Architettonica. Il tema da loro trattato è stato: L'architettura contemporanea in Spagna. Tendenze ed interventi di recente realizzazione. L'influenza della teoria e pratica dell'architettura italiana in Spagna. L'evento si è svolto in due giornate ricche di dibattiti e confronti tra l'architettura Siciliana e quella Spagnola. Nei locali dell'edificio settecentesco è stata allestita una mostra di tutti i progetti partecipanti che una giuria qualificata ha valutato e premiato, assegnando i premi G. B. Vaccarini secondo le sezioni previste dal bando. Nella serata finale, un folto pubblico ha applaudito i numerosi premiati nelle I partecipanti al Premio tre sezioni a seconda della tipologia dell intervento: A) Sezione Opera d interni - il vincitore è stato l arch. Nigel Allen dello studio Monoarchitetti di Catania con il progetto Un ristorante giapponese. B) Sezione Opera prima - il vincitore è stato l arch. Luca Bullaro con il progetto Giardino pubblico a Bagheria (PA). C) Sezione Opera d'architettura - il vincitore è stato lo Studio Associato Architrend degli architetti Manganello e Tumino con il progetto Villa T Ragusa Sono state inoltre attribuite diverse segnalazioni per ciascuna sezione. Per la sezione A sono stati menzionati: Moduloquattro arch. ass., l'arch. F. Moncada e l'arch. D. Cammarata. Per la sezione B sono stati menzionati: d A Studio e l'arch. T. Vecci. Per la sezione C sono stati menzionati: l'arch. M. Oddo, l'arch. F. Sagone e l'arch. M. Coco. I giovani G. Romeo, S. Greco e S. Tosto hanno ricevuto una menzione speciale così come l'arch. C. Fulci e l'arch. M. G. Grasso Cannizzo che hanno ricevuto rispettivamente il "premio alla carriera" ed il premio G. B. Vaccarini" per essersi distinti fuori dal territorio siciliano. L'ing Camillo Bosco ha ricevuto, invece, un premio speciale per l operosa attività di progettista e strutturista svolta in Sicilia. Il premio G. B. Vaccarini" è andato anche ad una scuola ed in particolare all arch. A. Saggio per aver dato vita a seminari di progettazione nel territorio di Gioiosa Marea (ME) che hanno attirato partecipanti da tutto il territorio nazionale. La Giuria, inoltre, ha ritenuto di segnalare l'iniziativa dell'associazione Culturale Spazi contemporanei che ha partecipato al premio mediante diversi progetti redatti da altrettanti architetti recentemente associati. Essi sono: Ernesto Mistretta, Davide Cammarata, Francesco Moncada, Francesco Librizzi, Angelo Spampinato, Francesco Ducato, Massimo Basile, Sebastiano Amore, Claudio Lucchesi, A. Guardo e R. Forte. È certamente motivo di orgoglio per Pedara rinnovare un appuntamento di cosi qualificata valenza. Il paese è tra le poche realtà comunali che in Italia organizza un premio sull'architettura contemporanea, e i progetti vincitori sono stati pubblicati nelle maggiori riviste di architettura: Abitare e Ottagono. Un particolare riconoscimento è stato consegnato dal Presidente dell'ordine degli Architetti e dal Presidente dell'ordine degli Ingegneri a Tano Pappalardo, architetto, ideatore e coordinatore del Premio, quale divulgatore d'architettura. 18

19 Pedara-Oxford uno scambio culturale di classe Da diversi anni, ormai, e precisamente dall anno scolastico 2003/04, l Istituto Comprensivo S. Casella di Pedara vive l interessante esperienza dello scambio culturale con la Cheney School di Oxford. Tale iniziativa, nata grazie all ex dirigente scolastico, prof. Giuseppe Paratore, e sostenuta con grande condivisione dall attuale Dirigente, prof. Emilio Chisari, dalla vice-preside, prof.ssa Maria Pappalardo, e dalle docenti di lingua inglese, Angela Cavalli e Maria Greco, ha coinvolto sempre più gli studenti della scuola secondaria di primo grado. Anche l ultima edizione è stata vissuta con grande entusiasmo dai docenti, dagli alunni e dalle loro famiglie. Durante la prima fase dello scambio, svoltasi tra il 20 e il 27 febbraio 2009, 14 studenti inglesi sono stati ospitati dai loro partners siciliani. Il loro soggiorno in Sicilia è stato ricco di attività socioculturali, di momenti di vita scolastica e di numerose visite guidate presso alcuni luoghi di maggiore interesse storico-artistico e paesaggistico della zona orientale, quali: Catania, Acireale, Pedara, il parco dell Etna, Taormina, Aci Castello e Aci Trezza. Gli ospiti sono rimasti colpiti dalla varietà del paesaggio siciliano, dai colori, dall allegra atmosfera del Carnevale acese e, naturalmente, dalla gustosa cucina. Notevole è stato il coinvolgimento emotivo delle famiglie che si sono prodigate in mille modi per accogliere i loro ospiti. Altrettanto emozionante è stata la seconda fase dello scambio che si è effettuata dal 28 marzo al 4 aprile in Inghilterra. Durante quelle splendide giornate trascorse tra il verde dei parchi, le guglie dorate dei colleges e il delicato profumo dei narcisi, dal volto dei ragazzi traspariva una grande gioia per la nuova ed interessante esperienza che ha dato loro l opportunità di conoscere dal vivo gli aspetti salienti dello stile di vita britannico attraverso la partecipazione alle attività scolastiche, alla vita familiare e alle numerose visite effettuate in vari luoghi d interesse culturale. Di particolare rilievo è stata la visita a Londra e ai suoi straordinari monumenti, e a prestigiosi colleges come il Christ Church, reso famoso, fra l altro, dal celebre romanzo Alice nel paese delle meraviglie e dal film Harry Potter, e l antico Hertford college nella cui bellissima hall il prof. Roche ha offerto agli ospiti il pranzo e successivamente la sua preziosa guida attraverso gli ambienti Il Parlamento inglese Gli studenti dell Istituto S. Casella e i loro partners inglesi nel giardino di Hertford college più importanti come la cappella e la biblioteca in cui è custodito, fra l altro, un antichissimo libro sulla Sicilia scritto in latino. Molta calorosa è stata anche l accoglienza offerta dalle famiglie inglesi che hanno espresso ai docenti un vivo apprezzamento per l interessante iniziativa dal grande valore umano e culturale. L efficiente organizzazione delle attività svolte è stata curata con grande entusiasmo e dedizione dai docenti John Lardner e Monica Albertinazzi Parkhurst. EVENTI 19

20 Il grande sogno di Enna Un comitato spontaneo si occuperà di avviare la pratica per la tumulazione privilegiata presso il Santuario e di trascrivere la sua biografia. di Salvo De Luca EVENTI Lo scorso 7 agosto, il sindaco, Anthony Barbagallo, ha convocato in Comune una riunione per discutere sulla procedura da avviare per concedere alla signorina Venera Zappalà, recentemente scomparsa, una tumulazione privilegiata all interno dello Santuario, la casa di Maria che ella ha curato con dedizione assoluta per l intera vita. All incontro erano presenti il parroco della Basilica, padre Nello Cristaldi, il presidente del Consiglio Comunale, Mario Laudani, il presidente del Comitato Festeggiamenti patronali, Nino Padalino, il presidente dell Azione Cattolica, Felice Carciola, il vice segretario generale del Comune, Sebastiano Squadrito, e le persone più vicine a Enna: i fratelli, la cognata, i nipoti e la signora Giovanna Bonaccorsi. La tumulazione privilegiata consente di collocare una salma in un luogo diverso dal cimitero e può essere autorizzata dalle autorità competenti quando concorrono giustificati motivi come, ad esempio, onorare la memoria di chi abbia acquisito in vita eccezionali benemerenze. Nel caso di Enna, padre Cristaldi si farà portavoce presso il Consiglio Pastorale parrocchiale, il primo organismo chiamato ad esprimersi in merito, comunicando successivamente il parere alla Curia Arcivescovile. Naturalmente, l auspicio non è solo quello di ottenere il benestare alla traslazione del corpo, ma soprattutto quello che l intera comunità pedarese possa recepire il messaggio di santità che la signorina Enna ha saputo trasmettere. Da un manoscritto del compianto padre Salvatore Pappalardo, ex rettore del Santuario, in cui è brevemente tracciata una sua biografia, è emerso inoltre come la Signorina avesse desiderato in vita la possibilità di ampliare i locali della sagrestia del Santuario per consentire l ospitalità a persone consacrate in grado di migliorare la gestione della struttura stessa, soprattutto per l accoglienza dei tanti devoti della Madonna e di Giuseppina Faro. Durante l incontro in Comune si è deciso di costituire un comitato spontaneo che inizialmente dovrà occuparsi della raccolta e della trascrizione delle testimonianze sulla signorina Enna, onde procedere alla redazione di una sua biografia quanto più completa ed esaustiva possibile. Il comitato, all unanimità, ha nominato quale segretario la signora Giovanna Bonaccorsi, stabilendo come sede la Basilica di S. Caterina. 20

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI

SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO SERVIZIO CIVILE: GIOVANI PER UN ITALIA SOLIDALE ROMA 2 GIUGNO 2015 - CAMERA DEI DEPUTATI INTERVENTO ON.LE BOBBA On. Presidente Boldrini, signori Ministri e membri del Governo,

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone.

REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone. REGOLAMENTO per l uso dello stemma e del gonfalone. Approvato con delibera della Commissione Straordinaria con i poteri del Consiglio Comunale n. 47 del 10/04/2014 Esecutivo dal 10 aprile 2014 INDICE CAPO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

BIZZARONE Quale stemma?

BIZZARONE Quale stemma? BIZZARONE Quale stemma? Gli stemmi sono stati creati al tempo delle Crociate come segni di riconoscimento dei corpi armati al seguito di un condottiero. Sugli scudi dei suoi uomini veniva dipinta una figura

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGI DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO

REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGI DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO COMUNE DI SAN SECONDO DI PINEROLO C.A.P. 10060 Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L'USO DEL GONFALONE, DELLE BANDIERE E NECROLOGI DI PARTECIPAZIONE AL LUTTO Approvato con deliberazione Consiliare n. 46

Dettagli

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi

Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi Adozioni in Toscana, alcuni dati di sintesi A cura del Centro Regionale di Documentazione per l Infanzia e l Adolescenza Istituto degli Innocenti Per quanto le adozioni, coerentemente con quanto avviene

Dettagli

1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa.

1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa. Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa. Vero Falso L archivio telematico contiene solo le offerte di lavoro.

Dettagli

Scuola in ospedale e istruzione domiciliare come garanzia di servizio integrato alla persona in contesti di particolare complessità.

Scuola in ospedale e istruzione domiciliare come garanzia di servizio integrato alla persona in contesti di particolare complessità. Scuola in ospedale e istruzione domiciliare come garanzia di servizio integrato alla persona in contesti di particolare complessità. Verbania 1 2 aprile 2008 1 QUADRO DI RIFERIMENTO INTERNAZIONALE Il 13

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello A2

Università per Stranieri di Siena Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro CHIAVI In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo su un servizio per il lavoro offerto dalla Provincia di Firenze nuove parole del campo del lavoro l uso dei pronomi

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009

CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009 CCR: ESPERIENZA DEL PRIMO BIENNIO 2007/2009 Presso la scuola media Consiglieri, insegnante ed eventuali operatori esterni 6/7 incontri all anno 1 Consapevolezza diritti e doveri 2 Funzioni propositive

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

1) ASSOCIAZIONE LA LUNA BANCO DI SOLIDARIETA DI BUSTO ARSIZIO

1) ASSOCIAZIONE LA LUNA BANCO DI SOLIDARIETA DI BUSTO ARSIZIO 1) ASSOCIAZIONE LA LUNA BANCO DI SOLIDARIETA DI BUSTO ARSIZIO L ASSOCIAZIONE L Associazione ONLUS La Luna Banco di Solidarietà di Busto Arsizio, è stata costituita da 8 soci fondatori all inizio dell anno

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Introduzione Che cos è il Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)? Si tratta di uno degli istituti di partecipazione all amministrazione

Dettagli

Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE

Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE Comune di Rieti Provincia di Rieti REGOLAMENTO COMUNALE PER L USO DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE E DELLE BANDIERE Emendato ed approvato con delibera del Consiglio comunale n. 19 del 25/02/2009 1

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA Premessa Il Comune di Colonna istituisce il "Consiglio Comunale dei Ragazzi" (CCR), come previsto dall'art. 5 Bis dello Statuto Comunale

Dettagli

Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis

Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis Un incontro dai toni piuttosto accesi è quello che si è svolto presso la sala consiliare del comune di Santa Croce. Da una parte genitori

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

quaresima, cammino verso la pasqua.

quaresima, cammino verso la pasqua. quaresima, cammino verso la pasqua. Siamo in cammino verso la Pasqua. Nelle nostre comunità accoglieremo, con la fatica di una umanissima e trepidante attesa, la gioia della resurrezione: Cristo, nostra

Dettagli

COMUNE DI GRESSONEY-SAINT

COMUNE DI GRESSONEY-SAINT COMUNE DI GRESSONEY-SAINT SAINT-JEAN REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA Regolamento comunale disciplinante l'uso del gonfalone e dello stemma del comune, nonché i necrologi di partecipazione al lutto Approvato

Dettagli

CARTA del VOLONTARIO ASSOCIAZIONE PORTA APERTA

CARTA del VOLONTARIO ASSOCIAZIONE PORTA APERTA CARTA del VOLONTARIO Le poche note che caratterizzano la Carta del volontario vogliono essere solamente un aiuto a vivere serenamente e con responsabilità il servizio che ognuno di noi liberamente sceglie

Dettagli

VISION a Casa del Volontariato VOCE

VISION a Casa del Volontariato VOCE Un oasi di solidarietà, nel cuore della città. VISION a Casa del Volontariato VOCE LVolontari al Centro è il luogo che racchiude in modo nuovo la dimensione comunitaria della vita a Milano e nella sua

Dettagli

Relazione Intermedia

Relazione Intermedia Relazione Intermedia Dopo il terremoto: più vicini-più sicuri/più sicuri-più vicini _Unione dei Comuni Bassa Reggiana_ Data presentazione: 31/01/2013 Progetto partecipativo finanziato con il contributo

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE Laboratorio in classe: tra forme e numeri GRUPPO FRAZIONI - CLASSI SECONDE DELLA SCUOLA PRIMARIA Docenti: Lidia Abate, Anna Maria Radaelli, Loredana Raffa. IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE 1. UNA FIABA

Dettagli

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO Un ponte per unire: in viaggio con Ulisse SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA- SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Venite

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

Il ministro Martina a cascina don Guanella: Voi, modello da imitare

Il ministro Martina a cascina don Guanella: Voi, modello da imitare Il ministro Martina a cascina don Guanella: Voi, modello da imitare di Claudio Bottagisi VALMADRERA Avete fatto passi non soltanto giusti ma addirittura straordinari e siete un modello nazionale e un esempio

Dettagli

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012)

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) POLITIKA Napolitano e Nikolic, Non si devono porre nuove

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola

Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale. Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola COMUNE DI ROMA MIUR Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Direzione generale Progetto Attività Motoria e Sport nella Scuola Protocollo D Intesa 2002-2005 1 Visto l art.21 della Legge 15 Marzo 1997

Dettagli

Consiglio Comunale Montelupo F.no del 30/03/2015 Intervento insediamento CCR Anno Scolastico 2014/2015

Consiglio Comunale Montelupo F.no del 30/03/2015 Intervento insediamento CCR Anno Scolastico 2014/2015 Consiglio Comunale Montelupo F.no del 30/03/2015 Intervento insediamento CCR Anno Scolastico 2014/2015 Buonasera a tutti, in particolare a tutti i componenti della Giunta comunale, ai professori presenti,

Dettagli

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani 20 maggio 2014 di Anthony Barnes Atkinson (*) La Stampa 19.5.14 Il grande economista inglese Anthony Atkinson rilancia il progetto di un reddito-base

Dettagli

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe.

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe. Laboratorio consigliato per la scuola primaria (II ciclo) Il grande mosaico dei diritti Hai diritto ad avere un istruzione/educazione. Art. 28 della CRC Hai diritto a essere protetto/a in caso di guerra

Dettagli

Comune di Polverara Provincia di Padova. Consiglio Comunale dei Ragazzi

Comune di Polverara Provincia di Padova. Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di Polverara Provincia di Padova Consiglio Comunale dei Ragazzi Premessa La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell'infanzia (28.11.89) ratificata a tutt'oggi da ben 191 paesi, racchiude

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace

Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi alla Conferenza Internazionale Servizio civile in Europa: Cittadini di Pace Padova, 15 giugno 2007 1 Il servizio civile come celebrazione del 50 dei trattati

Dettagli

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Signor Presidente della Repubblica, gentili Autorità, cari dirigenti scolastici, cari insegnanti,

Dettagli

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras Sostegno a Distanza Scuola San José Honduras COMUNICAZIONE GENERALE 2010 222 I.- INTRODUZIONE- Cari amici, con la presente comunicazione desideriamo raccontarvi le attività realizzate grazie al sostegno

Dettagli

Attività dell Urban Center

Attività dell Urban Center Attività dell Urban Center Report dell incontro con i rappresentanti di associazioni e cooperative 14 giugno 2012 www.rosignanofacentro.it info@rosignanofacentro.it Percorso di partecipazione promosso

Dettagli

Per un nuovo modello organizzativo: la Fondazione Arché

Per un nuovo modello organizzativo: la Fondazione Arché Assemblea Associazione Arché Venerdì 13 aprile 2012 Per un nuovo modello organizzativo: la Fondazione Arché Si inizia con la video presentazione della mission e dello spot 5xmille Cari Soci, Volontari,

Dettagli

La Fontana del villaggio

La Fontana del villaggio La Fontana del villaggio Anch io posso attingere alla sorgente! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Abano Terme PD PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO RELIGIOSO Anno Scolastico 2013/2014 Premessa

Dettagli

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo.

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo. PRESENTAZIONE Giornalino sul FATTO DA I BAMBINI DELLA 4^B CON L AIUTO DELL INS.TE (PISCHEDDA ELISABETTA) DELLA SCUOLA ELEMENTARE ITALO CALVINO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BEINASCO ANNO SCOLASTICO 2005/2006

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO

GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO GESU, IL NOSTRO GRANDE AMICO I.O. A. MUSCO SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INS. PECI MARIA GIUSEPPA PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO

COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO COMUNE DI SAN FRANCESCO AL CAMPO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELL USO DELLO STEMMA DEL COMUNE, DEL GONFALONE, DELLA FASCIA TRICOLORE, DELLE BANDIERE, DELLA CONCESSIONE

Dettagli

SEMPLICE MENTE ENERGIA

SEMPLICE MENTE ENERGIA SEMPLICE MENTE ENERGIA NOI SIAMO ENERGIA L affermazione siamo fatti di energia è ormai diventata assunto scientifico. Ed al di là di quanto affermato da scienziati e filosofi, conosciamo molto bene, per

Dettagli

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere

I Servizi della Provincia di Rimini. a favore delle donne in difficoltà. e per il contrasto. della violenza di genere I Servizi della Provincia di Rimini a favore delle donne in difficoltà e per il contrasto della violenza di genere Servizio Per Lei accompagnamento ed inclusione sociale per donne in difficoltà Come noto,

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

Voci, esperienze, riflessioni delle famiglie. Genitori si diventa onlus

Voci, esperienze, riflessioni delle famiglie. Genitori si diventa onlus Voci, esperienze, riflessioni delle famiglie. Chi siamo, è un associazione familiare,nata nel 1999 dall'esperienza di alcuni genitori adottivi, è oggi presente in quasi tutte le Regioni italiane e svolge

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI

SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI SALUTO CONSIGLIO NAZIONALE DEL CONI Milano Expo Padiglione Italia Giovedì 2 luglio 2015 La città di Roma, con la votazione favorevole dell Assemblea Capitolina il 25 giugno scorso, ha detto sì alla candidatura

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Attività a Tema in Branca L/C

Attività a Tema in Branca L/C in Branca L/C Queste note fanno seguito al laboratorio sulle del 13 marzo 2013 a Roma e riprendono il sussidio, ormai introvabile, concepito nel 1973 e rivisto nel 1982. Le nascono nella Branca Lupetti

Dettagli

Piano di Offerta Formativa A.S. 2015/2016

Piano di Offerta Formativa A.S. 2015/2016 Piano di Offerta Formativa A.S. 2015/2016 Collegio docenti Ente Morale Asilo Infantile 1 luglio 2015 Cos è il Piano dell Offerta Formativa: P.O.F E il documento fondamentale che ogni scuola autonoma predispone

Dettagli

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione

Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Unione Italiana Lavoratori Pubblica Amministrazione Via Arenula 69/70-00186 ROMA - tel. 06 68852036 - fax 06 6869555 www.uidag.it - giustizia@uilpa.it AUDIZIONE PARLAMENTARE DISEGNO DI LEGGE C. 1248 Innanzitutto

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr

PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco. ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'acr - TAPPA MISTAGOGICA (POST-CRESIMA) 1 anno - 2 anno. Testo del Catechismo

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea Si tratta di un esperienza di ricerca

Dettagli

SCUOLA DI FORMAZIONE PER EDUCATORI DI ORATORIO

SCUOLA DI FORMAZIONE PER EDUCATORI DI ORATORIO SCUOLA DI FORMAZIONE PER EDUCATORI DI ORATORIO BANDO PER L ASSEGNAZINE DI UNA BORSA DI STUDIO anno pastorale 2013-2014 Presentazione Nell ambito della formazione degli educatori per l animazione oratoriale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEL GONFALONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER L USO DEL GONFALONE COMUNALE REGOLAMENTO PER L USO DEL GONFALONE COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 48 del 30.11.2010 ART. 1 Contenuto del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina la rappresentanza

Dettagli

DICHIARAZIONE DI IDENTITÀ E MISSIONE

DICHIARAZIONE DI IDENTITÀ E MISSIONE I NOSTRI RIFERIMENTI Associazione Antidroga Picena C.so Mazzini, 248 - Ascoli Piceno aap2010@libero.it 0736/258855 DICHIARAZIONE DI IDENTITÀ E MISSIONE Condividere strategie per rendere efficaci gli incontri

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002

Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno. 5 marzo 2002 . Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia Scuola elementare Vivaldi Spinea (VE) marzo 2002 Classe prima Ins. Nadia Paterno 5 marzo 2002 Ho comunicato ai bambini che avremo

Dettagli

Newsletter di ottobre 2013.

Newsletter di ottobre 2013. Newsletter di ottobre 2013. 20 ANNI INSIEME. Domenica 20 ottobre2013 il nostro Villaggio è stato teatro di un grande avvenimento: ragazzi, educatori e volontari che nel corso degli anni hanno, a vario

Dettagli

progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4

progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 progettiamoci Progetto Educativo Gruppo AGESCI Trento 4 Triennio 2009/2012 IL GRUPPO Trento 4 Il gruppo Tn4, nato nel 1947 nella parrocchia di Santa Maria, e lì cresciuto fino a che sono iniziati i lavori

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

scuola dell infanzia di Vado

scuola dell infanzia di Vado ISTITUTO COMPRENSIVO DI VADO-MONZUNO (BO) scuola dell infanzia di Vado PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI IRC sezione (5 anni) anno scolastico 2014/2015 ins: Formicola Luigi UNITA DIDATTICA 1 Alla scoperta del

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali

Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali Le opinioni degli studenti raccolte tramite i gruppi Facebook Sondaggio promosso dai Rappresentati degli Studenti nel

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it

Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it Associazione Docenti Italiani http://www.adiscuola.it DA GUTENBERG ALL EBOOK Come cambia l'editoria scolastica di Valentina Gabusi DA GUTENBERG ALL EBOOK Come cambia l'editoria scolastica - Valentina Gabusi

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE CALABRIA

CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE CALABRIA CROCE ROSSA ITALIANA COMITATO REGIONALE CALABRIA VADEMECUM CORSI BASE PER VOLONTARI CRI INDICE 1. Premessa pag. 3 2. Cosa fare prima del corso pag. 3 a. Attivazione pag. 3 b. Pubblicizzazione pag. 4 c.

Dettagli

COMUNE DI CAPISTRANO

COMUNE DI CAPISTRANO COMUNE DI CAPISTRANO GRUPPO BANDISTICO CITTA DI CAPISTRANO I Raduno Bandistico Città di Capistrano, 8 Agosto 2012 a Capistrano (VV) (Calabria). Con la partecipazione dei gruppi bandistici: L Associazione

Dettagli

III Edizione 3 / 4 luglio 2009

III Edizione 3 / 4 luglio 2009 III Edizione 3 / 4 luglio 2009 Comune di Pedara Premio per la valorizzazione dell architettura contemporanea in Sicilia. III Edizione 3 e 4 luglio 2009 Nell ambito delle proprie iniziative culturali il

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Provincia di Varese) STATUTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 in data 16 aprile 2012 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 47

Dettagli

Progetto genitori consapevoli

Progetto genitori consapevoli Progetto genitori consapevoli Corso di formazione a sostegno del difficile compito di essere genitori oggi. Grande affluenza di pubblico L'iniziativa, con lo scopo ben preciso di dialogare insieme su problemi

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA ISTITUTO SACRO CUORE BITONTO (BA)

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA ISTITUTO SACRO CUORE BITONTO (BA) SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA ISTITUTO SACRO CUORE BITONTO (BA) Anno Scolastico 2012/13 dell Infanzia Paritaria Istituto Sacro Cuore 2 Denominazione IL MONDO SIAMO NOI: CONOSCIAMOLO E SALVAGUARDIAMOLO

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

Le Vostre idee per migliorare il nostro paese. Questionario. rivolto ai cavouresi dai 15 ai 20 anni

Le Vostre idee per migliorare il nostro paese. Questionario. rivolto ai cavouresi dai 15 ai 20 anni I giovani e Cavour Le Vostre idee per migliorare il nostro paese Questionario Ai ragazzi dai 15 ai 20 anni rivolto ai cavouresi dai 15 ai 20 anni Carissimo/a giovane, quante volte, passeggiando per Cavour

Dettagli

...Propositi... TAVOLI DI LAVORO

...Propositi... TAVOLI DI LAVORO COMUNE DI PISTOIA Servizio Educazione e Cultura LA CITTÀ EDUCATIVA E LA QUALITÀ POSSIBILE NEI SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA: TAVOLO DEI GESTORI PISTOIA 2013 Pensieri......Propositi......Riflessioni SINTESI

Dettagli

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria PREMESSA In relazione alle più recenti indicazioni ministeriali nelle quali viene valorizzata l autonomia scolastica, i progetti per la continuità didattico - educativa rappresentano un ambito di valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo.

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo. REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Art.1 Finalità 1. Allo scopo di promuovere i diritti, accrescere le opportunità e favorire una idonea crescita socio-culturale dei ragazzi, nella piena consapevolezza

Dettagli

Sez. A COCCINELLE. Giovanna. Cristina

Sez. A COCCINELLE. Giovanna. Cristina Sez. A COCCINELLE Giovanna Cristina SEZ. B BRUCHI Silvana Sabrina SEZ. C FARFALLE Giusy Rosanna Le collaboratrici Gisella & Maria PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE Nel percorso di quest anno si affronterà

Dettagli

Educare alla responsabilità per costruire la città dell uomo Educare alla vita buona del Vangelo.

Educare alla responsabilità per costruire la città dell uomo Educare alla vita buona del Vangelo. Carissimi, a nome dell Azione Cattolica diocesana un saluto e un ringraziamento per la vostra partecipazione a questo momento che nasce nell ambito di un Progetto formativo di Azione Cattolica che mira

Dettagli

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene Cooperativa Sociale Mission. Promuovere e perseguire lo sviluppo d autonomie di persone con svantaggi psicofisici, favorendo l integrazione e la cultura dell accoglienza nella comunità locale, attraverso

Dettagli

Il diritto per tutti a fare turismo non dovrebbe più essere solo una prescrizione di legge da far osservare, imponendo l abbattimento

Il diritto per tutti a fare turismo non dovrebbe più essere solo una prescrizione di legge da far osservare, imponendo l abbattimento Milano, 15 febbraio 2013 Il Libro Bianco sul Turismo per Tutti in Italia è il risultato di un processo di lunga deriva, che ha presupposti, basi e svolgimento, attualità e certamente anche futuro. Perché

Dettagli

Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!!

Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!! Scuola dell'infanzia Maria Immacolata Monteortone Progetto di educazione didattica religiosa IL SOLE ESISTE PER TUTTI! Cammino con Gesù, vera Luce!!! Anno Scolastico 2011/2012 Progetto Educativo Didattico

Dettagli

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013

I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 I fattori della competitività: presentazione del Rapporto Doing Business Subnational in Italy 2013 Intervento di Fabrizio Saccomanni Direttore Generale della Banca d Italia Roma, 14 novembre Sono molto

Dettagli

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE. Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE. Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI AZIENDA SPECIALE CONSORTILE Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona SCUOLA DI VITA ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI WEEK END IN AUTONOMIA. OTTOBRE DICEMBRE 2009 COOPERATIVA

Dettagli