RISULTATI PRIMO RAPPORTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RISULTATI PRIMO RAPPORTO"

Transcript

1 INDAGINE EPIDEMIOLOGICA PRESSO LA POPOLAZIONE RESIDENTE A FALCONARA MARITTIMA E COMUNI LIMITROFI RISULTATI PRIMO RAPPORTO A cura d: Dott.ssa Elsabetta Meneghn Dott. Paolo Bal Dott. Mauro Marottn (ARPAM, per le part d competenza) Drezone Dott. Andrea Mchel SC Epdemologa Descrttva e Programmazone Santara Fondazone IRCCS Isttuto Nazonale de Tumor Va Venezan, , Mlano Itala Tel Fax e_mal: Mlano 28, novembre 2008

2 INTRODUZIONE L azenda API è una raffnera (da qu, anche Raffnera) d prodott petrolfer sta dal 1950 nel comune d Falconara Marttma (da qu, anche Falconara) n provnca d Ancona che per la natura della produzone svolta determna esposzone a sostanze rrtant, tossche, nocve e ndcate o sospettate d potere cancerogeno. Falconara è da tempo oggetto d montoraggo per la valutazone de rsch atmosferc conness alla presenza della Raffnera. Il rscho n popolazone legato alla presenza della Raffnera è rferble sa alla possble esposzone d tpo acuto, sa a rsch d esposzone d tpo cronco a benzolo e altr poldrocarbur aromatc d rconoscuta azone oncologca. Gl effett cronc d esposzone cronca tendono spesso a comparre dopo un lungo perodo d tempo (sno a ann) dall occorrenza rendendo dffcle lo studo della relazone tra esposzone e danno. Nel luglo 2003 è stata stpulata tra l Isttuto Nazonale de Tumor per lo Studo e la Cura de Tumor e l Agenza Regonale Santara (ARS) della regone Marche (da qu, anche Commttente) una convenzone per uno Studo d fattbltà per un ndagne epdemologca presso la Raffnera API d Falconara. Nel marzo 2004 lo studo è arrvato alla conclusone che un ndagne epdemologca era nelle condzon analzzate fattble [1]. A seguto dello studo d fattbltà, la regone Marche ha promulgato una delbera (n 218 del 15 gugno 2004) n cu venvano approvat rsultat raggunt e adottat provvedment necessar per l effettuazone d un ndagne epdemologca presso la popolazone resdente ne dntorn della raffnera API (da qu Indagne). Tale Indagne è stata affdata al Servzo d Epdemologa Ambentale del dpartmento d Ancona dell Agenza Regonale Protezone Ambentale Marche (ARPAM) sotto la drezone scentfca dell untà d Epdemologa Descrttva e Programmazone Santara della Fondazone IRCCS Isttuto Nazonale de Tumor (INT). Il presente prmo rapporto descrve sntetcamente le attvtà svolte e rsultat parzalmente conclusv a cu l Indagne è pervenuta. 1

3 1. IL DISEGNO DELL INDAGINE Obettvo dell Indagne è la valutazone n popolazone de rsch d aumentato decesso per tumore del sstema emolnfopoetco n funzone della dstanza dalla Raffnera. Il protocollo dell Indagne ha defnto: l area d studo: comun d Falconara Marttma, Montemarcano, Charavalle: l perodo d studo: dal 1/1/1994 al 31/12/2003; l dsegno epdemologco: studo d mortaltà attuato con la tecnca cas-controll su base d popolazone. Per quanto d seguto non specfcato s rnva all allegato protocollo, che descrve anche la dstrbuzone de compt e delle responsabltà tra dvers attor convolt nell Indagne [Annesso 1- Protocollo relatvo all ndagne epdemologca presso la popolazone resdente a Falconara Marttma e comun lmtrof]. L Indagne è stata svluppata secondo le seguent fas: 1) ndvduazone della lsta de cas, coè delle persone decedute per tumore del sstema emolnfopoetco, resdent nell area d studo, nel perodo d studo; 2) rcostruzone anno per anno del perodo d studo, delle popolazon resdent nell area d studo; 3) estrazone d due controll su base d popolazone per ogn caso. I controll vennero estratt con metodo casuale dalla popolazone resdente nell area d studo avendo come rfermento l gorno, mese e anno d decesso del caso (da qu, anche data d rfermento). L estrazone casuale venne condotta entro strat d appaamento defnt da genere (es.: un caso mascho è stato appaato ad un controllo mascho) ed età (ogn controllo è stato estratto dallo strato de resdent con età par a +/- 2.5 ann rspetto a quella della data d rfermento del caso); 4) effettuazone d ntervste a famlar de cas e de controll (da qu, anche soggett n studo), attraverso un questonaro fnalzzato a rcostrure la stora resdenzale de soggett n studo e verfcare l esstenza d eventual fattor d confondmento. Impegno venne profuso per garantre una adeguata partecpazone all ndagne (coè per rdurre l numero d rfut alla sommnstrazone del questonaro); 5) msurazone dell esposzone resdenzale ndvduale, defnta come la dstanza delle resdenze de soggett n studo dal centrode della Raffnera; 6) anals de dat raccolt. Ne paragraf seguent verranno sntetcamente descrtte le attvtà sopra-ndcate. 2

4 2. INDIVIDUAZIONE DEI CASI (attvtà svolta da ARPAM) Secondo le procedure n atto, le schede d morte redatte da medc, al momento del decesso, vengono archvate presso l dstretto santaro del deceduto. Nel caso d decesso al d fuor del comune d resdenza, l ASL del comune d decesso (anche fuor regone) nva copa della scheda d morte all ASL del comune d resdenza, che qund regstra tutt decess de resdent ndpendentemente dal comune dove sa avvenuto l evento. Per ndvduazone de cas relatv all Indagne sono state esamnate tutte le schede d morte ISTAT del perodo d studo archvate presso l dstretto santaro Ancona nord a Falconara Marttma. Sono stat defnt cas, decedut nel perodo dal 1/1/1994 al 31/12/2003, resdent alla data d decesso ne comun d Falconara Marttma, Montemarcano, e Charavalle, nella cu scheda d morte comparva n almeno una delle tre cause d decesso ndcate, la dzone tumore del sstema emolnfopoetco con codce d classfcazone ICD (secondo la IX modca d classfcazone del codce nternazonale delle malatte [2]. In presenza d cause d decesso dubbe e/o con segnalazone d sntom e d segn compatbl con patologe tumoral emolnfopoetche (44 soggett) s è proceduto alla rcerca ed alla consultazone delle cartelle clnche rferte agl ultm rcover ospedaler del deceduto. Le cartelle clnche su cu permanevano dubb (4 soggett) sono state nvate n modo anonmo ad un consulente esterno e ndpendente per l gudzo defntvo. La valutazone delle cartelle clnche ha permesso l ndvduazone d 22 cas. In complesso sono stat ndvduat 177 cas: 97 resdent a Falconara Marttma, 27 a Montemarcano e 53 a Charavalle. La Tabella 1 descrve la frequenza de cas per sesso e (a) anno d calendaro, (b) età e (c) patologa. 3. RICOSTRUZIONE DELLE POPOLAZIONI E INDIVIDUAZIONE DEI CONTROLLI Il presente paragrafo descrve la fase d raccolta delle lste anagrafche e rcostruzone delle popolazon resdent nell area d studo nel perodo d studo e le procedure d appaamento tra caso e rspettv controll. 3.1 Raccolta e rcostruzone delle lste anagrafche (attvtà svolta da ARPAM) Gl uffc d stato cvle de tre comun compres nell area d studo hanno fornto le lste anagrafche de propr resdent aggornate al Sono stat qund preparat: 3

5 elench con la lsta de resdent nell area d studo per ogn anno dal 1994 al L estrazone per anno è stata fatta tenendo conto della data d nascta o d mmgrazone e della data d morte o d emgrazone. Ogn lsta relatva ad un anno d calendaro comprende nformazon relatve a movment demografc de soggett resdent n quell anno (per esempo comprende decedut n quell anno d calendaro, gl emgrat n quell anno, gl mmgrat n quell anno, eventual presenze nferor alla durata dell ntero anno, ecc). A partre dalle lste annual, attraverso l ndvduazon d unvoc codc ndvdual s è qund proceduto alla rcostruzone dell andamento demografco nelle popolazon n studo Per ogn resdente (n ogn anno) sono stat res dsponbl: o codce ndvduale unvoco per tutte le lste anagrafche annual; o nome, cognome, data d nascta, sesso; o va d resdenza (alla data d morte o d emgrazone o al 2005); o codc famlar (attrbuzone dalle anagraf comunal d un codce numerco a soggett present nello stesso stato d famgla aggornato al 2005); o eventuale data d morte; o eventuale data d mmgrazone e d emgrazone. 3.2 Appaamento (attvtà svolta da INT) La procedura d appaamento caso-controllo è stata effettuata secondo metod procedural dello studo case-control nested n the cohort [3-4]. Il camponamento è stato qund eseguto nella popolazone a rscho [3] e nel rspetto del presupposto d ndpendenza de campon [4]. Per ogn caso, è stata ndvduata la popolazone a rscho (set a rscho), composta da soggett de tre comun e avent le caratterstche rcheste per l appaamento (l ndvduazone d strat d popolazon per sesso e età - +/- 2.5 ann), essendo n vta al momento della data d rfermento del decesso del caso, dalla quale estrarre 2 controll con metodo casuale. La procedura ammette che un caso l cu evento sa occorso successvamente n senso temporale alla data d occorrenza d un altro caso, possa appartenere al set a rscho d quest ultmo e sa qund elgble ad essere estratto anche come controllo. Per rspettare l prncpo d ndpendenza statstca tra campon, l estrazone d un nuovo set a rscho è stata eseguta dopo la rentroduzone n popolazone de controll gà estratt, permettendo così che un nuovo controllo potesse anche essere un soggetto gà estratto n un precedente set a rscho. Maggor dettagl relatvamente al contenuto d questo paragrafo sono dsponbl nell Annesso 2 - Relazone sull appaamento caso-controllo, gà nvato al Commttente. 4

6 Tabella 1. Frequenza de cas per (a) anno d calendaro, (b) età, (c) patologa e sesso (a) anno Masch Femmne Totale Totale (b) Età, ann Masch Femmne Totale < Totale (c) ICD9 Masch Femmne Totale Totale

7 4. INTERVISTE L Indagne ha prevsto la sommnstrazone d un questonaro (tramte ntervsta de vsu) a parent de cas e de controll per regstrare, relatvamente a soggett nteressat, la stora occupazonale e resdenzale, le eventual patologe pregresse e famlar e l eventuale esposzone a fattor d confondmento. L attvtà ha comportato pù sottofas. 4.1 Indvduazone de parent (attvtà svolta da ARPAM) L ndvduazone de parent de soggett arruolat nello studo è stata realzzata utlzzando molteplc font: selezone dalle anagraf comunal de famlar degl arruolat tramte codc famlar descrtt nel paragrafo 2.1; rcerca manuale de recapt telefonc e delle resdenze attraverso gl elench telefonc; rcerca personale n loco d nformazon per consentre un contatto dretto con famlar de soggett n studo non rntraccat. Per aumentare l adesone all Indagne sono state avvate nzatve d dvulgazone ed nformazone attraverso comuncat stampa, ntervste televsve e partecpazone a pubblc event e attraverso l convolgmento de medc d medcna generale, de parroc, e de comtat cttadn. Per l ndvduazone de famlar de cas e de controll, da sottoporre ad ntervsta dretta, sono stat contattat con prortà soggett con l grado d parentela pù prossmo (conuge, fgl). Nell eventualtà d un ndsponbltà del soggetto, s è proceduto al contatto personale con famlar d pù lontano grado d parentela (fratell, npot). La selezone degl ntervstand è stata effettuata da ARPAM n ceco; non era qund nota la composzone de set caso-controll. 4.2 Contatto con gl ntervstat (attvtà svolta da ARPAM) Indvduato l parente da ntervstare è stata effettuata una prma telefonata al famlare per fornre ndcazon prelmnar sull Indagne e per preannuncare l nvo presso la sua resdenza d una busta contenente l seguente materale: lettera llustratva e brochure contenent le fnaltà dello studo, la modaltà d raccolta dat e rferment per rcevere ulteror nformazon e charment; nformatva sulla raccolta e trattamento de dat personal/sensbl n ottemperanza alla legge sulla prvacy (D. Lgs. 196/03); lettera per l consenso al trattamento de dat personal/sensbl da rtrare, frmata, n occasone dell ntervsta; lettera d presentazone e sollecto alla partecpazone allo studo a frma de sndac; 6

8 questonaro con le domande da porre all ntervstato. La dsponbltà all ntervsta è stata ottenuta medante una successva telefonata al famlare dell arruolato per fssare l appuntamento c/o la sua abtazone o presso sed alternatve rese dsponbl da sndac, parroc, forze dell ordne, per effettuare la sommnstrazone del questonaro. 4.3 Questonaro e ntervste (attvtà svolta da ARPAM) Utlzzando come base un ampo questonaro gà valdato e utlzzato n analogh stud precedent è stato predsposto un questonaro (sottonseme nformatvo del precedente) volto alla raccolta d nformazon su cas e controll relatvamente a: dat anagrafc/stato cvle/grado d struzone; esposzone al fumo; patologe ndvdual pregresse; patologe famlar; esposzon professonal; stora resdenzale ne 40 ann antecedent l anno d rfermento. L nformazone relatvamente alla stora resdenzale ha rguardato: tpo d abtazone, tpo d rscaldamento, vcnanza dell abtazone a possbl font d nqunamento (elettrodott, stazon rado-base, dscarche, dstrbutor o depost carburant) e a strade nteressate a traffco auto vecolare. Le ntervste sono state effettuate da due ntervstator, preventvamente format, presso l domclo de famlar de soggett n studo o nelle sed alternatve precedentemente ndcate. 4.4 Adesone e soggett n anals (attvtà svolta da INT) De 531 (177 cas e 354 controll) soggett ndvduat dalla procedura d appaamento caso-controllo come soggett n studo, 493 (l 93%) sono stat rntraccat (165 cas e 328 controll). Tra loro hanno accettato d rspondere all ntervsta famlar d 346 (95 cas e 251 controll) (da qu, soggett n anals). Sulla base dell adesone raggunta, l attrbuzone dell esposzone resdenzale cumulata ad ogn soggetto (calcolable dalla stora abtatva fornta nel questonaro) è stata possble per l 70% de soggett rntraccat ovvero per l 65% del totale de soggett n studo. Sulla base dell unca nformazone dsponble per tutt soggett rntraccat, rspondent e non rspondent, ovvero la resdenza al 2005 o l ultma resdenza per decedut (non la stora resdenzale, come sarebbe necessaro), è stato calcolato che cas con resdenza dstante dalla raffnera meno d 2 km rsultano sovra-rappresentat tra soggett n anals per crca l 10%, 7

9 mentre controll con resdenza dstante pù d 2 km dalla Raffnera rsultano sotto-rappresentat del 10% crca, con possbltà d sovrastmare l rscho d morte del 20% crca [5]. Maggor nformazon sull anals relatva alla stma dell errore d non rspondenza sono dsponbl nell Annesso 3 - Relazone su soggett non rspondent; l anals d cu alla relazone n Annesso 3 è stata condotta prma che altr due controll oltre quell consderat dessero la loro dsponbltà all ntervsta. De 251 controll con ntervsta, solo 166 sono quell appaat ad uno de 95 cas rspondent e non tutt 95 set sono complet: 71 set sono compost da 1 caso e 2 controll, e 24 set sono compost da 1 caso e 1 controllo. Qund soggett utlzzabl per l anals statstca sono crca l 50% de 531 nzalmente ndvduat. 8

10 5. ESPOSIZIONE INDIVIDUALE 5.1 Msurazone dell esposzone resdenzale ndvduale (attvtà svolta da ARPAM) La msurazone dell esposzone ndvduale è stata effettuata per fas: 1. ndvduazone del centrode dell area dello stablmento API medante software GIS Mapnfo Pro v. 8 e calcolo sul polgono dell area; 2. rlevazone manuale delle coordnate geografche medante GPS (Global Postonng System) d tutte le resdenze abtate da cas e da controll ne 40 ann precedent la data d rfermento ne comun d Falconara Marttma, Montemarcano e Charavalle; 3. msurazone delle dstanze d tutte le resdenze (rlevate n fase 2) dal centrode della Raffnera. Per tutte le resdenze che non sono state rntraccate (perché l ntervstato non rcordava l numero cvco della resdenza del famlare o per l mpossbltà d rntraccare l abtazone per effettuare la georeferenzazone) s è provveduto a loro georeferenzazone medante software per la rcerca automatca delle coordnate geografche (CSH Geolocate). 5.2 Raccolta ad-hoc su eventual ulteror confondent (attvtà n corso da parte d ARPAM) Per eventual futur approfondment dell attuale Indagne è stata preventvata una raccolta ad hoc su possbl confondent present nell area d studo relatvamente a: dstrbutor e depost d carburante; aree destnate al trattamento e/o stoccaggo d rfut urban o percolos; emttent CEM RF, stazon rado base per la telefona moble e per le trasmsson radotelevsve; lnee elettrche ad alta tensone; sorgent ndustral CEM ELF rlevant per ntenstà d emssone e collocazone n prossmtà d aree resdenzal. 9

11 6. ANALISI STATISTICA (attvtà svolta da INT) L anals è stata ndrzzata a valutare l assocazone tra rscho d morte per tumore del sstema emolnfopoetco ed esposzone resdenzale legata alla presenza della raffnera API. Per la valutazone del rscho s è proceduto alla produzone d stme degl odds rato (OR) d esposzone (e de relatv ntervall d confdenza al 95%) medante l applcazone d modell d regressone logstca condzonata che ncludono la varable d esposzone e potenzal confondent (varabl d appaamento: età e sesso). L Annesso 4 Programma d anals statstca -, presenta metod d calcolo dell esposzone resdenzale - utlzzat n analogh stud, e motva le scelte d stratega d anals operate nella presente Indagne: l obettvo della stratega utlzzata attraverso l calcolo della stora resdenzale cumulata è d acqusre la maggor nformazone dsponble per ogn soggetto n anals, cò all nterno d una fnestra temporale che s assume adeguata a mnor temp d latenza tra esposzone e occorrenza d tumor del sstema emolnfopoetco (s è qund assunto che cas decedut nel perodo sano stat potetcamente determnat da 20 ann precedent l anno d rfermento con esclusone degl ultm 5 ann, assunt come dstanza meda tra occorrenza della malatta e decesso a causa della malatta. L Annesso 5 Calcolo dell esposzone resdenzale cumulata (e dell esposzone occupazonale cumulata), descrve n dettaglo come è stato rcostruto per ogn soggetto l perodo d 15 ann, assunto come perodo d esposzone. Per ogn soggetto n anals l esposzone resdenzale cumulata è stata calcolata come meda pesata dell nverso delle dstanze abtazone-raffnera (msurate attraverso georeferenzazone) relatvamente alle case abtate nel perodo d esposzone (15 ann), dove l peso attrbuto ad ogn abtazone è par al numero d ann lì vssut, durante l perodo d esposzone. Caratterstche delle abtazon (zona urbana, abtazone a pano terra, rscaldamento a legna/carbone, coabtant fumator, camp coltvat con ftofarmac, traffco a meno d 100 metr) e presenza d strutture esponent a meno d 200 m (dstrbutor d carburante, tralcc per lnee elettrche, central elettrche, antenne CEM, ndustre tessl/calzaturere, ndustre metalmeccanche, lavandere, dscarche, cave/mnere) sono state consderate potenzal confondent ed è stato calcolato un ndcatore-punteggo par alla frazone temporale del corrspondente perodo d esposzone. Per ogn soggetto n anals è stata rcostruta la stora lavoratva all nterno del perodo d esposzone; è stato qund calcolato un punteggo d rscho occupazonale par alla frazone del perodo d esposzone con occupazon a rscho d tumor del sstema emolnfopoetco secondo 10

12 due dvers metod: la matrce professone-esposzone MATlne [6] e la matrce OCCAM [7]. La condzone d fumatore o ex-fumatore o non fumatore al termne del perodo d esposzone è stata dervata dalle nformazon relatve fornte da questonar, dove erano anche rportate le eventual età d nzo e d fne esposzone a tabacco. Infne l grado d struzone, quale prox d status socale, e lo stato cvle sono stat consderat n anals come potenzal confondent. Nelle anals, ndpendent, relatve alle donne e agl uomn, la scelta delle covarate da ntrodurre ne modell d regressone ha tenuto conto non solo dell effetto sulla stma de parametr ma anche della necesstà d lmtarne l numero così da adeguarlo al numero de set rspettvamente analzzabl [8]. 6.1 Potenza dello studo Novantatre tra 95 set n studo dsponevano dell nformazone relatva all esposzone resdenzale cumulata per almeno 1 caso ed 1 controllo appaato. Assumendo una prevalenza d esposzone ne controll par a 0.33 (III terzle del punteggo d esposzone), l mnmo OR rlevable con potenza 1 - β = 0.80 ed errore d prmo tpo α = 0.05 n test ad una coda - consderando anche che non tutt set sono compost d 1 caso e 2 controll - rsulta compreso tra 1.91 e Nel masch, 49 set erano dsponbl per l anals logstca condzonata, assocat ad un OR compreso tra 2.43 e 2.78, nelle donne set erano 44 per un OR compreso tra 2.55 e 2.94 [9]. Le anals sono state esegute medante utlzzo d software STATA, versone 9.0 (Stata Corporaton, College Staton, TX, USA, 2005). 11

13 7. RISULTATI 7.1 Caratterstche de soggett, delle loro abtazon e rscho occupazonale Le caratterstche de soggett analzzat, 95 cas e 166 controll appaat, e la loro assocazone con lo status caso controllo sono presentate n Tabella 2. I cas hanno un età meda d 74.2 ± 14.1 ann; per controll la meda appaata (valore medo delle mede entro set) è d 74.2 ± 13.8 ann. Tabella 2. Caratterstche de soggett n studo Cas Controll N % N % OR a IC 95% Età b Sesso b Masch Femmne Istruzone Nessuna lc. meda nferore lcenza meda superore Stato cvle Non conugato Conugato c Fumo Non fumatore Ex fumatore Fumatore Intenstà d fumo d I terzle: II terzle: >0, III terzle: > Gentor/fratell/sorelle con tumore del sstema emolnfopoetco No Sì a OR stmato con regressone logstca condzonata, varabl d appaamento: eta e sesso. b Varable d appaamento. c Non conugato: celbe/nuble, separato/dvorzato, o vedovo. d Intenstà d fumo = ann d fumo x Ln(meda gornalera d sgarette); terzl calcolat sulla dstrbuzone de controll. 12

14 Alla fne del perodo d esposzone, la frequenza d non fumator, è smle tra cas e controll (54% e 56 % rspettvamente); gl ex-fumator sono nvece d poco pù frequent ne cas che ne controll (31% vs. 26%), mentre fumator sono smlmente dstrbut. Rspetto a non fumator, l OR d essere caso è 1.68 (IC 95%: ) e 1.24 (IC 95%: ), rspettvamente per l secondo e l terzo terzle della dstrbuzone dell ndcatore ntenstà d fumo (calcolato come ann d fumo moltplcato LN(meda gornalera d sgarette)) (p trend = 0.638). I soggett con famlar (gentor o fratell/sorelle) che hanno avuto un tumore del sstema emolnfopoetco sono sgnfcatvamente pù frequent ne cas che ne controll, OR = 3.81 (IC 95%: ). Tuttava questa varable non può essere consderata un potenzale confondente perchè, anche qualora essa rsultasse assocata all esposzone resdenzale cumulatva, l tumore nsorto ne famlar potrebbe esso stesso dpendere dall esposzone resdenzale: l suo sgnfcato dovrebbe essere ulterormente ndagato n una successva ndagne. Le Tabelle 3 e 4 presentano la dstrbuzone d frequenza, ne cas e ne controll, degl ann trascors n abtazon con caratterstche assocabl a fattor d rscho per l nsorgenza d tumor del sstema emlnfopoetco, o poste nelle vcnanze d strutture a rscho. La tabella 5 mostra l assocazone tra lo status caso/controllo e la frazone del perodo d esposzone vssuta n abtazon con caratterstche a rscho; l OR n questo caso stma l rapporto tra gl odds d essere caso per ncremento untaro della frazone d perodo. Consderato che alcune caratterstche e strutture a rscho sono rsultate scarsamente present nel terrtoro ndagato, l anals s è concentrata solo su quelle varabl che presentavano una numerostà suffcente per produrre stme attendbl. I controll, pù frequentemente de cas, non hanno avuto coabtant fumator per tutto l perodo d esposzone (49% vs. 42%, Tabella 3), vceversa cas, pù frequentemente de controll, hanno coabtato per pù d 10 ann con fumator (52% vs. 46%, Tabella 3); l OR d essere caso per ncremento untaro della frazone del perodo d esposzone a fumo passvo è 1.37 (IC 95%: , p = 0.233) (Tabella 5). I cas che non hanno ma abtato ne press d un dstrbutore d benzna sono 53% contro 64% de controll (Tabella 4); l OR per aumento untaro d frazone d perodo esposta è 1.44 (IC 95%: , p = 0.190). I cas sono pù frequent de controll nella categora che non ha ma abtato vcno a central elettrche (73% vs. 66%, Tabella 4) e meno frequent nella categora che ha abtato pù d 10 ann vcno a central (19% vs. 29%, Tabella 4) o vcno ad antenne CEM (13% vs. 20%, Tabella 4); gl OR d esposzone rsultano 0.66 (IC 95%: , p = 0.210) per l esposzone ad central elettrche e 0.51 (IC 95%: , p = 0.226) per l esposzone ad antenne CEM. 13

15 Tabella 3. Caratterstche delle case abtate nel perodo d esposzone Caratterstche dell abtazone Cas Controll ann N % N % Zona urbana Unfamlare Pano terra Coabtant fumator Rscaldamento autonomo a legna o carbone Aree coltvate ne press Regolare uso d ftofarmac a Traffco a meno d 100 m a Fungcd, pestcd, nsettcd o erbcd. 14

16 Tabella 4. Strutture present a meno d 200 metr dalle case abtate nel perodo d esposzone Cas Controll Ann N % N % Deposto d carburante Dstrbutore d carburante Antenne CEM Tralcc ELF Centrale elettrca Industra tessle o calzature Industra metalmeccanca Carrozzera Lavandera Raffnera d petrolo Dscarca Cava o mnera

17 Tabella 5. Assocazone tra status caso o controllo e frazone d perodo vssuta n abtazon con caratterstche a rscho: odds rato (OR) e ntervallo d confdenza al 95% (IC 95%) Caratterstche abtazone Set a OR b IC 95% p trend c Zona urbana Unfamlare Pano terra Coabtant fumator Aree coltvate ne press Traffco a meno d 100 m Strutture a meno d 200 m Dstrbutore carburante Antenne CEM Tralcc ELF Centrale elettrca Carrozzera Lavendere a Numero d set con nformazone sulla caratterstca. b Odds rato assocato ad un ncremento untaro della frazone d perodo trascorsa n case con caratterstche a rscho o nelle vcnanze d strutture a rscho; OR stmato con regressone logstca condzonata. c Lkelhood-rato test. La Tabella 6 rporta la frequenza de cas e de controll n categore d ann d lavoro n occupazon a rscho, secondo metod DORS e OCCAM; la Tabella 7 mostra l assocazone con lo status caso/controllo. La percentuale d soggett che nel perodo d esposzone non ha svolto alcuna occupazone a rscho è leggermente pù alta secondo l metodo DORS (86% de cas e 85% de controll, Tabella 6) che secondo l metodo OCCAM (79% de cas e 79% de controll, Tabella 6), tuttava per entramb metod non v sono dfferenze tra cas e controll e l OR d esposzone non è sgnfcatvamente dverso da 1 (Tabella 7). Tabella 6. Numero d ann lavoratv con occupazon a rscho per l nsorgenza d tumor del sstema emolnfopoetco Cas Controll ann N % N % Esposzone occupazonale (metodo DORS) Esposzone occupazonale (metodo OCCAM)

18 Tabella 7. Assocazone tra status caso/controllo e frazone d perodo caratterzzata da occupazon a rscho: odds rato (OR) e ntervallo d confdenza al 95% (IC 95%) Set a OR b IC 95% p c Esposzone professonale (metodo DORS) Esposzone professonale (metodo OCCAM) a Numero d set con nformazone sulla caratterstca. b Odds rato assocato ad un ncremento untaro della frazone d perodo con occupazon a rscho; OR stmato con regressone logstca condzonata. c Lkelhood-rato test Nell nseme d tutt soggett n anals (uomn e donne), l anals unvarata relatva alle caratterstche personal e delle case abtate nel perodo d esposzone e delle occupazon svolte nel perodo d esposzone non evdenza sgnfcatve dfferenze tra cas e controll. Tuttava alcune debol assocazon sono emerse relatvamente a esposzone a fumo attvo, a fumo passvo e a dstrbutor d benzna che sono pù present tra cas che tra controll, mentre l esposzone a central elettrche e ad antenne CEM è pù presente tra controll che tra cas. Analzzando separatamente uomn e donne alcune assocazon dvengono pù marcate. Negl uomn, l OR per fumo attvo (fumatore/ex-fumatore vs. non fumatore alla fne del perodo d esposzone) rsulta par a 1.92 (95% IC: ). Nelle donne, l OR per fumo passvo (coabtant fumator vs. nessun coabtante fumatore nel perodo d esposzone) rsulta par a 2.25 (IC 95%: ) e l OR per vcnanza ad antenne (almeno 1 abtazone vs. nessuna abtazone a meno d 200 m nel perodo d esposzone) rsulta par a 0.30 (IC 95%: ). La varable che consdera gl ann trascors n abtazon vcne ad antenne CEM può essere scarsamente attendble. Dato che le antenne CEM sono generalmente d recente nstallazone e non esattamente rferbl al perodo d esposzone, soggett potrebbero essere mal classfcat rspetto all esposzone a camp elettromagnetc. In ogn caso, quando ntrodotta ne modell d regressone tale varable non modfcava le stme degl OR. 17

19 7.2 Odds rato (OR) d esposzone resdenzale Nel presente paragrafo sono presentat rsultat relatv alla stma dell eventuale eccesso d rscho d morte per tumore emolnfopoetco msurato attraverso lo studo della varable esposzone resdenzale cumulatva. Come stma del rscho relatvo, vengono presentat gl OR grezz e corrett per le varabl che tra tutt potenzal confondent analzzat hanno mostrato un qualche effetto sulla stma dell OR. Nell nseme d tutt soggett n anals (uomn e donne) s osserva un modesto aumento non statstcamente sgnfcatvo d mortaltà per tumore del sstema emolnfopoetco all aumentare dell esposzone resdenzale cumulata (Tabella 8). Gl OR grezz per terzle d esposzone cumulata sono: 1, 1.03, (IC 95%: ) e 1.14 (IC 95%: ) (p trend = 0.683) (Tabella 8). Controllando per fumo attvo, fumo passvo, vcnanza a dstrbutor d carburante e vcnanza a central elettrche gl OR rsultano 1, 0.97 (IC 95% ) e 1.25 (IC 95% ) (p trend = 0.525) (Tabella 8); ncludere le varabl d rscho occupazonale, calcolato sa con metodo DORS che OCCAM, non modfca la stma degl OR. Per le donne, all aumentare dell esposzone resdenzale cumulata, rsulta un pù marcato aumento d mortaltà non statstcamente sgnfcatvo; gl OR grezz per terzle d esposzone resdenzale cumulata sono: 1, 1.32 (IC 95%: ) e 1.25 (IC 95%: ) (p trend = 0.624) (Tabella 9). Controllando per fumo attvo, fumo passvo, vcnanza a dstrbutor d carburante, vcnanza a central elettrche e rscho occupazonale (metodo DORS), gl OR dvengono: 1, 2.06 (IC 95%: ) e 1.87 (IC 95%: ) (p trend = 0.277) (Tabella 9). S raggunge la sgnfcatvtà statstca controllando anche per la vcnanza a tralcc (almeno 1 abtazone vs. nessuna abtazone a meno d 200 metr nel perodo d esposzone); nel sottogruppo delle 105 donne (40 cas e 65 controll appaat) con tutte le nformazon per questa anals, gl OR grezz sono: 1, 1.68 (IC 95%: ) e 1.40 (IC 95%: ) (p trend = 0.469); gl OR controllat per fumo attvo, fumo passvo, vcnanza a dstrbutor d carburante, vcnanza a central elettrche, rscho occupazonale (metodo DORS) e vcnanza a tralcc rsultano: 1, 3.32 (IC 95%: ) e 2.44 (IC 95%: ) (p trend = 0.114). Negl uomn non s evdenza nessun effetto (Tabella 10); gl OR grezz, per terzle d esposzone cumulata, sono: 1, 0.77 (IC 95%: ) e 0.99 (IC 95%: ) (p trend = 1.000) (Tabella 10); nessuno de potenzal confondent, fumo, rscho occupazonale, caratterstche delle abtazon modfca sostanzalmente le stme OR grezze. 18

20 Tabella 8. Odds rato d tumore del sstema emolnfopoetco per terzl d esposzone resdenzale cumulata. Uomn e donne. Anals basata su 89 cas e 149 controll appaat Terzl d esposzone resdenzale cumulata I II III P trend * OR grezzo ( ) 1.14 ( ) OR controllato per Dstrbutor carburante, Central ( ) 1.26 ( ) elettrche OR controllato per Fumo attvo, Fumo passvo ( ) 1.11 ( ) OR controllato per Fumo attvo, Fumo passvo, Centr ( ) 1.25 ( ) el., Dstr. carb. * Log lkelhood rato test. Fumo attvo: status d fumatore o ex-fumatore vs. non fumatore alla fne del perodo d esposzone. Fumo passvo: frazone del perodo d esposzone trascorsa con coabtant fumator. Frazone del perodo d esposzone trascorsa n abtazon a meno d 200 m da dstrbutor d carburante. Frazone del perodo d esposzone trascorsa n abtazon a meno d 200 m da central elettrche. Tabella 9. Odds rato d tumore del sstema emolnfopoetco per terzl d esposzone resdenzale cumulata. Donne. Anals basata su 44 cas e 73 controll appaat. Terzl d esposzone resdenzale cumulata I II III p trend * OR grezzo ( ) 1.25 ( ) OR controllato per Fumo attvo, Fumo passvo ( ) 1.34 ( ) OR controllato per Dstrbutor carburante, Central elettrche ( ) 1.42 ( ) OR controllato per Fumo attvo, Fumo passvo, Centr. el., ( ) 1.84 ( ) Dstr. carb. OR controllato per Fumo attvo, Fumo passvo, Centr. el., Dstr. carb., Rscho ( ) 1.87 ( ) occupazonale (metodo DORS) * Log lkelhood rato test. Fumo attvo: status d fumatore o ex-fumatore vs. non fumatore alla fne del perodo d esposzone. Fumo passvo: almeno 1 abtazone vs. nessuna abtazone con presenza d fumator nel perodo d esposzone. Dstrbutor d carburante: almeno 1 abtazone vs. nessuna abtazone a meno d 200 metr dalla struttura nel perodo d esposzone. Centrale elettrca: almeno 1 abtazone vs. nessuna abtazone a meno d 200 metr dalla struttura nel perodo d esposzone. Rscho occupazonale metodo DORS: almeno 1 occupazone a rscho vs. nessuna occupazone a rscho d tumore del sstema emolnfopoetco secondo l metodo DORS. 19

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel Zuccarello Francesco Laboratoro d Fsca II Msura della dstanza focale d una lente convergente Metodo d Bessel A.A. 003-004 Indce Introduzone..pag. 3 Presuppost Teorc.pag. 4 Anals de dat.pag. 8. Modo d operare...pag.

Dettagli

5. Il lavoro di un gas perfetto

5. Il lavoro di un gas perfetto 5. Il lavoro d un gas perfetto ome s esprme l energa nterna d un gas perfetto? Un gas perfetto è l sstema pù semplce che possamo mmagnare: le nterazon a dstanza fra le molecole sono così debol da essere

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/9/2) ECONOMIA E POLITICA DEL SETTORE ITTICO 1.INTRODUZIONE. LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE (una applcazone ad un contesto

Dettagli

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile Agenza Nazonale per le Nuove Tecnologe, l Energa e lo Svluppo Economco Sostenble RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Ottmzzazone termofludodnamca e dmensonamento d uno scambatore d calore n controcorrente con

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso 2010 Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso seconda edzone rveduta e corretta 2010 PRESENTAZIONE L amca e brava Nada Garbelln, autrce d questa bella e semplce

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI UT D MPEGO DE DOD addrzzare ad na seonda. l crcto pù seplce, che pega l dodo coe raddrzzatore d na tensone alternata, è rappresentato n Fg.. n esso n generatore deale d tensone alternata l c valore stantaneo

Dettagli

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto , PREFAZIONE d Guseppe Berto RICORDO DEL TERRAGLIO Quand'ero govane, e la vogla d grare l mondo m spngeva n terre lontane, a ch m chedeva notze del mo paese, rspondevo: l mo paese è una strada. In effett,

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma.

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma. D: 382320 MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 CRCOLARE N. 21 Roma.._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ DPARTMENTO DELLA RAGONERA GENERALE DELLO STATO SPETTORATO GENERALE PER GL ORDNAMENT DEL PERSONALE UFFCO V

Dettagli

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI Fltraggo d un segnale EABORAZIOE DI SEGAI E IAGII. Bertero P. Boccacc bertero@ds.unge.t boccacc@ds.unge.t Al ne d glorare la qualtà d un segnale dgtale una tecnca d prara portanza è l ltraggo. Con l quale

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

IIIEGIOEE S1(ìrL1.fiNA IL DIRIGENTE GENERALE

IIIEGIOEE S1(ìrL1.fiNA IL DIRIGENTE GENERALE REPBBLCA TALANA Doo. N, 7 gšfl- n.a.r. [../', 1- EGOEE S1(ìrL1.fiNA AS SES SORATO REGONALE DEl..L.'ENERGA E DE SERVZ D PUBBLCA UTLTÀ DPARTMENTO REGONALE DE.,'ACQUA E DE RFUT ui', L DRGENTE GENERALE VSTO

Dettagli

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA LA SCUREZZA NON VA VSTA COME UN MPEDMENTO A SVOLGERE LA PROPRA ATTVTA, MA DVENTA PARTE NTEGRANTE DELL ATTVTA STESSA Dott.ssa Benedetta Persechino - SPESL - DML 1895 SCOPERTA DE RAGG X RADOATTVTA PROPRETA

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI Corrispettivi delle attività di progettazione e delle altre attività ai sensi dell articolo 17, comma 14 bis, della legge 11 febbraio 1994 n.109 e successive modifiche. l MNSTRO DELLA GUSTZA di concerto

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m w w w. a x o t a l a. c o m SISSIWEB AXIOS SIDI INVIO SMS INVIO EMAIL ACQUISIZIONE ASSENZE - DA SCANNER - DA PALMARE C/C POSTALE E BANCARIO DICHIARAZIONE DEI SERVIZI GESTIONE ORARIA DEL PERSONALE PRIVACY

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

Contratto di Assicurazione Multirischi. Eura Salute Di più

Contratto di Assicurazione Multirischi. Eura Salute Di più Fascicolo nformativo Europ Assistance talia S.p.A. Contratto di Assicurazione Multirischi Eura Salute Di più l presente Fascicolo nformativo, contenente: - Nota nformativa, comprensiva del glossario; -

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset 8a resentazone della lezone 8 /6 Obettv come s tene conto della lmtazone d ampezza e d veloctà come s tene conto della lmtazone d reqenza come s tene conto degl oset 8a saper preved. col calcolo l nlenza

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

STATISTICA Lezioni ed esercizi

STATISTICA Lezioni ed esercizi Uverstà d Toro QUADERNI DIDATTICI del Dpartmeto d Matematca MARIA GARETTO STATISTICA Lezo ed esercz Corso d Laurea Botecologe A.A. / Quadero # Novembre M. Garetto - Statstca Prefazoe I questo quadero

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE. Bollettino 2013

FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE. Bollettino 2013 ASSESSORATO TUTELA DELLA SALUTE E SANITA' FATTI E CIFRE SUL FUMO DI TABACCO IN PIEMONTE Bollettino 2013 Informazioni derivate da: ISTAT SDO Schede ministeriali tossicodipendenze ESPAD, PASSI FATTI E CIFRE

Dettagli

39100 Bolzano/Bozen Viale Druso/Drususallee 289 Nr.Str./Cod.fisc.: 80002160218

39100 Bolzano/Bozen Viale Druso/Drususallee 289 Nr.Str./Cod.fisc.: 80002160218 REPUBBLICA ITALIANA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Isttuto Comprensvo d scuola prmara e secondara d prmo grado n lngua talana BOLZANO II DON BOSCO REPUBLIK ITALIEN AUTONOME PROVINZ BOZEN SUDTIROL

Dettagli

Dental Buyer Club - Corso Milano 23, 20090 Monza (MB) info@dentalbuyerclub.com - IVA 08937120965 PRIVACY POLICY

Dental Buyer Club - Corso Milano 23, 20090 Monza (MB) info@dentalbuyerclub.com - IVA 08937120965 PRIVACY POLICY PRIVACY POLICY Dental Buyer Club S.r.l. rispeta la privacy dei suoi visitatori. La salvaguardia della riservatezza dei dat personali dei nostri client e delle persone con le quali entriamo in contato è

Dettagli

Guida Rapida. Guida Rapida. Telefoni. Progetto. Collegati ai sistemi Progetto. PROMELIT Meglio comunicare meglio.

Guida Rapida. Guida Rapida. Telefoni. Progetto. Collegati ai sistemi Progetto. PROMELIT Meglio comunicare meglio. Guida Rapida Guida Rapida Progetto Telefoni N e x t Collegati ai sistemi Progetto 35 PROMELT Meglio comunicare meglio. Telefoni PROGETTO NEXT Telefono ntercomunicante PROGETTO NEXT l Vs. apparecchio ha

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23 Untà Invlupp d vl secnd le nrme F.A.R. 3.1 Il dgrmm d mnvr Cn rferment qunt rprtt nel prgrf 1.4 dell precedente Untà s può scrvere: n f z L 1 ρscl 1 ρs CL v ( cs t) C v L uest sgnfc che per un dt qut (ρ)

Dettagli

Roma, 13 dicembre 2011 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni Dirigenti dei Servizi Demografici dei Comuni Dirigenti degli Uffici di Statistica dei Comuni

Roma, 13 dicembre 2011 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni Dirigenti dei Servizi Demografici dei Comuni Dirigenti degli Uffici di Statistica dei Comuni Dipartimento per i censimenti e gli archivi amministrativi e statistici Dipartimento per le statistiche sociali ed ambientali Direzione centrale delle statistiche socio-demografiche e ambientali Circolare

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

NUTRIRE IL MONDO, TUTELARE LA QUALITÀ

NUTRIRE IL MONDO, TUTELARE LA QUALITÀ TÀ E I R EE P L O PR TUA RE: A T LE ENT ggo L e TE M IN ALI un v gn e m on O d R m z AG ppe me, ov lno t no nn t e r e bo t f r lc e d pp T m Pr E, R I DO R T N U N MO RE À A T I L L I TE AL e v t t U

Dettagli

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN

Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Proposta di un set di indicatori per valutare i risultati del PAN Alessandra Galosi - Stefano Lucci Luca Segazzi ISPRA Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale 1.Premessa 2. L attività

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

5 Impianti televisivi quadro riassuntivo

5 Impianti televisivi quadro riassuntivo 5 Impianti televisivi quadro riassuntivo EMITTENTE OBIETTIVI PROPOST E STATO TELENORBA TELEPUGLIA TELEDUE Trasferimento in sito fuori del centro abitato Rimozione antenne radianti non attiv e con conseguente

Dettagli

MAMME LIBERE DAL FUMO

MAMME LIBERE DAL FUMO MAMME LIBERE DAL FUMO Il razionale Il fumo di tabacco è un problema di sanità pubblica rilevante per la donna, per la mamma, per il bambino; esistono evidenze scientifiche di azioni preventive efficaci;

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna

Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna Corso di formazione Servizio sanitario regionale Regione Emilia romagna AGGIORNAMENTI SUL CONTROLLO IGIENICO-SANITARIO DELL APICOLTURA Brisighella (RA) 13 settembre 2013 Evoluzione del controllo dell apicoltura

Dettagli

Radiazioni non ionizzanti

Radiazioni non ionizzanti 12. Da sempre sulla Terra è presente un fondo naturale di radiazione elettromagnetica non ionizzante dovuto ad emissioni del sole, della Terra stessa e dell atmosfera. Il progresso tecnologico ha aggiunto

Dettagli

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 Dott. Giuseppe Pandolfo 30 Settembre 2013 Popolazione statistica: insieme degli elementi oggetto dell indagine statistica. Unità statistica: ogni elemento della popolazione

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

SISTEM Studio Italiano su Suscettibilità Individuale, Temperatura e Mortalità TEMPERATURE ESTIVE ELEVATE, VULNERABILITÀ INDIVIDUALE E MORTALITÀ

SISTEM Studio Italiano su Suscettibilità Individuale, Temperatura e Mortalità TEMPERATURE ESTIVE ELEVATE, VULNERABILITÀ INDIVIDUALE E MORTALITÀ 30 giugno 2005 SISTEM Studio Italiano su Suscettibilità Individuale, Temperatura e Mortalità TEMPERATURE ESTIVE ELEVATE, VULNERABILITÀ INDIVIDUALE E MORTALITÀ STUDIO CASE-CROSSOVER IN QUATTRO CITTÀ ITALIANE,

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Il Mobile Significante 2015 XII edizione

Il Mobile Significante 2015 XII edizione Internazionale Fondazione Aldo Morelato sull arte applicata nel mobile. Il Mobile Significante XII edizione I Luoghi del relax 2.0 oggetti d arredo per il relax domestico Art. 1 Tema del concorso Lo spazio

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

S.In.A.T.Ra. S.orveglianza In.quinamento A.tmosferico T.erritorio di Ra.venna LP3. Giuliano Silvi, Cristina Raineri, Valeria Frassineti

S.In.A.T.Ra. S.orveglianza In.quinamento A.tmosferico T.erritorio di Ra.venna LP3. Giuliano Silvi, Cristina Raineri, Valeria Frassineti Direzione Gen. Sanità e Politiche Sociali Servizio Sanità Pubblica Dipartimento di Sanità Pubblica - Ravenna Provincia di Ravenna Comune di Ravenna S.In.A.T.Ra. S.orveglianza In.quinamento A.tmosferico

Dettagli

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ A) ASPETTI GENERALI SU CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD na Carta di Credito TOP senza uguali sul mercato. Per gli Associati che non vorranno o non potranno avere

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

Metodologia e Ricerca clinica Il Giornale di AMD 2013;16:377-383

Metodologia e Ricerca clinica Il Giornale di AMD 2013;16:377-383 Come pianificare uno studio clinico MD il giornale di Rivista Rivista dell Associazione Medici Diabetologi PERIODICO DI APPROFONDIMENTO SCIENTIFICO, FORMAZIONE, MODELLI ASSISTENZIALI S. De Riu 1, M.L.

Dettagli

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale

È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale Cos è un piano urbanistico? È un insieme di documenti disegnati e scritti che contengono gli indirizzi per le trasformazioni territoriali in un determinato contesto territoriale È uno strumento prima di

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli